Emanuele Serrelli - Sui confini della formazione scientifica

  • 372 views
Uploaded on

"Sui confini della formazione scientifica" …

"Sui confini della formazione scientifica"
Intervento al "cantiere formazione"
Fondazione Don Gnocchi, Milano
30 aprile 2009

http://www.epistemologia.eu/Epistemologia/Events/Voci/2009/4/30_Boundaries_of_Scientific_Education.html

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
372
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Sui confini della formazione scientifica Dr. Emanuele SERRELLI Università degli Studi di Milano Bicocca [email_address] www.epistemologia.eu
  • 2. Cosa contraddistingue la formazione scientifica?
    • Il problema è strettamente collegato a “cosa contraddistingue la scienza?”
    SCIENCE NOT-SCIENCE
  • 3. Cosa contraddistingue la formazione scientifica?
    • La medicina è scienza?
    SCIENCE MEDICINE
  • 4. Karl Popper (1902-1994) sul criterio di demarcazione
    • La caratteristica distintiva (v/s pseudoscienza) di una teoria scientifica è la FALSIFICABILITA’
    • MA ci sono moltissimi controesempi:
      • L’orbita eccentrica di Urano  Nettuno (Adams e Leverrier 1846)
      • La ricostruzione storica in biologia evoluzionistica
      • La ricerca clinica in medicina
    •  La scienza NON funziona così!
  • 5. Criterio di demarcazione
      • «Is it actually possible to find some common feature shared by all the things we call ‘science’, and not shared by anything else ?
      • […] After all, science is a heterogeneous activity, encompassing a wide range of different disciplines and theories. It may be that they share some fixed set of features that define what is to be a science, but it may not.
      • […] If so, a simple criterion for demarcating science from pseudo-science is unlikely to be found» (Samir Okasha, 2002, pp. 16-17).
  • 6. RISCHI?
  • 7. Il caso dell’ornitorinco antidarwiniano
  • 8. Il caso dell’ornitorinco antidarwiniano
  • 9. Il caso dell’ornitorinco antidarwiniano
  • 10. “ è di questi giorni la pubblicazione congiunta su Nature e su Genome Research …”
  • 11.  
  • 12.  
  • 13. Evoluzione umana e “iconografia della speranza”
  • 14. Ian Tattersall, 2009
  • 15.  
  • 16.  
  • 17.  
  • 18. A display of a series of skeletons showing the evolution of humans at the Peabody Museum, New Haven, Conn., circa 1935.
  • 19. Human evolution mural at Dover High School
  • 20.  
  • 21.  
  • 22.  
  • 23.  
  • 24.  
  • 25. 400-365 milioni di anni fa… Henry Gee, Tempo profondo , Einaudi. The Simpsons
  • 26. EFFEDIEFFE giornale on-line (http://www.effedieffe.com)
  • 27.  
  • 28.  
  • 29.  
  • 30.  
  • 31.  
  • 32. “ At some stage in the past the waterways of Africa were, from the fishes’ point of view, accessibly interconnected” - P.H. Greenwood (1983)
  • 33.  
  • 34.  
  • 35.  
  • 36. Haplochromis (Ptyochromis) sp. “Salmon Hippo point” 3” $ 19.99 ea Ptyochromis sp. ‘Salmon’ Hippo point MS $ 9.00 ea
  • 37. Pundamilia nyererei Igombe XS $ 8.00 ea Igombe ML $ 49.00 pair Ruti Island S-MS $ 9.00 ea Haplochromis nyererei
  • 38.  
  • 39.  
  • 40.  
  • 41.  
  • 42.  
  • 43.  
  • 44.  
  • 45. ? Furu!
  • 46.  
  • 47. In genere i biologi molecolari sono facili da riconoscere: sono ben nutriti e si portano dietro una tanichetta di ossigeno liquido che custodiscono come un bambino […]. Immersi nell’ossigeno liquido, i tessuti animali si conservano per parecchi mesi per l’analisi del DNA. A noi i biologi molecolari chiedono quali specie sia meglio scegliere per definire un albero filogenetico, perché loro non sanno nemmeno che aspetto abbiano gli animali da analizzare. Questo mi stupisce ogni volta. Loro invece trovano strano che io non abbia la più pallida idea dell’aspetto dei geni […]. Dopo averci pensato, ordinano: otto esemplari di quello con le chiazze rosse, sette con il becco a pappagallo, dieci di quelli a tre denti, nove di quell’altro… Una volta riempita la tanichetta, se ne vanno, tornano nel mondo occidentale e in un laboratorio moderno tentano di determinare i rapporti di parentela tra le specie di cui hanno prelevato il DNA. (Tijs Goldschmidt, 1994, p. 52)
  • 48.  
  • 49.  
  • 50.  
  • 51.  
  • 52.  
  • 53.  
  • 54.  
  • 55.  
  • 56. Riferimenti bibliografici
    • Popper
    • Okasha
    • Cosmacini
    • Corbellini
    • Piattelli Palmarini
    • Bertorelle
    • AA.VV. Nature
    • AA.VV. Genome research
    • Tattersall e Eldredge
    • Pievani
    • Manzi
    • Wood
    • Mayr unicità
    • Gould, structure
    • Goldschmidt
    • Barlow
    • Serrelli L’ecologia
    • Serrelli in Saperi e sapori
    • Pievani Serrelli in EEO
  • 57. Sui confini della formazione scientifica Dr. Emanuele SERRELLI Università degli Studi di Milano Bicocca [email_address] www.epistemologia.eu