TOM&JERRY:
                                               DUE EROI AL
                                               TRAMO...
INDICE

•   Domanda
•   Obiettivo
•   Riferimenti teorici
•   Metodo       a) Monitoraggio esperto

                    b)...
DOMANDA
DOMANDA



 Alla luce della possibilità di realizzare una fascia pomeridiana di cartoni
 animati classici che sia però com...
OBIETTIVO
OBIETTIVO


 Confronto tra 2 cartoni animati (in particolare tra 2 espisodi di
 Tom&Jerry e Spongebob) per stabilire la pr...
RIFERIMENTI TEORICI
RIFERIMENTI TEORICI



 La televisione, nonostante il crescente diffondersi di nuove tecnologie, occupa uno
 spazio molto ...
RIFERIMENTI TEORICI



 Il modello proposto da Steinn e Glenn (1979), La grammatica delle storie, individua le
 componenti...
RIFERIMENTI TEORICI


Comprendere la tv è un lavoro mentale attivo di selezione, di integrazione e di
interpretazione dell...
a. Monitoraggio esperto
b. Monitoraggio diretto

METODO
1. Obiettivi
2. Procedura
3. Strumento
4. Risultati

a. MONITORAGGIO ESPERTO
MONITORAGGIO ESPERTO
1. Obiettivi




      Studiare dal punto di vista cognitivo i due cartoni,
      valutandone la comp...
MONITORAGGIO ESPERTO
2. Procedura

 1. SCELTA DEI CARTONI
 All’interno del panorama dei cartoni animati la nostra scelta è...
MONITORAGGIO ESPERTO
3. Strumento

             GRAMMATICA DELLE STORIE (Stein e Glenn, 1979)

1. AMBIENTE
Contesto nel qu...
MONITORAGGIO ESPERTO
   3. Strumento
                             Spongebob                                               ...
MONITORAGGIO ESPERTO
4. Risultati


                                  SOMIGLIANZE


  GRAMMATICA SIMILE

                 ...
MONITORAGGIO ESPERTO
4. Risultati
                      DIFFERENZE
 AMBIENTE

               la storia si svolge sempre ne...
MONITORAGGIO ESPERTO
4. Risultati
                                                TOM&JERRY:
                             ...
MONITORAGGIO ESPERTO
4. Risultati
                                                SPONGEBOB:
                             ...
1. Obiettivo
2. Campione
3. Procedura
4. Stimoli
5. Strumenti

b. MONITORAGGIO DIRETTO
MONITORAGGIO DIRETTO
1. Obiettivo



  Capire quale tra i due stimoli proposti al nostro campione
  fosse meglio:



     ...
MONITORAGGIO DIRETTO
2. Campione

   NUMEROSITÀ = 20 soggetti (10 Femmine e 10 Maschi)

   ETÀ = 5-7 anni (Media = 5.75; d...
MONITORAGGIO DIRETTO
3. Procedura

    Contatto = soprattutto per conoscenza diretta

    Rilevazione in loco = a casa dei...
MONITORAGGIO DIRETTO
4. Stimoli

      I due episodi selezionati come stimolo e somministrati sono i seguenti:



        ...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti



 • Griglia comportamentale      ATTENZIONE




 • Intervista di comprensione
        ...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti

                              GRIGLIA
                          COMPORTAMENTALE
       ...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti


       Si muove e guarda la TV

       Si muove sorride, canta guardando la TV

      ...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti

                                 SEQUENZA DI IMMAGINI



   CONSEGNA
   “Riordina quest...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti

                          INTERVISTA DI COMPRENSIONE



   CONSEGNA
   “Prova a raccont...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti

                                             QUESTIONARIO


            Per ogni carton...
STRUMENTI
4. Questionario

                             Esempi di item su ricordo e
                                    gr...
STRUMENTI
4. Questionario

                             Esempi di item di confronto


 •       Quale personaggio vorresti ...
STRUMENTI
4. Questionario

                             Esempi di item di controllo

  •    Avevi già visto questi cartoni...
MONITORAGGIO DIRETTO
5. Strumenti

                                           DISEGNO


   CONSEGNA

   “ Disegna la cosa ...
1. Attenzione
2. Comprensione
3. Ricordo
4. Gradimento

RISULTATI
RISULTATI
1. Attenzione


                               Media comportamenti osservati
                                   ...
RISULTATI
2. Comprensione
a) riordina queste immagini in sequenza, dalla prima all’ultima




                            ...
RISULTATI
2. Comprensione
b) racconta l’episodio




                 Media categorie identificate                        ...
RISULTATI
2. Comprensione
b) racconta l’episodio




          Media numero delle categorie identificate,
            corr...
RISULTATI
2. Comprensione

                      “Prova a raccontare l’episodio che hai visto… Che cosa succede?”

   ELEO...
RISULTATI
3. Ricordo
a) ricordo intenzione




        Frequenze
                    20

                    15
          ...
RISULTATI
3. Ricordo
b) ricordo particolari




        Medie                            2,9

                           2...
RISULTATI
4. Gradimento
a) quanto ti è piaciuto il cartone?




        Medie

                 3,8                     3,...
RISULTATI
4. Gradimento
b) ti piacerebbe vedere altre puntate?



       Frequenze
                   20


               ...
RISULTATI
4. Gradimento
c) quanto ti sono piaciuti i personaggi?




                                   5
          Medie
...
RISULTATI
4. Gradimento
d) quale personaggio ti è piaciuto di più?




        Frequenze
                    10

         ...
RISULTATI
4. Gradimento
e) quale cartone ti è piaciuto di più?




         Frequenze

                     20
           ...
RISULTATI
4. Gradimento
f) metti in ordine di preferenza i seguenti cartoni…
Tom&Jerry e Spongebob sono stati messi a conf...
RISULTATI




                      Media posizione in graduatoria

        Medie                                         ...
RISULTATI

                 Pokemon e Winx




   Barbapapà e
   Spongebob
                        1
                     ...
RISULTATI
4.1 Gradimento: DISEGNO
Disegna il cartone che ti è piaciuto di più…




  Dai risultati emerge che le produzion...
RISULTATI
4.1 Gradimento: DISEGNO
a) disegna il cartone che ti è piaciuto di più…



                           Cartone di...
RISULTATI
4.1 Gradimento: DISEGNO
b) media elementi disegnati e accuratezza grafica


                          Media elem...
RISULTATI
4.1 Gradimento: DISEGNO
c) presenza assenza di azioni




     Percentuale
                   80                ...
CONCLUSIONE
CONCLUSIONE



  RICORDO        Spongebob è ricordato meglio



                 Spongebob è il cartone che piace di più
 ...
CONCLUSIONE


  Dall’analisi dei dati risulta non vantaggioso per la nostra
  committenza ricollocare Tom&Jerry nella fasc...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Tom&Jerry: due eroi al tramonto?

1,244 views
1,082 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,244
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tom&Jerry: due eroi al tramonto?

  1. 1. TOM&JERRY: DUE EROI AL TRAMONTO? Barlocco Laura 3505860 Canavesio Ylenia 3405444 Confalonieri Federica 3505390 Dagnello Simona 3505994 Gelmini Giulia 3505611 Gervasini Martina 3505304 Ferrari Alan 3506136 Testa Federica 3505516 Tomba Silvia 3506954 Zaninetti Cecilia 3505978 Università Cattolica del Sacro Cuore A.A. 2008-2009 Docente: Prof. ssa Balzarotti, Prof. Manzoni Corso di Metodi e tecniche di analisi dei processi cognitivi e della comunicazione
  2. 2. INDICE • Domanda • Obiettivo • Riferimenti teorici • Metodo a) Monitoraggio esperto b) Monitoraggio diretto 8. Risultati 9. Conclusione
  3. 3. DOMANDA
  4. 4. DOMANDA Alla luce della possibilità di realizzare una fascia pomeridiana di cartoni animati classici che sia però competitiva rispetto ai prodotti delle reti concorrenti, una nota emittente televisiva richiede la valutazione di uno dei suoi prodotti, un classico dell’animazione (Tom & Jerry), in vista di un riposizionamento nella fascia oraria di programmazione. L’interesse è rivolto soprattutto al grado di comprensione, ricordo e likeness da parte del target di riferimento. • Committente ipotizzato = RAI2 • Prodotto = cartone animato • Fascia oraria = riposizionamento del cartone nella fascia pomeridiana
  5. 5. OBIETTIVO
  6. 6. OBIETTIVO Confronto tra 2 cartoni animati (in particolare tra 2 espisodi di Tom&Jerry e Spongebob) per stabilire la preferenza del target in funzione delle variabili comprensione, ricordo e likeness.
  7. 7. RIFERIMENTI TEORICI
  8. 8. RIFERIMENTI TEORICI La televisione, nonostante il crescente diffondersi di nuove tecnologie, occupa uno spazio molto rilevante nella vita quotidiana dei suoi fruitori e in particolare nei bambini. Il bambino impara molto presto a gestire il linguaggio e i codice televisivi (Meyerowitz,1995) scegliendo ciò che realmente lo interessa, ovvero modula gli stimoli televisivi in base ai propri bisogni contingenti. Il processo di fruizione televisiva viene considerato come risultante di una complessa interazione tra molteplici fattori determinati sia dalle caratteristiche del telespettatore che dalle caratteristiche dell’input televisivo. Tale processo implica infatti l’attivazione di alcune abilità cognitive - attenzione, comprensione, memorizzazione – tra le quali è possibile riconoscere un rapporto di interazione continuo e reciproco (es. molto spesso la comprensione condiziona il livello di attenzione ). Altre variabili che intervengono modificando l’andamento di tale processo sono gli interessi e le motivazioni personali.
  9. 9. RIFERIMENTI TEORICI Il modello proposto da Steinn e Glenn (1979), La grammatica delle storie, individua le componenti fondamentali per la produzione e la comprensione di un testo (ambiente, evento iniziale, risposta interna, tentativo, conseguenza e reazione emotiva). La conoscenza schematica, che scaturisce dalla grammatica delle storie, guida e influenza il processo di comprensione in quanto favorisce l'anticipazione di elementi posseduti dal bambino. Il soggetto quando prende visione di una storia si aspetta di ritrovare queste categorie nella narrazione.
  10. 10. RIFERIMENTI TEORICI Comprendere la tv è un lavoro mentale attivo di selezione, di integrazione e di interpretazione dell’informazione. I livelli di attenzione variano in relazione alla comprensione (Anderson) Il grado di comprensione non sempre corrisponde all’intensità dell’attenzione. L’attenzione dei bambini sembra legata anche all’attivazione di emozioni piacevoli. No relazione lineare tra le due dimensioni
  11. 11. a. Monitoraggio esperto b. Monitoraggio diretto METODO
  12. 12. 1. Obiettivi 2. Procedura 3. Strumento 4. Risultati a. MONITORAGGIO ESPERTO
  13. 13. MONITORAGGIO ESPERTO 1. Obiettivi Studiare dal punto di vista cognitivo i due cartoni, valutandone la complessità attraverso l’analisi della loro struttura narrativa. Selezionare gli stimoli da somministrare al campione.
  14. 14. MONITORAGGIO ESPERTO 2. Procedura 1. SCELTA DEI CARTONI All’interno del panorama dei cartoni animati la nostra scelta è ricaduta su “Tom&Jerry” e “Spongebob” per i seguenti motivi: • stessa fascia di età dei destinatari (5-7 anni) • neutralità (adatti ad entrambi i sessi) • struttura a puntate indipendenti fra loro 2. ANALISI STRUTTURA NARRATIVA DEGLI EPISODI Sono stati selezionati 10 episodi (5 di Tom&Jerry e 5 di Spongebob) e su ognuno di essi è stata condotta l’analisi della struttura narrativa secondo la grammatica delle storie ben formate di Stein e Glenn (1979). 3. SCELTA DEGLI EPISODI Si è giunti alla definizione delle 2 puntate da somministrare al campione: • “L’acchiappa-topi” (Tom&Jerry) • “Il materasso perduto” (Spongebob) Sono stati scelti gli episodi più simili tra loro dal punto di vista narrativo, con particolare attenzione al numero di tentativi agiti dai protagonisti.
  15. 15. MONITORAGGIO ESPERTO 3. Strumento GRAMMATICA DELLE STORIE (Stein e Glenn, 1979) 1. AMBIENTE Contesto nel quale si svolge la storia. Comprende spazio, tempo e protagonisti. 2. EVENTO INIZIALE Causa che dà inizio alla storia. Avviene qualcosa nell’ambiente e il protagonista formula obiettivi e progetta delle strategie per raggiungerli. 3. RISPOSTA INTERNA Rappresenta lo stato psicologico del protagonista che pensa e decide di agire in relazione all’evento iniziale. 4. TENTATIVI Azione manifesta che i protagonisti eseguono per raggiungere i propri scopi, con la quale il protagonista tenta di risolvere la situazione problematica. 5. CONSEGUENZA È in relazione ai tentativi dei protagonisti e indica o meno il raggiungimento dello scopo. 6. REAZIONE EMOTIVA Ciò che i protagonisti esprimono sentimenti e pensieri circa il risultato delle loro azioni.
  16. 16. MONITORAGGIO ESPERTO 3. Strumento Spongebob Tom&Jerry Come precedentemente detto, i due episodi sono stati selezionati sulla base della similarità della grammatica della storia. Da tale analisi è emersa una maggiore complessità strutturale di Spongebob (presenza di più ambienti, più personaggi e dialoghi).
  17. 17. MONITORAGGIO ESPERTO 4. Risultati SOMIGLIANZE GRAMMATICA SIMILE richiesta della stessa capacità di comprensione DURATA TEMPORALE SIMILE (circa 10 min. ogni puntata) richiesta dello stesso periodo di attenzione
  18. 18. MONITORAGGIO ESPERTO 4. Risultati DIFFERENZE AMBIENTE la storia si svolge sempre nello stesso ambiente la storia si sviluppa in 5 ambienti diversi PERSONAGGI 3 personaggi/protagonisti 5 personaggi DIALOGHI assenza di dialoghi e presenza di sole azioni azioni accompagnate da dialoghi
  19. 19. MONITORAGGIO ESPERTO 4. Risultati TOM&JERRY: L’ ACCHIAPPA-TOPI PERSONAGGI AMBIENTE  Tom  casa dove vivono Tom&Jerry  Jerry  l’ Acchiappa-topi TRAMA Tom, non riuscendo a catturare Jerry, decide di chiamare l’Acchiappa-topi. I due gatti provano a prendere il topino, ma tutti i loro tentativi falliscono e si ritorcono contro l’Acchiappa-topi che, stufo di rimetterci sempre, decide di diventare Acchiappa-gatti e inizia a inseguire il povero Tom, che è costretto a fuggire da casa.
  20. 20. MONITORAGGIO ESPERTO 4. Risultati SPONGEBOB: IL MATERASSO PERDUTO PERSONAGGI AMBIENTI  Spongebob  Davanti al negozio di Mr Krabs   Negozio di materassi Mr Krabs  Casa di Mr Krabs  Squiddy  Ospedale  Patrick  Discarica  Verme-guardia TRAMA Il povero Mr Krabs ha mal di schiena perché il suo materasso è ormai vecchio. Così Spongebob e i suoi amici decidono di regalargliene uno nuovo e si recano al negozio di materassi, ne comprano uno e lo sostituiscono a quello vecchio, che viene portato in discarica. Quando Mr Krabs scopre ciò che gli amici hanno fatto finisce in coma da denaro perché nel materasso aveva nascosto tutti i suoi risparmi. Mentre viene portato all’ ospedale Spongebob e gli altri cercano in vari modi di recuperare il materasso perduto, ma non ci riescono, ostacolati dalla guardia della discarica. Intanto si scopre che Mr Krabs non ha l’ assicurazione e quindi non può essere ricoverato in ospedale e, siccome d’ ingombro, l’infermiera con un calcio lo spinge via. Casualmente arriva alla discarica e, svegliandosi, riesce a recuperare il materasso e tutti i suoi soldi.
  21. 21. 1. Obiettivo 2. Campione 3. Procedura 4. Stimoli 5. Strumenti b. MONITORAGGIO DIRETTO
  22. 22. MONITORAGGIO DIRETTO 1. Obiettivo Capire quale tra i due stimoli proposti al nostro campione fosse meglio: COMPRESO RICORDATO GRADITO
  23. 23. MONITORAGGIO DIRETTO 2. Campione NUMEROSITÀ = 20 soggetti (10 Femmine e 10 Maschi) ETÀ = 5-7 anni (Media = 5.75; d.s. = 0.639) CONOSCENZA CARTONE = la maggior parte dei bambini aveva già visto i cartoni precedentemente 14 14 Frequenze 12 10 8 6 4 4 2 2 0 sì no non so È poi stato verificato come la maggior parte dei bambini (15 su 20) solitamente guarda i cartoni durante il pomeriggio (fascia di interesse anche per la committenza).
  24. 24. MONITORAGGIO DIRETTO 3. Procedura Contatto = soprattutto per conoscenza diretta Rilevazione in loco = a casa dei bambini, nel loro ambiente Episodi registrati e somministrati in formato digitale (eliminando la sigla iniziale per rendere gli episodi più simili come durata) Ordine di somministrazione bilanciato = lo stesso numero di bambini ha visto come primo cartone Tom&Jerry o Spongebob Visione primo cartone somministrazione primo questionario Visione secondo cartone somministrazione secondo questionario Compilazione questionario sul confronto
  25. 25. MONITORAGGIO DIRETTO 4. Stimoli I due episodi selezionati come stimolo e somministrati sono i seguenti: TOM&JER L’ACCHIA RY OB PPA-TOPI SPONGEB U TO (10 minut IL MATER ASSO PERD i circa) rca) (1 0 minuti ci
  26. 26. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti • Griglia comportamentale ATTENZIONE • Intervista di comprensione COMPRENSIONE • Sequenza immagini • Questionario RICORDO - LIKENESS • Disegno LIKENESS
  27. 27. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti GRIGLIA COMPORTAMENTALE (già utilizzata in Anolli, Ciceri, Colombo 2001) Durante la visione dei cartoni è stata compilata una griglia di osservazione che ha preso in considerazione tre macro aree comportamentali: • Interesse • Disattenzione • Autocontatto Unità di campionamento = 1 minuto
  28. 28. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti Si muove e guarda la TV Si muove sorride, canta guardando la TV Parla con lo sperimentatore o fa commenti (a tema) INTERESSE Chiede informazioni allo sperimentatore (a tema) Rimane fermo a guardare altrove Si muove, si agita e si distrae(cambia posto, si siede o si sdraia a terra) Si muove, sorride e canta fuori tema DISATTENZIONE Parla con lo sperimentatore o fa commenti fuori tema Chiede informazioni allo sperimentatore o disturba Sbadiglia, si stiracchia, chiude gli occhi Si copre gli occhi con mani od oggetti AUTOCONTATTO Autocontatto (si tocca, si succhia il dito, succhia o gioca con la maglietta)
  29. 29. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti SEQUENZA DI IMMAGINI CONSEGNA “Riordina queste immagini in sequenza, dalla prima all’ultima.” PROCEDURA Selezione di 5 immagini estrapolate da ogni cartone. Analisi dei risultati contando il numero di immagini poste in una posizione esatta.
  30. 30. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti INTERVISTA DI COMPRENSIONE CONSEGNA “Prova a raccontare l’episodio che hai visto”. PROCEDURA • Sbobinatura dei racconti dei bambini • Creazione grammatica delle storie di ogni racconto • Confronto con la grammatica delle storie creata con il monitoraggio esperto
  31. 31. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti QUESTIONARIO Per ogni cartone è stato creato un questionario per indagare due diverse variabili: QUESTIONARIO RICORDO GRADIMENTO Due item su scala Likert Quattro item a risposta multipla Un item a risposta multipla Intenzione Dettagli Quanto è piaciuto il cartone Desiderio rivedere del personaggio del cartone e i suoi personaggi altre puntate In seguito sono stati utilizzati il disegno e due item a risposta multipla per un confronto diretto tra i due cartoni e due item a risposta multipla di controllo della fruizione televisiva dei bambini. Abbiamo utilizzato delle immagini per facilitarli.
  32. 32. STRUMENTI 4. Questionario Esempi di item su ricordo e gradimento • Da cosa si travestono Spongebob e l’amico per recuperare il materasso? • Quanto ti è piaciuto il cartone di Tom & Jerry? 9AFKO • Quanto ti è piaciuto questo personaggio?
  33. 33. STRUMENTI 4. Questionario Esempi di item di confronto • Quale personaggio vorresti essere? • Quale dei 2 cartoni vorresti vedere domani?
  34. 34. STRUMENTI 4. Questionario Esempi di item di controllo • Avevi già visto questi cartoni? Si No Non mi ricordo • Quando guardi la tv di solito? Mattina Pomeriggio Sera Solo sabato e domenica • Metti in ordine dal più bello al più brutto questi cartoni:
  35. 35. MONITORAGGIO DIRETTO 5. Strumenti DISEGNO CONSEGNA “ Disegna la cosa che ti è piaciuta di più dei cartoni” ANALISI DEL DISEGNO = criteri utilizzati: • Numero di elementi prodotti = ricchezza grafica • Accuratezza grafica: schema corporeo dei personaggi, schema facciale, abbigliamento, ulteriori dettagli • Azioni (presenti o assenti) • Congruenza con gli stimoli • Elementi stereotipati (es: casa, sole, erba…) • Elementi non pertinenti
  36. 36. 1. Attenzione 2. Comprensione 3. Ricordo 4. Gradimento RISULTATI
  37. 37. RISULTATI 1. Attenzione Media comportamenti osservati Tom&Jerry Medie 10 9,6 9,35 Media att. = 9,6 D.S = 0,68 9 Media disatt. = 0,4 D.S. = 8 0,68 Media inter. = 2 D.S. 7 = 2,55 Media autocont. = 0,45 D.S. 6 = 0,69 5 Tom&Jerry 4 Spongebob Spongebob 3 2 2 1,4 Media att. = 9,35 D.S. = 0,87 0,85 1 0,4 0,65 0,45 Media disatt. = 0,65 D.S. = 0,87 0 Media inter. = 1,4 D.S. = 2,30 Attenzione Disattenzione Interesse Autocontatto Media autocont. = 0,85 D.S. = 1,59 Unità di campionamento = 1 minuto Non si sono riscontrate particolari differenze nel comportamento dei bambini durante la visione dello stimolo. In particolare tutto il campione ha manifestato per la maggior parte del tempo di fruizione comportamenti di tipo attentivo.
  38. 38. RISULTATI 2. Comprensione a) riordina queste immagini in sequenza, dalla prima all’ultima Media sequenze ricordate Medie 4,4 5 4,5 4,15 Test t per campioni 4 appaiati 3,5 3 2,5 t = - .705 2 df = 19 1,5 1 Sign > .05 (.489) 0,5 0 Tom&Jerry Spongebob Non risultano esserci differenze significative nei risultati di ricostruzione della sequenza temporale dei due cartoni.
  39. 39. RISULTATI 2. Comprensione b) racconta l’episodio Media categorie identificate Tom&Jerry Media ev iniziale = 2,7 Medie 4 3,65 Media conseg = 2,65 3,5 3 2,7 2,65 Media tentativi = 1,95 2,5 2,15 1,95 Tom&Jerry Media reaz.emotive = 0,35 2 Spongebob 1,45 1,5 1 0,8 Spongebob 0,35 0,5 0 Media ev iniziale = 3,65 izi a li nz e tat ivi tiv e Media conseg = 2,15 i in ue en mo t eg T e Media tentativi = 1,45 en ns ni Ev Co zio ea R Media reaz.emotive = 0,8 Per entrambi i cartoni si nota che le reazioni emotive sono, in media, meno identificate delle azioni. Gli eventi iniziali sono quelli riferiti con maggiore frequenza.
  40. 40. RISULTATI 2. Comprensione b) racconta l’episodio Media numero delle categorie identificate, corrispondenti alla gramamtica reale Tom&Jerry Media = 4,28 Medie DS = 1,27 5 4,28 4,06 4,5 4 Spongebob 3,5 3 Media Spongebob = 4,08 Tom&Jerry Spongebob DS = 2,41 In media il cartone di Tom&Jerry sembra essere compreso meglio dal punto di vista della struttura narrativa.
  41. 41. RISULTATI 2. Comprensione “Prova a raccontare l’episodio che hai visto… Che cosa succede?” ELEONORA, 6 anni Tom&Jerry Che il gatto chiama quell’altro gatto che rapisce i topi, dopo che gatto Silvestro tira la mano di quell’altro gatto..l’ha tirata fino a quel buco dopo è crollato tutto il muro e faceva così, pem pem pem (mima il gesto di battere con il bastone) e dopo ha visto il cappellino, è spuntata la mano, dopo se l’è messo in testa e c’era sulla valigetta scritto “ra…eh…di gatti”! e allora poi pum pum pum con il fucile e lui scappava FEDERICO, 6 anni Spongebob Che il capo del lavoro del padrone aveva il materasso del divano troppo duro e allora Songebob e il suo amico gli prendevano un materasso però non trovavano quello giusto e allora poi gliel’avevano buttato in discarica e poi glielo dovevano riprendere, però c’era il verme…
  42. 42. RISULTATI 3. Ricordo a) ricordo intenzione Frequenze 20 15 Tom&Jerry 10 5 Spongebob Test non parametrico per campioni appaiati 0 Sì No Sign > .05 (.250) La totalità dei soggetti ha risposto in modo esatto all’item di ricordo dell’intenzione riguardo a Spongebob, mentre il 15 % del campione ha risposto in modo errato in riferimento a Tom&Jerry. Non risultano esserci comunque differenze significative tra i 2 cartoni al riguardo.
  43. 43. RISULTATI 3. Ricordo b) ricordo particolari Medie 2,9 2,65 3 2,5 Test t per campioni 2 appaiati 1,5 t = - 2.517 df = 19 1 Sign < .05 (.02) 0,5 0 Tom&Jerry Spongebob Il numero di elementi ricordati è significativamente maggiore per Spongebob rispetto a Tom&Jerry.
  44. 44. RISULTATI 4. Gradimento a) quanto ti è piaciuto il cartone? Medie 3,8 3,75 Test t per campioni 3,75 appaiati 3,7 3,7 t = - 4.38 3,65 df = 19 3,6 Sign > .05 (.666) 3,55 3,5 Tom&Jerry Spongebob Non si sono riscontrate differenze significative riguardo la piacevolezza dei due cartoni, anche se Spongebob risulta piacere maggiormente.
  45. 45. RISULTATI 4. Gradimento b) ti piacerebbe vedere altre puntate? Frequenze 20 15 10 Tom&Jerry 5 Spongebob 0 sì no non so Desiderio di rivedere In generale tutto il campione ha espresso il desiderio di rivedere entrambi i cartoni.
  46. 46. RISULTATI 4. Gradimento c) quanto ti sono piaciuti i personaggi? 5 Medie 5 4,6 4,8 4,45 4,6 4,35 4,4 ANOVA a misure 4,2 ripetute 4 3,8 F (3,57) = 2.087 3,6 Sign > .05 3,4 3,2 3 Tom Jerry Spongebob Patrick Non si sono riscontrate differenze significative riguardo alla piacevolezza dei diversi personaggi, anche se Jerry risulta essere il personaggio più amato (media = 5).
  47. 47. RISULTATI 4. Gradimento d) quale personaggio ti è piaciuto di più? Frequenze 10 8 Test non parametrico 6 Chi-square = - 9.500 4 df = 4 Sign = .050 2 0 Tom Jerry Spongebob Patrick Mr Krab Non si sono riscontrate differenze significative riguardo alla piacevolezza dei diversi personaggi, anche se Jerry risulta essere il personaggio più amato (media = 5).
  48. 48. RISULTATI 4. Gradimento e) quale cartone ti è piaciuto di più? Frequenze 20 Test non parametrico 15 Chi-square = - 3.200 10 df = 1 Sign = .074 5 0 Tom&Jerry Spongebob I risultati non mostrano una differenza significativa, ma si può notare con Spongebob sia valutato da più bambini come cartone preferito (14 su 20).
  49. 49. RISULTATI 4. Gradimento f) metti in ordine di preferenza i seguenti cartoni… Tom&Jerry e Spongebob sono stati messi a confronto con altri 4 cartoni, adatti alla nostra fascia di età di riferimento e trasmessi nella fascia oraria da noi considerata. Cartone preferito tra i 6 considerati Frequenze 5 CARTONI N° OCCORRENZE 4 Spongebob 4 3 Principesse sirene 2 Winx 5 2 Pokemon 5 1 Barbapapà 4 0 Tom&Jerry 0 Sp Pr W Po Ba To on inc inx ke rb m& ge ipe mo ap Je r bo sse n ap b à ry si r en e I cartoni scelti con maggior frequenza risultano essere “Pokemon” e “Winx”. Spongebob e soprattutto Tom&Jerry (mai scelto dai bambini come partone preferito) appaiono poco amati in confronti agli altri 4.
  50. 50. RISULTATI Media posizione in graduatoria Medie Tom& Spongebo 3,68 4 Jerry b 3 3,5 Media = 3.68 Media = 3 3 Mediana = 4 Mediana = 3 2,5 2 D.S = 1,20 D.S. = 1,53 1,5 Test t per campioni 1 appaiati 0,5 t = 2.387 0 df = 18 Tom&Jerry Spongebob Sign < .05* (.028) I due cartoni da noi considerati sembrano essere poco competitivi in confronto agli altri 4 analizzati. Inoltre la media di posizionamento di “Tom&Jerry” differisce significativamente da quella di Spongebob (sign < di .05).
  51. 51. RISULTATI Pokemon e Winx Barbapapà e Spongebob 1 Principesse sirene 2 Tom&Jerr y 3 …4°
  52. 52. RISULTATI 4.1 Gradimento: DISEGNO Disegna il cartone che ti è piaciuto di più… Dai risultati emerge che le produzioni grafiche create dai bambini appaiono tutte congruenti alla consegna, non presentano un eccessivo numero di elementi non congruenti e un elevato livello di rielaborazione personale da parte del soggetto.
  53. 53. RISULTATI 4.1 Gradimento: DISEGNO a) disegna il cartone che ti è piaciuto di più… Cartone disegnato Frequenze 20 Test non parametrico 15 Chi-square = 7.200 10 df = 1 Sign < .01* (.007) 5 0 Tom&Jerry Spongebob I risultati mostrano una differenza significativa tra i due cartoni (sing < di .01) e in particolare evidenziano come 16 bambini su 20 disegnino il cartone “Spongebob”.
  54. 54. RISULTATI 4.1 Gradimento: DISEGNO b) media elementi disegnati e accuratezza grafica Media elementi disegnati Media Tom&Jerry = 2.75 D.S. Tom&Jerry = 2,06 Medie 4,43 5 4,1 4,5 4 3,5 2,75 3 2,5 Media Spongebob = 4.44 2 1,5 D.S. Spongebob = 3,63 1 0,5 Totale = 4.10 0 Tom&Jerry Spongebob Totale Media particolari disegnati Media Tom&Jerry = 4.50 D.S Tom&Jerry = 1,73 Medie 4,5 5 4,1 4 4,5 4 3,5 3 2,5 Media Spongebob = 4 2 1,5 D.S. Spongebob = 2,58 1 0,5 Totale = 4.10 0 Tom&Jerry Spongebob Totale Dai disegni emerge come i bambini abbiano la tendenza a disegnare più elementi per Spongebob, ma un maggior numero di particolari per Tom&Jerry .
  55. 55. RISULTATI 4.1 Gradimento: DISEGNO c) presenza assenza di azioni Percentuale 80 Tom&Jerry 70 Presenza azioni = 25% 60 Assenza azioni = 75% 50 Tom&Jerry 40 Spongebob 30 20 Spongebob 10 Presenza azioni = 69% 0 sì no Assenza azioni = 31% Nei disegni che raffigurano Tom&Jerry appaiono con minore frequenza le azioni dei personaggi.
  56. 56. CONCLUSIONE
  57. 57. CONCLUSIONE RICORDO Spongebob è ricordato meglio Spongebob è il cartone che piace di più GRADIMENTO Jerry è il personaggio preferito (non c’è differenza significativa) COMPRENSIONE Non vi sono differenze tra i due cartoni
  58. 58. CONCLUSIONE Dall’analisi dei dati risulta non vantaggioso per la nostra committenza ricollocare Tom&Jerry nella fascia pomeridiana perché risulta non essere competitivo in relazione a Spongebob, cartone trasmesso dalla rete concorrente nella stessa fascia oraria. Inoltre risulterebbe svantaggioso anche il confronto con gli altri cartoni presi in considerazione.

×