Manuale operativo  "Polo Universitario Telematico" Pegaso
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Manuale operativo "Polo Universitario Telematico" Pegaso

on

  • 1,718 views

l'alliance des langues mondiales é una scuola di lingue internazionale e di informatica. siamo ad Aosta (Valle d'Aosta) Italia.

l'alliance des langues mondiales é una scuola di lingue internazionale e di informatica. siamo ad Aosta (Valle d'Aosta) Italia.

Statistics

Views

Total Views
1,718
Views on SlideShare
1,718
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Manuale operativo  "Polo Universitario Telematico" Pegaso Manuale operativo "Polo Universitario Telematico" Pegaso Presentation Transcript

  • ALLIANCE DES LANGUES MONDIALES P.U.T. (Polo Universitario Telematico) MANUALE OPERATIVOVia Chambery, 51 – 11100 – Aosta (AO) ITALIATel: +39016545556 e-mail: info001@aldlm.com
  • PUT E DISCENTE PUT e DiscenteCompiti e funzioni SEZIONE 1
  •  Il PUT si pone nei confronti del discente come primo e più importante contatto fisico con l’Università; appare chiaro - pertanto - che la qualità del servizio offerto dal PUT diventa, agli occhi del discente, il principale indicatore della qualità della stessa Università. In quest’ottica il PUT ha l’obbligo di osservare la massima diligenza e professionalità in ogni sua condotta ed attività e la massima attenzione e puntualità nell’ottemperare a PUT e Discente quanto previsto nei punti a seguire. SEZIONE 1
  • I compiti del PUT si articolano in tre attività principali:A - INFORMAZIONE ED ORIENTAMENTO AL PERCORSO DI STUDIB - ASSISTENZA AMMINISTRATIVA E BUROCRATICAC - ASSISTENZA TECNICA E LOGISTICA NELLA FRUIZIONE DEI CORSI. PUT e Discente SEZIONE 1
  • A) INFORMAZIONE ED ORIENTAMENTO AL PERCORSO DI STUDIL’attività di orientamento del PUT è volta ad assicurare alfuturo discente ogni strumento ed informazione utile ad unavisione globale e completa del quadro prospettico,finalizzato ad una serena e giudiziosa valutazione delleopportunità didattiche e formative, anche future, anche PUT e Discenterapportate all’eventuale spendibilità delle stesse nel mondodel lavoro. SEZIONE 1
  • Pertanto il PUT Informa il futuro discente sull’offerta didattica, programmi, convenzioni, iniziative, attività - ed ogni aspetto ad esse riconducibile - dell’Università Telematica Pegaso, le possibilità offerte dai diversi percorsi accademici, la metodologia di studio e l’insegnamento a distanza, le molteplici opportunità di fruizione dei servizi. Individua e valuta le reali esigenze formative del candidato, analizza il suo curriculum personale, offre una consulenza qualificata e puntuali informazioni per consentire scelte equilibrate e orientate verso il percorso PUT e Discente di studi più aderente alle potenzialità effettivamente SEZIONE 1 possedute. Supporta il discente nella scelta e nella definizione del processo formativo e delle soluzioni più adatte per la migliore fruizione dei servizi e della didattica.
  • B) ASSISTENZA AMMINISTRATIVA E BUROCRATICAServizio fondamentale allo studente, il PUT agevola ecoordina tutte le attività burocratiche e amministrativenecessarie per le attività di iscrizione e fruizione dei corsion-line. PUT e Discente SEZIONE 1
  • Assiste il candidato in ogni fase relativa alla richiesta -gratuita e preventiva - di valutazione dei Crediti formativiuniversitari:  Predispone il curriculum del candidato e tutta la documentazione necessaria, valutando ed allegando alla stessa ogni altro titolo utile per una corretta valutazione delle esperienze professionali e formative;  invia la richiesta a unipegaso@eipass.com; informa il candidato sull’esito della valutazione; PUT e Discente   analizza e valuta quanto emerso e le possibilità che SEZIONE 1 vengono rappresentate.
  • Affianca il candidato nella compilazione della domanda diiscrizione ed in tutte le altre fasi della procedura diimmatricolazione: Controlla la corretta compilazione della domanda di immatricolazione e del contratto con lo studente; verifica l’accuratezza dei dati trascritti; verifica la completezza della documentazione allegata; PUT e Discente predispone la busta sigillata per inviare la documentazione. SEZIONE 1
  • Trasmette a unipegaso@eipass.com ogni richiesta diinformazione che non è in grado di soddisfareimmediatamente ed informa prontamente lo studente suquanto richiesto.Assiste lo studente nell’espletamento per ogni necessitàamministrativa; in particolare per:  richiesta di certificati;  integrazioni documentali; PUT e Discente  verifiche amministrative; SEZIONE 1  verifiche dell’impegno didattico;  importo, tempi e modalità dei pagamenti;  regolarità dei pagamenti;
  • C) ASSISTENZA TECNICA E LOGISTICA NELLA FRUIZIONE DEI CORSI assistere ed orientare il discente per qualunque necessità di carattere tecnico riferito all’utilizzo della piattaforma e- learning; mettere a disposizione del discente gli strumenti idonei alla fruizione degli spazi virtuali sincroni ed asincroni, dei servizi on-line e di tutto quanto fosse necessario per la fruizione della didattica (PC, internet, web-conference); assistere ed istruire il discente sull’uso di tali strumenti; PUT e Discente organizzare un supporto alla programmazione temporale SEZIONE 1 dell’impegno degli studenti; effettuare verifiche intermedie al fine di monitorare i progressi didattici ed eventualmente stimolare il discente.
  • Le procedure di immatricolazioneLE PROCEDURE DI IMMATRICOLAZIONE Corsi di Laurea, Postlaurea e Postdiploma SEZIONE 2
  • LA PROCEDURA DI IMMATRICOLAZIONE AI CORSI DI LAUREALa procedura di immatricolazione si articola in: Compilazione del Modulo di immatricolazione. Compilazione del Contratto con lo studente. Pagamento della prima rata della retta di Le procedure di immatricolazione immatricolazione. Pagamento della Tassa Regionale per il diritto allo studio. Predisposizione dei documenti da allegare:  due fotografie formato tessera (di cui una firmata su un lato);  fotocopia fronte retro di un documento d’identità;  fotocopia del codice fiscale; SEZIONE 2  diploma di scuola media superiore (o copia conforme);  marca da bollo di € 14,62;  ricevute dei due pagamenti.
  • LA PROCEDURA DI IMMATRICOLAZIONE AI SINGOLI ESAMIL’Università Telematica Pegaso offre la possibilità di potersiimmatricolare anche per singoli esami. Possono iscriversi asingoli corsi di insegnamento attivati presso corsi di laurea elaurea specialistica presenti in Ateneo, nonché sostenere lerelative prove di esame ottenendone certificazione: Le procedure di immatricolazione laureati i quali abbiano necessità di frequentare i corsi e di superare gli esami di discipline non inserite nei piani di studio seguiti per il conseguimento della laurea ma che, in base alle disposizioni in vigore, siano richieste per l’ammissione a concorsi pubblici o per l’accesso a scuole di specializzazione; cittadini italiani e comunitari in possesso di un diploma di SEZIONE 2 scuola secondaria superiore idoneo per l’ammissione all’Università nel Paese dove è stato conseguito.
  • LA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AI CORSI POST LAUREAE POST DIPLOMAPer i corsi postlaurea e postdiploma scheda del corso e Le procedure di immatricolazionedomanda d’iscrizione sono disponibili nella sezionededicata e scaricabili in formato Pdf.Una volta scaricati, i moduli andranno stampati ecompilati in ogni loro parte allegando i documentirichiesti. SEZIONE 2
  • Al termine delle procedure di immatricolazione ai corsi dilaurea o di iscrizione ai corsi postlaurea e postdiploma, ilresponsabile di sede ha l’obbligo di: Accertarsi della corretta e completa compilazione della documentazione in ogni sua parte; Conservare nei propri archivi copia della documentazione; Le procedure di immatricolazione Consegnare a unipegaso@eipass.com copia della documentazione; Spedire o dare indicazioni in merito alla spedizione del plico che sarà inviato, tramite con raccomandata a/r, a: Segreteria Università Telematica Pegaso, Via Vittoria Colonna, 14 - Angolo Piazza Amedeo SEZIONE 2 80121 Napoli (o all’indirizzo che verrà indicato nelle domande d’iscrizione ai Master/Corsi postlaurea e postdiploma).
  • I PAGAMENTI Corsi di laurea Il rapporto economico tra studente e Università è sempre diretto e viene in essere con la sottoscrizione da parte dello studente dei moduli di iscrizione e la successiva accettazione al protocollo della Segreteria studenti. In questo rapporto, la figura del PUT si incardina come Le procedure di immatricolazione soggetto garante dell’ottemperanza del discente a quanto previsto in termini economici dai singoli bandi istitutivi dei corsi. Il pagamento può essere suddiviso in due rate:la prima va versata allatto dellimmatricolazione. Se lo studente decide di pagare in 2 rate, la seconda va versata entro il 31 Marzo. Lo studente che si iscrive tra il 31 Dicembre e il 31 Marzo, SEZIONE 2 provvede al versamento della seconda rata entro il 30 giugno. Lo studente che si iscrive successivamente al 31 Marzo, provvede al versamento della retta in unica soluzione. Oltre tali termini è dovuta la mora.
  • Oltre l’ordinaria retta di iscrizione, lo studente è tenuto adallegare, al momento dell’immatricolazione, una marca dabollo da 14,62 euro e – esclusivamente per i corsi di laurea –fotocopia del bollettino postale attestante il pagamentodella Tassa regionale per il diritto allo studio di 62,00 euro. Le procedure di immatricolazioneIl pagamento della tassa regionale può essere effettuatopresso tutti gli sportelli postali e viene versato direttamentealla Regione Campania compilando un bollettino ordinariointestato a:“Regione Campania” - Servizio Tesoreria - Napoli, contocorrente postale n. 21965181 con l’indicazione del codicetariffa “0825”. SEZIONE 2
  • I PAGAMENTI postlaurea e postdiploma I costi dei corsi postlaurea e postdiploma sono indicati di volta in volta nei relativi bandi, unitamente ad ogni altra informazione utile (modalità di pagamento, rateizzazione, Le procedure di immatricolazione tempi, eventuali ed ulteriori agevolazioni, convenzioni).LE MODALITA’ DI PAGAMENTOTutti i pagamenti vanno effettuati direttamente dallostudente a mezzo bonifico bancario.Nel caso in cui l’ordinante sia persona diversa dallo studente(es: genitore per il figlio, coniuge o terzi), occorrespecificare il nominativo dello studente nella causale del SEZIONE 2bonifico.
  • LE AGEVOLAZIONIAGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Per gli studenti diversamente abili è previsto lesonero parziale dal pagamento della retta di iscrizione ai corsi di Laurea, a secondo della percentuale di invalidità. Per una invalidità a partire dal 66% è prevista una riduzione della retta annuale discrizione nella misura del Le procedure di immatricolazione 50%. Per una invalidità compresa tra il 45% e il 65% è prevista una riduzione della retta annuale discrizione nella misura del 30%.AI GIOVANI Giovani detà compresa tra i 17 e i 20 anni che si iscrivono per la prima volta alluniversità: euro 2000. SEZIONE 2ALTRE CONVENZIONIhttp://www.unipegaso.it/docs/lista_convenzioni.pdf
  • LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE – IL RICONOSCIMENTO DEI CFU L’Università Telematica Pegaso ai sensi della Legge n. 240/2010 (GURI n. 10 del 14 gennaio, serie generale, S.O n. 11/L), in vigore dal 29 gennaio 2011, i CFU possono essere riconosciuti per: Le procedure di immatricolazione gli esami sostenuti presso Università legalmente riconosciute in Italia le esperienze professionali e formative – se certificate – fino ad un massimo di 12 crediti La richiesta all’Ateneo di valutazione del curriculum professionale e formativo, è gratuita e non impegnativa ed è consigliabile che il PUT la suggerisca a chi è interessato SEZIONE 2 all’iscrizione per coinvolgere maggiormente il candidato e per fornirgli un quadro preciso e analitico di quella che sarà la sua situazione accademica.
  • LA RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DELLE COMPETENZEECONOMICHE DEL PUT Per il riconoscimento del corrispettivo sarà cura del PUT di Le procedure di immatricolazione indicare nella modulistica, nello spazio a ciò dedicato e sin dalla prima iscrizione dello studente, il proprio codice. I corrispettivi saranno trimestralmente calcolati sulla base delle riscossioni delle iscrizioni avvenute tramite l’assistenza frontale fornita dallo stesso PUT e da questo comunicate. SEZIONE 2
  • I rapporti con l’Università telematica PEGASOI RAPPORTI CON L’UNIVERSITÀ TELEMATICA PEGASO SEZIONE 3 Impegni ed obblighi
  • 1 - OBBLIGO DI CHIAREZZA NEI RAPPORTI COL PUBBLICO I rapporti con l’Università telematica PEGASOIl PUT si qualifica come un centro accreditato dall’Unipegasoche offre servizi di assistenza ed orientamento al percorso distudi per conto dell’Università Telematica Pegaso. Questo vuoldire che non è esso stesso Università e pertanto ha l’obbligo diadottare tutti quegli accorgimenti tali da non indurre uneventuale soggetto terzo (sia esso fisico sia giuridico) a ritenerediversamente.Il mantenimento della distinzione è massimamente importantenell’ottica di quelli che devono essere i ruoli delle parti, icompiti e le responsabilità ad essi collegati nonché gli impegni SEZIONE 3che hanno facoltà di assumere autonomamente.
  • 2 - OBBLIGO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE DEDICATO I rapporti con l’Università telematica PEGASOIl centro accreditato, nello svolgimento dei compiti afferentiall’attività di PUT, si impegna ad utilizzare personale disegreteria e orientamento dedicato e opportunamente formatoper svolgere con il massimo rigore, competenza e professionalitài compiti a loro assegnati.Durante questi incontri (che saranno organizzati e concordatiper il numero di volte che si riterrà necessario all’acquisizionedi un’adeguata preparazione) saranno studiati e analizzati tuttigli aspetti afferenti al ruolo del PUT, ai rapporti con gli studenti,alle procedure amministrative, ai compiti di controllo e garanziae tutto quanto si rendesse eventualmente necessario SEZIONE 3approfondire.
  • 3 - VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO DELL’ATENEO I rapporti con l’Università telematica PEGASOOgni informazione relativa a corsi, programmi e iniziativedell’Università Telematica Pegaso è riportata sul sitoistituzionale dell’Ateneo, costantemente aggiornato.Il sito riveste carattere di ufficialità e il PUT ha l’obbligo diuniformarvisi per ogni disposizione in esso contenuta.Qualunque informazione non presente sul sito è da ritenersiinattendibile e priva di fondamento; il PUT che ne violi ledisposizioni si assume la responsabilità diretta verso ildiscente e - ove mai ne fosse indirettamente coinvoltol’Ateneo - verso la stessa Unipegaso che prenderà iprovvedimenti che si riterranno più opportuni. SEZIONE 3
  • I rapporti con l’Università telematica PEGASO4 - ASSISTENZA E RICHIESTE DI INFORMAZIONEIl PUT è tenuto a dare al discente qualsiasi tipo di informazionein merito a corsi, offerte didattiche e soluzioni informatiche.Nel caso in cui non sia in grado di dare pronta risposta, il PUT sideve attivare immediatamente per soddisfare la richiesta diinformazioni informandosi personalmente pressounipegaso@eipass.com .Con questa procedura il PUT sarà in grado di acquisire nel tempocompetenze sempre maggiori e qualificarsi verso il discentecome primo e più immediato punto di riferimento. SEZIONE 3
  • 5 - PROMOZIONEIl PUT si impegna a dare la massima visibilità ai corsi e alle attivitàdell’Università Telematica Pegaso attraverso i propri canali e con tutti gli I rapporti con l’Università telematica PEGASOstrumenti opportuni.A questo fine il PUT si attiverà per: Garantire la massima visibilità sul proprio sito attraverso la predisposizione di un’area dedicata o la previsione di un link al sito dell’Unipegaso; Curare la comunicazione all’interno del centro predisponendo espositori, materiale da vetrina, cartelloni, brochures, schede tecniche e pieghevoli illustrativi e ogni altra forma di comunicazione che si svolga sul luogo di esercizio dell’attività; Gestire ed utilizzare i database e le relazioni del centro con i clienti già acquisiti per proprie attività, finalizzando i contatti ad un orientamento per l’Università; Implementare azioni di marketing diretto includendo tutte le forme di SEZIONE 3 comunicazione volte a stimolare una azione di ricontatto da parte dei potenziali discenti; Curare le pubbliche relazioni, sia l’interazione con la stampa (tramite diffusione di comunicati e conferenze stampa), sia direttamente con il pubblico in generale (pubblicazioni, sponsorizzazioni, pubblicità ed eventi).
  • 6 - PREDISPORRE REPORT TRIMESTRALIIl PUT dovrà predisporre, con cadenza almeno trimestrale, un report I rapporti con l’Università telematica PEGASOdettagliato dell’attività svolta.Nel report il PUT dovrà indicare: l’attività svolta nel periodo in considerazione; l’andamento generale delle attività; i riscontri sul territorio; l’identificazione di eventuali criticità e possibili soluzioni; le metodologie e modalità di lavoro adottate; l’eventuale pianificazione e programmazione delle attività future; gli impianti programmatici e procedurali; il numero di iscrizioni ai corsi di laurea, postlaurea e postdiploma; SEZIONE 3 la posizione amministrativa dei singoli iscritti.
  • 7 - OBBLIGO DI RISPETTO DELLE CONVENZIONI I rapporti con l’Università telematica PEGASOLe convenzioni con enti pubblici e privati, sindacati, ordiniprofessionali e associazioni di vario ordine e grado possonoessere siglate esclusivamente dall’Università Telematica Pegasoed è fatto espresso divieto al PUT di prendere accordi diqualsiasi specie e sotto qualsiasi forma a nome dell’Università.Il PUT tuttavia può essere veicolo e tramite per la definizione dinuove convenzioni.Il PUT che attraverso il suo intervento favorisce taliconvenzioni, acquista di diritto la possibilità di veicolarne lerelative iscrizioni. SEZIONE 3
  • La formazione del PUT (prima parte) LA FORMAZIONE DEL PUT (parte prima) SEZIONE 4Cenni sull’Università Telematica PEGASO
  • CHI SIAMOLUniversità Telematica Pegaso, istituita con DecretoMinisteriale 20 aprile 2006 (GU n. 118 del 23-5-2006 - Suppl. La formazione del PUT (parte prima)Ordinario n. 125), sorge per iniziativa di un gruppo diimprenditori e docenti di varie università italiane, conl’intento di coniugare la Ricerca, la Didattica e le NuoveTecnologie.LUniversità per la diffusione dei contenuti didatticimultimediali in modalità e-learning si avvale del complessodelle tecnologie e servizi messi a disposizione e gestiti dallaUnipegaso S.p.A., soggetto che istituzionalmente promuovee sostiene lUniversità Telematica Pegaso ed unica società SEZIONE 4fornitrice di servizi strumentali indispensabili per lattivitàuniversitaria.
  • L’E-LEARNINGLe-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili daInternet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agliutenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi in La formazione del PUT (parte prima)qualsiasi momento e in ogni luogo in cui esista unaconnessione on line.Uno dei punti di forza dell’Università Telematica Pegaso è,infatti, quello di consentire - anche a chi non ha le possibilitàdi seguire in loco corsi di Laurea e post-lauream - ilconseguimento dei titoli accademici.In quest’ottica il target di riferimento dellUniversitàTelematica Pegaso si identifica ed abbraccia un insieme di SEZIONE 4utenti indifferenziato e certamente più ampio rispetto aquello delle Università tradizionali.
  • PRINCIPALI VANTAGGII principali vantaggi di un percorso di studio così organizzatosono pertanto evidenti: La formazione del PUT (parte prima) Sistemi e metodologie educative moderne ed innovative in grado di rispondere alle esigenze dellattuale società favorendo una perfetta congruenza tra domanda ed offerta universitaria. Possibilità di iscriversi in qualunque momento dell’anno. Assistenza di un tutor che segue ed assiste il discente durante tutto il percorso didattico fino all’esame. Nessun vincolo di orari per seguire i corsi di laurea. SEZIONE 4 Possibilità di completare gli studi in tempi brevi. Nessun onere per l’acquisto di libri di testo o spese di viaggio per raggiungere la sede universitaria.
  • LA PIATTAFORMA PegasOnLineIl componente base delle-learning è la piattaformatecnologica denominata PegasOnLine che gestisce la La formazione del PUT (parte prima)distribuzione e la fruizione della formazione.Si tratta di un sistema gestionale avanzato che grazie allatecnologia SCORM (Sharable Content Object) permette ditracciare la frequenza ai corsi e le attività formativedellutente.Tutte le informazioni sui corsi e gli utenti restano indicizzatenel database della piattaforma: questa caratteristicapermette allutente di accedere alla propria offerta SEZIONE 4formativa effettivamente da qualsiasi computer collegato aInternet, generalmente senza la necessità di scaricaresoftware ad hoc.
  • Se la piattaforma risulta essere una componentefondamentale per le-learning, laula virtuale (o ambientecollaborativo) è la metodologia didattica che permette La formazione del PUT (parte prima)linterazione (in modalità sincrona e asincrona) fra gli utenti:si tratta infatti di strumenti che favoriscono lacomunicazione immediata tramite chat, forum, postaelettronica e così via.Il materiale didattico è composto da moduli didattici,chiamati anche Learning object (LO) in modo che lutentepossa dedicare alla formazione brevi lassi di tempo(indicativamente 20/30 minuti di tempo), personalizzandocosì tempi e modalità di approccio ai contenuti. SEZIONE 4
  • LE FACOLTA’ La formazione del PUT (parte prima)LUniversità Telematica Pegaso ha attivato a partire dall’Annoaccademico 2006/2007 due facoltà: Giurisprudenza, con il corso di laurea omonimo Scienze Umanistiche, con il corso di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione. SEZIONE 4
  • Facoltà di Giurisprudenza (Classe LMG/01)Il corso di laurea in Giurisprudenza è finalizzato allaformazione di figure professionali dotate di una solidapreparazione culturale e giuridica in grado di rispondere ai La formazione del PUT (parte prima)problemi organizzativi e funzionali della PubblicaAmministrazione moderna.La durata del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza èdi cinque anni, segue l’ordinamento semestrale, prevede ilconseguimento di 300 crediti (CFU) e si conclude con unesame di Laurea.La laurea in Giurisprudenza si consegue con il superamentodella prova finale, per essere ammesso alla quale il discente SEZIONE 4deve avere conseguito nel precedente curriculum di studi unnumero di crediti pari a trecento, detratti quelli attribuitialla prova finale medesima.
  • Facoltà di Scienze Umanistiche (Classe 18)Il corso di laurea in Scienze dell’educazione e della La formazione del PUT (parte prima)formazione, si propone di fornire una preparazione di basenelle scienze dell’educazione e in quelle disciplineche, come la filosofia, la psicologia e la sociologia, da un latoconcorrono a definirne l’intero quadro concettualee, dallaltro, ne favoriscono l’applicazione allinterno delleistituzioni scolastiche e nel mondo del lavoro.La durata del corso è di tre anni per un totale di 180 creditiformativi al termine dei quali si consegue la Laurea dopoaver superato una prova finale che può essere costituita da SEZIONE 4una dissertazione scritta, la redazione di una tesi o unrapporto su unattività di stage, elaborata dallo studentesotto la guida di un relatore.
  • LA FORMAZIONE POST LAUREAM E POST DIPLOMAL’Università Telematica Pegaso ha attivato master, corsi diperfezionamento e di alta formazione alla conclusione dei quali sonorilasciati i rispettivi titoli.MASTER La formazione del PUT (parte prima)Lofferta didattica dei corsi di Master Universitario è finalizzata arispondere a domande formative specifiche e pertanto l’impostazionedegli ordinamenti didattici relativi è ispirata ad esigenze di flessibilitànonché al mutamento delle condizioni del mercato del lavoro.La durata minima dei corsi di Master Universitario è di norma un anno elAteneo, in base ad accordi di cooperazione interuniversitarianazionale o internazionale, può istituire Master congiunti di I e II livelloed anche Master in collaborazione con enti esterni pubblici o privati.CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONETali Corsi hanno l’obiettivo di fornire allo studente conoscenze ed SEZIONE 4abilità per funzioni richieste nellesercizio di particolari attivitàprofessionali. Per essere ammessi occorre essere in possesso del titolodi studio indicato nel bando.
  • COME SI STUDIANella piattaforma didattica dell’Università Telematica Pegaso(denominata PegasoOnLine) gli studenti, ognuno diviso perclasse e corso di laurea, è identificato con username epassword; la stessa piattaforma è personalizzata per ogni La formazione del PUT (parte prima)studente secondo il proprio piano di studi predisponendospecifici materiali didattici, esercitazioni, assistenza e tutor.I corsi di studio prevedono un alto grado di indipendenza delpercorso didattico da vincoli di presenza fisica o di orariospecifico e il monitoraggio continuo del livello diapprendimento, attraverso il tracciamento del percorso e ifrequenti momenti di valutazione ed autovalutazione.La metodologia didattica posta in essere dall’Università SEZIONE 4Telematica Pegaso si avvale di percorsi didattici costituiti dalearning objects (unità di contenuto didattico), in cuiconvergono molteplici strumenti, materiali e servizi cheagiscono in modo sinergico sul percorso di formazione edapprendimento dello studente.
  • Lo studente, infatti, dispone: del testo scritto della lezione, con riferimenti bibliografici, note, etc...; La formazione del PUT (parte prima) delle diapositive (arricchite da testi, tabelle, immagini, grafici etc...) commentate in audio dal docente; dei filmati delle lezioni, disponibili in modalità sincrona e/o asincrona; delle esercitazioni di autovalutazione per la verifica dello stato di apprendimento. Ciascuno studente partecipa alle attività della propria SEZIONE 4 classe virtuale, coordinata da tutor esperti dei contenuti e formati agli aspetti tecnico-comunicativi della didattica on line, e viene seguito dal titolare della disciplina che è responsabile della didattica.
  • COME SI SOSTENGONO GLI ESAMILa verifica di profitto finale si svolge in presenza presso lesedi indicate dall’Università ed è affidata alla Commissione La formazione del PUT (parte prima)nominata dal Rettore e presieduta dal docente titolare delladisciplina.Pertanto il candidato, regolarmente prenotato per la sessionedesame, si presenterà innanzi alla Commissione col suolibretto universitario ed un documento di riconoscimento incorso di validità per sostenere lesame esattamente comeavviene in tutti gli atenei tradizionali.Si tratta dell’unico momento obbligatorio in presenza di SEZIONE 4tutto il percorso di studi ed accreditato per la verifica realedella preparazione dello studente e la certificazionedell’esame.
  • La formazione del PUT (parte seconda) LA FORMAZIONE DEL PUT (parte seconda) SEZIONE 4L’Orientamento, la Comunicazione e il Marketing
  • IL MERCATO DI RIFERIMENTOIl mercato dellUniversità Telematica Pegaso è globale, per La formazione del PUT (parte seconda)cui non esistono preclusioni relative al tipo di utenza graziealla divulgazione dei contenuti mediante la piattaformatecnologica Pegaso On Line.Il mercato di riferimento è dunque costituito dalla platea deineodiplomati agli istituti scolastici superiori, da quella deilavoratori che hanno in precedenza interrotto gli studiuniversitari, dalla vasta comunità dei diversamente abili, dalmondo delle professioni che si qualifica anche con il supportodei crediti formativi, dalle istanze di docenti, manager, SEZIONE 4impiegati pubblici e privati riguardo a master,perfezionamenti e specializzazioni erogati dallUniversitàTelematica Pegaso.
  • LA FORZA DEL MARKETING La formazione del PUT (parte seconda)Il marketing è una filosofia manageriale secondo cuiunorganizzazione dovrebbe tentare di fornire servizi e/oprodotti in grado di soddisfare i bisogni dei clienti attraversoun insieme coordinato di attività(creazione, distribuzione, promozione e politica di pricing dibeni e/o servizi) che permettano anche allorganizzazione diraggiungere i propri obiettivi.Lobiettivo del PUT è quello di concentrarsi sulla qualità delservizio offerto: dallefficienza informativa (call center, uffici SEZIONE 4commerciali, coordinatori didattici etc.) alla gestioneburocratico-amministrativa.
  • IL MARKETING MIX La formazione del PUT (parte seconda)Il marketing mix è linsieme di quattro attività – prodotto,prezzo, distribuzione (punto vendita), promozione – checostituiscono le 4 P del marketing. Il PUT sposa una strategiadi marketing tesa allinnalzamento della qualità, condizioneindispensabile per differenziarsi dalla concorrenza egarantirsi una clientela fidelizzata nel medio-lungo periodo.In questottica, grande attenzione deve essere prestataallerogazione dei servizi che devono rispondere agli standarddi qualità imposti e trasmessi dall’Università Telematica SEZIONE 4Pegaso.
  • IL MARKETING AZIENDALEI responsabili del PUT si rivolgono al mercato perseguendo La formazione del PUT (parte seconda)quattro obiettivi fondamentali: la ricerca di mercato per individuare clienti potenzialmente interessati ai servizi dell’Ateneo con i quali stabilire il contatto; il contatto con il cliente e la creazione di un rapporto personale; il mantenimento del rapporto e l’innalzamento del grado di soddisfazione del cliente; SEZIONE 4 il rafforzamento e la fidelizzazione dei rapporti già in corso al fine di veicolare attraverso essi il messaggio ad una platea più vasta.
  • IL MARKETING RELAZIONALEIl marketing relazionale nasce dallevoluzione moderna delmarketing aziendale ed è quella branca del marketing chepermette di accrescere la relazione con il cliente attraverso La formazione del PUT (parte seconda)la sua fidelizzazione; potrebbe essere descritto come lacreazione, lo sviluppo, il mantenimento e l’ottimizzazionedelle relazioni tra Clienti ed Azienda, basato sulla centralitàdel cliente.Per ottimizzare il Marketing Relazionale è necessario crearecon la clientela una relazione di tipo personalizzatoattraverso: la conoscenza delle caratteristiche dei clienti, dei loro bisogni e delle loro preferenze; SEZIONE 4 la creazione di fasce di utenza, in funzione delle loro caratteristiche; la creazione di una comunicazione bilaterale; la creazione di azioni mirate alle fasce di utenza.
  • IL MARKETING EMOZIONALEIl marketing emozionale parte dall’assunto che in una società La formazione del PUT (parte seconda)mutante e con pochi punti di appoggio stabili e fermi, leemozioni personali e artistiche sembrano il modo piùefficace, quando non l’unico, per mettere ordine al caos.In quest’ottica non è più il prodotto ad essere “venduto”, mail rapporto che il soggetto stabilisce col brand e con i valori ele emozioni che esso comunica.L’obiettivo che oggi il marketing si pone è quello di indagare,non più solo sul comportamento del consumatore, ma sullasua mente, sulla sua soggettività, sui suoi desideri, sulle sue SEZIONE 4emozioni e percezioni, in rapporto ad un prodotto o ad unacomunicazione, al fine di capire meglio i suoi bisogni e quindisoddisfarli.
  • MARKETING TRIBALE La formazione del PUT (parte seconda)Il marketing tribale è una strategia del marketing mirante acreare una comunità collegata al prodotto o servizio che siintende promuovere, creando e fortificando il sentimentocomunitario dei consumatori, attraverso prodotti e strategiaappositamente studiate per catalizzare la formazione dellecomunità e supportarne lo sviluppo e lautoriconoscimento.Il web offre gli strumenti giusti per operare in tal senso;forum, chat, community e piattaforme di social networkaggregano le persone come se fossero tribù postmoderne o - SEZIONE 4appunto - telematiche, agevolando sempre più spesso lacreazione ed il consolidamento di un sentimento comunitariotra i consumatori fedeli ad un brand.
  • IL CUSTOMER CARELa piena soddisfazione del cliente, è il fine ultimo cui il PUTorienta tutta la sua azione. La formazione del PUT (parte seconda)Da un punto di vista psicologico, il consumo non è più limitato,nelle aspettative del consumatore, al solo beneficio materiale.Nel momento in cui la componente del servizio divienefondamentale, avvolge e sostiene il prodotto in tutti i processidi consumo, la misura della soddisfazione del cliente diviene uncaposaldo necessario per ottenere il vantaggio competitivo.Per creare un rapporto di fedeltà, il PUT deve spingersi benoltre un buon servizio e un valore accettabile; deve servire glistudenti in modo tale che si rendano conto che è degno difiducia sotto ogni aspetto e in qualsiasi circostanza. Soltanto SEZIONE 4studenti/clienti molto soddisfatti, infatti, sono propensi adimpegnarsi in commenti positivi nellambito della comunicazionepassaparola, diventando così collaboratori “non pagati”dellorganizzazione.
  • L’ORIENTATOREChi è l’orientatore La formazione del PUT (parte seconda)L’orientatore è la figura intorno alla quale si organizza esviluppa tutta l’attività del PUT all’interno del Polodidattico, infatti, la figura dell’orientatore ha il compito difornire informazioni e suggerimenti in merito alleopportunità di studio, occupazione, tirocinio, stage oapprendistato per giovani (in particolare nella fase dipassaggio fra scuola e mondo del lavoro) e adulti.Deve quindi raccogliere, selezionare ed organizzare tutte lerelative informazioni sia nell’ambito del proprio territorio sia SEZIONE 4a livello nazionale ed europeo.
  • LE COMPETENZEDopo aver accolto l’utente, l’orientatore ha il compito di La formazione del PUT (parte seconda)ascoltare le sue esigenze e richieste, illustrando nelcontempo l’offerta didattica dell’Università TelematicaPegaso e i servizi cui potrà beneficiare attraverso l’iscrizionepresso il proprio Polo didattico.Deve quindi analizzare i suoi bisogni, individuare il percorsopiù consono alle sue necessità, fornendogli gli strumentipratici per aiutarlo, che vanno dalle schede informative alletecniche di ricerca del lavoro e così via. SEZIONE 4Stabilita una meta, l’orientatore segue l’utente,sostenendolo con suggerimenti personalizzati e partecipandoad incontri per analizzare i risultati ottenuti.
  • Un buon orientatore deve sempre: Usare un linguaggio semplice. La formazione del PUT (parte seconda) L’orientatore non presuppone mai che l’interlocutore sia in grado di comprendere un linguaggio da “addetti ai lavori”; un linguaggio difficile o sofisticato allontana chi ci ascolta. Ricorrere all’emotività. La comprensione e l’accettazione del contenuto del messaggio sono più immediate e sicure se si ricorre ad esempi e metafore e si utilizza la giusta dose di emotività. Drammatizzare i contenuti. SEZIONE 4 Coinvolge l’ascoltatore e lo fa partecipare al significato di ciò che sta dicendo.
  •  Temporizzare e localizzare. Evitare di ricorrere a concetti astratti, ma collocare nel tempo e nello spazio, ove è possibile, ogni fatto o azione oggetto della comunicazione. La formazione del PUT (parte seconda) Fare ampio ricorso al linguaggio non verbale.Il linguaggio non verbale va usato in accompagnamento e asupporto dei contenuti, nella giusta misura e nellaconsapevolezza del tipo di interlocutore e di contesto nelquale si svolge la comunicazione. L’orientatore fa quindi“lavorare tutto il corpo”; il viso non mantiene mai unamaschera rigida ma utilizza le espressioni a supporto deicontenuti, la mimica e la gestualità assecondano e rafforzano SEZIONE 4le parole con un linguaggio “silenzioso” ma controllato.
  • CODICE DEONTOLOGICOSEZIONE 5Codice deontologico
  • Il codice deontologico definisce le regole di condotta professionale alle quali ogni persona riconosciuta dall’Università Telematica Pegaso come “Referente PUT” (ein senso più generale quanti si trovino ad operare all’interno dei locali e della struttura del PUT) si conforma nell’esercizio dei propri compiti, non solo per il rispettodegli obblighi derivanti dal contratto di accreditamento, ma Codice deontologico anche per ogni aspetto che qualifichi la serietà e la professionalità della persona. SEZIONE 5
  • Il PUT pone prima di ogni altra cosa la cura e l’interesse deldiscente; ogni sua azione è finalizzata ad agevolare, assisteree guidare il discente nel percorso di studi.Il PUT ha il dovere di predisporre un ambiente decoroso efunzionale alle necessità di accoglimento del pubblico e atutti gli altri compiti cui si trova a far frontenellespletamento della propria attività. Codice deontologicoNon di meno, il Referente PUT, i suoi collaboratori e tutto ilpersonale operante allinterno della sede ed in contatto colpubblico, ha il dovere di mantenere sempre un abbigliamento SEZIONE 5decoroso, in armonia con i compiti di relazione col pubblico.
  • Il Referente PUT nellespletamento delle sue funzioni dovràagire in totale serietà e correttezza professionale neiconfronti dell’Ateneo, come si conviene al rigore delleattività che è chiamato ad esercitare.Lattività del Referente dovrà sempre essere finalizzata agarantire e mantenere verso terzi unimmagine di alto profiloqualitativo e professionale sia dello stesso PUT, siadell’Ateneo. Codice deontologicoPer questo motivo il Referente PUT, nello svolgimento dellesue attività, persegue standard di elevata professionalità. Unelevato grado di attenzione, precisione, scrupolo e SEZIONE 5competenza caratterizza tutti i suoi comportamenti e gli attiposti in essere nellesercizio delle sue funzioni.
  • Il Referente PUT dovrà astenersi da qualunque attività volta adanneggiare, screditare o compromettere limmaginedell’Università Telematica Pegaso e avrà il dovere e laresponsabilità di vigilare sulla condotta dei suoi collaboratori.Il Referente PUT garantisce lintegrità e la conservazione deidati e dei documenti a sua disposizione, anche elettronici emultimediali e si obbliga a mantenere riservate le informazionie le notizie concernenti dati personali apprese nell’eserciziodella propria attività, così come disposto dal Decreto Legislativon. 196/2003.Impegnandosi al rispetto del codice deontologico, il PUT si Codice deontologicorende garante nei confronti dell’Unipegaso in meritoallosservanza delle disposizioni ed alla conformità deicomportamenti con quanto previsto dal codice stesso. SEZIONE 5