Your SlideShare is downloading. ×
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
VADEMECUM KYOTO
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

VADEMECUM KYOTO

799

Published on

Il Fondo Kyoto finanzia interventi a livello regionale e nazionale. Gli interventi finanziabili con il Fondo Kyoto a livello regionale sono: …

Il Fondo Kyoto finanzia interventi a livello regionale e nazionale. Gli interventi finanziabili con il Fondo Kyoto a livello regionale sono:
-microcogenerazione diffusa: installazione di impianti che utilizzano gas naturale, biomassa vegetale solida, biocombustibili liquidi di origine vegetale, biogas e in co-combustione gasnaturale-biomassa quali fonti energetiche;
-installazione di impianti da fonti rinnovabili per la generazione di elettricità o calore (eolico, idroelettrico, solare termico, biomassa, fotovoltaico);
-risparmio energetico e incremento dell'efficienza negli usi finali dell'energia.
Per maggiori informazioni: www.sqingegneria.com

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
799
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 3DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Parte la lotta ai gas serra,per la riduzione delle emissionidisponibili 600 mln in tre anni La Cassa depositi e prestiti gestirà un fondo rotativo triennale di circa 600 milioni di euro (200 milioni l’anno)chefinanzieràun’ampiagammadiinterven- ti volti alla riduzione delle emissioni nocive. In que- sto numero il Vademecum predisposto da Cdp. DI BIANCA LUCIA MAZZEIC onto alla rovescia per l’ope- ratività del fondo da 600 milioni di euro (200 milio-ni l’anno per tre anni) istituito pres-so la Cassa depositi e prestiti e fina- Cassa depositi e prestiti in collabora- zione con «Edilizia e Territorio» ha deciso di fornire un Vademecum che illustri in maniera chiara ed esau- stiva le modalità, i criteri e le proce- prese (tra cui le ESCo – Energy Service Company), le persone fisi- che, le persone giuridiche private (comprese le associazioni e le fonda- zioni), i condomini e le comunioni.lizzato a finanziare interventi che dure per la richiesta e l’ottenimento Per quanto riguarda le imprese,riducano le emissioni di gas serra, in dei fondi. è necessario che, al momento di pre-attuazione del Protocollo di Kyoto. Tutta la normativa di riferimen- sentazione della domanda, possegga- A meno di sorprese dell’ultima to, oltre a essere sempre reperibile sul no tre requisiti:ora, il primo marzo verrà pubblicata 1) siano già iscritte al registrosulla «Gazzetta Ufficiale» la circola- delle imprese;re del ministero dell’Ambiente che 2) si trovino in regime di con-costituisce il punto di riferimento Le domande vanno tabilità ordinaria e non siano sotto-per l’invio delle richieste di finanzia- presentate on line poste a procedure concorsuali o admento. Dal giorno dopo (e cioè dal 2 amministrazione controllata;marzo) sarà infatti possibile accredi- e poi inviate via posta 3) abbiano depositato presso iltarsi, mentre a partire dalle ore Sul sito della Cdp registro delle imprese almeno due12,00 del 16 marzo (il quindicesimo bilanci su base annuale (questo requi-giorno successivo alla pubblicazio- tutte le informazioni sito riguarda ovviamente solo i sog-ne) potranno essere inviate le doman- getti obbligati).de on line. Per il 2012 i fondi a per l’accreditamento Per le comunioni e i condomi-disposizione ammontano a 200 mi- ni, l’amministratore o il rappresen-lioni di euro. tante comune agisce (mediante pro- La platea dei soggetti che po- sito della Cassa depositi e prestiti cura notarile) in nome e per conto ditranno beneficiare delle risorse è (www.cassaddpp.it), sarà inoltre rac- tutti i proprietari, mentre in caso dimolto ampia e comprende cittadini, chiusa in un altro fascicolo di «Edili- comproprietà il contratto verrà coin-condomini, imprese, persone giuri- zia e Territorio» che uscirà lunedì 5 testato a tutti i comproprietari che nediche private e soggetti pubblici. marzo. risultano, quindi, responsabili in soli-Così come molto ampio è il venta- do.glio degli interventi finanziabili. I soggetti beneficiari Si tratta quindi di un’occasione Le domande possono essere Le misure finanziabiliimportante, in vista della quale, la presentate da soggetti pubblici, im- I fondi possono riguardare un
  • 2. 4 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEvasto spettro di interventi. Le doman- che della rete di teleriscaldamento accesso che vengono rilasciate tra-de potranno infatti riguardare la co- abbinata, inclusi gli allacciamenti mite la procedura di accreditamentostruzione e l’installazione di impian- agli edifici; disponibile in un’apposita sezioneti di microgenerazione ad alto rendi- - la climatizzazione degli edifi- del sito della Cassa depositi e presti-mento elettrico e termico, con poten- ci con impianti geotermici a bassa ti (www.cassaddpp.it).za nominale fino a 50 kWe (elettri- entalpia fino a 1 MW termico; L’accreditamento potrà essereci), che utilizzino come fonti energe- - impianti di cogenerazione di effettuato dal giorno successivo allatiche: gas naturale, biomassa vegeta- potenza nominale fino a 5 MW elet- data di pubblicazione della circolarele solida, biocombustibili liquidi di trici alimentati da gas naturale, bio- del ministero dell’Ambiente sullaorigine vegetale, bio-gas e in co- massa vegetale solida, biocombusti- «Gazzetta Ufficiale» (che dovrebbecombustione gas naturale-biomassa. bili vegetali liquidi, biogas e in co- avvenire il primo marzo e quindi la C’è poi il capitolo che riguarda combustione gas naturale-biomassa. possibilità di accreditarsi scattereb-gli impianti rinnovabili e interessa la È possibile anche presentare un be dal 2 marzo).costruzione e l’installazione di im- unico progetto di investimento che Sul sito della Cassa depositi epianti di piccola taglia che utilizzano contempli l’integrazione di più inter- prestiti è disponibile un Applicativofonti rinnovabili per la generazione venti a patto che vengano realizzati Web che permette ai soggetti accre-di elettricità o di calore. In questo nello stesso sito e che comprendano ditati di inserire i dati relativi allaambito le tipologie finanziabili sono: solo misure di cogenerazione diffu- domanda e definisce subito l’ordine - impianti eolici e idroelettrici sa, impianti rinnovabili e interventi cronologico di presentazione dellecon potenza nominale compresa tra per gli usi finali (risparmio energeti- richieste.1 kWp e 200 kWp; co). La compilazione delle doman- - impianti solari termici con su- de on line potrà essere effettuata aperfici di apertura non superiori a partire dalle ore 12,00 del quindice-200 metri quadrati; simo giorno dalla data di pubblica- - impianti termici a biomassa I finanziamenti zione della circolare del Ministerovegetale solida (pellets e cippato) di riguardano un’ampia sulla «Gazzetta» (che dovrebbe esse-potenza nominale termica compresa re quindi il 16 marzo) e fino altra 50 kWt e 450 kWt; gamma di interventi centotrentacinquesimo giorno sem- - impianti fotovoltaici integrati e possono essere pre a partire da tale data di pubblica-o parzialmente integrati negli edifici zione.con potenza nominale compresa tra chiesti sia dai cittadini Conclusa la compilazione on1 kWp e 40 kWp. line, la domanda dovrà essere stam- Ai finanziamenti potranno acce- che dalle imprese pata e inviata a Cassa depositi edere inoltre gli interventi che punta- prestiti con tutta la documentazione:no al risparmio energetico e a incre- sul sito della Cassa sono disponibilimentare l’efficienza negli usi finali Le risorse possono infine esse- e prelevabili tutti i documenti neces-dell’energia. In questo campo rientra- re richieste per la sostituzione di sari.no vari tipi di misure: motori elettrici superiori a 90 kW - interventi sull’involucro degli con motori ad alta efficienza (per Il ruolo delle bancheedifici esistenti (che possono riguar- questa misura le risorse ammontano I soggetti beneficiari devonodare strutture opache verticali, oriz- a 15 mln di euro); per gli interventi scegliere una banca tra quelle ade-zontali o inclinate, chiusure traspa- sui cicli produttivi delle imprese renti alla convenzione Abi-Cdprenti, compresi infissi e vetri, porte, che producono acido-adipico e delle (l’elenco è disponibile sul sito dellaporte-finestre, purché delimitino il imprese agro-forestali (5 milioni di Cassa depositi e prestiti).volume riscaldato sia verso l’esterno euro); per le attività di ricerca per lo Compito degli istituti di creditoche verso vani non riscaldati); sviluppo di tecnologie innovative (5 è predisporre i parametri di affidabi- - la climatizzazione diretta tra- milioni); per i progetti regionali vol- lità da allegare alla domanda, pro-mite teleriscaldamento da impianti ti a ridurre il depauperamento dello durre la fideiussione bancaria paridi cogenerazione di potenza nomina- stock di carbonio nei suoli forestali al 30% del finanziamento agevolatole fino a 500 kW elettrici, alimentati e nelle foreste (10 milioni di euro). richiesto, raccogliere la documenta-da gas naturale, biomassa vegetale zione necessaria alla stipula del con-solida, biocombustibili vegetali liqui- La domanda tratto di finanziamento e stipulare ildi, biogas e in co-combustione gas Le domande dovranno essere contratto stesso. Possono inoltrenaturale-biomassa. L’intervento de- prima, presentate e compilate on li- concedere un finanziamento banca-ve però riguardare la realizzazione ne, e poi spedite via posta. I soggetti rio per la quota residua.sia dell’impianto di cogenerazione devono disporre delle credenziali di © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • 3. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 5DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE I TESTI PAGINA 7 Cassa depositi e prestiti Fondo Kyoto - La guida agli incentivi per imprese e cittadini PAGINA 45 Dalla Finanziaria 2007 all’ultima circolare appro- vata dal ministero dell’Ambiente PAGINA 45 I commi 1110-1115 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007 - G.U. 27 dicembre 2006, n. 299) PAGINA 46 Il decreto del ministero dell’Economia e delle fi- nanze del 17 novembre 2009 (G.U. 22 gennaio 2010, n. 17) PAGINA 47 Il decreto del ministero dell’Ambiente e della tute- la del territorio e del mare del 25 novembre 2008 (G.U. 21 aprile 2009, n. 92) PAGINA 59 La circolare del ministero dell’Ambiente del 16 feb- braio 2012 (G.U. 1 marzo 2012, n. 51) PAGINA 103 Nel decreto del 19 luglio 2011 la mappa delle regole per erogare i finanziamenti PAGINA 103 Il decreto del ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare del 19 luglio 2011 (Supple- mento ordinario alla G. U. 8 agosto 2011, n. 183) (Il presente documento è fornito a titolo puramente informativo e il contenuto dello stesso non sostituisce la normativa relativa al Fondo Kyoto)
  • 4. FONDO KYOTOGuida agli incentivi Un Vademecum completo messo a punto dalla Cassa depositi e prestiti per spiegare a cittadini e imprese come ottenere i finanziamenti previ- sti dal Fondo Kyoto per l’energia verde. Il contenuto di questo dossier anche su: www.cassaddpp.it www.ediliziaterritorio.ilsole24ore.com
  • 5. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 7DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 8 - Invio del plico contenente modulo CASSA DEPOSITI E PRESTITI FONDO KYOTO - di Domanda e allegati . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 LA GUIDA AGLI INCENTIVI PER IMPRESE 9 - Rinuncia e modifica della Domanda E CITTADINI compilata tramite l’Applicativo web . . . . . . 27 10 - Recupero userid/password dimenticata . . . 27SOMMARIO 11 - Modifica dei dati anagrafici di accreditamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Come calcolare il finanziamento . . . . . . . . . . . . 28Riferimenti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Tipologie di costi ammissibili . . . . . . . . . . . . . . 28Definizioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 Massimali del finanziamento agevolato . . . . . . . 29Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Costi unitari massimi ammissibili . . . . . . . . . . . 29Soggetti beneficiari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Percentuali di agevolazione . . . . . . . . . . . . . . . . 29Persone fisiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Misura microcogenerazione diffusa . . . . . . . . . . 29Imprese ed ESCo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Misura rinnovabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30Imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Motori elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31Cumulabilità nel rispetto della regola Misura usi finali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31“de minimis” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Misura protossido di azoto . . . . . . . . . . . . . . . . . 31ESCo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Sistema integrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31Persone giuridiche private . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Tabella Calcolo del massimaleComproprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 di finanziamento agevolato . . . . . . . . . . . . . . . . 31Condomini e comunioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Ammontare del finanziamento agevolato . . . . . . 32Soggetti pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32Interventi finanziabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Esempio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Esempio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32Misure e investimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Esempio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33Ripartizione delle risorse a livello regionale . . . 15 Istruttoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35Gestione delle risorse ripartite Stipula ed erogazione del finanziamentoa livello regionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 agevolato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37Ripartizione e gestione delle risorse Condizioni del finanziamento agevolato . . . . . . 37per l’intero territorio nazionale . . . . . . . . . . . . . 17 Contratto di finanziamento e documentazioneFinanziamenti agevolabili: soglie minime richiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38economicamente convenienti . . . . . . . . . . . . . . . 17 Modalità di erogazione del finanziamentoSoggetti Beneficiari delle misure . . . . . . . . . . . . 17 agevolato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39Definizioni tecniche e specifiche aggiuntive . . . 18 Erogazione anticipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39Misura microcogenerazione diffusa . . . . . . . . . . 19 Erogazione ratei intermedi (SAL) . . . . . . . . . . . 40Misura rinnovabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Erogazione del saldo e documentazione finale . . 40Misura usi finali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Variazioni e recupero somme . . . . . . . . . . . . . . . 43Sistema integrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Variazioni di titolarità e dei dati . . . . . . . . . . . . . 43Misura motori elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Proroghe, modifica del cronoprogramma eMisura protossido di azoto . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 varianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43Misura ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Modalità di recupero delle somme . . . . . . . . . . . 43Misura gestione forestale sostenibile . . . . . . . . . 20Procedure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21Passi per una corretta compilazione delladomanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 1 - Recarsi in banca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 2 - Predisporre allegati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 3 - Accreditamento sull’Applicativo web . . . . 25 4 - Compilazione della Domanda on-line tramite l’Applicativo web . . . . . . . . . . . . . . 26 5 - Accettazione del Regolamento web . . . . . . 26 6 - Conferma e stampa della Domanda . . . . . . 26 7 - Sottoscrizione della Domanda di ammissione al finanziamento agevolato . . . . . . . . . . . . . . . 26
  • 6. 8 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE PREMESSA web, merita sottolineare che l’inserimento della do- Nell’intento di promuovere la realizzazione di inter- manda tramite l’Applicativo web, oltre a ridurre gliventi in grado di dare un concreto contributo alla riduzio- errori di compilazione, consente al richiedente di ac-ne delle emissioni dei gas serra in atmosfera, assume quisire telematicamente il numero di protocollo cherilevanza ogni semplificazione per la fruizione delle fissa l’ordine cronologico di ricevimento della prenota-risorse messe a disposizione dal Fondo Kyoto, a partire zione delle risorse del Fondo Kyoto. La conservazionedalla lettura del testo del Decreto Kyoto che presenta di tale ordine cronologico acquisito è, tuttavia, condi-caratteristiche non facilmente standardizzabili. In tale zionata al rispetto dei termini e delle modalità perottica, la Circolare Kyoto fornisce il necessario dettaglio l’invio della documentazione in formato cartaceo.in merito alle procedure da seguire ed alla documentazio- Primario operatore postale provvederà alla creazio-ne da presentare per favorire la più ampia partecipazio- ne del fascicolo virtuale attraverso la scansione massi-ne da parte dei potenziali beneficiari delle agevolazioni. va della documentazione ricevuta e la generazione Per conseguire tale obiettivo, CDP ha predisposto delle copie informatiche per immagine.l’Applicativo web per la gestione informatizzata delle Al riguardo, vi è la consapevolezza che l’utilizzofasi di raccolta delle domande, di istruttoria, di stipula, del formato cartaceo non soddisfi completamente lodi erogazione e di rimborso. spirito e gli obiettivi strategici del Fondo Kyoto e, In particolare, nel sito web di CDP (www.cassad- quindi, andrebbe meglio sostituito con il ricorso aldpp.it) sono descritte le caratteristiche del Fondo Kyo- documento informatico con firma digitale e alla Postato e vengono fornite le istruzioni per l’utilizzo dell’Ap- Elettronica Certificata (PEC) o, tramite l’Applicativoplicativo web progettato per rendere lo strumento di web, al caricamento della documentazione in formatofinanziamento veloce e fruibile, facilitando l’inseri- digitale. È questo l’obiettivo che si intende perseguiremento delle domande di ammissione al finanziamento per i prossimi Cicli di Programmazione.agevolato, accorciando i tempi di risposta e assicuran- Un’ulteriore soluzione atta ad agevolare la fruizionedo la più efficace e tempestiva circolazione delle delle risorse messe a disposizione dal Fondo Kyoto èinformazioni fra i diversi attori dell’iniziativa. rappresentata dalla possibilità, offerta a tutto il sistema L’utilizzo dell’Applicativo web consente ai Soggetti bancario, di operare in complementarietà con CDP perBeneficiari di essere costantemente informati sullo assicurare all’iniziativa una diffusione capillare attraver-stato della pratica di finanziamento, sulle eventuali so la rete di sportelli presenti sul territorio. Mediante laproblematiche sorte in fase di istruttoria e sui successi- possibilità di adesione offerta alle banche grandi e picco-vi passi per concludere ogni fase del processo, anche le, il Fondo Kyoto intende mettere tutti gli intermediaritramite messaggi di posta elettronica inviati all’indiriz- su un piano di parità concorrenziale, rappresentato dallazo fornito dagli stessi Soggetti Beneficiari. possibilità di offrire un servizio aggiuntivo preservando, Sarà, inoltre, resa disponibile sul sito web di CDP nel contempo, la relazione con la propria clientela.una Guida alla compilazione della domanda, per facili- Il presente documento è fornito a titolo puramentetare la presentazione della domanda di ammissione al informativo e il contenuto dello stesso non sostituiscefinanziamento agevolato. la normativa relativa al Fondo Kyoto in allegato: Fra i principali vantaggi offerti dall’Applicativo Legge, Decreti, Circolare. RIFERIMENTI NORMATIVI Circolare Kyoto: Circolare attuativa, ex articolo 2, Legge Kyoto: Legge n. 296/2006 pubblicata nel comma 1, lettera s), del Decreto del 25 novembreS.O. n. 299 alla G.U. 27 dicembre 2006, recante 2008 recante la “Disciplina delle modalità di erogazio-Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e ne dei finanziamenti a tasso agevolato ai sensi dell’arti-pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007). colo 1, commi 1110-1115, della Legge 27 dicembre Decreto Kyoto: Il decreto 25 novembre 2008 del 2006, n. 296 - Fondo Rotativo per il finanziamentoMinistro dell’ambiente e della tutela del territorio e delle misure finalizzate all’attuazione del Protocollo didel mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo Kyoto” adottata dal Ministero dell’ambiente e dellaeconomico, pubblicato nel S.O. n. 58 alla G.U. n. 92 tutela del territorio e del mare di concerto con ildel 21 aprile 2009, disciplina le modalità per l’eroga- Ministero dello sviluppo economico e d’intesa conzione di finanziamenti a tasso agevolato. CDP. Decreto Tasso: Il decreto 17 novembre 2009 del Decreto Allegati: Il Decreto 19 luglio 2011 delMinistero dell’economia e delle finanze pubblicato in Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio eG.U. n. 17 del 22 gennaio 2010, disciplina il tasso del mare pubblicato nel S.O. n. 185 alla G.U. n. 183d’interesse da applicare sui finanziamenti da conceder- dell’8 agosto 2011 che modifica ed integra gli allegatisi a valere sulle risorse del Fondo Rotativo a sostegno del Decreto 25 novembre 2008 di disciplina delledelle misure per l’attuazione del Protocollo di Kyoto modalità di erogazione dei finanziamenti a tasso agevo-sui cambiamenti climatici. lato del Fondo rotativo.
  • 7. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 9DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE DEFINIZIONI Indica la procedura informatica posta all’interno del sito web di CDP (www.cassaddpp.it) finalizzata a consentire: (i) ai Soggetti Beneficiari di inserire le domande di ammissione all’agevolazione e di monitorare la stato diApplicativo avanzamento della pratica; e (ii) ai soggetti che concorrono all’istruttoria (CDP, Ministero dell’ambiente, Regioniweb che si sono avvalse della facoltà di gestire direttamente le risorse assegnate, Enti Gestori Regionali, Banche Aderenti, etc.) di eseguirne le varie fasi (istruire le domande, ammetterle all’agevolazione, stipulare e gestire il contratto di finanziamento etc.) Indica ciascuna banca italiana o succursale di banca estera, comunitaria ed extracomunitaria, operante in Italia eBanca Aderente autorizzata all’esercizio dell’attività bancaria ai sensi del decreto legislativo 385/93 (TUB), che abbia aderito alla Convenzione relativa al Fondo Kyoto tra ABI e CDPBiocombustibili Indica i biocombustibili vegetali liquidi di origine nazionale. È fatto salvo, ove non in contrasto, quanto previstoVegetali Liquidi dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102Biogas Indica biogas di origine vegetale o da Filiera Corta. È fatto salvo, ove non in contrasto, quanto previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102Biomassa Si intende la biomassa vegetale solida prodotta nel territorio regionale o da Filiera Corta. È fatto salvo, ove non inVegetale contrasto, quanto previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102SolidaCDP Indica Cassa depositi e prestiti società per azioniCiclo di Program- Indica il periodo di tempo di durata, di norma, annuale con inizio il 1˚ gennaio e conclusione il 31 dicembre dellomazione stesso anno Indica la Circolare applicativa che il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto conCircolare Kyoto il Ministero dello sviluppo economico, adotta, d’intesa con la CDP, per l’ulteriore attuazione di dettaglio del Decreto Kyoto Indica i condomini, ai sensi del Libro III, Titolo VII, Capo II del codice civile, comprendenti almeno dieci unitàCondomini abitative Indica il Decreto del 25 novembre 2008 (G.U. 21 aprile 2009 n. 92) del Ministro dell’ambiente, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentita la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28Decreto Kyoto agosto 1997, n. 281, previsto dall’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, per l’individuazione delle modalità di erogazione dei finanziamenti agevolati da concedersi a valere sulle risorse del Fondo KyotoDecreto Allegati Indicadocumentazione necessaria per l’operatività 2011 n. 183) del Ministero dell’ambiente che definisce gli schemi il Decreto del 19 luglio 2011 (G.U. 8 agosto della del Fondo Kyoto Indica il Decreto del 17 novembre 2009 (G.U. 22 gennaio 2010 n. 17) del Ministro dell’economia e delle finanze, “Tasso di interesse da applicare sui finanziamenti da concedersi a valere sulle risorse del Fondo rotativo a sostegnoDecreto Tasso delle misure per l’attuazione del Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici”, previsto dall’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicembre 2006, n. 296Ente Gestore Indica ciascun ente gestore regionale e/o società finanziaria regionale di cui all’articolo 4, commi 7 e 8, del DecretoRegionale Kyoto Indica ciascuna persona giuridica che fornisce servizi energetici ad uno o più utenti, ovvero altre misure diESCo miglioramento dell’efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell’utente e, ciò facendo, accetta un certo(Energy Service margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramentoCompany) dell’efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti (vedi anche decreto legislativo n. 115/2008). Biomassa ottenuta entro un raggio di 70 Km dall’impianto che la utilizza per produrre energia così come da articoloFiliera Corta 26, comma 4-bis, della legge 29 novembre 2007, n. 222 Indica, con riferimento a ciascun finanziamento agevolato e a ciascun Soggetto Beneficiario, la garanzia bancariaFideiussione rilasciata in favore del Ministero dell’ambiente da una Banca Aderente secondo quanto previsto nella CircolareBancaria Kyoto e conforme al testo concordato con il Ministero dell’ambiente e allegato alla Convenzione relativa al Fondo Kyoto tra ABI e CDP
  • 8. 10 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Indica il Fondo rotativo di cui alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, commi 1110-1115, per il finanziamento delle misure finalizzate all’attuazione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione quadro delle NazioniFondo Kyoto Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997, reso esecutivo dalla legge 1˚ giugno 2002, n. 120, previste dalla delibera CIPE n. 123 del 19 dicembre 2002, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22 marzo 2003, e successivi aggiornamentiGiorno Indica ciascun giorno diverso dal sabato e dalla domenica, nonché dalle altre festività nazionali in ItaliaLavorativo Indica tutti i soggetti, comprese le ESCo, le imprese agricole e forestali, le imprese che esercitano servizi di pubblica utilità, le imprese che esercitano abitualmente e continuativamente attività commerciale, industriale e nel settoreImprese dei servizi, comunque soggette all’imposizione dell’imposta sul valore aggiunto, sia sotto forma individuale che societariaInvestimento Indica il totale dei costi da sostenere per la completa realizzazione dell’intervento, comprensivo dei costiComplessivo ammissibili (art. 7, art. 11 co. 4 e art. 12 co. 4 del Decreto Kyoto)Ministerodell’ambiente Indica il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mareMisura gestione Indica i progetti regionali per la finalizzazione di interventi diretti a ridurre il depauperamento dello stock diforestale carbonio nei suoli forestali e nelle forestesostenibileMisura microco- Indica gli interventi di installazione di impianti di microcogenerazione ad 2007rendimento elettrico a gas naturale, alto e termico come definiti dal decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (G.U. 6 marzo n. 54), alimentatigenerazione Biomassa Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassadiffusa (solida, liquida, gassosa)Misura motori Indica gli interventi di sostituzione dei motori elettrici industriali con potenza nominale superiore a 90 kWe conelettrici motori ad alta efficienzaMisuraprotossido Indica gli interventi di eliminazione delle emissioni di protossido di azoto dai processi industriali e in agricolturad’azotoMisura ricerca Indica i progetti pilotaad effetto serra di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissioni o ad emissioni zero di gasMisura Indica gli interventi di installazione di impianti di piccola taglia per l’utilizzazione delle fonti rinnovabili per larinnovabili generazione di elettricità o caloreMisura usi finali Indica gli interventi finalizzati al risparmio energetico e all’incremento dell’efficienza negli usi finali dell’energia Indica tutti i soggetti aventi capacità giuridica diversi dalle “imprese” e dalla “persona giuridica privata” che nonPersona fisica esercitano abitualmente e continuativamente attività commerciale o comunque non sono soggetti all’imposizione dell’imposta sul valore aggiuntoPersona Indica tutti i soggetti diversi dalle “imprese” e dalla “persona fisica” a cui è riconosciuta la personalità giuridica aigiuridica sensi della normativa vigente, comprese le fondazioni e le associazioni con personalità giuridicaprivataPlafond Indica l’importo massimo di risorse finanziarie ripartite per misura e territorio assegnate al Fondo Kyoto Indica il progetto definitivo redatto ai sensi del DPR 21 dicembre 1999, n. 554 e successive modifiche ed integrazioni ovvero approfondito ad un livello di dettaglio tale da consentire la piena valutazione delle soluzioniProgetto proposte. In entrambi i casi, il progetto deve essere sottoscritto in originale da un tecnico abilitato iscritto a unDefinitivo Ordine o Collegio professionale competente per materia, recante altresì l’apposizione del timbro da cui risulti la suddetta iscrizione. Il progetto deve comprendere, in ogni caso, un computo metricoRegioni eProvince Regioni e Province autonome di Trento e BolzanoautonomeSistemi integrati Indica progetti di investimento su beni eimmobili che contemplano l’integrazione di interventi di cui alle misure microcogenerazione diffusa, rinnovabili usi finali, comunque combinati, da realizzarsi nello stesso sito Indica “persone fisiche”, “imprese”, “persone giuridiche private”, “condomini” e “soggetti pubblici” richiedentiSoggetti l’agevolazione ovvero ammessi all’agevolazione che, sottoscrivendo il relativo contratto di finanziamento, siBeneficiari impegnano al rimborso delle somme ricevute, comprensive degli interessi Indica Regioni, province, comuni, comunità montane e gli altri soggetti a cui la legge riconosce la personalitàSoggetti giuridica pubblica, incluse le associazioni, le unioni e i consorzi tra enti locali, le agenzie regionali o locali per ilpubblici risparmio energetico nonché gli istituti universitari e gli istituti di ricerca compresi i loro consorziTipologiedi costo Voci di costo dell’Investimento Complessivo ammissibili ad agevolazioneammissibile
  • 9. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 11DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE INTRODUZIONE - Tariffe incentivanti per la produzione di energia da La Legge Finanziaria 2007 ha istituito presso la CDP impianti solari fotovoltaici e per lo sviluppo di tecnolo-un fondo rotativo per il finanziamento delle misure di gie innovative per la conversione fotovoltaica (art. 5,riduzione delle emissioni clima-alteranti, finalizzate al- co. 1, lett. g) del Decreto Interministeriale 6 agostol’attuazione del Protocollo di Kyoto. L’ammontare com- 2010, c.d. “Terzo Conto Energia” e art. 5, co. 1, lett.plessivo del Fondo è di circa 600 mln di euro, distribuiti g) del Decreto Interministeriale 5 maggio 2011, c.d.in tre Cicli di Programmazione da 200 mln di euro l’uno. “Quarto Conto Energia”; I potenziali Soggetti Beneficiari del Fondo compren- - Incentivi per la produzione di energia elettrica dadono imprese (tra cui ESCo - Energy Service Company), impianti da fonti di energia rinnovabili con poten-soggetti pubblici, persone fisiche, condomini e persone za nominale non inferiore a 5 MWe e da impiantigiuridiche private (es. associazioni e fondazioni). previsti dai progetti di riconversione del settore Gli interventi finanziabili sono raggruppati in 7 bieticolo-saccarifico approvati dal competente Comi-“misure”: tato (art. 24, co. 3, del Dlgs n. 28/2011); ● Misura microcogenerazione diffusa (impianti di - Incentivi per la produzione di energia termicagenerazione combinata di energia elettrica e/o termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienzae/o meccanica fino a 50 kWe); energetica di piccole dimensioni (art. 28, co. 1, lett. ● Misura rinnovabili (impianti di piccola taglia eoli- d), e co. 5 del Dlgs n. 28/2011).ci, idroelettrici, solari termici, termici a biomassa vege-tale solida, fotovoltaici); Scelta ed attività delle Banche Aderenti ● Misura motori elettrici; Il Soggetto Beneficiario, in sede di compilazione ● Misura usi finali (risparmio energetico e incre- della Domanda di ammissione, deve scegliere unamento dell’efficienza negli usi finali dell’energia); banca tra quelle aderenti alla Convenzione relativa al ● Misura protossido di azoto; Fondo Kyoto tra CDP e ABI, il cui elenco è disponibi- ● Misura ricerca; le sull’Applicativo web. ● Misura gestione forestale sostenibile. Le Banche Aderenti svolgono le seguenti attività: I Soggetti Beneficiari possono presentare una sola ● producono la fideiussione bancaria per conto deidomanda di ammissione al finanziamento agevolato Soggetti Beneficiari (i Soggetti Beneficiari personaper singola misura oltre a quella per sistema integrato. fisica, imprese, persona giuridica privata e condomini Ai finanziamenti agevolati, di durata compresa tra devono richiedere ad una Banca Aderente il rilascio di3 e 6 anni (15 anni per i soggetti pubblici), è applicato fideiussione bancaria per un importo pari al 30% delun tasso di interesse dello 0,50% determinato dal finanziamento agevolato richiesto. La “DichiarazioneDecreto Tasso. della banca attestante il ricevimento della richiesta di Il Decreto Kyoto disciplina le modalità per l’eroga- fideiussione e comunicazione dei parametri di affidabi-zione di finanziamenti. Per il primo Ciclo di Program- lità economico-finanziaria” - Allegati b1), b2), b3) emazione il Decreto Kyoto assegna un ammontare di b4) del Decreto Allegati - deve essere allegata allarisorse pari a 200 milioni di euro e le ripartisce per domanda di ammissione al finanziamento agevolato);misure e per aree regionali (nord, centro e sud). ● possono concedere un finanziamento bancario per Il Decreto Allegati e la Circolare Kyoto definisco- la quota parte del costo totale del progetto non copertano le procedure e gli schemi della documentazione per dal finanziamento agevolato;l’operatività del Fondo Kyoto e fissano i termini per la ● raccolgono la documentazione necessaria alla sti-presentazione delle domande di ammissione relative pula del contratto di finanziamento;al Primo Ciclo di Programmazione. ● stipulano il contratto di finanziamento; Le domande di ammissione al finanziamento agevola- ● raccolgono la documentazione a supporto delleto che non potranno essere finanziate a causa dell’esauri- richieste di erogazione.mento delle risorse disponibili per il primo Ciclo diProgrammazione, dovranno essere ripresentate nel suc- Contatticessivo Ciclo e ripercorrere l’intero iter istruttorio. Sono messi a disposizione dei Soggetti Beneficiari il Numero Verde 800 098 754 attivo dal lunedì al venerdì Cumulabilità dalle ore 8:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:00, nonché I benefici del Fondo Kyoto sono cumulabili con i l’indirizzo di posta elettronica cdpkyoto@cassaddpp.it.seguenti incentivi e tariffe: - Incentivazione alla produzione di energia elettricada fonti rinnovabili, che consente il riconoscimento eil rilascio dei c.d. “Certificati verdi” (art. 2, co. 143-157, della Legge Finanziaria 2008) e degli incentiviprevisti dall’art. 24 del Dlgs 3 marzo 2011, n. 28;
  • 10. 12 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE SOGGETTI BENEFICIARI Cumulabilità nel rispetto della regola “de mini- Possono beneficiare dei finanziamenti agevolati i mis”seguenti soggetti: Per il soggetto imprese i benefici previsti dalle singole normative comunitarie, nazionali e regionali, Persone fisiche: tutti i soggetti aventi capacità compresi quelli erogati a livello locale, inclusa l’inten-giuridica diversi dalle imprese e dalle persone giuridi- sità di aiuto di cui sopra, sono cumulabili fino alche private, che non esercitano abitualmente e conti- raggiungimento della quota massima dell’aiuto di Sta-nuativamente attività commerciale o comunque non to consentita. Detta soglia, definita “de minimis” nonsoggetti all’imposizione dell’imposta sul valore ag- può superare l’ammontare di 200.000,00 euro nell’ar-giunto. co di tre anni, in base al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione Europea del 15 dicem- Persona fisica bre 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del- l’Unione Europea n. L 379/5 del 28 dicembre 2006. - Misura microcogenerazione diffusa: Il controllo del “de minimis” è effettuato secondo ● Gas quanto previsto dal richiamato Regolamento (CE) n. ● Biomasse ● Ibrido 1998/2006. Al fine di effettuare una verifica delle - Misura rinnovabili: dichiarazioni rese all’atto di presentazione della do- ● Eolico manda di ammissione al finanziamento agevolato, il ● Mini-idroelettrico Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabel- ● Biomasse termico ● Fotovoltaico la 1 procedono con verifiche dirette avvalendosi della - Misura usi finali: Banca Dati Anagrafica istituita presso il Ministero ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge- dello sviluppo economico. nerazione di potenza nominale fino a 500 kWe Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa Tabella 1 possono inoltre avvalersi delle banche dati entalpia fino a 1 MWt regionali per le verifiche delle dichiarazioni relative al “de minimis” rese all’atto di presentazione della do- manda di ammissione al finanziamento agevolato. Imprese ed ESCo È comunque posto a carico del Soggetto Beneficiario informare di eventuali ulteriori agevolazioni avvenute in Imprese: tutti i soggetti, comprese le ESCo, le data successiva all’invio della domanda di ammissioneimprese agricole e forestali, le imprese che esercitano al finanziamento agevolato ovvero di qualsiasi altraservizi di pubblica utilità; le imprese che esercitano situazione modificativa della dichiarazione presentata inabitualmente e continuativamente attività commercia- sede di domanda di ammissione al finanziamento agevo-le, industriale e nel settore dei servizi, soggette all’im- lato: per il Ministero dell’ambiente la CDP e, per leposizione dell’imposta sul valore aggiunto, sia sotto Regioni di cui alla Tabella 1, gli Enti gestori regionali.forma individuale che societaria. Alla data di presentazione della domanda le imprese Impresadevono possedere i seguenti requisiti: ● essere già iscritti nel registro delle imprese; - Misura microcogenerazione diffusa: ● trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nel ● Gaspieno e libero esercizio dei propri diritti e non sottopo- ● Biomassesti a procedure concorsuali né ad amministrazione ● Ibridocontrollata; - Misura rinnovabili: ● Eolico ● aver depositato presso il registro delle imprese, ● Mini-idroelettricolimitatamente ai soggetti obbligati, almeno due bilanci ● Biomasse termicosu base annuale. ● Fotovoltaico Il tasso di interesse agevolato concorre a determina- - Misura motori elettrici - Misura usi finali:re l’entità dell’intensità di aiuto. Convenzionalmente ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge-tale intensità si calcola come differenza, attualizzata, nerazione di potenza nominale fino a 500 kWetra i seguenti tassi: ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa ● tasso di riferimento e attualizzazione (dato dal tas- entalpia fino a 1 MWt - Misura protossido di azotoso base pubblicato dalla Commissione Europea al link - Misura ricercahttp://ec.europa.eu/competition/state_aid/legislation/re-ference_rates.html aumentato di 100 punti base) vigentealla data di stipula del contratto di finanziamento e ESCo: persona giuridica che fornisce servizi energe- ● tasso agevolato 0,50%. tici ad uno o più utenti, ovvero altre misure di migliora-
  • 11. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 13DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEmento dell’efficienza energetica nelle installazioni o - Misura rinnovabili:nei locali dell’utente e, ciò facendo, accetta un certo ● Eolicomargine di rischio finanziario. ● Mini-idroelettrico ● Biomasse termico Alle ESCo si applica la disciplina prevista per l’im- ● Fotovoltaicopresa (e quindi il finanziamento può avere una durata ● Solare termicomassima di 6 anni). - Misura motori elettrici Le ESCo possono presentare domanda per le misure - Misura usi finali:a cui ha accesso il proprietario del bene immobile ● interventi su involucro di edifici esistenti, parti di edifici esisten-oggetto dell’intervento e per il quale è presentata la ti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strutture opachedomanda stessa. Non possono presentare domanda per verticali, orizzontali o inclinate, chiusure trasparenti comprensive di infissi e vetri, chiusure apribili e assimilabili quali porte ela Misura gestione forestale sostenibile. vetrine anche se non apribili, delimitanti il volume riscaldato, Possono inoltre presentare più domande a valere verso l’esterno e verso vani non riscaldatisulla stessa misura compresi i sistemi integrati, purché ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge-riferite a beni immobili diversi tra di loro e appartenen- nerazione di potenza nominale fino a 500 kWe ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassati rispettivamente a diversi soggetti proprietari sia entalpia fino a 1 MWtpubblici che privati. ● Impianti di cogenerazione di potenza nominale fino a 5 MWe Alla data di presentazione della domanda devono: alimentati da gas naturale, biomassa vegetale solida, biocombustibi- ● essere in possesso di Certificato camerale dal quale li vegetali liquidi, biogas e in co-combustione gas naturale-biomassarisulti che la società opera anche in veste di ESCo; - Misura protossido di azoto - Misura ricerca ● essere già iscritti nel registro delle imprese; ● trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nelpieno e libero esercizio dei propri diritti e non sottopo-sti a procedure concorsuali né ad amministrazione Persone giuridiche private: tutti i soggetti diversicontrollata; dalle imprese e dalle persone fisiche, a cui è ricono- ● aver depositato presso il registro delle imprese, sciuta la personalità giuridica ai sensi della normativalimitatamente ai soggetti obbligati, almeno due bilanci vigente, comprese le Fondazioni e le Associazioni consu base annuale; personalità giuridica. ● essere in possesso di Atto di concessione su beniimmobili di proprietà di soggetti pubblici; Persona giuridica privata ● essere in possesso di Contratto di gestione su beni - Misura microcogenerazione diffusa:immobili di proprietà degli altri soggetti diversi da ● Gassoggetti pubblici; ● Biomasse ● fornire una copia conforme dell’atto di concessio- ● Ibrido - Misura rinnovabili:ne o del contratto, oppure ● Eolico ● fornire una dichiarazione autocertificata nei modi di ● Mini-idroelettricolegge rilasciata dal soggetto concedente, pubblico o priva- ● Biomasse termicoto, attestante la concessione o la stipula del contratto e ● Fotovoltaicocompleta dei dati relativi alla concessione o al contratto e - Misura usi finali: ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge-dei dati relativi al bene immobile oggetto dell’intervento. nerazione di potenza nominale fino a 500 kWe L’atto di concessione o il contratto deve essere ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassapienamente operante alla data di inoltro della domanda entalpia fino a 1 MWtdi ammissione al finanziamento agevolato; non sono - Misura ricercaammesse dichiarazioni o simili attestanti la volontà distipulare i relativi atti in momenti successivi. In caso di condomini che si avvalgono della ESCo, Comproprietàil contratto e la dichiarazione possono essere a firma Per le misure microcogenerazione diffusa, rinnova-dell’amministratore su procura notarile dei condomini. bili e usi finali gli interventi possono riguardare un La concessione o il contratto devono avere una unico bene immobile in comproprietà: saranno benefi-durata superiore alla durata del rimborso del finanzia- ciari del finanziamento tutti i comproprietari (siano essimento richiesto. persone fisiche o persone giuridiche private o imprese), cui sarà cointestato il contratto di finanziamento, inESCo regime di responsabilità solidale. Ai fini della presenta-- Misura microcogenerazione diffusa: zione della domanda di finanziamento tutti i soggetti● Gas comproprietari rilasciano apposita delega ad uno di● Biomasse essi alla sottoscrizione della domanda, nonché alla● Ibrido gestione del relativo procedimento istruttorio. Pena
  • 12. 14 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEinammissibilità della domanda stessa, le deleghe devo- ● da un minimo di 2 a un massimo di 4 unitàno essere allegate alla domanda di finanziamento. immobiliari non costituite in condominio si è in presen- Alla sottoscrizione del contratto di finanziamento, za di una comunione e l’accesso al finanziamento avvie-devono comparire tutti i soggetti comproprietari, salvo ne con i medesimi criteri previsti per i condomini.la possibilità di conferire apposita procura notarile ad L’accesso al finanziamento avviene tramite un rappre-un rappresentante comune. sentante comune che agisce mediante procura notarile Si evidenzia che anche in presenza di più Soggetti in nome e per conto di tutti i proprietari (siano essiBeneficiari della stessa natura giuridica (per esempio persone fisiche o persone giuridiche private o imprese);due o più “persone fisiche”, due o più “persone giuridi- pertanto il contratto di finanziamento sarà cointestato ache private”, due o più “imprese”) alla domanda presen- tutti i proprietari che saranno responsabili in solido.tata, pena la sua inammissibilità, devono essere allegati idocumenti prescritti come “ALLEGATI” alle pagine 70 Condominioe 71 Allegato a6) del Decreto Allegati, ivi comprese le - Misura microcogenerazione diffusa:comunicazioni/dichiarazioni di cui agli Allegati da b1) a ● Gasb3) ed f6) del Decreto Allegati, in conformità all’elenco ● Biomasse ● Ibridoivi riportato per ciascun Soggetto Beneficiario ed in - Misura rinnovabili:dipendenza dalla sua specifica tipologia (“persona fisi- ● Eolicoca” o “persona giuridica privata” o “impresa”). ● Mini-idroelettrico ● Biomasse termico Condomini e comunioni ● Fotovoltaico - Misura usi finali: Condomini: condomini, ai sensi del Libro III, Tito- ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge-lo VII, Capo II del Codice Civile, che comprendono nerazione di potenza nominale fino a 500 kWealmeno dieci unità abitative. ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa Per le misure microcogenerazione diffusa, rinnova- entalpia fino a 1 MWtbili e usi finali gli interventi possono riguardare leparti comuni di un bene immobile. I condomini devono richiedere ad una Banca Aderen- Soggetti pubblici: Regioni, Province, Comuni, Co-te il rilascio di fideiussione bancaria per un importo pari munità montane e gli altri soggetti a cui la leggeal 30% del finanziamento agevolato richiesto. La riconosce la personalità giuridica pubblica, incluse le“Dichiarazione della banca attestante il ricevimento associazioni, le unioni e i consorzi tra Enti locali, ledella richiesta di fideiussione e comunicazione dei agenzie regionali o locali per il risparmio energeticoparametri di affidabilità economico-finanziaria” - Al- nonché gli Istituti universitari e gli Istituti di ricercalegato b4) del Decreto Allegati - deve essere allegata compresi i loro consorzi.alla domanda di ammissione al finanziamento agevolato. La fideiussione bancaria deve essere unica per tutto Soggetto pubblicoil condominio; non è consentita la presentazione di - Misura microcogenerazione diffusa:una fideiussione bancaria per singolo condomino. ● Gas I condomini, in alternativa alla comunicazione dei ● Biomasse ● Ibridoparametri di affidabilità economico-finanziaria da parte - Misura rinnovabili:della Banca Aderente, devono richiedere la fideiussio- ● Eolicone bancaria pari al 35% del finanziamento agevolato. ● Mini-idroelettrico La Circolare Kyoto permette anche alle comunioni ● Biomasse termico ● Fotovoltaicoe ai condomini tra i proprietari sulle parti comuni di un ● Solare termicobene immobile, composto da un minimo di 2 ad un - Misura usi finali:massimo di 9 unità immobiliari, di presentare la do- ● interventi su involucro di edifici esistenti, parti di edifici esisten-manda di ammissione al finanziamento agevolato ap- ti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strutture opacheplicando i seguenti criteri: verticali, orizzontali o inclinate, chiusure trasparenti comprensive ● da un minimo di 5 a un massimo di 9 unità di infissi e vetri, chiusure apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se non apribili, delimitanti il volume riscaldato,immobiliari l’accesso al finanziamento avviene con i verso l’esterno e verso vani non riscaldatimedesimi criteri previsti per i condomini. L’accesso al ● Climatizzazione tramite teleriscaldamento da impianti di coge-finanziamento avviene tramite l’amministratore che nerazione di potenza nominale fino a 500 kWe ● Climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassaagisce mediante procura notarile in nome e per conto entalpia fino a 1 MWtdi tutti i proprietari (siano essi persone fisiche o ● Impianti di cogenerazione di potenza nominale fino a 5 MWepersone giuridiche private o imprese); pertanto, il alimentati da gas naturale, biomassa vegetale solida, biocombustibi-contratto di finanziamento sarà cointestato a tutti i li vegetali liquidi, biogas e in co-combustione gas naturale-biomassacondomini che saranno responsabili in solido. - Misura ricerca
  • 13. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 15DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDERegioni e Province autonome di Trento e Bolzano terziario. Per le misure microcogenerazione diffusa, rinnova-- Misura gestione forestale sostenibile bili e usi finali è, inoltre, possibile presentare un unico progetto di investimento che contempla l’integrazioneIstituti superiori di ricerca, sia pubblici che privati, di più interventi, comunque combinati (sistema inte-Università e loro consorzi, soggetti costituiti, anche in grato), da realizzarsi nello stesso sito.compartecipazione pubblico-privata, per la creazione di Sono assegnate all’intero territorio nazionale le risor-spin-off al fine di valorizzare i risultati della ricerca se relative alle misure che prevedono:- Misura ricerca a. la sostituzione dei motori elettrici industriali con potenza superiore a 90 kWe con motori ad alta efficienza; INTERVENTI FINANZIABILI b. l’eliminazione delle emissioni di protossido di azoto dai processi industriali; Introduzione c. i progetti pilota di ricerca e sviluppo di nuove Possono essere agevolati esclusivamente nuovi inve- tecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissio-stimenti, in beni immobili, in motori elettrici, in pro- ni o ad emissioni zero;cessi industriali, in ricerca e sviluppo, in gestione d. le pratiche di gestione forestale sostenibile attuateforestale sostenibile, la cui effettiva realizzazione non attraverso interventi diretti a ridurre il depauperamentoabbia avuto avvio in data precedente a quella di entra- dello stock di carbonio nei suoli forestali e nelle foreste.ta in vigore del Decreto Kyoto (22 aprile 2009). Il Soggetto Beneficiario, a pena di inammissibilità, In tutti i casi, le spese ammissibili per cui è richiesto il può presentare una sola domanda di ammissione alfinanziamento agevolato devono essere sostenute a parti- finanziamento agevolato per singola misura oltre are dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto. quella per sistema integrato. All’atto di presentazione della domanda di ammis- La CDP gestisce le risorse per Ciclo di Programma-sione al finanziamento agevolato il Soggetto Beneficia- zione, ripartite in specifici Plafond distinti per misurario allega una dichiarazione, resa ai sensi del DPR e per territorio come da Decreto Kyoto. Complessiva-445/2000, attestante che l’intervento presenta i requisi- mente i Plafond sono n. 67.ti di nuovo investimento secondo il testo, per le diver-se tipologie di Soggetto Beneficiario, di cui agli Alle- Ripartizione delle risorse a livello regionalegati da f1) a f6) del Decreto Allegati. Nel primo Ciclo di Programmazione, le risorse per le misure microcogenerazione diffusa, rinnovabili e usi Misure e investimenti finali (per un totale di 165 milioni di euro) sono state Sono ripartite su base regionale le risorse relative assegnate alle Regioni e Province autonome riconoscendo,alle misure che prevedono interventi su beni immobili per ciascuna di esse, una quota fissa ed una quota variabi-(edifici, terreni e altro come definito all’articolo 812 le. Quest’ultima è determinata con riferimento alla popola-del C.C.), quali: zione residente al 31 Dicembre 2007 e ai consumi di a. installazione di impianti di microcogenerazione energia elettrica rilevati entro lo stesso periodo di riferi-diffusa ad alto rendimento elettrico e termico; mento. b. installazione di impianti di piccola taglia per La seguente tabella riporta la ripartizione in Plafondl’utilizzazione delle fonti rinnovabili per la generazio- delle risorse per Regioni e Province autonome (all’in-ne di elettricità e calore; terno delle aree Nord, Centro e Sud), determinata c. installazione di impianti per l’incremento dell’effi- sommando l’importo spettante per la quota fissa e percienza negli usi finali dell’energia nei settori civile e quella variabile.Tabella - Ripartizione in Plafond delle risorse per Regioni e Province autonome Misura Misura Rinnovabili Misura Usi Finali Microcogenerazione Diffusa REGIONI Totale Totale TotalePiemonte 510.000,00 7.770.000,00 1.510.000,00Valle d’Aosta 110.000,00 1.220.000,00 290.000,00Lombardia 1.060.000,00 16.850.000,00 3.000.000,00Provincia autonoma Bolzano 145.000,00 1.740.000,00 390.000,00Provincia autonoma Trento 150.000,00 1.800.000,00 400.000,00Veneto 562.000,00 8.650.000,00 1.630.000,00Friuli-Venezia Giulia 233.000,00 3.200.000,00 600.000,00
  • 14. 16 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Misura Misura Rinnovabili Misura Usi Finali Microcogenerazione Diffusa REGIONI Totale Totale TotaleLiguria 223.000,00 3.040.000,00 710.000,00Emilia-Romagna 507.000,00 7.730.000,00 1.470.000,00 Regioni Nord 3.500.000,00 52.000.000,00 10.000.000,00Toscana 703.000,00 7.330.000,00 1.760.000,00Umbria 264.000,00 2.720.000,00 660.000,00Marche 340.000,00 3.510.000,00 850.000,00Lazio 885.000,00 9.250.000,00 2.210.000,00Abruzzo 308.000,00 3.190.000,00 770.000,00 Regioni Centro 2.500.000,00 26.000.000,00 6.250.000,00Molise 160.000,00 1.820.000,00 380.000,00Campania 965.000,00 12.800.000,00 2.080.000,00Puglia 835.000,00 11.050.000,00 1.815.000,00Basilicata 210.000,00 2.550.000,00 490.000,00Calabria 390.000,00 4.900.000,00 860.000,00Sicilia 940.000,00 12.450.000,00 2.030.000,00Sardegna 500.000,00 6.430.000,00 1.095.000,00 Regioni Sud 4.000.000,00 52.000.000,00 8.750.000,00 Totale 10.000.000,00 130.000.000,00 25.000.000,00 Gestione delle risorse ripartite a livello regio- a. le Regioni e le Province autonome che si sononale avvalse della predetta facoltà (di seguito indicate Per le sole misure microcogenerazione diffusa, come “Regioni di cui alla Tabella 1”);rinnovabili e usi finali il Decreto Kyoto consente b. gli Enti gestori regionali e i loro relativi indiriz-alle Regioni e Province autonome di gestire diretta- zi, ai quali i potenziali Soggetti Beneficiari, il cuimente le risorse assegnate, tramite gli Enti gestori bene oggetto di intervento è situato nelle Regioniregionali. elencate, devono inviare la domanda di ammissione Nella seguente tabella sono elencati: al finanziamento agevolato.Tabella 1 - Elenco Enti gestori regionali di cui all’art. 4, comma 7 e 8, Decreto Kyoto Regioni Ente gestore regionale (enti di sviluppo regionali o Società finanziarie regionali) FONDO KYOTORegione Abruzzo FI.R.A. SpA - Finanziaria Regionale Abruzzese c/o CDP S.p.A. / Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTORegione Basilicata Sviluppo Italia Basilicata Spa c/o CDP S.p.A. / Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTORegione Emilia Romagna ERVET - Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio S.p.a. c/o CDP S.p.A. / Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Cestec SpA - Centro per lo Sviluppo Tecnologico, l’Energia e la Competitività delle Piccole e MedieRegione Lombardia Imprese Lombarde c/o CDP S.p.A. / Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTORegione Piemonte Finpiemonte S.p.A. c/o CDP S.p.A. / Via Goito, 4 - 00185 ROMA Per le rimanenti Regioni e Province autonome, la intervento è situato nelle Regioni e Province auto-gestione delle attività relative al Fondo Kyoto nome stesse, devono inviare la domanda di ammis-rimane in carico al Ministero dellambiente e alla sione al finanziamento agevolato al seguente indi-CDP. I Soggetti Beneficiari, il cui bene oggetto di rizzo:
  • 15. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 17DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDETabella - Ente gestore CDP Regioni Ente gestoreCalabria, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, FONDO KYOTOMolise, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di CDP S.p.A.Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Via Goito, 4 - 00185 ROMAVeneto Ripartizione e gestione delle risorse per l’in- gnate all’intero territorio nazionale e sono gestitetero territorio nazionale dal Ministero dell’ambiente e dalla CDP. La seguen- Nel primo Ciclo di Programmazione, per le misu- te tabella riporta la ripartizione in Plafond dellere motori elettrici, protossido di azoto, ricerca e risorse per ciascuna misura assegnata a livello nazio-gestione forestale sostenibile le risorse sono asse- nale.Tabella - Ripartizione in Plafond delle risorse per l’intero territorio nazionale Misure per l’intero territorio nazionale Importo Ente gestoreMisura motori elettrici 15.000.000,00Misura di protossido di azoto 5.000.000,00 FONDO KYOTOMisura ricerca 5.000.000,00 CDP S.p.A.Misura gestione forestale sostenibile 10.000.000,00 Via Goito, 4 - 00185 ROMATotale 35.000.000,00 Finanziamenti agevolabili: soglie minime econo- si rimanda all’allegato d) al Decreto Allegati denomina-micamente convenienti to “Tabella costi unitari massimi ammissibili”; Sono di seguito indicate le taglie minime al di sotto b. Misura microcogenerazione diffusa: potenza (P) 5delle quali, ad oggi, non risulta economicamente conve- kWe;niente l’accesso al finanziamento agevolato: c. Misura motori elettrici: sostituzione di almeno 2 a. Misura rinnovabili motori esistenti, ciascuno di potenza superiore a 90 kWe 2 ● Solare Termico: impianti con superficie (S) 12 m ; con 2 nuovi motori; ● Eolico: potenza (P) 3 kWp; d. Almeno 20.000,00 euro di finanziamento agevolato ● Fotovoltaico: potenza (P) 3 kWp; per tutti gli altri interventi e per i sistemi integrati. ● Biomasse termico alimentato a pellets o a cippato(compresa tra 50 kWt e 450 kWt si rimanda all’allegato Soggetti Beneficiari delle misured) al Decreto Allegati denominato “Tabella costi unitari La seguente tabella riporta un quadro sintetico ovemassimi ammissibili”; sono identificati i Soggetti Beneficiari per singola misu- ● Mini-idroelettrico (compresa tra 1 kWp e 200 kWp): ra.Tabella Soggetti Beneficiari per singola misuraMisura microcogenerazione diffusa (ripartizione su base regionale) Beneficiari - “persona fisica”Sono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione, con potenza - “imprese”nominale compresa fino a 50 kWe che utilizzano quali fonti energetiche le seguenti: gas naturale, - “persona giuridica privata”Biomassa Vegetale Solida, biocombustibili liquidi di origine vegetale, Biogas e in co-combustione gas - “condomini”naturale-biomassa - “soggetti pubblici”Misura rinnovabili (ripartizione su base regionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione di piccola tagliaper l’utilizzo di singola fonte rinnovabile: - “persona fisica”- impianti eolici con una potenza nominale installata compresa tra 1 kWp e 200 kWp; - “imprese”- impianti idroelettrici con una potenza nominale installata compresa tra 1 kWp e 200 kWp; - “persona giuridica privata”- impianti termici a Biomassa Vegetale Solida (pellets o cippato) di potenza nominale termica (kWt) - “condomini”compresa tra 50 kWt e 450 kWt; - “soggetti pubblici”- impianti fotovoltaici integrati o parzialmente integrati negli edifici con una potenza nominalecompresa tra 1 kWp e 40 kWpSono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione di piccola tagliaper l’utilizzo di singola fonte rinnovabile: - “soggetti pubblici”- impianti solari termici con superficie d’apertura fino a 200 m2
  • 16. 18 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEMisura usi finali (ripartizione su base regionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per singolo intervento:- sull’involucro di edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardantistrutture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiusure trasparenti comprensive di infissi e vetri, - “soggetti pubblici”chiusure apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se non apribili, delimitanti il volumeriscaldato, verso l’esterno e verso vani non riscaldatiSono ammessi investimenti per singolo intervento:- per la climatizzazione diretta tramite teleriscaldamento da impianti di cogenerazione di potenza - “persona fisica”nominale fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, Biomassa Vegetale Solida, Biocombustibili - “imprese”Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa. Tale intervento è ammissibile solo - “persona giuridica privata”se contempla sia la realizzazione dell’impianto di cogenerazione che la realizzazione della rete di - “condomini”teleriscaldamento ad esso abbinata, inclusi gli allacciamenti agli edifici; - “soggetti pubblici”- per la climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa entalpia fino a 1 MWtSono ammessi investimenti per singolo intervento:- impianti di cogenerazione di potenza nominale fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, Biomassa - “soggetti pubblici”Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassaMisura motori elettrici (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per la sostituzione di motori con potenza nominale superiore a 90 kWe con - “imprese”apparecchiature ad alta efficienzaMisura protossido di azoto (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi investimenti sui cicli produttivi delle imprese che producono acido adipico e delle - “imprese”imprese agro-forestaliMisura ricerca (ripartizione su base nazionale) Beneficiari - Istituti superiori di ricerca, sia pubblici che privatiSono ammesse al finanziamento agevolato le attività di ricerca pre-competitiva per lo sviluppo di - Università e loro consorzitecnologie innovative per la produzione di energia da fonti rinnovabili, per la produzione e - soggetti costituiti, anche inseparazione e accumulo di idrogeno, per lo sviluppo di materiali, componenti e configurazioni compartecipazione pubblico-pri-innovative di celle a combustibile vata, per la creazione di spin- off al fine di valorizzare i risul- tati della ricercaMisura gestione forestale sostenibile (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi al finanziamento agevolato i progetti regionali che presentano la finalità di identificare - Regioni e Province autonomeinterventi diretti a ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei suoli forestali e nelle foreste Con riferimento alle misure microcogenerazione biente esterno, il terreno, altri edifici.diffusa, rinnovabili e usi finali, per i soggetti pubbli- Per “piccola rete isolata” si intende, ai sensi dell’arti-ci, gli interventi possono essere effettuati esclusiva- colo 2, comma 17, del decreto legislativo 16 marzomente su beni immobili di proprietà pubblica e nella 1999, n. 79, e ss.mm.ii., ogni rete con un consumodisponibilità degli stessi soggetti pubblici. Per i restan- inferiore a 2.500 GWh nel 1996, ove meno del 5 perti soggetti di natura privata, ad eccezione delle ESCo, cento è ottenuto dall’interconnessione con altre reti.che accedono alle suddette misure, gli interventi posso- Per tutte le misure, resta inteso che, laddove inter-no essere effettuati su beni immobili di proprietà del vengano innovazioni normative, il Soggetto Beneficia-Soggetto Beneficiario. rio deve attenersi alla normativa in vigore all’atto della presentazione della domanda di ammissione al Definizioni tecniche e specifiche aggiuntive finanziamento agevolato, con particolare riferimento All’articolo 6, comma 2, del Decreto Kyoto per al Decreto Legislativo del 3 marzo 2011, n. 28 e“edificio” si intende, ai sensi dell’articolo 1, comma 1, ss.mm.ii. sulle fonti rinnovabili e al Decreto Legislati-lettera a), del Decreto del Presidente della Repubblica vo 19 agosto 2005, n. 192 e ss.mm.ii. sul rendimento26 agosto 1993, n. 412 e ss.mm.ii., un sistema costitui- energetico in edilizia.to dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno Per gli impianti connessi alla rete elettrica si applica-spazio di volume definito, dalle strutture interne che no le disposizioni di cui alla Delibera 99/08 delripartiscono detto volume e da tutti gli impianti, dispo- 23/07/2008 dell’Autorità per l’energia elettrica ed ilsitivi tecnologici ed arredi che si trovano al suo inter- gas relativa al “Testo integrato delle condizioni tecni-no; la superficie esterna che delimita un edificio può che ed economiche per la connessione alle reti elettri-confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l’am- che con obbligo di connessione di terzi degli impianti
  • 17. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 19DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEdi produzione di energia elettrica (Testo integrato ● Specifica tecnica mini-idroelettrico (Decreto Al-delle connessioni attive - TICA)” che regola le condi- legati allegato c3))zioni tecnico-economiche per la connessione alle reti ● Specifica tecnica biomasse termico (Decreto Al-elettriche con obbligo di connessione di terzi degli legati allegato c4))impianti di produzione di energia elettrica e ss.mm.ii. ● Specifica tecnica solare termico (Decreto Alle-(si veda www.autorita.energia.it). gati allegato c5)) Dal 1˚ gennaio 2009 il servizio di scambio sul ● Specifiche aggiuntive per gli impianti solareposto è erogato sulla base della Deliberazione 3 termico (Circolare Cap. 3, Titolo 9)giugno 2008 - ARG/elt 74/08, “Testo integrato delle ● Specifica tecnica fotovoltaico (Decreto Allegatimodalità e delle condizioni tecnico-economiche per allegato c7))lo scambio sul posto - TISP” dell’Autorità per l’ener- ● Specifiche aggiuntive per impianti fotovoltaicogia elettrica ed il gas e ss.mm.ii. (si veda www.autori- (Circolare Cap. 3, Titolo 3)ta.energia.it). Misura usi finali Misura microcogenerazione diffusa Sono ammessi investimenti per singolo intervento: Sono ammessi investimenti per singolo intervento, 1. sull’involucro di edifici esistenti, parti di edificiin impianti di nuova costruzione, con potenza nomina- esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strut-le fino a 50 kWe che utilizzano quali fonti energetiche ture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiusurele seguenti: gas naturale, biomassa vegetale solida, trasparenti comprensive di infissi e vetri, chiusurebiocombustibili liquidi di origine vegetale, biogas e in apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche seco-combustione gas naturale-biomassa. non apribili, delimitanti il volume riscaldato, verso l’esterno e verso vani non riscaldati; RIFERIMENTI 2. I) per la climatizzazione diretta tramite teleriscal- ● Misura microcogenerazione diffusa (Decreto damento da impianti di cogenerazione di potenzaKyoto art. 6, co. 2, lett. a)) nominale fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, ● Specifica tecnica microcogenerazione diffusa biomassa vegetale solida, biocombustibili vegetali(Decreto Allegati allegato c1)) liquidi, biogas e in co-combustione gas naturale-bio- ● Specifiche aggiuntive per il biogas (Circolare massa. Tale intervento è ammissibile solo se contem-Kyoto Cap. 3, Titolo 4) pla sia la realizzazione dell’impianto di cogenerazio- ● Specifiche aggiuntive per le biomasse vegetali ne che la realizzazione della rete di teleriscaldamen-solide (Circolare Kyoto Cap. 3, Titolo 5) to ad esso abbinata, inclusi gli allacciamenti agli ● Specifiche aggiuntive per i biocombustibili ve- edifici;getali liquidi (Circolare Kyoto Cap. 3, Titolo 6) II) per la climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa entalpia fino a 1 MWt; Misura rinnovabili III) impianti di cogenerazione di potenza nominale Sono ammessi investimenti per singolo intervento, fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, biomassain impianti di nuova costruzione di piccola taglia per vegetale solida, biocombustibili vegetali liquidi, bio-l’utilizzo di singola fonte rinnovabile: gas e in co-combustione gas naturale-biomassa. - impianti eolici con una potenza nominale installatacompresa tra 1 kWp e 200 kWp; RIFERIMENTI - impianti idroelettrici con una potenza nominale ● Misura usi finali (Decreto Kyoto art. 6, co. 2,installata compresa tra 1kWp e 200 kWp; lett. d)) - impianti solari termici con superficie d’apertura ● Specifica tecnica usi finali (Decreto Allegatinon superiore a 200 m2; allegato c6)) - impianti termici a biomassa vegetale solida (pel- ● Specifiche aggiuntive per gli interventi sull’in-lets o cippato) di potenza nominale termica (kWt) volucro di edifici esistenti (Circolare Cap. 3, Titolocompresa tra 50 kWt e 450 kWt; 8) - impianti fotovoltaici integrati o parzialmente inte- ● Specifiche aggiuntive per gli impianti di coge-grati negli edifici con una potenza nominale compresa nerazione (art. 6 comma 2 lett. a) e lett. d), punto 2,tra 1 kWp e 40 kWp. I e III Decreto Kyoto) (Circolare Cap. 3, Titolo 10) ● Specifiche aggiuntive per gli impianti geotermi- RIFERIMENTI ci a bassa entalpia (Circolare Cap. 3, Titolo 11) ● Misura rinnovabili (Decreto Kyoto art. 6, co. 2,lett. b)) Sistema integrato ● Specifica tecnica eolico (Decreto Allegati allega- Progetti di investimento che contemplano l’integra-to c2)) zione di più interventi, comunque combinati, da realiz-
  • 18. 20 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEzarsi nello stesso sito. messi al beneficio erariale anche i soggetti apposita- Tale progetto può riguardare esclusivamente la com- mente costituiti, anche in compartecipazione pubblico-binazione delle misure microcogenerazione diffusa, privata, per la creazione di spin-off al fine di valorizza-rinnovabili e usi finali. re i risultati della ricerca. Il massimale di finanziamento agevolato per il pro- RIFERIMENTI getto di ricerca non può essere superiore a ● Sistemi integrati (Decreto Kyoto art. 2, co. 1, 1.000.000,00 di euro e comunque non può superare illett. h)) 50% dei costi ammissibili. ● Misure e investimenti (Circolare Cap. 1, Titolo Sono ammissibili al finanziamento agevolato i se-3) guenti costi: ● costi di personale adibito esclusivamente ad attivi- Misura motori elettrici tà di ricerca; Sono ammessi investimenti per la sostituzione di ● costo di strumenti e attrezzature utilizzati esclusi-motori con potenza nominale superiore a 90 kWe con vamente per le attività di ricerca;apparecchiature ad alta efficienza. ● costo di servizi di consulenze, brevetti, know- how e diritti di licenza strettamente necessari ed atti- RIFERIMENTI nenti all’attività di ricerca; ● Tabella motori elettrici (Decreto Allegati allega- ● costi di materiali, forniture e prodotti direttamen-to h)) te imputabili all’attività di ricerca. ● Specifiche per i motori elettrici vedi (CircolareCap.3, Titolo 7) Misura gestione forestale sostenibile Sono ammessi al finanziamento agevolato i progetti Misura protossido di azoto regionali che presentano la finalità di identificare inter- Sono ammessi investimenti sui cicli produttivi delle venti diretti a ridurre il depauperamento dello stock diimprese che producono acido adipico e delle imprese carbonio nei suoli forestali e nelle foreste.agro-forestali. Il massimale del finanziamento agevola- Possono fare istanza di accesso al finanziamentoto per la Misura protossido di azoto, non può essere agevolato le Regioni e le Province autonome di Trentosuperiore ad 1.000.000,00 euro moltiplicato per la per- e Bolzano.centuale di agevolazione pari al 70% per le imprese. Il massimale di finanziamento agevolato per la fina- lizzazione di progettazione di interventi diretti a ridur- Misura ricerca re il depauperamento dello stock di carbonio nei suoli Sono ammesse al finanziamento agevolato le attivi- forestali e nelle foreste non può essere superiore atà di ricerca precompetitiva per lo sviluppo di tecno- 500.000,00 euro.logie innovative per la produzione di energia da fonti Sono ammissibili al finanziamento agevolato i se-rinnovabili, per la produzione e separazione e accu- guenti costi:mulo di idrogeno, per lo sviluppo di materiali, com- ● costi di personale;ponenti e configurazioni innovative di celle a combu- ● costo di strumenti e attrezzature utilizzati esclusi-stibile. vamente ai fini della progettazione; Possono fare istanza di accesso al finanziamento ● costo di servizi di consulenze, brevetti, know-agevolato gli istituti superiori di ricerca, sia pubblici how e diritti di licenza strettamente necessari ed atti-che privati, le università e i loro consorzi. Sono am- nenti all’attività di gestione forestale.
  • 19. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 21DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE PROCEDURE tempo, favorisce la relazione tra cliente e banca. Il CDP dedica al Fondo Kyoto un’apposita sezione del Soggetto Beneficiario può quindi scegliere soltantoproprio sito web istituzionale (www.cassaddpp.it) ove una delle Banche che avranno aderito preventivamen-sono disponibili e scaricabili tutti i documenti utili per te alla Convenzione.la domanda di ammissione al finanziamento agevola- Le Banche convenzionate svolgono le seguenti atti-to. Tramite la stessa sezione si accede all’Applicativo vità:web per la gestione delle domande e dei progetti ● rilasciano al Soggetto Beneficiario una comunica-finanziati. zione (da allegare alla domanda di ammissione al L’Applicativo web offre ai Soggetti Beneficiari finanziamento agevolato) in cui dichiarano di avervantaggi di rapidità, di auto-validazione dei dati ricevuto la richiesta di fideiussione bancaria e in cuiimmessi e di acquisizione della prenotazione delle comunicano i dati relativi ai parametri di affidabilitàrisorse. economico-finanziaria; L’utilizzo dell’Applicativo web consente anche a ● producono la dichiarazione di impegno al rilasciotutti gli utenti (Soggetti Beneficiari, Ministero dell’am- della fideiussione bancaria e, successivamente al prov-biente, Ministero dello sviluppo economico, Regioni e vedimento di ammissione, la fideiussione bancaria perProvince autonome, Enti gestori regionali, Banche conto dei Soggetti Beneficiari persona fisica, imprese,Aderenti e CDP) di agire in consultazione e/o in persone giuridiche private e condomini;aggiornamento, in base alle autorizzazioni del profilo ● stipulano il contratto di finanziamento;assegnato. ● raccolgono la documentazione a supporto delle Il Soggetto Beneficiario, tramite l’Applicativo web, richieste di erogazione.comprensivo di un’area libera e di un’area riservata, Le domande di ammissione al finanziamento agevo-predisposto da CDP: lato devono essere presentate a decorrere dal quindi- ● ottiene le credenziali e cesimo giorno successivo alla data di pubblicazione ● accede alla compilazione della domanda on-line. della Circolare Kyoto sulla Gazzetta Ufficiale della Nell’area libera dell’Applicativo web il Soggetto Repubblica Italiana e fino al centotrentacinquesi-Beneficiario può: mo giorno compreso dalla stessa data di pubblica- ● accedere alla lista delle Banche Aderenti a cui zione. Qualora la scadenza del centotrentacinquesimorivolgersi come proprio partner; giorno dovesse risultare successiva alla data del 31 ● visionare la Disponibilità dei Plafond aggiornata dicembre 2012, saranno considerate pervenute nei ter-in tempo reale sulla base delle domande presentate e mini tutte le domande presentate entro il centotrenta-dell’istruttoria delle pratiche effettivamente pervenute; cinquesimo giorno come innanzi definito. Non saran- ● sviluppare tramite un’apposita funzione il Piano no, pertanto, accolte domande presentate oltre taled’ammortamento per una corretta compilazione del- ultimo termine.l’Allegato b) del Decreto Allegati. La compilazione della domanda tramite l’Applicati- Inoltre per assicurare una omogenea e diffusa co- vo web e la conseguente prenotazione telematica saran-pertura territoriale il Fondo Kyoto si avvale del no possibili a partire dalle ore 12.00 dello stessosistema bancario a cui viene offerta la possibilità di quindicesimo giorno.svolgere alcune attività. Ciascun istituto di credito Di seguito vengono illustrati i passaggi necessariaderendo alla Convenzione CDP - ABI offre al pro- per una corretta predisposizione della domanda diprio correntista la possibilità di richiedere finanzia- ammissione al finanziamento agevolato e altre in-menti agevolati in materia ambientale e, nello stesso formazioni utili per l’Utente.
  • 20. 22 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEPassi per una corretta compilazione della domanda 1 - Recarsi in banca banca attestante il ricevimento della richiesta di fideius- Il Soggetto Beneficiario (tranne i soggetti pubblici) sione e comunicazione dei parametri di affidabilità econo-deve recarsi in banca e richiedere la Dichiarazione della mico-finanziaria (cfr. Allegato b) del Decreto Allegati).
  • 21. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 23DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE2 - Predisporre allegatiAllegati da predisporre: SOGGETTO DOCUMENTAZIONE BENEFICIARIO 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Visura catastale aggiornata; 5. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto, allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f1) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente; 6. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f1) del Decreto Allegati); 7. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto;PERSONE FISICHE 8. Fotocopia leggibile del documento di identità del proprietario; 9. in caso di presenza di più proprietari allegare: - delega di ogni proprietario rilasciata al comproprietario sottoscrittore della domanda corredata di fotocopia leggibile del documento di identità di ogni delegante; 10. In caso di sottoscrizione della domanda da parte di un soggetto terzo non proprietario del bene oggetto dell’intervento, allegare: - procura notarile e fotocopia del documento di identità del procuratore rappresentante indicato nella Parte A del modulo di domanda; 11. Dichiarazione della banca attestante il ricevimento della richiesta di fideiussione e comunicazione dei parametri di affidabilità economico-fi- nanziaria (cfr. All. b1 del Decreto Allegati). In caso di comproprietà tra soggetti di diversa natura giuridica i parametri di affidabilità economico-finanziaria devono essere verificati per ciascun comproprietario siano essi persone fisiche o persone giuridiche private o imprese (cfr. All. b1), b2) e b3) del Decreto Allegati); 12. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto l’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 novembre 2008. (cfr. All. f1) del Decreto Allegati). 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Visura catastale aggiornata; 5. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f2) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente; 6. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f2) del Decreto Allegati); 7. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto; 8. Fotocopia leggibile del documento di identità del legale rappresentante indicato nella Parte A del modulo di domanda; 9. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 10. In caso di presenza di più imprese proprietarie allegare la delega di ogni rappresentante legale dell’impresa proprietaria rilasciata alla comproprietaria sottoscrittrice della domanda corredata di fotocopia leggibile del documento di identità di ogni delegante e del certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. come di seguito specificato; 11. Certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. comprensivo di dicitura antimafia, in corso di validità, da cui risulti: - la regolare iscrizione della società nel registro delle imprese; - l’attestazione che negli ultimi 5 anni non è pervenuta a carico della società dichiarazione di fallimento, liquidazione coatta amministrativa, ammissione in concordato o amministrazione controllata;IMPRESE - la composizione degli organi sociali in carica. N.B. nel caso di consorzio o società consortile proponente, la richiesta suddetta dovrà essere effettuata anche dai consorziati che detengano una quota del fondo consortile o del capitale superiore al 10% nonché dai consorziati per conto dei quali il consorzio o la società consortile opera in modo esclusivo nei confronti della P.A. 12. Certificato rilasciato dal competente Tribunale Fallimentare attestante l’assenza di procedure concorsuali a carico dell’impresa; 13. Documento unico di regolarità contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente (dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f2) del Decreto Allegati); 14. Dichiarazione della banca attestante il ricevimento della richiesta di fideiussione e comunicazione e dei parametri di affidabilità economico-finanziaria per ciascuna impresa comproprietaria (cfr. All. b2) del Decreto Allegati). In caso di comproprietà tra soggetti di diversa natura giuridica i parametri di affidabilità economico-finanziaria devono essere verificati per ciascun comproprietario siano essi persone fisiche o persone giuridiche private o imprese (cfr. All. b1), b2) e b3) del Decreto Allegati); 15. Dichiarazione sostitutiva “de minimis” resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f2) del Decreto Allegati); 16. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto l’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 novembre 2008. (cfr. All. f2) del Decreto Allegati); 17. Per i soggetti obbligati: due bilanci su base annuale (non rilegati) depositati presso il competente registro delle imprese da cui risulti la data dell’avvenuto deposito; 18. Nel caso in cui il richiedente sia una ESCo allegare inoltre: - copia conforme e autenticata dell’atto di concessione o del contratto di gestione; - dichiarazione autocertificata nei modi di legge del soggetto concedente, pubblico o privato, attestante la concessione o la stipula del contratto completa dei dati relativi alla concessione o al contratto e dei dati dell’immobile o degli immobili oggetto dell’intervento. 19. Nel caso in cui il progetto rientri nella “misura motori elettrici” compilare ed allegare la “scheda tecnica motori elettrici” (cfr. All. h) del Decreto Allegati).
  • 22. 24 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE SOGGETTO DOCUMENTAZIONE BENEFICIARIO 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Visura catastale aggiornata; 5. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f3) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente. 6. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f3) del Decreto Allegati); 7. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto; 8. Fotocopia leggibile del documento di identità del legale rappresentante indicato nella Parte A del modulo di domanda;PERSONE GIURIDICHE 9. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza;PRIVATE 10. In caso di presenza di più persone giuridiche private proprietarie allegare la delega di ogni rappresentante legale della persona giuridica privata proprietaria rilasciata alla comproprietaria sottoscrittrice della domanda corredata di fotocopia leggibile del documento di identità di ogni delegante e dello statuto, atto costitutivo e atto di riconoscimento; 11. Statuto; 12. Atto costitutivo; 13. Atto di riconoscimento; 14. Documento unico di regolarità contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente (dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 - cfr. All. f3) del Decreto Allegati); 15. Dichiarazione della banca attestante il ricevimento della richiesta di fideiussione e comunicazione e dei parametri di affidabilità economico-finanziaria per ciascuna persona giuridica privata comproprietaria (cfr. All. b3) del Decreto Allegati). In caso di comproprietà tra soggetti di diversa natura giuridica i parametri di affidabilità economico-finanziaria devono essere verificati per ciascun comproprieta- rio siano essi persone fisiche o persone giuridiche private o imprese (cfr. All. b1), b2) e b3) del Decreto Allegati); 16. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto l’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 novembre 2008. (cfr. All. f3) del Decreto Allegati). 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Visura catastale aggiornata; 5. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f4) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente. 6. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f4) del Decreto Allegati). 7. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto; 8. Dichiarazione della banca attestante il ricevimento della richiesta di fideiussione e comunicazione dei parametri di affidabilità economico-finan- ziaria (cfr. All. b4) del Decreto Allegati); 9. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto l’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 Novembre 2008. - (cfr. All. f4) del Decreto Allegati); 10. Elenco, completo di tutti i riferimenti (dati anagrafici, C.F., telefono, e-mail, ecc.) di ciascun condomino/partecipante alla comunione. 11. ULTERIORI ALLEGATI a) Per i condomini allegare: - Procura notarile e fotocopia leggibile del documento di identità sia dell’Amministratore indicato nella Parte A del modulo di domanda sia di ciascun condomino; - Verbale dell’Assemblea condominiale di: a) approvazione all’unanimità del progetto; b) riparto pro-quota dei costi tra i condomini; c) nomina Amministratore del condominio; d) delega all’Amministratore alla presentazione della domanda. b) Per le comunioni allegare:CONDOMINI - Procura notarile e fotocopia leggibile del documento di identità sia del procuratore rappresentante comune indicato nella Parte A bis del modulo di domanda sia di ciascun partecipante alla comunione. Nel caso in cui uno o più partecipanti alla comunione siano una impresa, oltre ai documenti di cui ai punti da 1 a 11, allegare (per ogni impresa partecipante alla comunione): 12. Certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. comprensivo di dicitura antimafia, in corso di validità, da cui risulti: - la regolare iscrizione della Società nel Registro delle Imprese; - l’attestazione che negli ultimi 5 anni non è pervenuta a carico della Società dichiarazione di fallimento, amministrativa coatta, ammissione in concordato o amministrazione controllata; - la composizione degli Organi sociali in carica; N.B. Nel caso di Consorzio o Società Consortile proponente, la richiesta suddetta dovrà essere effettuata anche dai consorziati che detengano una quota del fondo consortile o del capitale superiore al 10% nonché dai consorziati per conto dei quali il consorzio o la società consortile opera in modo esclusivo nei confronti della P.A. 13. Certificato rilasciato dal competente Tribunale Fallimentare attestante l’assenza di procedure concorsuali a carico dell’impresa. 14. Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente, con dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f4) del Decreto Allegati); 15. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 16. Dichiarazione sostitutiva “de minimis” resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f4) del Decreto Allegati); 17. Per i soggetti obbligati: due bilanci (non rilegati) su base annuale depositati presso il competente Registro delle Imprese da cui risulti la data dell’avvenuto deposito. Nel caso in cui uno o più partecipanti alla comunione siano una persona giuridica privata, oltre ai documenti di cui ai punti da 1 a 11, allegare (per ogni persona giuridica privata partecipante alla comunione): 18. Statuto; 19. Atto costitutivo; 20. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 21. Atto di riconoscimento; 22. Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente, con dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f4) del Decreto Allegati).
  • 23. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 25DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE SOGGETTO DOCUMENTAZIONE BENEFICIARIO 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f5) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente.SOGGETTI PUBBLICI 5. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f5) del Decreto Allegati). 6. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto; 7. Fotocopia leggibile del documento di identità del sottoscrittore indicato nella Parte A del modulo di domanda; 8. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 9. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto L’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 Novembre 2008. (cfr. All. f5) del Decreto Allegati). 1. Progetto definitivo; 2. Tabella costi ammissibili (cfr. All. e) del Decreto Allegati); 3. Crono-programma (descrizione della pianificazione sequenziale e temporale delle attività); 4. Visura catastale aggiornata; 5. Per le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’installazione dell’impianto allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni conseguite e richieste (cfr. All. f6) del Decreto Allegati); - copia delle autorizzazioni o della richiesta di autorizzazione o della DIA completa di documentazione di trasmissione o della comunicazione all’autorità competente. 6. Per le autorizzazioni necessarie all’esercizio, già conseguite o da conseguire allegare: - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000 completa di eventuale lista delle autorizzazioni necessarie all’esercizio (cfr. All. f6) del Decreto Allegati). 7. Ulteriore documentazione come prevista dal Capitolo 3 della Circolare Kyoto; 8. Fotocopia leggibile del documento di identità del comproprietario delegato sottoscrittore della domanda; 9. Delega di ogni comproprietario rilasciata al comproprietario sottoscrittore della domanda corredata di fotocopia leggibile del documento di identità di ogni comproprietario delegante; 10. Dichiarazione della banca attestante il ricevimento della richiesta di fideiussione e comunicazione dei parametri di affidabilità economico-fi- nanziaria per ciascun comproprietario (cfr. All. b1), b2) e b3) del Decreto Allegati); 11. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 attestante nuovi investimenti, in quanto l’intervento ha sostenuto le spese ammissibili a decorrere dalla data di pubblicazione della Circolare Kyoto ex art. 2, comma 1, lettera s) del Decreto del 25 Novembre 2008. - (cfr. All. f6) del Decreto Allegati). Nel caso in cui uno (o più) dei comproprietari sia una impresa, oltre ai documenti di cui ai punti da 1 a 11, allegare (per ogniCOMPROPRIETÀ impresa comproprietaria):TRA PIÙ SOGGETTI 12. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 13. Certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. comprensivo di dicitura antimafia, in corso di validità, da cui risulti: - la regolare iscrizione della Società nel Registro delle Imprese; - l’attestazione che negli ultimi 5 anni non è pervenuta a carico della Società dichiarazione di fallimento, liquidazione coatta amministrativa, ammissione in concordato o amministrazione controllata; - la composizione degli Organi sociali in carica. N.B. Nel caso di Consorzio o Società Consortile proponente, la richiesta suddetta dovrà essere effettuata anche dai consorziati che detengano una quota del fondo consortile o del capitale superiore al 10% nonché dai consorziati per conto dei quali il consorzio o la società consortile opera in modo esclusivo nei confronti della P.A. 14. Certificato rilasciato dal competente Tribunale Fallimentare attestante l’assenza di procedure concorsuali a carico dell’impresa; 15. Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente, con dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f6) del Decreto Allegati); 16. Dichiarazione sostitutiva “de minimis” resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f6) del Decreto Allegati); 17. Per i soggetti obbligati: due (non rilegati) bilanci su base annuale depositati presso il competente Registro delle imprese da cui risulti la data dell’avvenuto deposito. Nel caso in cui uno (o più) dei comproprietari sia una persona giuridica privata, oltre ai documenti di cui ai punti da 1 a 11, allegare (per ogni persona giuridica privata comproprietaria): 18. Documenti giustificativi dei poteri di rappresentanza; 19. Statuto; 20. Atto costitutivo; 21. Atto di riconoscimento; 22. Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) o copia dell’istanza di richiesta presentata all’istituto competente, con dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 (cfr. All. f6) del Decreto Allegati). 3 - Accreditamento sull’Applicativo web volte per conferma; È possibile procedere all’accreditamento a decorrere 2. trascrivere la sequenza di lettere o numeri chedal giorno successivo alla data di pubblicazione della appaiono offuscati sullo schermo (test captcha);Circolare Kyoto sulla Gazzetta Ufficiale. 3. selezionare la funzione “conferma” per aprire la Per accedere alla compilazione della Domanda, uti- schermata successiva.lizzando l’Applicativo web, i soggetti devono disporre Al termine della registrazione, il sistema genera ledelle credenziali di accesso che vengono rilasciate credenziali di accesso (userid e password) e le inviatramite la procedura di accreditamento disponibile sul all’indirizzo di posta elettronica specificato. La useridsito web di CDP. e la password sono utilizzati ai fini della compilazione Di seguito è illustrata la procedura: e della successiva visualizzazione della Domanda di 1. inserire i dati identificativi di una persona fisica ammissione al finanziamento agevolato. La mail invia-(nome, cognome e codice fiscale dell’Utente) ed un ta contiene:indirizzo e-mail: l’indirizzo mail viene richiesto due ● un codice (userid) generato in base all’iniziale del
  • 24. 26 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEnome e al cognome (es. m.rossi è la userid di Mario dal Regolamento web.Rossi). Nel caso la coppia nome e cognome dell’Uten- Nel caso in cui l’Utente non accetti il Disclaimerte risulti già registrata, alla userid generata con il nome dell’Applicativo web sarà reindirizzato alla pagina dedi-e cognome viene aggiunto un numero progressivo che cata all’inserimento delle proprie credenziali di acces-lo rende univoco (es. m.rossi2); so. ● la password iniziale generata come sequenza ca-suale di numeri e lettere. 6 - Conferma e stampa della Domanda Utilizzando la userid e password assegnate, al mo- Una volta compilate le sezioni in ogni loro parte,mento del primo accesso viene richiesto il cambio della l’Utente conferma la Domanda di ammissione al finan-password generata automaticamente. La nuova pas- ziamento agevolato acquisita dal sistema e ne riceve ilsword deve rispettare le seguenti regole: protocollo telematico. ● Lunghezza minima: 8 caratteri; In tale fase sulla Domanda può comparire la dicitura ● Numero minimo di caratteri numerici: 2. “Gestione fuori Plafond”: tale ipotesi si verifica nel La password digitata avrà durata massima 90 giorni caso in cui l’importo del finanziamento agevolato ri-solari. Al primo accesso successivo la scadenza dei 90 chiesto, nei limiti della percentuale di agevolazionegiorni viene richiesto il cambio della password scaduta. riconosciuta, sia superiore alla disponibilità residua del Utilizzando le stesse userid e password il soggetto Plafond di riferimento.può inserire più domande (una per ogni misura oltre a Si precisa, inoltre, che utilizzando la stessa useridquella per sistema integrato). l’Utente potrà inoltrare più domande, purché rispetti la regola per cui per ogni singola misura può presenta- 4 - Compilazione della Domanda on-line tramite re una sola Domanda di ammissione al finanziamentol’Applicativo web agevolato, oltre a quella per sistema integrato, pena L’Applicativo web consente ai soggetti accreditati di l’inammissibilità.inserire i dati relativi alla Domanda di ammissione al La Domanda di ammissione al finanziamento agevo-finanziamento agevolato e definisce subito l’ordine lato deve essere stampata (la stampa riporterà il proto-cronologico di presentazione delle stesse domande. collo telematico attribuito), sottoscritta e corredata L’Applicativo web guida il soggetto nell’immissione della documentazione richiesta.dei propri dati, dei dati relativi alla Banca Aderente di In fase di stampa della Domanda, l’Applicativo webriferimento, al progetto, alla domiciliazione delle comu- produce automaticamente un frontespizio ove è riporta-nicazioni, ecc.; to mittente, numero di protocollo telematico, indirizzo Di seguito sono elencate le fasi principali della di destinazione e data di chiusura della transazione dicompilazione: inserimento della Domanda. Analogamente a quanto 1. Scelta della tipologia di Soggetto Beneficiario; accade in fase di conferma della Domanda, sul fronte- 2. Immissione dei dati anagrafici del richiedente; spizio potrebbe essere riportata la dicitura “Gestione 3. Eventuale indicazione dei dati del procuratore e fuori Plafond”.della procura speciale; Il frontespizio deve essere applicato all’esterno 4. Immissione dei dati del beneficiario; del plico. 5. Immissione dei dati della banca; 6. Immissione dei dati del progetto; 7 - Sottoscrizione della Domanda di ammissione 7. Immissione dei dati dell’intervento; al finanziamento agevolato 8. Immissione dei dati caratteristici dellintervento; Effettuata la stampa, il modulo di domanda deve 9. Funzione “anteprima”; essere debitamente sottoscritto ed accompagnato dagli 10. Riepilogo allegati e accettazione Regolamento Allegati (vedi precedente paragrafo 2) richiesti inweb e Privacy e Conferma della Domanda; formato cartaceo, a pena di inammissibilità della 11. Elenco delle Domande presentate. Domanda stessa. Sull’Applicativo web è disponibile un aiuto in linea Sulla Domanda deve essere apposta una marca da(help on line). Durante la compilazione del modulo di bollo amministrativa, fatta salva l’esenzione previstadomanda, vengono proposte apposite finestre che forni- per i soggetti pubblici.scono spiegazioni sui singoli dati che il Soggetto Bene- La documentazione completa deve essere inviataficiario deve digitare. Tali istruzioni contengono anche entro il termine perentorio di 3 giorni solari successi-i criteri di valutazione aggiuntivi definiti dalla Regione vi alla data di chiusura della transazione di inseri-Piemonte. mento della Domanda di ammissione al finanzia- mento agevolato nell’Applicativo web. Se il terzo 5 - Accettazione del Regolamento web giorno solare coincide con un giorno festivo la scaden- È richiesto all’Utente il riconoscimento e za è prorogata al primo giorno lavorativo successivo.l´accettazione dei termini e delle condizioni previste Si precisa che per il rispetto del sopraindicato termi-
  • 25. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 27DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEne farà fede il timbro postale di spedizione. il modulo di domanda corredato degli allegati richiesti e Le domande e la relativa documentazione non inoltra- provvisto del frontespizio applicato all’esterno del plicote secondo quanto previsto dalla Circolare Kyoto, ovvero deve essere inviato a mezzo plico raccomandato A.R. oinviate oltre il sopraindicato termine, saranno ritenute “Raccomandata 1” con prova di consegna all’indirizzo:non ricevibili con conseguente decadenza dell’ordinecronologico inizialmente acquisito. Per tali domande non CDP S.p.A.sarà avviato il procedimento di istruttoria. Il modulo di domanda e la relativa documentazione FONDO KYOTOnon sono integrabili in momenti successivi a quello di CDP S.p.A.presentazione della stessa. Via Goito, 4 - 00185 ROMA 8 - Invio del plico contenente modulo di Domandae allegati Esclusivamente per le sole misure microcogenerazio- Per le misure nazionali e per le misure microcogene- ne diffusa, rinnovabili e usi finali, quando il benerazione diffusa, rinnovabili e usi finali, da realizzarsi oggetto di intervento è situato nelle Regioni di seguitonelle Regioni e Province autonome che non si sono indicate, la domanda e gli allegati devono essere inviatiavvalse della gestione diretta delle risorse loro assegnate, ai seguenti indirizzi: Regioni Ente gestore regionale (enti di sviluppo regionali o Società finanziarie regionali) FONDO KYOTO FI.R.A. SpA - Finanziaria Regionale AbruzzeseRegione Abruzzo c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Sviluppo Italia Basilicata S.p.A.Regione Basilicata c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTORegione Emilia Romagna ERVET - Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio S.p.a. c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Cestec SpA - Centro per lo Sviluppo Tecnologico, l’Energia e la Competitività delle Piccole e MedieRegione Lombardia Imprese Lombarde c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Finpiemonte S.p.A.Regione Piemonte c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA Si rammenta, inoltre, che: deve essere inviato, a mezzo raccomandata A.R. o ● Ogni plico deve contenere, a pena di inammissibi- “Raccomandata 1” con prova di consegna, a CDP olità, una sola Domanda di ammissione al finanziamen- agli Enti gestori regionali.to agevolato con la relativa documentazione in forma- Al ricevimento della comunicazione di rinunciato cartaceo in originale; CDP o gli Enti gestori regionali provvedono, entro tre ● Non è ammessa la consegna a mano dei plichi. giorni lavorativi, ad abilitare nuovamente il Soggetto Beneficiario all’inserimento di un’eventuale nuova Do- 9 - Rinuncia e modifica della Domanda compila- manda di ammissione al finanziamento agevolato sul-ta tramite l’Applicativo web la medesima misura. Si precisa che una volta inviata la Domanda di ammis- In ogni caso, il Soggetto Beneficiario è tenuto asione al finanziamento agevolato tramite l’Applicativo comunicare a CDP/ Enti gestori regionali qualsiasiweb, i dati ivi contenuti non potranno essere modificati variazione relativa ai dati inseriti nella Domanda adal Soggetto Beneficiario tramite lo stesso Applicativo mezzo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” conweb se non previa rinuncia alla Domanda stessa. prova di consegna. La rinuncia deve essere presentata mediante lacompilazione e la stampa dell’apposito modulo presen- 10 - Recupero userid/password dimenticatate sull’Applicativo web. Una volta firmato il modulo Se un soggetto intestatario di una userid dimentica
  • 26. 28 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEla userid o la password, per accedere al portale dovrà giorni viene richiesto il cambio della password scadu-effettuare nuovamente la registrazione specificando ta.esattamente gli stessi dati della prima registrazione odell’assegnazione automatica (stessi nome, cognome, 11 - Modifica dei dati anagrafici di accreditamen-codice fiscale e indirizzo mail): in tal caso il sistema tonon genererà un nuovo userid, ma si limiterà a genera- La modifica dei dati di accreditamento iniziale (qua-re in automatico una nuova password e ad inviarla allo li a titolo esemplificativo e non esaustivo: residenza,stesso indirizzo di posta elettronica della prima regi- sede, rappresentanza legale, composizione degli orga-strazione. Al momento del primo accesso successivo ni di amministrazione, capitale sociale, nome, ragionealla mail inviata, viene richiesto di nuovo il cambio sociale, ecc.) non è consentita in maniera autonoma aidella password generata automaticamente. La nuova soggetti intestatari di una userid.password deve rispettare le seguenti regole: Eventuali richieste di modifica dei dati anagrafici e/o ● Lunghezza minima: 8 caratteri; dell’indirizzo di posta elettronica associati alla userid ● Numero minimo di caratteri numerici: 2. assegnata, dovranno essere inoltrate tramite raccomanda- La password digitata avrà durata massima 90 giorni ta A.R. o “Raccomandata 1” con prova di consegna asolari. Al primo accesso successivo la scadenza dei 90 CDP, che provvederà ad aggiornare gli archivi. COME CALCOLARE IL FINANZIAMENTO to dell’impianto, i sistemi di misura dei vari parametri di funzionamento dell’impianto; Tipologie di costi ammissibili d. il montaggio, assemblaggio delle strutture nel caso Con riferimento all’Investimento Complessivo, con- di intervento di efficienza energetica degli edifici edcorrono alla determinazione del finanziamento agevola- installazione delle apparecchiature necessarie al funzio-to, ad eccezione della Misura ricerca e della Misura namento delle tipologie di intervento quali la microcoge-gestione forestale sostenibile, esclusivamente le seguen- nerazione e gli impianti a fonti rinnovabili;ti tipologie di costi: e. l’avviamento ed il collaudo dell’intervento ai fini a. la progettazione dell’intervento comprensiva degli dell’esercizio dell’impianto oppure la verifica dei para-eventuali studi di supporto (ad esempio la diagnosi metri utili alla dimostrazione della certificazione energe-energetica e gli studi di fattibilità correlati con l’inter- tica degli edifici.vento, se necessari); Sono esclusi i costi di autorizzazione, tasse e corri- b. le apparecchiature comprensive delle forniture di spettivi da pagare all’allacciamento alle reti nonché imateriali e dei componenti previsti per la realizzazione costi di esercizio a valle dell’avviamento dell’impiantodell’intervento; (ad esempio: personale, combustibili e manutenzione c. le infrastrutture comprese le opere civili, i supporti, ordinaria).le linee di adduzione dell’acqua, dell’energia elettrica Le su elencate tipologie di costi ammissibili debbono(comprensivo dell’allacciamento alla rete), del gas e/o essere strettamente riconducibili all’intervento oggettodel combustibile biomassa necessari per il funzionamen- di istanza di ammissione al finanziamento agevolato. TIPOLOGIE DI COSTI AMMISSIBILI MICROCOGENERAZIONE DIFFUSA - RINNOVABILI - GESTIONE FORESTALE RICERCA MOTORI ELETTRICI - USI FINALI - PROTOSSIDO DI AZOTO SOSTENIBILEprogettazione di sistema (max 8% del totale costi ammissibili)- compresi realizzazione di diagnosi energetica e studi di fattibilità costi di personale per ricerca costi di personalestrettamente necessaricosti apparecchiature costo di strumenti e attrezzature costo di strumenti e attrezzature- comprensivo delle forniture dei materiali e dei componenti per ricerca per progettazionestrettamente necessaricosti infrastrutture:- comprese le opere edili strettamente necessarie alla realizzazionedell’impianto costo di servizi di consulenze, costo di servizi di consulenze, brevetti, know-how e diritti di brevetti, know-how e diritti di- costi allacciamento rete licenza per ricerca licenza per gestione forestale- montaggio e assemblaggio tecnologie installabili (misura usifinali) costo di materiali, forniture ecosti di installazione, compresi avviamento e collaudo prodotti per ricercaesclusi i costi di esercizio (ad es: personale, combustibile e manu-tenzione ordinaria)
  • 27. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 29DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Massimali del finanziamento agevolato P ≤ 10 10 kWe 20 kWe I massimali del finanziamento agevolato sono da con- kWe < P ≤ 20 kWe < P ≤ 50 kWesiderarsi al netto dell’imposta sul valore aggiunto e, ove €/kWe €/kWe €/kWele condizioni di mercato lo richiedessero, possono essere Biomassa vegetale 9.000,00 8.000,00 7.000,00modificati con decreto del Ministero dell’ambiente di solidaconcerto con il Ministero dello sviluppo economico. Biocombustibili liquidi 4.000,00 3.000,00 2.500,00 Biogas 3.000,00 2.500,00 2.000,00 Costi unitari massimi ammissibili P: potenza nominale dell’impianto. Fatta eccezione per le misure ricerca, usi finali,protossido di azoto e gestione forestale sostenibile, i I costi unitari massimi ammissibili per gli impianticosti unitari massimi ammissibili per le altre misure alimentati con combustibile ibrido gas naturale-biomas-sono stati ricavati da una indagine di mercato inerente sa (solida, liquida e gassosa) verranno calcolati median-le apparecchiature necessarie per gli interventi di mi- do i valori in tabella sulla base della tecnologia associa-crocogenerazione e per gli impianti a fonti rinnovabili. ta e delle energie producibili dai singoli combustibili. I costi unitari massimi ammissibili sono considerati Qualora fosse prevista, in combinazione alla produzio-come valori limite ai fini della determinazione del ne di elettricità e calore, la produzione di freddo, prodot-massimale di finanziamento agevolato e sono indivi- to utilizzando macchine frigorifere alimentate dalla fon-duati tenendo conto delle migliori tecnologie attual- te termica del microcogeneratore, i costi unitari massimimente disponibili sul mercato. ammissibili in tabella sono aumentati del 20%. Tali costi potranno nel tempo subire una variazionesulla base dell’andamento del mercato legato agli im- Modalità di calcolo del costo unitario massimopianti previsti nelle varie misure di interesse del Fondo ammissibile per micro-cogeneratori ibridiKyoto. Questa variazione sarà indicata comunque da un Per impianto ibrido di microcogenerazione diffusaprovvedimento legislativo di adeguamento dei costi. si intende un impianto alimentato in co-combustione gas naturale e biomassa (solida, liquida, gassosa). Percentuali di agevolazione Il costo unitario massimo ammissibile per un im- Il finanziamento agevolato concesso rappresenta pianto ibrido (Cibrido) è calcolato come segue:una quota parte del costo totale del progetto; larestante parte è a carico del Soggetto Beneficiario ilquale potrà fare ricorso a strumenti propri o all’acces-so al credito bancario. Per tutte le misure agevolate (ad eccezione della“misura ricerca” e della “misura gestione forestalesostenibile”) e nel rispetto dei costi unitari massimiammissibili, le percentuali di agevolazione sono: Dove: ● 90% per i soggetti pubblici; ● pcii è il potere calorifico inferiore del combustibile i; ● 70% per imprese, persone fisiche, persone giuridi- ● qi è la portata in tonnellate/ora nel caso di combu-che private, condomini. stibili solidi e liquidi, ovvero la portata in standard Le ESCo beneficiano della percentuale di agevolazio- metri cubi/ora nel caso di gas;ne riconosciuta in capo al proprietario del bene immobile ● Ci è il costo unitario massimo ammissibile riferitooggetto dell’intervento per cui è presentata la domanda. alla tipologia di impianto di cui alla tabella “Microcogenerazione diffusa”. Misura microcogenerazione diffusa Ai fini del calcolo, i valori di pci sono assunti per Il massimale del finanziamento agevolato per la convenzione pari ai seguenti:Misura microcogenerazione diffusa è determinato, Tabella - Valori di “pci” di riferimento (Pernel rispetto delle tipologie di costo ammissibile, come convenzione, i valori sono tratti dalla Tabella para-prodotto tra la potenza nominale dell’impianto (P), il metri standard nazionali per l’inventario delle emis-costo unitario massimo ammissibile di cui alla seguen- sioni di CO2 nell’inventario nazionale UNFCCCte tabella e la percentuale di agevolazione. (aggiornati al 5 Marzo 2010)) Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa Combustibile PCI Unità di misura P ≤ 10 10 kWe 20 kWe Gas naturale e Biogas 35 GJ/1000 Stm3 kWe < P ≤ 20 kWe < P ≤ 50 kWe €/kWe €/kWe €/kWe Biomassa Vegetale Solida 10,5 GJ/tonnellataGas naturale 3.000,00 2.500,00 2.000,00 Biocombustibile Vegetale Liquido 35,6 GJ/tonnellata
  • 28. 30 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE In una apposita sezione del Progetto Definitivo allega-to alla domanda di ammissione al finanziamento agevo- Fotovoltaicolato, il Soggetto Beneficiario specifica la tipologia di Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusacombustibile e la relativa portata alla potenza nominale 1 kWp ≤ P ≤ 40 kWpespressa in Stm3/h (standard metri cubi/ora) per il gas ein tonnellate/ora per i combustibili solidi e liquidi. €/kWp Sono esclusi dal calcolo le portate di gas naturale 4.000 €/kWp per le tecnologie “tradizionali” (*)utilizzate nelle sole fasi di avvio. 6.500,00 €/kWp per le tecnologie “innovative” (**) Misura rinnovabili P: potenza nominale dell’impianto. Il massimale del finanziamento agevolato per la (*) “impianti solari fotovoltaici” di cui al titolo IIMisura rinnovabili è determinato, nel rispetto delle del DM del 5 maggio 2011 recante “Incentivazionetipologie di costo ammissibile, per i seguenti impianti: della produzione di energia elettrica da impianti solari a. Impianti eolici con potenza nominale installata fotovoltaici”(P) compresa tra 1 kWp ≤ P ≤ 200 kWp; (**) “impianti fotovoltaici integrati con caratteristi- b. Impianti idroelettrici con potenza nominale instal- che innovative” e “impianti fotovoltaici a concentrazio-lata (P) compresa tra 1 kWp ≤ P ≤ 200 kWp; ne” di cui al titolo III e IV del DM del 5 maggio 2011 c. Impianti termici a Biomassa Vegetale Solida(pellets o cippato) di potenza nominale termica (P in Solare termicokWt) compresa tra 50 kWt ≤ P ≤ 450 kWt; Il massimale del finanziamento agevolato per im- d. Impianti fotovoltaici integrati o parzialmente inte- pianti solari termici con superficie d’apertura (S) finograti negli edifici con una potenza nominale (P) com- a 200 m2 è determinato, come prodotto tra la superfi-presa fra 1 kWp ≤ P ≤ 40 kWp; cie di apertura dell’impianto, il costo unitario massimo come prodotto tra la potenza nominale dell’impian- ammissibile indicato nella seguente tabella e la percen-to (P), il costo unitario massimo ammissibile indicato tuale di agevolazione pari al 90% per i soggetti pubbli-nelle seguenti tabelle e la percentuale di agevolazione. ci. Eolico Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa 15 m2 < S ≤ 70 m2 < S ≤ S ≤ 15 m2 1 kWp ≤ P ≤ 5 kWp < P ≤ 10 kWp < P ≤ 50 kWp < P ≤ 70 m2 200 m2 5 kWp 10 kWp 50 kWp 200 kWp €/m2 €/m2 €/m2 €/kWp €/kWp €/kWp €/kWp Piani vetrati 900,00 750,00 650,00 4.500,00 3.000,00 2.500,00 2.000,00 Sottovuoto 1.050,00 850,00 750,00 P: potenza nominale dell’impianto La superficie di calcolo S (m2) è la superficie di apertura. Mini-idroelettrico Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa Per interventi che includono la realizzazione del 1 kWp ≤ P ≤ 10 10 kWp < P ≤ 50 50 kWp < P ≤ 200 gruppo di refrigerazione unitamente alla realizzazione kWp kWp kWp del campo solare è riconosciuto un costo unitario massimo ammissibile, aggiuntivo: €/kWp €/kWp €/kWp a. nel caso di raffrescamento solare realizzato trami- te macchine frigorifere ad assorbimento e ad adsorbi- 11.000,00 9.000,00 7.000,00 mento alimentate dalla fonte termica del campo sola- P: potenza nominale dell’impianto re, verrà riconosciuto un costo unitario massimo am- missibile, aggiuntivo a quello riferito alla componente Biomasse termico alimentato a pellets o a cippato solare, pari a 600,00 €/kWf (euro al kilowatt frigorife- Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa ro), IVA esclusa. Il massimale del finanziamento 50 kWt ≤ P ≤ 100 100 kWt < P ≤ 300 kWt < P ≤ agevolato per il solo gruppo di refrigerazione è, in tal kWt 300 kWt 200 kWt caso, pari al prodotto tra la potenza frigorifera installa- ta in kWf, il costo unitario massimo ammissibile di €/kWt €/kWt €/kWt 600,00 € /kWf e la percentuale di agevolazione. Tale massimale del finanziamento agevolato è da intender- 450,00 350,00 300,00 si aggiuntivo a quello della componente solare e non P: potenza nominale dell’impianto in kW termici (kWt) deve essere superiore a 30.000,00 euro (IVA esclusa) moltiplicato per la percentuale di agevolazione;
  • 29. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 31DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE b. nel caso di raffrescamento solare realizzato trami- b. per la climatizzazione diretta tramite teleriscalda-te macchine “DEC - Desiccant and Evaporative Coo- mento da impianti di cogenerazione di potenza nomina-ling” alimentate dalla fonte termica del campo solare, le fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, Biomassaverrà riconosciuto un costo unitario massimo ammissi- Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi,bile, aggiuntivo a quello riferito alla componente sola- Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa.re, pari a 10,00 € per m3/ora (€ /(m3 / h)) di portata Tale intervento è ammissibile solo se contempla sia lanominale dell’unità di trattamento aria, IVA esclusa. Il realizzazione dell’impianto di cogenerazione che lamassimale del finanziamento agevolato per il solo realizzazione della rete di teleriscaldamento ad essogruppo di refrigerazione è, in tal caso, pari al prodotto abbinata, inclusi gli allacciamenti agli edifici;tra la portata nominale dell’unità di trattamento aria in c. per la climatizzazione degli edifici da impiantim3/ora, il costo unitario massimo ammissibile di 10,00 geotermici a bassa entalpia fino a 1 MWt€ per m3/ora e la percentuale di agevolazione. Tale Il massimale del finanziamento agevolato per lamassimale del finanziamento agevolato è da intendersi Misura usi finali non può essere superiore adaggiuntivo a quello della componente solare e non 10.000.000,00 euro moltiplicato per la percentuale dideve essere superiore a 100.000,00 euro (IVA esclusa) agevolazione pari al 90% per i soggetti pubblici per ilmoltiplicato per la percentuale di agevolazione. seguente intervento: a. impianti di cogenerazione di potenza nominale Motori elettrici fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, Biomassa Il massimale del finanziamento agevolato per la Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi,Misura motori elettrici è determinato, nel rispetto delle Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa.tipologie di costo ammissibile, come prodotto tra ilnumero di motori sostituiti, il costo unitario massimo Misura protossido di azotoammissibile pari a 7.500,00 euro per motore e la Il massimale del finanziamento agevolato per lapercentuale di agevolazione pari al 70% per le imprese. Misura protossido di azoto, non può essere superiore ad 1.000.000,00 euro moltiplicato per la percentuale di Misura usi finali agevolazione pari al 70% per le imprese. Il massimale del finanziamento agevolato per laMisura usi finali non può essere superiore ad Sistema integrato1.500.000,00 euro moltiplicato per la percentuale di Nel caso in cui l’intervento proposto presenti leagevolazione per i seguenti interventi: caratteristiche di sistema integrato, ovvero progetti di a. sull’involucro di edifici esistenti, parti di edifici investimento che contemplano l’integrazione di inter-esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strut- venti combinati delle misure microcogenerazione dif-ture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiusure fusa, rinnovabili e usi finali da realizzarsi nello stessotrasparenti comprensive di infissi e vetri, chiusure sito, il massimale del finanziamento agevolato nonapribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se può superare 1.500.000,00 euro. In tali casi, la doman-non apribili, delimitanti il volume riscaldato, verso da di ammissione al finanziamento agevolato dovràl’esterno e verso vani non riscaldati; evidenziare i costi distinti per intervento.Tabella Calcolo del massimale di finanziamento agevolato Potenza nominale/ Costo unitario Percentuale di Massimale Misure Superficie/ N˚ / massimo agevolazione finanziamento Progetto ammissibile (CUmax) riconosciuta agevolato € x KWe (varia x scaglio- 90% (pubblici) / 70% N˚ KWe * CUmax* 1 Microcogenerazione KWe ni di Kwe Tab. Alleg. d) (altri) % Agev Decreto allegati) € x KWp/KWt/m2 (varia x N˚ KW/m2 * CUmax* 2 Rinnovabili KWt - KWp - m2 scaglioni Tab. Alleg. d) 90% (pubblici) / 70% (altri) % Agev Decreto allegati) 90%(pubblici) / 70% max € 1,5 mln (biomas- 3 Usi finali 1 progetto non previsto (altri) se max € 10 mln) 4 Sistemi integrati Misure 1, 2, 3 max € 1,5 mln N˚ motori > 90 KWe (sin- Tab. Alleg. d) Decreto 90% (pubblici) / 70% N˚ Motori * CUmax* 5 Motori elettrici golo motore) allegati (altri) % Agev 90% (pubblici) / 70% 6 Protossido di azoto 1 progetto non previsto max € 1.000.000 (altri)
  • 30. 32 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Potenza nominale/ Costo unitario Percentuale di Massimale Misure Superficie/ N˚ / massimo agevolazione finanziamento Progetto ammissibile (CUmax) riconosciuta agevolato 7 Ricerca 1 progetto non previsto 50% max € 1.000.000 Gestione forestale 1 (max) progetto * 8 1 progetto € 500.000 100% sostenibile CUmax AMMONTARE DEL FINANZIAMENTO AGEVOLATO Determinazione dell’importo del finanziamento agevolato L’ammontare del finanziamento agevolato viene Il finanziamento agevolato è determinato come ilcalcolato come il valore minimo tra: valore minimo tra: ● il massimale di finanziamento agevolato fissato 1. Il massimale del finanziamento agevolato =per ciascuna misura, definito sulla base di standard di 56.000 €costo per scaglioni di potenza o di superficie nonché 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e ildi limiti massimi per singolo progetto; totale generale dei costi ammissibili = 0,7*84.000 = ● il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il 58.800 €totale generale dei costi ammissibili; 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il ● il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il totale finanziamento agevolato richiesto: 0,7*82.000 =totale finanziamento agevolato richiesto, in funzione 57.400 €della capacità di autofinanziamento del soggetto richie- Pertanto il finanziamento agevolato concedibile èdente. pari a 56.000 € (IVA esclusa). Tale importo è da considerarsi al netto dell’imposta sul valore aggiunto. Esempi Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabella 1 valuteranno in ogni caso la congruità e Esempio 1 - Ipotesi di intervento per impianto di l’effettiva ammissibilità dei costi.micro-cogenerazione diffusa da 40 kWe a gas natu-rale per la produzione di elettricità e calore, la cui Esempio 2 - Ipotesi di Intervento relativo alladomanda di ammissione al finanziamento agevola- misura usi finali sull’involucro di un edificio pubbli-to è presentata da una impresa. co esistente, la cui domanda di ammissione al finan- ziamento agevolato è presentata da un soggetto Ipotesi pubblico. L’Investimento Complessivo (indicato nel modulo Ipotesidi domanda inteso come somma dei costi ammissibili L’Investimento Complessivo (indicato nel moduloe dei costi non ammissibili eventualmente sostenuti) è di domanda inteso come somma dei costi ammissibilipari a 90.000 € (IVA esclusa). e dei costi non ammissibili eventualmente sostenuti) è Il totale generale dei costi ammissibili di cui all’alle- pari a 550.000 € (IVA esclusa).gato e) del Decreto Allegati, pari alla somma dei costi Il totale generale dei costi ammissibili di cui all’alle-ammissibili, è pari a 84.000 € (IVA esclusa). gato e) del Decreto Allegati, pari alla somma dei costi Il totale finanziamento agevolato richiesto dal Sog- ammissibili, è pari a 500.000 € (IVA esclusa).getto Beneficiario (voce in allegato e)) è pari a 82.000 Il totale finanziamento agevolato richiesto dal Sog-€ (IVA esclusa). getto Beneficiario (voce in allegato e) del Decreto Allegati) è pari a 500.000 € (IVA esclusa). Determinazione del massimale del finanziamentoagevolato Determinazione del massimale del finanziamento Essendo il soggetto proponente un’impresa la per- agevolatocentuale di agevolazione è pari al 70%. Il costo unita- La percentuale di agevolazione per i soggetti pubbli-rio massimo ammissibile previsto per un intervento di ci è pari al 90%.microcogenerazione di 40 kWe di potenza è di 2000 [€ Pertanto il massimale del finanziamento agevolato/kWe](come da tabella microcogenerazione diffusa - per questo intervento sarà pari a:Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa). 1.500.000 * 0,9 = 1.350.000 € Pertanto il massimale del finanziamento agevolato Tale importo è da considerarsi al netto dell’impostaper questo intervento sarà pari a: sul valore aggiunto. 2000 [€/kWe]* 40 [kWe]* 0,7 = 56.000 € Tale importo è da considerarsi al netto dell’imposta Determinazione dell’importo del finanziamentosul valore aggiunto. agevolato: Il finanziamento agevolato è determinato come il
  • 31. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 33DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEvalore minimo tra: pubblico esistente 1. Il massimale del finanziamento agevolato = 2. impianto termico a biomasse da 300 kWt alimenta-1.350.000 € to a pellet 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e 3. impianto mini-eolico da 10 kWpil totale generale dei costi ammissibili = L’Investimento Complessivo (indicato nel modulo0,9*500.000 = 450.000 € di domanda inteso come somma dei costi ammissibili 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e e dei costi non ammissibili eventualmente sostenuti) èil totale finanziamento agevolato richiesto = pari a 455.000 €, IVA esclusa, risultante dalla somma0,9*500.000 = 450.000 € delle seguenti voci: Pertanto il finanziamento agevolato concedibile èpari a 450.000 € (IVA esclusa). Il finanziamento Intervento Costo totaleagevolato è da maggiorare dell’IVA applicabile ai (€ - IVA esclusa)costi ammissibili. Intervento su involucro 330.000 Il finanziamento agevolabile concedibile maggio- Impianto termico a biomassa 90.000rato dell’IVA è determinato con la seguente formu- Eolico 35.000la: FACi = FACe * [(TGCAi - TGCAe)/TGCAe] + Totale 455.000FACe Dove: In considerazione del fatto che l’allegato e) del “FACi” è il finanziamento agevolabile concedibi- Decreto Allegati va compilato separatamente per cia-le maggiorato dell’IVA; scun intervento, il totale generale dei costi ammissibi- “FACe” è il finanziamento agevolabile concedibi- li (inteso come il totale dei costi indicati anche nellale IVA esclusa (450.000 € ); tabella all’allegato e) del Decreto Allegati) risulterà “TGCAi” è il totale generale dei costi ammissibi- dalla somma degli importi relativi ai singoli interven-li IVA inclusa (voce in allegato e)); ti: “TGCAe” è il totale generale dei costi ammissibi-li IVA esclusa (500.000 € ) Totale generale dei Pertanto, ipotizzando un’aliquota IVA del 20% Intervento costi ammissibiliper ogni voce di costo ammissibile, il totale genera- (€ - IVA esclusa)le dei costi ammissibili IVA inclusa (TGCAi) è pari Intervento su involucro 315.000a 600.000 € . Impianto termico a biomassa 85.000 Applicando la formula di cui sopra si ottiene il Eolico 32.000seguente finanziamento agevolabile concedibile Totale 432.000maggiorato dell’IVA: FACi = 450.000 * [(600.000 - 500.000)/500.000] Ipotizziamo che il Soggetto Beneficiario non voglia+ 450.000 = 540.000 € richiedere per l’intervento sull’involucro un finanzia- Ipotizzando invece che l’intervento abbia costi mento agevolato pari al rispettivo totale generale deiammissibili con differenti valori di IVA (es. IVA al costi ammissibili (315.000 €) e che, pertanto, il totale10% ed IVA al 20%), e che, pertanto, il totale finanziamento agevolato richiesto per tale interventogenerale dei costi ammissibili IVA inclusa (TGCAi) sia pari a 300.000 € (voce in allegato e)). Il totalerisulti essere pari a 585.000 €, applicando la formu- finanziamento agevolato richiesto viene così a determi-la di cui sopra si otterrebbe il seguente finanziamen- narsi:to agevolabile concedibile maggiorato dell’IVA: FACi = 450.000 * [(585.000 - 500.000)/500.000] Totale finanziamento+ 450.000 = 526.500 € Intervento agevolato richiesto (€ - IVA esclusa) Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui allaTabella 1 valuteranno in ogni caso la congruità e Intervento su involucro 300.000l’effettiva ammissibilità dei costi. Impianto termico a biomassa 85.000 Eolico 32.000 Esempio 3 - Ipotesi di intervento per sistema Totale 417.000integrato, la cui domanda di ammissione al finan-ziamento agevolato è presentata da un soggettopubblico. Determinazione del massimale del finanziamento Ipotesi agevolato: Il sistema integrato è costituito da: La percentuale di agevolazione per i soggetti pubbli- 1. misura “usi finali” sull’involucro di un edificio ci è pari al 90%.
  • 32. 34 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Il massimale del finanziamento agevolato viene cal- 373.500 € (IVA esclusa), risultante dalla somma dellecolato (per ogni singolo intervento) come segue: seguenti voci: Finanziamento agevolato Massimale del Intervento concedibile finanziamento (IVA esclusa) Intervento Calcolo agevolato Intervento su involucro 270.000 (€ - IVA esclusa) Impianto termico a biomassa 76.500Intervento su Eolico 27.000 1.500.000 * 0,9 1.350.000involucroImpianto termi- 350 [€/kW ] * 300 kW * 0,9 Totale 373.500 94.500co a biomassa T tEolico 3000 [€/kWP] * 10 kWp * 0,9 Si ricorda che nel caso dei sistemi integrati, il 27.000 massimale del finanziamento agevolato non può su- Determinazione dell’importo del finanziamento perare 1.500.000,00 euro.agevolato: Il finanziamento agevolato è da maggiorare del- Il finanziamento agevolato è determinato come il l’IVA applicabile ai costi ammissibili.valore minimo tra: Ipotizzando un’aliquota IVA del 20% per ogni voce 1. Il massimale del finanziamento agevolato (per di costo ammissibile per ciascun intervento, il totaleogni singolo intervento) generale dei costi ammissibili IVA inclusa (TGCAi) per ciascun intervento è pari a (voce in allegato e)): Massimale del finanziamento Totale generale dei costi Intervento Calcolo Intervento agevolato ammissibili Iva inclusa (TGCAi) (€ - IVA esclusa)Intervento su Intervento su involucro 378.000 1.500.000 * 0,9 1.350.000involucro Impianto termico a biomassa 102.000Impianto termi- 350 [€/kW ] * 300 kW * 0,9 94.500 Eolico 38.400co a biomassa T tEolico 3000 [€/kWP] * 10 kWp * 0,9 27.000 Totale 518.400 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il Applicando la formula di cui all’Esempio 2 si ottie-totale generale dei costi ammissibili (per ogni singolo ne quanto segue:intervento) Intervento su involucro: FCAi = 270.000 * [(378.000-315.000)/ 315.000] + 270.000 = 324.000 € Totale generale dei Impianto termico a biomassa: FCAi = 76.500 * Intervento costi ammissibili [(102.000-85.000)/ 85.000] + 76.500 = 91.800 € (IVA esclusa) Eolico: FCAi = 27.000 * [(38.400-32.000)/ 32.000] Intervento su involucro 315.000 * 0,9 = 283.500 + 27.000 = 32.400 € Impianto termico a biomassa 85.000 * 0,9 = 76.500 Complessivamente, il finanziamento agevolabile Eolico 32.000 * 0,9 = 28.800 concedibile maggiorato dell’IVA (FCAi) è così deter- minato: 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e iltotale finanziamento agevolato richiesto (per ogni sin- Finanziamento agevolabilegolo intervento) Intervento concedibile maggiorate dell’IVA (FCAi) Totale generale dei Intervento su involucro 324.000 Intervento costi ammissibili (IVA esclusa) Impianto termico a biomassa 91.800Intervento su involucro 300.000 * 0,9 = 270.000 Eolico 32.400Impianto termico a biomassa 85.000 * 0,9 = 76.500 Totale 448.200Eolico 32.000 * 0,9 = 28.800 Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla Il valore totale del finanziamento agevolato per Tabella 1 valuteranno in ogni caso la congruità el’intervento sistema integrato sarà complessivamente l’effettiva ammissibilità dei costi.determinato come somma degli importi minimi identi-ficati per ogni singolo intervento. Il finanziamento agevolato sarà quindi pari a
  • 33. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 35DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE ISTRUTTORIA completa copertura finanziaria dell’intervento proposto. Il procedimento di ammissione al finanziamentoagevolato si articola nelle seguenti fasi: Raccolta delle domande a. raccolta delle domande; La CDP e gli Enti gestori regionali registrano le b. istruttoria preliminare; domande verificando: c. istruttoria tecnica; a. i dati contenuti sul frontespizio applicato all’ester- d. istruttoria economico-finanziaria; no del plico; e. provvedimento di ammissione e di diniego. b. il timbro postale di spedizione; Le domande presentate vengono esaminate seguen- c. l’eventuale presenza della dicitura “Gestione fuo-do l’ordine del protocollo telematico attribuito dall’Ap- ri Plafond”.plicativo web. Qualora, dalla verifica del timbro postale, le doman- Le istruttorie preliminare, tecnica ed economico-fi- de risultassero inviate oltre il termine di tre giorninanziaria devono essere considerate separate, distinte solari, queste saranno ritenute non ricevibili in quantoe consequenziali, con valutazione specifica alla conclu- fuori termine.sione di ogni singola fase; ciascuna valutazione si Per le domande inserite nella “Gestione fuori Pla-conclude con l’ammissione alla fase successiva ovve- fond”, non si procede all’apertura della busta ed ilro con la non ammissione. procedimento di ammissione al finanziamento s’inten- Il Soggetto Beneficiario è tenuto a comunicare a de sospeso. Solo nel momento in cui sono nuovamenteCDP/ Enti gestori regionali qualsiasi variazione relati- disponibili le risorse necessarie nel Plafond di riferi-va ai dati inseriti nella domanda. mento, si dà avvio al procedimento istruttorio come di seguito descritto e ne viene data comunicazione via CDP cura la fase di raccolta e istruttoria delle e-mail ai soggetti interessati.domande di ammissione al finanziamento agevolato L’istruttoria preliminare è effettuata da CDP/Entiper le seguenti misure: gestori regionali che verificano la corretta compilazio- ● Misura motori elettrici; ne della domanda, la completezza documentale della ● Misura protossido di azoto; domanda, con tutti i suoi allegati correttamente compi- ● Misura ricerca; lati e la sussistenza della disponibilità delle risorse. ● Misura gestione forestale sostenibile; L’istruttoria tecnica consiste nella verifica ineren- ● Misura microcogenerazione diffusa, Misura rin- te la validità tecnica del progetto presentato e nellanovabili, Misura usi finali per le Regioni e Province relativa ammissibilità e congruità dei costi relativamen-autonome che non si sono avvalse della possibilità di te ai soli progetti che hanno superato la precedentegestire autonomamente le attività relative al Fondo istruttoria preliminare.Kyoto. Tale istruttoria è svolta dal Ministero ambiente, Nel caso delle Regioni di cui alla Tabella 1, per le ovvero dagli Enti gestori regionali.misure microcogenerazione diffusa, rinnovabili e usi Qualora l’istruttoria tecnica si concluda con esitofinali, la fase di raccolta e istruttoria delle domande è positivo, viene definito l’importo concedibile, tenutocurata dai rispettivi Enti gestori regionali. conto anche del rispetto della regola “de minimis” e della durata del finanziamento, e vengono richieste Gestione Plafond presso CDP informazioni alla competente Prefettura, da parte del L’ammontare dei Plafond ed i relativi utilizzi vengo- Ministero dell’ambiente o delle Regioni, con riferimen-no pubblicati sul sito web di CDP. Le risorse assegna- to alle “imprese soggette alla verifica antimafia”.te si ritengono esaurite nel momento in cui sono stati L’istruttoria economico-finanziaria è effettuata daperfezionati i contratti di finanziamento per un valore CDP/Enti gestori regionali al fine di verificare la confor-pari alle risorse stesse. L’emanazione del provvedi- mità dei valori dei parametri di affidabilità economico-fi-mento di ammissione al finanziamento agevolato av- nanziaria e la compatibilità degli stessi rispetto allaviene fino ad esaurimento delle risorse. somma degli importi dei finanziamenti richiesti, di ac- Nei casi in cui l’importo del finanziamento agevola- quisire la dichiarazione di impegno al rilascio dellato richiesto, nei limiti della percentuale di agevolazio- fideiussione bancaria, nonché di verificare la sussistenzane riconosciuta, sia superiore alla disponibilità residua della disponibilità delle risorse. In riferimento ai sogget-del Plafond di riferimento si determina la “Gestione ti pubblici, in questa fase vengono verificati i presuppo-fuori Plafond”. Resta inteso che ciò non costituisce sti per l’indebitamento, di cui alla vigente normativa. Amotivo di decadenza della domanda di ammissione al seguito della verifica positiva relativa alla conformitàfinanziamento agevolato. dei valori dei parametri di affidabilità economico-finan- In caso di “Gestione fuori Plafond”, il procedimento ziaria, CDP e gli Enti Gestori Regionali provvedono aistruttorio viene avviato solo nel momento in cui sono richiedere al Soggetto Beneficiario ed alla Banca Ade-nuovamente disponibili le risorse necessarie a garantire la rente di riferimento il rilascio entro 20 giorni solari di
  • 34. 36 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEapposita dichiarazione attestante l’impegno di quest’ulti- Laddove, invece, l’istruttoria economico-finanziariama a prestare idonea Fideiussione Bancaria pari al 30% si concluda con esito positivo, il Ministero dell’am-(aumentata al 35 % per i soli “condomini”, in alternati- biente o le Regioni emanano un provvedimento diva alla Comunicazione dei parametri di affidabilità eco- ammissione al finanziamento agevolato, successiva-nomico-finanziaria) del finanziamento agevolato non mente ad un’ulteriore verifica circa il rispetto dellaappena venga emesso il provvedimento di ammissione. regola “de minimis”, e lo trasmettono a CDP. Nel caso in cui la Banca Aderente comunichi la CDP inoltra il provvedimento al Soggetto Beneficia-propria indisponibilità a rilasciare la predetta dichiarazio- rio tramite “Raccomandata 1” con invito a fornire tuttane, il Soggetto Beneficiario, entro il termine di 15 giorni la documentazione necessaria alla stipula del contrattosolari dalla comunicazione di esito negativo, deve invia- di finanziamento agevolato entro il termine perentoriore la dichiarazione di impegno di un’altra Banca Aderen- di 45 giorni solari decorrenti dalla data di ricezionete[1]. In tal caso, i termini relativi all’istruttoria vengono della notifica.sospesi a decorrere dalla comunicazione di CDP e/oEnti Gestori Regionali al Soggetto Beneficiario sino alla Inoltre il Soggetto Beneficiario, entro il terminedata di ricevimento della dichiarazione della Banca Ade-perentorio di 90 giorni solari dalla data di ricezionerente. Decorso inutilmente tale termine l’istruttoria sidella notifica di ammissione al finanziamento, trasmet-conclude con la decadenza della domanda. te, tramite raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” CDP e gli Enti gestori regionali o il Ministero con prova di consegna, a CDP o agli Enti gestoridell’ambiente e le Regioni, nel corso delle rispettive regionali:fasi di istruttoria, possono fare richiesta di chiarimen- a. le autorizzazioni in corso di validità (in originaleti, precisazioni e/o eventuali rettifiche necessari ai cartaceo o copia conforme), che al momento della do-fini dell’istruttoria stessa. Le risposte ai suddetti chiari- manda di ammissione al finanziamento agevolato nonmenti devono essere inoltrate, a mezzo raccomandata erano state ancora conseguite, necessarie all’avvio deiA.R. o “Raccomandata 1” con prova di consegna, lavori o all’apertura del cantiere per la costruzione eentro il termine di 15 giorni solari dalla data di ricevi- l’installazione delle opere e impianti relativi all’interven-mento della “Raccomandata 1”. L’istruttoria si conclu- to oggetto della domanda. Tutte le autorizzazioni allade con la decadenza della domanda oggetto della costruzione degli impianti devono soddisfare la vigenterichiesta di chiarimenti: normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e, per le a. in caso di mancato invio delle risposte, entro il opere civili, la vigente normativa in materia antisismica;citato termine di 15 giorni solari; b. la comunicazione di avvenuto inizio dei lavori b. o nel caso in cui le richieste inoltrate a mezzo specificandone la data e allegando copia del Verbale“Raccomandata 1” siano ritornate, rispettivamente a di consegna dei lavori ove previsto, o della dichiarazio-CDP, Enti Gestori Regionali, Ministero dell’ambiente ne del direttore dei lavori o di un tecnico abilitatoe Regioni di cui alla Tabella 1, per compiuta giacenza. negli altri casi; c. il contratto o i contratti preliminari, di durata Qualora anche una sola delle tre fasi istruttorie si pari almeno alla durata del finanziamento agevolatoconcluda con esito negativo, il Ministero ambiente o le concesso, stipulati con i soggetti fornitori della biomas-Regioni emanano un provvedimento di diniego. sa o del Biogas.[1] In tal caso, la “Dichiarazione di affidabilità economico-finanziaria” (cfr. allegati b) del Decreto Allegati) già sottoscritta dallaprecedente banca e parte integrante della domanda di ammissione all’agevolazione presentata, dovrà essere nuovamente inviata dalSoggetto Beneficiario a CDP, una volta timbrata e sottoscritta dalla nuova intervenuta banca a conferma dei dati in essa contenuti.
  • 35. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 37DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDESchematizzazione della fase Istruttoria CDP STIPULA ED EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO dell’ammortamento.AGEVOLATO Nel caso di ritardo da parte del Soggetto Beneficia- rio, nel pagamento dovuto in base al contratto di finan- Condizioni del finanziamento agevolato ziamento agevolato per capitale od interessi o ad altro titolo, a qualsiasi causa attribuibile, sono dovuti sull’im- forma → prestiti di scopo, porto non pagato gli interessi di mora al tasso di durata → non inferiore a 3 anni e non superiore a interesse legale.6 (15 anni per i soggetti pubblici). Per le ESCo si È consentita l’estinzione anticipata del finanziamen-applica la disciplina prevista per il Soggetto Beneficia- to agevolato, senza oneri o commissioni a carico delrio impresa, ancorché si tratti di finanziamenti riferiti a Soggetto Beneficiario.beni di proprietà pubblica, rate → semestrali, costanti (metodo francese), posti- Fideiussione Bancariacipate, In caso di ammissione all’agevolazione, in sede di tasso → fisso dello 0,50% annuo, così come deter- stipula del contratto di finanziamento, i Soggetti Benefi-minato con decreto dal Ministro dell’economia e delle ciari persona fisica, imprese, persona giuridica privatafinanze. e condomini devono presentare la Fideiussione Banca- Il piano di ammortamento viene sviluppato ad ogni ria, emessa in via esclusiva da una Banca Aderente. Ierogazione sull’importo dell’erogazione stessa e l’entra- soggetti pubblici non sono tenuti alla produzione dellata in ammortamento sarà dal 01/07 o 01/01 immediata- Fideiussione Bancaria.mente successivi alla data di erogazione. Il rimborsodel finanziamento agevolato avviene con emissione di Tale Fideiussione Bancaria deve essere rilasciata inavvisi di pagamento e con l’incasso delle rate alle favore del Ministero dell’ambiente per un importo pariscadenze previste. al 30% (per i condomini, in alternativa alla comunica- Per le erogazioni in data anteriore all’inizio dell’am- zione dei parametri di affidabilità economico-finanzia-mortamento, gli interessi di preammortamento sono ria da parte della Banca Aderente, per un importo paricalcolati, al medesimo tasso praticato sul prestito, dalla al 35%) del valore iniziale del finanziamento agevolatodata dell’erogazione fino al giorno precedente l’inizio concesso.
  • 36. 38 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDESchematizzazione della fase stipula ed erogazione Contratto di finanziamento e documentazione agevolato entro il termine perentorio di 45 giorni solaririchiesta dalla ricezione di tale notifica, pena la decadenza. Una volta ricevuto il provvedimento di ammissione Se non già trasmessa ovvero se non più in corso dial finanziamento agevolato, il Soggetto Beneficiario validità, il Soggetto Beneficiario deve rendere disponi-deve fornire alla propria Banca tutta la documentazio- bile la seguente documentazione al momento dellane necessaria alla stipula del contratto di finanziamento stipula:Elenco documentazione per la stipula del contratto di finanziamento Soggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile in caso di rappresentante); ● Fideiussione bancaria;Persone fisiche ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito; ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto; ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile); ● Certificato C.C.I.A.A. completo di dicitura “antimafia”; ● Certificato rilasciato dal competente Tribunale Fallimentare attestante l’assenza di procedure concorsuali a carico dell’impresa; ● D.U.R.C.;Imprese ● Fideiussione bancaria; ● Certificato di regolarità fiscale rilasciato dalla Agenzia delle Entrate/Dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000 (Allegato f7) al Decreto Allegati); ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito; ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto; ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione.
  • 37. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 39DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Soggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile); ● D.U.R.C.; ● Fideiussione bancaria;Persone giuridiche private ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito; ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto; ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile); ● Fideiussione bancaria;Condomini ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito; ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto; ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati);Soggetti pubblici ● Indicazione del conto corrente di accredito; ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto; ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione. La Banca verifica la completezza della documenta- di tutti i termini, obblighi, condizioni e quant’altrozione necessaria per la stipula e, dopo aver acquisito il previsto nel contratto di finanziamento, in relazionenecessario nulla osta da parte di CDP, procede alla allo stato di realizzazione del progetto agevolato.sottoscrizione del contratto di finanziamento agevola- La richiesta di ciascuna erogazione del finanziamen-to tra il Soggetto Beneficiario e il proprio funzionario to deve essere prodotta tramite Applicativo web eabilitato. successivamente stampata, corredata della documenta- zione richiesta (diversa a seconda che si tratti di Modalità di erogazione del finanziamento age- anticipazione, ratei intermedi o saldo finale) e presenta-volato ta alla propria Banca. Una volta avvenuta la stipula, l’erogazione del finan-ziamento agevolato è disposta come segue: Erogazione anticipazione - In caso di importi di finanziamento inferiori a € La richiesta di erogazione dell’anticipazione può50.000: essere presentata dal Soggetto Beneficiario al momen- o un’anticipazione pari all’80% del finanziamento to della stipula del contratto di finanziamento e vieneagevolato concesso; disposta entro 15 giorni lavorativi dalla data di esecuti- o un saldo pari al restante 20% del finanziamento, vità del contratto di finanziamento.previa trasmissione della documentazione finale. L’erogazione dell’anticipazione può non avvenire - In caso di importi di finanziamento compresi tra € nei termini di cui sopra sino a quando la CDP non50.000 e € 100.000: abbia acquisito il nulla osta dal Ministero dell’ambien- o un’anticipazione pari al 50% del finanziamento te o dalle Regioni di cui alla Tabella 1 circa leagevolato concesso; verifiche inerenti: o un saldo pari al restante 50% del finanziamento, - le autorizzazioni necessarie per la costruzione,previa trasmissione della documentazione finale. l’installazione e l’esercizio delle opere e impianti; - In caso di importi di finanziamento superiori a € - il contratto o i contratti preliminari stipulati con i100.000: soggetti fornitori della biomassa o del Biogas; o un’anticipazione pari al 20% del finanziamento - la richiesta di informazioni “antimafia”.agevolato concesso; Qualora l’esito di una o più delle sopra elencate o per l’ulteriore 50% del finanziamento (o 70% in verifiche sia negativo, si provvede alla revoca delassenza di anticipazione), ratei intermedi non inferiori finanziamento agevolato e alla conseguente risoluzio-al 25% del finanziamento stesso, alla realizzazione di ne del contratto di finanziamento.uno stato di avanzamento dei lavori di pari quota; CDP, sulla base dei nulla osta rilasciati dal Ministe- o un saldo pari al restante 30% del finanziamento, ro dell’ambiente o dalle Regioni di cui alla Tabella 1,previa trasmissione della documentazione finale. provvede all’erogazione delle somme con accredito L’erogazione del finanziamento agevolato avviene, diretto sul conto corrente del Soggetto Beneficiario ead esclusione dell’anticipazione, per stati di avanza- ne informa preventivamente la Banca Aderente e lomento lavori (SAL), e comunque previo assolvimento stesso Soggetto Beneficiario attraverso messaggio di
  • 38. 40 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEposta elettronica. l’Applicativo web, e, successivamente, è consegnata alla Banca Aderente di riferimento unitamente alla Erogazione ratei intermedi (SAL) documentazione di seguito elencata, qualora non sia La richiesta di erogazione dei ratei intermedi già stata trasmessa ovvero non sia più in corso di(SAL) è effettuata dal Soggetto Beneficiario, tramite validità.Elenco documentazione per erogazione ratei intermedi (SAL) Soggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione; ● Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori; ● Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettua-Imprese ti (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● Certificato C.C.I.A.A. completo di dicitura “antimafia”; ● D.U.R.C.; ● Certificato di regolarità fiscale rilasciato dalla Agenzia delle Entrate/Dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000 (Allegato f7) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione; ● Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori;Persone giuridiche private ● Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettua- ti (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● D.U.R.C.; ● Indicazione del conto corrente di accredito. Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione; ●Persone fisiche, Condomini Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori; ●e Soggetti pubblici Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia ● conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettua- ti (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● Indicazione del conto corrente di accredito. CDP, sulla base dei nulla osta rilasciati dal Ministe-ro dell’ambiente o dalle Regioni di cui alla Tabella 1,provvede all’erogazione delle somme con accreditodiretto sul conto corrente del Soggetto Beneficiario ene informa preventivamente la Banca Aderente e lostesso Soggetto Beneficiario attraverso messaggio diposta elettronica. Erogazione del saldo e documentazione finale Entro e non oltre 60 giorni solari dalla data ditermine dei lavori di realizzazione dell’investimento,il Soggetto Beneficiario provvede all’inserimento del-la richiesta di erogazione a saldo nell’Applicativo webe presenta alla Banca Aderente la documentazionetecnico-economica di seguito elencata:
  • 39. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 41DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEElenco documentazione finale del progetto Misura microcogenerazione diffusa● Documentazione finale di Progetto (come costruito), firmata da professionista o tecnico iscritto all’albo professionale (da presentaresolo nel caso siano intervenute delle varianti in corso d’opera);● relazione fotografica (non meno di 5 fotografie georeferenziate) dalla quale sia chiaramente distinguibile la tipologia del Progetto, iparticolari salienti che lo caratterizzano, il contesto/sito nel quale il Progetto è stato realizzato;● “certificato di collaudo tecnico-amministrativo”, completo di elenco delle fatture debitamente quietanzate peraltro allegate inoriginale o in copia conforme (come da modello scaricabile dal sito web). Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo può esseresostituito dal “certificato di regolare esecuzione” (come da modello disponibile sul sito web) nei casi previsti dall’articolo 141 del D.lgs.163/2006;● dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà firmata dal Soggetto Beneficiario attestante l’entrata in esercizio dell’impianto previstodal Progetto;● certificato di collaudo del Progetto;● laddove richiesto dalla normativa vigente, copia della denuncia di apertura di officina elettrica presentata all’UTF (oppure “copia delVerbale di Verifica di Primo impianto rilasciato dall’UTF”) oppure, se l’impianto immette tutta l’energia prodotta nella rete, copia dellacomunicazione fatta all’UTF sulle caratteristiche dell’impianto (ai sensi della circolare 17/D del 28 maggio 2007 dell’Agenzia delleDogane: disposizioni applicative del D.lgs. 2 febbraio 2007, n. 26);● copia conforme di tutte le autorizzazioni in corso di validità necessarie all’esercizio delle opere e impianti relativi all’interventooggetto della domanda di ammissione al finanziamento agevolato e dichiarazione di adempimento di tutti gli obblighi di legge previstidalla Normativa Kyoto;● copia della comunicazione con la quale il gestore di rete locale ha notificato al soggetto responsabile il codice identificativo delpunto di connessione alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 37.1, della deliberazione n. 111/06) (per gli impianticonnessi alla rete elettrica);● copia dei verbali di attivazione dei contatori di misura dell’energia prodotta e di connessione alla rete elettrica (per gli impianticonnessi alla rete elettrica). Misura rinnovabili● Documentazione finale di Progetto (come costruito), firmata da professionista o tecnico iscritto all’albo professionale (da presentaresolo nel caso siano intervenute delle varianti in corso d’opera);● relazione fotografica (non meno di 5 fotografie georeferenziate) dalla quale sia chiaramente distinguibile la tipologia del Progetto, iparticolari salienti che lo caratterizzano, il contesto/sito nel quale il Progetto è stato realizzato;● “certificato di collaudo tecnico-amministrativo”, completo di elenco delle fatture debitamente quietanzate peraltro allegate inoriginale o in copia conforme (come da modello scaricabile dal sito web). Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo può esseresostituito dal "certificato di regolare esecuzione" (come da modello disponibile sul sito web) nei casi previsti dall’articolo 141 del D.lgs.163/2006;● dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà firmata dal Soggetto Beneficiario attestante l’entrata in esercizio dell’impianto Previstodal Progetto;● certificato di collaudo del Progetto;● laddove richiesto dalla normativa vigente, copia della denuncia di apertura di officina elettrica presentata all’UTF (oppure “copia delVerbale di Verifica di Primo impianto rilasciato dall’UTF”) oppure, se l’impianto immette tutta l’energia prodotta nella rete, copia dellacomunicazione fatta all’UTF sulle caratteristiche dell’impianto (ai sensi della circolare 17/D del 28 maggio 2007 dell’Agenzia delleDogane: disposizioni applicative del D.lgs. 2 febbraio 2007, n. 26);● copia conforme di tutte le autorizzazioni in corso di validità necessarie all’esercizio delle opere e impianti relativi all’interventooggetto della domanda di ammissione al finanziamento agevolato e dichiarazione di adempimento di tutti gli obblighi di legge previstidalla Normativa Kyoto;● copia della comunicazione con la quale il gestore di rete locale ha notificato al soggetto responsabile il codice identificativo delpunto di connessione alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 37.1, della deliberazione n. 111/06) (per gli impianticonnessi alla rete elettrica);● copia dei verbali di attivazione dei contatori di misura dell’energia prodotta e di connessione alla rete elettrica (per gli impianticonnessi alla rete elettrica). Misura usi finali - Intervento art. 6, co. 2, lettera d), punto 1 (involucro edifici esistenti)● Documentazione finale di Progetto (come costruito), firmata da professionista o tecnico iscritto all’albo professionale (da presentaresolo nel caso siano intervenute delle varianti in corso d’opera);● relazione fotografica (non meno di 5 fotografie georeferenziate) dalla quale sia chiaramente distinguibile la tipologia del Progetto, iparticolari salienti che lo caratterizzano, il contesto/sito nel quale il Progetto è stato realizzato;● “certificato di collaudo tecnico-amministrativo”, completo di elenco delle fatture debitamente quietanzate peraltro allegate in originaleo in copia conforme (come da modello scaricabile dal sito web). Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo può essere sostituito dal“certificato di regolare esecuzione” (come da modello disponibile sul sito web) nei casi previsti dall’articolo 141 del D.lgs. 163/2006;● attestato di certificazione energetica;● eventuali certificazioni incluse quelle specificatamente previste dalla Normativa Kyoto;● se richiesto dalla normativa vigente, certificato di collaudo dell’edificio o dell’unità immobiliare a seguito degli interventi;● copia della comunicazione con la quale il gestore di rete locale ha notificato al soggetto responsabile il codice identificativo delpunto di connessione alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 37.1, della deliberazione n. 111/06) (per gli impianticonnessi alla rete elettrica);● copia dei verbali di attivazione dei contatori di misura dell’energia prodotta e di connessione alla rete elettrica(per gli impianticonnessi alla rete elettrica).
  • 40. 42 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Misura usi finali - Intervento art. 6, co. 2, lettera d), punto 2 (teleriscaldamento, impianti geotermici, cogenerazione)● Documentazione finale di Progetto (come costruito), firmata da professionista o tecnico iscritto all’albo professionale (da presentaresolo nel caso siano intervenute delle varianti in corso d’opera);● relazione fotografica (non meno di 5 fotografie georeferenziate) dalla quale sia chiaramente distinguibile la tipologia del Progetto, iparticolari salienti che lo caratterizzano, il contesto/sito nel quale il Progetto è stato realizzato;● “certificato di collaudo tecnico-amministrativo”, completo di elenco delle fatture debitamente quietanzate peraltro allegate in originaleo in copia conforme (come da modello scaricabile dal sito web). Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo può essere sostituito dal“certificato di regolare esecuzione” (come da modello disponibile sul sito web) nei casi previsti dall’articolo 141 del D.lgs. 163/2006;● dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà firmata dal Soggetto Beneficiario attestante l’entrata in esercizio dell’impianto previstodal Progetto;● certificato di collaudo del Progetto;● laddove richiesto dalla normativa vigente, copia della denuncia di apertura di officina elettrica presentata all’UTF (oppure “copia delVerbale di Verifica di Primo impianto rilasciato dall’UTF”) oppure, se l’impianto immette tutta l’energia prodotta nella rete, copia dellacomunicazione fatta all’UTF sulle caratteristiche dell’impianto (ai sensi della circolare 17/D del 28 maggio 2007 dell’Agenzia delleDogane: disposizioni applicative del D.lgs. 2 febbraio 2007, n. 26);● copia conforme di tutte le autorizzazioni in corso di validità necessarie all’esercizio delle opere e impianti relativi all’interventooggetto della domanda di ammissione al finanziamento agevolato e dichiarazione di adempimento di tutti gli obblighi di legge previstidalla Normativa Kyoto;● copia della comunicazione con la quale il gestore di rete locale ha notificato al soggetto responsabile il codice identificativo delpunto di connessione alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 37.1, della deliberazione n. 111/06) (per gli impianticonnessi alla rete elettrica);● copia dei verbali di attivazione dei contatori di misura dell’energia prodotta e di connessione alla rete elettrica (per gli impianticonnessi alla rete elettrica). Misura motori elettrici● Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme dellefatture, con l’indicazione della potenza e dei codici prodotto dei singoli motori, e di documentazione comprovante le speseeffettivamente sostenute per l’acquisto degli stessi;● certificazione del produttore del motore prevista dalla Normativa Kyoto;● certificato di collaudo dei motori qualora sia richiesto dalla normativa vigente. Misura protossido di azoto● Documentazione finale di Progetto (come costruito), firmata da professionista o tecnico iscritto all’albo professionale (da presentaresolo nel caso siano intervenute delle varianti in corso d’opera);● relazione fotografica (non meno di 5 fotografie georeferenziate) dalla quale sia chiaramente distinguibile la tipologia del Progetto, iparticolari salienti che lo caratterizzano, il contesto/sito nel quale il Progetto è stato realizzato;● “certificato di collaudo tecnico-amministrativo”, completo di elenco delle fatture debitamente quietanzate peraltro allegate in originaleo in copia conforme (come da modello scaricabile dal sito web). Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo può essere sostituito dal“certificato di regolare esecuzione” (come da modello disponibile sul sito web) nei casi previsti dall’articolo 141 del D.lgs. 163/2006;● copia della comunicazione con la quale il gestore di rete locale ha notificato al soggetto responsabile il codice identificativo delpunto di connessione alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 37.1, della deliberazione n. 111/06) (per gli impianticonnessi alla rete elettrica);● copia dei verbali di attivazione dei contatori di misura dell’energia prodotta e di connessione alla rete elettrica (per gli impianticonnessi alla rete elettrica). Misura ricerca● Relazione finale del Progetto corredata dei risultati sperimentali della tecnologia oggetto di ricerca;● dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatturerelative all’intervento e di documentazione comprovante le spese sostenute;● relazione fotografica;● copia di eventuali brevetti derivati dal Progetto e/o articoli di ricerca pubblicati su riviste scientifiche nazionali edinternazionali;● documentazione attestante la creazione di eventuali spin-off atti a valorizzare i risultati della ricerca. Misura gestione forestale sostenibile● Relazione finale del Progetto nella quale sia chiaramente definito, ed identificabile, il beneficio in termini di anidride carbonicastoccata nei suoli forestali e nelle foreste a seguito dell’attuazione degli interventi identificati;● dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatturerelative all’intervento e di documentazione comprovante le spese sostenute. Il Soggetto Beneficiario, inoltre, deve provvedere a CDP, sulla base dei nulla osta rilasciati dal Ministe-trasmettere a CDP e, per le Regioni di cui alla Tabella ro dell’ambiente o dalle Regioni di cui alla Tabella 1,1, agli Enti gestori regionali copia conforme di tutte le provvede all’erogazione delle somme con accreditoautorizzazioni in corso di validità necessarie all’eserci- diretto sul conto corrente del Soggetto Beneficiario ezio delle opere e impianti relativi all’intervento ogget- ne informa preventivamente la Banca Aderente e loto della domanda di ammissione al finanziamento stesso Soggetto Beneficiario attraverso messaggio diagevolato. posta elettronica.
  • 41. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 43DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE VARIAZIONI E RECUPERO SOMME proroga del termine di fine lavori. Tale proroga non può essere superiore ad ulteriori 180 giorni solari Variazioni di titolarità e dei dati decorrenti dalla data di fine lavori precedentemente Il Soggetto Beneficiario del finanziamento agevo- prevista. L’istanza di proroga deve essere trasmessa alato, che ha sottoscritto il contratto, non può cedere CDP/Enti gestori regionali, tramite raccomandata A.R.il contratto, e/o procedere ad atti comportanti una o “Raccomandata 1” con prova di consegna, debita-novazione soggettiva (passiva), quali accollo, espro- mente sottoscritta e motivata nonché corredata, semissione e delegazione, pena la revoca del finanzia- esistenti, dai precedenti stati di avanzamento dei lavo-mento. ri, e deve pervenire entro l’originario termine di fine lavori. Le uniche variazioni di titolarità ammesse sonoquelle derivanti da: Modifica del cronoprogramma - atto tra vivi e altre variazioni di natura giuridi- Il Soggetto Beneficiario è tenuto a comunicare tem-ca (trasformazione societaria, scissione, fusione per pestivamente gli aggiornamenti relativi alla pianifica-unione o incorporazione, ecc.). Per le misure microco- zione sequenziale e temporale delle attività intervenutigenerazione diffusa, rinnovabili ed usi finali, colui nel rispetto dei termini di realizzazione dell’investi-che subentra quale nuovo titolare del contratto di mento. Tali aggiornamenti, devono essere inviati trami-finanziamento deve essere un proprietario del bene te raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” con provaimmobile su cui insiste l’intervento; di consegna a CDP/Enti gestori regionali. Resta inteso - atto mortis causa. In caso di soggetti privati e che tali modifiche debbono rispettare i termini origina-società di persone, l’avvenuto decesso dovrà essere co- ri di fine lavori o quelli eventualmente conseguentimunicato con immediatezza da parte degli eredi del de alla concessione della proroga.cuius. Varianti Il Soggetto Beneficiario deve comunicare, a mez- Qualora si debba apportare una variante al proget-zo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” con pro- to ammesso al finanziamento agevolato, il Soggettova di consegna, a CDP/Enti gestori regionali, qualsia- Beneficiario è tenuto in via preventiva ad inviare, asi variazione soggettiva intervenuta nella titolarità mezzo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” condel finanziamento agevolato motivandone la ragione. prova di consegna, a CDP/Enti gestori regionali,A tal fine alla richiesta dovranno essere allegati tutti richiesta di variante debitamente sottoscritta, motiva-i relativi documenti e/o atti attestanti e comprovanti ta e integrata da idonea documentazione giustificati-la variazione. Inoltre, deve essere allegata una comu- va.nicazione in cui la Banca Aderente dichiara di aver La variante non può in alcun modo comportarericevuto la richiesta di fideiussione bancaria e comu- ulteriori oneri e non può essere oggetto di finanziamen-nica i dati relativi ai parametri di affidabilità econo- to agevolato integrativo. I lavori relativi alla variantemico-finanziaria. Tale richiesta deve essere presenta- non possono essere realizzati prima dell’avvenuta rice-ta, a mezzo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” zione della comunicazione di accettazione. In casocon prova di consegna, a CDP/Enti gestori regionali, contrario non sono considerati ammissibili i relativianche qualora la variazione di titolarità intervenga costi sostenuti in data precedente alla comunicazionenel lasso di tempo che intercorre tra la presentazione di accettazione della variante. Le varianti non devonodella domanda di ammissione al finanziamento age- in alcun modo comportare un peggioramento dellevolato e la stipula del contratto di finanziamento. In caratteristiche energetiche del progetto approvato eogni caso, la variazione è condizionata alla preventi- ammesso a finanziamento, se non in casi eccezionali eva accettazione. debitamente motivati. Con le stesse modalità di cui sopra, il Soggetto Modalità di recupero delle sommeBeneficiario può comunicare le variazioni dei dati Equitalia è il soggetto deputato al recupero coatti-intervenute dopo l’invio della domanda di ammissione vo delle somme già erogate, che avviene medianteal finanziamento (ad es. residenza, sede, capitale socia- ruolo.le, nome, rappresentanza legale, composizione degliorgani di amministrazione, ragione sociale, ecc.). Proroghe, modifica del cronoprogramma e va-rianti Proroghe Il Soggetto Beneficiario può proporre istanza di
  • 42. FONDO KYOTO Guida agli incentiviRiferimenti normativi I riferimenti normativi (leggi, decreti e circolare esplicativa) che completano il Vademecum mes- so a punto dalla Cassa depositi e prestiti per spie- gare a cittadini e imprese come ottenere i finan- ziamenti previsti dal Fondo Kyoto per l’energia verde.
  • 43. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 45DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Dalla Finanziaria 2007 all’ultima circolare approvata dal ministero dell’Ambiente Ecco la rassegna delle norme sul Fondo Kyoto, dai commi contenuti nella Finanziaria del 2007 alla circolare del primo marzo 2012. Per motivi di spazio il decreto del ministero dell’Ambiente del 19 luglio 2011 è stato pubblicato separatamente. 1. 1112. Per il triennio 2007-2009 sono finanziate LEGGE 27 DICEMBRE 2006, N. 296 prioritariamente le misure di seguito elencate: Disposizioni per la formazione del bilancio a) installazione di impianti di microcogenerazione annuale e pluriennale dello Stato (legge diffusa ad alto rendimento elettrico e termico; finanziaria 2007)[*]. b) installazione di impianti di piccola taglia per l’utilizzazione delle fonti rinnovabili per la generazio- 1. 1110. Per il finanziamento delle misure finalizza- ne di elettricità e calore;te all’attuazione del Protocollo di Kyoto alla Conven- c) sostituzione dei motori elettrici industriali conzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti potenza superiore a 45 kW con motori ad alta efficien-climatici, fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997, reso za;esecutivo dalla legge 1˚ giugno 2002, n. 120, previste d) incremento dell’efficienza negli usi finali del-dalla delibera CIPE n. 123 del 19 dicembre 2002, l’energia nei settori civile e terziario;pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22 marzo e) eliminazione delle emissioni di protossido di2003, e successivi aggiornamenti, e istituito un Fondo azoto dai processi industriali;rotativo. f) progetti pilota di ricerca e sviluppo di nuove 1. 1111. Entro tre mesi dalla data di entrata in tecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissio-vigore della presente legge il Ministro dell’ambiente e ni o ad emissioni zero;della tutela del territorio e del mare, di concerto con il f-bis) pratiche di gestione forestale sostenibile attua-Ministro dello sviluppo economico, sentita la Confe- te attraverso interventi diretti a ridurre il depaupera-renza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislati- mento dello stock di carbonio nei suoli forestali e nellevo 28 agosto 1997, n. 281, individua le modalità per foreste[2].l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato della 1. 1113. Nel triennio 2007-2009 le risorse destinatedurata non superiore a settantadue mesi a soggetti al Fondo di cui al comma 1110 ammontano a 200pubblici o privati. Nello stesso termine, con decreto milioni di euro all’anno. In sede di prima applicazio-del Ministro dell’economia e delle finanze, e individua- ne, al Fondo possono essere riversate, in aggiunta, leto il tasso di interesse da applicare[1]. risorse di cui all’articolo 2, comma 3, della legge 1˚[*] Pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» del 27 dicembre 2006, n. 299, supplemento ordinario.[1] In deroga a quanto disposto dal presente comma vedi il comma 1 dell’art. 31, Dlgs 3 marzo 2011, n. 28. In attuazione diquanto disposto dal presente comma vedi il Dm 25 novembre 2008 e il Dm 17 novembre 2009.[2] Lettera aggiunta dal comma 124 dell’art. 2, L. 24 dicembre 2007, n. 244.
  • 44. 46 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEgiugno 2002, n. 120. convenzione ne sono definite le modalità di gestione. La 1. 1114. Le rate di rimborso dei finanziamenti con- Cassa depositi e prestiti Spa può avvalersi per l’istrutto-cessi sono destinate all’incremento delle risorse a di- ria, l’erogazione e per tutti gli atti connessi alla gestionesposizione del Fondo di cui al comma 1110. dei finanziamenti concessi di uno o più istituti di credito 1. 1115. Il Fondo di cui al comma 1110 è istituito scelti sulla base di gare pubbliche in modo da assicurarepresso la Cassa depositi e prestiti Spa e con apposita una omogenea e diffusa copertura territoriale[3]. in particolare, l’art. 9, il quale prevede, al comma 1,MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE che l’intensità del beneficio erariale non può superare DECRETO 17 NOVEMBRE 2009 la quota di aiuto di Stato definita «de minimis» di cui Tasso di interesse da applicare sui al regolamento Ce n. 1998/2006 della Commissione finanziamenti da concedersi a valere sulle del 15 dicembre 2006, pubblicato nella Gazzetta Uffi- risorse del Fondo rotativo a sostegno delle ciale dell’Unione europea n. L 379/5 del 28 dicembre misure per l’attuazione del Protocollo di 2006; Kyoto sui cambiamenti climatici[*]. Ritenuta l’opportunità di accogliere la proposta, in analogia a quanto previsto per i finanziamenti a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli IL MINISTRO DELL’ECONOMIA investimenti in ricerca di cui all’art. 1, comma 354, E DELLE FINANZE della legge 30 dicembre 2004, n. 311, al fine di Vista la legge 1˚ giugno 2002, n. 120 di ratifica del incentivare al massimo grado le misure di riduzioneProtocollo di Kyoto; delle emissioni di gas ad effetto serra; Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e, in Visto il predetto regolamento CE n. 1998/2006 dellaparticolare, l’art. 1, il quale prevede, al comma 1110, Commissione del 15 dicembre 2006 ed, in particolare,l’istituzione di un Fondo rotativo destinato al finanzia- l’art. 2 il quale disciplina gli aiuti di Stato di importan-mento delle misure finalizzate all’attuazione del Proto- za «de minimis»;collo di Kyoto alla Convenzione quadro delle NazioniUnite sui cambiamenti climatici e, al comma 1111, Decreta:che con decreto del Ministro dell’ambiente e dellatutela del territorio e del mare, di concerto con il Articolo 1Ministro dello sviluppo economico sono individuate le 1. Il saggio di interesse sui finanziamenti da conce-modalità per l’erogazione dei finanziamenti a tasso dersi a valere sulle risorse del Fondo Kyoto, a soste-agevolato a soggetti pubblici o privati ad un tasso di gno delle misure finalizzate all’attuazione del Protocol-interesse fissato con decreto del Ministro dell’econo- lo di Kyoto alla Convenzione quadro delle Nazionimia e delle finanze; Unite sui cambianti climatici, come disciplinate dal Vista la nota del 10 luglio 2007, con la quale il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela delMinistero dell’ambiente e della tutela del territorio e territorio e del mare, di concerto con il Ministro dellodel mare ha avanzato la proposta di fissare il tasso sviluppo economico in data 25 novembre 2008 richia-agevolato sui finanziamenti a valere sulle risorse del mato nelle premesse, è fissato nella misura dello 0,50Fondo Kyoto nella misura dello 0,50 per cento annuo per cento annuo.e di prevedere che l’agevolazione derivante dal finan-ziamento stesso sia equivalente alla differenza tra gli Articolo 2interessi calcolati al tasso di attualizzazione e rivaluta- 1. L’importo massimo della misura d’aiuto, pari allazione, fissato ai sensi dell’art. 2, comma 2 del decreto differenza tra l’ammontare degli interessi sul finanzia-legislativo 31 marzo 1998, 123 e vigente alla data di mento calcolati al tasso di attualizzazione e rivalutazio-stipula del contratto di finanziamento e gli interessi da ne, fissato ai sensi dell’art. 2, comma 2, del decretocorrispondere al predetto tasso agevolato; legislativo 31 marzo 1998, n. 123 vigente alla data di Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della stipula del contratto di finanziamento e l’ammontaretutela del territorio e del mare, di concerto con il degli interessi calcolati al tasso agevolato di cui all’art.Ministro dello sviluppo economico in data 25 novem- 1, non potrà essere superiore all’importo di aiuto dibre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Stato definito de minimis ai sensi dell’art. 2 del regola-Repubblica italiana n. 92 del 21 aprile 2009, emanato mento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15in attuazione della predetta disposizione legislativa e, dicembre 2006.[3] Vedi, anche, il comma 2 dell’art. 31, Dlgs 3 marzo 2011, n. 28.[*] Pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» del 22 gennaio 2010, n. 17.
  • 45. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 47DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE carbonica nell’Unione europea; MINISTERO DELL’AMBIENTE E Visto il decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Regolazioni dei mercati agroalimentari, a norma del- DECRETO 25 NOVEMBRE 2008 l’art. 1, comma 2, lettera e), della legge 7 marzo 2003, Disciplina delle modalità di erogazione dei n. 38; finanziamenti a tasso agevolato ai sensi Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, che aldell’articolo 1, comma 1110-1115, della legge comma 1110 ha istituito un apposito Fondo rotativo27 dicembre 2007, n. 296 - Fondo Rotativo per per il finanziamento delle misure finalizzate all’attua- il finanziamento delle misure finalizzate zione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione qua- all’attuazione del Protocollo di Kyoto[*]. dro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997, reso esecutivo dalla legge 1˚ giugno 2002, n. 120, previste dalla delibera IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA Cipe n. 123 del 19 dicembre 2002, pubblicata nella TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22 marzo 2003, e successi- vi aggiornamenti (nel seguito: Fondo Kyoto); DI CONCERTO CON Visto il comma 1111 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede l’adozione, da parte del Ministro IL MINISTRO dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di DELLO SVILUPPO ECONOMICO concerto con il Ministro dello sviluppo economico, Vista la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sentita la Conferenza unificata di cui all’art. 8 delsui Cambiamenti Climatici, fatta a New York nel 1992 decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, di une successivamente ratificata dal Governo italiano con decreto per l’individuazione delle modalità di erogazio-legge 15 gennaio 1994, n. 65; ne dei finanziamenti da concedersi a valere sulle risor- Visto il Protocollo adottato il 10 dicembre 1997 a se del Fondo Kyoto, nel rispetto delle condizioni diKyoto nel corso della Terza Conferenza delle Parti tasso, di durata e di destinazione soggettiva fissatealla Convenzione sui Cambiamenti Climatici secondo dalla legge 27 dicembre 2006, n. 296;il quale i Paesi industrializzati si impegnano a ridurre, Visto il citato comma 1111 della legge 27 dicembreper il periodo 2008-2012, il totale delle emissioni di 2006, n. 296, che demanda ad un decreto del Ministrogas ad effetto serra almeno del 5% rispetto ai livelli dell’economia e delle finanze l’individuazione del tas-del 1990; so di interesse da applicare ai finanziamenti agevolati; Vista la decisione del Consiglio del 25 aprile 2002, Visti i commi da 1112 a 1114 della legge 27 dicem-2002/358/CE, riguardante l’approvazione, a nome del- bre 2006, n. 296, che hanno individuato le misure dala Comunità europea, del Protocollo di Kyoto allegato finanziare prioritariamente per il triennio 2007-2009 ealla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cam- destinato al Fondo Kyoto, nel medesimo triennio, labiamenti Climatici, nel quale l’Italia si impegna alla somma di 200 milioni di euro all’anno e, in eventualeriduzione delle proprie emissioni di gas serra nella aggiunta, le risorse di cui all’art. 2, comma 3, dellamisura del 6,5% rispetto ai livelli del 1990 entro il legge 2 giugno 2002, n. 120, prescrivendo che le rateperiodo compreso fra il 2008 e il 2012; di rimborso dei finanziamenti agevolati siano destinate Vista la decisione del Consiglio europeo del 25 all’incremento delle risorse a disposizione del Fondomarzo 2004, con la quale è confermato l’impegno Kyoto stesso;dell’Unione europea per l’attuazione degli obblighi di Visto il comma 1115 della legge 27 dicembre 2006,riduzione stabiliti nell’ambito del Protocollo di Kyoto n. 296 che, nell’istituire il Fondo Kyoto presso lae nella successiva citata decisione 2002/358/Ce; Cassa depositi e prestiti S.p.A. (nel seguito: CDP Vista la legge 1˚ giugno 2002, n. 120 di ratifica del S.p.A.), rimanda ad apposita convenzione per la defini-Protocollo di Kyoto; zione delle modalità di gestione, dando facoltà alla Vista la delibera CIPE n. 123 del 19 dicembre 2002 stessa CDP S.p.A. di avvalersi per l’istruttoria, l’eroga-«Revisione delle Linee Guida per le politiche e misure zione e per tutti gli atti connessi alla gestione deinazionali di riduzione delle emissioni dei gas ad effet- finanziamenti agevolati di uno o più istituti di credito,to serra»; scelti sulla base di gare pubbliche in modo da assicura- Vista la delibera CIPE n. 135 dell’11 dicembre 2007 re una omogenea e diffusa copertura territoriale;«Aggiornamento della delibera CIPE n. 123/2002»; Visto l’art. 2, comma 124, della legge 24 dicembre Vista la direttiva 2003/87/CE che istituisce un siste- 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008), che, introducema per lo scambio di quote di emissione di anidride all’art. 1, comma 1112, della legge 27 dicembre 2006,[*] Pubblicato sul supplemento ordinario alla «Gazzetta Ufficiale» del 21 aprile 2009, n. 92.
  • 46. 48 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEn. 296, la lettera f-bis) recante: «pratiche di gestione za energetica degli usi finali di energia, il risparmioforestale sostenibile attuate attraverso interventi diretti energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili»;a ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2006, n.suoli forestali e nelle foreste»; 311, recante «Disposizioni correttive ed integrative al Visto l’art. 2, comma 152, della legge 24 dicembre decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante2007, n. 244 (legge finanziaria 2008) che dispone che attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendi-la produzione di energia elettrica da impianti alimenta- mento energetico nell’edilizia»;ti da fonti rinnovabili, entrati in esercizio in data Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n.successiva al 31 dicembre 2008, hanno diritto di acces- 387, recante «Attuazione della direttiva 2001/77/Ceso agli incentivi di cui ai commi da 143 a 157 a relativa alla promozione dell’energia elettrica prodottacondizione che i medesimi impianti non beneficino di da fonti energetiche rinnovabili nel mercato internoaltri incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, dell’elettricità»;locale o comunitaria in conto energia, in conto capitale Visto il decreto 19 febbraio 2007 recante «Criteri eo in conto interessi con capitalizzazione anticipata; modalità per incentivare la produzione di energia elet- Visti i commi 345 e 346 della legge relativi all’in- trica mediante conversione fotovoltaica della fontecentivazione di interventi di riqualificazione energeti- solare, in attuazione dell’art. 7 del decreto legislativoca di edifici esistenti, e i commi 358 e 359 della legge 29 dicembre 2003, n. 387»;relativi all’incentivazione di motori ad alta efficienza; Visto il Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Com- Visto il Documento di Programmazione Economica missione europea del 15 dicembre 2006, relativo al-e Finanziaria 2008-2011 nella parte in cui si prevede l’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato aglila reiterazione delle suddette misure; aiuti d’importanza minore («de minimis»); Vista la direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo Sentita la Conferenza unificata di cui all’art. 8 dele del Consiglio, dell’11 febbraio 2004, sulla promozio- decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, nella sedutane della cogenerazione basata su una domanda di del 28 febbraio 2008;calore utile nel mercato interno dell’energia e chemodifica la direttiva 92/42/CEE; Decreta: Visto il decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20che recepisce la summenzionata direttiva definendo Articolo 1misure atte a promuovere e sviluppare anche ai fini di Finalitàtutela ambientale la cogenerazione ad alto rendimento 1. Il presente decreto disciplina le modalità di eroga-di calore ed energia basata su una domanda di calore zione dei finanziamenti da concedersi a valere sulleutile e sul risparmio di energia primaria con particola- risorse del Fondo Kyoto, a sostegno delle misurere riferimento alle condizioni climatiche nazionali; finalizzate all’attuazione del Protocollo di Kyoto alla Visti i decreti 20 luglio 2004 emanati dal Ministro Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambia-per le attività produttive di concerto con il Ministro menti climatici, fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997,dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare reso esecutivo dalla legge 1˚ giugno 2002, n. 120,per la promozione del risparmio energetico negli usi previste dalla delibera CIPE n. 123 del 19 dicembrefinali: 2002, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22 «Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi marzo 2003, e successivi aggiornamenti.nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fontirinnovabili, di cui all’art. 16, comma 4, del decreto Articolo 2legislativo 23 maggio 2000, n. 164»; Definizioni «Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi 1. Ai fini del presente decreto valgono le seguentiper l’incremento dell’efficienza energetica negli usi definizioni:finali di energia, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del a) «Misura microcogenerazione diffusa»: installazio-decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79»; ne di impianti di microcogenerazione ad alto rendimen- Vista la legge 29 novembre 2007, n. 222, conversio- to elettrico e termico come definiti dal decreto legislati-ne in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1˚ vo 8 febbraio 2007, n. 20 (G.U. n. 54 del 6 marzoottobre 2007, n. 159, recante interventi urgenti in 2007), alimentati a gas naturale, biomassa vegetalemateria economico-finanziaria, per lo sviluppo e solida, biocombustibili vegetali liquidi, biogas e inl’equità sociale; co-combustione gas naturale-biomassa (solida, liqui- Visto il decreto 21 dicembre 2007, emanato dal da, gassosa);Ministro dello sviluppo economico di concerto con il b) «Misura rinnovabili»: installazione di impianti diMinistro dell’ambiente e della tutela del territorio e del piccola taglia per l’utilizzazione delle fonti rinnovabilimare, recante «Revisione e aggiornamento dei decreti per la generazione di elettricità o calore;20 luglio 2004, concernenti l’incremento dell’efficien- c) «Misura motori elettrici»: sostituzione dei motori
  • 47. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 49DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEelettrici industriali con potenza nominale superiore a a prestito a valere sulle risorse del Fondo Kyoto90 kWe con motori ad alta efficienza; calcolato secondo quanto previsto all’art. 9, comma 3; d) «Misura usi finali»: risparmio energetico e incre- r) «potenza nominale»: è la potenza elettrica dell’im-mento dell’efficienza negli usi finali dell’energia; pianto, determinata come la somma aritmetica delle e) «Misura protossido di azoto»: eliminazione delle potenze nominali dei singoli impianti;emissioni di protossido di azoto dai processi industria- s) «Circolare»: Circolare applicativa, da emanarsili e in agricoltura; entro 60 giorni dalla entrata in vigore del presente f) «Misura ricerca»: progetti pilota di ricerca e decreto, che il Ministero dell’ambiente e della tutelasviluppo di nuove tecnologie e di nuove fonti di del territorio e del mare, di concerto con il Ministeroenergia a basse emissioni o ad emissioni zero di gas ad dello sviluppo economico, adotta, d’intesa con la CDPeffetto serra; S.p.A., per l’ulteriore attuazione di dettaglio del pre- g) «ciclo di programmazione»: periodo di tempo di sente decreto;durata annuale con inizio il 1˚ gennaio e conclusione il t) «intervento»: per le misure di cui al presente31 dicembre dello stesso anno; articolo lettera a), b) e d) limitatamente all’art. 6, h) «sistemi integrati»: progetti di investimento che comma 2, lettera d), punto 2, si intende la realizzazio-contemplano l’integrazione di interventi, comunque ne di singolo impianto in conformità alle prescrizionicombinati, di cui alle misure definite nelle precedenti minime di cui agli allegati c);lettere a), b) e d), da realizzarsi nello stesso sito; u) «Misura gestione forestale sostenibile»: progetti i) «imprese»: tutti i soggetti, comprese le ESCo regionali per la finalizzazione di interventi diretti a(Società di servizi energetici), le imprese agricole e ridurre il depauperamento dello stock di carbonio neiforestali, le imprese che esercitano servizi di pubblica suoli forestali e nelle foreste;utilità, le imprese che esercitano abitualmente e conti- v) «filiera corta»: biomassa ottenuta entro un raggionuativamente attività commerciale, industriale e nel di 70 km dall’impianto che la utilizza per produrresettore dei servizi, comunque soggette all’imposizione energia così come da art. 26, comma 4-bis della leggedell’imposta sul valore aggiunto, sia sotto forma indivi- 29 novembre 2007, n. 222;duale che societaria; w) «biomassa vegetale solida»: si intende la biomas- j) «persona fisica»: tutti i soggetti aventi capacità sa vegetale solida prodotta nel territorio regionale o dagiuridica diversi da quelli di cui alla lettera i) e k) che filiera corta. È fatto salvo, ove non in contrasto, quan-non esercitano abitualmente e continuativamente attivi- to previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativotà commerciale o comunque soggetta all’imposizione 27 maggio 2005, n. 102;dell’imposta sul valore aggiunto; x) «biocombustibili vegetali liquidi»: si intendono i k) «persona giuridica privata»: tutti i soggetti diver- biocombustibili vegetali liquidi di origine nazionale. Èsi da quelli delle lettere i) e j) a cui è riconosciuta la fatto salvo, ove non in contrasto, quanto previsto daglipersonalità giuridica ai sensi della normativa vigente, articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005,comprese le fondazioni e le associazioni con personali- n. 102;tà giuridica; y) «biogas»: si intende biogas di origine vegetale o l) «soggetti pubblici»: regioni, province, comuni, da filiera corta. È fatto salvo, ove non in contrasto,comunità montane e gli altri soggetti a cui la legge quanto previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legisla-riconosce la personalità giuridica pubblica, incluse le tivo 27 maggio 2005, n. 102.associazioni, le unioni e i consorzi tra enti locali, leagenzie regionali o locali per il risparmio energetico Articolo 3nonché gli istituti universitari e gli istituti di ricerca Dotazione del Fondo Kyotocompresi i loro consorzi; 1. Ai sensi del comma 1113 della legge 27 dicembre m) «condomini»: condomini, ai sensi del Libro III, 2006, n. 296, affluiscono al Fondo Kyoto le seguentiTitolo VII, Capo II del codice civile, comprendenti risorse:almeno dieci unità abitative; a) nel 2007: 200 milioni di euro, risorse a valere n) «investimento complessivo»: totale dei costi da sull’annualità 2007 e impegnate con Decreto Dec/sostenere per la completa realizzazione dell’intervento; Ras/1932/2007 del 21 dicembre 2007; o) «tipologie di costo ammissibile»: voci di costo b) nel 2008: 200 milioni di euro;dell’investimento complessivo ammissibili ad agevola- c) nel 2009: 200 milioni di euro;zione; d) le rate di rimborso dei finanziamenti agevolati. p) «percentuale di agevolazione»: percentuale da 2. Le risorse di cui al precedente comma 1 sono reseapplicare al totale generale dei costi ammissibili ed al disponibili dal Ministero dell’ambiente e della tutelatotale del finanziamento agevolato richiesto di cui del territorio e del mare con le modalità statuite nellaall’allegato e); convenzione da stipularsi con Cdp Spa ai sensi del q) «finanziamento agevolato»: capitale concedibile comma 1115 della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
  • 48. 50 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 3. Entro il 31 dicembre di ogni anno la Cdp Spa cata, è definito, anche sulla base dei risultati delcomunica al Ministero dell’ambiente e della tutela del monitoraggio dei precedenti cicli di programmazione,territorio e del mare la dotazione stimata del Fondo il riparto delle risorse di cui all’art. 3, comma 1, lettereKyoto per l’anno successivo, tenendo conto anche b) e c) del presente decreto; il Ministero dell’ambientedelle rate di rimborso in scadenza nello stesso anno. e della tutela del territorio e del mare di concerto con il 4. Ai sensi del comma 1113 della legge 27 dicembre Ministero dello sviluppo economico può riarticolare la2006, n. 296 possono affluire al Fondo le risorse di destinazione delle risorse, non efficacemente utilizza-all’art. 2, comma 3, della legge 1˚ giugno 2002, n. te, nell’ambito delle misure di cui al comma 2, anche120. nel corso del medesimo ciclo di programmazione. 6. La Convenzione di cui all’art. 1, comma 1115, Articolo 4 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, definisce le Ripartizione delle risorse attività di gestione a cui saranno destinate le maggiori 1. La dotazione del Fondo Kyoto è utilizzata secon- risorse del suddetto Fondo rinvenienti dall’applicazio-do cicli di programmazione annuale. ne del tasso di interesse di cui al comma 1111 della 2. Per la prima annualità, le risorse sono assegnate legge 27 dicembre 2006, n. 296.secondo il seguente riparto per misura e territorio: 7. Su indicazione delle Regioni e delle Province a) «Misura microcogenerazione diffusa»: 25 milioni autonome, la CDP S.p.A. può avvalersi, per le soledi euro, di cui al Nord (Piemonte, Liguria, Valle misure indicate al comma 3 del presente articolo, deglid’Aosta, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli enti di sviluppo regionali competenti per materia, ovve-Venezia Giulia, Province Autonome di Trento e Bolza- ro delle società finanziarie regionali per le attivitàno) il 40%, al Centro (Toscana, Umbria, Lazio, Mar- scaturenti e conseguenti dagli articoli 14, 15, 16, 17,che, Abruzzo) il 25% e al Sud (Molise, Puglia, Campa- 18 e 21 del presente decreto. Con tali enti la CDPnia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna) il 35%; S.p.A. stipula autonome convenzioni. b) «Misura rinnovabili»: 10 milioni di euro, di cui al 8. In sede di prima applicazione, entro il termineNord il 35%, al Centro il 25% e al Sud il 40%; perentorio di 30 giorni dall’entrata in vigore del pre- c) «Misura motori elettrici»: 15 milioni di euro per sente decreto, le Regioni e le Province autonomel’intero territorio nazionale; comunicano al Ministero ed alla CDP S.p.A. l’elenco d) «Misura usi finali»: 130 milioni di euro, di cui al degli enti di sviluppo regionale ovvero delle finanzia-Nord il 40%, al Centro il 20% e al Sud il 40%; rie regionali appositamente delegati allo svolgimento e) «Misura protossido di azoto»: 5 milioni di euro delle attività di cui al precedente comma 7, trascorso ilper l’intero territorio nazionale; quale le attività sono svolte dalla CDP S.p.A. f) «Misura ricerca»: 5 milioni di euro per l’intero 9. Agli oneri derivanti dall’esercizio della facoltà diterritorio nazionale; cui al precedente comma 7 provvedono le Regioni e g) «Misura gestione forestale sostenibile»: 10 milio- Province autonome con proprie risorse umane, stru-ni di euro per l’intero territorio nazionale. mentali e finanziarie. 3. Con la circolare di cui al punto s) del precedenteart. 2, il Ministero dell’ambiente e della tutela del Articolo 5territorio e del mare comunica la ripartizione tra le Soggetti beneficiariRegioni delle risorse di cui al precedente comma 2 1. Possono beneficiare dei finanziamenti agevolatilettera a), b) e d), informandone preventivamente la di cui al presente decreto:Conferenza Unificata. La ripartizione tiene conto della a) «Misura microcogenerazione diffusa»: i soggettipopolazione e dei consumi energetici regionali. di cui alle lettere i), j), k), l) ed m) del precedente art. 4. Qualora, per alcune misure di cui al precedente 2;comma 2 lettera a), b) e d), si dovesse verificare il b) «Misura rinnovabili»: i soggetti di cui alle letteremancato utilizzo delle risorse, così come ripartite su i), j), k), l) ed m) del precedente art. 2 per gli interventibase regionale, con decreto del Ministero dell’ambien- di cui all’art. 6), comma 2, lettera b) punti 1, 2, 4 e 5; ite della tutela del territorio e del mare di concerto con soggetti di cui alla lettera l) del precedente art. 2) peril Ministero dello sviluppo economico, queste possono gli interventi di cui all’art. 6), comma 2, lettera b)essere, in via prioritaria, rimodulate, nell’ambito della punto 3;stessa Regione, in base alle richieste ritenute ammissi- c) «Misura motori elettrici»: i soggetti di cui allabili o sulle eventuali altre misure. lettera i) del precedente art. 2; 5. Per le successive annualità, nonché per le ulteriori d) «Misura usi finali»: i soggetti di cui alla lettera l)risorse previste alla lettera d), dell’art. 3, comma 1, del precedente art. 2 per gli interventi di cui al succes-con decreti del Ministero dell’ambiente e della tutela sivo art. 6 comma 2 lettera d), punto 1; i soggetti di cuidel territorio e del mare di concerto con il Ministero alle lettere i), j), k), l) ed m) del precedente art. 2 perdello sviluppo economico, sentita la Conferenza Unifi- gli interventi di cui al successivo art. 6 comma 2,
  • 49. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 51DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDElettera d), punto 2, I e II; i soggetti di cui alla lettera l) c) «Misura motori elettrici»: sono ammessi investi-del precedente art. 2 per gli interventi di cui al succes- menti per la sostituzione di motori con potenza nomi-sivo art. 6 comma 2, lettera d), punto 2, III. nale superiore a 90 kWe con apparecchiature ad alta e) «Misura protossido di azoto»: i soggetti di cui efficienza;alla lettera i) del precedente art. 2; d) «Misura usi finali»: sono ammessi investimenti f) «Misura ricerca»: i soggetti, ricompresi tra quelli per singolo intervento:di cui alle lettere i), k) ed l) del precedente art. 2, come 1. sull’involucro di edifici esistenti, parti di edificimeglio definiti al successivo art. 11; esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strut- g) «Misura gestione forestale sostenibile»: i soggetti ture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiusuresono le Regioni e le Province autonome di Trento e trasparenti comprensive di infissi e vetri, chiusureBolzano. apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se 2. Alla data di presentazione della domanda i sogget- non apribili, delimitanti il volume riscaldato, versoti di cui alla lettera i) del precedente art. 2: l’esterno e verso vani non riscaldati; a) devono già essere iscritti nel registro delle impre- 2. I) per la climatizzazione diretta tramite teleriscal-se; damento da impianti di cogenerazione di potenza nomi- b) devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nale fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, biomas-nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non sa vegetale solida, biocombustibili vegetali liquidi,sottoposti a procedure concorsuali né ad amministra- biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa.zione controllata; Tale intervento è ammissibile solo se contempla sia la c) i soggetti obbligati, devono aver depositato pres- realizzazione dell’impianto di cogenerazione che laso il registro delle imprese almeno due bilanci su base realizzazione della rete di teleriscaldamento ad essoannuale. abbinata, inclusi gli allacciamenti agli edifici; II) per la climatizzazione degli edifici da impianti Articolo 6 geotermici a bassa entalpia fino a 1 MWt; Requisiti degli investimenti agevolabili III) impianti di cogenerazione di potenza nominale 1. Possono essere agevolati esclusivamente nuovi fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, biomassainvestimenti, la cui effettiva realizzazione non abbia vegetale solida, biocombustibili vegetali liquidi, bio-avuto avvio in data precedente a quella di entrata in gas e in co-combustione gas naturale-biomassa;vigore del presente decreto. e) «Misura protossido di azoto»: sono ammessi 2. Gli investimenti agevolabili, ad esclusione di investimenti sui cicli produttivi delle imprese che pro-quelli riferiti alla «Misura ricerca» e alla «Misura ducono acido adipico e delle imprese agro-forestali.gestione forestale sostenibile», ai sensi del presente 3. Laddove le Regioni e le Province autonomedecreto devono possedere le seguenti caratteristiche: volessero avvalersi di quanto previsto dall’art. 4, com- a) «Misura microcogenerazione diffusa»: sono am- ma 7 e 8, le stesse possono integrare, per ciclo dimessi investimenti per singolo intervento, in impianti programmazione, le prescrizioni allegate al presentedi nuova costruzione, con potenza nominale fino a 50 decreto con criteri di valutazione aggiuntivi che tenga-kWe che utilizzano quali fonti energetiche le seguenti: no conto della peculiare specificità territoriale entro igas naturale, biomassa vegetale solida, biocombustibi- limiti dell’art. 1, comma 1112, della legge 27 dicem-li liquidi di origine vegetale, biogas e in co-combustio- bre 2006, n. 296. In fase di prima applicazione, lene gas naturale-biomassa; Regioni e le Province autonome, entro il termine di b) «Misura rinnovabili»: sono ammessi investimenti pubblicazione della Circolare di cui all’art. 2, letteraper singolo intervento, in impianti di nuova costruzio- s), comunicano al Ministero dell’Ambiente e dellane di piccola taglia per l’utilizzo di singola fonte tutela del territorio e del mare gli eventuali criteri dirinnovabile: valutazione aggiuntivi. 1. impianti eolici con una potenza nominale installa-ta compresa tra 1 kWp e 200 kWp; Articolo 7 2. impianti idroelettrici con una potenza nominale Tipologie di costo ammissibiliinstallata compresa tra 1 kWp e 200 kWp; 1. Ad eccezione della «Misura ricerca» e della 3. impianti solari termici con superficie d’apertura «Misura gestione forestale sostenibile», con riferimen-non superiore a 200 m2; to all’investimento complessivo, concorrono alla deter- 4. impianti termici a biomassa vegetale solida (pel- minazione del finanziamento agevolato, esclusivamen-lets o cippato) di potenza nominale termica (kWt) te, le seguenti tipologie di costi:compresa tra 50 kWt e 450 kWt; a) Progettazione di sistema ivi compresa l’eventuale 5. impianti fotovoltaici integrati o parzialmente inte- realizzazione di diagnosi energetica e studi di fattibili-grati negli edifici con una potenza nominale compresa tà strettamente necessari per la progettazione deglitra 1 kWp e 40 kWp; interventi.
  • 50. 52 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Tali costi sono riconosciuti nella misura massima ti di cui all’art. 2) comma 1, lettere i), j), k) ed m) sonodell’8% del totale generale dei costi ammissibili di cui fissati al 70%.all’allegato e). 3. Il finanziamento agevolato, al netto dell’imposta b) Costi delle apparecchiature comprensivo delle sul valore aggiunto, è determinato come il valoreforniture di materiali e dei componenti strettamente minimo tra:necessari alla realizzazione dell’intervento. - il massimale di finanziamento agevolato come c) Costi delle infrastrutture comprese le opere edili definito al successivo art. 10;strettamente necessarie alla realizzazione dell’impian- - il prodotto tra la percentuale di agevolazione di cuito, i costi di allacciamento alla rete, ovvero nel caso al precedente comma 2 e il totale generale dei costidella «Misura usi finali», i costi strettamente necessari ammissibili di cui all’allegato e);al montaggio e assemblaggio delle tecnologie installa- - il prodotto tra la percentuale di agevolazione di cuibili. al precedente comma 2 e il totale finanziamento agevo- d) Costi di installazione, compresi avviamento e lato richiesto di cui all’allegato e).collaudo. 4. Il finanziamento agevolato, di cui al comma 3 del 2. Sono esclusi i costi di esercizio (ad esempio: presente articolo è da considerarsi al netto dell’impo-personale, combustibili e manutenzione ordinaria). sta sul valore aggiunto se riferito ad interventi proposti da soggetti di cui all’art. 2, lettera i) e lettera k) Articolo 8 limitatamente, per questi ultimi, alle sole attività aven- Costi unitari massimi ammissibili ti natura assoggettabile al regime dell’imposta sul 1. Fatta eccezione per la «Misura ricerca», la «Misu- valore aggiunto. Negli altri casi, il finanziamento age-ra Usi finali», la «Misura protossido di azoto» e la volato di cui al comma 3 del presente articolo è«Misura gestione forestale sostenibile», i costi unitari maggiorato dell’aliquota di imposta sul valore aggiun-massimi ammissibili, relativi alla somma delle voci di to applicabile.cui alle lettere a), b), c) e d) del precedente art. 7, 5. Le percentuali di cui al comma 2 del presentecomma 1, sono definiti, per taglia e tecnologia, nella articolo, ove le condizioni di mercato lo richiedesse-tabella denominata «Costi unitari massimi ammissibi- ro, possono essere modificati con decreto del Ministe-li» allegata al presente decreto, come riferito all’art. ro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare27. di concerto con il Ministero dello sviluppo economi- 2. I costi unitari massimi ammissibili di cui al co.precedente comma devono essere considerati comevalori limite ai fini della determinazione del massima- Articolo 10le di finanziamento agevolato di cui all’art. 10. Massimali del finanziamento agevolato 3. I costi unitari massimi ammissibili definiti nella 1. Nel rispetto delle tipologie di costo ammissibiletabella di cui al comma 1 del presente articolo, ove le di cui all’art. 7, comma 1, il massimale del finanzia-condizioni di mercato lo richiedessero, possono essere mento agevolato è determinato, per misura, come se-modificati con decreto del Ministero dell’ambiente e gue:della tutela del territorio e del mare di concerto con il a) «Misura microcogenerazione diffusa» di cui alMinistero dello sviluppo economico e sentita la Confe- precedente art. 6, comma 2, lettera a): è pari al prodot-renza Unificata. to tra la potenza nominale dell’impianto, il costo unitario massimo ammissibile indicato nella tabella Articolo 9 allegata di cui all’art. 8, comma 1, e la percentuale di Percentuali di agevolazione agevolazione di cui all’art. 9, comma 2. 1. Per gli investimenti previsti dal precedente art. 6, b) «Misura rinnovabili» per gli investimenti di cuil’intensità del beneficio erariale per i soggetti benefi- al precedente art. 6, comma 2, lettera b): è pari alciari di cui alla lettera i) del precedente art. 2, non può prodotto tra la potenza nominale dell’impianto, il co-superare la quota di aiuto di Stato definita «de mini- sto unitario massimo ammissibile indicato nella tabel-mis», di cui al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della la allegata di cui all’art. 8, comma 1, e la percentualeCommissione del 15 dicembre 2006, pubblicato nella di agevolazione di cui all’art. 9, comma 2. Per gliGazzetta Ufficiale dell’Unione Europea n. L 379/5 del interventi di cui all’art. 6, comma 2, lettera b), punto28 dicembre 2006. 4, nel calcolo anzidetto la potenza è sostituita dalla 2. Con riferimento alle misure di cui all’art. 2, superficie di apertura.comma 1, lettere a), b), c), d), e) ed ai costi unitari c) «Misura motori elettrici» di cui al precedente art.massimi ammissibili di cui al precedente art. 8, le 6, comma 2, lettera c): è pari al prodotto tra il numeropercentuali di agevolazione relativamente ai soggetti di motori sostituiti, il costo unitario massimo ammissi-di cui all’art. 2) comma 1, lettera l) sono fissati a 90%; bile indicato nella tabella allegata di cui all’art. 8,le percentuali di agevolazione relativamente ai sogget- comma 1, e la percentuale di agevolazione di cui
  • 51. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 53DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEall’art. 9, comma 2. b) costo di strumenti e attrezzature utilizzati esclusi- 2. Per la «Misura protossido di azoto» il massimale vamente per le attività di ricerca;del finanziamento agevolato non può essere superiore c) costo di servizi di consulenze, brevetti, know-ad euro 1.000.000,00 moltiplicato per la percentuale di how e diritti di licenza strettamente necessari ed atti-agevolazione di cui all’art. 9, comma 2; per la «Misura nenti all’attività di ricerca;usi finali» di cui all’art. 6, comma 2, lettera d), punto d) costi di materiali, forniture e prodotti direttamen-1, lettera d) punto 2, I e II il massimale del finanzia- te imputabili all’attività di ricerca.mento agevolato non può essere superiore ad euro1.500.000,00 moltiplicato per la percentuale di agevo- Articolo 12lazione di cui all’art. 9, comma 2; per la «Misura usi Disciplina speciale per la Misurafinali» di cui all’art. 6, comma 2, lettera d) punto 2, III gestione forestale sostenibileil massimale del finanziamento agevolato non può 1. Sono ammessi al finanziamento agevolato, a vale-essere superiore ad euro 10.000.000,00 moltiplicato re sulla prima annualità del Fondo, i progetti regionaliper la percentuale di agevolazione di cui all’art. 9, che presentano la finalità di identificare interventicomma 2. diretti a ridurre il depauperamento dello stock di carbo- 3. Qualora l’intervento proposto presenti le caratteri- nio nei suoli forestali e nelle foreste.stiche di «sistema integrato», così come definito alla 2. Possono fare istanza di accesso al finanziamentolettera h) dell’art. 2, il massimale del finanziamento agevolato le regioni e le province autonome di Trentoagevolato, comunque nel rispetto dei commi 1 e 2 del e Bolzano.presente articolo, non può superare euro 1.500.000,00. 3. Il massimale di finanziamento agevolato per laIn tali casi, la domanda dovrà evidenziare i costi finalizzazione di progettazione di interventi diretti adistinti per intervento. ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei 4. I massimali del finanziamento agevolato, di cui ai suoli forestali e nelle foreste non può essere superiorecommi 1, 2 e 3 del presente articolo, sono da conside- a 500.000,00 euro.rarsi al netto dell’imposta sul valore aggiunto. 4. Sono ammissibili al finanziamento agevolato i 5. I massimali di cui ai precedenti commi, ove le seguenti costi:condizioni di mercato lo richiedessero, possono essere a) costi di personale;modificati con decreto del Ministero dell’ambiente e b) costo di strumenti e attrezzature utilizzati esclusi-della tutela del territorio e del mare di concerto con il vamente ai fini della progettazione;Ministero dello sviluppo economico. c) costo di servizi di consulenze, brevetti, know- how e diritti di licenza strettamente necessari ed atti- Articolo 11 nenti all’attività di gestione forestale. Disciplina speciale per la Misura ricerca 1. Sono ammesse al finanziamento agevolato le Articolo 13attività di ricerca precompetitiva per lo sviluppo di Cumulabilitàtecnologie innovative per la produzione di energia da 1. Nel rispetto di quanto stabilito dal comma 1 delfonti rinnovabili, per la produzione e separazione e precedente art. 9, le agevolazioni di cui al presenteaccumulo di idrogeno, per lo sviluppo di materiali, decreto sono cumulabili con agevolazioni contributivecomponenti e configurazioni innovative di celle a o finanziarie previste da altre normative comunitarie,combustibile. nazionali e regionali entro le intensità di aiuto massi- 2. Possono fare istanza di accesso al finanziamento me consentite dalla vigente normativa dell’Unioneagevolato gli istituti superiori di ricerca, sia pubblici europea, salvo quanto stabilito dall’art. 2, comma 152,che privati, le università e i loro consorzi. Sono am- della legge 24 dicembre 2007, n. 244.messi al beneficio erariale anche i soggetti apposita-mente costituiti, anche in compartecipazione pubblico- Articolo 14privata, per la creazione di spinn-off al fine di valoriz- Ammissione ai benefici erarializare i risultati della ricerca. 1. In applicazione del comma 1115 della legge 27 3. Il massimale di finanziamento agevolato per il dicembre 2006, n. 296, il Ministero dell’ambiente eprogetto di ricerca non può essere superiore a della tutela del territorio e del mare affida alla Cdp1.000.000,00 di euro e comunque non può superare il Spa, tra le altre attività di gestione del Fondo Kyoto, la50% dei costi ammissibili così come definiti dal suc- cura della fase di raccolta e istruttoria delle istanze dicessivo comma 4 del presente articolo. ammissione ai benefici erariali, fermo restando quanto 4. Sono ammissibili al finanziamento agevolato i stabilito al precedente art. 4, commi 7 e 8.seguenti costi: 2. La procedura per l’ammissione ai benefici eraria- a) costi di personale adibito esclusivamente ad attivi- li, per ciascuna misura o gruppo di misure, si articolatà di ricerca; nelle seguenti fasi:
  • 52. 54 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE a) domanda di ammissione; de l’agevolazione (pianificazione sequenziale e tempo- b) istruttoria preliminare, tecnica ed economico-fi- rale delle attività);nanziaria: le tre sub-fasi di cui si compone l’istruttoria b) (per i soggetti di cui alle lettere i), j), k) e m) deldevono essere considerate separate, distinte e conse- precedente art. 2) da una attestazione in ordine alquenziali, con valutazione specifica a conclusione di rispetto di quanto previsto dal comma 1 del precedenteogni singola sub-fase; la suddetta valutazione si con- art. 6 (nuovi investimenti, la cui realizzazione non siacluderà con un’ammissione alla fase successiva ovve- stata avviata in data precedente a quella di entrata inro con una non ammissione e conseguente diniego del vigore del presente decreto);beneficio erariale; c) (per i soggetti di cui alla lettera l) del precedente c) concessione o diniego. art. 2) da una dichiarazione in ordine al rispetto della 3. La Cdp Spa sviluppa un sistema informativo per vigente normativa in tema di copertura finanziariala gestione delle domande e dei progetti finanziati al delle spese di investimento.fine di poter trattare i dati in maniera aggregata per 6. Il modulo di domanda deve essere compilato inogni regione. ogni sua parte, debitamente sottoscritto ed accompagna- to dalla documentazione richiesta, a pena di invalidità. Articolo 15 7. A pena di inammissibilità, per uno stesso ciclo di Modalità di presentazione delle domande programmazione, il soggetto beneficiario può presenta- 1. L’ammissione al finanziamento agevolato avvie- re una sola domanda di agevolazione per misura e unane sulla base della presentazione della domanda, redat- sola domanda di agevolazione per «sistemi integrati».ta, a pena di esclusione, secondo lo schema allegato al 8. La CDP S.p.A. registra in ordine cronologico lepresente decreto, come riferito all’art. 27. Le domande domande presentate.di ammissione e la relativa documentazione, devonoessere inoltrate alla CDP S.p.A., a mezzo plico racco- Articolo 16mandato con avviso di ricevimento, sia in duplice Istruttoriacopia cartacea che in formato elettronico su supporto 1. Fatto salvo quanto previsto dal precedente art. 4,digitale (CD, DVD). commi 7 e 8, l’istruttoria della domanda di ammissio- 2. Per le Regioni e Province autonome che si sono ne al finanziamento agevolato si compone delle se-avvalse della facoltà prevista ai commi 7 e 8 dell’art. 4 guenti sub-fasi:del presente decreto, le domande di ammissione e la a) istruttoria preliminare: verifica, in base all’ordinerelativa documentazione, devono essere inoltrate ai cronologico di ricevimento, della correttezza e dellasoggetti di cui all’art. 4, comma 7 a mezzo plico completezza documentale della domanda, della sussi-raccomandato con avviso di ricevimento, sia in dupli- stenza delle condizioni di procedibilità per l’accessoce copia cartacea che in formato elettronico su suppor- alle agevolazioni, nonché della disponibilità delle risor-to digitale (CD, DVD). Gli indirizzi dei soggetti di cui se ai sensi del precedente art. 4;all’art. 4, comma 7 e i relativi moduli domanda sono b) istruttoria tecnica: è costituita dalla verifica ine-riportati nella circolare, di cui all’art. 2 lettera s). rente la validità tecnica del progetto presentato e la 3. La domanda di ammissione deve essere presenta- relativa ammissibilità e congruità dei costi relativamen-ta a decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla te ai progetti che hanno superato la precedente istrutto-data di pubblicazione della circolare, di cui all’art. 2, ria preliminare;lettera s), nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica c) istruttoria economico-finanziaria: è rappresentataitaliana e fino al centotrentacinquesimo giorno dalla dalle verifiche inerenti all’affidabilità economico-fi-stessa data di pubblicazione. nanziaria, al fine di accertare la possibilità dei benefi- 4. La domanda di ammissione per i soggetti benefi- ciari di far fronte agli impegni finanziari che deriveran-ciari di cui alle lettere i), j), k) e m) del precedente art. no dalla stipula del contratto di finanziamento agevola-2 è corredata da una valutazione di affidabilità econo- to. Per i soggetti beneficiari di cui alle lettere i), j), k) emico-finanziaria del soggetto beneficiario e del proget- m) del precedente art. 2, si fa riferimento alla valutazio-to, effettuata da uno dei soggetti autorizzati all’eserci- ne di affidabilità economico-finanziaria predispostazio dell’attività bancaria ai sensi del testo unico di cui secondo le regole generalmente utilizzate nel sistemaal decreto legislativo 1˚ settembre 1993, n. 385. Per i bancario. Per quanto riguarda i soggetti beneficiari disoggetti di cui alla lettera l) del precedente art. 2, la cui al precedente art. 2, lettera l), sono verificati idomanda di ammissione è corredata dalle attestazioni presupposti per l’indebitamento di cui alla vigentenecessarie a verificare il rispetto dei presupposti legali normativa secondo le indicazioni ed i parametri fornitiall’indebitamento. da CDP S.p.A. Fatto salvo quanto previsto dal succes- 5. La domanda di ammissione è inoltre corredata: sivo comma 3, la Convenzione di cui all’art. 1, comma a) (per tutti i soggetti di cui al precedente art. 2) dal 1115 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, definiscecronoprogramma dell’intervento per il quale si richie- le modalità di espletamento riguardanti l’istruttoria
  • 53. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 55DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEpreliminare, tecnica e finanziaria. La procedura di cui bili, distinte per soggetto, misura e territorio, corredatoal presente articolo deve realizzarsi normalmente in un di relazione esplicativa sintetica.tempo di 45 giorni dalla data di ricevimento della 2. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territo-domanda. rio e del mare, sulla base dell’elenco e della relazione 2. Per lo svolgimento della procedura di cui al trasmessa dalla CDP S.p.A. ai sensi del comma prece-comma 1, lettera b), del presente articolo, è istituita dente, emana il decreto di ammissione all’agevolazio-una Commissione di valutazione, presso la Direzione ne, trasmettendolo alla CDP S.p.A. che provvede allagenerale per la ricerca ambientale e lo sviluppo del relativa notifica al soggetto beneficiario.Ministero la quale porrà in essere i necessari atti, 3. L’emanazione del decreto di ammissione all’age-anche di natura organizzativa, al fine di espletare con volazione avviene fino ad esaurimento delle risorseefficienza ed economicità quanto previsto dal comma assegnate su base annua ai sensi del precedente art. 4.1 del presente articolo. A tal fine la Commissione di L’eventuale indisponibilità delle risorse per il ciclo divalutazione è nominata dal Ministero dell’ambiente e programmazione cui si riferisce la domanda, comportadella tutela del territorio e del mare, ed è composta da l’emanazione di un provvedimento di diniego, che noncinque membri effettivi e da tre membri supplenti, di preclude la ripresentazione della medesima domandacui: tre effettivi e un supplente designati dal Ministero per un ciclo di programmazione successivo.dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare; 4. A seguito della ricezione del decreto di ammissio-due effettivi e un supplente designati dal Ministero ne al finanziamento agevolato, la CDP S.p.A. invita ildello sviluppo economico. La Commissione è coadiu- soggetto beneficiario ad avviare le procedure per ilvata nell’esercizio delle sue funzioni da una segreteria perfezionamento dei relativi contratti di finanziamen-tecnica, individuata con decreto del Ministero dell’am- to, assegnando un termine perentorio, pena la decaden-biente e della tutela del territorio e del mare, composta za dal beneficio erariale.da funzionari del Ministero dell’ambiente e della tute- 5. Le Regioni e Province autonome che si sonola del territorio e del mare e del Ministero dello avvalse della facoltà prevista ai comma 7 e 8 dell’art.sviluppo economico integrata da funzionari dell’Ente 4 del presente decreto, provvedono con propri atti, aper le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente (Enea). definire l’ammissione al finanziamento fatto salvoL’attuazione del presente comma non comporta oneri quanto previsto dal comma 3 del presente articolo. Leper il bilancio dello Stato e l’Ente per le nuove tecnolo- Regioni e le Province autonome comunicano al Mini-gie, l’energia e l’ambiente (Enea) svolge le suddette stero dell’ambiente e della tutela del territorio e delattività, senza oneri, nell’ambito delle proprie funzioni mare ed al Ministero dello sviluppo economico l’elen-istituzionali. co dei finanziamenti agevolati concessi. 3. Per le Regioni o Province autonome che si sonoavvalse della facoltà prevista ai commi 7 e 8 dell’art. 4 Articolo 18del presente decreto, l’istruttoria di cui al presente Tempi e modalità di realizzazionearticolo è svolta con modalità definite da ogni singola degli investimenti ammessiRegione e Provincia autonoma. 1. I soggetti beneficiari sono tenuti a comunicare 4. Per quanto concerne l’istruttoria tecnica di cui al alla CDP S.p.A. o, per le Regioni e le Provinceprecedente punto b) del comma 1, la valutazione delle autonome che si sono avvalse di quanto previsto al-istanze avviene sulla base delle prescrizioni minime l’art. 4, commi 7 e 8, ai soggetti di cui all’art. 4,allegate al presente decreto nonché sulla base degli comma 7, l’avvenuto inizio dei lavori con letteraeventuali criteri di valutazione aggiuntivi di cui al raccomandata a.r., specificandone la data e allegandoprecedente art. 6, comma 3. copia del verbale di consegna lavori o della denuncia 5. Le Regioni e Province autonome che si sono di inizio attività.avvalse della facoltà di cui ai commi 7 e 8 dell’art. 4 2. I lavori di realizzazione dell’investimento devonodel presente decreto, a chiusura della fase istruttoria, terminare entro e non oltre:predispongono ed inviano alla CDP S.p.A. l’elenco a) i successivi 24 mesi a decorrere dalla data didelle domande ammissibili, distinte per soggetto, misu- perfezionamento del contratto di finanziamento agevo-ra e territorio, corredato di relazione esplicativa sinteti- lato per gli interventi di cui all’art. 6, comma 2, letteraca. d), punto 2, I, salvo richiesta di proroga accordata dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e Articolo 17 del mare, secondo quanto previsto dal successivo com- Decreto di ammissione all’agevolazione ma 3; 1. La CDP S.p.A., a chiusura della fase istruttoria, b) i successivi 12 mesi a decorrere dalla data dipredispone ed invia al Ministero dell’ambiente e della perfezionamento del contratto di finanziamento agevo-tutela del territorio e del mare ed al Ministero dello lato per gli interventi di cui all’art. 6, comma 2, letterasviluppo economico un elenco delle domande ammissi- d), punto 2, II e III, salvo richiesta di proroga accorda-
  • 54. 56 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEta dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territo- 2006, n. 296.rio e del mare, secondo quanto previsto dal successivo 2. L’ammortamento dei prestiti decorre dal 1˚ genna-comma 3; io dell’anno successivo al perfezionamento del contrat- c) i successivi 6 mesi a decorrere dalla data di to di finanziamento agevolato, ovvero dal 1˚ luglioperfezionamento del contratto di finanziamento agevo- dello stesso anno per i contratti conclusi nel primolato per gli interventi di cui all’art. 6, comma 2, lettere semestre.a), b), c), d) punto 1 ed e), salvo richiesta di proroga 3. Per le erogazioni, parziali o totali, dei prestiti inaccordata dal Ministero dell’ambiente e della tutela data anteriore all’inizio dell’ammortamento, gli interes-del territorio e del mare, secondo quanto previsto dal si di preammortamento sono calcolati, al medesimosuccessivo comma 3. tasso di interesse fisso praticato sul prestito, dalla data Nel caso di «sistemi integrati» di cui all’art. 2, dell’erogazione fino al giorno precedente l’inizio del-lettera h), i lavori di realizzazione dell’investimento l’ammortamento.devono terminare entro e non oltre il periodo relativo 4. Il soggetto beneficiario si obbliga ad effettuare ilall’intervento per cui è previsto il massimo tempo di pagamento di quanto dovuto a titolo di capitale edrealizzazione nel rispetto di quanto stabilito alle prece- interessi, a decorrere dalla data di inizio dell’ammorta-denti lettere a), b) e c). mento ed entro e non oltre la data di scadenza del 3. L’istanza di proroga del termine di fine lavori, contratto di finanziamento agevolato, in rate semestra-che comunque non può essere superiore a ulteriori li costanti posticipate, comprensive di quota capitale e180 giorni solari, debitamente sottoscritta e motivata quota interessi, con scadenza al 30 giugno ed al 31dal soggetto beneficiario, nonché corredata, ove già dicembre di ciascun anno, secondo il piano di ammor-esistenti, dai precedenti stati di avanzamento, deve tamento.essere trasmessa alla Cdp Spa o, per le Regioni e le 5. Nel caso di ritardo da parte del soggetto benefi-Province autonome che si sono avvalse di quanto ciario nell’effettuazione di qualsivoglia pagamentoprevisto all’art. 4, commi 7 e 8, ai soggetti di cui dovuto in base al contratto di finanziamento agevola-all’art. 4, comma 7, con lettera raccomandata a.r., e to per capitale od interessi o ad altro titolo, a qualsia-pervenire entro l’originario termine di fine lavori. si causa attribuibile, sono dovuti, sull’importo nonL’eventuale proroga deve essere accordata dalla Dire- pagato, gli interessi di mora al tasso di interessezione generale per la ricerca ambientale e lo sviluppo legale.del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio 6. È consentita l’estinzione anticipata del finanzia-e del mare o dalle Regioni e le Province autonome mento agevolato, senza oneri o commissioni a caricoche si sono avvalse di quanto previsto all’art. 4, del soggetto beneficiario.commi 7 e 8, che ne danno comunicazione al soggetto 7. Nel rispetto dei precedenti commi del presentebeneficiario entro 30 giorni dal ricevimento dell’istan- articolo, la circolare di cui all’art. 2, comma 1, letteraza stessa. Nel silenzio, entro detto termine, la proroga s) fissa l’ulteriore disciplina sostanziale e procedurale,è da intendersi accordata nei limiti del periodo richie- anche per ciò che attiene i presupposti istruttori e ilsto. regime delle garanzie da prestare, dei finanziamenti 4. Eventuali significativi aggiornamenti della origi- agevolati di cui al comma 1111 della legge 27 dicem-naria pianificazione sequenziale e temporale delle atti- bre 2006, n. 296.vità (cronoprogramma), che comunque rispettino itermini di cui ai precedenti commi 2 e 3, devono Articolo 20essere comunicati tempestivamente alla CDP S.p.A. Modalità di erogazione dei finanziamenti agevolatiper la eventuale presa d’atto; per le Regioni e le e documentazione di spesaProvince autonome che si sono avvalse di quanto 1. L’erogazione del finanziamento agevolato, finoprevisto all’art. 4, commi 7 e 8, ai soggetti di cui ad un massimo del 25% del suo importo, viene dispo-all’art. 4, comma 7 per le eventuali deliberazioni sta dall’ufficio della CDP S.p.A. entro 15 giorni lavora-secondo il loro ordinamento. tivi dalla data di perfezionamento del contratto di finanziamento; per il restante 75% è disposta per stati Articolo 19 di avanzamento, sottoscritti dal direttore dei lavori o Forma tecnica e condizioni generali figura analoga, ciascuno di importo non inferiore al ed economiche dei finanziamenti agevolati 25% del finanziamento stesso, fatta salva l’erogazione 1. I finanziamenti agevolati assumono la forma di a saldo.prestiti di scopo, di durata non inferiore a tre anni e 2. La CDP S.p.A. eroga il finanziamento agevolatonon superiore a sei, a rate semestrali, costanti (metodo al soggetto beneficiario in conformità alle previsionifrancese), posticipate, con applicazione del tasso fisso del presente decreto, della circolare di cui all’art. 2,determinato dal Ministro dell’economia e delle finan- comma 1, lettera s), dei successivi atti di ammissioneze ai sensi del comma 1111 della legge 27 dicembre all’agevolazione e del contratto di finanziamento.
  • 55. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 57DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Articolo 21 con le modalità previste nella convenzione di cui Casi di decadenza o revoca. Recupero somme all’art. 1, comma 1115 della legge 27 dicembre 1. La Direzione generale per la ricerca ambientale e 2006, n. 296.lo sviluppo del Ministero dell’ambiente e della tutela 6. Le Regioni e Province autonome che si sonodel territorio e del mare, anche su proposta della CDP avvalse della facoltà prevista ai commi 7 e 8 dell’art. 4S.p.A., commina la revoca dell’agevolazione nei se- del presente decreto, provvedono al recupero delleguenti casi: somme maggiorate degli interessi legali derivanti da a) mancato rispetto degli adempimenti di legge o di revoche. Dette somme devono essere riversate nelquelli disposti dal presente decreto e dalla circolare di Fondo di rotazione presso la CDP S.p.A.cui all’art. 2, comma 1, lettera s); 7. Quando ricorrono le ipotesi di cui al comma 1, b) sostanziale difformità tra progetto presentato per lettere a), b), e), f), g) ed i), le amministrazioni propo-l’agevolazione e quello effettivamente realizzato; ste alla vigilanza sul corretto adempimento da parte c) cessazione dell’attività del soggetto beneficiario dei soggetti interessati degli obblighi derivanti dal(ove trattasi di impresa); conferimento del beneficio erariale, sono tenute ad d) fallimento, liquidazione coatta amministrativa o informare con immediatezza la Procura regionale com-assoggettamento ad altra procedura concorsuale (ove petente della Corte dei conti di ogni ipotesi di dannotrattasi di impresa); erariale cagionato dai beneficiari delle somme di cui al e) agevolazioni concesse sulla base di dati, notizie o presente decreto.dichiarazioni inesatti o reticenti; f) nel caso in cui i beni acquistati con l’intervento Articolo 22agevolativo siano alienati, ceduti o distratti prima che Variantiabbia termine quanto previsto dal progetto ammesso e 1. L’eventuale richiesta di variante in corso d’ope-comunque prima della scadenza del finanziamento ra da apportare al progetto presentato, deve essereagevolato; inoltrata, preventivamente alla sua esecuzione, alla g) inosservanza accertata delle disposizioni fiscali, CDP S.p.A. o, per le Regioni e le Province autonomeprevidenziali, contributive e di sicurezza sul lavoro; che si sono avvalse di quanto previsto all’art. 4, h) revoca o mancato ottenimento delle autorizzazio- commi 7 e 8, ai soggetti di cui all’art. 4, comma 7,ni e concessioni necessarie alla realizzazione dell’inter- mediante plico raccomandato, debitamente sottoscrit-vento oggetto di beneficio; ta, motivata e integrata da idonea documentazione i) in qualunque altro caso in cui notizie o fatti giustificativa.circostanziati possano far ritenere che l’intervento og- 2. La suddetta variante è esaminata, sotto il profilogetto di agevolazione non venga realizzato ovvero che tecnico per la relativa approvazione, dalla Direzionela consistenza patrimoniale e finanziaria del beneficia- generale per la ricerca ambientale e lo sviluppo delrio non consenta per il futuro il soddisfacimento delle Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio eobbligazioni assunte con la contrazione del finanzia- del mare o dalle Regioni e dalle Province autonome,mento agevolato. che si sono avvalse di quanto previsto all’art. 4, com- 2. La Direzione generale per la ricerca ambientale e mi 7 e 8.lo sviluppo del Ministero dell’ambiente e della tutela 3. La CDP S.p.A. o, per le Regioni e le Provincedel territorio e del mare predispone il provvedimento autonome che si sono avvalse di quanto previsto al-di revoca disponendo nello stesso tempo la restituzio- l’art. 4, commi 7 e 8, i soggetti di cui all’art. 4, commane delle somme già erogate maggiorate degli interessi 7, comunicano al soggetto beneficiario richiedentelegali. Tali somme incrementano la dotazione del Fon- l’approvazione o il diniego dell’istanza di variante dado Kyoto. parte del Ministero dell’ambiente e della tutela del 3. Le Regioni e Province autonome che si sono territorio e del mare o delle Regioni e Province autono-avvalse della facoltà prevista ai commi 7 e 8 dell’art. 4 me.del presente decreto, anche su proposta dei soggetti di 4. In nessun caso la variante può comportare l’au-cui all’art. 4, comma 7, provvedono con propri atti a mento dell’importo del finanziamento agevolato.comminare la revoca fermo restando i casi previsti dal 5. Fatta salva, nei casi più gravi, la revoca delleprecedente comma 1. agevolazioni, i costi relativi alle opere oggetto di 4. Il mancato completamento delle opere nei termini variante non sono comunque considerati ammissibilidi cui al precedente art. 18 comporta la decadenza dal se sostenuti in data anteriore alla comunicazione di cuidiritto all’agevolazione e l’applicazione di quanto pre- al precedente comma 3.visto dal presente articolo. 5. Alla CDP S.pA. è conferito mandato per l’effetti- Articolo 23vo recupero delle somme per conto del Ministero Variazioni di titolaritàdell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, 1. Qualsiasi variazione relativa al soggetto benefi-
  • 56. 58 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEciario, titolare del progetto ammesso ai benefici eraria- trasmettere alla CDP S.p.A., con cadenza semestrale,li e/o controparte nel relativo contratto di finanziamen- report di monitoraggio finanziario dei finanziamentito, deve essere preventivamente richiesta alla CDP agevolati concessi.S.p.A. o, per le Regioni e le Province autonome che si 2. I Ministeri dell’ambiente e della tutela del territo-sono avvalse di quanto previsto all’art. 4 commi 7 e rio e del mare e lo sviluppo economico provvedono8, ai soggetti di cui all’art. 4, comma 7, che espletano alla divulgazione dei risultati delle attività di monito-le necessarie valutazioni di propria competenza, ai raggio.fini dell’eventuale conferma o revoca dell’agevolazio-ne. Articolo 26 Clausola di salvaguardia della Pa Articolo 24 1. La pubblica amministrazione provvede all’attua- Verifiche, controlli e ispezioni zione delle disposizioni contenute nel provvedimento 1. La Direzione generale per la ricerca ambientale e mediante l’utilizzo delle risorse umane, finanziarie elo sviluppo del Ministero dell’ambiente e della tutela strumentali esistenti a legislazione vigente e senzadel territorio e del mare e la Direzione generale del- nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubbli-l’energia e delle risorse minerarie del Ministero dello ca.sviluppo economico verificano a campione la regolareesecuzione delle iniziative finanziate nonché la loro Articolo 27conformità al progetto presentato, incluse le eventuali Allegativarianti approvate; verificano, altresì, il rispetto dei 1. Gli allegati e le disposizioni ivi contenute, compo-tempi e delle modalità degli investimenti ammessi. A sti da:tal fine, possono essere eseguiti sopralluoghi in corso a) Moduli di domanda di ammissione all’agevolazio-d’opera e verifiche tecniche nell’arco della realizzazio- ne:ne dell’investimento. a1) Persone fisiche; 2. La Direzione generale per la ricerca ambientale e a2) Imprese;lo sviluppo del Ministero dell’ambiente e della tutela a3) Persone giuridiche;del territorio e del mare e la Direzione generale del- a4) Condominii;l’energia e delle risorse minerarie del Ministero dello a5) Soggetti pubblici;sviluppo economico, coadiuvate dal Comando Carabi- b) Parametri e dichiarazioni relativi all’affidabilitànieri per la tutela ambientale e dalla Guardia di finan- economico-finanziaria:za, possono disporre ispezioni in loco al fine di verifi- b1) Persone fisiche;care il corretto adempimento degli obblighi derivanti b2) Imprese;dalla concessione del beneficio erariale. Gli oneri b3) Persone giuridiche private;derivanti da tali attività sono a carico del soggetto b4) Condominii;beneficiario. c) Prescrizioni minime per misura: 3. Le Regioni e Province autonome che si sono c1) Microcogenerazione;avvalse della facoltà prevista ai commi 7 e 8 dell’art. 4 c2) Eolico;del presente decreto, per quanto di propria competen- c3) Mini-idroelettrico;za, svolgono attività di verifica e controllo. c4) Termico Biomasse; c5) Solare termico; Articolo 25 c6) Efficienza usi finali; Monitoraggio, divulgazione dei risultati c7) Fotovoltaico; e attività di informazione d) Tabella voci di costi unitari massimi ammissibili; 1. Al fine di consentire alla Direzione generale per e) Tabella costi ammissibili;la ricerca ambientale e lo sviluppo del Ministero f) Dichiarazione «de minimis», fanno parte integran-dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare te del presente decreto.una valutazione di efficacia dell’utilizzo delle risorse 2. Con decreto del Ministero dell’ambiente e delladel Fondo Kyoto, nonché degli effetti aggregati conse- tutela del territorio e del mare gli allegati di cui alguiti a seguito della realizzazione degli investimenti comma precedente possono essere modificati o integra-con le stesse finanziati, la CDP S.p.A. elabora e ti.trasmette al Ministero dell’ambiente e della tutela delterritorio e del mare ed al Ministero dello sviluppo Articolo 28economico report semestrali di monitoraggio finanzia- Norma finalerio dei finanziamenti agevolati. Le Regioni e le Pro- 1. Il presente decreto entra in vigore il giornovince autonome che si avvalgono della facoltà di cui successivo alla data di pubblicazione nella Gazzettaal precedente art. 4, commi 7 e 8, provvedono a Ufficiale della Repubblica italiana.
  • 57. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 59DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Titolo 5 - Termini di presentazione delle domande ..32 CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE Titolo 6 - Stampa domanda dall’Applicativo web e 16 FEBBRAIO 2012 sua presentazione .................................................33 Circolare attuativa, ex articolo 2, comma 1, Titolo 7 - Luogo di presentazione della domanda e lettera s), del Decreto del 25 novembre 2008 degli allegati .........................................................33 “Disciplina delle modalità di erogazione dei Titolo 8 - Rinuncia e modifica della domanda finanziamenti a tasso agevolato ai sensi compilata tramite l’Applicativo web ...................33dell’articolo 1, commi 1110-1115, della Legge Titolo 9 - Autorizzazioni necessarie per la27 dicembre 2006, n. 296 - Fondo Rotativo per costruzione, l’installazione e l’esercizio delle il finanziamento delle misure finalizzate opere e impianti. ..................................................34 all’attuazione del Protocollo di Kyoto”[*] . Titolo 10 - Il Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) .......................................34 Indice tabelle ........................................................21 Titolo 11 - Richiesta di Fideiussione Bancaria ...34 Definizioni ...........................................................22 Titolo 12 - Imprese soggette alla verifica antimafia ..34 Premessa ..............................................................23 Titolo 13 - Tracciabilità dei flussi finanziari ......35 CAPITOLO 1 - Aspetti generali ..........................24 CAPITOLO 3 - Definizioni tecniche e specifiche Titolo 1 - Cicli di programmazione e Risorse ....24 aggiuntive ............................................................35 Titolo 2 - Interventi agevolabili: nuovi Titolo 1 - Specifiche di carattere generale ..........35 investimenti ..........................................................25 Titolo 2 - Specifiche aggiuntive per impianti Titolo 3 - Misure e investimenti ..........................25 connessi alla rete elettrica ....................................35 Titolo 4 - Ripartizione delle risorse a livello Titolo 3 - Specifiche aggiuntive per impianti regionale ..............................................................25 fotovoltaici ............................................................35 Titolo 5 - Gestione delle risorse ripartite a livello Titolo 4 - Specifiche aggiuntive per il Biogas ....37 regionale ..............................................................26 Titolo 5 - Specifiche per le Biomasse Vegetali Titolo 6 - Ripartizione delle risorse per l’intero Solide ....................................................................37 territorio nazionale ..............................................27 Titolo 6 - Specifiche per i Biocombustibili Vegetali Titolo 7 - Gestione delle risorse ripartite per l’intero Liquidi .................................................................38 territorio nazionale ..............................................27 Titolo 7 - Specifiche per i motori elettrici ..........39 Titolo 8 - Finanziamenti agevolabili - soglie minime Titolo 8 - Specifiche per gli interventi economicamente convenienti ..............................28 sull’involucro di edifici esistenti .........................40 Titolo 9 - Soggetti Beneficiari delle misure ........28 Titolo 9 - Specifica aggiuntiva per gli impianti Titolo 10 - Parti comuni e comproprietà .............29 solare termico .......................................................41 Titolo 11 - Imprese ...............................................29 Titolo 10 - Specifica aggiuntiva per gli impianti di Titolo 12 - ESCo .................................................30 cogenerazione (art. 6, co. 2, lett. a) e lett. d), punto Titolo 13 - Ulteriori specifiche regionali .............30 2, I e III, Decreto Kyoto) .....................................41 Titolo 14 - Ammontare finanziamento Titolo 11 - Specifica aggiuntiva per gli impianti agevolato ...............................................................30 geotermici a bassa entalpia ..................................42 Titolo 15 - Determinazione del tasso di CAPITOLO 4 - Costi ammissibili e modalità di interesse ...............................................................31 calcolo del beneficio erariale ...............................42 Titolo 16 - Cumulabilità nel rispetto della regola Titolo 1 - Tipologie di costo ammissibile ...........42 “de minimis” per le Imprese ................................31 Titolo 2 - Costi unitari massimi ammissibili ......42 Titolo 17 - Efficienza energetica e fonti rinnovabili: Titolo 3 - Modalità di calcolo del costo unitario condizioni di cumulabilità degli incentivi in massimo ammissibile per micro-cogeneratori materia .................................................................31 ibridi ....................................................................42 Titolo 18 - Fasi del procedimento per l’utilizzo del Titolo 4 - Massimali del finanziamento agevolato ...43 finanziamento agevolato .....................................31 Titolo 5 - Esempi di calcolo del beneficio erariale ..45 CAPITOLO 2 - Modalità di presentazione della CAPITOLO 5 - Procedimento di ammissione domanda di ammissione all’agevolazione ...........32 all’agevolazione ...................................................48 Titolo 1 - Sito e Applicativo web ........................32 Titolo 1 - Fasi del procedimento di ammissione Titolo 2 - Accreditamento (Userid e Password) ....32 al finanziamento agevolato .................................48 Titolo 3 - Utilizzo Applicativo web per la Titolo 2 - Raccolta delle domande ......................48 compilazione della domanda ................................32 Titolo 3 - Istruttoria preliminare ..........................49 Titolo 4 - Aiuti alla compilazione della domanda ..32 Titolo 4 - Istruttoria tecnica .................................49[*] Pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» del primo marzo, n. 51.
  • 58. 60 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Titolo 5 - Istruttoria economico-finanziaria ........49 Tabella 8 - Limiti stabiliti di rendimento in funzione Titolo 6 - Chiarimenti nel corso del procedimento di della potenza nominale per 50 Hz, per motori istruttoria ..............................................................50 sostituiti entro il 31 dicembre 2014 ....................39 Titolo 7 - Gestione Plafond presso CDP .............50 Tabella 9 - Limiti stabiliti di rendimento in funzione Titolo 8 - Provvedimento di ammissione ............51 della potenza nominale per 50 Hz, per motori CAPITOLO 6 - Stipula del contratto ed erogazione sostituiti a partire dal 1˚ gennaio 2015 ...............39 del finanziamento agevolato ...............................51 Tabella 10 - Valori limite della trasmittanza termica Titolo 1 - Ruolo Banche Aderenti .......................51 utile U delle strutture componenti l’involucro Titolo 2 - Aspetti principali dei finanziamenti edilizio espressa in W/m2K. ................................40 agevolati ..............................................................51 Tabella 11 - Valori limite della trasmittanza termica Titolo 3 - Fideiussione Bancaria .........................52 utile U delle strutture componenti l’involucro Titolo 4 - Accertamento della regolarità fiscale per edilizio espressa in W/m2K .................................40 le imprese ............................................................52 Tabella 12 - Valori di “pci” di riferimento Titolo 5 - D.U.R.C. per le imprese e le persone (Per convenzione, i valori sono tratti dalla Tabella giuridiche private .................................................52 parametri standard nazionali per l’inventario delle Titolo 6 - Antiriciclaggio .....................................53 emissioni di CO2 nell’inventario nazionale Titolo 7 - Imprese soggette alla verifica UNFCCC (aggiornati al 5 Marzo 2010)) .............43 antimafia ...............................................................53 Tabella 13 - Microcogenerazione diffusa - Costi Titolo 8 - Contratto di finanziamento .................53 unitari massimi ammissibili (IVA esclusa) ..........43 Titolo 9 - Modalità di erogazione, documentazione Tabella 14 - Eolico - Costi unitari massimi di spesa, verifiche e controlli ...............................55 ammissibili (IVA esclusa) ...................................44 Titolo 10 - Erogazione anticipazione ..................56 Tabella 15 - Mini-idroelettrico - Costi unitari Titolo 11 - Erogazione dei ratei massimi ammissibili (IVA esclusa) ....................44 intermedi (SAL) ..................................................56 Tabella 16 - Biomasse termico alimentato a pellets Titolo 12 - Erogazione del saldo e documentazione o a cippato - Costi unitari massimi ammissibili finale .....................................................................57 (IVA esclusa) .......................................................44 Titolo 13 - Piano di ammortamento ....................58 Tabella 17 - Fotovoltaico - Costi unitari massimi Titolo 14 - Rate e riscossioni ..............................58 ammissibili (IVA esclusa) ...................................44 CAPITOLO 7 - Variazioni, controlli e recupero Tabella 18 - Solare termico - Costi unitari massimi somme ...................................................................58 ammissibili (IVA esclusa) ...................................44 Titolo 1 - Variazioni di titolarità ........................58 Tabella 19 - Elenco documentazione per la stipula Titolo 2 - Variazioni dati .....................................59 del contratto di finanziamento .............................53 Titolo 3 - Proroghe ..............................................59 Tabella 20 - Elenco documentazione per Titolo 4 - Varianti e aggiornamenti del erogazione ratei intermedi ...................................56 cronoprogramma ..................................................60 Titolo 5 - Verifiche, controlli e ispezioni ...........60 Titolo 6 - Revoca ................................................60 Titolo 7 - Restituzione delle somme già erogate ...61 Titolo 8 - Modalità di recupero delle somme .....61 ALLEGATO I - Criteri di valutazione aggiuntivi regionali ................................................................62 1. Criteri aggiuntivi - Regione Piemonte ............62 Indice tabelle Tabella 1 - Ripartizione in Plafond delle risorse per Regioni e Province autonome ..............................26 Tabella 2 - Elenco Enti Gestori Regionali di cui all’art. 4, commi 7 e 8, Decreto Kyoto ...............27 Tabella 3 - Ente gestore CDP ..............................27 Tabella 4 - Ripartizione in Plafond delle risorse per l’intero territorio nazionale .................................27 Tabella 5 - Soggetti Beneficiari per singola misura ...................................................................28 Tabella 6 - Percentuale di agevolazione .............30 Tabella 7 - Classificazione generale degli edifici per categorie ai sensi dell’articolo 3 del DPR 26 agosto 1993, n. 412 ..........................................................36
  • 59. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 61DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Definizioni Indica la procedura informatica posta all’interno del sito web di CDP (www.cassaddpp.it) finalizzata a consentire:A p p l i c a t i v o (i) ai Soggettidella pratica; di (ii) ai soggetti che concorrono all’istruttoria (CDP, Ministero dell’ambiente,lo stato di Beneficiari inserire le domande di ammissione all’agevolazione e di monitorare avanzamento e Regioni diweb cui alla Tabella 2, Enti Gestori Regionali, Banche Aderenti, etc.) di eseguirne le varie fasi (istruire le domande, ammetterle all’agevolazione, stipulare e gestire il contratto di finanziamento etc.) Indica ciascuna banca italiana o succursale di banca estera, comunitaria ed extracomunitaria, operante in Italia eBanca autorizzata all’esercizio dell’attività bancaria ai sensi del decreto legislativo 385/93 (TUB), che abbia aderito allaAderente Convenzione relativa al Fondo Kyoto tra Ministero dell’ambiente-ABI-CDP-Regioni di cui alla Tabella 2Biocombustibili Indica i biocombustibili vegetali liquidi di origine nazionale. È fatto salvo, ove non in contrasto, quanto previstoVegetali dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102LiquidiBiogas Indica biogas di origine vegetale o da Filiera Corta. È fatto salvo, ove non in contrasto, quanto previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102Biomassa Si intende la biomassa vegetale solida prodotta nel territorio regionale o da Filiera Corta. È fatto salvo, ove non inVegetale Solida contrasto, quanto previsto dagli articoli 9 e 10 del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102CDP Indica Cassa depositi e prestiti società per azioniCiclo di Indica il periodo di tempo di durata, di norma, annuale con inizio il 1˚ gennaio e conclusione il 31 dicembre delloProgrammazione stesso anno Indica la presente circolare applicativa che il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, diCircolare concerto con il Ministero dello sviluppo economico, adotta, d’intesa con la CDP, per l’ulteriore attuazione di dettaglio del Decreto Kyoto Indica i condomini, ai sensi del Libro III, Titolo VII, Capo II del codice civile, comprendenti almeno dieci unitàCondomini abitative Indica il Decreto del 25 novembre 2008 (G.U. 21 aprile 2009 n. 92) del Ministro dell’ambiente, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentita la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agostoDecreto Kyoto 1997, n. 281, previsto dall’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, per l’individuazione delle modalità di erogazione dei finanziamenti agevolati da concedersi a valere sulle risorse del Fondo KyotoDecreto Indica il Decreto del 19 luglio 2011 (G.U. 8 agosto 2011 n. 183) del Ministero dell’ambiente che definisce gli schemiAllegati della documentazione necessaria per l’operatività del Fondo Kyoto Indica il Decreto del 17 novembre 2009 (G.U. 22 gennaio 2010 n. 17) del Ministro dell’economia e delle finanze, “Tasso di interesse da applicare sui finanziamenti da concedersi a valere sulle risorse del Fondo rotativo a sostegnoDecreto Tasso delle misure per l’attuazione del Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici”, previsto dall’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Indica ciascun ente gestore regionale e/o società finanziaria regionale di cui all’articolo 4, commi 7 e 8, del Decreto Kyoto, in particolare: FI.R.A. SpA - Finanziaria Regionale Abruzzese;Ente Sviluppo Italia Basilicata Spa;Gestore ERVET - Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio S.p.a.;Regionale Cestec SpA - Centro per lo Sviluppo Tecnologico, l’Energia e la Competitività delle Piccole e Medie Imprese Lombarde; Finpiemonte S.p.A. Indica ciascuna persona giuridica che fornisce servizi energetici ad uno o più utenti, ovvero altre misure diESCo miglioramento dell’efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell’utente e, ciò facendo, accetta un certo(Energy Service margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramentoCompany) dell’efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti (vedi anche decreto legislativo n. 115/2008) Biomassa ottenuta entro un raggio di 70 Km dall’impianto che la utilizza per produrre energia così come da articoloFiliera Corta 26, comma 4-bis, della legge 29 novembre 2007, n. 222 Indica, con riferimento a ciascun finanziamento agevolato e a ciascun Soggetto Beneficiario, la garanzia bancariaFideiussione rilasciata in favore del Ministero dell’ambiente da una Banca Aderente secondo quanto previsto nella presenteBancaria Circolare e conforme al testo concordato con il Ministero dell’ambiente e allegato alla Convenzione relativa al Fondo Kyoto tra Ministero dell’ambiente-ABI-CDP-Regioni di cui alla Tabella 2 Indica il Fondo rotativo di cui alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, commi 1110-1115, per il finanziamento delle misure finalizzate all’attuazione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione quadro delle NazioniFondo Kyoto Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997, reso esecutivo dalla legge 1˚ giugno 2002, n. 120, previste dalla delibera CIPE n. 123 del 19 dicembre 2002, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22 marzo 2003, e successivi aggiornamentiGiorno Indica ciascun giorno diverso dal sabato e dalla domenica, nonché dalle altre festività nazionali in ItaliaLavorativo Indica tutti i soggetti, comprese le ESCo, le imprese agricole e forestali, le imprese che esercitano servizi di pubblicaImprese utilità, le imprese che esercitano abitualmente e continuativamente attività commerciale, industriale e nel settore dei servizi, comunque soggette all’imposizione dell’imposta sul valore aggiunto, sia sotto forma individuale che societaria
  • 60. 62 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEInvestimento Indica il totale dei costi da sostenere per la completa realizzazione dell’intervento, comprensivo dei costiComplessivo ammissibili (art. 7, art. 11 co. 4 e art. 12 co. 4 del Decreto Kyoto)Ministero Indica il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del maredell’ambienteMisura Indica i progetti regionali per la finalizzazione di interventi diretti a ridurre il depauperamento dello stock digestione fore- carbonio nei suoli forestali e nelle forestestale sostenibileMisura Indica gli interventi di installazione di impianti di microcogenerazione ad alto rendimento elettrico e termico comemicrocogenera- definiti dal decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (G.U. 6 marzo 2007 n. 54), alimentati a gas naturale,zione diffusa Biomassa Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa (solida, liquida, gassosa)Misura Indica gli interventi di sostituzione dei motori elettrici industriali con potenza nominale superiore a 90 kWe conmotori elettrici motori ad alta efficienzaMisura protossi- Indica gli interventi di eliminazione delle emissioni di protossido di azoto dai processi industriali e in agricolturado d’azotoMisura ricerca Indica i progetti pilotaad effetto serra di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissioni o ad emissioni zero di gasMisura Indica gli interventi di installazione di impianti di piccola taglia per l’utilizzazione delle fonti rinnovabili per larinnovabili generazione di elettricità o caloreMisura usi Indica gli interventi finalizzati al risparmio energetico e all’incremento dell’efficienza negli usi finali dell’energiafinali Indica tutti i soggetti aventi capacità giuridica diversi dalle “imprese” e dalla “persona giuridica privata” che nonPersona fisica esercitano abitualmente e continuativamente attività commerciale o comunque non sono soggetti all’imposizione dell’imposta sul valore aggiuntoPersona giuridi- Indica tutti i soggetti diversi dalle “imprese” e dalla “persona fisica” a cui è riconosciuta la personalità giuridica aica privata sensi della normativa vigente, comprese le fondazioni e le associazioni con personalità giuridicaPlafond Indica l’importo massimo di risorse finanziarie ripartite per misura e territorio assegnate al Fondo Kyoto Indica il progetto definitivo redatto ai sensi del DPR 21 dicembre 1999, n. 554 e successive modifiche ed integrazioni ovvero approfondito ad un livello di dettaglio tale da consentire la piena valutazione delle soluzioniProgetto proposte. In entrambi i casi, il progetto deve essere sottoscritto in originale da un tecnico abilitato iscritto a unDefinitivo Ordine o Collegio professionale competente per materia, recante altresì l’apposizione del timbro da cui risulti la suddetta iscrizione. Il progetto deve comprendere, in ogni caso, un computo metricoRegioni e Pro- Regioni e Province autonome di Trento e Bolzanovince autonomeSistemi Indica progetti di investimento su beni immobili che contemplano l’integrazione di interventi di cui alle misureintegrati microcogenerazione diffusa, rinnovabili e usi finali, comunque combinati, da realizzarsi nello stesso sito Indica “persone fisiche”, “imprese”, “persone giuridiche private”, “condomini” e “soggetti pubblici” richiedentiSoggetti l’agevolazione ovvero ammessi all’agevolazione che, sottoscrivendo il relativo contratto di finanziamento, siBeneficiari impegnano al rimborso delle somme ricevute, comprensive degli interessi Indica Regioni, province, comuni, comunità montane e gli altri soggetti a cui la legge riconosce la personalitàSoggetti giuridica pubblica, incluse le associazioni, le unioni e i consorzi tra enti locali, le agenzie regionali o locali per ilpubblici risparmio energetico nonché gli istituti universitari e gli istituti di ricerca compresi i loro consorziTipologie di co-sto ammissibile Voci di costo dell’Investimento Complessivo ammissibili ad agevolazione PREMESSA ottica, la Circolare fornisce il necessario dettaglio in La presente Circolare, adottata di concerto con il merito alle procedure da seguire ed alla documentazioneMinistero dello sviluppo economico e d’intesa con da presentare per favorire la più ampia partecipazioneCDP in conformità a quanto indicato nell’articolo 19, da parte dei potenziali beneficiari delle agevolazioni.comma 7, del Decreto Kyoto, fissa l’ulteriore disciplina Per conseguire tale obiettivo, CDP, in base al Decre-sostanziale e procedurale dei finanziamenti agevolati di to Kyoto, ha predisposto l’Applicativo web per la ge-cui all’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicem- stione informatizzata delle fasi di raccolta delle doman-bre 2006, n. 296, anche per ciò che attiene i presupposti de, di istruttoria, di stipula, di erogazione e di rimborso.istruttori e il regime di garanzie da prestare. In particolare, nel sito web di CDP (www.cassad- Nell’intento di promuovere la realizzazione di inter- dpp.it) vengono descritte le caratteristiche del Fondoventi in grado di dare un concreto contributo alla riduzio- Kyoto e vengono fornite le istruzioni per l’utilizzone delle emissioni dei gas serra in atmosfera, assume dell’Applicativo web progettato per rendere lo stru-rilevanza ogni semplificazione per la fruizione delle mento di finanziamento veloce e fruibile, facilitandorisorse messe a disposizione dal Fondo Kyoto, a partire l’inserimento delle domande di ammissione all’agevo-dalla lettura del testo del Decreto Kyoto che presenta lazione, accorciando i tempi di risposta e assicurandocaratteristiche non facilmente standardizzabili. In tale la più efficace e tempestiva circolazione delle informa-
  • 61. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 63DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEzioni fra i diversi attori dell’iniziativa. novembre 2011 n. 183 recante “Disposizioni per la L’utilizzo dell’Applicativo web consente ai Soggetti formazione del bilancio annuale e pluriennale delloBeneficiari di essere costantemente informati sullo Stato (Legge di stabilità 2012)” nonché nella Direttivastato della pratica di finanziamento, sulle eventuali n. 14/2011 emanata dal Ministro della pubblica ammi-problematiche sorte in fase di istruttoria e sui successi- nistrazione e della semplificazione.vi passi per concludere ogni fase del processo, anche Qualora, successivamente all’emanazione della Cir-tramite messaggi di posta elettronica inviati all’indiriz- colare, sia necessario apportare delle modifiche o inte-zo fornito dagli stessi Soggetti Beneficiari. grazioni alle modalità di presentazione della domanda Sarà, inoltre, resa disponibile sul sito web di CDP di ammissione all’agevolazione descritte nel successi-una Guida alla compilazione della domanda per facili- vo Capitolo 2, verranno divulgate nuove eventualitare la presentazione della domanda di ammissione istruzioni in merito.all’agevolazione. La presente Circolare deve essere letta congiunta- Fra i principali vantaggi offerti dall’Applicativo mente al Decreto Kyoto e al Decreto Allegati. Inweb, merita sottolineare che l’inserimento della do- particolare, gli allegati menzionati nella presente Cir-manda tramite l’Applicativo web, oltre a ridurre gli colare e nel Decreto Kyoto sono quelli riportati nelerrori di compilazione, consente al richiedente di ac- Decreto Allegati.quisire telematicamente il numero di protocollo che La Circolare viene integrata con i Criteri di valuta-fissa l’ordine cronologico di ricevimento della prenota- zione aggiuntivi regionali della Regione Piemonte inzione delle risorse del Fondo Kyoto. La conservazione Allegato I alla presente Circolare.di tale ordine cronologico acquisito è, tuttavia, condi-zionata al rispetto dei termini e delle modalità per CAPITOLO 1 - Aspetti generalil’invio della documentazione in formato cartaceo. Al riguardo, vi è la consapevolezza che l’utilizzo del Titolo 1 - Cicli di programmazione e Risorseformato cartaceo non soddisfi completamente lo spirito 1. Per il primo Ciclo di Programmazione il Decretoe gli obiettivi strategici del Fondo Kyoto e, quindi, Kyoto assegna un ammontare di risorse pari a 200andrebbe meglio sostituito con il ricorso al documento milioni di euro e le ripartisce per misure e per areeinformatico con firma digitale e alla Posta Elettronica regionali (nord, centro e sud).Certificata (PEC). È questo l’obiettivo che si intende 2. La presente Circolare è relativa al primo Ciclo diperseguire per i prossimi Cicli di Programmazione. Programmazione e le risorse sono da intendersi ulte- Nella presente Circolare si è ritenuto più opportuno riormente ripartite come alle Tabelle 1 e 4.mantenere l’utilizzo della documentazione cartacea 3. Il primo Ciclo di Programmazione inizia il quindi-atteso l’ampio e disomogeneo pubblico di utenti poten- cesimo giorno successivo alla data di pubblicazionezialmente interessati alla richiesta di beneficio. della presente Circolare in G.U. e termina con l’esauri- Un’ulteriore soluzione atta ad agevolare la fruizione mento delle risorse ad esso assegnate o, in ogni caso, ildelle risorse messe a disposizione dal Fondo Kyoto è 31 dicembre 2012 (cfr. Cap. 2, Titolo 5, Punto 1).rappresentata dalla possibilità, offerta a tutto il sistema 4. Le domande di ammissione all’agevolazione chebancario, di operare in complementarietà con CDP per non potranno essere finanziate a causa dell’esaurimen-assicurare all’iniziativa una diffusione capillare attraver- to delle risorse disponibili per il presente Ciclo diso la rete di sportelli presenti sul territorio. Con la Programmazione, dovranno essere ripresentate nel suc-possibilità di adesione offerta alle banche grandi e picco- cessivo Ciclo di Programmazione e ripercorrere l’inte-le il Fondo Kyoto intende mettere tutti gli intermediari ro iter istruttorio.su un piano di parità concorrenziale, rappresentato dalla 5. Per il secondo e terzo Ciclo di Programmazione lepossibilità di offrire un servizio aggiuntivo preservando, risorse ammontano a 400 milioni di euro di cui 375nel contempo, la relazione con la propria clientela. milioni di euro ripartiti con il Decreto interministeriale Al fine di uniformare la copiosa legislazione vigen- del 18 ottobre 2010 e i restanti 25 milioni di euro,te in materia di fonti rinnovabili ed efficienza energeti- rientrati nella disponibilità del Fondo Kyoto in attuazio-ca e le disposizioni attuative contenute nel Decreto ne dell’articolo 28, comma 6, del decreto legislativo 3Kyoto, nel testo si è tenuto conto delle novità legislati- marzo 2011, n. 28, saranno oggetto di successivo decre-ve intervenute nel lasso di tempo intercorso tra la to di ripartizione. Con quest’ultimo provvedimento ver-predisposizione e l’entrata in vigore del Decreto Kyo- ranno individuate le risorse di cui all’articolo 31, com-to e come queste ultime si coordinano con le misure di ma 2, del richiamato decreto legislativo n. 28 del 2011.attuazione del Decreto Kyoto stesso. 6. I termini di avvio e chiusura relativi al secondo e In ordine alla presentazione dei certificati rilasciati terzo Ciclo di Programmazione saranno oggetto didalle Pubbliche Amministrazioni e richiesti nell’ambi- apposito Comunicato da pubblicarsi sulla Gazzettato della presente Circolare, si invita a far riferimento a Ufficiale della Repubblica Italiana.quanto stabilito nell’articolo 15, co. 1, della Legge 12 7. La procedura di attribuzione dei benefici erariali di
  • 62. 64 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEcui al Decreto Kyoto e disciplinata nella presente Circo- ni o ad emissioni zero;lare sarà “valutativa a sportello”. Ciò significa che le d. le pratiche di gestione forestale sostenibileistanze saranno esaminate in base all’ordine cronologico attuate attraverso interventi diretti a ridurre il depaupe-di presentazione (vale il protocollo telematico attribuito ramento dello stock di carbonio nei suoli forestali edall’Applicativo web) e fino a esaurimento dei fondi nelle foreste.stanziati per ciascun Ciclo di Programmazione. 4. Il Soggetto Beneficiario, a pena di inammissibili- tà, può presentare una sola domanda di agevolazione Titolo 2 - Interventi agevolabili: nuovi investi- per singola misura oltre a quella per sistema integratomenti (cfr. art. 15, co. 7, Decreto Kyoto). 1. Sono agevolabili (cfr. art. 6, co. 1, Decreto Kyo- 5. La CDP gestisce le risorse per Ciclo di Programma-to) esclusivamente i nuovi investimenti in beni immo- zione, ripartite in specifici Plafond distinti per misura ebili, in motori elettrici, in processi industriali, in ricer- per territorio come da Decreto Kyoto. Complessivamenteca e sviluppo, in gestione forestale sostenibile la cui i Plafond sono n. 67 di cui n. 63 alla successiva Tabella 1effettiva realizzazione abbia avuto avvio dalla data di e n. 4 alla successiva Tabella 4 (cfr. Cap. 5, Titolo 7).entrata in vigore del Decreto Kyoto (22 aprile 2009). 6. La CDP agisce quale mandatario del Ministero 2. In tutti i casi, le spese ammissibili per cui è richie- dell’ambiente per la gestione del Fondo Kyoto e per losta l’agevolazione devono essere sostenute a partire svolgimento delle attività a suo carico previste daldalla data di pubblicazione della presente Circolare. Decreto Kyoto e dalla presente Circolare, secondo 3. All’atto di presentazione della domanda di am- quanto dettagliatamente indicato nella Convenzionemissione all’agevolazione, il Soggetto Beneficiario al- sottoscritta tra il Ministero dell’ambiente e la CDP inlega una dichiarazione, resa ai sensi del DPR data 15 novembre 2011. Nell’espletamento del proprio445/2000, attestante che l’intervento presenta i requisi- mandato CDP è stata espressamente autorizzata dalti di nuovo investimento secondo il testo, per le diver- Ministero dell’ambiente anche ai sensi e per gli effettise tipologie di Soggetto Beneficiario, di cui agli Alle- dell’articolo 1717 C.C., a conferire appositi sub-man-gati da f1) a f6) del Decreto Allegati. dati, con o senza rappresentanza: (i) alle Banche Aderenti per lo svolgimento delle Titolo 3 - Misure e investimenti seguenti attività: (a) perfezionamento e stipula dei Con- 1. Le misure finalizzate all’attuazione del Protocollo tratti di Finanziamento; (b) rilascio e acquisizione delladi Kyoto possono essere destinate esclusivamente ai nuo- Fideiussione Bancaria e rilevazione e comunicazionevi investimenti così come definiti al titolo precedente. dei parametri di affidabilità economico-finanziaria dei 2. Sono ripartite su base regionale le risorse relative Soggetti Beneficiari; (c) effettuazione di tutte le verifi-alle misure che prevedono interventi su beni immobili che antiriciclaggio; (d) acquisizione della documentazio-(edifici, terreni e altro come definito all’articolo 812 ne necessaria alla stipula del Contratto di Finanziamen-del C.C.), quali: to; e (e) acquisizione della documentazione necessaria a. installazione di impianti di microcogenera- alle erogazioni del relativo finanziamento agevolato;zione diffusa ad alto rendimento elettrico e termico; (ii) a primario istituto di credito con comprovata b. installazione di impianti di piccola taglia esperienza nella gestione di operazioni di credito age-per l’utilizzazione delle fonti rinnovabili per la genera- volato per lo svolgimento di tutte o parte delle attivitàzione di elettricità e calore; - diverse da quelle di cui al precedente paragrafo (i) - c. installazione di impianti per l’incremento oggetto del mandato conferito a CDP;dell’efficienza negli usi finali dell’energia nei settori (iii) a primario operatore del settore postale per lecivile e terziario. attività di ricezione e raccolta di tutta la documentazione Per le misure microcogenerazione diffusa, rinnova- inviata dai Soggetti Beneficiari, nonché per la trasforma-bili e usi finali è, inoltre, possibile presentare un unico zione di tale documentazione in formato elettronico; eprogetto di investimento che contempla l’integrazione (iv) ai sensi di quanto previsto all’articolo 4, commadi più interventi, comunque combinati (sistema inte- 7 e 8 del Decreto Kyoto agli Enti Gestori Regionali pergrato), da realizzarsi nello stesso sito. le attività previste a loro carico dal Decreto Kyoto. 3. Sono assegnate all’intero territorio nazionale lerisorse relative alle misure che prevedono: Titolo 4 - Ripartizione delle risorse a livello regio- a. la sostituzione dei motori elettrici industriali nalecon potenza superiore a 90 kWe con motori ad alta 1. Nel primo Ciclo di Programmazione, le risorseefficienza; per le misure microcogenerazione diffusa, rinnovabi- b. l’eliminazione delle emissioni di protossido di li e usi finali (per un totale di 165 milioni di euro)azoto dai processi industriali; sono state assegnate alle Regioni e Province autonome c. i progetti pilota di ricerca e sviluppo di nuove riconoscendo, per ciascuna di esse, una quota fissa edtecnologie e di nuove fonti di energia a basse emissio- una quota variabile. Quest’ultima è determinata con
  • 63. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 65DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEriferimento alla popolazione residente al 31 Dicembre delle risorse per Regioni e Province autonome (all’in-2007[1] e ai consumi di energia elettrica rilevati entro terno delle aree Nord, Centro e Sud), determinatalo stesso periodo di riferimento[2]. sommando l’importo spettante per la quota fissa e per 2. La Tabella 1 riporta la ripartizione in Plafond quella variabile.Tabella 1 - Ripartizione in Plafond delle risorse per Regioni e Province autonome Misura Misura Rinnovabili Misura Usi Finali Microcogenerazione Diffusa REGIONI Totale Totale Totale Piemonte 510.000,00 7.770.000,00 1.510.000,00 Valle d’Aosta 110.000,00 1.220.000,00 290.000,00 Lombardia 1.060.000,00 16.850.000,00 3.000.000,00 Provincia autonoma Bolzano 145.000,00 1.740.000,00 390.000,00 Provincia autonoma Trento 150.000,00 1.800.000,00 400.000,00 Veneto 562.000,00 8.650.000,00 1.630.000,00 Friuli-Venezia Giulia 233.000,00 3.200.000,00 600.000,00 Liguria 223.000,00 3.040.000,00 710.000,00 Emilia-Romagna 507.000,00 7.730.000,00 1.470.000,00 Regioni Nord 3.500.000,00 52.000.000,00 10.000.000,00 Toscana 703.000,00 7.330.000,00 1.760.000,00 Umbria 264.000,00 2.720.000,00 660.000,00 Marche 340.000,00 3.510.000,00 850.000,00 Lazio 885.000,00 9.250.000,00 2.210.000,00 Abruzzo 308.000,00 3.190.000,00 770.000,00 Regioni Centro 2.500.000,00 26.000.000,00 6.250.000,00 Molise 160.000,00 1.820.000,00 380.000,00 Campania 965.000,00 12.800.000,00 2.080.000,00 Puglia 835.000,00 11.050.000,00 1.815.000,00 Basilicata 210.000,00 2.550.000,00 490.000,00 Calabria 390.000,00 4.900.000,00 860.000,00 Sicilia 940.000,00 12.450.000,00 2.030.000,00 Sardegna 500.000,00 6.430.000,00 1.095.000,00 Regioni Sud 4.000.000,00 52.000.000,00 8.750.000,00 Totale 10.000.000,00 130.000.000,00 25.000.000,00 Titolo 5 - Gestione delle risorse ripartite a livello iii.emanazione del provvedimento di ammis-regionale sione all’agevolazione (cfr. art. 17 Decreto Kyoto). 1. Per le sole misure microcogenerazione diffusa, b. Gestione delle variazioni del finanziamentorinnovabili e usi finali il Decreto Kyoto consente agevolato e del recupero:(all’articolo 4, commi 7 e 8) alle Regioni e Province i. tempi e modalità di realizzazione degli in-autonome di gestire direttamente le risorse assegnate, vestimenti (cfr. art. 18 Decreto Kyoto);tramite gli Enti Gestori Regionali. La gestione diretta ii. casi di decadenza o revoca. Recupero som-include le seguenti attività: me (cfr. art. 21 Decreto Kyoto); a. Ammissione ai benefici erariali (cfr. art. 14 iii.varianti e variazioni di titolarità (cfr. artt.Decreto Kyoto): 22 e 23 Decreto Kyoto). i. modalità di presentazione delle domande Sono escluse dalla competenza delle Regioni e Pro-(cfr. art. 15 Decreto Kyoto); vince autonome le seguenti attività: ii. istruttoria (cfr. art. 16 Decreto Kyoto). a. stipula e gestione del contratto di finanziamen-[1] FONTE: sito ISTAT - Bilancio demografico anno 2007[2] FONTE: sito di Terna, con esclusione della componente di energia elettrica assorbita dalle Ferrovie dello Stato
  • 64. 66 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEto (cfr. artt. 17 e 19 Decreto Kyoto); “Regioni di cui alla Tabella 2”); b. erogazione dei finanziamenti agevolati (cfr. b. gli Enti Gestori Regionali e i loro relativiart. 20 Decreto Kyoto). indirizzi, ai quali i potenziali Soggetti Beneficiari, il 2. Nella Tabella 2 sono elencati: cui bene oggetto di intervento è situato nelle Regioni a. le Regioni e Province autonome che si sono elencate, devono inviare la domanda di ammissioneavvalse della predetta facoltà (di seguito indicate come all’agevolazione.Tabella 2 - Elenco Enti Gestori Regionali di cui all’art. 4, commi 7 e 8, Decreto Kyoto Regioni Ente Gestore Regionale (enti di sviluppo regionali o Società finanziarie regionali) FONDO KYOTO FI.R.A. SpA - Finanziaria Regionale AbruzzeseRegione Abruzzo c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Sviluppo Italia Basilicata SpaRegione Basilicata c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO ERVET - Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio S.p.a.Regione Emilia Romagna c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Cestec SpA - Centro per lo Sviluppo Tecnologico, l’Energia e la Competitività delle Piccole e MedieRegione Lombardia Imprese Lombarde c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA FONDO KYOTO Finpiemonte S.p.A.Regione Piemonte c/o CDP S.p.A. Via Goito, 4 - 00185 ROMA 3. Le Regioni di cui alla Tabella 2, gli Enti Gestori Titolo 6 - Ripartizione delle risorse per l’interoRegionali, la CDP e il Ministero dell’ambiente stipula- territorio nazionaleno un’apposita Convenzione attraverso la quale sono 1. Nel primo Ciclo di Programmazione, per le misu-disciplinati i rapporti tra i predetti soggetti. Agli oneri re motori elettrici, protossido di azoto, ricerca e ge-derivanti dalla suddetta Convenzione provvedono le stione forestale sostenibile le risorse sono assegnateRegioni di cui alla Tabella 2, con proprie risorse all’intero territorio nazionale. La tabella 4 riporta laumane, strumentali e finanziarie. ripartizione in Plafond delle risorse per ciascuna misu- 4. Per le rimanenti Regioni e Province autonome, la ra assegnata a livello nazionale.gestione delle attività relative al Fondo Kyoto rimanein carico al Ministero dell’ambiente e alla CDP. I Tabella 4 - Ripartizione in Plafond delle risorse perSoggetti Beneficiari, il cui bene oggetto di intervento è l’intero territorio nazionalesituato nelle Regioni e Province autonome stesse, Misure per l’intero territorio nazionale Importodevono inviare la domanda di ammissione all’agevola- Misura motori elettrici 15.000.000,00zione al seguente indirizzo: Misura di protossido di azoto 5.000.000,00Tabella 3 - Ente gestore CDP Misura ricerca 5.000.000,00 Regioni Ente gestore Misura gestione forestale sostenibile 10.000.000,00Calabria, Campania, Friuli-VeneziaGiulia, Lazio, Liguria, Marche, Moli- FONDO KYOTO Totale 35.000.000,00se, Provincia autonoma di Bolza- CDP S.p.A.no, Provincia autonoma di Trento, Via Goito, 4 - 00185 ROMAPuglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Titolo 7 - Gestione delle risorse ripartite perUmbria, Valle d’Aosta, Veneto l’intero territorio nazionale 1. Per le misure motori elettrici, protossido di azo- 5. I rapporti tra CDP e il Ministero dell’ambiente to, ricerca e gestione forestale sostenibile il Ministerosono disciplinati nell’apposita Convenzione tra i mede- dell’ambiente e la CDP gestiscono le attività previstesimi sottoscritta. dal Decreto Kyoto e dalla presente Circolare.
  • 65. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 67DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Titolo 8 - Finanziamenti agevolabili - soglie mini- 200 kWp): si rimanda all’allegato d) al Decreto Allega-me economicamente convenienti ti denominato “Tabella costi unitari massimi ammissi- 1. Fermo restando quanto previsto all’articolo 6, bili”;comma 2, del Decreto Kyoto, sono di seguito indicate b. Misura microcogenerazione diffusa: potenzale taglie minime al di sotto delle quali, ad oggi, non (P) 5 kWe;risulta economicamente conveniente l’accesso al finan- c. Misura motori elettrici: sostituzione di alme-ziamento agevolato: no 2 motori esistenti, ciascuno di potenza superiore a a. Misura rinnovabili 90 kWe con 2 nuovi motori; ● Solare Termico: impianti con superficie (S) d. Almeno 20.000,00 euro di finanziamento age-12 m2; volato per tutti gli altri interventi e per i sistemi ● Eolico: potenza (P) 3 kWp; integrati. ● Fotovoltaico: potenza (P) 3 kWp; ● Biomasse termico alimentato a pellets o a Titolo 9 - Soggetti Beneficiari delle misurecippato (compresa tra 50 kWt e 450 kWt): si rimanda 1. Con riferimento all’articolo 5, comma 1, delall’allegato d) al Decreto Allegati denominato Decreto Kyoto si riporta in Tabella 5 un quadro sinteti-“Tabella costi unitari massimi ammissibili”; co ove sono identificati i Soggetti Beneficiari per ● Mini-idroelettrico (compresa tra 1 kWp e singola misura.Tabella 5 - Soggetti Beneficiari per singola misuraMisura microcogenerazione diffusa (ripartizione su base regionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione, con potenza - “persona fisica”nominale compresa fino a 50 kWe che utilizzano quali fonti energetiche le seguenti: gas naturale, - “imprese”Biomassa Vegetale Solida, biocombustibili liquidi di origine vegetale, Biogas e in co-combustione gas - “persona giuridica privata” - “condomini”naturale-biomassa - “soggetti pubblici”Misura rinnovabili (ripartizione su base regionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione di piccola tagliaper l’utilizzo di singola fonte rinnovabile:- impianti eolici con una potenza nominale installata compresa tra 1 kWp e 200 kWp; - “persona fisica” - “imprese”- impianti idroelettrici con una potenza nominale installata compresa tra 1 kWp e 200 kWp;- impianti termici a Biomassa Vegetale Solida (pellets o cippato) di potenza nominale termica (kWt) - “persona giuridica privata” - “condomini”compresa tra 50 kWt e 450 kWt;- impianti fotovoltaici integrati o parzialmente integrati negli edifici con una potenza nominale - “soggetti pubblici”compresa tra 1 kWp e 40 kWpSono ammessi investimenti per singolo intervento, in impianti di nuova costruzione di piccola tagliaper l’utilizzo di singola fonte rinnovabile: - “soggetti pubblici”- impianti solari termici con superficie d’apertura fino a 200 m2Misura usi finali (ripartizione su base regionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per singolo intervento:- sull’involucro di edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardantistrutture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiusure trasparenti comprensive di infissi e vetri, - “soggetti pubblici”chiusure apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se non apribili, delimitanti il volumeriscaldato, verso l’esterno e verso vani non riscaldatiSono ammessi investimenti per singolo intervento:- per la climatizzazione diretta tramite teleriscaldamento da impianti di cogenerazione di potenza - “persona fisica”nominale fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, Biomassa Vegetale Solida, Biocombustibili - “imprese”Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassa. Tale intervento è ammissibile solo - “persona giuridica privata”se contempla sia la realizzazione dell’impianto di cogenerazione che la realizzazione della rete di - “condomini”teleriscaldamento ad esso abbinata, inclusi gli allacciamenti agli edifici; - “soggetti pubblici”- per la climatizzazione degli edifici da impianti geotermici a bassa entalpia fino a 1 MWtSono ammessi investimenti per singolo intervento:- impianti di cogenerazione di potenza nominale fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, Biomassa - “soggetti pubblici”Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-biomassaMisura motori elettrici (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi investimenti per la sostituzione di motori con potenza nominale superiore a 90 kWe con - “imprese”apparecchiature ad alta efficienzaMisura protossido di azoto (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi investimenti sui cicli produttivi delle imprese che producono acido adipico e delle - “imprese”imprese agro-forestali
  • 66. 68 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEMisura ricerca (ripartizione su base nazionale) Beneficiari - Istituti superiori di ricerca, sia pubblici che privatiSono ammesse al finanziamento agevolato le attività di ricerca pre-competitiva per lo sviluppo di - Università e loro consorzitecnologie innovative per la produzione di energia da fonti rinnovabili, per la produzione e - soggetti costituiti, anche inseparazione e accumulo di idrogeno, per lo sviluppo di materiali, componenti e configurazioni compartecipazione pubblico-pri-innovative di celle a combustibile vata, per la creazione di spin- off al fine di valorizzare i risul- tati della ricercaMisura gestione forestale sostenibile (ripartizione su base nazionale) BeneficiariSono ammessi al finanziamento agevolato i progetti regionali che presentano la finalità di identificare - Regioni e Province autonomeinterventi diretti a ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei suoli forestali e nelle foreste 2. Con riferimento alle misure microcogenerazione 4. In caso di comproprietà di un bene immobilediffusa, rinnovabili e usi finali, per i “soggetti pubbli- saranno beneficiari del finanziamento tutti i compro-ci”, gli interventi possono essere effettuati esclusiva- prietari (siano essi “persone fisiche” o “persone giuridi-mente su beni immobili di proprietà pubblica e nella che private” o “imprese”), pertanto il contratto didisponibilità degli stessi “soggetti pubblici”. finanziamento sarà cointestato a tutti i proprietari che 3. Per i restanti soggetti di natura privata, ad ecce- saranno responsabili in solido. Alla sottoscrizione delzione delle ESCo, che accedono alle suddette misure, contratto di finanziamento, devono comparire tutti igli interventi possono essere effettuati su beni immobi- soggetti comproprietari, salvo la possibilità di conferi-li di proprietà del Soggetto Beneficiario. re apposita procura notarile ad un rappresentante comu- ne. Titolo 10 - Parti comuni e comproprietà 5. Ai fini della presentazione della domanda di 1. Per le misure microcogenerazione diffusa, rinno- finanziamento tutti i soggetti comproprietari rilascianovabili e usi finali gli interventi possono riguardare sia apposita delega ad uno di essi alla sottoscrizione dellale parti comuni di un bene immobile sia un unico bene domanda, nonché alla gestione del relativo procedi-immobile in comproprietà. mento istruttorio. Pena inammissibilità della domanda, 2. Con riferimento agli interventi su parti comuni, le deleghe devono essere allegate alla domanda disi applicano i seguenti criteri: finanziamento. a. da un minimo di 5 a un massimo di 9 unità 6. Si evidenzia che anche in presenza di più Sogget-immobiliari l’accesso al finanziamento avviene con i ti Beneficiari della stessa natura giuridica (per esem-medesimi criteri previsti per i “condomini” (cfr. Decre- pio due o più “persone fisiche”, due o più “personeto Kyoto e Decreto Allegati). L’accesso al finanzia- giuridiche private”, due o più “imprese”) alla doman-mento avviene tramite l’amministratore che agisce da presentata, pena la sua inammissibilità, devonomediante procura notarile in nome e per conto di tutti i essere allegati i documenti prescritti comeproprietari (siano essi “persone fisiche” o “persone “ALLEGATI” alle pagine 70 e 71 Allegato a6) delgiuridiche private” o “imprese”); pertanto, il contratto Decreto Allegati, ivi comprese le comunicazioni/di-di finanziamento sarà cointestato a tutti i condomini chiarazioni di cui agli Allegati da b1) a b3) ed f6) delche saranno responsabili in solido. Decreto Allegati, in conformità all’elenco ivi riportato b. da un minimo di 2 a un massimo di 4 unità per ciascun Soggetto Beneficiario ed in dipendenzaimmobiliari non costituite in condominio si è in presen- dalla sua specifica tipologia (“persona fisica” oza di una comunione e l’accesso al finanziamento “persona giuridica privata” o “impresa”).avviene con i medesimi criteri previsti per i“condomini” (cfr. Decreto Kyoto e Decreto Allegati). Titolo 11 - ImpreseL’accesso al finanziamento avviene tramite un rappre- 1. Alla data di presentazione della domanda di am-sentante comune che agisce mediante procura notarile missione all’agevolazione, i soggetti “imprese” devo-in nome e per conto di tutti i proprietari (siano essi no possedere i seguenti requisiti soggettivi (cfr. art. 5,“persone fisiche” o “persone giuridiche private” o co. 2, Decreto Kyoto):“imprese”); pertanto il contratto di finanziamento sarà a. essere già iscritti nel registro delle imprese;cointestato a tutti i proprietari che saranno responsabili b. trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nelin solido. pieno e libero esercizio dei propri diritti e non sottopo- 3. Nel caso in cui uno o più partecipanti alla comu- sti a procedure concorsuali né ad amministrazionenione siano una “impresa” è fatto obbligo allegare controllata;Certificato rilasciato dal competente Tribunale Falli- c. aver depositato presso il registro delle impre-mentare attestante l’assenza di procedure concorsuali se, limitatamente ai soggetti obbligati, almeno duea carico dell’impresa. bilanci su base annuale.
  • 67. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 69DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 2. Nell’ambito delle “imprese” sono incluse le So- domini.cietà di servizi energetici (ESCo). 9. La concessione o il contratto devono avere una durata superiore alla durata del rimborso del finanzia- Titolo 12 - ESCo mento richiesto. 1. Alle ESCo si applica la disciplina prevista per i 10. Dal certificato camerale deve risultare, a penaSoggetti Beneficiari “imprese”. di inammissibilità, che la società opera anche in veste 2. Le ESCo possono presentare domanda di ammis- di ESCo.sione alle agevolazioni per le misure a cui ha accessoil proprietario del bene immobile oggetto dell’interven- Titolo 13 - Ulteriori specifiche regionalito e per il quale è presentata la domanda di ammissio- 1. La Regione Piemonte ha definito criteri di valuta-ne all’agevolazione. zione aggiuntivi rispetto a quelli contenuti nell’artico- 3. Le ESCo non possono presentare domande di lo 6 del Decreto Kyoto che tengono conto della pecu-ammissione all’agevolazione per la Misura gestione liare specificità territoriale. Detti criteri sono riportatiforestale sostenibile. in Allegato I alla presente Circolare. 4. Le ESCo, a differenza di quanto previsto al Pun-to 4 del Titolo 3, possono presentare più domande a Titolo 14 - Ammontare finanziamento agevolatovalere sulla stessa misura compresi i sistemi integrati, 1. L’ammontare del finanziamento agevolato è cal-purché riferite a beni immobili diversi tra di loro e colato come il valore minimo tra:appartenenti rispettivamente a diversi soggetti proprie- a. il massimale di finanziamento agevolato fissa-tari sia pubblici che privati. to per ciascuna misura (cfr. art. 10 Decreto Kyoto) 5. Le ESCo, oltre a quanto previsto al precedente definito sulla base di standard di costo per scaglioni diTitolo 11, devono essere in possesso di: potenza o di superficie nonché di limiti massimi per a. Atto di concessione su beni immobili di pro- singolo progetto;prietà di “soggetti pubblici”; b. il prodotto tra la percentuale di agevolazione e b. Contratto di gestione su beni immobili di pro- il totale generale dei costi ammissibili (cfr. allegato e)prietà degli altri soggetti diversi da “soggetti pubblici”. Decreto Allegati); 6. All’atto di presentazione della domanda di am- c. il prodotto tra la percentuale di agevolazione emissione all’agevolazione e relativa documentazione, il totale finanziamento agevolato richiesto (cfr. allega-le ESCo devono fornire: to e) Decreto Allegati) in funzione della capacità di a. una copia conforme dell’atto di concessione o autofinanziamento del Soggetto Beneficiario.del contratto, oppure 2. La modalità di calcolo dell’ammontare del fi- b. una dichiarazione autocertificata nei modi di nanziamento agevolato è descritta nel successivolegge rilasciata dal soggetto concedente, pubblico o Capitolo 4 ove sono riportati, per maggior chiarezza,privato, attestante la concessione o la stipula del con- alcuni esempi di calcolo riguardanti le diverse Misu-tratto e completa dei dati relativi alla concessione o al re.contratto e dei dati relativi al bene immobile oggetto Il finanziamento agevolato concesso rappresentadell’intervento. una quota parte del costo totale del progetto; la restan- 7. L’atto di concessione o il contratto deve essere te parte è a carico del Soggetto Beneficiario il qualepienamente operante alla data di inoltro della domanda potrà fare ricorso a strumenti propri o all’accesso aldi ammissione all’agevolazione; non sono ammesse credito bancario.dichiarazioni o simili attestanti la volontà di stipulare i Nella Tabella 6 sono indicate le percentuali di age-relativi atti in momenti successivi. volazione riconosciute ai Soggetti Beneficiari di natu- 8. In caso di “condomini” che si avvalgono della ra pubblica o privata, fermo restando il rispetto deiESCo, il contratto e la dichiarazione possono essere a massimali del finanziamento agevolato previsti nelfirma dell’amministratore su procura notarile dei con- Decreto Kyoto per singola misura.Tabella 6 - Percentuale di agevolazione * MisureSoggetti GestioneBeneficiari Protossido Microcogenerazione Rinnovabili Usi finali Motori elettrici Ricerca forestale di azoto sostenibilePubblici 90% 50% dei costi 100%Privati 70% ammissibili*Percentuale di agevolazione (da applicare al totale generale dei costi ammissibili e al totale finanziamento agevolato richiesto)
  • 68. 70 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 3. Per quanto concerne le ESCo, queste ultime bene- avvenute in data successiva all’invio della domanda dificiano della percentuale di agevolazione riconosciuta ammissione al finanziamento agevolato ovvero di qual-in capo al proprietario del bene immobile oggetto siasi altra situazione modificativa della dichiarazionedell’intervento per cui è presentata la domanda di presentata in sede di domanda di ammissione al finan-ammissione all’agevolazione. ziamento agevolato: per il Ministero dell’ambiente la CDP e, per le Regioni di cui alla Tabella 2, gli Enti Titolo 15 - Determinazione del tasso di interesse Gestori Regionali. 1. Il tasso di interesse applicato nella erogazione deifinanziamenti agevolati è pari allo 0,50 per cento Titolo 17 - Efficienza energetica e fonti rinnovabi-annuo nominale (cfr. art. 19, co. 1, Decreto Kyoto) li: condizioni di cumulabilità degli incentivi in mate-così come stabilito dal Decreto Tasso. ria 2. Il tasso di interesse agevolato concorre a determi- I benefici del Fondo Kyoto sono cumulabili con inare l’entità dell’intensità di aiuto. Convenzionalmen- seguenti incentivi e tariffe:te tale intensità si calcola come differenza, attualizza- 1. Incentivazione alla produzione di energia elettri-ta, tra i seguenti tassi: ca da fonti rinnovabili, che consente il riconoscimento ● tasso di riferimento e attualizzazione (dato e il rilascio dei cd. “Certificati verdi” (art. 2, co. 143-dal tasso base pubblicato dalla Commissione Europea 157, della Legge Finanziaria 2008) e degli incentivial link previsti dall’art. 24 del Dlgs. 3 marzo 2011, n. 28; http://ec.europa.eu/competition/state_aid/legislation/ 2. Tariffe incentivanti per la produzione di energiareference_rates.html da impianti solari fotovoltaici e per lo sviluppo di aumentato di 100 punti base) vigente alla data di tecnologie innovative per la conversione fotovoltaicastipula del contratto di finanziamento e (art. 5, co. 1, lett. g) del Decreto Interministeriale 6 ● tasso agevolato di cui al Punto 1. agosto 2010, cd. “Terzo Conto Energia” e art. 5, co. 1, lett. g) del Decreto Interministeriale 5 maggio 2011, Titolo 16 - Cumulabilità nel rispetto della regola cd “Quarto Conto Energia”;“de minimis” per le Imprese 3. Incentivi per la produzione di energia elettrica da 1. Per il soggetto “imprese” i benefici previsti dalle impianti da fonti di energia rinnovabili con poten-singole normative comunitarie, nazionali e regionali, za nominale non inferiore a 5 MWe e da impianticompresi quelli erogati a livello locale, inclusa l’inten- previsti dai progetti di riconversione del settoresità di aiuto di cui sopra, sono cumulabili fino al bieticolo-saccarifico approvati dal competente Comi-raggiungimento della quota massima dell’aiuto di Sta- tato (art. 24, co. 3, del d.lgs. n. 28/2011);to consentita (cfr. art. 9, co. 1, Decreto Kyoto). Detta 4. Incentivi per la produzione di energia termicasoglia, definita “de minimis” non può superare l’am- da fonti rinnovabili e per interventi di efficienzamontare di 200.000,00 euro nell’arco di tre anni, in energetica di piccole dimensioni (art. 28, co. 1, lett.base al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commis- d), e co. 5 del d.lgs. n. 28/2011).sione Europea del 15 dicembre 2006, pubblicato nellaGazzetta Ufficiale dell’Unione Europea n. L 379/5 del Titolo 18 - Fasi del procedimento per l’utilizzo28 dicembre 2006. del finanziamento agevolato 2. Il controllo del “de minimis” è effettuato secondo 1. I capitoli successivi della Circolare descrivono lequanto previsto dal richiamato Regolamento (CE) n. diverse fasi del procedimento per l’utilizzo del finan-1998/2006. Al fine di effettuare una verifica delle ziamento agevolato. Il testo è stato organizzato indichiarazioni rese all’atto di presentazione della do- funzione delle quattro fasi e delle relative sotto fasimanda di ammissione all’agevolazione, il Ministero che seguono.dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli 2. Fase di presentazione della domanda di ammis-Enti Gestori Regionali appositamente delegati) proce- sione al finanziamento agevolato (cfr. Cap. 2 - 3 -dono con verifiche dirette avvalendosi della Banca 4):Dati Anagrafica istituita presso il Ministero dello svi- a. preparazione della domanda (vedi, unitamenteluppo economico. al Decreto Kyoto e al Decreto Allegati, anche il Capi- 3. Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla tolo 3 “Definizioni tecniche e specifiche aggiuntive” eTabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamen- il Capitolo 4 “Costi ammissibili e modalità di calcolote delegati) possono inoltre avvalersi delle banche dati del beneficio erariale” della presente Circolare; laregionali per le verifiche delle dichiarazioni relative al Guida alla compilazione della domanda di ammissione“de minimis” rese all’atto di presentazione della do- all’agevolazione sul sito web di CDP e, per la misuramanda di ammissione all’agevolazione. motori elettrici, l’allegato h) al Decreto Allegati 4. È comunque posto a carico del Soggetto Benefi- “Tabella per l’accesso ai benefici previsti per la Misu-ciario informare di eventuali ulteriori agevolazioni ra motori elettrici”);
  • 69. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 71DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE b. presentazione della domanda. la domanda utilizzando l’Applicativo web, i soggetti 3. Fase di ammissione della domanda al finanzia- devono disporre delle credenziali di accesso che vengo-mento agevolato (cfr. Cap. 5): no rilasciate tramite la procedura di accreditamento a. raccolta delle domande; disponibile sul sito web di CDP. b. istruttoria preliminare; 2. È possibile procedere all’accreditamento a de- c. istruttoria tecnica; correre dal giorno successivo alla data di pubblica- d. istruttoria economico-finanziaria; zione della presente Circolare sulla Gazzetta Uffi- e. provvedimento di ammissione. ciale. 4. Fase di stipula del contratto ed erogazione del 3. L’accreditamento avviene inserendo i dati identi-finanziamento agevolato (cfr. Cap. 6): ficativi di una “persona fisica” ed un indirizzo e-mail. a. stipula del contratto di finanziamento; Al termine della registrazione il sistema genera le b. erogazione anticipazione; credenziali di accesso (userid e password) e le invia c. erogazione SAL; all’indirizzo di posta elettronica specificato. La userid d. erogazione saldo a collaudo; e la password sono utilizzati ai fini della compilazione e. emissione e incasso rate del finanziamento e della successiva visualizzazione della domanda diagevolato. ammissione all’agevolazione. 5. Fase di gestione delle variazioni del finanzia-mento agevolato e del recupero (cfr. Cap. 7): Titolo 3 - Utilizzo Applicativo web per la compila- a. variazioni di titolarità; zione della domanda b. variazioni dati; 1. L’Applicativo web consente ai soggetti accredita- c. proroghe; ti di inserire i dati relativi alla domanda di ammissione d. varianti e aggiornamenti del cronoprogramma; all’agevolazione e definisce subito l’ordine cronologi- e. revoca; co di presentazione delle stesse domande. f. recupero forzoso. 2. L’Applicativo web guida il soggetto nell’immis- sione dei propri dati, dei dati relativi alla Banca Ade- CAPITOLO 2 - Modalità di presentazione della rente di riferimento, al progetto, alla domiciliazione domanda di ammissione all’agevolazione delle comunicazioni, ecc. 3. Una volta compilato il modulo di domanda in Titolo 1 - Sito e Applicativo web ogni sua parte, l’utente conferma la domanda di am- 1. CDP dedica al Fondo Kyoto un’apposita sezione missione all’agevolazione acquisita dal sistema e rice-del proprio sito web istituzionale (www.cassaddpp.it) ve il protocollo telematico.ove sono disponibili e scaricabili tutti i documenti utili 4. In tale fase sulla domanda può comparire laper la domanda di agevolazione. Tramite la stessa dicitura “Gestione fuori Plafond” (cfr. Cap. 5, Titolosezione si accede all’Applicativo web per la gestione 7, Punto 4).delle domande e dei progetti finanziati. 5. Utilizzando la stessa userid l’utente potrà presen- 2. L’Applicativo web offre ai Soggetti Beneficiari tare più domande, nel rispetto di quanto previsto alvantaggi di rapidità, di auto-validazione dei dati immes- Cap. 1, Titolo 3, Punto 4.si e di acquisizione della prenotazione delle risorse. 3. L’utilizzo dell’Applicativo web consente anche a Titolo 4 - Aiuti alla compilazione della domandatutti gli utenti (Soggetti Beneficiari, Ministero dell’am- 1. Sarà disponibile sul sito web di CDP (www.cas-biente, Ministero dello sviluppo economico, Regioni e saddpp.it) una “Guida alla compilazione della doman-Province autonome, Enti Gestori Regionali, Banche da di ammissione all’agevolazione” per aiutare i poten-Aderenti e CDP) di agire in consultazione e/o in ziali Soggetti Beneficiari ad accedere al Fondo Kyoto.aggiornamento, in base alle autorizzazioni del profilo 2. Sull’Applicativo web è altresì disponibile un sup-assegnato. porto in linea. Tali aiuti contengono anche i criteri di 4. Il Ministero dell’ambiente e il Ministero dello valutazione aggiuntivi definiti dalla Regione Piemon-sviluppo economico consultano gli elenchi afferenti le te.istanze pervenute tramite l’Applicativo web. 5. Le Regioni di cui alla Tabella 2 e gli Enti Gestori Titolo 5 - Termini di presentazione delle doman-Regionali utilizzano l’Applicativo web messo a dispo- desizione da CDP per la gestione delle domande e dei 1. La domanda di ammissione all’agevolazione de-progetti finanziati di propria competenza, svolgendo ve essere presentata a decorrere dal quindicesimocomunque in autonomia tutte le fasi di istruttoria. giorno successivo alla data di pubblicazione della presente Circolare sulla Gazzetta Ufficiale della Titolo 2 - Accreditamento (Userid e Password) Repubblica Italiana e fino al centotrentacinquesi- 1. Per accedere alla procedura di compilazione del- mo giorno compreso dalla stessa data di pubblica-
  • 70. 72 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEzione. Qualora la scadenza del centotrentacinquesimo il timbro postale di spedizione.giorno dovesse risultare successiva alla data del 31 7. Le domande e la relativa documentazione nondicembre 2012 (cfr. Cap. 1, Titolo 1, Punto 3) saranno inoltrate secondo quanto previsto al successivo Titoloconsiderate pervenute nei termini tutte le domande 7, Punto 2, ovvero inviate oltre il sopraindicato termi-presentate entro il centotrentacinquesimo giorno come ne, saranno ritenute non ricevibili con conseguenteinnanzi definito. Non saranno, pertanto, accolte do- decadenza dell’ordine cronologico inizialmente acqui-mande presentate oltre tale ultimo termine. sito. Per tali domande non sarà avviato il procedimen- 2. La compilazione della domanda di ammissione to di istruttoria di cui al successivo Capitolo 5.all’agevolazione tramite l’utilizzo dell’Applicativo 8. Il modulo di domanda e la relativa documentazio-web e la conseguente prenotazione telematica saranno ne non sono integrabili in momenti successivi a quellopossibili a partire dalle ore 12.00 dello stesso quindice- di presentazione della stessa.simo giorno. Titolo 7 - Luogo di presentazione della domanda Titolo 6 - Stampa domanda dall’Applicativo web e degli allegatie sua presentazione 1. L’invio della domanda e degli allegati deve esse- 1. La domanda di ammissione all’agevolazione, co- re effettuato a mezzo plico raccomandato con avvisosì come inserita nell’Applicativo web, deve essere di ricevimento o “Raccomandata 1” con prova distampata (la stampa riporterà il protocollo telematico consegna all’indirizzo CDP (cfr. Tabella 3) o all’indi-attribuito), sottoscritta e completata con la documenta- rizzo degli Enti Gestori Regionali (esclusivamente perzione allegata. le misure microcogenerazione diffusa, rinnovabili e 2. In fase di stampa della domanda l’Applicativo usi finali quando il bene oggetto di intervento èweb produce automaticamente un frontespizio ove è situato in una delle Regioni di cui alla Tabella 2).riportato mittente, numero di protocollo telematico, 2. Ogni plico deve contenere, a pena di inammissibi-indirizzo di destinazione e data di chiusura della transa- lità, una sola domanda di ammissione all’agevolazionezione di inserimento della domanda. Analogamente a con la relativa documentazione in formato cartaceo inquanto accade in fase di conferma della domanda, sul originale. Per i successivi Cicli di Programmazione, èfrontespizio potrebbe essere riportata la dicitura previsto il ricorso al documento informatico con firma“Gestione fuori Plafond” (cfr. Cap. 5, Titolo 7, Punto digitale e alla Posta Elettronica Certificata (PEC) o,4). Il frontespizio deve essere applicato all’esterno del tramite l’Applicativo web, al caricamento della docu-plico. mentazione; di questo verrà data apposita informativa. 3. Il modulo di domanda deve essere compilato in 3. Non è ammessa la consegna a mano dei plichi.ogni sua parte, debitamente sottoscritto ed accompa- 4. La CDP e gli Enti Gestori Regionali, ricevute legnato dalla documentazione richiesta in formato carta- domande in formato cartaceo, provvedono all’alimen-ceo, a pena di inammissibilità della domanda stessa. tazione della banca dati informatica, effettuando laSulla domanda deve essere apposta una marca da scansione dei documenti cartacei ove necessario.bollo amministrativa, fatta salva l’esenzione previstaper i "soggetti pubblici" che sono comunque tenuti a Titolo 8 - Rinuncia e modifica della domandapresentare in domanda, pena l’inammissibilità della compilata tramite l’Applicativo webstessa, la documentazione attestante i poteri di firma 1. Una volta inviata la domanda di ammissionedella persona delegata alla presentazione dell’istanza. all’agevolazione tramite l’Applicativo web, i dati ivi 4. Per quanto concerne la documentazione da allega- contenuti non potranno essere modificati dal Soggettore al modulo di domanda si fa riferimento a quanto Beneficiario tramite lo stesso Applicativo web se nonprevisto dal Decreto Allegati e dalla presente Circola- previa rinuncia alla domanda stessa.re, in particolare il Titolo 10 (Parti comuni e compro- 2. Il Soggetto Beneficiario che intende rinunciareprietà) del Capitolo 1 nonché i successivi Titoli 9 alla domanda di ammissione all’agevolazione presenta-(Autorizzazioni), 10 (D.U.R.C.), 11 (Richiesta di Fi- ta deve compilare e stampare l’apposito modulo pre-deiussione Bancaria) e 12 (Imprese soggette alla verifi- sente sull’Applicativo web. Una volta firmato il modu-ca antimafia). lo deve essere inviato, a mezzo raccomandata A.R. o 5. La documentazione completa deve essere inviata “Raccomandata 1” con prova di consegna, a CDP oentro il termine perentorio di 3 giorni solari successivi agli Enti Gestori Regionali.alla data di chiusura della transazione di inserimento 3. Tale modulo di rinuncia riporta il protocollodella domanda di ammissione all’agevolazione nel- telematico relativo alla domanda precedentemente ac-l’Applicativo web. Se il terzo giorno solare coincide quisita. Al ricevimento della comunicazione di rinun-con un giorno che non sia Giorno Lavorativo la scaden- cia CDP o gli Enti Gestori Regionali provvedono,za è prorogata al primo Giorno Lavorativo successivo. entro tre giorni lavorativi, ad abilitare nuovamente il 6. Per il rispetto del sopraindicato termine farà fede Soggetto Beneficiario all’inserimento di una eventuale
  • 71. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 73DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEnuova domanda di ammissione all’agevolazione sulla presenti nel prospetto riportato, per le diverse tipolo-medesima misura. gie di Soggetto Beneficiario, negli Allegati da f1) a f6) 4. La fase di rinuncia prevede, oltre il successivo del Decreto Allegati, una volta rilasciate dalle compe-inoltro del cartaceo nelle modalità di cui sopra, una tenti autorità, devono essere prodotte, in corso didoppia conferma tramite Applicativo web. validità, nei termini e nelle modalità rappresentate al 5. In ogni caso, il Soggetto Beneficiario è tenuto a successivo Cap. 6, Titolo 12, Punti 3 e 4.comunicare a CDP/Enti Gestori Regionali qualsiasivariazione relativa ai dati inseriti nella domanda secon- Titolo 10 - Il Documento Unico di Regolaritàdo le modalità previste al Cap. 7, Titoli 1, 2 e 4 della Contributiva (D.U.R.C.)presente Circolare. 1. I soggetti “imprese” e “persona giuridica priva- ta”, oltre a quanto sopra indicato, devono, pena l’inam- Titolo 9 - Autorizzazioni necessarie per la costru- missibilità, allegare alla domanda di ammissione al-zione, l’installazione e l’esercizio delle opere e im- l’agevolazione il Documento Unico di Regolarità Con-pianti. tributiva (D.U.R.C.) in corso di validità ed attestante 1. Alla domanda di ammissione all’agevolazione la regolarità dei versamenti dei contributi previdenzia-devono essere allegate, pena l’inammissibilità, le di- li ed assistenziali nei confronti dei propri dipendenti.chiarazioni sostitutive di atto di notorietà rese ai Laddove i suddetti soggetti non siano in possesso delsensi del DPR 445/2000 (per le diverse tipologie di D.U.R.C. all’atto della presentazione della domanda diSoggetto Beneficiario, di cui agli Allegati da f1) a f6) ammissione all’agevolazione, allegano copia dell’istan-del Decreto Allegati) compilate e sottoscritte (cfr. za di richiesta presentata all’istituto competente, non-Cap. 6, Titolo 10, Punto 3 - Titolo 11, Punto 5 - Titolo ché dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresen-12, Punto 3). tante del Soggetto Beneficiario ai sensi del DPR 2. La disciplina concernente le autorizzazioni non si 445/2000 attestante la regolarità dei versamenti deipresenta univoca a livello nazionale e locale; pertanto, contributi previdenziali e assistenziali e comprensivanel caso in cui l’intervento oggetto di domanda di dell’indicazione delle sedi INPS, INAIL, Cassa Edileammissione all’agevolazione necessiti di autorizzazio- ove è attiva una posizione con i relativi numeri dini, sarà lo stesso Soggetto Beneficiario ad indicare matricola secondo il testo, per le diverse tipologie dipuntualmente le autorizzazioni necessarie, allegando Soggetto Beneficiario, di cui agli Allegati da f1) a f6)alla suindicata dichiarazione, pena l’inammissibilità del Decreto Allegati.della domanda stessa, l’elenco di tutte le autorizzazio-ni ed adempimenti di legge necessari per: Titolo 11 - Richiesta di Fideiussione Bancaria a. la fase di costruzione e installazione delle 1. I Soggetti Beneficiari “persona fisica”,opere e impianti relativi all’intervento oggetto della “imprese”, “persona giuridica privata” e “condomini”domanda di ammissione all’agevolazione, con relativa devono richiedere ad una Banca Aderente (cfr. Cap. 6)indicazione dello stato di acquisizione o richiesta del- il rilascio di Fideiussione Bancaria per un importo paril’autorizzazione e con l’indicazione dell’ente che rila- al 30% del finanziamento agevolato richiesto.scia l’autorizzazione stessa; Tale richiesta deve essere allegata alla domanda di b. la fase di esercizio delle opere e impianti ammissione all’agevolazione.relativi all’intervento oggetto della domanda di ammis- 2. Per i “condomini”:sione all’agevolazione. a. la Fideiussione Bancaria deve essere unica per 3. Relativamente alle autorizzazioni necessarie al- tutto il condominio; non è consentita la presentazionela costruzione e all’installazione delle opere e impian- di una Fideiussione Bancaria per singolo condomino;ti, va precisato che, qualora non possa essere allegata b. in alternativa alla comunicazione dei parame-copia conforme delle autorizzazioni in quanto non tri di affidabilità economico-finanziaria da parte dellaancora conseguite, andrà compilata la lista secondo il Banca Aderente, la prevista Fideiussione Bancariatesto, per le diverse tipologie di Soggetto Beneficia- dovrà essere aumentata al 35% del finanziamento.rio, di cui agli Allegati da f1) a f6) del Decreto 3. La mancata presentazione, all’atto della domandaAllegati e allegata copia delle richieste di autorizza- di ammissione all’agevolazione, della richiesta di Fi-zione inoltrate alle autorità competenti, complete di deiussione Bancaria alla Banca Aderente comporta lanumero e data protocollo. Una volta rilasciate dalle non ammissione e conseguente diniego di cui al Capi-competenti autorità, le autorizzazioni in corso di tolo 5.validità devono essere prodotte nei termini e nellemodalità rappresentate al successivo Cap. 5, Titolo Titolo 12 - Imprese soggette alla verifica antima-8, Punti 4 e 5. fia 4. Relativamente alle autorizzazioni necessarie per 1. All’atto della domanda di ammissione all’agevo-la successiva fase di esercizio delle opere e impianti lazione, le “imprese” presentano il certificato di iscri-
  • 72. 74 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEzione alla C.C.I.A.A., in corso di validità, corredato no; la superficie esterna che delimita un edificio puòdell’apposita dicitura “antimafia”. confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l’am- 2. L’acquisizione obbligatoria delle informazioni da biente esterno, il terreno, altri edifici.parte del Ministero dell’ambiente o delle Regioni di 2. Per “piccola rete isolata” si intende, ai sensicui alla Tabella 2 (e/o degli Enti Gestori Regionali dell’articolo 2, comma 17, del decreto legislativo 16appositamente delegati), dalle competenti Prefetture marzo 1999, n. 79, e ss.mm.ii., ogni rete con unper il rispetto della normativa “antimafia”, viene effet- consumo inferiore a 2.500 GWh nel 1996, ove menotuata per ciascuna “impresa” nei casi in cui l’importo del 5 per cento è ottenuto dall’interconnessione condel singolo finanziamento o la somma degli importi altre reti.dei finanziamenti superi la soglia di legge fissata a € 3. Per tutte le misure, resta inteso che, laddove154.937,07 (di seguito “imprese soggette alla verifica intervengano innovazioni normative, il Soggetto Bene-antimafia”). ficiario deve attenersi alla normativa in vigore all’atto della presentazione della domanda di ammissione al- Titolo 13 - Tracciabilità dei flussi finanziari l’agevolazione, con particolare riferimento al Decreto 1. In ottemperanza alla legge 13 agosto 2010, n. Legislativo del 3 marzo 2011, n. 28 e ss.mm.ii sulle136 recante il “Piano straordinario contro le mafie, fonti rinnovabili e al Decreto Legislativo 19 agostononché delega al Governo in materia di normativa 2005, n. 192 e ss.mm.ii sul rendimento energetico inantimafia”, vi è l’obbligo di garantire e porre in edilizia.essere ogni azione necessaria al fine di assicurarequanto previsto, circa la “Tracciabilità dei flussi finan- Titolo 2 - Specifiche aggiuntive per impianti con-ziari”, dall’articolo 3 della richiamata legge e sue nessi alla rete elettricass.mm.ii. 1. Per gli impianti connessi alla rete elettrica si 2. Ai sensi e per gli effetti della sopra richiamata applicano le disposizioni di cui alla Delibera 99/08 delnorma, a decorrere dal 7 settembre 2010, i concessio- 23/07/2008 dell’Autorità per l’energia elettrica ed ilnari dei finanziamenti pubblici eseguono ogni movi- gas relativa al “Testo integrato delle condizioni tecni-mento finanziario, afferente l’impiego di tali finanzia- che ed economiche per la connessione alle reti elettri-menti, tramite uno o più conti correnti bancari o che con obbligo di connessione di terzi degli impiantipostali accesi presso banche o presso la società Poste di produzione di energia elettrica (Testo integratoitaliane SpA dedicati, anche se non in via esclusiva, delle connessioni attive - TICA)” che regola le condi-alle commesse pubbliche. zioni tecnico economiche per la connessione alle reti 3. Ai fini della tracciabilità, ciascun bonifico esegui- elettriche con obbligo di connessione di terzi deglito o ricevuto e relativo al finanziamento in questione impianti di produzione di energia elettrica e ss.mm.iideve riportare, ove applicabile, il Codice Identificativo (si veda www.autorita.energia.it).di Gara (CIG) attribuito dall’Autorità di Vigilanza sui 2. Dal 1 gennaio 2009 il servizio di scambio sulcontratti pubblici di lavori, servizi e forniture su richie- posto è erogato sulla base della Deliberazione 3 giu-sta della Stazione Appaltante e, ove obbligatorio ai gno 2008 - ARG/elt 74/08, “Testo integrato dellesensi dell’articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo3, il Codice Unico di Progetto (CUP). scambio sul posto - TISP” dell’Autorità per l’energia 4. L’eventuale mancata osservanza delle innanzi elettrica ed il gas e ss.mm.ii (si veda www.autorita.citate disposizioni, comporterà a carico del soggetto energia.it).inadempiente l’applicazione delle sanzioni contem-plate nell’articolo 6 della legge n. 136/2010 e ss.mm. Titolo 3 - Specifiche aggiuntive per impianti foto-ii. voltaici 1. Rientrano nei benefici del Decreto Kyoto solo gli CAPITOLO 3 - Definizioni tecniche e specifiche impianti di nuova costruzione che siano integrati negli aggiuntive edifici o parzialmente integrati negli edifici. Ai fini dell’accesso ai benefici del Decreto Kyoto, i Titolo 1 - Specifiche di carattere generale moduli devono essere posizionati su un edificio così 1. All’articolo 6, comma 2, del Decreto Kyoto per come definito dall’articolo 1, comma 1, lettera a), del“edificio” si intende, ai sensi dell’articolo 1, comma 1, decreto del Presidente della Repubblica 26 agostolettera a), del Decreto del Presidente della Repubblica 1993, n. 412 e ss.mm.ii. e ricadente in una delle26 agosto 1993, n. 412 e ss.mm.ii., un sistema costitui- categorie di cui all’articolo 3 del medesimo decretoto dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno (riportate in Tabella 7) secondo le seguenti modalitàspazio di volume definito, dalle strutture interne che (si veda Allegato 2 del DM 5 maggio 2011ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti, dispo- “Incentivazione della produzione di energia elettricasitivi tecnologici ed arredi che si trovano al suo inter- da impianti solari fotovoltaici”):
  • 73. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 75DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Qualora sia presente una balaustra perimetrale, la quota massima, riferita all’asse mediano dei moduli fotovoltaici, deve risultare non superiore all’altez- Moduli fotovoltaici installati su tetti piani ovvero 1 za minima della stessa balaustra. su coperture con pendenze fino a 5˚. Qualora non sia presente una balaustra perimetrale l’altezza massima dei moduli rispetto al piano non deve superare i 30 cm. I moduli devono essere installati in modo complanare alla superficie del tetto 2 Moduli fotovoltaici installati su tetti a falda. con o senza sostituzione della medesima superficie. Moduli fotovoltaici installati su tetti aventi carat- I moduli devono essere installati in modo complanare al piano tangente o ai 3 teristiche diverse da quelli di cui ai punti 1 e 2. piani tangenti del tetto, con una tolleranza di più o meno 10 gradi. Moduli fotovoltaici installati in qualità di frangi- I moduli sono collegati alla facciata al fine di produrre ombreggiamento e 4 sole. schermatura di superfici trasparenti. I moduli devono essere installati in modo complanare alla superficie dell’ele- mento con o senza sostituzione della medesima superficie. Moduli fotovoltaici installati su facciate, finestre, Per le finestre i moduli fotovoltaici sostituiscono o integrano le superfici 5 balaustre e parapetti di edifici. vetrate delle finestre stesse. Per le persiane i moduli fotovoltaici costituiscono gli elementi strutturali delle persiane stesse.Non rientrano nella definizione di edificio le pergole, le serre, le tettoie, le pensiline, le barriere acustiche e le strutture temporaneecomunque denominate.Tabella 7 - Classificazione generale degli edifici per categorie ai sensi dell’articolo 3 del DPR 26 agosto 1993, n. 412Articolo 3Classificazione generale degli edifici per categorie.1. Gli edifici sono classificati in base alla loro destinazione d’uso nelle seguenti categorie: E.1 Edifici adibiti a residenza e assimilabili: E.1 (1) abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme; E.1 (2) abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case per vacanze, fine settimana e simili; E.1 (3) edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari; E.2 Edifici adibiti a uffici e assimilabili: pubblici o privati, indipendenti o contigui a costruzioni adibite anche ad attività industriali o artigianali, purché siano da tali costruzioni scorporabili agli effetti dell’isolamento termico; E.3 Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili ivi compresi quelli adibiti a ricovero o cura di minori o anziani nonché le strutture protette per l’assistenza ed il recupero dei tossico-dipendenti e di altri soggetti affidati a servizi sociali pubblici; E.4 Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto e assimilabili: E.4 (1) quali cinema e teatri, sale di riunioni per congressi; E.4 (2) quali mostre, musei e biblioteche, luoghi di culto; E.4 (3) quali bar, ristoranti, sale da ballo; E.5 Edifici adibiti ad attività commerciali e assimilabili: quali negozi, magazzini di vendita all’ingrosso o al minuto, supermercati, esposizioni; E.6 Edifici adibiti ad attività sportive: E.6 (1) piscine, saune e assimilabili; E.6 (2) palestre e assimilabili; E.6 (3) servizi di supporto alle attività sportive; E.7 Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili; E.8 Edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili.2. Qualora un edificio sia costituito da parti individuali come appartenenti a categorie diverse, le stesse devono essere considerateseparatamente e cioè ciascuna nella categoria che le compete. 2. Per esempi di integrazione architettonica si riman- Decreto Allegati, qualora per la realizzazione dell’im-da ai documenti di riferimento prodotti dal Gestore dei pianto fotovoltaico si faccia ricorso a moduli fotovol-Servizi Elettrici S.p.A. e reperibili sul sito www.gse.it. taici non certificati secondo le norme CEI EN 61215 o 3. In apposita sezione del Progetto Definitivo allega- CEI EN 61646, nel solo caso in cui non siano commer-to alla domanda di ammissione all’agevolazione di cui cialmente disponibili dei prodotti certificati che con-al Decreto Kyoto, il Soggetto Beneficiario dichiara in sentano di realizzare il tipo di integrazione progettatoquale categoria, tra quelle riportate nella tabella di cui per lo specifico impianto, il Soggetto Beneficiarioal Punto 2 del precedente Titolo 3, ricade l’impianto, dovrà allegare all’atto di presentazione della domandamettendo chiaramente in evidenza, attraverso accurata di ammissione all’agevolazione di cui al Decreto Kyo-descrizione e disegni tecnici, la tipologia di integrazio- to:ne. a. dichiarazione del costruttore che il prodotto è 4. In relazione a quanto previsto all’allegato c7) del progettato e realizzato per poter superare le prove
  • 74. 76 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDErichieste dalle norme CEI EN 61215 o CEI EN 61646; il Biogas utilizzato dall’impianto di produzione di b. a supporto della dichiarazione di cui al prece- energia ma non produca la biomassa da cui è prodottodente punto a), certificazioni rilasciate da un laborato- il Biogas stesso, ciò verrà specificato in una appositario accreditato, ottenute su moduli fotovoltaici similari sezione della documentazione di progetto allegata allaa quelli previsti dal progetto; domanda di ammissione all’agevolazione con la quale c. documentazione idonea a dimostrare che il il Soggetto Beneficiario fornisce altresì la localizzazio-laboratorio di cui al precedente punto b) risulta essere ne del sito di produzione del Biogas ed un elencoaccreditato EA (European Accreditation Agreement) o informativo dei fornitori della biomassa specificando,aver stabilito accordi di mutuo riconoscimento con EA tra l’altro, il nominativo e la localizzazione delle ditteo in ambito ILAC. e la localizzazione dei siti di produzione della biomas- 5. I moduli fotovoltaici devono essere realizzati, sa, fermo restando il rispetto delle prescrizioni di cuiprovati e verificati in accordo con l’Allegato 1 del DM ai precedenti Punti 2 e 3. La localizzazione del sito di5 maggio 2011. produzione del Biogas e dei siti di produzione della biomassa devono essere completi di planimetria con Titolo 4 - Specifiche aggiuntive per il Biogas eventuali rilievi fotogrammetrici georeferenziati. 1. Il Biogas deve rispettare quanto previsto alla 7. Nel caso in cui il Soggetto Beneficiario acquistiParte II dell’allegato X alla parte quinta del decreto il Biogas (da specificare in una apposita sezione dellalegislativo 3 aprile 2006, n. 152 recante “norme in documentazione di progetto allegata alla domanda dimateria ambientale” e ss.mm.ii. ammissione all’agevolazione), tale Biogas deve rispet- 2. Il Biogas non deve essere prodotto da rifiuti. tare quanto previsto ai Punti 1, 2 e 3 e il Soggetto 3. Nel rispetto di quanto previsto al precedente Beneficiario deve indicare il nominativo e localizzazio-Punto 1, il Biogas di origine vegetale è quello prodotto ne della ditta che produce Biogas con la relativaall’interno del territorio regionale nel quale l’impianto localizzazione dei siti di produzione del Biogas non-che lo utilizza per produrre energia verrà realizzato ché l’elenco informativo dei fornitori della biomassacon biomassa vegetale prodotta, lavorata e fornita specificando, tra l’altro, il nominativo e la localizzazio-all’interno del medesimo territorio regionale, ovvero ne delle ditte e la localizzazione dei siti di produzionenell’ambito della Filiera Corta così come definita al- della biomassa. La localizzazione del sito di produzio-l’articolo 2, comma 1, lettera v), del Decreto Kyoto. ne del Biogas e dei siti di produzione della biomassaNel caso in cui la biomassa è da Filiera Corta anche la devono essere completi di planimetria con eventualiproduzione del Biogas deve avvenire nel raggio di 70 rilievi fotogrammetrici georeferenziati.km dall’impianto che lo utilizza per produrre energia. 8. Qualora la biomassa o il Biogas siano forniti da 4. Nel rispetto di quanto previsto ai precedenti Pun- soggetti diversi dal Soggetto Beneficiario, il Soggettoti 1 e 2, il Biogas può anche essere prodotto da Beneficiario deve allegare alla domanda di ammissio-biomasse di origine non vegetale, ma solo se la bio- ne all’agevolazione di cui al Decreto Kyoto la letteramassa è ottenuta da Filiera Corta così come definita d’intenti rilasciata dai fornitori che garantisca la dispo-all’articolo 2, comma 1, lettera v), del Decreto Kyoto, nibilità della biomassa o del Biogas.ossia la biomassa deve essere prodotta, lavorata e 9. Entro il termine perentorio di 90 giorni solarifornita entro il raggio di 70 km dall’impianto che la dalla data di ricezione della notifica di ammissione alutilizza per produrre energia. In tal caso anche la finanziamento, il Soggetto Beneficiario trasmette aproduzione di Biogas deve avvenire nel raggio di 70 CDP o agli Enti Gestori Regionali il contratto o iKm dall’impianto che lo utilizza per produrre energia. contratti preliminari stipulati con i soggetti di cui al 5. In apposita sezione della documentazione di pro- precedente Punto 7 per una fornitura del Biogas digetto allegata alla domanda di ammissione all’agevola- durata pari almeno alla durata del finanziamento age-zione di cui al Decreto Kyoto, il Soggetto Beneficiario volato concesso. Vedi a riguardo il Cap. 5, Titolo 8.specifica se esso stesso provvede alla produzione del 10. I costi relativi agli impianti di produzione delBiogas utilizzato dall’impianto di produzione di ener- Biogas non sono considerati costi ammissibili ai sensigia ed alla produzione, lavorazione e fornitura della del Decreto Kyoto.biomassa da cui è prodotto il Biogas, fornendo indica-zione della localizzazione del sito di produzione della Titolo 5 - Specifiche per le Biomasse Vegetalibiomassa e del Biogas, fermo restando il rispetto delle Solideprescrizioni di cui ai precedenti Punti 2 e 3. La localiz- 1. La Biomassa Vegetale Solida deve ricadere trazazione del sito di produzione del Biogas e dei siti di quelle ammissibili ai sensi dell’allegato X alla parteproduzione della biomassa devono essere completi di quinta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152planimetria con eventuali rilievi fotogrammetrici geo- recante “norme in materia ambientale” e ss.mm.ii.referenziati. 2. La Biomassa Vegetale Solida non deve essere 6. Nel caso in cui il Soggetto Beneficiario produca classificabile come rifiuto.
  • 75. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 77DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 3. Sulla base di quanto previsto all’articolo 2, com- re tra quelli ammissibili ai sensi dell’allegato X allama 1, lettera w), del Decreto Kyoto, la Biomassa parte quinta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.Vegetale Solida deve essere prodotta, lavorata e forni- 152 recante “norme in materia ambientale” e ss.mm.ii.ta all’interno del territorio regionale nel quale l’impian- 3. Il Biocombustibile Vegetale Liquido non deveto che la utilizza per produrre energia verrà realizzato, essere prodotto da rifiuti.ovvero nell’ambito della Filiera Corta così come defi- 4. In apposita sezione della documentazione di pro-nita all’articolo 2, comma 1, lettera v), del Decreto getto allegata alla domanda di ammissione all’agevola-Kyoto. zione, il Soggetto Beneficiario specificherà se esso 4. In apposita sezione della documentazione di pro- stesso è produttore del Biocombustibile Vegetale Li-getto allegata alla domanda di ammissione all’agevola- quido utilizzato dall’impianto di produzione di energiazione, il Soggetto Beneficiario specificherà se esso e della biomassa da cui è prodotto il Biocombustibilestesso provvede alla produzione, lavorazione e fornitu- Vegetale Liquido, fornendo indicazione della localizza-ra della Biomassa Vegetale Solida utilizzata nell’im- zione dei siti di produzione del Biocombustibile Vege-pianto e fornisce indicazione della localizzazione dei tale Liquido e della biomassa, fermo restando il rispet-siti di produzione della biomassa stessa, fermo restan- to delle prescrizioni di cui ai precedenti Punti 1 e 2. Lado il rispetto delle prescrizioni di cui al precedente localizzazione del sito di produzione del Biocombusti-Punto 2. La localizzazione del sito di produzione della bile Vegetale Liquido e dei siti di produzione dellabiomassa deve essere completo di planimetria con biomassa devono essere completi di planimetria coneventuali rilievi fotogrammetrici georeferenziati. eventuali rilievi fotogrammetrici georeferenziati. 5. Nel caso in cui il Soggetto Beneficiario non 5. Nel caso in cui il Soggetto Beneficiario producaproduca la Biomassa Vegetale Solida utilizzata nel- il Biocombustibile Vegetale Liquido utilizzato dall’im-l’impianto, ciò verrà specificato in una apposita sezio- pianto di produzione di energia ma non produce lane della documentazione di progetto allegata alla do- biomassa da cui è prodotto il biocombustibile stesso,manda di ammissione all’agevolazione con la quale il ciò verrà specificato in una apposita sezione dellaSoggetto Beneficiario fornisce un elenco informativo documentazione di progetto allegata alla domanda didei fornitori di Biomassa Vegetale Solida specifican- ammissione all’agevolazione con la quale il Soggettodo, tra l’altro, il nominativo e la localizzazione delle Beneficiario fornisce altresì indicazione della localiz-ditte e localizzazione dei siti di produzione della bio- zazione del sito di produzione del Biocombustibilemassa, fermo restando il rispetto delle prescrizioni di Vegetale Liquido nonché un elenco informativo deicui al precedente Punto 2. La localizzazione del sito di fornitori della biomassa specificando, tra l’altro, ilproduzione della biomassa deve essere completo di nominativo e la localizzazione delle ditte e la localizza-planimetria con eventuali rilievi fotogrammetrici geo- zione dei siti di produzione della biomassa, fermoreferenziati. restando, il rispetto delle prescrizioni di cui ai prece- 6. Qualora la biomassa sia fornita da soggetti diver- denti Punti 1 e 2. La localizzazione del sito di produ-si dal Soggetto Beneficiario, il Soggetto Beneficiario zione del Biocombustibile Vegetale Liquido e dei sitideve allegare alla domanda di ammissione all’agevola- di produzione della biomassa devono essere completizione la lettera d’intenti rilasciata dai fornitori che di planimetria con eventuali rilievi fotogrammetricigarantisca la disponibilità della biomassa. georeferenziati 7. Entro il termine perentorio di 90 giorni solari 6. Nel caso in cui il Soggetto Beneficiario acquistidalla data di ricezione della notifica di ammissione al il Biocombustibile Vegetale Liquido utilizzato nell’im-finanziamento, il Soggetto Beneficiario trasmette a pianto (da specificare in una apposita sezione dellaCDP o agli Enti Gestori Regionali il contratto o i documentazione di progetto allegata alla domanda dicontratti preliminari stipulati con i soggetti di cui al ammissione all’agevolazione), tale biocombustibile de-Punto 5 per una fornitura della biomassa di durata pari ve rispettare quanto previsto ai Punti 1 e 2 e ilalmeno alla durata del finanziamento agevolato conces- Soggetto Beneficiario deve indicare il nominativo eso. Vedi a riguardo il Cap. 5, Titolo 8. localizzazione delle ditte che producono il Biocombu- 8. I costi relativi agli impianti di produzione di stibile Vegetale Liquido con la relativa localizzazioneBiomassa Vegetale Solida non sono considerati costi dei siti di produzione del biocombustibile nonché l’ammissibili ai sensi del Decreto Kyoto. elenco informativo dei fornitori della biomassa specifi- cando, tra l’altro, il nominativo e la localizzazione Titolo 6 - Specifiche per i Biocombustibili Vegeta- delle ditte e la localizzazione dei siti di produzioneli Liquidi della biomassa. La localizzazione del sito di produzio- 1. Il Biocombustibile Vegetale Liquido deve essere ne del Biocombustibile Vegetale Liquido e dei siti diprodotto sul territorio nazionale, con biomassa vegeta- produzione della biomassa devono essere completi dile prodotta, lavorata e fornita sul territorio nazionale. planimetria con eventuali rilievi fotogrammetrici geo- 2. Il Biocombustibile Vegetale Liquido deve ricade- referenziati.
  • 76. 78 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 7. Qualora la biomassa o il Biocombustibile Vegeta- Potenzale Liquido siano forniti da soggetti diversi dal Sogget- nominale 2 poli 4 poli 6 polito Beneficiario, il Soggetto Beneficiario deve allegare kWalla domanda di ammissione all’agevolazione la lette- 18,5 90,9% 91,2% 90,4%ra d’intenti rilasciata dai fornitori che garantisca la 22 91,3% 91,6% 90,9%disponibilità della biomassa o del Biocombustibile 30 92% 92,3% 91,7%Vegetale Liquido. 37 92,5% 92,7% 92,2% 8. Entro il termine perentorio di 90 giorni solari 45 92,9% 93,1% 92,7%dalla data di ricezione della notifica di ammissione al 55 93,2% 93,5% 93,1%finanziamento, il Soggetto Beneficiario trasmette a 75 93,8% 94% 93,7%CDP o agli Enti Gestori Regionali il contratto o i 90 94,1% 94,2% 94%contratti preliminari stipulati con i soggetti di cui al 110 94,3% 94,5% 94,3%Punto 6 per una fornitura del Biocombustibile Vegeta- 132 94,6% 94,7% 94,6%le Liquido di durata pari almeno alla durata del finan- 160 94,8% 94,9% 94,8%ziamento agevolato concesso. Vedi a riguardo il Cap. da 200 a 375 95% 95,1% 95%5, Titolo 8. 9. I costi relativi agli impianti di produzione di Tabella 9 - Limiti stabiliti di rendimento in funzioneBiocombustibili Vegetali Liquidi non sono considerati della potenza nominale per 50 Hz, per motori sostituiticosti ammissibili ai sensi del Decreto Kyoto. a partire dal 1˚ gennaio 2015 Potenza Titolo 7 - Specifiche per i motori elettrici nominale 2 poli 4 poli 6 poli kW 1. Accedono ai benefici del Decreto Kyoto solo gli 5,5 89,2% 89,6% 88%interventi di sostituzione di motori esistenti ciascunodi potenza superiore a 90 kWe con nuovi motori eco- 7,5 90,1% 90,4% 89,1%compatibili ad elevata efficienza. 11 91,2% 91,4% 90,3% 2. Occorre sostituire almeno due motori elettrici 15 91,9% 92,1% 91,2%afferenti allo stesso sistema di processo o allo stesso 18,5 92,4% 92,6% 91,7%sito oggetto dell’intervento, fermo restando che ad 22 92,7% 93% 92,2%ogni motore sostituito deve corrispondere un solo 30 93,3% 93,6% 92,9%nuovo motore ad alta efficienza di potenza non supe- 37 93,7% 93,9% 93,3%riore a quello sostituito. 45 94% 94,2% 93,7% 3. Ai fini del Decreto Kyoto si definiscono motori 55 94,3% 94,6% 94,1%ecocompatibili a elevata efficienza i motori elettrici a 75 94,7% 95% 94,6%induzione a gabbia, monovelocità e trifase, con una 90 95% 95,2% 94,9%frequenza di 50 Hz, alimentati ad una tensione nomina- 110 95,2% 95,4% 95,1%le non superiore a 1.000 V, a due, quattro o sei poli 132 95,4% 95,6% 95,4%aventi, per ogni classe di potenza elettrica, un rendi- 160 95,6% 95,8% 95,6%mento elettrico a pieno carico e alla tensione e frequen- da 200 a 375 95,8% 96% 95,8%za nominali, maggiore o uguale a quello riportato nelleseguenti tabelle per le tre differenti polarità. Per valori di potenza non definiti nelle precedenti I limiti di rendimento indicati nelle sottostanti tabel- tabelle 8 e 9 il calcolo del limite minimo di rendimen-le corrispondono a quelli stabiliti dal Regolamento to è effettuato come segue:(CE) n. 640/2009 della Commissione europea del 22 a. se la potenza nominale del motore è pari oluglio 2009 per la classe IE2 e IE3. superiore alla media aritmetica dei due consecutivi valori di potenza di cui in tabella, il limite minimo di Tabella 8 - Limiti stabiliti di rendimento in funzione rendimento è pari al valore più elevato; della potenza nominale per 50 Hz, per motori sostituiti b. se la potenza nominale del motore è inferiore entro il 31 dicembre 2014 alla media aritmetica dei due consecutivi valori di Potenza potenza di cui in tabella, il limite minimo di rendimen- nominale 2 poli 4 poli 6 poli to è pari al valore più basso. kW 4. A dimostrazione che un motore sia ad elevata 5,5 87% 87,7% 86% efficienza è necessario che esso sia provvisto di un 7,5 88,1% 88,7% 87,2% certificato del produttore che attesti, tramite prova di tipo, che il motore abbia un rendimento a pieno carico 11 89,4% 89,8% 88,7% conforme a quanto prescritto al Punto 3. 15 90,3% 90,6% 89,7% 5. All’atto di presentazione della domanda di am-
  • 77. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 79DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEmissione all’agevolazione il Soggetto Beneficiario pre- 4. Per gli interventi i cui lavori hanno avuto iniziodispone ed allega al Progetto Definitivo la scheda in data successiva all’entrata in vigore del Decreto deltecnica di cui all’Allegato h) al Decreto Allegati. 26 Gennaio 2010 “Aggiornamento del decreto 11 marzo 2008 in materia di riqualificazione energetica Titolo 8 - Specifiche per gli interventi sull’involu- degli edifici, riqualificazione energetica degli edifici”,cro di edifici esistenti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbra- 1. Gli interventi di cui all’articolo 6, comma 2, io 2010, successivamente agli interventi di cui allettera d), punto 1, del Decreto Kyoto possono essere Punto 2 del presente Titolo la trasmittanza termicaeffettuati esclusivamente su edifici di proprietà pubbli- degli elementi dell’involucro deve obbligatoriamenteca e nella disponibilità degli stessi “soggetti pubblici”. essere inferiore o uguale ai rispettivi valori di trasmit- 2. Gli interventi ammissibili di cui all’articolo 6, tanza termica riportati nella seguente Tabella 11. Noncomma 2, lettera d), punto 1, del Decreto Kyoto sono: sono ammessi ai benefici del Decreto Kyoto gli inter- a. interventi che comportino una riduzione della venti sugli elementi dell’involucro qualora i valoritrasmittanza termica U degli elementi opachi costituen- della trasmittanza termica siano originariamente giàti l’involucro edilizio e delimitanti il volume riscaldato inferiori o uguali ai valori di trasmittanza termicaverso l’esterno e verso vani non riscaldati; indicati nella seguente Tabella 11. b. interventi che comportino una riduzione dellatrasmittanza termica U delle chiusure apribili ed assi- Tabella 11 - Valori limite della trasmittanza termicamilabili, quali porte, finestre e vetrine anche se non utile U delle strutture componenti l’involucro edilizio in W/m2Kapribili, comprensive degli infissi, considerando le espressamodificata dal decreto del 26 gennaio 2010 “Aggiornamento del (così comeparti trasparenti e/o opache che le compongono, costi- decreto 11 marzo 2008 in materia di riqualificazione energetica degli edifici”)tuenti l’involucro edilizio e delimitanti il volume riscal- Strutture opachedato verso l’esterno e verso vani non riscaldati. Chiusure Strutture orizzontali o inclinate apribili e Zona 3. Per gli interventi i cui lavori hanno avuto inizio in Climatica opachedata antecedente all’entrata in vigore del Decreto del 26 verticali Coperture Pavimenti assimila- (*) bili (**)Gennaio 2010 “Aggiornamento del decreto 11 marzo A 0,54 0,32 0,60 3,72008 in materia di riqualificazione energetica degliedifici, riqualificazione energetica degli edifici”, pubbli- B 0,41 0,32 0,46 2,4cato sulla Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2010, C 0,34 0,32 0,40 2,1successivamente agli interventi di cui al Punto 2 del D 0,29 0,26 0,34 2,0presente Titolo la trasmittanza termica degli elementi E 0,27 0,24 0,30 1,8dell’involucro deve obbligatoriamente essere inferiore o F 0,26 0,23 0,28 1,6uguale ai rispettivi valori di trasmittanza termica riporta-ti nella seguente Tabella 10. Non sono ammessi ai (*) Pavimenti verso locali non riscaldati o verso l’esterno. (**) Conformemente a quanto previsto all’articolo 4, comma 4,benefici del Decreto Kyoto gli interventi sugli elementi lettera c), del decreto Presidente della Repubblica 2 aprile 2009,dell’involucro qualora i valori della trasmittanza termica n. 9, che fissa il valore massimo della trasmittanza (U) dellesiano originariamente già inferiori o uguali ai valori di chiusure apribili e assimilabili, quali porte, finestre e vetrinetrasmittanza termica indicati nella seguente Tabella 10. anche se non apribili, comprensive degli infissi.Tabella 10 - Valori limite della trasmittanza termica 5. Per gli interventi di cui al Punto 2 del presenteutile U delle strutture componenti l’involucro edilizio Titolo sono riconosciute le seguenti spese:espressa in W/m2K a. interventi che comportino una riduzione della Strutture opache trasmittanza termica U degli elementi opachi costituen- Strutture orizzontali o inclinate Chiusure Zona ti l’involucro edilizio e delimitanti il volume riscaldato opache Climatica verticali (**) Coperture Pavimenti verso l’esterno e verso vani non riscaldati, comprensi- (*) vi delle opere provvisionali ed accessorie, attraverso: A 0,56 0,34 0,59 3,9 1) fornitura e messa in opera di materiale coi- B 0,43 0,34 0,44 2,6 bente per il miglioramento delle caratteristiche termi- C 0,36 0,34 0,38 2,1 che delle strutture esistenti; D 0,30 0,28 0,30 2,0 2) fornitura e messa in opera di materiali ordi- E 0,28 0,24 0,27 1,6 nari, anche necessari alla realizzazione di ulteriori F 0,27 0,23 0,26 1,4 strutture murarie a ridosso di quelle preesistenti, per il(*) Pavimenti verso locali non riscaldati o verso l’esterno. miglioramento delle caratteristiche termiche delle strut-(**) Chiusure apribili ed assimilabili, quali porte, finestre e ture esistenti;vetrine anche se non apribili, comprensive degli infissi, conside- 3) demolizione e ricostruzione dell’elementorando le parti trasparenti e/o opache che le compongono. costruttivo;
  • 78. 80 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE b. interventi che comportino una riduzione della dalle certificazioni dei singoli componenti rilasciatetrasmittanza termica U delle chiusure apribili ed assi- nel rispetto della normativa europea in materia dimilabili, quali porte, finestre e vetrine anche se non attestazione di conformità del prodotto.apribili, comprensive degli infissi, considerando le 10. L’attestato di certificazione energetica deveparti trasparenti e/o opache che le compongono, costi- essere prodotto successivamente all’esecuzione deglituenti l’involucro edilizio e delimitanti il volume riscal- interventi.dato verso l’esterno e verso vani non riscaldati, attra- 11. L’attestato di certificazione energetica è redat-verso: to secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale 26 1) miglioramento delle caratteristiche termi- giugno 2009 “Linee guida nazionali per la certificazio-che delle strutture esistenti con la fornitura e posa in ne energetica degli edifici” (allegati 6 e 7) o, oveopera di una nuova chiusura comprensiva di infisso; esistenti, alle procedure e alle metodologie approvate 2) miglioramento delle caratteristiche termi- dalle Regioni e dalle Province autonome.che dei componenti vetrati e/o opachi esistenti, con 12. I calcoli per la determinazione dell’indice diintegrazioni e sostituzioni. prestazione energetica sono condotti in accordo al c. prestazioni professionali necessarie alla realiz- D.M. 26 giugno 2009 “Linee guida nazionali per lazazione degli interventi di cui alle lettere a) e b) certificazione energetica degli edifici” nonché, ovecomprensive della redazione dell’attestato di certifica- esistenti, alle procedure e alle metodologie approvatezione energetica, ovvero, di qualificazione energetica. dalle Regioni e dalle Province autonome. 6. I soggetti che ottengono l’accesso ai benefici delDecreto Kyoto sono tenuti ad acquisire l’asseverazio- Titolo 9 - Specifica aggiuntiva per gli impiantine di un tecnico abilitato che attesti la rispondenza solare termicodell’intervento ai pertinenti requisiti richiesti nel De- 1. Al paragrafo 4.2 dell’allegato c5) al Decretocreto Kyoto. Tale asseverazione può essere compresa Allegati, dove è indicato che il calcolo dell’energianell’ambito di quella resa dal direttore lavori sulla termica deve essere stimato dalle bollette energeticheconformità al progetto delle opere realizzate, obbliga- dei precedenti tre anni, è da intendersi laddove applica-toria ai sensi dell’articolo 8, comma 2, del decreto bile. Nel caso non siano disponibili le bollette energeti-legislativo 19 agosto 2005, n. 192 e ss.mm.ii. che dei precedenti tre anni, eccetto che per la produzio- 7. L’asseverazione di cui al precedente Punto 5 ne di acqua calda sanitaria per la quale sono riportatispecifica il valore della trasmittanza termica originaria dati indicativi di consumo energetico nella tabella deldel componente su cui si interviene e che, successiva- paragrafo 4.2 del medesimo allegato, il calcolo del-mente all’intervento, le trasmittanze termiche dei me- l’energia termica deve essere stimato in fase di proget-desimi componenti sono inferiori o uguali ai valori di to.cui alle precedenti Tabelle 10 e 11. L’asseverazioneconterrà altresì i valori della trasmittanza termica dei Titolo 10 - Specifica aggiuntiva per gli impiantimedesimi componenti a seguito degli interventi esegui- di cogenerazione (art. 6, co. 2, lett. a) e lett. d),ti ed il risparmio annuo di energia in fonti primarie punto 2, I e III, Decreto Kyoto)conseguito con l’intervento (in kWh). 1. Al fine di creare coerenza con la normativa Euro- 8. La trasmittanza termica dei componenti dell’invo- pea (Direttiva 2004/8/CE) e la normativa nazionalelucro su cui si interviene, originaria e successiva all’in- (decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazio-tervento, così come i materiali e la tipologia costrutti- ne delle Direttiva 2004/8/CE) sulla promozione dellava del medesimo componente, originari e successivi cogenerazione, gli impianti di cogenerazione che acce-all’intervento, sono riportate in una tabella sintetica dono al beneficio del Decreto Kyoto devono essere adredatta e firmata da tecnico abilitato da allegare al alto rendimento e basati sulla domanda di calore utileProgetto Definitivo all’atto di presentazione della do- e sul risparmio di energia primaria, in accordo allemanda di ammissione all’agevolazione. Nel Progetto definizioni del decreto legislativo 8 febbraio 2007, n.Definitivo deve essere altresì riportato il risparmio 20 “Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promo-annuo di energia in fonti primarie conseguibile con zione della cogenerazione basata su una domanda dil’intervento (in kWh). calore utile nel mercato interno dell’energia, nonché 9. Nel caso di sostituzione di chiusure apribili ed modifica alla direttiva 92/42/CEE” e ss.mm.ii.assimilabili, quali porte, finestre e vetrine anche se 2. La cogenerazione ad alto rendimento è definitanon apribili, comprensive degli infissi, considerando all’articolo 3, lettera i), della Direttiva 2004/8/CE sullale parti trasparenti e/o opache che le compongono, promozione della cogenerazione basata su una doman-l’asseverazione di cui al precedente Punto 6 sul rispet- da di calore utile nel mercato interno dell’energia eto degli specifici requisiti minimi può essere sostituita che modifica la Direttiva 92/42/CEE. Ai sensi dell’arti-da una certificazione dei produttori di detti elementi colo 3, comma 1 del decreto legislativo 8 febbraioche attesti il rispetto dei medesimi requisiti, corredata 2007, n. 20 e ss.mm.ii., fino al 31 dicembre 2010, si
  • 79. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 81DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEconsidera cogenerazione ad alto rendimento la cogene- l’intervento, se necessari);razione rispondente alla definizione di cui all’articolo b. le apparecchiature comprensive delle forniture2, comma 8, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. di materiali e dei componenti previsti per la realizza-79 e che soddisfa i requisiti previsti dalla Deliberazio- zione dell’intervento;ne dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas n. c. le infrastrutture comprese le opere civili, i42/02 e ss.mm.ii. Successivamente al 31 dicembre supporti, le linee di adduzione dell’acqua, dell’energia2010, si applica la definizione di cogenerazione ad elettrica (comprensivo dell’allacciamento alla rete),alto rendimento di cui all’articolo 2, comma 1, lettera del gas e/o del combustibile biomassa necessari per ilo) del decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 e funzionamento dell’impianto, i sistemi di misura deiss.mm.ii. vari parametri di funzionamento dell’impianto; 3. La maggiorazione del 20% dei costi unitari massi- d. il montaggio, assemblaggio delle strutture nelmi ammissibili di cui all’allegato d) del Decreto Alle- caso di intervento di efficienza energetica degli edificigati (misura microcogenerazione diffusa), prevista ed installazione delle apparecchiature necessarie alnel caso di produzione di freddo in combinazione alla funzionamento delle tipologie di intervento quali laproduzione di elettricità e calore, è riconosciuta solo microcogenerazione e gli impianti a fonti rinnovabili;ed esclusivamente se l’intervento include la realizza- e. l’avviamento ed il collaudo dell’intervento aizione del gruppo di refrigerazione. fini dell’esercizio dell’impianto oppure la verifica dei 4. In una apposita sezione del Progetto Definitivo parametri utili alla dimostrazione della certificazioneallegato alla domanda di ammissione all’agevolazione energetica degli edifici.di cui al Decreto Kyoto, il Soggetto Beneficiario 2. Sono esclusi i costi di autorizzazione, tasse especifica la tipologia di combustibile e la relativa corrispettivi da pagare all’allacciamento alle reti non-portata alla potenza nominale espressa in Stm3/h (stan- ché i costi di esercizio a valle dell’avviamento dell’im-dard metri cubi/ora) per il gas e in tonnellate/ora per i pianto (ad esempio: personale, combustibili e manuten-combustibili solidi e liquidi. zione ordinaria). 5. Per gli interventi di cui all’articolo 6, comma 2, 3. Le su elencate tipologie di costi ammissibili deb-lettera d), punto 2, I, del Decreto Kyoto, nel caso in bono essere strettamente riconducibili all’interventocui sia prevista anche la produzione di freddo, sono oggetto di istanza di ammissione al finanziamentoammissibili i costi di realizzazione della rete di teleraf- agevolato.frescamento. Titolo 2 - Costi unitari massimi ammissibili Titolo 11 - Specifica aggiuntiva per gli impianti 1. Fatta eccezione per le misure ricerca, usi finali,geotermici a bassa entalpia protossido di azoto e gestione forestale sostenibile, i 1. Al paragrafo 4.3 dell’allegato c6) al Decreto costi unitari massimi ammissibili per le altre misureAllegati, dove è indicato che il calcolo dell’energia sono riportati sinteticamente nelle tabelle di cui altermica deve essere stimato dalle bollette energetiche Titolo 4 del presente Capitolo e sono stati ricavati dadei precedenti tre anni, è da intendersi laddove applica-una indagine di mercato inerente le apparecchiaturebile. Nel caso non siano disponibili le bollette energeti- necessarie per gli interventi di micro cogenerazione eche dei precedenti tre anni, eccetto che per la produzio-per gli impianti a fonti rinnovabili.ne di acqua calda sanitaria per la quale sono riportati 2. I costi unitari massimi ammissibili sono conside-dati indicativi di consumo energetico nella tabella del rati come valori limite ai fini della determinazione delparagrafo 4.3 del medesimo allegato, il calcolo del- massimale di finanziamento agevolato di cui al Capito-l’energia termica deve essere stimato in fase di proget- lo 5 e sono individuati tenendo conto delle migliorito. tecnologie attualmente disponibili sul mercato. 3. Tali costi potranno nel tempo subire una variazio- CAPITOLO 4 - Costi ammissibili e modalità di calcolo ne sulla base dell’andamento del mercato legato agli del beneficio erariale impianti previsti nelle varie misure di interesse del Fondo Kyoto. Questa variazione sarà indicata comun- Titolo 1 - Tipologie di costo ammissibile que da un provvedimento legislativo di adeguamento 1. Ad eccezione della Misura ricerca e della Misu- dei costi.ra gestione forestale sostenibile, con riferimento al-l’Investimento Complessivo, concorrono alla determi- Titolo 3 - Modalità di calcolo del costo unitarionazione del finanziamento agevolato, esclusivamente, massimo ammissibile per micro-cogeneratori ibridile seguenti tipologie di costi: 1. Ai fini dell’accesso ai benefici del Decreto Kyo- a. la progettazione dell’intervento comprensiva to, per impianto ibrido di microcogenerazione diffusadegli eventuali studi di supporto (ad esempio la diagno- si intende un impianto alimentato in co-combustionesi energetica e gli studi di fattibilità correlati con gas naturale e biomassa (solida, liquida, gassosa).
  • 80. 82 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 2. Il costo unitario massimo ammissibile (allegato come prodotto tra la potenza nominale dell’impian-d) del Decreto Allegati) per un impianto ibrido (Cibrido) to (P), il costo unitario massimo ammissibile di cuiè calcolato come segue: alla successiva Tabella 13 e la percentuale di agevo- lazione pari al 90% per i “soggetti pubblici” e al 70% per i Soggetti Beneficiari “persone fisiche”, “imprese”, “persone giuridiche private” e “condomini”. Tabella 13 - Microcogenerazione diffusa - Costi unitari massimi ammissibili (IVA esclusa) 10 kWe < P 20 kWe < P P ≤ 10 kWe ≤ 20 kWe ≤ 50 kWe Dove: €/kWe €/kWe €/kWe ● pcii è il potere calorifico inferiore del combusti-bile i; Gas naturale 3.000,00 2.500,00 2.000,00 ● qi è la portata in tonnellate/ora nel caso di Biomassa 9.000,00 8.000,00 7.000,00combustibili solidi e liquidi, ovvero la portata in stan- Vegetale Solidadard metri cubi/ora nel caso di gas; Biocombustibili ● Ci è il costo unitario massimo ammissibile 4.000,00 3.000,00 2.500,00 Vegetali Liquidiriferito alla tipologia di impianto di cui alla tabella Biogas 3.000,00 2.500,00 2.000,00“Microcogenerazione diffusa” dell’allegato d) del De-creto Allegati. Dove P è la potenza nominale dell’impianto. 3. Ai fini del calcolo di cui al precedente Punto 2, ivalori di pci sono assunti per convenzione pari ai 2. I costi unitari massimi ammissibili per gli impian-seguenti: ti alimentati con combustibile ibrido gas naturale-bio- massa (solida, liquida e gassosa) verranno calcolati Tabella 12 - Valori di “pci” di riferimento (Per convenzio- mediando i valori in Tabella 13 sulla base della tecno- ne, i valori sono tratti dalla Tabella parametri standard logia associata e delle energie producibili dai singoli nazionali per l’inventario delle emissioni di CO2 nell’in- combustibili (vedi Cap. 4, Titolo 3). ventario nazionale UNFCCC (aggiornati al 5 Marzo 2010)) Qualora fosse prevista, in combinazione alla produ- zione di elettricità e calore, la produzione di freddo, Combustibile PCI Unità di misura prodotto utilizzando macchine frigorifere alimentate Gas naturale e 3 dalla fonte termica del microcogeneratore, i costi unita- 35 GJ/1.000 Stm ri massimi ammissibili in Tabella 13 sono aumentati Biogas del 20%. Biomassa Vegetale 10,5 GJ/tonnellata 3. Il massimale del finanziamento agevolato per la Solida Misura rinnovabili è determinato, nel rispetto delle Biocombustibile tipologie di costo ammissibile di cui articolo 7, 35,6 GJ/tonnellata Vegetale Liquido comma 1, del Decreto Kyoto, per i seguenti impian- ti: 4. In una apposita sezione del Progetto Definitivo a. impianti eolici con potenza nominale installataallegato alla domanda di ammissione all’agevolazione (P) compresa tra 1 kWp ≤ P ≤ 200 kWp;di cui al Decreto Kyoto, il Soggetto Beneficiario b. Impianti idroelettrici con potenza nominalespecifica la tipologia di combustibile e la relativa installata (P) compresa tra 1 kWp ≤ P ≤ 200 kWp;portata alla potenza nominale espressa in Stm3/h (stan- c. Impianti termici a Biomassa Vegetale Solidadard metri cubi/ora) per il gas e in tonnellate/ora per i (pellets o cippato) di potenza nominale termica (P incombustibili solidi e liquidi. kWt) compresa tra 50 kWt ≤ P ≤ 450 kWt; 5. Sono esclusi dal calcolo di cui al Punto 2 le d. Impianti fotovoltaici integrati o parzialmenteportate di gas naturale utilizzate nelle sole fasi di integrati negli edifici con una potenza nominale (P)avvio. compresa fra 1 kWp ≤ P ≤ 40 kWp; come prodotto tra la potenza nominale dell’impian- Titolo 4 - Massimali del finanziamento agevolato to (P), il costo unitario massimo ammissibile indicato 1. Il massimale del finanziamento agevolato per nelle tabelle da 14 a 17 e la percentuale di agevolazio-la Misura microcogenerazione diffusa è determina- ne pari al 90% per i “soggetti pubblici” e al 70% per leto, nel rispetto delle tipologie di costo ammissibile “imprese”, “persona fisica”, “persona giuridica priva-di cui all’articolo 7, comma 1, del Decreto Kyoto ta” e “condomini”.
  • 81. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 83DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDETabella 14 - Eolico - Costi unitari massimi ammissibili Tabella 18 - Solare termico - Costi unitari massimi(IVA esclusa) ammissibili (IVA esclusa) 1 kWp ≤ P ≤ 5 kWp < P ≤ 10 kWp < P ≤ 50 kWp < P ≤ S ≤ 15 m2 15 m2 < S ≤ 70 m2 < S ≤ 5 kWp 10 kWp 50 kWp 200 kWp 70 m2 200 m2 €/m2 €/m2 €/m2 €/kWp €/kWp €/kWp €/kWp Piani vetrati 900,00 750,00 650,00 4.500,00 3.000,00 2.500,00 2.000,00 Sottovuoto 1.050,00 850,00 750,00 2Dove P è la potenza nominale dell’impianto Dove S (m ) è la superficie di apertura.Tabella 15 - Mini-idroelettrico - Costi unitari massimi 5. Per interventi che includono la realizzazione delammissibili (IVA esclusa) gruppo di refrigerazione unitamente alla realizzazione 1 kWp ≤ P ≤ 10 10 kWp < P ≤ 50 50 kWp < P ≤ 200 del campo solare è riconosciuto un costo unitario kWp kWp kWp massimo ammissibile, aggiuntivo: a. nel caso di raffrescamento solare realizzato tra- €/kWp €/kWp €/kWp mite macchine frigorifere ad assorbimento e ad adsorbi- 11.000,00 9.000,00 7.000,00 mento alimentate dalla fonte termica del campo solare, verrà riconosciuto un costo unitario massimo ammissibi-Dove P è la potenza nominale dell’impianto le, aggiuntivo a quello riferito alla componente solare, pari a 600,00 €/kWf (euro al kilowatt frigorifero), IVATabella 16 - Biomasse termico alimentato a pellets o a esclusa. Il massimale del finanziamento agevolato per ilcippato - Costi unitari massimi ammissibili (IVA esclusa) solo gruppo di refrigerazione è, in tal caso, pari al 50 kWt ≤ P ≤ 100 100 kWt < P ≤ 300 kWt < P ≤ prodotto tra la potenza frigorifera installata in kWf, il kWt 300 kWt 450 kWt costo unitario massimo ammissibile di 600,00 €/kWf e la percentuale di agevolazione. Tale massimale del finan- €/kWt €/kWt €/kWt ziamento agevolato è da intendersi aggiuntivo a quello 450,00 350,00 300,00 della componente solare, come calcolato al precedente Punto 4 del presente Titolo, e non deve essere superioreDove P è la potenza nominale dell’impianto in kW termici a 30.000,00 euro (IVA esclusa) moltiplicato per la per- centuale di agevolazione;Tabella 17 - Fotovoltaico - Costi unitari massimi ammis- b. nel caso di raffrescamento solare realizzatosibili (IVA esclusa) tramite macchine “DEC - Desiccant and Evaporative Cooling” alimentate dalla fonte termica del campo 1 kWp ≤ P ≤ 40 kWp solare, verrà riconosciuto un costo unitario massimo €/kWp ammissibile, aggiuntivo a quello riferito alla compo- nente solare, pari a 10,00 € per m3/ora (€ /(m3/h)) di 4.000 €/kWp per le tecnologie “tradizionali” (*) portata nominale dell’unità di trattamento aria, IVA esclusa. Il massimale del finanziamento agevolato per 6.500,00 €/kWp per le tecnologie “innovative” (**) il solo gruppo di refrigerazione è, in tal caso, pari al prodotto tra la portata nominale dell’unità di trattamen-Dove P è la potenza nominale dell’impianto to aria in m3/ora, il costo unitario massimo ammissibi-(*) “impianti solari fotovoltaici” di cui al titolo II del DM del 5maggio 2011 recante “Incentivazione della produzione di ener- le di 10,00 €per m3/ora e la percentuale di agevolazio-gia elettrica da impianti solari fotovoltaici” ne. Tale massimale del finanziamento agevolato è da(**) “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovati- intendersi aggiuntivo a quello della componente sola-ve” e “impianti fotovoltaici a concentrazione” di cui ai titoli III e re, come calcolato al precedente Punto 4 del presenteIV del Dm del 5 maggio 2011 Titolo, e non deve essere superiore a 100.000,00 euro (IVA esclusa) moltiplicato per la percentuale di agevo- 4. Il massimale del finanziamento agevolato per la lazione.Misura rinnovabili è determinato, nel rispetto delle 6. Il massimale del finanziamento agevolato per latipologie di costo ammissibile di cui articolo 7, com- Misura motori elettrici è determinato, nel rispettoma 1, del Decreto Kyoto, per impianti solari termici delle tipologie di costo ammissibile di cui articolo 7,con superficie d’apertura (S) fino a 200 m2, come comma 1, del Decreto Kyoto, come prodotto tra ilprodotto tra la superficie di apertura dell’impianto, il numero di motori sostituiti, il costo unitario massimocosto unitario massimo ammissibile indicato nella Ta- ammissibile pari a 7.500,00 euro per motore e labella 18 e la percentuale di agevolazione pari al 90% percentuale di agevolazione pari al 70% per leper i “soggetti pubblici”. “imprese”.
  • 82. 84 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 7. Il massimale del finanziamento agevolato per la Titolo 5 - Esempi di calcolo del beneficio erarialeMisura protossido di azoto, non può essere superiore 1. L’importo del finanziamento agevolato corrispon-ad 1.000.000,00 euro moltiplicato per la percentuale di de al valore minimo tra i tre seguenti valori:agevolazione pari al 70% per le “imprese”. a. il massimale di finanziamento agevolato calco- 8. Il massimale del finanziamento agevolato per la lato nelle modalità definite al precedente Titolo 1 delMisura usi finali non può essere superiore ad presente Capitolo;1.500.000,00 euro moltiplicato per la percentuale di b. il prodotto tra la percentuale di agevolazione eagevolazione pari al 90% per i “soggetti pubblici” e al il totale generale dei costi ammissibili;70% per i Soggetti Beneficiari “persone fisiche”, c. il prodotto tra la percentuale di agevolazione e“imprese”, “persone giuridiche private” e il totale finanziamento agevolato richiesto di cui all’al-“condomini” per i seguenti interventi: legato e) al Decreto Allegati. a. sull’involucro di edifici esistenti, parti di edifi- Di seguito si riportano esempi di calcolo:ci esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardantistrutture opache verticali, orizzontali o inclinate, chiu- Esempio 1 - Ipotesi di intervento per impianto disure trasparenti comprensive di infissi e vetri, chiusure micro-cogenerazione diffusa da 40 kWe a gas natu-apribili e assimilabili quali porte e vetrine anche se rale per la produzione di elettricità e calore, la cuinon apribili, delimitanti il volume riscaldato, verso domanda di ammissione all’agevolazione è presen-l’esterno e verso vani non riscaldati; tata da una impresa. b. per la climatizzazione diretta tramite teleri-scaldamento da impianti di cogenerazione di potenza Ipotesinominale fino a 500 kWe alimentati da gas naturale, L’Investimento Complessivo (indicato nel moduloBiomassa Vegetale Solida, Biocombustibili Vegetali di domanda, inteso come somma dei costi ammissibi-Liquidi, Biogas e in co-combustione gas naturale-bio- li di cui all’articolo 7 del Decreto Kyoto, e dei costimassa. Tale intervento è ammissibile solo se contem- non ammissibili eventualmente sostenuti) è pari apla sia la realizzazione dell’impianto di cogenerazio- 90.000 € (IVA esclusa).ne che la realizzazione della rete di teleriscaldamento Il totale generale dei costi ammissibili di cui all’alle-ad esso abbinata, inclusi gli allacciamenti agli edifi- gato e) del Decreto Allegati, pari alla somma dei costici; ammissibili (tipologie di costo di cui all’articolo 7, c. per la climatizzazione degli edifici da impianti comma 1, del Decreto Kyoto), è pari a 84.000 € (IVAgeotermici a bassa entalpia fino a 1 MWt esclusa). 9. Il massimale del finanziamento agevolato per la Il totale finanziamento agevolato richiesto dal Sog-Misura usi finali non può essere superiore ad getto Beneficiario (voce in allegato e)) è pari a 82.00010.000.000,00 euro moltiplicato per la percentuale di € (IVA esclusa).agevolazione pari al 90% per i “soggetti pubblici” peril seguente intervento: Determinazione del massimale del finanziamento a. impianti di cogenerazione di potenza nomina- agevolatole fino a 5 MWe alimentati da gas naturale, Biomassa Essendo il soggetto proponente un’“impresa”, inVegetale Solida, Biocombustibili Vegetali Liquidi, accordo all’articolo 9, comma 2, del Decreto Kyoto laBiogas e in co-combustione gas naturale-biomassa. percentuale di agevolazione è pari al 70%. Il costo 10. Nel caso in cui l’intervento proposto presenti le unitario massimo ammissibile previsto per un interven-caratteristiche di sistema integrato, ovvero progetti di to di microcogenerazione di 40 kWe di potenza è diinvestimento che contemplano l’integrazione di inter- 2.000 [€/kWe] (come da Tabella 13).venti combinati delle misure microcogenerazione dif- Pertanto il massimale del finanziamento agevolatofusa, rinnovabili e usi finali da realizzarsi nello stesso per questo intervento (calcolato in accordo all’articolosito, il massimale del finanziamento agevolato (nel 10, comma 1, lettera a), del Decreto Kyoto) sarà paririspetto dell’articolo 10, commi 1 e 2, del Decreto a:Kyoto e di quanto previsto nei precedenti Punti) non 2.000 [€/kWe]* 40 [kWe]* 0,7 = 56.000 €può superare 1.500.000,00 euro. In tali casi, la doman- Tale importo è da considerarsi al netto dell’impostada di ammissione all’agevolazione dovrà evidenziare i sul valore aggiunto secondo quanto previsto dall’arti-costi distinti per intervento. colo 10, comma 4, del Decreto Kyoto. 11. I massimali del finanziamento agevolato sonoda considerarsi al netto dell’imposta sul valore aggiun- Determinazione dell’importo del finanziamentoto e ove le condizioni di mercato lo richiedessero, agevolatopossono essere modificati con decreto del Ministero Il finanziamento agevolato, in accordo a quantodell’ambiente di concerto con il Ministero dello svilup- previsto dall’articolo 9, comma 3, del Decreto Kyoto èpo economico. determinato come il valore minimo tra:
  • 83. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 85DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 1. Il massimale del finanziamento agevolato = previsto dall’articolo 9, comma 3, del Decreto Kyoto,56.000 € è determinato come il valore minimo tra: 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il 1. Il massimale del finanziamento agevolato =totale generale dei costi ammissibili = 0,7*84.000 = 1.350.000 €58.800 € 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il totale generale dei costi ammissibili = 0,9*500.000 =totale finanziamento agevolato richiesto: 0,7*82.000 = 450.000 €57.400 € 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il Pertanto il finanziamento agevolato concedibile è totale finanziamento agevolato richiesto =pari a 56.000 € (IVA esclusa). Tale importo è da 0,9*500.000 = 450.000 €considerarsi al netto dell’imposta sul valore aggiuntosecondo quanto previsto dall’articolo 9, comma 4, del Pertanto il finanziamento agevolato concedibile è pariDecreto Kyoto. a 450.000 € (IVA esclusa). Il finanziamento agevolato è Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla da maggiorare dell’IVA applicabile ai costi ammissibili,Tabella 2 valuteranno in ogni caso la congruità e in accordo a quanto previsto per i “soggetti pubblici”l’effettiva ammissibilità dei costi di cui all’articolo 7, dall’articolo 9, comma 4, del Decreto Kyoto.comma 1, del Decreto Kyoto. Il finanziamento agevolabile concedibile maggiora- Esempio 2 - Ipotesi di intervento relativo alla misu- to dell’IVA è determinato con la seguente formula:ra usi finali sull’involucro di un edificio pubblicoesistente (articolo 6, comma 2, lettera d, punto 1, del FACi = FACe * [(TGCAi - TGCAe)/TGCAe] +Decreto Kyoto), la cui domanda di ammissione all’age- FACevolazione è presentata da un “soggetto pubblico”. Dove: “FACi” è il finanziamento agevolabile concedibile Ipotesi maggiorato dell’IVA; L’Investimento Complessivo (indicato nel modulo “FACe” è il finanziamento agevolabile concedibiledi domanda, inteso come somma dei costi ammissibili IVA esclusa (450.000 €);di cui all’articolo 7, comma 1, del Decreto Kyoto e dei “TGCAi” è il totale generale dei costi ammissibilicosti non ammissibili eventualmente sostenuti) è pari a IVA inclusa (voce in allegato e));550.000 € (IVA esclusa). “TGCAe” è il totale generale dei costi ammissibili Il totale generale dei costi ammissibili di cui all’alle- IVA esclusa (500.000 €)gato e) del Decreto Allegati, pari alla somma dei costiammissibili (tipologie di costo di cui all’articolo 7, Pertanto, ipotizzando un’aliquota IVA del 20% percomma 1, del Decreto Kyoto), è pari a 500.000 € (IVA ogni voce di costo ammissibile, il totale generale deiesclusa). costi ammissibili IVA inclusa (TGCAi) è pari a Il totale finanziamento agevolato richiesto dal Sog- 600.000 €.getto Beneficiario (voce in allegato e) del DecretoAllegati) è pari a 500.000 € (IVA esclusa). Applicando la formula di cui sopra si ottiene il seguente finanziamento agevolabile concedibile mag- Determinazione del massimale del finanziamento giorato dell’IVA:agevolato Secondo quanto previsto dall’articolo 9, comma 2, FACi = 450.000 * [(600.000 - 500.000)/500.000] +del Decreto Kyoto, la percentuale di agevolazione per 450.000 = 540.000 €i “soggetti pubblici” è pari al 90%. Pertanto il massimale del finanziamento agevolato Ipotizzando invece che l’intervento abbia costi am-per questo intervento (calcolato in accordo a quanto missibili con differenti valori di IVA (es. IVA al 10%previsto all’articolo 10, comma 2, del Decreto Kyoto) ed IVA al 20%), e che, pertanto, il totale generale deisarà pari a: costi ammissibili IVA inclusa (TGCAi) risulti essere 1.500.000 * 0,9 = 1.350.000 € pari a 585.000 €,applicando la formula di cui sopra si Tale importo è da considerarsi al netto dell’imposta otterrebbe il seguente finanziamento agevolabile con-sul valore aggiunto secondo quanto previsto dall’arti- cedibile maggiorato dell’IVA:colo 10, comma 4, del Decreto Kyoto. FACi = 450.000 * [(585.000 - 500.000)/500.000] + Determinazione dell’importo del finanziamento 450.000 = 526.500 €agevolato: Il finanziamento agevolato, in accordo a quanto Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla
  • 84. 86 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDETabella 2 valuteranno in ogni caso la congruità e mento agevolato richiesto viene così a determinarsi:l’effettiva ammissibilità dei costi di cui all’articolo 7,comma 1, del Decreto Kyoto. Totale finanziamento Intervento agevolato richiesto Esempio 3 - Ipotesi di intervento per sistema (€ - IVA esclusa)integrato, la cui domanda di ammissione all’agevo- Intervento su involucro 300.000lazione è presentata da un soggetto pubblico. Impianto termico a biomassa 85.000 Eolico 32.000 Ipotesi Totale 417.000 Il sistema integrato, che rispetta la definizione indi-cata nell’articolo 2, comma 1, lettera h), del Decreto Determinazione del massimale del finanziamentoKyoto, è costituito da: agevolato: 1. misura “usi finali” sull’involucro di un edificio Secondo quanto previsto dall’articolo 9, comma 2,pubblico esistente, in accordo a quanto previsto all’arti- del Decreto Kyoto la percentuale di agevolazione per icolo 6, comma 2, lettera d, punto 1, del Decreto Kyoto “soggetti pubblici” è pari al 90%. In accordo a quanto 2. impianto termico a biomasse da 300 kWt alimen- stabilito dall’articolo 10, comma 1, lettera b), e commitato a pellet 2 e 3 del medesimo articolo 10 del Decreto Kyoto, il 3. impianto mini-eolico da 10 kWp massimale del finanziamento agevolato viene calcola- to (per ogni singolo intervento) come segue: L’Investimento Complessivo (indicato nel modulodi domanda, inteso come somma dei costi ammissibili Massimale deldi cui all’articolo 7, comma 1, del Decreto Kyoto e dei finanziamento Intervento Calcolo agevolatocosti non ammissibili eventualmente sostenuti) è pari a (€ - IVA esclusa)455.000 € , IVA esclusa, risultante dalla somma delle Intervento su involucro 1.500.000 * 0,9 1.350.000seguenti voci: Impianto termico a bio- 350 [€/kWt] * 300 massa 94.500 kWt * 0,9 Costo totale 3.000 [€/kWP] * Intervento Eolico 27.000 (€ - IVA esclusa) 10 kWp * 0,9Intervento su involucro 330.000Impianto termico a biomassa 90.000 Determinazione dell’importo del finanziamento agevolato: Eolico 35.000 Il finanziamento agevolato, in accordo a quanto Totale 455.000 previsto dall’articolo 9, comma 3, del Decreto Kyoto, è determinato come il valore minimo tra: In considerazione del fatto che allegato e) del Decre- 1. Il massimale del finanziamento agevolato (perto Allegati va compilato separatamente per ciascun ogni singolo intervento)intervento, il totale generale dei costi ammissibili (inte-so come il totale dei costi di cui all’articolo 7, comma Massimale del1, del Decreto Kyoto indicati anche nella tabella all’al- finanziamento Intervento Calcolo agevolatolegato e) del Decreto Allegati) risulterà dalla somma (€ - IVA esclusa)degli importi relativi ai singoli interventi: Intervento su involucro 1.500.000 * 0,9 1.350.000 Impianto termico a bio- 350 [€/kWt] * 300 94.500 Totale generale dei massa kWt * 0,9 Intervento costi ammissibili 3.000 [€/kWP] * (€ - IVA esclusa) Eolico 27.000 10 kWp * 0,9Intervento su involucro 315.000Impianto termico a biomassa 85.000 2. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e ilEolico 32.000 totale generale dei costi ammissibili (per ogni singoloTotale 432.000 intervento) Ipotizziamo che il Soggetto Beneficiario non voglia Totale generale deirichiedere per l’intervento sull’involucro un finanzia- Intervento costi ammissibilimento agevolato pari al rispettivo totale generale dei (IVA esclusa)costi ammissibili (315.000 € ) e che, pertanto, il totale Intervento su involucro 315.000 * 0,9 = 283.500finanziamento agevolato richiesto per tale intervento sia Impianto termico a biomassa 85.000 * 0,9 = 76.500pari a 300.000 € (voce in allegato e)). Il totale finanzia- Eolico 32.000 * 0,9 = 28.800
  • 85. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 87DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 3. Il prodotto tra la percentuale di agevolazione e il [(102.000- 85.000)/85.000] + 76.500 = 91.800 €totale finanziamento agevolato richiesto (per ogni sin-golo intervento) Eolico: FCAi = 27.000 * [(38.400- 32.000)/32.000] + 27.000 = 32.400 € Totale finanziamento Intervento agevolato richiesto Complessivamente, il finanziamento agevolabile (IVA esclusa) concedibile maggiorato dell’IVA (FCAi) è così deter-Intervento su involucro 300.000 * 0,9 = 270.000 minato:Impianto termico a biomassa 85.000 * 0,9 = 76.500 Finanziamento agevolabileEolico 32.000 * 0,9 = 28.800 Intervento concedibile maggiorato dell’IVA (FCAi) Il valore totale del finanziamento agevolato per Intervento su involucro 324.000l’intervento sistema integrato sarà complessivamente Impianto termico a biomassa 91.800determinato come somma degli importi minimi identi- Eolico 32.400ficati per ogni singolo intervento secondo quanto previ- Totale 448.200sto dall’articolo 9, comma 3, del Decreto Kyoto. Il finanziamento agevolato sarà quindi pari a Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla373.500 € (IVA esclusa), risultante dalla somma delle Tabella 2 valuteranno in ogni caso la congruità eseguenti voci: l’effettiva ammissibilità dei costi di cui all’articolo 7, comma 1, del Decreto Kyoto. Finanziamento agevolato concedibile Intervento (IVA esclusa) CAPITOLO 5 - Procedimento di ammissioneIntervento su involucro 270.000 all’agevolazioneImpianto termico a biomassa 76.500 Titolo 1 - Fasi del procedimento di ammissione alEolico 27.000 finanziamento agevolatoTotale 373.500 1. La procedura “valutativa a sportello” per l’am- missione al finanziamento agevolato si articola nelle Si ricorda che nel caso dei sistemi integrati, il seguenti fasi:massimale del finanziamento agevolato non può supe- a. raccolta delle domande;rare 1.500.000,00 euro in accordo a quanto previsto b. istruttoria preliminare;all’articolo 10, comma 3, del Decreto Kyoto. c. istruttoria tecnica; Il finanziamento agevolato è da maggiorare del- d. istruttoria economico-finanziaria;l’IVA applicabile ai costi ammissibili, in accordo a e. provvedimento di ammissione e di diniego.quanto previsto per i “soggetti pubblici” dall’articolo 2. Le domande presentate vengono esaminate se-9, comma 4, del Decreto Kyoto. guendo l’ordine del protocollo telematico attribuito Ipotizzando un’aliquota IVA del 20% per ogni voce dall’Applicativo web.di costo ammissibile per ciascun intervento, il totale 3. Le istruttorie preliminare, tecnica ed economico-generale dei costi ammissibili Iva inclusa (TGCAi) per finanziaria devono essere considerate separate, distinteciascun intervento è pari a (voce in allegato e)): e consequenziali, con valutazione specifica alla conclu- sione di ogni singola fase; ciascuna valutazione si Intervento Totale generale dei costi conclude con l’ammissione alla fase successiva ovve- ammissibili Iva inclusa (TGCAi) ro con la non ammissione.Intervento su involucro 378.000 4. Il Soggetto Beneficiario è tenuto a comunicare aImpianto termico a biomassa 102.000 CDP/Enti Gestori Regionali qualsiasi variazione relati-Eolico 38.400 va ai dati inseriti nella domanda secondo le modalitàTotale 518.400 previste al Cap. 7, Titoli 1, 2 e 4 della presente Circolare. Applicando la formula di cui all’Esempio 2 si ottie-ne quanto segue: Titolo 2 - Raccolta delle domande 1. CDP cura la fase di raccolta e istruttoria delle Intervento su involucro: FCAi = 270.000 * domande di ammissione all’agevolazione per le se-[(378.000-315.000)/315.000] + 270.000 = 324.000 € guenti misure: ● Misura motori elettrici; Impianto termico a biomassa: FCAi = 76.500 * ● Misura protossido di azoto;
  • 86. 88 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE ● Misura ricerca; Titolo 4 - Istruttoria tecnica ● Misura gestione forestale sostenibile; 1. L’istruttoria tecnica consiste nella verifica ineren- ● Misura microcogenerazione diffusa, nei casi te la validità tecnica del progetto presentato e nellain cui le Regioni e le Province autonome non si sono relativa ammissibilità e congruità dei costi relativamen-avvalse della facoltà di cui all’articolo 4, commi 7 e 8, te ai soli progetti che hanno superato la precedentedel Decreto Kyoto; istruttoria preliminare. ● Misura rinnovabili, nei casi in cui le Regioni e 2. I soggetti preposti procedono alla valutazionele Province autonome non si sono avvalse della facoltà delle domande sulla base di quanto previsto nel Decre-di cui all’articolo 4, commi 7 e 8, del Decreto Kyoto; to Kyoto nonché alle prescrizioni e specifiche dettate ● Misura usi finali nei casi in cui le Regioni e dal Decreto Allegati e dalla presente Circolare; nellale Province autonome non si sono avvalse della facoltà Regione Piemonte si procede anche sulla base deidi cui all’articolo 4, commi 7 e 8, del Decreto Kyoto. criteri di valutazione aggiuntivi riportati nell’Allegato 2. Nel caso delle Regioni di cui alla Tabella 2, per I alla presente Circolare.le misure microcogenerazione diffusa, rinnovabili e 3. Per le istruttorie tecniche concluse positivamen-usi finali, la fase di raccolta e istruttoria delle doman- te, viene definito l’importo concedibile tenuto contode è curata dai rispettivi Enti Gestori Regionali. anche del rispetto della regola “de minimis” e della 3. La CDP e gli Enti Gestori Regionali registrano le durata del finanziamento.domande verificando: 4. Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla a. i dati contenuti sul frontespizio applicato al- Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamen-l’esterno del plico (cfr. Cap. 2, Titolo 6, Punto 2); te delegati) richiedono informazioni alla competente b. il timbro postale di spedizione; Prefettura con riferimento alle “imprese soggette alla c. l’eventuale presenza della dicitura “Gestione verifica antimafia” che superano con esito positivofuori Plafond”. l’istruttoria tecnica. A tal riguardo si rinvia al successi- 4. Qualora, dalla verifica del timbro postale, le do- vo Cap. 6, Titolo 7. Qualora il certificato C.C.I.A.A.mande risultassero inviate oltre il termine di tre giorni presentato in sede di domanda non fosse più in corsosolari (cfr. Cap. 2, Titolo 6, Punti 5 e 6), queste di validità, all’”impresa” verrà richiesta la produzionesaranno ritenute non ricevibili in quanto fuori termine. di un certificato aggiornato da parte del Ministero 5. Laddove nel corso della medesima verifica, si dell’ambiente o delle Regioni di cui alla Tabella 2 (e/oriscontri la presenza della dicitura “Gestione fuori degli Enti Gestori Regionali appositamente delegati).Plafond”, non si procede all’apertura della busta ed il Anche in tal caso si applicano i termini di cui alprocedimento di ammissione al finanziamento s’inten- successivo Titolo 6.de sospeso. Per il presente Ciclo di Programmazione, 5. Qualora l’istruttoria tecnica si concluda con esitonel momento in cui sono nuovamente disponibili le negativo, il Ministero dell’ambiente o le Regioni dirisorse necessarie nel Plafond di riferimento, si dà cui alla Tabella 2 emanano i relativi provvedimenti diavvio al procedimento istruttorio come di seguito de- diniego che verranno inviati ai soggetti interessati ascritto e ne viene data comunicazione via e-mail ai mezzo “Raccomandata 1” e anticipati via e-mail.soggetti interessati. Le buste non aperte non verrannorestituite. Titolo 5 - Istruttoria economico-finanziaria 1. L’istruttoria economico-finanziaria per le sole Titolo 3 - Istruttoria preliminare domande che hanno superato l’istruttoria tecnica, cura- 1. La CDP e gli Enti Gestori Regionali effettuano ta da CDP e dagli Enti Gestori Regionali, consistel’istruttoria preliminare verificando la: nelle seguenti attività: ● corretta compilazione della domanda di ammis- - verifica della conformità dei valori dei parame-sione all’agevolazione; tri di affidabilità economico-finanziaria stabiliti dal ● completezza documentale della domanda di Decreto Allegati per le diverse tipologie di Soggettiammissione all’agevolazione, con tutti i suoi allegati Beneficiari e della compatibilità degli stessi rispettocorrettamente compilati; alla somma degli importi dei finanziamenti richiesti da ● sussistenza della disponibilità delle risorse. un medesimo Soggetto Beneficiario sulle diverse misu- 2. L’istruttoria preliminare termina con un’ammis- re o, per le ESCo, eventualmente anche sulla stessasione alla fase successiva in caso di esito positivo. misura; 3. Qualora l’istruttoria preliminare si concluda - acquisizione della dichiarazione della Banca Ade-con esito negativo, il Ministero dell’ambiente o le rente di cui al successivo punto 2 del presente titolo;Regioni di cui alla Tabella 2 emanano i relativi - verifica della sussistenza della disponibilità del-provvedimenti di diniego che verranno inviati ai le risorse.soggetti interessati a mezzo “Raccomandata 1” e 2. A seguito della verifica positiva relativa allaanticipati via e-mail. conformità dei valori dei parametri di affidabilità eco-
  • 87. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 89DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEnomico-finanziaria, CDP e gli Enti Gestori Regionali CDP, Enti Gestori Regionali, Ministero dell’ambienteprovvedono a richiedere, al Soggetto Beneficiario ed e Regioni di cui alla Tabella 2, per compiuta giacenza.alla Banca Aderente di riferimento, il rilascio entro 20giorni solari di apposita dichiarazione attestante l’im- Titolo 7 - Gestione Plafond presso CDPpegno di quest’ultima a prestare idonea Fideiussione 1. CDP effettua il monitoraggio dello stato di avan-Bancaria pari al 30% (per i “condomini” cfr. Cap. 2, zamento delle istanze in tutte le fasi di istruttoria e laTitolo 11) del finanziamento agevolato non appena disponibilità delle risorse così come ripartite nei Pla-venga emesso il provvedimento di ammissione. Nel fond riportati nella Tabella 1 e nella Tabella 4. L’am-caso in cui la Banca Aderente comunichi la propria montare dei Plafond ed i relativi utilizzi vengonoindisponibilità a rilasciare la predetta dichiarazione, il pubblicati sul sito web di CDP.Soggetto Beneficiario, entro il termine di 15 giorni 2. Le risorse assegnate per il presente Ciclo disolari dalla comunicazione di esito negativo, deve Programmazione si ritengono esaurite nel momento ininviare la dichiarazione di impegno di un’altra Banca cui sono stati perfezionati i contratti di finanziamentoAderente[3]. I termini relativi all’istruttoria vengono per un valore pari alle risorse stesse.sospesi a decorrere dalla comunicazione di CDP e/o 3. L’emanazione del provvedimento di ammissioneEnti Gestori Regionali al Soggetto Beneficiario sino all’agevolazione avviene fino ad esaurimento delle risor-alla data di ricevimento della dichiarazione della Ban- se assegnate per il presente Ciclo di Programmazione.ca Aderente. Decorso inutilmente tale termine l’istrut- 4. Nei casi in cui l’importo del finanziamento agevo-toria si conclude con la decadenza della domanda. lato richiesto, nei limiti della percentuale di agevola- 3. Qualora l’istruttoria economico-finanziaria si con- zione riconosciuta, sia superiore alla disponibilità resi-cluda con esito negativo, il Ministero dell’ambiente o dua del Plafond di riferimento si determina lale Regioni di cui alla Tabella 2 emanano i relativi “Gestione fuori Plafond” (cfr. Cap. 2, Titolo 3, Puntoprovvedimenti di diniego che verranno inviati ai sog- 4 e Titolo 6, Punto 2). Resta inteso che ciò nongetti interessati a mezzo “Raccomandata 1” e anticipa- costituisce motivo di decadenza della domanda diti via e-mail. ammissione all’agevolazione. 5. In caso di “Gestione fuori Plafond”, il procedi- Titolo 6 - Chiarimenti nel corso del procedimen- mento istruttorio viene avviato solo nel momento into di istruttoria cui sono nuovamente disponibili le risorse necessarie a 1. CDP e gli Enti Gestori Regionali o il Ministero garantire la completa copertura finanziaria dell’inter-dell’ambiente e le Regioni di cui alla Tabella 2, nel vento proposto.corso delle rispettive fasi di istruttoria, possono fare 6. È possibile che, una volta perfezionati tutti irichiesta di chiarimenti, precisazioni e/o eventuali retti- contratti di finanziamento, sul Plafond risultino dispo-fiche necessari ai fini dell’istruttoria stessa, a mezzo nibili risorse non sufficienti alla copertura della prima“Raccomandata 1”. domanda in “Gestione fuori Plafond” non ancora istrui- 2. Le risposte ai chiarimenti di cui al Punto prece- ta. In tale caso, seguendo l’ordine del protocollo tele-dente devono essere inoltrate, a mezzo raccomandata matico, si avvia il procedimento istruttorio previaA.R. o “Raccomandata 1” con prova di consegna, comunicazione al Soggetto Beneficiario che l’importoentro il termine di 15 giorni solari dalla data di ricevi- disponibile è inferiore all’importo del finanziamentomento della “Raccomandata 1”. richiesto. Nel caso in cui non si giunga al perfeziona- 3. Il termine di 45 giorni lavorativi normalmente mento del relativo contratto, si avvia il suddetto proce-previsto per la conclusione del procedimento di istrut- dimento per la successiva domanda, pur sempre nel-toria si sospende dalla data di ricevimento apposta l’ordine dettato dal protocollo telematico.sulla cartolina A.R. sino alla data in cui pervengono i 7. Tale procedura sarà adottata sino alle ore 00.00chiarimenti, le precisazioni e/o le eventuali rettifiche del 31 Dicembre 2012. Allo scadere di tale termine,richieste. laddove siano ancora presenti risorse su ciascun Pla- 4. L’istruttoria si conclude con la decadenza della fond, queste vengono riassegnate al Ciclo di Program-domanda oggetto della richiesta di chiarimenti: mazione successivo. a. in caso di mancato invio delle risposte, entro il 8. L’Amministrazione si riserva, comunque, di av-citato termine di 15 giorni solari; viare la procedura istruttoria di cui al precedente Pun- b. o nel caso in cui le richieste inoltrate a mezzo to 6 previa verifica di congruità tra le risorse presenti“Raccomandata 1” siano ritornate, rispettivamente a nel Plafond di riferimento e l’importo del finanziamen-[3] In tal caso, la “Dichiarazione di affidabilità economico-finanziaria” (cfr. allegati b) del Decreto Allegati) già sottoscritta dallaprecedente banca e parte integrante della domanda di ammissione all’agevolazione presentata, dovrà essere nuovamente inviatadal Soggetto Beneficiario a CDP, una volta timbrata e sottoscritta dalla nuova intervenuta banca a conferma dei dati in essacontenuti.
  • 88. 90 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEto agevolato richiesto (al netto della percentuale di documentazione di cui sopra procedendo, quindi, al-agevolazione riconosciuta), ritenuto idoneo a garantire l’alimentazione dell’archivio informatico con la docu-l’esecuzione dell’intervento da finanziarsi. In caso di mentazione ricevuta.verifica negativa, il saldo del Plafond verrà riassegna-to al successivo Ciclo di Programmazione. CAPITOLO 6 - Stipula del contratto ed erogazione del finanziamento agevolato Titolo 8 - Provvedimento di ammissione 1. Nel caso l’istruttoria economico-finanziaria si con- Titolo 1 - Ruolo Banche Aderenticluda con esito positivo, il Ministero dell’ambiente o le 1. La CDP cura la gestione del finanziamento inRegioni di cui alla Tabella 2 emanano un provvedimen- tutti i suoi aspetti: stipula del contratto, variazioni,to di ammissione all’agevolazione ai sensi dell’articolo erogazioni, operazioni di rimborso del prestito, ecc.17 del Decreto Kyoto e lo trasmettono a CDP. Prima di 2. La contrattualizzazione e l’erogazione del finanzia-emanare tale provvedimento il Ministero dell’ambiente mento avvengono tramite la Banca Aderente indicata dalo le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Soggetto Beneficiario al momento della richiesta. Il Sog-Regionali appositamente delegati), effettuano una ulte- getto Beneficiario può indicare soltanto una delle Ban-riore verifica circa il rispetto della regola “de minimis”. che Aderenti che avranno aderito preventivamente alla 2. CDP inoltra il suddetto provvedimento al Soggetto Convenzione relativa al Fondo Kyoto tra Ministero del-Beneficiario tramite “Raccomandata 1”, con invito a l’ambiente-ABI-CDP-Regioni di cui alla Tabella 2, perfornire tutta la documentazione necessaria alla stipula la stipula del contratto e la raccolta della documentazionedel contratto di finanziamento agevolato (cfr. Capitolo necessaria all’erogazione del finanziamento agevolato.6, Titolo 8) entro il termine perentorio di 45 giorni solari 3. Le Banche Aderenti ricevono dalla CDP appositodecorrenti dalla ricezione di tale notifica (cfr. art. 17, co. mandato con rappresentanza per le attività definite4, Decreto Kyoto). La comunicazione è, inoltre, anticipa- dalla Convenzione stessa relativamente alle fasi dita tramite e-mail agli indirizzi indicati all’atto dell’inseri- stipula del contratto di finanziamento e di erogazione.mento della domanda di ammissione all’agevolazione. A tal fine, alle stesse Banche Aderenti, viene rilasciata 3. La Banca Aderente designata in domanda dal dalla CDP apposita procura speciale in favore delSoggetto Beneficiario viene informata da CDP che Legale Rappresentante di ciascuna Banca Aderentesull’Applicativo web è disponibile il provvedimento di che consenta l’utilizzo del sistema di deleghe di firmaammissione emanato. interno ad esse. L’elenco delle Banche Aderenti sarà 4. Entro il termine perentorio di 90 giorni solari dalla disponibile sul sito web di CDP.data di ricezione della notifica di ammissione al finanzia- 4. Le Banche Aderenti svolgono le seguenti attività:mento, il Soggetto Beneficiario trasmette, tramite racco- a. per il tramite degli allegati previsti nel Decre-mandata A.R. o “Raccomandata 1” con prova di conse- to Allegati (cfr. Allegati b)), rilasciano al Soggettogna, a CDP o agli Enti Gestori Regionali: Beneficiario una comunicazione (da allegare alla do- a. le autorizzazioni in corso di validità (in origi- manda di ammissione all’agevolazione) in cui dichiara-nale cartaceo o copia conforme), che al momento della no di aver ricevuto la richiesta di Fideiussione Banca-domanda di ammissione all’agevolazione non erano ria e in cui comunicano i dati relativi ai parametri distate ancora conseguite, necessarie all’avvio dei lavori affidabilità economico-finanziaria;o all’apertura del cantiere per la costruzione e l’instal- b. producono la dichiarazione di impegno al rila-lazione delle opere e impianti relativi all’intervento scio della Fideiussione Bancaria e, successivamente aloggetto della domanda. Tutte le autorizzazioni alla provvedimento di ammissione, la Fideiussione Bancariacostruzione degli impianti devono soddisfare la vigen- per conto dei Soggetti Beneficiari “persona fisica”,te normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e, per “imprese”, “persone giuridiche private” e “condomini”;le opere civili, la vigente normativa in materia antisi- c. stipulano il contratto di finanziamento;smica (cfr. Cap. 2, Titolo 9, Punto 3); d. raccolgono la documentazione a supporto del- b. la comunicazione di avvenuto inizio dei lavori le richieste di erogazione.specificandone la data e allegando copia del Verbaledi consegna dei lavori ove previsto, o della dichiarazio- Titolo 2 - Aspetti principali dei finanziamentine del direttore dei lavori o di un tecnico abilitato agevolatinegli altri casi; 1. Le principali caratteristiche dei finanziamenti age- c. il contratto o i contratti preliminari, di durata volati sono le seguenti:pari almeno alla durata del finanziamento agevolato ● tasso fisso;concesso, stipulati con i soggetti fornitori della biomassa ● durata non inferiore a 3 anni e non superiore ao del Biogas (cfr. Cap. 3, Titolo 4, Titolo 5 e Titolo 6). 6 anni. Per i “soggetti pubblici”, ai sensi dell’articolo 5. CDP e gli Enti Gestori Regionali rilevano i dati 31, comma 1, del decreto legislativo del 3 marzoutili alla verifica del rispetto dei termini di invio della 2011, n. 28, la durata massima dei finanziamenti a
  • 89. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 91DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEtasso agevolato non può essere superiore a centottanta zione di decadenza dal beneficio del termine e/o dimesi (15 anni); per le ESCo si applica la disciplina risoluzione e/o di recesso.prevista per i soggetti “impresa” ancorché si tratti di 7. La Fideiussione Bancaria è svincolata, una voltafinanziamenti riferiti a beni di proprietà pubblica; pagata l’ultima rata a rimborso del finanziamento con- ● rata costante calcolata con metodo francese; cesso, alla scadenza dell’eventuale periodo di revocato- ● rimborso tramite RID o altro strumento richiesto. ria fallimentare applicabile al pagamento dell’ultima rata del finanziamento concesso (di cui agli articoli 65 Titolo 3 - Fideiussione Bancaria e/o 67 del R.D. 16 marzo 1942 n. 267 e ss.mm.ii.). 1. In caso di ammissione all’agevolazione, in sede 8. I “soggetti pubblici” non sono tenuti alla produ-di stipula del contratto di finanziamento, i Soggetti zione della Fideiussione Bancaria.Beneficiari “persona fisica”, “imprese”, “persona giuri-dica privata” e “condomini”, devono presentare la Titolo 4 - Accertamento della regolarità fiscaleFideiussione Bancaria, emessa in via esclusiva da una per le impreseBanca Aderente. 1. All’atto della stipula del contratto di finanziamen- 2. Tale Fideiussione Bancaria deve essere rilasciata in to le “imprese” presentano un certificato di regolaritàfavore del Ministero dell’ambiente per un importo pari al fiscale rilasciato dalla competente Agenzia delle Entra-30% (per i “condomini” cfr. Cap. 2, Titolo 11) del valore te, ovvero apposita dichiarazione sostitutiva resa aiiniziale del finanziamento agevolato concesso e con dura- sensi del DPR 445/2000 come da modello in Allegatota pari a quella del contratto di finanziamento con coper- f7) al Decreto Allegati.tura anche della eventuale revocatoria fallimentare. 2. Tale certificato (o dichiarazione sostitutiva) sarà 3. La Fideiussione Bancaria deve essere incondiziona- nuovamente prodotto dalle “imprese” in occasione dita e riferirsi esplicitamente al provvedimento di ammis- ciascuna richiesta di erogazione del finanziamento.sione al finanziamento agevolato. L’operatività della 3. Il Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui allamedesima deve essere garantita entro 15 giorni solari a Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamen-semplice richiesta scritta del Ministero dell’ambiente, te delegati) procedono, in caso di produzione dellasenza che il garante possa sollevare eccezione alcuna e suindicata autocertificazione, al controllo sulla veridi-con l’obbligo di versare la somma richiesta entro il cità delle dichiarazioni richiedendo al competente Uffi-limite dell’importo garantito. A tal fine la Fideiussione cio locale dell’Agenzia delle Entrate il rilascio dell’at-Bancaria deve prevedere l’espressa rinuncia al beneficio testazione di regolarità fiscale. In ogni caso il Ministe-della preventiva escussione del debitore principale di ro dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabella 2,cui all’articolo 1944 del codice civile e la rinuncia alle sulla base delle informazioni ricevute dall’Agenziaeccezioni di cui all’articolo 1957 del codice civile. delle Entrate, valutata la sussistenza del requisito della 4. La Fideiussione Bancaria deve essere corredata regolarità fiscale, adottano i conseguenti ed eventualida idonea dichiarazione sostitutiva rilasciata, ai sensi provvedimenti.del DPR 445/2000, dai soggetti firmatari il medesimo 4. La non produzione di tale documento/dichiarazio-titolo di garanzia ed attestante l’identità, la qualifica ne e/o la valutazione negativa di sussistenza del requi-ed i poteri conferiti agli stessi. sito da parte del Ministero dell’ambiente o delle Regio- 5. Il mancato rilascio della Fideiussione Bancaria ni di cui alla Tabella 2 comporta la revoca dal benefi-comporta la revoca del beneficio erariale, con conse- cio erariale, disposta con apposito provvedimento. Laguente impossibilità di procedere alla stipula del con- revoca successiva alla stipula è causa di risoluzionetratto di finanziamento. La revoca viene disposta trami- del contratto di finanziamento e di conseguente obbli-te apposito provvedimento. go di restituzione delle somme eventualmente già 6. Il Ministero dell’ambiente può escutere la Fi- percepite (cfr. Cap. 7, Titolo 7).deiussione Bancaria qualora: (i) a seguito dell’emana-zione di un provvedimento di revoca del Finanziamen- Titolo 5 - D.U.R.C. per le imprese e le personeto Agevolato ai sensi dell’articolo 21 del Decreto giuridiche privateKyoto [e degli ulteriori casi previsti dalla presente 1. Il D.U.R.C., in corso di validità, deve essereCircolare], il pagamento di quanto dovuto dal Benefi- presentato:ciario non sia avvenuto nei termini indicati nel relativo a. in sede di stipula del contratto di finanziamen-provvedimento di revoca; e/o (ii) indipendentemente to, ove non già prodotto all’atto della domanda ovve-dall’emanazione di un provvedimento di revoca del ro, ove già prodotto, non più in corso di validità;Finanziamento Agevolato, a seguito di decadenza dal b. in occasione di ogni richiesta di erogazionebeneficio del termine e/o risoluzione del e/o recesso del finanziamento, ove non più in corso di validità.dal relativo contratto di finanziamento, il pagamento 2. La non produzione del D.U.R.C. comporta ladi quanto dovuto dal Soggetto Beneficiario non sia revoca dal beneficio erariale, disposta con appositoavvenuto nei termini indicati nella relativa comunica- provvedimento di revoca. La revoca successiva alla
  • 90. 92 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEstipula è causa di risoluzione del contratto di finanzia- Prefetto, all’erogazione dell’anticipazione, sottoponen-mento e di conseguente obbligo di restituzione delle do la stessa a condizione risolutiva derivante daglisomme eventualmente già percepite (cfr. Cap. 7, Tito- esiti del previsto accertamento. Anche in tali casi èlo 7). fatta salva la facoltà di revoca del finanziamento age- volato e di risoluzione del contratto di finanziamento Titolo 6 - Antiriciclaggio come previsto al precedente Punto 2. 1. La documentazione richiesta all’atto della stipula 4. Le informazioni in materia “antimafia” sarannodel contratto deve essere integrata con l’attestazione di acquisite dal Ministero dell’ambiente o dalle Regionicorrispondenza dei dati rilasciati dal Soggetto Benefi- di cui alla Tabella 2 (e/o dagli Enti Gestori Regionaliciario con quelli acquisiti in sede di adeguata verifica appositamente delegati) ogni qualvolta le “impresedall’istituto di credito presso il quale è attivo un soggette alla verifica antimafia” presenteranno richie-rapporto di conto corrente dello stesso Soggetto Bene- sta di erogazione di cui ai successivi Titoli 11 e 12.ficiario, oppure da un altro ente creditizio o finanziario Anche in tal caso, si potrà procedere nelle modalità disoggetto agli obblighi previsti dal decreto legislativo cui al precedente Punto 3.n. 231/2007 e ss.mm.ii. 5. Se le verifiche effettuate dalle Prefetture compe- 2. Tale attestazione di corrispondenza è contenuta tenti dovessero risultare positive, i finanziamenti sononell’apposita sezione D della “Certificazione di avve- revocati ed i relativi contratti di finanziamento sononuta identificazione e adeguata verifica del Cliente”, risolti di diritto con obbligo di restituzione delle som-in Allegato g) al Decreto Allegati. me già erogate (cfr. Cap. 7, Titoli 6 e 7). Titolo 7 - Imprese soggette alla verifica antimafia Titolo 8 - Contratto di finanziamento 1. Per le “imprese soggette alla verifica antimafia” 1. CDP inoltra il provvedimento di ammissione alche superano con esito positivo l’istruttoria tecnica, il finanziamento agevolato al Soggetto Beneficiario tra-Ministero dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabel- mite “Raccomandata 1”, con invito a fornire tutta lala 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamente documentazione necessaria alla stipula del contratto didelegati) richiedono informazioni alla competente Pre- finanziamento agevolato entro il termine perentorio difettura. 45 giorni solari decorrenti dalla ricezione di tale notifi- 2. All’atto di stipula del contratto, la documentazio- ca, pena la decadenza dal beneficio erariale e conse-ne in possesso della Banca Aderente deve essere corre- guente emanazione di apposito provvedimento ammi-data anche delle informazioni fornite dal Prefetto. In nistrativo.caso contrario, se decorso inutilmente il termine di 45 2. La comunicazione è inoltre anticipata tramitegiorni solari dalla ricezione della richiesta di informa- e-mail agli indirizzi indicati all’atto dell’inserimentozione senza alcun esito da parte della competente della domanda di ammissione all’agevolazione.Prefettura, si procede alla stipula del contratto di 3. Ricevuto il suddetto invito, il Soggetto Beneficia-finanziamento fatta, comunque, salva la facoltà di rio deve produrre, alla Banca Aderente indicata all’at-revoca del finanziamento agevolato e di risoluzione to della domanda di ammissione all’agevolazione, tut-del contratto di finanziamento nel caso che le informa- ta la documentazione necessaria alla stipula entro ilzioni tardivamente pervenute attestino la sussistenza termine sopra stabilito e riportato nella lettera di tra-di tentativi di infiltrazione mafiosa. smissione del provvedimento e nell’e-mail di cui al 3. Una volta decorso il citato termine di 45 giorni Punto 2 del presente Titolo.dalla ricezione della richiesta, è nella facoltà del Mini- 4. Per il perfezionamento del medesimo contratto èstero dell’ambiente o delle Regioni di cui alla Tabella necessaria la produzione della documentazione elenca-2 (e/o degli Enti Gestori Regionali appositamente ta nella Tabella 19. Se non già trasmessa ovvero sedelegati) procedere, ai sensi dell’articolo 11 del DPR non più in corso di validità, la documentazione deve252/1998, anche in assenza delle informazioni del essere disponibile al momento della stipula.Tabella 19 - Elenco documentazione per la stipula del contratto di finanziamentoSoggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile in caso di rappresentante) ● Fideiussione BancariaPersone fisiche ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati) ● Indicazione del conto corrente di accredito ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione
  • 91. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 93DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDESoggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile) ● Certificato C.C.I.A.A. completo di dicitura “antimafia” ● Certificato rilasciato dal competente Tribunale Fallimentare attestante l’assenza di procedure concorsuali a carico dell’impresa ● D.U.R.C.Imprese ● Fideiussione Bancaria ● Certificato di regolarità fiscale rilasciato dalla Agenzia delle Entrate/Dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000 (Allegato f7) al Decreto Allegati) ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati) ● Indicazione del conto corrente di accredito ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile) ● D.U.R.C.Persone giuridiche ● Fideiussione Bancariaprivate ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati) ● Indicazione del conto corrente di accredito ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione (procura notarile) ● Fideiussione BancariaCondomini ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati) ● Indicazione del conto corrente di accredito ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione ● Attestazione antiriciclaggio (Allegato g) al Decreto Allegati)Soggetti pubblici ● Indicazione del conto corrente di accredito ● Deleghe per l’addebito RID delle rate di finanziamento o altro strumento richiesto ● Richiesta di erogazione dell’anticipazione Resta inteso che il sopra riportato elenco è meramen- detta documentazione a CDP per le verifiche legali.te esemplificativo e, pertanto, il Soggetto Beneficiario, 8. Superato il termine perentorio di 45 giorni solarinella predisposizione e presentazione della documenta- di cui al Punto 1 del presente Titolo senza che ilzione richiesta, dovrà scrupolosamente attenersi a Soggetto Beneficiario abbia completato e prodottoquanto elencato nella comunicazione ricevuta quale tutta la documentazione richiesta ai fini della stipulanotifica di avvenuta ammissione. alla Banca Aderente, quest’ultima non può più proce- 5. Tutti i Soggetti Beneficiari, all’atto del perfezio- dere con l’invio di detta documentazione a CDP per lenamento del contratto, devono produrre documentazio- verifiche legali di cui al precedente Punto 7, conne in originale attestante i poteri di firma degli stessi conseguente decadenza dal beneficio erariale e emana-ed eventuali ulteriori informazioni che dovessero esse- zione di apposito provvedimento amministrativo.re richieste da CDP e/o dal Ministero dell’ambiente 9. CDP ricevuta dalle Banche Aderenti la documenta-e/o dalle Regioni di cui alla Tabella 2. zione utile alla stipula, procede con la valutazione della 6. Per quanto riguarda le “imprese” e le “persone stessa ai fini del nulla osta alla sottoscrizione del contrat-giuridiche private”, laddove siano intervenute modifi- to. CDP nel corso della fase di valutazione, può fareche statutarie, la suindicata documentazione dovrà richiesta di chiarimenti, precisazioni e/o eventuali rettifi-essere integrata con copia dei relativi provvedimenti che, a mezzo “Raccomandata 1”. La valutazione sie/o documenti attestanti le intervenute modifiche. In conclude con la decadenza della domanda oggetto dellaparticolare, se il certificato C.C.I.A.A., seppur ancora richiesta di chiarimenti in caso di mancato invio dellevigente, non sia aggiornato sulla base di tali ultime risposte entro 15 giorni solari. La Banca Aderente,modifiche in seno alla Società, lo stesso dovrà essere acquisito il nulla osta da parte di CDP a seguito dellecorredato della documentazione (es. verbali di assem- verifiche di cui al presente Punto 7, inserisce i datiblea, …) attestante tali aggiornamenti. richiesti (strumento di incasso, conto corrente di accredi- 7. Una volta ricevuta dal Soggetto Beneficiario tutta to, ecc.) e procede alla stampa del contratto di finanzia-la documentazione necessaria ai fini della stipula del mento. Il contratto è sottoscritto, entro il termine peren-contratto di finanziamento agevolato e previa verifica torio di 15 giorni solari dal nulla osta, dal Soggettocirca la sua completezza, la Banca Aderente può inviare Beneficiario e dal funzionario abilitato ai sensi di quan-
  • 92. 94 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEto disposto al precedente Titolo 1, Punto 3, di cui ● un’anticipazione pari al 20% del finanzia-dovranno essere prodotti i dati anagrafici e gli estremi mento agevolato concesso;relativi agli atti giustificativi dei poteri di firma. ● per l’ulteriore 50% del finanziamento (o 70% 10. Per le “imprese soggette alla verifica antimafia”, in assenza di anticipazione), ratei intermedi non inferio-la stipula del contratto di finanziamento è subordinata ri al 25% del finanziamento stesso, alla realizzazione dial preventivo nulla osta del Ministero e/o delle Regio- uno stato di avanzamento dei lavori di pari quota;ni di cui alla Tabella 2 da comunicarsi tramite Applica- ● un saldo pari al restante 30% del finanzia-tivo web. mento, previa trasmissione della documentazione fina- 11. Conclusa tale fase il Soggetto Beneficiario può le di cui al successivo Titolo 12 del presente Capitolo.eventualmente presentare la richiesta di erogazione 2. L’erogazione del finanziamento agevolato avvie-dell’anticipazione. ne, ad esclusione dell’anticipazione, per stati di avanza- 12. CDP riceve dalle Banche Aderenti, tramite l’Ap- mento lavori (SAL), e comunque previo assolvimentoplicativo web, l’informazione dell’avvenuta stipula dei di tutti i termini, obblighi, condizioni e quant’altrocontratti, comprensiva dei dati obbligatori ai fini della previsto nel contratto di finanziamento, in relazionenormativa antiriciclaggio. allo stato di realizzazione del progetto agevolato. Re- 13. Successivamente alla stipula del contratto, le sta inteso quanto previsto al precedente Titolo 7 circaBanche Aderenti inviano a CDP la documentazione in l’acquisizione delle necessarie informazionioriginale entro 15 giorni lavorativi dall’avvenuta stipu- “antimafia” per il soggetto “impresa”.la di ogni singolo contratto di finanziamento. CDP, 3. Ai fini di ciascuna erogazione del finanziamentopuò fare richiesta di chiarimenti, precisazioni e/o even- agevolato, i Soggetti Beneficiari devono presentaretuali rettifiche, a mezzo “Raccomandata 1”. L’esecuti- tramite Applicativo web la richiesta di erogazione.vità si conclude con la decadenza della domanda Successivamente la richiesta cartacea, eventualmenteoggetto della richiesta di chiarimenti in caso di manca- corredata della documentazione richiesta nei rispettivito invio delle risposte entro 15 giorni solari. Titoli 10, 11 e 12 del presente Capitolo, deve essere 14. L’esecutività del contratto di finanziamento è presentata alla propria Banca Aderente.condizionata dalla ricezione della copia cartacea del 4. In caso di variazioni/modifiche intervenute incontratto e della relativa documentazione da parte di merito a quanto prodotto e dichiarato in sede di stipulaCDP che provvede a verificare la regolarità dell’atto e del contratto di finanziamento, il Soggetto Beneficia-ad inserire nell’applicativo la data di esecutività del rio dovrà produrre idonea documentazione relativa.contratto. In assenza di copia del contratto CDP non 5. Tutti i pagamenti effettuati dal Soggetto Beneficia-procede alle erogazioni. rio per la realizzazione dell’intervento ammesso al finan- 15. L’Applicativo web mette a disposizione dei Sog- ziamento agevolato devono essere effettuati per il trami-getti Beneficiari pagine di visualizzazione del contratto te di bonifico bancario la cui causale deve contenere ildi finanziamento e della relativa documentazione, com- seguente riferimento: “Pagamento fattura n. … del … apresi i dati inseriti dalla Banca Aderente, da CDP, dal valere sul finanziamento agevolato n. … - Fondo rotati-Ministero dell’ambiente e dagli Enti Gestori Regionali. vo per Kyoto ex art. 1, comma 1110, L. 296/2006”. 6. Sull’originale dei documenti contabili deve essere Titolo 9 - Modalità di erogazione, documentazio- apposta la seguente dicitura “documento contabile fi-ne di spesa, verifiche e controlli nanziato a valere sul Fondo Kyoto per l’intero importo 1. L’erogazione è disposta come segue: o per l’importo di €………………………………..”. a. In caso di importi di finanziamento inferiori a 7. Ai fini dell’erogazione, il Ministero dell’ambiente€ 50.000: e le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori ● un’anticipazione pari all’80% del finanzia- Regionali appositamente delegati) possono effettuaremento agevolato concesso; verifiche in merito alla documentazione inviata dal ● un saldo pari al restante 20% del finanzia- Soggetto Beneficiario ovvero sullo stato di realizzazio-mento, previa trasmissione della documentazione fina- ne e ultimazione dell’intervento oggetto di finanzia-le di cui al successivo Titolo 12 del presente Capitolo. mento. Se necessario, possono richiedersi chiarimenti e b. In caso di importi di finanziamento compresi informazioni al Soggetto Beneficiario circa il contenu-tra € 50.000 e € 100.000: to della suindicata documentazione ed effettuarsi so- ● un’anticipazione pari al 50% del finanzia- pralluoghi in corso d’opera e verifiche tecniche nell’ar-mento agevolato concesso; co della realizzazione dell’investimento. Laddove, nel ● un saldo pari al restante 50% del finanzia- corso delle citate verifiche, siano riscontrate delle dif-mento, previa trasmissione della documentazione fina- formità o incongruenze il Ministero dell’ambiente o lele di cui al successivo Titolo 12 del presente Capitolo. Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori c. In caso di importi di finanziamento superiori a Regionali appositamente delegati) possono applicare le€ 100.000: procedure di cui al successivo Punto 6 del Titolo 11.
  • 93. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 95DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 8. Le verifiche, i controlli e le ispezioni del Mini- 1. le autorizzazioni nelle modalità e nei termi-stero dell’ambiente e delle Regioni di cui alla Tabella ni previsti al Cap. 2, Titolo 9;2 (e/o degli Enti Gestori Regionali appositamente 2. il contratto o i contratti preliminari stipulatidelegati) possono portare alla sospensione dell’eroga- con i soggetti fornitori della biomassa o del Biogaszione sino al termine delle stesse con esito favorevo- (cfr. Cap. 3, Titolo 4);le. Solo in tal caso sarà concesso il nulla osta dal 3. la richiesta di informazioni “antimafia”Ministero o dalle Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o nelle modalità e nei termini previsti al precedentedagli Enti Gestori Regionali appositamente delegati) Titolo 7.per la relativa erogazione. In caso negativo, si proce- 4. L’erogazione è sospesa sino a quando la CDPde alla revoca del finanziamento agevolato ed alla non acquisisce il suindicato nulla osta. Laddove l’esitorisoluzione del contratto di finanziamento con conse- di una o più delle sopra elencate verifiche sia ostativo,guente rimborso delle somme già percepite (cfr. Cap. si provvede alla revoca del finanziamento agevolato e7, Titoli 6 e 7). di conseguenza alla risoluzione del contratto di finan- ziamento. Titolo 10 - Erogazione anticipazione 5. CDP, tramite l’Applicativo web, eroga l’anticipa- 1. La richiesta di erogazione dell’anticipazione è zione con accredito diretto sul conto corrente del Sog-presentata dal Soggetto Beneficiario al momento della getto Beneficiario. L’informazione alla Banca Aderen-stipula del contratto di finanziamento. te e al Soggetto Beneficiario dell’avvenuta erogazione 2. Tale erogazione viene disposta entro 15 giorni avviene attraverso messaggio di posta elettronica.lavorativi dalla data di esecutività del contratto difinanziamento. Titolo 11 - Erogazione dei ratei intermedi (SAL) 3. L’erogazione dell’anticipazione può non avveni- 1. Il Soggetto Beneficiario, tramite l’Applicativore nei termini di cui al precedente Punto 2 nel caso in web, compila la richiesta di erogazione del SAL checui la CDP non abbia ottenuto dal Ministero dell’am- deve essere successivamente consegnata alla Bancabiente o dalle Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o dagli Aderente di riferimento unitamente alla documentazio-Enti Gestori Regionali appositamente delegati) il nulla ne di seguito elencata, qualora non sia già stata tra-osta circa le verifiche effettuate su: smessa ovvero non sia più in corso di validità.Tabella 20 - Elenco documentazione per erogazione ratei intermediSoggetto Beneficiario Documentazione ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione; ● Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori; ● Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettuatiImprese (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● Certificato C.C.I.A.A. completo di dicitura “antimafia”; ● D.U.R.C.; ● Certificato di regolarità fiscale rilasciato dalla Agenzia delle Entrate/Dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000 (Allegato f7) al Decreto Allegati); ● Indicazione del conto corrente di accredito. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione; ● Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori;Persone giuridiche ● Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copiaprivate conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettuati (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● D.U.R.C.; ● Indicazione del conto corrente di accredito. ● Documentazione giustificativa dei poteri di firma della persona abilitata alla sottoscrizione; ● Richiesta di erogazione;Persone fisiche, Condomi- ● Stato avanzamento lavori firmato dal Direttore dei Lavori;ni e Soggetti pubblici ● Dichiarazione ex DPR 445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli originali o copia conforme delle fatture relative all’intervento e di documentazione comprovante i pagamenti effettuati (es. copia del bonifico bancario effettuato); ● Indicazione del conto corrente di accredito.
  • 94. 96 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 2. All’atto di inserimento della richiesta di erogazio- della domanda di ammissione all’agevolazione.ne del SAL, il Soggetto Beneficiario è tenuto a comu-nicare eventuali variazioni inerenti le coordinate di Titolo 12 - Erogazione del saldo e documentazio-accredito dell’erogazione qualora siano variate dal ne finalemomento della stipula. 1. Ai fini dell’erogazione del saldo del finanziamen- 3. La Banca Aderente acquisisce i documenti pro- to agevolato, entro e non oltre 60 giorni solari daidotti dal Soggetto Beneficiario all’atto della richiesta tempi fissati all’articolo 18, co. 2, Decreto Kyoto, ildi erogazione dei SAL e invia tutta la documentazione Soggetto Beneficiario inserisce la richiesta di erogazio-a CDP, la quale effettua un controllo di natura forma- ne a saldo nell’Applicativo web e presenta alla Bancale. Aderente la documentazione tecnico-economica di se- 4. Le “imprese soggette alla verifica antimafia”, guito elencata:inoltre, per abbreviare i tempi di erogazione, tramite a. per tutte le misure eccetto le misure ricerca,l’Applicativo web oltre a compilare la richiesta di gestione forestale sostenibile e motori elettrici:erogazione provvedono alla scansione e al caricamen- 1. documentazione finale di progetto (cometo, in formato PDF, dei seguenti documenti: certificato costruito) firmata da professionista o tecnico iscrittoC.C.I.A.A. in corso di validità completo di dicitura all’albo professionale (da presentare solo nel caso“antimafia”; D.U.R.C. in corso di validità; e SAL. siano intervenute delle varianti in corso d’opera);Trasmettono tale richiesta (completa della su elencata 2. relazione fotografica (non meno di 5 foto-documentazione) a mezzo Applicativo web alla CDP o grafie georeferenziate) dalla quale sia chiaramenteagli Enti Gestori Regionali. distinguibile la tipologia dell’intervento, i particolari 5. Fermo restando quanto dichiarato al Punto 7 del salienti che caratterizzano l’intervento, il contesto/sitoprecedente Titolo 9, per gli interventi per i quali sono nel quale l’intervento è stato realizzato;state rilasciate autorizzazioni e/o contratti per la forni- 3. “certificato di collaudo tecnico-amministra-tura di biomassa o Biogas e per gli interventi proposti tivo”, completo di elenco delle fatture debitamenteda “imprese soggette alla verifica antimafia” il Ministe- quietanzate peraltro allegate in originale o in copiaro dell’ambiente o le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o conforme (come da modello disponibile sul sito webgli Enti Gestori Regionali appositamente delegati) rila- di CDP). Il certificato di collaudo tecnico-amministra-sciano il nulla osta al pagamento a seguito di positivo tivo può essere sostituito dal “certificato di regolareriscontro in merito ai SAL prodotti. Prima di rilasciare esecuzione” (come da modello disponibile sul sitotale nulla osta, in presenza di “imprese soggette alla web di CDP) nei casi previsti dall’articolo 141 delverifica antimafia”, ove decorso il termine di cui decreto legislativo n. 163/2006 e ss.mm.ii.;all’articolo 2, comma 1, del DPR 3 giugno 1998, b. per le misure rinnovabili e microcogenerazio-n.252 circa la validità della documentazione ne diffusa, per la cogenerazione abbinata al teleriscal-“antimafia” acquisita, il Ministero dell’ambiente o le damento, per gli impianti di cogenerazione di cuiRegioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori all’articolo 6, comma 2, lettera d), punto 2, III, delRegionali appositamente delegati) procedono, altresì, Decreto Kyoto e per gli impianti geotermici a bassaalla verifica “antimafia” nelle modalità di cui al Titolo entalpia, oltre ai documenti di cui al punto a):7. 1. dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorie- 6. Laddove invece siano riscontrate delle difformità tà firmata dal Soggetto Beneficiario attestante l’entratao incongruenze il Ministero dell’ambiente o le Regioni in esercizio dell’impianto;di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali 2. certificato di collaudo;appositamente delegati) non rilasciano il proprio nulla 3. laddove richiesto dalla normativa vigente,osta all’erogazione. In tali casi l’erogazione è sospesa copia della denuncia di apertura di officina elettricaed il Ministero dell’ambiente e le Regioni di cui alla presentata all’UTF (oppure “copia del Verbale di Veri-Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamen- fica di Primo impianto rilasciato dall’UTF”) oppure,te delegati) possono chiedere chiarimenti e informazio- se l’impianto immette tutta l’energia prodotta nellani al Soggetto Beneficiario circa il contenuto della rete, copia della comunicazione fatta all’UTF sullesuindicata documentazione ed effettuare sopralluoghi caratteristiche dell’impianto (ai sensi della circolarein corso d’opera e verifiche tecniche. 17/D del 28 maggio 2007 dell’Agenzia delle Dogane: 7. CDP, sulla base dei nulla osta di cui ai Punti disposizioni applicative del decreto legislativo 2 feb-precedenti, eroga le somme con accredito diretto sul braio 2007, n. 26);conto corrente del Soggetto Beneficiario. 4. copia conforme di tutte le autorizzazioni in 8. L’informazione alla Banca Aderente e al Sogget- corso di validità necessarie all’esercizio delle opere eto Beneficiario dell’avvenuta erogazione avviene attra- impianti relativi all’intervento oggetto della domandaverso messaggio di posta elettronica all’indirizzo forni- di ammissione all’agevolazione;to dal Soggetto Beneficiario all’atto dell’inserimento c. per gli interventi sull’involucro degli edifici
  • 95. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 97DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEesistenti, oltre ai documenti di cui al punto a): natura formale. 1. attestato di certificazione energetica; 3. Ai fini dell’erogazione del saldo del finanziamen- 2. eventuali certificazioni di cui al Cap. 3, to agevolato, il Soggetto Beneficiario trasmette a CDPTitolo 8, Punto 8; e, per le Regioni di cui alla Tabella 2, agli Enti Gestori 3. se richiesto dalla normativa vigente, certifi- Regionali copia conforme di tutte le autorizzazioni incato di collaudo dell’edificio o dell’unità immobiliare corso di validità necessarie all’esercizio delle opere ea seguito degli interventi; impianti relativi all’intervento oggetto della domanda d. per gli impianti connessi alla rete elettrica, di ammissione all’agevolazione. Sono fatte salve modi-oltre ai documenti di cui ai punti a) e b): fiche al regime autorizzativo avvenute nel corso del 1. copia della comunicazione con la quale il periodo intercorrente tra la stipula del contratto digestore di rete locale ha notificato al soggetto responsa- finanziamento agevolato e la richiesta di erogazionebile il codice identificativo del punto di connessione dell’ultima tranche del finanziamento agevolato.alla rete (codice POD, definito all’articolo 37, comma 4. Il Ministero dell’ambiente e le Regioni di cui alla37.1, della deliberazione n. 111/06); Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionali appositamen- 2. copia dei verbali di attivazione dei contato- te delegati) esaminano tutte le autorizzazioni previsteri di misura dell’energia prodotta e di connessione alla e la documentazione di cui al precedente Punto 1 erete elettrica; comunicano il proprio nulla osta all’erogazione del e. per la misura motori elettrici: saldo del finanziamento agevolato. 1. dichiarazione resa ai sensi del DPR 5. Per le “imprese soggette alla verifica antimafia”445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata è, inoltre, necessario il nulla osta circa la richiesta didegli originali o copia conforme delle fatture, con l’indi- informazioni “antimafia” inoltrata alla competente Pre-cazione della potenza e dei codici prodotto dei singoli fettura.motori, e di documentazione comprovante le spese 6. In caso di difformità o incongruenze il Ministeroeffettivamente sostenute per l’acquisto degli stessi; dell’ambiente e le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli 2. certificazione del produttore del motore di Enti Gestori Regionali appositamente delegati) noncui al Cap. 3, Titolo 7, Punto 4; rilasciano il proprio nulla osta all’erogazione del sal- 3. certificato di collaudo dei motori qualora do. In tali casi si procederà con le modalità di cui alsia richiesto dalla normativa vigente; precedente Titolo 11, Punto 6. f. per la misura ricerca: 7. CDP eroga le somme con accredito diretto sul 1. relazione finale del progetto corredata dei conto corrente del Soggetto Beneficiario e informa larisultati sperimentali della tecnologia oggetto di ricerca; Banca Aderente e il Soggetto Beneficiario dell’avvenuta 2. dichiarazione resa ai sensi del DPR erogazione con messaggio di posta elettronica agli indi-445/2000 (Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata rizzi forniti dal Soggetto Beneficiario all’atto dell’inseri-degli originali o copia conforme delle fatture relative mento della domanda di ammissione all’agevolazione.all’intervento e di documentazione comprovante lespese sostenute; Titolo 13 - Piano di ammortamento 3. relazione fotografica; 1. Il piano di ammortamento viene sviluppato ad 4. copia di eventuali brevetti derivati dal pro- ogni erogazione sull’importo dell’erogazione stessa egetto e/o articoli di ricerca pubblicati su riviste scienti- l’entrata di ammortamento sarà dal 01/07 o 01/01fiche nazionali ed internazionali; immediatamente successivi alla data di erogazione 5. documentazione attestante la creazione di come previsto dal Decreto Kyoto.eventuali spin-off atti a valorizzare i risultati della 2. La comunicazione del piano di ammortamento airicerca; Soggetti Beneficiari avviene a cura di CDP. g. per la misura gestione forestale sostenibile: 1. relazione finale del progetto nella quale sia Titolo 14 - Rate e riscossionichiaramente definito, ed identificabile, il beneficio in 1. La CDP provvede ad emettere gli avvisi di paga-termini di anidride carbonica stoccata nei suoli foresta- mento e ad incassare alle scadenze le rate del finanzia-li e nelle foreste a seguito dell’attuazione degli inter- mento agevolato.venti identificati; 2. dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 CAPITOLO 7 - Variazioni, controlli e recupero somme(Allegato f8) al Decreto Allegati) corredata degli origina-li o copia conforme delle fatture relative all’intervento e Titolo 1 - Variazioni di titolaritàdi documentazione comprovante le spese sostenute. 1. Non è consentito, pena revoca, al Soggetto Bene- 2. La Banca Aderente acquisisce i documenti pro- ficiario del finanziamento agevolato che ha sottoscrit-dotti dal Soggetto Beneficiario e invia tutta la docu- to il contratto di finanziamento, cedere il contratto, e/omentazione a CDP, la quale effettua un controllo di procedere ad atti comportanti una novazione soggetti-
  • 96. 98 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEva (passiva), quali accollo, espromissione e delegazio- Gestori Regionali, il Ministero dell’ambiente e le Re-ne. gioni emanano il rispettivo provvedimento di ammissio- 2. Sono ammesse le variazioni soggettive derivanti ne della variazione di titolarità. Tali provvedimentida: sono inoltrati a CDP e agli Enti Gestori Regionali che, a. atto tra vivi e altre variazioni di natura giuridi- comunicano, a mezzo “Raccomandata 1”, al Soggettoca quale, a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Beneficiario interessato l’avvenuto accoglimento dellatrasformazione societaria, la scissione e la fusione per richiesta nonché l’invito a presentare, nel termine di 30unione o incorporazione; giorni solari, alla Banca Aderente incaricata, la Fideius- b. atto mortis causa. In caso di soggetti privati e sione Bancaria, emessa in via esclusiva dalle Banchesocietà di persone dovrà essere comunicata con imme- Aderenti. La comunicazione è inoltre anticipata tramitediatezza da parte degli eredi del de cuius l’avvenuto e-mail agli indirizzi indicati all’atto dell’inserimentodecesso. In tali casi, per i soli finanziamenti in cui il della domanda di ammissione all’agevolazione.Soggetto Beneficiario è una “persona fisica” e fino 8. Laddove trattasi di “imprese soggette alla verifi-all’attribuzione definitiva del bene su cui insiste il ca antimafia”, il Ministero dell’ambiente o le Regionifinanziamento agevolato rispondono in solido gli eredi di cui alla Tabella 2 (e/o gli Enti Gestori Regionalientro l’asse ereditario. Resta inteso che per le società appositamente delegati), prima di emanare il provvedi-di persone l’obbligo del rimborso delle rate resta in mento, richiedono informazioni alla competente Prefet-testa alla Società. tura nelle modalità e nei termini di cui al Titolo 7 del 3. Il Soggetto Beneficiario, titolare del progetto am- precedente Capitolo 6.messo al finanziamento agevolato e controparte nel 9. In ogni caso, la variazione è condizionata allarelativo contratto di finanziamento, deve comunicare, a preventiva accettazione.mezzo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” conprova di consegna, alla CDP o agli Enti Gestori Regiona- Titolo 2 - Variazioni datili, qualsiasi variazione soggettiva intervenuta nella titola- 1. Il Soggetto Beneficiario, titolare del progetto am-rità del finanziamento agevolato motivandone la ragio- messo ai benefici erariali, è tenuto a comunicare a CDPne. o agli Enti Gestori Regionali tramite raccomandata 4. Nel caso di variazioni di cui alla lettera a) del A.R. o “Raccomandata 1” con prova di consegna,Punto 2, per le misure microcogenerazione diffusa, qualsiasi variazione intervenuta dopo l’invio della do-rinnovabili ed usi finali, colui che subentra quale manda di ammissione all’agevolazione nei dati riportatinuovo titolare del contratto di finanziamento deve nella stessa, quali a titolo esemplificativo e non esausti-essere un proprietario del bene immobile su cui insiste vo: residenza, sede, rappresentanza legale, composizio-l’intervento. ne degli organi di amministrazione, capitale sociale, 5. A tal fine alla richiesta dovranno essere allegati nome, ragione sociale, ecc., onde consentire le necessa-tutti i relativi documenti e/o atti attestanti e compro- rie e conseguenti modifiche e verifiche istruttorie.vanti la variazione e, nel caso specifico di cui al Punto4 la proprietà del bene. Inoltre, deve essere allegata Titolo 3 - Prorogheuna comunicazione in cui la Banca Aderente dichiara 1. Ai sensi di quanto disposto all’articolo 18, com-di aver ricevuto la richiesta di Fideiussione Bancaria e ma 3 del Decreto Kyoto, il Soggetto Beneficiario puòcomunica i dati relativi ai parametri di affidabilità proporre istanza di proroga del termine di fine lavori.economico-finanziaria. Tale proroga non può essere superiore ad ulteriori 180 6. Tale richiesta deve essere presentata, a mezzo giorni solari decorrenti dalla data di fine lavori prece-raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” con prova di dentemente prevista.consegna, alla CDP o agli Enti Gestori Regionali, 2. L’istanza di proroga deve essere trasmessa aanche qualora la variazione di titolarità intervenga nel CDP o agli Enti Gestori Regionali, tramite raccoman-lasso di tempo che intercorre tra la presentazione della data A.R. o “Raccomandata 1” con prova di consegna,domanda di ammissione all’agevolazione e la stipula debitamente sottoscritta e motivata nonché corredata,del contratto di finanziamento. se esistenti, dai precedenti stati di avanzamento dei 7. CDP e gli Enti Gestori Regionali verificano: la lavori, e deve pervenire entro l’originario termine diconformità dei valori dei parametri di affidabilità econo- fine lavori.mico-finanziaria comunicati dalla Banca Aderente; inol- 3. La risposta all’istanza viene comunicata, a mezzotre, acquisiscono la dichiarazione della Banca Aderente “Raccomandata 1”, al Soggetto Beneficiario entro 30attestante l’impegno al rilascio della Fideiussione Ban- giorni solari dal ricevimento della stessa:caria. In caso di esito negativo dell’istruttoria economi- a. dalla CDP, se preventivamente accordata, conco-finanziaria effettuata sul subentrante si procede alla proprio atto dal Ministero dell’ambiente, una voltarevoca dell’agevolazione. A seguito delle positive veri- effettuate le necessarie verifiche di carattere tecnico;fiche espletate a riguardo da parte di CDP o degli Enti b. dagli Enti Gestori Regionali, se preventiva-
  • 97. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 99DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEmente accordata dalle Regioni di cui alla Tabella 2 Direzione Generale dell’energia e delle risorse minera-con proprio atto dirigenziale, previa verifica di natura rie del Ministero dello sviluppo economico effettuanotecnica. controlli su un adeguato campione di Soggetti Benefi- La comunicazione è inoltre anticipata tramite e-mail ciari, per verificare la regolare esecuzione delle inizia-agli indirizzi indicati all’atto dell’inserimento della tive finanziate nonché la loro conformità al progettodomanda di ammissione all’agevolazione. presentato, incluse le eventuali varianti approvate; con- Decorso il citato termine di 30 giorni solari, la trollano, altresì, il rispetto dei tempi e delle modalitàproroga richiesta si intende accordata. degli investimenti ammessi. A tal fine, possono essere eseguiti sopralluoghi in corso d’opera e verifiche tecni- Titolo 4 - Varianti e aggiornamenti del cronopro- che nell’arco della realizzazione dell’investimento.gramma 2. Sarà opportunamente valutata, di caso in caso, la 1. Il Soggetto Beneficiario è tenuto a comunicare presenza di eventuali oneri a carico del Soggetto Bene-tempestivamente gli aggiornamenti relativi alla pianifi- ficiario, derivanti dalle spese vive sostenute dalle suin-cazione sequenziale e temporale delle attività, di cui dicate Direzioni Generali per l’esecuzione del sopral-all’articolo 18, comma 4 del Decreto Kyoto, intervenu- luogo di cui al precedente Punto 1. Tali oneri nonti nel rispetto dei termini di realizzazione dell’investi- potranno superare lo 0.50% del finanziamento agevola-mento fissati all’articolo 18, comma 2, del Decreto to concesso e comunque il rimborso delle spese viveKyoto. Tali aggiornamenti, devono essere inviati trami- non potrà superare il costo complessivo di euro 500,00.te raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” con prova 3. La Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile,di consegna a CDP o agli Enti Gestori Regionali. Resta il clima e l’energia del Ministero dell’ambiente e lainteso che tali modifiche debbono rispettare i termini Direzione Generale dell’energia e delle risorse minerarieoriginari di fine lavori o quelli eventualmente conse- del Ministero dello sviluppo economico, coadiuvate dalguenti alla concessione della proroga di cui al Titolo 3. Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale e dalla 2. Qualora si debba apportare una variante al proget- Guardia di Finanza, possono disporre ispezioni in locoto ammesso al finanziamento agevolato, il Soggetto al fine di verificare il corretto adempimento degli obbli-Beneficiario è tenuto in via preventiva ad inviare, a ghi derivanti dalla concessione del beneficio erariale.mezzo raccomandata A.R. o “Raccomandata 1” con 4. Per gli aspetti inerenti la tutela della spesa pubbli-prova di consegna, a CDP o agli Enti Gestori Regiona- ca, le citate Direzioni potranno richiedere la collabora-li, richiesta di variante debitamente sottoscritta, motiva- zione della Guardia di Finanza ai sensi del decretota e integrata da idonea documentazione giustificativa. legislativo n. 68/2001, le cui modalità saranno discipli- 3. CDP o gli Enti Gestori Regionali, a seguito delle nate con separato Protocollo d’intesa con il Comandopositive verifiche espletate a riguardo dal Ministero Generale del Corpo.dell’ambiente o dalle Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o 5. Le Regioni di cui alla Tabella 2 (e/o gli Entigli Enti Gestori Regionali appositamente delegati), Gestori Regionali appositamente delegati), per quantocomunicano, a mezzo “Raccomandata 1”, al Soggetto di propria competenza, svolgono attività di verifica eBeneficiario interessato l’avvenuto accoglimento della controllo secondo le modalità autonomamente stabiliterichiesta. La comunicazione è inoltre anticipata trami- dalle stesse.te e-mail agli indirizzi indicati all’atto dell’inserimen-to della domanda di ammissione all’agevolazione. Titolo 6 - Revoca 4. La variante non può in alcun modo comportare 1. La Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile,ulteriori oneri e non può essere oggetto di finanziamen-il clima e l’energia del Ministero dell’ambiente, ancheto agevolato integrativo. su proposta della CDP, o le Regioni di cui alla Tabella 5. I lavori relativi alla variante non possono essere 2, anche su proposta degli Enti Gestori Regionali, di-realizzati prima dell’avvenuta ricezione della comunica-spongono la revoca dell’agevolazione nei seguenti casi:zione di accettazione. In caso contrario non sono consi- - mancato rispetto degli adempimenti di legge oderati ammissibili i relativi costi sostenuti in data prece- di quelli disposti dal Decreto Kyoto e/o dalla presentedente alla comunicazione di accettazione della variante.Circolare; 6. Le varianti non devono in alcun modo comporta- - sostanziale difformità tra progetto presentatore un peggioramento delle caratteristiche energetiche per l’agevolazione e quello effettivamente realizzato;del progetto approvato e ammesso a finanziamento, se - cessazione dell’attività del Soggetto Beneficia-non in casi eccezionali e debitamente motivati. rio (ove trattasi di “impresa”); - fallimento, liquidazione coatta amministrativa o Titolo 5 - Verifiche, controlli e ispezioni assoggettamento ad altra procedura concorsuale (ove 1. Fermo restando le verifiche in precedenza citate, trattasi di “impresa”);la Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, il - agevolazioni concesse sulla base di dati, notizieclima e l’energia del Ministero dell’ambiente e la o dichiarazioni inesatti o reticenti;
  • 98. 100 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE - nel caso in cui i beni acquistati con l’intervento elencate nei precedenti titoli e nel Capitolo 6, procedonoagevolato siano alienati, ceduti o distratti prima che all’emanazione di un provvedimento di revoca, dispon-abbia termine quanto previsto dal progetto ammesso e gono altresì la restituzione delle somme già erogatecomunque prima della scadenza del finanziamento maggiorate degli interessi legali decorrenti dalla data diagevolato; erogazione di ciascuna tranche relativa al finanziamento - inosservanza accertata delle disposizioni fiscali, concesso e calcolate al netto delle somme eventualmen-previdenziali, contributive e di sicurezza sul lavoro te già rimborsate comprensive degli interessi e dell’im-rilevate nei 5 anni successivi alla conclusione dell’in- porto garantito dalla Fideiussione Bancaria escussa.tervento oggetto del finanziamento agevolato; - revoca o mancato ottenimento delle autorizza- Titolo 8 - Modalità di recupero delle sommezioni in corso di validità e concessioni necessarie alla 1. Equitalia è il soggetto deputato al recupero coatti-realizzazione dell’intervento oggetto di beneficio; vo delle somme già erogate, che avviene mediante - in qualunque altro caso in cui notizie o fatti ruolo ai sensi della disciplina prevista nel DPR 29circostanziati possano far ritenere che l’intervento og- settembre 1973, n. 602, nel decreto legislativo 26getto di agevolazione non venga realizzato ovvero che febbraio 1999, n. 46 e nel decreto legislativo 13 aprilela consistenza patrimoniale e finanziaria del Soggetto 1999, n. 112. A tal fine si procede all’iscrizione aBeneficiario non consenta per il futuro il soddisfaci- ruolo delle somme:mento delle obbligazioni assunte con la contrazione a. dovute a seguito dell’emanazione di un provve-del finanziamento agevolato dimento di revoca da parte del Ministero dell’ambien- - mancato pagamento di almeno due rate dovute te e delle Regioni di cui alla Tabella 2;ai sensi del relativo contratto di finanziamento. b. relative a rate di rimborso del finanziamento 2. Il mancato completamento delle opere nei termi- agevolato maggiorate dei relativi interessi di morani di realizzazione dell’investimento fissati all’articolo calcolati al tasso di interesse legale.18, comma 2, del Decreto Kyoto, comporta la revoca 2. Le somme di cui al Punto 1 incrementano ladel finanziamento e l’applicazione di quanto previsto dotazione del Fondo Kyoto e devono essere accredita-dal presente titolo. te nel conto corrente intestato al Ministero dell’ambien- 3. Per le “imprese” deve essere comunicata, da parte te articolo 1, comma 1115, legge n. 296/06 apertodel rappresentante legale, altresì a CDP o, a seconda dei presso la Tesoreria centrale.casi, agli Enti Gestori Regionali, la deliberazione dello 3. CDP cura le azioni prodromiche al recupero coat-stato di liquidazione, fallimento, o qualsiasi altra proce- tivo delle somme erogate. In particolare:dura concorsuale. I predetti soggetti provvedono, quin- (A) in caso di mancato pagamento di rate deldi, a trasmettere tali informazioni al Ministero dell’am- finanziamento:biente e alle Regioni di cui alla Tabella 2 per gli (i) laddove si verifichi il mancato pagamentoopportuni e conseguenti provvedimenti. anche di una sola rata del finanziamento, invia al 4. La Direzione Generale per lo sviluppo sostenibi- Soggetto Beneficiario, con copia alla Banca Aderentele, il clima e l’energia del Ministero dell’ambiente o le interessata, una diffida ad adempiere con termine nonRegioni di cui alla Tabella 2 emanano il provvedimen- inferiore a 15 giorni; eto di revoca. (ii) nel caso di mancato pagamento di almeno 5. Il provvedimento di revoca è trasmesso a CDP due rate, anche non consecutive, invia al Soggetto Bene-che provvede a notificarlo, a mezzo “Raccomandata ficiario diffida ad adempiere con conseguente decaden-1”, al Soggetto Beneficiario del finanziamento agevo- za dal beneficio del termine e/o risoluzione del e/olato e contestualmente alla risoluzione di diritto del recesso dal relativo contratto di finanziamento in caso dicontratto di finanziamento ed all’escussione della Fi- mancato pagamento nel termine indicato nella diffida, edeiussione Bancaria. relativa escussione della Fideiussione Bancaria; 6. Le amministrazioni preposte alla vigilanza sul (B) negli altri casi di decadenza dal beneficio delcorretto adempimento da parte dei soggetti interessati termine e/o risoluzione del e/o recesso dal relativo con-degli obblighi derivanti dall’ammissione al finanzia- tratto di finanziamento, diversi da quelli di cui allamento agevolato, sono tenute ad informare con imme- precedente lettera (A), ove il pagamento di quanto dovu-diatezza la Procura regionale competente della Corte to dal Soggetto Beneficiario non sia avvenuto nei termi-dei Conti di ogni ipotesi di danno erariale cagionato ni indicati nella relativa comunicazione di decadenza daldai Soggetti Beneficiari a cui è stato revocato il finan- beneficio del termine e/o di risoluzione e/o di recesso,ziamento nelle modalità di cui sopra. procede all’escussione della Fideiussione Bancaria; e (C) in caso di assoggettamento del relativo Sogget- Titolo 7 - Restituzione delle somme già erogate to Beneficiario a procedura concorsuale procede al- 1. Ogni qualvolta il Ministero dell’ambiente o le Re- l’escussione della Fideiussione Bancaria e all’eventua-gioni di cui alla Tabella 2, al verificarsi delle condizioni le insinuazione al passivo di concerto con la relativa
  • 99. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 101DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEBanca Aderente. alimentato all’impianto; a parziale sostituzione degli scarti vegetali è consentito l’utilizzo di prodotti agrico- ALLEGATO I - Criteri di valutazione aggiuntivi li dedicati per un quantitativo massimo pari al 30% in regionali peso della miscela finale in ingresso all’impianto; tra i prodotti agricoli dedicati, il mais, sotto qualsiasi for- 1. Criteri aggiuntivi - Regione Piemonte ma, non potrà comunque superare il 20% in peso della Le domande presentate dovranno, in ogni caso, miscela finale in ingresso all’impianto.garantire il rispetto delle prescrizioni minime riporta- Le produzioni agricole dedicate utilizzate nella mi-te, per ogni tipologia di intervento, negli allegati di cui scela devono soddisfare i seguenti requisiti:al Decreto Allegati e nella presente Circolare. a) essere reperite entro un raggio massimo di 70 km dall’impianto di utilizzo; a. Requisiti energetici ed emissivi riguardanti gli b) non richiedere, in ragione della relativa coltiva-impianti di produzione di energia elettrica e/o ter- zione, nuove concessioni di derivazione di acqua o lamica modifica di concessioni in essere. ● Impianti di microcogenerazione e cogenera- Fermo restando che, in ogni condizione di esercizio,zione (art. 6, comma 2, lettera a) e lettera d), punto la quota di refluo zootecnico deve essere pari almeno2.I) e 2.III) del Decreto Kyoto): sono ammissibili a al 50% in peso della miscela in ingresso, le percentualifinanziamento esclusivamente gli impianti che rispetta- di biomassa dedicata e scarti derivati da attività agrico-no i requisiti energetici ed emissivi di cui all’Allegato la e dal settore agroalimentare sono calcolate come1 alla d.g.r. 4 agosto 2009, n. 46-11968 (pubblicata sul valore medio annuo, dimostrato attraverso la redazio-Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 31 - ne e conservazione delle registrazioni dei materiali insupplemento ordinario n. 4 del 7 agosto 2009). ingresso al digestore anaerobico. Per quanto riguarda gli impianti di cogenerazione - garanzia, sia in sede di progettazione che in fasealimentati a biomassa solida, sono ammissibili a finanzia- di gestione, dell’effettiva e corretta collocazione delmento esclusivamente gli impianti che garantiscono un quantitativo complessivo di azoto in uscita dall’impiantorendimento totale medio annuo (riferito alla somma del- e che tale quantitativo non superi l’azoto contenuto neglil’energia elettrica e termica utile prodotta in relazione effluenti zootecnici in ingresso, evitando trasferimentiall’effettivo esercizio dell’impianto) non inferiore a 0,75. dello stesso in altre matrici ed in particolare in quella ● Impianti termici alimentati a Biomassa Vege- atmosferica fatta eccezione per il rilascio di azoto mole-tale Solida (pellets o cippato) di potenza nominale colare; tale obiettivo può essere raggiunto computando,termica compresa tra 50 e 450 kWt (art. 6, comma 2, in termini di riduzione, il quantitativo di azoto presentelettera b), punto 4 del Decreto Kyoto): sono ammissi- in eventuali prodotti o sottoprodotti dell’impianto aventibili a finanziamento esclusivamente gli impianti che caratteristiche chimico-fisiche tali da permetterne la com-rispettano, relativamente agli inquinanti PT (polveri mercializzazione o il trasporto, anche a notevole distan-totali) e NOx (ossidi di azoto), i requisiti minimi za, verso terreni agricoli richiedenti azoto sulla base diemissivi di cui alla sezione A o B dell’Allegato 2 alla un corretto bilanciamento dei fabbisogni delle colture.d.g.r. 4 agosto 2009, n. 46-11968. ● Biomassa Vegetale Solida (pellets o cippato) b. Requisiti relativi alle biomasse in ingresso agli utilizzata in impianti di produzione di energia termi-impianti di produzione di energia elettrica e/o ter- ca (art. 6, comma 2, lettera b), punto 4 del Decretomica Kyoto): sono ammissibili a finanziamento gli impianti ● Biogas: sono ammissibili a finanziamento alimentati con Biomassa Vegetale Solida (biomassa daesclusivamente gli impianti di microcogenerazione e scarti agricoli e biomassa forestale, nel rispetto dicogenerazione alimentati con Biogas da digestione quanto previsto dall’allegato X al decreto legislativoanaerobica di effluenti zootecnici e di scarti derivanti n. 152/2006 ss.mm.ii.) prodotta esclusivamente in por-da attività agricola e dal settore agro-alimentare, che zioni di territorio site entro un raggio di 70 km dall’im-rispettino le seguenti condizioni: pianto di utilizzo e, per una percentuale pari ad alme- - il Biogas deve provenire dalla digestione anaero- no il 70%, in porzioni di territorio site entro un raggiobica di sostanze organiche non costituite da rifiuti; di 50 km dall’impianto stesso. - approvvigionamento degli effluenti zootecnici e ● Biomassa Vegetale Solida utilizzata in impian-degli scarti vegetali di origine agricola o provenienti dal ti di microcogenerazione e cogenerazione (art. 6,settore agroalimentare da realizzarsi esclusivamente en- comma 2, lettera a) e lettera d), punto 2.I) e 2.III) deltro un raggio massimo di 50 km dall’impianto di utilizzo; Decreto Kyoto): sono ammissibili a finanziamento gli - sia nella fase di progettazione sia in quella di impianti alimentati con Biomassa Vegetale Solida (bio-gestione la quantità di scarti vegetali addizionata agli massa da scarti agricoli e biomassa forestale, neleffluenti zootecnici non deve superare il 50% in peso rispetto di quanto previsto dall’allegato X al decretodella quantità totale annua di materiale fermentabile legislativo n. 152/2006 ss.mm.ii.) prodotta esclusiva-
  • 100. 102 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEmente in porzioni di territorio site entro un raggio di duate come “Aree a elevata protezione” dall’articolo70 km dall’impianto di utilizzo. 23, lett. a), b) c) e d) del Piano di Tutela delle Acque, ● Biocombustibili Vegetali Liquidi: sono ammissi- nonché su aree soggette a vincolo paesaggistico di cuibili a finanziamento esclusivamente gli impianti di agli articoli 136 e 157 del decreto legislativo n.cogenerazione alimentati con Biocombustibili Vege- 42/2004, ovvero qualora comportino l’utilizzo di ac-tali Liquidi la cui filiera di produzione si sviluppi que di sorgente o impattino su cascate naturali.integralmente su porzioni di territorio comprese en- ● Impianti solari termici (art. 6, comma 2, lette-tro un raggio di 50 km dal sito di utilizzo. ra b) punto 3 del Decreto Kyoto): sono ammissibili a c. Requisiti relativi alle altre tipologie di inter- finanziamento esclusivamente gli impianti solari termi-vento ci aderenti o integrati nelle strutture edilizie. ● Impianti idroelettrici (art. 6, comma 2, lettera ● Interventi sull’involucro di edifici esistentib) punto 2 del Decreto Kyoto): sono ammissibili a (art. 6, comma 2, lettera d) punto 1 del Decretofinanziamento esclusivamente gli impianti che rispetta- Kyoto): sono ammissibili a finanziamento esclusiva-no i criteri per la valutazione dell’ammissibilità a finan- mente gli interventi che rispettano i valori di trasmit-ziamento di progetti di derivazione di acque pubbliche a tanza termica U, espressa in W/m2K, di cui alla seguen-scopo idroelettrico di cui alla d.g.r. 5 maggio 2008 n. te tabella:22-8733 (pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regio-ne Piemonte n. 20 del 15 maggio 2008) come modifica- strutture strutture opache finestreta dalla d.g.r. 23 febbraio 2009 n. 63-10873 (pubblicata zona orizzontali o inclinate opache comprensi-sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 09 climatica verticali coperture pavimenti ve di infissidel 05/03/2009), ovverosia interventi di: - efficientamento di impianti esistenti; 0,23* - E 0,25 0,23 1,4 0,27** - potenziamento di impianti esistenti nell’ambitodi un’azione di razionalizzazione dei prelievi idrici 0,23* - F 0,25 0,23 1,4all’interno dell’area idrografica; 0,26** - sfruttamento a fini di generazione elettrica delle * = verso l’esternoacque scorrenti nei canali irrigui nell’ambito dell’uso ** = verso locali non riscaldatiplurimo della risorsa idrica; - sfruttamento a fini di generazione elettrica dei ● Climatizzazione degli edifici da impianti geo-salti esistenti nelle reti acquedottistiche. termici a bassa entalpia (art. 6, comma 2, lettera d) Le predette tipologie d’intervento, ad eccezione del- punto 2.II del Decreto Kyoto): sono ammissibili al’efficientamento e del potenziamento di impianti esi- finanziamento esclusivamente gli interventi che garan-stenti nell’ambito di un’azione di razionalizzazione tiscono, per le pompe di calore, prestazioni migliorati-dei prelievi idrici, sono da considerarsi altresì inammis- ve rispetto ai requisiti minimi previsti all’Allegato 4sibili qualora insistano su porzioni di territorio indivi- alla d.g.r. 4 agosto 2009, n. 46-11968. Registrazione Tribunale di Avezzano n. 124 del 25 luglio 1996 REDAZIONE: Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano Alessandro Arona Amministrazione: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano a.arona@ilsole24ore.com Direzione, redazione: Piazza dell’Indipendenza, 23 B, C – 00185 Roma Tel. 0630227632 - Fax 0630227649 0630227602 Il Sole 24-Ore S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo periodico può essere riprodotta con mezzi grafici e meccanici quali la fotoriproduzione e la Massimo Frontera registrazione. Manoscritti e fotografie su qualsiasi supporto veicolati, anche se non m.frontera@ilsole24ore.com pubblicati, non si restituiscono. 0630227664 Servizio Clienti Periodici: Via Tiburtina Valeria (S.S. n. 5) km 68,700 - 67061 SETTIMANALE DI MERCATI & PROGETTI, Carsoli (AQ). Tel. 06 oppure 023022.5680 - Fax 063022.5400 oppure NORME, APPALTI Flavia Landolfi 023022.5400. Abbonamento annuale (Italia): Edilizia e Territorio (settimanale + CD-Rom Direttore responsabile: f.landolfi@ilsole24ore.com delle annate): euro 213,00; per conoscere le altre tipologie di abbonamento ed ELIA ZAMBONI 0630226440 eventuali offerte promozionali, contatti il Servizio Clienti (tel. 02.3022.5680 oppure 06.3022.5680; mail: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com). Coordinatore editoriale: Alessandro Lerbini Gli abbonamenti possono essere sottoscritti telefonando direttamente e inviando GIORGIO SANTILLI a.lerbini@ilsole24ore.com limporto tramite assegno non trasferibile intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A., oppure inviando la fotocopia della ricevuta del pagamento sul c.c.p. n. 31481203. La 0630227618 ricevuta di pagamento può essere inviata anche via fax allo 02.3022.5406 oppure edilizia@ilsole24ore.com allo 06.3022.5406. Bianca Lucia Mazzei Per abbonarsi via internet consultare il sito www.shopping24.it b.mazzei@ilsole24ore.com Arretrati e numeri singoli: 5,16 comprensive di spese di spedizione. I numeri non pervenuti potranno essere richiesti via fax al nr. 02-06/30225402; 0630227604 02-06/30225406 o via email a servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com entro due mesi dall’uscita del numero stesso. Mauro Salerno Pubblicità: Il Sole 24 ORE Editoria Specializzata srl – Via Goito 13 – 40126 m.salerno@ilsole24ore.com Bologna – Tel.: 051/65751 0630227659 Tariffe pubblicità: Tabloid: pagina intera b/n 4.110,00, colore 6.030,00; Junior Page b/n 2.470,00, colore 3.450,00; Mezza Pagina b/n 2.080,00, colore 3.020,00; Proprietario ed Editore: Il Sole 24-Ore S.p.A. Valeria Uva Fascicolo: seconda di copertina 7.670,00+Iva, terza di copertina 6.570,00+Iva; quarta di copertina 8.760,00+Iva; quartino centrale 11.370,00+Iva. Presidente: Giancarlo Cerutti v.uva@ilsole24ore.com Stampa: Il Sole 24-ORE S.p.A. - Via Tiburtina Valeria (S.S. n. 5) km 68,700 - 67061 Amministratore Delegato: Donatella Treu 0630227605 Carsoli
  • 101. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 103DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Nel decreto del 19 luglio 2011 la mappa delle regole per erogare i finanziamenti Un tassello importante del mosaico normativo rela- tivo ai finanziamenti a tasso agevolato legati al Fon- do Kyoto è costituito dal decreto dell’Ambiente del 19 luglio 2011. Essendo molto lungo è stato pubbli- cato in questo fascicolo, da solo. legge 15 gennaio 1994, n. 65; MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA Visto il Protocollo adottato il 10 dicembre 1997 a DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO Kyoto nel corso della Terza Conferenza delle Parti alla 19 LUGLIO 2011 Convenzione sui Cambiamenti Climatici secondo il qua- Modifica ed integrazione degli allegati del le i Paesi industrializzati si impegnano a ridurre, per il decreto 25 novembre 2008 di disciplina delle periodo 2008-2012, il totale delle emissioni di gas ad modalità di erogazione dei finanziamenti a effetto serra almeno del 5% rispetto ai livelli del 1990; tasso agevolato del Fondo rotativo[*]. Vista la decisione del Consiglio del 25 aprile 2002, 2002/358/CE, riguardante l’approvazione, a nome del- la Comunità Europea, del Protocollo di Kyoto allegato IL DIRETTORE GENERALE alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cam- PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE, IL CLIMA E L’ENERGIA biamenti Climatici, nel quale l’Italia si impegna alla Vista la legge 8 luglio 1986 n. 349 relativa all’istitu- riduzione delle proprie emissioni di gas serra nellazione del Ministero dell’ambiente e norme in materia misura del 6,5% rispetto ai livelli del 1990 entro ildi danno ambientale; periodo compreso fra il 2008 e il 2012; Vista la legge 17 luglio 2006, n. 233 di conversione Vista la decisione del Consiglio Europeo del 25del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181 contenente marzo 2004, con la quale è confermato l’impegno“Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attri- dell’Unione Europea per l’attuazione degli obblighi dibuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e riduzione stabiliti nell’ambito del Protocollo di Kyotodei Ministeri”, che modifica tra l’altro la denominazio- e nella successiva citata Decisione 2002/358/CE;ne del Ministero dell’ambiente in “Ministero dell’am- Visto il Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Com-biente e della tutela del territorio e del mare”; missione Europea del 15 dicembre 2006, relativo al- Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 l’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agliagosto 2009, n. 140 concernente il “Regolamento di aiuti d’importanza minore («de minimis»);organizzazione del Ministero dell’ambiente e della Vista la legge 1˚ giugno 2002, n. 120, con la quale iltutela del territorio e del mare”; predetto Protocollo di Kyoto è stato ratificato dallo Vista la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite Stato Italiano;sui Cambiamenti Climatici, fatta a New York nel 1992 Vista la delibera CIPE n. 123 del 19 dicembre 2002e successivamente ratificata dal Governo italiano con “Revisione delle Linee Guida per le politiche e misure[*] Pubblicato sul supplemento ordinario del Gazzetta Uffiale dell’8 agosto 2011, n. 183.
  • 102. 104 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEnazionali di riduzione delle emissioni dei gas ad effet- data 3 dicembre 2010 con n. 10 Fog. 28;to serra”; Vista la legge del 5 marzo 1990, n. 46, recante Vista la delibera CIPE n. 135 dell’11 dicembre 2007 norme per la sicurezza degli impianti e il decreto del“Aggiornamento della delibera CIPE n. 123/2002”; Presidente della Repubblica del 6 dicembre 1991, n. Visto l’art. 1, comma 1110, della legge 27 dicembre 447, recante il Regolamento di attuazione della legge2006, n. 296 che istituisce un Fondo Rotativo per il 5 marzo 1990, n. 46, e successive modificazioni;finanziamento delle misure finalizzate alla attuazione Visto il decreto del Presidente del Consiglio deidel Protocollo di Kyoto alla Convenzione quadro delle Ministri del 1˚ marzo 1991 recante i limiti massimi diNazioni Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyo- esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell’to l’11 dicembre 1997; ambiente esterno; Visto il comma 1111 del richiamato art. 1, che Vista la legge del 23 agosto 2004, n. 239, didemanda al Ministro dell’ambiente e della tutela del “Riordino del settore energetico, nonché delega alterritorio e del mare, di concerto con il Ministro dello Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti insviluppo economico, sentita la Conferenza unificata di materia di energia”;cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n.1997, n. 281, l’individuazione delle modalità per l’ero- 387, recante “Attuazione della direttiva 2001/77/CEgazione di finanziamenti a tasso agevolato in favore di relativa alla promozione dell’energia elettrica prodottasoggetti pubblici o privati; mentre è demandata al da fonti energetiche rinnovabili nel mercato internoMinistro dell’economia e delle finanze, l’individuazio- dell’elettricità”;ne del citato tasso di interesse da applicare; Visto il decreto legislativo del 3 aprile 2006, n. 152 Visti che i successivi commi da 1112 a 1114 della recante “norme in materia ambientale” e successivilegge 27 dicembre 2006, n. 296 hanno individuato le aggiornamenti;misure da finanziare prioritariamente per il triennio Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192,2007-2009 e destinato al Fondo Kyoto, nel medesimo recante attuazione della direttiva 2002/91/CE relativatriennio, la somma di 200 milioni di euro all’anno e, in al rendimento energetico nell’edilizia, e successiveeventuale aggiunta, le risorse di cui all’art. 2, comma modifiche ed integrazioni;3, della legge 2 giugno 2002, n. 120, prescrivendo che Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2006, n.le rate di rimborso dei finanziamenti agevolati siano 311, recante “Disposizioni correttive ed integrative aldestinate all’incremento delle risorse a disposizione decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recantedel Fondo Kyoto stesso; attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendi- Visto il comma 1115 della legge 27 dicembre 2006, mento energetico nell’edilizia”;n. 296 che, nell’istituire il Fondo Kyoto presso la Visto il decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20Cassa depositi e prestiti S.p.A. (nel seguito: CDP recante “Attuazione della Direttiva 2004/8/CE sullaS.p.A.), rimanda ad apposita convenzione per la defini- promozione della cogenerazione basata su una doman-zione delle modalità di gestione, dando facoltà alla da di calore utile nel mercato interno dell’energia,stessa CDP S.p.A. di avvalersi per l’istruttoria, l’eroga- nonché modifica alla direttiva 97/42/CEE” e successi-zione e per tutti gli atti connessi alla gestione dei ve modifiche ed integrazioni;finanziamenti agevolati di uno o più istituti di credito, Visto il decreto 19 febbraio 2007 recante “Criteri escelti sulla base di gare pubbliche in modo da assicura- modalità per incentivare la produzione di energia elet-re una omogenea e diffusa copertura territoriale; trica mediante conversione fotovoltaica della fonte Visto il decreto interministeriale del 25 novembre solare, in attuazione dell’art. 7 del decreto legislativo2008 che disciplina, ai sensi dell’art. 1, comma 1111, 29 dicembre 2003, n. 387”;della legge n. 296 del 2006, le modalità di erogazione Visto il decreto 2 marzo 2009 con il quale si èdei finanziamenti a tasso agevolato da erogarsi attra- provveduto ad integrare il citato decreto ministerialeverso il Fondo Rotativo; 19 febbraio 2007; Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle Visto il decreto 6 agosto 2010 recantefinanze del 17 novembre 2009 che individua, ai sensi “Incentivazione della produzione di energia elettricadell’art. 1, comma 1111, della legge n. 296 del 2006, il mediante conversione fotovoltaica della fonte solare”;tasso di interesse da applicare ai finanziamenti agevola- Visto il decreto 5 maggio 2011 recante “criteri perti da concedersi a valere sulle risorse del Fondo Rotati- incentivare la produzione di energia elettrica da im-vo; pianti solari fotovoltaici e lo sviluppo di tecnologie Visto che, per quanto concerne il secondo e terzo innovative per la conversione fotovoltaica”;ciclo di programmazione, relativo, il 18 ottobre 2010, Visto il decreto dell’11 marzo 2008 “Attuazioneè stato firmato dai Ministri concertanti il relativo dell’art. 1, comma 24, lettera a), della legge 24 dicem-decreto attuativo che ha, peraltro, ottenuto le prescritte bre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite diregistrazioni di legge, presso la Corte dei Conti, in fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza
  • 103. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 105DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEtermica ai fini dell’applicazione dei commi 344 e 345 c4) Termico Biomassedell’art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296” e c5) Solare termicosuccessive modifiche ed integrazioni; c6) Efficienza usi finali Visto il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 per c7) Fotovoltaicol’attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozio- d) Tabella voci di costi unitari massimi ammissibiline dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante e) Tabella costi ammissibilimodifica e successiva abrogazione delle direttive f) Modelli di Dichiarazioni rese ai sensi del decre-2001/77/CE e 2003/30/CE; to del Presidente della Repubblica n. 445/2000: Visto che, come previsto nell’art. 27, comma 2, del f1) Dichiarazioni Persona Fisica:richiamato decreto interministeriale del 25 novembre dichiarazione di “nuovo investimento”2008, gli allegati al citato decreto ed elencati nel dichiarazione in merito alle autorizzazioni necessa-comma 1 dello stesso art. 27 possono essere modificati rie alla costruzione e installazione delle opere relativeo integrati con decreto del Ministero dell’ambiente e all’intervento dichiarazione in merito alle autorizzazio-della tutela del territorio e del mare; ni necessarie per l’esercizio delle opere relative all’in- Tenuto conto delle innovazioni normative intercorse terventonel lasso di tempo decorrente dalla emanazione del f2) Dichiarazioni imprese:decreto interministeriale 25 novembre 2008 nonché dichiarazione di “nuovo investimento”degli approfondimenti intervenuti con la Cassa Deposi- dichiarazione attestante il rispetto del “de minimis”ti e Prestiti SpA oltre che con le Regioni nella fase di dichiarazione attestante la regolarità dei versamentidefinizione della Circolare esplicativa di cui all’art. 2 dei contributi previdenziali e assistenziali presso ilettera s) del citato Decreto; competenti istituti Ritenuto di poter modificare ed integrare gli allegati dichiarazione in merito alle autorizzazioni necessa-in questione in vista della prossima emanazione della rie alla costruzione e installazione delle opere relativecitata Circolare e quindi dell’avvio operativo del Fon- all’intervento dichiarazione in merito alle autorizzazio-do Rotativo per Kyoto; ni necessarie per l’esercizio delle opere relative all’in- tervento Decreta: f3) Dichiarazioni Persona Giuridica Privata: dichiarazione di “nuovo investimento” Articolo 1 dichiarazione attestante la regolarità dei versamenti Per le suesposte finalità, con il presente provvedi- dei contributi previdenziali e assistenziali presso imento, si intendono modificati ed integrati gli allegati competenti istituti dichiarazione in merito alle autoriz-di cui all’art. 27, comma 1, del decreto interministeria- zazioni necessarie alla costruzione e installazione del-le 25 novembre 2008. le opere relative all’intervento dichiarazione in merito alle autorizzazioni necessarie per l’esercizio delle ope- Articolo 2 re relative all’intervento Gli allegati e le disposizioni ivi contenute, composti f4) Dichiarazione Condominii:da: dichiarazione di “nuovo investimento” a) Moduli di domanda di ammissione all’agevola- dichiarazione in merito alle autorizzazioni necessa-zione: rie alla costruzione e installazione delle opere relative a1) Persone fisiche all’intervento dichiarazione in merito alle autorizzazio- a2) Imprese ni necessarie per l’esercizio delle opere relative all’in- a3) Persone giuridiche tervento a4) Condominii IN PRESENZA DI UNA COMUNIONE: a5) Soggetti pubblici nel caso in cui uno o più partecipanti alla comunio- a6) Comproprietà tra soggetti di diversa natura ne siano una “impresa”:giuridica dichiarazione attestante il rispetto del “de minimis” b) Parametri e dichiarazioni relativi all’affidabili- nel caso in cui uno o più partecipanti alla comunionetà economico-finanziaria: siano una “impresa” o “persona giuridica privata”: b1) Persone fisiche dichiarazione attestante la regolarità dei versamenti b2) Imprese dei contributi previdenziali e assistenziali presso i b3) Persone giuridiche private competenti istituti b4) Condominii f5) Dichiarazioni Soggetti pubblici: c) Prescrizioni minime per misura: dichiarazione di “nuovo investimento” c1) Microcogenerazione dichiarazione in merito alle autorizzazioni necessa- c2) Eolico rie alla costruzione e installazione delle opere relative c3) Mini-idroelettrico all’intervento dichiarazione in merito alle autorizzazio-
  • 104. 106 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEni necessarie per l’esercizio delle opere relative all’in-tervento f6) Dichiarazioni Comproprietà tra soggetti didiversa natura giuridica: dichiarazione di “nuovo investimento” dichiarazione delle autorizzazioni necessarie allacostruzione e installazione delle opere relative all’inter-vento dichiarazione delle autorizzazioni necessarie perl’esercizio delle opere relative all’intervento dichiarazione attestante il rispetto del “de minimis” dichiarazione attestante la regolarità dei versamentidei contributi previdenziali e assistenziali presso icompetenti istituti f7) Dichiarazione attestante la regolarità fiscale f8) Dichiarazione relativa ai pagamenti effettuati g) Certificazione di conferma identificazione eadeguata verifica h) Tabella per l’accesso ai benefici previsti per lamisura “motori elettrici” fanno parte integrante del presente decreto e sostitui-scono integralmente gli allegati di cui all’art. 27,comma 1, del decreto interministeriale 25 novembre2008. Articolo 3 Il presente decreto entra in vigore il giorno successi-vo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficialedella Repubblica italiana.
  • 105. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 107DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 106. 108 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 107. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 109DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 108. 110 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 109. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 111DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 110. 112 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 111. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 113DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 112. 114 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 113. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 115DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 114. 116 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 115. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 117DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 116. 118 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 117. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 119DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 118. 120 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 119. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 121DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 120. 122 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 121. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 123DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 122. 124 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 123. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 125DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 124. 126 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 125. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 127DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 126. 128 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 127. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 129DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 128. 130 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 129. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 131DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 130. 132 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 131. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 133DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 132. 134 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 133. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 135DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 134. 136 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 135. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 137DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 136. 138 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 137. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 139DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 138. 140 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 139. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 141DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 140. 142 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 141. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 143DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 142. 144 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 143. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 145DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 144. 146 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 145. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 147DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 146. 148 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 147. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 149DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 148. 150 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 149. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 151DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 150. 152 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 151. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 153DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 152. 154 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 153. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 155DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 154. 156 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 155. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 157DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 156. 158 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 157. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 159DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 158. 160 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 159. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 161DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 160. 162 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 161. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 163DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 162. 164 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 163. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 165DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 164. 166 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 165. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 167DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 166. 168 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 167. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 169DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 168. 170 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 169. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 171DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 170. 172 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 171. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 173DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 172. 174 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 173. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 175DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 174. 176 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 175. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 177DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 176. 178 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 177. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 179DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 178. 180 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 179. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 181DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 180. 182 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 181. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 183DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 182. 184 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 183. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 185DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 184. 186 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 185. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 187DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 186. 188 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 187. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 189DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDECOMUNICAZIONE DEI PARAMETRI DI AFFIDABILITÀ CN > CIprog / 2ECONOMICOFINANZIARIA DEI CONDOMINII b) rapporto tra oneri finanziari netti annui e fatturato annuo 1. Ai fini dell’ammissibilità agli interventi del OF/F < 5%Decreto del 25/11/2008, per ciascun condomino/ Tali parametri devono, inoltre, risultare rispettatipartecipante alla comunione, la rata (su base men- anche nel caso di più finanziamenti richiesti da unsile) del prestito agevolato richiesto non deve esse- medesimo Soggetto beneficiario sulle diverse misurere superiore al 30% del reddito netto medio mensi- o, per le ESCo, eventualmente anche sulla stessale: misura e sarà verificato da CDP S.p.A. in sede di a. del nucleo familiare, definibile tale ai fini fiscali, istruttoria della domanda.comprovato dalla presentazione alla Banca della di- 2. Qualora all’atto della presentazione della doman-chiarazione ISEE o da autocertificazione ai sensi del da di agevolazione i dati ufficiali dell’ultimo bilan-DPR n.445/2000 e che risiede nell’immobile, le cui cio siano modificati in virtù dell’approvazione diparti comuni sono oggetto dell’intervento, e di cui un specifiche operazioni (es.: aumento di capitale), lacomponente sia condomino o partecipante alla comu- comunicazione della rispondenza dei dati stessi ainione e parametri di cui alle disposizioni precedenti dovrà b. del condomino o partecipante alla comunione che tenerne conto.non risiede nell’immobile, le cui parti comuni sono 3. Per le imprese non tenute al deposito dei bilancioggetto dell’intervento, e del comproprietario non fa- presso il Registro delle Imprese, il bilancio cui farecente parte del nucleo familiare. riferimento è lo Schema di bilancio conforme alla IV Tale parametro deve, inoltre, risultare rispettato an- Direttiva CEE relativo ad ognuno degli ultimi dueche nel caso di più finanziamenti richiesti da un esercizi chiusi al 31/12 degli anni precedenti a quellomedesimo Soggetto beneficiario sulle diverse misure e di presentazione della domanda.sarà verificato da CDP S.p.A. in sede di istruttoria 4. In caso di comproprietà tra soggetti di diversadella domanda. natura giuridica i parametri di affidabilità economico- 2. Il reddito netto nei due anni precedenti quello finanziaria devono essere comunicati per ciascun com-di presentazione della domanda si desume dai reddi- proprietario siano essi persone fisiche o persone giuri-ti risultanti, per i lavoratori dipendenti, dal riqua- diche private o imprese (cfr. Allegati B1), B2) e B3)dro “reddito netto” del modello CUD (in alternati- del presente Decreto).va, dal mod. 730 o “Unico”) e, per i lavoratoriautonomi o liberi professionisti, dal riquadro IN CASO DI PERSONE GIURIDICHE PRIVATE COMPROPRIETA-“reddito netto” del modello “Unico” presentati alla RIE: COMUNICAZIONE DEI PARAMETRI DI AFFIDABILITA’Banca. ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE PERSONE GIURIDICHE 3. Si è in presenza di una comunione da un minimo PRIVATEdi 2 a un massimo di 4 unità immobiliari non costituite 1. Ai fini dell’ammissibilità agli interventi del De-in condominio. creto del 25/11/2008, deve essere comunicata, per 4. In caso di comproprietà tra soggetti di diversa ciascuno degli ultimi due bilanci, la congruenza fra ilnatura giuridica i parametri di affidabilità economico- capitale netto e il costo dell’investimento complessivofinanziaria devono essere comunicati per ciascun com- del progetto come definito nel Decreto delproprietario siano essi persone fisiche o persone giuri- 25/11/2008:diche private o imprese (cfr. Allegati B1), B2) e B3) CN > CIprog / 2del presente Decreto). Tale parametro deve, inoltre, risultare rispettato an- 5. Ai fini della comunicazione deve essere utilizzato che nel caso di più finanziamenti richiesti da unlo schema ufficiale predisposto dal Ministero dell’am- medesimo Soggetto beneficiario sulle diverse misure ebiente e della tutela del territorio e del mare e pubblica- sarà verificato da CDP S.p.A. in sede di istruttoriato con decreto. della domanda. 2. Il capitale netto deve risultare dai bilanci certifica-IN CASO DI IMPRESE COMPROPRIETARIE: COMUNICAZIONE ti da un revisore contabile iscritto nel Registro deiDEI PARAMETRI DI AFFIDABILITÀ ECONOMICO-FINANZIARIA Revisori Contabili istituito presso il Ministero dellaDELL’IMPRESA Giustizia. 1. Ai fini dell’ammissibilità agli interventi del De- 3. In caso di comproprietà tra soggetti di diversacreto del 25/11/2008, devono essere comunicati, per natura giuridica i parametri di affidabilità economico-ciascuno degli ultimi due bilanci, i seguenti parametri: finanziaria devono essere comunicati per ciascun com- a) congruenza tra capitale netto e costo dell’investi- proprietario siano essi persone fisiche o persone giuri-mento complessivo del progetto come definito nel diche private o imprese (cfr. Allegati B1), B2) e B3)Decreto del 25/11/2008 del presente Decreto).
  • 188. 190 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE ALLEGATO C Per il gas di gassificazione utilizzato nei motori a Allegato c1 combustione interna e nelle turbine a gas il limite di emissione è assimilato a quello indicato per il biogas. PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LA 4 NORMATIVA DI RIFERIMENTO REALIZZAZIONE E L’ESERCIZIO DI IMPIANTI DI Delibera AEEG n. 91/07 Avvio di procedimento ai MICROCOGENERAZIONE DIFFUSA fini dell’attuazione del decreto legislativo n. 20/07 in materia di cogenerazione ad alto rendimento. 1 CARATTERISTICHE Delibera AEEG n. 89/07 Condizioni tecnico-econo- I progetti di microcogenerazione diffusa devono miche per la connessione di impianti di produzione diessere progetti a rapida cantierabilità aventi per ogget- energia elettrica alla rete elettrica con obblighi dito impianti di nuova costruzione. connessione di terzi a tensione nominale minore o L’impianto, composto da uno o più moduli di micro- uguale ad 1kV.cogenerazione, deve avere una potenza nominale com- a. UNI/CTI 8887:1987 Sistemi per processi di coge-plessiva non superiore a 50 kWe e deve produrre nerazione. Definizioni e classificazioneelettricità e calore o elettricità, calore e freddo, que- b. UNI/CTI 8888:1988 Gruppi per la produzionest’ultimo prodotto utilizzando macchine frigorifere ali- combinata di energia elettrica e calore azionati damentate con l’energia termica utile prodotta dal micro- motori alternativi a combustione interna. Metodi dicogeneratore. prova in laboratorio Fatto salvo quanto previsto, in senso più performan- c. UNI/CTI 9927:1992 Gruppi per la produzionete, dalle normative regionali, i microcogeneratori, ali- combinata di energia elettrica e calore azionati damentati da gas naturale, biomassa vegetale solida (per motori alternativi a combustione interna. Metodi dicombustione diretta, gassificazione o pirolisi), biocom- prova in campo.bustibili vegetali liquidi, biogas o in co-combustione Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet-(ibrido) gas naturale-biomassa (biomassa vegetale soli- trica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del-da, biocombustibili vegetali liquidi e biogas), devono l’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte-essere ad alto rendimento e basati sulla domanda di grato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo-calore utile e sul risparmio di energia primaria, in miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successiveaccordo a quanto previsto dal Decreto Legislativo 8 modifiche ed integrazioni.febbraio 2007, n. 20 recante “Attuazione della Diretti- Per gli impianti connessi alla rete elettrica si applica-va 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione no le disposizioni di cui alla Delibera 99/08 delbasata su una domanda di calore utile nel mercato 23/07/2008 dell’Autorità per l’energia elettrica ed ilinterno dell’energia, nonché modifica alla direttiva gas relativa al “Testo integrato delle condizioni tecni-97/42/CEE” e successive modifiche ed integrazioni. che ed economiche per la connessione alle reti elettri- 2 TIPOLOGIE DI BIOMASSE AMMESSE che con obbligo di connessione di terzi degli impianti La biomassa vegetale solida, i biocombustibili vege- di produzione di energia elettrica (Testo integratotali liquidi ed il biogas devono ricadere fra quelli delle connessioni attive – TICA)” che regola le condi-ammissibili ai sensi dell’allegato X alla parte quinta zioni tecnico economiche per la connessione alle retidel D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 recante “norme in elettriche con obbligo di connessione di terzi deglimateria ambientale” e successivi aggiornamenti. impianti di produzione di energia elettrica (si veda All’atto di presentazione della domanda, il beneficia- www.autorita.energia.it).rio del contributo fornirà un elenco informativo dei NORME INTERNAZIONALIfornitori di biomassa vegetale solida o di biocombusti- CEN/WS 014 Manual for CWA Manual for Calcula-bile vegetale liquido rispettanti le prescrizioni anzidet- ting Combined Heat and Power (CHP).te, specificando, tra l’altro, nominativo delle ditte e CWA45547:2004 Manual for determination of Com-localizzazione dei siti di produzione della biomassa bined Heat and Power (CHP)solida o del biocombustibile liquido. CWA 14642:2003 CEN Workshop Agreement 3 VALORI LIMITE DI EMISSIONE (CWA) - Electrical interface for domestic cogenera- Fatto salvo quanto previsto, in senso più restrittivo, tion – Requirements for distribution network connec-dalle normative Regionali in materia di tutela dell’aria tion for micro cogeneration systems for domestic usee di riduzione delle emissioni in atmosfera, i microco- up to 16 A per phase in low-voltage distributiongeneratori devono presentare, a seconda delle pertinen- networks (230/400 V)ti tipologie di impianto, emissioni compatibili con i In relazione all’evoluzione della normativa tecnicalimiti fissati dall’allegato I, Parte III e dall’allegato IX, in materia, a cui è necessario fare riferimento, siParte III, alla Parte Quinta del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. informa che sul sito internet www.cti2000.it del Comi-152 recante “norme in materia ambientale”e successi- tato Termotecnico Italiano è disponibile l’elenco ag-vi aggiornamenti. giornato della normativa tecnica nazionale (UNI) ed
  • 189. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 191DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEeuropea (CEN) in materia di cogenerazione. CEI EN 60439-1-2-3: Apparecchiature assiemate di protezione e manovra per bassa tensione; Allegato c2 CEI EN 60445: Individuazione dei morsetti e degli apparecchi e delle estremità dei conduttori designati e PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LA regole generali per un sistema alfanumerico; REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA CEI EN 60529: Gradi di protezione degli involucri RETE ELETTRICA DI POTENZA NOMINALE (P) (codice IP); COMPRESA TRA 1 kWp e 200 kWp CEI EN 60099-1-2: Scaricatori; CEI 20-19: Cavi isolati con gomma con tensione SCOPO nominale non superiore a 450/750 V; Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro conindicazioni di massima e di normativa da rispettare per la tensione nominale non superiore a 450/750 V;realizzazione di impianti eolici di nuova costruzione di CEI 81-1: Protezione delle strutture contro i fulmini;potenza nominale compresa tra 1 kWp e 200 kWp, colle- CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a terragati alla rete elettrica o a piccole reti isolate. Il presente per anno e per chilometro quadrato;documento, pertanto, non è esaustivo ai fini di un even- CEI 81-4: Valutazione del rischio dovuto al fulmine;tuale affidamento delle opere di fornitura, installazione e CEI 0-2: Guida per la definizione della documenta-collegamento alla rete degli impianti in oggetto. zione di progetto per impianti elettrici; 1. DEFINIZIONI CEI 0-3: Guida per la compilazione della documen- a. una turbina eolica o aerogeneratore è un sistema tazione per la legge n. 46/1990;di produzione di energia elettrica mediante conversio- DPR 547/55 e il D.Lgs. 626/94 e successive modifi-ne dell’energia cinetica del vento in energia elettrica; cazioni, per la sicurezza e la prevenzione degli infortu- b. un impianto eolico è l’insieme di uno o più ni sul lavoro;aerogeneratori con unico punto di connessione alla Legge 46/90 e DPR 447/91 (regolamento di attuazio-rete elettrica; ne della legge 46/90) e successive modificazioni, per c. la potenza nominale (o massima, o di picco, o di la sicurezza elettrica;targa) dell’aerogeneratore è il valore di potenza indica- Decreto Legislativo. n. 387/2003;to dal costruttore per un determinato valore della Legge n. 239/2004;velocità del vento; Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gas d. la potenza nominale dell’impianto eolico è la n. 34/05;somma aritmetica delle potenze nominali di targa dei Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gassingoli aerogeneratori; n. 88/07; e. il gruppo inverter è l’apparecchiatura elettronica Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gasche converte la corrente alternata (fornita dal generato- n. 89/07.re elettrico della turbina) in corrente alternata per la Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet-connessione alla rete, con circuito intermedio in cor- trica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del-rente continua. l’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte- 2. NORMATIVA E LEGGI DI RIFERIMENTO grato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo- La normativa e le leggi di riferimento da rispettare miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successiveper la progettazione e realizzazione degli impianti modifiche ed integrazioni.eolici sono: Per la connessione degli impianti alla rete elettrica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione si applica quanto prescritto nella Deliberazione n.nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata 99/08 (Testi Integrato delle Connessioni Attive) del-e a 1500 V in corrente continua; l’Autorità per l’energia elettrica e il gas e successive CEI 11-20: Impianti di produzione di energia elettri- modifiche e integrazioni. Si applicano inoltre, perca e gruppi di continuità collegati a reti di I e II quanto compatibili con le norme sopra citate, i docu-categoria; menti tecnici emanati dai gestori di rete. CEI EN 61400-1: Sistemi di generazione a turbina Gli impianti eolici e i relativi componenti, oltre aeolica; dover essere conformi alle norme sopra richiamate, CEI EN 61000-3-2: Compatibilità elettromagnetica devono essere realizzati con componenti di nuova costru-(EMC) - Parte 3: Limiti Sezione 2: Limiti per le zione o comunque non già impiegati in altri impianti.emissioni di corrente armonica (apparecchiature con I riferimenti di cui sopra possono non essere esausti-corrente di ingresso = 16 A per fase); vi. Ulteriori disposizioni di legge, norme e deliberazio- CEI EN 60555-1: Disturbi nelle reti di alimentazio- ni in materia, purché vigenti al momento della pubbli-ne prodotti da apparecchi elettrodomestici e da equi- cazione della presente specifica, anche se non espressa-paggiamenti elettrici simili - Parte 1: Definizioni; mente richiamate, si considerano applicabili.
  • 190. 192 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Qualora le sopra elencate norme tecniche siano modi- sostegno.ficate o aggiornate, si applicano le norme più recenti. Il dimensionamento deve essere conforme alle se- Si applicano inoltre, per quanto compatibili con le guenti norme e successive modifiche ed integrazioni:norme sopra elencate, i documenti tecnici emanati ● D.M. LL.PP. 09/01/1996 (G.U. 05/02/1996 n. 29dalle società di distribuzione di energia elettrica ripor- suppl. ord. n. 19)tanti disposizioni applicative per la connessione di (Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed ilimpianti eolici collegati alla rete elettrica. collaudo delle strutture in cemento armato, normale e 3. DIMENSIONAMENTO, PRESTAZIONI E precompresso e per le strutture metalliche)GARANZIE ● D.M. LL.PP. 16/01/1996 (G.U. 05/02/1996 n. 29 L’impianto eolico deve essere costituito da una o suppl. ord. n. 19)più turbine di piccola taglia, con una potenza unitaria (Norme relative ai “Criteri generali per la verifica dinon inferiore a 0,5 kWp, e una potenza complessiva sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”)installata compresa tra 1 kWp e 200 kWp. ● Circ. del Ministero dei LL.PP. 04/07/1996 n. La quantità di energia elettrica producibile deve 156AA.GG./STC. (G.U. 16/09/1996 n. 151)tener conto: (a) della curva di potenza elettrica di ogni (Istruzioni per l’applicazione delle “Norme tecnichesingola turbina al netto delle perdite e (b) delle analisi relative ai criteri generali per la verifica di sicurezzaanemologiche riportate dall’atlante eolico dell’Italia, delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi” di cui alrealizzato dal CESI e dall’Università degli studi di decreto ministeriale del 16/01/1996).Genova, novembre 2002. Laddove sia prevista la realizzazione di cavidotti Le pale costituenti il rotore devono presentare profi- interrati, questi dovranno essere posti ad una profondi-li alari, adatti ad ottimizzare le prestazioni in un tà di almeno 0,5 metri, per il collegamento elettrico traregime aerodinamico a bassi numeri di Reynolds (Re le turbine installate e il punto di consegna.< 106). L’immissione in rete deve essere conforme alle Ciascuna turbina deve essere corredata da Inverter Norme CEI 11-20 (ed. agosto 2000) e CEI 11-20; V1AC/DC/AC, con circuito intermedio in corrente conti- (ed. agosto 2004), in particolare le protezioni di inter-nua per disaccoppiare i valori di tensione e di frequen- faccia tra la rete e l’impianto eolico possono essereza a monte e a valle, permettere un controllo della integrate nel sistema di controllo dell’inverter.turbina a frequenza variabile e quindi ottimizzare leprestazioni aerodinamiche del rotore eolico. Allegato c3 La turbina, per evitare la sovravelocità, deve esserecompleta di sistemi di sicurezza tali da intervenire PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LAdirettamente sul rotore eolico in caso di emergenza. REALIZZAZIONE DI IMPIANTI IDROELETTRICI La turbina deve essere garantita esente da difetti CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI POTENZAd’origine e fabbricazione per un periodo di ventiquat- NOMINALE (P) COMPRESA TRA 1 kWp E 200 kWptro mesi dalla data di collaudo dell’impianto. Un impianto eolico costituto da più aerogeneratori SCOPOdeve avere un unico punto di connessione. Lo scopo della presente specifica è quello di fornire 4. CARATTERISTICHE DI MASSIMA DEL- le indicazioni di massima e di normativa da rispettareL’IMPIANTO per la realizzazione di impianti idroelettrici di nuova La distanza tra due turbine contigue non può essere costruzione di potenza nominale compresa tra 1 kWp einferiore a 3 volte il diametro del rotore. 200 kWp, collegati alla rete elettrica o a piccole reti Ogni aerogeneratore deve essere installato su soste- isolate. Il presente documento, pertanto, non è esausti-gni metallici tubolari. vo ai fini di un eventuale affidamento delle opere di La torre di sostegno deve essere dimensionata in fornitura, installazione e collegamento alla rete deglibase alle sollecitazioni trasmesse dalla turbina e dal- impianti in oggetto.l’azione del vento. 1. DEFINIZIONI Ai fini della stabilità, il sostegno deve essere ancora- a. un gruppo idroelettrico è un sistema di produzio-to al terreno mediante la realizzazione in opera di un ne di energia elettrica mediante conversione dell’ener-plinto in conglomerato cementizio armato. gia potenziale connessa ad un salto d’acqua in energia Per collocazioni differenti dal terreno, il sostegno elettrica mediante l’accoppiamento d’una turbinadovrà essere opportunamente ancorato facendo ricorso idraulica con un generatore elettrico;a soluzioni idonee atte a garantire la sicurezza e la b. un impianto idroelettrico è l’insieme di uno o piùstabilità delle strutture sollecitate. gruppi idroelettrici con unico punto di connessione Il plinto, o altro ancoraggio nel caso di collocazione alla rete elettrica;differente dal terreno, devono essere dimensionati in c. la potenza nominale (o massima, o di picco, o dibase ai carichi trasmessi dalla turbina e dalla torre di targa) del gruppo idroelettrico è il valore di potenza
  • 191. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 193DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEindicato dal costruttore del generatore a cosfì 0,90 ne della legge 46/90) e successive modificazioni, pernelle migliori condizioni idrodinamiche (coppia di la sicurezza elettrica;valori di portata/salto netto); D.L. n. 387/2003; d. la potenza nominale dell’impianto idroelettrico è Legge n. 239/2004;la somma aritmetica delle potenze nominali di targa Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gasdei singoli gruppi idroelettrici; n. 34/05; e. il gruppo inverter è l’apparecchiatura elettronica Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gasche converte la corrente alternata (fornita dal generato- n. 88/07;re elettrico della turbina) in corrente alternata per la Delibera dell’autorità per l’energia elettrica e il gasconnessione alla rete, con circuito intermedio in cor- n. 89/07.rente continua; Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet- 2. NORMATIVA E LEGGI DI RIFERIMENTO trica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del- La normativa e le leggi di riferimento da rispettare l’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte-per la progettazione e realizzazione degli impianti grato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo-idroelettrici sono: miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successive CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione modifiche ed integrazioni. Gli impianti idroelettrici e inominale non superiore a 1000 V in corrente alternata relativi componenti, oltre a dover essere conformi allee a 1500 V in corrente continua; norme sopra richiamate, devono essere realizzati con CEI 11-20: Impianti di produzione di energia elettri- componenti di nuova costruzione o comunque non giàca e gruppi di continuità collegati a reti di I e II impiegati in altri impianti.categoria; I riferimenti di cui sopra possono non essere esausti- CEI EN 61000-3-2: Compatibilità elettromagnetica vi. Ulteriori disposizioni di legge, norme e deliberazio-(EMC) - Parte 3: Limiti Sezione 2: Limiti per le ni in materia, purché vigenti al momento della pubbli-emissioni di corrente armonica (apparecchiature con cazione della presente specifica, anche se non espressa-corrente di ingresso = 16 A per fase); mente richiamate, si considerano applicabili. CEI EN 60555-1: Disturbi nelle reti di alimentazio- Qualora le sopra elencate norme tecniche sianone prodotti da apparecchi elettrodomestici e da equi- modificate o aggiornate, si applicano le norme piùpaggiamenti elettrici simili - Parte 1: Definizioni; recenti. CEI EN 60439-1-2-3: Apparecchiature assiemate di Si applicano inoltre, per quanto compatibili con leprotezione e manovra per bassa tensione; norme sopra elencate, i documenti tecnici emanati CEI EN 60445: Individuazione dei morsetti e degli dalle società di distribuzione di energia elettrica ripor-apparecchi e delle estremità dei conduttori designati e tanti disposizioni applicative per la connessione diregole generali per un sistema alfanumerico; impianti idroelettrici collegati alla rete elettrica. CEI EN 60529: Gradi di protezione degli involucri 3. DIMENSIONAMENTO, PRESTAZIONI E(codice IP); GARANZIE CEI EN 60099-1-2: Scaricatori; L’impianto idroelettrico deve essere costituito da CEI 20-19: Cavi isolati con gomma con tensione una o più turbine di piccola taglia con una potenzanominale non superiore a 450/750 V; unitaria non inferiore a 1 kWp, e con una potenza CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro con complessiva installata non superiore a 200 kWp.tensione nominale non superiore a 450/750 V; La quantità di energia elettrica producibile deve CEI 81-1: Protezione delle strutture contro i fulmini; tener conto: (a) della curva di rendimento complessivo CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a terra d’ogni singolo gruppo (turbina, moltiplicatore di giri eper anno e per chilometro quadrato; generatore) al netto delle perdite di carico dei sistemi CEI 81-4: Valutazione del rischio dovuto al fulmi- idraulici d’adduzione e di restituzione (b) delle analisine; idrologiche basate su dati storici di portata diretti o, in CEI 0-2: Guida per la definizione della documenta- mancanza di questi, su valori di pubblicazioni ufficializione di progetto per impianti elettrici; rivalutati con calcoli idrologici esplicitamente citati e CEI 0-3: Guida per la compilazione della documen- scientificamente validi (c) del salto misurato con livel-tazione per la legge n. 46/1990; lazione di precisione (d) della quota di portata destina- DPR 547/55 e il D.Lgs. 626/94 e successive modifi- ta al deflusso minimo vitale (DMV), se d’obbligo.cazioni, per la sicurezza e la prevenzione degli infortu- Ogni singolo gruppo deve essere composto da turbi-ni sul lavoro; na, moltiplicatore di giri (eventuale) e generatore. La DPCM 1-3-1991 “Limiti massimi di esposizione al turbina in particolare deve essere costituita dai seguen-rumore negli ambienti abitativi e nell’ambiente ester- ti sottosistemi assemblati: girante, organi di regolazio-no”. ne idraulica (spine, distributore, movimentazione pale) Legge 46/90 e DPR 447/91 (regolamento di attuazio- con i relativi sistemi d’attuazione e controllo, organi
  • 192. 194 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEd’intercettazione idraulica a sicurezza intrinseca, tra- to idraulico dovrà prestare particolare attenzione allesduttori per il controllo delle principali grandezze, perdite di carico, mentre il dimensionamento staticotronchetti d’adduzione e scarico, cassa e telai di fissag- delle tubazioni in pressione deve tener conto dell’even-gio alle fondazioni. tuale colpo d’ariete causato da manovre repentine I generatori potranno essere sincroni, con sistemi degli organi di regolazione delle turbine, della depres-d’eccitazione a controllo elettronico, asincroni, con sione causata dalla chiusura degli organi di protezionecondensatori di rifasamento, a magneti permanenti condotta e dei carichi esterni a tubo vuoto, nel caso dioppure a corrente continua. In quest’ultimo caso il tubazioni interrate.generatore sarà provvisto di inverter AC/DC/AC, con Gruppo idroelettrico, solidale con le fondazioni, lecircuito intermedio in corrente continua per disaccop- quali debbono sopportare le peggiori combinazioni dipiare i valori di tensione e di frequenza a monte e a carichi statici e dinamici, (compresa la coppia di corto-valle, permettere un controllo della turbina a frequen- circuito del generatore) con deformazioni minime e inza variabile al fine d’ottimizzare il rendimento della ogni caso compatibili con le tolleranze di funzionamen-turbina al variare della portata disponibile. to del macchinario elettrico e idraulico. Preferibilmente il generatore sarà accoppiato diretta- Canalizzazioni di scarico, che permettono la restitu-mente alla turbina; al fine d’utilizzare generatori com- zione, con basse perdite di carico, dell’acqua turbinatamerciali, potranno essere introdotti moltiplicatori di al corso d’acqua da cui è stata estratta. Sono compresi igiri meccanici o, semplicemente, costituti da pulegge diffusori delle turbine a reazione, il cui disegno edcollegate da cinghia di trasmissione. esecuzione dovranno essere particolarmente curati nel L’idrodinamica della turbina, intesa come forma caso di bassi salti, in quanto a essi è deputato il recupe-palare in relazione con adduzione e scarico, dovrà ro d’una porzione significativa del salto disponibile.provenire da esperienze su turbine in esercizio, al fine Quadri di controllo e comando, cui è affidata, indi garantire con sufficiente affidabilità, tramite le rela- condizioni di normale esercizio, la gestione automati-zioni della similitudine idraulica a parità di numeri di ca, sicura e ottimale, dell’impianto non presidiato, laFroude, il rendimento di conversione dell’energia po- sua messa in sicurezza nel caso si verificassero gravitenziale posseduta dall’acqua in energia meccanica anomalie e le teletrasmissioni con l’operatore in posta-all’albero del generatore. zione remota. Per evitare danni in caso di stacco di carico, ogni Quadri di potenza, sui quali sono riportate tutte legruppo idroelettrico deve essere garantito per funziona- misure e le protezioni di legge necessarie per la gestio-re almeno un’ora alla velocità di fuga, pur essendo ne in piena sicurezza dell’energia prodotta e il collega-provvisto di dispositivi contro la sopravelocità a sicu- mento con la rete elettrica.rezza intrinseca (movimentazione in chiusura a gravità Il dimensionamento delle opere e delle apparecchia-o mediante molle). ture deve essere conforme alle seguenti norme e suc- La turbina deve essere garantita esente da difetti cessive modifiche ed integrazioni:d’origine e fabbricazione per un periodo di ventiquat- ● Legge 5-11-1971 n. 1086 “Norme per la discipli-tro mesi dalla data di collaudo dell’impianto. na delle opere di conglomerato cementizio armato, Un impianto idroelettrico costituto da più gruppi normale e precompresso ed a struttura metallica” ed iidroelettrici deve avere un unico punto di connessione. relativi decreti attuativi; 4. CARATTERISTICHE DI MASSIMA DEL- ● D.M. LL.PP. 11-3-1988 “Norme tecniche riguar-L’IMPIANTO danti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità Seppure la taglia delle installazioni di cui trattasi sia dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali emolto modesta, possono individuarsi le seguenti com- le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione ed ilponenti funzionali. collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle Opere di presa (o di derivazione o di captazione): opere di fondazione”;consentono d’estrarre dal corso dell’acqua naturale, arti- ● D.M. LL.PP. 09/01/1996 (G.U. 05/02/1996 n. 29ficiale o semplice tubazione esistente, la portata massi- suppl. ord. n. 19) (Norme tecniche per il calcolo,ma elaborabile dai gruppi generatori. Le opere di presa l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cementodovranno essere dotate di manufatti limitatori delle por- armato, normale e precompresso e per le strutturetate massime derivabili, degli organi d’intercettazione e, metalliche);se del caso, di by-pass a rapido e sicuro intervento in ● D.M. LL.PP. 16/01/1996 (G.U. 05/02/1996 n. 29caso di fuori servizio dell’impianto. Per la salvaguardia suppl. ord. n. 19) (Norme relative ai “Criteri generalidelle turbine sono inoltre consigliati dispositivi di dissab- per la verifica di sicurezza delle costruzioni e deibiamento efficaci e di facile pulizia. carichi e sovraccarichi”); Canalizzazioni d’adduzione, costituiti da canali a ● Circ. del Ministero dei LL.PP. 04/07/1996 n.cielo aperto o tombati, nonché da tubazioni in pressio- 156AA.GG./STC. (G.U. 16/09/1996 n.151) (Istruzionine di metallo o di materiali plastici. Il dimensionamen- per l’applicazione delle “Norme tecniche relative ai
  • 193. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 195DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEcriteri generali per la verifica di sicurezza delle costru- IX, Parte III, alla parte quinta del D.Lgs. 3 aprilezioni e dei carichi e sovraccarichi” di cui al decreto 2006, n. 152 recante “norme in materia ambientale”eministeriale del 16/01/1996). successivi aggiornamenti. Laddove sia prevista la realizzazione di cavidottiinterrati, questi dovranno essere posti ad una profondi- Allegato c5tà di almeno 0,7 metri, per il collegamento elettrico trale turbine installate e il punto di consegna. PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LA L’immissione in rete deve essere conforme alle REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI PER LANorme CEI 11-20 (ed. agosto 2000) e CEI 11- 20; V1 PRODUZIONE DI CALORE A BASSA TEMPERATURA(ed. agosto 2004), in particolare le protezioni di inter-faccia tra la rete e l’impianto idroelettrico possonoessere integrate nel sistema di controllo dell’inverter. 1 SCOPO L’acqua allo scarico dell’impianto non dovrà aver Lo scopo della presente specifica è quello di forniresubito alcuna alterazione chimica e fisica rispetto al- indicazioni da rispettare per la realizzazione di impian-l’acqua in ingresso. ti solari termici di nuova costruzione che impiegano collettori piani vetrati o sottovuoto con superficie Allegato c4 d’apertura non superiore a 200 m2 per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffresca- PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LA mento degli ambienti, il riscaldamento delle piscine. Il REALIZZAZIONE E L’ESERCIZIO DI IMPIANTI TERMICI presente documento non è esaustivo ai fini di un ALIMENTATI A BIOMASSE eventuale affidamento delle opere di fornitura, installa- zione e collegamento alla rete degli impianti in ogget- 1. EFFICIENZA MINIMA CONSENTITA to. Gli impianti, costituiti da uno o più generatori di 2 DEFINIZIONIcalore alimentati a biomassa vegetale solida sotto for- a. Un impianto solare termico è un sistema dima di cippato o pellets, devono avere potenza termica produzione di energia termica mediante conversionecomplessiva compresa tra 50 kWt e 450 kWt. Gli diretta della radiazione solare in calore. Nel caso diimpianti e i singoli generatori di calore di potenza raffrescamento degli ambienti (impianti “solar coo-nominale non superiore a 300 kWt devono presentare ling”), l’impianto solare fornisce energia termica adun’efficienza compatibile con la classe 3 della norma una macchina frigorifera in accordo a quanto riportatoUNI-EN 303-5, fatto salvo quanto previsto, in senso al successivo punto 4.5.9.più performante, dalle normative Regionali. b. I sistemi solari sono classificati dagli standard EN Gli impianti e i generatori di calore di potenza in due categorie; la prima, cosiddetta “Factory Made”,nominale superiore ai 300 kWt devono presentare riguarda impianti tipo “prodotto” (o “factory made”)un’efficienza maggiore dell’82%, fatto salvo quanto cioè impianti collettore-accumulo, impianti monobloc-previsto, in senso più performante, dalle normative co a circolazione naturale, impianti kit a circolazioneRegionali. La taglia minima di ogni singolo bruciatore forzata; la seconda, cosiddetta “Custom Built”, riguar-dovrà essere non inferiore a 50 kWt. da sistemi a circolazione forzata assemblati in loco 2. TIPOLOGIE DI BIOMASSE AMMESSE con componenti anche forniti da diversi produttori. Le biomasse solide utilizzabili devono ricadere fra c. Vengono definiti come sistemi di tipo “combi”, iquelle ammissibili ai sensi dell’allegato X alla parte sistemi preposti contemporaneamente alla produzionequinta del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 recante “norme di acqua calda sanitaria ed al riscaldamento degliin materia ambientale” e successivi aggiornamenti. ambienti. All’atto di presentazione della domanda, il beneficia- d. Superficie d’apertura dell’impianto solare: è lario del contributo fornirà un elenco informativo dei superficie d’apertura così come definita nella normafornitori di biomassa vegetale solida rispettanti le pre- UNI 12975-2.scrizioni anzidette, specificando, tra l’altro, nominati- e. Nei sistemi a circolazione forzata tipicamente ivo delle ditte e localizzazione dei siti di produzione collettori solari vengono collegati tra loro in parallelodella biomassa solida. a formare banchi di collettori. Più banchi di collettori 3. VALORI LIMITE DI EMISSIONE solari vengono connessi in sistemi serie-parallelo. Fatto salvo quanto previsto, in senso più restrittivo, f. Il circuito primario dell’impianto è costituito dal-dalla pertinente normativa Regionale in materia di l’insieme dei collettori solari collegati in serie/paralle-tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmo- lo al fine di ottenere il riscaldamento del fluido termo-sfera, gli impianti e i generatori di calore devono vettore secondo temperature e portate prefissate epresentare emissioni compatibili con i limiti fissati dall’insieme dei dispositivi atti al trasferimento deldall’Allegato I, Parte III, sezione 1.1, e dall’allegato calore raccolto dai collettori al volano termico. Il
  • 194. 196 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEcircuito secondario è costituito dai componenti che del Commercio e dell’Artigianato “Modalità di certifi-devono essere utilizzati per fornire l’energia termica cazione delle caratteristiche e delle prestazioni ener-all’utenza. getiche degli edifici e degli impianti ad essi connes- g. Nei sistemi a circolazione forzata il circuito si”;primario è costituito da un dispositivo dedicato alla ● Norme, decreti, leggi e disposizioni emanate dacircolazione del fluido (pompa centrifuga), da disposi- ogni autorità riconosciuta (UNI, CEI; ISPESL, ecc.)tivi di controllo del funzionamento dell’impianto, da direttamente o indirettamente interessata ai lavori.organi di sicurezza (quali vaso di espansione, valvole I riferimenti di cui sopra possono non essere esausti-di sicurezza, valvole jolly, valvole di non ritorno), vi. Ulteriori disposizioni di legge, norme e deliberazio-dallo scambiatore di calore che cede l’energia termi- ni in materia, purché vigenti al momento della pubbli-ca raccolta dal circuito primario al circuito seconda- cazione della presente specifica, anche se non espressa-rio, caratterizzato da una configurazione diversa a mente richiamate, dovranno essere applicate.seconda del tipo di utilizzo dell’energia termica rac- 4 PRESCRIZIONI GENERALIcolta. 4.1 Radiazione disponibile 3 NORMATIVA E LEGGI DI RIFERIMENTO Il calcolo dell’irraggiamento sul piano dei collettori, La normativa e le leggi di riferimento da rispettare sia per sistemi Custom Built che per sistemi Factoryper la progettazione e realizzazione degli impianti Made, dovrà essere effettuato secondo quanto stabilitosolari termici sono: dalla norma UNI 8477 parte 1a a partire dai dati ● Legge n. 10 del 09/01/1991: “Norme per l’attua- sull’orizzontale desunti dalla norma UNI 10349 oppu-zione del Piano Energetico Nazionale in materia di re dai dati dell’Atlante Europeo della Radiazione Sola-uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di re o, infine, dalle pubblicazioni “La radiazione Solaresviluppo delle fonti rinnovabili di energia”; globale al suolo in Italia” a cura dell’ENEA. ● D.P.R. n. 412 del 26/08/1993: “Regolamento re- 4.2 Fabbisogno termicocante norme per la progettazione, l’installazione, Laddove applicabile, il calcolo dell’energia termical’esercizio e la manutenzione degli impianti termici deve essere stimato dalle bollette energetiche dei prece-degli edifici”; denti tre anni. ● Legge n. 46 del 05/03/1990: “Norme per la sicu- Nel caso non siano disponibili le bollette energeti-rezza degli impianti”; che dei precedenti tre anni, eccetto che per la produzio- ● D.P.R. n. 447 del 06/12/1991: “Regolamento di ne di acqua calda sanitaria per la quale sono riportatiattuazione della legge 5 Marzo 1990, n˚46, in materia dati indicativi di consumo energetico nella tabelladi sicurezza degli impianti”; seguente, il calcolo dell’energia termica deve essere ● D.L. n. 626 del 19/04/1994: “Attuazioni delle stimato in fase di progetto.direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicu- Nel caso di impianti dedicati alla produzione direzza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro”; acqua calda sanitaria qualora non siano disponibili o ● D.P.C.M. del 01/03/1991: “Limiti massimi di rappresentativi, dati specifici sul consumo di acquaesposizione al rumore negli ambienti abitativi e nel- calda sanitaria, i consumi energetici possono esserel’ambiente esterno”; valutati secondo le indicazioni riportate nella tabella ● D.L. 2 Aprile 1998 del Ministero dell’Industria seguente: NOTE Litri/giorno kcal/giorno MJ/giorno kWhth/giorno Litri/giorno procapite procapite procapite procapite procapiteAbitazione 50 1.650 6,9 1,92 –Spogliatoi e bagni indu- 20 660 2,76 0,767 –strieUffici 5 165 0,69 0,192 –Strutture recettive di ti- 100 3.300 13,82 3,84 Per stanzapo alberghieroPalestre 35 1.155 4,84 1,34 Per utilizzatoreLavanderie 6 198 0,83 0,23 Per kg lavatoRistoranti 10 330 1,38 0,38 Per pastoBar 2 66 0,27 0,076 Per consumazione* Si ipotizza una temperatura dell’acqua di ingresso pari a 12˚C e una temperatura dell’acqua di fornitura pari a 45˚C.
  • 195. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 197DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 4.3 Resa termica dell’impianto ● La qualità dei materiali e componenti installati: Per i sistemi “Custom built”, il calcolo delle rese il collettore ed i sistemi nel loro complesso dovrannomensili e annuale dell’impianto solare termico dovrà essere conformi a quanto richiesto nei “General Requi-essere effettuato secondo quanto richiesto dalla norma rements” delle norme EN 12975, 12976, 12977 eUNI 8477 parte 2a (metodo f-chart), o mediante pro- dovranno essere testati in accordo ai “Test Methods”grammi di simulazione. prescritti dagli stessi Standard (si fa presente che per i Per i sistemi “Factory made” la resa energetica collettori oltre a richiedere le prove di efficienza edell’impianto deve essere calcolata in accordo alla EN perdite di carico, le norme EN prescrivono tutta una12976-2 utilizzando il metodo CSTG. serie di prove atte a testare la resistenza del collettore 4.4 Caratteristiche degli impianti alle sovra pressioni e sovra temperature, agli shock Gli impianti dovranno in generale rispettare le pre- termici, all’invecchiamento, alle azioni del vento, aiscrizioni delle norme EN 12975-1, EN 12976-1, sovra carichi dovuti alla neve e agli effetti della grandi-EN12977-1. In particolare: ne etc.). Il laboratorio esecutore delle prove dovrà ● Qualità dell’acqua: il sistema deve essere proget- essere necessariamente accreditato.tato in modo da impedire la contaminazione dell’ac- ● Gli equipaggiamenti di sicurezza: le valvole diqua calda sanitaria contenuta nel boiler, per cui dovrà sicurezza utilizzate devono essere idonee alle condizio-avere opportuno trattamento anticorrosivo per idoneità ni operative del sistema.alimentare tipo teflonatura, smaltatura vetrificazione o ● Prescrizioni strutturali: per la struttura di suppor-utilizzo di acciaio inox. to deve essere specificato il carico massimo dovuto ● La resistenza al congelamento: il costruttore de- alla neve o all’azione del vento. Le dimensioni, ilve garantire, per le parti esterne, quanto necessario al numero ed il peso dei sistemi di pannelli solari installa-mantenimento di una temperatura minima onde evitare ti devono risultare compatibili alle caratteristiche di-ogni tipo di danneggiamento, descrivendo nella docu- mensionali e strutturali del manufatto oggetto dell’in-mentazione a corredo i metodi utilizzati. Inoltre per le tervento. In particolare:parti collocate all’interno, queste devono essere instal- - i carichi derivanti dai suddetti sistemi devonolate in luoghi con temperatura superiore ai 0˚C, qualo- garantire la stabilità del solaio di copertura;ra ciò non fosse possibile, le parti stesse devono essere - il fissaggio dei sistemi solari deve conservareadeguatamente protette. Il costruttore deve definire la l’integrità della copertura esistente ed escludere ilcomposizione del liquido di scambio termico impiega- rischio di ribaltamento da azioni eoliche, anche ecce-to per il sistema. Ogni precauzione deve essere presa zionali, da sovraccarichi accidentali e deve garantireper tener conto del deterioramento del liquido antigelo l’impermeabilizzazione della superficie di appoggio.utilizzato a seguito del funzionamento del sistema in 4.5 Componenti dell’impiantocondizioni di sovra-temperatura. 4.5.1 Collettori solari ● La protezione dalle sovra-temperature: il siste- In generale dovranno essere rispettate le seguentima deve essere progettato in modo da evitare che prescrizioni:l’utente finale sia costretto a effettuare operazioni ● il salto termico tra la tubatura di mandata e laparticolari nel caso in cui il sistema permanga per tubatura di ritorno al campo solare non deve esserelungo tempo esposto ad alti livelli di insolazione con superiore ai 15˚C per i sistemi a circolazione forzata diconseguente aumento della temperatura del fluido ter- tipo tradizionale nelle massime condizioni di insolazio-movettore. Se il sistema è dotato di un apparato in ne disponibili;grado di espellere acqua calda dal serbatoio sostituen- ● la portata massima nei collettori solari per i siste-dola con acqua di rete, ogni precauzione deve essere mi a circolazione forzata di tipo tradizionale nonpresa per evitare danneggiamenti al sistema, agli im- dovrà mai superare i 110 litri/ora per m2 di collettorepianti preesistenti e alle persone. (limite di erosione) ed essere inferiore ai 50 litri/ora ● La prevenzione dalle inversioni del flusso: il per m2 di collettore.sistema deve essere dotato di protezioni idonee ad Per impianti progettati per lavorare secondo il princi-impedire inversioni di flusso che incrementerebbero le pio “low-flow”, “matched-flow”, oppure a scambioperdite termiche. indiretto a svuotamento, sono consentite portate e salti ● La resistenza alle sovra-pressioni: il sistema de- di temperatura differenti così come prescritti dal co-ve essere progettato in modo da non eccedere la struttore.massima pressione stabilita per ogni suo componente. Il sistema di distribuzione del fluido termovettoreOgni circuito chiuso del sistema deve essere dotato di dovrà essere bilanciato in modo da avere la stessavalvola di sicurezza. portata per tutti banchi di collettori dell’impianto utiliz- ● La sicurezza elettrica: tutte le parti elettriche in zando anche, se necessario, valvole di bilanciamentodotazione al sistema devono essere conformi alle nor- su ciascun ramo dell’impianto.mative elettriche vigenti. L’impianto dovrà essere provvisto di valvole di
  • 196. 198 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEsicurezza e di un sistema di rimbocco del fluido adatte a funzionare con una miscela di acqua e antige-termovettore anticongelante. lo che garantisca una protezione contro il congelamen- Ogni banco di collettori dovrà avere valvole di to per condizioni climatiche con temperatura dell’ariaintercettazione e una valvola di sfiato d’aria ad apertu- di almeno 10˚C inferiore alla temperatura di progettora manuale o automatica, posizionata quest’ultima nel- della località di installazione (secondo tabellala parte più alta del circuito. L10/91); esse inoltre dovranno resistere a una tempera- 4.5.2 Serbatoi tura massima di 120˚C e alla pressione massima di Laddove necessario ai fini dell’utenza, i serbatoi esercizio dell’impianto e dovranno avere almeno dueimpiegati saranno per uso acqua calda sanitaria ed velocità di funzionamento.idonei per acqua potabile con trattamento interno anti- 4.5.5 Altri componenticorrosivo e pressione massima di esercizio di almeno Per ogni circuito chiuso dovrà essere installato un6 bar. vaso di espansione tranne che nei sistemi a circolazio- Per ciò che riguarda l’isolamento i serbatoi dovran- ne forzata a svuotamento. Esso dovrà essere costruitono essere conformi al DPR 412/93. con materiale adatto e dimensionato ed installato secon- Ogni singolo serbatoio dovrà essere dotato di: do le modalità previste dal DM 1/12/76 e dalle norme ● sfiato aria automatico; ex ANCC, Raccolta R. I vasi di espansione dovranno ● vaso di espansione a membrana intercambiabile essere marcati CE oppure omologati dall’ISPESL.di tipo alimentare; Per i sistemi a circolazione forzata con superficie di ● valvola di sicurezza e scarico termico; apertura superiore a 100 m2 dovrà essere previsto un ● indicatore temperatura dell’acqua calda sanitaria sistema di segnalazione acustico e/o visivo di eventua-(solo per i sistemi “Custom Built”); li perdite di fluido termovettore dall’impianto. ● manometro per l’indicazione della pressione di La localizzazione e l’installazione di tutti i sensorirete e, qualora necessario, un riduttore di pressione. di temperatura devono assicurare un buon contatto Nel caso di più serbatoi collegati tra loro possono termico con la parte di cui è necessario misurare laessere adottati un singolo vaso d’espansione, una sin- temperatura. I sensori di temperatura devono esseregola valvola di sicurezza, un singolo idrometro. isolati dall’ambiente esterno. Per gli impianti dotati di più serbatoi, ogni serbatoio 4.5.6 Tubazionidovrà essere collegato alla rete idraulica di distribuzio- Per il circuito primario i tubi di collegamento devo-ne in modo da poter essere messo fuori servizio e no avere le seguenti caratteristiche:mantenuto senza che questo impedisca la funzionalità – resistenza alla temperatura tra -20˚C e 200˚C;della restante parte dell’impianto solare. – resistenza alla pressione del sistema; Nei casi di: – resistenza agli attacchi chimici del fluido termovet- ● accoppiamento diretto del circuito primario con tore.un’utenza caratterizzata da un’elevata inerzia termica Possono essere impiegati:(ad esempio vasche di notevoli dimensioni da mantene- – tubi di acciaio nero senza giunture o saldati,re in temperatura) o da un’elevata e continua portata zincati;del circuito secondario (applicazioni industriali); – tubi di rame. ● riscaldamento di piscine; Nel caso di impiego di tubi in acciaio zincato a è possibile considerare la realizzazione di impianti contatto con elementi in rame è necessario provvedereprivi di sistema di accumulo. all’inserimento di giunti dielettrici per evitare il contat- 4.5.3 Scambiatori to diretto. Gli impianti con superficie di apertura fino a 50 m2 È possibile l’uso di tubi in materiale sintetico pur-potranno essere dotati, indifferentemente, di scambia- ché siano compatibili con le sovra pressioni e sovratore a serpentino immerso, di scambiatore a piastre, di temperature che possono insorgere nell’impianto.scambiatore ad intercapedine. Per gli impianti con È importante che per tutte le parti del circuitosuperficie di apertura superiore a 50 m2 è prescritto primario sia verificata la resistenza contro il glicole el’impiego di scambiatori a piastre. La superficie speci- la resistenza temporanea alle temperature fino afica di scambio dovrà essere non inferiore a 0,2 m2 per 160˚C.m2 di superficie di collettore istallata per scambiatori Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essereinterni e dovrà essere non inferiore a 0,1 m2 per m2 di coibentate in modo rispondente alle leggi vigenti e allesuperficie installata per quelli esterni a piastre. normative tecniche UNI. La temperatura massima di esercizio dello scambia- Il riferimento principale è il DPR 412, tabella 1tore dovrà essere almeno pari a 140˚C e la pressione dell’allegato B che prescrive lo spessore minimo del-massima di esercizio di almeno 6 bar. l’isolante da adottare per i tubi correnti in centrale 4.5.4 Pompe centrifughe termica, in cantine, in cunicoli esterni, in locali non Le pompe centrifughe impiegate dovranno essere riscaldati.
  • 197. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 199DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE Per i tubi posti all’interno dell’isolamento termico 4.5.9 Macchine frigorifere alimentate da fontedelle pareti perimetrali dell’involucro edilizio gli spes- termica collegate al campo solaresori minimi di tale tabella possono essere moltiplicati Per l’implementazione di sistemi di “solar cooling”,per 0,5. si definiscono ammissibili, ai fini dell’agevolazione Per i tubi correnti all’interno di strutture non affac- del presente Decreto, i seguenti gruppi di tecnologieciate né all’esterno né su locali non riscaldati gli alimentate ad energia termica: macchine frigorifere adspessori minimi di tale tabella 1 possono essere molti- assorbimento, macchine frigorifere ad adsorbimento,plicati per 0,3. macchine che implementino cicli di raffrescamento Le condotte dal collettore allo scaldaacqua devono evaporativi il cui potenziale è aumentato dall’utilizzoessere il più possibile brevi al fine di contenere le di un componente desiccante (DEC - “Desiccant andperdite termiche. Gli isolanti devono sopportare per Evaporative Cooling”). Queste ultime possono esserebrevi periodi temperature fino a 160˚C. del tipo a desiccante liquido o solido. Gli isolanti dovranno essere resistenti ai raggi ultra- Le macchine ammesse dovranno avere temperaturevioletti. Si consiglia di avvolgere l’isolante in un e potenze di alimentazione, in condizioni nominali,mantello, capace di proteggerlo dalle infiltrazioni di compatibili con le tecnologie prescelte per la genera-acqua e dai raggi ultravioletti. Lo strato di rivestimen- zione di energia termica (tipologia di collettore solare)to dovrà essere resistente ad azioni meccaniche esterne e con le relative potenze di generazione.(ad esempio all’azione di uccelli, topi, insetti). 4.6 Il monitoraggio Si dovrà evitare di creare ponti termici. Gli isolanti Per tutti gli impianti con superficie di aperturadovranno essere montati in modo da non lasciare spazi superiore a 30 m2 si dovrà installare lato utenza unintercalari in particolare nei punti di giunzione, in contabilizzatore di calore.prossimità delle staffe e in prossimità delle rubinette- 4.7 Collaudo dell’impianto e Garanzierie e dei raccordi. Per impianti con superficie d’apertura inferiore ai 4.5.7 Termoregolazione e supervisione 100 m2 l’ impianto dovrà essere collaudato da parte di I sistemi solari a circolazione forzata devono essere un tecnico competente, iscritto ad albo professionale.regolati con centraline elettroniche specifiche che pre- Per impianti con superficie d’apertura superiore aivedano, oltre la gestione della pompa di circolazione, 100 m2 l’ impianto dovrà essere collaudato secondo laanche: normativa vigente (UNI 9711), da parte di un tecnico – protezione antigelo (necessaria solo per i sistemi a competente, iscritto ad albo professionale.svuotamento); In ogni caso, l’intero impianto e le relative prestazioni – protezione temperatura massima collettore; di funzionamento devono godere di una garanzia non – protezione temperatura massima bollitore. inferiore a due anni a far data dal collegamento alla rete 4.5.8 Impianto utilizzatore dell’impianto stesso, mentre i collettori solari e i bollitori Per ciò che riguarda gli impianti utilizzatori valgono devono essere garantiti dal produttore per almeno 5 anni.le seguenti prescrizioni: ● gli impianti solari termici destinati alla produzione Allegato c6di acqua calda sanitaria dovranno essere dotati di valvo-la miscelatrice termostatica per contenere la temperatura PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LAdi utilizzo al di sotto dei limiti prescritti dal DPR 412/9; REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA ● gli impianti solari termici destinati al riscaldamen- RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI NEGLI USIto degli ambienti dovranno essere obbligatoriamente FINALI DELL’ENERGIAcollegati ad un impianto di riscaldamento a bassatemperatura come pannelli radianti a pavimento o a 1 INTERVENTI DI CUI ALL’ARTICOLO 6,parete o sistemi di riscaldamento ad aria (temperatura COMMA 2, LETTERA D), PUNTO 1di esercizio inferiore a 45˚). Gli interventi ammissibili di cui all’articolo 6, com- Si raccomanda di adottare, quando possibile, insie- ma 2, lettera d), punto 1, del Decreto sono:me all’installazione degli impianti solari termici, misu- a) interventi che comportino una riduzione dellare di risparmio energetico quali ad esempio l’utilizzo trasmittanza termica U degli elementi opachi costituen-di caldaie a condensazione, di sistemi solari passivi ti linvolucro edilizio e delimitanti il volume riscaldatoper la riduzione dell’energia necessaria per il riscalda- verso l’esterno e verso vani non riscaldati;mento e/o il raffrescamento di ambienti, di dispositivi b) interventi che comportino una riduzione delladi copertura del pelo libero dell’acqua delle piscine trasmittanza termica U delle chiusure apribili ed assi-nei momenti di non utilizzo, etc. milabili, quali porte, finestre e vetrine anche se non Ove logisticamente possibile, infine, si consiglia di apribili, comprensive degli infissi, considerando levalutare la possibilità di accoppiare il sistema solare parti trasparenti e/o opache che le compongono, costi-termico ad una caldaia alimentata a biomassa. tuenti linvolucro edilizio e delimitanti il volume riscal-
  • 198. 200 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEdato verso l’esterno e verso vani non riscaldati. dalle normative Regionali, gli impianti di cogenerazione A seguito di tali interventi, ai fini dell’ammissione al devono essere ad alto rendimento e basati sulla doman-beneficio di cui al Decreto, la trasmittanza termica degli da di calore utile e sul risparmio di energia primaria, inelementi dell’involucro deve obbligatoriamente essere in- accordo a quanto previsto dal Decreto Legislativo 8feriore o uguale ai rispettivi valori di Trasmittanza Termi- febbraio 2007, n. 20 recante “Attuazione della Direttivaca U, espressa in W/m2K, di cui alla Tabella 2, comma 2 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata“Valori applicabili dal 1˚ gennaio 2010 per tutte le su una domanda di calore utile nel mercato internotipologie di edifici”, dell’allegato B al Decreto 11 marzo dell’energia, nonché modifica alla direttiva 97/42/CEE”2008 “Attuazione dellarticolo 1, comma 24, lettera a), e successive modifiche ed integrazioni.della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione Per i progetti di teleriscaldamento abbinato alla coge-dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo nerazione si applicano le definizioni di cui all’articolo 2,e di trasmittanza termica ai fini dellapplicazione dei comma 3, lettere a) e b) del Decreto 24/10/2005commi 344 e 345 dellarticolo 1 della legge 27 dicembre “Direttive per la regolamentazione dell’emissione dei2006, n. 296” e successive modifiche ed integrazioni. certificati verdi alle produzioni di energia di cui all’arti- Non sono ammessi ai benefici del Decreto gli inter- colo 1, comma 71, della legge 23 agosto 2004, n. 239”.venti sugli elementi dell’involucro qualora i valori Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet-della trasmittanza termica siano originariamente già trica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del-inferiori o uguali ai valori di trasmittanza termica l’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte-indicati nella Tabella 2, comma 2, dell’allegato B al grato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo-Decreto 11 marzo 2008, di cui sopra. miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successive La trasmittanza termica dei componenti dell’involu- modifiche ed integrazioni.cro su cui si interviene, originaria e successiva all’in- Per gli impianti connessi alla rete elettrica si applicanotervento, così come i materiali e la tipologia costrutti- le disposizioni di cui alla Delibera 99/08 del 23/07/2008va del medesimo componente, originari e successivi dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas relativa alall’intervento, sono riportate in una tabella sintetica “Testo integrato delle condizioni tecniche ed economi-redatta e firmata da tecnico abilitato da allegare al che per la connessione alle reti elettriche con obbligo diprogetto preliminare all’atto di presentazione della connessione di terzi degli impianti di produzione didomanda. Nel progetto preliminare deve essere altresì energia elettrica (Testo integrato delle connessioni atti-riportato il risparmio annuo di energia in fonti prima- ve – TICA)” che regola le condizioni tecnico-economi-rie conseguibile con l’intervento (in kWh). che per la connessione alle reti elettriche con obbligo di Successivamente all’esecuzione degli interventi, il connessione di terzi degli impianti di produzione dibeneficiario dovrà produrre attestato di certificazione energia elettrica (si veda www.autorita.energia.it).energetica di cui al Decreto Legislativo 10 agosto 2.1 Tipologie di biomasse ammesse2005, n.192 e successive modifiche ed integrazioni. La biomassa vegetale solida, i biocombustibili vege- La normativa tecnica di riferimento e le pertinenti tali liquidi e il biogas devono ricadere fra quelli ammis-definizioni sono riportate nel Decreto Legislativo 10 sibili ai sensi dell’allegato X alla parte quinta delagosto 2005, n.192, e successive modificazioni ed D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 recante “norme in materiaintegrazioni. ambientale” e successivi aggiornamenti. 2 INTERVENTI DI CUI ALL’ARTICOLO 6, All’atto di presentazione della domanda, il beneficia-COMMA 2, LETTERA D), PUNTO 2, I rio del contributo fornirà un elenco informativo dei I progetti di teleriscaldamento abbinato ad impianti fornitori di biomassa vegetale solida o di biocombusti-di cogenerazione devono riguardare impianti di nuova bile vegetale liquido rispettanti le prescrizioni anzidet-costruzione. te, specificando, tra l’altro, nominativo delle ditte e L’impianto di cogenerazione, composto da uno o più localizzazione dei siti di produzione della biomassamoduli di cogenerazione, deve avere potenza nominale solida o del biocombustibile liquido.complessiva non superiore a 500 kWe e deve produrre 2.2 Valori limite di emissioneelettricità e calore o elettricità, calore e freddo, quest’ul- Fatto salvo quanto previsto, in senso più restrittivo,timo prodotto utilizzando macchine frigorifere alimenta- dalla pertinente normativa Regionale in materia dite con l’energia termica utile prodotta dal cogeneratore. tutela dell’aria e riduzione delle emissioni in atmosfe- I cogeneratori devono essere alimentati da gas natu- ra, i cogeneratori devono presentare, a seconda dellerale, biogas, biomassa vegetale solida (per combustio- pertinenti tipologie di impianto, emissioni compatibiline diretta, gassificazione o pirolisi), biocombustibili con i limiti fissati dall’allegato I, parte III e dall’allega-vegetali liquidi, o in cocombustione (ibrido) gas natu- to IX, Parte III, alla Parte Quinta del D.Lgs. 3 aprilerale-biomassa (biomassa vegetale solida, biocombusti- 2006, n. 152 recante “norme in materia ambientale”ebili vegetali liquidi e biogas). successivi aggiornamenti. Fatto salvo quanto previsto, in senso più performante, Per il gas di gassificazione utilizzato nei motori a
  • 199. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 201DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEcombustione interna e nelle turbine a gas il limite di All’atto di presentazione della domanda, il beneficia-emissione è assimilato a quello indicato per il biogas. rio del contributo fornirà un elenco informativo dei In relazione all’evoluzione della normativa tecnica fornitori di biomassa vegetale solida o di biocombusti-in materia, a cui è necessario fare riferimento, si bile vegetale liquido rispettanti le prescrizioni anzidet-informa che sul sito internet www.cti2000.it del Comi- te, specificando, tra l’altro, nominativo delle ditte etato Termotecnico Italiano è disponibile l’elenco ag- localizzazione dei siti di produzione della biomassagiornato della normativa tecnica nazionale (UNI) ed solida o del biocombustibile liquido.europea (CEN) in materia di cogenerazione. 3.2 Valori limite di emissione 3 INTERVENTI DI CUI ALL’ARTICOLO 6, Fatto salvo quanto previsto, in senso più restrittivo,COMMA 2, LETTERA D), PUNTO 2, III dalla pertinente normativa Regionale in materia di L’impianto di cogenerazione, composto da uno o più tutela dell’aria e riduzione delle emissioni in atmosfe-moduli di cogenerazione, deve essere di nuova costru- ra, i cogeneratori devono presentare, a seconda dellezione, deve avere una potenza nominale complessiva pertinenti tipologie di impianto, emissioni compatibilinon superiore a 5 MWe e deve produrre elettricità e con i limiti fissati dall’allegato I, parte III e dell’Alle-calore o elettricità, calore e freddo, quest’ultimo prodot- gato IX, Parte III, alla Parte Quinta del D.Lgs. 3 aprileto utilizzando macchine frigorifere alimentate con l’ener- 2006, n. 152 recante “norme in materia ambientale”egia termica utile prodotta dal cogeneratore. successivi aggiornamenti. I cogeneratori devono essere alimentati da gas natu- Per il gas di gassificazione utilizzato nei motori arale, biogas, biomassa vegetale solida (per combustio- combustione interna e nelle turbine a gas il limite dine diretta, gassificazione o pirolisi), biocombustibili emissione è assimilato a quello indicato per il biogas.vegetali liquidi, o in cocombustione (ibrido) gas natu- In relazione all’evoluzione della normativa tecnicarale-biomassa (biomassa vegetale solida, biocombusti- in materia, a cui è necessario fare riferimento, sibili vegetali liquidi e biogas). informa che sul sito internet www.cti2000.it del Comi- Fatto salvo quanto previsto, in senso più performan- tato Termotecnico Italiano è disponibile l’elenco ag-te, dalle normative Regionali, gli impianti devono giornato della normativa tecnica nazionale (UNI) edessere ad alto rendimento e basati sulla domanda di europea (CEN) in materia di cogenerazione.calore utile e sul risparmio di energia primaria, in 4 INTERVENTI DI CUI ALL’ARTICOLO 6,accordo a quanto previsto dal Decreto Legislativo 8 COMMA 2, LETTERA D), PUNTO 2, IIfebbraio 2007, n. 20 recante “Attuazione della Diretti- Un impianto geotermico a bassa entalpia è del tipo a:va 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione – Captazione orizzontale (sia con scambiatori dibasata su una domanda di calore utile nel mercato calore orizzontali che con sistemi di tipo aperto adinterno dell’energia, nonché modifica alla direttiva acqua di falda)97/42/CEE” e successive modifiche ed integrazioni. – Captazione verticale Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet- Entrambe le modalità sono collegate a “pompe ditrica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del- calore” che permettono il trasferimento del calore dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte- sottosuolo all’edificio che deve essere servito per ilgrato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo- condizionamento.miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successive 4.1 Captazione orizzontalemodifiche ed integrazioni. La captazione orizzontale è costituita da sonde Per gli impianti connessi alla rete elettrica si applicano geotermiche che si sviluppano nella superficie delle disposizioni di cui alla Delibera 99/08 del 23/07/2008 sottosuolo (indicativamente circa 1-1,5 volte la superfi-dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas relativa al cie da riscaldare) ad una profondità indicativa di“Testo integrato delle condizioni tecniche ed economi- 50-250 cm. In questo caso deve essere effettuato unoche per la connessione alle reti elettriche con obbligo di scavo e la posa in opera di tubazioni, che attraversanoconnessione di terzi degli impianti di produzione di il sottosuolo, può avere configurazioni di vario tipo: aenergia elettrica (Testo integrato delle connessioni atti- sviluppo lineare con un tubo, con due tubi (sovrappo-ve – TICA)” che regola le condizioni tecnico-economi- sti o affiancati), con quattro tubi; a serpentina in serie,che per la connessione alle reti elettriche con obbligo di in parallelo, a spirale ed a tubi alettati. In questa areaconnessione di terzi degli impianti di produzione di la plantazione di alberi a radici profonde va evitata.energia elettrica (si veda www.autorita.energia.it). Nel caso di livello di falda molto prossimo al piano 3.1 Tipologie di biomasse ammesse campagna lo scavo dovrà procedere a filo di falda. La biomassa vegetale solida, i biocombustibili vege- Sono ammessi i sistemi di tipo aperto ad acqua di falda.tali liquidi e il biogas devono ricadere fra quelli ammis- 4.2 Captazione verticalesibili ai sensi dell’allegato X alla parte quinta del La captazione verticale è costituita da sonde geoter-D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 recante “norme in materia miche che si sviluppano ad una profondità indicativaambientale” e successivi aggiornamenti. di 70-150 m. In tal caso il professionista incaricato
  • 200. 202 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEprima della posa in opera delle sonde geotermiche ● acque e fanghi di perforazione dovranno esseredeve analizzare le seguenti problematiche: smaltiti secondo la normativa vigente nel caso vengo- 1. rischio potenziale di inquinamento della falda no utilizzati additivi;freatica durante la perforazione ed il rinterro del foro ● infiltrazioni di acque superficiali andranno impe-da parte di additivi utilizzati; dite tramite una idonea strutturazione della zona attor- 2. rischio correlato alla messa in comunicazione di no al foro di perforazione;acquiferi superficiali con quelli profondi; ● la posizione della perforazione dovrà essere garan- 3. rischio d’interferenza tra le sonde (o campo son- tita per quanto riguarda eventuali sottoservizi interrati.de) con l’assetto idrogeologico locale, in relazione agli Relativamente a perforazione di significativi stratiusi e alle utenze censite al momento della posa in protettivi o separanti, sia superficiali che profondi, nonopera della sonda in un intorno significativo; è ammesso che la sonda geotermica perfori la base 4. rischio correlato alla dinamica dei versanti: valuta- della falda freatica se l’acquifero sottostante può esse-zione del rischio di danneggiamento della sonda post re definito come isolato ed idoneo a scopo idropotabi-operam in aree franose. le. Qualora questo dovesse succedere dovrà essere Le sonde geotermiche non dovranno essere realizza- fermata la perforazione e, in caso di fuoriuscita dite nel caso vengano riscontrate le seguenti condizioni acque artesiane, quest’ultima dovrà essere bloccataal contorno: mediante misure idonee. Dovranno inoltre essere con- 1. l’esistenza di aree per la tutela dell’acqua ad uso tattati immediatamente l’Ufficio Provinciale competen-idropotabile, stabilite nello Strumento Urbanistico Co- te e ripristinata la funzione isolante di questi strati.munale e dalla Norme Provinciali e Regionali; Da parte del geologo incaricato, dovrà essere compi- 2. la possibile interferenza e la messa in comunica- lato un rapporto di perforazione secondo i parametri dizione di sistemi acquiferi differenti (falde freatiche cui sotto:con falde in pressione). 1. composizione stratigrafica del sottosuolo Nel seguito sono espletati gli adempimenti e le 2. afflusso di acque sotterranee livello di faldacaratteristiche inerenti alla captazione verticale. misurato 4.2.1 Permessi per le sonde geotermiche verticali 3. afflussi di acqua di falda e perdite di acque di Per la posa di sonde geotermiche verticali dovrà perforazioneessere consegnata prima dell’inizio lavori l’apposita 4. tipo di perforazione e dati tecnicinotifica all’Ufficio provinciale competente e p.c. al 5. utilizzo di rivestimentiComune dove ricade l‘intervento, la quale dovrà conte- 6. eventuali additivi utilizzatinere, tra l’altro, i seguenti elementi: 7. quantitativi di sospensione iniettata a pressione 1. Dati completi del richiedente; per il ritombamento del foro 2. Corografia con ubicazione del sito (1:25.000 8. avvenimenti particolari.oppure 1:50.000); Ogni 10 metri di perforazione e ad ogni cambiamen- 3. Piano catastale di ultima versione recante l’ubica- to di formazione andranno eseguiti prelievi di campio-zione del sito; ni rappresentativi di terreni di risulta della prima perfo- 4. Relazione tecnica idrogeologica (i contenuti di razione eseguita. I campioni dovranno essere conserva-questo elaborato verranno specificati con apposita nota). ti in contenitori idonei contrassegnati in modo univoco 4.2.2 Prescrizioni relative alla perforazione per un minimo di 60 giorni dalla fine dei lavori per Durante la perforazione dovrà essere evitata qualsia- eventuali verifiche da parte degli Uffici competenti.si conseguenza negativa per il suolo e sottosuolo. 4.2.3 Prescrizioni relative alla posa in opera delleDovranno essere implementate misure di sicurezza sonde geotermiche verticalirelative al rischio di perdite di olio della macchina Durante il ritombamento del foro di perforazione do-perforatrice nonché perdite di prodotti specifici per la vrà essere posta la massima attenzione a garantire unaperforazione (es. carburanti, lubrificanti, olii idraulici, impermeabilizzazione ottimale. Dovrà essere utilizzataadditivi). Occorrerà inoltre considerare che: una sospensione di cemento, acqua e bentonite che ● il terreno sotto la perforatrice dovrà essere protet- andrà iniettata a pressione mediante pompa a pistone odto mediante teli impermeabili e vasche di raccolta; altra stazione di pompaggio a partire dal fondo del foro ● in cantiere dovranno sempre essere a disposizione sino al piano campagna. Per ottenere una migliore condu-idonei prodotti olio assorbenti; cibilità termica potranno essere addizionati anche sabbia ● l’utilizzo di fluidi di perforazione non dovrà indur- quarzifera o polvere quarzifera. La composizione dovràre alcune conseguenze negative per il sottosuolo e per garantire, dopo l’indurimento, una struttura compatta,l’acqua di falda; duratura e stabile sia chimicamente che fisicamente. ● additivi dovranno essere evitati; qualora venisse- Le sonde geotermiche dovranno essere di polietilenero impiegati, dovranno essere completamente biodegra- ad alta densità (PE-HD) e senza suture tra testa e piede.dabili; La pressione nominale minima dovrà essere pari a
  • 201. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 203DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEPN16. I collegamenti al piede dovranno essere comple- cio Provinciale competente, ed ad altre autorità com-tati esclusivamente dal produttore oppure mediante petenti laddove richiesto, entro 30 giorni dalla fineappositi giunti termosaldati. lavori. Va consegnato un rapporto recante una dichia- La prova di tenuta dovrà essere eseguita, con acqua razione di conformità da parte dell’impresa esecutri-o con aria, come segue: ce. Nel caso che l’impianto superasse una capacità Prova di tenuta della sonda geotermica eseguita termica di 35 kWt, dovrà essere presentata una dichia-esclusivamente con aria (pressione di prova: minimo razione di conformità emessa da un tecnico abilitato10 bar; durata: minimo 1 ora; diminuzione di pressio- estraneo alla progettazione, e all’esecuzione dell’ope-ne tollerata: 0,2 bar; al raggiungimento della profondi- ra.tà di 80 metri deve essere aumentata la pressione di 4.2.7 Dimensionamento delle sonde geotermiche0,1 bar per ogni ulteriore metro di profondità). verticali Prova di tenuta della sonda geotermica ricolmata Dovrà basarsi su dati termotecnici di dettaglio (forni-interamente con acqua (pressione di prova: minimo 6 ti da termotecnico abilitato all’esercizio della profes-bar; durata: minimo 4 ore; diminuzione di pressione sione), quali:tollerata: 0,5 bar); Qualora un test di tenuta dovesse ● fabbisogno di potenza termica (KW);dare esito negativo la sonda difettosa dovrà essere ● fabbisogno di energia termica (Kwh/anno);ricolmata definitivamente con sospensione di cemen- ● dati di progetto (ore di funzionamento pompa dito, acqua e bentonite. Di ogni prova di tenuta dovrà calore/anno, tipologia del generatore, progetto impian-essere compilato un protocollo. In caso di perdite, il tistico).liquido delle sonde dovrà essere smaltito secondo la Gli elaborati di dimensionamento e la descrizionenormativa vigente e sostituito da una sospensione di dettagliata della metodologia applicata dovranno fa-cemento, acqua e bentonite. re parte integrante della relazione tecnica idrogeolo- 4.2.4 Organi di sicurezza delle sonde geotermiche gica. Eventuali varianti in corso d’opera sono consen-verticali tite nel caso in cui vengano riscontarti elementi Ogni singola sonda dovrà essere dotata di propria aggiuntivi non definibili in fase di progetto. Ognisaracinesca. variazione dovrà essere esplicitata nel rapporto fina- L’impianto dovrà essere dotato di manometro di le.sicurezza. 4.3 Fabbisogno termico 4.2.5 Prescrizioni relative alla posa delle condotte Laddove applicabile, il calcolo dell’energia termicadi collegamento nella captazione verticale deve essere stimato dalle bollette energetiche dei prece- Sono ammesse solo condotte in materiale plastico denti tre anni.prive di suture (PE-HD) resistente ad una pressione Nel caso non siano disponibili le bollette energeti-nominale minima pari a PN10. che dei precedenti tre anni, eccetto che per la produzio- La posa delle condotte di collegamento dovrà essere ne di acqua calda sanitaria per la quale sono riportatisvolta sotto costante sorveglianza da parte di un esper- dati indicativi di consumo energetico nella tabellato, in un letto di sabbia o calcestruzzo senza giunti a seguente, il calcolo dell’energia termica deve esserespinta ad una profondità minima di 1 metro dal piano stimato in fase di progetto.di campagna. Nel caso di impianti dedicati alla produzione di Dovranno essere programmate curvature di dilata- acqua calda sanitaria qualora non siano disponibili ozione sufficienti in aree a rischio di cedimento. rappresentativi, dati specifici sul consumo di acqua 4.2.6 Prescrizioni al completamento delle sonde calda sanitaria, i consumi energetici possono esseregeotermiche verticali valutati secondo le indicazioni riportate nella tabella Il completamento dovrà essere comunicato all’Uffi- seguente: NOTE Litri/giorno kcal/giorno MJ/giorno kWhth/giorno Litri/giorno procapite procapite procapite procapite procapiteAbitazione 50 1650 6,9 1,92 –Spogliatoi e bagni industrie 20 660 2,76 0,767 –Uffici 5 165 0,69 0,192 –Strutture recettive di tipo alberghiero 100 3300 13,82 3,84 Per stanzaPalestre 35 1155 4,84 1,34 Per utilizzatoreLavanderie 6 198 0,83 0,23 Per kg lavatoRistoranti 10 330 1,38 0,38 Per pastoBar 2 66 0,27 0,076 Per consumazione* Si ipotizza una temperatura dell’acqua di ingresso pari a 12˚ C e una temperatura dell’acqua di fornitura pari a 45˚ C.
  • 202. 204 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 4.4 Caratteristiche degli impianti stagionale Gli impianti dovranno in generale rispettare le pre- UNI EN 12178:2004 Impianti di refrigerazione escrizioni delle norme EN 12975-1, EN 12976-1, pompe di calore - Indicatori del livello del liquido -EN12977-1. In particolare: Requisiti, prove e marcatura ● Qualità dell’acqua: il sistema deve essere proget- UNI EN 12263:2000 Impianti di refrigerazione etato in modo da impedire la contaminazione dell’ac- pompe di calore - Dispositivi- interruttori di sicurezzaqua calda sanitaria contenuta nel boiler, per cui dovrà per la limitazione della pressione - Requisiti e proveavere opportuno trattamento anticorrosivo per idoneità UNI EN 12284:2004 Impianti di refrigerazione ealimentare tipo teflonatura, smaltatura vetrificazione o pompe di calore - Valvole - Requisiti, prove e marcaturautilizzo di acciaio inox. UNI EN 12309-1:2002 Apparecchi di climatizzazio- ● La resistenza al congelamento: il costruttore deve ne e/o pompe di calore ad assorbimento e adsorbimen-garantire, per le parti esterne, quanto necessario al mante- to, funzionanti a gas, con portata termica nominalenimento di una temperatura minima onde evitare ogni non maggiore di 70 kW - Sicurezzatipo di danneggiamento, descrivendo nella documentazio- UNI EN 12309-2:2002 Apparecchi di climatizzazio-ne a corredo i metodi utilizzati. Inoltre per le parti colloca- ne e/o pompe di calore ad assorbimento e adsorbimen-te all’interno, queste devono essere installate in luoghi to, funzionanti a gas, con portata termica nominalecon temperatura superiore ai 0˚C, qualora ciò non fosse non maggiore di 70 kW - Utilizzazione razionalepossibile, le parti stesse devono essere adeguatamente dell’energiaprotette. Il costruttore deve definire la composizione del UNI EN 13136:2004 Impianti di refrigerazione eliquido di scambio termico impiegato per il sistema. Ogni pompe di calore - Dispositivi di limitazione dellaprecauzione deve essere presa per tener conto del deterio- pressione e relative tubazioni - Metodi di calcoloramento del liquido antigelo utilizzato a seguito del fun- UNI EN 13136:2007 Impianti di refrigerazione ezionamento del sistema in condizioni di sovra-temperatu- pompe di calore - Dispositivi di limitazione dellara. Sono ammessi i seguenti additivi antigelo: glicole pressione e relative tubazioni - Metodi di calcoloetilenico (etan diolo), glicole propilenico (propan-1,2 dio- UNI EN 13313:2004 Impianti di refrigerazione elo), Cloruro di calcio (CaCl2), Alcool etilico (etanolo). pompe di calore - Competenza del personale ● È vietato l’utilizzo di inibitori della corrosione. UNI EN 14276-1:2006 Attrezzature a pressione perCondotte e valvole dovranno essere resistenti alla sistemi di refrigerazione e per pompe di calore - Partecorrosione. 1: Recipienti - Requisiti generali ● La prevenzione dalle inversioni del flusso: il UNI EN 14511-1:2004 Condizionatori, refrigeratorisistema deve essere dotato di protezioni idonee ad di liquido e pompe di calore con compressore elettricoimpedire inversioni di flusso che incrementerebbero le per il riscaldamento e il raffreddamento - Parte 1:perdite termiche. Termini e definizioni ● La resistenza alle sovra-pressioni: il sistema de- UNI EN 14511-1:2004 Condizionatori, refrigeratorive essere progettato in modo da non eccedere la di liquido e pompe di calore con compressore elettricomassima pressione stabilita per ogni suo componente. per il riscaldamento e il raffreddamento - Parte 1:Ogni circuito chiuso del sistema deve essere dotato di Termini e definizionivalvola di sicurezza. UNI EN 14511-3:2004 Condizionatori, refrigeratori ● La sicurezza elettrica: tutte le parti elettriche in di liquido e pompe di calore con compressore elettricodotazione al sistema devono essere conformi alle nor- per il riscaldamento e il raffreddamento - Parte 3:mative elettriche vigenti. Metodi di prova ● Gli equipaggiamenti di sicurezza: le valvole di UNI EN 14511-4:2004 Condizionatori, refrigeratorisicurezza utilizzate devono essere idonee alle condizio- di liquido e pompe di calore con compressore elettriconi operative del sistema. per il riscaldamento e il raffreddamento - Parte 4: 4.5 Pompe di calore – Norme tecniche da adottare Requisiti Per entrambe le soluzioni di captazione orizzontale UNI CEN/TS 14825:2004 Condizionatori, refrigera-e verticale si riportano di seguito le norme tecniche da tori di liquido e pompe di calore con compressoreadottare per le pompe di calore per renderle il più elettrico per riscaldamento e raffreddamento - Prove epossibile sicure sotto il profilo dell’efficienza energeti- valutazione delle caratteristiche a carico parzialeca e della funzionalità degli impianti, salvaguardando UNI EN 1736:2001 Impianti di refrigerazione enel contempo i vari risvolti ambientali. pompe di calore - Elementi flessibili di tubazione, UNI 10963:2001 Condizionatori d’aria, refrigerato- isolatori di vibrazioni e giunti di dilatazione - Requisi-ri d’acqua e pompe di calore – Determinazione delle ti, progettazione ed installazioneprestazioni a potenza ridotta UNI EN 255-3:1998 Condizionatori, refrigeratori di UNI 11135:2004 Condizionatori d’aria, refrigerato- liquido e pompe di calore con compressore elettrico -ri d’acqua e pompe di calore – Calcolo dell’efficienza Riscaldamento - Prove e requisiti per la marcatura
  • 203. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 205DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEdelle apparecchiature per acqua calda per uso sanitario integrato: è l’impianto i cui moduli sono posizionati su UNI EN 378-1:2003 Impianti di refrigerazione e un edificio secondo le modalità riportate nella Tabellapompe di calore - Requisiti di sicurezza ed ambientali 1 del presente allegato; A livello internazionale si segnalano le seguenti c. la potenza nominale (o massima, o di picco, o dinorme ISO: targa) del generatore fotovoltaico è la potenza determi- ISO 13256-1:1998 Water-source heat pumps -- Te- nata dalla somma delle singole potenze nominali (osting and rating for performance -- Part 1: Water to-air massime, o di picco o di targa) di ciascun moduloand brine-to-air heat pumps costituente il generatore fotovoltaico, misurate nelle ISO 1 3256-2:1998 Water-source heat pumps -- condizioni nominali come definite alla lettera e;Testing and rating for performance -- Part 2: Water-to- d. condizioni nominali sono le condizioni di provawater and brine-to-water heat pump dei moduli fotovoltaici nelle quali sono rilevate le Per qualunque impianto geotermico vanno fatte sal- prestazioni dei moduli stessi, secondo un protocollove, ove più restrittive e/o più performanti, le specifi- definito dalle norme CEI EN 60904-1;che indicazioni contenute nelle normative regionali. e. il gruppo di conversione è l’apparecchiatura elet- In relazione all’evoluzione della normativa tecnica tronica che converte la corrente continua (fornita dain materia, a cui è necessario fare riferimento, si generatore fotovoltaico) in corrente alternata per lainforma che sul sito internet www.cti2000.it del Comi- connessione alla rete;tato Termotecnico Italiano è disponibile l’elenco ag- f. l’energia elettrica prodotta da un impianto foto-giornato della normativa tecnica nazionale (UNI) ed voltaico è l’energia elettrica misurata all’uscita deleuropea (CEN) in materia di impianti geotermici a gruppo di conversione della corrente continua in cor-bassa entalpia, standard che meglio dettagliano le rente alternata, ivi incluso l’eventuale trasformatore,modalità di realizzazione ed esercizio di tali impianti. prima che essa sia resa disponibile alle utenze elettri- che del soggetto responsabile e/o immessa nella rete Allegato c7 elettrica. PRESCRIZIONI MINIME DA RISPETTARE PER LA Tabella 1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Qualora sia presente una balaustraINTEGRATI O PARZIALMENTE INTEGRATI AGLI EDIFICI perimetrale, la quota massima, riferita E CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI POTENZA Moduli fotovoltaici all’asse mediano dei moduli fotovoltai- NOMINALE (P) COMPRESA TRA 1 kWp E 40 kWp installati su tetti pia- ci, deve risultare non superiore all’al- 1 ni ovvero su copertu- tezza minima della stessa balaustra. re con pendenze fi- Qualora non sia presente una balau- SCOPO no a 5˚. stra perimetrale l’altezza massima dei Lo scopo della presente specifica è quello di fornire moduli rispetto al piano non deve su-le indicazioni di massima e di normativa da rispettare perare i 30 cm.per la realizzazione di impianti fotovoltaici di nuova I moduli devono essere installati in Moduli fotovoltaicicostruzione, non a concentrazione, di potenza nomina- modo complanare alla superficie del 2 installati su tetti a tetto con o senza sostituzione dellale non inferiore a 1 kWp e non superiore a 40 kWp, falda. medesima superficie.parzialmente integrati o integrati negli edifici, collega- Moduli fotovoltaiciti alla rete elettrica o a piccole reti isolate. I moduli devono essere installati in installati su tetti Il presente documento, pertanto, non è esaustivo ai modo complanare al piano tangente o 3 aventi caratteristi- ai piani tangenti del tetto, con unafini di un eventuale affidamento delle opere di fornitu- che diverse da quelli tolleranza di più o meno 10 gradi.ra, installazione e collegamento alla rete degli impianti di cui ai punti 1 e 2.in oggetto. Moduli fotovoltaici I moduli sono collegati alla facciata al 1. DEFINIZIONI 4 installati in qualità fine di produrre ombreggiamento e di frangisole. schermatura di superfici trasparenti. a. Un impianto fotovoltaico è un impianto di produ-zione di energia elettrica mediante conversione diretta I moduli devono essere installati in modo complanare alla superficie del-della radiazione solare, tramite l’effetto fotovoltaico; l’elemento con o senza sostituzioneesso è composto principalmente: da un insieme di Moduli fotovoltaici della medesima superficie. 5 installati balaustre e Per le finestre integrano le superficimoduli fotovoltaici (generatore fotovoltaico), nel se- su facciate, i moduli fotovoltaiciguito denominati anche moduli, collegati in serie/paral- finestre, sostituiscono o parapetti di edifici vetrate delle finestre stesse.lelo; da uno o più gruppi di conversione della corrente Per le persiane i moduli fotovoltaicicontinua in corrente alternata; da altri componenti costituiscono gli elementi strutturalielettrici minori; ogni singolo impianto fotovoltaico è delle persiane stesse.caratterizzato da un unico punto di connessione alla Non rientrano nella definizione di edificio le pergole, le serre, lerete elettrica; tettoie, le pensiline, le barriere acustiche e le strutture tempora- b. impianto fotovoltaico parzialmente integrato o nee comunque denominate.
  • 204. 206 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE 2. NORMATIVA E LEGGI DI RIFERIMENTO recchiature con corrente di ingresso < = 16 A per I moduli fotovoltaici devono essere provati e verifi- fase);cati da laboratori accreditati, per le specifiche prove CEI EN 60555-1 (CEI 77-2): Disturbi nelle reti dinecessarie alla verifica dei moduli, in conformità alla alimentazione prodotti da apparecchi elettrodomesticinorma UNI CEI EN ISO/IEC 17025. e da equipaggiamenti elettrici simili - Parte 1: Defini- Tali laboratori devono essere accreditati da Organi- zioni;smi di certificazione appartenenti all’EA (European CEI EN 60439 (CEI 17-13): Apparecchiature assie-Accreditation Agreement) o che abbiano stabilito ac- mate di protezione e di manovra per bassa tensionecordi di mutuo riconoscimento con EA o in ambito (quadri BT), serie composta da:ILAC (International Laboratory Accreditation Coope- CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1): Apparecchiatureration). soggette a prove di tipo (AS) e apparecchiature parzial- Gli impianti fotovoltaici devono essere realizzati mente soggette a prove di tipo (ANS);con componenti che assicurino l’osservanza delle pre- CEI EN 60439-2 (CEI 17-13/2): Prescrizioni par-stazioni descritte nella Guida CEI 82-25. ticolari per i condotti sbarre; Gli impianti fotovoltaici e i relativi componenti CEI EN 60439-3 (CEI 17-13/3): Prescrizioni par-devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni ticolari per apparecchiature assiemate di protezione econtenute nelle seguenti norme tecniche, comprese di manovra destinate ad essere installate in luoghieventuali varianti, aggiornamenti ed estensioni emana- dove personale non addestrato ha accesso al loro uso -te successivamente dagli organismi di normazione cita- Quadri di distribuzione (ASD);ti: CEI EN 60445 (CEI 16-2): Principi base e di sicu- CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione rezza per l’interfaccia uomo-macchina, marcatura enominale non superiore a 1000 V in corrente alternata identificazione - Individuazione dei morsetti e deglie a 1500 V in corrente continua; apparecchi e delle estremità dei conduttori designati e CEI 11-20: Impianti di produzione di energia elettri- regole generali per un sistema alfanumerico;ca e gruppi di continuità collegati a reti di I e II CEI EN 60529 (CEI 70-1): Gradi di protezionecategoria; degli involucri (codice IP); CEI EN 60904-1 (CEI 82-1): Dispositivi fotovoltai- CEI EN 60099-1 (CEI 37-1): Scaricatori - Parte 1:ci Parte 1: Misura delle caratteristiche fotovoltaiche Scaricatori a resistori non lineari con spinterometri pertensione-corrente; sistemi a corrente alternata; CEI EN 60904-2 (CEI 82-2): Dispositivi fotovoltai- CEI 20-19: Cavi isolati con gomma con tensioneci - Parte 2: Prescrizione per le celle fotovoltaiche di nominale non superiore a 450/750 V;riferimento; CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro con CEI EN 60904-3 (CEI 82-3): Dispositivi fotovoltai- tensione nominale non superiore a 450/750 V;ci - Parte 3: Principi di misura per sistemi solari CEI EN 62305 (CEI 81-10): Protezione contro ifotovoltaici per uso terrestre e irraggiamento spettrale fulmini, serie composta da:di riferimento; CEI EN 62305-1 (CEI 81-10/1): Principi genera- CEI EN 61727 (CEI 82-9): Sistemi fotovoltaici li;(FV) - Caratteristiche dell’interfaccia di raccordo con CEI EN 62305-2 (CEI 81-10/2): Valutazione della rete; rischio; CEI EN 61215 (CEI 82-8): Moduli fotovoltaici in CEI EN 62305-3 (CEI 81-10/3): Danno materialesilicio cristallino per applicazioni terrestri. Qualifica alle strutture e pericolo per le persone;del progetto e omologazione del tipo; CEI EN 62305-4 (CEI 81-10/4): Impianti elettri- CEI EN 61646 (CEI 82-12): Moduli fotovoltaici ci ed elettronici interni alle strutture;(FV) a film sottile per usi terrestri - Qualifica del CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a terraprogetto e approvazione di tipo; per anno e per chilometro quadrato; CEI EN 50380 (CEI 82-22): Fogli informativi e dati CEI 0-2: Guida per la definizione della documenta-di targa per moduli fotovoltaici; zione di progetto per impianti elettrici; CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di CEI 0-3: Guida per la compilazione della dichiara-generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di zione di conformità e relativi allegati per la legge n.Media e Bassa tensione; 46/1990; CEI EN 62093 (CEI 82-24): Componenti di sistemi UNI 10349: Riscaldamento e raffrescamento deglifotovoltaici - moduli esclusi (BOS) - Qualifica di edifici. Dati climatici;progetto in condizioni ambientali naturali; CEI EN 61724 (CEI 82-15): Rilievo delle prestazio- CEI EN 61000-3-2 (CEI 110-31): Compatibilità ni dei sistemi fotovoltaici. Linee guida per la misura,elettromagnetica (EMC) - Parte 3: Limiti - Sezione lo scambio e l’analisi dei dati;2: Limiti per le emissioni di corrente armonica (appa- CEI 13-4: Sistemi di misura dell’energia elettrica -
  • 205. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 207DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEComposizione, precisione e verifica; Nell’ambito del regime di scambio dell’energia elet- CEI EN 62053-21 (CEI 13-43): Apparati per la trica, si applica la deliberazione ARG/elt 74/08 del-misura dell’energia elettrica (c.a.) - Prescrizioni parti- l’Autorità per l’energia elettrica e il gas: “Testo inte-colari - Parte 21: Contatori statici di energia attiva grato delle modalità e delle condizioni tecnico-econo-(classe 1 e 2); miche per lo scambio sul posto (TISP)” e successive EN 50470-1 ed EN 50470-3 in corso di recepimento modifiche ed integrazioni.nazionale presso CEI; I riferimenti di cui sopra possono non essere esausti- CEI EN 62053-23 (CEI 13-45): Apparati per la vi. Ulteriori disposizioni di legge, norme e deliberazio-misura dell’energia elettrica (c.a.) - Prescrizioni parti- ni in materia, purché vigenti al momento della pubbli-colari - Parte 23: Contatori statici di energia reattiva cazione della presente specifica, anche se non espressa-(classe 2 e 3); mente richiamate, si considerano applicabili. CEI 64-8, parte 7, sezione 712: Sistemi fotovoltaici Qualora le sopra elencate norme tecniche sianosolari (PV) di alimentazione; modificate o aggiornate, si applicano le norme più CEI 0-16: Regola tecnica di riferimento per la recenti.connessione di utenti attivi e passivi alle reti AT ed Gli impianti fotovoltaici e i relativi componenti, oltreMT delle imprese distributrici di energia elettrica a dover essere conformi alle norme sopra richiamate, IEC 60364-7-712 Electrical installations of buildin- devono essere realizzati con componenti di nuova costru-gs - Part 7-712: Requirements for special installations zione o comunque non già impiegati in altri impianti.or locations Solar photovoltaic (PV) power supply Per la connessione degli impianti fotovoltaici allasystems. rete elettrica si applica quanto prescritto nella Delibe- Nel caso di impianti fotovoltaici realizzati con modu- razione n. 99/08 (Testi Integrato delle Connessionili e componenti speciali sviluppati specificatamente per Attive) dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas esostituire elementi architettonici di edifici (integrazione successive modifiche e integrazioni. Si applicanoarchitettonica), in deroga alle certificazioni sopra richie- inoltre, per quanto compatibili con le norme sopraste, sono ammessi moduli fotovoltaici non certificati citate, i documenti tecnici emanati dai gestori disecondo le norme CEI EN 61215 (per moduli in silicio rete.cristallino) o CEI EN 61646 (per moduli a film sottile) 3. GARANZIEnel solo caso in cui non siano commercialmente dispo- L’intero impianto deve godere di una garanzia nonnibili dei prodotti certificati che consentano di realizza- inferiore a due anni a far data dal collaudo dell’impian-re il tipo di integrazione progettato per lo specifico to stesso, mentre i moduli fotovoltaici devono godereimpianto. In questo caso è richiesta una dichiarazione di una garanzia non inferiore a 12 anni.del costruttore che il prodotto è progettato e realizzatoper poter superare le prove richieste dalle norme CEI ALLEGATO DEN 61215 o CEI EN 61646. La dichiarazione dovràessere supportata da certificazioni rilasciate da un labo- TABELLA COSTI UNITARI MASSIMI AMMISSIBILIratorio accreditato, ottenute su moduli similari. Talelaboratorio dovrà essere accreditato EA (European Ac- Solare termicocreditation Agreement) o dovrà aver stabilito accordi di Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusamutuo riconoscimento con EA o in ambito ILAC. 15 m2 < S ≤ 15 m2 < S ≤ DPR 547/55 e il D.Lgs. 626/94 e successive modifi- S ≤ 15 m2 70 m2 200 m2cazioni, per la sicurezza e la prevenzione degli infortu- €/m 2 €/m 2 €/m2ni sul lavoro; Piani vetrati 900,00 750,00 650,00 Legge 46/90 e DPR 447/91 (regolamento di attuazio-ne della legge 46/90) e successive modificazioni, per Sottovuoto 1.050,00 850,00 750,00la sicurezza elettrica; La superficie di calcolo S (m2) è la superficie di apertura. Delibera n. 90/07 dell’Autorità per l’energia elettri-ca e il gas dell’11 aprile 2007 “Attuazione del decreto Nel caso di raffrescamento solare realizzato trami-del ministro dello sviluppo economico, di concerto te macchine frigorifere ad assorbimento e ad adsorbi-con il ministro dell’ambiente e della tutela del territo- mento alimentate dalla fonte termica del campo sola-rio e del mare 19 febbraio 2007, ai fini dell’incentiva- re, verrà riconosciuto un costo unitario massimozione della produzione di energia elettrica mediante ammissibile, aggiuntivo a quello riferito alla compo-impianti fotovoltaici”; nente solare, pari a 600,00 € /kWf (euro per kilowatt Delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas frigorifero), IVA esclusa. Il massimale del finanzia-n. 88/07; mento agevolato per il solo gruppo di refrigerazione Delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas è, in tal caso, pari al prodotto tra la potenza frigorife-n. 89/07. ra installata in kWf, il costo unitario massimo ammis-
  • 206. 208 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDEsibile di 600,00 €/kWf e la percentuale di agevolazio- Micro-Cogenerazione diffusane. Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa Tale massimale del finanziamento agevolato è da 10 kWe < P 10 kWe < Pintendersi aggiuntivo a quello della componente sola- P ≤ 10 kWe ≤ 20 kWe ≤ 50 kWere, come calcolato al precedente punto 4 del presente €/kWe €/kWe €/kWeTitolo, e non può essere superiore a 30.000,00 Euro Gas naturale 3.000,00 2.500,00 2.000,00(IVA esclusa) moltiplicato per la percentuale di agevo-lazione. Biomassa vegetale 9.000,00 8.000,00 7.000,00 Nel caso di raffrescamento solare realizzato tramite solidamacchine “DEC – Desiccant and Evaporative Coo- Biocombustibililing” alimentate dalla fonte termica del campo solare, liquidi 4.000,00 3.000,00 2.500,00verrà riconosciuto un costo unitario massimo ammissi- biogas 3.000,00 2.500,00 2.000,00bile, aggiuntivo a quello riferito alla componente sola-re, pari a 10,00 € per m3/ora (€ /(m3/h)) di portata P: potenza nominale dell’impianto.nominale dell’unità di trattamento aria, IVA esclusa. Ilmassimale del finanziamento agevolato per il solo I costi unitari massimi ammissibili per gli impiantigruppo di refrigerazione è, in tal caso, pari al prodotto alimentati con combustibile ibrido gas naturale-bio-tra la portata nominale dell’unità di trattamento aria in massa (solida, liquida e gassosa) verranno calcolatim3/ora, il costo unitario massimo ammissibile di mediando i valori in tabella sulla base della tecnologia10,00 € per m3/ora e la percentuale di agevolazione. associata e delle energie producibili dai singoli combu-Tale massimale del finanziamento agevolato è da inten- stibili.dersi aggiuntivo a quello della componente solare, Qualora fosse prevista, in combinazione alla produ-come calcolato al precedente punto 4 del presente zione di elettricità e calore, la produzione di freddo,Titolo, e non può essere superiore a 100.000,00 Euro prodotto utilizzando macchine frigorifere alimentate(IVA esclusa) moltiplicato per la percentuale di agevo- dalla fonte termica del microcogeneratore, i costi unita-lazione. ri massimi ammissibili in tabella sono aumentati del 20%.EolicoCosti unitari massimi ammissibili IVA esclusa Motori elettrici Costo unitario massimo ammissibile IVA esclusa: 1 kWp ≤ P ≤ 5 kWp < P ≤ 10 kWp < P ≤ 50 kWp < P ≤ 5 kWp 10 kWp 50 kWp 200 kWp 7.500,00 euro per motore €/kWp €/kWp €/kWp €/kWp Fotovoltaico 4.500,00 3.000,00 2.500,00 2.000,00 Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusaP: potenza nominale dell’impianto 1 kWp ≤ P ≤ 40 kWp €/kWpBiomasse termico alimentato a pellets o a cippato 4.000 €/kWp per le tecnologie “tradizionali” (*)Costi unitari massimi ammissibili IVA esclusa 6.500,00 €/kWp per le tecnologie “innovative” (**) 50 kWt ≤ P ≤ 100 100 kWt < P ≤ 300 kWt < P ≤ P: potenza nominale dell’impianto. kWt 300 kWt 450 kWt (*) “impianti solari fotovoltaici” di cui al titolo II del DM del 6 €/kWt €/kWt €/kWt agosto 2010 recante “Incentivazione alla produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare” 450,00 350,00 300,00 (**) “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovati- ve” e “impianti fotovoltaici a concentrazione” di cui all’art. 2,P: potenza nominale dell’impianto in kW termici (KWt) lettere f) ed r) del DM del 6 agosto 2010Mini-idroelettricoCosti unitari massimi ammissibili IVA esclusa 1 kWp ≤ P ≤ 10 10 kWp < P ≤ 50 50 kWp < P ≤ 200 kWp kWp kWp €/kWp €/kWp €/kWp 11.000,00 9.000,00 7.000,00P: potenza nominale dell’impianto
  • 207. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 209DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE ALLEGATO E
  • 208. 210 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 209. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 211DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 210. 212 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 211. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 213DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 212. 214 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 213. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 215DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 214. 216 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 215. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 217DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 216. 218 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 217. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 219DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 218. 220 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 219. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 221DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 220. 222 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 221. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 223DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 222. 224 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 223. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 225DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 224. 226 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 225. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 227DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 226. 228 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 227. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 229DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 228. 230 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 229. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 231DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 230. 232 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 231. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 233DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 232. 234 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 233. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 235DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 234. 236 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 235. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 237DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 236. 238 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 237. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 239DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 238. 240 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 239. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 241DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 240. 242 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 241. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 243DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 242. 244 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 243. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 245DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 244. 246 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 245. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 247DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 246. 248 marzo 2012 EDILIZIA E TERRITORIODOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 247. EDILIZIAE TERRITORIO marzo 2012 249DOSSIER FONDO KYOTO PER L’ENERGIA VERDE
  • 248. 250 mar