Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
  • Save
Rainbow Anti regole_Legalità in gioco
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Rainbow Anti regole_Legalità in gioco

  • 3,030 views
Published

Elaborato di Tommaso Rossi, IA, a.s. 2012-13 Ist. Compr. "San Vito", San Vito Romano (Rm) per il progetto "A scuola di legalità"

Elaborato di Tommaso Rossi, IA, a.s. 2012-13 Ist. Compr. "San Vito", San Vito Romano (Rm) per il progetto "A scuola di legalità"

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
3,030
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
25

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. RAINBOW ANTI-REGOLEOVVEROLA LEGALITA’ IN GIOCOElaborato di Tommaso RossiIA, a.s. 2012-13Ist. Compr. “San Vito”, san Vito Romano (Rm)
  • 2. Cera una volta, un parcogiochi di nome Rainbow Anti-Regole, giàdal nome si capisce che storia ne uscirà fuori.
  • 3. Ai grandi portoni del parco,una montagna di macerie,forse di edifici a pezzi,sovrastava il terreno,creando unatmosfera tetracome una selva oscura emiasmatica come unadiscarica. Dei gabbianifrugavano tra le macerie,ma invano. Qua e là tra icumuli di ogni cosa,danzavano, come farfalle,dei bambini allegri. Ma nonvi fate ingannare dallaapparenza: non avevanonientaltro da fare se nondistruggere il parco!
  • 4. Al centro del parco, dei piccolidiscount si riempivano ad ogni ora digente: ognuno mangiava quel chevoleva senza pagare né chiedereniente a nessuno! Del resto, cosa viaspettavate a RainBow Anti-Regole?Sulle vetrine, infatti, i proprietariavevano appeso il cartello: "TornoSubito. O Forse Mai". Chissàperchè... Allintorno, si notavanoanche dei piccoli negozietti dovetutto era rotto, gli oggetti, i gadget,le bambole, anche perchè ilcommesso era sparito nel nulla.Verso i muri bigidellentrata,troneggiava unamontagna di spazzatura da smaltire.
  • 5. -Dai birbanti, chestiamo facendo quifermi? Andiamo adistruggere laMystica e lo Shock!Chi è con me?-Io! Sono Birciante,io rompo leimpalcature!-Io rompo i sedilidello Shock e dellaMistyca!-Non è giusto, lovoglio rompere io!-Perchè deviprendere tutto ilmerito tu?
  • 6. Pugni, calci nel didietro,volano allinfinito lescarpe e le giostre.-Non è giusto! Vogliodistruggere anchioqualcosa!!-Cosa non è giusto? Velo dico io cosa non ègiusto! Non è giustotutto quello che stiamofacendo! Basta! Diamociuna regolata! Cavoli nonsi può continuare cosi!
  • 7. -Si è vero! Andiamo tutti al palazzo della giustizia!-Giusto andiamo!E cosi tutti i ragazzi e le mamme, nere come la pece, sidiressero verso il Palazzo della giustizia di Disastropoli.
  • 8. Si crearono le seguentiregole:-Non rovinare legiostre per garantire laperfetta godibilità delparco giochi,-Migliorare i negozi ele entrate principali-Rifornire i discount-Assicurare le giostre-Pulire il parco-Non insultare irivenditori nei varinegozi-Creare i limiti di etàper le giostre
  • 9. Chi cominciò a ripulire il parco, chi cominciò a assicurare legiostre e cosi via.Infine, il sindaco di Legalitopoli diede un nuovo nome al parco:da Rainbow Anti-Regole a Rainbow MagicLand!
  • 10. Immagini liberamente tratte dal web