Fotografie ed elaborazioni originali di  Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la foto 2
Sulla base di reperti archeologici, i primi insediamenti nella regione fanno risalire Maratea all'epoca paleolitica. Nel 1...
Scorci incantevoli dappertutto
 
 
Come è giusto,abbondano i negozietti per turisti
 
 
La piazzetta è molto pittoresca
La chiesa presenta una facciata monumentale, che insieme alla colonna votiva a San Biagio, chiude la quinta scenografica d...
Il caratteristico campanile, con cupola moresca, è attraversato alla base da un  angiporto .
 
Colonna votiva a S. Biagio
L’interno della chiesa, rimaneggiato e restaurato spesse volte fino a pochi anni fa, appare oggi decorato in stucco second...
 
 
 
 
 
 
 
 
l’ Annunciazione , attribuita a Simone da Firenze, pittore toscano operante in  Basilicata  nel  XVI secolo . L’opera, di ...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sopra l’ingresso alloggia un affresco, datato al  XVII secolo , che raffigura la scena dell’Annunciazione
 
La Chiesa Madre
 
Chiesa dell’ Immacolata
 
 
 
 
Edicola Pendinata
 
 
 
 
Vi garantisco che per me è stata dura arrivarci. La pendenza è indescrivibile
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Breve pausa ristoratrice in piazzetta
Un altro sguardo alla costa sottostante
Guardando in alto la nostra prossima meta. Il Cristo e S.Biagio by  Aflo [email_address]
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Maratea il borgo

686 views

Published on

Il magnifico Borgo di Maratea Aflo

Published in: Education, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
686
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Maratea il borgo

  1. 1. Fotografie ed elaborazioni originali di Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la foto 2
  2. 2. Sulla base di reperti archeologici, i primi insediamenti nella regione fanno risalire Maratea all'epoca paleolitica. Nel 15 ° nel 14 ° secolo aC,era un villaggio cresciuto in cima al promontorio che si chiama La Timpa. Questo era un piccolo centro commerciale, e la sua esistenza è documentata fino al 2 ° secolo aC, quando i Romani conquistarono la Lucania.Durante l’ epoca romana, la regione continua ad essere un centro commerciale: sul fondo del mare nei pressi dell'isola di Santo Janni decine di ancore antiche sono state trovato, e questi sono ora in mostra nel locale museo.Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, nel sud Italia divenne parte dell'Impero bizantino, a partire dalle guerre gotiche (6 ° secolo). Dal 7 ° secolo, il Mar Tirreno passò sotto il controllo dei Saraceni, che saccheggiarono numerose città. Quindi, per ragioni di sicurezza, gli abitanti locali si trasferirono sulle alture del Monte San Biagio, dove hanno costruito il cosiddetto Castello, un po 'centre fortificato urbano . Nel732 una nave, in fuga dalla persecuzione religiosa di Leone III l'Isaurico, ha portato le sacre spoglie di San Biagio a Maratea, che in seguito divenne il santo patrono della città. I resti del Santo sono conservate nella Basilica di Maratea, che è costruita su un antico tempio di Minerva.Nel 1077 Maratea, insieme al resto del Mezzogiorno d'Italia, fu conquistata dai Normans.Nell'11-12 ° secolo, in quanto il Castello non poteva più ospitare la popolazione in aumento, alcune delle persone di Maratea decisero di fondare un nuovo centro urbano, storicamente chiamato il Borgo  Oggi l'antico Borgo è il principale centro urbano di Maratea. In considerazione del rischio di attacchi saraceni, il Borgo era situato dietro il Monte San Biagio, in modo che non poteva essere visto dal mare.Nel 1282 liniziò a guerra dei Vespri Siciliani i, in cui le case di Angioini e Aragonesi combatterono per il controllo del Regno di Napoli. La guerra finì nel 1302, ma la disputa continuò per un altro secolo. Tra il 1302 e il 1496, grazie alla sua fedeltà alla casa reale, Maratea ha ricevuto numerosi attestati di autonomia. Il Castello fu messo sotto assedio nel 1441, da Lauria (una città vicina), e nel 1495 dai soldati angioini. In entrambe le occasioni ha resistito con successo.Dal 1566-1595, sei torri, furono costruite lungo la costa, per proteggere i nuovi villaggi che si era sviluppata nel frattempo: Acquafredda, Cersuta e Porto.Il 2 Mag 1676 il villaggio di Borgo è stato assediata da 160 banditi. Tuttavia, le guardie del Castello uccise il capo bandito e catturò il resto del banda.Nel 18 ° secolo Maratea entrò in un periodo di progresso e prosperità, il 12 aprile 1734 il primo ospedale della Basilicata è stata aperta nella città. Molte delle cosiddette 44 chiese sono state costruite nel corso di questo periodo.Quando Napoleone Bonaparte si proclamò re di Napoli, Maratea è stata una delle poche città che non ha accettato la supremazia francese. Nel mese di agosto 1806 la vicina città di Lauria, i cui cittadini anche rifiutarono di riconoscere Napoleone, fu incendiata dal generale André Masséna.Alessandro Mandarini, sindaco di Maratea e comandante del suo castello, credendo che Maratea sarebbe stato il prossimo obiettivo, evacuò gli abitanti in Sicilia. Al Mandarini era stato promesso aiuto da parte dell'esercito inglese, e rimase, con soli 1.000 uomini, per difendere il castello e la città. Dopo tre giorni sotto assedio, Mandarini, che non ricevette alcun aiuto dagli inglesi, fu costretta ad arrendersi (10 dicembre 1806). In segno di grande ammirazione per la coraggiosa resistenza, i francesi risparmiarono la vita dei ribelli, ma ordinò loro di abbattere le mura del castello. Quest'ultimo fu lentamente abbandonata durante lil secolo. Dopo1820 il ritorno della Casa di Borbone sul trono di Napoli, ha sviluppato un movimento che avrebbe portato alla unificazione politica della penisola. Nel 1848, uno dei suoi leader, il rivoluzionario Costabile Carducci, fu ucciso dopo di essere stato cacciati dal militia. Nel1861 l'Italia era finalmente unita. Tuttavia, in questo momento Maratea soffriva di povertà estrema, in comune con il resto della Basilicata. Molti dei suoi abitanti emigrarono negli Stati Uniti o in Venezuela, e con il loro aiuto economico Maratea fu collegata alla rete ferroviaria nel 1894, costruì il suo primo acquedotto nel 1902, il collegamento elettrico dal 1924, e le strade asfaltate collegava la Città Vecchia con il quartieri periferici, sulla costa nel 1930.Grazie all'aiuto di Stefano Rivetti, un industriale italiano, nel 1950 la situazione economica di Maratea migliorò: fabbriche (un mulino in legno e una zona industriale) e molti alberghi furono aperti.
  3. 3. Scorci incantevoli dappertutto
  4. 6. Come è giusto,abbondano i negozietti per turisti
  5. 9. La piazzetta è molto pittoresca
  6. 10. La chiesa presenta una facciata monumentale, che insieme alla colonna votiva a San Biagio, chiude la quinta scenografica del corso del Borgo marateota..
  7. 11. Il caratteristico campanile, con cupola moresca, è attraversato alla base da un angiporto .
  8. 13. Colonna votiva a S. Biagio
  9. 14. L’interno della chiesa, rimaneggiato e restaurato spesse volte fino a pochi anni fa, appare oggi decorato in stucco secondo le linee dello stile barocco .
  10. 23. l’ Annunciazione , attribuita a Simone da Firenze, pittore toscano operante in Basilicata nel XVI secolo . L’opera, di eccellente fattura, richiama l’iconografia dell’opera leonardesca .
  11. 35. Sopra l’ingresso alloggia un affresco, datato al XVII secolo , che raffigura la scena dell’Annunciazione
  12. 37. La Chiesa Madre
  13. 39. Chiesa dell’ Immacolata
  14. 44. Edicola Pendinata
  15. 49. Vi garantisco che per me è stata dura arrivarci. La pendenza è indescrivibile
  16. 59. Breve pausa ristoratrice in piazzetta
  17. 60. Un altro sguardo alla costa sottostante
  18. 61. Guardando in alto la nostra prossima meta. Il Cristo e S.Biagio by Aflo [email_address]

×