Iveco: avanzare senza calpestare

863 views

Published on

Published in: Automotive, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
863
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Iveco: avanzare senza calpestare

  1. 1. Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino – Italia www.iveco.com Pubblicazione: IST.071008 Ottobre 2007 I dati contenuti in questa pubblicazione sono puramente indicativi e non vincolanti. AVANZARE SENZA CALPESTARE MOBILITÀ SOSTENIBILE
  2. 2. RISPETTO FERMARE IL MOVIMENTO FERMEREBBE LA VITA. OGGI PERÒ… Oggi la mobilità non può venir meno ai principi della sostenibilità: “soddi- sfare le esigenze del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare le loro”. Questo patto generazionale che coinvolge un numero così alto di fattori e aspetti così diversi della società potrà avere successo? Diciamo pure che dovrà, e molto in fretta. Le vittime dei nostri errori non nasce- ranno in un remoto futuro ma vivono già con noi, vanno all’asilo se non al liceo. La mobilità sostenibile non è per i posteri. È per i figli. 2 3
  3. 3. TRASPORTO. Che le persone debbano coprire grandi distan- Questo impoverimento di una specifica risorsa SUSTAINABILITY ze per andare a scuola, al lavoro o a divertirsi, naturale è in contrasto con un requisito base CAUSA ED EFFETTO potrebbe essere evitato con una migliore pro- della sostenibilità: che nessuna generazione “To meet the needs of the present without compromising the gettazione del territorio, anche se questo ideale erediti minori ricchezze umane e naturali di DELLO SVILUPPO. sembra poco praticabile su vasta scala. quella precedente. ability of future generations to meet their needs”. (Bruntland Commission, 1987) Per le merci invece lo spostamento è strettamente Ma è più che compensato dal fatto che noi stiamo connesso con lo sviluppo economico, è un aspetto diventando sempre più abili nel ricavare combu- Le merci devono viaggiare essenziale della vita moderna in un mondo compe- stibili da prodotti naturali di per sé rinnovabili: SUSTAINABLE Energy consumption Safety ma le risorse titivo. Le merci si spostano secondo il bisogno e le biogas dai rifiuti vegetali, carburanti dalle biomas- MOBILITY attività del trasporto reagiscono di conseguenza. se e così via. Pollution che consumano Economics si possono rinnovare. Attualmente tutti i tipi di trasporto utilizzano In questo modo il trasporto diventa sostenibile. SUSTAINABLE combustibili fossili, che non sono rinnovabili nel Da un lato crea valore, dall’altro consuma risorse Waste DEVELOPMENTS futuro dell’umanità e vanno quindi ad esaurirsi. che però possiamo ricostituire. Employment 4 5
  4. 4. CONSUMO ENERGETICO. DECISIVO PER L’AMBIENTE E PER LA COMPETITIVITÀ. Trasportare di più consumando di meno è un problema di sempre. I motori Cursor lo hanno risolto in modo nuovo. Come i cavalli da tiro, anche i cavalli vapore devono L’impresa non è facile e Iveco le dedica forti inve- The Cursor engine. consumare la minor quantità possibile di carburan- stimenti in Ricerca e Sviluppo. The Cursor 8 litre engine was te, perché i consumi sono un costo operativo di- introduced in 1997 at a maximum retto che influisce fortemente sulla competitività. Un successo riconosciuto di questo impegno rating of 350 hp. At that time, è il motore Cursor con il suo rivoluzionario competitors were using 11 litre Non per nulla i motori e le catene cinematiche turbocompressore a geometria variabile fissò and 14 litre engines to achieve sono stati oggetto di un’evoluzione così spinta, una pietra miliare per l’industria motoristica the same engine power output che da un lato vuole ridurre i consumi mentre e stabilì nuovi standard nei consumi e nella with a consequent loss in payload dall’altro deve adeguarsi alle norme internazio- capacità di ottenere alte potenze da motori due to the heavier power unit. nali sulle emissioni. di piccole dimensioni. 6 7
  5. 5. BIODIESEL. Stabilimento per la lavorazione delle biomasse. È chiaro che gli operatori del trasporto e i fornitori di carburanti devono sviluppare strategie che incrementino la produzione e l'uso di combustibili rinnovabili. CAMBIARE La più importante ed urgente è forse quella di un carburante che possa funzionare anche sui veicoli tradizionali: il cosiddetto bio-Diesel. IL CARBURANTE SENZA CAMBIARE Oggi il bio-Diesel generico o FAME (Fatty Acid Methil Esters, esteri di acidi grassi metilici) viene ricavato tipicamente dai semi di colza. In futuro I MOTORI. nei processi BTL (Biomass To Liquids) si potranno usare quantità molto Oggi dall’olio di colza, maggiori di materie vegetali diverse. presto da molti Iveco sta lavorando per adattare i suoi motori all’uso di un 10% di bio- altri vegetali. Diesel, in linea con le proposte europee. In prospettiva, i carburanti BTL arriveranno a soddisfare i requisiti della norma EN 590 e perciò saranno adatti a tutti i motori. 8 9
  6. 6. GAS NATURALE. Citelis, autobus urbano snodato alimentato a CNG. Le attuali gamme Iveco comprendono veicoli a gas naturale utilizzati soprattutto per la circolazione urbana: Daily, Eurocargo, Stralis, oltre agli ABBONDANTE autobus di linea Iveco Irisbus. Anche se è un combustibile fossile, il gas naturale è una chiara alternativa COME FOSSILE, ai carburanti tradizionali grazie alla sua abbondanza in natura. Inoltre è RINNOVABILE La produzione a gas naturale Iveco a fine 2006 rinnovabile mediante la produzione di biogas dai rifiuti organici, divenendo • 2560 Daily merci e persone così perfettamente sostenibile. COME BIOGAS. • 1070 pesanti stradali e telai heavy duty • 3900 autobus di linea Iveco è di gran lunga il leader europeo nella tecnologia del gas naturale e • 2260 motori per veicoli prodotti da altre Case nella produzione di veicoli alimentati con questo combustibile. Iveco è leader europeo nei veicoli a CNG, ideali per il trasporto pubblico e privato in città e nelle ore notturne. 10 11
  7. 7. IBRIDI. I PIÙ GRANDI RISPARMIATORI DI CARBURANTE. Un motore elettrico più uno a scoppio per lavorare in sinergia e ricuperare anche l’energia cinetica in frenata. www.iveco.com Un altro importante campo di azione è quello dei motori ibridi nel quale Nelle forti necessità di potenza come accelerazioni e sorpassi il motore Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam Iveco sta creando una gamma pilota di furgoni e camion. elettrico lavora in assistenza al motore a scoppio, mentre in frenata quat. Ut vel utat. opera invece come generatore e converte l’energia cinetica del veicolo Con un motore a scoppio sempre più piccolo, un motore elettrico che in energia elettrica per ricaricare le batterie. funge anche da generatore e un pack di batterie per la trazione, il veicolo ibrido assicura il massimo risparmio possibile di carburante. Iveco è fortemente impegnata nello sviluppo di veicoli ibridi della gamma Daily per impieghi leggeri ed Eurocargo per impieghi pesanti. L’avviamento si fa con il motore elettrico mentre quello a scoppio subentra Numerosi prototipi e pre-serie entreranno in funzione nel 2007 presso al bisogno in funzione della velocità richiesta dal guidatore. alcune flotte selezionate. 12 13
  8. 8. IL CONCEPT IVECO TRANSPORT. ABBASSA IL CONSUMO SPECIFICO E INTEGRA STRADA-ACQUA-ROTAIA. Con un leggero aumento di dimen- sioni per caricare anche i container da 48 tonnellate. Nel misurare il consumo energetico dei veico- È evidente che con questo tipo di calcolo un veicolo è tanto più convenien- li commerciali, o meglio, più realisticamente e te quanto più è grande e capace, come dimostrano ampiamente le ferrovie. semplicemente il loro consumo di carburante, Il Transport Concept sviluppato da Iveco prevede un modesto aumento è giusto correlarlo alle unità trasportate per della massa operativa del veicolo della lunghezza consentita per i semiri- km: tonnellate per le merci, numero di passeg- morchi. Ma il risultato è tutt'altro che modesto: diventano caricabili tutti i geri per le persone. container ISO fino a 48 tonnellate e fino a 2,55 metri di larghezza. Si abbassa quindi il consumo energetico specifico senza compromettere Dobbiamo ragionare cioè in termini di consumo gli altri aspetti della mobilità sostenibile: sicurezza e qualità dell'aria. specifico, che si esprime in litri per tonnellata/km In più, si facilitano le applicazioni intermodali migliorando l’integrazione fra o litri per passeggero/km. il trasporto su strada e quelli su acqua e su rotaia. 14 15
  9. 9. www.iveco.com Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam SICUREZZA STRADALE. Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis TRE PROTAGONISTI: alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam VEICOLO, Mobilità significa merci e persone in movimento. Quando questo avviene sulle strade, si verificano gli incidenti e la gente perde la vita. GUIDATORE, L’idea di una mobilità a incidenti zero è affascinante, ma non potrà mai rea- STRADA. lizzarsi se come fattore causale si considera solo il veicolo. Raramente, infatti, un incidente stradale è provocato da un componente Iveco ha reso sicuri meccanico o elettrico difettoso. Nella maggior parte dei casi la causa è un errore di guida, spesso in combinazione con le cattive condizioni della strada i suoi veicoli o l'errato disegno di una curva. e si concentra Negli ultimi 30 anni o poco più la legislazione ha fatto sì che i veicoli divenis- sugli ausili alla guida. sero sempre più sicuri. Solo di recente però la Commissione Europea, con l’iniziativa CARS21, ha finalmente ammesso che anche gli altri due attori chiave, cioè le infrastrutture stradali e i guidatori, svolgono un ruolo significativo. Solo oggi gli stati membri della Comunità Europea cominciano ad implemen- tare le misure di sicurezza stradale raccomandate da organizzazioni come EuroRap per prevenire gli incidenti e mitigarne gli effetti quando si verifi- cano, ad esempio disegnando le strade in modo che le due opposte corsie siano totalmente separate. Iveco è fortemente impegnato,oltre che nel rendere sempre più sicuri i pro- pri veicoli, nel migliorare l’ambiente di bordo in cui opera il guidatore e nel fornirgli ausiliari che lo aiutino a non distrarsi dal suo compito primario. 16 17
  10. 10. Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam Doluptat nostrud eum dolobor se modolor sequis alit.On utpat. Exeros nulla aliquam, consequi blam Agile - Cambio robotizzato. Il cambio EuroTronic, nome commerciale Agile, è un ottimo esempio di dotazione sviluppata per facilitare la guida e ridurre la fatica. Si tratta di un cambio meccanico automatizzato (MTA) in cui la frizione e il cambio delle marce sono gestiti da una centralina. Chi guida può delegarle tutta l’azione del cambiare e limitarsi a segnalare le sue richieste di potenza mediante l’acceleratore. In questo caso le sue mani non abbandonano mai il volante nè i suoi occhi la strada. Un vantaggio parallelo è che la centralina ottimizza tutte le scelte relative alla cambiata e di conseguenza anche i consumi, oltre a preservare la durata e la funzionalità del motore e del cambio stesso. In alternativa il guidatore può riprendersi il controllo della scelta marce spostando la leva cambio sulla modalità manuale. La frizione resta comun- que automatizzata, infatti il relativo pedale non è presente. L’importanza di questo nuovo cambio è tale da essere disponibile oggi an- che sui Daily e prossimamente sulla gamma Eurocargo. GLI AUSILIARI IVECO PER CHI GUIDA. Prevenzione degli incidenti. Oltre a questo Iveco ha portato e continua a portare sul mercato sistemi Ridurre la fatica avanzati di assistenza alla guida mirati a prevenire gli incidenti stradali. e prevenire gli errori. Sistemi come il controllo stabilità, l’anti-deragliamento, l’anti-collisione fron- tale, tanto per citarne alcuni, stanno iniziando il loro cammino e saranno le tecnologie del futuro prossimo. 18 19
  11. 11. Quanto all’anidride carbonica, non è un inquinante in senso stretto ma è La natura stessa del gas naturale tiene basse un gas serra che contribuisce fortemente al riscaldamento globale. queste emissioni in quanto contiene più idroge- In Europa i trasporti sono responsabili del 25% delle emissioni totali di no degli altri idrocarburi. anidride carbonica. Inoltre il ciclo Otto adottato da Iveco per i mo- tori a CNG, pur avendo un’efficienza termica Per i veicoli pesanti e per i bus al momento non è richiesta la misurazione inferiore al ciclo Diesel, compensa lo svantaggio della CO2 , ma qualsiasi motore a combustione ne produce. Iveco è già grazie ai più alti valori di compressione possibili all’avanguardia nel contenerla grazie i suoi motori Cursor. con il gas naturale, per cui alla fine le emissioni Inoltre la sua vasta gamma di veicoli a CNG, la più estesa oggi in Euro- di CO2 dei motori a CNG sono inferiori a quel- pa, fornisce un importante contributo al ridurre l’anidride carbonica. le dei cugini Diesel. Ricerca Iveco Iveco ha compiuto sforzi notevoli per ridurre le Iveco sta conducendo un progetto di INQUINAMENTO. emissioni inquinanti di tutta la sua gamma in rispo- ricerca sul controllo elettronico delle sta alle azioni legislative volte a migliorare la qualità LA GAMMA IVECO dell’aria. I pesanti sono a norme Euro IV ma posso- valvole di aspirazione, dando a queste le funzioni ora svolte dalla farfalla. ALL’AVANGUARDIA. no già essere richiesti a norme Euro V in vigore da Si ottiene così un ulteriore miglioramen- Ottobre 2009. In più tutti i motori a CNG adottati da Iveco e pro- to dell’efficienza del motore evitando le dotti da FPT (Fiat Power Train), sono certificati se- perdite di pompaggio a carico parziale In anticipo sulle norme presenti nel ciclo Otto. condo lo standard EEV (Environmentally Enhanced e molto al di sotto dei Vehicle, Veicolo Ambientalmente Migliorato). Que- Un’altra soluzione promettente è l’ali- sto è il più severo oggi esistente in Europa, benché mentazione a Etano (80%metano, 20% valori minimi consentiti. in realtà le emissioni dei veicoli a CNG siano già idrogeno) per ridurre ancora le emissio- molto al di sotto di quei valori. ni dei motori a gas naturale. Iveco irisbus partecipa a un progetto sponsorizzato dai Francesi per l’omolo- 20 gazione di 10 veicoli Iveco a CNG ali-21 mentati con Etano.
  12. 12. Only 15 years ago the idea of sustainable mobili- The key to sustainable mobility is renewable fuels and a route to mi- ty was no more than that, an idea. Today sustai- nimising the emission of global warming gases, the most important of nable mobility is within the grasp of society and which is CO2. society should embrace it. The technologies exist and are there to support society’s needs. Iveco is a facilitator for this; making available Society must respond by providing fiscal incentives or other policy measu- the technologies across its full range of tran- res to assist their take-up until sustainable mobility becomes the natural sport vehicles. choice for us all. SOSTENIBILE SI PUÒ. SE LA SOCIETÀ RISPONDE ALLA TECNOLOGIA. Con leggi e incentivi che favoriscano l'adozione dei carburanti rinnovabili e il contenimento dei gas serra. 22 23

×