1 rosarno

431 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
431
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

1 rosarno

  1. 1. Viaggio alla ricerca del lavoro: I migranti con o senza famiglia tra il XX e il XXI secolo. Il caso Marcinelle Classi IIB e IID coordinate dalle professoresse Stefania Canel e Innocenza Pappagallo
  2. 2. La guerriglia di Rosarno 08.01.2010
  3. 4. “ Gli immigrati che risiedono a Rosarno (Reggio Calabria) si sono ribellati alle angherie che hanno dovuto sopportare. Dopo l’ennesima sparatoria nei pressi di due distinte strutture che ospitano gli extracomunitari, si è scatenata una guerriglia. Gli immigrati hanno bloccato la statale 18 dove hanno iniziato a distruggere le auto di passaggio. Poi la protesta si è trasferita al centro di Rosarno: è qui che gli immigrati hanno iniziato a dar fuoco ai cassonetti e a colpire le vetrine. Il primo intervento della polizia non è servito a calmarli. Successivamente il questore ha inviato decine di squadre anti-crimine per fronteggiare la rivolta. (Due anni fa il ferimento di due africani aveva fatto esplodere una prima protesta degli immigrati).” Immigrati , una giornata di guerriglia a Rosarno
  4. 6. “ Gli immigrati sono vessati e sfruttati dai caporali e guadagnano 25 euro al giorno di cui 5 vanno al caporale. Dopo il lavoro ritornano nelle loro abitazioni che sono prive di igiene. I braccianti della piana di Gioia Tauro svolgono un lavoro che, da una parte risulta macchina produttiva e dall’altra capro espiatorio da perseguitare. I rosarnesi non vogliono più immigrati ma dovrebbero ringraziarli per il basso costo delle arance. Infine gli immigrati si spostano di stagione in stagione: in Puglia per i pomodori, in Sicilia per le patate , avendo come base la Campania .” Sfruttati e vessati la vita infame dei <<neri>> nella terra dei caporali
  5. 8. “ É la rivolta degli ultimi, quelli che devono sopportare la stanchezza per raccogliere agrumi, olive o uva, vagando per le regioni meridionali d’Italia per guadagnare quei 25 euro al giorno di cui 5 vanno consegnati al caporale che a fine lavoro li abbandona al loro destino, che non è uno dei migliori. Ogni 3 o 4 settimane migrano in Campania, Puglia, Sicilia e Calabria per lavorare 14 ore al giorno nei campi dei mafiosi. Migrano quando il lavoro non c’è più e vivono in vecchie industrie abbandonate in condizione prive di igiene e ciò grava sulla loro salute. Il 90% di loro non ha più di vent’anni e sono quasi 3 mila, mentre i calabresi residenti a Rosarno sono 15mila.” Calabria: sparano sugli immigrati esplode la rivolta, guerriglia a Rosarno
  6. 9. Ma queste situazioni sono accadute solo a Rosarno oppure si sono verificate in altri contesti legati all’immigrazione? Vediamo cosa accadeva agli emigrati italiani all’inizio del ’900…
  7. 10. Doc. 4B Gli immigrati sono derisi per i difetti Doc. 4C Gli Americani giudicavano gli Italiani mafiosi e fannulloni e pensavano che guadagnassero i soldi facilmente Doc. 4°A I mestieri degli Italiani erano “pittoreschi” o legati alla “Mano Nera” 1 2 3 4 1 3 4
  8. 11. Doc: 4A : I mestieri degli Italiani erano “pittoreschi” o legati alla Mano Nera
  9. 12. Doc: 4B Gli immigrati sono derisi per i loro difetti.
  10. 13. Doc: 4C Gli americani giudicavano gli italiani mafiosi e fannulloni e pensavano che guadagnassero i soldi facilmente.

×