SlideShare a Scribd company logo
1 of 3
HAZOP
La tecnica Hazop è di recente espansione,ed è stata sviluppata dal colosso ICI per analizzare gli impianti chimici;è una
tecnica qualitativa pilotata da parole chiave e necessita di una squadra di persone interfunzionale coordinate da un team
leader.Lo studio Hazop dovrebbe essere effettuato il più presto possibile in fase di progettazione dei processi produttivi.
Per l’analisi occorrono i disegni esecutivi (P&ID;comunque la tecnica può essere usata anche:
a)in fase di progettazione di massima su disegni a blocchi
b)in fase di design review con disegni definitivi
c)in fase di costruzione e commissioning
d)durante l’esercizio dell’impianto.
La composizione del team deve essere aperta a :
1)progettisti di processo
2)ingegneri di processo
3)responsabili di manutenzione
4)esperti di software
5)tecnici di ditte fornitrici.
L’attività del team Hazop deve essere registrata su un form dove vengono registrate:
1)n riferimento
2)parola guida
3)deviazione presente
4)cause
5)conseguenze
6)protezioni utilizzate
7)raccomandazioni
8)responsabilità.
Lo studio può iniziare quando sono disponibili:
1)diagramma di flusso del processo
2)P&ID
3)Lay out del processo
4)data sheet dei materiali,componenti,strumentazione,attrezzature
5)istruzioni operative
6)procedure d’emergenza.
Il processo di analisi e’ costituito dalle seguenti fasi:
1)suddivisione dell’intero impianto in sezioni (pompaggio,miscelazione,reazione,distillazione,recupero solventi etc)
2)scelta della nodo nella sezione che abbia un insieme di componenti e uno scopo ben definito.Per nodo si intende per
esempio una linea di processo oppure una apparecchiatura.
3)descrizione dello scopo del nodo(cioè come dovrebbe funzionare il processo)
4)scelta di un parametro di processo caratterizzante il nodo (esempio,portata,temperatura,pressione,composizione)
5)applicazione della parola guida (esempio più,meno,parte di etc)
6)individuazione delle deviazioni nel processo. Per deviazione si intende il modo in cui il processo disattende lo scopo
indicato
7)determinazione delle cause delle deviazioni
8)valutazione delle conseguenze. Le conseguenze possono essere sia dal punto di vista della sicurezza che dal punto di
vista dell’operabilità dell’impianto.
9)protezioni da fornire per prevenire le conseguenze
10)individuazione delle contromisure,azioni da intraprendere per contrastare le cause delle deviazioni.
Le parole guida rappresentano il cuore dell’hazop,il loro corretto uso determina un hazop ben fatto;le parole più usate
sono :
1) no;
1.1 significato:la funzione è assente,lo scopo del progetto non è raggiunto
2)more
2.1 significato:funzione eccessiva,oltre il progettato
3)less
3.1 significato:funzione insufficiente,inferiore al progettato
4)as well as
4.1 significato:è presente una funzione indesiderata in parallelo
5)part of
5.1 significato:solo una parte dello scopo del progettato è raggiunto
6)other than
6.1 significato:è presente una funzione indesiderata al posto della funzione attesa dl progetto
7)reverse;
7.1 significato: attività opposta alla funzione progettata esempio (ritorno di flusso al momento della fermata
dell’impianto)
8)altre parole guida usate sono:
8.1presto/tardi
8.2prima/dopo
8.3 più veloce/meno veloce
8.4 in altro posto.
Queste parole guida unitamente ai parametri di processo (portata,temperatura,pressione,composizione,Ph,velocita’
tec) danno vita ad una serie di combinazioni da analizzare.
Esempio di Lista di Controllo per reattore a batch
PROBLEMI AI REAGENTI
1)reagenti incorretti
2)impurità
3)quantità insufficiente/elevata
4)portata troppo veloce/lenta
5)contaminazioni
SISTEMA DI SCARICO PRESSIONE
1)impaccamento
2)sfiato in condizione bifasica
3)back pressure
4)corrosione
MALFUNZIONAMENTO AGITATORE
1)miscelazione insufficiente
2)guasto meccanico
3)fermata per mancanza EE
4)conseguente stratificazione fasi liquide
RAFFREDDAMENTOINADEGUATO
1)capacità sistema di raffreddamento inadeguato
2)mancanza energia elettrica
3)blocco sistema pompaggio /flusso
4)guasto a condensatori/torri di raffreddamento
5)guasti a valvolame
6)guasti al sistema di controllo
7)perdita liquido raffreddamento
TEMPERATURA
1)guasto al sensore
2)guasto sistema di controllo
3)sensore in posizione erronea
GUASTO SISTEMA DI CONTROLLO
1)setting non corretto
2)mancanza aria/tensione
3)guasto elettrico/meccanico
E’ possibile suggerire alcune azioni correttive per mitigare le conseguenze di possibili deviazioni:
• allarme mancata agitazione con blocco alimentazione dei reagenti
• allarme di alta temperatura e altissima temperatura del reattore indipendente dal sistema di controllo della
temperatura
• valvole fail safe (aperta)sul sistema di raffreddamento
• flussostati e pressostati sul sistema di raffreddamento con allarme e blocchi alimentazione reagenti
• indicatore di temperatura sull’uscita acqua raffreddamento
• procedure di controllo di manutenzione su valvole di sicurezza o disco di rottura
• reattore dotato di sistema sprinkler
• indicatore di massimo livello
• eventuale serbatoio di scarico del batch
• analisi di qualità per individuare contaminanti sui reagenti
In conclusione la tecnica Hazop ha il vantaggio di avere una serie di parole guida per individuare deviazioni speso
trascurate con altre tecniche,ma ha lo svantaggio di essere esclusivamente qualitativa e di non considerare la
contemporaneità delle occorrenze.
Riferimenti bibliografici
1)La prevenzione nell’industria chimica fine e farmaceutica-M.Mazzoli (Ge Specialities)
2)L’analisi dei rischi per la qualità e per l’ingegneria-Tartari.R.-Franco angeli

More Related Content

Similar to 2.2 HAZOP

Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazione
Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazioneIl ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazione
Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazioneEnzoBirindelli
 
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambi
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambiL'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambi
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambiEmanuela Corradini
 
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendali
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendaliVerziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendali
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendaliGMSL S.r.l.
 
Quality and Supplier development consultant
Quality and Supplier development consultantQuality and Supplier development consultant
Quality and Supplier development consultantMassimo Anselmi
 
Lss excellence award 2014 - Ambiente & Sostenibilità
Lss excellence award 2014 - Ambiente & SostenibilitàLss excellence award 2014 - Ambiente & Sostenibilità
Lss excellence award 2014 - Ambiente & SostenibilitàRadiciGroup
 
Il modulo dell'efficienza: OEE
Il modulo dell'efficienza: OEEIl modulo dell'efficienza: OEE
Il modulo dell'efficienza: OEEnextsrl
 
Risk assessment il ruolo dei water safety plans
Risk assessment il ruolo dei water safety plansRisk assessment il ruolo dei water safety plans
Risk assessment il ruolo dei water safety plansServizi a rete
 
Hydropath manuale-tecnico-greentech
Hydropath manuale-tecnico-greentechHydropath manuale-tecnico-greentech
Hydropath manuale-tecnico-greentechGREENTECH SRL
 
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula sae
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula saeDesign Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula sae
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula saeMarco Basilici
 

Similar to 2.2 HAZOP (11)

Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazione
Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazioneIl ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazione
Il ruolo della documentazione nel successo dei progetti di automazione
 
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambi
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambiL'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambi
L'analisi FMECA applicata alla gestione dei ricambi
 
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendali
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendaliVerziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendali
Verziagi Paolo, EMAK - Minitab, alcuni casi aziendali
 
Quality and Supplier development consultant
Quality and Supplier development consultantQuality and Supplier development consultant
Quality and Supplier development consultant
 
Lss excellence award 2014 - Ambiente & Sostenibilità
Lss excellence award 2014 - Ambiente & SostenibilitàLss excellence award 2014 - Ambiente & Sostenibilità
Lss excellence award 2014 - Ambiente & Sostenibilità
 
Il modulo dell'efficienza: OEE
Il modulo dell'efficienza: OEEIl modulo dell'efficienza: OEE
Il modulo dell'efficienza: OEE
 
Risk assessment il ruolo dei water safety plans
Risk assessment il ruolo dei water safety plansRisk assessment il ruolo dei water safety plans
Risk assessment il ruolo dei water safety plans
 
Roberto_Tesi_LINK
Roberto_Tesi_LINKRoberto_Tesi_LINK
Roberto_Tesi_LINK
 
Hydropath manuale-tecnico-greentech
Hydropath manuale-tecnico-greentechHydropath manuale-tecnico-greentech
Hydropath manuale-tecnico-greentech
 
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula sae
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula saeDesign Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula sae
Design Exploration: Sviluppo telaio per vettura formula sae
 
Energyplus Guida Manuale veloce
Energyplus Guida Manuale veloceEnergyplus Guida Manuale veloce
Energyplus Guida Manuale veloce
 

More from alfredo ruggiero

2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo
2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo
2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigoalfredo ruggiero
 
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICOalfredo ruggiero
 
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTS
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTSTHE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTS
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTSalfredo ruggiero
 
production and maintenance
production and maintenanceproduction and maintenance
production and maintenancealfredo ruggiero
 
alfredo ruggiero engtech ticheme
alfredo ruggiero engtech tichemealfredo ruggiero engtech ticheme
alfredo ruggiero engtech tichemealfredo ruggiero
 
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016alfredo ruggiero
 
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTORE
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTOREPROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTORE
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTOREalfredo ruggiero
 
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTIalfredo ruggiero
 
chemical reactor runaway case study
chemical reactor runaway case studychemical reactor runaway case study
chemical reactor runaway case studyalfredo ruggiero
 
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimicoalfredo ruggiero
 
Company Presentation_Short Version
Company Presentation_Short VersionCompany Presentation_Short Version
Company Presentation_Short Versionalfredo ruggiero
 

More from alfredo ruggiero (19)

foto
fotofoto
foto
 
Annual_report_2014
Annual_report_2014Annual_report_2014
Annual_report_2014
 
2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo
2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo
2.5 valutazione rischio esplosione impianto frigo
 
automation
automationautomation
automation
 
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO
6.1 AUTOMAZIONE SICURA DI PROCESSO CHIMICO
 
SHUTDOWN
SHUTDOWNSHUTDOWN
SHUTDOWN
 
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTS
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTSTHE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTS
THE ROLE OF HUMAN ERROR IN ACCIDENTS
 
WASTE MINIMIZATION
WASTE MINIMIZATIONWASTE MINIMIZATION
WASTE MINIMIZATION
 
green chemistry
green chemistrygreen chemistry
green chemistry
 
HAZOP
HAZOPHAZOP
HAZOP
 
production and maintenance
production and maintenanceproduction and maintenance
production and maintenance
 
alfredo ruggiero engtech ticheme
alfredo ruggiero engtech tichemealfredo ruggiero engtech ticheme
alfredo ruggiero engtech ticheme
 
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016
Chemtura_Sustainabilty_2016_FINAL_low_27May2016
 
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTORE
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTOREPROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTORE
PROGETTAZIONE DI UN PROCESSO CHIMICO IN UN REATTORE
 
3.1 PRODUZIONE
3.1 PRODUZIONE3.1 PRODUZIONE
3.1 PRODUZIONE
 
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI
8.1 MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI
 
chemical reactor runaway case study
chemical reactor runaway case studychemical reactor runaway case study
chemical reactor runaway case study
 
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico
1.1La sicurezza in uno stabilimento chimico
 
Company Presentation_Short Version
Company Presentation_Short VersionCompany Presentation_Short Version
Company Presentation_Short Version
 

2.2 HAZOP

  • 1. HAZOP La tecnica Hazop è di recente espansione,ed è stata sviluppata dal colosso ICI per analizzare gli impianti chimici;è una tecnica qualitativa pilotata da parole chiave e necessita di una squadra di persone interfunzionale coordinate da un team leader.Lo studio Hazop dovrebbe essere effettuato il più presto possibile in fase di progettazione dei processi produttivi. Per l’analisi occorrono i disegni esecutivi (P&ID;comunque la tecnica può essere usata anche: a)in fase di progettazione di massima su disegni a blocchi b)in fase di design review con disegni definitivi c)in fase di costruzione e commissioning d)durante l’esercizio dell’impianto. La composizione del team deve essere aperta a : 1)progettisti di processo 2)ingegneri di processo 3)responsabili di manutenzione 4)esperti di software 5)tecnici di ditte fornitrici. L’attività del team Hazop deve essere registrata su un form dove vengono registrate: 1)n riferimento 2)parola guida 3)deviazione presente 4)cause 5)conseguenze 6)protezioni utilizzate 7)raccomandazioni 8)responsabilità. Lo studio può iniziare quando sono disponibili: 1)diagramma di flusso del processo 2)P&ID 3)Lay out del processo 4)data sheet dei materiali,componenti,strumentazione,attrezzature 5)istruzioni operative 6)procedure d’emergenza. Il processo di analisi e’ costituito dalle seguenti fasi: 1)suddivisione dell’intero impianto in sezioni (pompaggio,miscelazione,reazione,distillazione,recupero solventi etc) 2)scelta della nodo nella sezione che abbia un insieme di componenti e uno scopo ben definito.Per nodo si intende per esempio una linea di processo oppure una apparecchiatura. 3)descrizione dello scopo del nodo(cioè come dovrebbe funzionare il processo) 4)scelta di un parametro di processo caratterizzante il nodo (esempio,portata,temperatura,pressione,composizione) 5)applicazione della parola guida (esempio più,meno,parte di etc) 6)individuazione delle deviazioni nel processo. Per deviazione si intende il modo in cui il processo disattende lo scopo indicato 7)determinazione delle cause delle deviazioni 8)valutazione delle conseguenze. Le conseguenze possono essere sia dal punto di vista della sicurezza che dal punto di vista dell’operabilità dell’impianto. 9)protezioni da fornire per prevenire le conseguenze 10)individuazione delle contromisure,azioni da intraprendere per contrastare le cause delle deviazioni. Le parole guida rappresentano il cuore dell’hazop,il loro corretto uso determina un hazop ben fatto;le parole più usate sono : 1) no; 1.1 significato:la funzione è assente,lo scopo del progetto non è raggiunto 2)more 2.1 significato:funzione eccessiva,oltre il progettato 3)less
  • 2. 3.1 significato:funzione insufficiente,inferiore al progettato 4)as well as 4.1 significato:è presente una funzione indesiderata in parallelo 5)part of 5.1 significato:solo una parte dello scopo del progettato è raggiunto 6)other than 6.1 significato:è presente una funzione indesiderata al posto della funzione attesa dl progetto 7)reverse; 7.1 significato: attività opposta alla funzione progettata esempio (ritorno di flusso al momento della fermata dell’impianto) 8)altre parole guida usate sono: 8.1presto/tardi 8.2prima/dopo 8.3 più veloce/meno veloce 8.4 in altro posto. Queste parole guida unitamente ai parametri di processo (portata,temperatura,pressione,composizione,Ph,velocita’ tec) danno vita ad una serie di combinazioni da analizzare. Esempio di Lista di Controllo per reattore a batch PROBLEMI AI REAGENTI 1)reagenti incorretti 2)impurità 3)quantità insufficiente/elevata 4)portata troppo veloce/lenta 5)contaminazioni SISTEMA DI SCARICO PRESSIONE 1)impaccamento 2)sfiato in condizione bifasica 3)back pressure 4)corrosione MALFUNZIONAMENTO AGITATORE 1)miscelazione insufficiente 2)guasto meccanico 3)fermata per mancanza EE 4)conseguente stratificazione fasi liquide RAFFREDDAMENTOINADEGUATO 1)capacità sistema di raffreddamento inadeguato 2)mancanza energia elettrica 3)blocco sistema pompaggio /flusso 4)guasto a condensatori/torri di raffreddamento 5)guasti a valvolame 6)guasti al sistema di controllo 7)perdita liquido raffreddamento TEMPERATURA 1)guasto al sensore 2)guasto sistema di controllo 3)sensore in posizione erronea GUASTO SISTEMA DI CONTROLLO 1)setting non corretto
  • 3. 2)mancanza aria/tensione 3)guasto elettrico/meccanico E’ possibile suggerire alcune azioni correttive per mitigare le conseguenze di possibili deviazioni: • allarme mancata agitazione con blocco alimentazione dei reagenti • allarme di alta temperatura e altissima temperatura del reattore indipendente dal sistema di controllo della temperatura • valvole fail safe (aperta)sul sistema di raffreddamento • flussostati e pressostati sul sistema di raffreddamento con allarme e blocchi alimentazione reagenti • indicatore di temperatura sull’uscita acqua raffreddamento • procedure di controllo di manutenzione su valvole di sicurezza o disco di rottura • reattore dotato di sistema sprinkler • indicatore di massimo livello • eventuale serbatoio di scarico del batch • analisi di qualità per individuare contaminanti sui reagenti In conclusione la tecnica Hazop ha il vantaggio di avere una serie di parole guida per individuare deviazioni speso trascurate con altre tecniche,ma ha lo svantaggio di essere esclusivamente qualitativa e di non considerare la contemporaneità delle occorrenze. Riferimenti bibliografici 1)La prevenzione nell’industria chimica fine e farmaceutica-M.Mazzoli (Ge Specialities) 2)L’analisi dei rischi per la qualità e per l’ingegneria-Tartari.R.-Franco angeli