Sintesi non tecnica sia

  • 937 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
937
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
19
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma Capitale Ordinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°1 57 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA INDICE1 INTRODUZIONE ............................................................................................................................. 3 1.1 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) RIFERIMENTI NORMATIVI, DEFINIZIONE, PROCEDURE E METODI ........................................................................................... 32 DESCRIZIONE DEL PROGETTO ................................................................................................ 6 2.1 INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO .................................................... 6 2.1.1 Conformità del progetto con la normativa ambientale e gli strumenti di pianificazione ..... 7 2.2 CARATTERISTICHE FISICHE ............................................................................................................ 12 2.2.1 Descrizione dell’invaso e del sistema di impermeabilizzazione ......................................... 12 2.2.2 Diaframma plastico ............................................................................................................ 18 2.2.3 Procedura di chiusura ........................................................................................................ 19 2.2.4 Opere di Rivegetazione e di Ripristino Ambientale ............................................................ 21 2.2.5 Sistema di regimazione delle acque meteoriche ................................................................. 22 2.2.6 Captazione e recupero del biogas ...................................................................................... 23 2.2.7 Viabilità di servizio ............................................................................................................. 24 2.2.8 Sistema di monitoraggio ..................................................................................................... 24 2.2.9 Pertinenze: il bacino di ossidazione ................................................................................... 25 2.3 INGRESSO, RECINZIONE E PARCHEGGI............................................................................................ 32 2.3.1 Pesa .................................................................................................................................... 32 2.3.2 Uffici, mensa, spogliatoi ..................................................................................................... 33 2.3.3 Capannone bacino di ossidazione ...................................................................................... 33 2.3.4 Impianto di illuminazione ................................................................................................... 34 2.3.5 Impianto di videosorveglianza ............................................................................................ 34 2.3.6 Lavaggio automezzi ............................................................................................................ 35 2.3.7 Cisterne di stoccaggio del percolato .................................................................................. 353 DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE ............................................................................................ 37 3.1 ARIA ............................................................................................................................................. 37 3.2 AMBIENTE IDRICO................................................................................................................... 38 3.3 SUOLO E SOTTOSUOLO .......................................................................................................... 38 3.3.1 Geomorfologia e idrografia dell’Area Monti dellOrtaccio ............................................... 38 3.3.2 Inquadramento Geologico dellArea Monti dellOrtaccio .................................................. 39 3.3.3 Assetto idrogeologico ......................................................................................................... 41 3.3.4 Complessi idrogeologici ..................................................................................................... 42Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 1
  • 2. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma Capitale Ordinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°1 57 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA 3.4 ANDAMENTO DELLE ISOFREATICHE NELL’AREA IN ESAME............................................................. 43 3.4.1 Sismicità ............................................................................................................................. 44 3.4.2 Verifiche di stabilità ........................................................................................................... 48 3.5 CARATTERIZZAZIONE DELLE MATRICI AMBIENTALI ....................................................................... 49 3.6 USO DEL SUOLO ............................................................................................................................ 52 3.7 FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI ........................................................................................... 53 3.7.1 Vegetazione e flora ............................................................................................................. 53 3.7.2 Caratteristiche vegetazionali .............................................................................................. 55 3.7.2.1 Aree Boschive ......................................................................................................................... 56 3.7.2.2 Vegetazione Ripariale ............................................................................................................. 56 3.7.2.3 Imboschimenti ......................................................................................................................... 57 3.7.2.4 Filari ........................................................................................................................................ 57 3.7.2.5 Aree Agricole ed Incolti .......................................................................................................... 57 3.7.2.6 Risultati dei rilievi ................................................................................................................... 58 3.7.3 Fauna.................................................................................................................................. 58 3.8 SALUTE PUBBLICA .................................................................................................................. 60 3.8.1 I potenziali effetti sulla popolazione ................................................................................... 61 3.9 RUMORE E VIBRAZIONI ......................................................................................................... 62 3.10 RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI ............................................................................. 64 3.11 PAESAGGIO (BENI AMBIENTALI) .............................................................................................. 644 INTERAZIONI PROGETTO AMBIENTE ................................................................................. 67 4.1 PREMESSA..................................................................................................................................... 67 4.2 ATMOSFERA .................................................................................................................................. 69 4.3 AMBIENTE IDRICO SUPERFICIALE................................................................................................... 70 4.4 SUOLO, SOTTOSUOLO E ACQUE SOTTERRANEE .............................................................................. 73 4.5 FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI ...................................................................................................... 73 4.6 SALUTE PUBBLICA ......................................................................................................................... 74 4.7 RUMORI E VIBRAZIONI................................................................................................................... 75 4.8 RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI ................................................................................... 75 4.9 PAESAGGIO ................................................................................................................................... 76Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 2
  • 3. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA1 INTRODUZIONE1.1 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) RIFERIMENTI NORMATIVI, DEFINIZIONE, PROCEDURE E METODILa presente sintesi non tecnica riassume gli elementi principali della Valutazione diImpatto Ambientale (VIA) relativa all’aggiornamento presentato dal CO.LA.RI, inottemperanza allOrdinanza Commissariale n. 145 del 23 agosto 2012, del progettodella discarica di Monti dellOrtaccio (destinata a ricevere i rifiuti speciali nonpericolosi) adeguandolo anche alla normativa relativa al Piano di Monitoraggio eControllo (PMeC) intervenuta (Giunta Regionale 21 gennaio 2010 n. 35)successivamente alla presentazione del progetto (12 ottobre 2009).Per garantire la massima sicurezza ambientale concepibile, lo stesso progetto(ancorché la conformazione dei luoghi ne rendesse superflua la realizzazione) è statointegrato con la previsione di un diaframma plastico (polder) a protezionedell’invaso.Si è inoltre tenuto presente che con la chiusura di Malagrotta il progetto delladiscarica di Monti dellOrtaccio deve prevedere nel periodo transitorio losmaltimento a norma dei rifiuti urbani, vale a dire deve consentire il conferimentosolo di rifiuti trattati. Di conseguenza, poiché gli attuali impianti TMB, purlavorando a pieno ritmo, ed anche se sostenuti da una raccolta differenziata semprepiù in continuo incremento, non sono in grado di assicurare il totale trattamento deirifiuti urbani prodotti, al fine di garantire il totale trattamento dei rifiuti cittadini equindi di consentire alla discarica di ricevere solo i rifiuti trattati, è stato anchepredisposto un bacino di ossidazione, contenuto in una struttura provvisoria(TMB) quale pertinenza della discarica per stabilizzare la parte umida derivata dalleStazioni di trasferenza prima di essere abbancata in discarica.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 3
  • 4. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAIl complesso così descritto è destinato ad operare allinterno di un preciso ambitotemporale (3 anni, 2013-2015), periodo, questo, che consentirà a Roma di dare pienaattuazione al programma per la lavorazione industriale dei rifiuti già previsto dalPiano Regionale proposto dalla Giunta Polverini nel novembre 2010 e approvatodefinitivamente da Consiglio Regionale nel gennaio 2012 (Delibera n. 14/2012)nonché al Patto per Roma firmato il mese scorso da tutte le Istituzioni che, tra laltro,si pone come obiettivo di portare la raccolta differenziata entro il 2015 oltre il 55% ecome obiettivo finale al 65% entro il 2016.Va da sé che conseguiti questi risultati, gli impianti industriali presenti e realizzandisecondo il Piano Rifiuti Polverini saranno più che sufficienti a trattare nel rispettodella normativa europea tutti i rifiuti della Città. A quella data (2015) la DiscaricaProvvisoria di Monti dellOrtaccio avrà adempiuto alla sua funzione e a quel puntola Discarica Definitiva sarà una dependance degli impianti di trattamento industrialedei rifiuti idonea ad accogliere i residui di lavorazione e quindi rappresenterà benpoca cosa nella chiusura del ciclo dei rifiuti e per di più senza creare problemiambientali e quindi più semplice da realizzarsi.La VIA costituisce una procedura tecnico amministrativa volta alla formulazione diun giudizio di ammissibilità sugli effetti che una determinata azione avràsull’ambiente globale inteso come l’insieme delle attività umane e delle risorsenaturali.La Valutazione di Impatto Ambientale è quindi da intendersi come uno strumento perl’analisi delle possibili conseguenze, sul piano ambientale, di uno specificointervento antropico mediante un esame di tutti gli impatti ambientali che questo puòprovocare.Si tenga presente che per ―impatto ambientale‖, secondo una definizionecorrentemente usata e fatta propria dal legislatore, si intende l’insieme di tutti glieffetti, positivi e negativi, diretti e indiretti, temporanei e permanenti, che unadeterminata opera genera sull’ambiente, inteso, quest’ultimo, nell’accezione piùProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 4
  • 5. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAampia di sistema complesso delle risorse umane e naturali e delle loro interazioni.La Valutazione di Impatto Ambientale è disciplinata a diversi livelli normativi, apartire dalle direttive della Comunità Europea e dalle Leggi Nazionali di adozione,fino alle Leggi Regionali.A ciascun livello legislativo vengono individuate categorie di opere antropiche chesono obbligatoriamente sottoposte al giudizio della Valutazione di ImpattoAmbientale, prima di poter essere realizzate.La sintesi non tecnica, oggetto del presente documento, ha il preciso scopo diriassumere, in un linguaggio il più possibile non tecnico e divulgativo, ledescrizioni e le valutazioni effettuate nei capitoli dello studio di impattoambientale.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 5
  • 6. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA2 DESCRIZIONE DEL PROGETTO2.1 INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICOIl progetto, dall’analisi effettuata, risulta compatibile con quanto desunto dal quadronormativo e programmatico.In particolare lo studio di valutazione di impatto ambientale ha analizzato i seguentistrumenti di piano e di programma:per la pianificazione territoriale e urbanistica:  Piano Regolatore Generale del Comune di Roma  Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR)  Piano di Tutela delle Acque  Piano Stralcio di Assetto idrogeologico  Piano stralcio delle attività estrattive del Rio Galeria Magliana  Piano di zonizzazione acustica del Comune di Romaper la programmazione di settore (rifiuti):  Piano di Gestione dei Rifiuti della Regione Lazio, approvato dal Consiglio Regionale il 18 Gennaio 2012;E stata inoltre condotta lanalisi degli eventuali vincoli presenti sull’area interessatadallintervento (vincoli paesaggistici, naturalistici, storico-culturali, demaniali edidrogeologici, ecc.).Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 6
  • 7. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA 2.1.1 Conformità del progetto con la normativa ambientale e gli strumenti di pianificazioneIl sito ricade nei limiti amministrativi del Comune di Roma, in località Montidell’Ortaccio.L’area è rappresentata nella CTR della Regione Lazio 1:10.000 nella sezione 373160,in un lotto di terreno identificabile dalle coordinate geografiche: 41°50’0.02‖latitudine Nord e 12°19’29,92’’ longitudine Est.L’area nella disponibilità del CO.LA.RI. è individuata dalle particelle: 1, 2, 3, 4, 5,6, 7, 11 (parte), 13 (parte), 128, 129 (parte), 162, 163 (parte), 165, 168, 169, 170 e171, foglio 749 del Comune di Roma.Il sito è facilmente raggiungibile da Via Di Castel Malnome, a cui si accede da via diMalagrotta.L’area è ubicata ad Ovest della città di Roma ad una quota variabile tra i 25 ed i 60 ms.l.m.. Questa zona è limitata ad ovest dai confini comunali, ad est ed a sud dallaPiana del Tevere, mentre il limite con quella settentrionale è molto sfumatopassando, grosso modo, tra l’Aurelia e la Boccea.L’area si presenta a morfologia collinare con rilievi non molto elevati e versanti,mediamente, non molto acclivi incisi da un reticolo idrografico abbastanzaaccentuato avente una direzione generale N-S.I corsi d’acqua maggiori sono il Fosso di Galeria ad est affluente in destra idrograficadel Tevere.L’area limitrofa non é interessata da attività agricola di rilievo, mentre numerosi sonogli insediamenti artigiano-industriali presenti nelle vicinanze, tra cui il più vasto è laraffineria di Pantano del Grano, ubicata nel fondovalle del Rio Galeria, il ComplessoImpiantistico di Malagrotta e poi l’impianto di trattamento dei Rifiuti di PonteMalnome, gestito dall’Azienda Municipale Ambiente di Roma. Altri insediamentisecondari sono situati attorno alla confluenza con il fosso di S. Maria Nuova.La Tavola S01 evidenza la ubicazione dell’area di intervento.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 7
  • 8. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAIl sito, come mostra l’immagine seguente, si colloca ad una distanza minima di 625m circa dal centro abitato più vicino, che risulta essere Piana del Sole.Figura 2.1 - Monti dellOrtaccio: distanza dai centri abitatiSi precisa che la normativa non definisce quali siano le distanze minime tra lediscariche e i centri abitati. Il Piano Regionale relativamente alle distanze indicaunicamente come fattori di attenzione progettuale i seguenti:Conseguentemente le distanze minime dei 500 m sono rispettate; contestualmenteProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 8
  • 9. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAsono stati adottati tutti gli accorgimenti progettuali atti ad evitare disturbi allapopolazione limitrofa, per i quali si rimanda ai paragrafi 5.1 - Sistemi di prevenzionee di riduzione dell’inquinamento e 6 - Opere di Rivegetazione e di RipristinoAmbientale della Relazione tecnica di progetto. La zona di Piana del Sole è poi sottovento rispetto a Monti dell’Ortaccio e ciò non consente la propagazione delleemissioni odorigene nell’area abitata.Nella Figura 2.2 è evidenziata in rosso l’area di intervento, mentre è evidenziata inblu la superficie a disposizione per l’approvvigionamento di terra, argilla e materialiinerti. Figura 2.2 - Ubicazione area di intervento (Fonte: Google Earth)L’area in esame ricade in una zona destinata dal PRG del Comune di Roma comezona agricola; con Decreto Commissariale n. 123/2002, è stata autorizzata, sullaarea medesima, la realizzazione di un invaso di circa 500.000 mc per loProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 9
  • 10. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAstoccaggio del CDR, mai entrato in funzione; ne consegue che l’area risulta idoneaper destinazione d’uso e preferenziale, in quanto già autorizzata per attività digestione rifiuti.Il sito di Monti dell’Ortaccio nel Comune di Roma rappresenta il contesto ideale per larealizzazione di una discarica e questo in base ai criteri preferenziali espressi nel Piano Regionaledi Gestione dei Rifiuti della Regione Lazio, approvato con Deliberazione del Consiglio Regionale n.14/2012, pubblicata sul BURL n.10 del 14/03/2012 S.O.15, in merito alla localizzazione dellediscariche:  Baricentricità del sito rispetto al bacino di produzione e di smaltimento dei rifiuti: è limitrofo agli impianti AMA.  Accessibilità da parte dei mezzi conferitori senza particolare aggravio rispetto al traffico locale: relativamente al sistema dei trasporti, la localizzazione dell’impianto è particolarmente idonea in quanto, rispetto al bacino di utenza, risulta in posizione favorevole rispetto alle principali vie di comunicazione provinciali. La rete stradale comunale e provinciale consente di raggiungere l’area di impianto assai facilmente.  Possibilità di trasporto intermodale dei rifiuti raccolti nelle zone più lontane dal sistema di gestione: il sito è limitrofo e facilmente collegabile alla rete ferroviaria in fase di realizzazione da parte dell’A.M.A. per il trasporto su rotaia dei rifiuti urbani prodotti a Roma, rete legata all’impianto A.M.A. di Ponte Malnome, secondo il progetto ―Trasporto rifiuti per ferrovia – Sistema Intermodale – Raccordo temporaneo per l’area di Malagrotta – Tracciato opz.ne 5 dorsale via di Castel Malnome‖ redatto nel luglio 2007.( Rif. Tav. S18).  Aree degradate con presenza di cave.  Aree degradate da risanare e/o ripristinare sotto il profilo paesaggistico, secondo il Piano Territoriale Paesaggistico Regionale - adottato dalla Giunta Regionale con atti n. 556 del 25 luglio 2007 e n. 1025 del 21 dicembre 2007, ai sensi dell’art. 21, 22, 23 della legge regionale sul paesaggio n. 24/98;  Aree caratterizzate dalla presenza di terreni con coefficiente di permeabilità K<1 x 10 -9 cm/sec, nel caso in esame sono presenti oltre 60 metri di argilla sul fondo;  Presenza di aree industriali, quali quelle degli impianti di trattamento dei rifiuti (impianti AMA di Ponte Malnome)Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 10
  • 11. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIALa ubicazione è compatibile con il sistema vincolistico, in quanto dall’analisi delsistema vincolistico e pianificatorio della Regione Lazio, ed in particolare dall’analisidel Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR), l’area in esame ricade in unazona definita “Paesaggio agrario di valore” e parte “Paesaggio agrario dirilevante valore” .Come detto nelle pagine precedenti, il progetto della discarica è stato impostatoubicando l’invaso ed i servizi all’interno del sistema ed ambito di Paesaggioagrario di valore, in cui, relativamente alle discariche, sono ammessi recuperi oampliamenti di discariche esistenti, nonché nuove realizzazioni anche comerecupero di attività di cava dismessa, secondo le normative vigenti, previoaccertamento, in sede di autorizzazione paesaggistica della compatibilità con ivalori riconosciuti del contesto agrario ed alla realizzazione di misure ed opere dimitigazione degli effetti ineliminabili sul paesaggio e di miglioramento della qualitàdel contesto rurale.All’interno del sistema di Paesaggio agrario di rilevante valore è stata inveceposizionata, l’area destinata a bacino di ossidazione, che come spiegato inprecedenza avrà carattere provvisorio e sarà facilmente rimovibile nel momento incui tutti gli impianti TMB saranno in grado di assicurare il totale trattamento deirifiuti urbani.Secondo le norme del PTPR è consentita (Art. 24 Tab. B punto 4.5) l’istallazione dimanufatti leggeri anche prefabbricati e strutture di qualsiasi genere purché diretti asoddisfare esigenze temporanee e (Art. 24 Tab. B punto 4.6.2) la realizzazione diimpianti per attività produttive all’aperto che comportino trasformazione permanentedel suolo in edificato ―esclusivamente se legata ad attività esistenti in ogni caso deveessere valutata la compatibilità con i valori del paesaggio agrario e devono essererealizzate opere di mitigazione dell’impatto sul paesaggio e di miglioramento dellaqualità paesaggista del contesto rurale‖.Non sono inoltre presenti nell’area in questione vincoli di altra natura.Riassumendo consegue che il sito in esame risulta idoneo alla realizzazione di unaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 11
  • 12. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdiscarica per rifiuti in quanto: o risulta preferenziale in quanto già degradato dalla presenza della cava; o è preferenziale in quanto limitrofo ad impianti tecnologici ed in particolare ad altri impianti di trattamento rifiuti; o è già dotato di viabilità e di collegamenti stradali nonché ferroviari ( in fase di realizzazione), con i luoghi di produzione dei rifiuti; o è accessibile da parte dei mezzi conferitori senza ulteriore aggravio della viabilità locale; o non è interessato da fenomeni quali faglie attive, aree a rischio sismico di 1^ cat. , né da attività vulcanica ivi compresi i campi solfatarici e non è interessata da fenomeni di subsidenza; o non è in corrispondenza di strutture carsiche o interessate da carsismo come doline o inghiottitoi; o non vi sono processi geologici e geomorfologici superficiali in atto o latenti quali frane, erosione accelerata, instabilità dei versanti; o non ricade in zone esondabili, instabili e alluvionabili né in migrazioni di aste fluviali o torrentizie che potrebbero compromettere l’integrità della discarica; o possiede caratteristiche geologiche e meccaniche dei terreni, idonee ad ospitare una discaricaNon si individuano, conseguentemente, controindicazioni negli strumenti diprogrammazione e di pianificazione vigenti con il progetto in essere.2.2 Caratteristiche fisiche 2.2.1 Descrizione dell’invaso e del sistema di impermeabilizzazioneProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 12
  • 13. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIALa discarica verrà realizzata mediante l’approntamento successivo di 5 lotti,aventi un’estensione in pianta, misurata al piede dell’invaso, rispettivamente di:LOTTO 1: 21.900 mqLOTTO 2: 20.000 mqLOTTO 3: 12.300 mqLOTTO 4: 30.500 mqLOTTO 5: 19.300 mqLa superficie totale della discarica misurata al fondo è pari a 108.500 mq, misuratadalla sommità è pari a 230.800 mq e la volumetria totale possibile abbancabile èpari a circa 4.800.000 mc.Le sezioni riportate nelle tav. 13 e 14 del progetto, evidenziano che l’abbancamentopotrà avvenire per fasi successive e indipendenti, con una volumetria inizialeminima di 2.600.000 mc.In base a questa volumetria sono stati impostati il Piano Finanziario e leconseguenti tariffe di accesso; resterebbero a carico dell’Ente proponente i maggioricosti di investimento non ammortizzati che, però, oggi sono di difficilequantificazione anche perché nessuno è ora in grado di determinare i quantitativi dirifiuti che verranno abbancati; solo a consuntivo sarà possibile ottenere un quadrofinale dell’opera.L’area utilizzata per la realizzazione della discarica (discarica, argini, piazzale diservizio, pertinenze e viabilità) ha un’estensione di 405.200 mq, l’area totale adisposizione è di 480.529 mq.Il disegno di rilievo espone l’attuale configurazione dell’area. Le curve di livelloindividuano l’acclività naturale del versante e quella dei piani di coltivazione.Il fondo dell’invaso è configurato in modo da garantire la prescritta distanza dallamassima escursione della falda (Paragrafo 2.4.2 dell’Allegato 1 al D. Lgs. 36/2003)infatti la quota fondo scavo nei pozzi di raccolta del percolato sarà 24,50 m s.l.m., esi raggiungerà una quota di circa 25,5 m s.l.m. ai piedi delle scarpate che delimitanol’invaso, garantendo, quindi, un franco di almeno 2 metri dalla massima escursioneProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 13
  • 14. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdella falda, come meglio precisato al paragrafo seguente.La quota del bordo superiore dell’invaso si manterrà intorno ad una quota variabileda un minimo di 47,00 m s.l.m. a un massimo di 57,76 m s.l.m.Nelle tavole allegate sono riportate le sezioni sovrapposte dello stato attuale e dellostato post-modellamento, il volume totale movimentato è pari a circa 2.500.000 mc.Il materiale proveniente dal rimodellamento della cava potrà essere riutilizzato sia inloco, sia presso la discarica di Malagrotta per le ordinarie operazioni di ricopertura,di realizzazione sponde e viabilità interna e di capping.I materiali che verranno utilizzati nella realizzazione della discarica (argilla e sabbia,etc.) proverranno dalla attività di scoperta delle cave limitrofe (Monti del Lumacaro,etc.).Per quanto riguarda la stabilità delle pareti, è stato effettuato il calcolo di stabilità sulprofilo più penalizzante. La verifica è stata condotta prudenzialmente sull’argine sullato sud della vasca di progetto, sottoposto alle più gravose condizioni di esercizio,con il maggior dislivello tra il piede ed il colmo della vasca.Lungo tutto l’invaso verrà realizzata una strada di servizio, non asfaltata, dellalarghezza di circa 15 m.La discarica nella sua configurazione finale, a coltivazione ultimata, al fine diottenere le dovute pendenze per la regimazione delle acque di ruscellamentosuperficiali, avrà una forma leggermente collinare con la quota di colmo posta a circa+ 58 m e con una pendenza della superficie superiore che si manterrà intorno al1,5%.Di seguito si riassumono i principali dati dimensionali del progetto: Vasca di stoccaggio Volumetria abbancabile 4.800.000 m3 Peso Specifico rifiuti 0,9 t/m3 Capacità Utile 4.320.000 tonProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 14
  • 15. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIANell’area di invaso è presente un traliccio dell’alta tensione; è stata prevista unafascia di rispetto di raggio pari a circa 25 m. L’area, attualmente non accessibile pereffetto delle attività di cava, tornerà accessibile con il progressivo abbanco dei rifiutie la successiva sistemazione finale dell’area.Il progetto prevede le seguenti opere e infrastrutture di supporto:- impermeabilizzazione della vasca di abbancamento;- realizzazione diaframma plastico (polder)- sistema di convogliamento e stoccaggio del percolato;- sistema di raccolta e trattamento del biogas;- sistema di drenaggio e controllo delle acque meteoriche;- copertura finale;- infrastrutture e servizi generali.Oltre alle opere e strutture citate, il progetto tiene conto degli specificicondizionamenti di carattere morfologico, litologico e idrogeologico e dellecaratteristiche climatologiche della zona.Data la conformazione morfologica dell’area, ed in particolare del banco di argillasottostante (un rilevato compreso tra Pian del Sole ed il Rio Galeria), nella zona èpresente un acquifero superficiale dovuto prevalentemente all’accumulo delle acquepiovane al di sopra dello strato di argilla di base; il suo livello massimo si colloca aoltre 2 metri di profondità misurato dalla porzione più depressa della cava (24,5 mslm) disponendosi l’isofreatica ad una quota di circa 22 m slm.Conseguentemente i punti più depressi dell’invaso (fondo pozzo raccolta percolato)si pongono alla prescritta distanza dalla massima escursione della falda e mediamenteil fondo si pone a 2 metri dalla stessa.Al fine di garantire il completo isolamento delle acque profonde, circolanti nelsubstrato geologico di impostazione della discarica, si prevede di isolare il fondo e lesponde delle vasche con materiali impermeabili.Ad ulteriore garanzia ambientale si prevede la realizzazione di un diaframmaplastico (polder), che avrà la funzione di disconnettere idraulicamente l’invasoProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 15
  • 16. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdalla falda presente che, come evidenzia la relazione geologica, è classificabile comemodesta con valori di trasmissività dell’ordine di 10-3mq/s.Sulla berma intermedia interna dell’argine di contenimento dell’invaso e posta aquota media + 32.00 m verrà realizzato un diaframma plastico (descritto neiparagrafi successivi) che si attesterà per almeno 2 metri nelle argille azzurre plio-pleistoceniche basali, che come la relazione geologica allegata evidenzia, hanno unospessore di oltre 60 metri ed un coefficiente di permeabilità compresa tra 10-9 cm/sece10-10 cm/sec.È bene precisare che il diagramma plastico verrà realizzato garantendo lacontinuità del sistema di impermeabilizzazione previsto, integrandosicompletamente con esso.Una volta profilato il fondo e le pareti dell’invaso verranno stesi i seguenti strati diprotezione idraulica: o 1 metro di argilla rullata e compattata con coefficiente di permeabilità k ≤ 10-9 m/sec o materassino bentonitico o geomembrana in polietilene ad alta densità (HDPE), dello spessore di 2,5 mm o TNT a protezione dell’HDPE sottostante; o Strato di protezione meccanica in sabbia di cava dello spessore di 50 cm solo sul fondo vasca per:  proteggere il TNT dalla azioni degli afflussi meteorici,  salvaguardare l’impermeabilizzazione dalle sovrappressioni concentrate determinate dal transito degli automezzi dedicati alla coltivazione dell’invaso;  permettere un facile drenaggio del percolato; Detto materiale dovrà avere diversa granulometria: nella parte a contatto con il manto in TNT sarà posizionato materiale a granulometria fine, mentre gli ultimi 10/15 cm dovranno essere costituiti da materiale a granulometriaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 16
  • 17. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA maggiore (5/10 cm) per garantire una ottimale funzione drenante.La presenza di una geomembrana sintetica unita al geocomposito bentoniticosovrapposti al tappeto di argilla conferirà allinvolucro un grado di sicurezzaestremamente elevato, sia per la presenza di argilla, sia per la notevole capacitàimpermeabilizzante dei materiali artificiali, e, infine, per la massima resistenza deimateriali utilizzati alle aggressioni dei componenti del percolato.Le sponde verranno sagomante con una pendenza di circa 30° e sarannorealizzate parte ―in scavo‖ e parte ―in riporto‖ utilizzando il materiale provenientedagli scavi effettuati durante la sagomatura dell’invaso.All’interno dello strato di impermeabilizzazione del fondo descritto nei paragrafiprecedenti, verrà stesa la rete di raccolta del percolato, con una rete di tubazionimicrofessurate in HDPE Ø 200 PN10, disposte lungo la linea di massima pendenzadel fondo per favorire il drenaggio del percolato e convogliarlo ai rispettivi punti diprelievo. Le tubazioni sono poste all’interno di uno strato di ghiaia con funzione didrenaggio e di protezione del sistema di impermeabilizzazione e ricoperte da unostrato di tessuto non tessuto per evitare il trascinamento di particelle fini chepotrebbero ostruire i fori.Il percolato prodotto all’interno dell’invaso, drenato nel materasso di fondo e raccoltodalle tubazioni HDPE Ø 200, verrà convogliato, attraverso una rete di tubazionimacrofessurate in HDPE Ø 315 ai punti di prelievo posti nella zona più depressarealizzati con tubi di cemento vibro compresso ad anelli sovrapposti Ø 1500all’interno dei quali verranno posizionati tubi in acciaio inox Ø 500 flangiati.L’intercapedine verrà riempita con calcestruzzo.I 6 pozzi di raccolta saranno disposti verticalmente.In ciascun pozzo verrà calata una elettropompa sommersa per il prelievo delpercolato ed il relativo scarico in una tubazione HDPE DN 50 PN6 installata in unacanaletta prefabbricata in cls protetta da un grigliato, posata in corrispondenzadell’ancoraggio dei teli sintetici lungo il coronamento del bordo, che lo convoglieràProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 17
  • 18. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdirettamente alle cisterne di stoccaggio.Il percolato raccolto verrà avviato alle cisterne di raccolta del volume complessivo dicirca 700 m3, disposte orizzontalmente e collocate all’interno di un bacino dicontenimento realizzato in cls, impermeabilizzato con un telo in HDPE.Il percolato raccolto nella cisterne di stoccaggio sarà prelevato con una autocisternaed avviato ad un impianto di trattamento esterno debitamente autorizzato. 2.2.2 Diaframma plasticoPer garantire la piena affidabilità e sicurezza ambientale della discarica oltre aipresidi descritti nei paragrafi precedenti e rispondenti a quanto prescritto dal DecretoLegislativo 13/01/2003, n. 36, si prevede la realizzazione di un diaframma plasticoIl diaframma cingerà completamente l’area dell’invaso come descritto nelle tavoleprogettuali.Il diaframma completo, a protezione dell’intera area dell’ex cava di ―Montidell’Ortaccio‖ verrà realizzato con i lotti progressivi.Durante la realizzazione del diaframma, ogni 50 metri di sviluppo, verrannorealizzati dei sondaggi al fine di accertare l’esatta quota delle argille di base (argillePlio-pleistoceniche grigio-azzurre coefficiente di permeabilità K compreso tra 10-9cm/s e 10-10 cm/s) e comunque la barriera impermeabile verrà ammorsata per 2 mnelle stesse.Il diaframma complessivo avrà uno sviluppo totale di 1.825 m e si congiungeràverticalmente per almeno 2 m nella formazione impermeabile naturale di base,costituita dalle argille del basamento plio-pleistoceniche.Il diaframma plastico in progetto verrà realizzato in doppia fase con lasporto delterreno di scavo e il successivo riempimento di gel bentonitico.Questa miscela di acqua-cemento-bentonite verrà lasciata indurire nello scavo,formando una barriera impermeabile della consistenza di un’argilla compatta.La tenuta idraulica sarà garantita dalla permeabilità molto bassa della miscelaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 18
  • 19. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAcementizia caratterizzata da K≤ 10-7 cm/s e dalla sovrapposizione parziale dei setti.Dal punto di vista esecutivo, dopo aver realizzato le corree di guida, si procederà alloscavo a sezione rettangolare dei pannelli primari, in una seconda fase verrannoeseguiti i pannelli secondari parzialmente sovrapposti ai primi.Una volta individuato il tracciato della barriera si procederà allo scavo a trattialternati dei pannelli primari, distanziati tra loro lungo la linea di sviluppo deldiaframma, ad una distanza pari a d = L - 2p (dove p indica la lunghezza dicompenetrazione tra due pannelli vicini).I pannelli secondari verranno realizzati in una fase successiva, sovrapponendoliparzialmente ai primi, in modo da garantire la continuità del setto impermeabile.La trincea verrà mantenuta colma di fango auto indurente e realizzata senza soluzionedi continuità, scavando il pannello secondario e gettando il fango bentonitico primache la miscela dei due pannelli primari adiacenti inizi ad irrigidirsi.La sovrapposizione dei pannelli e il loro spessore varierà in funzione della profonditàda raggiungere per innestarsi allo strato impermeabile naturale.Lungo i tratti in cui il diaframma raggiungerà maggiori profondità, verranno adottatiinfatti diaframmi più larghi e maggiori sovrapposizioni, per correggere ildisassamento della verticalità dello scavo e la conseguente diminuzione disovrapposizione.La natura plastica del diaframma, una volta completato, dello stesso ordine digrandezza del terreno in situ, garantirà l’impermeabilità del sistema anche dopo gliinevitabili movimenti di assestamento.Il tracciato del diaframma plastico seguirà il perimetro presentato negli elaboratigrafici allegati.Il diaframma si innesterà, alla sua sommità, allo strato di argilladellimpermeabilizzazione delle pareti dell’invaso. 2.2.3 Procedura di chiusuraProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 19
  • 20. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAUna volta raggiunte le quote del progetto approvato, e dopo che l’ente territorialecompetente avrà autorizzato la chiusura secondo quanto indicato all’art. 12 delDecreto 36/2003, sarà effettuata la sistemazione finale provvedendo anche alprogressivo inerbimento delle superfici.La massa dei rifiuti sarà impermeabilizzata superiormente, a norma di legge, perimpedire linfiltrazione delle acque meteoriche allinterno dellammasso.Il capping finale sarà costituito nelle sue parti essenziali, dal basso verso l’alto, da:  Strato di regolarizzazione 0,20 m;  Strato di materiale permeabile a granulometria decrescente 0,50 m;  strato di argilla compattato di conducibilità idraulica di 10-9 m/s 0,50 m;  Strato di materiale permeabile a granulometria decrescente 0,50 m;  TNT 400g/mq  strato di terreno agricolo 0,70 m;  strato di terreno vegetale 0,30 m.Le funzioni che il sistema multistrato assolverà sono: prevenire linfiltrazione delle acque meteoriche allinterno dellammasso riducendo (fino ad annullare) la formazione e la produzione del percolato; prevenire la fuoriuscita di contaminanti a seguito di fenomeni di diffusione capillare attraverso il terreno soprastante; consentire il recupero dellarea e la sua reintegrazione paesaggistica mediante interventi di sistemazione; prevenire i fenomeni di erosione ad opera degli agenti atmosferici.Inoltre il sistema sarà costituito in modo da: garantire i requisiti di cui sopra in relazione alle differenti condizioni meteo- climatiche (gelo, aridità, escursioni di temperatura, piogge intense, etc.);Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 20
  • 21. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA garantire la sua funzionalità in relazione alla deformabilità dellammasso dei rifiuti ed alle condizioni di stabilità del sito. 2.2.4 Opere di Rivegetazione e di Ripristino AmbientaleUna volta completate le operazioni di rimodellamento morfologico, di installazionedei pozzi di estrazione del biogas, saranno eseguiti gli interventi di Rivegetazionee Ripristino Ambientale..Al termine delle attività relative al capping verranno realizzati i seguenti interventi: - Sistema di regimazione delle acque meteoriche - Inerbimento di tutte le superfici dell’impianto - Integrazione della viabilità di servizio - Formazione della copertura arborea ed arbustiva sul perimetro della discarica e sulle scarpate laterali - Realizzazione delle palificate vive a doppia parete ai piedi delle scarpate con maggiore inclinazioneAnche le tecniche impiegate per la realizzazione di questi interventi sono quelledellingegneria naturalistica in accordo con le caratteristiche morfologiche eclimatiche dell’area e con la distribuzione e tipologia delle specie vegetali locali.La destinazione d’uso finale dell’area di discarica prevista è di “area a verde”costituita da prati permanenti ed impianto arboreo.Si ricordano in sintesi i principali elementi di riferimento adottati: Impiego prevalente di suoli autoctoni; Uso altresì di ammendanti di origine organica (fertilizzanti, fibre vegetali, ecc.) per riportare il suolo a condizioni di fertilità adeguate alla riuscita degli interventi di rivegetazione; Impiego prevalente di miscele di specie erbacee locali;Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 21
  • 22. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA Impiego esclusivo di specie legnose autoctone e derivate da materiale da propagazione raccolto nell’area geografica dell’intervento; Adozione di tecniche di Ingegneria dimensionate alla necessità di opere antierosive, stabilizzanti e di consolidamento effettivamente necessarie alla riuscita tecnico-naturalistica degli interventi a verde; Adozione di tecniche di ingegneria tradizionali solo se non sostituibili con tecniche di ingegneria naturalistica. 2.2.5 Sistema di regimazione delle acque meteoricheLa rete di raccolta delle acque bianche verrà realizzata al completamento delrimodellamento morfologico per garantire una corretta regimazione degli afflussimeteorici piovuti sulla superficie della discarica ed evitarne il ristagno sullacopertura, è stata prevista in base ai principi dell’ingegneria naturalistica e,quindi, con l’obiettivo di realizzare interventi che garantiscano un reale e rapidorecupero paesaggistico dell’area.Le opere previste sono:  Fascinate vive di Salici e Tamerici con legno misto vivo e morto;  Fascinate drenanti per lo scolo delle acque raccolte su ciascun piano, disposti lungo i versanti della discarica;  Fosso di guardia perimetrale in argilla copattata.Si fa presente che il tipo di intervento proposto è assolutamente in linea con le piùrecenti e innovative soluzioni di recupero ambientale basate sull’utilizzo dimateriali naturali, quindi caratterizzati da bassissimo o nullo impatto ambientale,rispetto a opere realizzate con manufatti in cemento che, certo, non garantiscono unreale recupero ambientale.Il fosso di guardia perimetrale, posto lungo il perimetro dell’invaso, veicolerà leacque verso il ricettore finale ( Rio Galeria).Lo scarico è costituito dalle acque bianche provenienti dalla copertura della discarica,Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 22
  • 23. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAquindi trattandosi di acque ruscellanti su suolo non contaminato che non vengono inalcun modo a contatto con i rifiuti abbancati, conservano le caratteristiche di acquepiovane e di conseguenza non richiedono processi depurativi a monte dello scariconel corpo ricettore. 2.2.6 Captazione e recupero del biogasLimpianto di captazione previsto è costituito da complessivi 53 pozzi ubicatisecondo una maglia regolare; i pozzi verranno realizzati per trivellazione a lottoultimato, ovvero quando il singolo settore abbia raggiunto il livello di massimoriempimento previsto. I pozzi avranno un diametro di un metro ed al loro interno saràinstallato un tubo drenante in HDPE di opportuno diametro. Il resto del pozzo verràriempito di materiale drenante siliceo fino al livello dei R.U; alla sommità, il pozzoverrà sigillato con uno strato di argilla, che sarà collegato alla copertura delladiscarica. Il tubo sarà, a sua volta, collettato alla rete di raccolta. La rete di raccoltasarà costituita da tubi in PE ad alta densità, disposti sopra la copertura finale e saràarticolata in linee principali, che collegano la rete dei singoli lotti di esercizioallimpianto di recupero energetico e/o torcia, ed in linee secondarie che uniscono ipozzi di ogni singolo lotto. Ogni linea secondaria sarà provvista di un punto diattacco alla condotta collettrice principale.Il biogas, prodotto naturalmente per biometanificazione anaerobica dei rifiutiabbancati nella discarica, viene estratto inducendo, mediante turboaspiratori, unadepressione negli appositi pozzi verticali, realizzati nel corpo discarica. I pozzi sonocollegati agli aspiratori mediante tubazioni di convogliamento e raccolta orizzontali,posate sul corpo discarica stesso.Il biogas così raccolto sarà inviato all’ impianto di combustione dove viene bruciatoin torcia.E’ prevista la realizzazione di una platea in cls armato per l’alloggiamentodell’impianto di combustione, il quale sarà composto da:Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 23
  • 24. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA o stadio di separazione della condensa; o stadio di aspirazione/compressione; o stadio di combustione; o telaio.Limpianto sarà completo delle seguenti apparecchiature: manometro per lindicazione delle pressioni in mandata; deprimometro per lindicazione della depressione in rete; ellettrovalvola di intercettazione; quadro elettrico in esecuzione EExd. 2.2.7 Viabilità di servizioPer rendere fruibile l’area rinaturalizzata, verrà realizzata lungo tutto il perimetro esul falsopiano sommitale, una stradina non asfaltata della larghezza di circa 3 metriche assicura la viabilità nell’area.La strada verrà realizzata con pietrisco e ghiaia per uno spessore di circa 10 cm. 2.2.8 Sistema di monitoraggioAl fine di controllare la qualità delle acque sotterranee, si prevede la realizzazione diotto pozzi di monitoraggio (PZ1 ÷ PZ8) posti a monte e a valle dell’area di discaricarispetto al verso di scorrimento della falda idrica .Con tale disposizione si avrà la possibilità di intercettare le eventuali perdite daqualsiasi punto dello stoccaggio definitivo queste provengano.Inoltre il monitoraggio Idrologico dell’acquifero sotterraneo verrà condottomediante l’utilizzo di sonde multiparametriche che rilevano in continuo il livellopiezometrico e la temperatura.Le sonde verranno disposte in tre piezometri posti a monte e a valle del corpodiscarica secondo la direzione della falda secondo quanto richiesto dall’UfficioProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 24
  • 25. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAidrografico.La discarica sarà inoltre dotata di un centralina per la rilevazione dei datimeteoclimatici. 2.2.9 Pertinenze: il bacino di ossidazioneIl flusso dei rifiuti in ingresso alla linea di stabilizzazione (componente prevalenteorganica), sarà derivato dalle stazioni di trasferenza di Rocca Cencia e Malagrotta.Sulla base delle attuali necessità, si prevede che vengano conferite complessivamentefino a ca. 550 t/g di frazione umida.Tali quantitativi andranno nel tempo a ridursi fino a venir meno per effetto dellaRaccolta Differenziata come previsto nel Piano Regionale e nel Patto per Roma, conil raggiungimento, nel 2016, dell’obiettivo del 65%.La zona di conferimento, del tipo ―a raso‖ per consentire la sistematica pulizia dellearee a fine giornata, è realizzata in ambiente chiuso e pavimentato, mantenuto incostante depressione con una portata di aria estratta tale da garantire almeno n° 4ricambi/ora. L’accesso dei veicoli è regolato da portoni a rapido impacchettamento,per minimizzare il tempo di esposizione verso l’esterno.La massima capacità di stoccaggio che occorre prevedere è quella necessaria acontenere una giornata di lavorazione, pari a 550 t.Conseguentemente, considerando una densità media di 0,6 t/m3 ed una altezza mediadei cumuli di 3 metri, l’area necessaria sarà pari a circa 300 m², a cui vanno aggiuntele aree di manovra dei mezzi di conferimento e di quelli di carico.L’area destinata alla ricezione della frazione organica ed al carico della FOS èseparata dall’area destinata alla biostabilizzazione da una tramezzatura, in modo daseparare fisicamente i reparti dove è prevista la presenza di personale (ricezione ecarico FOS) da quelli dove la presenza del personale è esclusa.Il sistema di stabilizzazione della frazione organica, sviluppato sulla base delleconsolidate tecnologie del Gruppo Sorain Cecchini, consta di n° 2 bacini diProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 25
  • 26. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAbiostabilizzazione, ciascuno dei quali è sostanzialmente composto da:  sistema di rivoltamento e trasferimento meccanico automatizzato (tramite coclee) del materiale da trasformare in FOS tale da garantire, insieme al controllo della temperatura, la distruzione degli organismi patogeni presenti; Figura 2.3 – Ponte a doppio carrello e sistema rivoltamento con coclee  sistema di aerazione forzata con controllo dell’aerazione nelle varie fasi di processo costituito da ventilatori e da una rete di canali di distribuzione dell’aria che copre tutto il fondo della bacino. L’aspirazione dell’aria sotto la massa di materiale avviene tramite tubazioni forate.  sistema di controllo del processo basato sul monitoraggio della temperatura raggiunta e delle sue variazioni nel tempo durante il processo;  sistema di umidificazione del materiale nei bacini di ossidazione;  sistema di collegamento, drenaggio e raccolta condense per il loro ricircolo o, se necessario, per lo scarico indiretto;  sistema di carico automatico del materiale mediante nastri tripper;Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 26
  • 27. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA Figura 2.4 - Nastri tripper  sistema di scarico automatico del materiale per mezzo delle stesse coclee e di un nastri di ripresa che convogliano la FOS alla zona di carico dei mezzi per il trasporto a discarica;  sistema di deferrizzazione a mezzo di separatori elettromagnetici per eliminare, dalla frazione organica stabilizzata, materiali ferrosi residuali ed avviarli a recupero.Ciascun biodigestore è costituito da una vasca rettangolare, provvista di un sistema diaspirazione aria dal fondo.Lungo il biodigestore traslano due carriponte su ciascuno dei quali sono montati duecarrelli muniti di coclee motorizzate che, con il loro moto rotazionale, immerse nelmateriale, assicurano il rivoltamento, la omogeneizzazione e l’avanzamento dellafrazione organica.L’alimentazione della frazione organica viene effettuata tramite due estrattorimetallici che alimentano ciascuno il tripper a servizio di uno dei due bacini.Gli estrattori metallici vengono caricati o direttamente dai mezzi di conferimento(scarico diretto) o tramite pale gommate che movimentano il materiale depositatoProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 27
  • 28. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAnelle aree di stoccaggio.Un nastro distributore tripper provvede a distribuire uniformemente il materiale dastabilizzare su tutta la lunghezza del reattore.Lo scarico della FOS viene effettuato sul lato opposto a quello di carico mediante lecoclee rivoltatrici che depositano il materiale sulla sponda del bacino: una appositafresa preleva il materiale dalla sponda, dosandolo sul nastro di scarico; un sistema dinastri trasportatori convoglia la FOS nei mezzi destinati al conferimento in discarica.Tutto il processo, dal caricamento dei bacini, al rivoltamento/trasferimento, alloscarico del materiale, all’aerazione forzata dal fondo, avviene completamente inautomatico.La lunghezza e quindi la capacità del bacino, risulta determinata dall’inputgiornaliero espresso in volume, posta una giacenza di circa 4 settimane, ritenutenecessarie per il raggiungimento di un adeguato stadio di stabilizzazione.Essendo il quantitativo della materia organica in ingresso al bacino pari a circa 550t/g; considerando per il materiale nel bacino (strato di 2,3 m) una densità media di 0,6t/m3; considerando per il calo di volume del materiale, al termine del periodo didigestione, un fattore di riduzione di 1,3; il volume di materiale in giacenza nelbacino durante il periodo di stabilizzazione è:[550(t/g) / 0, 6(t/m3) * 28(gg) *313 / 365] /1,3 (calo medio)  16.900 m3considerando una larghezza standard del bacino pari a circa 23 m;considerando una altezza media dello strato del materiale pari a 2,3 m;si dovrà avere una lunghezza complessiva del bacino di:16.900 m³ / (23 m x 2,3 m )  320 m.Verranno pertanto realizzati n° 2 bacini della lunghezza utile di 165 m.Il processo di biostabilizzazione determina un calo ponderale del materiale organico:la FOS in uscita dai bacini sarà pertanto ca. 400÷450 t/g.La frazione organica stabilizzata scaricata dal bacino, dopo essere stata deferrizzataper mezzo di appositi separatori elettromagnetici disposti trasversalmente ai nastritrasportatori, viene caricata su automezzi che provvedono al trasporto nella attiguaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 28
  • 29. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdiscarica.Il materiale ferroso separato dal flusso della FOS, viene raccolto in appositi cassonied avviato ai centri di raffinazione per il recupero nell’industria siderurgica.Il vapor d’acqua prodotto dai processi di fermentazione, raccolto come condense daisistemi di aspirazione dell’aria di processo e dell’aria ambiente, viene stoccato inapposite cisterne per essere riutilizzato per la umidificazione del materiale nei bacinio per lo smaltimento in impianti esterni.L’edificio industriale è composto da un unico corpo avente le seguenti dimensioni:  Lunghezza: 235 m  Larghezza 70 m  Altezza 9m  Volume complessivo: 148.000 m3Considerando che nella zona di carico e scarico della frazione organica (ca. 30.000m³) vi è presenza di personale mentre nell’area dei bacini di compostaggio ilprocesso è completamente automatico, il sistema di aspirazione dell’aria ambientesarà dimensionato, in ottemperanza alle raccomandazioni contenute nelle ―Lineeguida recanti i criteri per l’individuazione e l’utilizzazione delle migliori tecnichedisponibili ex art. 3, comma 2 del D: Lgs. 372/99, parte 5 – Gestione dei rifiuti –(Impianti di trattamento Meccanico-biologico)‖, per garantire in quell’area almeno 4ricambi/ora (ca. 120.000 Nm³/h di aria aspirata).L’aria aspirata in questi ambienti viene immessa, come flusso di ―lavaggio‖, nellazona dei bacini di biostabilizzazione: in questo reparto, dove il processo ècompletamente automatico, l’impianto di aspirazione verrà dimensionato pergarantire almeno tre ricambi/ora (sempre in ottemperanza alle prescrizioni dellerichiamate Linne Guida).Una parte consistente dell’aria aspirata (ca. 100.000 Nm³/h) è costituita dall’aria diprocesso (aspirata dal fondo dei bacini) e la rimanente (pari a ca. 254.000 Nm³/h)viene aspirata dall’ambiente.Complessivamente quindi, le linee di aspirazione dell’aria saranno dimensionate perProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 29
  • 30. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAottenere una portata complessiva pari a 354.000 Nm³/h, pari a 3 ricambi/ora medi nelreparto di biostabilizzazione.L’impianto di deodorazione consta di un biofiltro il cui principio di abbattimentodelle sostanze odorifere presenti nelle arie di processo è basato sulla depurazionebiologica ad opera di un letto filtrante.L’aria in ingresso al biofiltro è incanalata in un plenum di distribuzione, dove, graziealla bassa velocità dell’aria e mediante un eventuale impianto di lavaggio con acquaatomizzata, si effettua una primo trattamento in grado di ridurre la concentrazionedelle sostanze in sospensione insieme alle sostanze semplicemente trascinate (es.polveri).La deodorizzazione avviene in un letto filtrante, costituito da una matrice organica(torba) opportunamente trattata ed avente nel contempo elevato grado di porosità equantità di superfici biologicamente attive.Nel contatto con le particelle solide costituenti il biofiltro le sostanze odorifere,organiche ed inorganiche, contenute nell’aria si fissano sulla superficie umida delleparticelle stesse e vengono degradate biologicamente dall’azione dei batteri aerobisupportati. L’aria emessa dalla superficie del biofiltro perde quindinell’attraversamento del letto il carico di odori.L’efficienza di deodorizzazione del filtro biologico, sistema positivamente collaudatocon successo in impianti analoghi, è strettamente legata all’osservanza di alcuniparametri progettuali e gestionali.Le specifiche tedesche VDI 3477, internazionalmente prese come linee di guida perla realizzazione e gestione di questo tipo d’impianti, elencano i seguenti criteri: a) scelta del materiale filtrante che deve essere:  sufficientemente poroso per consentire un uniforme distribuzione dell’aria nel materiale filtrante;  sufficientemente strutturato per non dar luogo nel tempo a fenomeni di impaccamento con relativo intasamento del biofiltro e formazione di canali preferenziali;Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 30
  • 31. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA  ricco di superfici di attecchimento per i batteri;  sufficientemente atto a ritenere l’umidità per garantire l’ambiente adatto alla vita batterica;  con contenuto di materia organica a base carboniosa a nutrimento dei batteri; b) carico specifico dell’aria da trattare sull’unità di volume del biofiltro:  l’azione di deodorizzazione viene esplicata in maniera efficace se il flusso d’aria da trattare attraversa il biofiltro in maniera uniforme e per tempo sufficiente per permettere la cessione delle sostanze odorifere. E’ pertanto importante in sede di progetto identificare il volume ottimale di aria che attraversa il letto nell’unità di tempo per ogni unità di volume del biofiltro;  Il carico scelto, pari a 80 m3/h per metro cubo di materiale filtrante, è un valore che, per il tipo di emissione in questione, garantisce un tempo di contatto più che sufficiente per l’abbattimento delle sostanze odorifere presenti. c) umidità del letto:  la vita dei batteri supportati dal biofiltro è garantita solo in presenza del velo di umidità che ricopre particelle solide dello stesso;  bisogna poter aggiungere acqua alla superficie del biofiltro; d) corretta manutenzione:  controllo periodico perdita di carico per evidenziare fenomeni d’intasamento;  controllo periodico stato superficie per identificare eventuali canali preferenziali;  controllo periodico temperatura;  intervento periodico di manutenzione strato superficiale.Per controllare l’umidità della massa filtrante, il biofiltro è dotato di un sistemaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 31
  • 32. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAautomatico e programmabile di irrigazione superficiale.Caratteristiche principali del biofiltroSuperficie filtrante: 2.500 m2Altezza filtrante: 1,8 mPortata d’aria: 354.000 Nm3/hCarico specifico: ca. 78 m³/h *m3 biofiltroTempo di contatto: > 45 secondiPer una descrizione completa del biofiltro si rimanda alla Relazione Tecnica diProgetto.2.3 Ingresso, recinzione e parcheggiL’accesso in discarica è controllato mediante un cancello scorrevole, di altezza mt. 2e larghezza mt. 10, attraverso il quale percorrendo una strada asfaltata si arrivaall’area di accettazione e pesatura. La recinzione che interesserà tutto il perimetrodell’impianto sarà costituita da rete metallica montata su paletti in cemento vibratodell’altezza di 2 m fondati su un muretto in cls armato dell’altezza di 50 cm.I parcheggi sono posizionati sul piazzale di servizio nella zona adiacente gli uffici. 2.3.1 PesaLa pesa e l’ufficio-pesa, per la pesatura dei mezzi in ingresso ed in uscita dalladiscarica verranno posizionati come indicato nelle planimetrie di progetto sulpiazzale asfaltato.Detto fabbricato sarà realizzato in analogia all’esistente impianto di Malagrotta di cuisi riporta una foto.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 32
  • 33. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA Figura 2-5 -Pesa 2.3.2 Uffici, mensa, spogliatoiNel piazzale di servizio saranno presenti 3 manufatti prefabbricati che verrannoadibiti a uffici, mensa e spogliatoi ciascuno avente una superficie di circa 18 m2.Tale iniziativa permetterà di migliorare le condizioni igienico sanitarie del personalepresente in discarica. 2.3.3 Capannone bacino di ossidazioneIl processo di ossidazione della frazione organica avverrà all’interno di una strutturaleggera provvisoria in grado di resistere all’azione della Neve, del Vento e del Sisma(zona a rischio sismico medio) avente dimensioni di m70x235xHu = 9m x Htot=11,50m.Sarà costituita da:Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 33
  • 34. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA  fondazioni superficiali a plinti semplicemente appoggiati che possono essere facilmente rimossi;  ritti in profilati in acciaio bullonati sui tirafondi ammarati nei plinti;  incavallature con travi reticolari in acciaio bullonate sulla testa dei ritti.Opportune controventature di falda e di parete sempre in acciaio, stabilizzerannol’opera sotto l’azione dei carichi orizzontali; la copertura e le tamponature saranno inpannelli di lamiera facilmente rimovibili;L’intera opera sarà completamente smontabile e recuperabile essendo costituita daelementi interamente bullonati. 2.3.4 Impianto di illuminazioneVerranno realizzate n. 6 palificazioni in acciaio zincato a tronco conico con altezza9/10 m e spessore di 4 mm, autoalimentati con sistema fotovoltaico corredati dilampada al sodio bassa pressione.La produzione di energia elettrica è assicurata da due pannelli fotovoltaici con unapotenza massima complessiva di 180 W e una superficie attiva captante di 1,4 mq.Ogni palo è dotato di centralina che provvede alla carica dellaccumulatore eallattivazione automatica della lampada, che si accende al crepuscolo e si spegnedopo un tempo predeterminato mediante timer programmabile.Il sistema di montaggio dei pannelli permette la rotazione sullasse del palo, in mododa orientare i moduli fotovoltaici verso il sole.Il sistema di accumulo è costituito da una batteria semistazionaria a piastre piane alpiombo a ridotta manutenzione da 116 Ah. 2.3.5 Impianto di videosorveglianzaL’impianto sarà dotato di un sistema per la totale videosorveglianza dell’area. La retesarà posta in una apposita canalizzazione. Le derivazioni saranno realizzateutilizzando appositi pozzetti. Per il sostegno delle telecamere si utilizzeranno i pali diProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 34
  • 35. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAilluminazione.L’intera area perimetrale dell’impianto sarà videosorvegliata mediante l’installazionedi 24 telecamere.Tutte le telecamere saranno collegate ad un videoregistratore da installare nel boxuffici opportunamente collegato all’impianto elettrico con un sistema di emergenza.Il videoregistratore sarà in grado di registrare contemporaneamente tutte le immaginiprovenienti dalle telecamere, in real time ed archiviarle fino all’esaurimento dei 900GB contenuti in 3 Hard Disk da 300 GB cadauno.Sono previsti n.2 videoregistratori, ognuno dei quali munito di 3 hard disck.Il videoregistratore sarà collegato all’impianto di cablaggio strutturato ed identificatocome IP dello stesso impianto, pertanto potrà essere consultato dai PC facenti capoallo stesso impianto di rete, oltre che al monitor 19’’ appositamente dedicato.Inoltre l’impianto opportunamente collegato ad una connessione ADSL con IPstatico, potrà essere consultato in remoto. Tali videocamere di tipo a raggi infrarossipermetteranno inoltre di monitorare in continuo tutta l’area di discarica segnalandotempestivamente eventuali focolai di incendio e garantendo cosi il pronto intervento. 2.3.6 Lavaggio automezziPer consentire il lavaggio sia dei mezzi interni che esterni, verrà realizzata unaapposita postazione, delimitata lateralmente da due parapetti in cls e lamiera su cui èmontato il sistema di lavaggio.L’acqua di lavaggio dei mezzi in uscita dall’impianto verrà stoccata e smaltita pressoun impianto esterno debitamente autorizzato. 2.3.7 Cisterne di stoccaggio del percolatoPer permettere un adeguato volume di stoccaggio, sia per il percolato di discarica cheper le acque di lavaggio e di prima pioggia, verranno realizzate nell’area del piazzaledi servizio 5 cisterne per un quantitativo totale di 700 mc.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 35
  • 36. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIALe cisterne verranno posizionate all’interno di una vasca di contenimento di altezzapari a 1,2 m, realizzata in c.a. gettato in opera impermeabilizzata internamente con untelo in HDPE dello spessore di 2 mm.I muri di contenimento sono alti 1,2 m e larghi 20 cm. L’armatura è costituita dastaffe ogni 50 cm cui è appoggiata internamente ed esternamente una rete a maglia di20 * 20 cm.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 36
  • 37. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA3 DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE3.1 AriaPer la descrizione della qualità dell’aria sono stati utilizzati i dati ricavati dalleseguenti centraline presenti nell’area in esame.In particolare sono stati analizzati :  i dati rilevati dalla centralina ubicata nella discarica di Malagrotta nel periodo 2005-2008,  i risultati della campagna di Monitoraggio presso la zona di Malagrotta - Pisana – Roma - Qualità dell’aria dal 13.06 al 13.07. 2008 - di ARPA Lazio relativamente alla centralina posta nei pressi di Massimina  i risultati di una recente campagna di monitoraggio privata nella zona della Raffineria di Roma nel periodo dal 17 Marzo 2009 al 31 Marzo 2009.I parametri monitorati sono complessivamente:  Particolato PM 10  Biossido di azoto NO2  Anidride solforosa SO2  Monossido di carbonio CO  Acido solfidrico H2SDall’analisi dei dati raccolti da centraline private e pubbliche si conclude che, salvoper alcuni superamenti delle polveri sottili Pm10 e dei continui superamentidella soglia olfattiva dell’ acido solfidrico, le concentrazioni degli inquinantimonitorati sono al di sotto dei limiti di legge vigenti.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 37
  • 38. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA3.2 AMBIENTE IDRICOLa rete idrografica che incide con diversi caratteri l’area in esame confluisce tutta nelFosso Galeria ed è costituita essenzialmente, oltre che da qualche fosso minore, dalfosso di Santa Maria Nuova e dal suo tributario di destra, il fosso di Fontignano.Il Fosso Galeria è un affluente di destra del Tevere che nasce all’altezza della viaTrionfale alta e sbocca nella piana del Tevere presso l’abitato di Ponte Galeria. Ilbacino si estende dalle pendici del lago di Bracciano fino al Tevere, poco ad ovest diRoma. La superficie del bacino è pari a 158 Kmq e la lunghezza d’asta del corsod’acqua è pari a 38,5 Km. L’altitudine media è di 95 m slm. Nell’area del bacinoricadono i centri abitati di Cesano e di Ponte Galeria. La foce è ubicata nel comune diRoma.L’area in esame rientra all’interno del Bacino della Bassa Valle del Tevere; le Tavoledel PAI relative a tale zona, mostrano che lo stato ecologico del fiume Teverenell’area vasta , limitrofa alla zona dei Monti dell’Ortaccio, è di Classe 5 ―Pessimo‖.La valutazione dello stato di qualità del Fosso Rio Galeria, distante circa 400 m dalsito in esame, è stata, viceversa, tratta dal Rapporto ARPA Lazio sulla qualità delleacque superficiali e sotterranee della Provincia di Roma - anno 2005, dal quale sideduce che anche lo stato ecologico di tale fosso è di classe 5 ―Pessimo‖.3.3 SUOLO E SOTTOSUOLO3.3.1 Geomorfologia e idrografia dell’Area Monti dellOrtaccioL’area di Monti dellOrtaccio, costituisce il settore più orientale dei Monti chebordano la valle del Rio Galeria (56 m s.l.m.) che, si colloca da spartiacque tra lavalle del Rio Galeria (circa 6 m s.l.m.) ad Est e la valle del Fiume Tevere (circa 4 ms.l.m.) ad Ovest. Tale passaggio risulta piuttosto evidente soprattutto incorrispondenza della porzione meridionale dell’area (lungo Via della Muratella) dovei rilievi del Colle Quartaccio, con pendenze dell’ordine dei 25° – 30°, siProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 38
  • 39. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAinterrompono bruscamente nella valle alluvionale del Fiume Tevere. Il rilievo risultaintersecato da due incisioni trasversali che confluiscono nella Valle del Rio Galeria.La sommità presenta una superficie leggermente pianeggiante a ricalcare il motivogeologico che vede, nella porzione superiore, l’affioramento dei depositi vulcanicispesso caratterizzati da corpi tabulari.3.3.2 Inquadramento Geologico dellArea Monti dellOrtaccioL’Area di Interesse, è caratterizzata dall’affioramento di successioni ghiaioso-sabbioso-limoso-argillose pleistoceniche riferibili alle diverse fasi deposizionali delPaleotevere, seguite da depositi vulcanici e quindi dai depositi alluvionali attuali. Quidi seguito sono elencate le formazioni affioranti dalla più recente alla più antica.o Riportio Depositi alluvionali recentio Depositi piroclasticio Formazione Aureliao Formazione di Ponte Galeriao Formazione di Monte delle Piche (Argille di Base)Nel settore occidentale del Foglio ―Roma‖, tra il toponimo Monte delle Piche eMalagrotta, è presente, per la maggior parte al di sotto del piano campagna, undeposito composto di argille e argille-sabbiose grigio-verdastre con rari livellisabbiosi contenenti Hyalinea balthica e dunque attribuiti all’Emiliano. Leassociazioni microfaunistiche descrivono un ambiente di deposizione circalitorale.Lunità affiora solo in piccoli lembi lungo la Valle Galeria. Lo spessore massimo èriscontrato presso il sondaggio Malagrotta ed è di 134 m, ma non è stata incontrata labase. (Pleistocene inferiore)Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 39
  • 40. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAFigura 3-1Tale assetto geologico viene poi movimentato e complicato dal punto di vista deirapporti stratigrafici, dalle alluvioni degli attuali Rio Galeria, F.sso di Santa MariaNuova che attualmente rappresentano l’idrografia superficiale più importantedellarea. Non vanno dimenticati anche gli affluenti minori a tale reticolo idrografico,affluenti che attraversavano l’area dellattuale sito e di cui morfologicamente si sonoperse le tracce ma sono spesso rintracciabili da vari paleoalvi evidenziati nellenumerose indagini geognostiche eseguite nell’area.L’idrografia superficiale quindi ha eroso profondamente le formazioni vulcaniche,quelle sabbioso-ghiaiose fino ad incidere anche le argille plio-pleistoceniche di base,colmando le depressioni create con sequenze deposizionali rappresentate dasuccessioni limo-sabbiose o limo-argillose con frequenti ed evidenti livelli torbosi.Tale evoluzione paleogeografia subita dall’area nel corso degli ultimi 2 Ma di anni,ha caratterizzato l’attuale assetto idrogeologico.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 40
  • 41. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAFigura 3-2 3.3.3 Assetto idrogeologicoIl bacino imbrifero in cui insiste l’area in esame è drenato dal Rio Galeria, affluentein destra idrografica del Fiume Tevere, nel quale confluisce a quota di 6 m s.l.m.presso Ponte Galeria.Il Rio Galeria ha forma allungata da N a S ed una lunghezza di oltre trenta Km elarghezza massima di 8 Km. Il suo nome prende origine dalla pendici che cingono ilLago di Bracciano, riceve molti affluenti sia in destra che in sinistra idrografica.Fra quest’ultimi il Fosso di Santa Maria Nuova, che confluisce a metri 14 s.l.m., èuno dei più importanti e il suo bacino idrografico, di circa 12 Kmq di superficie,presenta un’altitudine media di 50 m s.l.m.L’area in esame insiste per la maggior parte sul bacino idrografico del Rio Galeria indestra idrografica.Prima dell’avvento delle attività estrattive, i fossi secondarii attraversavano l’area inesame, e con direzione Nord-Sud confluivano in destra idrografica nel Rio Galeria.Nell’area in esame, data la conformazione morfologica dell’area, ed in particolare delbanco di argilla sottostante (un rilevato compreso tra Pian del Sole ed il Rio Galeria),è presente un acquifero superficiale dovuto prevalentemente allalimentazione delleProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 41
  • 42. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAacque di precipitazione meteorica al di sopra dello strato di argilla di base; il suolivello massimo si colloca a oltre 2 metri di profondità misurato dalla porzione piùdepressa della cava (24,5 m slm) disponendosi l’isofreatica ad una quota di circa 22m slm come mettono in evidenza le misurazioni effettuate (agosto 2012) nei varipiezometri da tempo realizzati nell’area oltre da punti d’acqua emergenti dato losfruttamento a cava di ghiaia e sabbia di tale area con misurazioni dirette della quotadel pelo libero della falda effettuate dalla Soc. Rams srl.L’idrogeologia dei luoghi è caratterizzata dalla presenza di un acquifero superficialeall’interno della formazione del galeriano costituita da ghiaie e sabbie al tetto delleargille plioceniche (argille di base) che fungono da substrato impermeabile.Il deflusso generale dellacquifero superficiale, segue a grandi linee il corso del RioGaleria e le linee di flusso evidenziano l’alimentazione in subalveo del corso d’acquadagli acquiferi ospitati nel complesso delle sabbie e ghiaie della formazione di PonteGaleria. L’area di ricarica di tale acquifero è rappresentata dalla stessa area in esamee dalle aree poste a Nord della Via Aurelia.Il deflusso è all’incirca di direzione NW-SE con flussi secondari in direzione NE-SW. L’acquifero risulta contenuto nei giacimenti di ghiaia e sabbia al contatto con leargille grigio azzurre plio-pleistoceniche che né costituiscono il cosiddetto aquiclude(argille di base), in quanto di spessore oltre i 100 m, ubiquitaria nell’area e concoefficienti di permeabilità prossimi a 10-8/ 10-9 cm/s.La potenzialità dellacquifero è classificabile come medio-bassa con valori ditrasmissività dell’ordine 10-3 mq/s. 3.3.4 Complessi idrogeologiciL’assetto idrogeologico dell’area è caratterizzato dall’affioramento di litotipi condifferenti gradi di permeabilità relativa, sulla base dei quali sono stati distinti diversicomplessi idrogeologici (Carta Idrogeologica). La permeabilità dei terreni è indottada due fattori differenti: la porosità intrinseca del materiale, definita come primaria eProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 42
  • 43. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAquella secondaria indotta, nel caso di materiali litoidi, dallo stato di fessurazione e/ofratturazione. Quando si descrivono le caratteristiche di interi volumi di terre e/orocce il valore di permeabilità che viene assegnato è ovviamente indicativo esintetico di una situazione generale più complessa costituita da numerosi litotipi chepresentano singolarmente caratteristiche idrogeologiche distinte.Nell’area in esame sono stati distinti sei complessi idrogeologici:  Complesso delle argille di base  Complesso dei riporti  Complesso dei depositi alluvionali  Complesso delle sabbie e limi  Complesso vulcanoclastico  Complesso dei conglomerati e sabbie3.4 Andamento delle isofreatiche nell’area in esameL’andamento piezometrico generale dell’area è stato ricostruito nella cartaidrogeologica mediante misure piezometriche eseguite in piezometri interni all’Areadi Interesse, opportunamente confrontate con i dati di letteratura (VENTRIGLIA1989; CAPELLI et alii, 2005). È stata di ausilio a tale ricostruzione anche la cartadelle isobate del tetto della Formazione di Monte delle Piche (Argille di Base) checostituisce l’acquiclude dell’acquifero.Come già detto, lacquifero superficiale, risulta contenuto nella Litofaciesconglomeratico-sabbiosa della Formazione di Ponte Galeria (PGL3a) ma soprattuttonella porzione basale della stessa (Conglomerati di Casale dell’Infernaccio PGL1) adiretto contatto con le argille di base MDP. L’andamento piezometrico è influenzatoda tre fattori: le caratteristiche morfologiche dell’area (rastremazione dei rilievicollinari tra i due bacini alluvionali del Fiume Tevere e del Rio Galeria), lecaratteristiche litologiche peculiari della base della Formazione di Ponte Galeria(sabbie limose anziché conglomerati) e l’andamento dell’impermeabile di base (tettoProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 43
  • 44. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdella Formazione di Monte delle Piche).Per lelaborazione della carta idrogeologica di dettaglio ci si è avvalsi di un softwaredi contouring, riportando lelaborato su planimetrica topografica dellarea.La ricostruzione altimetrica della quota piezometrica riportata nella cartaidrogeologica di dettaglio alla data del 27/08/2012 è stata calcolata considerando lemisure effettuate nei piezometri attualmente funzionanti nellarea in esame comeriportate in tabella: Piezometro Quota piezometrica m s.l.m. P2 23.20 NP1 21.87 S3 Bis 15.12Il piezometro P2 è esterno allarea di interesse e rappresenta il monte idrogeologicodellarea, il nuovo piezometro NP1 è posizionato verso il centro dellarea in esame,mentre il piezometro S3 Bis è posizionato a valle dellarea (valle idrogeologico).Inoltre, si è tenuto conto del rilievo della quota del pelo libero dellacqua effettuatodalla Soc. Rams srl in data 07/08/2012 nellemergenza dellacquifero presenteallinterno dellarea in esame, posto a +22.02 m s.l.m.Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla relazione geologica allegata redatta dalDott. Geol. Antonio Fabrizi. 3.4.1 SismicitàIn data 27 Agosto c.a, è stata effettuata unindagine sismica, sullarea di interesse inlocalità ―Monti dellOrtaccio‖, nel Comune di Roma, al fine di definire la categoria disottosuolo sismica, come da normativa vigente.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 44
  • 45. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma Capitale Ordinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA A questo scopo sono stati realizzati: - n. 3 profilo di sismica di superficie con metodologia M.A.S.W. - n. 3 profilo di sismica di superficie con metodologia Re.Mi. - n. 2 misure di microtremori a stazione singola. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla relazione geologica allegata redatta dal Dott. Geol. Antonio Fabrizi. In una ricognizione storica degli eventi sismici che hanno fatto risentire i loro effetti nella zona in studio, si è fatto riferimento ai dati sulla distribuzione delle massime intensità macrosismiche nei Comuni italiani, reperibili al sito http://emidius.mi.ingv.it/DBMI04.Seismic history of Roma[41.895, 12.482]Total number of earthquakes: 114 Effects Earthquake occurred:Is Anno Me Gi Or Area epicentrale Studio nMDP Io MwF -99 NORCIA CFTI 2 8 5.57F 346 SANNIO CFTI 5 9 6.007-8 801 04 29 20 ROMA CFTI 2 7-8 5.37F 1005 MONTECASSINO DOM 3 7-8 5.37NC 1222 12 25 11 BASSO BRESCIANO CFTI 40 8-9 6.05F 1231 06 01 11 CASSINO CFTI 3 7 5.354 1279 04 30 18 CAMERINO DOM 17 10 6.33F 1298 12 01 REATINO CFTI 7 8-9 5.93NC 1315 12 03 09 30 ITALIA CENTRALE CFTI 15 9 6.004 1328 12 01 NORCIA DOM 13 10 6.447-8 1349 09 09 AQUILANO CFTI 22 9-10 6.465 1456 12 05 MOLISE DOM 199 10 6.965 1461 11 26 21 30 AQUILANO DOM 10 10 6.465 1484 01 19 MONTEROTONDO DOM 6 6-7 5.06F 1599 11 05 CASCIA DOM 18 8-9 5.82F 1654 07 23 00 25 SORANO-MARSICA CFTI 44 9-10 6.17F 1688 06 05 15 30 SANNIO CFTI 216 11 6.723-4 1695 06 11 02 30 BAGNOREGIO DOM 50 8-9 5.777 1703 01 14 18 APPENNINO REATINO CFTI 196 11 6.817 1703 02 02 11 05 AQUILANO CFTI 70 10 6.655 1706 11 03 13 MAIELLA CFTI 99 9-10 6.604 1719 06 27 ALTA VALNERINA DOM 14 7-8 5.322-3 1727 12 14 19 45 S.LORENZO IN CAMPO DOM 32 7 5.18F 1730 05 12 04 45 NORCIA DOM 47 8-9 5.854-5 1731 03 20 03 FOGGIANO CFTI 50 9 6.34F 1732 11 29 07 40 IRPINIA CFTI 168 10-11 6.61 Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 45
  • 46. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma Capitale Ordinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA3 1741 04 24 09 20 FABRIANESE DOM 135 9 6.083 1743 02 20 16 30 BASSO IONIO CFTI 77 9-10 6.90F 1747 04 17 FIUMINATA DOM 27 9 5.933 1751 07 27 03 GUALDO TADINO DOM 61 10 6.303 1762 10 06 12 10 AQUILANO CFTI 6 9 5.904-5 1767 06 05 01 30 SPOLETINO DOM 10 7-8 5.442-3 1768 10 19 23 APPENNINO ROMAGNOLO CFTI 24 9 5.843 1777 06 06 16 15 CALABRIA DOM 9 7-8 5.534-5 1785 10 09 PIEDILUCO DOM 33 8 5.48F 1786 07 31 LAQUILA DOM 7 7 5.183-4 1791 10 11 SCOPOLI DOM 14 7-8 5.32F 1799 07 28 CAMERINO DOM 47 9 5.934 1805 07 26 21 MOLISE CFTI 223 10 6.57F 1806 07 21 09 CASSINO DOM 5 6-7 5.115-6 1806 08 26 07 35 COLLI ALBANI CFTI 35 7-8 5.476-7 1812 03 22 02 20 ROMA DOM 1 6-7 5.03NC 1815 09 03 NORCIA DOM 5 7-8 5.373 1829 06 01 09 COLLI ALBANI CFTI 25 7 5.17NF 1846 08 14 12 ORCIANO PISANO DOM 88 8-9 5.71NF 1857 12 16 21 15 BASILICATA CFTI 337 10-11 6.963-4 1859 08 22 NORCIA DOM 20 8-9 5.704-5 1873 03 12 20 04 MARCHE MERIDIONALI CFTI 196 8 5.88NF 1873 06 29 03 58 BELLUNESE CFTI 199 9-10 6.334 1873 07 12 06 06 MONTI DELLA META CFTI 62 7-8 5.404 1874 12 06 15 50 MONTI DELLA META CFTI 43 7-8 5.472 1875 03 17 23 51 ROMAGNA SUD-ORIENT. CFTI 143 8 5.742-3 1875 12 06 S.MARCO IN LAMIS DOM 97 7-8 6.075-6 1876 10 26 14 18 PALESTRINA DOM 29 6-7 5.034 1877 08 24 02 45 LAZIO MERIDIONALE CFTI 54 7 5.292-3 1878 09 15 MONTEFALCO DOM 25 8 5.555 1879 02 23 SERRAVALLE DOM 13 7 5.222 1879 04 27 04 06 VALLE DEL SENIO CFTI 20 7 5.182 1881 09 10 07 ABRUZZO MERIDIONALE CFTI 29 8 5.592 1882 06 06 05 40 MONTI DEL MATESE CFTI 52 7 5.282 1883 07 28 20 25 CASAMICCIOLA TERME CFTI 27 9 5.785 1883 09 02 07 03 FRASCATI DOM 27 5-6 4.632 1885 02 26 20 48 SCANDIANO DOM 78 6 5.225 1885 04 10 01 44 M. SIMBRUINI DOM 43 5-6 4.63NF 1889 12 08 APRICENA DOM 122 7 5.552 1891 06 07 01 06 14 VALLE DILLASI CFTI 403 8-9 5.715 1892 01 22 COLLI ALBANI DOM 81 6-7 5.17RS 1892 06 06 TREMITI DOM 72 6-7 5.07RS 1894 03 25 LESINA DOM 29 7 5.17RS 1894 11 27 FRANCIACORTA DOM 168 6-7 4.95RS 1895 03 23 COMACCHIO DOM 37 6 4.835-6 1895 11 01 CASTELPORZIANO DOM 98 6 4.83RS 1898 03 04 CALESTANO DOM 260 6-7 5.076-7 1899 07 19 13 18 54 COLLI ALBANI CFTI 123 7 5.18RS 1900 05 19 16 55 ARRONE DOM 16 6-7 5.034 1901 04 24 14 20 MONTELIBRETTI DOM 44 7-8 5.153-4 1901 07 31 10 38 30 MONTI DELLA META CFTI 76 7 5.29RS 1902 06 27 16 48 CASENTINO DOM 21 6 4.83 Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 46
  • 47. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma Capitale Ordinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA4-5 1902 10 23 08 51 REATINO DOM 77 6 4.83F 1904 02 24 15 53 26 MARSICA CFTI 56 8-9 5.67NF 1909 01 13 00 45 BASSA PADANA DOM 799 6-7 5.53RS 1909 08 25 00 22 MURLO DOM 283 7-8 5.40RS 1911 09 13 22 29 CHIANTI DOM 103 7 5.146-7 1915 01 13 06 52 AVEZZANO DOM 1040 11 6.993 1916 01 26 12 22 VALLE DEL LIRI DOM 29 6-7 4.932 1917 05 12 15 34 36 TERNANO CFTI 34 7-8 5.11RS 1918 04 14 01 56 GIANO DELLUMBRIA DOM 23 6-7 5.035-6 1919 10 22 06 10 ANZIO DOM 142 7 5.533-4 1922 12 29 12 22 SORA DOM 102 7 5.602 1925 09 24 13 33 46 MOLISE OCCIDENTALE CFTI 50 7 5.40RS 1926 08 17 01 42 ISOLA DI SALINA DOM 44 7-8 5.323-4 1927 10 11 14 45 MARSICA DOM 77 7 5.27RS 1927 10 28 21 49 BEDONIA DOM 51 6 5.136 1927 12 26 15 06 14 COLLI ALBANI CFTI 38 7 5.02RS 1928 04 21 13 56 MONTALCINO DOM 10 6 4.83RS 1928 07 20 19 53 ALTA VAL DI TARO DOM 20 6 4.563 1930 07 23 00 08 IRPINIA CFTI 509 10 6.723 1930 10 30 07 13 SENIGALLIA DOM 263 9 5.942-3 1931 10 21 07 35 VEROLI DOM 23 5 4.90RS 1932 01 02 23 36 CROTONESE DOM 22 6-7 5.623 1933 09 26 03 33 29 MAIELLA CFTI 326 8-9 5.682-3 1943 10 03 08 28 OFFIDA DOM 86 8-9 5.814 1950 09 05 04 08 GRAN SASSO DOM 137 8 5.733 1957 04 11 16 19 VALLE DEL SALTO DOM 46 6 5.183-4 1958 06 24 06 07 AQUILANO DOM 14 7 5.173-4 1961 10 31 13 37 ANTRODOCO DOM 84 7-8 5.13RS 1967 12 09 03 09 ADRIATICO MERIDIONALE DOM 22 6 4.832-3 1971 02 06 18 09 TUSCANIA DOM 89 7-8 4.903 1976 05 06 20 FRIULI DOM 770 9-10 6.435 1979 09 19 21 35 37 VALNERINA CFTI 691 8-9 5.904 1980 11 23 18 34 52 IRPINIA-BASILICATA CFTI 1317 10 6.89NF 1984 04 29 05 02 59 GUBBIO/VALFABBRICA DOM 709 7 5.684 1984 05 07 17 49 42 APPENNINO ABRUZZESE CFTI 912 8 5.933 1997 09 26 09 40 25 APPENNINO UMBRO-MARCHIGIANO CFTI 869 8-9 6.05 Il quadro complessivo mostra che gli eventi considerati hanno prodotto nel sito intensità macrosismiche (MCS) comprese fra 2 e 8, con una larga prevalenza di valori fra 3 e 4. Nel complesso il Rischio sismico, inteso come il prodotto della Vulnerabilità x il Valore esposto x la Pericolosità del sito, può essere considerato modesto, come peraltro sottolineato dalla recente riclassificazione del territorio regionale (DGR 387/2009), per la quale l’area rientra nella zona sismica 3A. Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 47
  • 48. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA 3.4.2 Verifiche di stabilitàNella Relazione geologica allegata al progetto, è stata eseguita la verifica di stabilitàdelle pareti della discarica .Per quanto riguarda la stabilità delle pareti, anche ai sensi del D.M. 14 Gennaio 2008(N.T.C), sulla base della caratterizzazione geotecnica effettuata, è stato prodotto ilcalcolo di stabilità sul profilo più penalizzante, introducendo nei calcoli le forze diinerzia mobilitabili dall’attività sismica di progetto desunta dalla normativa.La verifica è stata condotta sulla sezione tipo dellargine che dovrà essere realizzato.Per la ricostruzione dello stato di fatto e delle geometrie della vasca di progetto ci si èbasati sulla documentazione progettuale di cui il presente elaborato è parte integrante.Per ciò che concerne la stima dei parametri geotecnici adottati nella modellizzazioneconcettuale del sito utilizzato nelle verifiche, ci si è avvalsi di dati reperibili nellanormativa tecnica di settore, di osservazioni raccolte in seguito a sopralluoghiProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 48
  • 49. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAcondotti in sito, oltre che di dati e considerazioni maturate dallo scrivente indiscariche avente caratteristiche riconducibili a quella di progetto. In tutte lesimulazioni condotte sono stati comunque utilizzati parametri conservativi a favoredi sicurezza.Si riporta il commento delle verifiche eseguite dal Dott. Geol. Antonio Fabrizi:  l’analisi di stabilità condotta restituisce potenziali superfici di rottura significative interessanti l’argine di progetto con fattori di sicurezza superiori al valore richiesto dalla normativa vigente, pur considerando un’azione sismica concomitante sia allo SLV che SLC;  i parametri geotecnici introdotti nei calcoli si riferiscono a materiali che dovranno essere messi in opera a regola d’arte; durante la realizzazione dell’argine di progetto dovranno essere prese tutte le precauzioni necessarie per assicurare una corretta esecuzione dell’opera, verificando sia la qualità dei materiali in entrata che la modalità di posa in opera. Sarà in particolare possibile utilizzare materiali che presentino combinazioni d’angolo d’attrito e coesione efficace in grado di fornire coefficienti di sicurezza analoghi a quelli qui ottenuti con la premura di aggiornare le relative verifiche geotecniche.  Le geometrie degli argini così progettate risultano stabili.  È altresì sufficiente affermare che le verifiche sono state svolte prima della realizzazione del diaframma plastico, quindi in presenza di falda interna e, pertanto, in condizioni di maggiori instabilità.Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla relazione geologica allegata redatta dalDott. Geol. Antonio Fabrizi.3.5 Caratterizzazione delle matrici ambientaliÈ opportuno precisare che tra l’area di Malagrotta e l’area di Monti dell’Ortaccioscorre il Rio Galeria che separa nettamente la falda presente nel primo sito daquella del secondo.Le due falde si collocano rispettivamente a una quota tra i +25 e i +16 m s.l.m. perProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 49
  • 50. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAquanto attiene il sito di Malagrotta, e a + 22 m s.l.m. per quanto riguarda invece ilsito di Monti dell’Ortaccio.È poi necessario rilevare che le direzioni delle due falde sono diverse.Scorrono da Nord verso Sud nell’area di Malagrotta e da Nord-Ovest a Sud-Estnell’area di Monti dell’Ortaccio Come evidenziato nella tavola seguente .Quanto sopra unito alle considerazioni sulle caratteristiche dell’acquifero di Montidell’Ortaccio riportate in precedenza, insieme alle analisi riportate al Capitolo 7 –Caratterizzazione dell’area del SIA, portano ad affermare la indipendenza tra lafalda di Malagrotta e l’acquifero di Monti dell’Ortaccio.Le caratteristiche di quest’ultimo sono rilevate dal 2005 con regolarità, prelevandocampioni dai pozzi presenti in zona, attività questa disposta alla Galleria Scavi S.r.l.(con Determina n. 80 del 19/02/2003), per l’esercizio delle cave di inerti attualmentedismesse.In tutto questo periodo non sono stati superati i limiti di legge per i parametriProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 50
  • 51. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAanalizzati (si rimanda al Capitolo 7 del SIA).Ulteriori analisi chimico-fisiche delle acque sono state condotte realizzando nelmese di Agosto 2012 un nuovo pozzo P1 in prossimità del laghetto e prelevandocampioni dai pozzi preesistenti, precedentemente citati nonché dal laghetto stesso.I campionamenti sono stati svolti dal laboratorio EcoControl s.r.l. di Pomezia(RM) accreditato in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 inbase alle norme UNI 10802:2004.La lettura dei dati riportati nel Capitolo 7 del SIA, consente di affermare che tutti icampioni, prelevati dai pozzi sono risultati ampliamente al di sotto dei limiti dilegge.Il sito in esame è stato inoltre sottoposto ad una accurata caratterizzazione deiterreni dei terreni di imposta.Avendo l’area in esame una estensione di 480.000 m2 si è ritenuto di effettuarealmeno 96 campionamenti.Il campionamento dei terreni ai fini della loro caratterizzazione chimico-fisica è statoeffettuato, in modo tale da ottenere un campione rappresentativo secondo i criteri, leprocedure, i metodi e gli standard di cui alle norme UNI 10802 , UNI EN 14899 eUNI EN 15002.I campionamenti e le analisi sono state svolte dal laboratorio EcoControl s.r.l. diPomezia (RM) accreditato in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC17025:2005 in base alle norme UNI 10802:2004.La lettura dei dati riportati al Capitolo 7 del SIA consente di affermare che tutti icampioni prelevati rientrano ampliamente nei limiti di legge.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 51
  • 52. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA3.6 Uso del suoloStoricamente, l’area ricade all’interno del territorio di competenza del Consorzio diBonifica Tevere Agro Romano, e costituisce l’estrema propaggine interna della piùvasta area litoranea dedicata ad attività agricole. In particolare l’originario assettoagricolo è stato nel tempo modificato da un duplice ordine di fenomeni interconnessi.La progressiva espansione delle aree urbanizzate ha comportato infatti la conseguentesottrazione di aree precedentemente interessate dallo sfruttamento agricolo dall’usooriginale alla loro occupazione con attività antropiche diverse. Questa area infatti èdivenuta in parte sede di uno sviluppo residenziale non trascurabile, parzialmentesfuggito anche all’attuazione degli strumenti di pianificazione urbanistica, ed in parteè stata oggetto di un crescente insediamento di impianti industriali. Del restol’ubicazione della zona, sita alle porte della città di Roma ed al tempo stesso nondistante dal mare, e dalle infrastrutture viarie, portuali ed aeroportuali ha favoritoquesto tipo di evoluzione dell’uso dei suoli.Lo sviluppo in termini industriali e civili di questa area ha comportato in parallelo lanascita ed il successivo prosperare di quella che per molti anni è stata la principaleattività produttiva nelle zone immediatamente limitrofe dell’impianto e cioè leattività estrattive dei materiali ghiaiosi e sabbiosi, utilmente impiegati in particolarenella realizzazione di opere edili.L’estrazione di materiali inerti ha comportato necessariamente una sensibilemodificazione dell’assetto e dell’uso del suolo. L’originario assetto del suolo, la suapovera natura pedologica (composti prevalentemente da residui piroclastici e sabbiealluvionali, tipicamente poco inclini a supportare materiale organico) che avevaorientato in precedenza la attività agricola dell’area, hanno subito un sostanzialestravolgimento che ne ha fatto perdere in molti casi completamente i connotatioriginari.Queste particolari caratteristiche pedologiche avevano nel tempo favorito lo sviluppodi un’agricoltura basata fondamentalmente sulla coltivazione di cereali come grano eforaggio, destinati poi al soddisfacimento degli allevamenti zootecnici. In questaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 52
  • 53. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAzona infatti tradizionalmente vengono allevati, con attività non propriamenteintensiva, ovini e bovini, dai quali nasce peraltro una delle più importanti imprese diproduzione del latte dell’intera area romana.Con il tempo alle colture tradizionali dell’area si sono sostituite alcune attività dicoltivazione più mirata ed orientata ad un più intenso sfruttamento agricolo dei suolo.Infatti il progressivo incremento della rete irrigua consortile ed una talvolta nonappropriata attività di sfruttamento delle risorse idriche del sottosuolo di questa zonahanno determinato da un lato la nascita e la espansione di prati, adibiti ad erbaio(silo-mais ed erba medica) e dall’altro lato il parallelo incremento di prati adibiti apascolo.Più ridotte sono le particelle delle zone dove il suolo viene coltivato con specie ortiveoppure con frutteti. Per loro natura questi suoli, indipendentemente dallosfruttamento antropico di varia origine, risultano favorire in alcune parti lacaratteristica macchia mediterranea, come ancora sorge poco distante dall’area inesame.Diversamente, come si rinviene ancora nei versanti più o meno terrazzati dellepiccole valli che incidono il territorio, in altre parti di questa zona crescono piccolespecie boschive.Infine, nonostante il sempre più intenso sfruttamento antropico, resistono ancora,soprattutto nella zona ad ovest dell’area in esame, alcuni insediamenti boschivi,composti da specie arboree dotate anche di un certo pregio.3.7 FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI 3.7.1 Vegetazione e floraNell’analisi delle componenti floristiche presenti nell’area in questione, si èproceduto individuando:Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 53
  • 54. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA  Un’area vasta, intesa come un ampio bacino circostante il sito con caratteri climatici, pedologici e morfologici simili. Nell’area vasta si sono individuate le unità vegetazionali omogenee;  Un’area ristretta o di pertinenza, intesa come il sito vero e proprio di intervento.L’area vasta si situa nella fascia costiera laziale, ad ovest di Roma. Il bacino èprofondamente segnato dagli insediamenti antropici più recenti che si sonosovrapposti su un’originaria sistemazione agricola e zootecnica del territorio.Le attività agricole, sviluppatesi nel corso del tempo, hanno rispecchiato lepotenzialità produttive dei suoli, piuttosto modeste, e le basse dotazioni irriguericonducibili principalmente allo sfruttamento delle acque superficiali, scarse o nullenel periodo estivo. Pertanto, il modello colturale prevalente è stato quellodell’azienda cerealicola zootecnica asciutta (o prevalentemente asciutta) con largospazio ai seminativi, ai pascoli ed ai prati pascoli. Scarsi i prati o gli erbai, limitatialle zone irrigue; scarse le colture orticole specializzate, volte essenzialmenteall’autoconsumo. Scarse le superfici occupate da colture permanenti quali vite, olivoe fruttiferi.Le superfici boscate sono limitate alla vegetazione ripariale (pioppi e salici inprevalenza) ed alle ―spallette‖, le classiche formazioni della campagna romana(querce, aceri, frassini, a volte con presenze di robinie ed ailanti), site nei tratti piùimpervi e non arabili del territorio agricolo.In conseguenza degli indirizzi colturali sopra descritti, il paesaggio agrario apparecaratterizzato da larghi campi aperti, seminati con colture annuali o interessati dapascoli e prati pascoli pluriennali. Modeste le presenze di siepi di confine; unincremento della vegetazione arbustiva (prunoidee selvatiche, ginestre, roverella adarbusto) si nota invece nelle zone marginali, un tempo coltivate ma oggi segnate daun crescente abbandono.Nell’area vasta sono da segnalarsi due grandi presenze forestali. La prima è il boscoSomaini (lungo Via della Pisana, internamente al GRA), la seconda è costituita dalleProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 54
  • 55. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAsuperfici imboschite nell’azienda comunale di Castel di Guido (poste a cavallo dellavia Aurelia e ben visibili sull’orizzonte NW di Malagrotta).L’attuale paesaggio agrario è perciò il risultato di una lunga azione antropica che, neltempo, ha favorito le colture erbacee rispetto alle legnose determinando panoramiverdeggianti nei mesi primaverili, aridi nella stagione secca. Le presenze arboree, conl’esclusione delle due aree boscate suddette, sono limitate alle spallette ed aformazioni ―a filare‖, ovvero che si sviluppano essenzialmente in lunghezza qualevegetazione ripariale, filari frangivento, filari stradali. Negli anni più recenti, ilbacino in oggetto ha visto accentuarsi la pressione antropica.  nelle immediate vicinanze della discarica di Malagrotta, verso W, si situano importanti impianti industriali quali la raffineria della Fina Petroli, i depositi dell’Agip Petroli e l’impianto AMA per lo smaltimento dei rifiuti tossici e nocivi.  verso NE si trova la borgata Massimina, lungo gli assi via Aurelia — via di Casal Lumbroso  lungo via della Pisana si trovano numerose aree residenziali; nel tratto terminale della via, verso via di Malagrotta, si situa un insediamento artigianale.  Numerose sono, infine, le attività estrattive situate in tutto il bacino per sfruttare la ricchezza in sabbie e ghiaie della zona.In definitiva, il bacino di area vasta è caratterizzato da un ambiente a basso grado dinaturalità. 3.7.2 Caratteristiche vegetazionaliNell’area vasta si individuano unità ben determinate, in funzione delle lorocaratteristiche:  aree boschive  vegetazione riparialeProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 55
  • 56. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA  imboschimenti  filari  aree agricole ed incoltiNell’area di pertinenza, invece, non è riconoscibile nè flora nè tantomenovegetazione trattandosi come si è detto, di un’area precedentemente utilizzata comecava.3.7.2.1 Aree BoschiveNell’area non si trovano grandi aree boschive naturali, eliminate nel tempo per farlargo alle attività agricole e zootecniche. La presenza più importante è il boscoSomaini, sull’immediato N di via della Pisana nel tratto interno al GRA ; in taleformazione prevalgono le specie quercine e, primariamente, la sughera ed il leccio.Le altre presenze boschive sono ascrivibili alle ―spallette‖: piccole formazioniforestali sopravvissute ai disboscamenti perché poste in pendii troppo acclivi peressere arati e coltivati. Alcune di questa ―spallette‖ si riscontrano in tratti adiacenti alComplesso di Malagrotta, ed in modo particolare nell’immediato N di Via deglioleodotti. Le spallette sono formate prevalentemente da roverella (quercuspubescens), cerro (quercus cerris), farnia (quercus petraea), acero campestre (acercampestre), frassino minore (fraxinus ornus), bagolaro (celtis australis), olmi (ulmusspp). Altre spallette si trovano nelle pendici immediatamente retrostanti agli impiantiAMA ed ha raffineria Fina e presentano analoga composizione floristica. In alcunicasi le spallette vedono presenze di aitanti e robinie, soprattutto nelle vicinanze dellestrade e dei ruderi. Diffuse anche le presenze di cercis siliquastrum albero di Giuda).3.7.2.2 Vegetazione RiparialeLungo il reticolo idrografico si riscontrano presenze arboree, continue per tutta lalunghezza del Rio Galeria. Prevalgono i salici (salix alba, salix fragilis, ecc.) ed ipioppi; E i pioppi prevalgono specie ibride. Ampie le presenze di arbusti, conprevalenza di rovi, e di vegetazione erbacea igrofila. Il fosso di Santa Maria Nuova,tributario del rio Galeria, è interessato da una folta vegetazione erbacea ed arbustivaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 56
  • 57. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA(rovi soprattutto) e da più rade presenze arboree (pioppi e salici con rare presenze diolmi). Il fosso di Fontignano, tributario del fosso di Santa Maria Nuova, è interessatoda una vegetazione arbustiva, a prevalenza di rovi, su entrambi i lati.3.7.2.3 ImboschimentiIl riferimento principale è alle aree dell’azienda di Castel di Guido, interessata dacirca 20 anni da una vasta opera di piantumazione di essenze arboree che ha finorainteressato diverse centinaia di ettari. L’imboschimento è stato realizzato sia conconifere (in larga prevalenza pinus pinea, pinus pinaster, pinus radiata, pinushalepensis) sia con latifoglie (quercus ilex, quercus suber, quercus pubescens, celtisaustralis, fraxinus ornus, tilea spp, juglans regia, prunus spp, ecc.).Nelle immediate vicinanze della discarica di Malagrotta è stato recentementerealizzato il Parco della Massimina mettendo a dimora numerose essenze, a largaprevalenza latifoglie (querce, aceri, frassini, tigli, ecc.).3.7.2.4 FilariNon si riscontrano filari stradali veri e propri lungo la viabilità principale. Tuttavia laVia Portuense, via della Pisana, via di Malagrotta, per alcuni tratti la via Aurelia etutta la viabilità minore, sono caratterizzate da vegetazione spontanea lungo i lorolati. Rare sono le presenze arboree di grandi dimensioni; prevalgono: fico (ficuscarica), gelsi (morus spp), acero campestre (acer campestre), biancospino (crategusspp), altre prunoidee selvatiche o inselvatichitesi (prunus spp, malus spp, pirus spp,amelanchier ovalis), lentisco (pistacia lentiscus), sambuco (sambucus nigra), marruca(paliurus spina christi), fusaggine (evonymus latifolius), vitalba (clematis spp),lantana (vÌburnus lantana) ed altre. Nel paesaggio agrario sono inoltre visibili altrifilari, riferibili a frangivento (formati prevalentemente da eucalpiti) e dapiantumazioni lungo strade poderali (cipressi, pini ad ombrello, eucalipti).3.7.2.5 Aree Agricole ed IncoltiNelle aree agricole e negli incolti prevalgono largamente, se non esclusivamente, lespecie erbaceee, annuali e pluriennali. Nelle aree agricole, le specie presenti siProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 57
  • 58. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAsuccedono secondo avvicendamenti colturali conseguenti alle scelte economiche,organizzative ed agronomiche delle aziende.Negli incolti si assiste ad una progressiva ―rinaturalizzazione‖ dei suoli con uncorredo flogistico che, pur se condizionato dalle specifiche realtà pedoclimatichedelle singole aree, vede prevalere specie appartenenti alle seguenti famiglie:graminacee, leguminose, composite, labiate, ombrellifere.All’interno del sito, si sono effettuati sopralluoghi al fine di individuare lavegetazione presente. La realtà che si riscontra all’interno del sito ovviamenterisente, in modo determinate, delle attività antropiche pregresse.3.7.2.6 Risultati dei rilieviL’area vasta circostante il sito in esame presenta un bassissimo grado di naturalità acausa di una prolungata e persistente azione antropica volta, nei secoli, ad ampliaregli spazi per le attività agricole e zootecniche mentre, nei tempi più recenti, sono fortile pressioni residenziali e quelle attività produttive. Le fitocenosi naturali sonolimitate a modeste formazioni boschive sui pendii (le ―spallette‖), con prevalenze dispecie quercine, ed alla vegetazione ripariale, spesso con essenze arboree di modestovalore naturalistico (pioppi ibridi).I rilievi compiuti sul sito mostrano la completa assenza di vegetazione di qualsiasipregio, trattasi di un sito utilizzato in passato per attività di cava. 3.7.3 FaunaL’area vasta circostante il sito in esame appartiene ad un habitat misto zonaagricola/industriale ed è zona fortemente antropizzata in ragione delle significativepresenze residenziali, artigianali ed industriali che hanno interessato le periferie diRoma in questi ultimi decenni.Le presenza faunistiche possono perciò ricondursi, da un lato alle tipiche specie dianimali domestici allevate dall’uomo (bovini, ovini, equini), dall’altro a specieselvatiche per lo più stanziali, quali la volpe (Vulpes vulpes), il ratto (Topo selvatico,Topo domestico e Rattus rattus) e più raramente la talpa (Talpa romana), la donnolaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 58
  • 59. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA(Mustela nivalis), il riccio (Erinaceus europeans) e l’istrice (Hystrix cristata). Nonmancano, soprattutto nei pressi di fonti di abbeveramento (piccole sorgenti, pozzed’acqua stagnanti, fossati) rettili ed anfibi di piccola e media taglia; si tratta per Io piùdi Lacertidi (ramarro e lucertola campestre), e Serpenti (biscia del collare e piùraramente vipere), diffusi, peraltro, su tutta la campagna romana. Si tratta di speciefortemente adattabili che trovano rifugio anche in ambienti come quello dell’areavasta, caratterizzati da una forte presenza antropica e da una morfologia variabile delterritorio.Notevole e diversificata è invece la presenza d’uccelli, per la maggior parte stanzialie legati alla presenza delle coltivazioni, quali, ad esempio i passeracei, con le loronidificazioni prevalentemente concentrate lungo le siepi ed i fossati. Il lorosignificato naturalistico si deve attribuire probabilmente, nell’ambito ditali aree, allecoltivazioni di graminacee, (grano innanzitutto), varianti negli anni per estensione edubicazione. Tra le altre specie di volatili tipicamente stanziali sono presenti ilgabbiano comune (Laruso ridibundus), il gabbiano reale (Larus cacchinnans), lacornacchia (Corvus corone), il corvo (Corvus frugilegus), e più raramente tordi equaglie.Il reticolo idrografico dell’area vasta non costituisce un habitat in grado di ospitarepresenze faunistiche di rilievo, per un insieme concorrente di motivi:  nella stagione estiva, le portate degli affluenti del rio Galeria diventano estremamente esigue;  il grado generale di inquinamento è elevato, soprattutto per sversamenti di liquami;  la vegetazione ripariale è limitata ad una sottile, anche se fitta, fascia arbustiva;  la pressione delle attività antropiche, soprattutto agricole, ai bordi delle acque fluenti, è generalmente elevata.Nell’area vasta, non si collocano, infine, aree protette o biotopi di particolare valorecon rilevanti e qualificate presenze faunistiche.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 59
  • 60. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAPer quanto riguarda il sito di intervento, non si riscontrano specie selvatiche.3.8 SALUTE PUBBLICAL’area vasta oggetto dello studio, risulta amministrativamente compresa all’internodelle circoscrizioni XV e XVI del Comune di Roma; la superficie occupata dall’areain esame appartiene in dettaglio alla XV circoscrizione.La popolazione, dai dati riscontrati al 1991, anno dell’ultimo censimento disponibile,risulta essere dell’ordine di 153:908 ab per la XVI circoscrizione e di 160 791 per laXV circoscrizione.La dislocazione sul territorio di tale popolazione, secondo una logica insediativalegata principalmente alla vicinanza di alcuni assi infrastrutturali (via Aurelia, viadella Pisana, Grande Raccordo Anulare) e a logiche frazionatorie dei possedimentiagricoli di cui il presente studio non si occupa, si concentra con tipi, densità e formediverse, in alcuni nuclei ben definiti. In particolare - la borgata Massimina posta anord verso la via Aurelia e delimitata dalla ferrovia Roma-Civitavecchia, diestensione limitata ma con un tessuto edilizio piuttosto denso, distante circa 3 Kmdal sito in esame che presenta le caratteristiche tipiche delle espansioni abusivedell’Agro Romano, con una impercettibile tendenza a svilupparsi senza tuttaviamostrare presupposti di saldamento con il tessuto urbano più consolidato:  la tenuta di S. Maria Nuova e la zona del Pescaccio a est verso e a ridosso del Grande Raccordo Anulare, servita dallo svincolo n°, 33 ―Pescaccio‖, distante circa 2 Km dall’area in esame;  la zona di Fontignano a sud dislocata lungo via della Pisana, composta in parte da un nucleo abitativo, distante circa 1,5 Km dall’area in esame, e dall’altra da un nucleo di attività produttive legate principalmente a depositi ed attività artigianali a ridosso della discarica stessa e del fosso Galeria;  la zona di Pantano di Grano a est, estesa lungo il corso del fosso omonimo, e invece prevalentemente industriale, distante meno di un Km dall’area in esame,Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 60
  • 61. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA formante quasi un tutt’uno con la più ridotta area produttiva di Ponte di Malnome. Allargando il raggio del territorio preso in considerazione, possiamo considerare i nuclei abitativi di Casale Basini, Città dei Ragazzi, S. Cosimato a sud, fino ad arrivare a Ponte Galeria; la zona della Pisana a ovest lungo il Grande Raccordo Anulare; le zone, formata dalle colline a est, di Focene e Fregene fino ad arrivare al complesso delle urbanizzazioni lungo il litorale.Per completezza di indagine si riscontra la presenza di elementi puntiformiindividuabili come fattorie sparse e case coloniche, ubicate principalmente suimodesti rilievi collinari presenti, la cui esistenza viene ricondotta alla logica poderalecon cui è stata suddivisa questa porzione di campagna romana, pur con tutte lemodificazioni sociali ivi intervenute e che hanno portato a modifiche nella tipologiad’uso che di queste abitazioni viene fatta.La borgata di Massimina rappresenta quindi l’insediamento più rilevante dellaporzione di territorio presa in esame (4,4% sul totale della popolazione dellacircoscrizione a cui appartiene), tenendo conto che la maggior parte dellapopolazione di questa circoscrizione risiede nell’ambito urbano (95,1%).Il dato assume un significato ancora più consistente se confrontato con il resto dellapopolazione extra-urbana la quale è presente con valori modesti per quel checoncerne gli insediamenti agricoli (0,3%) e gli insediamenti posti al di fiori delleperimetrazioni (0,2%) che tra l’altro rappresentano le espansioni abusive della stessaborgata. Di 3.8.1 I potenziali effetti sulla popolazioneSi riportano di seguito le sole conclusioni della Posizione dell’Associazione Italianadi Epidemiologia del Marzo 2008 sulle possibili correlazione tra trattamento deirifiuti e salute pubblica, relativamente allo smaltimento dei rifiuti in discaricheautorizzate; l’ estratto dei documento citato è riportato integralmente nel SIA.L’Associazione Italiana di Epidemiologia asserisce che…… le conoscenzeProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 61
  • 62. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAepidemiologiche ad oggi disponibili, ancorché non conclusive, fanno ritenere cheil conferimento in discariche controllate, costruite e condotte in accordo allanormativa nazionale e comunitaria, non comporti un rischio per l’ambiente e perla salute delle popolazioni insediate nelle vicinanze dello stabilimento.3.9 RUMORE E VIBRAZIONII limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e in quello esternosono stati fissati dall’ultimo D.C.P.M. del 14 novembre 1997.Il D.C.P.M. del 14 novembre 1997 distingue sei classi per le quali, in funzione delledestinazioni d’uso del territorio, è definito ammissibile un livello sonoro equivalentecontinuo (Leq) espresso in dB(A), la suddivisione in dette classi è riportata nellaTabella 3.1 seguente. Tabella 3.1 - Valori limite di emissione e di immissione fissati dal DPCM 14 Nov. 1997 TEMPI DI RIFERIMENTO Leq in dB(A) EMISSIONI IMMISSIONI CLASSE DESCRIZIONE Diurno Notturno Diurno Notturno (06.00-22.00) (22.00-06.00) (06.00-22.00) (22.00- 06.00)I Aree nelle quali la quieteAREE rappresenta un elemento diPARTICOLARMENT base per la loroE PROTETTE utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, destinate al riposo e allo 45 35 50 40 svago, residenziali rurali, di particolare interesse urbanistico, parchi naturali, ecc.II Aree urbane interessateAREE DESTINATE prevalentemente da trafficoAD USO veicolare locale, con bassaPREVALENTEMEN densità di popolazione, conTE RESIDENZIALE limitata presenza di attività 50 40 55 45 commerciali ed assenza di attività industriali ed artigianali.III Aree urbane interessate daAREE DI TIPO traffico veicolare locale oMISTO di attraversamento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali e uffici, con limitata 55 45 60 50 presenza di attività artigianali e con presenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchineProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 62
  • 63. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA operatrici.IV Aree urbane interessate daAREE DI INTENSA intenso traffico veicolare,ATTIVITÀ UMANA con alta densità di popolazione, con elevata presenza di attività commerciali e uffici, con presenza di attività artigianali e con presenza di attività industriali; aree 60 50 65 55 in prossimità di strade di grande comunicazione e di linee ferroviarie; aree portuali; aree con limitata presenza di piccole industrie.V Aree interessate daAREE insediamenti industrialiPREVALENTEMEN con scarsità di abitazioni. 65 55 70 60TE INDUSTRIALIVI Aree esclusivamenteAREE interessate da attivitàESCLUSIVAMENTE industriali e prive di 65 65 70 70INDUSTRIALI insediamenti abitativi.La zonizzazione acustica del Comune di Roma, assegna all’area oggetto del presenteStudio di Impatto Ambientale una zona acustica III - aree di tipo misto- per lamaggior parte di essa e le classi IV - aree di intensa attività umana - e V - areeprevalentemente industriali, per una piccola parte a nord.Come detto più volte, l’area nella quale si inserisce l’impianto in oggetto, è limitrofaa diversi impianti tra cui il centro Impiantistico di Malagrotta, la Raffineria di Roma,etc, pertanto il livello di rumorosità complessivo è già elevato.I livelli sonori all’interno e all’esterno dell’impianto, sia in fase di cantiere che digestione saranno comunque garantiti entro i previsti limiti di legge, e sarannomonitorati attraverso apposite campagne ad hoc.Relativamente alle vibrazioni, sono individuabili nellarea di studio solo due tipologiedi sorgenti di vibrazioni: quelle indotte dalla macchine operatrici durante al attività direalizzazione dell’invaso e dal traffico veicolare degli automezzi a servizio delcantiere e, durante la fase gestionale dell’invaso dal traffico degli automezziconferenti i rifiuti e dalle macchine operatrici impiegate nell’esercizio dell’impiantostesso.Tali sorgenti di vibrazioni appaiono del tutto trascurabili sia per la distanzaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 63
  • 64. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAdell’impianto da aree residenziali che per la modesta entità delle stesse; lacircolazione degli automezzi sarà, poi, caratterizzata da velocità molto ridotte.3.10 Radiazioni Ionizzanti e Non IonizzantiDal punto di vista radiometrico non sono disponibili dati locali per lacaratterizzazione ambientale dellarea di studio.La tipologia del progetto è comunque tale da far ritenere superflua lesecuzione diapposite campagne di misura in quanto non è in alcun modo previsto che sostanzeradioattive possano essere accettate nellimpianto; non sono quindi ipotizzabilimodificazioni dei livelli radiometrici naturali connesse con l’attività dell’impianto.3.11 Paesaggio (Beni Ambientali)Dal punto di vista architettonico l’area vasta oggetto di studio, non presenta elementirilevanti o tali da suscitare un interesse più che generico. Tali elementi si sonodislocati sul territorio secondo logiche tipiche dell’estrema periferia romana e iviriscontrabili, prevalentemente legate alla conveniente vicinanza di alcuni assiinfrastrutturali che consentissero più rapidi collegamenti con Roma e con il litoraleromano sia per le attività produttive che per gli spostamenti della popolazione.Il carattere di precarietà con cui sono sorti questi elementi insediativi, non può checonnotare negativamente la qualità del patrimonio architettonico.Nella borgata il nucleo è ormai consolidato, con un tessuto edilizio piuttosto denso,le tipologie edilizie sono caratterizzate da palazzine di 2-3 piani, nella fascia edilizialungo via Aurelia che si dirada nelle vie interne dove sorgono in ordine sparso ville evillini. All’interno della borgata è presente una struttura commerciale tipica di quelladi altre omologhe borgate romane La tenuta di S. Maria Nuova e la zona delPescaccio, hanno una fisionomia semi urbana composta prevalentemente da untessuto misto di vecchi villini abusivi sorti sui residui di terreni agricoli frazionatidella prima colonizzazione, accanto a palazzine più moderne di modeste dimensioniProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 64
  • 65. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAplanimetriche ed altimetriche.La zona di Fontignano, ubicata a sud del Complessi Impiantistico di Malagrotta, è inparte formata da un nucleo produttivo con capannoni spesso fatiscenti e da un nucleoprevalentemente residenziale formato da villini a carattere agricolo con orti e giardiniannessi. Vi sono inoltre i nuclei abitativi di Casale Basini e di Città dei Ragazzi, conuna loro precisa fisionomia, pur limitatamente alle loro dimensioni ed alla presenzadi grosse strutture quali gli uffici della Regione Lazio.Nelle immediate vicinanze dell’area in esame sono presenti esclusivamente fattoriesparse e case coloniche, elementi tipici della campagna romana ormaidefinitivamente modificati dalle tendenze e/o dalle esigenze abitative attuali,generalmente schermate in modo naturale dai rilievi collinari che caratterizzano ilterritorio.Dal punto di vista archeologico, data l’ampiezza dell’area considerata nel presentestudio, l’analisi del patrimonio archeologico, non può fare a meno di elencare lamoltitudine di beni sparsi in maniera quasi omogenea lungo le principali direttricinaturali (il fiume Tevere, il fosso Galeria) e stradali (via Aurelia, via della Pisana).L’importanza che questi beni presentano è minima, trattandosi per lo più di elementidi scarso valore storico-culturale sia per la distanza dalla città di Roma sia per l’usoche ne è stato fatto fino a tempi più recenti tale da azzerarne le loro già ridottevalenze, da non considerarli come rilevanti ai fini di un esame archeologico econseguentemente di non risentire degli effetti di un intervento limitato come quelloin oggetto.La più prossima area di un certo rilievo è ubicata in località Castel Malnome; altrezone culturali ed archeologiche di una considerevole importanza risultano esseresenza dubbio: il porto di Traiano (a circa 9 Km); gli scavi di Ostia antica (a circa 9,5Km); Focene (a circa 10 Km); Fiumicino (a circa 12 Km); Città del Vaticano (a circa9 Km). Zone tuttavia troppo distanti per essere.All’interno dell’area in questione, gli elementi storico culturali, così come individuatidalla carta dell’Agro Romano si presentano in numero assai limitato qualitativamenteProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 65
  • 66. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAe quantitativamente.Si evidenzia la diffusione su tutto il sito di frammenti fittili in giacitura secondariaattribuibili cronologicamente ad un arco di tempo assai ampio; non vengonoidentificate aree a maggior densità di rinvenimenti o ―concentrazioni di materiali‖ insuperficie. Per completamento della panoramica individuativa dei beni, giovamenzionare il già citato fosso Galeria (esterno all’area in esame) il quale riveste uncerto interesse paleontologico e per questo il suo alveo viene indicato dai pianipaesistici come area di rispetto preventiva dei beni di interesse archeologico ivipresenti.Dal punto di vista del paesaggio l’area vasta si presenta con le tipiche caratteristichedella estrema periferia romana, dove coesistono in uno stretto connubio le formepeculiari della campagna romana, i segni delle infrastrutture viarie (via Aurelia, viadella Pisana, Grande Raccordo Anulare), quelli a carattere meramente funzionalelegati alle moderne tecnologie (la raffineria della Fina, i depositi dell’Agip,l’impianto dell’AMA), e quelli dell’abitato che si presenta nella forma più degradatadella borgata (Massimina). Il territorio su cui insistono tutti questi elementi ècostituito in prevalenza da un’alternanza di colline di modesto rilievo altimetricoseparate da altrettanto modesti avvallamenti scavati dal deflusso delle acque, solcatodalla presenza di alcuni fossi tra i quali il più rilevante risulta essere proprio il fossoGaleria. Questa morfologia contribuisce ad ostacolare la ―lettura‖ generale deglielementi inseriti nel contesto ambientale, consentendo la loro percezione parzialeesclusivamente trovandosi nelle loro immediate vicinanze. Il paesaggio si presentasenza soluzione di continuità e mitigato nelle visioni dirette dalla morfologia deiluoghi, lasciando intravedere, ove possibile, un territorio radicalmente alterato dallapresenza antropica esplicatasi nella realizzazione di impianti, depositi ed industrieestrattive.L’impianto in oggetto del presente studio, per la già citata complessità morfologicadell’area, è dunque inserito in un contesto paesaggistico di bassa valenza.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 66
  • 67. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA4 INTERAZIONI PROGETTO AMBIENTE4.1 PremessaLa realizzazione di un impianto di stoccaggio definitivo di rifiuti comporta una seriedi impatti che possono riguardare più settori, quali quello ambientale in senso stretto(suolo, sottosuolo, vegetazione, fauna, aria, acqua e rumore), ma anche elementiscenici ed estetici (paesaggistici), economici (costi di realizzazione e di gestione,...),sociali, urbanistici ed altri ancora.Nella progetto dell’impianto in oggetto, si è cercato di limitare ogni possibile impattograzie ad un attenta analisi delle componenti ambientali coinvolte e attraverso diversiaccorgimenti progettuali e misure di mitigazione degli impatti stessi.Nei seguenti paragrafi verranno descritti gli impatti prodotti dalla realizzazionedell’invaso in esame, su ogni componente ambientale coinvolta e le soluzioniprogettuali adottate per garantire che l’impatto ambientale sia, se non nullo, almenominimo.Le azioni d’impatto esercitate dalle attività dell’impianto sull’ambiente circostantepossono essere discretizzate in relazione alle diverse fasi di realizzazionedell’intervento, in particolare si distinguono:- Fase di costruzione e di cantiere Le azioni di impatto relative alla fase di costruzione dellimpianto sono essenzialmente le seguenti:  attività di sbancamento e movimento terra;  attività di trasporto di materiali, mezzi ed operatori. A tali attività si associano una serie di effetti, quali:  produzione di polveri;  produzione di rumori con conseguente incremento dei livelli medi di pressione sonora in corrispondenza del sito di intervento;Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 67
  • 68. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA  aumento dei volumi di traffico autoveicolare con conseguente peggioramento dei livelli di qualità dellaria nonché aumento dei livelli medi di rumorosità;  modifica del paesaggio locale con introduzione di possibili sorgenti di impatto visivo. Si può ritenere che, alla luce delle caratteristiche ambientali locali, tipiche di una zona già compromessa dalla presenza di importanti attività economiche, le azioni di impatto connesse alla fase di cantiere producano effetti decisamente trascurabili.- Fase di esercizio ordinario Le principali vie di impatto connesse con la fase di gestione ordinaria della discarica sono:  produzione di polveri;  produzione di biogas ed odori molesti;  produzione di rumori;  eventuale innesto di incendio;  impatto paesaggistico. Si ritengono trascurabili ulteriori possibili azioni di impatto in considerazione della semplicità e dellaffidabilità degli schemi impiantistici adottati nonché dei minimi livelli di "pericolosità ambientale" dei rifiuti trattati.- Fase di esercizio straordinario o di disservizio Le azioni di impatto connesse alla fase di eventuale disservizio dellimpianto possono consistere nelle seguenti possibilità:  linnescarsi di un incendio;  lo stoccaggio forzato di un eccesso di rifiuti da trattare a causa di problemi di raccolta o di fermo impianto;Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 68
  • 69. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIALe misure di contenimento di tali azioni di impatto sono descritte più avantiallinterno di ogni singola componente ambientale coinvolta.4.2 AtmosferaDurante la fase di cantiere, in considerazione dei movimenti di terra per glisbancamenti previsti, saranno necessari numerosi mezzi pesanti che produrrannosenza alcun dubbio una discreta quantità di polveri.Per contenere tale fenomeno all’interno dell’area di intervento saranno realizzati deipannelli di schermatura lungo il perimetro della stessa e sarà effettuata la bagnaturadelle piste attraversate dai mezzi pesanti e dalle macchine operatrici.Durante la gestione della discarica, l’impatto sulla componente atmosfera puòessere connesso ai seguenti fenomeni: emissione di polveri: legata alle fasi di scarico dei rifiuti; diffusione di odori: legata allo scarico dei rifiuti in discarica e dal biogas prodotto, e durante il carico del percolato nelle cisterne di stoccaggio e da qui nelle cisterne di trasporto agli impianti di trattamento e dalla stabilizzazione della frazione organica nel bacino di stabilizzazione.Questi fenomeni, anche se legati a rifiuti non pericolosi, hanno impatto psicologicosulle popolazioni residenti contribuendo a creare un senso di ostilità nei confrontidell’impianto; sono stati quindi previsti accorgimenti che consentono diminimizzarne l’entità.Per contenere la diffusione degli odori è previsto infatti un impianto dibiofiltrazione che consentirà di ridurre in maniera significativa le emissioniodorigene provenienti dal bacino di stabilizzazione.Per contenere invece la diffusione di polveri, legata anch’essa alle fasi di scaricodei rifiuti, saranno realizzati dei pannelli di schermatura lungo il perimetro delnuovo invaso e per limitare la diffusione degli odori durante la coltivazionedell’invaso, sarà effettuata la ricopertura giornaliera degli stessi.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 69
  • 70. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAIn conclusione si può ragionevolmente affermare che il contributo dato dalnuovo invaso all’inquinamento atmosferico sia limitato, significativamenteinferiore a quello generato da altre fonti antropiche e tale da non costituire inalcun modo una minaccia alla qualità dell’aria nelle zone circostanti.Da tutto questo si è portati a desumere che non potranno aversi effetti diretti sullasalute pubblica a seguito della corretta attività dello stoccaggio definitivo deirifiuti in esame.Saranno comunque svolte campagne di monitoraggio delle emissioni e disorveglianza sanitaria delle popolazioni nelle aree di localizzazione in esame pertenere sotto controllo levolversi della situazione.Gli addetti allimpianto, in ottemperanza anche a quanto imposto dalla normativavigente in materia di igiene e sicurezza del lavoro, saranno periodicamente sottopostia procedure di controllo sanitario finalizzate in particolare alla verifica dei livelli diesposizione al rischio biologico.Un’ulteriore correlazione tra scarichi controllati e problemi di inquinamentoatmosferico potrebbe sussistere per il pericolo di incendi che potenzialmentepossono svilupparsi nei rifiuti. La tecnica di sistemazione dei rifiuti adottata, cheprevede l’interposizione orizzontale di strati di materiale inerte garantisce,nelleventualità, che il fenomeno rimanga circoscritto ad una limitata porzione diquesti e si estingua.Limpianto sarà, comunque, dotato di sistemi e mezzi antincendio di rapidoimpiego e tutti i mezzi per la movimentazione dei rifiuti saranno provvisti diestintore.Sarà approntato anche un “piano emergenza” incendi che fa parte integrante delladocumentazione inerente il D.lgs. 81/08 in materia di prevenzione e protezionerischi.4.3 Ambiente idrico superficialeProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 70
  • 71. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIANella fase di cantiere non si prevedono impatti sullambiente idrico in quanto leopere previste: non produrranno modifiche allo scorrimento dei corsi d’acqua superficiali; non produrranno modifiche qualitative o quantitative dei corsi d’acqua superficiali.Nella fase di esercizio dell’invaso gli impatti ascrivibili possono essere quelli relativiagli effluenti liquidi ed al drenaggio delle acque meteoriche ricadenti sull’area.Relativamente agli effluenti liquidi relativi al nuovo invaso sono da analizzare: il percolato prodotto nell’invaso; le acque pluviali ricadenti sull’ invaso e sulle aree esterne ad esso le acque nere dei servizi igieniciIl percolato sarà raccolto con una rete di tubazioni microfessurate in HDPE Ø 200PN10, e verrà convogliato, attraverso una rete di tubazioni macrofessurate in HDPEØ 315 ai punti di prelievo posti nella zona più depressa realizzati con tubi dicemento vibro compresso ad anelli sovrapposti Ø 1500 all’interno dei quali sverranno posizionati tubi in acciaio inox Ø 500 flangiati. Da qui, mediante pompesommerse calate nei pozzi, verrà avviato alle cisterne di raccolta del volumecomplessivo di circa 706 m3, disposte verticalmente e collocate all’interno di unbacino di contenimento realizzato in cls, impermeabilizzato con un telo in HDPE, edotato di un sistema fognante per il recapito delle acque piovane.Il percolato raccolto nella cisterne di stoccaggio sarà prelevato con una autocisternaed avviato ad un impianto di trattamento esterno debitamente autorizzato.Eventuali fuoriuscite di percolato dal nuovo invaso sono del tutto improbabili inconsiderazione dell’elevata sicurezza del sistema di impermeabilizzazione adottato,(l’argilla compattata, materassino bentonitico e HDPE).Per quanto riguarda le acque pluviali ricadenti nel nuovo invaso sono stati previstiopportuni accorgimenti sia in fase di gestione, sia di chiusura.Le acque pluviali ricadenti nella discarica, saranno raccolte, dopo aver attraversato iProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 71
  • 72. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIArifiuti, dalla rete di drenaggio del percolato mentre quelle ricadenti sulle scarpateseguono la morfologia delle pendenze del terreno.Nella fase di chiusura dell’attività è previsto un sistema di copertura che sarà in gradodi preservarla dallerosione operata dalle acque, di massimizzare levapotraspirazionedellacqua presente nello strato superficiale e di aumentare la stabilità del suolo.La rete di raccolta delle acque bianche verrà realizzata al completamento delrimodellamento morfologico per garantire una corretta regimazione degli afflussimeteorici piovuti sulla superficie della discarica ed evitarne il ristagno sullacopertura; è stata prevista in base ai principi dell’ingegneria naturalistica e,quindi, con l’obiettivo di realizzare interventi che garantiscano un reale e rapidorecupero paesaggistico dell’area.Le acque meteoriche che investiranno il piazzale di servizio, la strada di accesso, e ilpiazzale del bacino di ossidazione tutti dotati di superficie asfaltata, verrannoconvogliate attraverso un’adeguata e dedicata rete di raccolta perimetrale a duevasche di ―prima pioggia‖ (la vasca A è a servizio del piazzale di servizio delladiscarica e della strada di accesso, la vasca B è a servizio del piazzale del bacino diossidazione). Le due vasche, la cui posizione è indicata negli elaborati grafici,agiscono in modo tale che la portata corrispondente ai primi cinque millimetri dipioggia venga avviata alle cisterne di raccolta, mentre la portata successiva vengasfiorata e immessa nel canale di raccolta delle acque bianche ruscellanti sullacopertura della discarica e veicolata al Rio Galeria.La vasche, della volumetria di 82 mc per la vasca A e 136 mc per la vasca B, sonostate dimensionate per garantire l’accumulo delle acque di prima pioggia(rispettivamente 73,5 mc e 123,25 mc), calcolate come il volume di acquemeteoriche pari ai primi 5 mm di pioggia raccolte sull’intera area occupata dalpiazzale di servizio e dalla strada di accesso (14.700 m2) e del piazzale del bacino diossidazione (24.650 m2).Le acque in uscita saranno conformi ai parametri stabiliti dalla parte terza del D.Lgs. 152/06.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 72
  • 73. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIALe acque meteoriche provenienti invece dalla copertura del capannone dove ècollocato il bacino di ossidazione (circa 16.000 m2), saranno raccolte per mezzo diuna rete di tubazioni e avviate al canale di raccolta delle acque provenienti dallacopertura della discarica e scaricate direttamente al Rio Galeria.4.4 Suolo, sottosuolo e acque sotterraneeRelativamente agli aspetti geologici e morfogenetici del territorio, il sito in cui sideve realizzare il nuovo invaso non presenta particolari controindicazioni, come si ègià accennato e come si deduce dalle conclusioni della Relazione Geologica, anche invirtù dell’alta affidabilità del sistema di impermeabilizzazione previsto (argillacompattata, materassino bentonitico e teli di HDPE).Al fine di controllare la qualità delle acque sotterranee, si prevede larealizzazione di otto pozzi di monitoraggio (PZ1 ÷ PZ8) posti a monte e a valledell’area di discarica rispetto al verso di scorrimento della falda idrica .Nella fase di esercizio del nuovo invaso si ricorda che, al fine di contenere eventualiimpatti nei confronti dei corpi idrici sotterranei, è stata previstalimpermeabilizzazione artificiale della vasca di stoccaggio rifiuti e la realizzazionedi una rete di drenaggio delle acque meteoriche ricadenti sulla discarica.In conclusione lentità del rischio su tale componente risulta trascurabile in quanto glielementi di pericolosità geologica ed idrogeologica del sito, come descritto, sipresentano praticamente nulli.Pertanto è possibile affermare che la discarica insiste su un’area a basso indice dipericolosità.4.5 Flora, fauna ed ecosistemiNon si ritiene sussistano impatti né sulla vegetazione né sulla fauna in quantol’invaso interessano aree già trasformate dalluomo, in quanto già sedi di analoghiProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 73
  • 74. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAimpianti.Nonostante ciò si assicura di provvedere all’inserimento di numerosi spazi verdi conlo scopo di mitigare e rendere piacevole linserimento delle opere nel contestoambientale in cui si collocano.In particolare si provvederà, per la discarica ed in fase di chiusura, al completoripristino del sito mediante un sistema di ricopertura sigillante costituito in superficieda terreno agricolo sul quale verranno impostati interventi di inerbimento epiantumazione di essenze autoctone, in accordo con le caratteristiche morfologiche eclimatiche e con la distribuzione e la tipologia delle specie vegetali locali .Inoltre nelle aree e nelle zone limitrofe, più o meno vicine, non si rilevano elementinaturalistici di pregio o significativi, fattore che contribuisce alla limitazionedell’impatto su tali componenti.Concludendo non si ritiene che sussistano impatti né sulla vegetazione né sullafauna in quanto la discarica interessano aree già fortemente trasformate.4.6 Salute pubblicaI potenziali impatti a cui gli addetti all’impianto saranno esposti possono essere:esalazioni maleodoranti, polveri e rumore; gli stessi e le popolazioni limitrofepossono essere invece soggetti ad eventuale inquinamento atmosferico dovuto altraffico veicolare.Per quanto riguarda le emissioni generate dall’attività di conferimento dei rifiuti, lemisure di contenimento degli odori consisteranno, come già detto, nella buona ecorretta gestione dell’invaso, ottenuta ricoprendo con materiale arido il rifiutoconferito in discarica al termine della giornata lavorativa.Si fa osservare che la vicina discarica per rifiuti urbani di Malgrotta è già presente danumerosi anni nell’area e non ha determinato un significativo e provato decadimentodella salute pubblica.Da tutto questo si è portati a desumere che non potranno aversi effetti diretti sullaProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 74
  • 75. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIAsalute pubblica a seguito della corretta attività dellimpianto in esame, come peraltroaffermato dagli studi epidemiologici effettuati ai fini della correlazione tra le attivitàdi trattamento dei rifiuti e la salute pubblica, di cui si è riferito nelle pagineprecedenti, che, difatti concludono asserendo, …..le conoscenze epidemiologiche adoggi disponibili, ancorché non conclusive, fanno ritenere che il conferimento indiscariche controllate, costruite e condotte in accordo alla normativa nazionale ecomunitaria, non comporti un rischio per l’ambiente e per la salute dellepopolazioni insediate nelle vicinanze dello stabilimento.Saranno comunque svolte campagne periodiche di monitoraggio sanitario nelle areecircostanti e sui dipendenti per tenere sotto controllo levolversi della situazione.Inoltre in ottemperanza al Decreto legislativo 81/08 il personale seguirà corsi diformazione sulla gestione dei rifiuti e sulla sicurezza sul lavoro (prevenzioneinfortuni, elettricisti, rumore, movimentazione, pronto soccorso, emergenza, ecc.) edil datore di lavoro effettuerà le prescritte valutazioni dei rischi.4.7 Rumori e vibrazioniBisogna valutare l’eventuale presenza di sorgenti di rumori e vibrazioni durantel’attività di conferimento. Il contributo negativo indotto dalla circolazione dei mezzipesanti sul fondo sonoro naturale è contenuto entro i limiti di legge: infatti la capacitàricettiva della discarica comporta un quantitativo di automezzi compatibile con ledestinazioni d’uso delle aree.4.8 Radiazioni ionizzanti e non ionizzantiNon si ritiene che un impianto di questo tipo interferisca su tale componenteambientaleProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 75
  • 76. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA4.9 PaesaggioSi è visto come il paesaggio della zona in esame si presenta ormai notevolmentecompromesso dalla preesistente presenza di attività industriali/ agricole in unpanorama generale che si presenta senza caratteristiche di pregio. Il paesaggiooriginario specifico dell’area in questione è stato, poi, compromesso dalla precedenteattività di escavazione.L’inserimento di un nuovo invaso nell’area in questione determina sul paesaggiocircostante sicuramente un rilevante impatto visivo, che viene, però, mitigato, in fasedi esercizio, dalla sistemazione a verde dell’area e delle fasce di rispetto, nonché altermine delle attività di gestione operativa e post-operativa del nuovo invaso, dalleattività di ripristino ambientale a verde, che ridaranno alla zona l’aspetto originarioche aveva prima dell’inizio della attività di escavazione.L’impatto visivo, comunque, non si manifesta in maniera rilevante in considerazionedella scarsa densità di popolazione: i nuclei abitativi sono modesti e sufficientementedistanti dal godere la vista dell’invaso.Dal punto di vista estetico si è cercato di lasciare a verde tutti gli spazi esterni, adeccezione naturalmente delle vie di accesso, nonché costruire una fitta fasciaperimetrale di vegetazione mirata a nascondere la vista dell’impianto.La morfologia finale del corpo e il connesso andamento planoaltimetrico sarannorealizzati con pendenze finalizzate a una conformazione finale atta ad assicurare unacorretta raccolta ed un adeguato allontanamento delle acque meteoriche verso la retedi drenaggio perimetrale.Di seguito si riportano una serie di foto che mettono a confronto alcuni punti di vistadell’area come si presenta oggi, ed il rendering di come si presenterà, viceversa, unavolta realizzate la copertura finale e le opere di ripristino ambientale, a dimostrazioneche al termine della attività di gestione, l’area in esame sarà completamenterecuperata e ad essa sarà restituita la configurazione originaria.Prof. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 76
  • 77. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA Vista attuale Rendering dell’invaso ad opere di ripristino ambientale terminateProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 77
  • 78. Regione Lazio – Provincia di Roma – Roma CapitaleOrdinanza n. 145 del 23/08/2012 del Commissario Delegato per il Superamento dell’Emergenza Ambientale nel Territorio della Provincia di Roma Aggiornamento del progetto presentato il 10 Agosto 2012, prot. n°157 della Discarica sita in località Monti dell’Ortaccio Sintesi non Tecnica SIA Vista attuale Rendering dell’invaso ad opere di ripristino ambientale terminateProf. Ing. G.M. Baruchello CO.LA.RI. Settembre 2012 78