Che cosa fare per salvare la terra
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Che cosa fare per salvare la terra

on

  • 1,019 views

La presentazione è stata creata da:

La presentazione è stata creata da:
Filippo Cei – Angelo Del Duca 13/11/12
Classe 1F IIS Fermi Empoli

Statistics

Views

Total Views
1,019
Views on SlideShare
1,019
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Che cosa fare per salvare la terra Presentation Transcript

  • 1. Che cosa fare per salvare la Terra Il pianeta Terra è in pericolo. I Capi di Stato pensano solo all’ aspetto economico e non alla salute dell’ uomo. Noi ci sentiamo impotenti davanti all’ inquinamento, ma invece non è così
  • 2.  Usare meno i carburanti e Per ridurre le emissioni di Co2 più elettricità Usare le lampadine a Costano di più ma consumano basso consumo di meno Non utilizzare i sacchetti Perché per produrre sacchetti di di plastica ma quelli plastica si consuma molta biodegradabili energia
  • 3. Protocollo di KyotoIl protocollo di Kyoto è un trattato firmato nel 1997 da circa 170 paesi tra cui l’ Italia. Prevede che nel periodo tra 2008-2012 i paesi industrializzati riducano le emissioni dei gas serra non meno del 5,2% rispetto al 1990
  • 4. L’energia rinnovabile
  • 5. Idea per il futuro“isola di calore” riguarda le zone urbane, pare che in città la temperatura sia più alta rispetto alle regioni circostanti ancora non urbanizzate. La differenza di temperatura può essere significativa, case e uffici consumano molta energia elettrica, aumentando così le emissioni di gas a effetto serra e quindi la temperatura. La città di New York sta cercando di invertire questa tendenza utilizzando la scienza come alleata. Molti edifici di New York City hanno i tetti di colore scuro perché sono stati asfaltati o ricoperti da bitume. Purtroppo i tetti scuri costituiscono un problema perché aumentano l’effetto “isola urbana di calore“. I tetti scuri assorbono troppo calore solare e aumentano la temperatura degli spazi circostanti, compreso l’interno dell’edificio.
  • 6. Idea per il futuro ( parte 2)Il giorno 22 luglio del 2011, gli edifici scuri di New York City hanno raggiunto una temperatura di 77 gradi centigradi. Al contrario, gli edifici che possedevano rivestimenti chiari o di particolari materiali, avevano una temperatura più fresca di soli 52 °C. Ben 25 gradi in meno. Il sindaco di New York ha avviato un programma per combattere il riscaldamento globale abbassando le emissioni di anidride carbonica del 30% entro il 2030. Il materiale bianco utilizzato per i rivestimenti degli edifici newyorkesi è un materiale di copertura low cost, il prezzo è di soli 50 centesimi di dollari per piede quadrato.
  • 7. Idea per il futuro (parte 3)Oltre che dipingere i tetti di bianco sarebbe opportuno dipingere anche i marciapiedi che costituiscono circa il 60% delle superfici urbane cioè 2 km². Queste modifiche avrebbero un effetto equivalente a tagliare gli apporti di CO2 di tutte le automobili dei prossimi 50 anni, considerando che ogni singola vettura, in un anno, produce circa 4 tonnellate di anidride carbonica.
  • 8. Idea per il futuro ( parte 4)L’obiettivo è quello di Queste modifiche aumentare il potere di avrebbero un effetto riflessione della luce equivalente a tagliare solare del 10%. gli apporti di CO2 di Secondo gli studiosi tutte le automobili dei basterebbe per prossimi 50 anni, neutralizzare considerando che ogni linquinamento dovuto a singola vettura, in un 130-150 miliardi di anno, produce circa 4 tonnellate di anidride tonnellate di anidride carbonica. carbonica.
  • 9. Classe 1F Filippo Cei – Angelo Del Duca 13/11/12