presentazione1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

presentazione1

on

  • 491 views

Concetti, esempi, buone pratiche di uso di strumenti che facilitano la co-produzione di conoscenza

Concetti, esempi, buone pratiche di uso di strumenti che facilitano la co-produzione di conoscenza

Statistics

Views

Total Views
491
Views on SlideShare
490
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    presentazione1 presentazione1 Presentation Transcript

    • L'innovazione: il Web collaborativo Concetti, esempi, buone pratiche di uso di strumenti che facilitano la co-produzione di conoscenza. Andrea Mameli Facoltà di Scienze MM FF NN - UniCa La comunicazione interna al mondo accademico
    • Oggi
      • Di cosa parleremo?
      • Con quali obiettivi?
      • Con quali riscontri?
    • Cosa vogliamo? Comunicare tra noi . 1) Consapevolezza dell’utilità del comunicare, del bisogno e del dovere di farlo. E di farlo Bene. 2) Importanza dell’uso di strumenti, tecniche, metodi. Per migliorare, semplificare, accelerare, risparmiare. Comunicare con gli altri: palestra per comunicare meglio tra noi.
    • 4 buoni motivi per parlare di comunicazione della scienza.
      • Comunicare la scienza per:
      • raggiungere esperti di altre discipline;
      • esercitare un diritto e un dovere;
      • trovare o mantenere finanziatori;
      • sostenere l’attività didattica.
    • 5 o paradosso della profondità
      • All’aumentare del livello di specializzazione diminuisce il livello di comprensione da parte degli altri .
      • Anche il concetto di pari è in crisi: non basta essere laureati nella stessa disciplina per capire i contenuti più specialistici.
    • 1. Con esperti di altre discipline
      • Invenzioni come TAC, PET, oppure la nascita di discipline come la bioinformatica e le nanotecnologie, come sarebbero (state) possibili senza una comunicazione tra esperti di diverse discipline?
      • Come fa un fisico a fornire strumenti per un biologo se l’uno informa l’altro con il proprio linguaggio specialistico?
    • 2. Esercizio democratico
      • Diritto di far conoscere per aiutare a valutare e a scegliere, per tentare un avvicinamento scienza-società, per contrastare la deriva irrazionale, per contribuire a ridurre lo science divide .
      • Dovere di rendere conto di come vengono spesi i soldi dei contribuenti.
    • 3. Opportunità
      • Fortunato chi non deve cercare o confermare finanziamenti.
      • Il consenso intorno alle nostre ricerche non è automatico!
      • La fiducia, l’interesse, la consapevolezza dell’importanza del nostro lavoro si devono conquistare e mantenere!
    • 4. Utilità
      • Alcune tecniche tipiche della comunicazione della scienza possono rivelarsi molto utili nella didattica: per aiutare a mantenere viva l’attenzione degli studenti e nell’organizzazione e nella strutturazione dei percorsi cognitivi.
    • Perché comunicare la scienza
      • Lo scambio aiuta la scienza: idee e lavori interdisciplinari nascono da conoscenza reciproca la quale va aiutata.
      • La dimensione comunicativa: requisito fondante del processo con cui si formano le conoscenze scientifiche.
      • Impact factor. Lavori scientifici presentati dalla stampa hanno avuto maggiori citazioni.
      • Le tecniche di comunicazione pubblica della scienza si dimostrano utili nell’insegnamento.
    • 6. I bambini di oggi… Dato che in futuro le decisioni dei cittadini influenzeranno sempre più gli indirizzi della ricerca e poiché i bambini di oggi sono i decisori di domani, osservare gli atteggiamento dei piccoli di fronte alla scienza è particolarmente utile per capire come agire. E cosa evitare.
    • Obiettivi
      • Aumentare la visibilità del proprio operato:
      • verso specifici soggetti o pubblico vasto.
      • 2. Convincere circa la bontà del nostro lavoro.
      • 3. Creare interesse intorno alle nostre ricerche.
    • Public Understanding of Science
      • Il Rapporto Bodmer e il Public Understanding of Science invitava gli scienziati (GB) a studiare i meccanismi di funzionamento dei mass media per comunicare meglio al pubblico. W. Bodmer, The Public Understanding of Science , Report - Council of Royal Society, London, 1985.
      • Ma nel 2000 fu dichiarato fallito dalla Camera dei Lord.
    • Crisi del P.U.S.
      • I risultati di 15 anni di esperienza in GB hanno dimostrato che:
      • Non è possibile tradurre la scienza per tutti a causa della vastità degli argomenti
      • Il costo dell’operazione sarebbe enorme
      • Al crescere della specializzazione cresce la parziale o totale ignoranza: paradosso della profondità…
    • Paradosso della profondità
      • All’aumentare del livello di specializzazione diminuisce il livello di comprensione da parte degli altri .
      • Anche il concetto di pari è in crisi: non basta essere laureati nella stessa disciplina per capire i contenuti più specialistici.
    • Adesso
      • Adesso si parla di comunicazione partecipativa, discussione, dibattito, coinvolgimento.
      • Vedremo la connessione di questa evoluzione della comunicazione della scienza con le tecnologie del web 2.0
      • Finché la comunicazione della scienza non entra nel piano di studi ci dobbiamo arrangiare!
    • Nel piano di studi?
      • Il politico statunitense Vernon Helers, in un documento ufficiale rivolto ai colleghi del Congresso, ha suggerito che il percorso di studi delle facoltà scientifiche dovrebbe prevedere almeno un corso di giornalismo o di comunicazione della scienza.
      • V. Ehlers, Unlocking Our Future; Toward a New National Science Policy , House Commitee on Science, Report to the Congress of the United States of America, Washington, 1998.
    • Allora?
      • Allora si è visto che possono bastare alcuni semplici accorgimenti per comunicare bene: chiarezza (cosa voglio comunicare?), semplicità (termini, immagini, termini adeguati al pubblico di riferimento).
      • Il contenuto deve essere reso attraente e non illeggibile al di fuori della stretta cerchia di esperti in materia.
    • Come?
      • Abbiamo di fronte un pubblico che dobbiamo saper mantenere attento
      • Ci dobbiamo sforzare di usare lo stile narrativo della storia
      • Possiamo sforzarci di strutturare i contenuti che circoleranno all’esterno secondo lo schema tipico della comunicazione giornalistica W5
    • W5
      • What
      • When
      • Where
      • Who
      • Why
    • I rischi Schiacciati dal peso dei nostri impegni tutti noi rischiamo di soccombere, ovvero di non riuscire a fare bene per il troppo da fare. Le tecnologie ci aiutano?
    • Dal web al web 2.0