Your SlideShare is downloading. ×
0
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
UrCult
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

UrCult

52

Published on

Published in: Design
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
52
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIGruppo Franchi / CONOSCEREMaurizio Franchi, Alessandro De Cenzo, Simone Zulian, Andrea Heidempergher, Martino Olivierifmauri90@gmail.comCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 2. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIDESIGNFRAMEWORKCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 3. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINICONTESTOL’idea è quella di rendere più accattivante l’accesso a Musei e beniculturali, nei cui confronti molte persone non trovano interesse. Perottenere questo abbiamo pensato ad una piattaforma sviluppata persmartphone e tablet, sfruttando l’idea di gaming per invogliare lepersone a recarvisi.Il gaming sarà strutturato in modo da non ottenere solo sempliciinformazioni, ma per risultare un coinvolgimento divertente e atrecentosessanta gradi.
  • 4. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINICOSA ESISTE GIA?12 3Le figure 1 e 2 sono esempi di classiche audioguide già presenti in molte realtà museali.La figura 3 è un applicazione disponibile persmartphone in grado di restituire informazionidettagliate di un "oggetto" dopo averlo inquadratocon la fotocamera del proprio dispositivo.
  • 5. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIOBIETTIVISpronare le persone a informarsi sulmondo che le circonda, rendendoattraente il processo stesso dell’informarsi.Spingere alla conoscenzaPermettere a chi visita un museo diottenere in maniera digitalizzatainformazioni su di esso.Accessibilità dellaconoscenzaFar si che attraverso giochi interattivi unafamiglia (dall’adulto fino al bambino) osingolo possano visitare il museo inmaniera più coinvolgente e divertente.Gaming
  • 6. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINITARGETI curatori sono i principali responsabili della gestione di tutti gli aggiornamenti di questaapplicazione garantendo il flusso di informazioni per promuovere eventi e per lacreazione dei percorsi. La gestione di tale applicazione deve essere esauriente sotto ilprofilo informativo e possibilmente aggiornato in tempo reale per invogliare l’utente allalettura dell’informazione o all’utilizzo del gioco vero e proprio.I visitatori potranno ricevere un coinvolgimento tale che possano non solo ricevereinformazioni in modo passivo ma anche giocando per scoprire volta per volta leinformazioni desiderate in modo interattivo.I target di questa applicazione saranno:•I curatori•I visitatori
  • 7. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOCarlo, 45Sono un padre di famiglia, vorrei sfruttare bene il mio tempo libero con i miei figli (unadolescente e un bambino) dando loro non solo il modo di divertirsi ma anche lapossibilità di imparare qualcosa di nuovo, per esempio al Museo; naturalmente anch’iovorrei passare qualche ora interessante insieme a loro e non essere costretto adannoiarmi per far divertire loro.
  • 8. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIKEY-NEEDSINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOCarlo e Barbara con i loro figli (Pietro di 14 anni e Luca di 8 anni) vogliono scoprire iluoghi che ricordano la storia al tempo dei cavalieri, di cui tanto sono appassionati,visitando castelli e musei.Carlo e Barbara viaggiano da prima di mettere su famiglia e sono esperti nellaffrontare levariabili offerte da un viaggio.Non ricercano troppe comodità, ma viaggiando insieme ai figli hanno bisogno di prevedere letappe per i pasti.Cercano informazioni sui loro viaggi in rete e si appuntano su un taccuino i punti salienti, chepoi riprendono durante il viaggio. Barbara è curiosa e cerca sempre di essere informata sullenovità, invece Carlo è un tipo abitudinario e usa le nuove tecnologie in maniera limitata. Lapassione per la storia è spesso la ragione dei loro viaggi nelle città che raggiungono con la loroautomobile.Insieme desiderano sfruttare bene il tempo libero, vedendo cose interessanti, partecipandoalle attività e alle manifestazioni in corso, in modo da divertirsi e imparare cose nuove.Quando visitano i musei cercano sempre di affiancare alla visita tradizionale le attivitàproposte che coinvolgono i visitatori, come laboratori e momenti ludici.
  • 9. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOPaolo, 50Sono un curatore del museo di Rovereto. Il mio obiettivo principale è la promozionedella cultura della nostra regione. Per questo è necessario individuare un mododivertente, coinvolgente e interattivo per avvicinare gli utenti ai musei.
  • 10. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIKEY-NEEDSINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOPaolo è un curatore del MART da 4 anni…Paolo ha 50 anni e il suo obiettivo principale è quello di trovare semprenuove modalità per riuscire ad attrarre gli utenti al museo e renderglil’esperienza divertente,coinvolgente ed interattiva.Lui usa da poco uno smartphone e ha provato le funzioni di una rete checonsente di localizzare gli utenti sul territorio.Bisogna fornire delle informazioni sui luoghi da visitare e sugli eventi in una formacoinvolgente e per una esperienza indimenticabile.Provenendo dal museo MART cerca di far conoscere le mostre del Mart sopratutto allefamiglie, perchè ritiene che sia uno spazio importante per la crescita di grandi e piccoli.
  • 11. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINILuoghiIl luogo adibito per la piattaforma sarà un classico museo di qualsiasi tipologia ma, chepreveda nell’ambito della propria offerta delle mostre interattive o delle attività rivolte allefamiglie deve quindi avere sistemi e un’organizzazione in grado di creare un ambientefavorevole e accogliente in modo che l’interazione risulti soddisfacente per appagare leaspettative della famiglia che usufruisce di questo servizio.Luoghi pubblici culturali
  • 12. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOIl Castello del Buonconsiglio è uno degli edifici più conosciuti di Trento e uno tra i maggiori complessimonumentali del Trentino-Alto Adige.Il Castello è stato edificato con funzioni difensive sopra un rilievo roccioso, originariamente sede di uncastrum romano.Castello del BuonconsiglioDa http://skorpionegiramondo.blogspot.it/
  • 13. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOIl museo retico di Sanzeno (località Casalini), raccoglie una serie di reperti originali delle epoche chepartono dal 3000 a.C. allepoca romana e ci raccontano la storia antica della Val di Non.Situato allimbocco della passeggiata naturalistica che conduce al Santuario di S. Romedio, il museoriporta specialmente manufatti del popolo dei Reti (un popolo vissuto tra il VI ed il I secolo a.C. nelTirolo) e dei romani.Museo Retico di SanzenoFoto di Luca Giarelli
  • 14. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOIl Museo delle Palafitte del Lago di Ledro, sezione tematica del Museo delle Scienze, nasce negli anni’70 per rendere pubblica una selezione dei reperti provenienti dall’adiacente zona archeologica.Oggetti di vita quotidiana di 4000 anni fa sono esposti, sullo sfondo dei resti dell’antico villaggiopalafitticolo, in modo da rendere comprensibile la vita durante l’Età del Bronzo.Museo delle palafitte del lago di LedroDa http://www.gardalake.org
  • 15. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOIl museo darte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART) è un centro museale dellaprovincia di Trento. La sede principale è situata a Rovereto in Corso Bettini 43 e vi si trovano perlopiùopere darte moderna e contemporanea.MART – Museo di arte moderna e contemporaneaDa http://tempiemodi.com/
  • 16. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOMuseo di nuova concezione che coniuga armoniosamente natura, scienza e tecnologia, senzatrascurare le importanti questioni etiche e sociali dei nostri tempi.Un museo tutto da esplorare per scoprire i fenomeni del mondo in cui viviamo e confrontarsi con lesfide della società contemporanea. Un luogo in cui sperimentare, imparare ma anche e soprattuttodivertirsi.MUSE – Museo delle ScienzeDa http://skyscraper.talkwhat.com/
  • 17. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINICONCEPTCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 18. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIDESCRIZIONEQuesta applicazione è nata con lo scopo di rendere più coinvolgente eattraente lesperienza di visita di un museo.UrCult è unapplicazione ideata per dispositivi mobile, in particolar modo per smartphone e tablet.Il compito principale degli utenti è quello di rispondere ai quesiti,presentati in variemodalità,esplorando il museo.Dopo averli risolti esiste la possibilità di visualizzare una descrizionedivulgativa riguardante il quesito:consentendo così di imparare e divertirsi nello stesso tempo.Lutente dopo aver effettuato il log-in potrà scegliere se giocare in modalità singola,sfida tra amici ofamiglia:la differenziazione principale di queste tre modalità è che nelle prime due ,gli utentidovrebbero essere invogliati ad eseguire al meglio il compito ,oltre che dalla volontà di acculturarsianche dalla spirito di competizione che si suppone tutte le persone abbiano,mentre nella terza ci siaspetta che la famiglia più che competere vorrà poter collaborare per poter passare insieme deltempo in un luogo culturale,divertendosi e non facendo annoiare nemmeno i più piccoli.Dopo aver terminato le missioni lutente avrà la possibilità di rivedere il suo intero percorso su unostoryboard digitale(capendo cosa ha sbagliato e cosa invece ha fatto in maniera corretta)e di saperequanti punti ha classificato,ed eventualmente in che posizione si trova nella classifica generale.Il museo inoltre potrà fornire dei gadget o inviti esclusi alle persone che si sono differenziate in modopositivo.
  • 19. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINICOME FUNZIONA1.CREAZIONE PROFILO O LOGINPer poter utilizzare lapplicazione lutente dovrà avere un username ed unapassword,nel caso non ne sia in possesso potrà registrarsi.2.LOCALIZZAZIONEDopo aver effettuato il login lutente dovrà localizzarsi in modo da poterindividuare il luogo culturale più vicino dove potrà giocare con UrCult.3.SCELTA MODALITA DI GIOCOLutente dopo aver effettuato il login e la localizzazione dovrà selezionare lamodalità:singolo,sfida tra amici o famiglia.Se lutente:•sceglie la modalità di gioco “Singolo” sarà padrone del gioco e unico interlocutoreinterattivo dellApp titolare del punteggio finale inserito in una classifica generale.
  • 20. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI••decide per “Sfida gli amici” comparirà una form in cui sono presenti tutti inomi/username degli utenti presenti nel museo, che hanno fatto il login per quel museoe che hanno scelto la stessa mostra; lutente spunterà gli utenti da sfidare e aspetta chelaltro o gli altri utenti accettano la sfida. Dopo questa fase preliminare il gioco ha inizio,in alto a destra verrà visualizzata la classifica dei partecipanti basata su ogni step digioco e alla fine a seconda della posizione nella mini classifica gli utenti avranno unpremio individuato dal curatore.•sceglie la modalità “Famiglia” verrà proposto una serie di attivitàinterattive nelle quali tutta la famiglia deve, utilizzando diversemodalità partecipative, impegnarsi per riuscire a portare a termine il gioco e totalizzare ilmiglior punteggi possibile che verrà inserito in una classifica generale.4.ESECUZIONE DEL GIOCOIl gioco vero e proprio consiste nella risoluzione da parte dellutente di"missioni" in varie modalità possibili.Per missione si intende la presentazione di uninterfaccia nella quale vienechiesto allutente di rispondere a dei quesiti relativi alla realtà del luogo culturale invarie modalità.Indipendentemente dalla modalità e dalla missione lutente ha la possibilità diavere aiuti.
  • 21. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIle possibili modalità di gioco sono le seguenti:INDIZI VISIVIIl sistema mostra allutente un particolare visivo, che lutente dovrà individuare e fotografareallinterno del luogo in cui si trova.TROVA IL COLORELutente dovrà individuare e fotografare un particolare colore mostrato dallapplicazione.DISEGNA LOGGETTODisegna un oggetto definito o indicato dal sistema e fotografalo.TRIVIAL TESTUALEClassico quiz con domande sulla base di nozioni esplicative.QUIZ SCELTA MULTIPLALutente risponde alle domande presentategli scegliendo da una serie di possibilità.SOCIALIZZA!Lutente deve fotografare altre persone mentre compiono azioni precise.- fotografa 5 persone in pose particolari accanto ad unopera- fotografa almeno 2 componenti davanti ad un oggettoREALTA AUMENTATAIndividua, attraverso la fotocamera del dispositivo, un oggetto presente nel luogo in realtàaumentata.
  • 22. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIPUZZLELutente dovrà ricomporre una figura.VOCALE 1Lindizio viene presentato in formato audio.Aggregabile a diverse altre modalità di gioco. Da usare solo in luoghi allaperto o con le cuffie.VOCALE 2Lutente dovrà rispondere a voce ad una domanda o imitare un suono. Da usare solo in luoghiallaperto.SHAKE’N ROTATEIl giocatore dovrà contare un numero di oggetti RUOTANDO il dispositivo. Modalità da usarsisolo se e quando i sensori di movimento saranno di più larga diffusione nei dispositiviembedded (smartphone o tablet).ESPLORAZIONEQuesta modalità è rivolta alle famiglie, consiste nel chiedere ai membri della famiglia di“esplorare” contemporaneamente diversi luoghi della mostra per individuare una specificacaratteristica in comune (colore, forma, posizione, ecc.) di oggetti ben determinati (quadri,personaggi, ecc.) e comunicarla allApp.TOUCHQuesta modalità è rivolta alle famiglie e consiste nel far toccare a più persone il dispositivoseguendo le istruzioni date dallapplicazione per poter avere il successivo indizio.
  • 23. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI5.TERMINE DEL GIOCO,PREMI E SOCIAL NETWOKINGCompletati tutti i FRAME di una missione, si ottiene in premio, individuato nella forma enelle caratteristiche a seconda degli obiettivi divulgativi/promozionali del Museo o dellostesso curatore, un badge (oggetto, buono sconto usufruibile al bookshop, riduzione peraltre entrate, schede informative/divulgative,biglietti esclusivi ……), visibile nel proprioprofilo e/o ritirabile alla cassa, e una quantità variabile di punti in base alla difficoltà dellamissione, che andrà a determinare la posizione del giocatore nelle classifiche(le qualisaranno disponibili sui social network e sul sito del museo)LApp permette di scaricare un "attestato" stampabile per ogni missione superata.
  • 24. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIINSERIRE UNA IMMAGINE,COPRENDO L’INTERA AREACOLORATA – USARE LA FUNZIONACROPPING PER RITAGLIAREL’IMMAGINE NEL MODO GIUSTOUrCult – l’idea si delinea partendo da uno schizzo a matita
  • 25. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINICARATTERISTICHE• sistema client-server• sistema intuitivo ed ad alta usabilità• target vari:bimbi,ragazzi e famiglie• lapp utilizzerà il servizio di localizzazione per individuare la posizione dellutente• ottenuta la posizione lapp inizializzerà il "gioco" opportuno• necessità di registrazione per poter utilizzare lapp• app ideata per smatphone e tablet• varie modalità di gioco per coninvolgere e non annoiare lutente• lapp "darà" un "premio" allutente• possibilità di salvare la priopria history• possibilità di ricevere un feedback(rate us) dallutente•amministratori potranno modificare di volta in volta i "giochi".•necessità da parte dellutente ad avere una conessione ad Internet mentre utilizza lapp
  • 26. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 27. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIToccando il tasto “Localizzati” si consente all’App diverificare la posizione dell’utente e di dare inizio al gioco.I tasti nella parte bassa dello schermo si attiveranno solodopo la localizzazione.Dopo averlo utilizzato, il tasto “Localizzati” si trasforma in“Ricalcola”, utile in caso il sistema abbia calcolato inmaniera errata la posizione dellutente.I tasti in basso, ora attivi, permettono di decidere in chemodalità di gioco si vuole giocare: “Singolo”,“Famiglia” o “Sfida Amici”.
  • 28. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIToccando il tasto “Localizzati” si consente all’App diverificare la posizione dell’utente e di dare inizio al gioco.I tasti nella parte bassa dello schermo si attiveranno solodopo la localizzazione.Dopo averlo utilizzato, il tasto “Localizzati” si trasforma in“Ricalcola”, utile in caso il sistema abbia calcolato inmaniera errata la posizione dellutente.I tasti in basso, ora attivi, permettono di decidere in chemodalità di gioco si vuole giocare: “Singolo”,“Famiglia” o “Sfida Amici”.
  • 29. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIIn questa schermata vengono riepilogati i dati inseritidall’utente nelle fasi precedenti che potranno essereconfermati tramite il tasto“Procedi” oppure modificatiutilizzando il tasto “Indietro”.In questa videata verrà presentata la scelta fatta e verràchiesto all’utente di decidere la mostra che sarà il tema delsuo gioco cliccando semplicemente nello spazio riservatoad ogni singola Missione.
  • 30. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIIn questa videata un personaggio si presenta e invita agiocare. Viene inoltre visualizzata qualche informazione ocuriosità sul tema della mostra.In queste schermate si mostra un“frame” del gioco, in questo caso unpuzzle game. I curatori delle missionihanno la possibilità, di volta in volta, disfruttare diverse modalità di gioco.I pallini in basso a sinistra tengonotraccia dellavanzamento allinternodella missione, e toccandoli ci si puòmuovere tra i frame già superati.Licona del salvagente col numeroaccanto permette di ottenere un aiuto. Ilnumero di aiuti allinterno di unamissione è limitato, e inoltre utilizzarliriduce il numero di punti che siotterranno in premio.
  • 31. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIQui viene mostrata unaltra modalità di gioco, che richiededi fotografare delle persone (in questo caso i proprifamiliari) accanto ad unopera. Modalità come questapossono essere sfruttate dai curatori per far cooperare igiocatori e creare unesperienza condivisa della visita.Al termine della missione si ottiene un badge che saràvisibile nel proprio profilo e un numero variabile di punti. Ipunti permettono di confrontarsi con gli altri utentiattraverso le classifiche.
  • 32. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINILultima schermata permette di scaricare un “certificato”stampabile della missione completata personalizzato conil nome dellutente.Nel caso lente coinvolto (in questo caso il Mart) vogliaincentivare luso del gioco presso le proprie sediattraverso un premio materiale, in questa schermata sipossono visualizzare le informazioni per ottenerlo.
  • 33. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINISCENARIOCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI...Luca e la sua famiglia visitano la mostra di “ALICE in wonderland” e lui non vede l’ora diprovare il gioco che il papà ha scaricato sul suo smartphone prima di partire.E’ un momento coinvolgente per l’intera famiglia, che entra nella prima sala e riconosce ipersonaggi della storia vista nel cartoon di Walt Disney; Il papà di Luca esegue insieme alui il “login” e poi lascia che Luca prenda a giocare, aiutandolo nei vari passaggi di gioco,mentre la mamma e la sorella di Luca osservano i lavori esposti e di tanto in tanto siavvicinano per dare il proprio contributo di gioco a Luca, suggerendo qualche particolareutile.Presto il gioco degli indizi e dei particolari da cercare nelle varie sale diventa un modo perportare il gioco “fuori” dallo smartphone e renderlo un a cosa sola con la mostra. Lucaosserva e fa domande, coinvolge la sua famiglia e loro possono ricevere utili informazionisu particolari che non ricordano della storia, oltre che indicazioni sui laboratori e sulle attivitàche troveranno alla fine del percorso, alle quali Luca e alla sorella parteciperanno, mentremamma e papà potranno rilassarsi visitando il bookshop o facendo una pausa allacaffetteria del museo....
  • 34. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 35. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 36. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 37. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIValueproposition-Next step/openissuesCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI
  • 38. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIValue PropositionPERCHE IL PROGRAMMAÈ FONDAMENTALE E INTERESSANTE?Il sistema supporta la divulgazione delle informazioni guida nelle saledelle esposizioniLa modalità gioco trasforma l’esperienza della visita in una nuovamodalità di interazione.L’uso del sistema aumenta il coinvolgimento nell’esperienza di visitadelle esposizioni.L’applicazione è compatibile con differenti dispositivi.Per le scelte progettuali adottate il sistema non è invasivo nella realtàmuseale.L’applicazione prevede una modalità amministratore, che consente lamodifica e l’aggiornamento della stessa.
  • 39. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERININext step/open issuesMaggiore coinvolgimento degli entiIl concept realizzato è previsto per essere totalmente indipendente dagli enti,ma per futuri sviluppi si può pensare ad un maggiore coinvolgimento deglistessi, formando ad esempio i receptionist dei musei sul gioco per poter dareinformazioni sul gioco. Unaltra possibilità sarebbe quella di introdurreallinterno dei musei dei totem che permettano di visitare il portale web delgioco per iscriversi e/o ottenere informazioni sullo stesso.Infine si può pensaredi rendere disponibili allinterno dei musei un certo numero di tablet da offrirein prestito agli utenti per dare la possibilità di giocare anche a chi non èprovvisto di una piattaforma adeguata.NavigatoreSfruttando la tecnologia GPS, già utilizzata dal concept attuale,è possibile implementare un navigatore che guidi in tempo reale verso i beniculturali vicini camminando nelle città. In aggiunta (o in sostituzione) alnavigatore gps, utilizzando lapplicativo allaperto, si potrebbe ottenereindicazioni e informazioni sui beni culturali vicini attraverso la realtàaumentata.CostiPossibilità di incentivare i curatori delle missioni di gioco con una retribuzione?
  • 40. CORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINIGruppo Franchi / CONOSCEREFranchi Maurizio, Alessandro De Cenzo, Simone Zulian , Martino Olivieri,Andrea HeindempergerCORSO INTERAZIONE UOMO-MACCHINA, INTERFACCE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE, UNIVERSITA DI TRENTO, 2012PROJECT LEADERS / LEONARDO GIUSTI, CLAUDIO MODERINI

×