Territorio e idea di paesaggio

537 views

Published on

Non esiste Territorio senza un'idea di Paesaggio questa è la tesi che sto cercando di sviluppare e approfondire

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
537
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Territorio e idea di paesaggio

  1. 1. Non c'è territorio senza idea di paesaggio Vite e Territorio - Guardia Sanframondi 30 sett 2013 - Francesco Iacono 1 mercoledì 25 settembre 13
  2. 2. Non c'è territorio senza idea di paesaggio Vite e Territorio - Guardia Sanframondi 30 sett 2013 - Francesco Iacono 1 mercoledì 25 settembre 13
  3. 3. PREFAZIONE - Fregoni antesignano degli studi di zonazione (anni 80). Serviva sapere e conoscere i suoli per gestire al meglio le viti in funzione di essi - Poi (anni 90) arrivano le zonazioni che cercano di capire le relazioni fra suolo e vini andando nello specifico delle origini geologiche, unendo clima, disponibilità idrica, gestione della chioma e delle produzioni di uva per ceppo. - le zonazioni diventano anche base per pianificazioni territoriali, MA LA VITICOLTURA RESTA AL CENTRO DELL'UNIVERSO ZONAZIONE, COME SE IL TERRITORIO DOVESSE/POTESSE RUOTARE SOLO INTORNO AL MONDO DEL VINO. 2 mercoledì 25 settembre 13
  4. 4. • CONSEGUENZA: a tutt'oggi le zonazioni non sono utilizzate né dai viticoltori (le regole del mercato sono più importanti delle regole ambientali), né dagli enti locali che programmano il territorio a prescindere. • si potrebbe pensare che sia arrivato il MOMENTO per un nuovo approccio verso il territorio, di cui il mondo vino dovrebbe costituire una parte, solo una parte, valorizzabile solo se in sintonia con le restanti componenti sociali ed economiche. • NON PUÒ ESISTERE SETTORE ECONOMICO AGRICOLO DI SUCCESSO SENZA UN COINVOLGIMENTO DELLE FORZE LEGATE AL TERRITORIO IN GENERALE. 3 mercoledì 25 settembre 13
  5. 5. Ecco perché ho intitolato l'intervento con la frase NON ESISTE TERRITORIO SENZA UN'IDEA DI PAESAGGIO. PERCHÈ PAESAGGIO È FORSE IL CONCETTO PIÙ COMUNE E COMPRENSIBILE PER SPIEGARE LA FORZA DI UN TERRITORIO. 4 mercoledì 25 settembre 13
  6. 6. PAESAGGIO COME TEATRO • Paesaggio secondo Turri è teatro!!!!! Tutti noi ne siamo responsabili: non solo i vignaioli, non solo gli agricoltori, ma gli urbanisti, gli amministratori, i singoli cittadini che • ogni giorno agiscono e scelgono il destino e la qualità del paesaggio • decidono di far convivere agricoltura e insediamenti civili SPESSO come se non facessero parte dello stesso sistema, 5 mercoledì 25 settembre 13
  7. 7. Si parte dal coinvolgimento e dalla partecipazione collettiva • Un coinvolgimento che dovrebbe riguardare la sensibilizzazione di tutti verso il patrimonio collettivo per garantirne la sua salvaguardia. • Patrimonio non da sfruttare ma da proteggere e preservare • Oggi un progetto di valorizzazione territoriale deve essere coinvolgente (riguardare tutti i cittadini, senza barriere settoriali), • non essere esclusivamente tecnico e troppo tecnicistico • ma anche ricco di valori sociali, etici, naturalistici e sostenibili. 6 mercoledì 25 settembre 13
  8. 8. Alcuni spunti NON esaustivi • Mappa dei suoli • Studio della flora spontanea • Studio dei siti storici • Interviste ai "saggi" di paese • Difesa degli insiemi primari • Riportare i suoli al loro valore di patrimonio e non di fattore produttivo • Suoli non solo entità fisiche ma biologiche • Pensare anche il terzo paesaggio 7 mercoledì 25 settembre 13
  9. 9. • Mappe dei suoli: esistono già e sono abbastanza dettagliate. Sarebbe importante definirle su aree omogenee con attenzione all'uso agronomico attuale • Studio della flora spontanea: evidenza delle particolarità e sostegno alla loro conservazione e diffusione (con particolare riguardo alle aree limitrofe agli insediamenti umani, scarpate, macchie). Coinvolgimento delle scuole? 8 mercoledì 25 settembre 13
  10. 10. • Studio dei siti storici, archeologici (pievi, ruderi con valore paesaggistico e culturale) in funzione di una loro difesa, preservazione, eventuale restauro, possibile sviluppo di aree di interesse turistico con eventuali itinerari • Interviste ai "saggi" per ricostruire senso di appartenenza, storia della viticoltura e conoscenza di cosa era ritenuto ottimale (varietà, disponibilità idrica, difficoltà agronomiche, maturazione, rischi patologici). Riappropriazione delle esperienze centenarie che rischiano di scomparire. 9 mercoledì 25 settembre 13
  11. 11. • Difesa degli insiemi definiti primari: spazi che non sono mai stati sottoposti a sfruttamento antropico. Sono spazi che evolvono lentamente e sono molto delicati perché fortemente sensibili ai cambiamenti. • Riportare i suoli al loro valore di patrimonio e non di fattore produttivo: nella carta dei suoli dare importanza alle sistemazioni, alle lavorazioni, all'erosione, alla regimazione delle acque e quindi al sistema idrogeologico. • Suoli non solo entità fisiche ma anche biologiche: vita microbiologica dei terreni. Lavorare per la fertilità dei suoli e caratterizzare lo spazio di ambiente definito rizosfera. Si parla sempre più di epigenetica e cioè di espressione dei caratteri grazie a stimoli ambientali. Di certo la rizosfera gioca un ruolo importante nella manifestazione di un terroir 10 mercoledì 25 settembre 13
  12. 12. • Pensare il terzo paesaggio descritto da Gilles Clement: costituisce un territorio per le molte specie vegetali ed animali che non trovano spazio altrove. • In ambito rurale il terzo paesaggio è costituito dai residui che occupano i rilievi accidentati, incompatibili con le macchine per lo sfruttamento agricolo, e tutti gli spazi di risulta direttamente legati all'organizzazione del territorio: confini dei campi, siepi, margini, bordi delle strade. • Per il suo dispositivo eterogeneo, la sua inconsistenza, il suo carattere temporalmente smisurato, il terzo paesaggio appare come il territorio dell'invenzione biologica. Può essere considerato come frammento condiviso di una coscienza collettiva nell'ambito di una stessa cultura. • Dichiarando il territorio del terzo paesaggio luogo PRIVILEGIATO dell'intera linea biologica è predisposto a reinventarsi costantemente. 11 mercoledì 25 settembre 13

×