Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La situazione attuale in svizzera

69 views

Published on

La situazione attuale in svizzera

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La situazione attuale in svizzera

  1. 1. In Svizzera, in 120 anni, la temperatura media è salita di oltre 2°C
  2. 2. In Svizzera la temperatura media annua (estate & inverno, giorno & notte) era di circa 4°C all’inizio del XX° secolo ed è salita a 6°C (+50%!) nel XXI° secolo Fonte: Meteo Svizzera
  3. 3. Come viene calcolata la temperatura media in Svizzera
  4. 4. La temperatura media della Svizzera viene calcolata ogni anno in base alla media delle temperature mensili registrate dalle stazioni meteorologiche di 15 località e questo dal 1864
  5. 5. Record di temperature in Svizzera XX° secolo: 38,9°C (1921 a Ginevra) XXI° secolo: 41,5°C (2003 a Grono) Fonte: Meteo Svizzera
  6. 6. In Svizzera il 2018 è stato l’anno più caldo di sempre!
  7. 7.  Con una media di 6,7°C fra dicembre 2017 e novembre 2018 si è registrato in Svizzera un nuovo record  Dopo il 2011 (6,5°), 2014 (6,5°) e 2015 (6,6°), il 2018 (6,7°) è il quarto anno in poco tempo con temperature ben al di sopra della media degli ultimi 30 anni, che è stata di 5.7°C  Ricordiamo che all’inizio del XX° secolo la temperatura media era di soli 4°C Fonte: Meteo Svizzera
  8. 8. In futuro estati con fino a 5,5°C in più
  9. 9.  Secondo gli ultimissimi scenari climatici (CH2018), senza misure drastiche per limitare i gas a effetto serra, le temperature continueranno ad aumentare anche in futuro  In Svizzera la temperatura media dell'aria vicino al suolo aumenterà nei mesi estivi da giugno ad agosto da 2,5° a 4,5° rispetto ad oggi  Le temperature massime aumenteranno notevolmente di più delle temperature medie. Nei giorni più caldi dell'estate sarà fino a 5,5°C più caldo rispetto a oggi Fonte: Meteo Svizzera
  10. 10. Per capire cosa ciò significa basta guardare Dubai  A Dubai ad esempio, già oggi da aprile a ottobre la temperatura oscilla attorno ai 41°C con punte massime fino oltre 48°C  A Dubai in questi mesi uscire all’aperto è oramai insopportabile, per cui, oltre ad alloggi, uffici e centri commerciali climatizzati, hanno dovuto sviluppare intere città-indoor in cui circoli senza mai mettere un piede all’aperto
  11. 11. Gli effetti del riscaldamento si fanno sentire anche in alta montagna
  12. 12. 1850 2016 Nel 1850 i ghiacciai svizzeri coprivano una superficie uguale al Canton Zurigo 1’735 km2 Nel 2016 la loro superficie si era ridotta del 49% a 890 Km2
  13. 13. Conseguenze per l’approvvigionamento idrico e idroelettrico - ghiacciai - neve d’inverno - acqua nei fiumi d’estate - acqua nei bacini idrici - energia idroelettrica + siccità
  14. 14. 2018: forte siccità anche in Svizzera  L’estate 2018 è stata di 2,6°C più calda della media degli ultimi 30 anni e ha fatto registrare la peggiore siccità degli ultimi 70 anni  Il Lac des Brenets nel Giura vodese ha perso da settembre 2018 17 cm al giorno ed è praticamente seccato  Nel lago di Zugo si è registrato nel 2018 il livello più basso di sempre
  15. 15. Divieti di accendere fuochi all’aperto nel 2018 anche oltralpe
  16. 16. Caldo estremo = piogge estreme Dal 19 al 23 agosto 2005 la Svizzera fu colpita dalle peggiori inondazioni di sempre. I danni ammontarono a oltre 3 miliardi di franchi e si spese la somma di 650 milioni per mettere in sicurezza il territorio
  17. 17. Quanto costano le catastrofi «naturali» alla Svizzera  2,9 miliardi di franchi le spese annue per la protezione dalle catastrofi «naturali»  1,7 miliardi sono i costi delle assicurazioni, delle ditte e dei privati  1,2 miliardi vengono spesi dalla Confederazione, dai Cantoni e dai Comuni  400 franchi sono i costi per ogni singolo cittadino all’anno Secondo uno studio del Politecnico di Losanna fra 40 anni le catastrofi «naturali» verranno a costarci fra gli 8 e i 10 miliardi di franchi all’anno Fonti: Ufficio Federale dell’ambiente & EPFL
  18. 18. La Svizzera spende ogni anno 400 milioni di franchi solo per mettere in sicurezza gli argini dei fiumi Fonte: UFAM Ufficio Federale dell’Ambiente
  19. 19. … ed ecco gli effetti registrati finora sulla meteo Fonte: Nacional Centre for Climate Services / Confederazione Svizzera
  20. 20. Ecco come siamo messi con il CO2 in Svizzera  Nel 2015 la quantità di gas a effetto serra immessi nell’atmosfera in Svizzera ammontava a 48.1 milioni di tonnellate (in equivalente CO2), ossia a 5,8 tonnellate di gas a effetto serra all’anno per ogni abitante, neonati compresi  ma in questa cifra non sono comprese le emissioni di gas serra prodotte dai viaggi all’estero, dalle merci importate, dal loro trasporto e dal traffico aereo e marittimo internazionale. Se si addizionano anche queste emissioni, sono circa 12 le tonnellate di gas serra prodotte ogni anno da ogni Svizzero Fonte: Ufficio Federale dell’Ambiente
  21. 21. 1 palloncino = 2,5 litri = 4.9 grammi di CO2 1 kg di CO2 = 204 palloncini 12 tonnellate di CO2 = 2’448’000 palloncini ….. a testa all’anno! ossia produciamo 6’706 palloncini di CO2 a testa al giorno! … giusto per dare un’idea di che volumi si tratta:
  22. 22. C’è chi pensa che siamo più virtuosi di altri, ma …  ogni cittadino svizzero produce 12 tonnellate di CO2 all’anno  ogni africano ne produce 0,92 tonnellate all’anno, quindi: 8½ milioni di svizzeri immettono nell’atmosfera altrettanto CO2 di quasi 111 milioni di africani  ogni cinese ne produce all’anno 5,14 tonnellate, quindi: 8½ milioni di svizzeri immettono nell’atmosfera altrettanto CO2 di quasi 20 milioni di cinesi  ogni sudamericano ne produce in media 2,16 tonnellate, quindi: 8½ milioni di svizzeri immettono nell’atmosfera altrettanto CO2 di 47 milioni di sudamericani
  23. 23. Chi produce questi gas serra in Svizzera? Fonte: UFAM - Ufficio Federale dell’Ambiente 2013
  24. 24. Anche i giganti svizzeri dell’energia elettrica producono CO2  Nel 2017 le emissioni di CO2 dei 4 maggiori produttori svizzeri di elettricità (Alpiq, Axpo, BKW e Repower) sono aumentate del 20%. Due terzi dell’elettricità da loro prodotta proviene dal nucleare e da centrali a carbone e a gas situate all’estero.  Per compensare l’abbandono del nucleare Alpiq, Axpo, BKW e Repower prevedono di investire nei prossimi anni in centrali ….. al carbone e a gas … all’estero Fonte:Schweizerischen Energie-Stiftung
  25. 25. Consumo di energia in Svizzera Fonte UFE Statistica globale svizzera dell’energia
  26. 26. Oltre il 75% dell’energia consumata in Svizzera è fossile e viene importata dall’estero L'approvvigionamento energetico della Svizzera è caratterizzato da una forte dipendenza dall'estero: oltre il 75 per cento del fabbisogno energetico della Svizzera viene coperto dalle importazioni. Questa percentuale comprende tutti i prodotti petroliferi, il gas naturale e il combustibile nucleare, necessario alle centrali nucleari svizzere per la produzione di elettricità. Essa non comprende tuttavia il carbone e il gas delle centrali elettriche situate all’estero e che coprono parte del nostro fabbisogno di elettricità
  27. 27.  La Svizzera spende ogni anno 15,5 miliardi di franchi per energie fossili (13 per il petrolio e 2,5 per il gas)  Questi miliardi vanno a ingrassare regimi dittatoriali come l’Arabia Saudita di Mohammad bin Salman o la Russia di Putin  Se l’energia la producessimo noi con le rinnovabili, questi miliardi rimarrebbero qui, facendo girare la nostra economia Un salasso di oltre 15 miliardi di franchi
  28. 28. Le energie rinnovabili coprono solo il 22,3% del totale dei consumi svizzeri 13,30% energia idroelettrica 1,96% calore ambientale 4,54% legno 0,66% propellenti liquidi biologici 0,33% biogas 0,30% energia solare ed eolica 0,29% rifiuti Ufficio federale dell'energia UFE / Statistica 2017
  29. 29. Svizzera: fanalino di coda in Europa La Svizzera è al 25° posto su 29 paesi europei per produzione di energia eolica e solare per abitante Ecco alcuni esempi di produzione pro capite di eolico e solare: I campioni: Danimarca 2’716 kWh Germania 1’755 kWh Svezia 1’731 kWh Irlanda 1’381 kWh Portogallo 1’359 kWh Spagna 1’245 kWh Grecia 898 kWh I nostri vicini: Germania 1’755 kWh Austria 838 kWh Italia 705 kWh Francia 478 kWh Svizzera 206 kWh
  30. 30. Cosa si fa in Svizzera per lottare contro il cambiamento climatico……. …. poco!
  31. 31. Bus elettrici in Svizzera?  Primi in Svizzera, i trasporti pubblici ginevrini (TPG) hanno messo in funzione una flotta di 12 bus elettrici sulla linea 23  I trasporti pubblici di Berna (Bernmobil) hanno messo in servizio bus elettrici sulla linea 17  I trasporti pubblici di Zurigo (VBZ) hanno preso in prestito per quattro mesi un bus elettrico portoghese per fare dei test  Baden (Argovia) ha respinto l’anno scorso l’introduzione di bus elettrici, perché «troppo cari e necessitano una di stazione di ricarica»
  32. 32. …. e il Ticino? … dorme … zzzzzzz... Seguendo un rapporto di maggioranza, il Gran Consiglio, preferisce attendere uno «studio di fattibilità» e si limita «all’acquisizione di informazioni» Intanto la FART acquista per 5 milioni di franchi 13 nuovi autobus tedeschi Lion’s City A23 alimentati a … gasolio
  33. 33. …. e le auto elettriche in Svizzera? Nel 2018, malgrado una crescita del 19%, la parte di mercato dell’auto elettrica rappresentava in Svizzera solo un misero … 0,1% (contro il 52% della Norvegia)
  34. 34. Eravamo più avanti negli anni ’50 del secolo scorso, quando la posta svizzera portava nelle case lettere e pacchetti con questi furgoncini elettrici
  35. 35. Il mondo scientifico aveva messo in guardia i nostri governi sul grave pericolo del riscaldamento climatico già oltre 30 anni fa, ma quasi nulla è stato fatto finora per fermarlo. In Svizzera siamo a malapena riusciti a stabilizzare il consumo di energia e con esso le emission di CO2, che però rimangono altissime e continuano a incrementare il riscaldamento climatico. Per riuscire a limitare i danni, dobbiamo a tutti i costi eliminare completamente dalla nostra economia entro i prossimi 30 anni l’utilizzo di combustibili fossili.
  36. 36. + 3% di energia pulita all’anno Per ridurre a zero il consumo di energie fossili entro il 2050 e arrivare al 100% di energia pulita, cioè elettrica, occorre una crescita rapida della produzione di fotovoltaico ed eolico. L’obiettivo è raggiungibile:  se si sostituirà ogni anno per i prossimi trent’anni circa il 3% di energie fossili con energie provenienti da fonti rinnovabili.  se si sostituiranno tutti i riscaldamenti a nafta con le rinnovabili  se si faranno sparire progressivamente dalle nostre strade i veicoli a benzina e al diesel, sostituendoli con veicoli elettrici

×