Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La lotta per salvare il clima

80 views

Published on

La lotta per salvare il clima

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La lotta per salvare il clima

  1. 1. La lotta per salvare il clima
  2. 2. Cambiamento climatico, inglesi in piazza: traffico bloccato a Londra
  3. 3. Dobbiamo tutti mobilitarci
  4. 4. Finora solo 16 paesi rispettano al 100% gli impegni sul clima presi a Parigi  Fra questi non figura nessun paese dell’Unione Europea e nemmeno la Svizzera  Fra i 16 vi sono invece 3 paesi europei non membri dell’UE, ossia: Norvegia, Montenegro e Macedonia  Fra i 16, solo 3 paesi del G20: Canada, Giappone e Indonesia  Primo della classe: il Costa Rica con già oggi il 99% di elettricità verde
  5. 5. L’organizzazione, fondata nel 2015, sostiene progetti regionali, nazionali e internazionali a favore del clima e rappresenta la gioventù svizzera presso l’ONU in materia di clima Attualmente Swiss Youth For Climate dispone di 5 sezioni, fra cui una in Ticino fondata nella primavera del 2018
  6. 6. 13 ottobre 2018: 130’000 francesi manifestano per la protezione del clima
  7. 7. La gioventù si mobilita 30 novembre 2018 In 30 località australiane migliaia di studenti lasciano le aule per una protesta di 3 giorni contro l’inerzia del governo nella lotta contro il surriscaldamento del clima
  8. 8. Il discorso di Greta Thunberg a COP24 diventa virale Ecco alcuni estratti del discorso pronunciato dalla quindicenne attivista svedese in Polonia: «Voi di crescita economica verde parlate solo perché avete paura di essere impopolari» «Non siete abbastanza maturi per chiamare le cose col loro vero nome. Perfino questo fardello lo lasciate a noi giovani» «La nostra civiltà viene sacrificata a vantaggio di una piccolissima minoranza interessata soltanto a riempirsi le tasche di enormi quantità di soldi»
  9. 9. 21 dicembre 2018 Migliaia di giovani sfilano per le strade di Zurigo, Berna, Basilea e San Gallo per chiedere un maggiore impegno per la salvaguardia del clima
  10. 10. Lo sciopero scolastico per il clima si allarga…. Venerdì 18 gennaio 2019 i giovani scendono di nuovo in piazza, questa volta sono in 22’000 in 18 località svizzere. Decine di migliaia manifestano in Germania, 75’000 in Belgio, altri nel Lussemburgo e nel Lichtenstein
  11. 11. 2’000’000 francesi firmano una petizione Febbraio 2019 Oltre 2 milioni di francesi hanno firmato una petizione lanciata da Oxfam, Greenpeace, Notre Affaire à Tous e dalla Fondation pour la Nature et l’Homme, che chiede di portare in tribunale il governo francese per la sua inerzia nell’ambito della lotta al riscaldamento climatico
  12. 12. Lyon (Francia) : catena umana di 4 km per il clima Dopo tre marce per il clima, ognuna con oltre 10’000 partecipanti, Lione ha organizzato via facebook il 29 gennaio una catena umana di 4 km a favore della protezione del clima e contro l’inquinamento atmosferico
  13. 13. I grandi investitori iniziano a congedarsi dal mercato dei carburanti fossili 12 dicembre 2018 / Katowice, Polonia Un gruppo di 1000 grandi investitori che rappresenta una somma globale di investimenti di quasi 8’000 miliardi di dollari ha annunciato il ritiro dal mercato delle energie fossili Nel 2012 le istituzioni finanziarie che avevano deciso di disinvestire nelle energie fossili erano soltanto 181 e rappresentavano un volume d’affari di 50 miliardi di dollari
  14. 14. Le grandi istituzioni bancarie mondiali si mobilitano contro le energie fossili Al vertice mondiale sul clima di Katowice in Polonia la Banca Mondiale ha annuciato un piano di investimenti di 200 miliardi di dollari per la lotta al cambiamento climatico L’ EBRD European Bank for Reconstruction & Development (EBRD) ha deciso di cessare di finanziare progetti legati al carbone
  15. 15. Anche nell’America di Trump qualcosa si muove  Secondo un sondaggio commissionato da Yale Program on Climate Change Communication l’81% degli americani è favorevole a un «Green New Deal», fra cui anche il 64% dei repubblicani  Un altro sondaggio dell’Edison Electric Institute conferma che oltre l’80% degli americani pensano che il passaggio al 100% di rinnovabili sia la cosa giusta da fare  Il consiglio comunale di Washington D.C. ha votato all’unanimità il “Clean Energy DC Omnibus Amendment Act” che impone alla capitale USA passare al 100% di energia elettrica rinnovabile entro il 2032  100 città USA , tra cui Atlanta, Denver, Salt Lake City, San Diego e San Francisco, si sono impegnate a passare al 100% di energie rinnovabili
  16. 16. … e cosa fanno i nostri parlamentari? Berna, 4 dicembre 2018  Il consiglio Federale propone una riduzione del 50% delle emissioni, di CO2 entro il 2030, di cui almeno il 60% in Svizzera e il resto tramite acquisto di certificati CO2 all’estero  Voto in Consiglio Nazionale: 95 SI contro i 97 NO di PLR e UDC e del ticinese Fabio Regazzi (PPD) (Quest’ultimo: «che le emissioni siano ridotte … in Svizzera o no è secondario»  Per il Consiglio Nazionale non sarà dunque in Svizzera che si ridurranno le emissioni di CO2, sebbene noi ne produciamo all’anno quanto 111 milioni di Africani
  17. 17. Ecco i 6 consiglieri nazionali ticinesi che si sono opposti a una riduzione del CO2 nel nostro paese
  18. 18. Roberta Pantani … dixit Facebook, 11 dicembre 2018 «Dopo 11 ore di dibattito in Consiglio Nazionale, la revisione della legge sul CO2 è stata respinta su tutta la linea. Per il momento ci siamo salvati da un aumento del prezzo della benzina e dell’olio da riscaldamento» EVVIVA!!! Continuiamo dunque a correre dritti dritti verso il burrone!!!
  19. 19. … e chi si oppone in Svizzera a una lotta efficace contro il riscaldamento climatico In Svizzera i principali oppositori a una politica efficace di riduzione del CO2 si trovano nell’UDC e nel PLR UDC: «le notizie allarmanti degli ultimi anni, secondo cui le attività umane influenzerebbero il clima, non corrispondono alla realtà» (presa di posizione dell’UDC svizzera sulla questione cambiamenti climatici) il PLR non nega il riscaldamento climatico, ma …. «per mettere in pratica l’accordo (sul clima) di Parigi …. non servono quote rigide, bensì misure favorevoli all’economia» (presa di posizione del PLR sulla legge del CO2)
  20. 20. ... ma fra le numerose pecore nere ne spiccano anche alcune bianche …. Hans-Peter Fricker (PLR Zurigo): «Il PLR ha … tradito la politica climatica svizzera. Quel che hanno deciso i nostri consiglieri nazionali è irragionevole sia dal punto di vista ecologico, sia da quello economico…» Alice Glauser (UDC consigliera nazionale vodese e contadina) ha votato SI alla proposta di legge sul CO2, contrariamente alle direttive del suo partito. «è solo una questione di tempo fin quando da noi i pulcini di rondini cadranno dai loro nidi perché è diventati troppo caldi» Philippe Ramseier (PLR consigliere comunale di Baden / Argovia) ha chiesto l’introduzione di bus elettrici, ma il consiglio comunale ha respinto la mozione
  21. 21. … mentre alcune pecore nere le trovi anche dove non te l’aspetti ... Anche alcuni consiglieri nazionali del PPD hanno silurato le proposte di riduzione del CO2 di Doris Leuthard, la ministra del loro proprio partito Si tratta di Fabio Regazzi (Ticino) e di Thomas Egger (Vallese) I due hanno fatto pendere la bilancia a favore del NO 95 SI contro 97 NO, ecco il risultato del voto per il capoverso 2 che chiedeva una riduzione delle immissioni di CO2 in Svizzera del 30% entro il 2030
  22. 22. Cosa dicono i partiti svizzeri sulla lotta al cambiamento climatico?
  23. 23. UDC «Il nostro ambiente sta bene. Dall’inizio dell’industrializzazione l’ammontare di sostanze inquinanti non è mai stato così basso come oggi» Unserer Umwelt geht es gut. Seit Beginn der Industrialisierung war das Ausmass von Schadstoffen und Emissionen noch nie so gering wie heute Estratto del programma di partito dell’UDC
  24. 24. Lega dei Ticinesi «Ci impegniamo nel preservare la qualità di vita, attraverso la lotta all’inquinamento con misure puntuali a favore dell’ambiente» Fonte: I 10 punti della Lega per il Ticino! … ma tra il dire e il fare… «Per l’ennesima volta, i cittadini svizzeri – proprietari della propria abitazione o inquilini – vengono mazzuolati con la politikamente korrettissima scusa della protezione dell’ambiente.» Dixit: Lorenzo Quadri sulla legge per la riduzione del CO2
  25. 25. PLR «Nella politica energetica e climatica bisogna garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico tramite gli strumenti dell’economia di mercato e la riduzione delle emissioni di CO2 in modo favorevole all’economia. Vogliamo tagliare le sovvenzioni e impedire nuove tasse e balzelli» In der Energie- und Klimapolitik sollen mit marktwirtschaftlichen Instrumenten die Versorgungssicherheit garantiert und die CO2-Emissionen wirtschaftsfreundlich reduziert werden. Wir wollen Subventionen abbauen und neue Steuern und Abgaben verhindern Fonte: FDP / Nachhaltige Klimapolitik
  26. 26. PPD «Il PPD vuole aumentare in futuro la produzione di elettricità da fonti rinnovabili per ridurre nettamente le emissioni di CO2» Manca un impegno vincolante con tanto di tempismo In Zukunft will die CVP die Produktion von Strom aus erneuerbaren Energien erhöhen und den CO2-Ausstoss im Inland deutlich verringern Fonte: CVP / Positionspapier Umwelt & Energie
  27. 27. PS «Per rendere la Svizzera neutrale dal punto di vista climatico entro il 2045, occorre accelerare il rinnovo del nostro sistema energetico. Bisogna ridurre il consumo di energia, … accelerare il risanamento energetico degli edifici, elettrificare il traffico stradale, … Occorre un programma vincolante per l’incremento delle energie rinnovabili» Damit die Schweiz bis 2045 klimaneutral wird, muss der Umbau des Energiesystems schneller vorangetrieben werden. Der Verbrauch von Energie muss vermindert, … die Gebäudesanierung beschleunigt, der Strassenverkehr elektrifiziert, … werden. … Es braucht einen verbindlichen Ausbaupfad bei den erneuerbaren Energien Fonte: Risoluzione del congresso del PS del 1-2 dicembre 2018
  28. 28. Verdi liberali «Siamo per la transizione energetica e ci impegniamo per la sua realizzazione. Per concretizzarla in modo economico e per garantire un approvvigionamento energetico sicuro, possiamo creare degli incentivi finanziari tramite tasse d’incentivazione e sistemi di bonus- malus» Manca un impegno vincolante con tanto di tempismo Wir stehen zur Energiewende und setzen uns für deren Umsetzung ein. Finanzielle Anreize über Lenkungsabgaben, Bonus-Malus-Systeme und Anpassungen des Steuersystems können uns zu einer ökologischen, wirtschaftlichen und sicheren Energieversorgung führen. Fonte: grunliberale.ch/Themen/Klima und Energie
  29. 29. Verdi «I verdi assegnano alla politica sul clima la massima priorità … I verdi esigono un approvvigionamento energetico al 100% rinnovabile al più tardi entro il 2050» Die Grünen räumen der Klimapolitik … allerhöchste Priorität ein …Die Grünen fordern die Vollversorgung der Schweiz mit erneuerbaren Energien bis spätestens 2050 Fonte: Grüne.ch / Energie- und Klimapolitik
  30. 30. Ci sono diversi impulsi che il Ticino può dare nel corto termine per avviare la lotta al riscaldamento climatico Ecco alcuni esempi:  Introdurre nella legge edilizia l’obbligo di sostituire negli edifici vecchi, in caso di ristrutturazione, i riscaldamenti a nafta o a gas con pompe a calore  Introdurre nella legge edilizia l’obbligo di munire le nuove costruzioni di tetti fotovoltaici. Idem in caso di ristrutturazioni  Introdurre per i trasporti pubblici locali e regionali su gomma l’obbligo di sostituire man mano i vecchi veicoli a diesel con veicoli elettrici  Favorire la realizzazione di una rete capillare di stazioni di ricarica per veicoli elettrici
  31. 31. Finora ad averla avuta vinta sono stati i Trump svizzeri, che hanno imposto al paese gli interessi particolari delle lobby del petrolio Facciamo in modo che ciò cambi al più presto e che possa iniziare anche da noi una lotta efficace contro le emissioni di gas a effetto serra!
  32. 32. e per chiudere una bella storia Al World Economic Forum di Davos Donald Trump non c’è stato al suo posto ha parlato Greta Thunberg

×