Dalla geopolitica alla politica della biosfera

1,070 views

Published on

Published in: Art & Photos
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Per chi crede ancora che il buonsenso, alla fine, vincerà... Grazie e complimenti.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,070
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dalla geopolitica alla politica della biosfera

  1. 1. Mario Agostinelli <ul><li>Dalla geopolitica alla politica della biosfera (una nuova narrazione) </li></ul><ul><li>ROMA </li></ul><ul><li>27 Settembre 2010 </li></ul>
  2. 3. Il pianeta di notte
  3. 4. Riserve di energia solare (annuali) > 2130 TWh entro il 2020 Africa > 450 TWh Asia – Oceania > 270 TWh Latin America > 270 TWh Middle East > 200 TWh India: > 180 TWh Australia – Japan - NZ > 130 TWh Europe > 90 TWh North America > 180 TWh China > 220 TWh East Europe – Ex URSS > 130 TWh Based on data from B. Dessus & UNESCO ’s Summer School of rural electrification Yearly kWh by m² 1200 1700 1950 2450 850 600
  4. 5. Nel 2008 le riserve accertate mondiali di petrolio erano di 1258 miliardi di barili, sufficienti a coprire per circa 42 anni i consumi rilevati nello stesso anno. 70,9 123.2 125.6 754.1 142.2 42
  5. 6. PRIMA COMBUSTIBILI FOSSILI DOPO ASPO
  6. 7. Concentrazione di gas climalteranti nell’atmosfera comparati all’anno 1750
  7. 8. Il riscaldamento della terra
  8. 9. COSA C’E’ DIETRO LA SPINA?
  9. 10. RETI, CENTRALI , ELETTRODOTTI
  10. 11. LA GEOPOLITICA DEI FOSSILI <ul><li>CONCENTRAZIONE DI CAPITALI, DOMINIO FINANZIARIO DELLE MULTINAZIONALI, CAUSA CRISI </li></ul><ul><li>TENSIONE INTERNAZIONALE RISORSE </li></ul><ul><li>40% ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA IN TRASFORMAZIONI </li></ul><ul><li>+ ENERGIA IMMESSA IN GUERRE, CONTROLLO, RIPARAZIONE DEI DANNI </li></ul>
  11. 12. LA COMBUSTIONE
  12. 13. Cambiamenti climatici EFFETTI NATURALI EXILLES- Alta Valle di Susa- Lago e ghiacciaio
  13. 14. EFFETTI SULLA VITA! <ul><li>Pochi gradi T ± °C cambiano tutto! </li></ul>± 2°C
  14. 15. Italia - Emissioni totali di GHC e valutazione della distanza dall’obiettivo di Kyoto al 2010 <ul><li>MtCO2eq </li></ul>Kyoto Target 483,25 Trend 587
  15. 16. DETERMINANTE E’ RIDURRE <ul><li>Il pianeta non può smaltire il carico energetico a cui viene sottoposto </li></ul><ul><li>L’aumento dei consumi individuali peggiora salute e benessere (auto) </li></ul><ul><li>Aumenta l’ingiustizia sociale </li></ul>
  16. 17. <ul><li>L’energia è una risorsa finita e degradabile. </li></ul><ul><li>L’energia è equilibrio per la biosfera. </li></ul><ul><li>L’energia è diritto alla vita e, quindi, un bene comune. </li></ul>COS’E’ davvero L’ENERGIA?
  17. 18. <ul><li>Alla base di queste riflessioni sta un necessario cambio di paradigma energetico: </li></ul><ul><li>“ sole” o “atomo”? “vita o economia </li></ul><ul><li>Non esistono terze vie </li></ul>
  18. 19. IL FUTURO NON E'PIU' QUELLO DI UNA VOLTA... CONTIAMO IL TEMPO A RITROSO!
  19. 21.
  20. 22. Anni necessari per ottenere energia netta dal nucleare. <ul><li>4 anni per la costruzione di una centrale. </li></ul><ul><li>40 anni di durata di funzionamento. </li></ul><ul><li>10 anni per il pareggio di energia. </li></ul><ul><li>Un impianto fornisce energia netta dal 9° anno. </li></ul><ul><li>Sistema che sviluppa 1 impianto/anno dà energia netta positiva al 13°anno. </li></ul><ul><li>Un sistema che costruisce ogni anno +10% nuovi impianti dà energia netta positiva durante il 15° anno. </li></ul><ul><li>Non va più in perdita un sistema che costruisce ogni anno + 20% nuovi impianti. </li></ul>
  21. 23. In particolare, per quanto riguarda il ritorno dell’Italia al nucleare si osserva che la messa in esercizio della prima centrale nel 2020: <ul><li>darebbe un apporto assolutamente marginale al parco nazionale di centrali esistente sia in termini di potenza che di energia </li></ul><ul><li>inciderebbe molto marginalmente sui costi di produzione </li></ul><ul><li>non darebbe alcun apporto alla riduzione delle emissioni di CO 2 </li></ul><ul><li>concorrerebbe in modo insignificante a ridurre le importazioni di energia elettrica </li></ul><ul><li>non ridurrebbe la dipendenza da altri Paesi </li></ul><ul><li>aumenterebbe i rischi per il territorio e la popolazione </li></ul><ul><li>richiede Piani di emergenza interni ed esterni alla centrale </li></ul><ul><li>rimarrebbe irrisolto il problema del trattamento del combustibile esaurito, quello dello smantellamento della centrale al termine del ciclo di vita e quello del confinamento delle scorie radioattive a medio e lungo decadimento </li></ul><ul><li>farebbe carta straccia del Referendum del 1987 </li></ul><ul><li>il piano porta con sé un effetto di militarizzazione del territorio </li></ul>
  22. 24. PAROLE COME PIETRE: “ INCIDENTE CATASTROFICO” <ul><li>“ Salireste su un’auto che in caso di incidente aumentasse l’andatura fino a disintegrarsi?” </li></ul>
  23. 25. PAROLE COME PIETRE: “ SMALTIMENTO SCORIE” <ul><li>“ Pretendono che la gente salga su un aereo per il quale non esiste nessuna pista di atterraggio”. (Uhlrich Beck) </li></ul>
  24. 26. LE ENERGIE NATURALI <ul><li>Convertono elettricità in unico passaggio </li></ul><ul><li>Diffuse, decentrate, a carattere territoriale </li></ul><ul><li>Integrate nei cicli vitali della biosfera, nell’agricoltura e nell’economia territoriale </li></ul><ul><li>Organizzabili in reti cooperative </li></ul><ul><li>Alla base di lavoro qualificato e stabile </li></ul><ul><li>Favoriscono finalizzazione non speculativa del risparmio </li></ul>
  25. 27. <ul><li>una società solare non si instaura semplicemente invocandola o sperando nelle capacità taumaturgiche del mercato </li></ul><ul><li>ma si costruisce per via politica </li></ul>
  26. 28. UN NUOVO SISTEMA DI RELAZIONI RETI CORTE RETI CORTE RETI CORTE RETI CORTE = RINNOVABILI RETI LUNGHE = RISPARMIO E COLLETTIVO
  27. 29. <ul><li>In una città ecosostenibile: </li></ul><ul><li>I consumi energetici vengono ridotti al minimo. </li></ul><ul><li>Si utilizza oculatamente l’acqua potabile. </li></ul><ul><li>Si fa la raccolta differenziata dei rifiuti. </li></ul><ul><li>Si ricorre all’utilizzo di apparecchiature e sistemi a basso consumo. </li></ul><ul><li>Viene posta particolare attenzione alla costruzione degli edifici. </li></ul><ul><li>La mobilità dovrebbe a sua volta essere garantita trasferendo il più possibile lo spostamento a lunga percorrenza delle merci sulla ferrovia ed aumentando nelle grandi città l’offerta di mezzi pubblici per il trasporto di massa. </li></ul><ul><li>Per il trasporto privato il ricorso all’idrogeno da fonti rinnovabili ed alle celle a combustibile rappresenterebbero un’alternativa ai combustibili fossili. </li></ul><ul><li>Privilegiando il consumo di prodotti agricoli della filiera corta, si ridurrebbero i consumi energetici connessi al trasporto. </li></ul>
  28. 30. Le vie per una mobilità sostenibile <ul><li>Le soluzioni per una mobilità sostenibile </li></ul>
  29. 31. UNA POLITICA INDUSTRIALE IL PMS ARESE; ...EXPO 2015? Hydrogen Community Distretto energetico Distretto della Mobilità Sostenibile DSS per la gestione del traffico Idrogeno: tecnologie di produzione e distribuzione Combustibili alternativi Auto “ecologica”: propulsori ibridi, bi-fuel, a metano, a idrogeno
  30. 32. OCCUPAZIONE RINNOVABILI Eolico 160.000 (Germania 85.100; Spagna 40.000; Danimarca* 23.500; Francia 7.000; Gran Bretagna 4.000) Solare Fotovoltaico 80.000 (Germania 42.000; Spagna 26.800; Francia 3.500; Italia 1.700) Solare Termico 30.000 (Germania 17.400; Spagna 9.142; Italia 3000)
  31. 33. CROSSOVER SOLARE NUCLEARE?
  32. 34. Potenza fotovoltaica installata cumulata nelle principali aree geografiche MW
  33. 35. Potenza cumulativa installata di turbine eoliche nel periodo 1998-2008 MW
  34. 36. UE-27: potenza elettrica installata nel 2009 l’eolico si conferma come prima fonte 03/10/10 Energia per il futturo
  35. 37. Italia: dati eolico 2009 03/10/10 Energia per il futturo 1.114 MW INSTALLATI
  36. 38. Dati Fotovoltaico Italia 2009 (GSE) 03/10/10 Energia per il futturo
  37. 39. Dal Don Chisciotte di Miguel Cervantes <ul><li>“ O perpetuo scopritore degli antipodi, face del mondo, occhio del cielo. Tu che sempre ascendi e, a dispetto delle apparenze non ti corichi mai. Dico a te, sole, con il cui aiuto l’uomo genera l’uomo! Illumina le tenebre del mio ingegno, che senza te mi sento freddo, sfinito, incerto” </li></ul>
  38. 40. <ul><li>“ Conta non ciò che sai, ma ciò che sai essere sbagliato” </li></ul><ul><li>(detto indiano) </li></ul>

×