Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Loading in …3
×
1 of 19

Corso eBIZ -Modulo 01 - introduzione (CW513-004)

0

Share

Download to read offline

Breve corso introduttivo ad eBIZ ed alla sua utilizzazione, la specifica di scambio dati per l'eBusiness dell'industria del tessile abbigliamento e calzatura europea.

Corso articolato in 7 moduli

1 La terminologia
2 eBIZ
3 Il dominio applicativo di eBIZ
4 La lente su…
4a La lente suTessuto
4b La lente su Abbigliamernto
5 Il percorso di adozione
6 Le risorse e la documentazione
7 Validazione e controllo

Maggiori informazioni in www.ebiz-tcf.eu e www.moda-ml.org

The content of this course represents the views of the authors only and is their sole responsibility;
it cannot be considered to reflect the views of the European Commission and/or the Executive Agency for Small and Medium-sized Enterprises or any other body of the European Union.
The European Commission and the Agency do not accept any responsibility for use that may be made of the information it contains.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Corso eBIZ -Modulo 01 - introduzione (CW513-004)

  1. 1. Mini CORSO adozione di eBIZ Gennaio 2017 Terminologia Piero De Sabbata, piero.desabbata@enea.it Arianna Brutti, arianna.brutti@enea.it
  2. 2. Prerequisiti Buona conoscenza pratica con XML Conoscenza della semplice funzione di XML Schema
  3. 3. Obiettivi Introdurre ai concetti e terminologia di eBIZ Conoscere il dominio di applicazione Elementi metodologici per utilizzare eBIZ
  4. 4. “Se avessi i dati di sell-out…” “Se avessi i dati dell’inventario, potrei attivare un servizio di never-out-of-stock…” “I fornitori caricano i dati quando hanno tempo e in modo incompleto…” “Ogni ordine viene inserito manualmente e a volte ci scappa l’errore…” “La soluzione sarebbe ottima ma il fornitore non vuole investire tanto solo per me…” “Ogni cliente pretende gli stessi dati in formato diverso e con procedure differenti…” Scambio dati tra sistemi informatici diversi Diversità procedure organizzative Costi dell’integrazione fornitori/clienti Risultato: interazione povera (pochi dati, autolimitazione alla propria organizzazione) Il punto di partenza
  5. 5. Sommario 1. La terminologia 2. eBIZ 3. Il dominio applicativo di eBIZ 4. La lente su… 5. Il percorso di adozione 6. Le risorse e la documentazione 7. Validazione e controllo
  6. 6. Che cosa intendiamo per ‘Standard’? Presupposti – processo di definizione riconosciuto (enti riconosciuti, status) – un contesto d’uso (scenari e attori) – descrizione formale non ambigua delle specifiche (pubblica, magari a pagamento) autoconsistenza (non dipende da elementi proprietari) – consenso degli stakeholder Standard e standard… – standard formali (ISO xxxx, UNI-xxx, W3C, …) – standard volontari (Eurofer, Papinet, OTA, …) – ‘standard’ de facto (Word e Autocad) Il ricorso a standard consente di - dare fiducia e riconoscibilità del prodotto (p.es. marchi qualità) - creare nuovi servizi/mercati abilitando l’ interoperabilità tra sistemi diversi (p.es.telefonia mobile/vs radio)
  7. 7. 1. Modelli di DOCUMENTI elettronici: definiscono i modelli dei dati e rendono non ambigue le informazioni scambiate (p.es. ordine, report qualità pezza, report vendite, richiesta offerta,…). Il loro uso è obbligatorio. XML Schema (.xsd) <xsd:schema targetNamespace="urn:moda-ml:repository:schema:TEXDyFinOrder" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/XMLSchema" xmlns="urn:moda-ml:repository:schema:TEXDyFinOrder" xmlns:ml="urn:moda-ml:repository:schema:TEXDyFinOrder" elementFormDefault="unqualified" attributeFormDefault="unqualified" version="2013-1"> <!-- Elemento radice --> <xsd:element name="TEXDyFinOrder" type="TEXDyFinOrder_Type"/> <!-- Tipo dell'elemento radice --> <xsd:complexType name="TEXDyFinOrder_Type"> <xsd:annotation> <xsd:documentation>TEXDyFinOrder - Dyeing-finishing commission order of a fabric</xsd:documentation> </xsd:annotation> <xsd:sequence> <xsd:element maxOccurs="1" minOccurs="1" name="TFCOheader" type="TFCOheader_Type"/> <xsd:element maxOccurs="0" minOccurs="0" name="terms" type="terms_Type"/> <xsd:element maxOccurs="1" minOccurs="1" name="TFCObody" type="TFCObody_Type"/> </xsd:sequence> <xsd:attribute default="OR" name="msgfunction" type="msgfunction_Type" use="optional"/> Rappresentazione con XML Schema che sono UNICA FONTE per quanto attiene alla sintassi ed alla struttura dati da usare nei documenti XML. Concetti chiave in eBIZ/1 Istanza XML (.xml) <?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?> <ml:TEXDyFinOrder xmlns:ml="urn:moda-ml:repository:schema:TEXDyFinOrder" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance" xsi:schemaLocation="urn:moda-ml:repository:schema:TEXDyFinOrder http://www.m ml/repository/schema/v2013-1/TEXDyFinOrder.xsd" msgfunction="OR" TFCOtype="FIN" version="2013-1" useProfile="CA <TFCOheader> <msgN>ODL-2013090417281122</msgN> <msgID>001 Prova Disposizione Preparazione</msgID> <msgDate>2013-09-04</msgDate> <buyer logo="FABRICSLTD_LOGO.jpg" sender="true"> <id numberingOrg="MF">IT99999999</id> <legalName>FABRICS srl</legalName> <person email="bianchi@fabrics.it" phone="+39-051-1111111" fax="+39 051
  8. 8. 2. ATTORI o RUOLI rivestiti da diverse organizzazioni o dipartimenti indipendenti tra loro: produttore di capi di abbigliamento, produttore di tessuti, operatore logistico, terzista tintore … Concetti chiave in eBIZ/2 Produttore Filati ConfezioneProd. Tessuti Produttore Accessori Retail MP2 MP1 MP2 … Terzista tessuti Terzista confezione Terzista filati
  9. 9. 3. PROCESSI: descrizione della sequenza in cui avvengono scambi di documenti tra ruoli (fornitura tessuti, vendor managed inventory, lavorazione conto terzi, …). possono suddividersi in ATTIVITA’(p.es. selezione articoli, controllo qualità,…) In eBIZ Processi ed Attività sono un riferimento e non un obbligo; Concetti chiave in eBIZ/3 Ogni processo si basa su - attori - documenti scambiati in sequenza … ATTENZIONE: Il processo in eBIZ prescinde da quanto avviene INTERNAMENTE al sistema dell’attore Rappresentazione con diagrammi di sequenza (UML)
  10. 10. 4. TRANSAZIONE: azione di scambio di un documento in un contesto specifico che, se completata, ha un senso compiuto per le parti. Concetti chiave in eBIZ/4 In eBIZ un medesimo tipo di documento (ad esempio ‘Stato Avanzamento’ o ‘Previsione Collezione Tessuti’) in un contesto specifico può avere un senso diverso e costituire una transazione differente
  11. 11. Esempio: transazioni diverse con medesimo tipo di documento
  12. 12. Concetti chiave in eBIZ/5 Due paradigmi di Scambio dati Procedure call vs Transazione, Messaggio, Documento Transazione: azione di scambio di informazioni che ha un senso compiuto (eventualmente anche legale) per le parti in uno specifico contesto; anche più messaggi (ordine d’acquisto) Messaggio: quanto viene scambiato con una singola azione di trasferimento dati; solitamente si compone di informazioni relative allo scambio (un involucro) e contenuto (payload, il documento ) Documento: l’informazione scambiata, corrispondente al ‘foglio cartaceo’ di una normale comunicazione (texorder.xml) Richiede: sender, receiver e DocID chiamata a Funzione: - Funzione invocata - Autorizzazione - Dati - Risposta
  13. 13. Concetti chiave in eBIZ/6 5. Regole di business: ulteriori regole o vincoli, espressi con testi o con Schematron (.sch), per esempio: − relativi alla contestualizzazione di un modello di documento in una particolare fase del processo di business (un ordine aperto non indica la data di consegna) − o semplicemente non esprimibili con la sola sintassi XML Schema (se stai usando sistema di taglie numerico non puoi assegnare taglia=“SMALL”) Schematron (.sch) …. <sch:pattern> <sch:rule context="cbc:IssueDate"> <sch:assert test="(translate($OrderResp//eBizORD:OrderResponse/cbc:IssueDate, '-', '')) &gt;= (translate(current(), '-', ''))" >La data di emissione della risposta ordine deve essere uguale o successiva alla data di emissione del catalogo.</sch:assert> </sch:rule> <sch:rule context="//cac:StandardItemIdentification"> <sch:assert test="$OrderResp//cac:StandardItemIdentification/cbc:ID = ./cbc:ID">Gli articoli nella risposta ordine devono essere presenti nel catalogo.</sch:assert> </sch:rule> </sch:pattern> … Esprimono principalmente regole di qualità e, normalmente, sono utilizzate in fase di test di interoperabilità con appositi validatori
  14. 14. Concetti chiave in eBIZ/7 Conformità Conformità ad una specifica significa: − supportare tutti i requisiti della specifica − non violare i vincoli imposti dalla specifica un’implementazione può essere conforme a eBIZ anche se non implementa tutte le sue parti (parliamo di livelli di conformità) In prima istanza i documenti XML sono validati su XML Schema, ma per essere veramente interoperabili occorre verificare anche i processi di collaborazione, regole di business ecc. Perché è importante la conformità: 1) Riconoscibilità dei pacchetti software che implementano in modo corretto («conforme») le specifiche 2) Minimizzazione del rischio di non interoperabilità tra applicazioni (e quindi i tempi di messa a punto delle collaborazioni inter-aziendali) ATTENZIONE: in questo campo non equivale a ‘compatibilità’, concetto meno stringente
  15. 15. Concetti chiave in eBIZ/8 Interoperabilità vs integrazione Integrazione: uniformarsi a principi comuni − tendere a comportarsi come oggetto unico − p.es. uniformare rappresentazione interna delle informazioni nel DB Interoperabilità: concordare regole tra diversi − loose coupling tra oggetti autonomi − p.es. mantenere proprie rappresentazioni delle informazioni e concordare regole scambio dati Interoperabilità: la capacità di un sistema o prodotto di operare con altri senza che questo richieda sforzi particolari da parte dell’utente (whatis.com) (il modello plug&play) ...quindi in eBIZ: lavorare in modo indipendente al proprio interno e coordinarsi e connettersi con i partner della propria filiera a livello di front-end sulla base di scenari e standard condivisi
  16. 16. Contraddizione tra gradi di libertà nelle specifiche e interoperabilità ci sono ostacoli all’interoperabilità anche in presenza di standard - Non tutti i requisiti possibili sono supportati (standard basati sul principio di Pareto 80/20) - Non sempre tutti i vincoli sono chiaramente/formalmente espressi - Sono ammessi dei GRADI di LIBERTA’ QUALUNQUE MIO SCENARIO E’ SUPPORTATO? NO! Requisiti Casi soddisfatti 100%
  17. 17. GRADI di LIBERTA’ che ostacolano scambi dati plug-&-play: - Elementi opzionali (possibili ma non obbligatori), sono da gestire e se sono TANTI non tutte le implementazioni li supportano per contenere i costi p.es. in UBL ci sono milioni di possibili XPATH per l’ordine, ma se ne usano alcune decine (diversamente da eBIZ/Moda-ML) - Più collocazioni di una informazione sono possibili p.es. refDoc inserito in header o in ogni item - Codifiche libere: p.es. testo libero anziché valori tabellati (a volte consentiti entrambi) p.es. payTerm(tabella) e payTermText(testo libero) oppure uso di note - Ambiguità: differenti interpretazioni della medesima indicazione I gradi di libertà nelle specifiche NOTA: Spesso codifiche libere sono preferite da programmatori anche se non necessarie
  18. 18. Una possibile risposta: il Profilo d’Uso − Restringere l’utilizzazione delle specifiche a un (sotto) dominio ben definito ed effettivamente utilizzato − Ridurre ambiguità e incertezze interpretative − Coerenza degli aspetti organizzativi e contrattuali con il modello scelto per abbassare costi di implementazione per migliorare interoperabilità Alcune ‘sfide’ nell’implementazione di specifiche standard per eBusiness: PROFILO d’ USO è una formalizzazione di COME va implementata la specifica in un dominio e contesto specifico (in un sottosettore, in una community, tra i fornitori di una azienda capocommessa,…)
  19. 19. Fine dell’introduzione Abbiamo parlato di definizioni di standard ed interoperabilità terminologia utilizzata in eBIZ: concetti: processi, documenti, transazioni rappresentazioni: diagrammi di sequenza (UML), xsd, schematron… conformità la contraddizione tra interoperabilità e gradi di libertà nelle specifiche specifica standard e profilo d’uso i profili d’uso che cosa consentono e che cosa non consentono chi li produce / come si usano DOMANDE e DUBBI?

×