Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Formazione SESEC Modulo 5: Fonti Rinnovabili e co-generazione

759 views

Published on

Questo è un modulo di formazione sviluppato nel progetto europeo SESEC. Per maggiori informazioni e per accedere agli altri moduli di formazione vedere qui: www.sesec-training.eu

Published in: Engineering
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Formazione SESEC Modulo 5: Fonti Rinnovabili e co-generazione

  1. 1. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 1Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  2. 2. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 2 SOMMARIO  Introduzione – La cogenerazione e le fonti rinnovabili nelle reti intelligenti – Energia rinnovabile – Cogenerazione  Teoria  Energia solare  Energia da biomassa  Energia eolica  Energia geotermica  Energia idraulica  Tecnologie della cogenerazione  Esercizi  Business Case  Sommario Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  3. 3. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 3Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  4. 4. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 4 Cogenerazione e fonti energetiche rinnovabili per reti intelligenti Le smart cities si incentrano nella logica della generazione distribuita Generazione distribuita (DG) Alcune fonti energetiche rinnovabili sono caratterizzate da una grande discontinuità Accumulo rete Efficienza energetica Cogenerazione Fonti rinnovabili Produzione locale di energia ICT Bilanciamento dei carichi Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  5. 5. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 5 Si possono definire fonti energetiche rinnovabili quelle che hanno un tempo di rigenerazione inferiore (o uguale) al tempo di utilizzo. Pertanto non posso essere considerate rinnovabili le fonti fossili. Le fonti rinnovabili sono: • Solare • Biomassa • Eolica • Geotermica • Idraulica Efficienza energetica (non è una fonte energetica, ma contribuisce a ridurre l’utilizzo di energia) Energia rinnovabile Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  6. 6. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 6 “… sistema integrato che converte l’energia primaria di una qualsivoglia fonte di energia nella produzione congiunta di energia elettrica e di energia termica (calore)…” [1] Produzione combinata di energia elettrica e di calore Definizione dalla Delibera AEEG n. 42/02 19 marzo 2002 Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  7. 7. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 7Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  8. 8. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union Energia solare => riscaldamento, raffreddamento, illuminazione ed elettricità Grande potenziale: In un’ora il sole fornisce l’energia necessaria, in base ai consumi globali attuali, all’interno pianeta in un anno. Tecnologie: • solare termico • solar cooling • fotovoltaico • solare a concentrazione ENERGIA SOLARE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  9. 9. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 9 ENERGIA SOLARE 100 °C Temperature 150 °C Produzione di acqua calda sanitaria Riscaldamento o preriscaldamento fluidi di lavoro (uso industriale) Teleriscaldamento Solare termico Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  10. 10. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 10 • Tecnologia matura • Assenza emissioni locali di CO2 • Silenziosità • Variabilità • Possibilità di accumulo • Impatto ambientale variabile ENERGIA SOLARE Solare termico: caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  11. 11. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 11 Sistemi a ciclo chiuso • Adsorbimento • Assorbimento Sistemi a ciclo aperto • Sistemi DEC (Desiccant & Evaporative Cooling Systems) ENERGIA SOLARE Solar cooling Solar collector Dehumidificationwheel Heatrecoverywheel HumidifierHumidifier Intake Exhaust Return air Supply air Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  12. 12. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 12 • Tecnologia relativamente recente • Alti costi per taglie piccole • Assenza di emissioni locali di CO2 • Silenziosità • Variabilità • Possibilità di accumulo ENERGIA SOLARE Solar cooling: caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  13. 13. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 13 Conversione diretta dell’energia solare in elettricità • Alti costi dell’elettricità • Possibilità di concentrazione • Nuovi materiali organici al posto del silicio • Stoccaggio dell’energia • Batterie • Acqua calda mediante effetto Joule • Produzione di idrogeno ENERGIA SOLARE Fotovoltaico inverter End users Grid Direct current Alternative current Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  14. 14. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 14 • Assenza di emissioni locali di CO2 • Silenziosità • Distribuzione sul territorio • Bassa efficienza • Produzione della sola energia elettrica • Produzione intermittente • Impatto ambientale • Uso del suolo (agricoltura) Fotovoltaico: caratteristiche ENERGIA SOLARE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  15. 15. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 15 Concentra il sole per unità di superficie Usi termici • Parabolico lineare • Sistemi a torre con ricevitore centrale • Collettori lineari di tipo Fresnel • Collettori a disco parabolici Usi elettrici • Termodinamico – Parabolico lineare e sistemi a torre ENERGIA SOLARE Solare a concentrazione (CSP) Recentemente vengono utilizzati sali fusi per migliorare il ciclo termodinamico Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni Fonte: ENEA Quaderno solare termico a bassa e media temperatura Fonte: ENEA Quaderno solare termico a bassa e media temperatura
  16. 16. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 16 ENERGIA SOLARE • Assenza di emissioni locali di CO2 • Silenziosità • Distribuzione sul territorio • Produzione aleatoria • Impatto ambientale (soprattutto per i sistemi a torre) • Uso del suolo (suolo agricolo) • Alte temperature raggiunte (T fino a 550° C ) • Miglioramento del ciclo termodinamico • Necessità di riscaldare i sali fusi durante la notte Solare a concentrazione (CSP): caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  17. 17. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 17 • Processi termochimici • Processi biochimici Biocarburanti: la biomassa viene convertita in carburante • Olio di colza e di girasole (biodiesel), • Canna da zucchero, barbabietola, mais (bioetanolo). Energia elettrica: Bruciando la biomassa direttamente o previa conversione combustibili liquidi o gassosi (in modo da massimizzare l’efficienza), per generare energia elettrica. Bioprodotti: Conversione chimica della biomassa per la produzione di plastica e altri prodotti derivati dal petrolio ENERGIA DA BIOMASSA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  18. 18. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 18 Biomass Organic wastes Forest Vegetables Technological transformation of products - Food - No food Agricultural - Animals - Vegetables Energetic coltivations Aquatic Land ENERGIA DA BIOMASSA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni [3] Fonte: Corso di Impatto ambientale Modulo b) Aspetti energetici prof. ing. Francesco Asdrubali Energia dalle Biomasse
  19. 19. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 19 PRINCIPALI TECNOLOGIE DISPONIBILI PER L’USO DI BIOMASSA ENERGIA DA BIOMASSA Biomass Wood Oil-bearing crops Glucose crops Organic waste Treatment (mechanics, thermochemical, biochemical) Mechanics (Cips …) Gasification Carbonizzation Pirolysis Esterification Alcoolic fermentation Anaerobic digestion Wood Fuel Gas Coal Oil Ethanol Internal Combustion Engine (Otto cycle) Internal Combustion Engine (diesel cycle) Gas Turbine Gas Microturbine Boiler + steam turbine Technology Pirolysis Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  20. 20. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 20 • disponibilità alla domanda • possibilità di accumulo • possibile la produzione sia di energia elettrica che di calore • tecnologicamente in fase di sviluppo • possibile utilizzo di diserbanti • impatto ambientale (da molto limitato a non trascurabile) ENERGIA DA BIOMASSA Energia da biomassa: caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  21. 21. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union L’energia eolica è una forma di energia solare. Tecnologie: turbine ad asse orizzontale e turbine ad asse verticale Localizzazione : on shore/off shore Potenze: fino ad 8 MW ENERGIA EOLICA Rotor Breaking system Tower and base Overgear Generator Control system Nacelle, yaw system Fonte: ENEA opuscolo l’energia eolica [4] Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  22. 22. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 22 • Assenza di emissioni locali di CO2 • Impatto ambientale - inquinamento acustico - Biodiversità - visivo • Produzione intermittente ENERGIA EOLICA Energia eolica: caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  23. 23. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 23 Utilizzo del calore terrestre presente sottoforma di vapore o acqua calda a varie temperature [5] • Sistemi idrotermici a vapore dominante • Sistemi idrotermici ad acqua dominante • Sistemi a rocce calde • Sabbie geopressurizzate L’energia geotermica viene classificata in funzione dell’entalpia ENERGIA GEOTERMICA Calore ad alta entalpia 630 kcal/kg (vapore secco) Calore a medio- alta entalpia 100-630 kcal/kg (mix di acqua e vapore) Calore a bassa entalpia 100 kcal/kg (acqua a 100 ° C) Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  24. 24. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 24 Alta entalpia • Energia elettrica • Vapore per uso industriale Bassa-media entalpia • balneologia and spa • acquacoltura • usi industriali • essiccazione • altri usi ENERGIA GEOTERMICA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  25. 25. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 25 Usi domestici • Tecnologia matura • Larga scala di potenza • Su richiesta • Impatto ambientale ridotto o trascurabile • Temperatura: 12-15 °C • Possibilità di raffrescamento • Riscaldamento con integrazione di pompe di calore ENERGIA GEOTERMICA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni Energia geotermica: caratteristiche
  26. 26. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union Usa l’energia potenziale dell’acqua Turbine diverse in funzione del salto idraulico disponibile. • Pelton, • Francis, • Kaplan, • Cross Flow (Banki) • Coclea di Archimede ENERGIA IDROELETTRICA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  27. 27. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 27 • Tecnologia matura • Assenza di emissioni locali di CO2 • Produzione programmabile • Accumulo • Impatto ambientale • Danni all’ecosistema • Produzione di sola energia elettrica ENERGIA IDROELETTRICA Idroelettrica: caratteristiche Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  28. 28. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 28 L’idea di cogenerazione è insita nel Secondo Principio della Termodinamica: • Nelle tecnologie concretamente realizzabili e utilizzate, la frazione di calore scartato è quasi sempre maggiore della frazione convertita in lavoro meccanico. • Un generico ciclo termodinamico destinato a convertire calore in lavoro meccanico deve necessariamente scaricare una parte del calore introdotto nel ciclo. • L’energia termica è una forma di energia ampiamente richiesta in ambiente industriale e civile. • Il processo di cogenerazione porta ad un più razionale uso dell’energia primaria rispetto ai processi che producono separatamente le due forme di energia. COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  29. 29. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 29 Gli impianti che producono separatamente energia elettrica e calore sono definiti, in questa nuova ottica: SHP: Separated Heat and Power Un confronto di massima tra le due soluzioni impiantistiche aiuta a valutare i vantaggi della generazione combinata (CHP) rispetto alla generazione separata (SHP) di energia COGENERAZIONE VS. PRODUZIONE SEPARATA Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  30. 30. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 30 Energia chimica mcHi Calore Q Lavoro L Lavoro utile Le Inquinamento chimico Inquinamento termico Perdite meccaniche Calore utile Energia elettrica Energia termica CHP Vs SHP ηmηtηc Energia chimica mcHi Calore Q ηt ηc SHPCHP Energia chimica mcHi Calore Q Lavoro L Lavoro utile Le Inquinamento chimico Perdite meccaniche Energia elettrica e termica Calore utile ηmηtηc COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  31. 31. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 31 A) PRODUZIONE SEPARATA DI ELETTRICITA’ E CALORE (In tutte le figure abbiamo unità energetiche)  = 80/148 = 54% 50 ( =80%) 30 ( =35%) Perdite = 68 THERMAL REQUEST ELECTRIC REQUEST + + 80 63 85 148 IN COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni OUT
  32. 32. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 32 B) PRODUZIONE COMBINATA DI ELETTRCITA’ E CALORE (In tutte le figure abbiamo unità energetiche) 50 30 IN Perdite = 20 THERMAL REQUEST ELECTRIC REQUEST + COGENERATION PLANT 80 100  = 80/100 = 80% 100 COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  33. 33. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 33 L’utilizzo di sistemi di cogenerazione permette di ridurre i consumi di energia primaria dal 15-40% a partita di energia elettrica e calore prodotto. COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  34. 34. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 34 • Economico: grazie alla miglior efficienza d’impianto si sfrutta meglio l’energia contenuta nel combustibile, consumando meno. Ulteriore risparmio è legato alla produzione localizzata dell’energia. • Ambientale: minore consumo di combustibile implica minori emissioni nocive nell’ambiente. • Finanziario: la cogenerazione è considerata una fonte di energia assimilabile alle fonti alternative (sole, vento, geotermia) e gode quindi di incentivi e facilitazioni previsti dalla legge. COGENERAZIONE CHP: caratteristiche 1/2 Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  35. 35. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 35 • Necessità di corrispondenza tra produzione e domanda sia per l’energia elettrica che termica. • Affinché si realizzi una convenienza economica per l’impianto le utenze termiche ed elettriche devono trovarsi nelle vicinanze del sistema di generazione. • Maggiori costi di impianto rispetto ai sistemi tradizionali imputabili alla complessità degli impianti cogenerativi. COGENERAZIONE CHP: caratteristiche 2/2 Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  36. 36. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 36 La valutazione del risparmio può essere rappresentata in termini matematici [1]: COGENERAZIONE  CTHUCELC C /Q+/W F 1= F F-F =ndexEfficencyI ,,  Questo Indice di Efficienza fornisce un’idea di quanta energia può essere risparmiata con il CHP. Viene definito come il rapporto tra: • Fc-F: differenza tra energia primaria assorbita dall’SHP (Fc) e quella assorbita dal CHP (F), a parità di energia elettrica e termica in uscita • Fc: energia primaria assorbita dall’SHP Può essere espresso dalla seconda formula dove: • W: è l’energia elettrica in uscita • Qu: è l’energia termica in uscita • I due η sono, rispettivamente, il rendimento dell’impianto di generazione elettrica e della caldaia Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  37. 37. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 37 Componenti principali • Motore • Generatore • Scambiatore • Sistema di controllo • Sistema di distribuzione • Connessioni elettriche • Cabina di trasformazione (se si prevede di vendere l‘energia elettrica) COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  38. 38. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 38  Turbine a gas a ciclo combinato con recupero di calore  Turbine a vapore a contropressione  Turbina a condensazione con spillamento di vapore  Turbine a gas con recupero di calore  Motore a combustione interna  Microturbine  Motori Stirling  Pile a combustibile  Motori a vapore  Cicli Rankine a fluido organico  Ogni altro tipo di tecnologia o combinazione di tecnologie che rientrano nella definizione di cogenerazione (articolo 3, lettera a) Impianti considerati cogenerativi [6] Fonte: ENEA Desire – Net Project COGENERAZIONE Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  39. 39. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 39 Confronto delle efficienze tra i diversi generatori COGENERAZIONE Legenda SOFC: Solid Oxide Fuel Cell MCFC: Molten Carbonate Fuel Cells CCGT: Combined Cycle Gas Turbine GT: Gas Turbine ICE: Internal Combustion Engine PAFC: Phosphoric Acid Fuel Cells PEM: Polymeric Electrolytic Membrane Fuel Cells GT: Gas Turbine MT: Micro Turbine Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  40. 40. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 40Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  41. 41. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 41 Supponendo di avere un fabbisogno di energia elettrica di 80 kWh e di energia termica di 90 kWh, calcolare la variazione dei consumi utilizzando un CHP e un SHP. Dati: • centrale termoelettrica rendimento del 45%. • centrale termica rendimento del 95%. • cogeneratore: rendimento elettrico del 40% e rendimento termico del 45% Risparmio di energia primaria Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  42. 42. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 42 Risparmio di energia primaria Riduzione dei consumi di circa il 27% Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni SHP CHP Energia elettrica Energia termica Energia consumata (PCI) 80/0,45 = 178 kWh 90/0,95 = 95 kWh 273 kWh 80/0,40 = 200 kWh 90/0,45 = 200 kWh 200 kWh Questo non deve essere sommato perchè si riferisce a una produzione simultanea di energia elettrica e termica
  43. 43. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 43 MOTORI AD ALTA EFFICIENZA Quale dei seguenti profili di carico è indicato per la cogenerazione? Diagramma b Diagramma a Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  44. 44. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 44 MOTORI AD ALTA EFFICIENZA Quale dei seguenti profili di carico è indicato per la cogenerazione? Diagramma b Diagramma a Con utilizzo di sistema di accumulo Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  45. 45. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 45Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  46. 46. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 46 Esempio pratico “Hypo Alpe Adria”[7] Impianto di trigenerazione per il riscaldamento e condizionamento di un distretto : L’impianto di trigenerazione “Hypo Alpe Adria” si trova a Tavagnacco (UD) nella parte nord-est dell’Italia. Nella zona nord del distretto di Udine è stata costruita una zona residenziale con edifici pubblici e privati, incluso una piscina, un hotel, una sede di una banca italiana e altre strutture al servizio della comunità. L’impianto “Hypo Alpe Adria” include un motore CHP da 1 MW di potenza elettrica e circa 1.3 MW di potenza termica. Inoltre, sono state installate due caldaie con 1.2 e 2.0 MW di potenza termica. L’impianto di condizionamento comprende due refrigeratori da 1 MW di potenza e un refrigeratore ad assorbimento da 0.5 MW di potenza. Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  47. 47. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 47 Capacità elettrica (totale) 1,06 Mwe Capacità termica (totale) 1,27 MWt Tecnologia Motor engine N. di unità 1 Produttore Jenbacher Tipo di combustibile Metano Elettricità (produzione annuale) 2,37 GWh Calore (produzione annuale) 2,57 GWh Anno di costruzione 2006 Costo totale dell’investimento € 2.800.000 Finanziamento Fondi propri Aiuti di Stato Certificati, riduzione tasse Collocazione Tavagnacco,Italia Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  48. 48. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 48Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  49. 49. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 49  Alcune fonti rinnovabili presentano forti discontinuità di produzione.  Si rende necessaria la realizzazione di distretti energetici per l‘ottimizzazione e l‘utilizzo dell‘energia prodotta.  I sistemi CHP dove si richiede la produzione di energia termica ed elettrica rappresentano un modo per poter efficientare l‘utilizzo di fonti primarie.  I CHP possono essere alimentati anche con fonti rinnovabili (biomassa). Conclusioni Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  50. 50. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 50 Bibliografia  [1] AEEG (2002) n. 42/02 19 March, 2002  [2] www.roma1.infn.it/rog/pallottino/bacheca/Sole%20e%20rinnovabili.pdf  [3] Corso di Impatto ambientale Modulo b) Aspetti energetici prof. ing. Francesco Asdrubali Energia dalle Biomasse  [4] Opuscolo ENEA ENERGIA EOLICA  [5] Francesco Zarlenga - ENEA [2011] EAI Energia Ambiente e Innovazione 3/2011  [6] European Parliament [2004] Directive 2004/8/EC on the promotion of cogeneration based on a useful heat demand in the internal energy market and amending Directive 92/42/EEC  [7] CODE PROJECT IEE – Cogeneration Case Studies Handbook  [8] http://www.vestas.com/en/products_and_services/turbines/v164-8_0-mw#!at-a-glance Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni
  51. 51. Co-funded by the Intelligent Energy Europe Programme of the European Union 51 Riferimenti delle foto - 1  Slide 15 – ENEA Quaderno solare termico a bassa e media temperatura www.enea.it/it/enea_informa/documenti/quaderni-energia/solare.pdf  Slide 21 – ENEA Opuscolo l’energia eolica old.enea.it/produzione_scientifica/pdf_op_svil_sost/Op19.pdf  Slide 38 - ENEA Desire – Net Project www.desire-net.enea.it Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni

×