La gestione irrigua nel contesto della Direttiva Europea sull’acqua <ul><li>Principi ispiratori </li></ul><ul><li>Attuazio...
La Direttiva Quadro 2000/60/CE (WFD)‏ <ul><li>Definisce i criteri e le linee d’intervento per una politica comune sulle ac...
ObiettiviWFD   Ampliare la protezione delle acque, sia superficiali che sotterranee Raggiungere lo stato “buono” per tutte...
Tempi di applicazione WFD Fine primo ciclo di gestione 2020 Raggiungimento degli obiettivi ambientali 2015 Implementazione...
Si registra in Italia un ritardo nell’attuazione dei requisiti della WFD   A che punto siamo in Italia ? Art. 8 – Programm...
Stato di attuazione dei primi adempimenti (2004-2005) della Direttiva nei vari paesi dell'Unione Europea
Strumenti Economici nella WFD <ul><li>Politica “Ambiziosa”  “Costosa”  </li></ul><ul><li>Analisi Economica  degli usi dell...
Costi ambientali Costi connessi al danno economico apportato all’ambiente acquatico e ad altri utilizzatori della risorsa ...
<ul><ul><li>Information available on cost recovery </li></ul></ul>Analisi Economica
La WFD in Agricoltura <ul><li>Azioni previste nei piani di gestione </li></ul><ul><ul><li>Promuovere uso efficiente dell’a...
La WFD in Agricoltura <ul><li>Azioni supplementari per raggiungere il Buono Stato Ecologico </li></ul><ul><ul><li>Codici d...
INEA “ DIRETTIVA QUADRO PER LE ACQUE 2000/60   – ANALISI DELL’IMPATTO SUL SETTORE IRRIGUO E DELLA PESCA ” <ul><li>Premessa...
Metodologia utilizzata <ul><li>Area di indagine  Consorzio della Bonificazione Umbra;  </li></ul><ul><li>Simulazione dei p...
Scarsità idrica a livello di Pianificazione <ul><li>La stima della funzione di domanda dell'acqua aziendale viene ottenuta...
Scarsità idrica legata a situazioni di emergenza <ul><li>Stima del  danno  che il comparto agricolo subirebbe a fronte di ...
Effetti misure di tariffazione al consumo della risorsa idrica  <ul><li>La tariffazione della risorsa  al consumo , anche ...
Considerazioni conclusive <ul><li>Per l’applicazione della WFD in agricoltura:  </li></ul><ul><ul><li>La conoscenza puntua...
Nuovi concetti da recepire <ul><li>Riordino delle utenze irrigue </li></ul><ul><li>Nuovi modelli Governance della risorsa ...
 
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Bonati

407 views
334 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
407
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bonati

  1. 1. La gestione irrigua nel contesto della Direttiva Europea sull’acqua <ul><li>Principi ispiratori </li></ul><ul><li>Attuazione </li></ul><ul><li>Agricoltura </li></ul><ul><li>Alcune considerazioni </li></ul>
  2. 2. La Direttiva Quadro 2000/60/CE (WFD)‏ <ul><li>Definisce i criteri e le linee d’intervento per una politica comune sulle acque </li></ul><ul><ul><li>Snellimento del quadro legislativo europeo in materia di acqua; </li></ul></ul><ul><ul><li>Si ispira a principi di sostenibilità (Ambientale, Etica, Ecologica e Sociale); </li></ul></ul><ul><ul><li>Gestione integrata Distretto idrografico; </li></ul></ul><ul><ul><li>Principi di efficienza ed equità; </li></ul></ul><ul><ul><li>Strumenti Economici: “polluter-pays”-“user-pays”-“FCR” garantire che i prezzi dell’acqua ne riflettano il reale Valore Economico; </li></ul></ul><ul><li>Obiettivi </li></ul><ul><ul><li>Impedire l’ulteriore deterioramento di tutti i corpi idrici intesi nella loro globalità funzionale </li></ul></ul><ul><ul><li>Riduzione graduali degli scarichi puntuali ma anche delle emissioni e perdite di sostanze pericolose fino alla loro eliminazione </li></ul></ul><ul><li>Schema D eterminanti P ressioni S tato I mpatti R isposte </li></ul>
  3. 3. ObiettiviWFD Ampliare la protezione delle acque, sia superficiali che sotterranee Raggiungere lo stato “buono” per tutte le acque entro in 31 dicembre 2015 Gestire le risorse idriche sulla base di bacini idrografici indipendentemente dalle strutture amministrative Procedere attraverso un’azione che unisca limiti delle emissioni e standard di qualità Riconoscere a tutti i servizi idrici il giusto prezzo che tenga conto del costo economico reale Rendere partecipi i cittadini delle scelte adottate in materia
  4. 4. Tempi di applicazione WFD Fine primo ciclo di gestione 2020 Raggiungimento degli obiettivi ambientali 2015 Implementazione di tutte le misure programmate 2012 Introduzione del pricing dell’acqua 2010 Pubblicazione Piani di Gestione 2009 Inizio consultazione pubblica 2008 Inizio programmi di monitoraggio 2006 Caratterizzazione, individuazione delle pressioni e impatti e analisi economica degli usi 2004 Identificazione dei distretti idrografici 2003 Trasposizione nella legislazione nazionale 2003
  5. 5. Si registra in Italia un ritardo nell’attuazione dei requisiti della WFD A che punto siamo in Italia ? Art. 8 – Programmi di monitoraggio Art. 24 – Recepimento WFD Art. 5 – Caratt. Bacini Idrografici Art. 3 – Identificazione Distretti D.Lgs 152/06 D.Lgs 152/06 Inviato Report Inviato Report
  6. 6. Stato di attuazione dei primi adempimenti (2004-2005) della Direttiva nei vari paesi dell'Unione Europea
  7. 7. Strumenti Economici nella WFD <ul><li>Politica “Ambiziosa” “Costosa” </li></ul><ul><li>Analisi Economica degli usi delle acque: </li></ul><ul><ul><li>Valore economico associato alle diverse funzioni ambientali </li></ul></ul><ul><ul><li>Determinanti economiche della domanda e dei fattori di pressione sulle risorse </li></ul></ul><ul><li>Principio di recupero dei costi attraverso le tariffe gestione, manutenzione delle attrezzature, investimenti, sviluppi futuri, nonché i costi connessi con l'ambiente e l'impoverimento delle risorse (C.A.R.)‏ </li></ul><ul><li>Analisi costi-benefici delle misure: </li></ul><ul><ul><li>Misure di base (attuative della normativa comunitaria e finalizzate anche al recupero dei costi del servizio idrico e a garantire un impiego efficiente e sostenibile dell'acqua)‏ </li></ul></ul><ul><ul><li>Misure supplementari (provvedimenti studiati e messi in atto a complemento delle misure di base al fine di perseguire gli obiettivi di qualità ambientale)‏ </li></ul></ul>
  8. 8. Costi ambientali Costi connessi al danno economico apportato all’ambiente acquatico e ad altri utilizzatori della risorsa causato dall’uso alternativo e competitivo della risorsa stessa come l’emungimento di acque sotterranee o lo scarico di acque reflue (WATECO) ...e in Italia ? <ul><li>non esiste ne una definizione ufficiale dei costi ambientali </li></ul><ul><li>non esistono indicazioni sui metodi economici di valutazione di tali costi </li></ul>INEFFICIENTE ALLOCAZIONE DELLA RISORSA INQUINAMENTO DELLA RISORSA COSTO AMBIENTALE € /m 3 0.16 – 0.24 eutrofizzazione € /m 3 0.063 – 0.072 pesticidi € /m 3 0.29 – 0.34 nitrati STIMA PRELIMINARE EFFETTUATA IN FRANCIA
  9. 9. <ul><ul><li>Information available on cost recovery </li></ul></ul>Analisi Economica
  10. 10. La WFD in Agricoltura <ul><li>Azioni previste nei piani di gestione </li></ul><ul><ul><li>Promuovere uso efficiente dell’acqua </li></ul></ul><ul><ul><li>Proteggere le fonti di approvvigionamento idropotabile </li></ul></ul><ul><ul><li>Monitoraggio e controllo dei prelievi </li></ul></ul><ul><ul><li>Assicurare la copertura dei costi dei servizi </li></ul></ul><ul><ul><li>Adottare misure preventive per ridurre l’inquinamento di origine diffusa </li></ul></ul><ul><ul><li>Assicurare che la morfologia dei corsi d’acqua ne rispetti la naturalità </li></ul></ul><ul><ul><li>Eliminare l’inquinamento da parte delle sostanze prioritarie e ridurre progressivamente le altre </li></ul></ul>
  11. 11. La WFD in Agricoltura <ul><li>Azioni supplementari per raggiungere il Buono Stato Ecologico </li></ul><ul><ul><li>Codici di buona pratica agricola </li></ul></ul><ul><ul><li>Misure di pianificazione territoriale </li></ul></ul><ul><ul><li>Promozione dei risparmio di acqua </li></ul></ul><ul><ul><li>Ricerca, innovazione e formazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Misure preventive per proteggere le fonti idropotabili </li></ul></ul><ul><ul><li>Zone di salvaguardia e di rispetto </li></ul></ul>
  12. 12. INEA “ DIRETTIVA QUADRO PER LE ACQUE 2000/60 – ANALISI DELL’IMPATTO SUL SETTORE IRRIGUO E DELLA PESCA ” <ul><li>Premessa: </li></ul><ul><ul><li>La direttiva richiama più volte al concetto di integrazione delle politiche come strumento indispensabile per attivare sinergie e contribuire al perseguimento degli obiettivi, prima tra tutte la Politica Agricola Comune; </li></ul></ul><ul><ul><li>nuovi scenari imposti dalla Politica Agricola Comunitaria (produzioni di qualità maggiore ricorso all’irrigazione); </li></ul></ul><ul><li>Obiettivo: </li></ul><ul><ul><li>Valutazione economica del valore della risorsa idrica per il settore agricolo ( scarsità idrica )‏ </li></ul></ul><ul><ul><li>un quadro informativo in grado di supportare il recepimento della direttiva acque 2000/60, relativamente al settore agricolo. </li></ul></ul>
  13. 13. Metodologia utilizzata <ul><li>Area di indagine Consorzio della Bonificazione Umbra; </li></ul><ul><li>Simulazione dei processi produttivi agricoli, in particolare in riferimento all'uso dell'acqua (scarsità idrica): </li></ul><ul><ul><li>Pianificazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Imprevista interruzione (stop fornitura)‏ </li></ul></ul><ul><ul><li>Tariffazione </li></ul></ul><ul><li>Banche dati INEA: </li></ul><ul><ul><li>RICA (uso del suolo, costi di produzione, le produzioni, i ricavi, e contributi); </li></ul></ul><ul><ul><li>SIGRIA (informazioni specifiche sull’agricoltura irrigua e i consumi idrici). </li></ul></ul>
  14. 14. Scarsità idrica a livello di Pianificazione <ul><li>La stima della funzione di domanda dell'acqua aziendale viene ottenuta facendo variare la disponibilità della risorsa; </li></ul><ul><li>L'equazione dei consumi idrici si traduce in un vincolo di disponibilità e permette dì quantificare il valore marginale della risorsa, (prezzo ombra). </li></ul><ul><li>Il prezzo ombra esprime il valore monetario del metro cubo di acqua, ed equivale alla variazione registrata dalla funzione obiettivo (il reddito), a seguito di una variazione unitaria nella disponibilità della risorsa stessa. </li></ul><ul><ul><li>Ci fornisce misure quantitative della redditività della risorsa ( Prod. Mle)‏ </li></ul></ul><ul><ul><li> Girasole: < 10 € cent/m 3 </li></ul></ul><ul><ul><li>Mais: tra 5 e 8 cent/m 3 </li></ul></ul><ul><ul><li>Barbabietola zucchero: tra 3 e 30 cent/m 3 </li></ul></ul><ul><ul><li>Tabacco: tra 50 e 70 cent/m 3 </li></ul></ul>
  15. 15. Scarsità idrica legata a situazioni di emergenza <ul><li>Stima del danno che il comparto agricolo subirebbe a fronte di una situazione di emergenza imprevista in un momento avanzato del ciclo produttivo (mancati redditi); </li></ul><ul><li>Viene valutato il danno economico connesso alla perdita totale o parziale del raccolto (dovuto allo STOP di fornitura idrica), che coincide con il costo opportunità della mancata allocazione della risorsa al settore agricolo; </li></ul><ul><li>Otteniamo una griglia di valori diversificati in relazione all'entità del danno ed alle colture interessate ( Valore acqua al m 3) con hp di perdita totale del raccolto: </li></ul><ul><ul><li>Girasoli: € 0.5 </li></ul></ul><ul><ul><li>Mais: € 1.1 </li></ul></ul><ul><ul><li>Barbabietola zucchero: tra € 1.2 e 2.3 </li></ul></ul><ul><ul><li>Tabacco: tra € 6.8 e 7.2 </li></ul></ul>
  16. 16. Effetti misure di tariffazione al consumo della risorsa idrica <ul><li>La tariffazione della risorsa al consumo , anche qualora fosse tecnicamente e giuridicamente fattibile, non sembra poter rappresentare uno strumento idoneo per ridurre la domanda irrigua nel bacino considerato, qualora se ne ravvisi la necessità </li></ul><ul><li>È necessario tenere distinti gli obiettivi ambientali, di riduzione dei consumi, da quelli più economici connessi ad un recupero dei costi da parte degli Enti gestori </li></ul><ul><li>Possono verificarsi effetti completamente contrari alle aspettative </li></ul><ul><ul><li>comprimere la redditività delle colture più vocale all'irrigazione; </li></ul></ul><ul><ul><li>espellere dall'attività agricola quelle più marginali; </li></ul></ul><ul><ul><li>ricadute sull'occupazione ed il sistema agro­industriale allargato su vaste aree territoriali. </li></ul></ul>
  17. 17. Considerazioni conclusive <ul><li>Per l’applicazione della WFD in agricoltura: </li></ul><ul><ul><li>La conoscenza puntuale delle funzioni di domanda rappresenta, in questo contesto, un importante strumento di supporto per definizione di politiche sostenibili per l'ambiente e per il comparto agricolo </li></ul></ul><ul><ul><li>La quantificazione dei possibili costi per il settore primario, costituisce una base di partenza per una valutazione di possibili misure ed interventi </li></ul></ul><ul><ul><li>È necessaria un’integrazione con gli aspetti agronomico-ingegneristici: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>coeff. Impiego delle risorse, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>introduzione nuove colture, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>modifica tecniche irrigue, ecc.) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Coinvolgimento con gli attori locali: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Consorzi di bonifica, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>associazioni degli agricoltori, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>stakeholders </li></ul></ul></ul>
  18. 18. Nuovi concetti da recepire <ul><li>Riordino delle utenze irrigue </li></ul><ul><li>Nuovi modelli Governance della risorsa </li></ul><ul><ul><li>Teoria di Dinar e Saleth (Stress idrico dipende da deficit gestionale)‏ </li></ul></ul><ul><li>Rafforzare legame tra Consorzi di Bonifica e Autorità di Bacino (Pianificazione)‏ </li></ul><ul><li>Valutazione Economica Infrastrutture tramite ACB </li></ul><ul><ul><li>Attenuare il ricorso agli interventi strutturali </li></ul></ul><ul><li>Partecipazione pubblica </li></ul>

×