Il policlinico umberto i

  • 15,607 views
Uploaded on

Il policlinico umberto i

Il policlinico umberto i

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
15,607
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
31
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. MEDICINA NEI SECOLI, Supplemento 2006IL POLICLINICO UMBERTO I Un secolo di storia Edizione a cura di Carla Serarcangeli
  • 2. © Copyright 2006Casa Editrice Università degli Studi di Roma “La Sapienza”P.le Aldo Moro, 5 - 00185 Romawww.editriceateneo.itIscrizione nel Registro Operatori Comunicazione al n° 11420ISSN n° 0394/9001ISBN 88-87242-86-0ISBN 978-88-87242-86-7 2
  • 3. SOMMARIOPREFAZIONE: CENTO ANNI DI STORIA DEL POLICLINICO UMBERTO IRENATO GUARINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 005 PARTE I: UN POLICLINICO “EUROPEO”IL POLICLINICO UMBERTO I:ESIGENZA DELLA COSTRUZIONEANTONIO BOCCIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 013I CRITERI DI PROGETTAZIONE:UN FUTURO CHE VIENE DAL PASSATOROBERTO PALUMBO – ANNA MARIA GIOVENALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 027UN TESTIMONE PREZIOSO:COSA RACCONTA DEL POLICLINICO “IL POLICLINICO”VITO CAGLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 037 PARTE II: GLI ISTITUTI “BIOLOGICI” DI FONDAZIONEIL DIPARTIMENTO DI ANATOMIA UMANATINDARO G. RENDA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 051LA SCUOLA BIOCHIMICA ROMANAGINO AMICONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 071L’ISTITUTO DI FISIOLOGIA UMANAFABRIZIO EUSEBI – ROBERTO CAMINITI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 093L’ISTITUTO DI PATOLOGIA GENERALEPIER PAOLO GAZZANIGA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 103L’ISTITUTO DI ANATOMIA E ISTOLOGIA PATOLOGICAERMANNO BONUCCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 123L’INSEGNAMENTO DELLA FARMACOLOGIAPIETRO MELCHIORRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 139LA SCUOLA ROMANA D’IGIENEGIANFRANCO TARSITANI – ROSELLA DEL VECCHIO – CARMINE MELINO . . . . . . . . . P. 153 PARTE III: LE CLINICHELE SCUOLE DI MEDICINA INTERNADOMENICO ANDREANI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 173 3
  • 4. LA CLINICA CHIRURGICA: LA STORIA E LA SCUOLAVINCENZO ZIPARO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 191CENT’ANNI DI POLICLINICO: LA CHIRURGIAGIORGIO DI MATTEO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 207LA CLINICA OSTETRICA E GINECOLOGICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 223ANTONIO PACHÌLA CLINICA PEDIATRICAMANUEL A. CASTELLO – GIORGIO MAGGIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 237LA CLINICA OTORINOLARINGOIATRICAROBERTO FILIPO – ELIO DE SETA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 249LA CLINICA OCULISTICAPAOLA PIVETTI PEZZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 267LA CLINICA DERMATOLOGICAVITTORIA SERAFINI – STEFANO CALVIERI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 281LA CLINICA DELLE MALATTIE TROPICALI E SUBTROPICALIANTONIO SEBASTIANI – CARLA SERARCANGELI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 295LA CLINICA DI MALATTIE NERVOSE E MENTALIALBERTO GASTON . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 313LA CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICALUIGI ROMANINI – EMILIO ROMANINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 325 PARTE IV: IL POLICLINICO OGGI – RICERCA ED ORGANIZZAZIONERICERCA DI ECCELLENZA AL POLICLINICO UMBERTO IALBERTO GULINO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 345L’AZIENDA POLICLINICO ED IL SUO INSERIMENTO NEL SSNGIUSEPPE GRAZIANO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 359POSTFAZIONE: POLICLINICO UMBERTO I: L’OSPEDALE DEI ROMANI,VOLUTO DA BACCELLI, ENTRA NEL FUTUROLUIGI FRATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. 373 PARTE V: ALCUNE IMMAGINI NELLA STORIA DEL POLICLINICO UMBERTO I 4
  • 5. PREFAZIONE CENTO ANNI DI STORIA DEL POLICLINICO UMBERTO I Quando poco oltre la metà del XIX secolo Guido Baccelli, che èclinico medico nell’Università La Sapienza e Ministro dellaPubblica Istruzione, pensa ad una struttura di ricerca e di formazio-ne per i futuri medici la medicina è attraversata da una di quellerivoluzioni di cui parla Thomas S. Kuhn nel suo The structure ofscientific revolutions. In quei tempi i rimedi terapeutici realmenteefficaci sono davvero pochi, la diagnosi si avvale quasi esclusiva-mente dell’esame fisico e del rilievo di polso ed urine, poco di piùdi quanto accadeva ai tempi d’Ippocrate. Vi erano stati però segni dicrisi epistemologica anche in Italia: alla Prima riunione degli scien-ziati italiani, tenutasi a Pisa nell’ottobre del 1939, la sezione medi-ca è inaugurata da Giacomoandrea Giacomini, professore di clinicamedica a Padova, con la lettura Della natura e della vita del san-gue, nella quale – così recita il resoconto – sono illustrati i risultatidiscordi delle esperienze de’ chimici moderni, concludendo che lealterazioni del sangue non possono essere, generalmente parlando,che secondarie; e che il pervertimento del fluido [il sangue] essen-do la conseguenza del pervertimento anteriore del solido [organi etessuti], ne consegue il corollario terapeutico che, a riordinare ilturbamento de’ tessuti, e non a correggere le alterazioni del sangue,deve essere quasiché sempre diretta ogni clinica operazione.Giacomini era un vitalista legato alla tradizione e sospettoso versole novità (la sua terapia era largamente fondata sul salasso), cosic-ché inevitabile è lo scontro con il cesenate Maurizio Bufalini, clini-co medico a Firenze, che aveva già diviso il mondo medico con ilsaggio Sulla dottrina medica della vita, nel quale aveva sostenutoche la materia della quale si compone il soggetto che vive… aragione dei nostri mezzi analitici non differisce di un minimo dellacomune materia. Non sorprende perciò che nel Congresso pisano lasua polemica finisse raccomandando caldamente la utilità de’ ten-tativi fisici e chimici nelle ricerche sulla natura del sangue; ché sel’organismo umano è composto di solidi e di fluidi… eguale impor- 5
  • 6. Renato Guarinitanza debbono pure avere ove si facciano argomento delle nostreesperimentali considerazioni relativamente allo stato sano o mor-boso del corpo umano. E sempre Bufalini, commentando le“Statistiche degli Ospedali” presentate dal Ferrario, afferma che lestatistiche si possono riferire alle cagioni delle malattie o ai segnidi queste o ai metodi di cura… in ogni caso lo studio nostro inten-de a stabilire un rapporto tra la causa e l’effetto… L’eco dellariunione degli scienziati e dei dibattiti che impongono anche allamedicina di far tesoro degli avanzamenti della fisica e della chimi-ca percorre le Facoltà mediche, tanto che nascono nuove discipline(biologia, patologia generale, igiene), rivolte a trarre elementi cono-scitivi dalla sperimentazione, dall’epidemiologia, dallo studio del-l’influenza delle condizioni ambientali o sociali sulle malattie. Anche in Italia dunque matematica, fisica e chimica comincianoa scuotere la medicina clinica e la crisi epistemologica diventa irre-versibile quando in Europa la medicina sperimentale di ClaudeBernard, la batteriologia di Louis Pasteur e Robert Koch e la pato-logia cellulare di Rudolph Virchow spostano la centralità dellamedicina verso l’esperimento dalla corsia, nella quale i malati sta-zionano anche per mesi in attesa di una evoluzione. Il laboratorio edil gabinetto di analisi divengono i luoghi dove si riproducono lecondizioni patologiche nell’animale da esperimento e si conduconole prime analisi chimiche su liquidi organici (urine e sangue) edestratti di tessuti, mentre citochimica ed istochimica permettono didifferenziare per morfologia, ma anche per funzione, tessuti, cellu-le e batteri. Su queste fondamenta in Italia si affermano nuove inte-razioni tra scienze naturali e medicina clinica, a Pavia (e poi aTorino) con Giulio Bizzozero, che scopre la funzione emopoieticadel midollo osseo e quella coagulativa delle piastrine, e CamilloGolgi, con l’istochimica delle cellule nervose e gli studi sulla mala-ria, ai quali dà un contributo fondamentale la scuola medica roma-na, con Ettore Marchiafava, Angelo Celli, Amico Bignani eGiovanni Battista Grassi. Su questo scenario di medicina positivista interviene dunqueGuido Baccelli, clinico medico alla Sapienza, grande maestro chenon esita a portare all’Università il medico condotto diCivitavecchia, quell’Augusto Murri che poi diviene cattedratico aBologna e che orienterà la clinica in senso fisiopatologico, alla 6
  • 7. Prefazionericerca delle cause delle malattie, ben distinte dai sintomi. Baccelliintende la medicina come strumento di avanzamento a serviziodella gente, attento ai suoi rapporti con le condizioni sociali (lamiseria è la madre delle malattie – egli dice): il suo credito è gran-de, è amato dalla gente e rispettato dalla politica, e decide così dimettere a frutto il suo prestigio con l’ambizioso progetto di costrui-re un luogo dove gli avanzamenti scientifici divengano la base dellaformazione medica e della migliore cura dei malati. Il Policlinico diRoma, intitolato al re Umberto I, è la risposta all’epoca più avanza-ta in Europa alle esigenze della nuova medicina: un campus unico,nel quale riunire tutte le competenze scientifiche e professionali chefacciano da supporto ad una buona formazione. Nel perimetro delcampus debbono trovare spazio edifici universitari con bibliotechee laboratori di ricerca, con al centro padiglioni ospitalieri di rico-vero per malati, dai quali trarre i casi più appropriati per la didatti-ca o più interessanti per la ricerca. La logica di Baccelli è anche quella della unitarietà nella speci-ficità, cosicché nel progetto tutti gli edifici sono collegati da un dop-pio camminamento, ipogeo e perigeo. Baccelli precisa bene la fina-lità del suo progetto, rivolto a dare agli studenti gli elementi forma-tivi per entrare nella medicina di domani, nella quale si stanno spa-lancando gli orizzonti della ricerca fondata sulle scienze naturali:quelle che oggi sono chiamate scienze biologiche sono ospitatenegli edifici perimetrali, come ad es. zoologia e biologia con pato-logia generale ed anatomia patologica o giusto di fronte alPoliclinico (anatomia ed anatomia comparata). Nasce così con un primo finanziamento statale del 1881 (leggen. 209, Baccelli è appena stato nominato Ministro, succedendo aFrancesco De Sanctis) il più grande progetto organico diPoliclinico, al quale viene dedicata un’area demaniale specifica convincolo permanente di destinazione d’uso, nel quale si fondono treprincipi, posti a base della formazione del medico: l’apertura dellamedicina alle scienze naturali, che della medicina sono fondamen-to scientifico; lo sviluppo della clinica, con edifici propri dedicatiagli ambiti generali (medicina, chirurgia), ma anche a specialità, neiquali corsie, biblioteche e laboratori (gabinetti d’analisi) costitui-scano la base per l’avanzamento delle conoscenze e quindi per unabuona formazione; l’utilità sociale, con i padiglioni ospedalieri e la 7
  • 8. Renato Guarinipossibilità di ricovero nelle cliniche a carico dell’assistenza pubbli-ca. Non solo ricerca e clinica avanzata, ma anche sviluppo di unarete assistenziale-caritativa: Guido Baccelli riesce a far inserire,infatti, il Policlinico nell’ambito della legge n. 6972/1890, chedisciplina in particolare le opere pie […Pio Istituto e OspedaliRiuniti] e gli altri enti morali che avessero per fine « ... di prestareassistenza ai poveri, tanto in istato di sanità quanto di malattia»(articolo 1), disponendo anche che «in ogni Comune è istituita unacongregazione di carità ... » (articolo 2), mentre con la legge 20luglio 1890 n. 6980 lo Stato ha finanziato ed avocato a sé la costru-zione del Policlinico universitario, con i 10 padiglioni ospedalieriassegnati nel 1898, quando Baccelli è di nuovo Ministro nelGoverno Pelloux, in uso al Pio Istituto S. Spirito a titolo di risarci-mento di edifici ospedalieri siti nel Lungotevere S. Angelo ed espro-priati (concessione revocata con la legge 26 ottobre 1964 n. 1149,che ha dato autonomia gestionale al Policlinico Universitario). In circa 10 anni il Policlinico è terminato, viene inaugurato nel1904, e diviene così un prestigioso complesso di formazione, ricer-ca ed assistenza, nel quale hanno modo di svilupparsi grandi scuo-le. Quando negli anni ’30 viene costruita la Città universitaria ed ilcomplesso universitario diviene lo Studium Urbis lo sviluppo dellascienza biomedica ha nuovi ambiti, ormai maturi, come fisiologia ebiochimica o igiene e microbiologia, che trovano spazio in edificiall’interno del progetto piacentiniano. Ma non si comprenderebbe lostraordinario sviluppo dei vari settori disciplinari, di cui sono stati esono protagonisti il Policlinico e le Facoltà mediche della Sapienza,se non si conoscesse il presupposto fondamentale sul quale Baccelliha costruito il suo progetto, nel quale l’architettura d’insieme è fun-zionale ad una idea di formazione e ricerca. Questo fascicolo speciale della nostra rivista di storia della medi-cina [Medicina nei Secoli] è in modo opportuno dedicato alle scuo-le che hanno preso corpo nella Facoltà di Medicina e nel suoPoliclinico: i grandi nomi scorrono e ci ricordano pezzi di storia, inchirurgia con Durante, Paolucci, Valdoni e Stefanini, in medicinacon Frugoni, Condorelli e Cassano e così in tutti gli altri settori, neiquali spesso al Policlinico vi è stata la prima cattedra in Italia (spe-rimentale, come per microbiologia o biochimica, o clinica, comeper medicina tropicale o endocrinologia, tanto per fare alcuni esem- 8
  • 9. Prefazionepi). I diversi articoli illustrano appunto le scuole, fulcro essenzialedella memoria del divenire scientifico e di come la ricerca universi-taria sia in grado di entrare nel futuro. Il Policlinico è stato anche partecipe di intrecci con le vicendepolitiche dei vari tempi, con episodi che dimostrano comunque ilprestigio dei suoi professori, come nel caso del chirurgo RaffaelePaolucci, il comandante della spedizione che aveva affondato il 1novembre 1918 a Pola la nave ammiraglia austro-ungarica ViribusUnitis. Ebbene Paolucci, nel pieno delle discriminazioni razzialiche nel 1938 colpiscono anche l’Università, dà rifugio a casa sua aiprofessori ebrei, tra cui Mario Camis, il fondatore della neurofisio-logia e neurobiologia italiana. Facoltà e Policlinico sono dunquedensi di scienza, di vicende umane, di generazioni di medici che visi sono formati, di vita vissuta, con l’apporto di tanti docenti e delpersonale socio-sanitario, che ne costituiscono l’ossatura fonda-mentale. In questo fascicolo, che si deve all’attività della sezione di Storiadella Medicina diretta dalla Professoressa Luciana Rita Angeletti edal coordinamento editoriale della Professoressa Carla Serarcangeli,la storia del Policlinico e della Facoltà medica scorre dunque con lesue immagini vive, con le sue ricerche di prestigio, con i tanti per-sonaggi che ne hanno fatto una parte viva della Sapienza. Tanto cheanche a questa Facoltà si deve se la nostra Università è giudicata,nel ranking internazionale, la prima in Italia e tra le prime inEuropa. Renato Guarini Rettore dell’Università di Roma La Sapienza 9
  • 10. PARTE IUn Policlinico “Europeo”
  • 11. Il Policlinico umberto I: esigenza della costruzione IL POLICLINICO UMBERTO I: ESIGENZA DELLA COSTRUZIONE ANTONIO BOCCIA 13
  • 12. 14
  • 13. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzionePrologo Affermava Antonio Ruberti nella prefazione del testo storico,scritto da Stroppiana, sul Policlinico1: La presenza di universitari e di ospedalieri nella stessa struttura, le responsabilità diverse e tuttavia interagenti nella formazione e nell’assistenza, il modificarsi dei quadri amministrativi e legislativi di riferimento sia nell’istruzione sia nell’assistenza percorrono la storia dalla istituzione e la condizionano. Storia di Istituzioni e di uomini, ma anche storia di una struttura fisica che, nata sulla base di un disegno originario di grande respiro, si sviluppa in tempi lunghi. La storia delle origini e delle esigenze di costruzione delPoliclinico ha, infatti, radici lontane che non possiamo non ricorda-re; essa sarà utile ed in qualche misura di supporto anche per megliocomprendere la storia recente e le difficoltà che ancora oggi si incon-trano nella gestione e nell’attività del Policlinico Universitario in cuisi incrociano e si sommano i problemi della formazione del medicoe di tanti professionisti di sanità, dell’assistenza, della ricerca.Il Pio Istituto Santo Spirito in Sassia Nel 1676 nell’Ospedale Santo Spirito era ammesso, come assi-stente medico dell’Ospedale, Giovanni Maria Lancisi. Nel 1711 traLancisi ed il Commendatore del Santo Spirito, Mons. GiorgioSpinola, venne deliberato e stipulato un documento nel quale, tra l’al-tro, l’illustre medico dopo avere accennato allo scopo principale cuidebbono rispondere gli ospedali, ossia una caritatevole assistenzaagli infermi, ricorda come, attraverso i secoli, gli Istituti Nosocomialisiano divenuti anche vere scuole di medicina, di chirurgia e di farma-cia pratica. Rileva come fra tutti gli stabilimenti consimili in Roma,e forse in tutta l’Italia, vanti il primato l’Arcispedale Pontificio dettodi Santo Spirito in Sassia, il quale oltre la sua peculiare e multiformefunzione di beneficenza devesi considerare come pubblico utilissimoSeminario, in cui circa 100 giovani, tra medici e chirurghi e spezia-li, di continuo vi dimorano, oltre molti altri, che giornalmente vi ven-gono per far quivi la pratica. Per quanto riguarda le adunanze scientifiche, istituite da Lancisi,esse avevano per sede il vestibolo della biblioteca e si ha notizie chetali riunioni avevano per oggetto la discussione dei casi clinici piùimportanti occorsi nelle corsie dell’Ospedale Santo Spirito o verifica-ti al tavolo anatomico. Il bibliotecario della Lancisiana curava la com-pilazione dei verbali e la loro pubblicazione al termine di ogni anno2. 15
  • 14. Antonio BocciaAssistenza sanitaria Per lungo tempo, fino agli ampliamenti del secolo XVIII,l’Ospedale ebbe quattro medici primari con relativi assistenti, tuttiscelti per concorso in conformità delle disposizioni emanate daMons. Spada. Fin da allora i concorsi erano notificati mediante avvi-si pubblici a stampa affissi per la città. In sottordine esisteva unruolo speciale formato dai cosiddetti giovani cui erano attribuitetutte le funzioni di assistenza e pulizia. Nessun giovane, sotto qualunque titolo, poteva rimanerenell’Ospedale più di sette anni. Mons. Spada ed il successore Febeipromossero ulteriormente l’aggiornamento e l’istruzione dei medicie del personale, designando uno dei chirurghi primari ad impartirelezione due volte la settimana. Il tempo di Quaresima era stabilito perle dissezioni anatomiche, libere a quanti ne avessero fatto richiesta. Esisteva è vero in Roma l’Università con propria Facoltà Medica,ma i precettori del Santo Spirito furono sempre poco disposti adinviarvi i giovani, temendo che i frequenti allontanamenti potesserointralciare le esigenze del servizio ospedaliero. Leone XII (1823-29), con decreto del 30 settembre 1824, riunìnuovamente il Santo Spirito insieme con gli altri ospedali, sottol’autorità di una Deputazione unica, di cui fece parte come presiden-te il Mons. Giuseppe Antonio Sala. Durante il suo governo, stabilìutili regole per la contabilità e la registrazione dei malati; l’appaltodelle forniture concesso mediante pubblica asta; i prodotti farma-ceutici acquistati direttamente nei grandi mercati d’Europa. Adottòil metodo di registrare le ordinazioni mediche e chirurgiche fattefuori di visita, per evitare errori a danno degli infermi. Al SantoSpirito aprì un quartiere speciale per cronici.Ristrutturazioni e restauri Dopo aver visitato i migliori stabilimenti ospedalieri d’Europa,Francesco Azzurri, valoroso artista, si accinse all’ardua fatica disistemare l’asilo romano dei pazzi, ove tutto occorreva rivedere sunuove basi. Ne derivò uno stabilimento modello, che per lunghi annirimase all’altezza della scienza moderna. Dopo il manicomio, il medesimo architetto, per volontà di PioIX, procedette al restauro del S. Spirito. Egli così riassumeva il lavoro che si proponeva di eseguire e chevenne parzialmente attuato: riordinamento completo delle sale esistenti, rispettate gelosamente nelle loro dimensioni; divisione della Corsia Sistina in due sale distinte, 16
  • 15. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzione demolizione ragionata di quanto, non presentando nulla di pregevole, si ricusa ad una ragionevole trasformazione, sia per il suo stato di decrepitezza, sia per la sua pessima disposizione; restauro completo della corsia di Alessandro VII sino al Tevere, sbarazzata delle fabbriche adiacenti e tolta dall’immediato contatto della Corsia Sistina; centralizzazione dei servizi generali, ed infine usufrutto di una area rilevante per la erezione delle fondamenta di una Clinica medica, e di uno stabilimento completo idroterapico. Ai tisici l’Azzurri apprestò una nuova dimora, corredata di tuttociò che poteva contribuire al miglioramento della loro sorte.Auspicava prossimo il giorno in cui sorgesse un ricovero specialeper questi malati, dotato di quanto fosse necessario. All’epoca dei restauri era commendatore del Santo Spirito Mons.Achille Maria Ricci (1865-1870) che, accogliendo le istanze diGuido Baccelli, già professore di clinica medica, oltre a concederenuovi locali ed arredamento idoneo, aveva decretato anche l’istitu-zione di una cattedra di Anatomia patologica. Allo scadere dell’amministrazione ecclesiastica, la capacità com-plessiva del Santo Spirito era così distribuita: - Corsia Sistina, comprese le carriole 330 letti - Sala Benedettina 216 “ - Sala Alessandrina 64 “ - Sala S. Girolamo 22 “ - Sala S. Filippo 16 “ - Sala dei bambini 22 “ - Sala S. Giacinto per i tisici 14 “ - Tre piccole sale 28 “ Totale 712 “ Per il servizio di medicina, vi erano sei primari con obbligo divisita due volte al giorno. Ciascun primario aveva assistente e sotto-assistente. Il servizio chirurgico era disimpegnato da un primario con duechirurghi sostituti e quattro sotto-sostituti. La farmacia aveva un capo-speziale e sei farmacisti: non esiste-va farmacopea speciale ed i medici potevano ordinare ciò che rite-nevano necessario.Il Policlinico Umberto I e l’insegnamento universitario A Roma, nel 1870 conclusosi il potere temporale dei Papi preseavvio, non senza ostacoli e difficoltà, la Riforma dell’Università che 17
  • 16. Antonio Bocciada Pontificia divenne Regia. Nel novembre del 1870 ad opera delRegolamento Brioschi furono accorpati i corsi di Medicina eChirurgia. Successivi regolamenti definirono via via la strutturadella Facoltà medica di Roma. Nell’insegnamento universitario unadelle spinose questioni da affrontare era quella di assicurare un’ade-guata formazione clinica agli studenti. Occorreva superare le vec-chie concezioni didattiche preunitarie. Negli ordinamenti preceden-ti, infatti, l’insegnamento si limitava alla “lettura”, alle sale inciso-rie degli ospedali, ai teatri anatomici. I1 27 dicembre 1870 fu cosìstipulata la convenzione tra il Ministero della Pubblica Istruzione ele Amministrazioni degli Ospedali Romani per la pratica dellaClinica. La Convenzione, pur risolvendo la parte della prassi clinica,aveva comportato una dispersione degli insegnamenti per tutta lacittà sollevando il problema per una nuova soluzione logistica, senzacontare il fatto che i fatiscenti e monumentali ospedali tardo trecen-teschi mal rispondevano ai recenti sviluppi della batteriologia efisiopatologia ed alle norme igienico-sanitarie. La classe medica nonvuole la ristrutturazione dei vecchi edifici, ma desidera adeguarsialle moderne strutture europee. Le riviste mediche ospitano articolidi ingegneria ospedaliera. I consensi alla costruzione di nuovi edefficienti ospedali è unanime. Guido Baccelli, Direttore della RegiaClinica Medica di Roma, che aveva lavorato senza tregua al proget-to di un grande ospedale che accorpasse tutte le Cliniche già dal1874, nel 1881 in carica come Ministro della Pubblica Istruzioneconvocò una commissione con il compito di esaminare i problemiinerenti la costruzione del Policlinico. La Commissione stabilì, tra l’altro, che oltre le cliniche obbliga-torie il Policlinico dovesse ospitare anche gli ospedali-cliniche oveaccogliere gli ammalati più “interessanti” evitando di prelevarli, perlo studio, dagli Ospedali civili. L’impulso decisivo alla costruzionedel Policlinico fu dato 10 anni più tardi quando l’imponente proget-to fu inserito nelle Opere Edilizie della Capitale. I1 progetto origi-nario collocava il Policlinico Romano sul Colle Esquilino; successi-vamente fu scelta, per motivi di assetto urbanistico, l’area cheattualmente occupa. All’Architetto Giulio Podesti coadiuvato da Cesare Salvatori edEdgardo Negri fu affidata la progettazione della monumentaleopera. Così, alla presenza del Re d’Italia Umberto I e della consor-te Regina Margherita, il 19/1/1888 fu posta la prima pietra. I lavorieffettivi iniziarono solo l’anno successivo e nel 1902 il progetto eraquasi ultimato. I1 più grande monumento alla Carità ed alla Scienza 18
  • 17. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzionefu inaugurato nello stesso anno con una solenne cerimonia alCampidoglio alla presenza delle massime autorità statali. IlPoliclinico iniziò a funzionare a regime nel 1904. Così all’epoca vengono descritti il progetto e le opere frutto del-l’ingegno del Podesti e della Commissione3: l’area destinata al Policlinico è in una delle zone più salubri di Roma, di rimpetto alle mura di Belisario, che recingono il vasto piazzale del Macao, antico Castro Pretorio, e trovasi a metri 52,45 sopra il livello del mare. Detta area ha l’estensione di circa 160 mila mq. di cui 40.000 coperti dagli edifici, è circondata da grandi viali della larghezza di metri 30 e verrà recintata sulla fronte principale, … da una cancellata di ferro poggiata sopra un piccolo zoccolo di muratura, … e dagli altri lati, … sarà recintata da muri di sostegno, che nell’estremo angolo a sud-est, ove, … è il riparto delle malattie infettive, si elevano fino a metri sei sul sottostante livello stradale. Partendo dal lato sul viale del Policlinico vi troviamo l’edificiocentrale, sede della Direzione, dell’Amministrazione, dellaBiblioteca, della Farmacia, del Guardaroba e di diversi servizi; aidue lati del Palazzo dell’Amministrazione, sul fronte, sono allineatii bei fabbricati destinati alle diverse Cliniche universitarie (ClinicaOculistica, Clinica Chirurgica, Clinica e Semeiotica Medica,Dermo-sifilopatica, delle Malattie nervose e mentali, Odontoiatria eProtesi dentaria, Ortopedica-traumatologica, Otorino-laringoiatrica,Pediatrica). Dietro al Palazzo dell’Amministrazione e in comunicazione conquesto sono le guardarobe, la dispensa, la cucina e dietro ancora ilfabbricato destinato alla Chiesa ed alla Scuola-convitto per infer-miere Regina Elena: ai due lati di questo sono 5 Padiglioni di medi-cina e 3 Padiglioni di chirurgia: i padiglioni, di forma rettangolare,si trovano tutti su una stessa linea e sono tutti collegati fra di loro dapassaggi coperti. Al I, II, III e IV Padiglione fanno servizio le allieve e diplomatedella Scuola (le prime non sono pagate): agli altri Padi-glioni fanno servizio infermiere e infermieri dell’Ospedale. In una terza linea trovansi due Padiglioni (uno appartiene allaClinica delle malattie tropicali e l’altro in parte all’Istituto di seme-iotica medica della R. Università) e 4 baracche provvisorie per sop-perire ai bisogni eccezionali: 2 delle baracche sono aperte ai malatidi medicina. Dal lato opposto al viale del Policlinico, da una partesi trova la Clinica ostetrico-ginecologica, e dall’altra il fabbricato 19
  • 18. Antonio Bocciadestinato all’isolamento (infetti), la lavanderia, la morgue, l’Istitutoanatomo-patologico. Dietro alla Scuola-Convitto Regina Elena (SCRE - oggi CentroDidattico Polifunzionale), esiste la grande “centrale termica” dallaquale si innalza nel cielo la grande “ciminiera” che si vede da ogniparte di Roma. Riassumendo dunque, oltre le Cliniche dipendenti dalla R.Università, il Policlinico è dotato di l0 padiglioni, di 4 baracche e diun riparto di “isolamento”. Come abbiamo detto sopra, per rendere facili i servizi di tutti gliedifici, che debbono fare capo al Palazzo di Amministrazione, esi-stono gallerie di collegamento nei sotterranei, e tratti coperti alprimo piano che è quello dove sono tutte le infermerie. Il piano terreno di ciascun edificio è collegato dalla zona di gal-leria che si stabilisce sulla volta dei sottostanti tratti in muratura. Sarà interessante l’esame di un “Padiglione”: diremo subito cheesso aveva le infermerie costruite sopra un porticato aperto in modoche l’aria vi potesse circolare liberamente (ogni Padiglione ha dueinfermerie: al piano terreno l’una, per uomini, al primo piano, laseconda, per donne). Ogni camerata era capace di 34 letti: vi sono inoltre 2 camerette:per cui ogni piano può ospitare 36 ammalati (questi salgono spessoanche a 45). Ogni piano era dotato di tutto il necessario (bagni, lavabi, water-closets, gabinetto di analisi, cucinetta per i piccoli bisogni, stanzeper biancheria sporca, ecc.); l’ascensore porta il vitto, le medicine egli ammalati dal piano terreno al primo piano. I letti erano accoppiati e fra una coppia e l’altra si apre un’ampiafinestra: la distanza fra i letti di una coppia è di metri 1,10 sicchè lalunghezza della sala è di metri 20. I letti erano discosti 60 centimetridalla parete e fra un letto e l’altro di fronte è una distanza di metri 3. I “Padiglioni di chirurgia” sono uguali a quelli di “medicina”; lasola differenza è data dalla presenza di un piano in più destinato allesale operatorie. Anche per ciò che ha riguardo ai fabbricati, notevoli migliora-menti e trasformazioni, sono degne di essere qui ricordate. Innanzi tutto nel 1931 vennero condotti a termine i lavori per lasistemazione del servizio del pronto soccorso e dell’ ambulatoriomedico-chirurgico: gli ambulatori, che riunivano in certe ore dellagiornata da 100 a 150 infermi, furono portati e adattati nei grandilocali seminterrati siti nel Palazzo centrale: vennero muniti di tuttigli occorrenti servizi (acqua, luce, riscaldamento, latrine, bagno 20
  • 19. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzioneecc.) e dotati di un proprio ingresso separato e la sala di attesa eracapace di 120 persone a sedere. Le sale di medicazione e visitaerano ampie. Furono trasformate e ridotte a migliore assetto per spazio, luce,igiene, impianti di sterilizzazione, ecc. le camere operatorie. Vennero costruiti nuovi locali per la materasseria e per i lavori dirammendo, di taglio e di cucito: non minori furono i lavori al repar-to Isolamento, alla casa delle Suore, ecc. Non va dimenticata in queste opere di ristrutturazione ed ammo-dernamento, la convenzione fra il Pio Istituto e il Ministero dellaEducazione Nazionale: in base ad essa quello si è impegnato a costruire l’aula per l’insegnamento della semeiotica medica in aderenza al IX Padiglione, mentre in compenso il Ministero si è impegnato di costruire nel nuovo edificio di anatomia- patologica della R. Università una nuova, moderna camera mortuaria corredata di cella frigorifera e di tutti gli impianti correlativi da servire per i bisogni così delle RR. Cliniche come dell’ Ospedale del Policlinico. L’attività di questo Ospedale verso il quale si orientano tante sim-patie della cittadinanza è davvero notevole. Viene così specificata da Alessandro Canezza e da MarioCasalini nel volume Il Pio Istituto di Santo Spirito e OspedaliRiuniti di Roma pubblicato nel 19334: … l’attività del Policlinico, ricorderemo qui, che mentre il S. Spirito “ritirava” temporaneamente gli ubriachi, il Policlinico “ritirava” gli agitati per malattie mentali successivamente allocati nel nuovo edificio di Neurologia e Psichiatria. Noi sappiamo già che gli ammalati che si presentavano al pron-to soccorso venivano visitati e medicati: se avevano bisogno di rico-vero passavano alla sala di osservazione (il Policlinico ha due saledi osservazione, una per uomini, l’altra per donne) in seguito vienedeciso per la loro ammissione e invio ai Padiglioni. Gli ammalati,che si presentano, vengono in ogni caso “registrati” dall’Ufficio diP.S.: da dati più puntuali risultano ricoverati, nel 1931, n.25587 per-sone, in P.S. n.12466, ambulatoriali n.38718 ed effettuati n.3109interventi chirurgici.La riforma sanitaria Crispi-Pagliani La riforma sanitaria del 1888, inaugurata dalla legge Crispi- 21
  • 20. Antonio BocciaPagliani approvata dal Parlamento il 22 dicembre e preceduta di unanno dall’istituzione della Direzione generale di sanità pubblicapresso il Ministero dell’Interno, segna il più importante momento disvolta nella storia della sanità in Italia quantomeno fino al secondodopoguerra. Anche se non immune da pecche, la riforma giunge, dopo quasitrent’anni dall’Unità, a cercar di rimontare dislivelli e diminuiredisagi in un paese ancora relegato in una avvilente posizione di infe-riorità rispetto ai più evoluti paesi europei e dov’è radicato un diffu-so malessere sanitario. Un paese malato soffocato nel suo sviluppodal dilagare delle malattie infettive e parassitarie5. Il quadro va completato con l’elevatissimo contingente dei mortinei primi cinque anni di vita – circa il 45% dei morti complessivi –dovuto ad infezioni, specialmente gastroenteriche, e a ripercussionisulla maternità e l’infanzia di piaghe sociali di vario tipo, quali illavoro protratto fin nei mesi alti di gravidanza, il parto non assisti-to, l’esposizione dei neonati alla “ruota”, il baliatico mercenario. In questo scenario la riforma sanitaria ebbe il grande merito dicreare gli strumenti necessari per una gestione tecnicamente corret-ta della sanità. Infatti, se nel sistema sanitario permangono vistosefalle, come quella – vivamente deplorata al Senato da Moleschott,dell’esclusione dei medicinali dall’assistenza gratuita per i poveri,nello stesso sistema è però predisposta quella corrispondenza diret-ta e gerarchica tra il medico provinciale e quello comunale che appa-re l’anticipazione, seppure ancora molto vaga, di un principio diemancipazione della sanità da condizione di puro oggetto politico adoggetto di grande valenza sociale ed economica. In tale programma, che si colloca oltre l’andamento cronologicodi questa storia, sono articolate tra loro, in un progetto di “statizza-zione” facente capo a un istituendo ministero della Sanità, le rifor-me degli studi medici, dell’educazione igienica popolare, dell’igie-ne del lavoro, dell’organizzazione sanitaria. Quest’ultima è vistacon particolare riguardo al coordinamento tra servizi di medicinapubblica e ospedali. La statizzazione degli enti ospedalieri dovreb-be concludere il processo iniziato nel 1890 dalla legge Crispi-Pagliani sulle opere pie, che diede un taglio netto rispetto al passa-to, ponendo una premessa indispensabile per far avanzare il paesesulla strada della riorganizzazione amministrativa e strutturale dellaSanità Pubblica. L’ospedale tardo-ottocentesco, in un periodo storico che registratutte insieme le scosse dell’industrializzazione e le scoperte dellabatteriologia, che assiste contemporaneamente al rilancio della 22
  • 21. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzionescienza medica e alla nascita della medicina sociale, appare “invec-chiato” e “stazionario”, quando tutto gli si muove intorno. In quattro secoli il rapporto tra ospedali italiani e ospedali mitte-leuropei si è addirittura ribaltato. Gli ultimi ospitalucci delle più pic-cole città austriache o germaniche sono molto meglio organizzati,scriveva Cantani, aggiungendo da noi c’è molta architettura mapoco riguardo ai bisogni dell’uomo ammalato. La riforma tuttavia costituisce un passo avanti sulla strada dellariappropriazione degli enti ospedalieri da parte della comunità medi-ca e un’agevolazione di percorso per l’avvento della tecnologia difine secolo e per la costruzione dell’ordine clinico. Il passaggio degli ospedali da “pie opere” sostenute da volonta-rie elargizioni e donazioni benefiche a “servizi di pubblica assisten-za” sostenuti da programmati stanziamenti e finanziamenti si ingra-na con gli ulteriori sviluppi della scienza. Da un lato l’accresciutocontrollo igienico dello spazio ospedaliero, grazie alle conoscenzedell’eziologia e del meccanismo delle infezioni, porta al superamen-to delle tradizionali regole d’isolamento con le più aggiornate normedi antisepsi; d’altro lato l’accresciuto controllo medico del corpomalato, grazie alle conoscenze di farmacoterapia del dolore, portaalla definitiva uscita di minorità della chirurgia e all’acquisto daparte sua di una dignità pari, se non superiore, a quella della medi-cina clinica. La linea di adeguamento dei vecchi ospedali alle nuove esigenze,attraverso ristrutturazioni e rifacimenti, è duramente contestata.L’azienda ospedaliera, scrive De Giovanni, deve essere affidata amenti meno causidiche ed a mani meno massaie di quelle degliamministratori delle vecchie opere pie, ai quali Bottini, reduce da unviaggio di aggiornamento in Germania e Scandinavia, trova “ilcoraggio di dire che sono agli antipodi” e che conviene non correg-gere, ma abbattere ed abbandonare e rifare. Una nuova linea vien fuori dal vivace dibattito di “igiene ospeda-liera” e di “ingegneria ospedaliera” agitato su riviste e in convegni.Un modello per costruire ospedali nuovi è indicato da GiuseppeSoriani, titolare a Pavia della prima cattedra ufficiale d’igiene eautore nel 1881 di una meritoria Geografia nosologica dell’Italia. Questa linea razionale innovativa, sostenuta da grande impegnofinanziario spianò la strada al disegno da lungo tempo concepito daBaccelli e che portò alla costruzione del Policlinico Umberto I diRoma, ma anche alla costruzione, tra il 1885 e il 1914, di un centi-naio di ospedali minori, ubicati per lo più dove il Paese consolida lasua area di sviluppo industriale, un’area in cui, tra malattie della 23
  • 22. Antonio Bocciamiseria e malattie del progresso, cresce progressivamente la doman-da di beni sanitari6.Evoluzione dei modelli architettonici-funzionali Passano appena 16 anni dall’effettiva operatività del PoliclinicoUmberto I e già il modello a padiglioni viene messo in discussionesoprattutto per motivi economici. Costruire in altezza diviene possi-bile anche grazie all’uso degli ascensori: ne è un esempio il NewYork Hospital (’30) che impila i suoi ventidue piani nel cuore del-l’agglomerato urbano. Il monoblocco risulta molto più economicodei precedenti, si risparmia sui materiali da costruzione e persinosulle zone verdi, tuttavia il sistema che ruota attorno all’edificioospedaliero subirà una dequalifica progressiva che raggiungerà ilculmine tra gli anni ’50 e ’70. Il monoblocco si impone in fatto di brevità e celerità di percorsi,per l’ammissione dei degenti, per il personale d’assistenza, per iltrasporto delle salme ed in generale per persone e cose; per le galle-rie di canalizzazione “veloci”. L’ospedale monoblocco però apparirà nel tempo troppo rigido,non potendo subire alcun ingrandimento o evoluzione se non a costiestremamente elevati7. Da qui si ricorre a modelli più plastici, qualiil monoblocco con piastra, per rispondere alle mutate esigenze dellasanità, come l’attività ambulatoriale per esterni e interni (day hospi-tal e day surgery), aumentando, di fatto, l’apertura dell’ospedaleverso l’esterno e quindi i flussi in entrata e in uscita. La piastra, sem-pre più grande negli ultimi modelli (Ospedale Mc. Master inCanada, Ospedale Municipale in Danimarca), sarà sede d’attivitàambulatoriali, servizi di diagnosi e cura e servizi generali, mentre latorre ospiterà le degenze. Ulteriore evoluzione della piastra torre siritrova in ospedali come il Sart Tilman di Liegi (piastra collegata aduno o più blocchi di degenze) o il Reickendor di Berlino (piastra col-legata ad un nastro di degenze). Secondo il pensiero dell’architetto francese Tierre Hoet nasconoper il futuro due esigenze: - dimenticare l’ospedale-blocco, tutelando per quanto possibile ivantaggi essenziali che esso offriva; - ridurre a necessità reali i tempi di soggiorno degli ospedalizzati,alla luce dei progressi della medicina e delle necessità economiche. La tendenza attuale è unire malattie con patologie comuni perottimizzare l’uso delle risorse, il che implica il raggruppamentodelle unità di cura per poli, utilizzando i criteri che sono alla base deimoderni dipartimenti ospedalieri (per esempio, durata della degen- 24
  • 23. Il Policlinico Umberto I: esigenza della costruzioneza, qualità delle cure, tipologia di pazienti, etc.). A tali principi siispira il programma d’ammodernamento del Policlinico Umberto I. Nel marzo 2001 l’idea d’ospedale degli architetti Renzo Piano eLamberto Rossi, esposto a Roma, facendo propri i principi enuncia-ti da Tierre Hoet, segue il nuovo concetto di malato e di degenza conun apparente ritorno all’Asclepieio ippocratico, immerso nel verde8. L’Ospedale ha un bacino d’utenza di 250-300.000 abitanti, siestende su una superficie di 12-15 ettari, con uno sviluppo verticaledi quattro piani al massimo, un’area verde di circa 20 mq per pazien-te e ampi parcheggi. Il modello si distingue, oltre che per i dettamidi Hoet (piano tecnico pesante, piano tecnico leggero e degenze),anche per avere una degenza ordinaria divisa in blocchi separati: - high care: degenza di breve durata (2-3 giorni), ad alto grado d’assistenza; - low care: degenza di durata maggiore a bassa assistenza, dove completare il ciclo di cura seguiti dagli stessi medici ma con costi assistenziali più bassi; - intensive care; - day hospital. Le degenze sono raggruppate in aree dipartimentali e l’obiettivoè garantire la continuità assistenziale fino alla dimissione, inambienti adatti e confortevoli, accelerando i cicli di cura e contenen-do i costi. Di particolare rilievo è lo spazio riservato alla degenza peril Pronto Soccorso che, dispone di ben 35 letti, suddivisi tra osser-vazione, degenza breve e cure intensive, a voler sottolineare il suoruolo di filtro, per riservare il ricovero solo a chi ne ha strettamentebisogno. In conclusione non appare difficile cogliere in queste recentivisioni e rivisitazioni progettuali punti di convergenza con l’attualeimpianto del nostro Policlinico per il quale si impongono importan-ti e radicali opere di riordino e ristrutturazione in gran parte previstinel piano triennale 2004/2006 sugli “Interventi edilizi, di ristruttura-zione e riqualificazione” recentemente approvato. La storia conti-nua, storia di uomini e di istituzioni dove si incrociano e si somma-no i problemi, ma non scoraggiano quanti confidano in una nuovaprimavera. BIBLIOGRAFIA1. STROPPIANA L. (a cura di), Il Policlinico Umberto I di Roma. Roma, Università degli Studi di Roma, 1980. 25
  • 24. Antonio Boccia2. DE ANGELIS P., L’Arciospedale di Santo Spirito in Saxia nel passato e nel presente. Roma, Collana Studi Storici sull’Ospedale di Santo Spirito in Saxia e sugli Ospedali romani, 1952.3. AA. VV., Il Policlinico Umberto I. Progetto eseguito dall’Arch.tto Giulio Podesti. In Occasione dell’XI Congresso Medico Internazionale in Roma. Roma, C. Virano e C., 1894.4. CANEZZA A., CASALINI M., Il Pio Istituto di Santo Spirito e Ospedali Riuniti di Roma. Roma, Istituto editoriale di monografie illustrate di aziende (Tipo Fratelli Stianti), 1933.5. COSMACINI G., Storia della Medicina e della Sanità in Italia: dalla peste europea alla guerra mondiale 1348-1918. Roma-Bari, Laterza, 1987.6. CATANANTI C., La nascita dell’ospedale moderno tra i “lumi della ragio- ne” ed i “fuochi della rivoluzione”. Med. Secoli 2002; 14(1):135-153. CATA- NANTI C., CAMBIERI A., Igiene e tecnica ospedaliera. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore, 1995.7. CATANANTI C., L’Ospedale tra valori ed interessi: una prospettiva storica. Med. Secoli 2002; 14(1): 1-19.8. PIANO R., Nuovo Modello di Ospedale. Meta-progetto planimetrico e tridi- mensionale. Ministero della Sanità, Servizio Studi e Documentazione. Roma 21 marzo 2001. 26
  • 25. I CRITERI DI PROGETTAZIONE: UN FUTURO CHE VIENE DAL PASSATOROBERTO PALUMBO – ANNA MARIA GIOVENALE 27
  • 26. Roberto Palumbo - Anna Maria Giovenale 28
  • 27. I criteri di progettazione: un futuro che viene dal passatoLa solita domanda Tre anni fa, in un articolo dal titolo L’ospedale: architettura etecnologia1, ci si è posti una domanda provocatoria, da rivolgere adun progettista: come mai in Italia gli ospedali sono anche “brutti”? Dove quell’ “anche” stava a sottolineare che gli ospedali sonopoco funzionali, il loro costo in genere viene triplicato rispetto ai pre-ventivi, quando vengono inaugurati sono già vecchi. In realtà, ladomanda voleva denunciare che un ospedale deve possedere una sua“qualità morfologica” e, a distanza di tre anni, viene da pensare cheil quesito espresso sia sempre lì, attuale e “sospeso”, come in unincantesimo. Infatti, in questi tre anni, la situazione, comunque e pur-troppo non è cambiata e gli ospedali continuano ad essere “brutti”. Ora, proprio coloro che non sono capaci di renderli “belli” aggi-rano la questione, chiedendo -in modo falsamente ingenuo-: Nelprogettare un ospedale, cosa va privilegiato? L’Organizzazione fun-zionale, la Tecnologia, o l’Architettura? Proviamo oggi a fornire una risposta anche a questa domandapoco sensata e siamo in attesa di conoscere quanti e quali altri que-siti di questo tenore ci perverranno nei prossimi mesi. Raccogliendoli insieme si potrebbe confezionare uno “stupida-rio” che, però, tra le righe fa comprendere di chi sono le vere respon-sabilità quando si realizza un ospedale “brutto” e per giunta anche“non funzionale”. Un progettista qualificato non può non rispondere che non esisteuna gerarchia e che la buona riuscita dell’organizzazione funziona-le interna, insieme a quella delle soluzioni tecnologiche, nel lorocomplesso, determinano esse stesse la qualità architettonica di unastruttura complessa come quella ospedaliera.Il “caso Policlinico Umberto I” non sfugge a questa regola. Ci si trova di fronte ad un impianto originario, all’epoca conside-rato “innovativo”, a partire dall’idea di Guido Baccelli, nel 1874, diaccorpare in un’unica area tutti quegli Istituti ritenuti necessari allaformazione medica, progettando di costruirli “secondo i dettamidella moderna ingegneria sanitaria”, attraverso le elaborazioni erielaborazioni di Giulio Podesti, che hanno portato, nel 1902,all’inaugurazione della struttura2. Un impianto che, nel periodo in cui è stato progettato e costruito,ha colto le istanze igienico-sanitarie più aggiornate e che, nel tempo,è stato però superato a causa delle rapide trasformazioni del quadroesigenziale, delle modalità diverse di svolgere assistenza sanitaria,didattica, ricerca, della crescente e diversificata richiesta di dotazio- 29
  • 28. Roberto Palumbo - Anna Maria Giovenaleni tecnologiche. Questo impianto, nel corso degli anni, si è snaturato di pari passocon il moltiplicarsi di difficoltà e a causa di un conseguente, pro-gressivo degrado, generato da erogazioni frammentate di finanzia-menti, da giustapposizioni e ampliamenti che si sono susseguiti,senza la logica di un disegno complessivo, di una visione unitariadella struttura.La consapevolezza del “fare”, senza contrapposizioni Uno degli obiettivi principali da perseguire consiste, pertanto,nella capacità di conservare l’identità degli edifici e garantire, con-temporaneamente, i requisiti di qualità edilizia ed urbanistica per leattività sanitarie, di didattica e ricerca da insediare. E’ chiaro che, all’atto di rifunzionalizzare e riqualificare ilPoliclinico Umberto I, di fronte al complesso e articolato quadro esi-genziale delle attività da allocare, i vincoli dell’esistente venganoavvertiti come preponderanti. La necessità di definire schemi pro-gettuali “flessibili” che consentano, nel tempo, le modificazioni del-l’assetto funzionale, la rimodulazione degli spazi, potrebbe far sor-gere una pericolosa ed ambigua tendenza verso il realizzare “altro-ve”: ipotizzare una struttura nuovissima sotto il profilo organizzati-vo e formale, capace di sopportare la variabilità continua delle partie dell’insieme. Quest’ipotesi non si prende -doverosamente- nemmeno in esame:per via di tutte le implicazioni storiche, urbanistiche, legate al con-testo insediativo, al presidio sanitario stesso, alla tradizione e con-suetudine, che ruotano intorno al Policlinico Umberto I. Il solito progettista qualificato, infatti, consapevole che il proget-to è solo una parte del processo, si pone l’obiettivo di creare le con-dizioni per far coesistere la tecnologia ad alta complessità e la strut-tura esistente che la deve ospitare, considerando interdipendenti laqualità morfologica degli spazi, le tecnologie e le risorse umane.Anzi, cerca di fare molto, molto di più: indirizza la sua attenzionesulla “centralità dell’utente”, per definire nuovi criteri di qualitàarchitettonica, necessari a caratterizzare e “personalizzare” spazimoderni, funzionali, a misura di paziente e personale, sostanzial-mente “comodi e belli”. E poi, va oltre: si fa guidare “per mano”dalla consapevolezza che una struttura ospedaliera, per quanto fun-zionale, ben attrezzata e arredata, non può prescindere dal tassellourbano in cui si trova, dagli elementi “non ospedalieri” che su essoinsistono, dalle relazioni tra questi. Raggiunge infine il suo equili-brio solo quando è riuscito a coniugare, con soddisfazione, gli edifi- 30
  • 29. I criteri di progettazione: un futuro che viene dal passatoci con gli spazi aperti di relazione, con gli elementi di arredo urba-no, con quelli vegetazionali; solo quando, in sintesi, ha ricostruitoun’identità della struttura nel luogo dove questa è ubicata. Partecipando ai convegni sull’edilizia ospedaliera, occorre rile-vare che ci si sente dire sempre le stesse cose (organizzazione fun-zionale, relazioni tra funzioni complesse, chiarezza dei percorsi dif-ferenziati, da qui il percorso sporco e quello pulito, etc. etc.). Negliultimi quindici anni, poi, molti conferenzieri si sono sentiti probabil-mente “innovativi” quando hanno potuto parlare di standard e requi-siti per l’accreditamento o di privacy del paziente. Da un lato la “tradizionale” letteratura scientifica è giustificata,in termini di permanente divulgazione, perché su questi principi sisono formate diverse generazioni e occorre che le nuove siano tenu-te al corrente, dall’altro si prova la sensazione del “non voler render-si conto” di quanto tutto sia profondamente cambiato, già con l’in-troduzione dei DRG, ma poi della telemedicina e dei numerosissimiavanzamenti in campo scientifico e tecnologico. Pertanto, i criteriprogettuali di riferimento sono da ricercare altrove, con quella lun-gimiranza che, quasi mai (occorre riconoscerlo), ha caratterizzato laproduzione edilizia ospedaliera. Risulta, quindi, necessario, anche se più impegnativo, provare aridefinire i criteri di “qualità architettonica” (comprendendo, all’in-terno di questa, gli aspetti funzionali, organizzativi e tecnologici).Questi, soprattutto negli ultimi anni, sono stati un po’ troppo con-trabbandati per “comfort alberghiero” o (anche un po’ “inquietan-te”), come “umanizzazione”, quando sarebbe stato più corretto, adesempio, comprendere altre esperienze culturali, come quelle matu-rate nel settore dell’ergonomia. Da qui derivano, infatti, altre scaledi valori da attribuire agli spazi ospedalieri, secondo la gamma delleemozioni, secondo la logica del benessere psico-fisico e dell’inte-grazione individuale e, quindi, anche, della negazione di stimolinegativi, dello “stress” che uno spazio ospedaliero può suscitare. Viene spontaneo, a questo punto, chiedersi: “Quali sono le stra-tegie, le logiche, le modalità per intervenire sulla rifunzionalizzazio-ne delle aree e degli spazi del Policlinico Umberto I, considerando-ne la pluralità di funzioni, volendo porre al primo posto l’individua-zione di “punti di riferimento”, la definizione di criteri di orienta-mento, di accoglienza, di aree di riservatezza, di aree di aggregazio-ne, volendo garantire le comodities necessarie a tutte le diverse cate-gorie di utenti?” La visione strategica di riorganizzazione funzionale non può cheessere pluridisciplinare e, al tempo stesso, unitaria, identificando i 31
  • 30. Roberto Palumbo - Anna Maria Giovenalesottosistemi del sistema generale e ponendo al centro dell’obiettivola leggibilità di grandi aree, omogenee, in relazione privilegiatasecondo le esigenze di un ospedale universitario. Un punto di partenza è costituito dal ripensamento di tutto ilsistema di accessibilità e di percorsi, per categorie di utenti, ipotiz-zando una maglia articolata, nel tentativo di superare la commistio-ne e l’inadeguatezza degli attuali flussi.Il Policlinico Umberto I come “sito” tra i siti della città Per riqualificare il Policlinico Umberto I, occorre porsi tra i primiobiettivi, quello di superare la logica di “isolamento” che è sottesaalla sua attuale presenza nella città ed ai collegamenti con questa,accresciuta dalla mancanza di chiarezza ed identificazione dei per-corsi interni che collegano i vari padiglioni, dalla commistione trapercorsi pedonali, carrabili, dalla promiscuità tra i flussi di diversecategorie di utenti. A ciò va aggiunta una carenza tipica degli ospe-dali con tipologia a padiglioni: nonostante alcuni edifici siano dipregio storico-architettonico, nell’impianto complessivo è rilevantela mancanza di elementi di riconoscibilità, di sistemi di valori dicarattere urbano e architettonico. Il Policlinico ha perso, progressivamente, nel tessuto urbano, isuoi connotati di “sito” e, di conseguenza, la capacità di interazionecon gli altri siti della città. La qualità architettonica da ricercare vainnanzi tutto ricostruita considerando la funzione urbana e socialedell’area del Policlinico, ritenendo che la qualità ambientale e tecno-logica degli spazi è riferita alla qualità dell’intera struttura, del com-plesso insediativo, che costituisce un importante segmento di città. Progettare il Policlinico Umberto I, secondo un disegno comples-sivo, perseguendo gli obiettivi sopra esposti, definendo con puntua-lità i criteri enunciati, significa offrire un importante contributo allariqualificazione della città.Una prima ipotesi di definizione di criteri progettuali operativi Il Policlinico Umberto I, come accennato in precedenza, è unsistema complesso, costituito da tanti subsistemi. Risulta, pertanto, opportuno, prevedere di articolare la realizza-zione degli interventi per tranches, scandite, cronologicamente,all’interno di un disegno complessivo, che sia in grado di garantirel’autonomia delle singole parti, con l’obiettivo primario di far coe-sistere parti funzionanti e parti impegnate nel cantiere. Vuol dire elaborare un progetto unitario, pensando, fin dalla fasedi progettazione preliminare, ad una realizzazione per tranches. 32
  • 31. I criteri di progettazione: un futuro che viene dal passato Si tratta di rovesciare la solita logica: la modalità di realizzazio-ne “per tranches” ha contraddistinto, tradizionalmente, in formanegativa, la produzione ospedaliera, perché, a seguito di elaborazio-ni progettuali portate avanti con l’ottica di realizzare le strutturenella loro interezza, si subivano “tagli” determinati dalla scarsa enti-tà dei finanziamenti e dalla loro irrazionale modalità di erogazione.Un contesto, quindi, privo del necessario, stretto legame tra logicadei flussi finanziari, programmazione, progettazione e realizzazio-ne. La modalità di intervento che si prevede, nel legame tra proget-tazione e realizzazione, per il Policlinico Umberto I, è che il disegnoprogettuale sia complessivo ma già elaborato pensando alla realiz-zazione dei singoli subsistemi e che questi siano, una volta realizza-ti, immediatamente fruibili, autonomamente pronti all’uso, con lamassima attenzione e prudenza a non creare traumatiche interferen-ze con i servizi circostanti, programmando con puntualità gli inter-venti, i cantieri, soprattutto i tempi, i “prevedibili” imprevisti. Secondo quest’ottica e secondo le priorità immediate vanno subi-to privilegiati: a) i collegamenti (ipogeo, al piano terra, in sopraelevazione); b) i servizi generali: - parcheggio multipiano; - edificio della cucina; - edificio della lavanderia; - albergo; c) alcune priorità di riorganizzazione, inerenti: - radiodiagnostica e medicina di laboratorio; - sale operatorie; - pronto soccorso.Partendo da alcuni principi-base quali l’obiettivo di connotare l’in-tera area del Policlinico come parte integrante del contesto urbano edi rendere compatibili vincoli strutturali con esigenze funzionali etecnologiche, una prima ipotesi potrebbe prendere in considerazio-ne il ridisegno del sistema di circolazione carrabile e pedonale, stret-tamente interrelato con una nuova architettura del sistema.In questo ambito, si dovrà prevedere l’ampliamento dei percorsi sot-terranei, definendo un’area ipogea ramificata per i flussi interni rela-tivi alle attività di trasporto del materiale e per l’esercizio delle fun-zioni di supporto logistico (pasti, farmaci, biancheria), da realizzareanche attraverso l’organizzazione di un sistema meccanizzato, infor-matizzato, su rotaie.Questo potrebbe configurarsi come una sorta di metropolitana e, ad 33
  • 32. Roberto Palumbo - Anna Maria Giovenaleesempio, qualora servisse anche come percorso per i visitatori, sipotrebbe ipotizzare la connessione con il sistema della metropolita-na esistente.Secondo quest’ottica, si potrebbe realizzare una sorta di duplicatosotterraneo dell’aspetto superficiale dell’area del Policlinico: rispet-to al “sopra”, che si caratterizza come una città, il “sotto” si espan-de ugualmente, in forma quasi simmetrica, con vie, collegamenti,sistemi di trasporto, estensibili come ramificazione anche all’ester-no dell’area circoscritta del Policlinico.Al piano superiore va studiato un sistema di percorsi pedonali, indiretto collegamento con il sistema di accessibilità dall’esterno,garantendo la mobilità dei soli mezzi di soccorso. E’ l’ipotesi di rea-lizzazione di un nuovo spazio urbano (di sosta, di aggregazione, ascala “umana”) che si configura come “intimità” di un importantebrano cittadino.In quest’ottica, si inserisce il recupero di identità del verde, attraver-so la bonifica delle aree da valorizzare, la costruzione di manti erbo-si, di aree da destinare a giardino. E poi, ancora, la definizione di“elementi di riconoscibilità”, di arredo urbano, di nuovi spazi diaggregazione, di eventuali spazi espositivi, nelle aree di relazionetra gli edifici.Il terzo, fondamentale livello di percorrenze da prevedere consiste inun sistema sopraelevato di percorsi sanitari, chiaramente distinto daquello dei percorsi pedonali, destinato alle altre categorie di utenza.Si tratta di ricostituire la doppia rete: quella pedonale in superficie equella sopraelevata su pilotis. Il ripristino della galleria sopraeleva-ta e, comunque, di percorsi distinti da quelli in superficie trova con-ferma nell’impianto originario, nei tratti coperti in ferro e cristalloche garantiva, per il Podesti, un importante sistema di comunicazio-ne affidato … alla comunicazione tra i clinici.Relativamente a quest’ipotesi di razionalizzazione dei percorsi vaconsiderata la realizzazione di un nuovo sistema di parcheggi, daconfigurarsi come volume fuori terra e, a completamento dellamaglia di comunicazione, la realizzazione di un eliporto, in grado difornire un servizio efficiente, come fulcro di collegamenti conl’Ospedale S. Andrea (Medicina II), il polo pontino di Latina e lafutura nuova sede di “Madonna delle Rose”, sulla Nomentana.Oltre il parcheggio, si potrebbe considerare la realizzazione di altritre volumi fuori terra, collocati in posizione strategica, sulle testatedegli allineamenti che caratterizzano gli edifici esistenti, da destina-re a servizi generali (cucina, lavanderia, albergo) e da configurarecome subsistemi autonomi. 34
  • 33. I criteri di progettazione: un futuro che viene dal passatoPer quanto attiene il disegno di una “nuova architettura del sistema”,con riferimento alla razionalizzazione del sistema di percorsi, sipotrebbe ipotizzare, all’interno dell’impianto complessivo, una rior-ganizzazione funzionale “per fasce” omogenee di attività, preveden-do di destinare largamente alla Ricerca gli edifici sul fronte di Vialedel Policlinico, di destinare prevalentemente alle Degenze la fasciacentrale dei padiglioni e di utilizzare o rifunzionalizzare la fasciadegli edifici sul fronte di Viale Regina Elena per i Servizi ambulato-riali, la radiologia, la diagnostica, le attività “giornaliere” (dayhospital, day surgery, etc.)Le tre fasce garantiscono il loro attraversamento ortogonale e, conriferimento all’ipotesi di destinazione funzionale descritta, una chia-ra osmosi: secondo la lettura planimetrica della maglia, sulle ascisseverrebbero collocate le macroattività e, sulle ordinate, le specialità.Tale ipotesi di ridisegno complessivo delle funzioni assolverebbe airequisiti di necessaria, stretta integrazione tra Ricerca, Didattica eAssistenza del Policlinico Umberto I, allineandosi a quegli standardqualitativi che la struttura di eccellenza richiede.Nello schema ipotizzato si coniuga il tentativo di soddisfare diverseesigenze: ricostituire, per il Policlinico Umberto I, una struttura uni-taria, integrata, pur nella sua complessità funzionale, superare lecondizioni di “alienazione” ed isolamento rispetto al contesto urba-no, rendere compatibili i vincoli delle strutture esistenti con le esi-genze delle attività che devono essere svolte, liberando gli edificidalle superfetazioni e dalle ormai improprie destinazioni sanitarie e,soprattutto, conferire doverosamente, all’impianto complessivo, unanuova identità.Il “caso Policlinico” non è unico in Italia e nel mondo: è un fattoemblematico.Definire un corretto criterio per intervenire, una metodologia pro-gettuale innovativa che parta dalla riconfigurazione dell’ospedalecome “sito” urbano, passi attraverso la rifunzionalizzazione permacroattività (e, per specialità, intersecate), fino alla definizionepuntuale della qualità dei singoli spazi, può costituire un validoesempio, come esperienza, da esportare e/o utilizzare in numerosialtri casi, in altri contesti geografici.A breve, visto l’impegno dell’Ateneo su questi temi, la never endstory potrebbe concludersi.Nonostante questo, si è pronti, comunque, ad ulteriori altri quesiti,da inserire nello “stupidario”. 35
  • 34. Roberto Palumbo - Anna Maria Giovenale BIBLIOGRAFIA1. PALUMBO R., L’ospedale: Architettura e tecnologia. Med. Secoli 2002; 14: 243-258.2. AA. VV. Il Policlinico Umberto I. Progetto eseguito dall’Arch.tto Giulio Podesti. In Occasione dell’XI Congresso Medico Internazionale in Roma. Roma, C. Virano e C., 1894. 36
  • 35. UN TESTIMONE PREZIOSO:COSA RACCONTA DEL POLICLINICO «IL POLICLINICO» VITO CAGLI 37
  • 36. Vito Cagli 38
  • 37. Un testimone prezioso: cosa racconta del Policlinico “Il Policlinico”La fondazione della Rivista Non è possibile parlare del Policlinico Umberto I di Roma, senzafar riferimento a chi ne fu l’ideatore, il propugnatore e il fondamen-tale elemento catalizzatore, Guido Baccelli (1832-1916), Clinicomedico di Roma, più volte ministro dell’istruzione pubblica, figuradi spicco nel periodo di passaggio dal XIX al XX secolo. A lui, perlimitarsi all’ambito delle iniziative mediche, si deve, non solo l’edi-ficazione del Policlinico Umberto I come sede della Facoltà diMedicina dell’Università di Roma, ma anche la fondazione di unnuovo giornale medico intitolato proprio «Il Policlinico». Insieme a Baccelli, il cofondatore della nuova rivista fuFrancesco Durante (1844-1934), Clinico chirurgo nell’Università diRoma. Così il 15 dicembre del 1893 usciva il primo numero delnuovo «Periodico di Medicina, Chirurgia e Igiene», con una«Sezione Medica» diretta da Baccelli e una «Sezione Chirurgica»diretta da Durante. Soltanto nella prima delle due Sezioni troviamoun breve editoriale di presentazione, intitolato Per intenderci, chetraccia il programma e indica le finalità della rivista. ScriveBaccelli1: … La diagnosi esatta è la sovrana potenza del Clinico, perché la diagnosi esatta è la somma necessità della cura. … Si viene utilmente alle storte e ai reagenti, ai microscopii e ai termostati, quando si parta dal malato e dal cadavere. Questi i due punti cardinali dai quali deve muovere e perfezionarsi il Clinico. Dunque, primato della clinica e dell’anatomia patologica: quell’in-dirizzo che egli svilupperà con il termine di “anatomismo clinico”. In quello stesso 1893 i lavori per la costruzione del nuovo poli-clinico ristagnavano: cinque anni erano trascorsi da quando era stataposta la prima pietra dell’edificio e il completamento dell’operasembrava ancora lontano. Forse quel nome alla nuova rivista dimedicina voleva essere anche un augurio e uno stimolo: che cosìcome aveva preso il via quella impresa editoriale, affidata alla CasaEditrice Luigi Pozzi, allo stesso modo potesse presto concretarsil’edificazione del nuovo grande nosocomio romano. Due anni più tardi, il 9 novembre del 1895 esce il primo numerodel «Supplemento al Policlinico», una vera e propria nuova rivistaad indirizzo più pratico e ricca di molte informazioni relative almondo medico. Sei anni dopo, nel 1901, il «Supplemento» si trasfor-merà in una terza sezione della rivista: «Il Policlinico SezionePratica». Sarà questa Sezione a fornire il maggior numero di noti- 39
  • 38. Vito Caglizie sugli eventi che hanno a che vedere con il Policlinico UmbertoI, con la sua edificazione e poi con la sua vita e con i personaggi chene caratterizzeranno l’attività. Ci riferiremo, pertanto, principalmen-te alle annate de «Il Policlinico Sezione Pratica». Intanto la costruzione del nuovo ospedale è progredita e sicomincia a respirare l’aria di una prossima conclusione. E di questaconclusione «Il Policlinico» ci fornisce una puntuale testimonianza,quando pubblica un numero speciale in occasione delle onoranze aGuido Baccelli2. Tra i diversi interventi in onore del Maestro è strettamente perti-nente al nostro argomento quello a firma di Agenore Zeri (1864-1939, allievo di Baccelli e allora professore ordinario di Semeioticamedica) intitolato: Guido Baccelli e il Policlinico Umberto I. ScriveZeri3: … E concepì egli allora il Policlinico: togliere le cliniche alla dipendenza disadatta, scomoda e talvolta imbarazzante degli ospedali, e riunirle in una grande unità didattica, fornirle dei mezzi più decorosi e moderni di studio, di lavoro sperimentale, di cura, porvi accanto gli istituti medici per gli insegnamenti teorici e sperimentali e formare così la scuola medica nel senso più vero ed utile della parola, che riunisse professori e studenti affratellandoli nello studio e nell’attuazione pratica della più importante ed umanitaria delle scienze. Questo il disegno informatore dell’opera di Guido Baccelli. … … I lavori necessari a portare a compimento un’opera iniziatasi sotto auspici così favorevoli occuparono 15 anni di indefessa operosità da parte degli iniziatori e degli esecutori di essa. Occorsero nuove lotte alla Camera ed al Senato per superare le difficoltà finanziarie e tecniche che si opponevano al compimento ed al funzionamento di un organismo così complesso e grandioso; ma finalmente lo scorso anno prima i padiglioni ospitalieri e poscia le singole cliniche poterono occupare le sedi a loro destinate: e l’opera era così in gran parte compiuta! Si trattava, insomma, di sanare una condizione didattica e diricerca che, collocata com’era in diversi ospedali della città, davaluogo ad inconvenienti molto notevoli per gli studenti e per i mala-ti, e portava anche grave pregiudizio all’attività dei docenti. I tempinuovi, reclamavano nuove soluzioni! Ma non era un compito facilee non mancarono gli ostacoli. Zeri riassume assai bene il lungo tra-vaglio ed anche la soddisfazione per la conclusione del difficile iti-nerario. Dopo il numero in onore di Baccelli, il fascicolo 15 del 15 aprile 40
  • 39. Un testimone prezioso: cosa racconta del Policlinico “Il Policlinico”del 1906 de «Il Policlinico Sezione Pratica» riporta la cronaca delleonoranze tributate a Guido Baccelli in Campidoglio, la domenica 8aprile di quell’anno. Molti furono i discorsi pronunciati in quella occasione; per ilnostro scopo basterà citare qualche stralcio di quello tenuto dallostesso Baccelli che così esordì4: Nel 1881, Ministro per la prima volta della Pubblica Istruzione, ebbi l’onore di convocare alla Minerva una numerosa Commissione di Clinici perché elaborassero, viribus unitis, il disegno di massima per l’esecuzione del quale si sarebbe aperto tra gli architetti un concorso. E qui giustizia vuole che io ricordi quali e quanti dottissimi uomini vi collaborarono. Di quelli che restano è breve il drappello; ma di quelli che vissero è più lunga la serie. Agli illustri Proff. Palasciano, Porro, Pellizzati, Bottini, Cantani, Mazzoni, Magni, in questo giorno solenne innalziamo dall’anima grata nel mesto ricordo un pensiero amoroso. Sopravvivono di quella Commissione i Professori De Renzi, Murri e Schroen che onorano i nostri atenei. Compiuto il disegno di massima, aperto tra gli architetti un concorso, questo fu vinto dal rinomato architetto romano Giulio Podesti, il quale mirabilmente eseguì la costruzione di tutte le cliniche. Ma fu d’uopo giungere al 1884, per avere una Commissione Reale esecutiva della grande opera. Nominata questa dal Presidente del Consiglio di quel tempo, Agostino Depretis, venne a me concesso l’onore di presiederla. Poi, rivolgendosi direttamente al Re, disse: … Era il 19 gennaio 1888, quando i Vostri Augusti Genitori, Umberto e Margherita, posero la prima pietra del grande Istituto e Voi, o Sire, eravate presente, a 19 anni della florida Vostra giovinezza. Ebbi anche in quel giorno l’onore di parlare ai Sovrani: e ricordo la grande commozione della Regina Margherita, cui un tenero senso d’illuminata materna pietà, imperlando gli occhi, propiziava sul Vostro capo giovinetto e unigenito la provvidenza di Dio! I lavori intanto del Policlinico si succedevano non senza ostacoli di varia natura, quando, a dare impulso più alacre all’opera santa, nel 1894 venne il crisma solenne di un Congresso medico internazionale che si adunò nel Policlinico. Da ogni parte del mondo, in mezzo ad un esercito di novemila medici, fra stranieri e nazionali, giunsero qui i più grandi maestri, e sul labbro loro, pieno di ammirazione sincera, fiorirono parole di alta ammirazione all’Italia, e lieti essi annuirono all’invito nostro fraterno di considerare il grandioso Istituto come un Salon de la Science, dove tutti, volendo, potessero trovare amica accoglienza e pienezza di mezzi, per 41
  • 40. Vito Cagli dimostrare da Roma, al mondo, i novissimi metodi di ricerca e i novissimi veri. Due puntualizzazioni di Baccelli meritano di essere sottolineate.Il protrarsi dei lavori tra molte difficoltà e l’effetto “catalitico” eser-citato dal congresso internazionale che evidentemente fu tenuto, nonsappiamo se in parte o per intero, in alcuni locali del PoliclinicoUmberto I ancora in fase di costruzione. Su questi aspetti «IlPoliclinico» sorvola, limitandosi a dar conto riassuntivamente delleprincipali relazioni tenute in quel congresso. Nello stesso numero de «Il Policlinico» del 15 aprile 1906 ven-gono riportate anche due brevi cronache che vale la pena di citareper esteso qui di seguito: L’inaugurazione della Clinica Medica Lunedì 11 corr. alle ore 10, la Clinica Medica del Policlinico Umberto I venne visitata da un numero rilevantissimo di invitati, fra i quali si notavano molte signore. Le infermiere presentarono a Guido Baccelli una splendida corbeille di fiori. Professori, aiuti e assistenti facevano squisitamente gli onori di casa, guidando il pubblico nelle sale, nei gabinetti scientifici e nelle corsie. La fine della cerimonia Lunedì, a mezzogiorno, ebbe luogo una colazione offerta dal prof. Baccelli, nell’Hôtel de Russie, alle rappresentanze estere, ai clinici italiani e al Comitato organizzatore delle onoranze. A questo punto una prima tappa fondamentale nella vita delPoliclinico Umberto I si è conclusa: il grande istituto è ormai ingrado di funzionare. Il suo “testimone”, la rivista «Il Policlinico», haminori occasioni per occuparsene. Resta tuttavia attento a quantoaccade entro le mura di quella cittadella della medicina e soprattut-to a tutto quanto riguarda coloro che la animano da protagonisti eche sono, del resto, tra gli autori più spesso presenti nelle diversesezioni della rivista con i loro contributi scientifici. Così il fascicolo 19 del volume XXIII, in data 7 maggio 1916riporta la seduta straordinaria della R. Accademia Medica, tenutasiil 16 aprile in commemorazione di Guido Baccelli che era decedutoil 10 gennaio di quello stesso anno, mentre nel fascicolo n. 7 de «IlPoliclinico Sezione Medica» in data 1 luglio 1916 trovano posto lecommemorazioni di Baccelli ad opera di Augusto Murri, Clinicomedico di Bologna e di Edoardo Maragliano, Clinico medico di 42
  • 41. Un testimone prezioso: cosa racconta del Policlinico “Il Policlinico”Genova. Di notevole interesse è quanto riportato da «Il Policlinico SezionePratica» in data 10 giugno 1917, che riguarda la decisione dellaFacoltà su chi debba coprire la cattedra già di Baccelli. Nel periododi tempo intercorso dalla morte di Baccelli la supplenza dellaClinica Medica era stata tenuta da professor Eugenio Rossoni(1848-1919), ordinario di Patologia medica, ma ora diveniva neces-sario dare alla cattedra una titolarità. Ecco la notizia riportata da «IlPoliclinico»5: La Facoltà Medica di Roma adunatasi il 6 corr. ha deliberato di chiamare il prof. Vittorio Ascoli, ordinario di Patologia medica dimostrativa presso l’Università di Pavia, a coprire la cattedra di Clinica Medica dell’Università di Roma, rimasta vacante per la morte del compianto prof. Baccelli. Il risultato della votazione è stato il seguente: 12 voti al prof. Ascoli, 3 al prof. Schupfer, 1 astenuto, 2 schede bianche. Il Policlinico è orgoglioso di questa designazione e porge i suoi rallegramenti al professor Ascoli. Perché questo “orgoglio”? Perché Vittorio Ascoli (1863-1931),che di Baccelli era stato allievo, aveva ricoperto il ruolo di redatto-re capo de «Il Policlinico» sin dalla sua fondazione. In realtà «Il Policlinico» fu per moltissimi anni la “voce scienti-fica” della Clinica Medica e della Clinica Chirurgica della FacoltàMedica di Roma, cioè della parte universitaria del PoliclinicoUmberto I. Nel periodo compreso tra il 1917 e il 1927 dalla ClinicaMedica uscirono 326 tra lavori, relazioni e comunicazioni ad acca-demie. Ben 101 di questi lavori furono pubblicati su «IlPoliclinico», sia nella Sezione Medica, che nella Sezione Pratica. Questo legame si rafforzò ulteriormente per il fatto che ArnaldoPozzi si laureò in medicina l’11 luglio del 1923 con una tesi Per laconoscenza della sifilide gastrica preparata nella Clinica Medica,dove successivamente rimase, alla Scuola di Vittorio Ascoli. Nel1927 l’editore Luigi Pozzi (il padre di Arnaldo) pubblicò un volu-me di 126 pagine, dal titolo La clinica Medica di Roma nel primodecennio di direzione del Prof. Vittorio Ascoli, che reca la scritta«OMAGGIO DI LUIGI POZZI EDITORE DE “IL POLICLINICO”». Il libro,oltre al testo della prolusione pronunciata dieci anni prima daAscoli e già pubblicata su «Il Policlinico»6 e al sommario dell’atti-vità scientifica della Clinica, è corredato da 20 fotografie che cimostrano gli ambienti della Clinica Medica del Policlinico qualierano in quel tempo. 43
  • 42. Vito Cagli Così il rapporto tra la Casa Editrice de «Il Policlinico» e laClinica Medica romana diveniva sempre più stretto, rafforzato dalfatto che Vittorio Ascoli mantenne anche la sua funzione di redatto-re capo de «Il Policlinico». Quando nel 1932 Cesare Frugoni (1881-1978), dopo la morte diAscoli, fu chiamato alla direzione della Clinica Medica, anche que-sta volta la sua prolusione fu pubblicata su «Il Policlinico»7. E de «IlPoliclinico» Frugoni assunse la direzione scientifica, divenendoneanche direttore responsabile, qualifica quest’ultima che conservòfino alla sua morte. Negli anni in cui Frugoni mantenne la cattedradi Clinica Medica, (1932-1951) pubblicare i propri lavori su «IlPoliclinico», se non un obbligo, era certamente una prassi consolida-ta, anche perché Arnaldo Pozzi era rimasto in Istituto dove ricoprivale mansioni di “primo Aiuto”. L’interesse di Frugoni per «IlPoliclinico» non era una pura formalità: sul finire degli anni ’60, o aiprimi degli anni ’70, volle avere a cena nella sua casa di via Bruxellestutta la Redazione e fu una serata piacevolissima di conversazione, diricordi e anche di qualche domanda più confidenziale. Alla morte di Frugoni, «Il Policlinico» pubblicò un breve ricor-do del Maestro, a firma del più ascoltato tra i redattori, il professorCostantino Iandolo, primario medico degli Ospedali Riuniti diRoma e allievo del professor Frugoni. Scriveva tra l’altro Iandolo8: Del «Policlinico» Frugoni fu per moltissimi anni direttore non soltanto di nome ma di fatto. Leggeva sistematicamente il nostro Giornale e, anche dopo il suo collocamento a riposo, non mancava di dare di tanto in tanto alla redazione suggerimenti e consigli. Quando poi uno di noi pubblicava un lavoro o un articolo di particolare interesse, riceveva immediatamente una lettera di apprezzamento e di felicitazioni di Frugoni. Dopo il pensionamento di Frugoni per limiti di età, nella testatade «Il Policlinico», accanto al suo nome come direttore, comparveanche quello di Giovanni Di Guglielmo (1886-1961) che gli erasubentrato nella cattedra e successivamente furono inseriti LuigiCondorelli, (1899-1985) titolare della I cattedra di Clinica medica eCataldo Cassano (1902-1998), titolare della II cattedra di Clinicamedica. Insomma tutti i cattedratici, o ex cattedratici, di Clinicamedica erano cooptati nella direzione de «Il Policlinico». Dopo lamorte di Di Guglielmo, nel 1961, venne inserito anche il nome diMichele Bufano (1901-1993), allora titolare della cattedra diSemeiotica medica, che aveva sede in uno dei nuovi padiglionicostruiti nella zona compresa tra la lavanderia e la Clinica di 44
  • 43. Un testimone prezioso: cosa racconta del Policlinico “Il Policlinico”Malattie Infettive. Analogamente la direzione de «Il PoliclinicoSezione Chirurgica» fu tenuta fino al 1972 da Pietro Valdoni (1900-1976) e da Paride Stefanini (1904-1981), titolari rispettivamentedella I e II cattedra di Clinica chirurgica. Il legame rimaneva dunque saldo e lo testimoniava anche la pre-senza dei riassunti delle sedute dell’Accademia Medica di Roma,che si tenevano nell’aula di Clinica Medica e, per un certo tempo,nella biblioteca del Policlinico Umberto I, e che erano una delleespressioni dell’attività scientifica della Facoltà di Medicina e delgrande istituto in cui essa era largamente presente. Nel numero 16de «Il Policlinico Sezione Pratica»9 del 1973 veniva riportata laseguente comunicazione: Il Prof. Pietro Valdoni, con votazione unanime, è stato chiamato a succedere al Prof Pietro Di Mattei nella carica di Presidente dell’Accademia Medica di Roma. Il nuovo Consiglio di Presidenza risulta così composto: Presidente: Prof. Pietro Valdoni; Vice Presidente: Prof. Giuseppe Giunchi; Segretario Prof. Luigi Travia; Consiglieri Proff.i Giorgio Monticelli, Giambattista Bietti, Antonio Ribuffo, Paride Stefanini, Mario Rastelli, Sergio Cerquiglini. Nella stessa seduta è stata conferita al Prof. Giuseppe Caronia ed al Prof. Dario Maestrini una medaglia d’oro per i 50 anni di appartenenza alla Accademia Medica. Questi resoconti furono presenti, sia pure via via in modo semprepiù saltuario, fino ai primi anni ’90. Nel numero 1 de «Il Policlinico Sezione Pratica» del 1971, com-parve un breve corsivo, a firma degli Editori, in cui si annunciava unradicale cambiamento nel contenuto e nella veste tipografica. LaSezione Pratica de «Il Policlinico» cessava di pubblicare “lavorioriginali”, che avrebbero continuato a trovare posto nella SezioneMedica e nella Sezione Chirurgica e riservava il proprio spazio arassegne sintetiche e a brevi articoli informativi. Contemporaneamente scomparivano dalla testata i direttori, inquanto direttori scientifici, mentre, come si è già detto, restava alprofessor Frugoni la qualifica di direttore responsabile, che passeràpoi, dal 1979, al suo antico Aiuto, il professor Arnaldo Pozzi. «IlPoliclinico Sezione chirurgica» restava sotto la direzione di Valdonie di Stefanini; ad essi sarebbero succeduti G.F. Fegiz e S. Stipa e, inseguito, due editors, in luogo dei direttori, scelti comunque semprenell’ambito dei docenti di chirurgia del Policlinico Umberto I. Questi cambiamenti, determinati in larga misura dal crescente 45
  • 44. Vito Cagliinteresse degli studiosi per la pubblicazione dei propri lavori scien-tifici su riviste di lingua inglese a circolazione internazionale, ren-devano più tenue il legame tra «Il Policlinico» e il PoliclinicoUmberto I. Nello stesso tempo il moltiplicarsi delle cattedre nel PoliclinicoUmberto I rendeva meno agevole seguire i cambiamenti che si anda-vano verificando. Nel numero 20 della Sezione Pratica del 1972nella rubrica Vita Professionale si può leggere10: La facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Roma ha deliberato che il Prof. A. Beretta Anguissola venga chiamato alla II Cattedra di Clinica Medica Generale e Terapia Medica. Ha deliberato altresì con voto unanime che il Prof. Giuseppe Giunchi venga trasferito dalla I Cattedra di Malattie infettive alla III Cattedra di Clinica Medica Generale e Terapia Medica. Ad entrambi le più vive congratulazioni de «IL POLICLINICO». Comunque il legame tra “i due Policlinici” permaneva. Alcunianelli di questo legame restavano e restano. Anzitutto l’antico rap-porto della Casa Editrice Pozzi con la Clinica Medica del PoliclinicoUmberto I. E poi le persone. Fino al 1981 Il professor Arnaldo Pozzifu, con i suoi ricordi e i suoi racconti, un testimone della storicaClinica Medica di Ascoli e di Frugoni. Accanto a lui numerosi com-ponenti della Redazione provenivano dalla Clinica Medica diFrugoni, di Di Guglielmo e di Cassano. Insomma, la Clinica Medica era, ed ancora in una certa misurarimane, il luogo dell’imprinting originario della Rivista, il punto dicontatto che per tanti anni ha unito due storiche istituzioni delmondo medico romano: il Policlinico Umberto I e la rivista «IlPoliclinico» BIBLIOGRAFIA1. BACCELLI G., Per intenderci. Il Policlinico. Sezione Medica 1893; I: 22. AA. VV., Numero speciale in occasione delle onoranze a Guido Baccelli. Il Policlinico. Sezione Pratica, 1906; 13(14):417-480.3. ZERI A., Guido Baccelli e il Policlinico Umberto I. Il Policlinico. Sezione Pratica 1906; 13(14):466-470.4. BACCELLI G., Cronaca delle onoranze a Guido Baccelli. Il Policlinico. Sezione Pratica 1906; 13(15):505-506.5. Notizie Diverse. Il Policlinico. Sezione Pratica 1917; 24(24):784. 46
  • 45. Un testimone prezioso: cosa racconta del Policlinico “Il Policlinico”6. ASCOLI V., I compiti attuali della clinica medica. Il Policlinico. Sezione Pratica 1918; 24(1):3; 24(3):49; 24(4):81.7. FRUGONI C., L’essenza e gli obiettivi dell’insegnamento clinico. Il Policlinico. Sezione Pratica 1932; 39(4):125-133.8. IANDOLO C., Ricordo del Maestro. Il Policlinico. Sezione Pratica 1978; 85:1-2.9. Comunicazione, Il Policlinico. Sezione Pratica 1973; 80(16):714.10. Vita Professionale, Il Policlinico. Sezione Pratica, 1972, 79(20):886. Le fonti a cui ho attinto per la redazione del presente capitolo sono i volumi de «Il Policlinico» e desidero ringraziare gli Editori Pozzi per avermi facilita- to il lavoro mettendo a mia disposizione la collezione completa della Rivista. 47
  • 46. Vito Cagli 48
  • 47. PARTE II:Gli Istituti “Biologici” di Fondazione
  • 48. IL DIPARTIMENTO DI ANATOMIA UMANA TINDARO G. RENDA 51
  • 49. Il Dipartimento di Anatomia UmanaI primi anni dell’insegnamento Si può convenire che nella storia di una grande istituzione comeil Policlinico Umberto I di Roma le cosiddette discipline di base, fracui viene annoverata anche l’Anatomia Umana, possano non averavuto un ruolo determinante. Ma è pur vero che il Policlinico è unastruttura universitaria, dedicata alla formazione dei futuri medicinonché ad un’attività di ricerca scientifica di eccellenza. In ciascu-no di questi due campi le discipline di base hanno da sempre rappre-sentato un valido alleato ed un efficiente interlocutore. E in questoruolo ritengo che l’Anatomia Umana romana abbia ben contribuitoa rendere grande questo importante complesso. L’insegnamento dell’Anatomia Umana, anche se per parecchiotempo impartito nell’ambito di altri corsi, soprattutto di chirurgia, hafatto parte del curriculum didattico degli studi di Medicina in Romasin dal XIII secolo. Le prime tracce risalgono al 1294 nella ScuolaPalatina Romana, per passare poi dal 1377 nello Studio Romano inTrastevere, e dal 1431 nell’Archiginnasio romano. Un veroGabinetto di Anatomia Umana fu istituito da Pio IX nel 1870 pres-so la sede della “Sapienza” a S. Eustachio, seguito dal regio gover-no italiano che ha insediato nel 1881 l’Istituto di Anatomia Umanae di Istologia generale e speciale nel Convento di S. Antonio in viaAgostino De Pretis, 92, al Viminale. Risale infine al 1930 il trasfe-rimento dell’Istituto di Anatomia Umana Normale nell’edificio diViale Regina Elena, 289 (con accesso anche da via Alfonso Borelli,50) che è anche la sede attuale del Dipartimento di AnatomiaUmana, istituito nel 2002.I Maestri la didattica, la ricercaLa ricostruzione delle vicende dell’Anatomia romana e delle perso-nalità accademiche che vi hanno operato è già stata oggetto di spe-cifica trattazione negli anni passati e di tali opere mi sono in parteavvalso per il presente contributo e ad esse rimando il lettore chevolesse conoscerne i dettagli1.In questa sede riporto brevi cenni biografici soltanto di alcuni per-sonaggi che con la loro attività hanno dato particolare lustroall’Anatomia romana prima del 1870, e, dopo questa data, di tutticoloro che si sono avvicendati nella direzione dell’Istituto o vihanno comunque operato meritevolmente.Realdo Colombo Nato a Cremona tra il 1516 e il 1520, va a studiare a Padova. È 53
  • 50. Tindaro G. Rendadiscepolo del celebre Vesalio, di cui diviene assistente prima e suc-cessore poi, nel 1544, come lettore di chirurgia ed anatomia. Fig. 1 – Realdo Colombo (Cremona 1516- Roma 1559) Fig. 2 – Frontespizio del De Re Anatomica, Libri XV di Realdo Colombo Nel 1545 Cosimo de’ Medici lo chiama nella appena riorganizza-ta Università di Pisa ove diviene il primo professore di Anatomia.Vi rimane sino al 1548, anno in cui il pontefice Paolo III (al secoloAlessandro Farnese) lo chiama a Roma a insegnareall’Archiginnasio che lo stesso papa aveva provveduto a riformarenel 1539. Qui Realdo Colombo è accolto alla pari da personaggiillustri e diviene amico di Michelangelo Buonarroti che utilizza isuoi insegnamenti per perfezionare le sue opere. Diventa il medicodella curia pontificia, a lui vengono affidati incarichi particolari edelicati, come l’autopsia sul cadavere di Ignazio di Loyola e quellasul cadavere del cardinale Federico Ridolfi, morto per apparenticause naturali durante il conclave per la nomina del successore diPaolo III (1550), morte che egli diagnosticò avvenuta per avvelena-mento. Muore a Roma nel 1559. Colombo fu un ottimo anatomico ed eseguì molteplici osservazio-ni sul cadavere che raccolse nell’opera De Re Anatomica, Libri XVstampata a Venezia nel 1559. Fra le tante descrizioni originali sicura-mente la più importante è quella, accurata e completa, della circola-zione polmonare, scoperta citata anche dallo stesso Harvey, ma chein genere è stata disconosciuta dagli storiografi successivi. Eseguìnumerose dissezioni in pubblico alla presenza anche di alti prelati eaccademici. E’ stato fra i primi ad utilizzare animali viventi per alcu- 54
  • 51. Il Dipartimento di Anatomia Umanane dimostrazioni di anatomia e fisiologia cardio-polmonare. A Realdo Colombo è oggi intitolata l’Aula A del nostroDipartimentoBartolomeo Eustachio (o Eustachi) Nato presumibilmente nel 1513 a San Severino nelle Marche (mac’è chi sostiene fosse nato in San Severino di Calabria; anche la datadi nascita viene variamente riferita tra il 1500 ed il 1524). Compìdapprima approfonditi studi umanistici in varie università italiane,incluso l’Istituto di Filosofia della Sapienza, nel corso dei qualiacquisì ottime conoscenze di greco, ebraico ed arabo. Dal 1540 Eustachio si dedicò agli studi di medicina e, divenuto presto famoso per la sua bravura, fu scelto come medico per- sonale dal Duca di Urbino. Nel 1547 si spo- stò a Roma, al seguito del fratello del Duca, il Cardinale Giulio della Rovere, e qui divenne protomedico e fu ingaggiato come professore di Anatomia presso il Collegio della Sapienza all’Archiginnasio fra il 1555 ed il 1567, quando gravi motivi di salute, soffriva molto di gotta, lo costrinsero a ras- segnare le dimissioni. Continuò a servire ilFig. 3 – Bartolomeo Cardinale della Rovere e morì nel 1574Eustachi (San Severino sulla via per Fossombrone.1513-Fossombrone 1574) Bartolomeo Eustachio fu un grande ana- tomico ed insieme a Vesalio e Falloppio èconsiderato il fondatore della moderna Anatomia. Scrisse molti trat-tati fra cui fondamentali sono quelli sul rene, sulla morfologia esulla architettura dei denti, ove si ha la prima descrizione delle duedentizioni, sul sistema delle vene azygos, sul dotto toracico, sullavalvola cardiaca che porta il suo nome e sugli organi dell’udito conparticolare riguardo all’orecchio medio e alla tuba che porta ancoroggi il suo nome. Eseguì molte ricerche comparative su animali tal-mente importanti da essere considerato come il fondatoredell’Anatomia Comparata. Avvalendosi dell’opera di Pier Matteo Pini, artista in Urbino, ela-borò, per un’opera mai pubblicata, 47 tavole anatomiche che furonoincise su lastre di rame dal romano Giulio de’ Musi e di cui le prime8 furono usate a complemento dei suoi Opuscola anatomica del1564. Delle rimanenti tavole si persero le tracce sin quando non 55
  • 52. Tindaro G. Rendafurono rinvenute 162 anni dopo in casa di un discendente del Pini edacquistate dal papa Clemente XI per 600 scudi. Il papa le mostrò alproprio medico personale, Giovanni Maria Lancisi, che fra l’altroaveva l’insegnamento dell’Anatomia nella stessa cattedra che erastata dell’Eustachio. Il Lancisi le pubblicò completandole con il suopersonale commento nel 1714 col titolo Tabulae anatomicaeBartholomei Eustachi quas a tenebris tandem vindicatas. Anche senon raggiungono la bellezza estetica delle tavole di Vesalio, le tavo-le di Eustachio risultano molto più accurate per i dettagli anatomici. A Bartolomeo Eustachio è intitolata l’Aula C del nostroDipartimento. Un personaggio che merita in questa sede di essere citato, anchese non ha mai avuto l’incarico ufficiale di insegnare Anatomia inRoma, è Marcello Malpighi, il fondatore dell’AnatomiaMicroscopica. Egli fu a Roma negli ultimi anni della sua vita (dal1661 al 1664) come Archiatra del papa Innocenzo XII. Nel nostroDipartimento ha sede l’Academia Malpighiana StudiorumAnatomiae Microscopicae, una Associazione non-profit per la valo-rizzazione degli studi di anatomia microscopica, a lui intitolata daPietro Motta che l’ ha fondata nel 1988. A Marcello Malpighi è dedi-cata l’ Aula B del nostro Dipartimento.Giovanni Maria Lancisi Nato a Roma nel 1654, ha studiato nel Collegio Romano deiGesuiti e si è laureato all’età di 18 anni in Medicina. Fig. 4 – Giovanni Maria Lancisi (Roma 1654-1720) Fig. 5 – Frontespizio di un’edizione del 1728, successiva alla prima del 1714, delle tavole di Bartolomeo Eustachio commentate dal Lancisi Nel 1684 fu chiamato alla Cattedra di Anatomia della Sapienza 56
  • 53. Il Dipartimento di Anatomia Umanapassando nel 1696 a quella di Medicina che tenne sino al 1718. FuArchiatra del papa Innocenzo XI e successivamente dei papiInnocenzo XII e Clemente XI. Si interessò anche di Igiene. Si è inte-ressato dell’anatomia del cuore, della circolazione sanguigna, dellevene azygos, del sistema nervoso centrale. Fondamentali i suoi studisulla malaria. Fu anche letterato e membro di varie accademie. Fuammesso all’Arcadia col nome di Esilio Macariano. Nel 1714, inau-gurando solennemente la Biblioteca medica, da lui donata e che oggiporta il suo nome, presentò al papa Clemente XI le ritrovate TavoleAnatomiche di Bartolomeo Eustachio da lui commentate. L’anno successivo ha inaugurato l’Accademia di Medicina eChirurgia, ancor oggi nota come Lancisiana, nel cui ordinamentodispose l’obbligo di indire, almeno due volte al mese, sedute perincentivare la ricerca scientifica e contribuire all’istruzione e all’ag-giornamento dei medici. Morì a Roma nel 1720 lasciando erede uni-versale l’Ospedale S. Spirito in cui da giovane aveva lavorato comeAssistente.Giorgio Baglivi Nato in Dalmazia nel 1668, si è laureato in Medicina a Napoli.Ha risieduto in diverse città italiane e nel 1692 si trasferisce a Romaove nel 1696 viene incaricato dell’insegnamento dell’Anatomia edella Chirurgia che tiene sino al 1701 per passare a quello diMedicina teorica che tiene sino alla morte avvenuta prematuramen-te nel 1707. Seguace del Malpighi, scrisse alcuneopere sulla circolazione del sangue, sulcuore della tartaruga, sulle meningi, sullacomposizione della saliva e della bile,oltre a vari altri testi raccolti in una OperaOmnia. Lo si ricorda come il teorico del“Solidismo”.Francesco Todaro Nato a Tripi (Messina) nel 1839, compìi suoi studi di Medicina nell’Università diMessina da cui fu espulso per ragioni poli-tiche in quanto aderente al movimentoantiborbonico. Avvenuto lo sbarco deiMille si unì ad essi a Milazzo e collaboròcon i chirurghi, anche se ancora studente, Fig. 6 – Giorgio Baglivialla cura dei feriti nell’ospedale di (Dalmazia 1668- Roma 1707) 57
  • 54. Tindaro G. RendaBarcellona (Messina). Dopo la liberazione dell’Isola, riprese glistudi, si trasferì a Firenze ove frequentò i laboratori di Schiff ePacini ed ebbe l’incarico di settore di Anatomia in S. Maria Nuova.Qui iniziò i suoi studi sul cuore che lo porteranno alla descrizionedell’architettura cardiaca e del tendinetto che porta il suo nome. Nel1865 riceve l’incarico dell’insegnamento dell’Anatomia pressol’Università di Messina ove allarga i suoi interessi scientifici allamorfologia ed embriologia di animali marini in quanto convintoassertore del valore degli studi comparati per meglio comprenderel’organizzazione degli organismi più complessi2. Quando nel 1870Roma si riunì all’Italia venne chiamato a ricoprire la cattedra diAnatomia della Regia Università, carica che occupò sino alla suamorte avvenuta nel 1918.Fig. 7 – Francesco Todaro(Tripi, ME, 1839-Roma 1918) Fig. 8 – Atrio principale dello stabile con accesso dal viale Regina Elena. Sulla destra il busto di Francesco Todaro (in particolare nella figura seguente). Venne nominato da Francesco Crispi Senatore del Regno e fu mem-bro delle accademie dei Lincei e dei XL. Fondò la rivista Ricerche diMorfologia. E’ stato tra i primi a introdurre il metodo delle sezioniseriate per lo studio sistematico al microscopio; introdusse lo studiodell’Embriologia come materia complementare e per primo fu incari-cato di un corso ufficiale di Embriologia. Come politico, meritevole èstata la sua opera a favore di Messina a seguito del terremoto del 1908.Riccardo Versari Nato a Milano nel 1865, si laurea in Medicina a Roma nel 1889.Dopo un breve periodo di lavoro negli ospedali romani, fu nominato 58
  • 55. Il Dipartimento di Anatomia Umana assistente nell’istituto di Anatomia, diretto dal Todaro, nel 1890. Per circa quattro anni lavorò in entrambi i ruoli per poi passare decisamente all’Ana- tomia nel 1894 quando fu nominato aiuto. Libero docente nel 1896 fu incari- cato dell’insegnamento dell’Anatomia Microscopica nel 1897 e professore ordinario della stessa materia nel 1900. Nel 1903 passò all’Istituto di Anatomia di Palermo e nel 1914 a quello di Napoli, ben operando in entrambi le sedi. Alla morte del Todaro fu chiamato a succedergli nel 1919 nella direzione dell’Istituto che tenne sino al pensiona- mento avvenuto nel 1935; fu nominatoFig. 9 - Busto bronzeo di professore emerito nel 1940 e morì aFrancesco Todaro collocato Morra (Cuneo) nel 1945.nell’Atrio principale del Fu Senatore del Regno, ConsigliereDipartimento superiore della Sanità Pubblica, Rettore dell’Accademia di EducazioneFisica e membro di varie accademie ed enti culturali italiani ed este-ri. Dal punto di vista scientifico affrontò argomenti di angiologia,neurologia periferica, morfogenesi dell’apparato urinario. Ma il suocontributo più notevole e pregevole sono state le finissime osserva-zioni sull’angioarchitettura dell’occhio umano e di molti mammife-ri. Ha proseguito l’opera del Todaro succedendogli nella direzionedella rivista Ricerche di Morfologia. Sotto la sua direzione avvennenel 1930 il trasloco dell’ Istituto nel nuovo complesso di VialeRegina Elena, che sin dall’inizio subìuna parziale variazione di destinazionein quanto si convenne di ospitareanche l’Istituto di Anatomia Compa-rata sino ad allora situato in alcunilocali dell’ Istituto di PatologiaGenerale all’interno del Policlinico3. Fig. 10 – Riccardo Versari (Milano 1865- Morra, CN, 1945) 59
  • 56. Tindaro G. RendaFig. 11 – Facciata principale dello stabile al numero civico 289 del Viale Regina Elenache dal 1930 è stata sede dell’Istituto ed oggi lo è del Dipartimento di Anatomia Umana.Vincenzo Virno Nato a Cava dei Tirreni (Salerno) nel 1897, ha compiuto tutta lasua carriera accademica all’interno dell’Istituto di Anatomia diRoma dal 1921, come assistente, sino al 1972 epoca del suo pensio-namento. In pari data fu nominato Professore emerito di Anatomiadalla Facoltà di Medicina. Succedendo al suo maestro Versari assunse la direzione dell’Istituto di Anatomia tra il 1935 ed il 1967. Si è occupato principalmente di Anatomia macroscopica e topografica, di anato- mia comparata, di morfofisiologia del- l’apparato locomotore, di medicina sportiva. Fu editore della rivista Ricerche di Morfologia. Fu Com- missario Governativo prima e Di- rettore poi dell’ISEF di Roma tra il Fig. 12 – Vincenzo Virno (Cava dei Tirreni, SA, 1897- Roma 1985) 60
  • 57. Il Dipartimento di Anatomia Umana1950 e il 1967. Fu Direttore della Scuola centrale dello Sport dal1966 al 1971. Fu insignito di diverse medaglie d’oro dal CONI,dall’ISEF, dalla Federazione Medico-Sportiva Italiana e dalMinistero della Pubblica Istruzione. Fu Accademico emeritodell’Accademia Lancisiana dal 1977. Morì a Roma nel 1985.Zaccaria Fumagalli Nato a Parabiago (Milano) nel 1912, si laurea in Medicina nel1937. Dopo due anni di frequenza in Anatomia Patologica, entranel 1939 come assistente nell’Istituto di Anatomia UmanaNormale dell’Università di Milano, diretto dal Bruni. Ottenuta lalibera docenza nel 1943, viene chiamato dall’Università diMessina a dirigere l’Istituto di Anatomia Umana (1952-1963).Passa poi a dirigere l’Istituto di Anatomia Umana di Palermo(1963-1967) e quindi quello di Roma (1967-1982). NominatoProfessore emerito dell’Università La Sapienza nel 1985, muore aMilano nel 2000. Di grande impegno è risultata l’attivi- tà organizzativa degli Istituti Anatomici da lui diretti. In particolare, gli Istituti di Messina e Palermo sono stati pratica- mente costruiti ex-novo, mentre l’Istituto Anatomico di Roma è stato totalmente riorganizzato con l’allestimento di gran- di laboratori indipendenti, ciascuno attrezzato per specifiche branche morfo- logiche: a) il Laboratorio di Microscopia Elettronica (affidato al Prof. P.M. Motta, suo primo allievo che lo aveva seguitoFig. 13 – Zaccaria Fumagalli da Messina), b) il Laboratorio di Isto-(Parabiago, MI, 1912-Milano chimica e Radiobiologia (Prof. C. Ca-2000) vallotti), c) il Laboratorio di Colture in vitro e Immunoistochimica (Prof.Franceschini, Prof. T. Renda), d) il Laboratorio di AnatomiaMacroscopica (Prof. G. Marinozzi). Ha anche provveduto a dotare l’Istituto romano di un laboratoriodidattico attrezzato con speciali e nuove apparecchiature televisivea circuito chiuso (Centro Didattico Televisivo), che, all’epoca (si eraalla fine degli anni ‘60), rappresentavano una novità quasi assoluta,anche a livello internazionale, per lo studio dell’Anatomia. Dal punto di vista scientifico ha compiuto importanti ricerche sul 61
  • 58. Tindaro G. Rendasistema ipotalamo-ipofisario, sull’orecchio medio ed interno, sullosviluppo del sistema nervoso, sulla radioprotezione chimica e sullaradiosensibilità dei tessuti (in particolare fegato, milza, sistema ner-voso), sulla vascolarizzazione del fegato e sui processi di rigenera-zione epatica, sull’architettura vascolare e sull’ultrastruttura dei pro-cessi ciliari e della retina, sugli spermatozoi animali, ricerche appli-cate anche a problematiche di fecondazione artificiale. Socio di diverse società scientifiche, è stato anche socio fondato-re della Società Italiana di Istochimica (1957) e della SocietàItaliana di Radiobiologia Medica. Ha anche svolto un’intensa attività pubblicistica a carattere didat-tico con l’intendimento di modernizzare l’insegnamento universita-rio dell’Anatomia Umana. Durante la direzione del Fumagalli è avvenuto l’ampliamentodel numero delle Cattedre e degli incarichi di insegnamentodell’Anatomia Umana e dell’Anatomia Topografica a ricoprire iquali sono stati chiamati altri docenti, alcuni dei quali, dopo il1983, si sono avvicendati nella direzione dell’Istituto sino alla suadisattivazione a seguito della costituzione dell’odiernoDipartimento4. Convinto della necessità di avvicinare l’Anatomia Umana alleScienze cliniche, negli ultimi anni della sua direzione il Fumagallisi è adoperato ad organizzare l’istituzione di uno dei primiDipartimenti della Sapienza, quello di Scienze Neurologiche oveafferirono insieme a lui tre docenti ufficiali all’epoca afferentiall’Istituto (Carlo Cavallotti, Domenico Palermo e IsidoroRossodivita). L’Istituto non venne in quella circostanza disattivatoperché in esso rimasero afferenti altri quattro docenti ufficiali(Marcello Casini, Giulio Marinozzi, Pietro Motta e TindaroRenda)Mario Franceschini Beghini Nato a Sanguinetto (Verona) nel 1918, dopo aver frequentatogli Istituti anatomici di Padova e Ferrara, è stato allievo di Levi eLoreti nell’Istituto di Anatomia Umana di Torino dove ha iniziatola carriera accademica. Il suo primo incarico lo vede succedere alFumagalli nella direzione dell’Istituto di Anatomia Umana diMessina nel 1963, ove chi scrive era stato dall’anno precedenteaccettato come allievo interno dal Fumagalli. Nel 1969 vienechiamato dalla Facoltà di Medicina della Sapienza a ricoprire laprima Cattedra di Anatomia Umana. Muore a Roma prematura-mente nel 1973. 62
  • 59. Il Dipartimento di Anatomia Umana A lui si deve la completa ristrutturazio- ne dell’ala dell’Istituto romano ove ha attrezzato il reparto per le colture in vitro, dell’ Anatomia microscopica ottica, dell’Istoenzimologia e dell’Immunoisto- chimica con la collaborazione di chi scri- ve, suo allievo, che egli si era adoperato a far chiamare dalla Facoltà romana sia come assistente ordinario che come inca- ricato di Anatomia sullo sdoppiamento della prima cattedra nel 1970-71. Didatta preciso e infaticabile, è stato anche unFig. 14 – Mario Franceschini ottimo ricercatore, addestratosi presso ilBeghini (Sanguinetto, VR, famoso Centro di Embriologia Spe-1918- Roma 1973) rimentale di Nogent-sur-Marne, nei pressi di Parigi, allora diretto da Etienne Wolf,ove apprese le metodiche delle colture in vitro, istotipiche ed orga-notipiche, che successivamente applicò sia a Messina che a Romaper i suoi studi su problematiche di organogenesi sullo sviluppo deisomiti, dell’abbozzo degli arti e del tubo neurale. Alcune sue ricer-che hanno anche ottenuto riconoscimenti ufficiali, tra cui amavacitare sempre il premio Lussana per la migliore tesi di laurea, lamedaglia d’oro al IV festival di cinematografia scientifica e il pre-mio Cacace di Nipiologia del 1963.Giulio Marinozzi Nato a Tolentino nel 1935, ha compiuto i suoi studi di Medicinapresso l’Università La Sapienza laureandosi nel 1960. Sin dal primoanno di corso è entrato come allievo interno presso l’ Istituto diAnatomia Umana sotto la direzione del Virno e ben presto dimostrapregevoli qualità di anatomochirurgo tanto da essere, ancora studen-te, incaricato di seguire gli studenti più giovani nelle esercitazioni diAnatomia Macroscopica. Nel 1962 diviene Tecnico laureato diruolo. Consegue la libera docenza in Anatomia Chirurgica e Corsodi Operazioni, quindi in Anatomia Topografica e infine in AnatomiaUmana. Nel contempo, presta anche servizio come chirurgo genera-le e di pronto soccorso presso l’Ospedale S. Camillo di Roma. Tra il1969 ed il 1972 svolge per incarico il corso di Anatomia Umanapresso il Libero Istituto di Medicina e Chirurgia dell’Universitàdell’Aquila e dal 1972 al 1975 presso la Facoltà di Medicina dellaSapienza. Nel 1975 diviene ordinario di Anatomia Umana e vienechiamato dalla Facoltà romana a ricoprire la terza cattedra di 63
  • 60. Tindaro G. RendaAnatomia nell’Istituto che nel frattempo era passato sotto la direzio-ne del Fumagalli. Con quest’ultimo partecipa alla ristrutturazionedell’Istituto di cui cura particolarmente il reparto di AnatomiaMacroscopica e l’annessa Sala Settoria. Introduce per primo in Italiala tecnica della Plastinazione degli organi con la collaborazione delDr. Von Hagens dell’Università di Heidelberg. La sua attività di ricerca si è inizialmente rivolta ad argo- menti di Anatomia Macro- scopica sistematica su temi di angiologia e splancnologia, con particolare attenzione al fegato e alle vie biliari. Avvia così un filone di studi morfologici spe- rimentali sulla epatectomia par-Fig. 15 – Giulio Marinozzi ziale e rigenerazione epatica e(Tolentino, MC, 1935-Roma 1997) sulla legatura delle vie biliari che amplierà successivamenteintroducendovi metodiche microscopiche, ultrastrutturali ed isto-chimiche. Interessanti anche i risultati dei suoi studi sulla articola-zione del ginocchio compiuti con indirizzo multidisciplinare5.Collaborando con il Prof. Miodonsky introdusse la tecnica dellainiezione vascolare di resine con osservazione al Microscopio elet-tronico a scansione dei calchi ottenuti a seguito di corrosione degliorgani impregnati (corrosion casts). Con tale metodo ottenne otti-mi risultati studiando la microcircolazione muscolare, ossea, epati-ca e retinica. Ha svolto anche una pregevole attività editoriale perla didattica. Fu Direttore dell’Istituto di Anatomia nel triennio1988-1991. Per la competenza raggiunta nello studio del corpo umano fuincaricato dalle alte autorità ecclesiastiche del tempo a compierericognizioni sui corpi di Santi e Beati, fra cui S. Rita da Cascia e S.Nicola da Tolentino, patrono della sua città natale. Subentrato al suo Maestro Virno come docente di Anatomianell’ISEF Statale di Roma ne divenne Direttore e ne curò la riorga-nizzazione curriculare, ne potenziò i laboratori scientifici, rinnovò larivista Alcmeone (di cui chi scrive fu per tanti anni Capo Redattore),avviò protocolli di cooperazione internazionali e altre iniziative cheben presto portarono l’ISEF Statale di Roma tra le più qualificateistituzioni internazionali del settore. Seguì con infaticabile attenzio-ne tutte le vicende legislative per trasformare l’ISEF in Facoltà 64
  • 61. Il Dipartimento di Anatomia UmanaUniversitaria di cui fu strenuo sostenitore. Fu anche per il suo impe-gno che, poi, dal 1999-2000, si arrivò alla trasformazione dell’ISEFnell’unico Istituto Universitario autonomo di Scienze Motoried’Italia (IUSM). L’ultimo periodo della sua carriera accademica lo vide impegna-to nell’organizzazione del Libero Istituto Universitario “CampusBiomedico” di cui fu Rettore ed in cui profuse tutta la sua esperien-za e capacità organizzativa raggiungendo in breve tempo ottimirisultati. Purtroppo una grave, incurabile malattia lo portò in breve tempoe immaturamente a morte avvenuta a Roma nel 1997. Chi scrive gli fu sincero amico e collega e volentieri ne testimo-nia qui anche le doti umane, l’attaccamento al lavoro, il senso deldovere, lo spirito di servizio, l’umiltà nel riconoscere i propri limiti,che gli permisero di conquistare la stima del mondo accademico edei colleghi anatomici che lo vollero per diversi anni come consi-gliere nella Società Italiana di Anatomia.Pietro M. Motta Nato a Sassari nel 1942, compie i suoi studi di ScienzeBiologiche prima e di Medicina dopo, presso l’Università diMessina ove il padre, Giuseppe, si era trasferito come Direttoredella Clinica Ostetrica della locale Università. Allievo interno delFumagalli prima e del Franceschini dopo, inizia la carriera univer-sitaria come assistente di ruolo nell’Istituto anatomico messinese.Nel 1967-68 si trasferisce a Roma allorquando il Fumagalli vi sitrasferisce da Palermo. Collabora con il suo maestro alla ristruttu-razione dell’Istituto anatomico romano dedicando in modo partico-lare le sue inesauribili energie nell’organizzazione di un modernoed attrezzato reparto di Microscopia Elettronica delle cui tecniche,nel frattempo, era divenuto esperto a seguito delle sue frequentazio-ni di eccellenti laboratori negli Stati Uniti ed in Giappone. Liberodocente di Istologia nel 1968 e di Anatomia nel 1970, è incaricatodi Istologia dal 1967 al 1971 presso il Libero Istituto di Medicina eChirurgia dell’Università dell’Aquila, e di Anatomia Umana dal1971 presso l’Università La Sapienza. Diviene professore ordinarioe titolare della seconda Cattedra di Anatomia Umana di Roma nel1975. Nel 1982 succede al suo maestro nella direzione dell’Istituto,carica che tiene sino al 1985 e successivamente dal 1992 ininterrot-tamente sino al 2002 allorquando immaturamente e improvvisa-mente muore in Roma. 65
  • 62. Tindaro G. Renda Dotato di intelligenza vivace, brillante ricercatore e instancabile organizzatore, si affermò ben presto in campo nazionale ed internazionale raggiungendo livelli di eccellenza soprattutto per le sue ricerche di microscopia elettronica a trasmissione ed a scansione sul fegato e sull’apparato ripro- duttivo femminile. Fu Presidente della Società Italiana di Anatomia dal 1993 al 1999; Presidente della Federazione Mondiale delle Società di Anatomia dalFig. 16 – Pietro M. Motta 1999 al 2002, Segretario Generale del(Sassari 1942-Roma 2002) Comitato per i Simposi di ScienzeMorfologiche. Nel 1995 ha fondato la Academia MalpighianaStudiorum Anatomiae Microscopicae. Svolse una cospicua attivitàeditoriale sia nel campo della didattica, pubblicando testi ed atlan-ti di Anatomia Microscopica che vennero tradotti in diverse lingue,sia nel campo scientifico agendo da editor per una collana di 37volumi su argomenti di anatomia microscopica. Importante anchela sua attività pubblicistica collaborando alla realizzazione di tra-smissioni televisive della serie Quark. Organizzò in Roma alcunicongressi nazionali ed internazionali fra cui alcuni MalpighiSymposia ed il Congresso Mondiale degli Anatomisti nel 1999. E’stato insignito di innumerevoli premi internazionali ed ha ricevuto6 lauree honoris causa da Università straniere. Grazie alla suainstancabile attività l’Istituto di Anatomia di Roma ha acquistatonotevole prestigio in campo internazionale costituendo un veropunto di riferimento per molti ricercatori italiani e stranieri che nehanno frequentato i laboratori ed hanno instaurato attive collabora-zioni6. Chi scrive gli è stato compagno di cammino e sincero amicosin da quando eravamo allievi interni nell’Istituto di Anatomia diMessina, abbiamo seguito i rispettivi maestri nell’Istituto romano e,ciascuno con le proprie capacità, animati da profondo amore per lanostra disciplina e da un comune sentire abbiamo operato di con-serva sempre e soltanto per il prestigio dell’Istituto che entrambiavevamo contribuito a ristrutturare. La morte lo ha colto improvvi-samente mentre era dedito alla realizzazione del 5° InternationalMalpighi Symposium concepito per celebrare il 7° Centenario dellafondazione dell’Università la Sapienza. Chi scrive, insieme a tutti icomponenti del nuovo dipartimento, ne ha raccolto l’idea e l’harealizzata con notevole partecipazione di colleghi provenienti datutte le parti del mondo, nel 2003, dedicandola alla sua memoria ad 66
  • 63. Il Dipartimento di Anatomia Umanaun anno dalla sua scomparsa. In quella occasione è stata scopertauna targa che intitola a Pietro Motta la Sezione di MicroscopiaElettronica del Dipartimento. L’ultimo quarto del XX secolo ci ha visto solidali, Pietro Motta,Giulio Marinozzi e chi scrive, nel seguire le trasformazioni tumul-tuose delle vicende accademiche e le riforme curriculari che inmaniera incalzante si sono susseguite. Consci del ruolo insostituibi-le che le scienze morfologiche rivestono nella costruzione di solidebasi teorico-pratiche del futuro medico, abbiamo in ogni sede e conforza fatta nostra l’idea, che peraltro avevamo ereditato dai nostriMaestri, di trasformare l’Anatomia descrittiva in Anatomia funzio-nale, favorendone l’apertura verso integrazioni orizzontali e vertica-li ed impedendone nel contempo la perdita di identità. Anche conquesta nostra attenta azione, credo, si abbia contribuito non pocoalla crescita e al raggiungimento delle attuali posizioni di eccellen-za didattica e scientifica della nostra Facoltà.Fig. 17 – Logo del 5° Simposio Malpighi Fig. 18 –Targa che intitola la Sezione diorganizzato nell’ambito delle celebrazioni Microscopia Elettronica deldel 7° centenario della fondazione Dipartimento a Pietro Motta, scopertadell’Università “La Sapienza” di Roma e l’11 settembre 2003, a poco più di undedicato alla memoria del suo ideatore anno dalla sua morte, in occasione delPietro Motta. 5° Simposio Malpighi 67
  • 64. Tindaro G. Renda Con Decreto Rettorale del 14.02.2002, è stato istituito ilDipartimento di Anatomia Umana dell’Università “La Sapienza”.Avendovi aderito la totalità dei componenti dell’Istituto di AnatomiaUmana Normale della I Facoltà di Medicina e Chirurgia, l’Istituto èstato disattivato in pari data. Viene nominato Direttore del Dipartimento il Prof. Pietro M.Motta che come si è detto tragicamente scompare dopo pochi mesi.Dal 2002 ad oggi a tale carica viene eletto chi scrive. L’odierno Dipartimento di Anatomia Umana si articola in quattroSezioni (Microscopia Elettronica “Pietro Motta”, Anatomia Micro-scopica Clinica, Immunoistochimica, Anatomia Macroscopica) cia-scuna suddivisa in reparti, e ne è prevista l’attivazione di una quin-ta (Sezione di Anatomia ultrastrutturale clinica) presso il Polo S.Andrea, sede della II Facoltà di Medicina e Chirurgia. Dispone infi-ne di un Servizio di Organizzazione Didattica, di un Laboratorio diproduzione software e servizi multimediali e di una Biblioteca disettore. Ulteriori dettagli sul Dipartimento sono ottenibili visitandoil sito web “http://w3.uniroma1.it/anatomiaumana/”. BIBLIOGRAFIA1. CAPPARONI P., I maestri di Anatomia nell’Ateneo Romano della Sapienza durante il secolo XVI. Boll. Istituto Storico Arte Sanitaria 1926; 6:197-214.2. RENDA T., L’insegnamento delle discipline anatomiche nella “Studiorum Universitas Messane”. Palermo, IRES, 1967.3. VIRNO V., Ricordo biografico di un maestro: Riccardo Versari. Ricerche di Morfologia 1952; 22:VII-XIII.4. CAVALLOTTI C., L’insegnamento delle discipline anatomiche nell’Università degli studi “La Sapienza” di Roma. Roma, Edizioni Universitarie Romane, 1985.5. GAUDIO E., Ricordo del Prof. Giulio Marinozzi. It. J. Anat. Embryol. 1999; 104/2: 22-27.6. BARBERINI F., FAMILIARI G., MACCHIARELLI G., Commemoration of Professor Pietro M. Motta (1942-2002). It. J. Anat. Embryol. 2003; 108/2: I-X. 68
  • 65. Il Dipartimento di Anatomia UmanaTAB. I- DOCENTI DI ANATOMIA ALLA “SAPIENZA” (sino al 1870)DOCENTE ANNIANGELO DA CAMERINO....................................................................1294- ?FRANCESCO CASINI ...........................................................................1377- ?PAOLO DI JACOPO DELLA ROTONDA ............................................1378- ?PAOLO DI LELLO DELLA VALLE .....................................................1431- ?GABRIELE DE ZERBI ..........................................................................1480- ?ALFONSO FERRI ..................................................................................1539- 51REALDO COLOMBO............................................................................1551- 55BARTOLOMEO EUSTACHI .................................................................1555- 67BENALBO BRANCALUPO ..................................................................1570- 82ARCANGELO PICCOLOMINI .............................................................1582- 87ANGELO ANTONINI ............................................................................1587- 1619ALESSANDRO MENGHINI .................................................................1622- 26GIOVANNI CASTELLANI....................................................................1626- 58GIOVANNI TRULLI ..............................................................................1658- 67PIETRO MANFREDI ............................................................................1667- 81LUCA ANTONIO PORZIO....................................................................1681- 84GIOVANNI MARIA LANCISI ..............................................................1684- 96GIORGIO BAGLIVI...............................................................................1696- 1701ALESSANDRO PASCOLI .....................................................................1701- 08ANTONIO COCCHI...............................................................................1731- 42COSIMO GRILLI ...................................................................................1742- 43MARCO MARCANGELI.......................................................................1743- 48NATALE SALICETI ...............................................................................1748- 49LEOPOLDO MICHELI ..........................................................................1769- 93PIETRO LUPI .........................................................................................1793- 1831ACHILLE LUPI ......................................................................................1831- 53FORTUNATO RUDEL ...........................................................................1853- 1870TAB. 2- I DIRETTORI DELL’ISTITUTO DI ANATOMIA (dal 1870 al 2002)FRANCESCO TODARO........................................................................1870- 1918RICCARDO VERSARI ..........................................................................1919- 1945VINCENZO VIRNO ...............................................................................1945- 1967ZACCARIA FUMAGALLI ....................................................................1967- 1982PIETRO M. MOTTA ..............................................................................1982- 1985TINDARO G. RENDA ...........................................................................1985- 1988GIULIO MARINOZZI............................................................................1988- 1991PIETRO M. MOTTA ..............................................................................1992- 2002 69
  • 66. LA SCUOLA BIOCHIMICA ROMANA GINO AMICONI 71
  • 67. La Scuola Biochimica RomanaLe prime radici Il primo corso tenuto a Roma di Chimica fisiologica e patologica(denominazione che può considerarsi quella originaria della disci-plina nota oggigiorno come Biochimica) venne svolto nel 1881 daGiuseppe Colasanti, uno studioso che si era formato anche nel labo-ratorio di Eduard Pflüger all’Università di Bonn (Fig. 1) e che poinel 1890 passò alla cattedra di Farmacologia sperimentale. Com’ènoto, verso la fine del XIX secolo gli aspetti chimici dei processifisiologici e patologici che avvengono negli organismi viventi rice-vettero grande attenzione da parte di una molteplicità di specialistiin varie branche della medicina, che andavano dai farmacologi, agliigienisti, ai patologi, ai clinici, ai fisiologi: furono in verità questiultimi a dare un solido corpo alla nuova disciplina, plasmandonel’architettura generale e dandole un ben definito contenuto in mododa separare nettamente la Chimica fisiologica (denominazione uffi-ciale in tutta Europa, fino alla prima guerra mondiale, dell’attualeBiochimica) dalla cosiddetta Chimica clinica e dalla Chimica foren-se (le due altre branche della chimica applicata allora note, nelcampo della medicina). Una vera e propria cattedra di Chimica fisiologica venne però istituita ufficialmente all’Università di Roma solo nel 1903 e, come disciplina autonoma, trovò ospitalità presso l’Istituto di Fisiologia umana. Fu incaricato di svolgere il corso Domenico Lo Monaco, che ne mantenne l’insegnamento -rinnovato di anno in anno- fino alla sua morte, avvenuta nel 1930. Gli successe Giuseppe Amantea, il quale lasciò l’incarico nel 1949, quando divenne professoreFig. 1 - Certificato - ordinario di Fisiologia umana. Anche se la granfirmato da Eduard parte degli interessi scientifici di Amantea fuPflüger- che attesta rivolta prevalentemente a temi più propriamen-l’impegno attivo di te fisiologici (e. g. epilessia sperimentale), nonGiuseppe Colasanti mancarono da parte sua studi che rientrano nel-nelle ricerche svolte nel l’ambito della biochimica: basti qui ricordaresuo Istituto di Fisiologia che nel 1923 scoprì che i cristalli di emoglobi-dell’Università di Bonn. na ottenuti dal sangue di neonato (prelevato dal cordone ombelicale) erano diversi da quelliprodotti dal sangue di adulto: questa osservazione fu tra le prime amettere in evidenza alcune importanti differenze strutturali a livellomolecolare che si producono negli esseri viventi col passare dallo 73
  • 68. Gino Amiconistato neonatale (caratterizzato appunto dalla presenza di un’emoglo-bina detta fetale) a quello della maturità biologica (con una diversaemoglobina detta adulta, per distinguerla dalla fetale)1. Si ama quicitare questi risultati sperimentali, perché lo studio dei trasportatoridi ossigeno negli organismi viventi (come appunto è l’emoglobina)sarà tra le linee di ricerca che nel ventennio compreso tra il 1955 edil 1975 hanno dato lustro alla scuola biochimica romana, fondata daAlessandro Rossi Fanelli.Alessandro Rossi Fanelli a Roma A partire dagli inizi del Novecento lo studio dei sistemi viventia livello molecolare andò man mano imponendosi negli ambientibiomedici anche in Italia, tant’è che -ad imitazione di quel che eragià avvenuto in gran parte del resto d’Europa e negli Stati Unitid’America- nel 1942 si ritenne doveroso bandire il primo concor-so nazionale per tre cattedre di Biochimica: un termine quest’ulti-mo che, da quel momento in poi, sostituì definitivamente la dici-tura Chimica fisiologica. Tra i vincitori c’era Alessandro RossiFanelli, che avrebbe dovuto trasferirsi subito -da Napoli, dov’eranato ed aveva iniziato la sua carriera universitaria- all’Universitàdi Pavia, dove però giunse solo nel 1945 per le difficoltà impostedalla guerra allora in atto agli spostamenti di individui e cose. Lasede di Pavia fu per lui del tutto transitoria; ed infatti già nel 1949venne chiamato a ricoprire la cattedra di Biochimica all’Universitàdi Roma, in seguito al trasferimento di Giuseppe Amantea allaFisiologia umana. Prima di andare in cattedra, Rossi Fanelli avevascoperto -a Napoli- che la differenza di solubilità tra l’emoglobina(il trasportatore di ossigeno presente nel sangue) e la mioglobina(il trasportatore di ossigeno che si trova dentro i muscoli) permet-teva di isolare e purificare queste due proteine, l’una dall’altra:tale metodica, innovativa per quei tempi, diede a Rossi Fanelli–mentre si trovava a Pavia- la possibilità di determinare per laprima volta la composizione chimica della mioglobina umana, unbrillante risultato che apparve nel 1948 su una delle più prestigio-se riviste scientifiche (di allora, come anche al giorno d’oggi),Science, e che fu comunicato, sempre nello stesso anno, anche allaBarcroft Memorial Conference (un importante congresso a cui par-teciparono i più importanti scienziati che lavoravano sulle emo-proteine, tra cui alcuni futuri vincitori di premi Nobel). A Roma lo spazio assegnato all’Istituto di Biochimica compren-deva poche stanze, circondate da ampie ed inutilizzabili terrazze,all’ultimo piano dell’edificio che ospitava la Fisiologia umana (al 74
  • 69. La Scuola Biochimica Romanaprimo piano) e la Farmacologia (al piano terra). L’ala sinistradell’Istituto, in cui si decise di mettere gli uffici amministrativi e lostudio di Rossi Fanelli, era stata riparata alla meglio, dopo la parzia-le distruzione (Fig. 2) dovuta al bombardamento che subì Roma nel1943. La strumentazione per una valida ricerca biochimica in praticanon esisteva, in quanto quel poco che vi si trovava era mirato al lavo-ro sperimentale di neurofisiologia, svolto da Amantea. Quanto al per-sonale, c’era un solo tecnico esecutivo assegnato all’Istituto, ma nes-sun assistente. Da questo poverissimo inizio, Alessandro RossiFanelli creò quello che al tempo della sua andata fuori ruolo (nel1981, all’età di 75 anni) era diventato il Dipartimento (interfacoltà)di Scienze biochimiche e che dalla sua morte (avvenuta nel 1990)porta il suo nome. Attualmente (vale a dire nella primavera del 2005)vi afferiscono 21 professori ordinari, 27 professori associati e 20ricercatori (13, 17 e 10, rispettivamente, afferenti alla Facoltà diMedicina); ed inoltre, 1 assistente ordinario e 38 unità di personalenon-docente, tra quello amministrativo e quello di laboratorio.Completano il quadro odierno, le attuali potenzialità scientifiche delDipartimento, costituite -oltre che dalle apparecchiature di base perla biologia molecolare, la biochimica delle proteine e la biologia cel-lulare- da sofisticate strumentazioni per la ricerca d’avanguardia, chevanno da quelle per la cinetica rapida (capaci di misurare eventimolecolari che si producono nei millisecondi, nei microsecondi e neinanosecondi), a quelle per la biocristallografia, per l’analisi struttura-le di biomolecole (basata sulla stretta integrazione tra spettrometriadi massa e classiche metodologie biochimiche), per la bioinformati-ca, per la spettroscopia e per la biotermodinamica2. Date tutte queste realizzazioni, non stupisce che quando andòfuori ruolo Alessandro Rossi Fanelli fu molto festeggiato sia daisuoi allievi diretti (ritratti in gran parte con lui nella Fig. 3), sia danumerosi scienziati stranieri ben noti in campo internazionale cheavevano trascorso periodi più o meno lunghi nei laboratoridell’Istituto da lui diretto (Fig. 4). Fig. 2 - Così appariva l’edificio che ospitava nella Città universitaria gli Istituti di Fisiologia e di Farmacologia, dopo il bombardamento del 1943. All’Istituto di Biochimica, diretto da Rossi Fanelli dal 1949, fu assegnato l’ultimo piano, compresa la parte che risulta distrutta. 75
  • 70. Gino Amiconi Fig. 3 - Alessandro Rossi Fanelli (al centro della prima fila) con alcuni dei suoi più stretti collaboratori nel 1981. Andando dalla fila più bassa a quella più alta e –all’interno di ogni fila- da sinistra a destra, si vedono: (prima fila) Maurizio Brunori, Lilia Calabrese, Franca Ascoli Marchetti, Alessandro Rossi Fanelli, Dagmar Siliprandi, Emilia Chiancone ed Anna Giartosio; (seconda fila) Giuseppe Rotilio,Carlo De Marco, Donatella Barra, Doriano Cavallini, Francesca Riva ed EraldoAntonini; (terza fila) Noris Siliprandi, Silvestro Duprè, Roberto Strom, Carlo Cannella,Paolo Cerletti e Bruno Mondovì; (quarta fila) Roberto Scandurra, Giorgio Federici,Bruno Giardina, Alessandro Finazzi-Agrò, Carlo Turano e Francesco Bossa. In quest’occasione fu organizzato un importante simposio scien-tifico tenuto a Roma presso l’Accademia Nazionale dei Lincei. Fig. 4 - Ecco la gran parte dei partecipanti al simposio su “Structure-Function Relationships in Biochemical Systems”, tenutosi dal 28 al 30 settembre 1981 a Roma nella sede dell’AccademiaNazionale dei Lincei. Lo spunto per organizzare questa manifestazione scientifica fu lacelebrazione del 75° compleanno di Alessandro Rossi Fanelli (al centro della prima fila,vestito di scuro). Nell’impossibilità di nominare tutti i presenti, si citano solo i trevincitori di premi Nobel: Max Perutz, John Kendrew e Renato Dulbecco. Tra le varie e dotte comunicazioni scientifiche3 incuriosì gliastanti l’intervento -del tutto fuori dagli schemi classici dei conve-gni- di William E. Blumberg, un brillante scienziato dei BellLaboratories (New Jersey, USA): egli presentò un quadro dettaglia- 76
  • 71. La Scuola Biochimica Romanato della carriera scientifica di Rossi Fanelli, applicando un ingegno-so trattamento statistico da lui escogitato, che in seguito si rivelò unpoco più elementare -ma altrettanto efficace- di quello successiva-mente proposto da Eugene Garfield per il suo Citation Index.Secondo Bill Blumberg, la produzione scientifica di Rossi Fanelliaveva seguito l’andamento tipico che si osserva per ogni grandescienziato: uno stadio iniziale (1946–1954), caratterizzato da unprogressivo aumento del numero di lavori pubblicati ogni anno,seguito da un periodo (1955–1966) di costante ed elevata produtti-vità scientifica, che tende poi a declinare gradualmente (1967–1981)man mano che più tempo e più energia vengono dedicati ad altreattività (politica della scienza, ricerca di finanziamenti, amministra-zione e -perché no- anche regate, una passione questa che durò perl’intera vita di Rossi Fanelli).La costruzione della scuola biochimica romana Poche stanze dunque ed un solo tecnico: ecco ciò che trovò RossiFanelli a Roma, quando vi fu chiamato a ricoprire la cattedra diBiochimica. Una volta resosi conto della scarna situazione in cui ver-sava il suo Istituto, Rossi Fanelli perseguì con tenacia il classico pro-gramma di sviluppo che vale per una qualsiasi attività articolata ecomplessa, come può essere la didattica universitaria e la ricercascientifica che di necessità la accompagna: aumentare il personaledocente e non docente, trovare la strumentazione adeguata ed allar-gare gli spazi; in breve, cercare ed acquisire sostanziosi finanzia-menti. Come prima mossa, chiamò a Roma i due assistenti che ave-vano collaborato con lui a Pavia: Noris Siliprandi e Giulio Perri, aiquali affiancò due giovanissimi studenti di medicina romani (PaoloFasella e Paolo Cerletti). Alla fine del 1949, arrivò DorianoCavallini, che aveva trascorso un lungo periodo a New York pressol’ottimo laboratorio di biochimica della Cornell University, alloradiretto dal futuro vincitore di un premio Nobel (quello per la chimi-ca nel 1955), Vincent Du Vigneaud. Al momento della sua partenzaper gli Stati Uniti, Cavallini era assistente in una materia d’insegna-mento che forse esisteva solo in Italia, la Patologia generale, dedica-ta allo studio dei fenomeni biologici elementari comuni a moltemalattie, osservate dal punto di vista delle loro cause e delle loromodalità di azione, incluse quelle a livello molecolare. Quella diRoma era una buona scuola di Patologia generale che -grazie allecapacità scientifiche ed organizzative del suo direttore, GuidoVernoni- si era guadagnata una notevole fama internazionale. Per talemotivo, ed anche perché considerata una materia importante per gli 77
  • 72. Gino Amiconistudi medici, molti studenti di medicina facevano domanda per esser-vi accolti come interni, al fine di potervi svolgere la loro tesi speri-mentale di laurea. Tre di questi -Eraldo Antonini, Carlo De Marco eBruno Mondovì- passarono all’Istituto di Biochimica, non appena visi fu trasferito Cavallini, completando così quel nucleo originario diricercatori che si sarebbe dimostrato decisivo per lo sviluppo qualita-tivo e la solidità scientifica della scuola romana di biochimica. Nonsorprenda questo passaggio di personale da una ad un’altra discipli-na, peraltro incoraggiato nel caso in questione dallo stesso Vernoni,che stava per andare in pensione. In Italia, infatti, fino agli anniSessanta esisteva la consuetudine che il nuovo professore -dopo averlicenziato tutti gli assistenti (che in quei tempi vedevano il proprioincarico rinnovato di anno in anno) del vecchio docente- chiamassepresso di sé i collaboratori che l’avevano aiutato nella ricerca e nelladidattica quando si trovava nella precedente sede. Grandi poi furono gli sforzi di Rossi Fanelli per acquisire -tra il1950 ed il 1951- alcuni strumenti scientifici d’avanguardia tramitel’European Recovery Program (il cosiddetto piano ERP o megliopiano Marshall, dal nome dell’allora Segretario di Stato americanoche pianificò con chiarezza gli scopi dell’assistenza economica aiPaesi dell’Europa occidentale, usciti più o meno distrutti dalla secon-da guerra mondiale). Fra gli obiettivi specifici del piano ERP c’era lamodernizzazione della strumentazione scientifica, un fatto che per-mise di avere nell’Istituto di Biochimica di Roma uno dei primi spet-trofotometri presenti in Italia, oltre ad una centrifuga refrigerata edun ingombrante apparato per elettroforesi in fase liquida (il cosiddet-to Tiselius), sostituito poi con uno più maneggevole. Un passo ulteriore e fondamentale verso l’acquisizione di impor-tanti e necessari strumenti per portare avanti una ricerca d’avanguar-dia fu fatto grazie ad un sostanzioso finanziamento della RockefellerFoundation. A Gerard R. Pomerat, il responsabile della Fondazioneche doveva indicare i gruppi di ricerca europei degni di contributifinanziari, fu presentato uno scrupoloso, dettagliato e ben articolatoprogetto di ricerca e furono indicate per esteso le necessità praticheper realizzarlo, in termini sia di strumentazione, che di reagenti e divetreria; a dicembre del 1953 Rossi Fanelli ricevette un finanziamen-to di 7500 dollari da spendere in due anni anche “per pagare laurea-ti e tecnici”. Fu questo un risultato molto importante; e non solo perla somma di denaro, che era considerevole per quei tempi, ma anchee specialmente perché quel contributo economico costituiva un veroe proprio attestato di stima che l’Istituto di Biochimica riceveva dauna prestigiosa istituzione internazionale. 78
  • 73. La Scuola Biochimica Romana Anche se lentamente, cominciarono ad arrivare altri finanziamen-ti dagli Stati Uniti d’America: per ricerche sui semi di cotone, dap-prima, e poi per studi sul trasporto dell’ossigeno da parte dell’emo-globina e per approfondire ed ampliare le conoscenze necessarie allaconservazione del sangue in vitro. Tali finanziamenti furono, tra l’al-tro, utilizzati per pagare un minimo salario a giovani laureati (inmedicina, in scienze biologiche o in farmacia) con la stipula di con-tratti a breve termine oppure con l’assegnazione di modeste borse distudio: piccoli riconoscimenti economici a persone affascinate dallaricerca biochimica, tanto da trascorrere non meno di 10 ore al gior-no in laboratorio. Non si può infatti neanche ipotizzare che il loroimpegno derivasse da prospettive di facile carriera nell’ambito del-l’università. A quei tempi l’esame di biochimica veniva sostenutosolo da un piccolissimo manipolo di studenti particolarmente interes-sati al contenuto di questa disciplina: la quale, non essendo ancorariconosciuta come materia di studio obbligatoria, non aveva possibi-lità alcuna di vedere banditi concorsi per posti di ruolo inBiochimica. Solo nel 1954 infatti il Ministero della PubblicaIstruzione impose l’obbligo di sostenere l’esame di biochimica aglistudenti di medicina, decisione presa sotto la pressione degli StatiUniti che minacciavano di non dare il proprio riconoscimento legalealla laurea in medicina presa in Italia, vista l’assenza della biochimi-ca e della microbiologia dal curriculum degli studi; un fatto questoche avrebbe penalizzato pesantemente i neolaureati in medicina ita-liani, che avessero voluto continuare i loro studi in America. Intanto, i primi collaboratori di Rossi Fanelli avevano maturatouna grande esperienza nella ricerca scientifica (alcuni erano anchediventati assistenti), tanto da riuscire per i loro propri meriti ad otte-nere finanziamenti e nuove strumentazioni, sia dal settore pubblicoche da privati. In altre parole, l’Istituto di Biochimica dell’Universitàdi Roma cresceva e molto in fretta. Negli anni Sessanta era diventa-to uno dei centri di ricerca a livello molecolare meglio equipaggiatiin Europa dal punto di vista della strumentazione d’avanguardia edallo stesso tempo era divenuto sede di un’attività scientifica di primagrandezza: per questi motivi esercitava grande attrazione per moltiscienziati, giovani ed anziani, che vi giungevano di continuo da ogniparte del mondo. Al congresso della FEBS (Federation of EuropeanBiochemical Societies) tenuto a Londra nel 1964, il Presidente ArneTiselius volle presentare un quadro dello stato della ricerca biochimi-ca in Europa, definendo quello italiano il risultato di un vero e pro-prio miracolo. La scuola romana aveva potentemente contribuito allarealizzazione di questo miracolo. 79
  • 74. Gino Amiconi Si era così giunti ad un punto in cui Rossi Fanelli sentì di dovermirare ad un ulteriore fine molto meritorio, quello di chiedere a sediuniversitarie fuori dell’area romana di bandire concorsi per cattedredi biochimica, concorsi ai quali la gran parte dei suoi allievi potevaprender parte con buone speranze di successo. Questa ampia visionepolitica rese possibile la creazione di stretti collegamenti fondati suinteressi comuni e di importanti relazioni di collaborazione scientifi-ca con altre università, che -col tempo- divennero sempre più nume-rose: basti ricordare quelle di Cagliari, Camerino, Catania, Chieti,L’Aquila, Messina, Udine e Viterbo, dove gli allievi romani esporta-rono la loro vivacità intellettuale e la maturità scientifica plasmata aRoma. Nel frattempo l’insegnamento delle basi molecolari dei siste-mi viventi -in termini sia strutturali che funzionali- fu adottato anchein altre Facoltà dell’Università di Roma: in particolare -oltre all’ag-giunta della Chimica in Facoltà di Medicina- nacquero la Biochimicae la Biochimica applicata in due altre Facoltà romane (a Farmacia eda Scienze matematiche, fisiche e naturali), tutti insegnamenti ospita-ti nel vecchio Istituto di Biochimica che nel 1986 è diventato ilDipartimento di Scienze biochimiche. Per quanto attiene al problema degli spazi, si decise dapprima diutilizzare le grandi terrazze che abbracciavano il primitivo Istituto,convertendole in laboratori, studi e biblioteca. Poi, l’intero pianoterra lasciato dalla Farmacologia medica (in seguito al suo trasferi-mento in un nuovo edificio appositamente costruito per questadisciplina) fu suddiviso a metà con la Fisiologia umana, assieme alsotto-interrato, che fu totalmente ristrutturato. Eraldo Antonini sitrasferì al piano terra con i suoi due migliori collaboratori, MaurizioBrunori ed Emilia Chiancone, e lì stabilì l’Istituto di Chimica dellaFacoltà di Medicina, di cui divenne direttore. A Doriano Cavallini Fig. 5 - Ecco com’è attualmente l’edificio che ospita il Dipartimento di Scienze biochimiche (e la Sezione di Fisiologia umana del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia). Un sem- plice colpo d’occhio – che mette a paragone la parte B con la parte A diquesta figura- permette di notare facilmente lo sviluppo in altezza del palazzo. 80
  • 75. La Scuola Biochimica Romanafu assegnato il compito di rendere abitabile il sotto-interrato, chedivenne la sede dell’Istituto di Biochimica per la Facoltà diFarmacia, una Facoltà che Rossi Fanelli governava già da alcunianni come Preside. Fu infine possibile sopraelevare di un pianol’intero edificio, (Fig. 5) dopo una lunghissima e defatigante tratta-tiva con varie autorità (al Comune di Roma ed al corrispondentedell’attuale Ministero dei Beni Culturali) per ottenerne il permesso.La gran parte del nuovo piano fu occupata da Carlo De Marco e dalsuo gruppo di ricerca. La creazione a Roma di due altre sedi universitarie -l’Università“Tor Vergata” e l’Università “Roma 3”- permise un ulteriore scia-mare dei professori di biochimica dall’unica università inizialmen-te presente, che in quell’occasione riprese il suo nome storico: “LaSapienza”. Paolo Fasella, Alessandro Finazzi-Agrò, Giuseppe Rotilio e moltialtri si trasferirono direttamente a “Tor Vergata” nel 1980, mentrePaolo Ascenzi e Giovanni Antonini giunsero a “Roma 3” dopo esse-re stati in altre sedi. C’è, infine, da aggiungere che nel 1991 BrunoGiardina passò nella sede romana dell’Università Cattolica delSacro Cuore. Tutti questi professori hanno creato loro propri gruppidi ricerca nelle nuove sedi, mantenendo tuttavia strette e continuecollaborazioni con i colleghi della ‘casa-madre’, collaborazioni nonsolo scientifiche ma anche e specialmente gestionali, realizzate conincontri periodici e finalizzate alla soluzione di problemi di comuneinteresse.I Beati Paoli ovverosia i professori ordinari di biochimica nelle uni-versità romane Verso la fine degli anni Sessanta il clima sociale in Italia eraandato deteriorandosi e la situazione politica era diventata moltocomplicata e sempre più difficile da gestire. Ambedue questi aspet-ti negativi della vita associata nazionale favorirono la rivolta studen-tesca del 1968. I professori universitari si trovarono a dover affron-tare allo stesso tempo sia l’occupazione degli edifici che ospitavanoi loro Istituti, che la violenza distruttiva di frange estremiste di stu-denti. Tutti questi travagli che agitavano l’università italiana nonlasciarono ovviamente indifferente Rossi Fanelli, ma non lo distras-sero mai al punto da fargli trascurare i normali doveri quotidiani. Lasua acuta capacità di accettare e di pilotare qualsiasi cambiamentofu messa alla prova in tali circostanze. Ed ecco come (re)agì. Innanzitutto cominciò a convocare di tanto in tanto nella biblioteca 81
  • 76. Gino Amiconidell’Istituto tutto il personale -docente e non docente- al fine ditastare il polso della situazione, ed allo stesso tempo fissò incontrisettimanali con tutti i professori di ruolo per discutere i problemiaccademici ed i progetti futuri (in precedenza queste ultime riunio-ni si tenevano in modo del tutto irregolare, e solo quando ritenutoveramente necessario). Fu questa una notevole innovazione nellaconduzione dell’Istituto che, in pratica, sfociò in una forma digestione collegiale. Visti dal di fuori tali incontri periodici potevanoapparire settari, e lo stesso Rossi Fanelli era solito scherzarci sopradicendo con voce sommessa che quelle riunioni tra i professori diruolo di biochimica erano in realtà veri e propri incontri di “BeatiPaoli”; ed i biochimici romani sono tuttora noti con questo appella-tivo a molti colleghi italiani e stranieri. L’origine di tale denomina-zione risale ad una trasmissione televisiva a puntate che narrava lastoria drammatica de La baronessa di Carini. L’intero racconto erabasato su un evento storico reale accaduto il 4 dicembre 1503 inSicilia, nel castello dei Carini, dove il barone Vincenzo La GruaTalamanca uccise la moglie Laura, ritenendola colpevole di una tre-sca intima con un cavaliere di una fazione avversa. Nel serial tele-visivo si potevano vedere incontri di notabili incappucciati -inclusolo stesso barone di Carini- tenuti in un sotterraneo segreto. Si tratta-va delle riunioni dei Beati Paoli, vale a dire dei membri di una socie-tà segreta che teneva stretto nelle proprie mani il potere reale di unavastissima zona attorno al castello (potere ben distinto da quello,Fig. 6 - Schizzo colmo di napoletana ironia che rappresenta una riunione dei BeatiPaoli, presieduta dall’Apostolo, vale a dire da Rossi Fanelli in persona. Il numero degliincappucciati, cioè dei professori ordinari di Biochimica presenti nel 1983 nelle universi-tà romane, era in quel momento di 15, con la possibilità di salire a 16 nell’anno chestava per iniziare (una prospettiva indicata dai due numeri in basso a destra). In alto adestra, invece, sono abbozzati due aspiranti Beati Paoli, i cui desideri si sarebbero potu-ti esaudire in tempi più lontani. Disegno originale di Rossi Fanelli. 82
  • 77. La Scuola Biochimica Romanasolo apparente per la verità, dei politici ufficiali) e che -quandonecessario- ristabiliva la vera giustizia. La società segreta dei BeatiPaoli era dunque una sorta di mafia buona. Poiché a quei tempi -trala fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Settanta- la stampanazionale era solita chiamare i professori universitari baroni emafiosi, Rossi Fanelli per scherzo ribattezzò con il nome collettivodi “Beati Paoli” l’insieme di tutti i professori ordinari di biochimicache afferivano all’Istituto da lui diretto e quelli che, trasferitisi nellealtre università dell’area romana, partecipavano alle riunioni setti-manali ricordate più sopra (Fig. 6). Due linee di ricerca tra le tante (ed una breve parentesi) Moltissime sono state, e tuttora sono, le linee di ricerca portateavanti dai vari gruppi della scuola biochimica romana: quali casiesemplari dell’attività scientifica svolta ad altissimo livello -ecome tale riconosciuta in campo internazionale- si ricorderannogli studi fatti sul trattamento di alcuni tumori maligni medianteipertermia controllata e quelli svolti sui trasportatori di ossigeno(mioglobine ed emoglobine). Trattamento di tumori con ipertermia Nel 1963 Alessandro Rossi Fanelli (con la collaborazione diBruno Mondovì) organizzò un gruppo di lavoro, per studiare lamaggiore sensibilità al calore delle cellule neoplastiche rispetto aquelle normali. Dapprima fu condotta una ricerca sistematicasugli effetti che il calore induce in vari tessuti tumorali coltivati invitro, finché non furono stabilite con certezza le condizioni otti-mali per l’azione distruttiva provocata dall’aumento della tempe-ratura sulle cellule malate. Raggiunti i risultati attesi in vitro, furo-no stabilite strette collaborazioni con clinici ed anestesistidell’Istituto Regina Elena per lo Studio e la Cura dei Tumori diRoma e con oncologi dell’Università del Wisconsin, dove nel frat-tempo era stata messa a punto una nuova tecnica che -mediantecircolazione extracorporea- permetteva di mantenere per 2-3 ore a42°C il sangue che irrorava un tumore maligno. Si giunse in talmodo ad ottenere la (quasi) completa distruzione di gravi proces-si cancerosi in vari animali da esperimento. L’applicazione all’uo-mo vide eccellenti risultati, di gran lunga superiori a quelli ottenu-ti con i trattamenti convenzionali, in molti casi di tumore degli arti(melanomi, osteosarcomi e sarcomi dei tessuti molli). I primi datisignificativi furono pubblicati nel 1967 sulla prestigiosa rivistaCancer. Tutti i quotidiani italiani e molti settimanali riportarono 83
  • 78. Gino Amiconiin breve tempo la notizia, che lentamente si sparse anche nellealtre nazioni europee. Si possono citare almeno due esempi dellaricezione popolare di questa scoperta in Europa: in Svizzera, LaTribune de Genève del 24 ottobre 1967 riportò in prima pagina unbreve articolo intitolato Importante vittoria sul cancro che rinvia-va alla pagina 15 del quotidiano di quel giorno, pagina interamen-te dedicata al nuovo trattamento terapeutico; ed inoltre l’11 otto-bre dello stesso anno il settimanale tedesco Quick dedicò al mede-simo argomento non solo un articolo nell’interno della rivista, maanche l’intera sua copertina. Ovviamente questa fama che si eraampiamente diffusa in Europa non dispiacque a Rossi Fanelli, chesi rallegrò ancor di più in cuor suo leggendo nel 1975 sul quoti-diano madrileno ABC che, grazie alle ricerche sul cancro, il suonome si trovava nella ristretta rosa dei candidati al premio Nobelper la medicina di quello stesso anno. Le cose però andarono altri-menti. Nel 1975 infatti il premio Nobel per la medicina fu asse-gnato ad un altro italiano, Renato Dulbecco (assieme a H. Temine D. Baltimore); inoltre, in quel medesimo anno, Eugenio Montalevinse il Nobel per la letteratura. Troppi italiani tutti assieme, ver-rebbe da dire. Breve parentesi su una serie di ricerche mirate ad applicazioni pratiche Anche se la maggior parte della ricerca scientifica portata avantinell’Istituto di Biochimica fino agli anni Ottanta può farsi rientra-re di diritto nella cosiddetta ricerca di base (quella sull’ipertermiafu tra le poche eccezioni), ci fu chi, come Paolo Fasella, si dedicòben presto e con interesse a ricerche centrate sulla collaborazionetra università ed industria. E così, già nel 1970 Fasella partecipòalla costituzione di un Laboratorio di ricerca (creato da una gran-de impresa chimica ed ingegneristica), che poi diresse a lungo svi-luppandovi assieme ai suoi collaboratori diverse linee di ricercafinalizzata ad applicazioni biotecnologiche, tra cui non si possononon ricordarne due: - quella che portò alla realizzazione di uno strumento, basatosulla spettroscopia all’infrarosso, per il controllo in vivo, continuoe non invasivo, dell’erogazione di sangue e di ossigeno al cervel-lo; tale tecnologia ha poi trovato applicazione nella farmacologiasperimentale sugli animali e nella diagnostica sugli esseri umani; - la progettazione e la sintesi di strutture chimiche simili a (por-zioni di) substrati naturali che, interagendo con enzimi, bloccanoin modo irreversibile la loro attività (vale a dire, lo sviluppo delle 84
  • 79. La Scuola Biochimica Romanabasi teoriche e sperimentali di reazioni enzimatiche cosiddette sui-cide); tale strategia è stata successivamente applicata alla produ-zione di nuovi farmaci, altamente specifici, attivi su importantireazioni biochimiche connesse con l’attività nervosa. Le emoproteine Quando giunse a Roma, Rossi Fanelli continuò lo studio suitrasportatori di ossigeno iniziato a Napoli e continuato a Pavia,affidandolo in gran parte ad uno dei suoi più brillanti allievi,Eraldo Antonini (Fig. 7) prematuramente scomparso nel 1983all’età di soli 52 anni4. Mente spumeggiante e creativa, Antonini non mancava di proget-tare esperimenti estremamente semplici da attuare, ma allo stessotempo capaci di risolvere complessi problemi scientifici: per questasua qualità di cogliere con immediatezza l’essenziale di ogni feno- Fig. 7 - Il volto intelligente e franco di Eraldo Antonini. meno, oltre che per la sua grande vitalità e per un innato senso dello humor, divenne ben presto un leader, non solo tra i biochimici romani ma anche in campo internazionale. Uomo profondamente libero (“moralmente libero” soleva definirsi), Antonini condivide- va -anche se in modo non conscio- il punto di vista del filosofo della scienza PaulFayerabend, secondo il quale gli scienziati lavorano nelle miglioricondizioni quando non sono vincolati da una qualsiasi autorità, com-presa la “ragione razionale”; volentieri invitava i suoi allievi a cerca-re “asini che volano” piuttosto che “asini che camminano”, inverten-do un classico detto popolare. Un tale modo di pensare può essereesemplificato dalla purificazione di una nuova proteina, l’acalina,che ottenne dai semi di cotone con un procedimento del tutto origi-nale. Ad un campione limpido di un estratto totale di semi di cotone,Antonini aggiunse una prima volta una notevole quantità di soda, manon accadde nulla; in un altro campione, versò molto acido cloridri-co, senza peraltro osservare un qualsiasi cambiamento evidente adocchio nudo; infine, mentre camminava per i corridoi dell’Istitutocon la mente assorta dal problema di purificare una o più proteine daquell’estratto, passando accanto ad un bagnetto termostatato a 20° Csotto zero, come ispirato, vi immerse il flaconcino che teneva in 85
  • 80. Gino Amiconi Fig. 8 - Eraldo Antonini che fa esperimenti con uno strumento di cinetica rapida, da lui progettato e costruito. mano, e quasi immediatamente vide il for- marsi di un precipitato bianco. Si trattava di acalina pura, che s’era separata da tutto il resto per effetto del solo abbassamento della temperatura: un’unica operazione che aveva portato alla produzione di una proteina per- fettamente purificata. Audentes fortunajuvat, qualcuno potrebbe commentare. Forse, ma anche in questocaso è evidente una precisa strategia di ricerca: semplificare il siste-ma, ponendolo nelle condizioni più estreme. Di certo Antonini fu unoscienziato geniale, completo come pochi, vale a dire capace di tratta-menti teorici, ma anche e specialmente abile nel progettare e nel por-tare a termine esperimenti originalissimi, oltre che a costruire con leproprie mani -qualità questa estremamente rara tra i ricercatori- lastrumentazione necessaria per realizzarli (Fig. 8). I suoi primi risultati scientifici molto importanti vennero con l’in-troduzione di un semplicissimo e rapido metodo per descrivere l’os-sigenazione dell’emoglobina in termini quantitativi, e con la messaa punto di una metodica per preparare allo stato nativo (e dunque ingrado di funzionare) la sola parte proteica dell’emoglobina dettaapoglobina (vale a dire, l’intera macromolecola priva degli emi, checostituiscono le porzioni non-proteiche dell’emoglobina deputate alegare reversibilmente l’ossigeno). All’inizio furono specialmente ilavori scientifici sull’apoglobina ad ottenere un larghissimo ricono-scimento internazionale che si protrasse anche negli anni a venire,tanto che nel 1985 Eugene Garfield (il fondatore di CurrentContents) invitò Rossi Fanelli a scrivere quale fosse la presuntacausa di quell’enorme successo5. Fra le varie ipotesi avanzate, RossiFanelli ebbe ad affermare che il primo di quei lavori (quello dedica-to alla preparazione ed alla caratterizzazione chimico-fisica del-l’apoglobina, apparso nel 1958) era diventato un Citation Classicperché aveva aperto una nuova era nella ricerca delle relazioni trastruttura chimica e funzione biologica dell’emoglobina (per averdimostrato, in particolare, il ruolo svolto dalla struttura dell’eme nelmodulare alcune importanti proprietà del trasporto dell’ossigeno),rendendo così l’emoglobina un buon modello per studiare i mecca-nismi di controllo a livello molecolare6. Per brevità, ecco un soloaltro ricordo: nel 1961, Antonini pubblicò su The Journal of 86
  • 81. La Scuola Biochimica Romana Fig. 9 - Max F. Perutz (a sinistra) dona ad Alessandro Rossi Fanelli uno dei tanti libri che ha scritto. Biological Chemistry un’osservazione sorprendente, almeno per quei tempi, che dimostrava come la rimozione di uno o due amminoacidi dall’estremità di due delle quattro catene polipeptidi-che che costituiscono la molecola dell’emoglobina faceva aumenta-re la sua affinità per l’ossigeno, abbassare la cooperatività tra gli emie diminuire l’effetto imposto dall’acidità dell’ambiente sul traspor-to dell’ossigeno (il cosiddetto effetto Bohr). Questa scoperta diAntonini -come la gran parte di quelle di cui fu artefice- ebbe unenorme stimolo intellettuale sulla comunità scientifica internaziona-le ed in particolare produsse un profondo impatto sulla mente diMax Perutz (premio Nobel per la chimica nel 1962; Fig. 9), il qualecosì ebbe a scrivere7: I miei dati di diffrazione dei raggi X mostravano che questi amminoacidi [descritti da Antonini] formavano legami elettrostatici fra loro in assenza di ossigeno, legami che si rompevano quando con l’aggiunta di questo gas la forma globale della macromolecola cambiava. Antonini inoltre aveva dimostrato che la liberazione di ioni idrogeno dall’emoglobina era direttamente proporzionale alla quantità di ossigeno legata. Quando trovai sperimentalmente che gli ioni idrogeno che si liberano dall’emoglobina originano da ponti salini, appoggiai i miei dati sugli studi di Antonini ed ebbi la certezza che il legame con l’ossigeno è strutturalmente accoppiato proprio con la rottura di quei ponti elettrostatici che Antonini aveva già descritto. A questo punto non si può non menzionare la venuta a Roma diun americano sessantenne, Jeffries Wyman. Quando era ancora pro-fessore alla Harvard University, aveva trascorso alcuni mesi del1950 in Giappone come visiting lecturer soggiornando in numeroseuniversità, e restando sempre e dovunque affascinato dai paesaggi diquel Paese e dall’accoglienza -rispettosissima ed allo stesso tempomolto amichevole- dei suoi abitanti. Al suo rientro negli Stati Uniti,ancora turbato dai ricordi del Giappone -così una volta ebbe a rac-contare- chiese a se stesso: Jeffries, vuoi veramente restareall’Università, continuando a fare quel che hai fatto finora?; lasecca risposta fu: no! E così lasciò il mondo accademico e la ricer- 87
  • 82. Gino Amiconica scientifica, divenendo dapprima -a Parigi- attaché scientifico(una nuova figura diplomatica che il Dipartimento di Stato avevacreato in quegli anni) e poi -al Cairo- direttore dell’Ufficio per lacooperazione scientifica dell’UNESCO nel Medio-Oriente8. Nel1959 Wyman incontrò casualmente in Inghilterra Eraldo Antonini(an interesting young Italian, ebbe in seguito a dire), che dovevatenere una conferenza alla Peterhouse (il college più antico e presti-gioso della University of Cambridge) e che lo invitò a fare una visi-ta al laboratorio romano dove lavorava. Wyman giunse a Roma nellaprimavera del 1969, dove ricevette un caldo benvenuto e partecipòad accese discussioni sull’emoglobina. Quando Rossi Fanelli ed Fig. 10 - Dopo quasi venticinque anni di permanenza a Roma, nel 1985 Jeffries Wyman decide di andare a vivere a Parigi. La morte di Eraldo Antonini, al qual era legato da un profondo affetto, fu tra le concause che portarono a conclusione il suo periodo romano. In questa immagine Rossi Fanelli (col camice bianco) fa il brindisi d’addio a Jeffries Wyman (col golf marrone) nella biblioteca del Dipartimento.Antonini offrirono a Wyman un contratto come ricercatore-ospite,egli accettò per un “periodo di prova”, che poi si protrasse per quasiventicinque anni (Fig. 10). John Edsall, della Harvard University,riassunse così quanto gli confidò l’amico Jeffries Wyman sui primitempi trascorsi a Roma9: il laboratorio era un luogo eccitante, pieno di entusiasmo e di alti spiriti, con un continuo ribollire di articolate pianificazioni di nuovi esperimenti proposti dalla mente di uno o di un altro ricercatore. Tutto ciò sfociava in interessanti ed allo stesso tempo amabili discussioni fra tutti i membri di questo gruppo di giovani ed in brevissimo tempo venivano realizzati tutti i nuovi esperimenti che erano stati programmati. A Rossi Fanelli, Antonini e Wyman presto si aggiunse MaurizioBrunori e, col passar del tempo, altri collaboratori più o meno gio-vani, tra cui Emilia Chiancone. L’attività scientifica, estremamen-te produttiva, del gruppo dei ricercatori romani contribuì a svilup-pare le fondamentali correlazioni fra la struttura quaternaria e leproprietà funzionali dell’emoglobina, risultati che ebbero un effet-to significativo sulla formulazione della teoria degli stati allosteri-ci. Tutte queste ricerche culminarono nel 1971 con la pubblicazio- 88
  • 83. La Scuola Biochimica Romanane di una monografia scritta a quattro mani da Antonini e MaurizioBrunori: Hemoglobin and Myoglobin in Their Reactions withLigands. Questo libro, che tuttora costituisce un’importante fontedi dati sull’emoglobina, divenne nel 1991 anch’esso un CitationClassic. Nessuna meraviglia dunque che chi ne scrisse la recensio-ne su Science, annotò che “dopo tutto l’emoglobina è una moleco-la romana”. Nessuna meraviglia inoltre che dall’inizio degli anniSessanta un costante flusso di visitatori stranieri (tra i quali -essen-do impossibile nominarli tutti- si citano a caso solo J. F Taylor, J.T. Edsall, C. Tanford, W. J. Libby, J. Kendrew, M. Kotani, Q. H.Gibson, G. Gilbert, M. F. Perutz, K. Imai, M. Reichlin, S. Gill, P.E. Phillipson) si riversò sui laboratori di biochimica di Roma, doveciascuno si trattenne per periodi più o meno lunghi, attratto special-mente (ma non solo) dalla figura centrale rappresentata da Antonini;particolarmente entusiasmanti furono le numerose visite di RufusLumry (della University of Minnesota), che trascorse a Roma ancheun intero anno sabbatico. Le numerose relazioni internazionali delgruppo romano, che lavorava prevalentemente su emoglobina emioglobina, furono stimolo per organizzare una serie di congressiinformali estremamente fruttuosi, noti come La Cura Conferences,dal nome di un vecchio castello vicino Roma, dove fu tenuto ilprimo incontro nel 1966. Tali congressi, compreso l’ultimo che sisvolse a Caprarola (in provincia di Viterbo) nel 1980, avevano unloro carattere speciale: gli argomenti trattati erano sviscerati inmodo approfondito, senza limiti di tempo e senza alcuna presenta-zione formale, in gran parte col solo ausilio di lavagna e gesso; iltutto condito dalla gioia di Antonini di essere il generoso ospite. Ad oltre vent’anni dalla morte, il ricordo di Eraldo Antonini è dicerto ancora vivo, sia in Italia che all’estero, e non solo tra coloroche lo conobbero personalmente. Quando nel 2003 se ne celebrò lamemoria nell’aula magna de “La Sapienza”, su iniziativa lodevoledi Maurizio Brunori, fu il premio Nobel per la chimica (del 2002)Kurt Wüthrich a tenere la Eraldo Antonini Memorial Lecture, in cuiebbe modo di ricordare ai presenti le grandi qualità scientifiche edumane di Antonini.Non solo bravi scienziati, ma anche dirigenti abili e capaci Dopo una brillante carriera scientifica a Roma, Paolo Fasella siè dedicato interamente alla politica della scienza. In particolare,per quattordici anni (dal 1981 al 1995) è stato alla guida dellaDirezione generale degli Affari scientifici, la Ricerca e lo Sviluppopresso la Commissione Europea, vale a dire presso l’organismo 89
  • 84. Gino Amiconiesecutivo dell’Unione Europea a Brussels. Come direttore genera-le, è stato uno dei principali architetti e promotori del Programmaquadro per la politica comunitaria sulla ricerca e sullo sviluppotecnologico (che -com’è noto- rappresenta la più importante piat-taforma per la cooperazione tecnico-scientifica in Europa). Al suorientro in Italia (nel 1995) ha diretto il Dipartimento per lo svilup-po ed il potenziamento dell’attività di ricerca del Ministerodell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica e, presso ilmedesimo Ministero, è stato nominato tra i nove membri delComitato di esperti per la politica della ricerca ed ha ricevuto l’in-carico di esperto delle problematiche e del coordinamento degliaffari internazionali. Per i suoi numerosi meriti, sia scientifici chedirigenziali, ha ricevuto un vasto numero di riconoscimenti, tra cuivarie lauree honoris causa (da: National University of Ireland,Irlanda; University of Strathclyde, Scozia; University ofNewcastle, Regno Unito; Université de Technologie deCompiègne, Francia; Università di Parma). Maurizio Brunori, accademico dei Lincei, è stato presidente dellaIUPAB (International Union of Pure and Applied Biophysics), edattualmente è Presidente dell’Istituto Pasteur-Fondazione CenciBolognetti dell’Università di Roma “La Sapienza”. Molti altri, in tempi diversi, sono stati scelti come rettori di uni-versità oppure come presidi di facoltà: Carlo De Marco, primaRettore a Cagliari e poi Preside della Facoltà di Medicina a Roma“La Sapienza”; Alessandro Finazzi-Agrò, prima Preside dellaFacoltà di Medicina e poi Rettore, l’una e l’altra carica ricopertepresso l’Università “Tor Vergata”; Bruno Mondovì e FrancescoBossa, Presidi a “La Sapienza”, il primo della Facoltà di Farmacia,il secondo di quella di Scienze matematiche, fisiche e naturali. Al difuori dell’ambiente accademico, si ricordano: Giuseppe Rotilio, cheè stato Presidente dell’Istituto Nazionale della Nutrizione; EmiliaChiancone, nominata Direttore dell’Istituto di Biologia e Patologiamolecolari del CNR. BIBLIOGRAFIA1. AMICONI G., A Brief History of Italian Biochemistry, from its origins up to the Second World War. Memorie di Scienze Fisiche e Naturali (dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL) 1983; 107:3-30.2. AMICONI G., A biochemist by chance: Alessandro Rossi Fanelli, builder of the Roman School of Biological Chemistry. Comprehensive Biochemistry 90
  • 85. La Scuola Biochimica Romana 2000; 41: 667-706.3. BOSSA F., CHIANCONE E., FINAZZI-AGRO’ A. & STROM R. (a cura di), Structure and Function Relationships in Biochemical Systems. New York, Plenum Press, 1982.4. BRUNORI M., CHIANCONE E. & WYMAN J., Eraldo Antonini, 1931- 1983. Trends in Biochemical Sciences 1984; 9:12-13.5. ROSSI FANELLI A., A Method for Preparing Globin from Human Hemoglobin. Current Contents 1985; 22:19.6. BRUNORI M., A Fascination of Hemoglobin: A Roman Perspective. Current Contents 1991; 2:8.7. BRUNORI M., Hemoglobin is an honorary enzyme. Trends in Biochemical Sciences 1999; 24:158-161.8. AMICONI G., BRUNORI M., CHIANCONE E. & COLOSIMO A., Jeffries Wyman (1901-1995). Un americano a Roma. Biochimica in Italia 1996; 4:100-102.9. EDSALL J.T., Jeffries Wyman and Myself: A Story of Two Interacting Lives. Comprehensive Biochemistry 1986; 36:99-195 91
  • 86. L’ISTITUTO DI FISIOLOGIA UMANA FABRIZIO EUSEBI E ROBERTO CAMINITI 93
  • 87. L’Istituto di Fisiologia UnanaL’esigenza della costruzione L’Istituto di Fisiologia dell’Università di Roma “La Sapienza” hasede in uno dei primi edifici costruiti all’interno della Città univer-sitaria ed ha espresso, nella prima parte del XX secolo, fisiologi difama internazionale che hanno contribuito all’avanzamento di que-sta disciplina ed in modo particolare allo sviluppo degli studi deisistemi nervoso e circolatorio. L’insegnamento della fisiologia risale al 1824 -anno dellaRiforma universitaria voluta da Leone XII- ed è impartito con lezio-ni, esclusivamente teoriche, tenute nell’Archiginnasio romano. Con l’a.a. 1870-71, come risulta dall’Annuario della RegiaUniversità, iniziano gli Esperimenti di Fisiologia, svolti in unGabinetto fisio-patologico presso l’Arcispedale di Santo Spirito, main questa sede le lezioni di fisiologia sperimentale vengono imparti-te per breve tempo. L’insegnamento di questa materia, infatti, insie-me ad altri che hanno bisogno di una parte sperimentale, viene tra-sferito in via Agostino De Pretis, nell’ex convento di S. Antonio, equesto edificio, così come altri situati in via Panisperna, è riadattatoper accogliere gli studi universitari. Il progetto di riunire in un’unica area tutti gli istituti medico-bio-logici-sperimentali era voluto dall’allora Ministro della IstruzionePubblica Antonio Scialoia ma, nonostante gli sforzi dellaCommissione presieduta da Quintino Sella, e l’impegno profuso dalProfessor Corrado Tommasi-Crudeli, incaricato di sovrintendere alprogetto, di fatto questo non venne mai realizzato. Nel 1929 i locali occupati dalla Fisiologia rientrano nel piano didemolizione di alcuni edifici della zona, al fine di consentire la rea-lizzazione di un’ampia area, ovvero Piazza del Vicinale; l’Istituto,di conseguenza, deve traslocare. Per un breve periodo, circa unanno, è ospitato presso l’Ospedale della Consolazione, finchè nel1931 ottiene la definitiva sistemazione all’interno della Città uni-versitaria1.I Maestri, la didattica, la ricerca I primi docenti di fisiologia, Giovanni Battista Bomba (1772-1836), Carlo Donarelli (1797-1851) e Socrate Cadet (1808-1879)svolgono le loro lezioni sulla base di ipotesi speculative, non aven-do la possibilità di verificare o confutare le loro teorie attraversodimostrazioni pratiche. Il modo di insegnare la fisiologia cambia profondamente a parti-re dal 1870 con l’istituzione dell’Università regia -che vuole tenere 95
  • 88. Fabrizio Eusebi e Robero Caminitiil passo con le altre Università italiane e straniere- e con la chiama-ta a Roma nel 1879 di Jacob Moleschott: la disciplina da teorica sitrasforma in disciplina sperimentale. Jacob Moleschott (1822-1893), nato a Bois-le-Duc in Olanda,si forma culturalmente in Germania laureandosi ad Heidelberg nel1845. A causa delle sue idee “materialiste” è costretto a lasciare que-sta università e ad accettare l’incarico dell’insegnamento diFisiologia al Politecnico di Zurigo nel 1856. Nel 1861 per volere diFrancesco De Sanctis, allora Ministro della Pubblica Istruzione, èchiamato all’Università di Torino, dove insegna per diciotto anni edove ha come allievo Angelo Mosso. Nel 1876 Moleschott entra afar parte del Senato del Regno in base alla 18a categoria dei requi-siti previsti dall’articolo 33 dello Statuto Albertino: membri dellaRegia Accademia delle Scienze dopo sette anni di nomina; infine,nel 1879 ricopre la Cattedra di Fisiologia dell’Università romana“La Sapienza”2. Inizia con lui la serie di Direttori dell’Istituto di Fisiologia chehanno saputo conciliare l’interesse per la ricerca scientifica conquello della politica giungendo a ricoprire importanti incarichi:Moleschott è Senatore del Regno dal 1876 al 1891, Luigi LucianiSenatore dal 1905 al 1919 e Rettore dell’Università di Roma(1898-1900); Silvestro Baglioni diviene Deputato al Parlamento emembro del Consiglio Superiore di Sanità, mentre GaetanoMartino è nominato Ministro della Pubblica Istruzione nel 1954 edallo stesso anno al 1957 Ministro degli Affari Esteri; diviene, inseguito, capo della delegazione parlamentare alla XV e XVIAssemblea generale dell’ONU, Presidente del ParlamentoEuropeo dal 1963 al 1964 ed, infine, Rettore dell’Università “LaSapienza” (1966-1967). Nell’allocuzione pronunciata da Jacob Moleschott all’Universitàdi Roma il 16 dicembre 1892 in occasione delle “feste giubilari”,organizzate in suo onore al compimento del settantesimo anno d’età,egli afferma che il suo pensiero si muove tra due poli, Protagora eFeuerbach3: I due poli come fari mi accompagnarono in tutti i paesi che contribuirono alla mia educazione. … Protagora ha detto che l’uomo è la misura di ogni cosa … Feuerbach ha aggiunto che Iddio è la misura dell’uomo. … Coll’indirizzo che accennai, la ricerca non ha limiti, nella stessa guisa che è inesauribile l’ideale. 96
  • 89. L’Istituto di Fisiologia Unana Fig. 1 – Jacob Moleschott Comunque, nonostante l’interessedelle ricerche eseguite da Moleschott el’indiscussa sua capacità di oratore, testi-moniata dalla considerevole partecipa-zione alle sue lezioni di studiosi dellamateria oltre che di studenti, l’insegna-mento della Fisiologia non era riuscitoancora ad acquisire le caratteristiche discienza sperimentale: infatti, solo conl’arrivo del suo successore, LuigiLuciani, l’Istituto di Fisiologia subisceun’effettiva trasformazione. Luigi Luciani (1840-1919), nato ad Ascoli Piceno compie i suoistudi a Napoli ed a Bologna, dove si era laureato nel 1868.Importante per la sua formazione di ricercatore il soggiorno aLipsia, negli anni 1872-73, per seguire i corsi di perfezionamentotenuti da Karl Friedrich Wilhelm Ludwig. Nel 1974 Luciani ottiene a Bologna la libera docenza inPatologia medica generale, materia che insegna dal 1875 nella cat-tedra di Parma. Nel 1880 diviene professore ordinario di Fisiologiaall’Università di Siena per poi trasferirsi all’Istituto Superiore diFirenze (1882-1893) ed infine a Roma dove, dal 1893 al 1917, èeletto Direttore dell’Istituto di Fisiologia. Di notevole interesse le sue ricerche svolte sull’attività cardiaca,sui centri respiratori, sull’epilessia, sulle localizzazioni cerebrali,sulla fisiologia del cervelletto e sulla fisiologia del digiuno Fig. 2 – Luigi Luciani In particolare, negli studi della fisiolo-gia del cervelletto, formula dapprima latriade dei sintomi cerebellari: atonia,astenia, atassia, a cui aggiunge succes-sivamente il sintomo della dismetria. Perquesti studi sulle funzioni cerebellari,Luciani usa un sistema primitivo, mamolto efficace, al fine di documentare lacinematica del movimento ed, in partico-lare, le modificazioni delle traiettorie del 97
  • 90. Fabrizio Eusebi e Robero Caminiticammino a seguito di asportazione chirurgica parziale od in toto delcervelletto, sia nel cane che nella scimmia: dipingere con la vernicele zampe e lasciare libero l’animale di camminare prima e a diffe-renti intervalli dopo l’intervento, fotografando dall’alto le impronte.In questo modo riesce ad evidenziare come, in una fase avanzata direcupero funzionale dopo una lesione cerebellare, il cane, sebbenein grado di mantenere la postura eretta, mostri tuttavia un atteggia-mento atassico, caratterizzato da un allargamento della base d’ap-poggio delle zampe, teso a compensare l’atonia dei muscoli durantela postura eretta e la loro astenia durante il cammino, oltre ad unaperdita della corretta metrica del movimento. Va sottolineato comegli studi di Luciani sulle conseguenze delle lesioni cerebellari neglianimali, assieme a quelli eseguiti in Inghilterra da Gordon Holmessull’Uomo, hanno gettato le basi per una moderna descrizione delruolo del cervelletto su molti aspetti del controllo motorio. I suoistudi sulle localizzazioni cerebrali sono, per alcuni aspetti, di naturapionieristica, soprattutto quelli sul ruolo della corteccia uditiva nellalocalizzazione spaziale dei suoni4. Tra i suoi scritti va ricordato il Trattato di Fisiologia dell’Uomo,opera in cinque volumi, considerata un “classico” e tradotta in varielingue incluso spagnolo, inglese e tedesco, un testo che senza dubbiogli ha dato fama ma che, nello stesso tempo, lo ha impegnato per moltianni distogliendolo dalle ricerche sperimentali che stava svolgendo5. Nel 1918 subentra a Luciani, nella direzione dell’Istituto, un suoallievo: Silvestro Baglioni. Silvestro Baglioni (1876-1957), nato a Belmonte Piceno, lau-reatosi in Medicina nel 1902 presso la Regia Università di Roma,diviene, nello stesso anno, Assistente di Max Verworn pressol’Istituto di Fisiologia di Göttingen, mantenendo l’incarico fino al1904. Tornato in Italia, nel 1905 è nominato aiuto presso l’Istituto diFisiologia di Napoli diretto da Filippo Bottazzi ed in seguito aiutopresso la cattedra di Fisiologia di Roma; nel 1913 vince il concorsoper la cattedra di Fisiologia umana a Sassari, si trasferisce nel 1917a Pavia per tornare a Roma nel 1918, dove ricopre il ruolo diDirettore dell’Istituto di Fisiologia, fino al 1949. Le sue indagini più felici si riferiscono allo studio del sistemanervoso, della respirazione e della fisiologia comparata. Il metodo diBaglioni-Magnini viene usato per l’applicazione topica di sostanzechimiche ai centri nervosi. Indaga a lungo la riflessologia, formulan-do alcuni principi che mettono in relazione gli stimoli sensoriali conle risposte motorie riflesse. Studia la respirazione in varie specie 98
  • 91. L’Istituto di Fisiologia Unanaanimali e, per effettuare queste indagini, inventa il toracopneumo-grafo per l’uomo, strumento che porta il suo nome. Lo studio del-l’udito e della fonazione lo portano all’interesse per il canto e lamusica, in particolare per l’uso degli strumenti a fiato. Fig. 3 – Silvestro Baglioni Fonda e dirige alcuni periodici tra cuiFisiologia e Medicina e progetta ed organizzagabinetti fisiopsicologici che hanno il compitodi contribuire alla selezione di coloro che sicandidano per divenire aviatori. Durante laguerra 1915-18 dirige l’Ufficio Analisi pressoil Ministero della Guerra, ufficio preposto alcontrollo dell’alimentazione dell’esercito. Per i suoi meriti scientifici viene elettoPresidente della Reale Accademia Medica di Roma e socio di molteaccademie e società nazionali - quali l’Accademia dei Lincei e laSocietà italiana delle Scienze (detta dei XL) - ed internazionali6. Andato fuori ruolo Baglioni, per raggiunti limiti d’età, l’insegna-mento è affidato per due anni (1947-1949) ad un suo allievo,Emidio Serianni; in seguito viene chiamato a ricoprire la cattedraGiuseppe Amantea. Giuseppe Amantea (1885-1966), nato a Grimaldi (Cosenza),allievo di Luigi Luciani ha studiato a Roma nel laboratorio di fisio-logia, partecipando, in qualità di assistente e poi di aiuto, a ricerchedi neurofisiologia, studi da lui continuati con geniale intuito diricercatore per un buon trentennio. Dal 1925 al 1930 è Direttoredell’Istituto di Fisiologia di Messina. Tornato a Roma, ricopre lacattedra di Chimica biologica dal 1931 al 1949, poi passa inFisiologia umana e diviene Direttore dell’Istituto, incarico chemantiene fino al 1955. Amantea sviluppa un’originale linea di ricerca sull’epilessia speri- Fig. 4 – mentale riflessa, conseguendo risulta- Giuseppe ti rilevanti, tanto che ancora oggi Amantea viene ricordata come Epilessia di Amantea. In particolare, dimostra la possibilità di indurre attacchi epilettici per mezzo della stimolazione chimica 99
  • 92. Fabrizio Eusebi e Robero Caminitidella corteccia cerebrale, mediante stricnina, unita ad una stimolazio-ne sensoriale specifica. Per queste ricerche, egli utilizza il metodo diBaglioni-Magnini ed è il primo ad ipotizzare il concorso di più fatto-ri nell’accesso epilettico (fattore predisponente, fattore preparante,fattore scatenante). I suoi interessi sono rivolti anche alla fisiologiadella nutrizione e si occupa, in particolar modo, delle proprietà dellevitamine e dei meccanismi neurologici che inducono comportamentialimentari specifici in risposta a determinati stimoli. Originali i suoi contributi sulle avitaminosi e sul dosaggio dellavitamina B1, con l’introduzione del concetto di quoziente beri-berico. Nell’ambito degli studi sulla riproduzione e la fecondazione arti-ficiale per gli animali, nel 1914, lavorando con cani, galli e piccio-ni, inventa e sperimenta la prima vagina artificiale per la raccoltadel liquido seminale. Diviene socio di prestigiose Accademie eSocietà italiane ed internazionali7. Ad Amantea subentra Gaetano Martino, dopo un breve periodo incui l’insegnamento è affidato, per incarico, a Sergio Cerquiglini. Gaetano Martino (1900-1967), nato a Messina, si laurea inMedicina e Chirurgia a Roma nel 1923. Dal 1925 al 1930 è Aiutodel Prof. Amantea all’Istituto di Fisiologia di Messina e, dopo averconseguito specializzazioni presso università straniere (Berlino,Parigi, Francoforte, Vienna) insegna dal 1930 e per un triennioFisiologia umana presso l’Università di Assuncion in Paraguay epresso quella di San Paolo del Brasile. Ordinario e Direttore del-l’istituto di Fisiologia di Messina dal 1935 al 1957, assume l’inca-rico di Rettore di quella Università nel 1943, incarico che mantie-ne fino alla sua nomina a Ministro della Pubblica Istruzione nel1954. Nello stesso anno diviene Ministro degli Affari Esteri ed intale veste promotore nel 1955 della Conferenza dei Ministri degliEsteri della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio (CECA)e nel 1957 dei Trattati di Roma, punti importanti questi per l’ideadi un’Europa unita8. Nel 1956 è chiamato a dirigere l’Istituto diFisiologia di Roma. I suoi interessi scientifici sono molteplici eriguardano lo studio della fisiologia del pancreas, dei riflessi con-dizionati e dell’epilessia riflessa. Sotto la sua direzione, nell’Isti-tuto di Fisiologia di Roma, vengono potenziati i laboratori di elet-trofisiologia e di neurochimica, viene inoltre creato un reparto perricerche con radioisotopi. Nel 1966 è eletto Rettore dell’Università di Roma. Durante la suaattività politica, il Prof. Martino delega il Prof. Sergio Cerquiglini adirigere l’Istituto di Fisiologia. 100
  • 93. L’Istituto di Fisiologia UnanaGli ultimi anni dell’Istituto Sergio Cerquiglini nato a Roma nel 1915, allievo di GiuseppeAmantea, nel 1962 è chiamato dalla Facoltà a ricoprire la IICattedra di Fisiologia, Cattedra che lascia nel 1967 ad AlfredoCuratolo per passare alla I. Cerquiglini rivolge i suoi studi ai problemi dell’alimentazione,alla fisiologia muscolare e laringea; dedica un interesse particolarealla biomeccanica, alla neurofisiologia e alla fisiologia dell’eserciziofisico. Dall’a.a. 1971-72 e fino al suo ritiro dall’attività accademica,è Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina della Sport9. Alfredo Curatolo, proveniente dall’Università di Siena, si dedi-ca soprattutto alla biochimica del Sistema Nervoso Centrale; nel1981 passa a ricoprire la I Cattedra e la Facoltà chiama sulla IICattedra Antonio Urbano, proveniente dall’Università di Catania,dove è stato per alcuni anni Direttore dell’Istituto di Fisiologia.Urbano dirige le sue ricerche al campo della neurofisiologia, foca-lizzandole sui problemi delle basi neurofisiologiche del comporta-mento motorio nell’Uomo, che vengono studiate attraverso elettro-encefalografia ad alta risoluzione spaziale. Egli istituisce ilDottorato di Ricerca in “Neurofisiologia: Basi neurali delle funzio-ni cognitive superiori”, di cui è Coordinatore dal 1994 al 1998. IlDottorato, che prenderà il nome di “Neurofisiologia”, dal 1999 ècoordinato dal Prof. Roberto Caminiti, attualmente ordinario diFisiologia, che aveva raggiunto il Prof. Urbano presso la Facoltàmedica romana nel 1983. Marco Marchetti, divenuto ordinario nel 1980, è chiamato aricoprire la III Cattedra di Fisiologia, di nuova istituzione; si appli-ca nella ricerca sulla biomeccanica dell’esercizio fisico umano e sul-l’azione riabilitante motoria e fisiologica dello sport. In questi anni svolgono nell’Istituto la loro attività di ricerca iProfessori Francesco Figura, Salvatore Condorelli, Andrea Lino,Mariangela Aita e Pietro D’Arcangelo. L’Istituto di Fisiologia, infine, dopo una breve parentesi in cuiha dato vita al Dipartimento di Fisiologia, Biofisica e Nutrizionediretto dal prof. Fabrizio Eusebi, fisiologo dell’ultima generazio-ne, già assistente del Prof. A. Curatolo, ha contribuito con l’Istitutodi Farmacologia medica all’istituzione del Dipartimento diFisiologia Umana e Farmacologia “V. Erspamer”, diretto primadal farmacologo Prof. Pietro Melchiorri, allievo del Prof. VittorioErspamer, e successivamente dal Prof. Eusebi, allievo del Prof.Ricardo Miledi. 101
  • 94. Fabrizio Eusebi e Robero Caminiti BIBLIOGRAFIA1. SPANO N., L’Università di Roma. Roma, Mediterranea, 1935. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Voll. I e II. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.2. COSMACINI G., Il medico materialista. Vita e pensiero di Jakob Moleschott. Roma-Bari, Laterza, 2005.3. MOLESCHOTT J., Allocuzione di Jacopo Moleschott. Pronunciata alla Sapienza di Roma il 16 dicembre 1892 per le feste giubilari in suo onore. MOLESCHOTT J., Per gli amici miei. Ricordi autobiografici. Traduzione dall’originale tedesco di Elsa Patrizi Moleschott. Palermo-Milano, R. Sandron, 1902. MOLESCHOTT J., La fisiologia le scienze consorelle. Prolusione al Corso di fisiologia sperimentale nella Sapienza di Roma, pro- nunziata il dì 11 gennaio 1879. Torino, E. Loescher, 1879.4. BAGLIONI S., Luigi Luciani. Il Policlinico. Sezione pratica 1919; 26(25):839.5. LUCIANI L., Fisiologia dell’Uomo. Milano, Società Editrice Libraria, 1901. (Edizione ampliata: Milano, 1919-1921).6. MARTINO G., In memoria di Silvestro Baglioni. Rendiconti dell’Accademia Nazionale dei XL. Serie IV, Vol. III, Roma, 1957.7. ZAGAMI V., In memoria di un Maestro. Giuseppe Amantea. Sicilia Sanitaria. Nuova serie 1966.8. MARTINO G., Per la salvezza dell’Italia e la costruzione dell’Europa. Camera dei Deputati, Atti parlamentari, Discussioni (seduta del 4 agosto 1964). Roma, Stabilimento tipografico Carlo Colombo, 1964.9. STROPPIANA L., Storia della Facolta di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985, pp. 113-114. 102
  • 95. L’ISTITUTO DI PATOLOGIA GENERALE PIER PAOLO GAZZANIGA 103
  • 96. L’Istituto di Patologia GeneraleI primi anni dell’insegnamento Un marmo apposto su una parete di un’aula dell’attuale edificiodi Patologia Generale che, completamente ristrutturata, è statarecentemente intitolata ad Amico Bignami, ricorda la successione dicoloro che insegnarono Patologia Generale a Roma a partire dall’in-troduzione di questa disciplina, allora ancella dell’AnatomiaPatologica e assai lontana dai contenuti che avrebbe assunto nelsecolo scorso, nell’ordinamento degli studi medici fissato nellaBolla di Papa Leone XII del 1824. L’elenco si apre con il romanoPietro Celi, che ricoprì questa cattedra dal 1824 al 1862; seguironoEmilio Negri dal 1863 al 1867, Pietro Gentili dal 1868 al 1875,Antonio Valenti dal 1878 al 1899, e da quest’anno fino al 1929Amico Bignami. Fino al 1890 l’insegnamento della PatologiaGenerale fu tenuto in un’auletta della ormai vetusta Sapienza; nel1890 esso fu trasferito, insieme a quelli di Anatomia umana,Anatomia patologica, Farmacologia e Chimica fisiologica, in viaAgostino De Pretis1, dove Antonio Valenti fondò un “Gabinetto diPatologia Generale”, nel quale per la prima volta questa disciplina,prima puramente teorica, si aprì ad una sia pur limitata attività spe-rimentale, per collocarsi infine nella sede attuale nel PoliclinicoUmberto I solo a partire dal 1929. In realtà, come vedremo, Bignamiera stato il primo ad aver lavorato, sia pure non come docente uni-versitario, nel Policlinico, ciò che giustifica un ricordo della suafigura accademica, scientifica e professionale nel contesto di questoscritto.I Maestri, la didattica, l’attività di ricerca Amico Bignami era nato a Bologna il 25 aprile 1862. Laureatosia Roma nel 1887, fu assistente nell’Istituto di Patologia Generaledallo stesso anno fino al 1891, quando fu accolto nell’Istituto diAnatomia Patologica diretto da Ettore Marchiafava. Nel 1900 ebbel’incarico dell’insegnamento della Patologia Generale, divenendopoi titolare della stessa disciplina nel 1906. Contemporaneamente,come allora era consentito, seguì una brillante carriera ospedalieranegli Ospedali Riuniti di Roma, come assistente dal 1888 e prima-rio dal 1896; con quest’ultima qualifica operò prima nell’Ospedaledi S. Spirito, poi in quello di S. Giovanni e infine, fino alla mortesopravvenuta nel 1929, nel Policlinico Umberto I. Il nome di Amico Bignami è soprattutto legato ai suoi studi sullamalaria. In collaborazione con Marchiafava egli esaminò in manie-ra approfondita l’anatomia patologica di questa malattia, particolar-mente per quanto riguarda le alterazioni a carico del fegato, della 105
  • 97. Pier Paolo Gazzanigamilza e del midollo osseo. Particolare attenzione egli riservò allealterazioni vascolari, alle quali per primo attribuì una fondamentaleimportanza nel provocare fenomeni regressivi e necrotici dei variparenchimi. I suoi studi sul ruolo nella malaria dei monociti e dellecellule del reticolo della milza, del fegato e del midollo osseo furo-no antesignani di quel concetto di sistema reticolo-endoteliale chedoveva essere formalmente enunciato più tardi da Aschoff. Unsecondo filone di ricerca di Bignami, che contribuì a rendere famo-sa la scuola malariologica romana, riguardò il ruolo della zanzaranella trasmissione della malattia. Già nel 1892, in collaborazionecon Marchiafava, Bignami aveva fornito, attraverso lo studio dellecurve febbrili della malaria estivo-autunnale, un fondamentale con-tributo alla teoria, allora ancora osteggiata, della pluralità dei paras-siti malarici. Ben più importante, peraltro, fu il suo ruolo nell’affer-mare essere la zanzara il trasmettitore dei parassiti malarici all’uo-mo. Già negli anni 1894-1896 egli aveva cercato di dimostrare que-sto meccanismo di infezione, ma fu nel 1898 che, presso l’Ospedaledi S. Spirito dove ricopriva il ruolo di primario, Bignami riuscì adinfettare un soggetto ivi ricoverato da sei anni e mai affetto da mala-ria, mediante la puntura da parte di zanzare catturate nella zona diMaccarese, riproducendo una sindrome estivo-autunnale con pre-senza di plasmodi nel sangue, esperimento che il Bignami replicòpoi su sé stesso. Ad ulteriore conferma, nel novembre del 1898, uni-tamente a Grassi e Bastianelli, egli comunicò all’Accademia deiLincei la dimostrazione dello sviluppo di parassiti malarici nell’in-testino di Anopheles claviger. Questa disamina dell’attività di ricerca di Amico Bignami sareb-be tuttavia incompleta ove non si ricordassero i suoi studi sullemalattie del sistema nervoso, del sistema endocrino e del sangue. Inparticolare egli studiò dal punto di vista clinico e anatomo-patologi-co casi di corea, di atrofia cerebellare, di encefalite letargica; dinotevole importanza le ricerche sulle alterazioni cerebrali nell’al-coolismo cronico, destinate poi ad essere ricordate con l’eponimo dimalattia di Marchiafava-Bignami. Nel campo della endocrinologiafu il primo in Italia ad occuparsi di acromegalia e nel campo dellaematologia si ricordano i suoi studi sull’anemia perniciosa e sullevarie forme allora classificate nel capitolo delle leucemie linfatiche. Ciò che fa della figura di Bignami uno degli esempi più brillantidi connubio tra ricerca sperimentale e medicina clinica fu la sua atti-vità come primario ospedaliero, cui non mancò un pari successonella professione. Nella commemorazione di Bignami tenuta daBastianelli nel 1930 presso l’Accademia Medica di Roma questo 106
  • 98. L’Istituto di Patologia Generaleconnubio veniva considerato come un bell’esempio di che cosasignifichi per la pratica medica e per la scienza che deve essereimpartita a chi studia medicina, l’unione nella stessa persona delmedico e dell’uomo di scienza. Con la scomparsa di Bignami avvenuta nel 1929 venne chiamatoa ricoprire la cattedra di Patologia Generale di Roma GuidoVernoni. Fig. 2 – Guido Vernoni al suo tavolo di lavoroFig. 1 – Guido Vernoni nell’Istituto di Patologia Generale di Roma. Vernoni, nato ad Alessandria d’Egitto da padre medico, il 3dicembre 1881, dopo gli studi liceali a Pisa ed a Lucca, si laureò inMedicina a Bologna nel 1906. Fu subito ammesso a frequentarel’Istituto di Anatomia Comparata diretto dal Giacomini, dal qualepassò, come assistente prima e poi aiuto, nell’Istituto di PatologiaGenerale diretto da Tizzoni, dove nel 1913 conseguì la libera docen-za nella stessa disciplina. Durante la prima guerra mondiale lavoròcome Capitano e poi come Maggiore Medico nell’Istituto Militaredi Bologna, dove si occupò della preparazione e del controllo delsiero antitetanico messo a punto dal suo Maestro Tizzoni. Terminatoil conflitto, fu incaricato dell’insegnamento di BatteriologiaGenerale e Fisiologia Umana prima a Bologna e poi a Firenze,nell’Istituto di Patologia Generale diretto da Alessandro Lustig.Vincitore del concorso a cattedra nel 1925, fu chiamato a Cagliari,donde si trasferì a Catania nel 1928 e finalmente a Roma nel 1929.La nuova sede assegnata per la prima volta alla Patologia Generalenel Policlinico Umberto I era rappresentata dal solo secondo pianodi una metà dell’edificio che oggi ospita il Dipartimento diMedicina Sperimentale e Patologia, essendo il primo piano allora 107
  • 99. Pier Paolo Gazzanigaoccupato dall’Istituto di Zoologia e per qualche tempo anche daquello di Parassitologia, e il piano seminterrato pressoché inagibile;l’altra metà dell’edificio, allora come oggi, occupata dall’Istituto diAnatomia Patologica. Naturalmente il primo compito di Vernoni fuquello di attrezzare i 15 locali disponibili: creò studi per il direttoree gli assistenti, biblioteca, segreteria, laboratori di istologia e di bio-chimica, oltre ad un locale per le bilancie e altri apparecchi di pre-cisione; venne anche creata nel seminterrato una camera fredda a-4 C°. Un corredo di apparecchiature relativamente ricco per le esi-genze della ricerca dell’epoca fu approntato da Vernoni in un brevevolgere di anni, anche grazie al contributo del C.N.R. che aveva fon-dato nell’Istituto un Centro di Studi per la Fisiopatologia, peraltropoi perduto per il Policlinico perché trasferito a Modena quandoVernoni lasciò l’insegnamento nel 1952. La Figura 3 mostra, con ilsimpatico ringraziamento di Cotronei, allora Direttore dell’Istitutodi Anatomia Comparata, che la dotazione di apparecchiaturedell’Istituto era tale da consentire a Vernoni di soccorrere con la ces-sione di un microscopio colleghi meno fortunati (si era nel 1947,nell’immediato dopoguerra). La personalità scientifica di Guido Vernoni emerse ben presto nel- l’ambiente accademico romano: egli tenne a lungo la presidenza del Comitato per la Biologia e la Medicina del C.N.R., fu socio nazionale dell’Accademia dei Lincei dal 1940 in poi, segreta- rio della Croce Rossa Italiana e, negli anni della seconda guerra mondiale, Direttore Sanitario del Policlinico. L’attività di ricerca di Guido Vernoni, sia prima che durante il periodo romano, fu assai varia, prevalentemente orientata verso la Fisiopatologia e soprattutto verso lo studio e l’interpretazio- ne patogenetica dei fenomeniFig. 3 – Biglietto del 1947, con il quale patologici elementari, peraltroGiulio Cotronei, Direttore dell’Istituto di sempre visti nell’ottica unitariaAnatomia Comparata, ringraziava della malattia. La sua concezioneGuido Vernoni delle finalità della Patologiaper la cessione di un microscopio Generale, sia sotto il profilo 108
  • 100. L’Istituto di Patologia Generaledidattico che quello scientifico, è chiaramente espressa dalle sueparole: Ogni processo patologico che si offre alla nostra osservazione e forma oggetto del nostro studio, presuppone ed illustra un evento clinico naturale, cioè una malattia, la quale, per semplice che sia, risulta sempre dalle manifestazioni di un certo numero di manifestazioni morbose elementari che sono appunto quelle che formano l’oggetto di Studio della Patologia Generale… Ogni insegnamento deve tendere alla sintesi ed alla unità: sterile apparendomi ogni descrizione di fatti staccati e singolarmente considerati a scopo didattico se questa analisi non è seguita, o preceduta essa stessa, da una visione unitaria del complesso fenomeno biologico morboso quale si presenta in natura, col quadro della malattia, all’osservazione degli studiosi. I campi nei quali emerse la personalità scientifica di Vernonifurono molto vari. Alcune delle sue prime ricerche furono orientatealla istologia ed alla embriologia, come quelle sulla struttura del-l’epitelio intestinale e di quello renale, o quelle sull’effetto delleradiazioni ionizzanti sullo sviluppo dell’embrione di pollo. Nelcampo dell’anatomia e dell’istologia patologica egli fu un accuratostudioso della morfologia dei tumori: in proposito egli organizzòuna sezione di diagnostica istopatologica utilizzata da tutti gliIstituti, universitari ed ospedalieri, del Policlinico; purtroppo, anchein questo caso, gli oltre diecimila preparati istologici della collezio-ne dell’Istituto andarono perduti dopo il 1952. Nel campo dellainfettivologia si occupò della brucellosi, delle spirochetosi, delle lei-shmaniosi, del tetano, delle congiuntiviti tracomatose, e in quellodella immunologia della funzione dei sieri immuni e della sieroana-filassi. Nel campo della fisiopatologia meritano un ricordo le suericerche sulla patologia del tessuto muscolare, particolarmenteimportanti quelle sulla distrofia muscolare sperimentale proseguitepoi dai suoi allievi, quelle sul metabolismo degli aminoacidi e deichetoacidi, sul meccanismo d’azione di alcune vitamine, sulla respi-razione dei tessuti in condizioni normali e patologiche studiata conil metodo di Warburg, sulla febbre. Ma spiccano soprattutto le suericerche sulla istogenesi e sulla patogenesi dei tumori. E’ singolareche proprio riguardo a due tematiche scientifiche che gli erano par-ticolarmente care, la febbre e la patogenesi dei tumori, Vernoniabbia elaborato e proposto ipotesi patogenetiche destinate a nonessere confermate dalle indagini successive. Per quanto riguarda itumori, egli sviluppò una teoria, fondata inizialmente sul rilievo 109
  • 101. Pier Paolo Gazzanigadelle alterazioni del derma che precedono la trasformazione neopla-stica dell’epitelio nella cancerogenesi sperimentale da idrocarburi,secondo la quale la cellula tumorale sarebbe una cellula perfettamente costituita e perfettamente funzionante, cioè una cellula di per sé normale, che è patologica solo nei suoi rapporti con l’organismo che la ospita. In altri termini, l’alterazione del microambiente metabolico delconnettivo sarebbe stato il fattore prevalente responsabile della tra-sformazione delle cellule parenchimali. A sostegno di questa sua ipo-tesi Vernoni ricordava sempre che il carcinoma epatico è frequentenella cirrosi e altrimenti raro, e che comunque l’infiammazione cro-nica, con le sue alterazioni a carico del connettivo, è un fattore con-causale in molti tumori (va detto peraltro che questo concetto è ridi-ventato di grande attualità nella ricerca oncologica degli ultimi annisotto il profilo del ruolo delle citochine proinfiammatorie nella can-cerogenesi). Riguardo alla tematica della patogenesi della febbre,Vernoni affermò essere l’ipertermia febbrile non la conseguenza diuna alterazione funzionale primitiva dei centri termoregolatori, bensìl’espressione di una iperattività affatto periferica del metabolismo deitessuti, particolarmente del muscolo striato, destinata ad eliminaremateriali eterogenei batterici e tossici. Ma, come ricorda Di Macco2nella commemorazione di Guido Vernoni da lui tenutaall’Accademia Medica di Roma, Goethe affermava che l’uomo errafinché cerca qualcosa, e ogni errore contiene un nucleo di verità. Il pensiero di Guido Vernoni è chiaramente espresso in due tratta-ti, quello di Patologia Generale in due volumi, nel quale ebbe comecollaboratori per alcuni capitoli illustri studiosi di varie disciplinequali Ageno, Cotronei, Silvestroni, Frontali, e quello sui tumori, alquale collaborarono Bastianelli, Valdoni, Bilancioni ed altri. Guido Vernoni fu un grande didatta. Le sue lezioni, chiare e bril-lanti, erano seguite con passione da studenti e medici. Soprattuttoegli ebbe il culto della Scuola. La fotografia riportata nella Figura 4fu scattata in uno degli ultimi giorni dell’ottobre 1952, in occasionedel suo addio all’insegnamento e all’Istituto al quale tanto avevadato. Intorno a lui sono i suoi allievi già in cattedra (Massimo Aloisi)o prossimi a vincere il concorso (Eugenio Bonetti) o destinati comun-que a diventare a breve ordinari di Patologia Generale (Paolo Buffa)o di Chimica Biologica (Doriano Cavallini). Ma vi figurano anche,oltre al personale tecnico e amministrativo, gli studenti internidell’Istituto. Chi scrive, allora studente del 3° anno, aveva avuto la 110
  • 102. L’Istituto di Patologia Generaleventura di esservi stato accolto all’inizio del secondo anno degli studimedici: si era ammessi, due soli studenti per anno, a seguito di unsevero concorsino interno con prova scritta; chi scrive ricorda che iltema proposto quell’anno era stato il ciclo di Krebs, descritto solopochi anni prima, il che dimostra, tra l’altro, che, nonostante il suoorientamento prevalentemente fisiopatologico, Vernoni aveva find’allora chiara l’idea che i più giovani adepti della PatologiaGenerale dovessero essere orientati verso lo studio della biochimicadei fenomeni patologici3. E’ facile riconoscere in quella foto, tra glistudenti dei vari anni, futuri ordinari di Patologia Generale, diChimica Biologica, di Parassitologia, di Genetica Umana.Fig. 4 – Fotografia scattata nell’ottobre 1952 in occasione dell’addio di Guido Vernoniall’insegnamento. E’ presente tutto il personale dell’Istituto di Patologia Generale di allora.Si riconoscono: 1, Guido Vernoni; 2, Massimo Aloisi, ordinario di Patologia Generale aModena, poi a Padova; 3, Eugenio Bonetti, aiuto, dal 1953 ordinario di Patologia Generalea Messina, poi a Siena ed a Bologna; 4, Paolo Buffa, assistente, futuro ordinario diPatologia Generale a Modena; 5, Doriano Cavallini, assistente, futuro ordinario diChimica Biologica a Roma. Sono inoltre riconoscibili alcuni studenti interni destinati aduna brillante carriera universitaria: 6, Bruno Mondovì, futuro ordinario di ChimicaBiologica a Roma; 7, Carlo De Marco, futuro ordinario di Chimica Biologica a Roma ePreside della Facoltà Medica dal 1981 al 1990; 8, Eraldo Antonini, futuro ordinario diChimica Biologica a Roma; 9, Pier Paolo Gazzaniga, futuro ordinario di PatologiaGenerale a Roma; 10, Guido Modiano, futuro ordinario di Genetica Umana a Roma; 11,Gianfranco Ferretti, futuro ordinario di Parassitologia a Roma. 111
  • 103. Pier Paolo Gazzaniga Fu proprio il culto della Scuola ad arrecare a Guido Vernoni unagrande amarezza, che nel giorno dell’addio egli trasmise con unaccorato discorso a tutto l’Istituto, per non essere riuscito ad ottene-re dalla Facoltà, a succedergli a Roma, il trasferimento del suoprimo valoroso allievo, Massimo Aloisi. Amarezza che traspare dauna breve lettera di ringraziamento che chi scrive ricevette per ildono di un libro d’arte che in quella triste occasione gli era statofatto dagli studenti interni, lettera gelosamente conservata qualetestimonianza dell’affetto che il Maestro dimostrava anche ai piùgiovani dei suoi studenti. Fig. 5 – Breve lettera di Guido Vernoni indirizzata a chi scrive, allora studente interno nell’Istituto di Patologia Generale, in ringra- ziamento del dono di un libro d’ar- te offertogli dagli studenti interni in occasione del suo addio all’inse- gnamento ed all’Istituto A succedere a Guido Vernoni fu chiamato nel 1952 un altro illu-stre studioso, Francesco Pentimalli (Figura 6). Nato il 28 novem-bre 1885 a Palmi, Pentimalli si laureò a Napoli nel 1911. Assistentedi Patologia Generale nell’Istituto diretto da Gino Galeotti, fre-quentò per tre anni l’Istituto di Patologia di Friburgo diretto daAschoff. Durante la prima guerra mondiale si occupò della campa-gna antitifica coordinata da Galeotti. Libero docente nel 1916,vinse il concorso per professore straordinario nel 1925: chiamato aCagliari, si trasferì poi a Perugia dal 1927 al 1933, a Firenze fino al1936, a Napoli fino al 1953 e quindi a Roma, dove concluse la suacarriera nel 1956. Il suo vivo interesse per la ricerca lo portò, già 112
  • 104. L’Istituto di Patologia Generaleordinario, a vari soggiorni all’estero in prestigiosi Istituti di ricerca:nel 1927 a Berlino nell’Istituto diretto da Warburg, l’anno succes-sivo a Londra sotto la direzione di Hilgar e Murray, nel 1936nell’Istituto di Chimica Fisica di Uppsala diretto da Svedberg. Ilgrande impegno nello studio dei tumori gli valse la nomina aDirettore dell’Istituto Pascale di Napoli e poi dell’Istituto ReginaElena di Roma, incarico quest’ultimo che ricoprì dal 1949 fino allasua morte nel 1958. Affascinato dall’indirizzo fisico-chi- mico che Galeotti aveva dato alla disci- plina, Francesco Pentimalli manifestò ben presto un vivo entusiasmo per la ricerca sperimentale, coltivata poi sem- pre con grande rigore. Le prime indagini furono prevalentemente orientate a pro- blemi di fisiopatologia: tra queste le ricerche sull’embolia polmonare, sui rapporti tra alcuni ormoni e funzione renale, sul ricambio idrico, sulla motilità dell’intestino e dell’uretere. Ben prestoFig. 6 – Francesco Pentimalli però i suoi interessi scientifici si polariz- zarono sull’oncologia sperimentale. Leindagini sul carcinoma di Ehrlich del topo svolte nel laboratorio diAschoff gli consentirono di escludere un effetto chemioterapico dialcuni composti, quali quelli del selenio, allora avvalorati da altristudiosi. Ma la vera attività di Pentimalli iniziò con le ricerche sulvirus del sarcoma di Rous. Nelle prime indagini su questo modelloegli dimostrò un fenomeno di grande importanza: l’inoculo endove-noso di materiale contenente il virus poteva determinare l’insorgen-za del tumore in sedi diverse quali fegato, rene, milza, nelle qualifosse stato indotto un fenomeno infiammatorio mediante la cauteriz-zazione, così come in cicatrici cutanee o in calli ossei in formazio-ne, in altri termini laddove fossero in atto fenomeni proliferativi cel-lulari. Veniva così illustrato un brillante esempio di cocancerogene-si, che in certo modo si ricollegava alla visione Vernoniana dellapatogenesi dei tumori. Dopo di allora Pentimalli tese essenzialmen-te all’isolamento dell’agente di Rous, con appassionate lunghe inda-gini di ultracentrifugazione e di spettrofotometria, che lo portaronoad affermare la natura proteica dell’agente del sarcoma. Una linea diricerca iniziata già tra il 1919 e il 1924 e che egli perseguì fino allatarda età, riguardò gli effetti dell’intossicazione cronica con protei- 113
  • 105. Pier Paolo Gazzanigane eterogenee. La dimostrazione che tra gli effetti di questa tossico-si vi era costantemente una leucocitosi, soprattutto monocitica, talo-ra la presenza in circolo di progenitori leucocitari immaturi, edanche la comparsa di focolai di metaplasia mieloide in vari organi,quali milza e rene, lo portò ad affermare che questi effetti, che oggisappiamo essere quelli di una intensa protratta stimolazione delsistema reticolo-endoteliale, erano la prova di un possibile rapportoeziopatogenetico tra intossicazione proteica cronica e leucemie,concetto che egli sostenne fino alla sua morte, nonostante le critiche,con la feroce passione del suo animo calabrese4. I pochissimi anni romani di Francesco Pentimalli non apportaro-no particolari miglioramenti all’Istituto che era stato chiamato adirigere. Le già precarie condizioni di salute e il suo gravoso impe-gno quale Direttore dell’Istituto Regina Elena lo portarono a trascu-rare l’attività didattica, che rimase in buona parte affidata agli assi-stenti che l’avevano seguito da Napoli, Antonio Caputo, futuro ordi-nario di Patologia Generale a Perugia e poi Direttore dello stessoIstituto Regina Elena, e Dino Guerritore, futuro ordinario diPatologia Generale nella Facoltà di Scienze di Roma. Né si ricorda-no di lui scritti con finalità didattiche. Una figura, insomma, di ricer-catore puro, che come tale merita di essere ricordato tra i grandiMaestri della Patologia Generale di allora. A succedergli nella cattedra di Patologia Generale di Roma fuchiamato nel 1956 Gennaro Di Macco (Figura 7). Nato a Siracusail 1° settembre 1895, si laureò a Napoli nel 1919. Prima assistente,poi aiuto nell’Istituto di Patologia Generale di Palermo diretto daScaffidi, vi conseguì la libera docenza nella stessa disciplina nel1923. Incaricato a Palermo dell’insegnamento della PatologiaGenerale dal 1925, fu nominato,vincitore del relativo concorso,ordinario a Cagliari nel 1930.L’anno seguente passò a Catania,nel 1935 a Torino e infine a Romanel 1956. Nella fase iniziale dellasua carriera frequentò importantilaboratori di ricerca esteri, adHeidelberg quello diretto da HansSachs, a Kiel quello diretto daHeinrich Schade ed a Parigi quellodi Fisiologia Generale dellaSorbona diretto da Louis Lapicque. Fig. 7 – Gennaro Di Macco. 114
  • 106. L’Istituto di Patologia Generale Giunto a Roma, Di Macco diede un notevole impulso alla ristrut-turazione dell’Istituto. Nel piano seminterrato, prima abbandonato,furono create alcune aulette per le esercitazioni degli studenti, cor-redate con microscopi ed apparecchiature per proiezioni, mentre nelsecondo piano furono ammodernati i laboratori di istologia e di bio-chimica, essendo il primo piano sempre occupato dall’Istituto diZoologia. In un locale situato fuori dall’Istituto fu organizzato unmoderno stabulario per piccoli animali, che fu poi demolito per lacostruzione dell’attuale Aula di Patologia Generale e AnatomiaPatologica. Nel piano seminterrato fu anche organizzato un labora-torio di analisi cliniche per pazienti ambulatoriali, destinato a rima-nere attivo per molti anni. D’altronde, l’interesse di Di Macco per lamedicina di laboratorio è dimostrato anche dalla fondazione a Romadi una Scuola di Specializzazione in Patologia Generale, che permolti anni ha preparato medici e biologi all’attività diagnosticalaboratoristica. L’attività scientifica di Gennaro Di Macco fu soprattutto rivolta atemi di fisiopatologia e di biochimica. Nel primo settore si ricorda-no le ricerche sulla patogenesi delle varie forme di ipertermia, feb-brile e non, e quelle sulle ipotermie sperimentali, ricerche questeultime che lo portarono a formulare il concetto di “zero biologico”quale temperatura alla quale cessa l’attività funzionale dei diversitessuti. Inoltre egli studiò con varie metodiche sperimentali i mecca-nismi implicati nell’equilibrio funzionale tra le sezioni, orto- e para-simpatica, del sistema nervoso autonomo, e la patogenesi dei relati-vi squilibri. In campo biochimico meritano una menzione le ricerchesulla patologia del metabolismo degli aminoacidi, sulle ipervitami-nosi sperimentali, sugli effetti delle diete monofagiche. Nel campodella immunologia Di Macco si distinse per alcune ricerche sulleidiosincrasie, come espressione di difetti enzimatici costituzionali,pertanto distinte dalle allergie. Appassionato didatta, si servì ampiamente nelle sue lezioni di sus-sidi tecnici per dimostrazioni epidiascopiche; è degno di menzioneil fatto che egli sia stato tra i primissimi docenti di materie medichein Italia ad utilizzare per l’esame finale degli studenti una prova pre-liminare scritta mediante test a risposta multipla, che egli allestivapersonalmente prima di ogni sessione, antesignano di una metodo-logia docimologica oggi largamente affermata. Nella sua vasta trat-tatistica, rappresentata da un testo di Patologia Generale in duevolumi, da uno di Patologia del Metabolismo e dalla voluminosamonografia Malattia e Disposizione, Di Macco si è sempre distintoper l’originalità delle sue concezioni in molti settori della disciplina, 115
  • 107. Pier Paolo Gazzaniganon ultimo un vivo interesse innovativo per la Medicina dello Sport.Non si deve infine dimenticare che Di Macco ebbe anche una inten-sa attività editoriale, avendo fondato, già durante il soggiorno aTorino, vari giornali, almeno uno dei quali, la Rivista di MedicinaSperimentale, ebbe, almeno nelle sue prime annate, un notevole suc-cesso nel panorama non fulgido dell’editoria scientifica italiana del-l’epoca.Nel 1966 fu chiamato a succedere a Gennaro Di Macco DinoMerlini. Nato a Peccioli nel Pisano il 26 febbraio1910, si laureò a Pisa nel 1935. Divenutoben presto assistente nell’Istituto diPatologia Generale di quella Università,allora diretto da Cesare Sacerdotti fino al1938 e poi da Alberto Marrassini, vi svolsela prima parte della sua carriera, assumendol’incarico dell’insegnamento di PatologiaGenerale e di Batteriologia nel 1947 e poiquello della direzione dell’Istituto prima chenel 1950 vi subentrasse Enrico Puccinelli.Vincitore del concorso a straordinario nel1952, fu chiamato a ricoprire la cattedra di Fig. 8 – Dino Merlini.Perugia, donde fu chiamato a Roma nel1966. Durante questi anni svolse una vivace attività scientifica invari settori della fisiopatologia e della biochimica. Dopo le primeindagini sull’attività respiratoria del cuore, in particolare sull’utiliz-zazione da parte del tessuto cardiaco di acidi grassi a catena breve elunga e di corpi chetonici quali substrati, sull’effetto di alcune vita-mine sul fenomeno di Sanarelli-Schwartzmann e sul fenomeno diArthus, sulla presenza di fattori antianemici nell’urina, si dedicò aduna serie di ricerche sulla patogenesi del diabete da allossana,all’epoca il più importante modello di diabete sperimentale. Dopoavere descritto l’azione diabetogena dell’acido deidroascorbico,Merlini dimostrò che la somministrazione di acido ascorbico insie-me all’allossana non induceva un diabete, ma una grave anemiaemolitica in varie specie animali, dovuta alla riduzione dell’allossa-na ad acido dialurico, a sua volta responsabile della formazione dimetemoglobina e di coleglobina, con comparsa di corpi di Heinznegli eritrociti, formazioni delle quali fino ad allora era incerta lanatura. Durante il soggiorno perugino Merlini allestì una sezione dimicroscopia elettronica dotata di un microscopio elettronico Philips 116
  • 108. L’Istituto di Patologia Generale100, con il quale iniziò, in collaborazione con il suo allievo FeliceGiacomo Caramia, ricerche di morfologia ultrastrutturale normale epatologica. Giunto a Roma, si impegnò duramente per vari anni nella comple-ta ristrutturazione dell’Istituto di Patologia Generale. Recuperatol’intero primo piano a seguito dell’avvenuto trasferimentodell’Istituto di Zoologia che l’aveva occupato fino ad allora nellasua sede attuale all’interno della Città Universitaria, l’attrezzò conuffici di segreteria e con una serie di laboratori. La vecchia aula da140 posti, ormai largamente insufficiente (erano gli anni nei quali glistudenti iscritti al 1° anno superavano i 3000) fu demolita e fucostruita con criteri moderni quella che attualmente è intitolata adAmico Bignami. La biblioteca fu trasferita al secondo piano e attrez-zata con moderne scaffalature su due piani anche per accogliere lenumerose riviste alle quali l’Istituto si andava abbonando. Nellostesso piano venne realizzata una parziale soppalcatura per accoglie-re magazzini e laboratori di ricerca. Nel piano seminterrato vennerealizzata una sezione di microscopia elettronica, nella quale fusubito trasferito il microscopio elettronico Philips 100 di Perugia,cui si aggiunse nel 1968 un Philips 300 e pochi anni più tardi unsecondo Philips 300, sezione che doveva illustrarsi per le ricerchedel suo allievo Felice Caramia e di Matteo Russo; inoltre una seriedi studi e di laboratori, una elegante auletta in seguito intitolata aGuido Vernoni, e un moderno stabulario in luogo di quello esternoall’Istituto, ormai fatiscente. Infine, veniva avviata la costruzionedell’attuale aula di Patologia Generale e Anatomia Patologica.Come si vede, una completa ristrutturazione e modernizzazione del-l’edificio, reso idoneo ad accogliere pochi anni più tardi due nuoviordinari, Felice Giacomo Caramia e Giuseppe Pontieri. Divenuto Segretario Generale della Lega Italiana per la Lotta con-tro i Tumori, Merlini si dedicò alla riorganizzazione delle variesezioni distaccate di questa Istituzione, compiendo numerosi viagginelle sedi sparse in Italia, cui si aggiungevano spesso conferenzesulle neoplasie e sul loro impatto sociale. Si deve infine ricordareche, essendo divenuti in parte superati i trattati di PatologiaGenerale fino ad allora in uso per la preparazione degli studenti,Merlini provvide a curare l’edizione italiana del trattato di SirFlorey dello stesso nome5. Se negli anni successivi alla sua andatafuori ruolo è stato possibile ospitare efficacemente nell’Istituto unanumerosa schiera di nuovi docenti e ricercatori, non vi è dubbio checiò si deve all’entusiasmo con il quale Dino Merlini rinnovò radical-mente le strutture del vecchio edificio. 117
  • 109. Pier Paolo Gazzaniga Uomo di vasta cultura, austero e talora burbero, non facile al rap-porto umano ed alla confidenza, Dino Merlini ha tuttavia lasciato unsimpatico ricordo in chi lo ha veramente conosciuto da vicino ed hapotuto apprezzare, al di sotto di quella scorza, un animo capace dimomenti di grande umanità. Dopo il pensionamento si ritirò nellasua ad un tempo amata e odiata Peccioli, donde però la nostalgia loriportava, sempre più raramente, a rivisitare per qualche giornoquello che continuava chiamare il “suo” Istituto, ed a discorrereamabilmente delle vicissitudini ulteriori di questo con chi gli erastato più vicino in quegli anni e che di lui conserva un caro ricordo. Già nei primi anni dopo la chiamata di Dino Merlini a Roma si eraresa evidente l’esigenza di incrementare il numero degli insegna-menti di Patologia Generale per far fronte alla sempre crescentepopolazione di studenti che frequentavano il secondo ed il terzoanno della Facoltà medica. Esigenza che fu soddisfatta dalla chia-mata di due nuovi ordinari, Felice Giacomo Caramia a seguito diconcorso, e Giuseppe Pontieri per trasferimento da Napoli, chiama-te rese possibili dall’ampliamento e dalla modernizzazionedell’Istituto cui Dino Merlini aveva atteso negli anni precedenti. Felice Giacomo Caramia, nato a Mesagne in Puglia il 20 novem-bre 1927, si laureò a Perugia nel 1954. Assistente nell’Istituto diPatologia Generale di quella Università, diretto da Dino Merlini, viconseguì la libera docenza nel 1964, per seguire poi Merlini a Romanel 1966. Vincitore di concorso, fu chiamato nel 1973 a ricoprire laseconda cattedra di Patologia Generale di Roma. Già le sue prime ricerche avevano dimostrato un vivo interesse alla fine indagine morfologi- ca: è di quel pe- riodo lo studio dei diversi citotipi delle ghiandole salivari e delle isole pancreati- che, nonché della distribuzione del gli- cogeno nel miocar-Fig. 9 – Felice Giacomo Caramia dio, nei muscoli stria- 118
  • 110. L’Istituto di Patologia Generaleti e nei neuroni. Il periodo più fecondo della sua attività scientifi-ca coincise con un soggiorno negli Stati Uniti durato molti anni, apiù riprese dal 1965 al 1972, per lo più nel prestigioso Institute ofBiology della Washington University di St. Louis, dove ebbe comemaestri e collaboratori Rita Levi Montalcini, Renato Dulbecco,Piero Angeletti, Sarah Luce ed altri. Erano gli anni sessanta,durante i quali la microscopia elettronica, che aveva iniziato la sualenta evoluzione dopo la seconda guerra mondiale con l’affina-mento delle tecniche di preparazione dei campioni, era diventatala metodica di elezione nella ricostruzione della istologia dei tes-suti e nella definizione delle ultrastrutture cellulari e delle loroalterazioni elementari. Con due lavori pubblicati nel 1965 in col-laborazione con Munger e Lacy, Caramia, che già nel 1963 avevada solo identificato un nuovo citotipo nelle isole pancreatiche,furono stabilite definitivamente le basi ultrastrutturali e funziona-li delle diverse popolazioni cellulari delle isole. Sul finire del suolungo soggiorno negli Stati Uniti, nell’ambito delle ricerche diRita Levi Montalcini sui fattori implicati nello sviluppo dei neu-roni gangliari simpatici, ricerche che le avrebbero valso il PremioNobel per la scoperta del Nerve Growth Factor, Caramia, in col-laborazione con la stessa Montalcini e con Piero Angeletti, studiòdal punto di vista ultrastrutturale le alterazioni indotte da variagenti tossici, quali guanetidina e bretilio, nel corso dello svilup-po di questi neuroni. Tornato in Italia nel 1972, Caramia si dedicò allo studio istolo-gico, ultrastrutturale ed immunochimico degli epatociti in sogget-ti portatori di quello che era allora indicato come antigeneAustralia, dimostrando per la prima volta la presenza di particellesimil-virali nelle cellule epatiche di questi pazienti. Negli annisuccessivi Caramia, insieme ai suoi allievi romani, applicò la suagrande esperienza di fine morfologo allo studio delle alterazionielementari del fegato in varie condizioni patologiche, con partico-lare riferimento alla patologia mitocondriale e perossisomiale,confermandosi uno dei massimi esperti di patologia ultrastruttura-le epatica; di particolare rilievo anche le ricerche sui meccanismidel trasporto intranucleare del glicogeno e quelle sulla localizza-zione dei collageni tipo IV e V nello stroma di diversi tessutiumani. Si può affermare che soltanto la innata modestia e riservatezza diFelice Caramia, purtroppo recentemente scomparso, gli hanno impe-dito di essere universalmente riconosciuto, come in effetti fu, comeuno dei padri fondatori della moderna microscopia elettronica. 119
  • 111. Pier Paolo Gazzaniga Giuseppe Pontieri, nato a Nocera Terinese il 3 settembre 1927, silaureò a Napoli nel 1950. Assistente dal 1951 presso l’Istituto diMicrobiologia dell’Università di Napoli, poi presso quello diPatologia Generale della stessa Università, conseguì la LiberaDocenza in Patologia Generale nel 1958 e quella in Microbiologianel 1961. Vincitore del concorso alla cattedra di Patologia Generaledi Messina nel 1963, fu chiamato a ricoprire la stessa cattedra aPalermo nel 1964, donde si trasferì a Napoli nel 1971, per essereinfine chiamato a Roma nel 1974. La sua formazione scientifica si giovò di numerosi soggiorniall’estero: nell’Istituto Pasteur di Parigi nel 1953, nello stesso annonell’Istituto di Microbiologia di Delft diretto da Kluyver, dal 1954al 1955 presso l’Istituto di Igiene di Bonn, nel 1956 nei laboratoriHilger di Londra diretti da Keckwick, dal 1958 al 1959 nel labora-torio di Heidelberger della Rutgers University di New Brunswick,dove, in collaborazione con Otto Plescia, svolse intensa attività diricerca in campo immunologico: sulla immunochimica del tumoremammario del topo, sulle immunoglobuline mielomatose, sulla bio-sintesi degli antigeni batterici e tumorali, sulla immunochimica delcomplemento. Seguirono, durante il soggiorno a Palermo e poi aNapoli, le ricerche di microscopia elettronica sulla ultrastruttura deicromosomi e della membrana nucleare di cellule batteriche e leindagini sulla biosintesi enzimatica indotta nei batteri, nonché sullainduzione di alcuni enzimi nel fegato rigenerante di mammifero. Nelcampo dei tumori spiccano le ricerche sugli antigeni del sarcoma diRous e su un extra-antigene del fattore latte di Bittner assente nellatte normale. Altre indagini riguardarono la titolazione del primocomponente del complemento e le tecniche di isolamento e di fra-zionamento del terzo componente. A Roma l’attività di ricerca di Pontieri continuò ad essere rivoltanel campo dell’Immunopatologia, in particolare con lo studio delruolo del sistema complementare nel corso dello sviluppo neoplasti-co, dei rapporti tra immunodepressione ed oncogenesi e dei fenome-ni autoimmunitari. Diversi suoi allievi compirono lunghi soggiorni inLaboratori europei e statunitensi con i quali vennero intrapresi rappor-ti di collaborazione scientifica con interscambio di ricercatori, ed eglistesso, grazie al supporto del CNR e degli Istituti ospitanti, frequentòcome Visiting Professor diversi Istituti scientifici degli USA, soprat-tutto il Waksman Institute of Microbiology della Rutgers Universitynel New Jersey, dove, durante gli anni giovanili, era iniziata la sua for-mazione immunologica sotto la guida di Heidelberger e Plescia. Negli studi sul sistema complementare egli mise in evidenza l’uti- 120
  • 112. L’Istituto di Patologia Generalelizzazione da parte delle cellule neoplastiche del C3 e la biosintesi,secrezione ed utilizzazione di questa molecola da parte di cellulestaminali emopoietiche, che la incrementano dopo la trasformazio-ne neoplastica con virus oncogeni. Dalle indagini sui rapporti tra immunodepressione ed oncogenesiemerse il risultato dell’aumentata sintesi e secrezione nelle celluletumorali di metaboliti dell’acido arachidonico, in particolare leuco-trieni e prostaglandine, che diventano responsabili dell’inibizionefunzionale dei linfociti, con la conseguenza che l’immunodepressio-ne nei tumori può essere riguardata più come un “post-factum” checome “ante-factum”. Numerose altre ricerche riguardarono il chiarimento della specifi-cità antigenica degli anticorpi antifosfolipidi, il ruolo degli eosinofi-li nelle reazioni di ipersensibilità di 1° tipo e le modificazioni strut-turali della membrana plasmatica delle cellule neoplastiche. Pontieri curò con passione l’attività didattica nei Corsi di Laureae di Specializzazione, non solo nell’ambito della Patologia Generalema anche in quello della Storia della Medicina, disciplina dellaquale ebbe per vari anni affidato l’insegnamento. Oltre a varie ras-segne, egli pubblicò, in collaborazione con docenti di diverseUniversità italiane, un libro di Patologia Generale in due volumi,che nelle sue tre edizioni è stato adottato in molte Facoltà diMedicina, di Veterinaria e di Scienze biologiche. Con la figura di Giuseppe Pontieri si conclude una generazione dipatologi generali di Roma. La chiamata di Luigi Frati, destinato adiventare Preside della Facoltà Medica, prestigioso incarico che egliricopre dal 1990 a tutt’oggi, ha dato inizio ad un nuovo periodo difervida attività scientifica, oltreché didattica ed assistenziale, che nelbreve volgere di due decenni ha consentito a numerosi suoi allievi,diretti o indiretti, di coronare la loro carriera con il conseguimentodell’ordinariato nelle varie discipline ricomprese nel raggruppamen-to della Patologia Generale. All’attività didattica, scientifica ed assistenziale di questa nuovaScuola ha offerto una solida base organizzativa l’istituzione delDipartimento di Medicina Sperimentale e Patologia, da molti annidiretto con efficacia e passione da Mario Piccoli. Se, come tutti speriamo e confidiamo, il Policlinico Umberto Isopravviverà alle ormai sue ricorrenti crisi, il riconoscimento del-l’ulteriore importante contributo offerto dalla Patologia Generalealle sue finalità resterà affidato ad una futura rievocazione. 121
  • 113. Pier Paolo Gazzaniga BIBLIOGRAFIA1. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.2. DI MACCO G., Ricordo di Guido Vernoni. Commemorazione tenuta all’Accademia Medica di Roma. Medic. Sperim. 1957; 31:511-16.3. SCARANO G., Guido Vernoni. Il suo pensiero nell’evoluzione della Patologia Generale. Med. Secoli 1989; 1: 96-104.4. CALIFANO L., Commemorazione del Socio F. Pentimalli. Rendiconti della classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali della Accademia Nazionale dei Lincei. Fasc. 2, serie VIII, vol. XXVIII, 1960.5. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985. 122
  • 114. L’ISTITUTO DI ANATOMIAE ISTOLOGIA PATOLOGICA ERMANNO BONUCCI 123
  • 115. L’Istituto di Anatomia e Istologia PatologicaI primi anni dell’insegnamento L’Anatomia Patologica, quale si è andata sviluppando nelPoliclinico Umberto I, trova le sue radici nell’insegnamento delladisciplina presso l’Ospedale Santo Spirito, dove nella seconda metàdell’800 fu creato dapprima un “Gabinetto fisio-patologico” e poiun Istituto di Anatomia Patologica. Questo ebbe poi sede in viaAgostino Depretis, in un edificio che comprendeva anche gli Istitutidi Anatomia Umana, Fisiologia e Chimica Biologica, e ivi rimasefino al 1928, quando fu trasferito presso il Policlinico Universitario.Nella Storia della Facoltà Medica di Roma, di Adalberto Pazzini, èpossibile trovare una succinta descrizione dei locali e delle strutturedel nuovo Istituto, collocato in un edificio di stile cosiddetto “colo-niale”, dapprima condiviso con la Patologia Generale, la Zoologia ela Parassitologia, quindi con la sola Patologia Generale, ed attual-mente sede del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Patologia1.L’insegnamento pratico dell’Anatomia Patologica e la conseguenteattività autoptica, effettuati inizialmente nell’Ospedale SantoSpirito, furono trasferiti al Policlinico Universitario nel 1907 inlocali provvisori adiacenti alle sale mortuarie e poi, nel 1928, inlocali definitivi ad esse sovrastanti. In attesa del completamentodelle strutture del Policlinico, dal 1923 al 1928, l’Istituto avevaanche utilizzato alcuni locali della Clinica Psichiatrica. Nell’Università di Roma il primo docente di Anatomia Patologicafu Gaetano Valeri, il quale dal 1852 al 1865, presso l’OspedaleSanto Spirito, tenne un corso dedicato alla disciplina, la quale peral-tro non era ancora compresa nell’ordinamento degli studi. Al Valeriseguì, come insegnante non ufficiale, Guido Baccelli (1830-1916),professore di Clinica Medica e più volte ministro della PubblicaIstruzione, il quale aveva pubblicato, oltre a numerose altre opere,un volume su La patologia del cuore e dell’aorta. L’AnatomiaPatologica, tuttavia, non aveva ancora dignità di disciplina autono-ma e veniva considerata un complemento di altre discipline e inse-gnata come corollario soprattutto della Clinica Medica,dell’Anatomia Normale, della Fisiologia.I Maestri, la didattica, la ricerca Corrado Tommasi Crudeli (1834-1900) viene considerato ilprimo docente ufficiale di Anatomia Patologica presso l’Universitàdi Roma, ove fu chiamato nel 1871-72 provenendo dall’Universitàdi Palermo, sede nella quale aveva insegnato la disciplina dal 1865.Studente prima a Firenze e poi a Pisa, dopo la laurea si era recato aParigi dove si era interessato di Medicina Sperimentale con Claude 125
  • 116. Ermanno BonucciBernard, e in Germania, dove aveva frequentato l’Istituto di RudolfVirchow. Spirito libero e intraprendente, si era arruolato tra le trup-pe di Giuseppe Garibaldi e fu lievemente ferito a Milazzo. Egli fudeputato prima e senatore poi del Regno d’Italia e, in tale veste, col-laborò all’istituzione di dispensari e reparti ospedalieri per la curadelle malattie veneree. Egli era peraltro anche uno stimato igienista,molto impegnato nell’organizzazione e nel funzionamento dei servi-zi sanitari, tanto che nel 1881 ebbe a trasferirsi alla Cattedra diIgiene. Tra le sue ricerche meritano menzione quelle sul parassitamalarico e sulla propagazione del colera asiatico e della difterite2. Successore di Tommasi Crudeli, del quale era stato assistente, fuEttore Marchiafava (1847-1935), il quale portò l’AnatomiaPatologica alla dignità di disciplina autonoma. Noto soprattutto perle sue ricerche nel campo della malaria, della quale, in collaborazio-ne con Angelo Celli, aveva studiato il ciclo, contribuì al chiarimen-to della morfologia e dello sviluppo endoglobulare del parassita.Individuò inoltre nel meningococco il responsabile della meningiteepidemica. Egli si interessò di numerosi altri problemi di patologia,partendo dal presupposto che le manifestazioni cliniche delle malat-tie trovano un riscontro preciso nelle alterazioni anatomo-patologi-che. Descrisse per la prima volta lesioni degli organi in varie condi-zioni patologiche, alcune delle quali sono note ancora oggi con ilsuo nome. Si conosce infatti come “Sindrome di Marchiafava-Bignami” la degenerazione del corpo calloso nell’alcoolismo croni-co, come “Triade di Marchiafava” l’associazione post-pneumonicadi setticemia, endocardite e meningite, e ancora come “Sindrome diMarchiafava-Micheli” l’associazione di ittero emolitico cronico conemoglobinemia, emoglobinuria e sideruria. Oltre che insigne studio-so, e per tale motivo membro nazionale dell’Accademia dei Lincei,egli prese parte attiva alla vita nazionale, ricoprendo tra l’altro gliincarichi di Presidente del Consiglio Superiore della Sanità e divicepresidente della Croce Rossa Italiana. Ad Ettore Marchiafava successe nel 1922 l’allievo AntonioDionisi (1866-1931), che nel 1902-3 aveva tenuto per incarico l’in-segnamento di Istologia Patologica a Roma, si era poi recato aModena come incaricato di Anatomia Patologica e, dal 1910, eradivenuto professore di ruolo di Anatomia Patologica a Palermo.Antonio Dionisi continuò gli studi già intrapresi con il maestro, inparticolare quelli sulla malaria, con i quali riuscì ad anticipare l’ideache il parassita malarico dovesse soggiornare nella zanzara per assu-mere carattere infettante, e quelli sulle malattie del sangue, con par-ticolare riferimento alla patogenesi degli itteri3. 126
  • 117. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologica Successore di Antonio Dionisi fu nel 1931 Guido Sotti, il qualeproveniva dall’Università di Bari, ove era stato nominato professo-re di Anatomia e Istologia Patologica nel 1928. Sotti fu studiosoattento e rigoroso degli aspetti anatomo-patologici delle malattie cheall’epoca avevano il maggior impatto sociale, quali la tubercolosi.Di questa affezione, analizzò aspetti poco noti, come quelli dellamiocardite di tipo emorragico, e localizzazioni inusuali, quali quel-le nella milza e nelle meningi. Cessato l’insegnamento di Guido Sotti nel 1947 per raggiuntilimiti di età, subentrò per un breve periodo Giovanni Lelli, chetenne l’insegnamento per incarico dal 1947 and 1949. Titolare della cattedra di Anatomia e Istologia Patologica divennepoi Gaetano Bompiani che, dopo aver diretto vari Istituti diAnatomia Patologica in altre sedi universitarie, fu chiamato nel1949 a dirigere quello dell’Università di Roma. Gaetano Bompianiebbe il merito di continuare l’attività universitaria secondo i rigoro-si principi che erano stati propri dei suoi predecessori, ponendo sem-pre in primo piano l’insegnamento dell’Anatomia Patologica diret-tamente al tavolo anatomico. Nel contempo, tuttavia, aprì i labora-tori dell’Istituto a nuove metodiche di ricerca e di studio, introdu-cendo l’uso delle tecniche istochimiche e favorendo lo sviluppo diquelle ultrastrutturali, in tal modo offrendo all’Anatomia Patologica,fino ad allora avente carattere prevalentemente macroscopico e isto-patologico, nuovi mezzi di ricerca e di diagnostica. Degni di men-zione sono i suoi studi sulla patologia vascolare nella malattia reu-matica, su alcune forme di endocardite, su alcune affezioni emoliti-che, sui processi organizzativi che possono portare all’indurimentopolmonare4. Al cessare dell’attività universitaria di Gaetano Bompiani, perraggiunti limiti di età (1958), l’insegnamento dell’AnatomiaPatologica fu affidato per incarico ad Antonio Ascenzi, che delBompiani era stato aiuto. Tale incarico ebbe la durata di un biennio. Trascorso tale periodo, nel 1960 la Facoltà romana chiamò LuigiAjello (1898-1995) a dirigere l’Istituto di Anatomia Patologica. Egliaveva tenuto per incarico la cattedra di Anatomia Patologica aPalermo e, nel 1942, era stato chiamato dall’Università di Genova adirigere l’Istituto di Anatomia Patologica, che aveva tra l’altro prov-veduto a riorganizzare dopo la parentesi bellica. Sia in tale sede, siain quella romana, Luigi Ajello si fece promotore di numerose ricer-che. Meritano particolare menzione quelle sulla granulomatosi ame-bica, sugli equivalenti anatomici dell’allergia in alcune forme ditubercolosi (intestinale, biliare, ecc.), sulla brucella con individua- 127
  • 118. Ermanno Bonuccizione di un granuloma similtubercolare, sul cocainismo subacutocon evidenziazione di uno pseudogranuloma nervoso (gliomatosicerebrale micronodulare), sui bioritmi. Nel 1954 la Facoltà istituì laScuola di Perfezionamento in Oncologia, di cui assunse la direzionee alla quale venne poi annesso il Centro per la prevenzione e la pro-filassi dei tumori professionali. Inoltre, l’Anatomia e IstologiaPatologica entrò come insegnamento ufficiale in varie Scuole diSpecializzazione. Nel 1965, su sua proposta, la Facoltà istituì laCattedra di Tecnica e Diagnostica Istopatologica, che venne affida-ta al suo allievo Marco Melis. Nato a Genova nel 1927, Marco Melis aveva svolto la sua attivi-tà accademica nella Facoltà di Medicina e Chirurgia di quella città,dove gli era stato affidato nel 1959-60 l’incarico di insegnamentodell’Anatomia e Istologia Patologica e la direzione dell’Istituto insostituzione del suo maestro che era stato chiamato a Roma.Trasferitosi anch’egli in tale sede nel 1960, la Facoltà gli affidò l’in-carico di insegnamento di Anatomia e Istologia Patologica su corsosdoppiato dal 1963 al 1968. In questa data, avendo conseguito lostraordinariato, venne chiamato dalla Facoltà romana dapprimaall’insegnamento di Tecnica e Diagnostica Istopatologica e, succes-sivamente, a quello di Anatomia e Istologia Patologica. E’ attual-mente Professore Emerito. Marco Melis è membro di numerose Società Scientifiche. La suaattività di ricerca ha riguardato vari aspetti della patologia umanae sperimentale, ed è stata condotta, oltre che con metodiche clas-siche, con tecniche di istochimica, di ultrastruttura e di morfo-radiologia vascolare normale e patologica. Quest’ultima gli haconsentito di accertare una peculiare fisionomia vascolare degliorgani, specie per le componenti collaterali anastomotiche. I risul-tati delle sue ricerche sono stati riportati su numerose pubblicazio-ni anche a carattere monografico che, tra l’altro, comprendono lemetodiche tecniche dalle autopsie alla microscopia elettronica egli aspetti arteriografici, normali e patologici, del cuore e dei reni.Di particolare interesse l’originale volume sulle Similitudini inpatologia, e quello intitolato Tavole sinottiche sistematiche diAnatomia Patologica5. Al cessare dell’attività universitaria di Luigi Ajello per raggiuntilimiti di età (1968), la Facoltà, per meglio far fronte all’aumentatonumero di studenti, ritenne opportuno sdoppiare l’insegnamentodell’Anatomia Patologica in due Istituti distinti, il primo collocato alpianterreno, il secondo al primo piano dello stesso edificio delPoliclinico Umberto I. Alla loro direzione vennero chiamati rispetti- 128
  • 119. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologicavamente Antonio Ascenzi e Cesare Cavallero. Come già riportato, Antonio Ascenzi (1915-2000) aveva tenutoper incarico l’insegnamento dell’Anatomia e Istologia Patologicanel biennio 1958-59 e gli era stato poi affidato lo stesso insegna-mento dalla Facoltà Medica dell’Università di Pisa, prima perincarico, poi, dal 1963, come professore straordinario e ordinario.Egli proveniva dalla stessa Scuola di Sotti, con il quale aveva fattola tesi di laurea, e di Bompiani, con il quale era stato successiva-mente assistente, assistente incaricato, assistente di ruolo e aiuto.Aveva intanto ottenuto la libera docenza in antropologia e gli erastato affidato l’incarico di insegnamento della PaleontologiaUmana presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Roma.Richiamato a Roma sulla I Cattedra di Anatomia e IstologiaPatologica nel 1968, Antonio Ascenzi accentuò le caratteristicheche erano state del suo maestro Gaetano Bompiani, da un lato pro-muovendo con vigore l’insegnamento al tavolo anatomico e facen-do riferimento alle metodiche classiche, dall’altro facendosi pro-motore di importanti innovazioni metodologiche, soprattutto inambito ultrastrutturale. Resta a testimonianza del primo indirizzoil museo di Anatomia Patologica, che egli volle istituire sia a scopodidattico, sia come mezzo per conservare alla memoria alterazionipatologiche che per le migliorate cognizioni e condizioni sanitarieandavano scomparendo. Resta a testimonianza del secondo ilmicroscopio elettronico che attualmente fa mostra di sé, comecimelio storico, nell’atrio d’ingresso dell’Istituto; esso fu il primomicroscopio utilizzato nel laboratorio di microscopia elettronicaistituito da Antonio Ascenzi, laboratorio tuttora efficiente e dotatodi più moderne apparecchiature. Oltre che allo studio di vari pro-blemi di patologia, tra i quali meritano particolare menzione quel-li relativi alla tubercolosi e ai vizi congeniti di cuore, egli si inte-ressò soprattutto al tessuto osseo e ai problemi collegati con il pro-cesso di calcificazione in condizioni normali e patologiche. Fu trai primi nel mondo ad affrontare tali studi con il microscopio pola-rizzatore, la diffrazione dei raggi X, il microscopio elettronico. Sioccupò inoltre di problemi di micromeccanica ossea, giungendoalla conclusione che le varie componenti del tessuto si organizza-no in funzione delle forze meccaniche su di esse esercitate. Dinotevole rilievo sono anche le sue osservazioni in ambito antropo-logico, soprattutto quelle sui reperti ossei neandertaliani, uno deiquali rinvenuto da lui stesso nel 1950 nell’area del Circeo (cosid-detto Circeo III B), e quelle che al momento della scomparsa con-duceva ancora sul reperto fossile più antico rinvenuto in Europa, il 129
  • 120. Ermanno Bonuccicosiddetto “cranio di Ceprano”, relativo ad homo erectus. I risul-tati delle sue ricerche sono riportati in numerosi lavori pubblicatisu importanti riviste nazionali e internazionali. Particolare impor-tanza ha avuto il suo Trattato di Anatomia Patologica, pubbli-cato in collaborazione con Giacomo Mottura6. Antonio Ascenzi, oltre alla direzione del I Istituto e della I Scuola di Specializzazione in Anatomia patologica, ebbe numerosi altri incarichi, alcuni dei quali extrauniversitari. Egli fu dal 1966 al 1970 membro di nomina ministeriale del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, dal 1966 membro della Commissione per le Scienze Ausiliarie dell’Archeologia del C.N.R, dal 1970 mem- bro del Consiglio Scientifico Internazionale del Laboratorio di Ricerca dell’Istituto Calot di Berck Plage, in Francia, dal 1973 Presidente dell’Istituto Italiano di Paleon-Fig. 1 – Antonio Ascenzi tologia Umana. Fu Socio Corrispondente dal 1972 e Socio Nazionale dal 1987dell’Accademia Nazionale dei Lincei, nella quale fu membro delConsiglio di Presidenza. Fu socio di numerose associazioni scienti-fiche nazionali ed internazionali, e membro del Comitato Editorialedi varie riviste scientifiche a carattere internazionale. Numerosifurono i riconoscimenti alla sua attività scientifica, in particolare glifu conferito il premio Ettore Marchiafava dall’Università di Roma“La Sapienza”, e il premio nazionale “Antonio Feltrinelli” dall’Ac-cademia Nazionale dei Lincei7. Alla direzione del II Istituto di Anatomia e Istologia Patologicadella Facoltà Medica romana fu chiamato Cesare Cavallero (1913-1978), il quale proveniva dall’Università di Pavia dove era statoalunno del Collegio Ghislieri e si era laureato discutendo una tesisperimentale di micologia preparata sotto la guida di Piero Redaelli,allora Professore Ordinario di Anatomia Patologia. Assistente ordi-nario ed aiuto presso la stessa Università, nel 1946 aveva seguito ilsuo maestro, nel frattempo trasferito all’Università di Milano.Professore ordinario di Anatomia e Istologia Patologica pressol’Università di Pavia dal 1955, nel 1969 veniva chiamatodall’Università di Roma a dirigere il II Istituto di AnatomiaPatologica, funzione tenuta con scrupolo e grande competenza finoalla sua prematura scomparsa avvenuta nel 1978. 130
  • 121. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologica Cesare Cavallero ha svolto importanti ricerche scientifiche, inparte in Istituti esteri (Louvain, Belgio 1939-1940; Copenhagen,Danimarca 1946-1948), occupandosi dapprima di problemi relati-vi alla micologia umana e sperimentale e quindi all’endocrinologiasperimentale. I suoi studi anatomo-patologici avevano un costantepunto di riferimento nella fisiopatologia e nella patogenesi delleaffezioni, e tale indirizzo, che lo accompagnerà lungo tutto l’arcodella sua vita scientifica, rappresenta una caratteristica tipica dellasua Scuola. Cesare Cavallero è stato Direttore delle Scuole di Spe-cializzazione in Anatomia e Istologia Patologica ed in Oncologiadell’Università di Roma, ed è stato membro di Consigli Direttividi numerose Società Scientifiche nazionali ed europee. E’ statoautore di oltre 300 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazio-nali, su temi riguardanti principalmente l’endocrinologia umana esperimentale, le malattie del collagene, e l’aterosclerosi umana esperimentale8. Durante il periodo di insegnamento di Antonio Ascenzi, nel1969 era stato richiamato a Roma a coadiuvarne l’operato VittorioMarinozzi (1924-1997), che era suo allievo. Egli aveva infatti ini-ziato e svolto parte della sua attività accademica pressol’Università di Roma, dove era stato assistente e aiuto, e aveva poiseguito Antonio Ascenzi quando questi era stato chiamatodall’Università di Pisa. In tale sede, Vittorio Marinozzi avevatenuto per incarico dapprima (1966-68) l’insegnamento diUltrastruttura della Cellula per la Classe di Scienze Biologichedella Scuola Normale Superiore, e poi, nel periodo 1968-69, quel-lo di Anatomia e Istologia Patologica nella Facoltà di Medicina eChirurgia. Nel 1969 la Facoltà di Medicina e Chirurgiadell’Università romana lo aveva chiamato a tenere per incaricol’insegnamento di Anatomia e Istologia Patologica. Egli avevaottenuto nel frattempo la libera docenza prima nella stessa discipli-na e poi in Istochimica Normale e Patologica. Nel 1975 risultò vin-citore del concorso di professore straordinario di IstochimicaNormale e Patologica presso la I Facoltà di Medicina e Chirurgiadell’Università di Napoli, ove peraltro ebbe ad insegnare per ilsolo anno accademico 1975-76, essendo stato subito richiamato aRoma sulla terza Cattedra di Anatomia e Istologia Patologica.Dopo la morte prematura di Cesare Cavallero, egli passò allaseconda Cattedra e divenne Direttore del II Istituto. Nel 1985,essendo andato fuori ruolo Antonio Ascenzi, si trasferì alla ICattedra. 131
  • 122. Ermanno Bonucci L’attività scientifica di Vittorio Marinozzi ha avuto una notevole risonanza internazionale sia per l’importanza degli argomenti trat- tati, sia per le tecniche innovative ed originali. Egli si era interessato fin dal 1957 di problemi ultrastrut- turali, dapprima presso l’Istituto Superiore di Sanità di Roma, ove era disponibile un microscopio elettronico, poi presso i centri di Microscopia Elettronica dell’Uni- versità di Losanna (1961), dell’I- stituto dei Tumori di Villejuif, in Francia (1962-63), e dell’Univer- sità di Pisa, ed infine a Roma,Fig. 2 – Vittorio Marinozzi dove era stato allestito da Antonio Ascenzi il laboratorio di microsco-pia elettronica. Delle sue numerose ricerche condotte con tale tecni-ca meritano particolare menzione quelle del tutto originali, riportatesu riviste scientifiche di grande risonanza internazionale, sul signifi-cato istochimico dell’impregnazione argentica, sulla composizione eultrastruttura del nucleolo, sulle glicoproteine di membrana e sui gli-coconiugati. Di notevole interesse sono anche le indagini che Eglieseguì su amplissima casistica anatomo-patologica relativamente allealterazioni polmonari e, soprattutto, renali nelle cardiopatie congeni-te cianotizzanti. Per l’insieme dei risultati ottenuti, l’AccademiaNazionale dei Lincei gli assegnò il premio “Antonio Feltrinelli” perla Medicina nell’anno 1979. E’ stato membro di numerose SocietàScientifiche nazionali e internazionali. Nell’anno accademico 1969-1970 vennero affiancati ad AntonioAscenzi e a Cesare Cavallero i loro allievi, rispettivamente CesareBosman e Carlo D. Baroni, con incarico di insegnamento su corsosdoppiato di Anatomia e Istologia Patologica. Cesare Bosman (1932-2003) era stato studente a Roma e, succes-sivamente, assistente di Anatomia Patologica nella Facoltà diMedicina e Chirurgia dell’Università di Pisa. Trascorso un biennionegli USA, presso l’Università di California a La Jolla, ove si erainteressato soprattutto di immunopatologia, aveva ottenuto la liberadocenza in Anatomia Patologica. Trasferitosi nuovamente a Roma,era stato incaricato nel 1975 dell’insegnamento di Anatomia eIstologia Patologica presso il I Istituto e nel 1980, a seguito di rego- 132
  • 123. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologicalare concorso, era divenuto docente di ruolo nella disciplina. CesareBosman associava ad una conoscenza molto approfondita ed erudi-ta dell’anatomia patologica, dell’istopatologia e della citopatologia,una notevole capacità didattica, in particolare al tavolo anatomico.Le sue ricerche, condotte soprattutto su casistica anatomo-patologi-ca, hanno prodotto risultati molto importanti, unanimemente apprez-zati, anche su temi di patologia estremamente rari. Membro dinumerose società scientifiche, fu tra i primi a comprendere l’impor-tanza della diagnostica ultrastrutturale, soprattutto nello studio delleneoplasie, e in tal senso ebbe a coordinare un gruppo di ricercanazionale espressamente dedicato a tale tema. La sua competenzaanatomo-patologica gli valse l’invito a collaborare con importantiistituzioni ospedaliere. Carlo D. Baroni, nato a Milano nel 1934, provenientedall’Università di Pavia, dove era stato alunno, al pari del Cavallero,del Collegio Ghislieri, aveva ottenuto la specializzazione inAnatomia ed Istologia Patologica ed in Oncologia, la libera docen-za in Anatomia ed Istologia Patologica ed in CancerologiaSperimentale, ed aveva avuto l’incarico di insegnamento inAnatomia Patologica prima di trasferirsi a Roma, dove continuò taleincarico di insegnamento nel II Istituto di Anatomia Patologica dellaFacoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “La Sapienza”.Vincitore di concorso nazionale, quale professore straordinario fuchiamato nel 1980 ad insegnare nella Cattedra di Anatomia eIstologia Patologica dello stesso Istituto, dove poi, divenuto profes-sore ordinario, ha continuato l’insegnamento della Disciplina. E’attualmente professore fuori ruolo. Il suo percorso universitario è contrassegnato da lunghi periodi distudio all’estero (Department of Oncology - Chicago MedicalSchool, Chicago, Illinois, dal 1960 al 1963; Salk Institute forBiological Studies, San Diego, California dal 1967-1970;Department of Immunology - University of Minnesota MedicalSchool, Minneapolis, Minnesota nel 1984), durante i quali si è occu-pato di cancerologia sperimentale, immunologia sperimentale,immunopatologia e patologia delle malattie immunoproliferative. Inquesti periodi ha avuto modo di collaborare con eminenti scienziatiquali Henry Rappaport, Philip Shubik, Jonas Salk, RenatoDulbecco, Anthony Davies, Jacques Miller e Fritz Bach. Direttore della Scuola di Specializzazione in Anatomia Patologicadal 1980 al 1986 e dal 2003 ad oggi, è membro di numerose SocietàScientifiche nazionali e internazionali; in particolare, è stato mem-bro del Board of Directors della European Society of Pathology e 133
  • 124. Ermanno Bonuccidella European Society of Haemopathology. E’ Consultant forPathology of the European Late Effect Project Group. Partecipa aconsorzi di ricerca finanziati dalla Comunità Europea (Muvaden-Detec). E’ autore di oltre 260 pubblicazioni su riviste nazionali edinternazionali. Durante il periodo della direzione di Antonio Ascenzi, venneaggregato al I Istituto l’insegnamento di Istochimica, che nel 1970fu affidato per incarico al suo allievo Ermanno Bonucci. Nato aSpoleto (PG) nel 1930, libero docente nella disciplina e in AnatomiaPatologica, egli tiene tale incarico sino al 1978, quando gli vieneaffidato quello dell’insegnamento di Anatomia e IstologiaPatologica. Nel 1980, a seguito di regolare concorso, diviene profes-sore straordinario e, nel 1983, professore ordinario di Anatomia eIstologia Patologica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgiadell’Università “La Sapienza”. Ermanno Bonucci, attualmente Professore Emerito, è stato dal1983 al 1988 Direttore del Dipartimento di Biopatologia Umanadell’Università di Roma “La Sapienza”, costituitosi nel 1983 dallaconfluenza dell’Anatomia Patologica, della Biologia, della ChimicaClinica e dell’Ematologia. Egli è stato inoltre Direttore della Scuoladi Specializzazione in Anatomia Patologica dal 1987 al 2002, ed èstato coordinatore del Dottorato di Ricerca in Fisiopatologia deiTessuti Calcificati e del Dottorato di Ricerca in Patologia Umana. L’attività di ricerca di Ermanno Bonucci ha riguardato numerosicampi della patologia. In particolare, i risultati delle ricerche di isto-chimica, immunoistochimica e microscopia elettronica condotte suitessuti osseo e cartilagineo normali e patologici hanno avuto ampiarisonanza internazionale. Per essi l’Accademia dei Lincei gli asse-gnò nel 1989 il premio “Antonio Feltrinelli” per la Medicina. E’stato membro del Consiglio Scientifico Internazionale delLaboratorio di Ricerca dell’Istituto Ortopedico Calot di Berck-Plage(Francia). Socio corrispondente dell’Accademia Nazionale deiLincei dal 1993, è dal 2004 socio nazionale; è inoltre sociocorrispondente della Real Academia de Medicina y Cirugiadell’Università di Cadice. E’ socio onorario della Società Italiana diOrtopedia e Traumatologia e membro di numerose società scientifi-che nazionali e internazionali, di alcune delle quali è statoPresidente. Ha fatto parte del comitato editoriale di numerose rivistescientifiche, anche come Editor in Chief, ed è autore di oltre 350pubblicazioni a stampa, prevalentemente su riviste a carattere inter-nazionale. Degni di particolare menzione sono il Manuale diIstochimica e il volume Calcification in Biological Systems9. E’ 134
  • 125. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologicastato coordinatore di numerosi programmi di ricerca condotti in col-laborazione con Istituti nazionali e esteri. In riconoscimento dei suoimeriti, gli è stata conferita dal Presidente della Repubblica, CarloAzeglio Ciampi, l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce.I docenti attuali Francesco Nardi, nato a Pisa nel 1941, viene incaricato dell’in-segnamento di Anatomia e Istologia Patologica dalla Facoltà diMedicina e Chirurgia dell’Università “La Sapienza” dal 1979 al1983. Nel 1983 diviene professore associato di Istituzioni diAnatomia e Istologia Patologica per il Corso di Laurea inOdontoiatria e Protesi Dentaria presso la stessa Facoltà. Diviene nel1985 professore straordinario nella stessa Disciplina e Facoltà e nel1989 professore ordinario, funzione che ricopre tuttora. Di partico-lare interesse sono i suoi studi sulla etiopatogenesi e sulla suscetti-bilità genetica del mesotelioma maligno familiare, e quelli del tuttorecenti su nuovi parametri genici per la diagnostica molecolare delleneoplasie tiroidee e sui meccanismi patogenetici dello sviluppo deitumori tiroidei. Pietro Gallo, nato a Firenze nel 1947, ha iniziato il suo iter acca-demico nel I Istituto di Anatomia Patologica dell’Università “LaSapienza”, dove ha svolto le funzioni di assistente ordinario e, dal1983, di professore associato di Anatomia e Istologia Patologica.Nel 1990, divenuto professore straordinario nella stessa disciplina,viene chiamato dall’Università dell’Aquila, ove trascorre un trien-nio. Nel 1993 viene richiamato a Roma, sulla cattedra di AnatomiaPatologica Cardiovascolare, della quale è ancora titolare.Specializzatosi prima in Anatomia Patologica e poi in Oncologia, siinteressa prevalentemente di patologia cardiovascolare e in talecampo ha pubblicato oltre 300 lavori, che hanno suscitato vasta econazionale e internazionale. E’ membro di varie Società Scientifiche,ed è stato Presidente della Società Italiana di PatologiaCardiovascolare e membro del Consiglio Direttivo della SIAPEC.Oltre ai numerosi e gravosi impegni didattici, accademici ed orga-nizzativi, dal 1985 è responsabile della Sezione di Patologia, Unitàdi Trapianto Cardiaco, Università “La Sapienza”. Dal 1994 èDirettore del Museo di Anatomia Patologica annesso al I Istituto,direzione che aveva già tenuto nel periodo 1987-90. Tullio Faraggiana di Sarzana, nato a Milano nel 1948, nel 1987viene chiamato dalla Facoltà di Medicina e Chirurgiadell’Università “La Sapienza” quale professore associato diAnatomia e Istologia Patologica. In tale disciplina diviene professo- 135
  • 126. Ermanno Bonuccire straordinario nel 1994 e professore ordinario nel 1997 e in taleveste, a tutt’oggi, tiene l’insegnamento della suddetta disciplinapresso lo stesso Istituto. Tullio Faraggiana di Sarzana ha conseguito la specializzazione inAnatomia Patologica e la American Board of Pathology Medicallicence per gli stati di New York, New Jersey, Indiana. E’ statoAssistant Editor e successivamente Associated Editor del Journal ofHistochemistry and Cytochemistry. I suoi interessi scientifici riguar-dano soprattutto la patologia renale, la patologia della pelle, la bio-logia del collagene; per le sue ricerche si avvale di tecniche ultra-strutturali e di biologia e patologia molecolare. E’ autore di numero-se pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali. E’membro di numerose Società scientifiche. Luigi Ruco, nato a Roma nel 1950, ha percorso tutto il suo iteraccademico presso l’Università di Roma, ad eccezione del periodo1975-78 trascorso negli USA quale Visiting Fellow presso ilNational Cancer Institute di Bethesda, Md. E’ professore associatodi Anatomia Patologica nella Facoltà di Medicina e Chirurgia de “LaSapienza” dal 1987 al 1994. In tale anno diviene professore straor-dinario nella stessa disciplina, e, nel 1997, professore ordinario, fun-zione che svolge ancora oggi presso la seconda Facoltà di Medicinae Chirurgia, Ospedale Sant’Andrea, ove dal 1999 ricopre anche ilruolo di Direttore della Scuola di Specializzazione in AnatomiaPatologica. Le sue ricerche di maggior rilievo vertono sull’eziopato-genesi e sulla classificazione delle malattie linfoproliferative e deitimomi, e sulla patogenesi del carcinoma papillare della tiroide. Paolo Bianco, nato a Lecce nel 1955, acquisisce la sua maturitàscientifica presso la Scuola di Antonio Ascenzi, del quale segueanche l’attività di ricerca, che amplia e completa con lunghi soggior-ni nel National Institute of Dental Research, National Institute ofHealth, Bethesda, Md., USA. Nel 1993 viene chiamato dall’Uni-versità dell’Aquila quale Professore Associato di Anatomia eIstologia Patologica; nel 2000, divenuto professore straordinariodella stessa disciplina, viene richiamato a Roma dalla I Facoltà diMedicina e Chirurgia; nel 2003 diviene professore ordinario nellastessa sede. La sua attività di ricerca, condotta con tecniche di biolo-gia molecolare, di istochimica e immunoistochimica, di microscopiaelettronica e confocale, e mediante colture in vitro, verte soprattuttosulla fisiopatologia ossea e sulla biologia delle cellule staminali. Stefania Uccini, nata a Roma nel 1947, specialista in PatologiaGenerale e in Anatomia Patologica, nel 1986 diviene professoreassociato di Immunopatologia, nel 2000 professore straordinario e 136
  • 127. L’Istituto di Anatomia e Istologia Patologicanel 2003 professore ordinario di Anatomia Patologica. Ha svolto unintenso programma di ricerca, tra l’altro coordinando il programmaMURST sul sarcoma di Kaposi nel 1998 e nel 2000. I risultati otte-nuti sono stati oggetto di pubblicazione su riviste scientifiche acarattere nazionale e internazionale. Svolge attività di ricerca preva-lentemente su AIDS, sarcoma di Kaposi, patologia linfoproliferati-va, patologia pediatrica, neuroblastomi, per le quali riscuote unani-me apprezzamento. Ai suddetti professori di prima fascia si sono affiancati negli anninumerosi professori di ruolo di seconda fascia. In particolare,Francesco Autelitano e Alberto Ceccamea, prematuramentescomparsi, Anna de Matteis, a riposo per raggiunti limiti di età,Luigi Giusto Spagnoli, attualmente professor ordinario della disci-plina presso l’Università di Tor Vergata, e i professori ValeriaAscoli, Francesco Carpino, Giancarlo Castagna, GiuliaD’Amati, Carlo Della Rocca, Ugo Di Tondo, Daniele EleuteriSerpieri, Felice Giangaspero, Pietro Mingazzini, Andrea OnettiNuda, Edoardo Pescarmona, Antonella Stoppacciaro (II Facoltà,Ospedale Sant’Andrea), Domenico Vitolo. BIBLIOGRAFIA1. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Voll. I e II. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.2. MELINO C., DEL VECCHIO R., Corrado Tommasi-Crudeli, igienista. Ann. Ig. 2000; 12(6):441-456.3. GRUCCIONI F., BOMPIANI G., Antonio Dionisi. Il Policlinico. Sezione pra- tica 1931; 38:1577-78.4. AJELLO L., Gaetano Bompiani. Il Policlinico. Sezione pratica 1968; 75(16):531-538.5. MELIS M., Similitudini in patologia. Roma, Soc. Ed. Universo, 2000. MELIS M. Tavole sinottiche sistematiche di Anatomia Patologica. Roma, Soc. Ed. Universo, 2000.6. ASCENZI A., MOTTURA G., Trattato di Anatomia Patologica. Torino, UTET, 1a ed. 1970.7. ASCENZI M.G., Antonio Ascenzi (1915-2000). J. Biomechanics 2001; 34:419-420.8. MOSCA L., Cesare Cavallero (1913-1979). Patologica 1979; 71:723-726.9. BONUCCI E., Manuale di Istochimica. Roma, Lombardo Editore 1981; BONUCCI E., Calcification in Biological Systems. Boca Raton, Florida, CRC Press 1992. 137
  • 128. L’INSEGNAMENTO DELLA FARMACOLOGIA PIETRO MELCHIORRI 139
  • 129. L’Insegnamento della FarmacologiaI primi anni dell’insegnamento Il 9 novembre 1513 Leone X con la Bolla Dum suavissimos atqueuberes fructus riordinò e riformò il piano degli studi universitari del-l’allora Archiginnasio Romano, erede di quello Studium Urbis fon-dato nel 1303 da Papa Bonifacio VIII, aggiungendo alle due prece-denti materie dell’insegnamento medico di allora, la medicina teori-ca e la medicina pratica, una terza disciplina denominata Lecturasimplicium. Questa lettura dei semplici riguardava le parti di piante,animali o minerali che erano usate nella medicina antica e che nondovevano subire sostanziali cambiamenti che ne avrebbero modifi-cato le proprietà farmacologiche e terapeutiche. Il Lettore dei semplici doveva leggere quei passi dei testi diGaleno, Avicenna, Dioscoride, Plinio che si riferivano alle proprie-tà delle piante, vi poteva aggiungere le annotazioni, i chiarimenti edaggiornamenti che riteneva opportuni, ma aveva l’obbligo dimostrare e descrivere agli studenti le piante medicinali che vegeta-vano nell’orto dei semplici, un orto botanico allestito su ordine dellostesso Pontefice Leone X nei Giardini vaticani. Con Lectura simpli-cium Leone X introdusse per la prima volta nel programma deglistudi medici universitari, sino ad allora assolutamente teorici, uninsegnamento di fitoterapia e farmacognosia basato su dimostrazio-ni ed esercitazioni pratiche. Lo stesso Pontefice nominò il primo lettore dei semplici nella per-sona di Giuliano di Foligno, medico illustre ai suoi tempi, asse-gnandogli il ragguardevole stipendio annuo di 400 fiorini. Da queipochi “Rotuli della Sapienza” rimasti (magnifiche pergamenteminiate in cui venivano annotati gli atti riguardanti l’Università, gliinsegnamenti impartiti, i nomi dei lettori delle singole materie, gliargomenti delle letture e perfino gli stipendi dei docenti), apprendia-mo gli argomenti che i lettori dei semplici trattavano e l’anno in cuili svolsero1. Giovanni Faber, ad esempio, svolse nel primo decen-nio del 1600 letture di semplici dal titolo De vere catarticis tamcompositis quam simplicibus, De lenientibus et aromaticis medica-mentis, De purgantibus et venenis, De lenientibus et metallicis, e Dealterantibus et corroborantibus. Pietro Castelli dal 1629 al 1630 tenne corsi intitolati De medica-mentis purgantibus vomitoriis e De mineralibus. GiovanniSinibaldi, dal 1635 al 1645 tenne letture di semplici dai titoli Dealexifarmacis, De vinis Romanorum, De gemmarum virtutibus.Dalla consultazione dei Rotuli si deduce anche che l’insegnamentodei semplici alla Sapienza nel 1600 e nella prima metà del 1700 erasvolto da differenti e numerosi lettori e comprendeva una moltepli- 141
  • 130. Pietro Melchiorricità di argomenti che oggi definiremmo di Botanica, diFarmacognosia, di Farmacologia e di Terapia medica. Questo carattere multidisciplinare della Lectura simplicium, se daun lato rappresentava un esempio raro e sorprendentemente attualedi insegnamento integrato, dall’altro, per la sua rigidità didattica,legata alla lettura e al commento dei soli testi storici riconosciutidalla curia pontificia, finì per rendere il corso inadeguato al cresce-re delle conoscenze scientifiche e sempre più estraneo alle reali esi-genze della medicina2. Infatti, già nella prima metà del ‘700, gli speziali, i farmacisti deltempo, tentarono di sostituire le piante fresche ed essiccate descrit-te nei testi di Galeno, o Avicenna o Razes, con estratti purificati otte-nuti trattando i semplici con rozzi metodi fisici (macinazione, setac-ciamento, percolazione, macerazione, filtrazione), al fine di arric-chirne il contenuto di ciò che era considerato efficace dal punto divista terapeutico, e nella seconda metà del secolo le scienze chimi-che incominciarono ad applicare nuove tecniche analitiche all’ iso-lamento e identificazione dei principi attivi responsabili dell’effettocurativo delle piante medicinali3. Se quindi da un lato si assistevaalla nascita dei primi rudimentali farmaci, dall’altro la Botanicaandava sempre più assumendo i connotati di scienza autonoma dedi-cata allo studio delle piante indipendentemente dal loro valore tera-peutico. In questo modificato scenario Benedetto XIV introdusse nel 1748la sua riforma degli studi settecenteschi romani (1748) abolendo laLectura simplicium e trasferendo l’insegnamento dei semplici nelleIstituzioni di Botanica pratica e aggiungendo agli insegnamentiimpartiti nel corso di Medicina della Sapienza quello di Istituzionied esperimenti chimici, nel cui programma didattico possiamo tro-vare i primi rudimenti di biochimica e chimica del farmaco. Ma agliinizi dell’800 anche la riforma benedettina si dimostrò inadeguataall’evolversi delle scienze mediche. Fu Leone XII, nella sua celebrebolla Quod Divina Sapientia (1824), a riformare nuovamente i corsidi Medicina della Sapienza, riunendo l’insegnamento dei farmacicon quello dell’igiene e della terapia medica in una unica cattedra diIgiene, Terapia generale e Materia medica2. Inoltre, la aumentatadisponibilità di principi attivi purificati o sintetizzati dalla chimicaindusse il Pontefice ad aggiungere all’ultimo anno degli studi medi-ci un nuovo insegnamento di farmaci, la Farmacia pratica, ritenutonecessario per far conoscere ai medici come si compilavano e si spe-divano le ricette contenenti i principi attivi, in un tempo in cui anco-ra non esistevano specialità medicinali standardizzate4. 142
  • 131. L’Insegnamento della FarmacologiaI Maestri, la didattica, la ricerca Possiamo quindi, a buona ragione, considerare che la riforma diLeone XII segna l’inizio della Farmacologia come nuova disciplinadell’Ateneo romano, sia pur suddivisa negli insegnamenti di Materiamedica, Terapia generale e Farmacia pratica. Di questa nuova catte-dra fu primo professore Giacomo Folchi, noto igienista, che vi inse-gnò fino al 1849, seguito da Raffaele Luchini (1851-1856) e daFrancesco Scalzi (1856-1889). Scalzi fu il primo a vincere una cat-tedra per pubblico concorso e sotto il suo insegnamento, nel 1870, laSapienza divenne Università dello Stato Italiano e la denominazionedel corso di insegnamento fu mutata in Materia medica e TerapiaGenerale, mentre l’igiene divenne insegnamento distinto. NellaMateria medica vennero raggruppati sia i farmaci estrattivi di origi-ne vegetale ed animale (sezioni definite come Materia medica bota-nica e Zoologia medica) sia quelli prodotti dalla chimica (Materiamedica chimica). Lo Scalzi, popolarissimo nell’ambiente studente-sco, impresse alla sua scuola un indirizzo sperimentale e scrisse unmanuale ad uso degli studenti del suo corso, il Trattato di MateriaMedica e una Synopsis pharmacologiae generalis in cui si ritrovanoalcuni rudimenti di quelle che oggi sono le due principali sezionidella Farmacologia, la farmacocinetica e la farmacodinamica. Ma la fine dell’800 fu soprattutto caratterizzata dalla identifica-zione della struttura chimica di numerose molecole contenute nellepiante medicinali, a cui si attribuirono le proprietà terapeutiche deisemplici, e che permise una prima classificazione dei farmaci natu-rali in tre grandi categorie chimiche: alcaloidi, glucosidi e acidivegetali. Queste scoperte della chimica fornirono le basi a nuova discipli-na, la farmacologia sperimentale, che ebbe i suoi più insigni rappre-sentanti in quelle figure di fisiologi-farmacologi in grado di studia-re l’interazione tra organismo e farmaco e di valutare di quest’ulti-mo sia gli effetti terapeutici che tossici. La farmacologia sperimen-tale fece tesoro di quelle idee innovative che in ambito medico ave-vano rivoluzionato le precedenti concezioni: la medicina sperimen-tale di Claude Bernard, la patologia cellulare di Rudolf Virchow, leipotesi germinali di Louis Pasteur e la biologia dei microbi di RobertKoch. In questo nuovo fervore delle scienze mediche sperimentali, nel1890, Giuseppe Colasanti viene chiamato a ricoprire la prima cat-tedra di Materia Medica e Farmacologia sperimentale dellaSapienza con il compito di organizzare e sviluppare la nuova scien-za del farmaco. Giuseppe Colasanti era uomo di vasta cultura biolo- 143
  • 132. Pietro Melchiorrigica, dotato di una solida ed aggiornata esperienza nella sperimen-tazione animale, maturata in lunghi soggiorni nei principali labora-tori di fisiologia e farmacologia europei. Vincitore di borse di perfe-zionamento all’estero, si recò fin da giovane nel laboratorio diStricker a Vienna, in quello di Pfluger a Bonn, di Virchow a Berlinoe infine in quello di Felice Hoppe-Seyler a Strasburgo. Iniziò la suacarriera universitaria come settore di Anatomia e poi assistente diAnatomia Comparata; fu quindi docente di Fisiologia e incaricato diAnatomia e Fisiologia Comparata. Nel 1881 fu titolare di ChimicaFisiologica alla Sapienza, e quindi titolare della cattedra diFarmacologia sperimentale. Con Giuseppe Colasanti la Farma-cologia venne trasferita dal Palazzo della Sapienza nell’Istituto diFarmacologia sperimentale con sede in Via Agostino De Pretis 92.Nell’edificio di via De Pretis, che alloggiava anche altri IstitutiBiologici, la Farmacologia occupò il terzo piano. L’Istituto diFarmacologia sperimentale disponeva di 11 locali tra laboratori,studi e direzione, possedeva inoltre un museo delle droghe, unabiblioteca, una officina ed uno stabulario. Colasanti attrezzò inmaniera adeguata il suo Istituto, talché alla fine dell’8oo l’Istituto diFarmacologia sperimentale della Sapienza era considerato uno deimeglio organizzati in Italia e in grado di sviluppare quella nuovascienza sperimentale che incominciava ad acquisire una posizioneautonoma rispetto alle altre scienze biologiche. Colasanti fondòinoltre la prima rivista italiana di farmacologia, Archivio di farma-cologia e scienze affini. L’indirizzo nettamente sperimentale conferito alla farmacologiaromana dal Colasanti ricevette un impulso ulteriore in senso fisiolo-gico dal suo successore Gaetano Gaglio (1903-1924). Gaglio infat-ti aveva iniziato la sua carriera universitaria come assistente diFisiologia nell’Istituto Universitario di Torino diretto da AngeloMosso, per passare poi alla scuola di Fisiologia di Luigi Luciani aFirenze. Egli si perfezionò nella fisiologia sperimentale presso i piùnoti Istituti di Lipsia e Strasburgo. Le linee di ricerca che Gagliosvolse nell’Università di Roma risentono della sua formazione fisio-logica sperimentale. Organizzò ricerche sulla fisiologia e farmaco-logia del pancreas, sugli effetti della cocaina sulle funzioni cerebel-lari e labirintiche, sulla tossicità del mercurio. Fu uno dei primi inEuropa a descrivere i danni prodotti dal mercurio sul sistema nervo-so periferico. Per queste sue ricerche ricevette anche l’incarico di uninsegnamento complementare di Tossicologia presso la Facoltà diMedicina e Chirurgia della Sapienza e la direzione della Scuola diFarmacia5. 144
  • 133. L’Insegnamento della Farmacologia Nel 1925 Attilio Bonanni subentrò a Gaglio nella cattedra diFarmacologia e nella direzione dell’Istituto di Farmacologia speri-mentale. Nel 1929 l’edificio di via Agostino De Pretis, che alloggia-va l’Istituto di Farmacologia sperimentale e gli altri Istituti Biologicidella Sapienza, venne demolito per permettere la costruzione delMinistero dell’Interno e la relativa Piazza del Viminale. Gli Istitutidi Farmacologia, Chimica Fisiologica e Fisiologia vennero trasferi-ti in una nuova sede costruita nell’area compresa tra il Policlinico,la cui costruzione era stata ultimata nel 1902, e il Verano. L’Istitutodi Farmacologia fu localizzato al primo piano di questo edificio eBonanni curò personalmente una razionale organizzazione dei labo-ratori, degli studi, della direzione, della biblioteca e dei servizi. Neitredici anni del suo insegnamento alla Sapienza, Bonanni si dedicòallo studio dell’assorbimento del ferro e del suo trasporto nell’orga-nismo, delle porfinurie tossiche prodotte da farmaci e degli effettidegli amari sulla secrezione gastrica, impiegando le tecniche deiriflessi condizionati descritte da Ivan Pavlov. Nel 1938, alla morte di Attilio Bonanni, venne chiamato a ricopri-re la cattedra di Farmacologia della Sapienza un suo allievo, PietroDi Mattei, che vi si trasferì dalla Università di Pavia dove già inse-gnava la stessa disciplina dal 1928.Fig. 1 – Attilio Bonanni (1925) altavolo della biblioteca dell’Istituto diFarmacologia sperimentale di Via Fig. 2 – Pietro Di Mattei (al centro con gliAgostino De Pretis insieme al giova- occhiali) e alla sua sinistra Hans Selye al 4°ne assistente Pietro Di Mattei (in Congresso Internazionale di Terapia (Roma 23-piedi nella foto). 25 settembre 1954). 145
  • 134. Pietro Melchiorri Gli eventi bellici del secondo conflitto mondiale isolarono laricerca italiana dal contesto europeo producendo una oscura stagna-zione culturale e scientifica. Durante il bombardamento di Roma del19 luglio 1943 i locali dell’Istituto di Farmacologia furono grave-mente colpiti e alcuni piani dell’edificio crollarono.Fig. 3 – L’edificio della Sapienza che ospitava gli Istituti di Fisiologia, ChimicaFisiologica e Farmacologia semidistrutto dal bombardamento di Roma del 19 luglio 1943. Seguì una faticosa e lenta ricostruzione che ben presto si dimostròinadeguata di fronte alle crescenti esigenze sollevate dall’imponen-te sviluppo della Farmacologia nel rifiorire della ricerca scientifica italiana. Fu merito indiscusso di Pietro Di Mattei l’essersi energicamente impegnato per ottenere i fondi ministeriali necessari per la costruzione di un nuovo edificio interamente dedicato alla Farmacologia. Finalmente nel marzo del 1955 il Ministero dei Lavori Pubblici bandiva un concorso nazionale per la costruzione della nuova sede dell’Istituto di Farmacologia nella Città Universitaria di Roma.Fig. 4 – Il Ministro dei Lavori Pubblici On.le Risultò vincitore il progettoTogni pone la prima pietra del nuovo edificio presentato dagli architettidi Farmacologia Medica (7 giugno 1958) 146
  • 135. L’Insegnamento della FarmacologiaClaudio Dall’Olio e Alfredo Lambertucci, il cui impianto planovo-lumetrico e alcune soluzioni architettoniche testimoniano un auto-nomo tema di ricerca nel panorama romano di quegli anni. La matri-ce italiana del progetto utilizza infatti alcuni precisi contributi dellaricerca architettonica internazionale. Il progetto fu rielaborato tra il 1956 e il 1957, i lavori iniziarononel 1958 ma solo nel 1963 l’edificio fu definitivamente completato.L’edificio fu eretto su un lotto di terreno ricavato tra l’Istituto diBotanica, l’Istituto di Medicina legale e l’ex Ufficio postale. Suviale Regina Margherita si affaccia la parte a 2 piani, destinata alleaule e ai laboratori didattici, sulla quale è inserito un corpo a 4 pianiper gli uffici, gli studi e la biblioteca. Su questo si innesta un altroedificio a 5 piani destinato ai laboratori di ricerca e, nell’ultimopiano, agli stabulari e ai relativi servizi. In un volume di forma com-pletamente diversa e opportunamente inserito nell’impianto genera-le, è ricavata l’aula magna capace di 350 posti.Fig. 5 – Il nuovo edificio dell’Istituto di Farmacologia Medica i cui lavori terminarono nel1963 Di Mattei volle che il nuovo Istituto fosse denominato Farma-cologia Medica, a significare le finalità terapeutiche e diagnosticheche per sua scelta ed intuizione dovevano costituire la secondaanima della farmacologia del ‘900, accanto a quella fisiologica spe-rimentale. Questa idea guida di una Farmacologia inserita attiva-mente nell’ attività assistenziale e connessa pertanto per finalità e 147
  • 136. Pietro Melchiorri compiti all’attività clinica del Policlinico Umberto I ben si sposa- va nella mente di Di Mattei all’inte- resse per le intossicazioni che egli definiva “di massa”, vere malattie sociali, e tra queste in particolare quelle prodotte dall’abuso delle sostanze stupefacenti e psicotrope. Queste idee del Di Mattei si concre- tizzarono con l’istituzione del Centro di Studio per i Farmaci Stupefacenti e Psicoattivi, con sede presso l’Istituto di FarmacologiaFig. 6 – Vittorio Erspamer diresse Medica. Il Centro nasce il 20 mag-l’Istituto di Farmacologia Medica dal gio 1963, data della firma della con-1969 al 1979. venzione tra l’allora Ministero della Sanità e l’Università, avendo comefine, non solo la prevenzione, la diagnosi e la cura delle tossicosi dastupefacenti e da sostanze psicoattive, ma anche la promozione diiniziative per la prevenzione degli abusi di psicofarmaci sia a livel-lo della classe medica che del comune cittadino. Questo ampio ven-taglio di compiti del Centro, così come il sostegno governativo allasua istituzione, derivava dalle esigenze poste dalla appena allorapromulgata normativa che classifi-cava la tossicodipendenza come“malattia sociale” (art. 4 del DPR11/2/1961 n. 249). Di Mattei potèoperare nell’Istituto di Farma-cologia Medica e nel Centro per leTossicodipendenze solo per cinqueanni poichè lasciò la direzione el’insegnamento nel 1968 per rag-giunti limiti di età. A Pietro DiMattei subentrò nel 1969 il suoallievo Vittorio Erspamer, chia-mato alla cattedra romana da quelladi Parma dove già insegnava comefarmacologo. Vittorio Erspamer, illustre pionie- Fig. 7 – Vittorio Erspamer e Pietrore della ricerca fisio-farmacologica Melchiorri nella biblioteca del nuovoe scienziato di chiara fama interna- Istituto di Farmacologia Medica 148
  • 137. L’Insegnamento della Farmacologiazionale, si rese subito conto che la gestione di un Centro per leTossicodipendenze richiedeva la direzione di un farmacologo che sidedicasse interamente ai problemi tossicologici e sociali connessicon l’abuso dei farmaci stupefacenti e psicotropi. Pertanto proposealla Facoltà di Medicina e Chirurgia l’istituzione di una seconda cat-tedra di Farmacologia per la quale indicò come docente EugenioParoli, allievo di Di Mattei e professore ordinario di Farmacologianell’Università di Camerino6. Vittorio Erspamer diresse l’Istituto di Farmacologia Medica dal1969 al 1979, ma continuò la sua attività di ricerca sino al 1999,anno in cui morì all’età di novanta anni. In questo trentennio l’ine-sauribile desiderio di conoscere e ricercare di Vittorio Erspamercoinvolse nell’avventurosa ricerca di nuove molecole peptidichenaturali non solo i farmacologi del suo Istituto ma anche altri grup-pi di ricerca dell’area biomedica e clinica dell’Università di Roma,come il gruppo biochimico di Donatella Barra, quello istochimicodi Tindaro Renda, l’unità gastroenterologica di Aldo Torsoli, imedici della Clinica Chirurgica diretta da Vincenzo Speranza emolti giovani ricercatori che, nei suoi consigli e sotto la sua guida,vissero l’eccitante entusiasmo della scoperta scientifica. Nei labo-ratori dell’istituto di Farmacologia Medica dell’Università diRoma, Vittorio Erspamer ha isolato da anfibi e molluschi più dicinquanta nuovi peptidi bioattivi. La ceruleina, le tachichinine, lasauvagina, la bombesina, le dermorfine, le deltorfine sono soloalcuni capostipiti di 10 nuove famiglie di peptidi naturali che ilgruppo di ricercatori guidato da Erspamer ha sequenziato, sintetiz-zato e caratterizzato nelle principali proprietà biologiche. Ma assaipiù che in Italia, i peptidi scoperti da Erspamer sono stati oggettodi numerosi studi nei laboratori di ricerca biomedica europei e nor-damericani. Una breve consultazione della MEDLINE mostra, adesempio, che dal 1970 ad oggi la bombesina è stata oggetto di3340 pubblicazioni, la sauvagina di 240, la dermorfina di 452, ladeltorfina di 354, la eledoisina di 810, la ceruleina di 1939, e letachichinine di 2500. Le pubblicazioni di Erspamer (452) hannoricevuto più di 900 citazioni internazionali e sono comparse quasitutte (più del 90%) su le più qualificate riviste internazionali.Questi aridi numeri, con maggiore efficacia ed evidenza di tantepompose parole di elogio, ci forniscono una obiettiva valutazionedella enorme diffusione internazionale delle scoperte di Erspamer.Forse la migliore definizione dell’opera scientifica di Erspamer èquella pronunciata da Viktor Mutt del Karolinska Institute di 149
  • 138. Pietro MelchiorriStoccolma, un altro illustre pioniere dell’era peptidica: VittorioErspamer has done in our time what two of his countrymenChristofer Columbus and Amerigo Vespucci did some five hundredyears ago: discovered a continent to explore. In Vittorio Erspamerviveva appunto lo spirito entusiasta ed avventuroso dell’esplorato- re. Non esitò a dirigere perso- nalmente spedizioni di raccol- ta di anfibi e molluschi nelle Ande del Cile, nel Sud Africa, nella barriera corallina Australiana. Come i grandi navigatori Colombo e Vespucci, Erspamer era guida- to nelle sue “navigazioni” tra migliaia di specie di anfibi dal suo senso di orientamento “biologico”. Dalle sue espe- rienze, scrupolosamente cata- logate e conservate, aveva ela- borato una teoria geo-filoge- netica di correlazioni tra le diverse specie geografiche diFig. 7 – Eugenio Paroli diresse l’Istituto di anfibi, basata sul contenutoFarmacologia Medica dal 1979 al 1994. cutaneo di peptidi ed amine,che, come stella polare, lo guidava nelle sue spedizioni di raccoltaverso le specie più ricche di nuove molecole biologiche7. VittorioErspamer fu Socio di numerose accademie e società nazionali estraniere tra le quali l’Accademia Nazionale dei Lincei, la BritishPharmacological Society, la National Academy of Science degliStati Uniti d’America. Sotto la direzione di Vittorio Erspamerl’Istituto di Farmacologia Medica raggiunse una grande notorietàinternazionale ed ospitò molti ricercatori e scienziati europei enordamericani. Nel 1979 subentrò a Vittorio Erspamer nella direzionedell’Istituto di Farmacologia Medica Eugenio Paroli, già titolaredella II Cattedra di Farmacologia ed allievo di Di Mattei. Fin dalla sua chiamata a Roma dalla cattedra di Farmacologia diCamerino, Paroli si dedicò a sviluppare il tema delle tossicodipen-denze da sostanze stupefacenti e da farmaci psicotropi nell’ambitodell’apposito Centro fondato da Pietro Di Mattei. Il Centro è statoun prezioso punto di osservazione della evoluzione del comporta- 150
  • 139. L’Insegnamento della Farmacologiamento d’abuso delle sostanze psicoattive in Italia. E’ stato infattitestimone dell’improvvisa fiammata nel consumo di allucinogenialla fine degli anni sessanta, dell’altrettanto improvviso dilagaredell’eroinismo nel decennio successivo, del diffondersi dell’AIDSnegli anni ottanta, della successiva fase montante nella diffusionedella cocaina. Un’attività osservazionale ed assistenziale culmina-ta nella partecipazione ad un progetto di accoglimento e assisten-za in Pronto Soccorso di soggetti con intossicazione acuta dasostanze psicoattive, finanziato dalla Presidenza del Consiglio deiMinistri. Questa prolungata esperienza sul campo ha permesso difornire un contributo concreto agli orientamenti terapeutici e legi-slativi in materia di tossicodipendenze: ne è stato un esempio lanomina di Paroli a Presidente della Commissione governativa perla determinazione della dose media giornaliera. L’attività scientifica connessa con quella assistenziale è statacontinua e fertile di risultati. Di particolare rilievo sono stati irisultati degli studi epidemiologici, clinici e sperimentali sull’abu-so di Khat (catha edulis forsk), condotti in collaborazione conl’Università Nazionale Somala di Mogadiscio e finanziati dalleNazioni Unite. Il Centro ha anche ampiamente assolto al compitodi formazione, ad esso originariamente assegnato, contribuendoinfatti a formare personale medico competente in Medicina delleTossicodipendenze. Nel 1994 Luciano Angelucci, anche lui allievo di Di Mattei,subentrava a Eugenio Paroli nella direzione dell’Istituto diFarmacologia Medica mentre Paolo Nencini, allievo di Paroli,sostituiva Eugenio Paroli nel ruolo di primario del Servizio per laprevenzione e cura delle tossicodipendenze e fondava la Scuola dispecializzazione in Tossicologia. Nel 1997 Pietro Melchiorri,allievo di Di Mattei e di Erspamer, veniva eletto direttoredell’Istituto di Farmacologia Medica. Prima del termine del suomandato di direttore, Melchiorri concordò con i docentidell’Istituto di Fisiologia Umana la creazione di un unicoDipartimento di Fisiologia Umana e Farmacologia intestato allamemoria di Vittorio Erspamer. Il Dipartimento di FisiologiaUmana e Farmacologia “Vittorio Erspamer” ha iniziato la sua atti-vità nel 2000. Nel 2004 anche i docenti del Dipartimento diFarmacologia delle sostanze naturali e Fisiologia generale dellaFacoltà di Farmacia sono confluiti nel Dipartimento di FisiologiaUmana e Farmacologia, completando quindi l’opera di riunire laFisiologia e la Farmacologia della Sapienza sotto un’unica struttu-ra dipartimentale. 151
  • 140. Ermanno Bonucci BIBLIOGRAFIA1. CONTE E. (a cura di), I Maestri della Sapienza di Roma dal 1514 al 1787: I Rotuli e altre fonti. Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 1991.2. LANZARA P., Gli Orti botanici vaticani dal XIII al XVII secolo. Med. Secoli 2000; 12(3):477-486.3. BERETTA M., Il tesoro della salute. Dall’onnipotenza dei semplici all’ato- mizzazione del farmaco. Firenze, Giunti, 1997.4. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina della Università di Roma, 1961.5. BALDONI A., Gaetano Gaglio. Il Policlinico. Sezione pratica 1925; 32(14): 511-512.6. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e Ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985. Archivio storico della Sezione di Storia della Medicina. Fondo Vittorio Erspamer. 152
  • 141. LA SCUOLA ROMANA D’IGIENEGIANFRANCO TARSITANI – ROSELLA DEL VECCHIO – CARMINE MELINO 153
  • 142. La Scuola Romana d’IgieneLa fabbrica della “Sapienza” Già dal 1500 insufficiente si dimostrava la classica e monumenta-le “fabbrica della Sapienza” nonostante il prezioso intervento di PapaLeone X che, su disegno di Michelangelo, ne portò avanti non solola sistemazione edilizia, ma anche la riorganizzazione delle Facoltà,delle finanze ed il riordino dell’amministrazione. Ciò per incremen-tare il primato delle scienze sperimentali tra cui, oltre gli studi mate-matici e fisici, gran forma andava acquistando la “Scuola medica diRoma”. E numerosi erano gli scienziati che ne tennero alto il presti-gio, come Bartolomeo Eustachio da San Severino (1510-1574) pergli studi anatomici; Andrea Cesalpino (1519-1603) per i primi studisulla circolazione del sangue; Benedetto Castelli (1577-1644), ilmaggiore discepolo di Galileo; Marcello Malpighi (1628-1694) coni suoi studi anatomici sul cuore, sul rene, sul sangue; Giovanni MariaLancisi (1654-1720), il più famoso accademico dell’epoca, chefondò una ricca Biblioteca all’Ospedale S. Spirito; Giorgio Baglivi(1668-1707) chiamato “l’Ippocrate romano”. Ma, pur con ampliamenti sparsi qua e là nella città e presso idiversi ospedali romani, lo spazio era sempre tiranno tanto checosì si espresse il primo Rettore dell’Università di Roma nel 1871-’72: … per dar vita ai laboratori ed al moderno progresso scientifico fanno ostacolo al presente l’angustia, la deficienza ed il difficile adattamento dei locali di questa Università, la quale fu retta ai tempi quando gli insegnamenti erano nella massima parte cattedratici e lo sperimentalismo era all’infanzia. Il ministro Ruggero Bonghi presentò subito in proposito un dise-gno di legge, altrettanto fece nel 1874 il ministro Baccelli per ilnuovo Policlinico. Nel 1874 fu insediata una commissione per lo stu-dio degli edifici universitari con la scelta di altri locali demaniali, exconventi e monasteri sul Viminale1. L’idea del grande Policlinico cominciò a concretizzarsi nel 1881 ela prima pietra fu collocata il 19 gennaio 1888; con la legge 25 feb-braio 1900 n. 56 si provvide al completamento ed all’ordinamento delgrande Policlinico Umberto I, vanto per la città e d’avanguardia a queitempi nel mondo. A tutto ciò seguì poi, su sollecitazione del RettoreTonelli, la legge 25 maggio 1907 per la costruzione dell’Universitasstudiorum nelle vicinanze del Policlinico, che pur stentatamente andòavanti, per trovare completamento soltanto negli anni trenta in pienaera fascista2. 155
  • 143. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine MelinoL’Istituto d’Igiene Sin dalla mitologia ci viene tramandato che non può esistere lamedicina dissociata dall’Igiene: in pratica ebbero i natali insieme,secondo il mito di Esculapio, dio della medicina e padre di Igea, deadella salute, cui trasmise i suoi doni miracolosi anche della preven-zione. Seguì poi Ippocrate a dar maggior lustro all’Igiene, quale anti-cipatore dell’Igiene moderna. Disciplina, quindi, l’Igiene teorica epratica su un riscontro nettamente scientifico e pertanto sperimenta-le, che purtroppo nel corso dei secoli non aveva ancora trovato unaadeguata identità scientifica. Tuttavia, si andava sempre più svilup-pando fino a sfociare, come una valanga, nelle prime rudimentaliricerche di E. Jenner (1798), che diede il battesimo alla vaccinazioneantivaiolosa, e quindi di L. Pasteur nella sperimentazione ad alto con-tenuto scientifico e pratico. In tal modo l’Igiene divenne all’unisonoanche materia di governo, quale strumento di lotta e di difesa controle malattie, quale fondamento primario di tutela nei confronti del-l’uomo e delle sue svariate attività. È del 1865 il classico trattato diClaude Bernard Introduction a l’étude de la médicine expérimentale,secondo il quale soltanto attraverso la medicina, cosiddetta “attiva”sarebbe possibile comprendere il meccanismo d’azione delle malat-tie ed identificarne strategie mirate d’intervento; privata della speri-mentazione la medicina ospedaliera sarebbe rimasta del tutto passivae pertanto insufficiente. Anche il Virchow (1858) fondò tutta la sua scienza d’anatomo-patologo sulle tecniche di laboratorio e quindi sull’indagine micro-scopica strettamente mirata allo studio delle cellule. Lo stesso fece inItalia Corrado Tommasi-Crudeli, (Fig. 1) il primo igienista di Romache, dopo essere stato garibaldino in qualità di medico, andò a fre-quentare gli Istituti dei due grandi primacitati. Facendo tesoro di tante conoscen-ze, gettò le basi del primo Istitutod’Igiene dell’Università di Roma sullaricerca sperimentale, sulla valorizzazio-ne del metodo d’indagine, tracciando gliintimi legami tra fisiologia, patologia cli-nica, terapia e prevenzione, opponendosidecisamente alle vecchie conoscenzeempiriche e filosofiche, al tempo ancoratanto in auge. Fig. 1 – Corrado Tommasi-Crudeli 156
  • 144. La Scuola Romana d’Igiene L’insegnamento dell’Igiene fu istituito nell’Università di Romacon la Bolla di Leone XII Quod divina sapientia nel 1824, non comemateria unica, ma abbinato alla Materia medica (Farmacologia), etenuto da diversi docenti fino al 1870, quando fu affidato a GaetanoValeri che, nominato Rettore, si dimise dall’insegnamento nel 1882.Gli successe Corrado Tommasi-Crudeli che, a sua volta, lasciòl’Anatomia patologica e seguendo la sua dinamica attività, trasfor-mò l’insegnamento teorico in pratico-sperimentale sull’esempio diPettenkofer in Germania (1881): la cattedra assunse la denominazio-ne di “Igiene sperimentale” con annesso “Gabinetto d’Igiene” e rap-presentò il primo Istituto d’Igiene in Italia3. Nel 1879 fu creata laSocietà Italiana d’Igiene, di cui Alfonso Corradi fu il primoPresidente, con appena 248 membri. La predisposizione dei locali fu realizzata soltanto nell’anno 1884e, nel 1885, fu inaugurato il primo corso ufficiale con le famoselezioni sul Clima di Roma4. Poiché la sistemazione definitiva deilocali continuava a subire slittamenti per motivi burocratici, nel1886 Tommasi-Crudeli si dimise dall’insegnamento, che fu poi affi-dato al suo allievo Angelo Celli, dapprima come incarico e succes-sivamente in qualità di professore ordinario. Il Celli portò avanti l’idea del Tommasi-Crudeli con grande atti-vità scientifica unita ad una non indifferente capacità organizzativa.Nel 1887 egli volle abbinare all’insegnamento d’Igiene sperimenta-le per medici anche un insegnamento di Ingegneria sanitaria e labo-ratori d’indagini tecniche sanitarie, quale perfezionamento d’Igienepubblica per medici, ingegneri, veterinari e farmacisti (R.D. 27novembre 1887, n° 5103). Ciò costituì il primo avvio dell’attualeIstituto Superiore di Sanità, che ebbe i natali proprio presso l’Istituto di Igiene dell’Università di Roma con il nome di “Laboratori di ispezione igie- nica” (D.M. 31 luglio 1887). In tal modo, al momento della pro- mulgazione della prima legge sanitaria nazionale del 22 dicembre 1888 (detta Crispi-Pagliani), i laboratori erano già affiancati alla Direzione Centrale di Sanità, allora presso il Ministero degli Interni, ed all’avanguardia rispetto al resto dell’Europa. Fig. 2 – Angelo Celli 157
  • 145. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melino E così fu anche per la creazione dell’Istituto VaccinogenoNazionale con annessi laboratori di ricerca batteriologica e stabula-ri (R.D. 23 novembre 1888). Nel 1889 furono istituiti i corsi di perfezionamento e complemen-tari d’Igiene pratica. Nello stesso anno il Celli fondò la rivista Annali dell’Istitutod’Igiene Sperimentale dell’Università di Roma e più tardi propugnòed ottenne i due nuovi insegnamenti ufficiali di Batteriologia (1924)e di Parassitologia (1925), dapprima come incarico e, successiva-mente, come ordinariato. Egli diresse l’Istituto d’Igiene sperimenta-le sino alla sua morte prematura nel 1914; la cattedra fu affidata perconcorso al nuovo titolare Giuseppe Sanarelli che ne divenne diret-tore. Egli fu anche Rettore nel biennio 1922-‘23. Il Sanarelli diressel’Istituto con altissimo prestigio ed instancabile attività scientifica eriorganizzativa sino al suo collocamento a riposo nel 1935. E fu pro-prio in questo anno che l’Istituto si trasferì dalla sede originaria del-l’ex convento di San Paolo Eremita al Viminale all’attuale sede appo-sitamente progettata ed edificata dagli architetti Marcello Piacentinied Arnaldo Foschini, presso la “Città Universitaria”. Va anche ricordato che nel 1934, sempre presso il Ministero degli Interni, fu fondato l’Istituto di Sanità Pubblica (R.D. 11 genna- io 1934, n° 27), che poi prenderà il nome di Istituto Superiore di Sanità, con l’aiuto eco- nomico della Fondazione Rockfeller. Esso comprendeva, oltre i laboratori già funzio- nanti presso l’Istituto di Igiene, quelli di batteriologia, di chimica, di controllo vacci- ni, virus o sieri; di fisica, di alimenti, di acqua, del suolo ed aria; dell’industria delleFig. 3 – Giuseppe Sanarelli sostanze radioattive. Il primo direttore fu Dante De Blasi (1935), che fu nominato in contemporanea accademico d’Italia e direttore dell’Istituto d’Igiene, cariche che ricoprì sino al 1943. È da ricordare che nell’anno 1934 la prima legge sanitaria nazionale del 1888, la cosiddetta legge Crispi-Pagliani, fu sostitui- ta dal Testo Unico delle Leggi Sanitarie: daFig. 4 – Dante De Blasi quel momento i Laboratori di Sanità Pub- 158
  • 146. La Scuola Romana d’Igiene blica furono separati dall’Università e divennero parte integrante dell’Istituto di Sanità Pubblica, mentre l’insegnamento e la ricerca sperimentale rimasero di perti- nenza universitaria. Successivamente, durante l’ultima guerra, l’Istituto d’Igiene venne colpito e devastato dai bombardamenti. Seguì rapi- da la ricostruzione, pur con tanti tesori di scienza inevitabilmente distrutti. Nel 1943 Vittorio Puntoni passò da tito- lare della cattedra di Microbiologia a quella di Igiene che ricoprirà sino al 1957.Fig. 5 – Vittorio Puntoni La cattedra di Microbiologia fu affidata per trasferimento da Perugia ad AldoCimmino, già da anni assistente presso l’Istituto di Igiene. Densa fu l’attività di Puntoni per la ripresa dell’Istituto che, nel giro di pochi anni, ritornò ai suoi vecchi splendori sia nel campo della ricerca che in quello della didattica5. Nel 1959 fu chiamato a ricoprire la cat- tedra di Igiene Vittorio Del Vecchio, dopo un breve interregno con incarico di Giovanni Labranca, che sin dal 1939 era assistente pres- so l’Istituto con un qualificato curriculum di ricerca ed unFig. 6 – Vittorio Del Vecchio preminente inte- resse rivoltoallo sviluppo delle attività di prevenzione. Purtroppo, ad ancor meno di sessan-t’anni d’età, la prematura morte di DelVecchio, nel 1972, lasciò l’Istituto in unaprostrazione profonda. Gli successe, prima come incaricato epoi come ordinario, Salvatore UgoD’Arca, assistente ed aiuto dell’Istituto Fig. 7 – Salvatore Ugo D’Arca 159
  • 147. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melinoche, superando non poche difficoltà, riuscì a riportare in auge tutti isettori di ricerca e di studi, ampliando il corredo dei laboratori connuove apparecchiature e con lungimiranza scientifica di rispetto. Nel 1988 gli è succeduto nella direzione dell’Istituto GaetanoMaria Fara, formatosi nella Scuola d’Igiene milanese di Giovanardi,chiamato all’unanimità dalla Facoltà di Medicina di Roma e succes-sivamente riconfermato sino alla trasformazione dell’Istituto nelDipartimento di Scienze di Sanità Pubblica (2001). Il primo direttore del nascente Dipartimento è stato uno di noi(Gianfranco Tarsitani), che nell’Istituto di Igiene di Roma ha svoltosin dall’inizio la sua preparazione come allievo di Del Vecchio. E allievi di Del Vecchio che danno lustro alla Scuola Romanad’Igiene sono Adele Simonetti D’Arca, titolare della cattedra diIgiene e Odontoiatria Preventiva e Sociale con Epidemiologia;Valerio Leoni, titolare della cattedra di Igiene Ambientale; AugustoPanà che ha trasferito il germe fecondo dell’Istituto di Igiene nellaprestigiosa sede dell’Università di Tor Vergata. I locali Soltanto nel 1882 con Corrado Tommasi-Crudeli, che per primodiede inizio ed impulso alla sperimentazione, l’insegnamentodell’Igiene cominciò a richiedere locali ed attrezzature di laborato-rio, in quanto nel passato il tutto s’esauriva in una lezione accade-mica vuota e sterile, tanto che i corsi non avevano nessun seguito. Fig. 8 – Regia Università degli Studi di Roma – Istituto d’Igiene Sperimentale - Piazza del Viminale (1885-1935) La prima sede fu un vecchio convento di monache presso la chie-sa di San Paolo Eremita al Viminale in Via Palermo n° 58. La liberazione dei locali si riuscì a realizzare soltanto nel 1884 ele condizioni di grave fatiscenza dell’edificio ne ritardarono ulte- 160
  • 148. La Scuola Romana d’Igieneriormente la consegna, con grave disappunto del Tommasi-Crudeli.Finalmente nel 1885 egli riuscì ad inaugurare il primo corso ufficia-le d’Igiene sperimentale con le cinque brillanti e documentate lezio-ni sul “Clima di Roma”, all’epoca argomento di rilevante attualità acausa della presenza della malaria in Italia e, in particolare, nelLazio. Infatti, era in corso il dibattito sulla questione di Roma capi-tale con infinite diatribe tra sostenitori, oppositori ed anche specula-tori finanziari. Fig. 9 – Università degli Studi di Roma “La Sapienza” dal 1935 al 2001: Istituto di Igiene “G. Sanarelli”, Istituto di Microbiologia, Istituto di Parassitologia. Dal 2001 Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica “G. Sanarelli” Il Celli cominciò la sistemazione dell’Istituto adattando la struttu-ra di tre piani nei diversi settori di ricerca, situando l’aula al postodella vecchia chiesa, al piano terreno l’Istituto antirabbico con appo-site convenzioni con il Comune di Roma (1889) ed i laboratori dipreparazione delle culture; al primo piano la direzione, la bibliotecae la sala lettura; al secondo piano i laboratori di Chimica e degli aiutied assistenti; al terzo piano i laboratori di Microbiologia eParassitologia; sul terrazzo, poi ricoperto, stabulari, sala esercitazio-ni ed una stazione meteorologica. È da questa sede che prende la mossa la grande Scuola romanad’Igiene che tanto lustro ha dato alla disciplina stessa edall’Università di Roma, pur nella ristrettezza di mezzi e di spazi manon di menti e di passioni ineguagliabili. E tanta fu la fama a queitempi di questo modesto Istituto che R. Koch, visitandolo nel 1912,ebbe ad esprimere parole di altissima lode per i “lavori fondamenta-li” scaturiti dai suoi laboratori, lavori noti ed apprezzati da tutto ilmondo scientifico del settore. E fu per giunta anche il Koch ad espri-mere la sua grande meraviglia per l’esiguità delle risorse di strumen-ti ed apparecchiature presenti. 161
  • 149. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melino La necessità di altri spazi divenne ancora più pressante per la tra-sformazione in cattedra ufficiale sia della Microbiologia che dellaParassitologia quali discipline autonome. Riorganizzazione quindiimpellente, ma difficile nella sua realizzazione, che ebbe luogo sol-tanto nel 1935, quando fu assegnato un intero edificio all’Igieneall’ingresso della Città Universitaria. Si componeva questo di quat-tro settori: quello didattico al piano rialzato con due aule, di cui unacentrale, e due grandi laboratori per esercitazioni; al primo pianoquello destinato alla biblioteca, ricca sin d’allora di numerosemigliaia di libri e di riviste specializzate sia italiane che estere;sullo stesso piano i laboratori di batteriologia, microbiologia, siero-logia, istologia ed i settori di fisica e chimica; al piano attico le stal-line per animali; ed infine il servizio antirabbico per il Comune diRoma nel seminterrato. In seguito, con le aule in comune, al primopiano si estenderà l’Igiene, al secondo la Microbiologia ed al terzola Parassitologia: struttura tuttora in atto anche se oggi, a seguitodella riunificazione delle tre disci-pline nel Dipartimento di Scienzedi Sanità Pubblica, si ripropongonoproblematiche di riorganizzazionedegli spazi in funzione della didat-tica e della ricerca, nonché di ade-guamento dei medesimi alle normedi sicurezza vigenti6.La ricerca Non è facile voler tracciare ora,sia pure in sintesi, tutto il lavoroscientifico svolto dalla ScuolaRomana di Igiene nel suo comples-so, ovvero per singolo Autore. Ciònon solo per il lungo spazio ditempo intercorso dall’inizio ufficia- Fig. 10 – Annali dell’Istituto di Igienele dell’insegnamento di Igiene, che Sperimentale dell’Università di Romava almeno dal 1885 ad oggi, maanche per la molteplicità dei problemi affrontati, di diatribe intellet-tuali svolte, delle urgenze da affrontare, degli argomenti nuovi datrattare, per non parlare poi dei congressi nazionali e regionali,delle lezioni commemorative, delle indagini a campione e così via.Basta in proposito sfogliare la voluminosa raccolta della rivistadell’Istituto d’Igiene, fondata nel 1889 da Angelo Celli Annalidell’Istituto di Igiene Sperimentale, che da allora non ha mai cessa- 162
  • 150. La Scuola Romana d’Igieneto la pubblicazione anche se investe e intestazione diversa.Per non parlare poi degli Attidella Società per gli Studisulla Malaria, anch’essa fon-data da Celli nel 1898, nonchédegli Atti della SezioneZooprofilattica dell’IstitutoZootecnico Laziale ed infinedegli Atti della Società diIgiene e Medicina Coloniale,fondata nel 1908. E poi dei Fig. 11 – Panoramica del “Laboratoriotanti testi pubblicati e come d’Epoca come Museo”dispense per studenti e tecnici, e come trattati, tra cui noto ancora èil Manuale dell’Igienista di A. Celli, in collaborazione con tutta lascuola, la cui prima edizione risale al 1889, cui seguirono numerosiaggiornamenti. Di particolare rilievo anche i legami scientifici della ScuolaRomana d’Igiene con gli altri Istituti d’Igiene europei e cliniche uni-versitarie, in quei tempi in pieno sviluppo: a Parigi con l’InstitutPasteur; a Berlino con il Koch Institute; a Londra con la LondonSchool of Tropical Medicine e con il British Institute of PreventiveMedicine; a Vienna con l’Istituto Sieroterapico; a Pietroburgo conl’Istituto di Medicina Sperimentale. Il Celli creò anche un Museo,dislocato in tre ambienti a pian terre-no dell’Istituto. Qui vi raccolseoggetti, apparecchiature e mappeepidemiologiche, disegni di impian-ti di smaltimento rifiuti, di planime-trie di ospedali e di quartieri dellacittà di Roma, studi sull’andamentodel colera, della pellagra e dellamalaria nella città e nelle diverseregioni d’Italia. Il tutto fu trasferitonella nuova sede, che però vennedistrutta durante il bombardamentodel 1943. Ed è appunto su tale con-cetto ispiratore che è stato ricreato il“Laboratorio d’epoca come Museo” Fig. 12 – Corrado Tommasi- Crudelinel 1996, al primo piano dell’Istituto (1834-1900) 163
  • 151. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melinocon l’intento di trasmettere la memoria del passato alle nuove gene-razioni7. Una sintesi verrà comunque qui riportata per Autore e limitataai soli direttori dell’Istituto e, per ognuno, almeno a qualificarne ericordarne la fama che a suo tempo li onorò Tutti. Corrado Tommasi-Crudeli già rinomato anatomo-patologo, fuil primo a dare all’insegnamento d’Igiene un indirizzo pratico esperimentale ed a sollecitare l’istituzione di laboratori scientifici edi ricerca, che purtroppo non poté realizzare in pratica. Importanti sono i suoi studi sulla malaria, specialmente in relazio-ne con la distribuzione delle acque del sottosuolo, tanto utili poinella bonifica pontina. Fu propugnatore, come deputato prima e come senatore a vita poi,dell’igiene sociale; curò il risanamento della città di Roma, ne stu-diò il clima, s’occupò del prosciugamento dell’agro romano, delcontrollo dell’approvvigionamento idrico e dello smaltimento deireflui, auspicò l’emanazione di regolamenti edilizi mirati per ognicittà. Di particolare rilievo i suoi studi sul colera e sulle modalità didiffusione, sul contagio e quindi sull’isolamento e quarantena, sullalotta alla miseria e sul modo di vivere nei bassi borghi della città,proponendo soluzioni d’estrema importanza igienica, pubblica esociale. Fu uno strenuo oppositoredella tratta delle bianche; promos-se provvedimenti a favore dell’in-fanzia abbandonata; difese adoltranza l’insegnamento d’Igieneuniversitario e per post-laureati(ufficiali sanitari e medici provin-ciali). In complesso un battaglie-ro, un vero garibaldino anche incampo scientifico8. Angelo Celli realizzò l’indiriz-zo pratico-scientifico dell’inse-gnamento d’Igiene e di tutto sioccupò con competenza e passio-ne: di batteriologia con D. DeBlasi; di parassitologia con G.Alessandrini; di fisica-chimicacon G. Sampietro; di chimica con Fig.13 – Angelo Celli (1857-1914) 164
  • 152. La Scuola Romana d’IgieneA. Scala; di protozoologia con M. Levi della Vida (tutti ordinari dicattedra a quei tempi). Grande fu il suo interesse per la Malaria esoprattutto per la sua bonifica territoriale ed umana a mezzo dellaprofilassi con il chinino dello Stato, che difese e propagandò a spadatratta (legge 19 marzo 1904), contestando anche aspramente la“mistura Baccelli” propagandata dalla ditta Bisleri. Isolò il meningococco; affermò la patogenicità del b. coli dissen-tericum, eseguì ricerche sulla filtrabilità del virus della rabbia, stu-diò la malaria estivo-autunnale e l’anofelismo senza malaria. Si inte-ressò anche di diversi problemi igienico-sociali: la pellagra, la risi-coltura, il lavoro delle donne e dei fanciulli, la vigilanza zootecnica.Fondamentali i suoi studi sperimentali sulla trasmissione del pla-smodio della malaria e sulla bonifica dell’agro romano e delle palu-di pontine. E fu proprio per opera di Celli e di tutta la Scuola roma-na la grande stagione della malariologia italiana, grazie soprattuttoai lavori di Giovanni Battista Grassi, di Amico Bignami, diGiuseppe Bastianelli, oltre che dello stesso Celli. Poliedrico, quindi,nei suoi interessi scientifici, umile e grande nel contempo. Giuseppe Sanarelli già di chiara fama quando nel 1915 venne daBologna a ricoprire la cattedra d’Igiene del Celli, prematuramente scomparso nel 1914. In precedenza era stato allievo del Golgi, di De Giaxa e di Pettenkofer. Si dimise da deputato e tutto se stesso, con la sua prestigiosa scuola, dedicò alla ricerca scientifica. Grandi furono i suc- cessi e gli onori a vantaggio dellaFig.14 – Giuseppe Sanarelli (1864-1940) disciplina e dell’Università diRoma, di cui fu anche Rettore nel biennio 1922-23. Numerosi i campi di ricerca: dalle malattie infettive (colera, tifo,carbonchio, tubercolosi), agli studi epidemiologici e sociali.Contribuì alla promulgazione delle leggi sull’approvvigionamento 165
  • 153. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melinoidrico dei Comuni, sulla bonifica per la malaria, sull’igiene del lavo-ro (disciplina del lavoro notturno, lavoro delle donne e fanciulli).Fondamentali i suoi studi sugli ultravirus, sull’immunità naturale edacquisita, sulla scoperta delle opsonine, del virus mixomatoso, sullafebbre gialla, sull’eredo-immunità tubercolare in contrasto conl’eredo-predisposizione; classico “il fenomeno di Sanarelli” sull’al-lergia emorragica nell’ampio studio delle enteropatie microbiche. Organizzò ad alti livelli, pur con magri mezzi, l’Istituto d’Igiene:sopraelevò il terrazzo ed installò una stazione meteorologica; incre-mentò il centro antirabbico anche con la fabbricazione in sede delvaccino e con la distribuzione a molti dispensari periferici. Floridala sua scuola e molti i suoi allievi in cattedra. In complesso un granMaestro, uno di quei rari uomini che cercò di plasmare la mentedegli studenti e degli allievi verso alte concezioni e verso superioriideali. Nel 1935 per limiti d’età venne fuori dall’insegnamento, pro-prio quando l’Istituto cambiò sede. A succedergli fu Dante De Blasida Napoli, ma sempre originario della scuola romana. Dante De Blasi allievo del Celli, fu a Roma il cattedraticod’Igiene fino al 1943, e fu anche Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Direttore dell’Istituto di Sanità Pubblica che poi divenne Superiore di Sanità; fu accademico d’Italia e membro dell’Accademia Pontificia delle Scienze. E tanti anche i suoi interessi scientifici sulla batteriologia e sierologia (noto il fenomenoFig.15 – Dante De Blasi (1837-1956) paradosso nella sierodiagnosidel tifo, che da lui prende il nome) e molto apprezzati furono i suoistudi sui sieri, sul loro potere batteriotropico e battericida, sul pas-saggio degli anticorpi nel sangue, sulla deviazione del complemen-to. Importanti anche i suoi studi epidemiologici, sull’igiene sessua-le, sulla bonifica contro la malaria, l’educazione sanitaria, il risana-mento urbano. L’igiene era per Lui materia viva da sperimentare sulcampo, oltre che nel chiuso dei laboratori: e fu in questo un veroMaestro. Vittorio Puntoni (allievo di Sanarelli, dal quale ereditò la seve-rità del metodo scientifico e l’austerità del laboratorio, successe a 166
  • 154. La Scuola Romana d’IgieneDe Blasi nel travagliato anno1943, quando l’Istituto fu centratoil 19 luglio da una bomba che pol-verizzò l’aula e dintorni. Egli eraordinario di Microbiologia già dal1925. Famosi i suoi due classicitrattati di Microbiologia e diIgiene. Studioso anch’egli di chia-ra fama: classici i suoi studi sul-l’anafilassi echinococcica, sullemutazioni del vibrione colerico,sui vibrioni inagglutinabili, sulvirus rabbico e relativi vaccinifenicati, sulla concezione della cla-midoreazione. Di pregevole valorela sua monografia sulla rabbia.Interessante anche la sua attenzio- Fig.16 – Vittorio Puntoni (1887-1970)ne sulle cause ambientali ed atmo-sferiche nei riguardi delle infezioni intestinali. Importanti i lavori della sua scuola sulle acque, gli alimenti, gliantibiotici. Vari i suoi allievi in cattedra: Ambrosioni, Tizzano, Rita,Biocca, Del Vecchio. Fu per anni Preside di Facoltà. Va a lui il meri-to, infine, del potenziamento dal Centro per le Microcitemie e l’ane-mia mediterranea, il primo delgenere in Italia, con EzioSilvestroni e Ida Bianco. Grandeorganizzatore, profondo studioso,noto anche all’estero quale esper-to dell’OMS, raggiunse il fuoriruolo nel 1957. Vittorio Del Vecchio diressel’Istituto di Igiene dal 1959 qualesuccessore del suo MaestroPuntoni. Già da anni incaricato diigiene edilizia, continuò l’operacon uguale prestigio e con interes-si mirati al campo della microbio-logia ed immunologia. Adottò unsuo metodo originale di chemiopro- Fig.17 – Vittorio Del Vecchiofilassi e chemioterapia della brucel- (1914-1972) 167
  • 155. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melinolosi e della neurobrucellosi con derivati naftochinonici. Si occupòdella malaria, e dell’anofelismo senza malaria, di svariati problemidi Igiene del lavoro (idaditosi, ossido di carbonio, tricloroetilene); dimedicina nucleare, d’inquinamento atmosferico e del fall-out radio-attivo; nonché di medicina preventiva creando un qualificato centroper gli studenti universitari. Potenziò la già preziosa biblioteca, oraristrutturata ed a suo nome, su criteri moderni e d’avanguardia,arricchendola di centinaia di volumi di grande rilevanza scientifica.Con lungimiranza fondò la Scuola Speciale per Dirigentidell’Assistenza Infermieristica, che riscosse lusinghieri apprezza-menti anche da parte dell’OMS. Dal 1964 al 1972, in varie tornate, fu presidente di Sezione alConsiglio Superiore di Sanità ed in questa sede ebbe un ruolo fon-damentale nella istituzione della obbligatorietà della vaccinazioneantipolio e nell’estensione a tutta la popolazione della vaccinazioneantitetanica. È stato per diversi anni pro-rettore all’Università “LaSapienza” di Roma, presidente della Società Italiana per la Lottacontro le Microcitemie e presidente del Consiglio dei Clinici. E tanti campi di studio, purtroppo, lasciò in sospeso per la sua pre-matura morte a 58 anni, nel 1972, lasciando orfana la sua scuola edin uno stato di grande frustrazione, di non facile superamento anchenel tempo. Salvatore Ugo D’arca, come incaricato prima ed ordinario dal 1976, subentrò al suo maestro, superando non lievi difficoltà per le risorse e gradualmente riportò l’Istituto a livelli scientifici degni d’ogni attenzione con una lungimi- ranza d’eccezione. E tutto riorganizzò: ampliò il cor- redo dei vari laboratori, introducen- do nuove e sofisticate apparecchia- ture; potenziò i corsi di perfeziona- mento e di specializzazione; parti- colare attenzione pose alla prepara- zione dei medici di Sanità Pubblica, considerando estremamente utile e vantaggioso il rapporto di continua collaborazione con gli igienisti del Fig.18 – Salvatore Ugo D’Arca territorio. (1916-1992) 168
  • 156. La Scuola Romana d’Igiene Studioso di vasta preparazione ed igienista appassionato, orientòil suo interesse scientifico verso numerosi settori dell’igiene, dimo-strando in ciascuno d’essi chiarezza di vedute, facili capacità d’ana-lisi e sintesi (ambienti, lavoro, scuola, acque potabili, superficiali ecostiere, alimenti, radioattività, igiene e tecnica ospedaliera, ecc).Nel settore dell’Igiene ambientale va ricordata l’importante indagi-ne condotta sulle acque del Tevere e sulle marrane di Roma, in occa-sione dell’episodio del colera del 1973 (che interessò la Sardegna, laPuglia e la Campania), con evidenziamento dei vibrioni responsabi-li. Di particolare menzione è il suo volume di Igiene Ambientale,valido testo per studenti di medicina e di ingegneria, uno dei primidel genere e soprattutto d’estrema chiarezza ed utilità pratica. Perlimiti d’età lasciò la direzione dell’Istituto nel 1988. Gaetano Maria Fara, proveniente da Milano, ove era già ordi-nario d’Igiene e direttore dell’Istituto nel 1974, subentrò a D’Arcanel 1988. Igienista di larghe vedute ed aggiornato soprattutto, aseguito di lunghi soggiorni di studio e di lavoro all’estero, in parti-colare presso la School of Public Health del Michigan (USA), oveapprofondì gli studi di biostatistica,di epidemiologia, e le tecniche per ladeterminazione dell’effetto attivantedei farmaci. Importanti i suoi inte-ressi sull’epidemiologia delle malat-tie infettive e non infettive, delleinfezioni ospedaliere, sulla valuta-zione dell’efficacia dei vaccini, sul-l’organizzazione sanitaria, sui pro-blemi di formazione in SanitàPubblica ai vari livelli operativi.Numerosi i suoi incarichi nell’ambi-to universitario, presidente dellaSocietà Italiana d’Igiene, MedicinaPreventiva e di Comunità, autore delmanuale di Igiene e Medicina Fig.19 – Annali di Igiene, MedicinaPreventiva e di altri volumi scientifi- Preventiva e di Comunitàci specifici. Dinamico direttore dellarivista Annali di Igiene, continuazione della rivista fondata dal Cellinel 1889. Pur essendosi formato alla Scuola d’Igiene milanese diGiovanardi, si dedicò totalmente alla Scuola Romana a tal punto daaffermare: Ho potuto sviluppare un’affezione a questo istituto ed 169
  • 157. Gianfranco Tarsitani – Rosella Del Vecchio – Carmine Melinoalla sua storia da sentirlo, infine, mio: come spesso accadeva due-mila anni fa’ a coloro che da ogni parte dell’impero convenivano aRoma, e diventavano romani. Uomo di alta cultura e di eccezionalepreparazione, brillante nella penna. Sempre aperto con tutti, allegro,gioviale, amico soprattutto. È stato il prof. Fara l’ultimo direttore dell’Istituto di Igiene. Nel 2001, in base ai nuovi raggruppamenti dipartimentali di disci-pline affini, il vecchio Istituto di Igiene si è trasformato in Dipar-timento di Scienze di Sanità Pubblica “G. Sanarelli” al quale afferi-scono gli ex Istituti di Microbiologia e Parassitologia. Un ritornoquasi al passato quando l’Igiene raggruppava in sé tali insegnamen-ti, successivamente distaccatisi divenendo Istituti autonomi(Microbiologia nel 1924 e Parassitologia nel 1925), e ne sviluppavaman mano l’evoluzione quale disciplina madre. Le esigenze chehanno motivato tale riunificazione rispondono ad istanze di integra-zione delle conoscenze e delle pratiche sanitarie nell’ottica di unacomunione d’intenti rivolta alla salvaguardia della salute umana edalla tutela dell’ambiente. BIBLIOGRAFIA1. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.2. SPANO N., L’Università di Roma. Roma, Mediterranea, 1935.3, DEL VECCHIO G. (a cura di), L’Università di Roma. Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1927.4. MELINO C., DEL VECCHIO R., DRUDA L., In margine all’inaugurazione dell’Istituto d’Igiene Sperimentale di Roma nel 1885: il clima di Roma. Ann. Ig. 2003; 15:401-412.5. PUNTONI V., Precursori ed artefici dell’antico Istituto d’Igiene di Roma al Viminale. Giornale di Medicina Militare 1947; 1:1-16.6. FANTINI B., CORBELLINI G., La nascita dell’Igiene sperimentale e la fondazione dell’Istituto di Igiene dell’Università di Roma. Ann. Ig. 1994; 6:339-55.7. FARA G.M., MELINO C., SIMONETTI D’ARCA A., MONTACUTELLI R., DEL VECCHIO R., Il Laboratorio d’epoca come Museo. Roma, Kappa, 2003.8. MELINO C., DEL VECCHIO R., Corrado Tommasi Crudeli igienista. Ann. Ig. 2000; 12:441-56. 170
  • 158. PARTE IIILe Cliniche
  • 159. LE SCUOLE DI MEDICINA INTERNA NEL POLICLINICO UMBERTO I DOMENICO ANDREANI 173
  • 160. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto IGli istituti di MEDICINA INTERNA Dall’inaugurazione del Policlinico Umberto I° gli Istituti diClinica Medica, di Patologia Medica e di Malattie Infettive, alla paridegli altri Istituti inclusi nell’Ospedale, appartenenti alla Universitàdi Roma “Studium Urbis”, poi denominata col titolo originale “LaSapienza”, hanno subito profonde modificazioni di struttura e difunzione, nonché cambiamenti di denominazione a seguito dellevicende in cui è stata coinvolta la Facoltà di Medicina in tutta Italia,come pure a seguito dei necessari adattamenti alla crescente popola-zione studentesca ed all’ampliamento degli orizzonti culturali escientifici. Tra l’altro, nel contesto di questi cambiamenti si è inse-rita la nascita di molte specializzazioni nell’ambito della medicinainterna con il conseguente frazionamento degli Istituti. Le modificheche sono avvenute negli ultimi anni si sono succedute con granderapidità, tanto che non sempre si è riusciti a seguirle con precisione;anche le date degli spostamenti dei docenti talora sono apparseincerte; cosicché le indicazioni riferite in questo capitolo potrannonon essere esaurienti. Del resto molti dei professori che avrebberopotuto fornire notizie precise o sono scomparsi, o sono risultati indi-sponibili, ed anche i contributi bibliografici dei diversi docenti sonorisultati spesso incompleti. E’ giusto precisare che per mantenersi in termini ragionevoli dispazio e di contenuti mi sono limitato a citare i professori di primafascia, e cioè gli ordinari. Peraltro i professori di seconda fascia, oassociati, ed i ricercatori, pur essendo molto qualificati per le doti diinsegnamento e di ricerca, sono apparsi in numero esorbitante eindicati con titolarità complesse, tali da rendere difficile la loro col-locazione e caratterizzazione. Dando uno sguardo complessivo alla storia del Policlinico edalle principali aree culturali che lo hanno qualificato, si può affer-mare che in linea di massima le grandi scuole che si sono succedu-te negli anni in medicina interna, e che hanno dato luogo a ricerchedi eccellenza, riscuotendo in tal modo stima e riconoscimenti intutta Italia ed all’estero, sono state la scuola di Cesare Frugoni,quella di Luigi Condorelli, quella di Cataldo Cassano, e quella diGiuseppe Giunchi. La scuola di Frugoni si è distinta principalmen-te per l’impronta immunologica ed allergologica; quella diCondorelli per la specificità cardiovascolare, quella di Cassano peril settore endocrino-metabolico, e quella di Giunchi per il campoinfettivologico. Vi sono stati anche ragguardevoli settori al di fuori 175
  • 161. Domenico Andreanidi quelli citati, ad esempio quello ematologico; ma non vi è dubbioche le linee ricordate siano state quelle preminenti.L’Istituto di CLINICA MEDICA La Clinica Medica della Università di Roma è stato, ed è, unodegli edifici più imponenti del Policlinico Umberto I. Dopo l’inau-gurazione dal 1906 ne fu primo Direttore proprio il prof. GuidoBaccelli, ideatore ed artefice dell’Ospedale. Il prof. Baccelli fu per-sonaggio di grande rilievo scientifico e politico, più volte chiamatoa dirigere importanti Ministeri nel governo dell’epoca, e perciòfavorito nell’ideare e costruire l’Ospedale, che doveva essere, ed ineffetti fu, un prototipo di quanto di più razionale e moderno fossepossibile1. Dal punto di vista medico, come era consuetudine in queltempo, egli si occupò di vari aspetti delle malattie; in particolare,egli merita di essere ricordato per l’impiego della terapia per viavenosa della lue e della malaria, che allora insieme alla tubercolosidominavano la patologia corrente. Egli figura anche come fondato-re dell’Accademia Medica e della Società Italiana di MedicinaInterna. Per i suoi eccezionali meriti fu nominato dottore honoriscausa nelle Università di Mosca e di Cristiania (Stoccolma). A Guido Baccelli nella Direzione della Clinica e nell’insegna- Fig. 1 – Il Prof. C. FRUGONI a lezione di Clinica Medica. Dipinto ad olio. Istituto di Terapia Medica e Medicina Termale, Policlinico Umberto I 176
  • 162. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto Imento seguì nel 1917 il suo allievo Vittorio Ascoli, che istituì laScuola superiore di Malariologia, ben presto divenuta in Europa uncentro di riferimento per lo studio, la cura e la profilassi della mala-ria. Anche Ascoli ebbe numerosi riconoscimenti; tra l’altro fu nomi-nato dottore honoris causa nell’Università di Edimburgo e fu elettoPresidente della Commissione internazionale per il paludismo2. Alla morte di Ascoli nel 1935 fu chiamato a ricoprire la Cattedradi Clinica Medica il prof. Cesare Frugoni, già molto famoso per lequalità di clinico, che divenne medico personale di molti illustri per-sonaggi italiani e stranieri. Fu medico personale anche del Re Fuadd’Egitto. I suoi contributi in campo scientifico spaziarono dalla “mia-stenia gravis” alle diatesi emorragiche, alle cardiopatie, e soprattuttoall’asma bronchiale ed alle malattie allergiche. Merito di Frugoni èstato di aver creato una scuola di clinici di rilievo, che hanno appor-tato numerosi contributi in vari settori della medicina interna. Moltidegli allievi sono andati ad occupare cattedre in Università italiane estraniere. Frugoni è stato Presidente dell’Accademia Medica e dellaSocietà Italiana di Medicina Interna3. Nel 1951 a Cesare Frugoni è subentrato Giovanni Di Guglielmo,Clinico Medico di Napoli e principale epigone della Scuola ematolo-gica di Ferrata e Micheli. A merito scientifico di Di Guglielmo vannoannoverati l’inquadramento delle malattie mieloproliferative ed ilriconoscimento della patologia eritremica. Un quadro morboso diquesta patologia è riconosciuto sul piano internazionale come “malat-Fig. 2 – Il Prof. L. CONDORELLI con i suoi allievi di fronte alla Clinica Medica. 177
  • 163. Domenico Andreanitia di Di Guglielmo”. E’ stato proposto più volte per il premio Nobel. Dopo Di Guglielmo nel 1956 è stato chiamato a dirigere laCattedra di Clinica Medica Luigi Condorelli, già Patologo Mediconella Università romana. Condorelli si era perfezionato a Viennanegli Istituti di Sternberg e Wenckebach ed era stato al seguito aRoma di Zeri ed a Napoli di Zagari. La sua attività scientifica si èconcentrata con speciale predilezione sulla fisiopatologia e clinicadella malattie del cuore e della circolazione. Particolarmente interessanti sono stati gli studi sul circolo corona-rico e l’individuazione delle zone miocardiche elettrocardiografica-mente mute4. Di suggestivo valore sono state la messa a punto dellatecnica del pneumomediastino ed il riconoscimento della sindromeclinica dell’“accretio” pericardica5. Del pari importanti sono stati glistudi sulla regolazione pressoria del circolo polmonare e sull’azionefarmacologica dell’acido nicotinico. Condorelli è stato fra i primi inItalia a praticare il cateterismo cardiaco, l’agobiopsia epatica e quel-la polmonare. Nella ristrutturazione della Clinica Medica daCondorelli sono state costruite una bellissima aula e una modernabiblioteca ben attrezzata ed efficiente. Egli è stato Presidente dellaAccademia Medica Romana, della Società italiana di Cardiologia(per 25 anni), della Società Europea di Cardiologia e dell’Inter-national College of Angiology. E’ stato insignito delle medaglied’oro della Pubblica Istruzione e della Sanità. Condorelli ha lascia-to un nutrito gruppo di allievi che hanno occupato cattedre di presti-gio a Roma ed in altre sedi universitarie. Nel 1969 alla direzione della Clinica Medica giungeva, prove-niente da Palermo, Aldo Turchetti, allievo di Condorelli, che haproseguito l’indirizzo cardiovascolare del maestro, allargando i suoiinteressi alla patologia renale, alle porfirie, alla epatite virale ed allesue complicanze. Col trasferimento a Roma egli aveva con séFrancesco Balsano, Antonino Musca e Francesco Aguglia. Agli inizi degli anni 80 il notevole aumento della popolazione stu-dentesca, la necessità di adeguare l’insegnamento ai modelli dellaComunità europea, gli Istituti monocattedra si trasformarono in poli-cattedra: nell’anno accademico 83-84 l’Istituto di Clinica Medica,che era divenuto Clinica Medica I, ospitava due cattedre diPatologia Medica e due di Semeiotica Medica. A queste si aggiun-gevano molti insegnamenti specialistici: Allergologia,Fisiopatologia digestiva, Fisiopatologia del ricambio, Fisiopatologiarespiratoria, Nefrologia e Medicina nucleare. Nel 1980 al prof. Turchetti, venuto a mancare prematuramente,succedeva nell’insegnamento della Clinica Medica il prof. Umberto 178
  • 164. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto ISerafini, già titolare di una Patologia Medica, proveniente dallascuola di Frugoni, ben noto al mondo accademico per le sue ricer-che in campo immunologico ed allergologico, con particolare riferi-mento all’autoimmunità organospecifica, all’asma bronchiale edalle allergie da farmaci6. Serafini aveva con sé Guido Valesini eCesare Masala. Egli è stato insignito della laurea ad honoremdell’Università di Reims, è stato Presidente della Società diMedicina Interna, della Società Italiana di Allergologia edell’International Association of Allergology. Successivamente,nella direzione dell’Istituto, che veniva così disgiunta dall’insegna-mento, subentrava il prof. Francesco Balsano; ma, nell’anno acca-demico 82-83, egli riuniva in sé l’insegnamento della clinica medi-ca e la direzione dell’omonimo Istituto. Balsano era già noto per lericerche compiute in vari campi della medicina interna, ma si eradistinto per gli studi sulla fisiopatologia delle epatiti7 e sulla fisiopa-tologia del sistema vagale. Egli ha avuto il merito di ristrutturarel’Istituto di Clinica Medica, dandogli un aspetto moderno ed elegan-te, e lo ha dotato di nuovi e preziosi apparecchi, quali la RM, anco-ra mancanti nel Policlinico. Di grande impegno da parte di Balsanoè stata la promozione della nuova struttura edilizia adibita a labora-tori di ricerca, inaugurata nel 1991, ed oggi interdipartimentale,chiamata “torre di ricerca”, dove si è stabilita una schiera di valentiricercatori. Contemporaneamente, il prof. Vincenzo Marigliano,titolare di Gerontologia e Geriatria dal 1987, già Direttore della IClinica Medica per alcuni anni, diveniva Direttore del Dipartimentodi Scienza dell’invecchiamento,dando grande impulso alla Ge-rontologia8. Nel corso di quegli anni sonodivenuti titolari di insegnamenti diClinica Medica, Patologia Medica eSemeiotica Medica, e successiva-mente di Medicina Interna, i proff.Andrea Sciacca, Mario Sangiorgi,Vincenzo Corsi, Corrado Cordova,Giuseppe Guarini, MarcelloMartelli, Francesco Aguglia edAntonino Musca, tutti provenientidalla Scuola di Condorelli e dalgruppo di Turchetti. Questi docenti hanno allargato i Fig. 3 – Cupola e Androne dellacampi d’interesse del loro maestro Clinica Medica I 179
  • 165. Domenico AndreaniCondorelli ed hanno spaziato dalle ricerche sulle alterazioni istolo-giche del fegato, alle alterazione embriologiche del cuore, alla ela-borazione di modelli matematici applicati alla patologia circolatoria,alle porfirinopatie, alla nefropatie; però sostanzialmente si sonomantenuti nel filone della cardiologia. Mario Sangiorgi, che haricoperto la carica di Presidente della Società Europea di MedicinaInterna (SEMI) e della Società Internazionale di Medicina Interna(ISIM), si è distinto in modo particolare contribuendo considerevol-mente alla validazione internazionale della scuola condorelliana.Istituto di Terapia Medica e Idrologia Bisogna aggiungere che in una cospicua ala nell’edificio della ori-ginale Clinica Medica, all’epoca di Frugoni, si è differenziato, sulpiano accademico e strutturale, l’Istituto di Terapia Medica e diIdrologia. Originariamente l’Istituto di Terapia Medica e Idrologia eraunico; ne era stato Direttore per lunghi anni dal 1942 il prof. MarianoMessini, allievo del Frugoni e già cattedratico di Idrologia Medica dal1938. Il prof. Messini è stato molto attivo nelle ricerche di idrologia emedicina termale, di regimi dietetici e di fisiopatologia dell’apparatodigerente; ha pubblicato pregevoli Trattati di Terapia Medica e diIdroclimatologia e fondato la Rivista di Clinica Terapeutica, di cui èstato Direttore fino al suo pensionamento. Nel 1980 l’Istituto si è divi-so; la direzione della Terapia Medica è andata al prof. Giorgio Riccie quella della Idrologia è andata al prof. Baldassarre Messina. Ilprof. G. Ricci si è distinto per le ricerche sul ricambio lipidico e sullasclerosi vascolare, curandone in particolare gli aspetti terapeutici; permolti anni egli è stato coordinatore dei progetti finalizzati del CNR. Ilprof. B. Messina si è qualificato sul piano nazionale ed internaziona-le per le ricerche di medicina termale. Attualmente le due sezioni del-l’istituto sono state nuovamente unite e comprese nel Dipartimento diMedicina Interna e Terapia Applicata.L’istituto di Cardiologia – Dipartimento di Scienze Cardio-respiratorie Sempre nel contesto della Clinica Medica I, agli inizi degli anni70 si costituiva la cattedra di Cardiologia, di cui divenne titolare ilprof. Armando Dagianti, della Scuola di Condorelli. Il prof.Dagianti ha rapidamente dotato la Cattedra di apparecchiature diavanguardia, svolgendo sofisticate ricerche che l’hanno messo inevidenza sul piano internazionale; tra l’altro dal suo gruppo veniva-no organizzati Congressi Internazionali di ecocardiografia, giuntinel 2000 alla X edizione. Sotto la sua direzione veniva attivata 180
  • 166. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto Il’Unità di Terapia intensiva coronarica. Qualche anno dopo l’Istitutodi Cardiologia si trasformava in Dipartimento di Scienze cardiova-scolari e respiratorie, unendosi alla Cattedra di Pneumologia edincludendo varie competenze specialistiche. Nel 2001 ilDipartimento si spostava all’VIII Padiglione, del tutto rinnovato ededicato al prof. A. Dagianti.L’istituto di Patologia Medica - Clinica Medica II - Dipartimento diScienze Cliniche L’Istituto di Patologia Medica era giunto in eredità dall’era prece-dente, segnatamente dalle strutture della vecchia “Sapienza”, di cui laparte medica era principalmente situata nell’antico Ospedale di S.Spirito in Sassia. Il Policlinico Umberto I, completato nella parte edilizia nel 1902,era stato aperto ufficialmente nel 1904, ma la Patologia Medica avevaavuto la sua sistemazione nel 1906. In realtà la denominazione inizia-le era Laboratorio di Patologia Medica con una precisa impronta pro-pedeutica alla Clinica Medica. Nei primi anni nello stesso edificiofurono ospitate la Clinica Neuropatologica e la Clinica Pediatrica.Peraltro la Semeiotica Medica aveva avuto una sistemazione a parte.Nel giro di qualche anno la Clinica Neuropatologica e quellaPediatrica furono spostate altrove. E’ bene dire subito che la sistema-zione dell’Istituto, che all’inizio era semplice e ben definita, negli ulti-mi tempi si è complicata per l’inserimento di diverse cattedre ed amotivo della pletora studentesca, con le modifiche dell’ordinamentodidattico; cosicché recentemente, dopo alcuni anni in cui è statoIstituto policattedra, è divenuto Dipartimento di Scienze Cliniche. Il primo docente chiamato ad occupare l’Istituto di PatologiaMedica fu Eugenio Rossoni, allievo di Baccelli, che già nella“Sapienza” aveva avuto l’insegnamento della Clinica Medica prope-deutica. Alla morte di Rossoni nel 1919 subentrò nell’IstitutoAgenore Zeri, altro allievo di Baccelli, che nella vecchia “Sapienza”era stato docente di Semeiotica Medica. Con l’uscita di scena di Zeri,per limiti di età, nel 1935 da Genova giunse a Roma Nicola Pende,partecipe della scuola costituzionalistica di G. Viola. Pende diressel’Istituto fino al 1950 ad eccezione degli anni 1943-47, in cui fu sosti-tuito dal prof. Silvio De Candia, suo allievo. Pende ha avuto un certo peso nella endocrinologia italiana per lesue originali concezioni costituzionalistiche e per la enunciazione dialcuni quadri morbosi, frutto di intuizioni ed impressioni personali;certamente egli ha dato un impulso allo studio di questa disciplina inItalia9. Dal punto di vista storico ed aneddotico merita ricordare che 181
  • 167. Domenico AndreaniFig. 4 – Il Prof. N. Pende presenta a lezione una paziente basedowiana nell’anfiteatrodell’Istituto di Patologia Medica. Dipinto ad olio. Istituto di Genetica Medica “G. Mendel”al centro dell’androne di ingresso della Patologia Medica per moltianni ha fatto mostra di sé una piccola piramide, che da lui prese nome,che intendeva esprimere i concetti dell’ideatore sulla costituzioneindividuale; del pari va citato un grande quadro ad olio affisso allaparete dell’aula dell’Istituto (attualmente nell’Istituto di Genetica G.Mendel, Roma). Nel 1951 l’insegnamento e l’Istituto sono stati affidati a LuigiCondorelli, proveniente da Catania, il quale ha conferito alla ricercaed all’insegnamento un’impronta decisamente clinica, soprattutto nel-l’ambito della cardiologia, creando una scuola che si è espressa inmolti validi docenti nella Facoltà romana ed altrove. Nel 1956 per ilimiti di età raggiunti dal prof. Di Guglielmo, Condorelli è passato allaClinica Medica, che allora era unica, e contemporaneamente nellaPatologia Medica è subentrato il prof. Cataldo Cassano, provenientedalla Clinica Medica di Pisa. Da Pisa Cassano ha portato con sé moltigiovani collaboratori che si sono affermati successivamente nellaFacoltà; egli ha conferito un’impronta fisiopatologica alla ricerca edall’insegnamento; ha ravvisato la necessità di differenziare le varie 182
  • 168. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto IFig. 5 – Il Prof. C. Cassano con i suoi allievi in occasione del suo congedo dalla ClinicaMedica II.branche della medicina interna valorizzando i nuovi apporti scientifi-ci provenienti dai centri di eccellenza esteri. Gli allievi si sono recatiin questi centri e ne sono tornati per vitalizzare i settori della medici-na in maggiore espansione culturale, in specie nella gastroenterologia,nefrologia, endocrinologia e metabolismo; un particolare interesse èstato rivolto alle malattie della tiroide10, del pancreas endocrino, del-l’apparato gastroenterico, del rene, del ricambio fosfocalcico. Sonostate svolte indagini che hanno qualificato l’Istituto sul piano interna-zionale; in molti Congressi in Italia ed all’estero le ricerche dellaScuola hanno ricevuto largo consenso11. Cassano è stato medico di Presidenti della Repubblica e diPresidenti del Consiglio; è stato per molti anni Presidente dellaSocietà Italiana di Endocrinologia e membro dei Consigli Superioridella Pubblica Istruzione e della Sanità; ha ricevuto la medagliad’oro per i meriti della Sanità. Nel suo gruppo si sono messi in evi-denza i proff. E. Fiaschi, C. Conti, L. Baschieri, G. Andres, D.Andreani, A. Torsoli, D. Scavo, G.F. Mazzuoli, A. Fabbrini, M.Andreoli, I. Baschieri, M. Negri e M. Giacovazzo, che occuperannocattedre di Medicina Interna, Gastroenterologia, Endocrinologia,Nefrologia e Medicina Nucleare a Roma ed in altre sedi. Si sono tra-sferiti negli USA G. Andres e M. Giacomelli divenuti poi docentinella Columbia University e nella Harvard University; tra gli allievipiù giovani si è trasferito anche C. Croce, che in America ha appro- 183
  • 169. Domenico Andreanifondito le ricerche di immunologia e di genetica, giungendo a risul-tati di assoluta eccellenza e diventando studioso di riferimento negliUSA e in Europa. Il prof. Carlo Conti nel 1967 è diventato professore diEndocrinologia, il primo in Italia, per poi passare alla PatologiaMedica, sistemandosi in una parte dell’Istituto di Malariologia, cheera ormai desueto. Da Cassano l’Istituto di Patologia Medica è stato totalmente rin-novato; con la consulenza dell’architetto Nervi è stata costruita unanuova ala con una ampia aula, con spaziosi e moderni laboratori, unreparto di medicina nucleare, fra i primi in Italia, un reparto dimicroscopia elettronica, che ha rappresentato una novità nelPoliclinico. Nel 1969 l’Istituto si è modificato in Clinica Medica II. Nel 1972 per i limiti di età il prof. Cassano è stato sostituito dalprof. Alessandro Beretta Anguissola, proveniente da Torino, ove siera conquistata una solida fama di fisiopatologo e clinico, special-mente sul terreno della circolazione distrettuale. Beretta Anguissolaha sviluppato il settore cardiologico e ha costituito una Unità coro-narica, che per diversi anni è stata unica nell’Ospedale. Tra le molteattività espletate in campo clinico ed accademico Beretta Anguissolaè diventato Presidente del Consiglio Superiore di Sanità e si è fattopromotore di un ampio e moderno Trattato di Medicina Clinica12. Nello stesso anno il prof. Domenico Andreani è diventatoProfessore di Endocrinologia e Medicina Costituzionale, ed haoccupato una parte dell’Istituto di Patologia medica; egli ha prose-guito l’indirizzo diricerca in campo endo-crinologico e soprat-tutto metabolico; lohanno accompagnato iproff. G. Menzinger, F.Fallucca, U. Di Mario,G. Tamburrano e P.Pozzilli, che successi-vamente sono andati acoprire cattedre diEndocrinologia, Meta-bolismo e MedicinaInterna nella“Sapienza” ed in altre Fig. 6 – Il Prof. D. Andreani con i suoi collaboratoriUniversità romane. in occasione della visita di colleghiDue bravi collaborato- cinesi dell’Università di Shangai. 184
  • 170. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto Iri, M. Di Girolamo e D. Bellabarba, si sono trasferiti negli USA edin Canada ove hanno occupato ruoli di Endocrinologia e Metabo-lismo ad Atlanta (Georgia) e a London (Ontario). Il prof Andreani hadiretto l’Istituto policattedra di Clinica Medica II dal 1983 al 1988. Il prof. Andreani ha sviluppato una intensa attività trattatistica; colprof. Cassano ha pubblicato il Trattato Italiano di Endocrinologia13,con il prof. Menzinger il Manuale di Diagnostica differenzialeendocrinologica14 e con il prof. Tamburrano il Manuale di Terapiadelle malattie endocrine e metaboliche15. Egli è stato Presidentedella European Association for the study of diabetes (EASD) ePresidente della Società Italiana di Endocrinologia. Il suo gruppo siè rivolto principalmente alla patogenesi immunitaria del diabete ditipo I, alle complicanze croniche della malattia diabetica, alle sin-dromi ipoglicemiche, qualificandosi sul piano internazionale. Nel periodo in cui il prof. Beretta Anguissola ha diretto l’Istitutoi proff. Aldo Torsoli, Domenico Scavo, Gian Franco Mazzuoli,Mario Andreoli e Giulio Alberto Cinotti sono diventati ordinari diGastroenterologia, Medicina Interna, Endocrinologia II eNefrologia. Nel 1983, per raggiunti limiti di età il prof. BerettaAnguissola ha ceduto la direzione dell’Istituto al prof. Andreani;nell’insegnamento della Clinica Medica egli è stato sostituito dalprof. Carlo De Martinis, proveniente da Ancona e già suo allievo aTorino. Nel 1986 il prof. Mario Giacovazzo è divenuto ordinario diMedicina Interna, per poi dirigere la Clinica Medica VI. Un ricordo speciale merita l’attività di Aldo Torsoli; egli infattinella Scuola di Cassano occupa un posto di rilievo. Torsoli, divenu-to ordinario di Gastroenterologia nel 1975, aveva già acquisito noto-rietà nel 1952, perché per la prima volta nel mondo a Pisa aveva ese-guito la biopsia renale con l’ausilio del retropneumoperitoneo;nell’Istituto di Patologia Medica si circondava di molti validi colla-boratori fra cui Romano Carratù, Renzo Caprilli, Francesco Pallone,Enrico Corazziari, Gian Franco Delle Fave, Paolo Paoluzi. Con loroegli si è occupato della fisiopatologia delle vie biliari, specie dellafunzione dello sfintere di Oddi, della fisiologia e della patologia delcolon, della malattia di Crohn. Successivamente si è occupato congrande impegno della didattica medica costituendo un CanaleParallelo Sperimentale, con limitato numero di studenti, in cui egliintendeva realizzare una moderna metodologia clinica16. Torsoli èstato Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia e dellaUnited European Gastroenterology Foundation (UEGF). Il prof. Domenico Scavo ha sviluppato con dedizione l’attività 185
  • 171. Domenico Andreani Fig.7 – Il Prof. U. Di Mario con i collaboratori e specializzandi nello scalone centrale del Policlinico.clinica e didattica; sul piano delle ricerche si è rivolto alla fisiopato-logia e clinica delle malattie surrenaliche; con Pietro Cugini ha col-laborato a ricerche di cronobiologia. Nel 1988 la direzione dell’Istituto di Clinica Medica II è passata alprof. A. Torsoli e nel 1991 al prof. Marcello Negri, che nel 1990 eradiventato ordinario di Medicina Interna. Nel 1998 l’Istituto si è tra-sformato in Dipartimento di Scienze Cliniche ed è stato diretto finoal 2002 da Negri. I proff. Andreani e Torsoli sono usciti dai ruoli esono stati sostituiti dai proff. Umberto Di Mario e Renzo Caprilli,già loro allievi e professori ordinari, rispettivamente nelle Universitàdi Catanzaro e de L’Aquila. Purtroppo, quando era direttore delDipartimento, nel 2004 il prof. U. Di Mario è venuto a mancare.L’istituto di Patologia Medica - Clinica Medica V Il prof. Carlo Conti, che aveva acquisito la struttura autonomadell’Istituto di Malariologia, era accompagnato da Aldo Fabbrini,Aldo Isidori, Francesco Sciarra, Franco Dondero, Gaetano Frajese,Gianni Spera, Vincenzo Toscano e Andrea Lenzi. Dalla denomina-zione di Patologia Medica si era passati a quella di Clinica MedicaV per giungere nel 1995 a quella di Dipartimento di FisiopatologiaMedica. Conti ed i collaboratori hanno coltivato intensamente il campodegli ipogonadismi maschili, e quello degli ormoni steroidei, gona-dici e surrenalici, da cui sono derivate le ricerche più settoriali in 186
  • 172. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto Icampo andrologico ed in campo della sterilità maschile. Conti eIsidori hanno pubblicato un mirabile Trattato di Andrologia17. Il prof. Aldo Isidori dal 1980 ha occupato il ruolo di ordinario diAndrologia (la prima cattedra in Italia); ha sviluppato un’intensaattività andrologica specie nel settore della fertilità maschile, dellaseminologia, in cui con un gruppo di collaboratori, ha costituito unpunto di riferimento nazionale18. È stato per lunghi anni Presidentedella Commissione Etica della Facoltà. Il prof. Francesco Sciarranel 1990 è diventato ordinario di Endocrinologia, ha curato in parti-colare il settore degli ormoni steroidei e della patologia surrenalica;è stato responsabile del Gruppo di Studio internazionale sugli ormo-ni steroidei. Nello stesso Istituto è stato accolto il prof. Mario Andreoli, giàallievo di C. Cassano, proveniente da Sassari, anch’egli con il ruolodi Endocrinologia, che ha istituito con il CNR un efficiente Centroper le malattie della tiroide; egli si è occupato della patologia nodu-lare della ghiandola; ha pubblicato un notevole Trattato di malattiedella tiroide19. Ha avuto con sé i collaboratori F. Monaco, M.D’Armiento ed A. Pontecorvi che sono andati a ricoprire ruoli diordinari nella Facoltà di Roma ed in altre sedi. Il prof. MassiminoD’Armiento è succeduto al prof. Andreoli dopo la sua quiescenzaaccademica. Il prof. Aldo Fabbrini, proveniente da L’Aquila, ove era divenu-to Clinico Medico e Preside della Facoltà, nel 1986 è succeduto alsuo maestro prof. Conti nell’insegnamento di clinica e nella direzio-ne dell’Istituto policattedra; ha compiuto approfonditi studi sullagonade maschile, ma si è occupato più ampiamente di argomenti diMedicina Interna; ha pubblicato un Trattato sui fondamenti diMedicina Interna20. Sotto la direzione di Fabbrini nel 1995 l’Istitutosi è trasformato in Dipartimento di Fisiopatologia Medica; nel 2001ne è diventato Direttore il prof. A. Isidori. Gli interessi culturali e le ricerche di tutti i collaboratori del prof.Conti hanno proseguito in sostanza l’indirizzo della patologia lega-ta agli ormoni steroidei. Nel contesto delle linee di ricerca in questisettori sono stati organizzati molti convegni internazionali e sonostate pubblicate monografie e resoconti di valido ed interessantecontenuto.L’Istituto di Malattie Infettive - Clinica medica III - Dipartimento diMedicina Clinica Nel 1968 fu chiamato dalla Facoltà Medica di Roma a ricoprire ilruolo di Malattie Infettive il prof. Giuseppe Giunchi, allievo di 187
  • 173. Domenico AndreaniFrugoni, già titolare di Malattie Infettive a Sassari dal 1959 e suc-cessivamente a Perugia. Nel 1972 Giunchi passava alla ClinicaMedica III e vi rimaneva fino alla quiescenza accademica, nel 1985.Giunchi è stato un esimio clinico, chiamato fra l’altro a curare S.S.Giovanni Paolo II, ed un apprezzatissimo docente. Egli ha compiu-to importanti indagini in campo infettivologico ed in medicina gene-rale; ha pubblicato un Trattato di Malattie infettive, che ha un postodi rilievo nella letteratura medica e nella didattica21. Giunchi haristrutturato e rimodernato la Clinica Medica III, dotandola dimoderni laboratori ed ha raccolto intorno a sé molti validi allievi,che hanno occupato ed occupano ruoli di prestigio nella Facoltà.Quando è uscito dai ruoli è stato sostituito dal prof. LorenzoBonomo, proveniente da Bari, anch’egli della Scuola di Frugoni.Bonomo è stato Direttore fino al 1992; si è qualificato per gli studisull’immunità e sulle allergopatie. Un allievo di Giunchi, il prof. Franco Sorice, proveniente daFerrara, nel 1973 è stato chiamato alla cattedra di Malattie Tropicalied Infettive, per poi passare nel 1979 a quella di Malattie Infettive.Sorice nel 1993 assumeva la Direzione dell’Istituto e poi delDipartimento di Malattie infettive e Tropicali fino al 1995. E’ statocoautore del Trattato di Malattie infettive con Giunchi. Ha lavoratoscientificamente sugli antibiotici, sulle infezioni stafilococciche esulla idatidosi22. A dirigere la Clinica Medica III fino al 1995 suben-trava nel 1993 il prof. Livio Capocaccia, che era titolare diGastroenterologia dal 1980. Tra gli allievi di Giunchi e di Soricevanno segnalati i proff. P. Serra, F. Aiuti, F. De Rosa, F. Rossi-Fanelli, G. Panichi, P. Martino, S. Delia, V. Vullo. Gli allievi diGiunchi hanno proseguito con grande successo le premesse scienti-fiche e didattiche del loro maestro.L’Istituto di Semeiotica Medica e Patologia Medica - Istituto diEmatologia Nel 1958 giungeva dalla Clinica Medica di Parma il prof.Michele Bufano a ricoprire il ruolo di Semeiotica Medica per poipassare alla Patologia Medica; con lui erano PierfrancescoOttaviani, Tullio Chiarioni e Franco Mandelli. Bufano, allievo diPende, si è distinto per l’apporto di clinica e di ricerca dato alleconoscenze delle malattie metaboliche; ha pubblicato un importan-te Trattato di Patologia Medica23. Degli allievi del prof. Bufano siè distinto in special modo Franco Mandelli, nel 1979 divenutoordinario di Ematologia, che aveva con sé Giuseppe Papa, SergioAmadori e Giuliana Alimena ed un folto gruppo di capaci collabo- 188
  • 174. Le Scuole di Medicina interna nel Policlinico Umberto Iratori. Mandelli ha creato un Istituto, connesso con il Policlinico,notevole per modernità di organizzazione ed efficienza, divenutostruttura di riferimento in campo nazionale ed internazionale; que-sto Istituto è stato corredato di un Centro Trapianti di midollo diavanguardia. Mandelli è stato autore di una vasta e qualificata pro-duzione scientifica; particolare campo di studio è stato quello dellemalattie emorragiche, dei linfomi e delle leucemie, che lo hannoreso noto e stimato nel mondo scientifico medico24. L’Istituto èattualmente inserito nel Dipartimento di Biotecnologie cellulari edEmatologia. BIBLIOGRAFIA1. AA.VV., Commemorazione di Guido Baccelli. Il Policlinico. Sezione pratica 1916; 23:221-222 e 350-353.2. FRUGONI C., Vittorio Ascoli. Il Policlinico. Sezione pratica 1931:1163-1168.3. SCIMONE V., Cesare Frugoni. Il Policlinico. Sezione pratica 1931:645-646.4. CONDORELLI L. e coll., Fisiopatologia clinica del Mediastino. Roma, L. Pozzi, 1947.5. CONDORELLI L. e coll., Fisiopatologia clinica della stenocardia. Roma, L. Pozzi, 1965.6. SERAFINI U., Immunologia clinica ed allergologia. Firenze, USES, 1981.7. BALSANO F. e coll., Le epatiti croniche. Roma, L. Pozzi, 1984.8. MARIGLIANO V., Invecchiamento e longevità. Roma, Cesi, 1995.9. DE CANDIA S., I contributi di Nicola Pende all’endocrinologia ed alla scien- za della costituzione. Acta medica italica 1938; (1):35.10. CASSANO C., BASCHIERI L., La tiroide. Milano, Vallardi, 1964.11. CASSANO C., ANDREOLI M., Current Topics in Thyroid Research. New York, Acad. Press., 1965.12. BERETTA-ANGUISSOLA A., Medicina Clinica - Diagnostica e Terapia. Torino, Ed. Medico-Scientifiche, 1980.13. CASSANO C., ANDREANI D., Trattato Italiano di Endocrinologia. Roma, S. E. U., 1977.14. ANDREANI D., MENZINGER G., Trattato di Diagnostica funzionale endo- crinologica. Padova, Piccin, 1980.15. ANDREANI D., TAMBURRANO G., Manuale di Terapia delle malattie endocrine e metaboliche. Roma, Delfino Editore, 2000.16. TORSOLI A. e coll., Argomenti di metodologia clinica. Roma, Int.Univ. Press, 1992.17. CONTI C., ISIDORI A., Trattato di Andrologia. Padova, Piccin, 1984.18. ISIDORI A., La sterilità maschile. Roma, Ed. INAM,1976. 189
  • 175. Domenico Andreani19. ANDREOLI M., Manuale Medico di Endocrinologia e Metabolismo. Roma, Il Pensiero Scientifico, 2000.20. FABBRINI A., Fondamenti di Medicina Interna. Roma, Il Pensiero Scientifico, 1994.21. GIUNCHI G., SORICE F., Malattie Infettive. Milano, Vallardi, 1973.22. SORICE F., ORTONA L., Malattie Infettive. Torino, UTET, 2000.23. BUFANO M., Trattato di Patologia Speciale Medica e Terapia. Milano, Vallardi, 1960.24. MANDELLI F. e coll., Treatment of elderly patients with acute promyelocytic leukemia. Results of the Italian multicenter Group GIMEMA with ATRA and AIDA protocols. LEUKEMIA (2003, 17:859). 190
  • 176. LA CLINICA CHIRURGICA: LA STORIA E LA SCUOLA VINCENZO ZIPARO 191
  • 177. La Clinica Chirurgica: la Storia e la ScuolaI primi Maestri della disciplina La chirurgia, esercitata in Roma fin dall’antichità da cerusici ebarbieri con una semplice licenza, assume una dignità accademicasoltanto nel 1539 con l’istituzione nello Studium Urbis di unaCattedra di chirurgia, unita a quella d’anatomia, affidata ad AlfonsoFerri, noto chirurgo dell’epoca, divenuto famoso per un trattato sulleferite da arma da fuoco e per l’invenzione di un particolare strumen-to: l’alfonsino o tirapalle usato per afferrare ed estrarre i proiettilidalle ferite. Nel 1781 la chirurgia, sia puresolo sotto forma di esercitazioni,diviene disciplina autonoma inse-gnata da Giuseppe Sisco. Nel 1815, Pio VII istituisce lacattedra di Clinica Chirurgica conun reparto di 7 letti per gli uomi-ni e 6 per le donne presso l’ospe-dale S. Giacomo in Augusta.Inizialmente i locali a disposizio-ne sono modesti; la direzione èaffidata a Giuseppe Sisco (1815-30), il quale può essere conside-rato il primo professore di clinicachirurgica della nostra Univer-sità1. Fig. 1 – Giuseppe Sisco Sisco, nato a Bastia in Corsicanel 1748, compie tutti i suoi studi a Roma dove esercita come chi-rurgo negli ospedali S. Spirito, S. Gallicano e S. Giacomo ed ènominato docente di Anatomia pratica, di Medicina operatoria, com-presa la parte inenerente la Medicina legale, e infine di ClinicaChirurgica. La sua tomba e la relativa lapide si trovano nella nava-ta di destra della Chiesa di San Luigi dei Francesi. Gli succede (1830-1834) Antonio Trasmondi chirurgo dell’ospe-dale di S. Maria della Consolazione, dove ha raggiunto una grandefama professionale ed una eccezionale popolarità, testimoniataanche dal sonetto che il suo amico Giuseppe Belli gli dedica allanotizia della sua morte2. 193
  • 178. Vincenzo ZiparoLa morte de Stramonni È morto er gran cerusico Stramonni: E lo Spedàr de la Consolazzione Nun ze po’ consolà da la passione Che je cià ffatto già pperde li sonni. Oh quello era davero un omminone De studi profonnissimi e pprofonni!, Che si ar monno vieniveno du’ monni, Guariva a ttutt’e dua la scolazzione. Nun ze trovava a Roma antro cerusico Che conoscessi mejo la maggnèra De crastà un galantomo e ffàllo musico. Tiggne, roggne, sassate, cortellate… Annàvio da Stramonni, e bona sera: V’ereno in quattro zompi arimediate. 21 aprile 1834. In seguito ricoprono la Cattedra di chirurgia Bartolomeo Titocci(1835-1850), Giuseppe Costantini (1851-1870) e Giuseppe Corradi(1870-72) che è il primo clinico chirurgo del Regno d’Italia. Corradinasce a Bevagna (PG) nel 1830 e compie i suoi studi a Pisa e aFirenze; per due anni dirige la cattedra di Roma per poi tornare, nel1872, all’Università di Firenze, città nella quale muore nel 1907. Costanzo Mazzoni, nato a Roma nel 1823, ricopre la cattedra dal1872 al 1885. La sua formazione professionale è arricchita anchedell’esperienza acquisita durante il periodo trascorso alla scuola diParigi con August Nelaton ed ottiene grande fama chirurgica nellaRoma capitale del Regno d’Italia. E’ il primo Presidente della neocostituita Società Italiana diChirurgia. Alla sua morte prematura (1885) gli succede il suo allievoFrancesco Durante, già dal 1879 professore di PatologiaChirurgica. La personalità di Durante è assai incisiva per lo sviluppo dellachirurgia accademica romana. Nato in Sicilia a Letojanni (ME) nel 1845, da famiglia di senti-menti antiborbonici, da giovanissimo è garibaldino, si laurea aNapoli e completa la propria formazione scientifica e chirurgica aVienna presso il grande Theodor Billroth, a Berlino nel laboratoriod’anatomia patologica di Rudolph Virchow, a Londra da Joseph 194
  • 179. La Clinica Chirurgica: la Storia e la Scuola Fig. 2 – Francesco Durante Fig. 3 – Francesco Durante ed il suo TrattatoLister e a Parigi nel laboratorio di Louis Antoine Ranvier. Rientratoin Italia nel 1872 diviene aiuto di Costanzo Mazzoni. Nel 1873 gliviene affidato l’incarico di Patologia Chirurgica e nel 1879 è nomi-nato Professore ordinario della stessa disciplina; passa a dirigere laClinica Chirurgica nel 1885. Socio Fondatore e Presidente della Società Italiana di Chirurgia,Senatore del Regno dal 1882, è il Fondatore e primo Presidentedell’Ordine dei Medici di Roma e dell’Opera Nazionale Invalidi diGuerra. Durante è un insigne operatore in tutti i campi della chirurgia delsuo tempo, geniale ricercatore e: … scienziato versato in tutte le materie fondamentali. … Ma, come nel campo della scienza Egli ebbe la priorità nell’idea della patogenesi dei tumori e in quello chirurgico dell’operabilità dei tumori cerebrali e delle suture vasali, così nel campo scientifico-tecnico dell’antisepsi e dell’a- sepsi3. La sua interessante teoria, elaborata nel 1874, sulla genesiembrionaria di alcuni tumori suscita ampia risonanza nel mondoscientifico internazionale. Nel 1885 asporta con successo un meningioma, descrivendo unatecnica personale di craniotomia con lembo a sezione osteotangen-ziale discontinua. L’ardita operazione in quei tempi in cui nessuno aveva ancora osato aprire il cranio e agire chirurgicamente su un neoplasma del cervello è una dimostrazione della completezza della sua preparazione e della sua dottrina tecnica e fisiopatologica, del felice connubio che in Lui era dell’arte e della scienza4. 195
  • 180. Vincenzo Ziparo I suoi numerosi interventi per asportazione di tumori cerebralicontribuiscono significativamente allo sviluppo della neurofisiolo-gia e della neurochirurgia. Autore di un trattato di Patologia e Clinica Chirurgica (1895) sulquale si sono istruite molte generazioni di medici, fonda e dirige lasezione chirurgica della Rivista Il Policlinico. Alla sua Scuola Romana si formano numerosissimi chirurghi dicui ben 16 sono divenuti Cattedratici in vari Atenei italiani. Nel 1888, anche grazie al prestigio di Durante, alla ClinicaChirurgica viene assegnato un edificio in via Garibaldi, che si con-figura come un vero Istituto Clinico Universitario. In esso trovano posto più ampi reparti di degenza, sale operatoriepiù moderne e laboratori per la ricerca. La clinica viene dotata di unproprio generatore d’energia idroelettrica, utilizza infatti l’acquaeccedente della sovrastante Fontana dell’Acqua Paola (il“Fontanone del Giancolo”); nel sotterraneo dell’edificio trova sedeun’officina per la costruzione di strumenti chirurgici gestita dallaDitta Invernizzi e, proprio in tale fabbrica, è realizzata la famosapinza di Durante. In questa Clinica, Guido Farina, uno degli allievi di Durante, ese-gue un intervento strabiliante per quei tempi: sutura con successouna ferita da coltello penetrante il ventricolo sinistro. Sul finire dell’Ottocento le Cattedre di Clinica Medica e diClinica Chirurgica della Sapienza sono dirette da due personalità digrande rilievo accademico e civile: Guido Baccelli, grande maestrodi medicina e Ministro della Pubblica Istruzione e FrancescoDurante. Sotto il loro impulso si realizza la progettazione e lacostruzione del nuovo grande Policlinico Universitario Umberto I(1888). La Clinica Chirurgica si trasferisce nella nuova sede nel1904.La costruzione dell’istituto L’edificio, architettonicamente simile a quello della ClinicaMedica, si sviluppa su 3000 mq e tre piani oltre l’interrato. Al pianoterreno sono situati la portineria, gli ambulatori, i laboratori, i variservizi e una grande biblioteca chirurgica. Al primo piano una grande aula di 500 posti, la direzione con lesegreterie e le stanze per gli assistenti, la sala operatoria, le corsieper gli uomini e per le donne, le stanze d’isolamento e le corsie peri malati infetti. Al terzo piano vi sono le stanze per i pensionanti; ladotazione totale è di 70 posti letto. La struttura rappresenta quantodi più moderno ed efficiente si possa prevedere in quel periodo. In 196
  • 181. La Clinica Chirurgica: la Storia e la Scuolaessa Francesco Durante esercita il suo alto magistero realizzando lapiù importante Scuola Chirurgica Italiana del primo Novecento5.I Maestri, la didattica, la ricerca Nel 1919, Durante, per raggiunti limiti di età, lascia la Direzioneal suo allievo Roberto Alessandri. Alessandri, nato a Civitavecchia nel 1867, si laurea presso l’Università di Roma dove diviene Professore incaricato d’Ortopedia (1900) e di Patologia Chirurgica (1902); è anche primario chirurgo al S. Giacomo e nei nuovi padiglioni Ospedalieri del Policlinico. Partecipa alla I guerra mondiale come direttore dell’ambulanza chirurgica d’armata di Gorizia, per la sua operosità riceve una medaglia d’argento ed una croce di guerra al valor militare. Diviene Presidente della SocietàFig. 4 – Roberto Alessandri Italiana d’Ortopedia, della Società Italiana di Chirurgia (1920-1939) edell’Accademia Medica di Roma (1924-1928). Rilevanti sono stati isuoi studi sulla chirurgia urologica. Lascia l’insegnamento nel 1938 ed è nominato Senatore del Regno nel 1939. Tra i mumerosi suoi allievi ricordiamo Pietro Val- doni, Paride Stefanini e Ulrico Bracci. Un bel dipinto ad olio, eseguito da Roberto Fantuzzi e che rappresenta Ales- sandri e la sua Scuola durante una dimostrazio- ne chirurgica, è conser- vato presso la Clinica Chirurgica. Fig. 5 – Dipinto di Roberto Fantuzzi che ritrae R. Alessandri durante un intervento 197
  • 182. Vincenzo Ziparo Nel 1938 la Facoltà chiama a dirigere la Clinica ChirurgicaRaffaele Paolucci di Valmaggiore, Clinico chirurgo all’Ospedale S.Orsola di Bologna. Paolucci, di famiglia abruzzese, nato a Roma nel 1892 e laureato-si a Napoli nel 1916, partecipa alla I guerra mondiale compiendo,assieme al Maggiore Raffaele Rossetti, l’incredibile ed eroicaimpresa di affondare nel porto di Pola la corazzata Viribus Unitis,nave ammiraglia della marina imperiale Asburgica. Per questo attoeroico viene promosso Capitano medico per merito di guerra, deco-rato con la Medaglia d’oro al ValorMilitare ed insignito del titolo di Contedi Valmaggiore. A soli 30 anni divieneFig. 6 – Raffaele Paolucci con alcuni allievi Fig. 7 – Pietro ValdoniDeputato e poi Vice-Presidente della Camera dei Fasci e delleCorporazioni. Nel 1925 gli viene affidato l’incarico di Patologia Chirurgicanell’Università di Bari, appena fondata. In questo periodo esercita lasua attività di chirurgo come consulente presso l’Ospedale diLanciano, nel suo Abruzzo. Nel 1929 è nominato professore ordina-rio a Parma e nel 1932 viene chiamato come Clinico chirurgodall’Ateneo di Bologna6. Dal 1940 al ‘46 è Presidente della Società Italiana di Chirurgia. Paolucci, dotato di brillante capacità oratoria e di grande abilitàchirurgica, dà un alto contributo nella chirurgia gastrica e toraco-pol-monare. Il suo allievo più illustre, Ettore Ruggeri, diviene Clinicochirurgo a Napoli, dove crea un’importante scuola chirurgica. Dopo la guerra è sospeso dalla Cattedra per i suoi legami con ilregime fascista, ma presto reintegrato per i suoi meriti professiona-li. Si ricorda anzi che, durante il periodo delle persecuzioni razziali, 198
  • 183. La Clinica Chirurgica: la Storia e la Scuolaforte del proprio prestigio di eroe di guerra, egli riesce a dare prote-zione a professori ebrei. Nel 1948 viene eletto Senatore per il PartitoMonarchico. Muore improvvisamente nel 1958. La Facoltà chiama a succedergli Pietro Valdoni, ordinario diPatologia Chirurgica nello stesso Ateneo. Pietro Valdoni, nato a Trieste ancora asburgica nel 1900, siforma alla scuola chirurgica romana. Nel 1935, aiuto di Alessandri,esegue, per la prima volta al mondo, un eccezionale intervento diembolectomia dell’arteria polmonare con guarigione del paziente.Ad assisterlo nel corso del difficile intervento è il più giovane ParideStefanini. Nel 1938 diviene ordinario a Cagliari, poi a Modena e a Firenze.Rientra a Roma nel 1945 come Professore di Patologia Chirurgica. Valdoni è chirurgo d’eccezionale abilità ed eleganza tecnica,grande innovatore ed organizzatore, figura umana dotata di notevo-le carisma, riesce presto ad attrarre alla sua scuola i più brillanti gio-vani allievi da tutta Italia. Nel 1948, in un clima politico teso,Togliatti, Segretario Generale del Partito Comunista Italiano subi-sce, all’uscita dal Parlamento, un attentato e viene colpito da un pro-iettile al polmone. I medici vicini al politico gravemente ferito deci-dono di condurre il paziente al Policlinico e di affidarlo alle cure delProf. Valdoni, che esegue prontamente una toracotomia con estra-zione del proiettile e sutura del polmone. La tensione politica è ele-vata e si temono disordini popolari. L’attenzione della stampa italiana ed internazionale è tutta punta-ta sull’esito dell’intervento: Togliatti guarisce prontamente e la figu-ra di Valdoni assume un’eccezionale notorietà anche al di fuori delmondo accademico e medico. In seguito numerosi sono i suoipazienti illustri, tra cui i due Pontefici Paolo VI e Giovanni XXIII. Valdoni intuisce chiaramente i nuovi orizzonti che, dopo le gran-di esperienze acquisite nel corso della seconda guerra mondiale, sivanno delineando in Gran Bretagna e Stati Uniti. Si reca spessoall’estero ed invia i suoi allievi ad apprendere in centri d’avanguar-dia le nuove tecniche di chirurgia toracica e cardiovascolare, d’ane-stesiologia e rianimazione. Avvia uno dei suoi più brillanti allievi, Piero Mazzoni, versol’anestesiologia e la rianimazione, creando ed affidando alla suadirezione la cattedra e la scuola di specializzazione in questa disci-plina. Un altro suo allievo, Corrado Manni, ricopre lo stesso ruolopresso il Policlinico Gemelli. 199
  • 184. Vincenzo Ziparo Il vecchio Istituto di Clinica Chirurgica era rimasto più o menonelle condizioni nelle quali l’aveva creato Durante, assolutamenteinadeguato per il livello di chirurgia praticata da Valdoni e per ilgran numero di pazienti che da tutta Italia e anche dall’estero, ricor-revano alle sue cure7.La costruzione del nuovo edificio Valdoni, anche per il suo prestigio personale, ottiene dalMinistero dei Lavori Pubblici un finanziamento speciale per lacostruzione della nuova clinica chirurgica che viene rapidamente edificata nello spazio retrostante ll vecchio edi- ficio, sul lato di via Baglivi. Quando, all’inizio degli anni ‘60, la nuova clinica entra in funzione, rappre- senta un vero modello di funzionalità ed un vero e proprio ospedale nel- l’ospedale. Valdoni ben comprende il ruolo che le moderne tecnologie diagnostiche vanno assumendo in que-Fig. 8 – Il “nuovo” edificio di I Clinica Chirugica gli anni e realizza all’in- terno della sua clinica unamoderna radiologia con tre sezioni diagnostiche di cui una angiogra-fica. E’ qui che vengono eseguite le prime aortografie e splenopor-tografie del Policlinico. Nell’Istituto viene creato un servizio di medicina nucleare, un ser-vizio d’istopatologia, uno d’endoscopia (uno dei suoi allievi,Luciano Provenzale, eseguì la prima colonscopia). La nuova clinica comprende 4 piani di degenza per un totale di200 letti, un piano operatorio con 4 sale operatorie con un osserva-torio nel piano soprastante; ciascuna sala costituisce un’unità orga-nica a sé stante, dotata di servizi di sterilizzazione, narcosi e prepa-razione dei medici. All’ultimo piano due nuove piccole aule e lacasa delle suore8. Contemporaneamente si procede a rimodernare e ristrutturareanche il vecchio edificio dotandolo di 3 sale operatorie -di cui una 200
  • 185. La Clinica Chirurgica: la Storia e la Scuolaper la cardiochirurgia- e di un moderno laboratorio di emodinamicae diagnostica cardiovascolare diretto da Attilio Reale, allievo diValdoni e successivamente Ordinario di cardiologia nell’Università“La Sapienza”. Le degenze della cardiochirurgia sono collocate alpiano sovrastante. Nell’ala di sinistra del vecchio edificio vienecreato il centro di rianimazione con un Servizio di cardiostimolazio-ne e la prima camera iperbarica affidati a Pietro Mazzoni. Al piano sovrastante una corsia di chirurgia generale denominata“Perfezionandi”. Viene sopraelevato un piano e creato un reparto di chirurgia spe-rimentale con stabulari e box di degenza postoperatoria per animalidi piccola e media taglia, due sale operatorie completamente attrez-zate con proprio impianto di sterilizzazione. Valdoni cura molto ladocumentazione iconografica con la realizzazione di un laboratoriofotografico e cinematografico nel quale sono realizzati i primi filmscientifici ed un laboratorio di disegno chirurgico affidato all’archi-tetto Vittorio Fornasari, divenuto poi una vera autorità in questocampo. Valdoni eccelle in ogni campo della chirurgia ed è il promotore,insieme ad Achille Mario Dogliotti di Torino, della cardiochirurgiain Italia. Pone su solide basi tecniche e fisiopatologiche la chirurgiaepatobiliopancreatica, digestiva, oncologica, toracica e vascolare. E’autore di un manuale di chirurgia su cui si sono formati i medici dialmeno due decenni; altro testo esemplare per chiarezza ed essenzia-lità, è l’Atlante di Tecniche Operatorie pubblicato con Virno eFornasari alla fine della sua carriera. Alla sua scuola si sono formati centinaia di chirurghi.La scuola Tra i suoi molti allievi che hanno raggiunto la cattedra vannoricordati: Piero Tonelli clinico chirurgo a Firenze, Antonio Lanzaraclinico chirurgo a Napoli, Paolo Biocca inizialmente a Cagliari, poia Catania, prima di rientrare a Roma come suo successore alla clini-ca chirurgica; Luciano Provenzale, prima a Cagliari e Catania ed,infine, a “La Sapienza” come primo professore di cardiochirurgia;Sandro Tagliacozzo a Cagliari, con Marino Cagetti e GianniDaniele, i quali poi sono rimasti come cattedratici in quellaUniversità al suo ritorno a Roma; Aldo De Maria a Catania, AldoLeggeri e Gianfederico Monti a Trieste, Gianfranco Fegiz, SilvanoBecelli, Ernesto Natalini, Enzo De Cesare a Roma; BenedettoMarino a Catania e poi a Roma in cardiochirurgia. Nel 1970 il Professor Valdoni, al compimento del 70° anno, lascia 201
  • 186. Vincenzo Ziparola cattedra per continuare la sua attività chirurgica nella professioneprivata. Muore nel 1976. Nel 1970 la grande Clinica Chirurgica creata da Valdoni cheassommava a circa 400 posti letto, dà vita a diversi Istituti autono-mi, tutti diretti dai suoi allievi: - Istituto Policattedra di prima Clinica Chirurgica che occupa tuttoil nuovo edificio A e parte del vecchio edificio B ed ospita nel suointerno le cattedre e i relativi reparti di: 1° Clinica Chirurgica (Prof.Paolo Biocca), I Semeiotica Chirurgica e poi IV PatologiaChirurgica (Prof. Sergio Stipa), Chirurgia pediatrica (Prof. RenatoRicceri), Chirurgia sperimentale e poi I Patologia Chirurgica (Prof.Giampaolo Piat). Nel vecchio edificio rimane il reparto d’AnatomiaChirurgica (Prof. Enzo De Cesare). Inoltre presso il III Padiglioneha sede la II cattedra di Chirurgia d’Urgenza diretta dal Prof.Anacleto Cirenei. - Istituto di II Patologia Chirurgica, poi IV Clinica Chirurgica: diretto dal Prof. Gianfranco Fegiz ed attualmente Dipartimento Durante. - Istituto d’Anestesia e Rianimazione diretto dal Prof. Pietro Mazzoni. - Istituto di Chirurgia del Cuore e dei Grossi Vasi diretto dal Prof. Luciano Provenzale. Questo Istituto ospiterà dal 1979 una II Cattedra diretta dal Prof. Benedetto Marino e una Cattedra di Cardiologia diretta dal Prof. Attilio Reale.Fig. 9 – Paolo Biocca - Istituto di Clinica Chirurgica d’Urgenza e Pronto Soccorso, diretto dalProf. Silvano Becelli, nel quale sarà ospitata dal 1980 la Cattedra diVII Semeiotica Chirurgica del Prof. Ernesto Natalini. Dal 1970 al 1985 l’Istituto di I Clinica Chirurgica viene direttodal Prof. Paolo Biocca, il quale svilupperà particolarmente la chi-rurgia toraco-polmonare ed oncologica. All’Istituto viene assegnatauna parte del Palazzo Baleani in Corso Vittorio Emanuele, dove ilProf. Felice Virno ha sviluppato un efficiente centro di prevenzionee cura dei tumori della mammella. Allievi di Biocca sono stati iProfessori: C.D. Pinna, clinico chirurgo a Cagliari, G. Carbone aCatania, Sergio Stipa, prima a Cagliari e poi a Roma; G. Daddi aPerugia; Giampaolo Piat, Vincenzo Stipa, Mario Flammia e 202
  • 187. La Clinica Chirurgica: la Storia e la ScuolaLamberto Aglietti a Roma.Nel 1984 al pensionamento del Prof. Biocca, il Prof. Fegiz subentranella Cattedra di I Clinica Chirurgica ed il Prof. Sergio Stipa in quel-la di V Clinica Chirurgica facendo acquisire all’Istituto anche il IPadiglione di Chirurgia. Nello stesso anno il Prof. Sandro Tagliacozzoè chiamato da Cagliari a ricoprire la cattedra di Patologia Chirurgicagià diretta da Sergio Stipa; il Prof. G. Piat è eletto direttoredell’Istituto. Nel 1986 il Prof. Antonino Cavallaro e il Prof. Flammiadiventano professori Ordinari ed afferiscono all’Istituto.Nel 1988 viene eletto Direttore dell’Istituto il Prof. GianfrancoFegiz. Fegiz nato nel 1928, allievo di Valdoni, diviene ordinario a Roma nel 1967. Chirurgo di grande livello tecnico, ha fornito grandi contributi nel campo della chirurgia colorettale ed epatobi- liare. E’ stato a lungo Segretario Generale e poi Presidente della Società Italiana di Chirurgia. Tra i suoi allievi hanno raggiunto l’or- dinariato: Francesco Tonelli a Firenze, Manuele Di Paola, Licinio Angelini e Antonio Paolini a Roma. Al Prof. Fegiz succede nella direzione dell’Istituto il Prof. SandroFig. 10 – Sandro Tagliacozzo Tagliacozzo (n.1926 - m.2000), chirur- go di grande eleganza tecnica e di pro-fonda cultura scientifica; rilevanti sono i suoi contributi nella chirur-gia dell’idatidosi epatica e nella chirurgia oncologica del cancro delretto. Lascia a Cagliari, dove aveva diretto la Clinica Chirurgica perquasi 20 anni, i suoi allievi M. Cagetti, G. Daniele e P. Ucheddu9.Nel 1999 l’Istituto si trasforma in Dipartimento di Chirurgia PietroValdoni e viene eletto direttore il Professor Sergio Stipa.S. Stipa, nato nel 1929, allievo dei Proff. Valdoni e Biocca, chesegue a Cagliari e a Catania, frequenta numerosi centri chirurgiciesteri. Nel 1970 diviene ordinario a Cagliari, dove in breve temporistruttura l’Istituto di Patologia Chirurgica. Lascia a Cagliari il suoallievo Prof. G. Casula, che successivamente diventerà ordinario dichirurgia presso quella Università.Rientrato a Roma in Semeiotica Chirurgica, imposta la Scuola su 203
  • 188. Vincenzo Ziparorigorosi criteri metodologici creando gruppi di lavoro nei vari setto-ri della chirurgia ed inviando tutti i suoi allievi, per lunghi periodi,nei più qualificati centri esteri per apprendere e sviluppare nuovearee di ricerca clinica e sperimentale. Convinto assertore dellanecessità di una stretta collaborazione tra ricerca clinica e ricerca dibase, organizza un moderno laboratorio di ricerca presso l’area delCastro Laurenziano.Ha fornito importanti contributi scientifici nel campo della chirurgiadell’esofago, dell’ipertensione portale e dei tumori del fegato, deitumori del retto ed in chirurgia vascolare.Direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale, haprofuso un grande impegno nell’attività formativa dei giovani chi-rurghi dell’ultimo ventennio.Alla conclusione della sua carriera il Professor Sergio Stipa lascianel Dipartimento numerosi suoi allievi professori ordinari: AntoninoCavallaro, Vincenzo Ziparo, Claudio Modini, Clemente Iascone,Giorgio De Toma, Giovanni Ramacciato e Luca Di Marzo. Altri suoiallievi sono diventati primari negli ospedali: A. Thau, P. Leporelli eM. Lombardi al CTO-S.Eugenio, R. Tersigni al S. Camillo, A.Moraldi al S. Giacomo, A. Sodaro al Fatebenefratelli, R. Vincenti aNapoli, A. Natale a Grosseto e S. Scattone in Sardegna.All’inizio del II millennio nasce la II Facoltà di Medicina dellaSapienza ed una parte della Scuola si sposta nella nuova sede delPoliclinico S. Andrea mantenendo l’afferenza al DipartimentoPietro Valdoni. Nella nuova Facoltà si trasferisce il Prof. VincenzoZiparo con 13 tra Professori Associati e Ricercatori, tra cui il Prof.Giovanni Ramacciato che nel 2001 diviene ordinario.Al gruppo farà capo una nuova Scuola di Specializzazione inChirurgia Generale e due Divisioni di Chirurgia Generale ed unServizio di Chirurgia Pediatrica. Nel novembre 2005 il Prof.Vincenzo Ziparo è eletto Preside della II Facoltà di Medicina.Direttore del Dipartimento Pietro Valdoni e Direttore della I Scuoladi Specializzazione è attualmente il Prof. Antonino Cavallaro,allievo del Prof. S. Stipa.Cavallaro si è dedicato prevalentemente alla chirurgia vascolare allaquale ha fornito significativi contributi scientifici e nella cui praticachirurgica eccelle.Il Professor Vincenzo Stipa, ha proseguito la Scuola del ProfessorBiocca, dirige la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Toracica eil Dottorato di Ricerca in Chirurgia Sperimentale afferenti alDipartimento. Suoi allievi ordinari sono i Professori: AntonioBolognese che si è dedicato alla chirurgia oncologica ed è l’attuale 204
  • 189. La Clinica Chirurgica: la Storia e la ScuolaPresidente della Società Italiana dei Chirurghi Universitari; PieroChirletti, che si è applicato alla chirurgia d’urgenza; Angelo DiGiorgio, che ha sviluppato alcune interessanti applicazioni tecnolo-giche in chirurgia oncologica. BIBLIOGRAFIA1. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961, Vol I., pp.204-205.2. CAGLI B. (a cura di), Giuseppe Gioacchino Belli. Tutti i sonetti romaneschi. Compresi i sonetti rifiutati, gli abbozzi e tutte le note dell’autore per la prima volta pubblicati integralmente. Roma, Newton Compton editori, 1972; (prima pubblicazione 1964).3. ALESSANDRI R., Francesco Durante. Discorso commemorativo tenuto nell’Aula della Clinica Chirurgica. Bollettino e Atti della Reale Accademia Medica di Roma 1935; LXI (1-3): 138.4. ALESSANDRI R., op.cit., p. 137.5. PAZZINI A., op.cit. nota 1, p. 207; STROPPIANA L., Il Policlinico Umberto I di Roma. Roma, Arti Grafiche Cossidente, 1980, pp. 78-79.6. DI MATTEO G., Vicende, personaggi e strutture della chirurgia romana al Policlinico Umberto I nel periodo 1935-1985. Il Giornale di chirurgia 1987; VIII (2): 193-198.7. FELICI A., SPOLETINI F., Chirurgia a Roma dalle origini ai giorni nostri. Roma, Società Editrice Universo, 1983, p.176.8. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985, pp.72-75.9. SANTORO E., RAGNO L., Cento anni di chirurgia. Storia e Cronache della Chirurgia Italiana del XX Secolo. Roma, Edizioni Scientifiche Romane, 2000, pp. 61-68. 205
  • 190. CENT’ANNI DI POLICLINICO: LA CHIRURGIA GIORGIO DI MATTEO 207
  • 191. Cent’anni di Policlinico: La ChirurgiaI primi anni dell’insegnamento Fare la storia del Policlinico in questi ultimi cento anni significain gran parte fare la storia dell’insegnamento medico moderno aRoma. Le prime Scuole Mediche nacquero e si svilupparono negliOspedali1, prevalentemente nell’Ospedale di S. Spirito, doveLeonardo da Vinci aveva ottenuto, già nei primi anni del ‘500, sottol’occhio vigile ma discreto di Leone X, il permesso di fare notomia2. Nel 1815 Pio VII3, sulla scia delle modernizzazioni napoleoni-che4, crea corsi di insegnamento “ufficiali” per le materie cliniche eistituisce una Clinica Medica a S. Spirito ed una Clinica Chirurgicaa S. Giacomo che consisteva in 7 letti uomini e 6 letti donne5.Questa iniziativa determina una forte opposizione dei Primari che,niente di meno, riesùmano una bolla di Eugenio IV6 (1431-1447)che vietava il ricovero di donne a S. Spirito e, alla fine, riduconol’insegnamento universitario in poche stanze dell’Ospedale per dipiù esposte agli straripamenti del Tevere. L’applicazione di questa riforma dell’insegnamento medico, chefu in seguito regolamentata efficacemente da Leone XII(1823–1829) nella bolla Quod Divina Sapientia omnes docet(1824)7, incontrò forti resistenze anche sotto altri aspetti; per esem-pio provocò una clamorosa protesta della deputazione degliOspedali perché i giovani chirurghi, ormai di diritto entrati in car-riera, non prestarono più servizio di assistenza diretta in corsia-com’era d’uopo per essere ammessi quali discenti- costringendol’amministrazione a formare e a reclutare infermieri. Per motivi organizzativi e di funzionalità Pio IX riunì, nel 1850,gli Ospedali romani sotto un’unica direzione, ispirò e fece realizza-re un programma adeguato per l’assistenza sociale, provvide a tra-sformazioni e a restauri edilizi affidati all’architetto FrancescoAzzurri che era già intervenuto nell’ospedale Fatebenefratelli.8. Dal 1815 si succedono nell’insegnamento della Chirurgia, checonsisteva in origine in un corso biennale post-laurea: GiuseppeSisco9 (1815-1830), Antonio Trasmondi10 (1830-1834), BartolomeoTitocci (1835-1850), Giuseppe Costantini11 (1851-1870). Nel 1870, con la presa di Roma, l’istruzione universitaria passa alRegno, ma fino al 1876 continuò a funzionare anche l’Archiginnasiovaticano e si ha documentazione di una “Clinica Chirurgica” perqualche tempo ospitata negli Ospedali delle Zoccolette eFatebenefratelli12. Nel ’70 si passa dai pontifici “Collegi dottorali”alle Facoltà e viene fatta una convenzione con l’Ospedale di S.Giacomo per la Clinica Chirurgica13. Nel 1872-73 la Facoltà di 209
  • 192. Giorgio Di MatteoMedicina consta di 31 professori di cui 18 ordinari, 3 straordinari,10 incaricati; nel 1885 di 25 professori – 11 ordinari, 8 straordinari,6 incaricati14. Nel 1888 la Clinica Chirurgica si trasferisce in un edi-ficio di Via Garibaldi 44, al Gianicolo, già convento, sifilocomio,manifattura tabacchi e lanificio. Nel sotterraneo del cosiddetto“Istituto Chirurgico” si trovava la prima officina per strumenti chi-rurgici dell’Invernizzi; nel fabbricato c’era anche una “casa di salu-te”, cioè un reparto di assistenza privato in cui i malati sostenevanouna spesa giornaliera. Con l’avvento del Regno si avvertì la necessità di provvedere,oltre che a una nuova organizzazione degli studi superiori di medi-cina, a una diversa e più congrua sistemazione delle Cliniche.Giuseppe Corradi, che fu il primo clinico chirurgo dell’UniversitàRegia (con due reparti di 16 letti ciascuno, per uomini e donne),vagheggiò la fondazione di un Policlinico per rendere organico l’in-segnamento, più vasto il materiale dimostrativo, facile e coordinatol’accesso degli studenti. Questa proposta, come l’altra di BenedettoViale - clinico medico - e la prima di Baccelli (1874), suo successo-re, che prevedeva un Policlinico di 1200 letti, non ebbero seguito perdiversi motivi. Finalmente Guido Baccelli – Ministro della PubblicaIstruzione – stila nel 1881 una Convenzione Governo – Comune diRoma sul documento di una Commissione di studiosi per unPoliclinico con vasti, decorosi e moderni spazi e con larghe attrez-zature per la ricerca sperimentale.L’esigenza della costruzione E’ interessante leggere la relazione finale di questaCommissione15 (costituita da Galassi, Mazzoni, Bastianelli,Toscani, Lanzi, Pantaloni, Pasquali – relatore – e Businelli) che, par-tendo dalla esigenza riconosciuta che una nuova direzione vengadata all’insegnamento delle varie parti della medicina in modo cheagli studiosi verrà risparmiato non poco disagio cui oggi sottostan-no per l’eccentriche e troppo sparpagliate ubicazioni delle cliniche,esaminò richieste ed opzioni, stabilì che le sole cliniche prescrittedagli ordinamenti universitari vi si fossero dovute comprendere, dis-sertò sull’opportunità di stabilirvi anche una clinica dermosifilopa-tica più adatta all’insegnamento del sifilocomio di imminente attua-zione, in modo da sopperire alla funzione dell’Ospedale S.Gallicano, tanto più che il professore di Clinica Dermosifilopaticada tre anni lavorava in una troppo modesta abitazione borghesepresa in fitto in via Luciano Manara, nei pressi del S. Gallicano16.Non meno vivace fu la discussione sul conto della Clinica Ostetrico- 210
  • 193. Cent’anni di Policlinico: La ChirurgiaGinecologica che avrebbe potuto essere responsabile di insalubrità… per centri perenni d’infezione … che si diffonde con l’aria a certadistanza. A conclusione la Commissione accettò che tutte le attualicliniche, obbligatorie per disposizione dei regolamenti, dovesseroessere comprese nel Policlinico…. Agli ospedali clinici di medicinae chirurgia si assegnarono 150 malati per ciascuno, 50 a quello dioculistica ed altrettanti a quello di dermatosifilopatica e per ultimo60 all’ostetricia e ginecologia. Ne conseguiva che il Policlinicosarebbe stato un ricovero ospedaliero ma pure una vasta Scuola(siccome dichiarava nel suo discorso l’On. Ministro) e come Scuolaavrebbe avuto i suoi anfiteatri, i suoi laboratori, le sue stanze peresperimenti, le sue macchine – insomma tutta la suppellettile scien-tifica necessaria. Ad una prima indicazione di costruire il Policlinico al lato Sud-Est della 2ª zona dell’Esquilino segue la scelta, definitiva, dell’areadove il Policlinico attualmente sorge, ritenuta più salubre, più isola-ta rispetto al contesto urbano, dove più facile appariva lo smaltimen-to delle acque; infine si considerò l’utilità di avere più vicino il“Campo Varano” ai fini di un trasporto tempestivo e rapido deicadaveri per l’inumazione in modo da scongiurare la possibilità diinfezione. Nel 1883 l’architetto Giulio Podesti vince il concorso per il pro-getto, ma lo deve in seguito radicalmente modificare perché, comeaccennato, viene scelta solo in un secondo tempo la zona di CastroPretorio. Infine, il 19 gennaio 1888, si pone la prima pietra in pre-senza dei Reali. E’ doverosa, a questo punto, una breve digressione su Guido Baccelli. Fu un insigne clinico medico, instancabile negli interessi e nelle espressioni, di carattere fermo e reattivo, moderno nelle acquisizioni scientifiche, di vocazione politica solidaristica per concezione sociale, di profonda cultura, anche uma- nistica, geniale nelle intuizioni e origi- nale nelle risoluzioni. Fu due volte mini- stro della Pubblica Istruzione e una volta ministro dell’Agricoltura. Come mini- stro della P.I. sollecitò e fece eseguire importanti sistemazioni archeologiche e culturali e, al fine di creare un unico, Fig. 1 – Guido Baccelli grande complesso per l’insegnamento 211
  • 194. Giorgio Di Matteodella medicina, fece realizzare il Poli-clinico17. La sua immagine è affrescatainsieme a quella di F. Durante sull’arcotrionfale della cappella dell’Ospedale.Fig. 2 – I busti di G. Baccelli e F. Durante affrescati sull’arco trionfale, a sinistra, della Cappella del Policlinico Umberto I I lavori presero un ritmo regolare solo nel novembre del 1889,l’opera fu inaugurata nel 190218 e l’Ospedale aperto agli infermi nel1904-1905. Fig. 3 – Frontespizio della pubblicazione del Ministero dei Lavori Pubblici a ricordo della costruzione del Policlinico Umberto I. All’inizio i letti erano 1150 (350 per le cliniche e 800 per l’ospe-dale) e in seguito aumentarono a 1650. La Clinica Chirurgica aveva80 letti, con diritto di prelazione di malati in tutti gli Ospedali diRoma. Ma già nel 1920 l’On. Prof. Giuseppe Cirincione rilevava,preoccupato, che ben 750 studenti di medicina (su un totale di 1500)gravitavano in reparti clinici di complessivi soli 250 letti. Il Policlinico era costato complessivamente L. 18.348.400, in parti-colare la Clinica Chirurgica 1.695.000 lire e la Patologia Chirurgica551.000 lire. Vi operavano due amministrazioni differenti, universita-ria ed ospedaliera. Infatti, essendo stata demolita verso la fine delsecolo una parte del S. Spirito per la costruzione dei muraglioni flu-viali, il Policlinico, inizialmente concepito come istituzione universi-taria, ospitò anche un complesso ospedaliero in base ad unaConvenzione Governo-Commissione degli Ospedali del 28/2/189819. Il Policlinico si estendeva per circa 160.000 metri quadrati di cuisolo 10.000 coperti dagli edifici. Il lato maggiore del quadrilatero, 212
  • 195. Cent’anni di Policlinico: La Chirurgiacorrispondente alle mura di Belisario, era di 561 metri. Per ragionidi “ventilazione” le Cliniche Ostetrica e di Malattie Infettive con lalavanderia furono poste rispettivamente agli angoli Nord-Est e Sud-Est del complesso. Fin dai primi tempi del funzionamento l’amministrazione lamen-tò deficit economici preoccupanti tanto che già nel 1908 lo Stato fucostretto ad assumersi il carico di ripianare i debiti. I Maestri, la didattica, la ricerca Giuseppe Corradi20 tenne la direzione della Clinica Chirurgica dal1870 al 1872, quando, per ragioni famigliari, se ne tornò a Firenze,da dove proveniva. Gli successe Costanzo Mazzoni, di AscoliPiceno, chirurgo di gran perizia (si era perfezionato a Parigi) e fer-vente patriota (si era battuto con Garibaldi alla difesa di Roma)21. Fig. 4 – Costanzo Mazzoni (a dx) con un suo collaboratore Fu convinto assertore della chirurgia scientifica; ricoprì la caricadi Presidente del Consiglio Superiore di Sanità del Regno. Morìimprovvisamente nel 1885, intento a prestar soccorso ad un infer-mo, e insegnando così – come scrisse Baccelli – non solo a viverema anche a morire22. A Mazzoni succede come Professore Straordinario di ClinicaChirurgica Francesco Durante, anch’egli perfezionato all’estero,combattente della guerra franco-prussiana, Senatore del Regno.Durante si trasferì al Policlinico dall’Istituto Chirurgico delGianicolo nel 1905 e vi svolse un’attività chirurgica molto intensa evaria che sta alla base della sua ben nota produzione trattatistica23. Nel 1920 Roberto Alessandri succede a Francesco Durante, suoMaestro. Egli guida una folta schiera di allievi ed elabora per la 213
  • 196. Giorgio Di Matteo disciplina una rigorosa interpreta- zione scientifica - era già stato Professore di Istologia ed Embrio- logia -, persegue moderne formule organizzative e cura l’ampliamento della Clinica. Questa dispone, sotto la sua direzione, di una sala opera- toria principale e di una accessoria nell’aula delle lezioni, di 90 letti, equidivisi tra uomini e donne, di biblioteca, laboratori, sala speri- mentale, museo anatomopatologico, radiologia diagnostica e radiotera- pia. Come si vede, Alessandri aveva curato in modo particolare l’autono- mia organizzativa della propria cli- nica e probabilmente da quelFig. 5 – Busto di Francesco Durante modello, che d’altra parte corri- spondeva a quello della Clinica Medica, derivarono in seguitol’aspirazione e la politica delle Cliniche universitarie a mantenere lapropria indipendenza operativa che però, al giorno d’oggi, contrastacon il concetto di centralizzazione dei servizi. Qualcun altro, invece, nello stesso periodo, già si centralizzava.Difatti, nel 1936, contemporaneamente alla nascita della CittàUniversitaria, affermazione di una via italiana al razionalismo strut-turale, veniva inaugurato l’Istituto di Radiologia costituito da diecisezioni di diagnostica, cinque di terapia, un reparto operatorio, duecorsie di degenza, laboratori ed ambulatori, per una spesa comples-siva di 3.500.000 lire (coperta al 50% dall’allora Regia Università),cui facevano capo, per le esigenze diagnostiche e terapeutiche,anche i padiglioni ospedalieri. Ad Alessandri succede, nel 1938, Raffaele Paolucci, provenientedalla Clinica di Bologna. La burocrazia subito lo sommerge.Commenta infatti con queste parole il lavoro informativo-ammini-strativo: Dal rettorato circolari su circolari, a getto continuo men-tre nelle altre Università dove ero stato non ne ricevevo che nelnumero di due o tre all’anno: non dare la mano, parlare col voi, chifurono i vostri nonni, quanti figli avete, chi avete sposato, quantelezioni avete impartito, quale è il programma che volete svolgere,firmate dopo ogni lezione, date assicurazioni, non sprecate la carta,quale è l’attività cui vi dedicate principalmente? Pare che a que- 214
  • 197. Cent’anni di Policlinico: La Chirurgiast’ultima domanda il Prof. Bosellini, dermatologo, replicasse così:l’attività principale consiste nel rispondere alle vostre circolari24.Ordunque la necessità di un intenso impegno al giorno d’oggi neces-sario per dirigere a Roma un Istituto o, meglio, un Dipartimento uni-versitario, trova radici lontane e profonde. Paolucci aveva affondato a Pola, nel 1918, la corazzata Viribus Unitis, ammiraglia della flotta austriaca, e que- sto merito di guerra pesò negativamen- te sul giudizio chirurgico che di Lui all’inizio si diede. In realtà egli era dotato di un eccezionale temperamento chirurgico che fece di lui un abilissimo operatore. A lui si debbono la prima ini- ziativa e la più vasta casistica di chirur- gia polmonare in Italia, una grandissi-Fig. 6 – Raffaele Paolucci ma esperienza nella chirurgia dello sto- maco e dell’intestino, della milza, dellatiroide e delle paratiroidi, la prima operazione con successo sullafistola congenita tracheoesofagea e notevoli ricerche sperimentali.Fu uomo di grande disciplina interiore, vibrante di contenuti ideolo-gici, oratore affascinante, scrittore, protagonista di alta cultura, infi-ne anche uomo politico ma non mercante della politica25. Nel dopoguerra Paolucci sperimentava l’amara sospensione tem-poranea dall’insegnamento per motivi politici. Per tre anni la catte-dra è tenuta da Ettore Ruggieri, suo allievo, che diventerà Patologoe Clinico di Napoli, capostipite di una fiorente Scuola tuttora inespansione prestigiosa. A Paolucci, scomparso improvvisamente nel 1958 a 66 anni, suc-cede - in Clinica Chirurgica - Pietro Valdoni, Patologo Chirurgo aRoma dal 1946-’47. E qui conviene fare qualche cenno sull’insegnamento di PatologiaChirurgica nell’ateneo romano. Nel 1870-1871 questa materia avevapreso il posto della chirurgia theoretica che esistevanell’Archiginnasio Pontificio ed era stata insegnata successivamen-te dai professori G. Pancioni, P. Umana, F. Scalzi, C. Mazzoni, F.Durante, G. D’Urso. Dal 1902 al 1920 era stato patologo Alessandri,che abbiamo già visto clinico dopo il 1920. Nel Regolamento del 22ottobre 1908 la Patologia chirurgica sperimentale dimostrativa faparte di un gruppo di materie che comprende la Clinica Chirurgica,la Semeiotica e la Medicina Operatoria. Dal 1920 l’insegnamento 215
  • 198. Giorgio Di Matteodella Patologia Chirurgica dimostrativa viene assunto da GiovanniPerez che amplia e migliora l’Istituto (studiato da Gaspare D’Urso),nella cui struttura ha sede anche la Clinica Otorinolaringoiatrica.Perez dà all’insegnamento un prevalente indirizzo teorico-dimostra-tivo; sdoppia, per primo, la Patologia Chirurgica, dando l’incarico aRosario Pandolfini (dal ’37-’38 al ’39-’40) e poi a VittorioPuccinelli (dal ’40-’41 al ’43-’44), primario al I Padiglione. A questo punto si innesta una citazione particolare, cioè dei rap-porti fra Chirurgia universitaria e Chirurgia ospedaliera alPoliclinico. Questi rapporti non si esauriscono nel senso di una sem-plice coabitazione qualche volta sofferta e discorde, come può appa-rire da un esame superficiale e contingente, ma si esaltano in fasi dicooperazione produttiva e di competizione tecnico-professionale dialto livello. C’è stata al Policlinico una Scuola Ospedaliera, ufficial-mente sancita dalla convenzione del 1937 con i primari “aggregaticlinici”26 e con gli sdoppiamenti, appunto, della PatologiaChirurgica. Gli ospedalieri hanno espresso grandi personalità chirur-giche come Lucio Urbani, Angelo Chiasserini, Vittorio Puccinelli27.Su tutti si staglia il profilo indiscusso di Raffaele Bastianelli, prima-rio al I Padiglione, operatore esperto e capace, fondatore di unaScuola Ospedaliera che produsse una cultura pratica d’alto livello,dotato di non comune intuito scientifico. Si dedicò in modo partico-lare allo studio dei tumori sostenendo che la chirurgia era, per la suaepoca, l’unico mezzo terapeutico valido, almeno per gli stadi nonavanzati di malattia. La concezione di Bastianelli non era assolutistaed egli stesso prevedeva la possibilità di poter dominare, nel futuro,sviluppo e diffusione dei tumori con altre terapie non cruente; masottolineava che, fino a quel momento, la chirurgia comunqueavrebbe rivestito un ruolo terapeutico essenziale. Chiusa questa parentesi torniamo alla Patologia Chirurgica. Dopo Perez essa viene retta brevemente per incarico da GiacomoGiangrasso; poi è chiamato da Firenze Pietro Valdoni. Valdoni allarga le potenzialità recettive e funzionali dell’Istituto,esalta tutti i campi della moderna chirurgia promuovendovi paralle-lamente la ricerca scientifica e adeguandovi la didattica, presiede laSocietà Italiana di Chirurgia, dà un impulso dominante alla costru-zione del nuovo edificio della Patologia Chirurgica inaugurato nel1958, che nel 1959 diventa Clinica Chirurgica, perché Valdoni suc-cede a Paolucci. In Patologia Chirurgica viene chiamato da Pisa ilProf. Stefanini a favore del quale, nel 1964, si sdoppia la ClinicaChirurgica. A metà degli anni sessanta si raggiunge il massimo della recetti- 216
  • 199. Cent’anni di Policlinico: La Chirurgia vità effettiva e della funzionalità delle Cliniche Universitarie con 653 letti di chirurgia generale e 95 di urologia con un indice di occupazione che sfiora il 100%. Certamente si era fatta molta strada dai tempi dell’Ospedale S. Giacomo, ma neanche in quegli anni si potè comunque realizzare la corrispon- denza adeguata e moderna tra richiesta didattico-dimostrativa e offerta struttu- rale e funzionale. Il Prof. Valdoni e la sua Scuola ven- gono ricordati ampliamente, in questo volume, da Vincenzo Ziparo. Paride Stefanini, anch’egli, comeFig. 7 – Paride Stefanini Valdoni, allievo di Alessandri, dopo una proficua parentesi ospedaliera aL’Aquila, era stato professore ordinario prima a Perugia poi a Pisaed infine, dall’anno accademico 1959-1960, assume la direzionedella Patologia chirurgica di Roma: nell’Università di Pisa rimango-no i Suoi allievi Mario Selli e Massimo Ermini. E’ un chirurgo dieccellente esperienza professionale e molteplici interessi scientifici,innovatore e vigoroso propositore organizzativo. Anticipa i tempidella moderna chirurgia, ha una visione originale degli attuali siste-mi didattici, passione di iniziative, impegno costante di aggiorna-mento. Con queste sue qualità e con gli impulsi che gli provengonodal carattere inquieto e brillante realizza la promozione chirurgicaspecialistica, oltre che generale (chirurgia toracica, vascolare, deitrapianti), dà un’impronta inconfondibile del suo pensiero all’inse-gnamento universitario, fonda le due Università libere di L’Aquila edi Mogadiscio, allarga e caratterizza il suo “Istituto Policattedra”, èPresidente della Società Italiana di Chirurgia. Molti suoi allievidiventano professori ordinari della Facoltà: Guido Castrini,Vincenzo Speranza, Giorgio Ribotta, Raffaello Cortesini, ManlioCarboni, Franz Rizzo; Paolo Fiorani e Fabrizio Benedetti Valentiniin Chirurgia vascolare, Costante Ricci in chirurgia toracica. Ulteriorigenerazioni della Sua Scuola vedono al Policlinico N. Basso, E.Lezoche, M. Simi, G. Mennini, A. Basoli, G. Pappalardo, C.Montesani, F. Procacciante, P. Negro; D. Alfani e P. Berloco, allachirurgia dei trapianti, F. Coloni in chirurgia toracica, F. Speziale inchirurgia vascolare. Alcuni Allievi della Scuola insegnano o hanno insegnato in altre 217
  • 200. Giorgio Di Matteouniversità e facoltà romane: C. Casciani, E. Gentileschi, R. Pistolese(chirurgia vascolare), C. Mineo (chirurgia toracica) nell’Universitàdi Tor Vegata; A. Arullani al Campus Biomedico; N. Rendina (chi-rurgia toracica) nella II Facoltà – Ospedale S. Andrea. Altri, generalmente più giovani accademicamente, sono professo-ri in altre università italiane. Fra gli allievi del Prof. Valdoni (e, in questo caso, anche del Prof.Paolucci) che prestigiosamente hanno tenuto l’insegnamento aRoma ricordo in particolare il Prof. Giovanni Marcozzi, primaSemeiota quindi Patologo e Clinico Chirurgo, cui si devono il forteimpegno per la costruzione dell’edificio di III Clinica Chirurgica e la formazione ac- cademica di un folto gruppo di professori ordinari che hanno inse- gnato nella nostra Facoltà medica: Giorgio Di Mat- teo, direttore del- l’Istituto di Cli- nica Chirurgica III dal 1985 al 2001, Vincenzo Marti- nelli, direttore dell’Istituto di IV Clinica ChirurgicaFig. 8 – III Clinica Chirurgica (attualmente Dipartimento di dal 1985 al 2000,Scienze Chirurgiche) Silvio Messinetti, Alberto Montori,Giampaolo Zelli, Vanni Beltrami. Dal gruppo di Di Matteo deriva-no numerosi allievi che hanno raggiunto la cattedra di chirurgiagenerale nella Facoltà Medica della Sapienza: Francesco PaoloCampana, Enrico De Antoni, Angelo Filippini, Antonio Cancrini jr.,Filippo Custureri, Alberto Berni, Massimo Monti, Adriano Redler,Agostino Pierro, professore di chirurgia pediatrica a Londra, recen-temente chiamato a Roma dalla nostra Facoltà. Francesco Vietri,allievo di Martinelli, è professore e Direttore nel Dipartimento diScienze Chirurgiche e Tecnologie Mediche Applicate “FrancescoDurante”. Nella IV Clinica Chirurgica, diretta da V. Martinelli, raggiungeva-no l’ordinariato anche i Proff. Giovanni Galassi e Marcello Bezzi. 218
  • 201. Cent’anni di Policlinico: La Chirurgia Altri professori della Scuola hanno avuto destini diversi: AchilleLucio Gaspari all’Università di Tor Vergata; Antonio Napolitano,Salvatore Stella, Carlo Marchegiani, Luciano Corbellini, NicolaPicardi, all’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti, GiuseppeMocavero in anestesiologia all’Università di Trieste. C’è inoltreun’ulteriore generazione di professori, derivati dal nostro gruppo,che insegnano attualmente nell’Università di Chieti: G. Gidaro, P.Innocenti, R. Sacco. Si aggiunga a questi una schiera molto numerosa di professoriassociati, di ricercatori e di primari ospedalieri a Roma (A. Cancrinisenior urologo all’Istituto dei Tumori, A. Morabito chirurgo vasco-lare al San Camillo, F. Zechini chirurgo generale al Policlinico eall’Ospedale Pertini) e fuori Roma. La sede “storica” e “centrale” di questa Scuola è l’originarioIstituto di III Clinica Chirurgica, oggi Dipartimento di ScienzeChirurgiche, ampio ed attrezzato edificio (attivato nel 1967) capacedi circa cento letti di degenza che, nel tempo, è stato progressiva-mente dotato di autonomi, eccellenti servizi. Nei primi anni ’90sono stati acquisiti all’Istituto altre due strutture, il IV PadiglioneFig. 9 – FrancescoCossiga,Presidente dellaRepubblica,in visita allaIII ClinicaChirurgica,a colloquio con ilProf. G. Di Matteoospedaliero del Policlinico, già Clinica Urologica, (di circa 50 letti,dotato di tre camere operatorie, di spazi e di attrezzature per la didat-tica e per la ricerca) e un insediamento a Palazzo Baleani come labo-ratorio di attività accademiche organizzative e di ricerca. L’Istituto è stato diretto fino al 1985 dal Prof. Marcozzi, dal 1985al 2001 dal Prof. Di Matteo e, quindi, dal Prof. Campana. Gli interessi scientifici, metodologici e tecnici della Scuola sisono sviluppati in diversi campi della chirurgia. Prevalgono ricerchee casistiche riguardanti l’endocrinochirurgia, la chirurgia oncologi- 219
  • 202. Giorgio Di Matteoca dello stomaco e del colon-retto, la chirurgia biliare, la chirurgiavascolare, quella polmonare, la microchirurgia, la chirurgia dellamammella e plastico-ricostruttiva, la chirurgia urologica, la chirur-gia endoscopica: un buon impulso ha avuto, fin dai primordi, la chi-rurgia laparoscopica. Sono presenti nel Dipartimento, operanti da decenni, tre Scuole diSpecializzazione: Chirurgia Generale, Chirurgia Vascolare, ChirurgiaDigestiva, alcuni Dottorati e Corsi di alta formazione. Un centro di documentazione scientifica, fra i primi ad essere costi-tuito nel Policlinico e che si deve prevalentemente al Prof. GiorgioPalazzini, si basa su un imponente archivio iconografico di casistica ecomprende anche numerosissimi film di tecniche chirurgiche, genera-li e specialistiche di grande valore per ricerche, didattica, pubblicazio-ni e divulgazioni chirurgiche. Molti Docenti della Scuola, in particolare Filippini, hanno forte-mente contribuito, su indicazioni della Facoltà, alla nascita ed allosviluppo del Polo Pontino della Sapienza svolgendo in quella sedeil loro insegnamento ed anche alcune qualificate attività chirurgi-che. Altri hanno anche assunto ruoli ed impegni rappresentativi edorganizzativi accademici, societari, politici. Di Matteo e Messinettisono stati Prorettori vicari della Sapienza per lunghi periodi ditempo. Di Matteo ha rivestito le cariche di Segretario Generale e diPresidente della Società Italiana di Chirurgia e dellEurosurgery,Montori è stato Presidente della Società Europea di ChirurgiaEndoscopica, De Antoni Segretario Generale della S.I.C. ePresidente del Corso di Laurea specialistica in Medicina eChirurgia “B”. Redler è stato Presidente del Consiglio ed Assessoredella Regione Lazio. Lo spazio a disposizione non mi consente di tracciare in partico-lare l’origine, lo svolgimento ed il progresso, nel Policlinico, diquelle discipline chirurgiche che già negli anni ’30 avevano assuntolegittimamente un’autonoma identificazione. In questi 50 anni nel Policlinico si è costruito, ricostruito e ristruttu-rato ma non così intensamente da stravolgerne l’impianto originario28. Queste succinte cronache si concludono con la considerazione che,nel Policlinico, nelle diverse espressioni culturale e professionale si èsempre perseguita una “ricerca di equilibrio tra tradizione e innovazio-ne che, per le istituzioni culturali, è condizione decisiva di vitalità”. Per la chirurgia il periodo da noi tratteggiato rappresenta un pas-saggio storico cruciale per l’evoluzione dei metodi e delle tecnolo- 220
  • 203. Cent’anni di Policlinico: La Chirurgiagie, per gli incessanti cambiamenti organizzativi, per le nuove con-cezioni didattiche. Più che con un elenco di opere, d’altra parte ben conosciute,voglio concludere in questa sede con un’emotiva riflessione29. Tuttial Policlinico, medici e non medici, hanno sempre cercato di onora-re il loro lavoro con un grande senso di filosofia morale e sociale,con una scrupolosa riflessione epistemologica, con un impegno ope-rativo spesso di prim’ordine. Sono sicuro che non verranno menoquesti sentimenti nonostante le difficoltà, le rarefazioni e i sussultigiornalieri e che la coscienza dei doveri formativi e assistenziali gui-derà e conforterà sempre l’impegno professionale di tutti. BIBLIOGRAFIA1. DE ANGELIS P., L’insegnamento della medicina negli ospedali di Roma. Roma, Airone, 1948.2. CANEZZA A., Gli arcispedali di Roma. Roma, 1933 - XI.3. MUNAFO’ G., MATRONE T., La Facoltà di Medicina e Chirurgia de la “Sapienza” negli anni 1984 – 1989. Realtà e prospettive. Roma, Bagatto libri, 1990.4. DI SIMONE M. R., La “Sapienza” romana nel settecento. Roma, Ed. Ateneo, 1981.5. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e Ordinamenti. Roma, Ed. Ateneo, 1985.6. p. BENEDETTO da Alatri, Gli Ospedali di Roma e le Bolle pontificie. Viterbo, Fratelli Quatrini, 1950.7. AA.VV., I luoghi della Sapienza. “La Sapienza per Roma”. Roma, Selegrafica 80, 2005. AA.VV., L’Università di Roma. Stabilimento Poligrafico per l’Amministrazione dello Stato. Roma, 1927 – anno VI.8. STROPPIANA L. (a cura di), Il Policlinico Umberto I di Roma. Roma, Arti Grafiche Cossidente, 1980. AZZURRI F., La nuova sala Amici nell’ospedale Fate-bene Fratelli all’isola Tiberina. Roma, Stab. Tip. Giuseppe Via, 1865.9. SISCO G., Saggio dell’Istituto Clinico Romano di medicina esterna. Roma, De Romanis, 1824. ZAPPOLI A., Brevi illustrazioni ai busti dei medici celebri posti nell’attico dell’arciospedale di S. Spirito in Sassia. Roma, Tip. Menicanti, 1868. CAVALLOTTI C., L’insegnamento delle discipline anatomi- che nell’Università degli Studi La Sapienza di Roma. Roma, Edizioni Universitarie Romane, 1985. PAZZINI A., Bio-bibliografia di Storia della Chirurgia. Roma, Ed. Cosmopolita, 1948.10. DI MATTEO G., I chirurghi nel palazzo. Storie, voci e leggende di Archiatri Pontifici. Boll. Soc. It. Chir., 1990, 11(3). BELLI A., Ad Antonio Trasmondo lettera del Dott. A.B. Roma, Tip. Marini, 1834. 221
  • 204. Giorgio Di Matteo11. ALBITES G., Sunto statistico delle malattie chirurgiche curate nel ven.le arch.le di S. Giacomo in Augusta durante tutto l’anno 1864. Roma, Stab. Tip di G. Via, 1865. RESOCONTO STATISTICO degli Ospedali di Roma per l’anno 1865. Roma, Tip. Menicanti, 1866.12. STROPPIANA L., op. cit., cfr. nota 5.13. LA RELAZIONE del Sig. Commend. Brioschi al Ministro Correnti sopra le condizioni materiali dell’Università romana riveduta da un Romano. Estratto del giornale il Buonsenso. Roma, Tip. Dei Fratelli Romani, 1871.14. RELAZIONI e NOTIZIE intorno alla R. Università di Roma Scuole e Istituti scientifici annessi. Roma, Stabilimento Civelli, 1873.15. CANEZZA A., op. cit., cfr. nota 2.16. STROPPIANA L., op. cit., cfr. nota 8.17. BACCELLI A., Guido Baccelli. Milano, Zucchi, 1940.18. MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI. Ufficio Speciale del Genio Civile di Roma. Ricordo della costruzione del Policlinico Umberto I. Roma, Officina di fotoincisione Ospizio S. Michele, MDCCCCII.19. SISCO G., op.cit., cfr. nota 9.20. GIORDANO D., Chirurgia. Enciclopedia scientifica monografica italiana del XX secolo (voll. I e II). Bompiani, 1938.21. NATALUCCI G., Medici insigni italiani antichi moderni e contemporanei nati nelle Marche e loro contributi clinico-scientifici. Falerone, Menicucci, 1934. MAZZONI C., Anno primo e secondo di Clinica Chirurgica nella R. Università di Roma. Roma, Stabilimento Tipografico del don Pirloncino, 1873. INDICE decennale dei lavori pubblicati dalla R. Accademia Medica di Roma dalla fondazione fino a tutto l’anno 1884. Roma, Tipografia Fratelli Centenari, 1890.22. BACCELLI A., op.cit., cfr. nota 17.23. MARGARUCCI O., Personaggi di rilievo ed episodi nell’esercizio professio- nale di un chirurgo a Roma. Roma, Fratelli Palombi, 1956.24. PAOLUCCI R. di V., Il mio piccolo mondo perduto. Bologna, Cappelli, 1947.25. DI MATTEO G., Vicende, personaggi e strutture della chirurgia romana al Policlinico Umberto I nel periodo 1935-1985. Il Giornale di Chirurgia 1987; 8:193-198.26. SISCO G., op.cit., cfr. nota 9.27. PUCCINELLI V., Pratica chirurgica. Bologna, Cappelli, 1938.28. AA.VV., Policlinico Umberto I. Piano di ristrutturazione del sistema urbani- stico ed edilizio del Policlinico Umberto I. Roma, Gangemi, 2000.29. DI MATTEO G., op. cit., cfr. nota 25. 222
  • 205. LA CLINICA OSTETRICA E GINECOLOGICA ANTONIO PACHÌ 223
  • 206. La Clinica Ostetrica e GinecologicaL’esigenza della costruzione Quando nel 1888 si dette luogo alla progettazione esecutiva per lacostruzione del Policlinico Umberto I, preziosi furono i suggerimen-ti per la realizzazione dell’edificio di Clinica Ostetrica eGinecologica forniti da Ercole Pasquali, a quel tempo Titolare dellacattedra di Clinica Ostetrica e Ginecologia dell’Università “LaSapienza” di Roma. Il progetto di Pasquali prevedeva la realizzazio-ne di tre distinti corpi di fabbrica1: per la ginecologia, per le gestan-ti e per le puerpere, ed ognuno di detti corpi doveva far capo ad unagrande aula centrale ad anfiteatro che costituiva il fulcro del “siste-ma didattico-assistenziale”. Nel primitivo progetto1, con felice intuizione, era anche previsto un attiguo edificio per la Clinica pediatrica, san- cendo così l’indispensabilità di una stretta collaborazione tra ostetrici e pediatri. Successivamente, invece, nel 1932 la Clinica Pediatrica fu realizzata a parte con diverso disegno. Il fabbricato per il ricovero delle gestanti aveva 12 letti, cinque camere per le malate infette, 2 sale parto, refet- torio, stanze soggiorno e servizi. Le puerpere erano ricoverate nella corsia alFig. 1 – Pianta dell’Istituto di 1° piano, mentre al 2° piano era organiz-Clinica Ostetrica-Ginecologica zato un reparto a pagamento. Quattro erano i dormitori per le allieve ostetrichecorredati di stanze per i servizi e di una biblioteca. I tre reparti eranocollegati ad un fabbricato sporgente, con un’aula capace di ospitare120 studenti, la direzione sanitaria e gli ambulatori. La nuova clini-ca Ostetrico-Ginecologica, alla sua inaugurazione, aveva una capa-cità di 56 posti letto 2.I Maestri, la didattica, l’attività di ricerca Ercole Pasquali unì la sua opera di docente e di Presidente dellaSocietà Italiana di Ostetricia e Ginecologia all’impegno della dire-zione del Bollettino trimestrale del Reale Istituto Ostetrico eGinecologico di Roma ed alla pubblicazione di numerosi articoli. La scuola di Perfezionamento di Ostetricia e Ginecologia fu isti-tuita nel 1906, un anno dopo la sua morte, ed iniziò a funzionare nel-l’a.a. 1907-1908 grazie ad Ernesto Pestalozza, docente dal 1905 al 225
  • 207. Antonio Pachì1934, che successe al Pasquali. La scuola aveva carattere eminentemente pratico e durava unanno; essa riuscì a formare centinaia di allievi, molti dei quali siinserirono come docenti in altre Università e nelle scuole perOstetriche, altri invece furono assorbiti nelle strutture sanitarie e diricerca scientifica che la Società, sempre più articolata, man manoveniva creando. Ernesto Pestalozza, nato a Milano nel 1860, era stato allievo diAlessandro Cuzzi all’Università di Pavia, dove si era laureato nel1884 e dove, nel 1889, aveva conseguito la libera docenza. Nel 1895venne chiamato a Roma, dopo aver diretto la cattedra di Genova nel1891 e successivamente quella di Firenze nel ’92. Egli diede all’insegnamento e alla ricerca un indirizzo fisio-pato-logico, cercando di interpretare i ritmi biologici nella evoluzionedella gravidanza. Si dedicò, in particolare, agli studi dell’anatomiadell’utero in gravidanza e durante il parto, contribuendo ai progres-si della tecnica chirurgica, soprattutto per le correzioni degli sposta-menti di posizione dell’utero e per il prolasso. Pestalozza intuì perprimo che la causa del corion-epitelio-ma era da ricercarsi negli elementi ovu-lari e diede un notevole contributo alladottrina delle autointossicazioni gravidi-che. Era contrario alla limitazione dellenascite, alla sterilizzazione coattiva, agliinterventi inutilmente demolitori e fuuno degli ispiratori dell’Opera Na-zionale Maternità e Infanzia, creata nel1927, alla cui organizzazione diede uncontributo basilare3. Fu Senatore delRegno e per due volte Presidente dellaSocietà Italiana di Ostetricia eGinecologia, della quale scrisse unamemoria per celebrarne i primi trentaanni di attività. Fondò la rivista LaGinecologia. Nel 1927 la Clinica Ostetrica delPoliclinico Umberto I venne ampliata ela sua ricettività portata a 100 letti. Isuoi laboratori furono ristrutturati edotati di moderne apparecchiature perricerche sierologiche, chimiche e fisico- Fig. 2 – Busto di Ernesto Pestalozza 226
  • 208. La Clinica Ostetrica e Ginecologicachimiche. Inoltre furono istituiti reparti radioterapici all’avanguar-dia per quei tempi e fu migliorato l’isolamento delle pazienti infet-te. Alle dipendenze della Clinica furono create due GuardieOstetriche permanenti, una presso la Clinica Ostetrica delPoliclinico Umberto I e l’altra nel centro storico di Roma nel quar-tiere Trastevere presso la Maternità Savetti rimasta attiva fino agliinizi degli anni ’60. Pestalozza fu relatore a congressi internazionali della specialità,membro dell’Accademia di Medicina di Parigi, della SocietàOstetrica di Edimburgo e di quella belga di Ostetricia e Ginecologia,oltre a quelle di Monaco, Budapest, Lipsia e Buenos Aires. Fu ancheautore delle voci riguardanti l’ostetricia nella EnciclopediaTreccani. Dimostrò che con una più larga applicazione della laparo-tomia era possibile ottenere la sopravvivenza del feto anche in pre-senza di gravi viziature pelviche contro il parere di chi indicaval’aborto come unica soluzione del caso. Parimenti si mostrò contra-rio all’aborto per ragioni eugenetiche, sostenendo che era prematu-ro applicare alla specie umana i postulati di una scienza tropponuova e non ancora sufficientemente sperimentata sugli animali. Sioppose all’aborto per ragioni economico-sociali, ritenendolo immo-rale, e parimenti fu anche contrario all’obbligo del certificato medi-co prematrimoniale, poiché riteneva che nessun medico potesseseriamente garantire, con un atto pubblico, lo stato di salute deiconiugi, data la latenza di alcune malattie come la blenorragia e lasifilide al tempo molto comuni. Fu avverso alla sterilizzazione ascopo eugenico e riteneva che il cosiddetto miglioramento della“razza” si sarebbe meglio potuto raggiungere mediante un adeguatoperfezionamento sia fisico che morale. Nel I Congresso di Ostetricia Sociale nel 1919 tracciò una sintesidei problemi della tutela della salute della madre e del figlio chesostenne sia nelle direttive dell’O. N. M. I. (Opera NazionaleMaternità ed Infanzia) che nella sua attività di Senatore. Pestalozzaè stato il primo professore romano a creare intorno a sé un veraScuola e dare un personale indirizzo alla ricerca scientifica, orien-tandola alla sperimentazione. Nel 1924 il nuovo Statuto Universitario definì la regolamentazio-ne di quegli istituti, (tra cui anche quello di Ostetricia e Ginecologia)che erano nati come enti culturali e si erano costituiti grazie all’as-sociazione di professori e liberi docenti di cattedre affini e comple-mentari. Parimenti venivano regolamentate anche le Scuole diPerfezionamento nelle varie discipline ed i Diplomi con la qualificadi Specialista. 227
  • 209. Antonio Pachì Pestalozza morì il giorno di Natale del 1934 ed a riconoscimentodei suoi meriti gli è stata intitolata una strada di Roma, nella zonaBoccea. A lui successe fin dal gennaio 1935, un ostetrico della stessa scuo-la, Paolo Gaifami, che aveva già trascorso sedici anni nella ClinicaOstetrica di Roma ed era stato poi chiamato a dirigere la Cattedra diSassari nel 1923 e successivamente quella di Siena nel ’24 e quelladi Bari nel ’25. Gaifami era nato a Como nel 1883, si era laureato aPadova nel 1907 ed aveva conseguito nel 1915 la Libera Docenzasotto la direzione di Pestalozza. Quando fu chiamato alla cattedra diRoma Gaifami riordinò e ampliò la Clinica, divenuta ormai insuffi-ciente per l’accrescersi della popolazione scolastica. Notevoli i suoilavori di anatomia patologica fetale, le ricerche di istologia placen-tare, i rilievi sulla reazione deciduale della mucosa della portio, suipolipi cervicali, sugli aspetti istologici del cancro dell’utero in gra-vidanza, sulla mola vescicolare, sulla patogenesi del distacco di pla-centa normalmente inserta. Di grande interesse anche i suoi studi sulcorion-epitelioma, sui tumori dell’utero e dell’ovaio, sulla T.B.C.genitale. Per primo in Italia realizzò il taglio cesareo sul segmentoinferiore dell’utero4. Come allievo di Pestalozza e seguace del suocredo professionale, si trovò a svolgere il suo mandato di professo-re in uno dei periodi storici più difficili della nostra epoca. La guer-ra in Etiopia, che aveva portato alle “sanzioni” ebbe come effetto lachiusura dell’Italia in un nazionalismo cupo che non riguardò sol-tanto gli scambi economici con l’Europa e l’America, ma condizio-nò nel nostro Paese anche la ricerca scientifica. Il dramma dellaguerra, con gli uomini al fronte, esasperava i problemi delle donnee i quartieri popolari di Roma si riempirono con gli esuli dal frontedi Cassino. Oltre al contributo scientifico a favore delle madri e deineonati, Gaifami si è interessato dei problemi di legislazione sanita-ria ed ha chiesto una chiarificazione dei diritti professionali deglispecialisti in Ostetricia e Ginecologia. Ha ricoperto la carica diIspettore Superiore dell’O.N.M.I ed è stato membro del ConsiglioSuperiore di Sanità e Presidente della Società Italiana di Ostetricia eGinecologia dal 1936 al 1939 e dal 1942 al 1944. Roma visse in quella primavera del ’44 uno dei momenti piùdrammatici della sua storia. Evacuata dai tedeschi Cassino il 17maggio, nessun diaframma si opponeva più tra la città e le ForzeAlleate. Che cosa sarebbe successo se i tedeschi avessero deciso didifendere Roma? Quale funzione, in questo caso, avrebbero dovutoassumere gli ospedali, era facile immaginare. Il 3 giugno Kesserlingdiede ordine alle truppe tedesche di ripiegare oltre Roma e il 4 giu- 228
  • 210. La Clinica Ostetrica e Ginecologicagno, mentre gli ultimi “panzer” partivano dalla stazione di SanPaolo, le prime “jeeps” della 5° Armata Americana entrarono a PortaSan Giovanni. Paolo Gaifami morì sotto il bombardamento di Roma del 14marzo 1944 mentre si trovava nel quartiere di San Lorenzo nei pres-si dell’Università. Un busto di bronzo lo ricorda ai ginecologi italia-ni all’ingresso dell’Aula Magna della Clinica Ostetrica eGinecologica del Policlinico Umberto I. Fig. 3 – Busto di Paolo Gaifami Fig. 4 – Paolo Gaifami In quei giorni drammatici si scelse di risolvere la “successione Gaifami” utiliz- zando forze disponibili all’interno del-l’ambiente universitario romano. Fu infatti chiamato alla direzionedella Clinica Ostetrica e Ginecologica del Policlinico Umberto I,come supplente, Roberto Bompiani; “figlio d’arte” dell’ostetricoArturo Bompiani, era nato nel 1890, si era laureato a Roma nel1914, era stato assistente volontario dal 1915 al 1919 nella ClinicaOstetrica e Ginecologica di Roma. Successivamente Assistentedegli Ospedali Riuniti di Roma fino al 1922, anno in cui tornò allaClinica Universitaria, prima in qualità di Assistente e successiva-mente di Aiuto. Bompiani nel 1925 conseguì la Libera Docenza. Nel1936 diresse la Clinica Ginecologica di Palermo e nel 1937 vinse ilconcorso per la Clinica di Sassari, alla quale rinunciò per dirigerel’Istituto di Maternità degli Ospedali Riuniti di Roma nel quartiereMonteverde. Numerose le sue pubblicazioni sia di anatomia che difisiologia ostetrica. Di notevole importanza il suo Trattato diOstetricia rivolto sia agli studenti che agli specializzandi. Bompianimorì giovanissimo a soli 57 anni5. 229
  • 211. Antonio Pachì Quando Luigi Cattaneo arrivò alla Cattedra di Roma, nel 1945,si rese subito conto che era necessario riempire i vuoti lasciati dallaguerra, riallacciare sul piano culturale i contatti con gli altri Paesi,prepararsi ad affrontare un periodo di prevedibile sviluppo demo-grafico. Nella ricerca scientifica, la preoccupazione di non esserelasciato indietro, portò Cattaneo ad accelerare i tempi e, in alcunicasi, egli si trovò all’avanguardia. Era nato a Vellozzo Bellini in provincia di Pavia. Partì per il fron-te come ufficiale medico. Si perfezionò quindi in Ostetricia eGinecologia, discipline che andavano sempre più acquisendo carat-tere chirurgico. Fu Assistente volontario nella Clinica Ostetrico-Ginecologica di Pavia dal ’19 al ’22 e successivamente nel ruolo diAssistente effettivo e quindi in quello di Aiuto. Nel 1927 Cattaneoseguì il suo maestro, Emilio Alfieri, che si stava trasferendoall’Università di Milano per sostituire Luigi Mangiagalli. Nel 1928conseguì la libera docenza in Clinica Ostetrica e Ginecologica e nel1935 fu nominato Direttore, prima incaricato e successivamenteordinario, della Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Università diPerugia, dove restò dieci anni. Nel ’45, dopo la tragica morte, sottoi bombardamenti, di Paolo Gaifami e la breve supplenza di RobertoBompiani, fu chiamato alla Cattedra di Roma, dove rimase fino alraggiungimento della pensione nel 1960. Le ricerche di Cattaneo, modificando acquisizioni già date per certe, apporta- rono un reale contributo alla conoscenza della fisiologia fetale e lo collocano tra gli antesignani della moderna medicina fetale. Egli fu, inoltre, un tenace sosteni- tore del parto naturale, limitando l’uso del forcipe e denunciando l’abuso del taglio cesareo. Introdusse in Italia il parto pilotato ed istituì corsi di psicopro- filassi, propagandandoli sia tra gli oste- trici che direttamente tra le partorienti6.Fig. 5 – Luigi Cattaneo Richiamò per primo l’attenzione sulla necessità di controlli urologici inginecologia, illustrando le sindromi urologiche di interesse gineco-logico e insistendo sulla distinzione tra sintomi urologici e sintomiginecologici. Nella lotta contro il cancro dell’apparato genitale fem-minile fu un caposcuola ed organizzò centri di diagnosi precoce,precorrendo anche in questo i tempi. Egli diede un reale contributo 230
  • 212. La Clinica Ostetrica e Ginecologicaalla ginecologia operativa e nella cura del carcinoma cervicale fusostenitore di un intervento chirurgico totale, contro il parere diquelli che, almeno per un certo periodo, preferirono il trattamentoradiante. Tuttavia, come chirurgo, non seguì mai la strada dei gran-di interventi demolitori, solo per il gusto di indulgere a virtuosismi.In caso di cancro del collo dell’utero, seguendo il metodo diWertheim, era solito praticare l’isterectomia addominale radicale;ampliò, anzi, quest’intervento, asportando anche le ghiandole linfa-tiche pelviche, tecniche operatorie che lui descrisse nel 1958 nellapubblicazione Basi della cura radicale del cancro del collo dell’ute-ro. Cattaneo si inserì con piena autorevolezza nella vivace polemi-ca, presente in quegli anni, tra “vaginalisti” ed “addominalisti” edaffermò che: La standardizzazione è nefasta in chirurgia (…) il clinico, di fronte alla realtà vivente dei casi con tutte le loro varietà adotterà, di volta in volta, quella via che potrà apportare i migliori vantaggi. Sotto la direzione di Cattaneo, la Clinica Ostetrica del PoliclinicoUmberto I venne dotata di nuovi reparti per la roentgenterapia, gliesami citologici e la colposcopia. Fu creata una nuova biblioteca,dotato di nuovi esemplari il museo anatomopatologico e creatiall’interno della Clinica stessa servizi autonomi di anestesia, di emo-trasfusione, di urologia e di cardiologia. In particolare il servizio tra-sfusionale, oltre a sopperire alle esigenze della Clinica, con persona-le adeguatamente preparato ad operare dalla selezione dei donatorifino alla preparazione delle unità da trasfondere, fu anche messo ingrado di effettuare le exanguino-trasfusioni ai neonati nei casi diimmunizzazione da Rh molto frequenti a quel tempo prima dell’av-vento della profilassi mediante la somministrazione della gamma-globulina specifica. Anche la sala operatoria fu radicalmente trasfor-mata e dotata di impianto di condizionamento dell’aria, a quei tempipreziosa rarità. Nel 1956 fu ripristinato, all’Università di Roma, l’Esame di Stato,sospeso durante gli eventi bellici, e la Legge divenne operante nel1957. Si prevedeva, tra le altre, anche una prova di Clinica Ostetrica,da eseguirsi su un caso clinico specificandone la diagnosi e la terapia. La sala operatoria di Cattaneo era frequentata oltre che dagli assi-stenti e dagli studenti anche da chirurghi provenienti da tutta Italia edall’estero, così anche le sue lezioni erano sempre affollatissime distudenti e specialisti che, oltre alla chiarezza dell’esposizione,apprezzavano l’originalità delle sue ricerche. 231
  • 213. Antonio Pachì Cattaneo lasciò la cattedranel 1960 per raggiunti limiti dietà e morì successivamente aRoma il 16 febbraio 1968. Il 6 novembre 1960, con votounanime della Facoltà, fu chia-mato a dirigere la ClinicaOstetrica e Ginecologica delPoliclinico Umberto I di Roma Fig. 6 – Luigi Cattaneo in AulaEugenio Maurizio, già direttoredella Clinica Ostetrica di Genova. Egli fece parte del ConsiglioSuperiore della Pubblica Istruzione e fu Presidente della SocietàItaliana di Ostetricia e Ginecologia dal 1962 al 1965. Maurizio svi-luppò con particolare interesse l’aspetto sociale della sua disciplinadedicandosi soprattutto al settore della endocrinologia ostetrica eginecologica. Organizzò, infatti, nell’ambito del PoliclinicoUmberto I, il Centro per la sterilità coniugale con annesso laborato-rio per i dosaggi ormonali. Notevole diffusione ebbe il suo Manualedi Clinica Ostetrica e Ginecologica per il quale nel 1961 ebbe ilriconoscimento del premio Marzotto7. Nel 1972, in collaborazione con Giuseppe Delle Piane e GiuseppeTesauro diresse il Trattato di Ginecologia edito dall’IstitutoGeografico de Agostini di Novara. Con Maurizio si chiuse un mododi essere della Clinica Ostetrica romana, sino ad allora imperniatasulla figura di un unico Direttore. Nell’anno accademico 1967-68 leaumentate esigenze didattiche, il cui carico diveniva sempre piùoneroso per un solo titolare, indussero la Facoltà, così come eraavvenuto per altre discipline, a scindere l’insegnamento in due cat-tedre affidandole rispettivamente a Giuseppe Valle, chiamatodall’Università di Bari e a Wladimiro Ingiulla, proveniente daquella di Firenze. La spiccata personalità di entrambi i docenti, lafama ed il prestigio che li accompagnavano dalle rispettive sedi diprovenienza, consigliarono la suddivisione in due dell’Istituto. All’Ingiulla, nato a Catania nel 1913 e formatosi alla scuola gine-cologica milanese di Luigi Mangiagalli, venne affidata la Direzionedel I Istituto, ma egli non ebbe il tempo per riorganizzare la clinicaromana sul modello di quella che aveva lasciato a Firenze a causadelle sue non perfette condizioni di salute. Il breve periodo trascor-so a Roma, non gli impedì, però, di lasciare una sua precisa impron-ta8. Ginecologo di fama internazionale, attratto dai problemi dellagrossa chirurgia ginecologica, era divenuto “vaginalista” eccelsopresso la scuola di I. Amreich. Nel breve volgere del tempo trascor- 232
  • 214. La Clinica Ostetrica e Ginecologicaso a Roma divenne punto di richiamo per giovani colleghi che vole-vano vederlo operare per apprendere le tecniche chirurgiche più raf-finate, tecniche che, nelle sue mani, apparivano di estrema sempli-cità. In campo ostetrico egli amava ripetere che la modernaOstetricia doveva validamente impegnarsi alla soluzione del proble-ma del dolore in travaglio di parto e la sua scuola fu la prima a spe-rimentare su ampia casistica il parto indolore mediante la sommini-strazione gamma-OH. Dopo solo tre anni, dovette abbandonare ladirezione dell’Istituto per motivi di salute ed al suo posto la Facoltàaffidò il temporaneo incarico della Direzione a Luigi Carenza, chelo mantenne fino alla chiamata, nel 1972, di Franco Crainz.Quell’anno segnò per Crainz il ritorno alla sua città natale ed all’uni-versità presso la quale si era laureato nel 1936. La sua formazionescientifica, maturata attraverso soggiorni di studio e di ricerca pres-so varie università italiane ed europee, lo portò a gestire il I Istitutodi Clinica Ostetrica e Ginecologica con competenza ed originalecapacità. In un momento in cui le tecniche chirurgiche ampiamentedemolitive e mutilanti iniziavano ad essere messe in discussione - acausa della mancata realizzazione dei risultati attesi - egli avevaintuito che in oncologia ginecologica la radioterapia sarebbe stata laterapia alternativa alla chirurgia. Spinto da tale intuizione si erasubito dedicato alla progettazione di un grande reparto di radiotera-pia dei tumori ginecologici, del quale aveva affrontato tutti gli aspet-ti clinico-organizzativi, fino a concordare piani operativi con leautorità competenti. L’interesse e la particolare competenza diFranco Crainz in questo campo risulta dalle numerose pubblicazio-ni scientifiche sull’argomento9. È stato Presidente della SocietàItaliana di Ginecologia e Ostetricia dal 1977 al 1980 e, da quell’an-no, Socio Onorario. Uomo di vasta cultura, il suo grande e costanteinteresse per la Storia della Medicina lo ha portato a scrivere sudiversi argomenti di ostetricia, impegnandosi in ricostruzioni scien-tifiche originali su temi monografici. Tali ricerche hanno trovatosignificativo riconoscimento nella nomina a Vice Presidente dellaSocietà Italiana di Storia della Medicina ed a socio di numeroseSocietà straniere. Crainz ha lascito la direzione del I Istituto nel1983 per raggiunti limiti d’età. Per seguire l’evoluzione storica della Clinica Ostetrica eGinecologica del Policlinico Umberto I è necessario riallacciarsialla chiamata nella Facoltà di Roma di Giuseppe Valle nel 1968,quando la Facoltà decise di scindere l’insegnamento in due cattedre,onde sopperire alle aumentate esigenze didattiche. Quell’anno è pas-sato alla storia come l’anno della contestazione giovanile che, nata 233
  • 215. Antonio Pachìnei “campus” americani, si diffuse in tutto il mondo occidentale. Lacontestazione, con le sue modalità culturalmente caratterizzanti,portò a definire il 1968 come “l’anno degli studenti” e Valle, oltre adaffrontare i problemi organizzativi del nuovo Istituto a lui affidato ela relativa strutturazione didattica ed assistenziale, si impegnò nel-l’attività scientifica, confermando il prevalente indirizzo chirurgicodella sua Scuola. E’ testimonianza di ciò l’ampia casistica raccolta,particolarmente significativa nel campo della chirurgia oncologica,e la ricerca scientifica documentata negli Atti della potenziata attivi-tà della Società Interregionale di Ostetricia e Ginecologia e nellanuova edizione della rivista Aggiornamenti in Ostetricia eGinecologia da lui diretta. Tale preminente indirizzo chirurgicoinfluenzò anche l’attività didattica, suggerendogli l’organizzazionedi due corsi “Teorico-pratici di Chirurgia Ginecologica” che otten-nero un notevole successo di partecipazione anche per l’innovatricepresentazione delle tecniche operatorie allora più attuali10. In quegli anni di contestazione giovanile, Valle fu particolarmen-te sensibile alle esigenze culturali che si andavano delineando e chelo indussero a partecipare attivamente alle nuove proposte di trasfor-mazione sociale, sia nell’ambito della Comunità EconomicaEuropea che della Federazione Internazionale per la PianificazioneFamiliare (IPPF). Presso il II Istituto egli ha attivato uno dei primi Centri di“Pianificazione Familiare” che, mediante l’organizzazione di corsi diaggiornamento per specialisti, ostetriche ed assistenti sociali, ha prepa-rato i primi operatori degli attuali “Consultori Familiari”. Egli ha inol-tre contribuito ad incrementare, grazie alla sua capacità di intessererelazioni internazionali ed al suo impegno nel partecipare ai Congressiinternazionali, i rapporti scientifici della Clinica romana con le più pre-stigiose università straniere. Lasciò la direzione del II Istituto nel 1974,per raggiunti limiti d’età, ed a lui successe Luigi Carenza. Le naturali doti di organizzatore di Luigi Carenza e la sua forma-zione universitaria e professionale alla scuola del suo grande maestroLuigi Cattaneo gli hanno consentito una costante progressione intutte le tappe successive da giovane assistente a professore ordinario.L’essersi formato nella Clinica di Roma fin dal momento della laurealo ha reso interprete delle reali esigenze organizzative ed assistenzia-li, da lui stesso verificate, stimolandolo ed aiutandolo a realizzare lecorrezioni strutturali effettivamente utili e necessarie. I suoi interes-si, non limitati da aspirazioni personali, hanno avuto come obiettivola realizzazione della funzionalità dell’Istituto e la crescita professio-nale di tutti i collaboratori. Il secondo Istituto ha infatti finalizzato i 234
  • 216. La Clinica Ostetrica e Ginecologicasuoi sforzi in particolari settori di attività ultraspecialistica, all’avan-guardia nel campo sia ostetrico che ginecologico. In campo ostetrico già nel 1975, all’inizio della sua direzione,Carenza, avendo intuito la potenzialità della diagnostica ecografica,ha dotato l’Istituto di uno dei primi apparecchi ecografici (Kreitz-Combison 2) giunti in Italia, che costituì l’avvio alla realizzazionenell’Istituto da lui diretto, di un servizio di ecografia successivamen-te ampliato e potenziato con aggiornati apparecchi moderni e dive-nuto punto di riferimento per la didattica e la ricerca della patologiaembrio-fetale. La realizzazione del Centro di Diagnosi Prenatale, uno dei primiin Italia, ha permesso di mettere a punto le tecniche di prelievo dimateriale embrio-fetale mediante le tecniche di amniocentesi, pre-lievo dei villi coriali e prelievo di sangue fetale mediante fetoscopia.La diagnostica prenatale si è inoltre avvalsa della collaborazione deigenetisti, per lo studio delle sofisticate tecniche di indagine delDNA genomico ed inoltre, in un’ottica multidisciplinare, con i neo-natologi e gli specialisti delle varie discipline interessate ai singolicasi, ha valorizzato l’attività clinico-assistenziale di tutte le forme dipatologia complicanti la gravidanza conseguendo ottimi risultati siada un punto di vista assistenziale che di ricerca11. Erede della disciplina chirurgica di Cattaneo, Carenza ha conti-nuato la tradizione della qualificata chirurgia onco-ginecologica,affiancandola alla moderna chemioterapia organizzata sul modellodei più avanzati Centri statunitensi, con i quali ha mantenuto rappor-ti culturali e scientifici non solo personali, ma di scuola, con scam-bi di allievi e assistenti. Questa sua dedizione lo ha portato ad orga-nizzare, presso la Clinica Ginecologica del Policlinico Umberto I laboratori altamente qualificati per la ricerca oncologica in ginecolo- gia, servizi di colposcopia, istero- scopia e senologia, con precipuo indirizzo alla prevenzione della patologia maligna, senza trascurare il particolare aspetto sociale e quel- lo dell’assistenza psicologica pre e post-trattamento. Carenza fu Presidente della So- cietà italiana di Oncologia e nell’ot- tobre 1985 fu nominato membro onorario della American College ofFig. 7 – Luigi Carenza Obstetric and Ginecology. 235
  • 217. Antonio Pachì Questo breve excursus attraverso le tappe di progettazione e rea-lizzazione nel tempo, ha scandito la storia della Clinica Ostetrica eGinecologica del Policlinico Umberto I dal suo sorgere fino all’en-trata in vigore di una nuova recente organizzazione: quella deiDipartimenti, tuttora in atto. Filo conduttore dell’esposizione è stato il succedersi di quegliuomini che, nell’interesse della loro disciplina, hanno saputo contri-buire, nel corso degli anni, a rendere il Policlinico Umberto I unpunto di riferimento in campo internazionale per il progresso dellaOstetricia e Ginecologia. BIBLIOGRAFIA1. SALVATORI C., et al., Il Policlinico Umberto I. Progetto eseguito dall’Arch.tto Giulio Podesti. In Occasione dell’XI Congresso Medico Internazionale in Roma. Roma, Virano C. e C., 1894, pp. 8-9.2. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Voll. I e II. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.3. GAIFAMI P., Ernesto Pestalozza. Il Policlinico. Sezione Pratica 1935; 42. BOMPIANI R., Ernesto Pestalozza. Genus 1937.4. BOMPIANI R., Paolo Gaifami. Il Policlinico. Sezione Pratica 1944; 51:218.5. SANNICANDRO G., Roberto Bompiani (1890-1947). In: La chirurgia italia- na, 1947, pp. 441-442.6. MAURIZIO E., Commemorazione del Prof. Luigi Cattaneo. Boll. ed Atti Accademia Medica di Roma 1968-1970; 12:111-114. MARZIALE P., Luigi Cattaneo. La Clinica Ostetrica e Ginecologica 1968; 70:109-112. MASSAZ- ZA M., Luigi Cattaneo. Atti della Società Italiana di Ostetricia e Ginecologia 1968; 53:43-50.7. MAURIZIO E., Manuale di Clinica Ostetrica e Ginecologia. Roma, SEU, 1961.8. CARENZA L., Wladimiro Ingiulla (1913-1972). La Clinica Ostetrica e Ginecologica 1972; 74:155-157.9. PACHÌ A., SAMARITANI F., Ostetricia e Ginecologia a “La Sapienza” 1786-1986. Roma, EGA, 1986, pp. 113-114.10. VALLE G., Per dare maggior prestigio al diploma di specializzazione in oste- tricia e ginecologia. Minerva Ginecologica 1966; 18(10):523-528.11.PACHÌ A., DALLA PICCOLA B., Diagnosi Prenatale Precoce. Roma, SEU, 1980. PACHÌ A., Servizio di Diagnosi Prenatale. Centro Interdipartimentale Malattie Sociali. Roma, Arti Grafiche Santarelli, 1982. CARENZA L., PACHÌ A., Il feto come paziente. Firenze, Giunti, 1987. 236
  • 218. LA CLINICA PEDIATRICAMANUEL A. CASTELLO - GIORGIO MAGGIONI 237
  • 219. La Clinica Pediatrica La disciplina Le strutture sanitarie dedicate alle cure e all’assistenza dei bambi-ni malati prendono avvio in Europa solo a partire dagli inizi del XIXsecolo con la creazione a Parigi, nel 1802, per volontà di NapoleoneBonaparte, dell’Ospedale dei bambini malati (Hopital des enfantsmalades), destinato al ricovero dei bambini solo dopo i due anni dietà1. A questo ne seguirono molti altri: a San Pietroburgo (1834),Vienna (1837), Budapest (1839), Praga (1842), Berlino (1843),Londra (1852) e così via2. In Italia il primo «ospedaletto per bambini poveri» sembra esserstato quello fondato a Torino nel 1843 dal conte Luigi Franchi diPont con la collaborazione di un comitato del quale facevano partepersonalità quali Camillo di Cavour e Roberto d’Azeglio3. I primi anni dell’insegnamento A Roma, il primo ospedale pediatrico sorse nel 1869, sotto il pon-tificato di Pio IX, per iniziativa della duchessa Arabella Salviati,nata dai duchi Fitz-James, insieme ad un gruppo di nobildonneromane. L’opera fu dedicata al Bambino Gesù e prese rapidamenteavvio fin dall’inizio di quell’anno4. E’ merito del viterbese LuigiConcetti (1854-1920), dal 1890 primario di questo Ospedale e chenel 1894 aveva conseguito la libera docenza in patologia e clinicapediatrica, l’aver dato inizio a Roma al primo insegnamento di cli-nica pediatrica con un corso pareggiato per studenti e ancora senzaun reparto a disposizione. Il 2dicembre 1894 la sua prolusio-ne fu dedicata a Lo stato attua-le della pediatria5. Nel 1896 il ministro dellaPubblica Istruzione GuidoBaccelli6, del quale il Concettiera stato allievo, gli affidò condecreto (14 dicembre 1896)l’incarico dell’insegnamentodi patologia e clinica pediatri-ca del quale diventerà ordina-rio nel 1899. All’inizio il Concetti sivalse, per l’insegnamento, deibambini che frequentavano Fig. 1 - Luigi Concetti.l’ambulatorio La Scarpetta, Primo Cattedratico di Pediatria 239
  • 220. Manuel A. Castello - Giorgio Maggionigestito dalla Società Soccorso e Lavoro con sede in Trastevere, e deipiccoli ricoverati presso il Bambino Gesù. E’ importante ricordareche il Concetti inviava gli studenti a casa dei malati per poter seguir-ne il decorso e l’esito delle cure. Le lezioni si svolgevano nei localisotterranei dell’Istituto di Clinica Chirurgica allora diretto dal prof.Francesco Durante e sito a Trastevere in via Garibaldi 44. Avuto un piccolo contributo dal Ministero, nel 1898-99 ilConcetti riuscì a stilare una convenzione con l’Ospedale SantoSpirito che gli mise a disposizione durante l’anno scolastico una salacon l0 lettini per bambini svezzati e due culle per lattanti con lettiper le madri, una suora e due infermieri. Le lezioni erano tenute nel vicino anfiteatro della ClinicaOculistica diretta dal prof. Francesco Businelli. Il corso di pediatriaera facoltativo e diventerà obbligatorio solo dal 1910-11. Nel rinnovare la convenzione, due anni dopo, il Concetti ottenneun allargamento degli spazi, una stanza per la direzione e una per labiblioteca dove finirà per installare un primo apparecchio radiologi-co insieme alla concessione di poter avere per l’insegnamento ibambini ricoverati nel reparto difterici. I Maestri, la didattica, l’attività di ricerca Nell’anno accademico 1904-05 la Clinica Pediatrica fu trasferitanel Policlinico Umberto I da poco costruito e, provvisoriamente,sistemata nell’edificio di Patologia medica dove il Concetti potéattrezzare con molta difficoltà un piccolo reparto. Le vicissitudini della costruzione del Policlinico e dei vari repar-ti sono state puntualmente illustrate dall’architetto prof. PaoloMarconi fino alla costruzione di quella che è ancora oggi la ClinicaPediatrica7. La prima pietra dell’edificio fu posta il 15 giugno 1912con una cerimonia alla quale parteciparono il Re, la Regina, il sin-daco di Roma, Ernesto Nathan, il prof. Guido Baccelli e varie per-sonalità politiche. Passeranno 10 anni prima che la Clinica, a causadei numerosi ritardi dovuti anche al periodo bellico, diventasse ope-rativa nel 1922, due anni dopo la morte del Concetti che non la potévedere completata. Il Concetti è giustamente considerato il fondatore della Scuolapediatrica romana: la sua attività fu instancabile sia sul piano clini-co didattico sia su quello organizzativo. Nel 1890 organizzò a Roma il I Congresso pediatrico italiano e nel1898, con altri, fondò a Torino la Società Italiana di Pediatria (SIP),della quale fu presidente dal 1913 al 1920; il suo manuale L’igiene delbambino ebbe larga diffusione. Alla sua morte, il 6 dicembre 1920, 240
  • 221. La Clinica Pediatricacon la costruzione della Clinica non ancora ultimata, la direzione fuaffidata all’aiuto Tullio Luzzatti per gli anni 1920-21 e 1921-22. Nel gennaio 1923 fu chiamato alla direzione della ClinicaPediatrica il prof. Giuseppe Caronia (1884-1977), primo ternatodell’ultimo concorso e allievo del prof. Rocco Jemma di Napoli8.Caronia si adoperò in modo particolare per la messa in funzionedella Clinica potenziando soprattutto il laboratorio e l’ambulatorio eportando i posti letto agibili a cinquanta. Sostenitore del PartitoPopolare di don Luigi Sturzo, inviso al regime fascista, a causa diuna denuncia anonima, nel giugno del 1925 fu sospeso dall’incaricodal ministro della Pubblica Istruzione Pietro Fedele e fu avviataun’inchiesta a suo carico. Il Caronia venne sostituito per il periodo1925-27 dal prof. Francesco Valagussa e nel ‘27-28 dal prof.Salvatore De Villa. L’infondatezza delle accuse addebitate indussetuttavia il ministro a trasferirlo a Napoli il 23 ottobre 1927 con l’in-carico di dirigere, dal l0 gennaio 1928, la cattedra di malattie infet-tive di quell’Università. A partire dall’anno accademico 1928-29 fu chiamato, alla direzio-ne della Clinica di Roma il prof. Luigi Spolverini il quale la dires-se fino al 1943. Proveniente dalla Clinica di Pavia, già allievo diConcetti, Spolverini ebbe il merito di organizzare la ClinicaPediatrica con criteri moderni corredandola di un reparto radiologi-co, di un laboratorio chimico e microbiologico, di un reparto fisio-terapico e di due polmoni d’acciaio. Nel 1937 riuscì ad otteneredagli Ospedali Riuniti la costruzione di un Padiglione pediatrico daaffiancare alla Clinica, dotato anche di un reparto di chirurgia. Unanno prima, nel 1936, aveva organizzato con successo il CongressoInternazionale di Pediatria a Roma. Dal 1935 lo Spolverini si dedicò, in particolare, alla cura e al recu-pero dei bambini affetti da poliomielite fondando ad Ariccia unIstituto, che diresse fino alla morte, specializzato nella riabilitazionefisica e ortopedica di questi pazienti. Tale attività, di grande impor-tanza sociale, gli valse il laticlavio. Caduto il fascismo il 25 luglio 1943, fu chiamato da Padova dovedirigeva dal 1930 la Clinica Pediatrica, il prof. Gino Frontali, allie-vo di C. Comba della Scuola di Firenze9. Frontali tenne l’incaricofino al 1958-59 quando la direzione della Clinica fu affidata, per unanno, al prof. Orazio Malaguzzi Valeri, suo aiuto. Il prof. Frontali era noto anche sul piano internazionale per le suericerche nel campo dell’alimentazione infantile e in quello vitami-nologico, come la cura della pellagra. 241
  • 222. Manuel A. Castello - Giorgio Maggioni La sua attività didattica è documen- tata da numerose pubblicazioni quali le Lezioni sull’alimentazione infantile, il Manuale di Pediatria, le Prescrizioni pediatriche e i due volu- mi di Lezioni pediatriche. L’attività scientifica di Frontali a Roma, oltre all’alimentazione del bambino, fu dedicata in particolare alla thalasse- mia, alla malattia da carenza calorico- proteica, che accostò come patologia al kwashiorkor africano, alla cura della tubercolosi. Fig. 2 – Gino Frontali Fine semeiologo, sono legati al suo nome alcuni sintomi quali il riflessocontrolaterale degli adduttori nella poliomielite e il fenomeno oculo-cardiaco nella difterite. Le numerose difficoltà nella gestione della Clinica durante il con-flitto bellico furono affrontate dal Frontali con energia e dedizioneassolute specie dopo il bombardamento del 18 marzo 1944 che recògravi danni al padiglione pediatrico. Al Frontali si deve anche l’ini-ziativa dell’inserimento, all’interno della Clinica Pediatrica, dellaprima scuola elementare per bam-bini malati. Nel 1944, dopo la liberazione diRoma, il Caronia fu eletto Rettoredell’Università e reintegrato nel-l’incarico di direttore della ClinicaPediatrica - che terrà fino al 1953-54 - che fu sdoppiata in I Cattedra,affidata a lui, e II Cattedra affidataal Frontali; nello stesso tempo ilCaronia mantenne anche laCattedra di Malattie Infettive allaquale era stato richiamato nel 1935da Napoli a Roma. Nel 1960 il prof. Frontali e i suoi Fig. 3 – Visita del Presidenteallievi organizzarono il XXVII Antonio Segni nel 1964.Congresso italiano di pediatria in Nella foto con il Rettore Giuseppeoccasione del quale egli fu eletto Ugo Papi e i Proff. Arrigo Colarizipresidente della SIP fino al 1963, ed Emiliano Rezza 242
  • 223. La Clinica Pediatricaanno della sua morte. L’anno dopo, nel corso del XXVIII Congressoa Torino, il Frontali svolse la relazione su I disturbi del ricambioidro-salino nell’infanzia. Nell’anno accademico 1960-61 fu chiamato, da Pavia, alla dire-zione della Clinica il prof. Arrigo Colarizi, allievo del prof.Spolverini, che la terrà fino al 1972-73. Il prof. Colarizi portò a Roma una ventata di novità e snellì le pro-cedure dei ricoveri.Fomentò la super specia-lizzazione dei suoi allievi,creando per ogni campodella pediatria delle perso-ne specialmente dedicate.Incitò i suoi allievi a recar-si all’estero per perfezio-narsi nei diversi settoridella pediatria, anticipan-do così la strada che, ven-t’anni dopo, sarebbe stata Fig. 4 – Papa Paolo VI visita la Clinica nel 1966.seguita da tutti. Nella foto con i Proff. Arrigo Colarizi e Egli arrivò, nel 1960, Alessandro Segantiinsieme a MarcelloOrzalesi, al quale si unì dopo poco tempo Ettore Cardi, che era statosuo allievo a Pavia. Giovanni Bucci tornò dagli Stati Uniti nel 1961,dove aveva lavorato alla Harvard University di Boston per due anni.Contemporaneamente Orzalesi si recò in America una prima volta aBoston, per due anni, ed in seguito trascorrerà altri 24 mesi a NewHaven. Cardi fece un soggiorno di studio a Philadelfia per approfon-dire la scienza dell’alimentazione presso l’Istituto di Szent Gyorgy. Nel novembre 1961 arrivò Emiliano Rezza, che era rimasto aPavia con l’incarico della Cattedra per l’anno accademico 1960-61e che di Colarizi diventò suo primo aiuto e suo successore. Nei 12 anni di direzione di Colarizi la Clinica è stata ammoderna-ta con la creazione o il potenziamento di servizi indispensabili: laradiologia pediatrica, affidata a Guido Iannaccone, che presto diven-tò una delle migliori d’Italia. Il laboratorio, sotto GiovannaMancuso introdusse i micrometodi, indispensabili in pediatria. La genetica clinica con Vignetti e Ferrante, autori del libro sulleaberrazioni cromosomiche. La cardiologia pediatrica, creata daAlessandro Seganti e continuata da Vincenzo Colloridi, ordinariodal 1995. L’ematologia, dapprima diretta da Stegagno e quindi da Di 243
  • 224. Manuel A. Castello - Giorgio MaggioniGilio è stata la prima in Italia a impiegare la vincristina nella terapiadelle leucemie. Il CNR convenzionò un laboratorio di virus respira-tori, affidato a Mario Midulla che veniva dagli Stati Uniti.L’endocrinologia inizialmente con Massimo Orsini e quindi conBrunetto Boscherini, ordinario dal 1980-81 , che nell’anno seguen-te si trasferì presso la II Università di Roma “Tor Vergata” come cat-tedratico di Pediatria. Il suo posto è stato preso da Anna MariaPasquino diventata ordinario dal 2000. Il servizio si è occupato spe-cialmente di nanismi, dei disturbi della pubertà di patologie dellatiroide e della Sindrome di Turner, con pubblicazioni a livello inter-nazionale. Nel XXXI Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatriadel 1966, tenutosi a Genova, fu affidata alla Scuola Romana la rela-zione sul tema Disturbi respiratori del neonato. In effetti le principali ricerche del periodo dirette dal prof.Colarizi si concentrarono sulla neonatologia, sulla prematurità e sul-l’alimentazione infantile. Nel 1968 è stata creatala II Cattedra di ClinicaPediatrica alla quale fuchiamato il prof.Emiliano Rezza che nel1973, con il passaggio afuori ruolo del prof.Colarizi, assunse la dire-zione della I Cattedra chetenne fino alla sua scom-parsa nel dicembre 1985. Rezza aveva grande Fig. 5 – Papa Giovanni Paolo II visita nel 1995esperienza clinica e di la- il reparto di oncologia, accompagnatoboratorio e una straordina- dal Prof. Manuel A. Castelloria capacità di analisi esintesi dei problemi. Introdusse in Clinica la reidratazione mediantefleboclisi, che all’epoca costituì una novità. Studiò a fondo i proble-mi, cercando sempre la spiegazione logica dei fenomeni che affronta-va. Alla seconda è stato chiamato nell’anno accademico 1973-74 ilprof. Carlo Imperato da Parma che sarebbe rimasto fino al 1996 efuori ruolo fino al 1999 diventando così il cattedratico rimasto più alungo nella Clinica Pediatrica di Roma. Imperato sviluppò lo studiodelle malattie respiratorie, creando un’equipe di ricerca clinica e di 244
  • 225. La Clinica Pediatricalaboratorio. Fomentò anche lo studio di alcune patologie gastroente-riche. Dal 1979 al 1982 è stato Presidente della Società Italiana diPediatria. Nell’anno accademico 1980-81 Giovanni Bucci assunse la dire-zione della III Cattedra di Clinica Pediatrica, di recente creazione.Era stato professore di Puericultura dal 1971. Il prof. Bucci, coadiu-vato da Marcello Orzalesi per i primi anni e da un’equipe di neona-tologi, ha effettuato diversi studi di livello internazionale. Ha pubbli-cato un nuovo metodo di assistenza respiratoria mediante pressionepositiva continua a doppia cannula, oggi impiegato in tutto il mondo.Ha studiato per primo la pressione arteriosa sistolica del neonato edha descritto un metodo per il prelievo di sangue arterioso della radia-le. Insieme a Francesco Laurenti ha utilizzato la trasfusione di granu-lociti nelle sepsi neonatali. Ha pubblicato con Palermo il primo stu-dio italiano ecoencefalografico del neonato. E’ stato il primoPresidente della Società Italiana di Neonatologia dal 1994 al 1997. Nel 1980-81 sono diventati cattedratici i Proff. BrunettoBoscherini, Mario Midulla e Roberto Ronchetti. Dal 1971 hanno incominciato a svilupparsi nuove sottospecialitàpediatriche. La gastroenterologia con Ettore Cardi, che diventò cattedraticonel 1986 insieme a Piero Vignetti. Cardi ha studiato specialmentela celiachia, le malattie metaboliche mediante un test rapido, lagascromatografia dei lipidi, ha introdotto in clinica l’alimentazioneparenterale e insieme a Rezza è l’autore della dieta per le gravi intol-leranze alimentari. Dagli anni ’90 Margherita Bonamico si è dedica-ta allo studio della malattia celiaca, con ottimi risultati. La fibrosi cistica, con Mariano Antonelli, il cui servizio è centrodi riferimento regionale per la malattia, continuato adesso da SerenaQuattrucci. Il Servizio vanta la più importante casistica italiana ditrapianto di polmoni. L’oncologia con Manuel A. Castello, diventato cattedratico nel1995. Nel 1990 è stato Presidente del Congresso Internazionale diOncologia Pediatrica, che si è tenuto a Roma. Dal 1997 è SegretarioGenerale del Gruppo Latino di Pediatria e dal 2004 Presidentedell’Accademia Internazionale di Pediatria. Nel 1987 ha propostoun nuovo protocollo di chemioterapia per i tumori a piccole cellule,a base di carboplatino ed etoposide ad alte dosi di grande efficacia,che è stato utilizzato in toto o in parte in diversi protocolli interna-zionali. Ha formato un’equipe composta da A. Clerico, C. Dominici,A. Schiavetti e C. Cappelli che oltre a curare la malattia, si occupa 245
  • 226. Manuel A. Castello - Giorgio Maggionidel dolore e della nutrizione dei pazienti affetti da tumore, di tra-pianto di cellule staminali e di ricerche di biologia molecolare. La neuropediatria, con Paola Iannetti, cattedratica dal 1996 cheè stata Presidente della Società Italiana di Neuropediatria dal 1995al 2005. La prof.ssa Iannetti si è dedicata specialmente alle epilessieinfantili, alle sindromi neurocutanee e, recentemente, al tema dellaneuroimmunologia. Desiderio Lendvai ha creato e condotto il servizio per le cefaleeinfantili fino alla sua quiescenza nel 2005. La nefrologia con Sandro Ungari, che in seguito andò all’OspedaleBambino Gesù come primario pediatra sostituito dapprima da UgoRuberto e attualmente da Riccardo Lubrano. L’ematologia è stataereditata da Giuseppe Multari e Guiduccio Ballati. Le malattie respiratorie con Roberto Ronchetti, venuto da Parmacon il prof. Imperato e che nel 2000 è passato alla II Facoltàdell’Università di Roma “La Sapienza”. Ronchetti ha portato allaClinica Pediatrica di Roma lo studio della fisiopatologia respiratoria,con le più moderne apparecchiature. Ha iniziato anche le ricerche suidisturbi respiratori nel sonno in collaborazione con M. P. Villa. Luisa Businco, professore ordinario dal 1995 è stata responsabi-le del servizio di Allergologia e Immunologia fino alla sua prematu-ra scomparsa nel 2002. Nel 1992 ha ricevuto dall’American Collegeof Allergy, Asthma and Clinical Immunology l’HonoraryInternational Distinguished fellow award. E’ stata fondatrice e pre-sidente dal 1993 al 1995 della Società Europea di Immunologia cli-nica e pediatrica. Sotto la sua responsabilità il Servizio si è occupa-to della prevenzione delle malattie allergiche in specie dell’allergiaalle proteine del latte vaccino. Armando Signoretti, prematuramente scomparso alla soglia dellaCattedra nel 1988, ha creato il Centro per la nutrizione pediatrica,sulla scia del suo maestro prof. Giorgio Maggioni. Centro che è statocontinuato da Enzo Ferrante e, attualmente, da Andrea Vania. Francesco Cozzi, dopo aver trascorso un periodo di tempo, allafine degli anni ’60, all’ospedale Great Ormond Street di Londra perperfezionarsi, è divenuto il responsabile della chirurgia pediatricadal 1969. Ha una vasta gamma di pubblicazioni su temi della spe-cialità. Ha studiato specialmente la morte improvvisa del lattante ela terapia chirurgica del tumore di Wilms. Negli ultimi anni sotto la direzione, da parte di Castello,dell’Istituto, convertito in Dipartimento nel 2005, sono stati restau-rati l’aula, il reparto di fibrosi cistica, quello di oncologia, quello di 246
  • 227. La Clinica Pediatricagastroenterologia ed è stato creato il DEA pediatrico, con 10 postiletto per degenze brevi e sei per la terapia intensiva pediatrica. Lavecchia accettazione pediatrica ha avuto come primari AntonioScalamandrè, Anna Maria Assensio, Enzo Ferrante e LauraTucciarone. Il nuovo DEA è diretto da Corrado Moretti che si dedi-ca specialmente alla terapia intensiva neonatale e pediatrica. Nel 2001 sono stati chiamati a rimpiazzare i Proff. Cardi eColloridi, il prof. Salvatore Cucchiara da Napoli e il prof. BrunoMarino dall’Ospedale Bambino Gesù. Nel 2002 è diventata cattedra-tica di Neonatologia la prof. Patrizia Colarizi che ha una lunga espe-rienza nel follow-up dei prematuri. Nel 2005 la prof. Marzia Duse diBrescia è diventata responsabile dell’allergologia e immunologia.La Puericultura a Roma. L’insegnamento di questa materia fu attribuito a partire dal 1960-61 a una Cattedra convenzionata con l’Ordine di Malta e la direzio-ne affidata al prof. Orazio Malaguzzi Valeri. Nel 1969 ne fu rico-nosciuto il ruolo effettivo con la gestione del reparto neonati delleCliniche Ostetriche della Facoltà. La direzione e i laboratori partico-larmente potenziati dal Malaguzzi per l’ematologia, specie per ilfattore Rh, vennero col-locati nei sotterraneidell’ala destra dellaClinica Pediatrica doverimasero fino al 1983.Nel 1979-80 l’assegna-zione di un nuovo ruoloportò alla chiamata dalladirezione della ClinicaPediatrica di Ancona delprof. Giorgio Maggioni,che l’anno seguenteassunse con la I Cattedrala direzione dell’Istituto Fig. 6 – I Proff. Carlo Imperato e Giorgio Maggioni,di Puericultura. Nel il 20.12.03 durante la cerimonia di riapertura1983 venne inaugurato il dell’Aula Magna della Clinica, dopo il restauronuovo Istituto in via deiSardi (direzione, laboratorio, ambulatorio, ecc.) rimanendo il repar-to degenze presso le Cliniche Ostetriche. Maggioni è uno dei primi e più importanti studiosi di nutrizioneinfantile italiana. Tesoriere della Società Italiana di Pediatria del1985 al 1991 è stato il vero successore del Frontali. 247
  • 228. Manuel A. Castello - Giorgio Maggioni Nell’anno accademico 1986-87 fu chiamata alla II Cattedra laprof. Erminia Carapella De Luca che passerà nel 1988-89 alla ICattedra. Nello stesso tempo fu chiamato da Sassari il prof.Marcello Orzalesi per la Cattedra libera che prese il nome diPediatria Preventiva e Sociale. Il prof. Orzalesi diventò in seguito primario neonatologodell’Ospedale Bambino Gesù. La prof.ssa Carapella, per motivi disalute, si ritirò nel 1998. Dopo un interregno durato diversi anni, neiquali l’Istituto di Puericultura è stato diretto dai professori associatiLapi e Schwarzenberg, nel 2004 è stato chiamato da Palermo il prof.Mario De Curtis. L’Istituto era passato a fare parte delDipartimento di Ginecologia e Ostetricia nel 2001. BIBLIOGRAFIA1. LAPLANE R., French Pediatrics. In: NICHOLS B.L. Jr., BALLABRIGA A., KRETCHMER N. (a cura di), History of Pediatrics 1850-1950. New York, 1990, pp. 39-48; BABONNEIX L., Introduction. In: Traité de Médecine des enfants. Paris, 1934, pp. 59-105.2. LATRONICO N., Storia della pediatria. Torino, Minerva Medica, 1977.3. CAFFARATTO T.M., Il primo Ospedale infantile in Torino (1843). Pagine di Storia della Medicina 1971; XV (1): 30-32; 34-37.4. MARTINELLI V., Dal Tevere al Gianicolo: l’Ospedale del Bambino Gesù tra cronaca e storia. Roma, ed. dell’Obelisco, 1980. SIRONI A., NAPOLI C. (a cura di), I piccoli malati del Gianicolo: storia dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù. Bari, Laterza, 2001. Pazzini A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.5. CANTANI A., Concetti Luigi. In: Dizionario biografico degli Italiani. XXVII, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1982, pp. 711-713.6. CRESPI M., Baccelli Guido. In: Dizionario biografico degli Italiani. V, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1963, pp. 13-15.7. MARCONI, P., Il padiglione di pediatria nel Policlinico, Umberto I a Roma. Dattiloscritto redatto in occasione del restauro dell’Aula Magna della Clinica Pediatrica.8. PAVAN A., Caronia Giuseppe. In: Dizionario biografico degli Italiani. Primo Supplemento, XXXIV, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1988, pp. 664-666.9. BURGIO G.R., Frontali Gino. In: Dizionario biografico degli Italiani. L, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1998, pp. 605-606. 248
  • 229. LA CLINICA OTORINOLARINGOIATRICA ROBERTO FILIPO - ELIO DE SETA 249
  • 230. La Clinica OtorinolaringoiatricaI primi anni del’insegnamento Alla Regia Università di Roma, nell’elenco delle materie indicatesenza alcuna distinzione tra quelle del Corso di Laurea in Medicinae chirurgia dell’anno 1871-72, fa la sua prima comparsa un corso diOtoiatria affidato a Clemente Emilio De Rossi. Il corso, nel 1873-74, prende il titolo di Otoiatria pratica e nell’anno seguente (1874-75) ne viene specificato il carattere di «Corso libero complementa-re». Nel 1877-78 l’insegnamento entra a far parte dei corsi ufficialida conferirsi per incarico; tale incarico De Rossi tiene anche neglianni seguenti, finché nel 1881-82 viene istituita la Cattedra di ruoloe il De Rossi ne è nominato titolare. Clemente Emilio De Rossi era nato il 10 febbraio 1844 aMentone. Ancora giovanissimo, divenne il più insigne cultore italia-no di otologia tanto che nel 1870 fu invitato ufficialmente a Romaper tenere alcune conferenze sulle malattie dell’orecchio; quandonell’a.a. 1881-82 fu istituita la Cattedra di ruolo di Otoiatria, DeRossi divenne il primo titolare della materia. Era nato così in Italia l’insegnamento accademico dell’otoiatria,ma una Clinica universitaria vera e propria non esisteva ancora, dalmomento che non erano previsti sussidi per l’attività assistenziale escientifica né era possibile disporre di letti per i ricoveri. I locali destinati all’insegnamento di questa disciplina furono difortuna, all’inizio, e per nulla rispondenti ad ancorché minime esi-genze di pratica clinica e di insegnamento. Anche la sede non erafissa, ma negli anni aveva subito spostamenti: dal 1871 al 1874 lelezioni si tennero due volte alla settimana nel Teatro anatomico di S.Spirito; dal 1874 al 1890 presso l’Ospedale di S. Giacomo; dal 1890al 1898, presso l’Ospedale di S. Giovanni Calibita; dal 1898 al 1901,nuovamente presso l’Ospedale di S. Spirito. Ma i locali erano insuf-ficienti e, come lo stesso De Rossi lamentava in una sua vigorosaprotesta al Ministro, mancanti assolutamente del reparto clinico. Nell’anno 1884-85, il corso di Otoiatria rimaneva tra quelli “com-plementari” del VI anno e tra quelli “liberi” compariva un altrocorso, tenuto anch’esso da De Rossi, dal titolo «Laringoscopia »· Nell’anno seguente (1885-86) entrambi i corsi appaiono tra quel-li complementari del VI anno ma il titolo di Laringoscopia è mutatoin Laringorinologia: orecchio, naso e gola erano già compresi, tuttie tre, sia pure in due corsi d’insegnamento. Nel giugno 1891, con l’applicazione dell’articolo 96 della leggeCasati, Clemente Emilio De Rossi fu nominato professore ordina- 251
  • 231. Roberto Filipo - Elio De Setario di Otoiatria e questo rappresentò un’enorme evento poiché fu ilprimo otoiatra a rivestire questo ruolo in Europa. In quegli anni De Rossi dette vita a una Scuola molto frequentatae il suo impegno si caratterizzò, oltre che per la notevole produzio-ne scientifica, anche per i brillanti progressi che seppe apportare alletecniche chirurgiche in vigore a quel tempo. Nel 1876 De Rossidescrisse la miringotomia (effettuata già nel 1870); in seguito pub-blicò studi sulla tenotomia del tensore del timpano e dello stapedioe sulla disarticolazione dell’incudine dalla staffa, intervento questoche effettuò a scopo funzionale nel 1878, per primo, ottenendo risul-tati soddisfacenti1. Tra gli strumenti chirurgici da lui ideati ricordiamo il divaricato-re ortostatico per la chirurgia mastoidea, l’otoscopio operatorio, iferri per la microchirurgia otologica, il dilatatore a punto d’arrestonell’antro mastoideo. Mise in atto tecniche chirurgiche innovatriciquali: il metodo di otoplastica, l’uso del trapano a mano per aprirela mastoide in modo meno traumatico, l’impiego dell’infuso di“jequizitv” per sterilizzare la mucosa infetta della cassa timpanica incaso di otiti medie purulente croniche e l’applicazione dell’elettroli-si all’ablazione dei tumori laringei. Nel 1893 De Rossi fondò con Giuseppe Gradenigo la rivistaArchivio italiano di otologia, rinologia e laringologia. Alla Scuola di De Rossi si perfezionarono diversi specialisti e trai molti citiamo il suo futuro successore Gherardo Ferreri, Avoledoche dirigerà in seguito il reparto di otoiatria dell’Ospedale Maggioredi Milano, Faraci che insegnerà all’Università di Palermo, GelasioChiucini e Gaetano Geronzi che, per conto dell’Università di Roma,terranno alcuni corsi a titolo privato, il figlio Carlo che divennedirettore del reparto specialistico Marchiafava a Sampierdarena, DeCarli. De Rossi morì a Roma nel novembre 1901. La Scuola, la didattica, l’attività di ricerca Successore sulla Cattedra di otoiatria a Roma fu GherardoFerreri il quale assunse l’incarico della Cattedra vacante per lamorte del suo maestro, divenendo nel 1903 professore straordinarioe nel 1909 ordinario. Ferreri, nato a Cuneo nel 1856, si era laureato in Medicina eChirurgia a Roma nel 1880, già assistente e poi aiuto di De Rossi findal 1888. Sotto la sua direzione, nel 1905, il corso di Clinica otoiatrica erinolaringologica venne finalmente indicato con il titolo di 252
  • 232. La Clinica OtorinolaringoiatricaOtorinolaringoiatria, insegnamento complementare del quinto annodi corso. Gherardo Ferreri, nel 1906, trasferì la Clinica otorinolaringoiatri-ca dall’Ospedale S. Spirito al “nuovo” Policlinico Umberto I. Nellanuova sede la Clinica fu sistemata nello stesso fabbricato della pato-logia chirurgica, ma da questa era completamente separata nelle salee nei servizi. Era la prima volta che la Clinica otorinolaringoiatricaaveva un edificio a sé stante e il merito fu tutto di Ferreri e del mini-stro della Pubblica Istruzione di allora, Guido Baccelli. Ben presto,per lo sviluppo scientifico della disciplina e per nuove esigenze dispazio, furono utilizzati anche locali non previsti nella costruzione,quali porticati e sotterranei, che vennero chiusi e trasformati inambienti clinici. La produzione scientifica di Ferreri fu contenuta principalmentenegli Atti della Clinica otorinolaringoiatrica periodico da lui stessofondato nel 1903, in Archivio italiano di otologia e negli Archivi ita-liani di laringologia. In molti argomenti egli ha lasciato una sua personale impronta,recando l’apporto della sua cultura ed esperienza. Apprezzatissimifurono i suoi manuali e la monografia Indirizzo pratico alla diagno-si e cura delle malattie della lingua, pubblicata nel 1890. Si occupòa fondo, inoltre, della funzione sociale della medicina, propugnandotra i primi l’istituzione dei dispensari antitubercolari. Tra gli stru-menti da lui ideati vanno citati: l’abrasore laringeo ad anse nascoste,la pinza curva da piccola chirurgia laringea con punte cambiabili el’allacciapolipi laringeo; inoltre la cannula a doppia corrente per leirrigazioni auricolari antisettiche continue, la sonda per iniezioniendotimpaniche graduate di ossigeno, l’apparecchio per il massag-gio e la ginnastica del timpano e degli ossicini. Gherardo Ferreri fu il primo otorinolaringoiatra italiano a effet-tuare l’intervento di laringectomia totale2, mettendo in atto la tecni-ca che Francesco Durante propose nel 1904. Tenne a lungo e prestigiosamente la Cattedra fino al 1929 anno-verando tra i suoi allievi il nipote Giorgio, Guglielmo Bilancioni eGiuseppe Vidau. Ferreri morì a Roma il 22 gennaio 1929. Guglielmo Bilancioni direttore della Clinica otorinolaringoiatri-ca dell’Università di Pisa, fu chiamato nel 1929 dalla Facoltà roma-na a ricoprire la Cattedra rimasta libera dopo la morte di GherardoFerreri. Bilancioni era nato a Rimini il 2 luglio 1881 e si era laureato a 253
  • 233. Roberto Filipo - Elio De SetaRoma nel 1905. Dal 1907 al 1910 aveva ricoperto il ruolo di assi-stente e poi di aiuto negli Ospedali riuniti di Roma. Si trasferì suc-cessivamente nella Clinica ORL di Roma diretta da GherardoFerreri dove, nel 1913, conseguì la libera docenza in otorinolaringo-iatria. Dopo aver prestato negli anni della grande guerra la sua operacome maggiore medico, diresse a Roma il reparto otoiatricodell’Aeronautica militare, sviluppando brillanti studi sulla funziona-lità labirintica in condizioni di ipossia. Diede nuovo impulso allo sviluppo della Clinica, anche se i suoiprogetti erano assai più vasti di quanto in effetti non riuscì a realiz-zare con i mezzi che aveva a disposizione. Così si limitò ad attuaregli interventi richiesti dalle carenze funzionali più evidenti. Organizzò gli ambienti per l’esame funzionale dell’orecchio, ilreparto di radiologia, il laboratorio di fonetica biologica in modo cheil malato potesse passare da una sala all’altra senza perder tempo econcludere rapidamente l’esame. Bilancioni diede, inoltre, notevole sviluppo all’esame radioscopi-co del torace, estendendo l’indicazione a tutte le forme di laringitecronica anche non specifica. Promosse un più diffuso impiego del-l’esame radiologico del cranio, dei seni paranasali e dell’orecchiomedio con risvolti positivi dal punto di vista diagnostico e chirurgi-co. Furono inoltre allestite sale operatorie riservate alla bronco-esofa-goscopia - allora agli albori in Italia - con attrezzature complete, ivicompreso un impianto radiologico che consentiva di interveniresotto controllo RX, laboratori di chimica e batteriologia, il museoanatomo-patologico e uno stabulario per piccoli animali da esperi-mento3. Tra gli apparecchi e i ferri chirurgici da lui ideati, ricordiamo l’ap-parecchio per la transilluminazione laringea, le forbici da turbinoto-mia e l’apparecchio per la cloronarcosi nella chirurgia dei seni para-nasali. La produzione scientifica fu notevole includendo più di 300 pub-blicazioni e abbracciò, oltre le diverse branche della specialità,anche la storia della medicina di cui era profondo cultore. Possiamo schematizzare i principali campi di interesse: la patolo-gia tubercolare, gli studi di fonetica biologica e sperimentale (Lavoce parlata e cantata, normale e patologica, 1923), i fattori eredi-tari nella patologia otorinolaringoiatrica (Prime linee di una patolo-gia dello sviluppo, 1932), la storia della medicina con argomenti 254
  • 234. La Clinica Otorinolaringoiatricainerenti le scoperte in campo specialistico dei medici italiani delpassato (Eustachio, Spallanzani, Valsalva, Morgagni, Corti, Scarpa). Nel 1925 fondò la rivista Valsalva e nel 1928 pubblicò il Manualedi otorinolaringoiatria, opera in quattro volumi. Fu membro della Reale Accademia Medica di Roma e socio fon-datore della Società otorinolaringoiatrica latina. Morì a Roma il 6gennaio 1935. A Bilancioni successe il suo aiuto Giuseppe Vidau; romano dinascita, si laureò e svolse tutta la carriera universitaria presso ilnostro Ateneo. Dal 1921 al 1925 fu assistente volontario; dal 1925al 1931 è stato assistente di ruolo e poi aiuto (1931-35) del profes-sor Bilancioni. Fu nominato professore ordinario nel 1942. Diresse la Clinica fino alla sua morte (1954) con un intervallo, permotivi politici, dal 1943 al ‘45; in quegli anni fu sostituito dal suoaiuto Ettore Borghesan. La produzione scientifica di Vidau fu quanto mai varia e riguardòi più importanti problemi di patologia e clinica otorinolaringoiatri-ca: le malattie dell’epiglottide, i traumi del naso e delle cavità para-nasali, la patologia del setto nasale, la plastica per fistole tracheola-ringee. Ampliò e migliorò la Clinica di cui gli era stata affidata la direzio-ne: creò nuovi reparti destinati alla foniatria, audiologia ed elettrofi-siologia specialistica, ma da tempo si era reso conto che la strutturadella vecchia Clinica, inaugurata da Gherardo Ferreri nel 1906, nonpoteva reggere il passo delle necessità sviluppate con l’evoluzionedella specialità. Negli ultimi anni della carriera Vidau si adoperò perfar iniziare, all’interno del Policlinico Umberto I, la costruzione diun nuovo e razionale edificio - la sede attuale - che accogliesse laClinica otorinolaringoiatrica, per la quale dette preziose indicazionie direttive. Purtroppo non poté veder compiuto interamente il suogrande sogno, poiché morì di infarto cardiaco a Roma nel 1954. Vidau dette vita ad una Scuola nella quale si formarono futuri cat-tedratici e primari ospedalieri: Donato di Vestea, direttore dellaClinica ORL di Perugia (1939-43); Ettore Borghesan, direttore dellaClinica ORL di Palermo; Vincenzo Fortunato, direttore della ClinicaORL di Perugia (1944-53), poi di Catania (1953-66) e infinedell’Università Cattolica di Roma (1966-75); Leopoldo Fiori-Ratti,direttore della Clinica ORL di Perugia (1962-71), di Napoli (1971-75) e della Cattolica di Roma (1975-83); Domenico Raschellà, pre-maturamente scomparso; Domenico Filipo che, dopo aver diretto laClinica ORL di Perugia (1953-62), ricoprirà la Cattedra di Roma; 255
  • 235. Roberto Filipo - Elio De SetaRodolfo Bormioli, primario per oltre quindici anni del reparto ORLdell’Ospedale S. Giovanni di Roma. Alla morte di Vidau fu chiamato a ricoprire la Cattedra GiorgioFerreri, nipote di Gherardo e allievo della Scuola romana. GiorgioFerreri, nato a Roma il 24 settembre 1893, partecipò alla prima guer-ra mondiale come ufficiale di artiglieria e si laureò a Padova nel1917. Dopo la guerra entrò come assistente ordinario nella Clinicaotorinolaringoiatrica dell’Università di Roma diretta dallo zioGherardo. Conseguì la libera docenza nel 1923 e per un decennio(1930-40) fu professore incaricato di otorinolaringoiatria pressol’Università di Perugia. Divenuto primario del reparto ORL dell’Ospedale S. Camillo diRoma (1934-54), mantenne l’insegnamento a Perugia fino al 1940.L’attività clinica e chirurgica non lo allontanarono comunque mai daquella scientifica. Socio delle Società ORL francese, belga, austria-ca e polacca, del Collegium ORL Amicitiae Sacrum, dell’Inter-national Broncho-Esophagological Society, dell’InternationalCollege of Surgeons, fu in stretto contatto con i più illustri esponen-ti dell’otorinolaringoiatria di allora grazie alla frequenza assiduadelle principali Cliniche e ai congressi europei della specialità4. Nel 1947 fondò il Gruppo otologi ospedalieri italiani (GOOI)concepito come forma di tutela degli specialisti ospedalieri nei con-fronti dell’allora predominante potere universitario. Nel 1950 orga-nizzò a Roma una riunione straordinaria del CollegiumOtorinolaryngologicum Amicitiae Sacrum. Dal 1953 al 1954 fu pre-sidente della Società italiana di otologia, rinologia e laringoiatria eorganizzò il 51° Congresso nazionale a Roma e il 52° a Trieste. Nel 1954, alla morte di Vidau, fu nominato professore incaricatodi Clinica ORL presso l’Università degli Studi di Roma; nel 1956divenne professore straordinario e infine ordinario nel 1959. Inaugurò nel 1955 la nuova sede della Clinica ORL nelPoliclinico Umberto I che subito organizzò e perfezionò nelle suestrutture interne. Si tratta dell’edificio sede dell’attualeDipartimento Assistenziale Integrato (DAI) di Otorinolaringoiatriadell’Università “La Sapienza” di Roma che al tempo rappresentavauno dei più moderni complessi sanitari esistenti. L’edificio, ubicato nel Policlinico, lungo il lato prospiciente vialedell’Università e posto tra la Clinica dermosifilopatica e la “nuova”Clinica urologica, era composto da reparti di degenza per comples-sivi 118 letti, due complessi operatori, il reparto radiologico, ilreparto per visite ambulatoriali e dai servizi speciali quali l’otoneu- 256
  • 236. La Clinica Otorinolaringoiatricarologia, l’olfattometria, l’audiologia con le cabine silenti, la fonia-tria, la tracheobronco-esofagoscopia, l’anatomia patologica, lamicrobiologia, il laboratorio d’analisi e gli stabulari. Alla didattica era riservata un’aula di 168 posti e una fornitissimabiblioteca. I reparti di degenza erano articolati su quattro piani (fino al 1968il terzo piano ospitò un reparto di chirurgia generale) e i complessioperatori ubicati all’ultimo piano. Tra il blocco operatorio e l’auladelle lezioni esisteva un impianto televisivo per mezzo del quale glistudenti potevano seguire gli interventi chirurgici. Ciascuna salaoperatoria era dotata di tutti i servizi accessori e costituiva pertantoun’unità organica a sé stante. L’istituto già allora era dotato di lavan-deria autonoma, telefoni interni e segnalazioni acustiche radio a cuf-fia5. L’apertura mentale conseguita grazie ai continui scambi culturalicon l’estero spinse Giorgio Ferreri a fondare nel 1959 la rivistaItalian general review of otorhinolaryngology edita in inglese efrancese che tuttavia non ebbe la fortuna che avrebbe meritato, pro-babilmente per il fatto che allora erano ancora pochi i colleghi cheavevano compreso l’importanza di lavorare in stretta sintonia conscuole estere. Avendo intuito, inoltre, che ciascuna branca dell’otorinolaringoia-tria stava evolvendo verso una superspecializzazione, indirizzòalcuni collaboratori in differenti campi come la chirurgia plastica,l’otoneurologia, l’otochirurgia. Fu autore di circa 120 pubblicazioni tra le quali: il capitolo sullachirurgia del labirinto e le complicanze endocraniche otogene nelTrattato di Chirurgia otorinolaringologica di Caliceti (1940);Anestesia locale e anestesia generale nella tonsillectomia (1948);Cancro della laringe: Chirurgia e radioterapia (1949); Tentativi dicura dell’ozena con impianto endonasale di placenta (1949);Moderne acquisizioni sulla genesi e sul significato delle due compo-nenti del nistagmo vestibolare (1952) e ancora studi sulle neuritiottiche di origine sinusale, sulla malattia di Wegener e il granulomagangraenescens. A lui si deve la descrizione di un sintomo – il sin-tomo auricolare di Ferreri - nei tumori peritubarici. Morì improvvisamente per infarto cardiaco nel luglio del 1961. Giorgio Ferreri fu, nell’ambito dell’otorinolaringoiatria italianadell’epoca, una delle più autorevoli figure di clinico e di ricercato-re; dette vita a due scuole, una ospedaliera, nata nel periodo del pri-mariato al San Camillo e l’altra universitaria. Tra gli allievi del ventennale periodo ospedaliero ricordiamo 257
  • 237. Roberto Filipo - Elio De SetaEdmondo Coppo, Vittorio Pescetti, Goffredo Carfagni e AnnibalePerrino divenuti tutti, in successione, primari ORL dell’IstitutoRegina Elena di Roma; Ugo Bombelli primario dal 1950 pressol’ospedale San Giovanni di Roma, Michele Di Girolamo primariodal 1950 al 1970 all’Ospedale Fatebenefratelli di Roma, MarioModestini, Roberto Valerio e Virgilio Pinelli giunti anch’essi al ver-tice primariale. Allievi degli anni in cui Ferreri fu direttore della Clinica di Romafurono Lucio Coppo, poi primario a Rieti; Stelio Crifò, futuro catte-dratico di Audiologia all’Università “La Sapienza”; Antonio Cerrettie Luciano Curi, primari ORL prematuramente scomparsi. Alla morte di Giorgio Ferreri ladirezione della Clinica fu affidatatemporaneamente a GiorgioPaludetti, aiuto anziano, fino al 1962quando a ricoprire la Cattedra fuchiamato il professor DomenicoFilipo, direttore della Clinica otori-nolaringoiatrica dell’Università diPerugia dal 1953, per il quale l’inca-rico romano rappresentava un ritor-no alla sede d’origine e il corona-mento di una carriera iniziata quasitrent’anni prima. Nato a Polistena (RC) l’8 maggio1904, si era laureato a Roma nel Fig. 1 – Domenico Filipo1930. Allievo del professorBilancioni, aveva frequentato diversi corsi specialistici nelleCliniche di Vienna e Parigi e nel 1938 aveva conseguito la liberadocenza. Fu aiuto di ruolo dal 1946 al 1957, ma in realtà dal primo novem-bre 1953 fu chiamato dall’Università di Perugia a dirigere la ClinicaORL. Nel 1957 fu nominato professore straordinario e quindi ilprimo novembre 1962 fu chiamato dalla Facoltà di Roma a ricopri-re la Cattedra lasciata libera da Giorgio Ferreri. Al momento del trasferimento a Roma, Domenico Filipo avevapubblicato circa 90 lavori scientifici, realizzati, quasi in egual misu-ra, metà nel periodo in cui era stato assistente e aiuto a Roma e metànel periodo della direzione della Clinica di Perugia. Di particolare importanza è la Relazione Ufficiale sui Tumori 258
  • 238. La Clinica Otorinolaringoiatricamaligni primitivi del rinofaringe presentata al Congresso nazionalea Roma nel 1950. Vanno ricordati inoltre: il Trattato diOtorinolaringoiatria in due volumi (1967), la monografia sullaTerapia delle malattie otorinolaringoiatriche e la relazione ufficia-le Le angiopatie in ORL presentata al Congresso nazionale di otori-nolaringoiatria tenutosi a Firenze nel 1960. Nella Clinica ORL del nostro Ateneo, Filipo tradusse in pratica isuoi interessi scientifici, potenziando notevolmente i servizi di audio-logia e di foniatria, incrementando l’attività operatoria con particola-re riguardo alla laringectomia totale per la cura dei tumori malignidella laringe e creando così una Scuola di specialisti che in Italia rag-giunse livelli apicali in diverse sedi universitarie e ospedaliere6. Tra gli allievi di Domenico Filipo che hanno conseguito cattedreuniversitarie citiamo: Tommaso Marullo e Italo de Vincentiis, giàdirettori della prima e seconda Clinica ORL dell’Università “LaSapienza” rispettivamente; Maurizio Maurizi, direttore della ClinicaORL di Perugia (1971-1987) e successivamente (1988-2005) dellaClinica ORL dell’Università Cattolica di Roma; Alberto DiGirolamo, direttore della Clinica ORL di Roma “Tor Vergata”,Desiderio Passali, già direttore della Clinica ORL de L’Aquila,attualmente a Siena. Allievi che hanno conseguito il primariato ospedaliero della spe-cialità sono stati, invece, Luigi Bernicchi a Città di Castello,Giuseppe Archilei a Foligno, Alfredo Cimino a Catanzaro, GiancarloZaoli a Rimini, Antonio Luvarà a Reggio Calabria e molti altri. Filipo diresse la Clinica di Roma come unico cattedratico fino al1969, poi, con lo sdoppiamento della cattedra, mantenne la direzio-ne della prima fino al 1974, anno del pensionamento. Morì a Romanel 1976. Italo de Vincentiis, trasferitosi a Perugia nel 1953 al seguito delprofessor Domenico Filipo, rientrò con lui a Roma nel 1962. Nel1970, avendo Filipo sdoppiato la Cattedra, è stato nominato ordina-rio, ricoprendo la seconda Cattedra di Clinica ORL. Italo de Vincentiis ha pubblicato, anche come coautore, diversitrattati e monografie e 47 pubblicazioni indexate. Tra i suoi lavori:Le micosi in otorinolaringoiatria (1961), La puntura citodiagnosti-ca linfonodale in otorinolaringoiatria (1964), Le osteopatie rare inORL (1967), Otosclerosi e stapedectomia (1974); hanno suscitatoparticolare interesse, inoltre, le pubblicazioni sulla laringe artificia-le, sulla malattia di Ménière, sulle ipoacusie neurosensoriali e sullealgie craniofacciali. 259
  • 239. Roberto Filipo - Elio De Seta E’ stato tra i fondatori dell’AUORL (1971). Nel 1980 ha istitui-to, presso la Clinica ORL, il reparto di chirurgia maxillofacciale. Èstato presidente della Società italiana di otorinolaringoiatria, di quel-la di foniatria e direttore della rivista Valsalva. È stato membro delConsiglio superiore di sanità e vicepresidente della Società europeadi otorinolaringoiatria (EUFOS). Tra i suoi allievi ricordiamo Giorgio Iannetti, direttore diChirurgia Maxillo-Facciale a “La Sapienza”, Alberto Biserni vinci-tore del concorso a cattedra ORL in Clinica nel 1986, pochi mesiprima della sua prematura scomparsa, Marco Fusetti, attualmentedirettore della Clinica ORL de L’Aquila. E’ andato in pensione un anno prima della naturale scadenza. Nel 1974, quando Domenico Filipo ha lasciato la direzione dellaprima Cattedra, il suo posto è stato occupato dal professor TommasoMarullo che dal 1973 già ricopriva l’insegnamento di Clinica ORLdella terza Cattedra. Tommaso Marullo è autore di 42pubblicazioni scientifiche indexate edi numerose relazioni ufficiali pre-sentate a Congressi nazionali dellesocietà italiane di otorinolaringoia-tria e di audiologia. Fra le relazioni ufficiali svolte perla SIO sono da ricordare Le malfor-mazioni dell’orecchio (1954),L’arteriografia vertebrale in otori-nolaringoiatria (1970), I tumorimaligni primitivi del seno e dell’os-so mascellare (1974); fra le relazio-ni svolte per la Società italiana diaudiologia quella sulla Semeiologia Fig. 2 – Tommaso Marulloe clinica dell’insufficienza vertebro-basilare (1978). Tra gli argomenti di ricerca perseguiti appassionatamente, vannoricordati gli studi sperimentali sulle malformazioni dell’orecchio,quelli sulla impedenzometria posizionale, sulla faticabilità e recupe-ro della funzione uditiva, sul circolo cerebrale; inoltre le innovazio-ni apportate alle tecniche per la terapia chirurgica funzionale delleneoplasie maligne della regione sovraglottica, nonché delle neopla-sie estese a più regioni laringee, ma non profondamente infiltranti, 260
  • 240. La Clinica Otorinolaringoiatricatrattamento che prevede l’eviscerazione sottopericondrale internanel rispetto dello scheletro dell’organo. Tommaso Marullo è stato per nove anni membro del ConsiglioSuperiore di Sanità; membro elettivo del Comitato nazionale per lescienze biologiche e mediche del CNR; membro del Consiglioscientifico del laboratorio di neurofisiologia del CNR di Pisa. Èstato presidente della Società Italiana di Audiologia. Tra gli allievi divenuti professori ordinari, Roberto Filipo è l’at-tuale Direttore del Dipartimento Assistenziale Integrato diOtorinolaringoiatria de “La Sapienza” e Mario Fabiani è Audiologonel nostro Ateneo; tra quelli che hanno conseguito i vertici primaria-li ricordiamo Paolo Bolasco a Roma (Ospedale Nuovo ReginaMargherita) e Fulvio Carluccio ad Avezzano. Nel 1991 è stato decorato di medaglia d’oro al merito della SanitàPubblica; si è spento nel maggio del 2004. Il professor Stelio Crifò (1929-1980) nell’arco di tutta la carrierasì dedicò a studi di anatomia e di istologia inerenti i diversi settoridella specialità e nel 1956 fu nomi-nato dirigente dei laboratori di ricer-ca della Clinica ORL di Roma. Crifò è stato redattore della rivistabilingue Italian general review ofotorhinolaryngology, fondata ediretta dal suo maestro GiorgioFerreri; dal 1970 fu redattore capodella rivista Valsalva e dal 1979anche del Bollettino della SocietàItaliana di audiologia e foniatria. Nel 1972 istituì presso la ClinicaORL un servizio speciale centraliz-zato di diagnosi e cura per le malat-tie allergologiche e immunologiche. Nel 1974 fu nominato, fra i primi Fig. 3 – Stelio Crifòin Italia, professore ordinario diaudiologia, direttore della Cattedra omonima presso la Clinica diRoma ed inoltre responsabile della terza divisione ORL. Fu uno dei più convinti assertori della necessità di autonomizzarel’audiologia dall’otorinolaringoiatria e nel 1979 attivò la Scuola dispecializzazione in audiologia. 261
  • 241. Roberto Filipo - Elio De Seta Fu membro del comitato CNR per la medicina e biologia, presi-dente della Società italiana di otorino-laringologia pediatrica e dellaSocietà italiana di audiologia, componente della commissione delMinistero della Sanità per il Servizio Sanitario Nazionale, socio dinumerose organizzazioni scientifiche italiane e straniere. Ha curato la traduzione italiana di trattati di patologia e chirurgiaotorinolaringoiatrica: Ballantyne e Naumann. Tra le pubblicazioni, numerosissime e ad impronta clinica e spe-rimentale, di particolare interesse sono gli studi sulla distribuzionedei mucopolisaccaridi acidi nella mucosa nasale, sulla granulomato-si di Wegener e sulle mesenchimopatie, le ricerche di audiologia, glistudi sul lisozima e sul muscolo vocale, i capitoli delle relazioniufficiali La tonsilla linguale, Osteopatie rare in ORL, Sindromiostruttive acute di tipo asmatico; la monografia La puntura citodia-gnostica linfonodale in otorinolaringoiatria, il capitolo Le malattiedel naso sul Trattato di otorinolaringoiatria di Domenico Filipo.Stelio Crifò è improvvisamente deceduto il 16 giugno 1980, mentre,nel pieno dell’attività clinica e scientifica, stava per intraprendere untriennio di direzione dell’intera Clinica ORL di Roma7. Il professor Alberto Biserni (1946-1986) ricoprì l’incarico diinsegnamento al corso ufficiale di Clinica otorinolaringoiatrica giànel 1979. Nel 1980 fu nominato primario del servizio di laringobronco-eso-fagoscopia e nel 1982 professore associato e titolare della quartaCattedra di Clinica ORL. Tra le sue pubblicazioni sono da ricordarei lavori sperimentali sulla laringe artificiale e quelli sull’epidemio-logia e la terapia chirurgica del cancro laringeo. Alberto Biserni era noto in campo nazionale e internazionaleanche per essere stato molti anni segretario dell’AUORL e redatto-re capo della rivista Il Valsalva. Nel 1986, pochi mesi prima della prematura scomparsa, risultòvincitore del concorso a cattedra di Clinica otorinolaringoiatrica acoronamento di una particolare dedizione alla didattica e alla ricer-ca scientifica8. La Clinica attuale Marco de Vincentiis, professore associato nel 1987 pressol’Università di Chieti, ordinario nel 1990 e direttore della quartaCattedra di Clinica ORL a “La Sapienza”. Dirige attualmente ilDipartimento di ORL e Foniatria Giorgio Ferreri. I suoi campi di interesse riguardano soprattutto la chirurgia larin- 262
  • 242. La Clinica Otorinolaringoiatricagea subtotale, la microchirurgia laser C02, la chirurgia plastica rico-struttiva dopo demolizioni per neoplasie maligne del distretto cervi-cofacciale ed altre. E’ direttore del periodico Nuova medicina moderna e dal 1987della rivista Valsalva. E’ coordinatore nazionale del Gruppo di coo-perazione interdisciplinare in ORL e dal 1986 responsabile scientifi-co della ricerca CNR su Le lesioni precancerose della laringe: tipiz-zazione istologica, trattamento ed evoluzione verso il carcinoma. Giancarlo Cianfrone è professore associato di audiologiadall’82, ordinario nel 1990, da allora è titolare dell’insegnamento diaudiologia di Roma “La Sapienza”. Le sue pubblicazioni sono rivolte prevalentemente allo studiodella neuromeccanica e micromeccanica dell’organo del Corti e alleemissioni otoacustiche sulle quali ha organizzato conferenze e sim-posi anche internazionali. Ha curato le relazioni ufficiali dei congressi nazionali dellaSocietà italiana di audiologia e di otorinolaringoiatria su: L’indagineelettroacustica nella patologia della voce (1976), Gli acufeni (1983)e Fisiopatologia e clinica delle vie uditive del troncoencefalo(1985). Mario Fabiani, professore associato di Audiologia dal 1985, nellastessa matera è stato chiamato dalla Facoltà nel 2000 come profes-sore ordinario. E’ presidente del Corso d Laurea in Audioprotesi edirettore della scuola di specializzazione in Audiologia e Foniatriadal 2002; dal 2004 responsabile della UOC di Foniatria. Le sue ricer-che originali riguardano i potenziali evocati uditivi del troncoencefa-lo e le otoemissioni acustiche; negli ultimi dieci anni i suoi interessiscientifici si sono rivolti principalmente alla sindrome delle apneeostruttive durante il sonno e al russamento, a proposito dei quali haorganizzato due congressi internazionali a Roma. Roberto Filipo, specialista in ORL nel 1971 ed in neurochirurgianel 1976, ha frequentato come fellow in diversi periodi, a partire dal1971, l’House Ear Institute di Los Angeles e altri importanti Centriotologici statunitensi e lì ha acquisito, portandole a Roma, strategiecliniche e tecniche chirurgiche allora d’avanguardia e tuttora valide. Professore associato di Otorinolaringoiatria presso l’Universitàdegli Studi “La Sapienza” di Roma dal 1982 è stato chiamato dallaFacoltà come professore di prima fascia nel 1986, ricoprendo ilruolo di ordinario di audiologia ed è stato nominato primario del 263
  • 243. Roberto Filipo - Elio De SetaServizio speciale di audiologia della Clinica. Nel luglio del 1987 èstato chiamato, per trasferimento, a ricoprire la III Cattedra dellaClinica ORL. Presidente del Corso di Laurea “C” della Facoltà di Medicina eChirurgia a “La Sapienza” di Roma dal 1995 al 2001. Direttore delCentro Interuniversitario di Ricerca sulle Problematiche dellaSordità, dal 1998. Direttore del Dipartimento di Neurologia eOtorinolaringoiatria dell’Università degli Studi di Roma “LaSapienza” dal 2001. Direttore dell’istituto di Clinica Otorinolaringoiatrica dal 1990 al2001, Roberto Filipo è l’attuale direttore del DipartimentoAssistenziale Integrato (DAI) di Otorinolaringoiatria, realizzandocosì nuovamente, dopo oltre 20 anni, quell’unità organizzativa dellaClinica che si era persa dopo la scomparsa del padre. E’ stato direttore della Scuola di specializzazione in audiologia(1988-2001) e del corso di laurea per audiometristi fino al 2004.Dirige attualmente la II Scuola di Specializzazione in otorinolarin-goiatria. È stato presidente della Commissione medica della fonda-zione mondiale dei sordi e consulente scientifico per l’Ente naziona-le sordomuti. La sua produzione scientifica è stata sempre rivolta elettivamenteallo studio delle patologie funzionali e flogistiche dell’orecchiomedio e interno e la maggior parte dei lavori si riferisce a problema- Fig. 4 – Laboratorio di dissezione del temporale 264
  • 244. La Clinica Otorinolaringoiatricatiche tipicamente audiologiche e otologiche con numerosi contribu-ti clinici e sperimentali originali. Interessi clinici particolari sonol’otoneurochirurgia, la chirurgia dell’orecchio medio e soprattutto lachirurgia dell’impianto cocleare, eseguito in Clinica fin dal 1993,che è attualmente considerato il metodo più efficace e di avanguar-dia per la riabilitazione dell’udito in pazienti affetti da sordità seve-ra-profonda sia congenita che acquisita. Da molti anni, infine, ha allestito e dirige, all’ultimo piano dellaClinica, un Laboratorio del temporale con dieci postazioni peraltrettanti allievi, dotate di microscopio operatorio, trapani, aspirato-ri e microstrumenti. Con cadenza trimestrale vi si tengono corsi didissezione dell’osso temporale e chirurgia in diretta con docentidella Clinica e ospiti, esperti otologi di fama internazionale. BIBLIOGRAFIA1. CELESTINO D., CURI L. , La chirurgia funzionale dell’orecchio nei lavori di Clemente Emilio De Rossi. Valsalva 1965; 41(6):440-53.2. MORETTI A., CROCE A., Laringectomia totale: dal chirurgo generale all’otorinolaringoiatra. Acta Otorhinolaryngol. Ital. 2000; 20(1):16-22.3. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Voll. I e II, Roma, Istituto di Storia della Medicina, 1961.4. PALUDETTI G., Il Prof. Giorgio Ferreri (1893-1961). Valsalva 1961; 37:181- 185.5. DI GIROLAMO A., La storia dell’otorinolaringoiatria di Roma e del Lazio dalla fine dell’800 ad oggi. Riv. It. Otorinolar. Aud. Fon. 1991; 11:15-26.6. BELLUSSI G., In memoria del Prof. Domenico Filipo. Ann. Laringol. Otol. Rinol. Faringol. 1978; 76(2):179-80.7. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e Ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985.8. DE VINCENTIIS I., CROCE A., Evoluzione dell’ORL in ambito universitario a Roma “La Sapienza”. In: FELISATI D., I cento anni della otorinolaringoia- tria italiana. Firenze, Giunti 1992 pag. 71-88. 265
  • 245. LA CLINICA OCULISTICA PAOLA PIVETTI PEZZI 267
  • 246. La Clinica OculisticaI primi anni d’insegnamento L’insegnamento della Clinica Oculistica nell’Università “LaSapienza” di Roma inizia con l’istituzione della Regia Università:infatti, lo troviamo citato, per la prima volta, nella Convenzione sti-pulata il 27 dicembre 1870 tra il Ministro della Pubblica Istruzionee le Amministrazioni degli Ospedali ove è espressa la decisione disvolgere il corso di lezioni di Oculistica in locali messi a disposizio-ne presso l’Ospedale San Giacomo; viene colmata così questa lacu-na presente nell’Università Pontificia. Inizialmente, è nominatoDirettore della Clinica Oculistica Francesco Magni, provenientedall’Università di Bologna, ma già nell’anno successivo, a.a. 1872-73, l’insegnamento è tenuto da Francesco Businelli, trasferitosidall’Università di Modena. Businelli dedica una particolare cura alla didattica e rivolge la suaattenzione soprattutto ai problemi clinici quali l’oftalmopatia deineonati, la irido-coroidite simpatica, le flogosi del segmento anterio-re ed il glaucoma. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1907, l’insegna-mento è affidato al suo allievo Alfredo Fortunati fino a quando, nel1908, viene chiamato come Direttore Giuseppe Cirincione. Nel frattempo nel 1877, durante la direzione di Businelli, la Clinicadall’Ospedale San Giacomo è trasferita al Santo Spirito o più preci-samente all’Ospedale San Carlo, un edificio situato verso Ponte S.Angelo, staccato dal vecchio ospedale S. Spirito, ma di esso comun-que facente parte. In questo edificio la Clinica Oculistica può usufrui-re di un unico locale, situato al pianterreno, dove necessariamente tro-vano posto il laboratorio, l’ambulatorio e la clinica1. Nel 1905 laClinica ha la sua sede definitiva in una struttura appositamentecostruita al Policlinico Umberto I, dove è tuttora operante.La sede dell’Istituto L’edificio di Clinica Oculistica viene costruito, su progettodell’Architetto Podesti, all’estremità sinistra della fronte delPoliclinico … e si eleva sopra un’area di mq. 13002. E’ situato nellazona anteriore, la zona cioè che si affaccia sul viale del Policlinico(in passato via delle mura di Belisario). La costruzione prevede: nel-l’avancorpo un pianterreno ove collocare l’infermeria per bambinicon quattro sale, ognuna con sei letti; al primo piano due padiglionid’infermeria collegati da una galleria, uno a destra per le donne, unoa sinistra per gli uomini, divisi ciascuno in due sale ed ognuna dota-ta di cinque letti; inoltre una stanza per il medico di guardia e trecamere per malati isolati. Il secondo piano, nel progetto, è formatoda tredici camere destinate ai pensionanti e all’abitazione per gli 269
  • 247. Paola Pivetti Pezzistudenti. Nel retrocorpo un’antisala da cui si accede alla scala prin-cipale, una spaziosa sala d’aspetto, due camere di visita per il pro-fessore, due per gli assistenti e due camerini con lavandino e cesso3.I Maestri, la didattica, la ricerca Giuseppe Cirincione (Bagheria 1863 – Roma 1929) assume ladirezione della cattedra nel 1908 e la “nuova” clinica diventa unimportante centro di ricerca apprezzato a livello internazionale,dotato di laboratori, di una biblioteca ben fornita di periodici italia-ni e stranieri, di adeguata attrezzatura scientifica e di apparecchiatu-re adatte a riprendere gli atti operatori. L’obiettivo che vuole rag-giungere è quello di evitare che gli studenti debbano subire4: il calvario da lui percorso per il perfezionamento all’estero in clinica oculistica e viceversa spingere gli stranieri a venire in Italia a perfezionarsi nel grande centro oftalmologico di Roma. Di particolare interesse la sua raccolta di preparati istologici e didisegni riproducenti le malattie oculari. Cirincione è autore di importanti pubblicazioni relative alle suericerche sull’embriologia e istopatologia dell’apparato visivo, sultracoma, sulla tubercolosi del nervo ottico, sulla sclerosi congiunti-vale, su problemi chirurgici, clinici e di medicina legale. Ben con-sapevole dell’importanza delle pubblicazioni scientifiche, egli, nel1917, promuove la fondazione e dirige la rivista Annali diOttalmologia e Clinica Oculistica, nata dalla fusione di altri dueperiodici: Clinica Oculistica (1900-1915) e Annali di Ottalmologia(1871-1915). La sua fama di chirurgo è legata soprattutto agli inter-venti per innesti corneali; così Giuseppe Scuderi sottolinea la suaabilità chirurgica5: … Della sua incessante attività di clinico e di chirurgo, va ricordato che fu il primo a praticare con successo in Italia e in Europa l’innesto corneale (1907) su un occhio di un lavoratore cieco per leucoma, prelevando il disco di cornea da trapiantare dal bulbo di un altro paziente affetto da tumore maligno dell’orbita. Numerosi furono i suoi allievi che raggiunsero la Cattedra uni-versitaria: Speciale a Torino, Maggiore a Genova, Cattaneo aMilano, Lo Cascio a Napoli, Di Marzio a Bologna, Contino aPalermo. 270
  • 248. La Clinica Oculistica Nel 1926 Cirincione termina il suo ruolo di docente e l’insegnamento è affida- to come supplenza al suo allievo Quirino Di Marzio che mantiene l’incarico fino al 1929, quando viene chiamato a Roma il Professor Giuseppe Ovio. Giuseppe Ovio (Polcenigo (Udine) 1863- Roma 1957) ha diretto la Clinica Oculistica di Roma soltanto per sei anni, dal 1929 al 1935, dopo essere stato titolare della cattedra di Oculistica di Siena, Modena, Genova e Padova.Fig. 1 – Giuseppe Cirincione Fig. 2 – Giuseppe Ovio disegno a matita Fig. 3 – Giuseppe Ovio Scienziato e uomo di grande cultura, Ovio è stato un caposcuoladell’Oftalmologia Italiana. Le sue alte doti scientifiche sono ricordate nella commemorazio-ne fatta da Gian Battista Bietti in occasione della scomparsa del piùvenerando Maestro dell’Oftalmologia Italiana Giuseppe Ovio,Professore Emerito dell’Università di Roma6: … L’opera scientifica di Giuseppe Ovio si è concentrata in circa 100 pubblicazioni che hanno interessato, nel senso più vero della parola, tutti i campi dell’oftalmologia, … Degni di menzione sono anzitutto gli studi clinico-patologici dei suoi anni giovanili sull’oftalmia simpatica e sul glioma retinico, le indagini sperimentali sui traumatismi da pallini da caccia, nonché le classiche ricerche sulla cataratta artificiale ed in particolare su quella naftalinica. Nell’ambito dei contributi di anatomia e fisiologia fa poi spicco il grosso volume di “Anatomia e Fisiologia dell’occhio nella serie animale”, il più 271
  • 249. Paola Pivetti Pezzi completo del genere, ricchissimo di una messe di preziose notizie estremamente utili allo studioso, e che ebbe anche l’onore di un’edizione francese. … Non mancano trattazioni sui problemi della visione cromatica, campo nel quale Giuseppe Ovio ha pubblicato anche un prezioso volume, uscito pure in edizione francese. All’ottica fisiologica egli seppe anche indirizzare l’interesse di numerosi allievi ... un vasto e fecondo lavoro ha poi svolto nei riguardi della Storia della Medicina. Egli ci ha dato qui contributi di altissimo interesse e che rappresentano senza dubbio quanto di più vasto e completo sia stato scritto in italiano sull’oftalmologia, dal punto di vista storico. Vorremmo qui soprattutto ricordare il volume sull’ottica di Euclide, quello su G.B. Morgagni e i due volumi su Antonio Scarpa, precursore dell’oculistica moderna. Ma la visione sull’attività di Giuseppe Ovio quale scrittore di cose oculistiche non sarebbe completa, se non si avesse presente il suo “Manuale di oculistica pratica”, edito da Vallardi, che ebbe ripetute edizioni e sul quale si educarono numerose generazioni di medici. … …Per la stima della quale godeva negli ambienti oftalmologici anche stranieri fu piu’ volte chiamato a far parte di riunioni e congressi internazionali… Fece pure parte del Concilium Ophthamologicum Universale, quale rappresentante dell’Italia. Fu clinico valentissimo ed operatore sicuro e, soprattutto negli anni della sua maturità, godé di largo apprezzamento e successo professionale. Egli tuttavia non tenne mai a guadagni economici e si andò sempre più rifugiando nei suoi prediletti studi. Ebbe larga schiera di allievi e lasciò profondo solco del Suo passaggio nelle numerose sedi toccate dalla sua lunga carriera universitaria. Molti di essi ascesero a posti di rilievo nell’oftalmologia italiana e basterà qui ricordare i nomi di Pardo, di Lachi, di Leonardi, di Strampelli. Nel 1935 Ovio è dichiarato Professore fuori ruolo per raggiuntilimiti di età, ma continua la sua attività scientifica fino a tarda etàdedicandosi anche a ricerche storiche. Infatti nel 1950 pubblica il IVolume della Storia dell’Oculistica (dalle origini al 1850), nel 1952il II (dal 1850 al 1900); un enorme lavoro condotto con l’obiettivodi far chiarezza nella disciplina dell’oculistica e con la speranza,come egli afferma, che7: nel leggerlo qualcuno provassse un po’ del piacere da me provato nello scrivere questo libro, perché è la gioia maggiore che uno possa provare 272
  • 250. La Clinica Oculistica sapere che ciò che si è tanto amato interessi. La Cattedra di Oculistica, intanto, dal 1935 era stata affidata aVittoriano Cavara, (Castelmaggiore, Bologna, 1886 – Roma 1955)proveniente dall’Università di Napoli, dopo essere stato titolaredella Cattedra di Clinica Oculistica di Siena. Vittoriano Cavara, Socio fondatore della Società OftalmologicaItaliana, si dedica a numerosi aspetti della Oftalmologia. Particolareinteresse suscitano i suoi studi sulle micosi oculari, sui metodi didiagnosi differenziale tra pneumococco e streptococco (batteriolo-gia oculare), sulle malattie oculari di natura tubercolare; moltoapprezzati, inoltre, quelli sulle virosi, ricerche queste ultime che pre-senta nel 1952 a Torino al Congresso della Società con il titolo: Lemanifestazioni oculari delle malattie da virus e da rickettsie, susci-tando grande interesse. La relativa monografia ha rappresentato permolti anni il massimo testo di riferimento e di consultazione nelcampo delle virosi oculari. Fig. 4 – Vittoriano Cavara Le sue alte doti umane e di scienziato sono state così ricordate nella commemorazione fatta da Giambattista Bietti8: … Di lui si può con piena certezza affermare che raramente vi è stata tanta unanimità di consensi nel considerarlo su un piano elevatissimo di intelligenza, di capacità, di rettitudine, di bontà, di signorilità e di umanità … … Per quanto profondamente schivo da onori e da cariche i Suoi meriti grandissimi gli valsero i più alti riconoscimenti in Italia e all’Estero, onde fu ripetutamente membro di comitati e commissioni e socio di numerose accademie e società scientifiche italiane e straniere … Oltre alla sua opera di ricercatore va sottolineata quella di chirur-go; fu, infatti, tra i primi in Italia ad operare il distacco di retina. Sidedicò inoltre allo studio del trapianto di cornea e delle resine sinte-tiche in Oftalmologia. Tra i suoi allievi vanno ricordati oltre a Bietti, Marcello Focosicattedratico di Sassari, Siena e Firenze e Franco D’Ermo cattedrati-co a Cagliari, Bari, Padova e Roma – Tor Vergata. Alla sua morte, avvenuta in maniera improvvisa nel 1955, è chia-mato alla Direzione della Clinica il suo allievo Gian Battista Bietti. 273
  • 251. Paola Pivetti Pezzi Gian Battista Bietti (Padova 1907 – Roma 1977) ha diretto conaltissimo prestigio la Clinica Oculistica dell’Università di Roma, peroltre un ventennio, dal 1955 al 1977, dopo essere stato titolare delleCliniche di Sassari, Pavia e Parma. Durante la sua vita professionale Bietti svolge un’intensissimaattività clinica, scientifica e universitaria che gli fa guadagnare meri-tata fama internazionale come clinico insigne, scienziato di profon-da cultura e soprattutto Maestro appassionato, che tutt’ora vive conrimpianto nel ricordo dei suoi Allievi e della comunità scientificainternazionale. Il suo interesse di ricercatore e di clinico si rivolge a quasi tutti gliaspetti dell’oftalmologia: dalla fisiopatologia sperimentale all’isto-logia e microbiologia, alla clinica e terapia medica e chirurgica. Ha dato il proprio nome a più di 25 sindromi, malattie e tecnichechirurgiche. Precursore e pioniere della crioterapia in oftalmologia,per primo la propone nel trattamento del distacco di retina e delglaucoma. Sempre in campo chirurgico mette a punto originali inter-venti per la correzione della ptosi palpebrale e di particolari formedi strabismo, mentre in numerose monografie e pubblicazioni, ancheinternazionali, compendia le sue ricerche sulle vitamine, sul traco-ma, i virus, le distrofie corneali, le distrofie retiniche e sul trattamen-to chirurgico del glaucoma congenito. Collabora con il Centro Studi e Ricerche di Medicina Ae-ronautica, conducendo studi originali sulla circolazione retinica involo ad alta quota e si fa promotore della Scuola di Specializzazio-ne in Medicina Aeronautica Spaziale. Istituisce la Scuola Speciale per Ortottisti, prima in Italia, e dà unimportante contribuito all’istituzione dell’Oftalmologia Sociale. È nominato Presidente dell’International Organization againstTrachoma (OMS) e Vice Presidente dell’International Council ofOphthalmology 9. Particolarmente aperto verso esperienze e realtà culturali interna-zionali, viene spesso invitato dai più prestigiosi Dipartimenti diOftalmologia a tenere conferenze e letture magistrali e da questisoggiorni all’estero riporta sempre, con entusiasmo, idee originali enovità tecnologiche utili per modernizzare e incentivare l’attivitàclinica e di ricerca della “sua clinica”. Bietti, infatti, fin dai primi anni del suo insediamento a Roma, effet-tua una progressiva e moderna riorganizzazione della Clinica, dotan-dola di laboratori di ricerca e di nuove strumentazioni e tecnologie. Negli anni ’60 del secolo scorso la Clinica Oculistica contava di120 letti di degenza suddivisi in quattro reparti per adulti (due repar- 274
  • 252. La Clinica Oculisticati Uomini e due reparti Donne) e di un reparto Pediatrico di 22 letti,non sufficienti per soddisfarre le richieste di ricovero di bambiniaffetti da glaucoma congenito, cataratta e strabismo, provenienti datutte le regioni di Italia per essere operati dal Professore Bietti. La Clinica, quindi, viene dotata di reparti speciali di ricerca clinica, all’avan- guardia per l’epoca, affidati a valenti ricercatori; tra i reparti raggiungono l’eccel- lenza il Centro di Elet- troretinografia (con il Prof. A. Wirth), il Reparto di Ortottica (con il Prof. B. Fig. 5 – Il Prof. Bietti mentre esegue una tono- Bagolini), il Reparto Retina grafia con un prototipo di tonografo elettronico (con il Prof. M.R. Pan-narale), il Reparto Glaucoma (con il Prof. C.A. Quaranta ed il Prof.M.G. Bucci), il Centro di Fisiofarmacologia Oculare (con il Prof. M.Virno e la Prof. M. J. Pecori Giraldi) e, infine, il Centro Uveiti (conla Prof. P. Pivetti Pezzi). Bietti ha dato un notevole impulso alla ricerca, sia sperimentaleche clinica, stimolando i suoi allievi più giovani ad affrontare, coninteresse ed entusiasmo, le più attuali e difficili problematiche delmomento relative all’oftalmologia sempre sotto la sua precisa esapiente guida. Risultati significativi e internazionalmente ricono-sciuti si sono così ottenuti nel campo della terapia del glaucoma conl’individuazione di nuovi agenti osmotici e dei primi beta-bloccantitopici, nella terapia chirurgica e parachirurgica del distacco di reti-na, nello studio della fisiopatologia della motilità oculare e nellaprevenzione dell’ambliopia, nella patogenesi e terapia delle uveiti. Bietti certamente non è stato soltanto un grande ricercatore, ungrande clinico e chirurgo, un grande organizzatore, ma anche ungrande didatta. L’amore per lo studio, che trasmetteva a chi gli stavavicino, e la sua profonda cultura, non soltanto scientifica, si riflette-vano sulle sue innate capacità didattiche e sul suo spiccato senso deldovere per l’insegnamento. Sempre aperto e disponibile al dialogocon i giovani, ma nello stesso tempo esigente e rigoroso nella suafunzione di educatore e di Maestro. Le sue lezioni, i periodici incontri aperti a tutti gli oftalmologidella regione, i seminari e le riunioni del Circolo OftalmologicoRomano non si possono dimenticare; egli ha costituito, infatti, un 275
  • 253. Paola Pivetti Pezzipunto costante di riferimento e di guida per l’Oculistica Italiana delsuo tempo, uomo di scienza, prestigioso e appassionato organizza-tore di una grande Scuola, ma anche uomo di alte qualità morali eculturali. Nove suoi allievi sono diventati Professori Ordinari, ampliando ediffondendo la sua Scuola e i suoi insegnamenti: Antonio Grignolo(Genova), Alberto M. Wirth (Pisa), Bruno Boles Carenini (Torino),Bruno Bagolini (Roma, Cattolica), Carlo A. Quaranta (Brescia),Luigi Scullica (Roma, Cattolica), Mario R. Pannarale (Roma, LaSapienza), Massimo G. Bucci (Roma, Tor Vergata), Paola PivettiPezzi (Roma, La Sapienza).Fig. 6 – 1. Il Prof. G.B. Bietti davanti alla Clinica Oculistica di Roma nel 1968/69 insie-me agli Aiuti, Assistenti, Specializzandi, Ortottiste, Allieve Ortottiste e Ospiti stranieri: 2.B. Bagolini (P.O. Roma, Cattolica); 3. M. R. Pannarale (P.O. Roma, La Sapienza); 4. L.Scullica (P.O. Roma, Cattolica); 5. R. Vozza (Primario, Milano); 6. F. Bruna (Aiuto,Roma); 7. C.A. Quaranta (P.O. Brescia); 8. N. Capobianco (P.A. Siena); 9. B.S. Pristley(Univ. Boston, USA); 10. M. Virno (P.A. Roma, La Sapienza); 11. G.C. Modugno (P.A.Roma, La Sapienza); 12. F. Bozzoni Pantaleoni (Primario, Roma); 13. C. Bisantis (P.O.Padova); 14. G. Ravalico (P.O. Trieste); 15. P. Pivetti Pezzi (P.O. Roma, La Sapienza);16. M. G. Bucci (P.O. Roma, Tor Vergata); 17. A. Missiroli (P.A. Roma, La Sapienza); 18.R. Neuschüler (Primario, Roma);19. Koki Aoki (Univ. Sapporo, Giappone); 20. M. Stirpe(Pres. Fond. Bietti); 21. G.B. Moschini (P.A. Padova); 22. B. Ciucci (Primario, Roma);23. C. Santillo (Primario, Roma); 24. L. Cerulli (P.O. Roma, Tor Vergata). 276
  • 254. La Clinica Oculistica Come il suo maestro Vittoriano Cavara, anche Bietti muoreimprovvisamente mentre si trova in Egitto, al Cairo, per parteciparead un Congresso e la Facoltà di Medicina affida temporaneamentela Direzione dell’Istituto e l’Insegnamento al suo allievo MarioRosario Pannarale, titolare della Cattedra di Ottica Fisiopatologia ein seguito chiamato a ricoprire la I Cattedra di Clinica Oculistica. Infatti proprio in quell’anno, il 1977, il Ministero della PubblicaIstruzione concede il nulla osta per l’istituzione di una seconda Cattedradi Clinica Oculistica che si vuole ricoprire con la chiamata a Roma, pertrasferimento, di Giuseppe Scuderi, Professore Ordinario dal 1965 eDirettore dell’Istituto di Clinica Oculistica dell’Università di Bari. Mario Rosario Pannarale (Triggiano, Bari, 1926 – Roma 2002)svolge un’intensa e originale attività di ricerca clinica e sperimenta-le in numerosi campi dell’Oftalmologia. Di particolare rilievo lericerche sul tracoma, gli studi di Otticafisiopatologica, di elettrofi-siologia oculare e di biotecnologie, con la realizzazione di nuovistrumenti per la microchirurgia del segmento posteriore, e soprattut-to le ricerche sulla patologia vitreo-retinica, campo nel quale congrande passione ha raggiunto l’eccellenza. Degne di menzione sono in particolare le numerose tecniche inno-vative da lui adottate nella chirurgia del distacco di retina e dei forimaculari. Pannarale dirige per molti anni la Scuola speciale per Ortottisti e,dal 1980, la II Scuola di Specializzazione in Oftalmologia. Guidacon grande impegno l’attività di alcuni Servizi e Centri di ricerca,già presenti in Istituto, e promuove la nascita e lo sviluppo di altri.Di particolare rilievo: il Centro per la diagnosi e la chirurgia dellemalattie della retina; il Centro di Ortottica per lo studio e la curadelle anomalie della motilità oculare e della visione binoculare; ilServizio di diagnosi, profilassi e terapia medico-chirurgica dellaretinopatia diabetica e delle vasculopatie oculari; il Centro per leeredo-degenerazioni retiniche; il Servizio di laserterapia (LaserArgon/Krypton e Yag Laser); il Reparto di fisiofarmacologia ocula-re e glaucoma; il Centro di elettrofisiologia e tecniche biomediche. Sotto la sua direzione la I Clinica Oculistica diventa Centro diriferimento nazionale per la diagnosi e la terapia medica e chirurgi-ca delle malattie vitreo-retiniche. E’ stato socio fondatore del Club Gonin e membro di numerosesocietà internazionali di Patologia e Chirurgia Retinica. Nel 1998 è dichiarato Professore fuori ruolo per raggiunti limiti dietà rimanendo Direttore della II Scuola di Specializzazione in 277
  • 255. Paola Pivetti PezziOftalmologia fino al pensionamento nel 2001. Nel 2002 viene chiamata dalla Facoltà a succedergli la Prof.ssaPaola Pivetti Pezzi. Giuseppe Scuderi, nato a Giardini Naxos, Messina, nel 1918, ètrasferito a Roma nel 1977 da Bari per ricoprire la II Cattedra diClinica Oculistica. E’ conosciuto a livello internazionale per essere colui che10: primo in Italia e tra i primisimi nel mondo, ha isolato il virus del tracoma (1961) e sul tracoma stesso egli ha apportato importanti acquisizioni nella terapia medica e chirurgica, Anche importanti i lavori sul tumore del bulbo oculare, e degli annessi dell’orbita. Apporti originali di ordine classatorio, etiopatogenetico, semeiologico, clinico, anatomopatologico e terapeutico egli ha fornito al tema della vasculopatia diabetica della retina. La sua ampia produzione scientifica è rivolta a quasi tutti i campidell’oftalmologia. Importanti sono i lavori di oncologia e istopatolo-gia oculare, di microchirurgia, di cui è stato in Italia un precursore,sulle malformazioni oculari e sulla patologia corneale. Molte sono le tecniche chirurgiche ideate e descritte: la cantopla-stica, il rifacimento della cavità congiuntivale anoftalmica, il colo-boma congenito della palpebra superiore, l’entropion e l’ectropionpalpebrale, la ricostruzione delle vie lacrimali di deflusso, il glauco-ma congenito, la cataratta congenita e quella traumatica. Scuderi ristruttura tutto l’Istituto di Oftalmologia11, di cui diven-ta Direttore, adeguandolo alle esigenze moderne e all’evoluzione deitempi; istituisce il Day Hospital e ridimensiona i reparti di degenza.Potenzia e segue i Centri ed i Laboratori afferenti alla II Clinica: ilCentro di studio per il glaucoma; il Centro di studio della motilitàoculare; il Centro di diagnostica strumentale; il Centro di Laser-tera-pia; il Centro di oftalmologia sociale e di ergoftalmologia; il Centrodi fisiopatologia del film lacrimale; il Laboratorio di istologia, isto-patologia ed ultrastruttura oculare. Nel 1980 Scuderi fonda una nuova rivista scientifica ClinicaOculistica e Patologia Oculare; è autore di numerose pubblicazionie monografie tra cui l’Atlante di Oftalmoscopia Clinica. Nel 1988 è dichiarato Professore fuori ruolo per raggiunti limiti dietà rimanendo Direttore della I Scuola di Specializzazione inOftalmologia fino al pensionamento nel 1993. Nel 1989 viene chiamato a succedergli il suo allievo Prof. 278
  • 256. La Clinica OculisticaCorrado Balacco Gabrieli, Professore Ordinario di OtticaFisiopatologia all’Università di Bari. Il Prof. Balacco Gabrieli è l’attuale Direttore del Dipartimento diScienze Oftalmologiche. L’Istituto di Oftalmologia (ex di ClinicaOculistica) è infatti diventato Dipartimento Universitario di ScienzeOftalmologiche nell’a.a. 2001/2002. BIBLIOGRAFIA1. PAZZINI A., La Storia della Facoltà Medica di Roma. Roma, Istituto di Storia della Medicina della Università di Roma, 1961, Vol. I, pp. 262-263.2. SALVATORI C., et al., Il Policlinico Umberto I. Progetto eseguito dall’Arch.tto Giulio Podesti. In Occasione dell’XI Congresso Medico Internazionale in Roma. Roma, Virano C. e C., 1894, p. 8.3. SALVATORI C. et al., op. cit., cfr. nota 2, p.8. STROPPIANA L., Il Policlinico Umberto I. Roma, Università degli Studi di Roma, 1980, p. 77.4. D’AMICO D., Giuseppe Cirincione nel giudizio degli italiani e degli stranie- ri. Lettura Oftalmologica 1939; 16: 5. BAZZI F., Giuseppe Cirincione (1863- 1929). Castalia 1963, XIX (3):28-30.5. SCUDERI G. (a cura di), L’Istituto di Oftalmologia dell’Università “La Sapienza” di Roma. Roma, Verduci Ed., 1986, p.17.6. BIETTI G.B., Giuseppe Ovio. Boll. Ocul. 1958; 37:71.7. OVIO G., Storia dell’Oculistica. Cuneo, Tipografia Ghibaudo, vol. I 1950, vol. II 1952.8. BIETTI G.B., Vittoriano Cavara. Il Policlinico 1955; 62:1256.9. FRANCOIS J., G.B. Bietti. Am. J. Ophthalmol. 1977; 84:128.10. STROPPIANA L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Istituzioni e Ordinamenti. Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1985, p.87.11. SCUDERI G. (a cura di), op. cit., cfr. nota 5, p.32. 279
  • 257. LA CLINICA DERMATOLOGICAVITTORIA SERAFINI - STEFANO CALVIERI
  • 258. La Clinica Dermatologica L’insegnamento universitario della “Dermopatia” nella città diRoma ha origine nell’800 come corso per laureandi in Medicina eChirurgia all’ospedale San Gallicano. Qui, nel 1854 veniva ufficial-mente fondata la Cattedra, aperte le prime due sale degenti e, conuna speciale convenzione fra Ministero della Pubblica Istruzione egli ospedali, a partire dal 1870 cominciavano a svolgersi le lezioniagli studenti della nuova Facoltà di Medicina e Chirurgia dellaRegia Università del Regno d’Italia. Nel 1882 i reparti venivano chiusi fino a che Baccelli non li riat-tivava col nome di Clinica e Istituto dermosifilopatico e mentre ini-ziava a concretizzarsi il nuovo progetto di Città universitaria nellevicinanze del Policlinico, nel 1905 l’Istituto e la Clinica venivanotrasferiti dai locali del San Gallicano al nuovo “Umberto I”, ospeda-le clinico finalizzato all’insegnamento universitario i cui lavori dicostruzione erano iniziati nel 1888. L’Istituto di Clinica Dermo-sifilopatica era tra i primi sette che costituivano il progetto origina-rio del Policlinico: collocato nella estremità sinistra dell’area ospe-daliera, dove ancora sorge, comprendeva due infermerie capaci di20 letti complessivi e 15 camere per pensionanti e assistenti. Comedescritto da Pazzini nella Storia della Facoltà Medica di Roma,c’erano ambulatori, laboratori e un’aula per 120 studenti1. Il SanGallicano, dove venivano ricoverate coattivamente, nelle sale celti-che, la maggior parte delle donne schedate come prostitute in basead una regolamentazione voluta per primo da Cavour nel 1861 e cheportava il suo nome2, rimaneva tuttavia sempre attivo e presentenella vita della città di Roma, punto di riferimento per la diagnosi ela cura delle malattie veneree. Come per l’ospedale San Gallicano, anche le vicende dellaClinica Dermosifilopatica del Policlinico Umberto I erano legate,sin dalla nascita, da un lato alla normativa dello Stato in tema diSanità e Istruzione e dall’altro alle norme in materia di controllo deicontagi venerei e di regolamentazione della prostituzione. Il 22dicembre 1888 era stato promulgato il primo Codice di Igiene eSanità Pubblica, approvato dal Parlamento italiano: parte del codiceera dedicata alla igiene della prostituzione. L’igiene della prostitu-zione partiva dal presupposto che quest’ultima fosse un male inevi-tabile e socialmente necessario e che in quanto tale andasse sorve-gliata e regolamentata per prevenire eccessi peggiori. Coautore deltesto che andava a parziale modifica del Regolamento Cavour del1861, il Tommasi Crudeli titolare della Cattedra di Igiene dellaRegia Università di Roma. Il nuovo Regolamento introduceva unanon esclusiva coincidenza tra prostituzione e contagio, prevedeva 283
  • 259. Vittoria Serafini - Stefano Calvieril’apertura di dispensari pubblici gratuiti e la chiusura dei sifiloco-mi/carcere previsti dalla originaria normativa, sostituiti da sezionidermosifilopatiche presso gli ospedali civili. Questo portò allanascita e allo sviluppo di diverse cliniche dermosifilopatiche su tuttoil territorio italiano, compresa quella universitaria romana. Una ulteriore svolta si aveva col Regolamento sanitario del 1905che, garantendo trattamento gratuito e riservato a chiunque, pressoDispensari distinti dagli Uffici Sanitari, facilitava l’accesso allestrutture. Le persone cominciarono a rivolgersi ai Dispensari ospe-dalieri: uomini (molti) e donne, di cui le prostitute regolamentatenon erano che una parte. In relazione a tali normative, dunque, la Clinica Dermosifilo-patica del Policlinico universitario sin dal suo nascere assolveva acompiti diversi. Oltre allo studio e alla cura delle patologie derma-tologiche era centro di ricerca, studi e insegnamento per le malattiesessualmente trasmesse; era dispensario per la diagnosi e la cura deicontagi sessuali ad accesso libero e gratuito per uomini e donne edera uno dei centri governativi per il controllo sanitario delle donneregolamentate come prostitute. Le diverse attività svolte nell’Istitutosono testimoniate dal materiale raccolto oggi nel Fondo conservatopresso la Biblioteca dell’attuale Dipartimento di Clinica Derma-tologica e delle Malattie Veneree. Il Fondo comprende tesi di laureae lavori di specializzazione dei medici impegnati nella clinica, docu-mentazione relativa a concorsi, materiale burocratico amministrati-vo di diversa natura. Ma la parte più ricca e interessante è costituitadalle cartelle cliniche. Il materiale relativo alle cartelle, inizialmen-te denominate Diari clinici, parte dal 1896 per giungere fino ai primianni ’60 e si fa progressivamente più consistente con il trascorreredegli anni. La parte relativa ai primi anni è conservata in volumi col-lettanei, ordinati cronologicamente, che raccolgono casi di uomini edonne malati tanto di patologie dermatologiche quanto di malattieveneree. Successivamente, dal 1923 le cartelle, sistemate cronologi-camente, dividono i casi di uomini e donne, mentre è del 1936 unaulteriore divisione per patologie: veneree e cutanee. La sistemazio-ne del materiale testimonia i percorsi stessi della disciplina comepure delle prassi burocratiche relative all’organizzazione ospedalie-ra e della professione in rapporto alla struttura ospedaliera3. Al momento dell’istituzione del corso di clinica dermosifilopati-ca l’insegnamento fu affidato inizialmente al professor CasimiroMenassei, il quale rimaneva alla direzione dell’Istituto dal 1859 al1892. Egli fu il primo titolare della Cattedra fondata grazie al lasci-to del dottor Nicola Corsi. Di Menassei rimane a testimonianza del- 284
  • 260. La Clinica Dermatological’intensa attività una Raccolta dei casi clinici delle malattie dellapelle e sifilitiche e un Atlante riproducente i casi di malattie cutaneeche si presentarono alla Clinica durante gli anni del suo insegna-mento. Dal 1893, fino al 1918, l’insegnamento passava al professorRoberto Campana4. Nato a Teramo, allievo di Cantani e Tanturricon il quale aveva studiato a Napoli; nel 1878 Roberto Campanaaveva vinto il concorso per la Cattedra di Clinica dermosifilopaticaa Genova. Chiamato nel 1893 a dirigere la Cattedra a Roma, svolge-va il suo insegnamento prima nei locali del San Gallicano e poi dal1905, ultimata la costruzione dell’Istituto al Policlinico, si dedicavaqui all’organizzazione della Clinica, fornendola anche di una biblio-teca. Eminente e appassionato patologo, dedicava i suoi studi alparassita del mollusco contagioso e alla psoriasi, ma soprattutto con-centrava le proprie ricerche alla messa a punto di un nuovo metododi coltura del bacillo della lebbra. Fu socio fondatore e presidenteper i primi due anni della Società Dermatologica Italiana e membrodell’Accademia Medica di Roma. Autore del manuale Dei morbisifilitici e venerei. Trattato per studenti e medici pratici stampato aTorino nel 1906, durante il periodo della direzione della Clinica diRoma, si occupò anche del periodico La