C:\Fakepath\Poverta’ E Inclusione

  • 536 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
536
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Poverta’ e inclusione Asiago 20 maggio 2010 Marina Cenzon
  • 2. BRAIN STORIMING
    • Che cosa vuol dire povertà?
  • 3. Definizione
    • ONU > povertà fenomeno multidimensionale “condizione umana caratterizzata da una sostenuta o cronica deprivazione di risorse, capacità, scelte, sicurezza e potere necessari per il godimento di un adeguato standard di vita e degli altri diritti civili, culturali, economici, politici e sociali”
    • ( Draft Guiding Principles. Extreme Poverty and Human
    • Rights: The Rights of the Poor , art. 1).
  • 4.
    • “ Dovrebbero essere definite povere le persone, le famiglie e i gruppi di persone, le cui risorse (materiali, culturali e sociali) sono così limitate da escludersi dal minimo accettabile livello di vita dello Stato nel quale vivono”
    • Consiglio europeo 1984
    • Viene definita “povera” una famiglia di due componenti la cui spesa mensile per consumi sia inferiore od uguale alla spesa media per persona nel Paese.
  • 5.
    • Povertà fenomeno globale
    • Non solo quella economica o privazione di risorse materiali
    • ma
    • Violazione della dignità umana
    • Quasi sempre associata a discriminazioni di genere
    • Violazione dei diritti dell’infanzia
  • 6.
    • SOGLIA RELATIVA
    • SOGLIA ASSOLUTA
    • povertà soggettiva
  • 7. Dalle indagini Istat :
    • nelle regioni più ricche il sentimento di deprivazione relativa delle famiglie risulta maggiore probabilmente a causa sia di aspettative più elevate, sia perché i costi e i livelli di consumo sono più alti rispetto alla media nazionale.
  • 8. La fame nel mondo
    • 1,02 miliardi di persone, nel mondo, oggi, soffrono la fame.
    • Circa una persona su sei non ha abbastanza cibo per condurre una vita sana ed attiva.
    • A livello mondiale,  il rischio maggiore per la salute degli individui è rappresentato dalla fame e dalla malnutrizione, più che dall’azione combinata di AIDS, malaria e turbercolosi.
    • L’80% delle ricchezze nel mondo sono detenute dal 20% della popolazione mondiale.
  • 9. Grafico FAO sulla fame nel mondo
  • 10. Le percentuali della povertà in EU
  • 11. LA POVERTA’ IN EUROPA DEI MINORI DI 18 ANNI
  • 12.  
  • 13. Tipi di approccio riguardanti la lotta alla povertà:
    • economico monetario
    • dei basic needs (non solo cibo, ma anche istruzione e sicurezza,…)
    • delle capabilities (capacità di vivere la vita a cui si dà valore, possibilità di scelta dell’individuo)
    • ( Quest’ultimo approccio sta alla base del concetto di sviluppo umano concepito dall’UNDP come processo di ampliamento delle possibilità delle persone basato sui quattro pilastri
    • (uguaglianza, sostenibilità, partecipazione, produttività)
  • 14.  
  • 15. La lotta alla poverta’
    • “ Combattere la povertà, la privazione e
    • l’esclusione non è una questione di carità e non
    • dipende dalla ricchezza di una nazione.
    • Affrontare la povertà secondo un approccio
    • incentrato sui diritti umani consentirà di avere
    • maggiori possibilità di eliminare questa piaga
    • che oggigiorno attanaglia il mondo intero. [...]
    • Lo sradicamento della povertà è un obiettivo
    • raggiungibile”.
    • Dal discorso di Louise Arbour, allora Alto commissario Onu
    • per i Diritti umani,, in occasione della Giornata internazionale per i
    • Diritti umani, 2006
  • 16. UNDP
    • Il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) pubblica annualmente un rapporto
    • sullo sviluppo umano (Human Development Report, HDR , http://hdr.undp.org/en/), che tratta
    • questioni di importanza globale e che fa luce sulle innumerevoli sfaccettature dello sviluppo, come
    • l’aspettativa di vita, l’alfabetizzazione, la formazione scolastica o la povertà. Il rapporto è uno fra i
    • più importanti documenti di riferimento per la politica di sviluppo.
  • 17. UNIONE EUROPEA
    • L’inserimento sociale e la lotta contro la povertà fanno parte integrante degli obiettivi dell’Unione
    • europea per quanto riguarda la crescita e l'occupazione.
    • Vedi Azioni trasversali (ad esempio
    • programma PROGRESS) e le azioni specifiche (Decisione n. 1098/2008/EC del Parlamento
    • europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2008 che istituisce il 2010 quale Anno europeo per la lotta
    • contro la povertà e l'esclusione sociale)
  • 18. LIVELLO REGIONALE E LOCALE
    • Esempio:
    • Legge Regione Veneto 16.12.1999 n.55 “Interventi regionali per la promozione dei diritti umani, la cultura di pace, la cooperazione allo sviluppo e la solidarietà”- artt.8,9,10
    • Numerosi Piani Sociali di Zona deliberati da enti locali per azioni di contrasto asituazione di esclusione sociale che derivano dalla emanazione della L.328/2000
  • 19. Etica dell’inclusione
    • Paradigma dei Diritti umani
    • Rispetto della dignità umana
    • Lotta contro le discriminazioni
    • Pari opportunità per tutti
    • Giustizia
    • Solidarietà
    • Global governance
  • 20.
    • ED ORA TOCCA A VOI…….
    • BUON LAVORO