Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Sentinelle dell'Energia - Poverty and Malnutrition in India

389 views

Published on

The second of a series of interventions dealing with the sustainable development goals. This time we talk about poverty and undernourishment in India, with particular reference to rural India. The presentation comprises recent data about malnutrition and poverty, together with reference videos allowing to better understand the Indian complex reality and the variety of non governmental, governmental and bottom up approaches engaged to tackle the subjcet issues of the presentation.

Published in: Government & Nonprofit
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Sentinelle dell'Energia - Poverty and Malnutrition in India

  1. 1. Sentinelle dell'Energia – SELENE - Associazione di Promozione Sociale “Pesaro, gli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile e i Forni Solari” Iniziativa 1 - Serate Informative sugli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile Serata 2 - Povertà Malnutrizione nell'India Rurale 22 agosto 2016 – Gran Teatro dei Ragazzi, di fianco al Fronte Mare, Viale Trieste, Pesaro
  2. 2. Informazioni Generali sull'India (1/5) ● L'India fa parte del subcontinente indiano, importante per il commercio e contraddistinto per la sua diversità culturale; ● In India sono nate quattro grandi religioni (induismo, buddismo, gianismo e sikhismo). Sono presenti anche zoroastrismo, ebraismo, cristianesimo e islam; ● L'India è il secondo Paese più popoloso al mondo dopo la Cina, con oltre 1'300'000'000 abitanti (http://data.un.org/CountryProfile.aspx?crName=India); ● L'India ha il primato per “velocità di crescita dell'economia”, nel 2015-2016, la crescita è arrivata al 7,6% (articolo su AsiaNews.it); ● L'India è una repubblica parlamentare federale, la cui indipendenza è stata raggiunta nella mezzanotte del 15 agosto 1947; La bandiera dell'India. I colori sono zafferano, bianco e verde. Il timone blu al centro è largo circa quanto la banda bianca della bandiera ed è chiamato il Dharma Chakra di Ashoka (in onore di Ashoka il Grande), dotato di 24 raggi. Ogni raggio dipinge un'ora del giorno e simboleggia la ettitudine, che deve prevalere in tutte le 24 ore del giorno (fonte wikipedia).
  3. 3. Informazioni Generali sull'India (2/5) Storia del più famoso imperatore indiano La politica del Dhamma di Ashoka Ashoka due secoli e mezzo prima di Cristo cercò di creare uno stato pacifico e giusto rispettoso della via del Buddha, un governo che doveva esprimere, seguire e promuovere un'etica di giustizia e benevolenza. 15 marzo 2005 - Massimiliano Pizzirani Dopo il ritiro di Alessandro dall’India nel 323 a.C. un uomo di umili origini incominciò a distinguersi, prima nelle guerre contro i greco-macedoni e poi contro i Nanda, che allora controllavano la parte centro settentrionale del subcontinente. Chandragupta era figlio illegittimo di uno degli ultimi monarchi Nanda, e la madre era una shudra, una serva appartenente cioè alla casta più bassa, tuttavia grazie al suo valore militare riuscì a sconfiggere i Nanda e a creare il primo impero panindiano della storia, o quantomeno riuscì ad unificare tutto il subcontinente ad eccezione della parte meridionale. [...] http://www.peacelink.it/storia/a/10136.html La dharmachakra a 24 raggi, rappresentazione della Ruota del Dharma introdotta da Aśoka e divenuta simbolo di unità dell'India, oggi fa parte della bandiera nazionale (fonte wikipedia).
  4. 4. Informazioni Generali sull'India (3/5) ● L'India comprende 28 Stati Membri e 7 Territori, governati con gradi diversificati di autonomia; ● Lingue ufficiali hindi, inglese e altre 21 lingue a livello regionale (a fronte di più di 1500 lingue o dialetti parlati); ● Oltre l'80% degli indiani è induista, ma non vi sono una gerarchia né un'organizzazione religiosa unitaria su tutto il territorio. Il 14% della popolazione è musulmana; ● La Costituzione non individua una religione di Stato e garantisce la libertà religiosa; ● L'India è oggi polo mondiale dei servizi ad alto contenuto di conoscenza; ● Miseria e dinamismo convivono in uno Stato dalle dimensioni continentali e in piena trasformazione; ● Circa due terzi del PIL provengono dall'economia informale (non registrata e al di fuori del controllo diretto dello Stato), presente in tutti i settori e concentrata nell'agricoltura (tantissime microimprese familiari); Fonte informazioni http://www.treccani.it/scuola/lezioni/storia/india.html Il baniano indiano, o fico bengalese, è l'albero nazionale della Repubblica indiana. Presenta radici aeree che una volta raggiunto il terreno crescono come tronchi legnosi. E' considerato sacro e spesso al suo interno sono costruiti templi. (fonte immagine wikipedia licenza CC BY-SA 3.0).
  5. 5. Informazioni Generali sull'India (4/5) All’economia informale appartiene la maggior parte della miriade di microimprese familiari, che producono beni e servizi allo scopo primario di generare impiego e reddito per la famiglia e che costituiscono la forma più comune d’impresa nel paese. Nell’economia informale lavora il 90% della popolazione attiva senza essere registrata, senza tutele lavorative né sicurezza sociale e lì si ritrova tutta la povertà indiana (nonché considerevoli ricchezze non dichiarate). Lo sviluppo degli ultimi decenni si è accompagnato a imponenti cambiamenti strutturali che hanno visto una riduzione dell’importanza relativa dell’agricoltura e un aumento del peso relativo dell’industria (intorno al 28% del PIL) e del terziario (oltre il 50%). Solo parziali, però, sono stati gli effetti sulla composizione settoriale dell’occupazione, in gran prevalenza ancora concentrata in attività connesse all’agricoltura. Quel terzo dell’economia che è formale (registrato e tassato) è, insomma, cresciuto in modo tale da generare scarse opportunità d’impiego. Le enormi diseguaglianze sociali tuttora presenti sono legate non solo alle disparità di reddito o di accesso ai servizi o geografiche, ma anche alle discriminazioni di genere e alla sopravvivenza delle caste. Fonte informazioni http://www.treccani.it/scuola/lezioni/storia/india.html Situazioni di alta densità abitativa La città di Pesaro ha una densità abitativa di 746 ab/km2 Il distretto di Kolkata a Calcutta, con un'estensione di 184 km2, nel 2011 registrava una densità abitativa di 24'306 ab/km2 worldpopulationreview.com
  6. 6. Informazioni Generali sull'India (5/5) I GRANDI SQUILIBRI I successi economici che hanno fatto dell’India uno dei due giganti asiatici non hanno ridotto la povertà e l’India rimane il paese di circa un terzo dei poveri del mondo. In altri termini, lo sviluppo indiano è squilibrato sia dal punto di vista territoriale (tra città e campagna e tra Stati) sia da quello sociale. I suoi benefici sono in larga misura andati ai pochi ‘super ricchi’ e a una classe media in crescita e con un livello di consumi occidentale, mentre il tenore di vita della gran parte della popolazione è ristagnato o addirittura peggiorato, come sembrano tragicamente mostrare, ad esempio, i numeri dei suicidi per debiti tra gli agricoltori (182.936 tra il 1997 e il 2007 secondo dati ufficiali che molti ritengono sottostimati). Secondo il rapporto sull’istruzione dell’UNESCO (2009), l’80% della popolazione vive con meno di 2 dollari al giorno e il 34% con meno di 1 dollaro. L’accesso all’acqua potabile, ai servizi igienico-sanitari, all’istruzione, ai servizi abitativi non è garantito a una parte della popolazione persino più estesa di quella considerata povera sulla base del reddito; l’analfabetismo riguarda circa il 40% della popolazione adulta; la malnutrizione colpisce tra il 20 e il 34% della popolazione (un dato superato solo da alcuni paesi dell’Africa subsahariana); la mortalità e la malnutrizione infantili sono molto comuni; la speranza di vita media, pur cresciuta, è di 64 anni. Fonte informazioni http://www.treccani.it/scuola/lezioni/storia/india.html Fonte informazioni http://www.treccani.it/scuola/lezioni/storia/india.html
  7. 7. Dossier India: un'economia in forte crescita Video tratto da youtube, Ministero degli Affari Esteri, caicato il 9 dicembre 2010, https://www.youtube.com/watch?v=x_0ayEnuTYU Foto tratta da flickr, licenza CC BY-NC-ND 2.0, https://www.flickr.com/photos/imfphoto/25712158246/
  8. 8. Povertà in India – video (3/5) “Living below the poverty line: Concern's work in India”, Concern Worldwide - Pubblicato il 05 mag 2012 Caricato il 16 giu 2008 This video illustrates the difficulties facing landless people in Orissa, India. At least 20 million people in Orissa live below the poverty line. Concern Worldwide has worked tirelessly to push the government to provide people with the right to land, food and labour.Video disponibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=NK_XC_IYX6Y Immagine tratta da flickr https://www.flickr.com/photos/gerrypops/3408133571/, Licenza CC BY-NC-ND 2.0
  9. 9. Malnutrizione in India – video (3/4) “Tackling child malnutrition in India” Action Against Hunger UK Pubblicato il 09 lug 2015 - Find out how Action Against Hunger is working with India's authorities, the European Commission (ECHO) and the Centre for Community Economics and Development Consultant Society, to fight child undernutrition in India. Video disponibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=hoVmQBJMzmA Immagine tratta da Flickr, licenza CC BY 2.0, https://www.flickr.com/photos/69583224@N05/10135387775/
  10. 10. Malnutrizione in India – video (4/4) “India fights against malnutrition” CNN Pubblicato il 16 ott 2012 - It's estimated 30% of the world's malnourished children live in India but one state is fighting back with UNICEF's help. Video disponibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=7zQ-sErQtoc Immagine tratta da Flickr, licenza CC BY-NC-ND 2.0, https://www.flickr.com/photos/69583224@N05/10135387775/
  11. 11. Le soluzioni dai privati: billions in change “Billions in Change Official Trailer (2015) - Manoj Bhargava” Pubblicato il 29 set 2015 Video disponibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=se_fYZRbyJs
  12. 12. Le soluzioni dai privati ASSEFA (1/3) LA STORIA DI ASSEFA Il movimento Bhoodan e la nascita delle Fattorie Sarva Seva (http://www.assefa.org/chi-siamo/la-storia-di-assefa/) La metodologie di lavoro e le finalità di ASSEFA si ispirano agli ideali della solidarietà tra i popoli della terra, ispirandosi alla visione gandhiana basata su: SARVODAYA, il benessere di tutti ANTYODAYA, l’attenzione per gli ultimi SWARAJ, l’autosufficienza SWADESHI, contare sulle proprie forze (http://www.assefa.org/chi-siamo/missione-e-visione-di-assefa/) Immagine tratta da flickr https://www.flickr.com/pho tos/mammovies/164248014 40/in/photolist-r2ppeJ- qZBv9V Licenza CC BY-NC 2.0
  13. 13. Le soluzioni dai privati ASSEFA (2/3) I PROGETTI PER IL TERRITORIO ASSEFA e la difesa della terra ASSEFA India lavora con le comunità rurali dal 1969 con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei contadini attraverso la coltivazione delle terre e le pratiche legate alla produzione agricola. Partendo dall’idea che la terra non debba essere oggetto di sfruttamento e di speculazione, ma che debba nutrire tutti, ci siamo concentrati prevalentemente su aree marginali, periferiche e arretrate, dove la maggioranza delle comunità dipende dall’agricoltura per la propria sopravvivenza. Dal 2008 è stato lanciato il programma “Farmers Renaissance Scheme”, che si pone l’obiettivo di prevenire in modo più efficace l’esodo verso le città e di ridurre le vendite dei terreni e la loro destinazione a scopi non agricoli […] La strategia di ASSEFA prevede: bonifica dei terreni e scavo di pozzi per l’irrigazione; promozione dell’allevamento del bestiame e miglioramento delle metodiche; promozione della coltivazione degli alberi da frutto; introduzione di pratiche di agricoltura integrata. Negli ultimi anni sono stati avviati e portati a termine progetti di grande portata, che hanno coinvolto migliaia di tecnici, ingegneri, agronomi, manodopera specializzata. Sono state create alcune piccole industrie agro-alimentari, che garantiscono ai coltivatori un reddito maggiore e creano nuove occasioni di lavoro per i giovani e le donne. Tutto ciò è stato possibile grazie al’uso del microcredito, e in un’ottica che ha visto costantemente impegnata ASSEFA anche per l’emancipazione delle donne, la costruzione di scuole e la promozione dell’alfabetizzazione, la difesa della salute delle comunità e il sostegno ad altre categorie di lavoratori, come i pescatori delle aree colpite dallo tsunami. http://www.assefa.org/cosa-puoi-fare-tu/i-progetti/
  14. 14. Acquaponica Video 1: youtube “Home Aquaponics- Quick Animation” https://www.youtube.com/watch?v=fCL68ETB_nM&list=PLt3d0sqKNUutMLJaChse5qUCRCFexi4iI Video 2: youtube “Aquaponics Made Easy DVD” https://www.youtube.com/watch?v=bCV7DABEz20&index=2&list=PLt3d0sqKNUutMLJaChse5qUCRCFexi4iI
  15. 15. Keshav Srushti e i Forni Solari nelle Scuole Video youtube “Suryakumbha Mumbai ABP Maza coverage” https://www.youtube.com/watch?v=BhcAY6v-W9g Pubblicato il 18 gen 2014 3484 children from 85 schools were trained by 180 volunteers to make their own solar ovens and cook noodles using it. Held at Keshav Srushti, Bhayander in Mumbai, the event, jointly organized by Simplified Technologies for Life broke the previous record of 2250 students in Jalna. Visit www.suryakumbh.com for more details.
  16. 16. Barefoot College Immagine tratta da flickr https://www.flickr.com/photos/deepeco/15681529227/ , licenza CC BY NC 2.0 Youtube video 1, “Barefoot College: Illiterate grandmothers trained as solar engineers” https://www.youtube.com/watch?v=5xyueW3pk0Q Youtube video 2, “Barefoot College”, https://www.youtube.com/watch?v=0Zh4FjMJ9XU
  17. 17. Grazie per l'attenzione! Sentinelle dell'Energia – SELENE – Associazione di Promozione Sociale www.grupposelene.net info@grupposelene.net M: +39/3407711315 Facebook: https://www.facebook.com/SentinelleDellenergia/

×