Rebecca tamara
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Rebecca tamara

on

  • 517 views

 

Statistics

Views

Total Views
517
Views on SlideShare
511
Embed Views
6

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 6

http://piovonoscolari.myblog.it 5
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Rebecca tamara Rebecca tamara Presentation Transcript

  • Le avventure del mago pasticcione nella foresta oscura
  • C’era una volta un mago C’era una volta in una foresta oscura un mago pasticcione e quello era anche il suo nome. Un giorno, mentre passava di lì, il mago pasticcione fece un incantesimo per fare diventare la foresta oscura una la foresta incantata, invece……
  • Prima fece diventare la rosa di tanti colori: verde, rosa salmone, rossa, azzurra, nera e arancione chiaro.
  • Poi la fece diventare: turchese, lilla, bluette, verde e azzurro.
  • Riprovò di nuovo e diventò: turchese, azzurro, rosa, rossiccio e verde acqua.
  • Ci riprovò ancora, ma non fu un gran successo. Quando prese la bacchetta per fare l’ennesimo incantesimo fece diventare la rosa: viola, fucsia, verde, turchese e lilla.
  • Non ci riuscì ancora tanto bene e invece diventò: rosa, arancione, viola, blu e giallo.
  • Infine realizzò la rosa: verde scuro e chiaro, blu, giallo acerbo e beige.
  • Che disastro divenne!!!!!!!!!! Divenne una rosa geometrica colorata: verde scuro, nero, rosso chiaro, scuro e sfumato, giallo chiaro e scuro, rosa di tutti i tipi e grigio chiaro e scuro.
  • Tenta e ritenta, era quasi vicino al colore esatto della rosa.
  • Grazie al libro magico la foresta oscura e tutti fiori divennero incantati. Infine il mago Pasticcione chiamò in aiuto la fatina