Gufo2003 02
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Gufo2003 02

on

  • 404 views

Il Gufo - Notiziario Gev

Il Gufo - Notiziario Gev

Statistics

Views

Total Views
404
Views on SlideShare
404
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Gufo2003 02 Gufo2003 02 Document Transcript

  • il Gufo 2 giugno 2003 notiziario del CPGEV di Bologna Dal Direttivo Dai Gruppi Anna Tandura Imola Dai gruppi Per prima cosa devo fare una errata corrige per un’imprecisione (che qualcuno Il quotidiano «Sabato Sera» ha pubblicato, nel marzo scorso, un articolo sul giustamente mi ha fatto notare) problema dei rifiuti e sul ruolo presente sul mio ultimo svolto in quest’ambito dalle “reportage” dal direttivo. Nel Gev. Ne riportiamo – su punto in cui ho riferito della richiesta della zona – alcuni decisione di presentare doman- stralci. da come CPGEV per il ricono- Se, percorrendo le vie cittadine, scimento della nostra Associa- ci si sofferma a guardare alcuni zione presso il Dipartimento siti, si può osservare che la nazionale di protezione civile, a condizione dell’ambiente è un certo punto ho usato il termi- stata trascurata, abusata, spesso ne “svincolata”, con il quale a causa di comportamenti ma- qualcuno poteva intendere che leducati di cittadini e aziende non avremmo più operato in che non hanno rispetto per il collaborazione con la Consulta Molise 2002 La via degli Dei provinciale delle Associazioni territorio (…). Il passaggio da Mario Mazzoni Paola Bertoni Dalyla Sottani tassa a tariffa dei rifiuti ha pro- per la Protezione civile. Non è prio lo scopo di incentivare più Vi Via chiederete se ha un senso degli Dei (sopran- così, la procedura intrapresa ha persone possibile al riciclo e di parlare dell’evento sismi- nominata da Paola il solo scopo di essere ricono- rendere gli imolesi più respon- co del 31 settembre 2002, dopo la “Via delle antenne”). sciuti anche come soggetto au- sabili nei confronti della gestio- otto mesi. Sì certo, ha un senso, Monte Adone, Monzuno tonomo tra le associazioni a ne dell’immondizia. «Speriamo per i motivi che vi voglio elenca- (Mons Juno?), Monte Venere, disposizione del Dipartimento, e che funzioni – afferma Gian- re. Era la prima volta che le co- verso il Passo della Futa. Da continueremo comunque a ope- franco Monducci, guardia eco- lonne provinciali (segmenti della questi toponimi risulta evidente rare con il coordinamento della logica volontaria -, e speriamo colonna regionale) gestivano un il perché dell'origine del nome Consulta nelle iniziative e negli "Via degli Dei". Ma come è riesca anche a sanare quelle campo profughi compreso i vo- interventi di protezione civile. nata l’idea di percorrerla? zone dell’imolese che troppo lontari che operavano sul posto. Detto questo, gli ultimi due di- Gabriele era un po’ di tempo spesso sono usate come aree di Erano anni che ci preparavamo a rettivi si sono sviluppati preva- che ci pensava e così si è scarico abusivo» (…). Ogni un evento del genere, acquisendo lentemente intorno a due argo- pensato di invitare a cena il giorno le Guardie ecologiche materiali e attrezzature dalla Re- menti: il direttivo del 17 feb- mitico Nino Lontani, il volontarie imolesi effettuano gione. Dal 1999 faticosamente tra braio è stato dedicato in partico- “giovanotto” che non ha posto giri regolari per monitorare la decine di riunioni, cercavamo di lare alla discussione preparato- resistenza e si è deciso. Noi e situazione dei rifiuti e numerosi costruire una colonna seria, credi- ria per l’assemblea richiesta da altre 15 persone (Gev e sono i siti abusivi incontrati. bile. Ancora una volta, le esercita- alcuni soci della zona di San simpatizzanti) con partenza il 1 Ecco alcuni esempi. Via Pog- zioni, i molti corsi che in questi Giovanni, che si sarebbe svolta maggio da Badolo. Obiettivo giolo: In questa bellissima zona anni tra mille difficoltà abbiamo essere a Fiesole il giorno 4. due giorni dopo: si è voluto in- (segue a p. 2) faticosamente organizzato, nelle formare i membri neoeletti sulle Tappa N.1: la Vipera vicende all’origine della richie- emergenze reali hanno pagato Badolo (370 m) - Monte Adone (654 SOMMARIO abbondantemente tutte le nostre m) - Monte Venere (940 m) - Madon- sta di assemblea e discuterne fatiche, vedi il Po 2000, nel Moli- na dei Fornelli (770 m) insieme al fine di trovare una se e tutte le emergenze minori che La giornata è splendida e linea unitaria volta al supera- Molise 2002 1 si sono susseguite fin’ora. I volon- l’umore dei partecipanti alle- mento delle incomprensioni. La La via degli Dei 1 gro. La salita per Monte Adone decisione condivisa da tutti è tari delle Associazioni aderenti si rivela fin dall’inizio severa. stata quella, nell’interesse della Dal direttivo 1 alla Consulta, hanno dato il me- La meta sembra molto lontana; Associazione e della sua glio di se, dimostrando una grande Dai Gruppi 1 abbiamo tutti bevuto come “mission”, di non alimentare in preparazione, sensibilità, ma so- anitre, arsi dal sole. La chiara E pace è ancora 2 prattutto nella gestione del campo alcun modo gli eventuali motivi acqua della Fontana del Mulo di polemica, di analizzare i fatti Costa Rica 2003-2004 2 profughi in Molise, si sono mossi ci ha rinfrescato. Lungo il no- con disinvoltura, da veri profes- con la massima oggettività e di Protezione civile 2 stro cammino abbiamo incon- sionisti. Ne parlo ora per un sem- cercare insieme a tutte le Gev trato una piccola vipera, che Nutrie: i problemi 3 plice motivo: ci siamo riuniti a il della zona interessata soluzioni transitava spensierata, fino a 21 marzo scorso (presenti tutti i poco prima che sopraggiunges- e linee di comportamento tali da Le piante 3 responsabili delle nove Consulte simo noi. Una volta saliti verso evitare in futuro il risorgere di (segue a p. 4) “il Gufo” e “Portici” 4 (segue a p. 2) (segue a p. 4) 1
  • Dai Gruppi (continua da p. 1) Molise 2002 (segue da p. 1) Costa Rica 2003-04 Sono aperte le preiscrizioni per collinare, all’angolo con via provinciali, i responsabili Gev e aspiranti interessati a Morine, molti automobilisti delle Associazioni nazionali, partecipare alla prossime spe- vanno a scaricare ogni tipo di che hanno partecipato dizioni in Costa Rica. I viaggi rifiuti. (…) L’area forese è da all’evento. Nella discussione, sono previsti per dicembre anni in una condizione di de- sono emersi decine di errori 2003 e/o febbraio-marzo 2004 grado ambientale tanto che, che secondo alcuni avremmo con durata da 15 ai 25 giorni. sabato 22 marzo, le Gev imole- commesso durante la gestio- Le domande vanno compilate si hanno preso la decisione di ne del campo a Santa Croce su appositi fogli che potrete sanare l’intera zona (…). di Magliano, errori che si scaricare dal sito www.gev. «D’ora in poi questo posto sarà compensano con il fatto che bologna.it. Come per gli altri monitorato e sarà sotto il conti- nuo controllo delle Gev. Chi E pace è ancora “era” la prima volta che vive- vamo questa esperienza. Pen- anni, il periodo verrà trascorso Dalyla Sottani visitando i parchi e lavorando verrà scoperto a gettare rifiuti sate che i terremotati dopo come volontari. Ulteriori noti- riceverà multe salate o anche I bambini giocano alla guerra trenta ore dall’evento hanno zie e informazioni possono sanzioni penali nel caso si get- E’ raro che giochino alla pace dormito in tende e mangiato essere richieste alla sede di tino rifiuti nocivi» spiega la perché gli adulti, pasti caldi. Pertanto, a mio Villa Tamba. guardia Aldo Gardi. Via Punta: da sempre fanno la guerra. avviso, l’unico errore è stato In questa zona sono stati segna- Tu fai pum e ridi quello di aver mandato un lati alcuni punti di raccolta di il soldato spara numero eccessivo di volonta- Organigramma e un altro uomo ri rispetto al numero di terre- Hera usati in maniera impro- non ride più. Protezione Civile pria (…). Via Calamelli: (…) motati. Mi sono recato al Responsabile politico e legale: E’ la guerra. campo per rendermi conto di La carrozzeria che aveva sede Minarelli e/o Buffagnotti; Respon- C’è un altro gioco in quel luogo, nel chiudere, non come stava andando e per sabile operativo: Vito D’Ercole; da inventare Vice: Roberto Merli, Cesare Buffa- si è preoccupata di organizzare partecipare a una riunione far sorridere il mondo gnotti; Segreteria: Cristina Bergon- la raccolta delle batterie auto, non farlo piangere. con il Sindaco di Croce Ca- lende per studiare l’even- zoni, Paola Bertoni, Francesco del metallo e di un grandissimo Pace vuol dire Lapolla; Responsabile procedure: contenitore, facilmente apribi- che non a tutti piace tualità di un campo in quel Gabriele Gatti, Armando Cocchi, le, pieno di acido. Via Cupo: lo stesso gioco, Comune. Come sono arrivato Arturo Arbizzani; Referenti di (…) In fondo alla strada c’è che i tuoi giocattoli al nostro campo, la “cosa” zona: Maurizio Trigolo,Elisabetta una casa diroccata e apparente- piacciono anche che mi ha colpito, sono stati Rossini, ecc.; Coordinatori di inter- mente abbandonata. Intorno agli altri bimbi i colori delle divise dei vo- vento: Nino Lontani, Guglielmo all’edificio è possibile riscon- che spesso non ne hanno, lontari: blu, gialle, rosse, a- Ognibene, Giorgio Grillini, Sergio trare tutti i tipi di rifiuti possi- perché ne hai troppi tu, rancione, vedere “macchie” Costa, Cristina Bergonzoni, Rober- che i disegni degli altri bambini di verde con la scritta Gev è to Merli, Corrado Mancini, Mauri- bili: automobili demolite, falò non sono dei pasticci zio Trigolo, Federico Zucchi, Ago- di lattine e bottiglie di plastica, stata una sensazione piacevo- che la mamma stino Lorenzini, ecc.; Gestore at- lastre di vetro, sanitari rotti, le e in quel momento più che trezzature: Nino Lontani, Elisabetta bidoni di plastica e sacchi che non è solo tutta tua, mai ho provato una grande Rossini, Sergio Costa, A. Lorenzi- che tutti bambini soddisfazione; la soddisfazio- contenevano materiale edilizio, ni; Gestore automezzi: Raul Biagi, sono tuoi amici. ne di appartenere a una gran- come pure cataste di piastrelle Sergio Costa, Nino Lontani; Gesto- E pace è ancora: de Associazione come la no- re comunicazioni: Gabriele Gatti, rotte, metallo e altri materiali di non avere fame costruzione. Via Odofredo II: stra. Arturo Arbizzani. non avere freddo venendo dalla via Emilia e gi- non avere paura. rando in via Odofredo II è im- (anonimo) possibile non notare un’abitazione il cui cortile è Il 22 marzo, a Casalecchio di completamente pieno di rifiuti Reno, l’associazione “Percorsi di di ogni tipo (…). «Molte perso- Pace” ha proposto l’ora di pace. ne pensano che a casa loro si Sessanta minuti dedicati a un possa fare quello che uno vuo- argomento molto delicato e di- le – afferma Gardi -, ma non è scusso nelle aule dei vari licei affatto così. I rifiuti hanno le esistenti sul territorio comunale. loro regole e leggi da seguire, Le Gev hanno aderito con quattro non possono essere abbandona- volontari: Massimo Brini, ti e lasciati allo sbando, anche Maurizio Ferrari, Dalyla Sottani, se all’interno di un cortile. Qui Monica Diamanti. Ci siamo pre- siamo in una zona residenziale sentati come associazione, i vari e non è possibile collezionare settori che occupiamo, cosa svol- in questo modo rifiuti di ogni giamo, coinvolgendo i ragazzi tipo. Per tutta questa ferraglia, con vari argomenti, ma non ci per incominciare, ci vuole una siamo dimenticati che il nostro licenza come esercente di rotta- obbiettivo era la pace! Eravamo mazione e tutti gli altri oggetti incuriositi dai loro pareri, da co- devono essere ben identificabili me vivevano il dramma della per assicurarsi che non inquini- guerra. E’ stata una bella espe- no l’ambiente circostante». rienza, che ci auguriamo di poter ripetere il prossimo anno. 2
  • APPROFONDIMENTI renzio, e del Reno, fino a Vergato. (…) E’ noto da tem- dossalmente ne consegue che una specie indigena divenuta Le piante po che una massiccia presen- molto rara come l’arvicola Vittime e sensori za della nutria in aree in cui acquatica può essere uccisa dell’inquinamento I la specie non ha predatori con qualsiasi mezzo e in ogni vegetali rappresentano il può provocare effetti negativi periodo dell’anno mentre la bersaglio più sensibile alla sulla vegetazione palustre nutria risulta di fatto protet- azione tossica degli inquinanti. (…). Nell’Italia settentrionale ta. Per tentare di rimediare a L’osservazione di uno stato di sono state rilevate alterazioni questa grave lacuna legislati- disagio della vegetazione, attira significative della vegetazio- va nazionale, dal 1995 la l’attenzione per situazioni di ne di alcune zone umide (…) Regione Emilia Romagna ha degrado ambientale che si ven- e sono stati evidenziati danni autorizzato l’uso di metodi di gono a creare, situazioni che che possono essere suddivisi contenimento numerico della possono rivelarsi nocive anche in: a) danni indiretti a causa nutria. (…) Purtroppo Nutrie: ci sono della perdita/riduzione degli l’eradicazione è di fatto or- per altre componenti. Non è facile quantificare il contributo habitat favorevoli per la so- mai impossibile su un territo- anche i problemi sta, il rifugio e la riproduzio- rio vasto come quello della dell’inquinamento dell’aria alle Enrico Fiorentini buone condizioni del verde ne di aironi, gallinelle pianura Padana (…). Risulta- urbano, considerando che esi- Invio al “Gufo” un articolo tratto dal “Piano Faunistico Venato- d’acqua, anatre, falchi di pa- lude e numerosi passeriformi; b) danni diretti a causa del no pertanto indispensabili al- meno le attività di controllo e contenimento; le esperienze stono altri fattori che possono influire, come gli squilibri idri- rio 2001-2006” per offrire ci e infezioni da parassiti. No- ribaltamento o affondamento sino ad ora effettuate suggeri- nostante lo scetticismo diffuso, altri elementi informativi ai dei nidi galleggianti soprat- scono che: i piani di controllo soci sul problemaccio "Nutria" si è notato che le piante posso- tutto di tuffetti, svassi mag- debbono essere condotti su no essere dei buoni indicatori già discusso in un precedente giori e mignattini piombati, aree medio-grandi e richiedo- numero del periodico. Se ci della presenza di specifici in- costruiti su idrofite semi- no interventi frequenti e re- quinanti atmosferici. L’Agen- fosse qualcuno scettico o dub- sommerse e ai margini del golari; sono da privilegiare zia nazionale per la protezione bioso su quanto riportato nel- l'articolo sono disponibile ad canneto; c) danni occasionali metodi di controllo quali le dell’ambiente ha recentemente accompagnarlo a verificare sul a causa della predazione di gabbie-trappole che non pro- creato le condizioni per una campo l'impatto che questa uova di anatre e rallidi. (…) ducono impatti sulla restante standardizzazione ed un coordi- specie provoca nelle zone umi- Come in altre aree europee e fauna e non richiedono parti- namento delle attività di moni- de di pianura. Certo è che la degli Stati Uniti, anche nella colari specializzazioni agli Istituzione preposta, la Provin- pianura bolognese vengono addetti; lo sparo, per non cia, si è attivata con ritardo, sistematicamente rilevati: a) disturbare l’avifauna acquati- dapprima con un poco efficace danni agli argini dei corsi ca, è utilizzabile e realmente piano di controllo avviato alla d’acqua e delle altre zone utile solo in periodi limitati e fine del 1996 (Del.G.Prov.698 umide dovuti allo scavo delle in casi particolari (periodi di del 27.8.96), poi con il piano tane, danni alle colture agri- gelo e giornate di silenzio tuttora in vigore adottato il cole (soprat-tutto ortaggi, venatorio) e deve permettere toraggio biologico della qualità 15.2.2000, che sembra stia mais, barbabietole e cereali il recupero delle carcasse; dell’aria come indicatori vege- dando risultati di qualche rilie- autunno-vernini); b) danni ri- peraltro dopo i primi abbatti- tali. Le superfici vegetali rap- vo, ma che andrebbe meglio levanti alle formazioni vege- menti le nutrie divengono più presentano un efficace mezzo verificato sia nei metodi che tali acquatiche e igrofile dei diffidenti ed attive solo al di neutralizzazione chimica e nei tempi e negli incaricati biotopi “storici” (è il caso ad crepuscolo e di notte; è im- chimico-fisica degli inquinanti all'attuazione, soprattutto dopo esempio della Cassa del Qua- portante l’individuazione labili; esempio: un esemplare alcune discutibili decisioni (come la scelta di persone inte- drone e della Cassa Benni) e delle aree prioritarie di inter- adulto di pino che presenta ressate più al “tiro al bersa- dei biotopi creati ex-novo vento cioè delle aree dove le circa 15 m2 di superficie legno- glio” che al controllo serio e dove le nutrie trovano condi- attività di controllo sono par- sa e 150 m2 di area fogliare, la corretto della fauna). zioni ambientali ottimali e ticolarmente urgenti in fun- parte legnosa può trattenere dove tendono quindi a con- zione della presenza di manu- piombo in misura 20 volte su- La nutria è una delle tante centrarsi; c) danni diretti ed fatti idraulici e di specie ani- periore a quella fogliare, e la specie aliene o alloctone (...) indiretti a numerose specie mali e vegetali di interesse parte fogliare può assorbire una acclimatatesi con successo in animali alcune delle quali conservazionistico; occorre considerevole parte di inqui- Italia. In Emilia-Romagna rare, minacciate e la cui pro- effettuare a priori una valuta- nanti gassosi; i vegetali sono l’allevamento della Nutria è tezione è di interesse comuni- zione delle presenze per pote- vere “trappole” per CO2, cioè iniziato negli anni ‘20-’30 del tario; d) casi di leptospirosi re misurare l’efficacia delle veri agenti di detossificazione. 900. Nel corso degli anni ’80 poiché le nutrie, al pari dei attività di controllo; occorre Sono evidenti i vantaggi in la crisi dell’allevamento ratti, possono fungere da vet- predisporre il monitoraggio termini ambientali della presen- commerciale ha causato il tori di leptospire. Trattandosi dei capi abbattuti. za di una copertura verde so- deliberato rilascio e/o la fuga di una specie aliena di rodito- prattutto nei centri urbani: neu- di migliaia di nutrie dagli re, non è stata prevista dalla Si invitano gli associati a tralizzazione chimico e chimi- allevamenti abbandonati. Legge Nazionale (L. 157/92) consultare il sito, rinnova- co-fisica degli inquinanti labili; (…) Tra la seconda metà “Norme per la protezione to, www.gev.bologna.it minore energia per il termocon- degli anni ’80 e il 1992-94 la della fauna selvatica omeo- Si consiglia, inoltre, di dizionamento estivo; minore specie ha raggiunto una dif- terma e per il prelievo vena- emissione di composti organici fusione omogenea in tutta la fare riferimento al portale torio” la deroga alla tutela per aggiornamenti sulle volatili (carburanti e solventi) e pianura bolognese spingen- come invece nel caso di tal- riduzione della velocità di rea- dosi anche lungo le aste flu- iniziative, gli impegni e le zione di inquinamento. pe, ratti, topi e arvicole indi- viali dell’Idice, fino a Monte- geni (art. 2, comma 2). Para- attività dell’Associazione. P.B. 3
  • Via degli Dei (segue da p. 1) ogni zona di una Gev che segua La zona ex risaia manifestazioni e fiere; defini- Dante Bonazzi il Monte Galletti la temperatu- ra è cambiata; quanto ci siamo zione e razionalizzazione delle procedure e costituzione di un La Sezione WWF pianura sentiti piccoli accanto alle pale del maestoso impianto eolico. gruppo specifico “Qualità e centrale bolognese, sin Arriviamo a destinazione verso Procedure”; maggiore coordi- dalla sua nascita, puntò alla tutela le 17,30, affamati e assetati. namento e migliore comunica- di una zona nord dell'abitato di zione all’interno del gruppo Bentivoglio storicamente parte Tappa N.2: laghetti e pozze Madonna dei Fornelli (770 m) - Protezione civile; esigenza di delle immense paludi che si e- Monte dei Cucchi (1140 m) - Monte stabilire delle priorità rispetto stendevano con alcune soluzioni Poggiaccio (1190 m) - Passo della alle iniziative da intraprendere di continuità dall'alta pianura Futa (900 m) - Monte di Fò (780 m) e delle convenzioni da sotto- bolognese fino al Reno, al Po e al La tappa fin dall’inizio si an- scrivere in funzione alle finalità mare. Gran parte dei terreni sono nuncia più corta; Nino, l’ha definita di trasferimento e così dello statuto e delle forze su cui stati coltivati a risaia fino agli è. Lungo il cammino tanta il raggruppamento può contare. anni Sessanta, e fino alla fine acqua: innumerevoli laghetti e Il direttivo del 7 aprile ha deli- degli anni Ottanta vi erano anco- tante pozzanghere. I selciati berato inoltre di non partecipa- ra alcune coltivazioni sperimen- della strada romana Flaminia re alla Consulta delle associa- tali di riso. La zona era quasi militare (187 a.C.). La nota zioni per la Promozione turisti- completamente disabitata ed ave- stonata sono due fuoristrada ca del territorio del Comune di va ancora alcune siepi, alberature che si credono “i padroni dei Dal Direttivo (segue da p. 1) San Lazzaro di Savena, iniziati- e pioppeti abbandonati, in questi sentieri”. va dell’Istituzione Prometeo, in ultimi è cresciuta una vegetazio- analoghi problemi. Nel corso del Tappa N.3: l’acqua asciutta quanto attività non attinente ne spontanea. Per questi motivi direttivo del 17 febbraio si è Monte di Fò (780 m) - Monte Gazzaro con le finalità del nostro statu- vi è sempre stato un ambiente inoltre proceduto ad una verifica (1125 m) - Passo dell'Osteria Brucia- to. Al prossimo Consiglio diret- adatto alla presenza di animali, ta (820 m) - S. Piero a Sieve (200 m) dello stato delle convenzioni in tivo verrà presentata la propo- soprattutto uccelli. Tutta l'area, di La sveglia è suonata prima essere (in scadenza, già scadute, sta per la ridefinizione almeno 1500 ettari, si estende, questa mattina, ci aspetta una in fase di prima sottoscrizione o dell’organigramma sulla base oltre che nel comune di Bentivo- lunga e faticosa tappa. Abbia- di rinnovo), e si è discusso sulla di quanto emerso nell’ultima glio, anche nel Comune di San mo goduto dal Monte Gazzaro proposta del Comune di Argelato riunione, ve ne daremo conto Pietro in Casale. Alla fine degli uno splendido panorama sulla per un censimento dei maceri valle del Santerno e sul Mugel- sul “Gufo” di luglio. anni ‘80 il Comune di Bentivo- presenti sul territorio comunale. glio affida al naturalista Roberto lo e un piacevole venticello. La Per accettare questa proposta il Tinarelli l'incarico di progettare discesa è lunga, ma meno pe- direttivo ha posto come condizio- una zona umida. Oggi, in virtù di sante del previsto. ne la verifica che il medesimo “il Gufo” e “Portici” numerosi e diversi interventi, si è Tappa N.4: la montagna incarico non sia oggetto di offerte Sono continuati, in questi mesi, venuta a creare, con i rimboschi- San Piero a Sieve (200 m) - Monte di prestazioni analoghe da parte i contatti con la Provincia per menti e gli altri ambienti naturali, Senario (820 m) - Poggio il Pratone del mercato del lavoro, per non realizzare presso quell’Ufficio (700 m) - Fiesole (300 m) - (Firenze) stampa il notiziario associativo, una zona di grande valore am- metterci in competizione con Il tappone conclusivo è stato obiettivo questo che, se rag- bientale e naturalistico unica nel- considerato “il gran premio chi - per mestiere - svolge queste la pianura bolognese. Nella zona attività. Il direttivo del 7 aprile si giunto, porterebbe a un totale della montagna” per l’ardua centrale dell'ex risaia, quella più è sviluppato prevalentemente abbattimento dei costi di pub- salita in cui ci ha impegnato. Il naturalisticamente interessante, sole ci ha accompagnato sulla valutazione dello stato blicazione. Purtroppo, al mo- vi è un'oasi provinciale di prote- dall’inizio alla fine, con la sod- dell’associazione e della struttura mento, nulla si è ancora ottenu- zione della fauna di 519 ettari in disfazione di una splendida dell’organigramma attuale in to; ci auguriamo che le ragioni cui è vietata la caccia. Nella zona abbronzatura, ma una discreta relazione ai cambiamenti e da noi avanzate possano quanto ex risaia è stata rilevata la presen- arsura. Il paesaggio con le sue all’evoluzione che CPGEV ha prima trovare l’ascolto che, za, tra stanziali, svernanti, migra- fioriture, tra le quali alcune avuto in questi ultimi due anni in crediamo, meritano. tori, nidificanti, estivanti, acci- splendide orchidee, ci ha per- termini di numero di soci, di ore dentali, di 196 specie diverse di messo di goderci l’ultima gior- di servizio e quindi di attività uccelli. Oggi sono quasi termina- nata del nostro trekking, e di svolte. Molti sono stati gli inter- concludere in bellezza. Da venti, e dato per scontato il pare- il Gufo te le strutture di visita: percorsi Poggio Pratone (702 m) abbia- re unanime sulla necessità di am- Nuova Serie nascosti con feritoie, capanni di mo ammirato in lontananza pliare l’organigramma per au- Anno quinto, numero 2/2003 osservazione. Si sta reintroducen- Firenze dove arriviamo alle ore mentare la “base operativa” e per do la Cicogna bianca, si ricostrui- 17 per poi salire sul treno notiziario del CPGEV di Bologna rà un bell'edificio in loco per far- sollevare da qualche impegno diretto a Bologna. Purtroppo vi un centro visita e se ne ristrut- … dopo 4 giorni siamo tornati coloro che attualmente ne hanno turerà un altro ad uso foresteria. alla dura realtà, in mezzo alla troppi, sono emerse queste pro- Si creerà inoltre un centro anfibi. civiltà fatta di auto, smog e poste: nell’organigramma inseri- Per la realizzazione di questo tanta confusione... re soci provenienti prevalente- sogno hanno dato una mano an- mente dalla zona di Bologna e che diverse Gev (lo sono anch’io) necessità quindi di coinvolgimen- Sede legale che qui sentitamente ringrazio, to, nei vari gruppi e settori di Strada Maggiore, 80 - Bologna piantumando e innaffiando 500 attività, di Gev provenienti dalle Sede Operativa alberi e arbusti, reperendo ed altre zone; proposta di costituzio- Villa Tamba immettendo piante acquatiche ne di un gruppo di attività speci- Via della Selva di Pescarola 26 rare e svolgendo un’assidua atti- fico su “Parchi e territorio”; in- 40131 Bologna vita di vigilanza in zona. cremento nell’organigramma del Tel. e Fax 051-6347464 gruppo rifiuti; individuazione in 4