Ricerca unione europea
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Ricerca unione europea

  • 249 views
Uploaded on

asderfjihiugyhfg fcgv d

asderfjihiugyhfg fcgv d

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
249
On Slideshare
249
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. L’UNIONE EUROPEA L'Unione europea (UE) è un trattato economico e politico, unico nel suo genere, tra 27 paesi che coprono buona parte del continente. La costruzione europea è nata sulle rovine della II Guerra mondiale con l'obiettivo di promuovere innanzitutto la cooperazione economica tra i paesi, partendo dal principio che il commercio produce un'interdipendenza che riduce i rischi di conflitti. Nel 1958 è stata così creata la Comunità economica europea (CEE), che ha intensificato la cooperazione economica tra sei paesi: Belgio, Germania, Francia, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi. Da allora, è stato creato un grande mercato unico, che continua a svilupparsi per realizzare appieno le sue potenzialità. Ma quella che era nata come un'unione puramente economica è anche diventata col tempo un'organizzazione attiva in tutti i settori, dagli aiuti allo sviluppo alla politica ambientale. Per riflettere questo cambiamento, nel 1993 il nome CEE è stato sostituito da Unione europea (UE). Al 2012 l'Unione europea conta 27 Stati membri: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. L'Unione è cresciuta da un nucleo di sei Paesi fondatori dell'allora Comunità economica europea (segnati in grassetto) L'Unione europea si articola intorno alle istituzioni inizialmente previste nell'ambito delle Comunità europee e dei suoi organi specifici. Riorganizzate dal Trattato di Lisbona, le Istituzioni sono attualmente sette: • la Commissione europea, rappresenta gli interessi generali dell'UE, è formata da un Commissario per Stato membro, con sede a Bruxelles. Dura in carica cinque anni, compreso il Presidente: i componenti sono nominati dal Consiglio europeo ma devono avere l'approvazione del Parlamento europeo; • il Parlamento europeo, composto dai rappresentanti dei cittadini degli stati membri eletti a suffragio universale diretto (prima dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona si faceva riferimento ai popoli dell'unione) da tutti i
  • 2. cittadini dell'Unione ogni cinque anni, compreso il Presidente che per prassi rimane in carica due anni e mezzo; ai sensi del Trattato ha sede a Strasburgo, città della Francia, ma svolge i suoi lavori anche a Bruxelles (dove si trova un altro emiciclo) e a Lussemburgo (sede del segretariato). Ogni singolo stato stabilisce in autonomia le modalità di svolgimento delle elezioni e il metodo di ripartizione dei seggi; • il Consiglio dell'Unione europea (o "Consiglio dei Ministri"), formato da un rappresentante di ciascuno stato membro a livello ministeriale che si occupa della stessa materia a livello statale (ad esempio al Consiglio dei ministri convocato per urgenza economica parteciperanno tutti i ministri dell'economia, ambientale quelli dell'ambiente ecc.), con sede a Bruxelles. La presidenza è assegnata a uno stato membro e ruota ogni 6 mesi; • il Consiglio europeo comprende un rappresentante per ogni stato: il Capo di Stato (se si tratta di repubbliche semipresidenziali o presidenziali) o quello di Governo (se si tratta di monarchie o repubbliche parlamentari). I capi di stato e di governo sono assistiti dai ministri degli esteri e da un membro della Commissione, con sede a Bruxelles. Il Presidente, nominato dal Consiglio europeo, dura in carica due anni e mezzo; • la Corte di giustizia dell'Unione europea, che vigila sull'applicazione del diritto comunitario, con sede a Lussemburgo; • la Corte dei conti europea, che verifica il finanziamento delle attività dell'UE, con sede a Lussemburgo; • La Banca centrale europea, che è responsabile per la politica monetaria europea, con sede a Francoforte sul Meno. L'economia Grazie al mercato unico, l'UE è una delle maggiori potenze commerciali mondiali. Per sostenere la crescita, l'UE sta investendo nei trasporti, nell'energia e nella ricerca, cercando al tempo stesso di ridurre al minimo l'impatto dello sviluppo economico sull'ambiente.
  • 3. Con l'ingresso di 12 nuovi paesi a partire dal 2004, il PIL dell'UE, misurato in termini di produzione di beni e servizi, ha ormai superato quello degli USA. • PIL (12.268.387 milioni di euro nel 2010) Commercio L'UE conta solo il 7% della popolazione mondiale, ma i suoi scambi commerciali con il resto del mondo rappresentano circa il 20% delle esportazioni ed importazioni mondiali. L'UE si colloca al primo posto per le esportazioni e al secondo per le importazioni. Circa due terzi degli scambi commerciali dei paesi dell'UE avvengono con altri paesi dell'UE. Gli Stati Uniti costituiscono il principale partner commerciale dell'UE, seguiti dalla Cina. Nel 2005, l'UE ha rappresentato il 18,1% delle esportazioni mondiali e il 18,9% delle importazioni. Occupazione Negli ultimi 50 anni, l'occupazione si è ridotta nell'agricoltura e nell'industria, mentre è aumentato il numero di persone che lavorano nei servizi. La disoccupazione è aumentata a seguito della recente crisi economico-finanziaria e colpisce oggi il 7,5% della popolazione attiva dell'UE. Ricerca La ricerca e sviluppo (R&S) sono al centro della strategia dell'UE per rendere più competitiva la sua economia. L'obiettivo è quello di investire di più per allineare la spesa per R&S a quella di Stati Uniti e Giappone. Infrastrutture Le ferrovie e le vie navigabili interne (fiumi e canali) assorbono solo una piccola percentuale del traffico merci e passeggeri complessivo dell'UE. Tre quarti di tutte le merci e dei passeggeri nell'UE sono trasportati su strada.
  • 4. Energia e ambiente Per oltre il 50% del suo fabbisogno energetico, l'UE dipende dalle importazioni. Per ridurre questa dipendenza e proteggere l'ambiente, l'UE intende utilizzare l'energia in maniera più efficiente e ricorrere maggiormente alle fonti di energia rinnovabili. L'obiettivo dell'UE per il 2020 è di generare il 20% della sua energia elettrica da fonti rinnovabili come vento, acqua, energia geotermica e biomassa. Bandiera Europea Simbolo Euro Territori dell’Unione Europea