Unione europea

1,180 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,180
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
22
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Unione europea

  1. 1. Info Point Europa - Comune di Trieste Via della Procureria, 2 34121 Trieste tel. 0406754141, fax. 0406754142 - ipe@comune.trieste.it, www.retecivica.trieste.it/ipeComunicare l’Europa I PARTE L’Informazione europea nell’ambito del Corso Uffici Relazioni col Pubblico 30 gennaio - 6 febbraio 2004 a cura di Elisabetta Girardi Info Point Europa Trieste Info Point Europa Trieste - 2004
  2. 2. Programma I PARTE Venerdì 30 gennaio1. Valori, identità, interessi.Perchè e come comunicare l’Europa2. Come funziona l’Unione EuropeaBreve storia dell’integrazione europea - I TrattatiLe altre organizzazioni europeeLa struttura internaGli strumenti normativiLe politiche comunitarieL’avvenire dell’EuropaAllargamento - CIG - Costituzione europea Info Point Europa Trieste - 2004
  3. 3. II PARTE Venerdì 6 febbraio3. La rete d’informazione comunitariaLa Commissione europea e la DG Press and CommunicationLa Rappresentanza in Italia ed i relays ufficialiGli Info Point Europa e l’IPE di TriesteGli uffici d’informazione in regione e presso la Regione FVG4. Opportunità e finanziamenti per i cittadiniI maggiori Programmi Comunitari5. Come trovare le informazioniI siti internet ufficialiLe pubblicazioni ufficiali ed il materiale a disposizioneLa GUCELe banche dati Info Point Europa Trieste - 2004
  4. 4. 1.Valori, identità, interessi.Perchè e come comunicarel’Europa Info Point Europa Trieste - 2004
  5. 5. 1. Perché è così difficile spiegare l’Europa?L’Europa come:- IDEA (integrazione fra stati che scelgono la pace)- SOGGETTO POLITICO (nello scenario globale)- PATTO ISTITUZIONALE (le nuove regole tra dimensione comunitaria equadro intergovernativo)- SPAZIO ECONOMICO (libera circolazione dei beni, capitali, persone eservizi)- COMPLESSITA’ LINGUISTICO-CULTURALI (lo spazio da valorizzare) Info Point Europa Trieste - 2004
  6. 6. II. Perché è così “lontana” l’Europa?I principali contenuti della comunicazione sull’Europa:- L’avvenire dell’Europa (REGOLE e DEMOCRAZIA)- Lo spazio di libertà e sicurezza (DIRITTI E CITTADINANZA)- L’Allargamento (IDENTITA’, SOVRANITA’ E GRANDE EUROPA)- Il consolidamento dell’Euro (RICCHEZZA-BENESSERE)- Gli strumenti di perequazione ed integrazione (FONDI, PROGRAMMI) Info Point Europa Trieste - 2004
  7. 7. 2. Come funziona l’UnioneEuropeaBreve storia dell’integrazione europea - I TrattatiLe altre organizzazioni europeeLa struttura internaGli strumenti normativiLe politiche comunitarieL’avvenire dell’EuropaAllargamento - CIG - Costituzione europea Info Point Europa Trieste - 2004
  8. 8. Info Point Europa Trieste - 2004
  9. 9. Le tappe fondamentali dell’Unione Europea1950 Altiero Spinelli e Jean Monnet scrivono per Robert Schuman il piano che il 9 maggio verra’ reso pubblico sull’idea di:• Progetto federalista (rapporto di complementarietà tra i poteri)• Progetto funzionalista (delega graduale di parti di sovranità)Da realizzare per il momento ad un settore limitato: CARBONE E ACCIAO6 gli STATI FONDATORI 1951 Nasce l’Europa: la Ceca (Trattato di Parigi) 1957 La Comunità Economica Europea (Trattato di Roma) + EURATOM Info Point Europa Trieste - 2004
  10. 10. Le tappe fondamentali dell’Unione Europea1963 Yaoundè, il debutto dell’Europa sulla scena internazionale1973 Primo allargamento della CEE: Gran Bretagna, Irlanda e Danimarca1979 Prime elezioni dirette del Parlamento Europeo Realizzazione dello SME - Sistema Monetario Europeo1981-86 Secondo e Terzo allargamento della CEE: Grecia, Spagna e Portogallo Info Point Europa Trieste - 2004
  11. 11. Le tappe fondamentali dell’Unione Europea1985 Libro Bianco di Jacques Delors1986 Atto unico europeo che modifica il Trattato di Roma1992 Trattato di Mastricht che associa le tre CEE nasce l’UNIONE EUROPEA (nuove politiche, cittadinanza europea, immagine dei tre pilastri) prende il via il processo di unificazione monetaria (l’EURO) Info Point Europa Trieste - 2004
  12. 12. Le tappe fondamentali dell’Unione Europea1995 Quarto Allargamento dell’UE: Austria, Finlandia e Svezia1997 Trattato di Amsterdam (ritocco di certe politiche e poteri dell’Unione, nuove competenze al PE)1998 Decisione sugli stati che adotteranno l’Euro (a Bruxelles)1999 L’Euro è adottato ufficialmente da 11 paesi2000 Trattato di Nizza – CARTA DEI DIRITTI DELL’UE2002 Messa in circolazione delle monete e banconote in Euro2004 Ingresso dei primi dieci Paesi Candidati - CIG - Elezioni del PE - Nuova Commissione L’UNIONE EUROPEA PASSA DA 15 a 25 MEMBRI- 2004 Info Point Europa Trieste
  13. 13. Da non confondere: Unione europea - UECEE - MEC - CECA - EURATOM - EFTA Consiglio dell’UE Consiglio europeo Consiglio d’Europa - COE OSCE UEO Info Point Europa Trieste - 2004
  14. 14. I principi fondamentaliL’UE come garante della paceL’unità e l’uguaglianza come temi conduttoriLe libertà ed i diritti fondamentaliIl principio della solidarietàIl rispetto dell’identità nazionaleIl trasferimento di competenze - il principiodi sussidiarietàL’applicabilità diretta e la preminenza deldiritto comunitario
  15. 15. I tre pilastri di Maastricht Info Point Europa Trieste - 2004
  16. 16. Le Istituzioni
  17. 17. Parlamento europeo esercita tre funzioni essenziali: •condivide con il Consiglio il potere legislativo; •consultazione, •cooperazione, •codecisione (introdotta da Maastricth), •parere conforme •svolge un ruolo decisivo nelladozione del bilancio. •esercita un controllo democratico sulle istituzioni comunitarie ed in primo luogo sulla Commissione•Il Parlamento è eletto ogni 5 anni e comprende 626 deputati riunitinellambito di gruppi politici transnazionali. Le sessioni plenarie, che riuniscono la totalità dei deputati, si tengono a Strasburgo che costituisce la sede del Parlamento. Le commissioni parlamentari e le sessioni plenarie aggiuntive si riuniscono a Bruxelles mentre il segretariato generale è installato a Lussemburgo.
  18. 18. Consiglio dellUnione europea (1/3)•Il Consiglio è il principale organo decisionale dellUnioneeuropea.•È lemanazione degli Stati membri e si riunisce regolarmente alivello ministeriale.•In funzione dei punti allordine del giorno, il Consiglio si riuniscein formazioni diverse: affari esteri, finanze, agricoltura, istruzione,telecomunicazioni, ecc.•Il Consiglio è formato da un rappresentante di ciascuno Statomembro a livello ministeriale, abilitato ad impegnare il suogoverno.La sede del Consiglio è a Bruxelles dove si svolgono le sessioniministeriali, tranne che nei mesi di aprile, giugno e ottobre, neiquali le sessioni si svolgono a Lussemburgo.
  19. 19. Consiglio dellUnione europea (2/3)Le funzioni fondamentali:1. È lorgano legislativo dellUnione, esercita il potere legislativo in codecisione con il Parlamento europeo per un ampio spettro di competenze comunitarie.2. Coordina le politiche economiche generali degli Stati membri.3. Conclude, a nome della Comunità, accordi internazionali con uno o più Stati o organizzazioni internazionali.4. Condivide il potere di bilancio con il Parlamento.5. Prende le decisioni necessarie alla definizione e allattuazione della politica estera e di sicurezza comune, sulla base degli orientamenti generali definiti dal Consiglio europeo.6. Coordina le azioni degli Stati membri e adotta misure nel settore della cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale.
  20. 20. Consiglio europeo• È nato dalla prassi iniziata nel 1974 di riunire regolarmente i capi di stato o di governo della CEE (istituzionalizzata nel 1986)• Si riunisce almeno due volte l’anno e conta come membro di diritto il Presidente della Commissione• E’ il centro d’impulso delle principali iniziative politiche dell’unione• Affronta soprattutto problemi d’attualità internazioanle nell’ambito della PESC e funge da meccanismo di armonizzazione ed espressione di una diplomazia comune dei Quindici.
  21. 21. Consiglio dellUnione europea (3/3)• La composizioni varia a seconda degli argomenti trattati• Il Consiglio "Affari generali", "Affari economici e finanziari" e "Agricoltura" si riuniscono una volta al mese, mentre altre si riuniscono da due a quattro volte lanno in funzione dellurgenza dei temi trattati.• La procedura di votazione più frequentemente prevista dal trattato è quella a maggioranza qualificata. • La soglia della maggioranza qualificata è fissata a 62 voti su 87 (71% dei voti). • Il voto degli Stati membri è ponderato sulla base della loro popolazione e corretto a favore dei Paesi meno popolati.
  22. 22. Commissione europea esercita quattro funzioni essenziali: •propone i testi di legge al Parlamento e al Consiglio; •gestisce e attua le politiche comunitarie; •vigila sul rispetto del diritto comunitario (insieme alla Corte di Giustizia); •costituisce un importante portavoce dellUnione europea e negozia gli accordi internazionali, essenzialmente in materia di commercio e di cooperazione.La Commissione è composta da un collegio di 20 membri.Il presidente, i 2 Vice-presidenti e gli altri 17 membri dellaCommissione sono scelti per le loro competenze generali epresentano garanzie di indipendenza. Si tratta di personalità chehanno precedentemente esercitato funzioni politiche nei loro Pesi diorigine spesso a livello ministeriale.La sede della Commissione è a Bruxelles. Il rinnovo dellaCommissione avviene ogni cinque anni, nei sei mesi che seguono leelezioni del Parlamento europeo.
  23. 23. La Corte di Giustiziaè dotata di ampie competenze giurisdizionali che essa esercita nel quadrodelle varie categorie di ricorsi cui deve rispondere. Si tratta in particolare deiseguenti tipi di ricorso: •il rinvio pregiudiziale; •il ricorso per inadempienza; •il ricorso per annullamento; •il ricorso per carenza.•La sede della Corte di giustizia è a Lussemburgo.•E’ composta da un giudice per ciascuno Stato membro affinché sianorappresentati i vari sistemi giuridici nazionali. ed è assistita da 8 avvocatigenerali, il cui ruolo è di presentare pubblicamente e in modo imparzialeconclusioni motivate sulle questioni sottoposte alla Corte.I giudici e gli avvocati generali sono nominati di comune accordo dai governidegli Stati membri per un mandato di sei anni rinnovabile, con un rinnovoparziale ogni tre anni. Si tratta di alti magistrati o di giureconsulti di notoriacompetenza che presentano tutte le garanzie di indipendenza. La Corte e iltribunale eleggono ciascuno nel loro ambito un presidente per tre anni.
  24. 24. La Corte dei conti•Controlla la corretta esecuzione del bilancio dellUnione, vale a direla legalità e la regolarità delle entrate e delle spese comunitarie.•garantisce la corretta gestione finanziaria, contribuendo in tal modoallefficacia e alla trasparenza del sistema comunitario.•Le sede della Corte dei conti è a Lussemburgo.•E’ composta da 15 membri nominati per un mandato rinnovabile di6 anni dal Consiglio, deliberante allunanimità previa consultazionedel Parlamento europeo.I membri della Corte dei conti sono scelti tra personalità che abbianoappartenuto nei loro Paesi rispettivi alle istituzioni di controlloesterno o in possesso di una qualifica particolare per tale funzione.Ciascun membro del collegio deve soddisfare i criteri di competenzae di indipendenza ed esercitare le sue funzioni a tempi pieno. Imembri eleggono tra di loro un presidente per una durata di tre anni.
  25. 25. Comitato economico e socialeHa tre missioni essenziali: •garantire una funzione consultiva nei confronti delle tre grandi istituzioni (Consiglio, Commissione e, dal Trattato di Amsterdam, il Parlamento europeo); •consentire una maggiore partecipazione dei rappresentanti della società civile organizzata al progetto europeo, favorendo in tal modo lo sviluppo di una società maggiormente partecipativa, inclusiva e quindi democratica; •rafforzare il ruolo della società civile organizzata dei Paesi terzi attraverso la promozione di un dialogo strutturato con i loro rappresentanti e, nel rispetto delle realtà economiche, sociali e culturali, il sostegno alla creazione di strutture consultive.•La sede del CES è a Bruxelles, dove si svolge la maggior parte delle riunioni e delleassemblee plenarie. Vengono inoltre organizzate riunioni fuori sede.•I membri del Comitato sono proposti dai governi degli Stati membri e nominati dalConsiglio dellUnione europea per un mandato rinnovabile di 4 anni.•I 222 membri sono totalmente indipendenti e sono ripartiti in funzione delledimensioni delle popolazioni degli Stati membri (24 membri per Germania, Francia,Italia e Regno Unito; 21 per la Spagna; 12 per Austria, Belgio, Grecia, Paesi Bassi,Portogallo e Svezia; 9 per Danimarca, Finlandia e Irlanda; 6 per Lussemburgo).
  26. 26. Comitato delle regioni•Il Comitato delle regioni vigila sul rispetto dellidentità e delle prerogativeregionali e locali. Previsto dal Trattato sullUnione europea, è stato creato nel1994.•La Commissione e il Consiglio consultano obbligatoriamente il Comitatodelle regioni nei settori la coesione economica e sociale (politica regionale efondi strutturali); •le reti transeuropee nei settori del trasporto, delle telecomunicazioni e dellenergia; •la sanità pubblica; •listruzione, la gioventù e la cultura; •la politica delloccupazione, la formazione professionale e la politica sociale; •lambiente; •i trasporti.È composto di rappresentanti degli enti regionali e locali.•I 222 membri del Comitato sono ripartiti in funzione delle dimensioni dellepopolazioni degli Stati membri (24 membri per Germania, Francia, Italia eRegno Unito; 21 per la Spagna; 12 per Austria, Belgio, Grecia, Paesi Bassi,Portogallo e Svezia; 9 per Danimarca, Finlandia e Irlanda; 6 per ilLussemburgo). La sede del Comitato delle regioni è a Bruxelles.
  27. 27. Banca europea per gli investimenti (BEI)•La Banca europea per gli investimenti (BEI) è listituzione finanziaria dellUnioneeuropea.• Contribuisce alla realizzazione degli obiettivi dellUnione attraverso il finanziamento diprogetti volti a promuovere lintegrazione europea, lo sviluppo equilibrato, la coesioneeconomica e sociale, nonché lo sviluppo di uneconomia fondata sulle conoscenze esullinnovazione. Creata nel 1958 dal Trattato di Roma, la BEI si finanzia attraversolacquisizione di prestiti sui mercati dei capitali.Banca centrale europea (BCE)•La creazione dellUnione monetaria in Europa ha dato origine ad una nuova moneta,leuro, e ad una nuova banca centrale.•La BCE e le banche centrali dei Paesi che hanno adottato leuro costituiscono una nuovaentità definita "Eurosistema".•Creata il 1° giugno 1998, la Banca centrale (BCE) è subentrata allIstituto monetarioeuropeo (IME) ,che aveva precedentemente svolto un ruolo centrale nella preparazionedel lancio delleuro, verificatosi il 1° gennaio 1999.•La sede della Banca centrale europea è a Francoforte sul Meno (Germania) dove impiegapersonale proveniente da tutti gli Stati membri dellUnione europea.•Essa gode di una totale indipendenza nello svolgimento delle sue missioni•Lobiettivo fondamentale che è di garantire la stabilità dei prezzi,•Le missioni principali della BCE consistono nel: •definire e attuare la politica monetaria della zona euro; •effettuare le operazioni di cambio, detenere e gestire le riserve ufficiali •emettere le banconote nella zona euro; •promuovere il corretto funzionamento dei sistemi di pagamento
  28. 28. Il Mediatore europeo (OMBUDSMAN)E’ nominato dal Parlamento europeo ed è abilitato aricevere le denunce di qualsiasi cittadino dell’unioneo di qualsiasi persona fisica che risieda nell’unione,contro le istituzioni o gli organi comunitari. Quandoriceve una denuncia, cerca di comporreamichevolmente la controversia con le istituzionicomunitarie.
  29. 29. Gli strumenti normativi- Trattati istitutivi- Accordi internazionali della CERegolamenti - unificazione del diritto - self executingDirettive - ravvicinamento delle legislazioni - vincolanti per l’obiettivoDecisioni - individuali - vincolantiRaccomandazioni - non vincolantiPareriRisoluzioni - dichiarazioni - programmi d’azione Info Point Europa Trieste - 2004
  30. 30. Le politiche comunitarie Info Point Europa Trieste - 2004
  31. 31. Le politiche comunitarie (1/3)Le politiche di solidarietà•L’azione regionale - fondi strutturali•La dimensione sociale - diritti sociali/FSE•La politica dell’occupazione e la politica industriale•Promozione della ricerca e dello sviluppo tecnologico•La politica agricola comuneLe politiche del progresso•Tutela della salute pubblica•Tutela dei consumatori•Tutela della concorrenza•Tutela dell’ambiente•Impulsi alla ricerca scientifica•Sicurezza dei trasporti e creazione di grandi reti•Accesso all’Istruzione e alla cultura Info Point Europa Trieste - 2004
  32. 32. Le politiche comunitarie (2/3)L’Unione economica e monetaria•Introduzione dell’Euro•Patto di stabilità e di crescitaL’Unione politica e la difesa•La cooperazione giudiziaria in materia civile e penale•La cooperazione di polizia•La politica estera e di sicurezza comune - PESC•La politica di difesa comune•La politica di solidarietà ed assistenza umanitaria (per i paesi terzi) Info Point Europa Trieste - 2004
  33. 33. Le politiche comunitarie (3/3)L’Europa dei cittadini•Istituzione della Cittadinanza dell’Unione•Elettorato attivo e passivo (per elezioni comunali e europee)•Tutela da parte delle autorità diplomatiche•La libera circolazione•La libera prestazione di servizi ed esercizio delle libere professioni•Principio di non discriminazione•Riconoscimento reciproco dei titoli di studio•Incoraggiamento dei programmi atti a creare una coscienza comune Info Point Europa Trieste - 2004
  34. 34. L’UE nel mondo Il programma TACIS fornisce assistenza tecnica ed economicaagli stati dell’ex URSS. Cooperazione fitta e proficua con USA e Giappone Politica d’integrazione regionale con i paesi del Mediterraneomeridionale attraverso accordi di associazione e cooperazione edassistenza finanziaria. Con i paesi ACP (Africa-Caraibi-Pacifico) l’UE intrattienerelazioni politiche privilegiate regolate dalla IV Convenzione di Lomè.Per loro sono assicurati aiuti finanziari e cooperazione industriale edagricola. Con i paesi dell’Asia e dell’America Latina la cooperazione èmeno strutturata, anche se vengono garantiti una serie di aiutifinanziari e numerosi partenariati. L’UE costituisce il partner più importante dei PVS: sul pianocommerciale assorbe il 21% delle loro esportazioni e fornisce loro un contributo pari a più del 50% del totale degli aiuti pubblici mondiali. Info Point Europa Trieste - 2004

×