Unione europea: II A Poliziano

797 views

Published on

una presentazione per la II A Poliziano, utile per capire un po' meglio la nostra casa comune europea

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
797
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Unione europea: II A Poliziano

  1. 1. U N S O G N O O U N ’ U T O P I A ? L’Unione Europea
  2. 2. L’Europa uscì dalla seconda guerra mondiale distrutta. Si cercò di trovare un’intesa tra quei Paesi che si erano, per i due grandi conflitti del Novecento, trovati nemici, come la Francia e la Gran Bretagna da una parte, e la Germania dall’altra.
  3. 3. La guerra fredda contribuì a dividere l’Europa al suo interno: esistevano dei Paesi alleati degli USA e degli altri alleati dell’URSS L’Europa venne divisa in due blocchi contrapposti. L’Europa occidentale, aiutata dagli USA e saldata con essi dal Patto Atlantico, si propose di avviare una cooperazione tra i Paesi che la componevano.
  4. 4. L’Europa è tuttavia un concetto culturale  Non era possibile realizzare una Federazione di Stati come gli USA : si dovevano tenere presenti le diversità storiche, politiche, culturali fra Nazioni
  5. 5. OCCORREVA UN’UNITÀ ECONOMICA: DAL TRATTATO DI PARIGI AL TRATTATO DI MAASTRICHT Prima dell’unità politica…
  6. 6. Trattato di Parigi, 1951-53 CECA Trattato di Roma, 1958 CEE La costruzione economica degli anni Cinquanta: i primi sei Paesi
  7. 7. La CECA era un accordo economico che si basava sui materiali fondamentali per la ricostruzione dell’Europa moderna: il carbone e l’acciaio; la CEE era un accordo che si ampliava ad altri settori economici: vengono aboliti tra i 6 Paesi i dazi doganali.
  8. 8. Con il Trattato di Maastricht (1992) si vuole ampliare l’accordo economico finanziario con una moneta unica.
  9. 9. Maastricht si proponeva di unificare l’Europa anche politicamente … ma ci è riuscita?
  10. 10. Dal 1952 al 2007 gli Stati aderenti a questo accordo europeo (oggi U.E.) sono cresciuti sino a 28. Nella cartina manca la Croazia.
  11. 11. Dal 1989 al 2013 l’Europa orientale si è trasformata:  Economia socialista: quando esisteva l’URSS
  12. 12. Il 1989 è stato un anno storico  E’ crollato il Muro di Berlino, voluto nel 1961.  Le due Germanie (filooccidentale e comunista) si riuniscono.
  13. 13. Nel 1991 è stata sciolta l’URSS (CCCP in russo), fino ad allora lo Stato più grande del mondo. Nel 1991 è stata sciolta l’URSS (CCCP in russo); la Russia, nonostante lo smembramen to dell’URSS, è ancora lo Stato più grande del mondo.
  14. 14. Tra i protagonisti di questo epocale cambiamento M. Gorbaciov, ultimo segretario dell’URSS, e papa Giovanni Paolo II, ora santo. Il comunismo sovietico finì perché lo sviluppo storico ha dimostrato il fallimento dell’economia socialista su larga scala.
  15. 15. MOLTI STATI DELL’EUROPA ORIENTALE SONO ENTRATI A FAR PARTE DELL’ACCORDO ECONOMICO E POLITICO DELL’UNIONE EUROPEA, NON SENZA MOLTA FATICA DA PARTE DI TUTTI GLI STATI MEMBRI. Dopo la dissoluzione dell’URSS:
  16. 16. Quali sono le difficoltà principali dell’U.E.?
  17. 17. DIFFERENZE ECONOMICHE E SOCIALI TRA EUROPA OCCIDENTALE ED ORIENTALE Gli Stati che appartenevano all’URSS non erano strutturati secondo gli schemi dell’economia di mercato, né le persone erano abituate all’idea condivisa di Europa filo- occidentale e filoamericana.
  18. 18. PRATICA DELLA DEMOCRAZIA Libere elezioni Libertà della manifestazione del pensiero Tutele sindacali Tutela delle minoranze Economia commerciale aperta e stabile Competitività con le aziende europee
  19. 19. LA CRISI ECONOMICA dal 2008 ha colpito i Paesi della “zona euro” Inasprimento dei tagli al welfare Diminuzione della qualità della vita dei cittadini UE Approfondimento della distanza tra euroscettici ed europeisti
  20. 20. NONOSTANTE LA SUA POTENZA ECONOMICA L’U.E. NON HA UN EGUALE PESO POLITICO Dopo la Cina e gli USA l’U.E. è la massima potenza economica All’interno dell’U.E. prevalgono però gli interessi nazionali Non è in grado di attuale una comune politica estera e di difesa
  21. 21. PERCHE’ CONVIENE L’UNIONE EUROPEA
  22. 22. GARANTIRE IL FUTURO DEL NOSTRO PAESE COME TITOLARE DI DEMOCRAZIA E DI DIRITTI CIVILI FAR PARTE DELL’U.E. SIGNIFICA
  23. 23. L’U.E. è la terza economia mondiale, ed ha 500 milioni di abitanti in 28 Paesi
  24. 24. FAR PARTE DELL’U.E. SIGNIFICA  Accedere al 20% degli scambi internazionali e quindi agire attivamente nell’economia mondiale  Aderire ad un’organizzazione sovranazionale: per questo deve rinunciare ad una parte del proprio potere a vantaggio del bene comune  Essere cittadino europeo: possiamo circolare, soggiornare, studiare in ogni Paese dell’U.E.
  25. 25. Con la Convenzione di Schengen (1995)  PAESI ADERENTI: tutti quelli dell’U.E. salvo regno Unito e Irlanda e quattro non aderenti all’U.E.: totale 29 stati  Sono stati aboliti i controlli alle frontiere tra Paesi aderenti  È stato approntato un sistema informativo comune  È stata resa più efficace la cooperazione tra la polizia e la magistratura dei Paesi aderenti
  26. 26. L’Unione Europea come organismo politico CONSIDERIAMO L’U.E. COME UN ORGANISMO SOVRANAZIONALE, COMPOSTO DA 28 PAESI DIVERSI PER LINGUA, TRADIZIONI, CULTURA.
  27. 27. Come ogni organismo nazionale moderno i poteri sono tre: non sempre nell’U.E. sono indipendenti. Legislativo Giudiziario Esecutivo
  28. 28. L'UE ha una struttura istituzionale unica nel suo genere:  le priorità generali dell'UE sono fissate dal Consiglio europeo, che riunisce i leader politici a livello nazionale ed europeo  i deputati europei, eletti direttamente, rappresentano i cittadini nel Parlamento europeo  gli interessi globali dell'UE sono promossi dalla Commissione europea, i cui membri sono nominati dai governi nazionali  i governi difendono i rispettivi interessi nazionali in seno al Consiglio dell'Unione europea.
  29. 29. ECCO QUINDI A COSA SERVE LA COMMISSIONE EUROPEA, CHE PROGETTA E PROPONE INIZIATIVE IN OGNI CAMPO ED HA ANCHE FUNZIONI ESECUTIVE Il problema è che ci devono essere dei rappresentanti di ogni Paese incaricati di esaminare le necessità di azione
  30. 30. LA COMMISSIONE EUROPEA  È formata da 28 rappresentanti (commissari), nominati dai Governi dei propri rispettivi Paesi  Si riunisce una volta alla settimana  Resta in carica 5 anni (l’attuale finisce in questo 2014)  Ha sede a Bruxelles (Belgio)  Ha un Presidente  Ogni commissario si occupa di un particolare settore  http://ec.europa.eu/commission_2010- 2014/members/index_it.htm
  31. 31. IL CONSIGLIO DEI MINISTRI EUROPEO  È composto da ministri che, nei propri rispettivi Stati ,hanno la stessa funzione  Si riunisce a Bruxelles  Approva la legislazione dell'UE  Coordina le politiche economiche generali dei paesi membri  Firma accordi tra l'UE e gli altri Paesi  Approva il bilancio annuale dell'UE  Elabora la politica estera e di difesa dell'UE  Coordina la cooperazione fra i tribunali e le forze di polizia nazionali dei paesi membri.
  32. 32. Il Consiglio europeo  l Consiglio europeo definisce gli orientamenti e le priorità politiche generali dell’U.E.  Non esercita funzioni legislative  E’ composto dai Capi di Stato o di governo degli Stati membri, dal suo presidente e dal presidente della Commissione.  Se l'ordine del giorno lo richiede, ciascun membro del Consiglio europeo può decidere di farsi assistere da un ministro e il presidente della Commissione da un membro della Commissione.  Ha sede generalmente a Bruxelles
  33. 33. IL PARLAMENTO EUROPEO  è composto da 751 rappresentanti eletti dai cittadini dell’U.E.  Viene eletto ogni 5 anni  Ha sede a Strasburgo  Discute e approva le normative europee insieme al Consiglio  Controlla le altre istituzioni dell'UE, in particolare la Commissione, per accertarsi che agiscano democraticamente  Discute e adotta il bilancio dell'UE insieme al Consiglio.
  34. 34. Banca Centrale Europea  Ha sede in Germania, a Francoforte sul Meno  È composta dai rappresentanti dei Paesi dell’Eurozona  Emette banconote e monete  Prende le decisioni riguardanti l’euro
  35. 35. Corte di Giustizia  Interpreta il diritto dell'UE perché esso venga applicato allo stesso modo in tutti i paesi dell'UE.  Si occupa di giudicare le controversie tra i governi dei paesi membri e le istituzioni dell'UE.  Anche i privati cittadini, le imprese o le organizzazioni possono portare un caso all'attenzione della Corte se ritengono che un'istituzione dell'UE abbia leso i loro diritti.  La Corte di giustizia è costituita da un giudice per ciascuno Stato membro.  Si riunisce a Lussemburgo
  36. 36. Corte dei Conti  La Corte dei conti europea verifica le finanze dell'UE.  Il suo ruolo è quello di migliorare la gestione finanziaria dell'UE e di riferire in merito all'uso dei fondi pubblici.  È stata istituita nel 1975 e ha sede a Lussemburgo.
  37. 37. I SIMBOLI DELL’U.E.  La Festa: 9 maggio (Gli ideali all'origine dell'Unione europea sono stati enunciati per la prima volta il 9 maggio 1950 dal ministro degli Esteri francese Robert Schuman.)  Il santo protettore: Benedetto da Norcia, fondatore dell’Europa moderna  Il mito: il mito d’Europa e Zeus  Il motto: unità nella diversità  L’inno: “Inno alla gioia”,Nona sinfonia di Ludwig van Beethoven, composta nel 1823, con parole di F. Schiller  La bandiera: le 12 stelle in cerchio rappresentano gli ideali di unità, solidarietà e armonia tra i popoli d'Europa.
  38. 38. FONTE  http://europa.eu/ il sito istituzionale dell’U.E., dove potete trovare tutte le informazioni necessarie ed aggiornate. Lieti, come i suoi astri volano attraverso la volta splendida del cielo, percorrete, fratelli, la vostra strada, gioiosi, come un eroe verso la vittoria.

×