Cura Del Russamento E Delle Apnee con apparecchi dentali

6,771 views
6,565 views

Published on

Informazioni dettagliate sulla terapia del russamento con apparecchi dentali: indicazioni, controindicazioni, meccanismo di azione, risultati, effetti collaterali

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
6,771
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3,039
Actions
Shares
0
Downloads
51
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cura Del Russamento E Delle Apnee con apparecchi dentali

  1. 1. La terapia con apparecchi dentali Il russamento è il rumore prodotto dal passaggio dell'aria nelle vie aeree parzialmente ostruite durante il sonno. Può essere “semplice” oppure può essere il primo segno di una condizione più grave, conosciuta come Apnea del Sonno. Questa si verifica quando le vie aeree si ostruiscono completamente, bloccando il respiro. Terapie disponibili : oltre alle modifiche allo stile di vita (perdere peso, aumentare l’attività fisica, ecc.) che vanno sempre attuate, sono possibili tre tipi di terapia per curare russamento e apnee: La chirurgia , la CPAP (Continuous Positive Airway Pressure), una apparecchiatura a pompa, collegata ad una mascherina nasale che va indossata durante la notte, e gli apparecchi dentali .
  2. 2. <ul><li>Pazienti con russamento semplice o apnea ostruttiva lieve che non rispondono o non sono candidati appropriati alle misure di comportamento come perdita di peso o cambiamento della posizione nel sonno </li></ul><ul><li>Pazienti con apnea ostruttiva moderata o grave che siano intolleranti o rifiutino il trattamento con la CPAP, e pazienti che rifiutino interventi chirurgici come tonsillectomia con adenoidectomia oppure interventi di chirurgia maxillo-facciale </li></ul><ul><li>Nei casi di apnea ostruttiva grave si deve inizialmente tentare di risolvere il problema con la CPAP, che al momento è considerata la misura più efficace. </li></ul><ul><li>In caso di fallimento si passerà ad altra terapia. </li></ul><ul><li>* Kushida et al., Sleep, 2006 </li></ul>russamento o apnea lieve pazienti intolleranti o contrari alla CPAP La terapia con apparecchi dentali secondo le raccomandazioni della AASM* (Associazione Americana di Medicina del Sonno, che è considerata la maggiore autorità mondiale nel settore) è indicata per:
  3. 3. Questi apparecchi prevengono il russamento e l'apnea ostruttiva agendo direttamente sul meccanismo che li produce: spingono la mandibola in avanti durante la notte. Questo spostamento trascina avanti anche la lingua, l’epiglottide e il velo del palato (l'ugola), e mantiene così aperte le vie aeree. Fig. 1 Vie aeree ristrette Fig. 2 Vie aeree aperte con apparecchio dentale © dr. Franco Sacchi 2010 © dr. Franco Sacchi 2010
  4. 4. fattori da valutare una terapia semplice 4
  5. 5. Gli apparecchi dentali devono essere prescritti solo dopo una valutazione della storia clinica del paziente e una visita dentistica mirata a questo scopo. Nella routine della valutazione del nostro studio fanno parte anche un esame della postura (colonna vertebrale) e una serie di test kinesiologici . Dopo la visita si decide se è opportuno anche eseguire un monitoraggio del sonno; si tratta di un esame che si effettua in casa con un semplice apparecchio fornito dal nostro studio. valutare la storia clinica esami posturali monitoraggio del sonno 5
  6. 6. Le percentuali di successo dipendono dai diversi fattori già descritti, ma per il russamento si arriva al 90% di successi (russamento abolito o ridotto a livelli accettabili).
  7. 7. Sì. La qualità del sonno migliora per il paziente e per il partner. Di conseguenza migliora il livello di energia durante il giorno, per entrambi. L'apnea del sonno non trattata è collegata a diverse patologie gravi, e può portare a ipertensione, infarto, ictus cerebrale e altre malattie. La sonnolenza diurna è una causa importante di incidenti stradali e sul lavoro. E’ dimostrato che la terapia è efficace nel migliorare i sintomi e ridurre i rischi
  8. 8. <ul><li>E' importante che vengano applicati da un dentista che ha una formazione specifica, perché: </li></ul><ul><li>E' essenziale che venga ricercata la presenza di apnea ostruttiva del sonno. </li></ul><ul><li>Prima di inserire dispositivi orali va fatta una valutazione completa dei denti, del parodonto (gengiva e tessuti di sostegno del dente) e delle articolazioni della mandibola. </li></ul><ul><li>La comparsa di eventuali effetti indesiderati va controllata con attenzione. </li></ul><ul><li>E' fondamentale che il paziente che porta questi apparecchi venga visitato periodicamente (due volte l'anno nei primi due anni, una volta l'anno dal terzo) e la posizione dei denti controllata e confrontata con i modelli della bocca realizzati a inizio cura. </li></ul>
  9. 9. Tre modelli di apparecchi dentali fra i più diffusi. Tutti gli apparecchi destinati alla cura del russamento agiscono portando avanti la mandibola durante la notte. I dispositivi si differenziano fra loro per il tipo di meccanismo di avanzamento, la forma e il materiale. E’ possibile scegliere per ogni paziente il modello di apparecchio che garantisca la maggiore efficacia e la massima tollerabilità, considerando con attenzione le caratteristiche individuali.
  10. 10. Fig. 2A – Particolare In giallo si nota il dispositivo dentale. Questa figura mette in evidenza il meccanismo di azione degli apparecchi anti-russamento: la mandibola è mantenuta in posizione avanzata, e con essa lingua, epiglottide e velo del palato (ugola). In questo modo le vie aeree superiori restano aperte. Tutti gli apparecchi di ultima generazione consentono di regolare in modo molto fine la misura dell’avanzamento, e quindi di trovare la posizione migliore e più adatta ad ogni paziente © dr. Franco Sacchi 2010
  11. 11. Sono stati segnalati alcuni problemi transitori : salivazione abbondante, bocca secca, fastidio ai denti o ai muscoli masticatori. Questi disturbi sono stati molto ridotti grazie agli apparecchi dentali dell'ultima generazione. In quasi tutti i casi spariscono dopo le prime settimane di uso.   I problemi a lungo termine sono rari. Sono stati segnalati cambiamenti della posizione della mandibola e piccoli spostamenti dei denti. Nella maggior parte dei casi il paziente non è consapevole di questi cambiamenti. Noi conserviamo nello studio dentistico i modelli della bocca, e chiediamo ai nostri pazienti di seguire un programma di controlli periodici. Questo ci permette di intervenire al momento migliore, ed eventualmente modificare la terapia, in modo da evitare effetti indesiderati. disturbi ridotti problemi rari importante: controlli periodici 11
  12. 12. Questi apparecchi non devono essere usati da pazienti che soffrono di epilessia mal controllata. I pazienti devono avere denti in numero sufficiente a supportare l'apparecchio (di solito almeno 8-10 denti per arcata). Chi utilizza l’apparecchio non deve avere patologie gravi delle gengive e dei tessuti di sostegno dei denti (parodontite avanzata).
  13. 13. Queste informazioni sono state tratte liberamente da opuscoli informativi delle associazioni: American Association of Dental Sleep Medicine www.aadsm.org British Society of Dental Sleep Medicine www.dentalsleepmed.org.uk Deutsche Gesellschaft von Zahnartzliche Schlafmedezin www.dgzs.de European Academy of Dental Sleep Medicine www.eadsm.com Se vi serve aiuto per leggere tedesco o inglese, eccovi un discreto traduttore: www.translate.google.it/ L a Società Italiana di Medicina del Sonno Odontoiatrica è nata in febbraio 2010. Vi informeremo sulle iniziative per i pazienti. www.simso.it Telefonate o scrivete a: Studio dentistico dr Franco Sacchi Via Bonnet, 4 - 20154 Milano Tel 02.6597 602 - Fax 02.2900 6975 [email_address] [email_address] Facebook: dottorsacchi www.russamentoeapnea.it

×