• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Risk Management e assicurazioni
 

Risk Management e assicurazioni

on

  • 8,486 views

Quali sono oggi i compiti e le responsabilità di un Risk manager: il caso Skf

Quali sono oggi i compiti e le responsabilità di un Risk manager: il caso Skf

Statistics

Views

Total Views
8,486
Views on SlideShare
8,462
Embed Views
24

Actions

Likes
2
Downloads
218
Comments
0

3 Embeds 24

http://www.slideshare.net 12
http://www.welpanama.com 11
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Risk Management e assicurazioni Risk Management e assicurazioni Presentation Transcript

    • ”Risk Management e assicurazioni” Quali sono oggi i compiti e le responsabilità di un Risk Manager: il caso SKF Ing. Marco Terzago Risk Manager per Italia, Francia, Spagna, Belgio, Regno Unito SKF Industrie S.p.A. Convegno IRI, 2002 SK eeGroup RiskManagement 1 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003
    • MENU Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager Il lavoro del risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: interazione con le altre funzioni aziendali 2 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • 1. RMgr: cosa e perchè ? Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager Il lavoro del risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: interazione con le altre funzioni aziendali SKF Group Risk Management 3 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • C’E’ SEMPRE UN RMGR ! In ogni Azienda c’è qualcuno che fa il lavoro del RMgr: Nelle grandi Aziende (soprattutto nei grandi Gruppi multinazionali) è normalmente un professionista che riporta al Dir.Gen. O al CFO, con staff e stipendio adeguato Nelle Medie Aziende è normalmente il CFO o qualcuno al suo livello (Legal Director, Planning & Control Director, ecc.) Nelle piccole Aziende è il Direttore Generale o il Presidente SKF Group Risk Management 4 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • CHE COSA FA ? SI OCCUPA DI GESTIRE IL PROCESSO DI RM ALL’INTERNO DELLA SUA AZIENDA PATRIMONIO Eventi dannosi INDIVIDUAZIONE ATTIVITA ’ Analisi VALUTAZIONE PERSONE Probabilità Gravità ELIMINAZIONE Acquisti TRASFERIMENTO CONTRATTI Trasporto Commesse PREVENZIONE Subforniture RIDUZIONE PROTEZIONE Trattamento Franchigia Scoperto PARZIALE Limite di indennizzo RITENZIONE Ripianamento diretto TOTALE Autoassicurazione Captive Company ASSICURAZIONE Rischi residuali Rischi obbligatori Revisione AUDITING DEL PROCESSO Azione periodica SKF Group Risk Management 5 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • ENTERPRISE RMgr GESTISCE IL PROCESSO DI RM ALL’INTERNO DELLA SUA AZIENDA NON SOLO TENENDO IN CONSIDERAZIONE I RISCHI STATICI (O PURI) MA ANCHE I RISCHI SPECULATIVI, IN PREVALENZA ATTINENTI ALLA SFERA DELLA FINANZA AZIENDALE (rischio di cambio, di oscillazione dei tassi di interesse, di solvibilità, di rendimento del portafoglio titoli, ecc.) O DEL CREDITO COMMERCIALE. 6 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 Convegno IRI, 17/09/2003
    • 2. RMgr VS Insurance Mgr Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager Il lavoro del risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: interazione con le altre funzioni aziendali SKF Group Risk Management 7 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • CATEGORIE DIVERSE Esistono (grossomodo) 3 categorie di RMgr: 1. INSURANCE BUYER: Ufficio acquisti delle Assicurazioni. Fa riferimento a specifiche fissate da altri, e sceglie sulla base della migliore offerta 2. INSURANCE Mgr: Sulla base di informazioni desunte all’interno decide in merito alla tipologia di trattamento finanziario del rischio (se assicurarsi o no, con quale franchigia, con una Captive (self-retention, Riass, ecc.) 3. RISK Mgr (vero e proprio): Individua e valuta i rischi dell’Azienda (RISCHI PURI) indicando quale trattamento (non solo finanziario, ma anche di Loss Prevention) è necessario e quali rischi assumere per aumentare lo “Share-holder value” dell’Azienda SKF Group Risk Management 8 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • OBIETTIVI DIVERSI Le 3 categorie di RMgr hanno OBIETTIVI DIFFERENTI: 1. INSURANCE BUYER: Ottimizzare il costo delle assicurazioni che gli viene richiesto di acquistare 2. INSURANCE Mgr: Ottimizza il finanziamento del rischio (Premi alle compagnie + Sinistri non indennizati + sinistri in ritenzione) 3. RISK Mgr: Ottimizza il COSTO TOTALE DEL RISCHIO (OVERALL COST OF RISK = CoR) SKF Group Risk Management 9 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • PROGETTO quot;SKF COST OF RISKquot; Anno 2000: Cost of risk = **** MSEK Premi pagati all'esterno Sinistri non indennizzati Anno 2005: Cost of risk= 100 MSEK Costi di Loss prevention Sinistri pagati da SKF Re Costi di amministrazione Estensioni di garanzia 10 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 Convegno IRI, 17/09/2003
    • 3. Compiti di un Risk Manager Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager I compiti di un risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: interazione con le altre funzioni aziendali SKF Group Risk Management 11 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • I “10+1 “COMANDAMENTI” DEL RMgr. I compiti di un RMgr. dovrebbero includere un mix delle seguenti attività: 1. IDENTIFICARE E VALUTARE TUTTE LE ESPOSIZIONI AZIENDALI AI RISCHI 2. SCEGLIERE FRA DIVERSE ALTERNATIVE DI TRATTAMENTO DEI RISCHI 3. DEFINIRE E SVILUPPARE UNA “RISK MANAGEMENT POLICY” E UN “RISK MANAGEMENT MANUAL” 4. NEGOZIARE I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE 5. GESTIRE I SINISTRI 6. “MONITORARE” I RISCHI 7. TENERE STATISTICHE AGGIORNATE 8. “COMUNICARE” 9. ALLOCARE I COSTI 10. SUPERVISIONARE LE ATTIVITA’ DI LOSS PREVENTION 11. MANTENERE CONTATTI PROFESSIONALI SKF Group Risk Management 12 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • 3.1 Identificare & valutare i rischi PATRIMONIO Eventi dannosi INDIVIDUAZIONE ATTIVITA ’ Analisi VALUTAZIONE PERSONE Probabilità Gravità ELIMINAZIONE Acquisti TRASFERIMENTO CONTRATTI Trasporto Commesse PREVENZIONE Subforniture RIDUZIONE PROTEZIONE Trattamento Franchigia Scoperto PARZIALE Limite di indennizzo RITENZIONE Ripianamento diretto TOTALE Autoassicurazione Captive Company Rischi residuali ASSICURAZIONE Rischi obbligatori Revisione AUDITING DEL PROCESSO Azione periodica SKF Group Risk Management 13 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI PATRIMONIO Eventi dannosi PERSONE INDIVIDUAZIONE Analisi VALUTAZIONE ATTIVITA’ SKF Group Risk Management 14 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Strategia e tecniche di individuazione STRATEGIA: Identificare tutto ciò che accade / accadrà in Azienda che sia tale da modificare potenzialmente l’esposizione al rischio. TECNICHE OPERATIVE: • Ispezione annuale di tutti i siti produttivi + importanti • Frequenti indagini mirate su fonti potenziali di perdita di utile lordo (BIA) • Meeting regolari con CFO, Legal Mgrs., Plant Mgrs. • Studio dei documenti finanziari dell’Azienda (bilancio, financial reports) • Review delle richieste di finanziamento delle Unità Operative • Consulenza su nuovi progetti (su temi assicurativi e di Loss Prevention) • Lettura dei contratti di vendita, locazione, fornitura, ecc. • Esame ATTENTO dei LOSS REPORTS (ANCHE QUELLI “under deductible”) SKF Group Risk Management 15 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Strumenti per l’identificazione Check-list generali o specifiche sul rischio Verifiche dirette nei luoghi ove si svolge l’attività Interviste/colloqui Investigazione eventi dannosi ... SKF Group Risk Management 16 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • ... verifiche dirette ... Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 17
    • ... interviste/colloqui ... Responsabili tecnici Responsabili della sicurezza (RSPP ex- 626/94) e ambiente Responsabili della manutenzione Responsabili amministrativi e finanziari Responsabili della qualità Responsabili della security ... Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 18
    • ... investigazione eventi dannosi ... Cause Enti colpiti Dinamica Conseguenze Elementi/circostanze aggravanti Carenze negli interventi post sinistro ………. Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 19
    • Incident Reporting in SKF Obiettivi: identificare operazioni rischiose condividere esperienza utilizzato per le valutazioni semestrali del Costo del Rischio Procedura di Reporting: Utilizzare il DB “RIMS Report” su Lotus Notes Deve esserci una persona designata per sito I report vanno all’Area Risk Manager Ogni 3 mesi vanno comunque segnalati anche in caso di nessun incidente SKF Group Risk Management 20 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Database ”Incident Reporting” SKF Group Risk Management 21 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Incidenti riportati - TIPOLOGIE Gruppo SKF, Incidenti riportati (Gen.1994-Lug.2003) Le 8 TIPOLOGIE più frequenti Altri, non Eventi atmosferici Vari, specificati specificati 2% 2% 14% Impatto di veicoli 3% Furti 4% Incendi Danni elettrici 51% 5% Acqua condotta 5% Danni da fumo 6% Sversamenti 8% Convegno IRI, 17/09/2003 SKF Group Risk Management 22
    • INCENDI - distribuzione per AREA Gruppo SKF, incendi/danni da fumo riportati (Gen.1994-Lug.2003) Le 8 AREE/REPARTI di accadimento più frequenti Altre aree Trattamento 31% termico 21% Rettificatura Fonderia 15% 2% Aree esterne 3% Fucine Torneria 3% 12% Stampaggio Lappatura 5% 8% Convegno IRI, 17/09/2003 SKF Group Risk Management 23
    • INCENDI - distribuzione per CAUSA Gruppo SKF, incendi/danni da fumo riportati (Gen.1994-Lug.2003) Le 8 CAUSE più frequenti Altre cause, specificate Cause ignote Surriscaldamento 14% 7% 22% Fumo da sigaretta 3% Autocombustione Fenomeno 3% elettrico 15% Contatto con superfici calde 6% Malfunzionamento Scintille del macchinario 8% Lavori a caldo 12% 10% Convegno IRI, 17/09/2003 SKF Group Risk Management 24
    • ... Mappatura dei rischi GUASTI MACCH. ED ELABORAT. GUASTI MACCH. ED ELABORAT. TR TR . AS R ’ AS E R ITA PO PO DA T I N TIV RT RT TE NNI T A A DIT EN II RZ A R I PE Y-M KE A R EZZ RI ..... SICU RATO O LAV DI , AM AM DI IO INFEDELTA’ O TI ND BII B EN EN AT CE FURTO TA TA IN LII L SKF Group Risk Management 25 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE Analisi VALUTAZIONE Probabilità Gravità SKF Group Risk Management 26 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Strategia & tecniche di valutazione STRATEGIA: MISURARE quale danno è potenzialmente in grado di provocare ciò che accade / accadrà in Azienda TECNICHE OPERATIVE (Enfasi su “$” e “conseguenze penali”): • “MONETIZZARE” sempre (anche perdite potenziali, perdite di immagine, perdite di opportunità,...) • Aggiornarsi su nuove norme, regolamenti, OBBLIGHI di Legge • Valutare i rischi potenziali pre-esistenti in caso di M&A e J-V (due- diligence: RC Prodotti, RC da Inquinamento, ecc.) Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 27
    • ..HO SOLO 2 MANI !!! IMPORTANTE !!! Di certo, soprattutto nei Gruppi più grandi il RMgr. non può fare tutto quanto abbiamo elencato DA SOLO ... ... TUTTAVIA... E’ indispensabile COMUNQUE che queste attività vengano svolte da qualcun altro e che il RMgr. NE SIA PORTATO A CONOSCENZA 28 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 Convegno IRI, 17/09/2003
    • 3.2 Scegliere il miglior trattamento STRATEGIA: In base alla conoscenza della struttura finanziaria dell’Azienda, ottimizzare il Costo totale del Rischio. TECNICHE OPERATIVE : Scegliere fra le seguenti alternative: ELIMINAZIONE Acquisti TRASFERIMENTO CONTRATTI Trasporto Commesse PREVENZIONE Subforniture RIDUZIONE Trattamento PROTEZIONE Franchigia Scoperto PARZIALE Limite di indennizzo RITENZIONE Ripianamento diretto TOTALE Autoassicurazione Captive Company Rischi residuali ASSICURAZIONE Rischi obbligatori Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 29
    • UN PROBLEMA DI OTTIMIZZAZIONE OTTIMIZZARE IL “COSTO” DEL RISCHIO EFFETTUARE LA SCELTA MIGLIORE DEL MIX DI: ASSICURAZIONE ELIMINAZIONE TRASFERIMENTO RITENZIONE RIDUZIONE SKF Group Risk Management 30 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • FOCUS In questo periodo di mercato assicurativo “hard” assume particolare importanza due tecniche di trattamento del rischio: IL SELF-FINANCING & LA LOSS PREVENTION SKF Group Risk Management 31 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Tecniche di Self-Financing Ripianamento diretto Autoassicurazione Cash flow aziendale Accantonamento preventivo SKF Group Risk Management 32 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • Autoassicurazione Accantonamento Trattamento fiscale ? preventivo Costo non deducibile Unica eccezione Fondo Svalutazione Crediti 0,50 % Crediti Stato Patrimoniale SKF Group Risk Management 33 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • 3.3 Sviluppare una RM policy / manual STRATEGIA: Definire “i confini” dell’autorità della funzione di RM all’interno dell’Azienda. Avere un forte COMMITMENT da parte della Direzione. TECNICHE OPERATIVE: • “Property conservation / Group Loss Prevention policy” + • “Insurance Programmes” Policy = • RISK MANAGEMENT POLICY • FIRMATA dal Direttore Generale / Amministratore Delegato ! SKF Group Risk Management 34 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • RM policy SKF 35 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 Convegno IRI, 17/09/2003
    • RM Manual Soprattutto per i Gruppi multinazionali, caratterizzati da: Sedi situate in Paesi diversi Programmi assicurativi globali gestiti centralmente Un programma globale di Loss Prevention gestito centralmente è necessario fornire ISTRUZIONI OPERATIVE CHIARE a tutti. UN MANUALE è lo strumento migliore. Dovrebbe essere: • Disponibile in lingua locale • Snello (linee guida e non schemi fissi !) • Aggiornato frequentemente (...su Intranet ?) Dovrebbe comprendere: • Procedure in caso di sinistro • Procedure per riportare i valori da assicurare / variazioni di rischio • Requisiti minimi di Loss Prevention • Procedure di risposta ai rapporti di Loss Prevention Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 36
    • RM Manual SKF Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 37
    • 3.4 Negoziare contratti assicurativi Il compito del RMgr. era un tempo limitato a “COMPRARE” assicurazione, ora è invece un mix delle seguenti attività: 1. Decidere CHE TIPO di copertura assicurativa è necessaria 2. Cercare sul mercato le migliori CONDIZIONI di copertura al COSTO minore (con trattative dirette o mediante l’utilizzo di uno o più BROKER) 3. Rivedere periodicamente il testo delle polizze (non fidarsi solo del Broker per questa attività) 4. Definire ed aggiustare periodicamente i massimali / sottolimiti / somme assicurate NB: La selezione del Broker dovrebbe spettare al RMgr. ! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 38
    • 3.5 Gestire i sinistri In che modo il RMgr. può monitorare questa attività ? MONITORANDO: • Efficacia delle procedure di reporting agli Assicuratori (es.: SORCERER) e al RMgr. (es.: SKF Incident reporting DBase) • Livello di sevizio dei periti (t. di risposta (Green line), t. di produzione del preliminary e final reports -> occhio ai “corrispondenti” e ai subappalti... • Livello delle riserve • Possibilità di rivalsa (soprattutto per i sinistri auto-assicurati) • Livello delle spese per i consulenti (legali, investigatori, forensic accountants, ecc.) Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 39
    • Esempio: SORCERER SKF Group Risk Management 40 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • 3.6 Monitorare i rischi ! In che modo il RMgr. può effettuare questa attività ? EFFETTUANDO ANALISI DI RISCHIO riguardanti: • Potenziali fusioni ed acquisizioni • Coperture assicurative dei fornitori esterni MONITORANDO: • Variazioni nelle condizioni standard definite dai contratti di vendita o acquisto • Contratti di locazione • Obbligazioni di bid, performance, permit, ecc. 41 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 Convegno IRI, 17/09/2003
    • 3.7 Tenere statistiche aggiornate ! LE STATISTICHE e LE INFORMAZIONI SUI RISCHI sono lo strumento decisionale PIU’ IMPORTANTE per il R.Mgr Un buon R.Mgr dovrebbe tenere RECORD aggiornati in merito a: • Statistiche su sx assicurati e auto-assicurati • Decisioni del management relative ai rischi (risposte ai reports, ecc.) • Valutazioni degli asset • Property maps • Polizze assicurative (anche quelle liability e fidelity scadute) • Rapporti di LP, EMLs, ecc. • Dati relativi a Paesi esteri in cui vi sono sedi dell’Azienda • Corrispondenza relativa ai rischi • Ecc... Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 42
    • 3.8 Comunicare ! Compito fondamentale del RMgr. è la COMUNICAZIONE: 1. BOTTOM-UP: verso il Top (CFO, CEO) attraverso una reportistica regolare (su base almeno annuale) in merito allo stato, ai progressi, al budget e ai trend dei costi assicurativi (INSURANCE REPORT) e in generale dei costi del rischio (RM / CoR report) e dello stato di avanzamento del programma di LP 2. TOP-DOWN: Verso i responsabili operativi non solo attraverso aggiornamenti delle procedure (RM manual), ma anche attraverso ispezioni, riunioni, telefonate... Un RMgr. che non comunica perde INFLUENZA e perde CONOSCENZA ! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 43
    • 3.9 Allocare i costi ! Il compito del RMgr. è : 1. Allocare i premi e i costi assicurativi: In base a criteri CHIARI e NOTI (comunicazione !) : Loss history, Fatturato, Valore degli assets, risk scoring 2. Allocare i costi dei sinistri: Responsabilità - > Chi paga le Franchigie ? 3. Fornire indicazione per allocare risorse finanziarie: Investimenti speciali di LP Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 44
    • 3.10 Loss Prevention Anche se non è un esperto in materia, un RMgr. dovrebbe avere IN- HOUSE le competenze per supervisionare le attività di LP che incidono sullo “stato del rischio”, al fine di poter svolgere le seguenti attività : 1. Decidere sul migliore tipo di servizio di LP necessario: In-house, tramite Broker, Compagnia di ass.ne, “Unbundled” 2. Analizzare e “filtrare” rapporti di LP: il ruolo del RMgr dovrebbe essere quello di “filtrare” i LP esterni per poter focalizzare l’attenzione sulle raccomandazioni ad alto rapporto Benefici/Costi Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 45
    • 3.11 Contatti professionali Il RMgr. dovrebbe mantenere frequenti contatti professionali con i propri colleghi di altre aziende, per avere indicazioni sulle soluzioni assicurative adottate e sulla qualità di fornitori di servizi (periti, società di appraisals, consulenti) e per tenersi aggiornato in merito alle variazioni normative / giuridiche. giuridiche Occorre mantenersi professionalmente attivi ! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 46
    • Keep professionally active! Ci si mantiene professionalmente attivi attraverso: • Adesione ad associazioni di categoria: • Abbonamenti a riviste specializzate • Partecipazioni a meeting / convegni / corsi: FERMA Forum 2003, RIMS, ... Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 47
    • 4. Caratteristiche professionali Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager Il lavoro del risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: interazione con le altre funzioni aziendali Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 48
    • CONOSCENZE / COMPETENZE Conoscenze r chi s e i et: Conoscenza degli obiettivi di business aziendali Conoscenza della “psicologia del rischio” Conoscenza del mercato assicurativo & di quello in cui opera l’impresa Competenze r c ies e ih t: Tecniche di Risk Control Tecniche di Risk Financing Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 49
    • PROFILO PROFESSIONALE Chiaramen è u i e te tl : Un’esperienza assicurativa (Compagnia, Società di Brokeraggio) Un master in FINANZA Anche s : e Alcuni dicono che l’esperienza assicurativa si traduce in una “forma mentis limitante” per il RMgr... SKF Group Risk Management 50 Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002
    • BACKGROUND PROFESSIONALE IL RISK M ANAGER può avere qualunque t po di background: i Ingegneristico Legale Amministrativo Finanziario Ecc.... In ti.. fa t . Esistono ottimi Rmgr e “fallimenti” da tutti i background ... I c i e io essenzi l è l l rt r a e ’ABILITA’ M A NAGERIALE ! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 51
    • ...INFATTI... IL RISK M A NAGER NO N E’ UN ESPERTO DI ASSICURAZIONI •E’ anz t t i ut o:U N M A N A G ER ! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 52
    • CARATTERISTICHE PROFESSIONALI IL RISK M A NAGER D EVE QUINDI SOPRATTUTTO: Motivare persone Pianificare Organizzare Controllare Purtroppo, l’abilità professionale in campo assicurativo ha spesso preponderanza su queste caratteristiche professionali ... Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 53
    • 5. Conclusioni Risk Manager: cosa e perchè Risk Manager vs Insurance Manager Il lavoro del risk manager (10+1 comandamenti) Caratteristiche professionali Conclusioni: Interazione con le altre funzioni aziendali Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 54
    • VERSO UN NUOVO APPROCCIO... CF O RISK RISK IDENTIFIC ATIO N ASSESS M ENT RISK MGT RISK FINA N C ING POLIC Y RMgr Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 55
    • I RUOLI... Il RMgr definisce le politiche di RM e di risk financing a livello Corporate e fornisce strumenti operativi di identificazione e valutazione dei rischi alle unità operative di business Il CFO implementa le politiche di corporate risk management, monitorizza e il fa reporting sui rischi L’ internal audit, assistito dagli auditors esterni, fa i controlli, monitorizza e riporta i progressi agli shareholders Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 56
    • INTERAZIONI CFO INTER A ZIONI AU DIT R Mgr Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 57
    • IL NUOVO APPROCCIO Cosa implica questo nuovo approccio per il RMgr ? L’assicurazione diventa sempre “meno fondamentale” Occorre avere una visione “olistica”; i rischi non devono più essere gestiti con i modelli “tradizionali” della assicurazione Essere riconosciuto all’interno dell’Azienda come parte del Management Strategico Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 58
    • LA VERA SFIDA... Si va (lentamente...) verso un sistema in cui: Il RMgr gestisce i rischi L’Insurance Mgr gestisce le assicurazioni La vera sfida per il RMgr di oggi è: DIVENTARE UN RISK MANAGER !!!!! Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 59
    • FINE Grazie per l’attenzione !!! Marco Terzago Risk Manager Italy, France, Spain, Belgium, UK Belgium SKF Industrie S.p.A. Via Pinerolo, 44 10060 Airasca (TO) - ITALY Tel: +39 - 011 - 985. 2216 Fax: +39 - 011 - 985. 2575 e-mail: marco.terzago@skf.com Bari, 7-9 Maggio 17/09/2003 Convegno IRI, 2002 SKF Group Risk Management 60