Serve un Porto smart
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Serve un Porto smart

on

  • 119 views

 

Statistics

Views

Total Views
119
Views on SlideShare
118
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideee.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Serve un Porto smart Document Transcript

  • 1. Serve un porto SMART Premessa L’Italia ha costantemente sottovalutato il ruolo strategico dei porti per l’economia e la mobilità dell’intero sistema. Senza porti efficienti, l’Italia non potrà far valere: 1) la peculiarità della sua collocazione geografica; 2) le tante relazioni con altre aree del mondo. Servono politiche adeguate e correzioni a breve mentre i dati a nostra disposizione ci dicono che non abbiamo molto tempo per decidere. Le ragioni Quali sono le ragioni che indicano una vera e propria urgenza? 1) Solo il 6,3% dei volumi che transitano per Suez giungono in Italia a causa dei ritardi e delle incertezze sui tempi di transito delle merci. 2) Molte aziende nazionali scelgono gli scali esteri per la movimentazione dei loro carichi. 3) Il gigantismo navale si somma alle grandi alleanze navali. Ciò significa: navi sempre più votate all’ottimizzazione del carico. Serve un sistema logistico pronto ad accogliere questa nuova domanda. Smart, smart, smart L’Italia rispetto alle ultime indagini della Banca mondiale ha guadagnato 4 posizioni ed è al 20° posto. Continua ad essere preceduta da Germania, Olanda, Belgio, Francia e Spagna. Il nostro Paese, rispetto al campione di Paesi comparabili, precede solo la Slovenia (34°). Le maggiori criticità riguardano le procedure doganali (29° posizione). Esse comportano per le imprese italiane un’attesa di 19 giorni per esportare e/o 18 giorni per importare (+1 rispetto al 2013) un container rispetto ad una media OCSE rispettivamente di 11 giorni e di 10 giorni (-1 rispetto al 2013). Ciò corrisponde ad una perdita di efficienza del 11,5% rispetto alla Germania. Serve una visione strategica del Paese tenendo conto che siamo alle porte della programmazione 2014-2020 e che quindi oltre 30 miliardi di euro di risorse UE convoglieranno nei nostri territori; e oltre 23 miliardi interesseranno il Mezzogiorno. Due concetti per dare anima alla scadenza fondi: a) La crisi che sta vivendo il nostro Paese sollecita le imprese verso una forte spinta all’export ed all’internazionalizzazione dei prodotti e servizi; b) Urge il potenziamento ed il rilancio della competitività del settore marittimo, in testa le infrastrutture. Risorse, risorse ma non solo a1) promuovere l’export significa dare alle aziende un solido supporto logistico che dia rapidità nel far viaggiare le merci, cicli di lavorazione in viaggio, assicurare l’espletamento dei numerosi adempimenti burocratici connessi all’attraversamento da un Paese all’altro. b1) resistere non è più sufficiente. Per questo serve un grande snellimento burocratico, definire con chiarezza quanti e quali debbano essere i controlli sulle merci e quanti sono i giorni necessari per far si che la merce possa viaggiare senza arenarsi.
  • 2. NOI Il Mezzogiorno con il suo 63% di export marittimo ed il suo 50% del traffico italiano movimentato non può non dire la sua. Siamo in presenza di capitale umano marittimo, infrastrutture ed imprese ed è da queste che occorre iniziare. Bisogna cogliere l’occasione: il traffico marittimo nel Mediterraneo sta aumentando nonostante le tensioni politiche dell’area (+105% delle merci in transito dal 2000 al 2013) e nel Mediterraneo transita il 19% del traffico marittimo mondiale; nel 2005 era il 15%.