Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Powerpoint amasi & policrate

31 views

Published on

In questo PowerPoint abbiamo voluto raccontare la storia di Amasi e Policrate e il loro rapporto di ospitalità.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Powerpoint amasi & policrate

  1. 1. Tra le pagine del II libro delle storie di Erodoto, possiamo trovare una particolare leggenda a cui abbiamo voluto dare un nuovo titolo: AMASI POLICRATE E LA SFORTUNA DI ESSERE FORTUNATI. I due protagonisti abitano molto lontano tra loro, perciò le vicende si svolgono attraverso uno scambio di lettere. Policrate abita nell'isola di Samo, nel mare Egeo, mentre Amasi nel caldo Egitto. In questa storia si trova un concetto molto importante per gli antichi, forse il più importante, ovvero il rapporto di ospitalità. Questo rapporto era basato sullo scambio di doni e lettere e permetteva in caso di una situazione pericolosa di poter contare sull'amico. Era un rapporto sereno, ma a volte, quando uno dei due poteva avere dei problemi in campo politico, militare o addirittura con le divinità, avrebbe potuto coinvolgere anche il corrispondente, perciò non sempre il rapporto era duraturo, come potremmo vedere in questo racconto. N - Narratore; P - Policrate; A - Amasi; PE - Pescatore; S - Servi
  2. 2. Amasi è stato un faraone della XXVI dinastia egizia che salì al trono in seguito alla sua acclamazione come re da parte delle sue truppe. Il suo regno fu un periodo di pace e di sviluppo economico per l'intero Egitto. Appena salito al trono dovette affrontare un tentativo di invasione da parte dei babilonesi, ma riusci con il suo esercito a sconfiggere il portente Nabucodonosor. Allo scopo di garantirsi il controllo delle vie commerciali del Mediterraneo orientale egli conquistò e rese tributarie alcune città dell'isola di Cipro.
  3. 3. Policrate nel 537 a.C. riuscì a prendere il controllo dell'isola di Samo in qualità di tiranno, abbattendo il potere dell'aristocrazia dei proprietari fondiari, i cosiddetti geomori. Egli tentò di rendere Samo una potenza regionale, instaurando alleanze con l'Egitto e altre città-stato greche. Fu in grado di creare dal nulla una potente flotta commerciale e bellica. Grazie ad essa riuscì ad ottenere l'egemonia sul mare Egeo, ponendo sotto tributo numerosi popoli e paesi. L'egemonia di Policrate sull'Egeo fu tale da essere considerato da Erodoto il primo dominatore dei mari che la storia ricordi.
  4. 4. N : “Era un bel giorno per Policrate, il sole dell'Egeo picchiava sulle pietre ed il rumore delle onde accompagnava la scrittura di un'altra lettera all'amico Amasi, re d'Egitto.” P : “Ho appena finito di scrivere questa lettera. Prendila e portala al messaggero. Riferisci che è per Amasi, re d'Egitto.” S : “Subito signore, lo riferirò!”
  5. 5. N : “Intanto, qualche chilometro più a sud, Amasi stava meditando nel suo grande e lussuoso palazzo.” A : “La fortuna di Policrate va via via crescendo, conquista molte città ed è molto ricco. Gli dei potrebbero essere invidiosi... e se lo sono contro di lui lo saranno anche contro di me. Devo trovare una soluzione a questo problema. (N : “Pensava il grande Amasi sullo sfarzoso trono davanti ad una pergamena linda) Trovato! Deve liberarsi dell'oggetto a cui tiene di più così da alternare questa pericolosa fortuna a momenti di mala sorte. N : “Dopo aver finito di scrivere la lettera ordinò al suo servo di portarlo al messaggero e di consegnarlo a Policrate. Appena questi lo lesse rimase un po' interdetto.” P : “Perché gli dei dovrebbero essere gelosi della mia fortuna? (N : “Dopo una breve riflessione però…) In effetti ciò che dice Amasi è giusto. Deciderò di quale dei miei anelli mi sbarazzerò così da essere in pace con le divinità.”
  6. 6. N : “In seguito ad un'accurata selezione, scelse l'anello che quotidianamente portava al dito: uno smeraldo incastonato nell'oro. Preparò la nave e andò largo nell'Egeo.” P : “Siamo abbastanza lontani dalla costa, fermiamoci. (N : “ Policrate sfilò il suo anello e lo gettò nel mare) Caspita, era il mio anello migliore, ma so che ho fatto la cosa giusta e posso stare tranquillo. Devo ringraziare il mio amico Amasi.”
  7. 7. N : “Qualche giorno dopo un pescatore pescò un pesce talmente grande e bello che decise di donarlo al proprio re Policrate. Onorato dalle parole e dal gesto del pescatore egli decise di invitarlo a cena.”
  8. 8. PE : “É proprio un bel pesce, sarebbe sprecato potarlo al mercato. Lo porterò a Policrate.” S : “Non può entrare qua. É la casa del re.” PE : “Ho un dono proprio per lui. Ecco vedete.” S : “Allora è ben accetto. Chiama il padrone e digli che c'è un pescatore che ha un dono per lui. Padrone!” P : “A cosa devo questo magnifico regalo?” PE : “Oggi mentre ero al largo ha abboccato questo pesce e nel vederlo mi sembrava un dono fatto proprio per il mio re.” P : “Ti ringrazio molto dello splendido regalo e delle splendide parole, sei invitato a cena. I miei servi lo cucineranno.” N : “I servi presero il pesce e andarono a cucinarlo. Mentre toglievano il ventre, la lisca e le spine, trovarono inaspettatamente l'anello che Policrate aveva buttato qualche giorno prima.” S : “Oh Dio, guardate, c'è un anello! Con il sigillo di Policrate per di più. Corriamo a darglielo.” N : “Appreso l'accaduto, Policrate rimase sconvolto e decise di riferire il tutto Amasi. Amasi incredulo pensò…” A : “É un segno divino! Prima che venga coinvolto in un conflitto tra gli dei è meglio interrompere il rapporto di ospitalità.”
  9. 9. N : “E così il grande Re d'Egitto fece in modo che quando a Policrate fosse successa una disgrazia non si dispiacesse per lui e per la sua mala sorte.” CONCLUSIONE Si conclude qui la storia narrata da Erodoto, il rapporto di ospitalità tra i due re. Ma una cosa che non finirà sarà la nostra curiosità verso storie e miti antichi che si nascondono tra le pagine dello storico più importante dell'antichità: Erodoto.

×