europa delle startup

1,304 views

Published on

Estratto dal Libro "Europa delle Startup: nuove opportunità per fare impresa in Europa"

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

europa delle startup

  1. 1. Nicolò Guaita Diani AN co T lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Europa delle Startup ni Nuove opportunità per fare impresa in Europa AF edizioni
  2. 2. Nicolò Guaita Diani Europa delle Startup ni A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Nuove opportunità per fare impresa in Europa AFedizioni
  3. 3. Nicolò Guaita Diani Email: nguaitadiani@hotmail.com Blog: startupnews.it AF edizioni Web: araformazione.altervista.org A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Email: araformazione@altervista.org ni Prima Edizione: novembre 2013 Copyright© 2013 by Nicolò Guaita Diani (AF edizioni) È vietata la riproduzione integrale o parziale e la diffusione dei contenuti senza la preventiva autorizzazione scritta del titolare dei diritti. Tutti i marchi citati nel sito appartengono ai legittimi proprietari
  4. 4. «L'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto.» A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Robert Schuman (1950) «Da un lato ci vuole più intraprendenza, dall’altro bisogna cambiare il sistema. […] Sono le idee nuove che portano al cambiamento» Renzo Rosso (2013) ni .
  5. 5. INDICE Indice ............................................................................................................ 4 Introduzione ................................................................................................ 7 Presupposti metodologici....................................................................... 11 Soggetti Coinvolti nell’indagine ........................................................... 12 L’Europa, un sistema complesso ............................................................. 13 Il Modello Relazionale applicato alla realtà Europea ..................... 16 Clustering delle Startup Europee ........................................................... 19 Ambiente Esterno............................................................................................... 23 Struttura Aziendale ........................................................................................... 26 Caratteristiche Intrinseche ................................................................................ 31 L’agenda digitale Europea ..................................................................... 36 Obiettivi chiave dell’agenda digitale ....................................................... 37 A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t 1a: copertura completa della banda larga in Europa ....................................... 37 1b: Copertura banda larga 30Mbps entro il 2020 ............................................. 38 1c: 50% delle sottoscrizioni alla banda larga 100Mbps entro 2020 .................. 39 2a: 50% della popolazione farà acquisti online ................................................. 39 2b: 20% della popolazione farà acquisti online da altri stati............................ 40 2c: 33% di PMI avranno un mercato online ...................................................... 40 2d: annullare i costi aggiuntivi per il Roaming telefonico Europeo .................. 41 3a: più 75% all’uso di internet e del 60% da parte degli svantaggiati ............. 41 3b: abbassare la soglia di cittadini che non usano internet dal 30% al 15% .... 43 4a: 50% dei cittadini devono utilizzare sistemi di eGovernment ...................... 43 4b: tutti i servizi chiave transfrontalieri devono essere accessibili online......... 45 5 : raddoppiare l’investimento pubblico in ricerca e sviluppo ed ICT ............... 45 6 : ridurre l’utilizzo delle lampadine tradizionali ad alto consumo ................. 45 Rapporti con gli Stati Membri e loro Coinvolgimento ............................ 46 Sette Pilastri dell’Agenda Digitale .......................................................... 47 ni Mercato Digitale Unificato (vibrant digital single market) .............................. 49 Standard ed Interoperabilità ............................................................................ 52 Sicurezza ed Affidabilità ................................................................................... 53 Accesso internet veloce e super-veloce ................................................................ 54 Ricerca ed Innovazione ...................................................................................... 54 Aumentare le conoscenze, capacità e l’inclusione nel mondo digitale ............... 55 I Vantaggi ed i benefici dell’ICT per la società Europea ................................... 57 L’Europa delle ICT ................................................................................... 62 Aree d’intervento delle ICT: l’ambiente di crescita delle Startup.......... 62 Area ICT: Infrastrutture ......................................................................... 66 Strategie degli Operatori ICT............................................................................ 67 Linee Veloci ed Ultra-Veloci .............................................................................. 70 Linee Fisse ......................................................................................................... 71 Linee Mobile ...................................................................................................... 73 Area ICT: Fruitori .................................................................................... 74 4
  6. 6. Fattori Discriminanti ........................................................................................ 77 Barriere per l’accesso ad Internet ...................................................................... 78 Capacità degli Utenti ........................................................................................ 80 Attività Online ................................................................................................... 83 Area ICT: Contenuti ................................................................................ 91 Televisione Online ............................................................................................. 93 Musica ...............................................................................................................95 Social Network e Gaming .................................................................................. 97 Pubblicità ........................................................................................................ 100 Il modello delle PMI Europee .............................................................. 104 Strumenti complessi per il modello Europeo ........................................ 106 Il capitale sociale in Europa .................................................................. 111 L’inclusione ed il consolidamento del capitale sociale .................................... 116 Condizioni di diffusione del capitale sociale ......................................... 119 Il caso delle Fondazioni Europee ..................................................................... 122 Dagli incubatori agli acceleratori .......................................................... 125 A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Cosa sono gli incubatori d’impresa ................................................................. 129 Il caso delle università..................................................................................... 131 Gli incubatori sociali .............................................................................. 136 Logiche europee per gli incubatori sociali ....................................................... 141 Il capitale sociale e le persone fragili............................................................... 144 I programmi e le iniziative Europee ..................................................... 147 I fondi Europei, uno sguardo d’insieme .......................................................... 149 La situazione delle PMI in Europa ....................................................... 150 Prospettive di crescita delle imprese europee................................................... 152 Formazione Imprenditoriale ........................................................................... 154 Ambiente Imprenditoriale ............................................................................... 158 Processi culturali europei ................................................................................ 170 ni Conclusioni .............................................................................................. 176 Bibliografia .............................................................................................. 179 5
  7. 7. INTRODUZIONE L’Europa nasce come sistema articolato, fatto di relazioni tra Stati Membri ma non solo. Istituzioni, Cittadini, Associazioni, Imprese Fondazioni, Industrie; Studenti, Professionisti, A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t Cooperative, Lavoratori, Disoccupati, Uomini, Donne, Disabili, Famiglie, Bambini, Immigrati, Ricercatori, Amministratori…. sono i veri protagonisti dell’Europa dei popoli e delle Regioni, ossia il vero tessuto culturale e sociale che promuove il cambiamento. In questa fitta rete si possono individuare numerosi rapporti: dipendenza, sussidiarietà, collaborazione, conoscenza, amicizia, etc. Questa pubblicazione vuole essere una guida che illustra i principali ni ambienti relazionali (del Sistema Europa) dove ci si confronta, si sviluppano le conoscenze e si delineano gli obiettivi del cambiamento. Ambienti relazionali che sono il tessuto connettivo delle progettualità future e delle nuove opportunità che permettono di far crescere l’Europa. L’Europa delle Startup, parte dall’assunto che il cittadino europeo, nonostante sia inserito in una ricca rete di relazioni, molto spesso 7
  8. 8. ha difficoltà a comprendere la dinamica delle opportunità, nei suoi aspetti geografici, culturali, sociali ed economici. La consapevolezza dei propri nodi relazionali, la capacità di sapersi orientare tra le normative, i programmi e le opportunità dell’U.E., diventa un fattore determinante per vincere le sfide quotidiane e superare le difficoltà di questi ultimi anni. Risulta emblematica la situazione in cui si trovano le Aziende più innovative, che hanno un alto tasso di crescita e prospettive A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t economiche e finanziarie brillanti. Queste aziende, chiamate Startup (start-up), stanno diventando sempre più abili nel riconoscere il forte valore del tessuto relazionale che si dipana tra i numerosi soggetti ed interlocutori che caratterizzano “Il Sistema Europa”. Per riuscire a crescere in modo consapevole in Europa è indispensabile conoscere i soggetti con cui ci si confronta. Bisogna rendere strategico lo strumento relazionale, creare un modello di fortemente ni business integrato con gli attori (Aziende, Istituzioni, Fondazioni, etc…) che ci circondano. Un altro fattore strategico è la capacità di analizzare il territorio. Non possiamo dimenticare le tipicità e le caratteristiche di ciascuna Regione: cultura, storia, economia e “dinamica sociale dei Bisogni”. È necessario comprendere le relazioni tra queste aree tematiche 8
  9. 9. all’interno di ciascun territorio, sottolineando come ciascuna di esse abbia eguale importanza. L’evoluzione tecnologica è forse la massima espressione della velocità con cui il “Sistema Europa” si sta muovendo e sta cambiando. L’Agenda Digitale è il più importante documento di analisi obiettiva che definisce i ritmi presenti e pone le basi per la definizione degli obiettivi futuri. È quindi fondamentale, per ogni Nuova Impresa, intercettare il cambiamento e riuscire a competitiva. A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t confrontarsi con questi ritmi per poter essere sempre aggiornata e Negli ultimi anni nell’Unione Europea si sono sviluppate forme di sostegno all’imprenditoria che offrono servizi e progetti. È il caso degli incubatori d’impresa e degli acceleratori. Queste realtà stanno crescendo grazie a diverse iniziative pubbliche e private. Alcuni interventi sono particolarmente interessanti, in quanto cercano di ridare fiducia al mondo imprenditoriale, attraverso ni “progetti di sistema” in grado di coniugare efficacemente l’impresa, come soggetto economico attivo, con la promozione sociale del territorio. Un giovane imprenditore Europeo che volesse mettersi in gioco per creare una nuova attività, ha a disposizione numerose opportunità. L’Unione Europea, grazie ai finanziamenti europei ed all’europrogettazione, fornisce un aiuto economico a fondo perduto in rapporto agli obiettivi strategici dei piani di crescita Comunitari. 9
  10. 10. La BEI (Banca Europe degli Investimenti) ,con il “Fondo di investimento” dedicato alle PMI, è in grado di garantire il sostegno finanziario ai progetti di sviluppo economico territoriale (Regioni), che sono in linea con gli obiettivi strategici dell’UE (2014-2020). Infine vi sono numerose iniziative promosse da Fondazioni, Istituzioni Europee; Enti privati, etc. a sostegno delle Associazioni no-profit, per realizzare progetti territoriali per la creazione di nuove imprese; imprese sociali; microimprese; PMI innovative. Azioni di Territoriali Integrate capaci di avviare, nelle varie Regioni A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t europee, uno “sviluppo economico sostenibile” centrato sui seguenti fattori: “Cultura d’Impresa”; Innovazione; Inclusione sociale; Crescita delle competenze; Cultura del Cambiamento. L’Europa delle Startup è l’Europa delle opportunità, della collaborazione (Reti), dell’innovazione e dello sviluppo sostenibile. Saper cogliere ognuno di questi elementi è di fondamentale ni importanza per la crescita ed il futuro dell’Unione Europea. 10
  11. 11. PRESUPPOSTI METODOLOGICI Quando pensiamo all’Europa moderna associamo immediatamente due importanti fattori di natura differente: geografica e politica. Questa indagine vuole essere un punto di riferimento per iniziare un lavoro di approfondimento conoscitivo degli elementi culturali che contraddistinguono la pluralità imprenditoriale e culturale che è l’Europa delle Regioni. Il lavoro segue una metodologia sociale non A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t probabilistica per poter gettare le basi non tanto di una struttura teoretica ma di un sovra-modello interpretativo che possa inquadrarsi in una dimensione reale (Ortega y Gasset, 2005, p. 234). Sono quindi innumerevoli le possibili declinazioni che un modello destrutturato (sovra-modello) può trovare a livello pratico: basti pensare alle indicazioni legislative europee che coniugano modelli teorici ed elementi statistici (Gambino, 2009). Cogliere in modo orientativo una esigenza Comunitaria equivale a minimizzare lo ni sforzo di analisi dei dati. Nell’era interpretativa, in cui le culture e le conoscenze si fondono (Bauman, 2011) e si mescolano (Kolb, 2009), è necessario sviluppare nuove ipotesi che riescano a sondare meglio il rapporto tra le varie realtà regionali che contraddistinguono l’Europa moderna. 11
  12. 12. SOGGETTI COINVOLTI NELL’INDAGINE Definiamo ora meglio i soggetti che sono coinvolti in questa indagine. Prendendo in prestito la metafora Baumaniana del A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t palcoscenico, potremmo definire una serie di azioni che ciascun soggetto può compiere per meglio definirli e distinguerli ma questo risulterebbe minimizzante nei confronti delle tradizionali teorie sociali che vedono un soggetto con un elemento vivo e non vincolabile ad una struttura rigida. Preferiamo quindi raggruppare i numerosi soggetti per il loro percorso attivo all’interno della rete relazionale che emerge creando il modello stesso. In questo modo, per esempio, un soggetto che è fisicamente all’interno dei confini geografici ni dell’Unione Europea è definito cittadino europeo in funzione della relazione che ha con l’Unione Europea stessa. La definizione non è più ipso facto ma determinata ex-post dal rapporto che questo soggetto matura in un rapporto relazionale. Dobbiamo intendere per Soggetti non tanto gli esseri viventi ma tutti gli elementi che possono essere considerati in una serie di rapporti relazionali che si vanno creando all’interno dell’Universo di 12
  13. 13. analisi, in questo caso l’Unione Europea. Sono soggetti in egual modo le Istituzioni comunitarie, quanto i loro rappresentanti e gli elettori. La metodologia relazionale permette una enorme semplificazione nel campo del clustering delle informazioni e quindi permettere una valutazione dinamica delle prospettive (previsioni). L’efficacia di uno strumento è valutabile ex-post dal numero di utilizzi avvenuti con successo rispetto l’intero campione esaminato. Il modello relazionale è uno dei sistemi di valutazione più affidabile A co NT lo E gu P ai RIM ta di A an i.i t in campo sociale, teorizzato per la prima volta negli anni ’80, ora è applicato a quasi tutti i modelli di studio dei sistemi complessi. L’EUROPA, UN SISTEMA COMPLESSO Il caso in esame è infatti da considerare un sistema complesso nel suo senso più completo. Le variabili in essere quando dobbiamo valutare un evento in campo sociale sono estremamente numerose. L’entropia che può generare un soggetto all’interno di un Universo Sociale così ampio come l’Unione Europea è imprevedibile ma ni approssimabile. La Teoria delle Masse, il Comportamentismo Sociale, il Determinismo ed il Positivismo, sono tutti modelli o correnti sociologiche semplificazione che convergono interpretativo. verso un Precedentemente sistema si è di fatto riferimento al mondo “interpretato”, l’Europa è fatta di comunità (cluster culturali) che vivono in relazione ed in collaborazione, ciascun cluster interpreta la realtà secondo il proprio bagaglio di conoscenze ed a sua volta contribuisce 13

×