______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
 
______________________________________________________________________________ 
 
 
____________________________________...
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Business friendliness a Torino
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Business friendliness a Torino

1,513

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,513
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Business friendliness a Torino

  1. 1.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           1              Business  Friendliness    Il clima d’impresa, a Torino.
  2. 2.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           2  SOMMARIO  4 INTRODUZIONE Parte 1 11 ATTRATTIVITÀ E BUSINESS FRIENDLINESS. UNA SURVEY DELLA LETTERATURA ECONOMICA SU TORINO E IL PIEMONTE. A cura di Valentina Pacetti e Giampaolo Vitali 12 1. L’EVOLUZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO TORINESE E LE POLITICHE DI ATTRAZIONE 12 1.1 Politiche di attrazione: alcuni riferimenti alla teoria 12 1.1.1 Globalizzazione e attrazione degli investimenti internazionali 12 1.1.2 Competitività dei territori: a dangerouse obsession? 13 1.1.3 Competitività delle imprese, competitività dei territori 14 1.1.4 Competitività e attrattività: il nodo dei beni collettivi locali 16 1.1.5 Politiche e agenzie 18 1.2 L’evoluzione del sistema economico 22 2. LA LETTERATURA ECONOMICA SU IDE, NTERNAZIONALIZZAZIONE, NUOVE IMPRESE, POLITICHE DI SVILUPPO LOCALE 22 2.1 Investimenti esteri in entrata nell’area torinese 32 2.2 L’internazionalizzazione commerciale dell’economia torinese: i flussi di esportazioni 32 2.2.1 Le ricerche condotte negli anni ’80 e ’90 32 2.2.2 Le ricerche più recenti 37 2.3 Nuove imprese e territorio: imprenditorialità, politiche, business friendliness 38 2.3.1 Imprenditorialità 45 2.4 Politiche locali 50 2.5 Business friendliness 52 2.6 Politiche e agenzie per l’attrazione di investimenti internazionali 55 2.6.1 Quando, come e perché nascono le agenzie per l’attrazione degli investimenti esterni 59 2.6.2 Con quali risorse? Finanziamenti e personale. 60 2.6.3 Il caso piemontese nel contesto europeo 61 3. ALCUNE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 65 BIBLIOGRAFIA Parte 2 69 LA BUSINESS FRIENDLINESS NELLA PERCEZIONE DELLE IMPRESE. UN’INDAGINE EMPIRICA. A cura di Salvatore Cominu 69 1. DEFINIZIONE DEL CAMPO D’INDAGINE 71 1.1 Imprese locali radicate 72 1.2 Imprese locali ancorate 73 1.3 Imprese che arrivano
  3. 3.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           3  75 2. LA VISIONE DELLA GREEN ECONOMY 75 2.1 Green economy come svolta delle rinnovabili nel campo della produzione energetica 75 2.2 Green economy basata sull’innovazione di prodotto e dei processi produttivi 76 2.3 Green economy come infrastruttura societaria per vivere, abitare, mobilità, cura, gestione del territorio 77 3. COSA INTENDONO LE IMPRESE PER BUSINESS FRIENDLINESS: UNO SGUARDO D’INSIEME 78 3.1 Valutazione su Torino in relazione ai fattori più rilevanti per orientare le scelte localizzative 79 3.2 Valutazione su Torino in relazione ai fattori direttamente correlati al business 79 3.3 Valutazione su Torino in relazione al business environment 81 3.4 Valutazioni su Torino in relazione alla qualità della vita 81 3.5 Il confronto con le altre città 82 4. IL PUNTO DI VISTA DELLE MULTINAZIONALI E DEI PLAYER ESTERNI 86 5. IL PUNTO DI VISTA DELLE IMPRESE TORINESI E DELLE START UP 90 6. L’ALTA FORMAZIONE, IL POLITECNICO E L’UNIVERSITÀ 92 7. VINCOLI NAZIONALI, LEVE LOCALI 94 8. IL CONVITATO DI PIETRA 95 9. IL NORD COME SPAZIO DI RIFERIMENTO? 96 10. FANTASTICI QUEGLI ANNI … MA OGGI? Allegato 98 CASI D’IMPRESA 99 Asja Ambiente Italia 103 Becchis Osiride 106 Biosearch Ambiente 109 De-Ga 112 Ecomacchine 117 Econocom 122 Electro Power Systems 127 Embraco Europe 132 Farmaceutici Procemsa 137 General Motors Powertrain Europe 141 Geodata 145 Golder Associates 149 Ilti Luce 153 Pastiglie Leone 158 Pirelli Industrie Pneumatici 162 Saet Group 167 Vass Technologies 171 Vigolungo
  4. 4.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           4  Rapporto di ricerca INTRODUZIONE I cambiamenti in atto nel sistema economico mondiale influenzano pesantemente le possibilità del territorio torinese di attrarre imprese estere e di trattenere le imprese localizzate sul suo territorio. In primo luogo, occorre ricordare gli effetti della globalizzazione dei mercati, che offre agli imprenditori ampie opportunità di scelta dell’area più idonea in cui localizzare l’impresa, mettendo in forte concorrenza i territori di più antica industrializzazione con quelli che solo recentemente hanno intrapreso la via dello sviluppo industriale. La facilità degli scambi mondiali si riflette all’interno dell’Unione Europea in una maggiore mobilità dei fattori produttivi garantita dal completamento del mercato unico. Pertanto, la globalizzazione dei mercati (a livello mondiale) e la realizzazione del mercato unico (nel contesto europeo) consentono all’impresa di scegliere in quale territorio “ancorarsi”, anche solo provvisoriamente, per poi decidere di cambiare posizione quando le condizioni non saranno ritenute più soddisfacenti. Gli effetti negativi della globalizzazione sono rappresentati dalla delocalizzazione delle attività produttive nate sul territorio, mentre quelli positivi derivano dalle opportunità che il territorio attragga risorse da altri contesti locali. Le caratteristiche dell’ambiente economico in cui operano le imprese torinesi diventano pertanto molto più importanti rispetto al passato: da qui il forte interesse nei confronti della business friendliness, sia da parte delle imprese che devono investire nel loro futuro, che da parte dei policy maker che devono governare i processi produttivi. In secondo luogo, si evidenzia un altro importante processo socio-economico: la terziarizzazione dell’economia, che comporta maggiori legami tra il comparto manifatturiero e quello dei servizi, come conseguenza della maggiore componente di servizio all’interno del manufatto industriale, favorendo così migliori performance di crescita del terziario in tutti i paesi di antica industrializzazione. La perdita di occupazione del settore manifatturiero è molto pesante in tutte le aree di antica industrializzazione, come il Piemonte e, più in particolare, Torino, anche se è in parte attribuibile allo spostamento “statistico” degli occupati dal manifatturiero al terziario. L’emergere del comparto terziario come “motore dello sviluppo”, in modo complementare al comparto secondario, comporta che l’ambito di analisi della business friendliness debba essere considerato nell’accezione più ampia del termine, in modo da tener conto anche di tutta una serie di fattori immateriali particolarmente importanti nel campo dei servizi alle imprese e della new economy, e non solo più dei fattori materiali tipici della “vecchia” economia tayloristica. Infine, la metamorfosi del sistema economico attualmente in atto in tutta Europa evidenzia anche un’evoluzione verso il cosiddetto “sviluppo sostenibile”, un nuovo modello sociale che tiene conto delle esternalità ambientali e della limitazione delle risorse naturali, e che favorisce quindi la tendenziale crescita delle produzioni a minore impatto ambientale, quelle che risparmiano energia e quelle che producono beni e servizi utili a modificare il sistema economico verso una sua maggiore sostenibilità ambientale. In questo ambito, l’esame della business friendliness rappresenta una verifica sulle potenzialità di crescita futura dell’economia torinese, essendo il comparto dello sviluppo sostenibile quello con le maggior aspettative di espansione occupazionale. L’insieme di queste tre determinanti rappresenta il quadro logico all’interno del quale si sviluppa il presente rapporto di ricerca, strutturato in due parti: nella prima parte del rapporto si presenta una survey della letteratura economica piemontese al fine di verificare se le suddette determinanti del cambiamento sono state studiate dai ricercatori locali impegnati sulle tematiche
  5. 5.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           5  dell’attrattività imprenditoriale del territorio torinese; nella seconda parte del rapporto si qualificano le condizioni di attrattività del territorio torinese mediante una rilevazione empirica condotta su un campione di imprese. Nella parte del rapporto in cui si effettua la survey della letteratura piemontese, si esaminano soprattutto gli studi basati su approcci industrialisti, focalizzati quasi esclusivamente sul ruolo degli investimenti fissi, che guidavano le iniziative di attrazione condotte ancora un decennio or sono, con le più recenti analisi sull’attrazione di imprese ad alto contenuto di innovazione, non necessariamente manifatturiere ma anche attive nel terziario avanzato, e caratterizzate da una elevata componente di asset intangibili. E’ probabile che queste ultime siano più idonee a localizzarsi nell’area metropolitana torinese, essendo quest’ultima particolarmente ricca di servizi avanzati e di centri di ricerca. Lo studio sull’evoluzione della letteratura economica è pertanto utile a qualificare maggiormente il nuovo modello di business friendliness del territorio torinese, che dovrebbe essere compatibile con la metamorfosi in atto nel sistema economico europeo e, più in particolare, torinese. Mentre un tempo l’approccio dominante era quello dell’attrazione di grandi imprese multinazionali, attive nel comparto industriale, oggi è probabile che si ponga maggiore attenzione all’attrattività del business di imprese tanto estere quanto nazionali, sia di piccole che di grandi dimensioni, operanti nell’industria ma anche nel terziario, e soprattutto, aventi un elevato contenuto di innovazione e di solide prospettive future. Prospettive che forse sono più robuste se legate ad attività industriali e dei servizi coinvolte nel modello di sviluppo sostenibile, in quanto da esse ci si attende la maggiore crescita futura in termini di domanda e di indirizzo delle politiche pubbliche: tanto la produzione di beni a basso impatto ambientale, quanto la fornitura di servizi alle imprese che tengano conto dei nuovi vincoli ambientali, rappresentano i comparti su cui investire per lo sviluppo di medio-lungo periodo dell’area torinese. Attrarre soprattutto imprese con una solida disciplina ambientale, presenti in tutti i settori industriali e del terziario, consentirebbe al nostro territorio di porre delle solide basi per lo sviluppo economico di medio-lungo periodo caratterizzato da una diversificazione della struttura economica, che eviti l’elevato rischio congiunturale insisto nella sua storica monocultura automotive. Dal punto di vista metodologico, la survey condotta sugli studi aventi per oggetto l’attrattività imprenditoriale dell’area torinese viene svolta rileggendo le ricerche pubblicate dagli anni ’90 in poi, al fine di far emergere l’attenzione degli autori piemontesi nei confronti delle caratteristiche del processo di internazionalizzazione del territorio (con particolare riferimento agli investimenti esteri in entrata), del processo di innovazione (individuando in questa variabile un elemento di attrattività dell’area), del processo di diffusione della green economy e dello sviluppo sostenibile (fattori che hanno ricevuto una scarsa attenzione nei decenni passati, benché in aumento nel corso del tempo). Nella seconda parte del rapporto si realizza un’indagine sulla percezione degli imprenditori in merito al clima d’impresa, ovvero alle condizioni che favoriscono oppure ostacolano l’insediamento o il mantenimento delle imprese nell’area torinese. Lo studio applica il concetto di business friendliness come il punto di vista dell’impresa su una serie di fattori chiave: dall’accesso ai mercati ai caratteri delle infrastrutture e aree di insediamento, dai fattori finanziari ed economici al sistema legislativo, dalla qualità del capitale umano al ruolo della pubblica amministrazione, dal sistema della ricerca e dell’innovazione a quello delle forniture. Nell’analisi empirica si applica un’accezione di business friendliness che allarga il concetto di attrazione d’impresa, includendo elementi come gli assi intangibili e i servizi a valore aggiunto in cui grande spazio assume il capitale umano.
  6. 6.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           6  Nell’impostazione dell’indagine empirica è stato applicato un ulteriore filtro selettivo – il riferimento alla green economy – utile per studiare i bisogni dell’impresa torinese che guarda al futuro. Se la manifattura è stata il motore di sviluppo della lunga storia industriale di Torino, la green economy sarà una delle determinanti di crescita dello sviluppo futuro. In tal senso green economy è qui intesa non come un settore o comparto, ma come una modalità produttiva che taglia orizzontalmente tutti i settori, anche, e specialmente, quelli che sono considerati i tradizionali punti di forza del sistema economico torinese: dai trasporti alla meccatronica, dalla chimica all’energia, dall’alimentare ai servizi per le imprese, tutte le attività economiche sono e saranno sempre più vincolate al rispetto di maggiori standard ambientali. Lo sviluppo sostenibile è infatti uno dei campi sui quali si misura la capacità dei sistemi locali a lunga tradizione industriale di restare competitivi, radicando imprese autoctone e attirandone di nuove. Del resto, nelle politiche pubbliche piemontesi l’argomento assume particolare rilievo, essendo la green economy una delle piattaforme varate dal piano regionale per l’innovazione, nonché una delle specializzazioni dei poli di innovazione regionali. Anche a livello nazionale, con le politiche per l’innovazione basate sui cluster nazionali, si pone notevole attenzione a questi temi. In altre parole, la categoria di green economy è stata utilizzata come proxy di “innovazione” e marcatore di un posizionamento competitivo vantaggioso, delle imprese in esame, nei rispettivi ambiti di attività. L’indagine qualitativa ricostruisce venti studi di caso, attraverso interviste approfondite al management di altrettante imprese, con l’obiettivo di analizzare storie paradigmaticamente interessanti per le scelte strategiche e lo specifico “sentimento” aziendale in merito alla permanenza sul territorio torinese. Il campione è stato definito tenendo conto di alcune minime misure di raccordo, capaci di dare unitarietà e significato ai casi di studio presi in esame, tuttavia particolare cura è stata dedicata a garantirne la varietà, attingendo a comparti diversificati così come a differenti dimensioni d’impresa – non sembra utile infatti distinguere rigidamente tra manifattura e terziario avanzato, semmai indagarne le relazioni in un’ottica di filiera e di supply chain. Sul piano dell’impianto metodologico, l’insieme dei casi analizzati può essere rappresentato con una tipologia che tiene conto dell’origine territoriale e della strategia di crescita delle imprese: i) imprese locali con forte radicamento sul territorio, con un mercato di riferimento tipo prevalentemente locale oppure con le funzioni decisionali e strategiche nell’area torinese: ii) imprese locali “ancorate” sul territorio, con un radicamento nel complesso meno intenso, a causa di alcuni investimenti strategici effettuati al di fuori dell’area torinese; iii) imprese non locali, di provenienza esterna, che hanno effettuato sul territorio un nuovo investimento produttivo (greenfield) oppure hanno acquisito un’impresa già esistente (brownfield). L’esame della business friendliness dell’area metropolitana torinese viene contestualizzato nel nuovo scenario in cui operano le imprese, caratterizzato da una pesante crisi di tipo strutturale, che determina un cambiamento stabile nelle scelte di consumo e di investimento degli operatori economici. I risultati del rapporto, tanto con riferimento alla survey della letteratura quanto all’analisi empirica, vengono pertanto interpretati alla luce del nuovo contesto competitivo, caratterizzato da una crescita mondiale concentrata nei paesi di più recente industrializzazione, dalla crisi della filiera automotive, da scarse risorse pubbliche a disposizione dei policy maker (tanto per le necessità di contenimento del deficit pubblico, quanto per il venir meno di importanti fondi europei), da una generale contrazione degli investimenti esteri a livello europeo, da una maggiore attenzione verso le politiche di radicamento degli investimenti già presenti (al fine di evitarne la delocalizzazione in altri contesti territoriali). Tutto ciò rende quanto mai attuale e importante lo studio della business friendliness nell’accezione più ampia del termine, finalizzata a trattenere le imprese già presenti sul territorio e ad attrarre nuove imprese dall’esterno, ma
  7. 7.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           7  anche, e soprattutto a causa della crisi, a favorire un nuovo modello di sviluppo che punti: i) sui rapporti internazionali delle imprese; ii) sulle innovazioni tecnologiche e organizzative; iii) sulle opportunità offerte dallo sviluppo sostenibile e dal rispetto per l’ambiente. Sul primo punto – i rapporti internazionali fra le imprese – le imprese che producono componenti, semilavorati e prodotti industriali si inseriscono ormai giocoforza all’interno di supply chain mondiali, in cui le difficoltà da superare riguardano la gestione degli standard produttivi, della proprietà intellettuale, dei rapporti di fornitura a livello internazionale. Anche chi produce beni e servizi per il consumatore finale deve operare a livello globale, ampliando la nicchia di mercato in cui si era precedentemente specializzato. L’intervento pubblico su questo piano ha messo in atto politiche locali per l’internazionalizzazione che hanno puntato sull’erogazione di servizi reali alle imprese da parte di agenzie specializzate nella gestione del business internazionale. Così facendo, l’internazionalizzazione del sistema produttivo è affidata alle singole imprese, che percorrono propri percorsi di globalizzazione; il sostegno all’iniziativa imprenditoriale così indirizzata, da parte delle istituzioni, riguarda la capacità di mettere in campo incentivi per ridurre vincoli e rischi. Sul secondo punto – innovazioni tecnologiche e organizzative – i vincoli alla crescita derivano dai bassi investimenti in ricerca delle imprese locali e, soprattutto, dalle difficoltà con cui avviene il trasferimento della conoscenza accumulata nei centri di ricerca pubblici. L’intervento pubblico in questo campo ha incentivato gli investimenti delle imprese (con sussidi diretti e indiretti) e creato infrastrutture tecnologiche (i parchi scientifici, i poli di innovazione e le piattaforme tecnologiche) per favorire il trasferimento della conoscenza. Si tratta perciò di un tipo di intervento pubblico dalla portata potenzialmente più ampia, essendo finalizzato all’erogazione di beni collettivi locali per la competitività dei quali possono godere tanto le imprese locali quanto quelle potenzialmente provenienti da altri contesti territoriali. Sul terzo punto – le opportunità offerte dallo sviluppo sostenibile – si entra nella prospettiva della green economy, che riguarda potenzialmente le imprese torinesi sotto tre aspetti: la nascita di un nuovo settore economico (imprese che producono beni e servizi per le energie rinnovabili, per la gestione dei rifiuti, per l’edilizia sostenibile, etc.), la nascita di nuovi prodotti che sostituiscono i precedenti (imprese che producono beni e servizi caratterizzati da un basso impatto ambientale), la nascita di nuovi processi produttivi che sostituiscono i precedenti (imprese che inseriscono nuovi processi a basso impatto ambientale). Quest’ultima prospettiva è certamente quella che più si emancipa dai percorsi di sviluppo più noti e tradizionali, pur presentandosi in certa misura come l’evoluzione più moderna di alcuni punti di forza già ampiamente presenti all’interno del contesto piemontese. Ma in questo ambito le politiche pubbliche basate sulla creazione di beni collettivi locali per la competitività sono ancora in fieri, o comunque deboli rispetto alla velocità del cambiamento richiesto. Anche se la green economy può essere definita come un ambito poco specificato e forse un po’ vago, sono comunque alte le opportunità offerte per la crescita di un’area metropolitana già caratterizzata dalla presenza di imprese internazionali e innovative. In altri termini, le innovazioni finalizzate a introdurre nell’attuale configurazione produttiva del sistema torinese le caratteristiche dello sviluppo sostenibile potrebbero garantire una maggiore performance delle nostre imprese sui mercati esteri più avanzati, caratterizzati da elevata attenzione verso il rispetto ambientale. A questo proposito, il modello di sviluppo di Torino non deve porre l’industria in alternativa al terziario, ma al contrario rafforzare l’integrazione tra i due settori attraverso strumenti di innovazione finalizzati a sostituire i prodotti tradizionali con prodotti green, i processi tradizionali con processi green, sfruttando il driver della crescita internazionale. Si tratta di un percorso di sviluppo possibile sono in presenza di una business friendliness positiva e favorevole alle imprese. Tuttavia, merita comunque ricordare che il ruolo delle politiche
  8. 8.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           8  pubbliche locali in alcuni ambiti è decisamente minoritario rispetto all’importanza detenuta dal legislatore nazionale, e pertanto buona parte dei limiti che vengono imputati al “sistema Italia” si riflettono negativamente anche nel contesto locale torinese. Addirittura, parte degli sforzi dei policy maker locali sono indirizzati a rimuovere i limiti prodotti dalle scarse condizioni di attrattività mostrate dal sistema Italia nel suo complesso. I dati seguenti (tabella 1) mostrano chiaramente come le statistiche internazionali pesano sulla business friendliness della nostra nazione: il ruolo negativo esercitato dalle problematiche della burocrazia, della giustizia e del fisco è ormai risaputo e trova conferma in indici di posizionamento posti al fondo della classifica dei paesi industrializzati. Tabella 1 – Ease of doing business in Italy Topic Rankings DB 2013 Rank DB 2012 Rank Change in Rank Starting a Business 84 76 -8 Dealing with Construction Permits 103 100 -3 Getting Electricity 107 109 2 Registering Property 39 47 8 Getting Credit 104 97 -7 Protecting Investors 49 46 -3 Paying Taxes 131 133 2 Trading Across Borders 55 59 4 Enforcing Contracts 160 160 …. Resolving Insolvency 31 32 1 Fonte: World Bank, 2012 Cambiando le fonti statistiche di riferimento non cambia purtroppo la difficoltà con cui fare impresa in Italia: nel 2012 l’Italia è al 42° posto nel Global Competitiveness Index del World Economic Forum e al 32° posto nel Global Manufacturing Competitiveness Index di Deloitte, anche con posizioni perse rispetto alle indagini precedenti. Tutto ciò si riflette in un forte impatto sulla presenza di imprese a capitale estero nel territorio piemontese e torinese più in particolare. Le statistiche locali a questo proposito indicano come le dinamiche recenti degli investimenti esteri in entrata nella regione – e nell’area metropolitana torinese – sono da porre in relazione ai mutamenti globali del flusso degli investimenti esteri. Il quadro complessivo nel 2011 ha visto a livello mondiale una crescita del flusso degli investimenti diretti esteri, per quanto dopo il crollo del 2009 non siano ancora stati ripristinati i livelli pre-crisi. Le tendenze più recenti vedono, nei paesi emergenti, una forte crescita degli investimenti greenfield, mentre nei paesi sviluppati prevalgono gli investimenti brownfield, esito soprattutto dei processi di fusione tra operatori e delle acquisizioni da parte delle multinazionali. I principali paesi investitori su scala globale rimangono Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Francia, ma risulta in crescita il flusso degli investimenti esteri in uscita dai paesi emergenti, come Cina e Hong Kong, ma anche India e alcuni paesi del Medio Oriente e dell’America Latina. L’Italia, nel panorama internazionale, non costituisce una meta particolarmente ambita degli investimenti esteri: il rapporto tra lo stock di investimenti esteri in entrata e il PIL è solo del 15,2%, a fronte di una media del 31,5% dei paesi Ocse. Il Piemonte (e in provincia di Torino è localizzato il 58% degli investimenti esteri in entrata nella regione) è, per numero totale di imprese a partecipazione estera, la quarta regione italiana dopo Lombardia, Lazio e Veneto. Nel 2011 le imprese in questione, secondo i dati della Banca dati Reprint erano 637, in calo rispetto al dato pre-crisi (656 nel 2008), quando il numero di imprese a partecipazione estera era più alto che in Veneto. Per numero di addetti alle stesse imprese, con 84.605 occupati, il Piemonte era preceduto solo da Lombardia e Lazio. Il calo degli addetti nelle
  9. 9.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           9  imprese a partecipazione estera, nel periodo 2005-2011, è risultato però particolarmente vistoso – come in Lombardia, ma differentemente da Veneto ed Emilia Romagna. Limitando l’osservazione alle sole imprese con partecipazioni di controllo da parte di multinazionali, sia per numero d’imprese sia per numero di addetti, il Piemonte nel 2011 rimaneva la terza regione italiana, nonostante la perdita, nell’arco di sei anni, di oltre 27.000 addetti. Tabella 2 – Imprese a partecipazione estera (partecipazioni di controllo), per regione della sede principale e anno (dati al 31.12) Imprese Addetti alle imprese 2005 2008 2010 2011 2005 2008 2010 2011 Italia Nord-Occidentale 4.763 4.940 4.770 4.767 509.206 512.520 481.488 472.853 Piemonte 634 656 629 637 107.097 95.718 81.992 79.896 Lombardia 3.938 4.069 3.935 3.934 383.258 397.599 379.858 374.345 Liguria 183 209 200 190 14.705 17.728 18.320 17.320 Italia Nord-Orientale 1.297 1.478 1.471 1.493 118.984 128.016 121.586 123.370 Veneto 492 586 614 624 39.047 40.283 42.886 42.855 Emilia-Romagna 544 605 573 573 47.394 54.851 48.719 50.872 Italia Centrale 926 1.038 1.079 1.132 115.136 133.473 124.047 118.133 Toscana 313 330 338 341 26.371 30.331 30.981 29.964 Marche 50 60 53 50 3.701 4.089 3.290 3.190 Lazio 524 611 652 708 79.061 93.245 84.403 79.728 Italia Meridionale 243 231 229 232 29.634 29.559 26.411 25.861 Campania 96 83 79 73 7.469 7.145 6.418 5.975 Puglia 43 40 47 59 7.078 7.302 6.674 6.390 Italia Insulare 74 79 109 144 7.109 5.812 3.827 4.783 Totale 7.303 7.766 7.658 7.768 780.069 809.380 757.359 745.000 Fonte: Banca dati Reprint, Politecnico di Milano - ICE La consultazione della banca dati Observer del Cei Piemonte1 consente di evidenziare alcune tendenze relative agli investimenti esteri in entrata nella regione Piemonte negli ultimi anni; considerato il ruolo preponderante della provincia di Torino nella distribuzione territoriale delle multinazionali nella regione, tali tendenze si possono riferire anche al territorio oggetto della ricognizione. Al fine di referenziare i dati illustrati si consideri che il repertorio Observer non include la grande distribuzione organizzata (mentre considera alcune catene distributive commerciali), né le attività del settore finanziario e assicurativo e del real estate. Il confronto tra gli stock a fine 2008 e fine 2012 conferma la contrazione del peso degli investimenti esteri in ingresso negli ultimi anni, più evidente nel numero degli addetti che delle imprese. Tabella 3 – Multinazionali in Piemonte, tabella riepilogativa N. imprese Addetti Fatturato (migliaia €) 2008 663 105.504 30.284,73 2012 627 93.337 n.d. Sotto il profilo settoriale, preponderante è il peso delle multinazionali estere del ramo manifatturiero (53% delle imprese e 80% degli addetti complessivi), ma negli ultimi anni risultano in crescita le presenze nel terziario non commerciale.                                                                   1 Si ringrazia per la collaborazione gentilmente offerta nella socializzazione di questi dati la dott.ssa Stefania Avetta, del settore International Marketing del Centro Estero per l'Internazionalizzazione.
  10. 10.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           10  Tabella 4 – Multinazionali in Piemonte, 2012 Distribuzione per settore (impatto per n. imprese e per addetti) N. imprese % Addetti % Manifatturiero 335 53 74.395 80 Commercio 139 22 6.262 7 Servizi / Terziario 129 21 10.560 11 En. elettrica, gas, acqua 12 2 1.501 2 Costruzioni 10 2 311 0 Industria estrattiva 2 0 308 0 Totale 627 100 93.337 100 I dati raccolti dal Cei Piemonte confermano inoltre, nel quadro di un rallentamento evidente degli arrivi, la tendenza ormai pluridecennale alla crescita degli investimenti brownfield, legati soprattutto ad attività di merger and acquisition, e al calo degli investimenti greenfield. Nel periodo 2009-2012, sono stati censiti solo diciassette nuovi arrivi (per un totale di 1.885 addetti), di cui sei greenfield e undici brownfield. Tabella 5 – Arrivi di multinazionali in Piemonte per periodo e tipo di investimento Arrivi fino al 1995 Arrivi 1996-2005 Arrivi 2006-2010 N. imprese % N. imprese % N. imprese % Greenfield 85 56 93 35 19 24 Brownfield 38 25 137 52 45 58 n.d. 29 19 32 12 14 18 Totale 152 100 262 100 78 100 I dati qui sintetizzati confermano che lo sforzo da condurre a livello locale è veramente notevole, se si vuole ridurre l’influenza negativa esercitata dalle scarse condizioni del “sistema paese” sulla possibilità che l’area torinese possa trasformare gli attuali vincoli allo sviluppo – causati dalla pesante crisi economica che ha colpito negli ultimi anni il territorio locale – in nuove opportunità di crescita, e favorire così il processo di metamorfosi dell’economia locale, con l’ingresso di nuove imprese che vedono nella internazionalizzazione, nell’innovazione e nello sviluppo sostenibile i migliori driver della crescita.
  11. 11.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           11  Parte 1 ATTRATTIVITÀ E BUSINESS FRIENDLINESS. UNA SURVEY DELLA LETTERATURA ECONOMICA SU TORINO E IL PIEMONTE. A cura di Valentina Pacetti e Giampaolo Vitali La survey sulla letteratura economica torinese che ha analizzato, direttamente o indirettamente, la business friendliness locale viene qui condotta esaminando le ricerche svolte negli ultimi decenni in Piemonte, e che hanno per oggetto un’ampia casistica di campi di ricerca: gli investimenti esteri in entrata nell’area metropolitana torinese, il ruolo delle politiche di attrazione degli investimenti esteri, le caratteristiche delle nuove imprese locali, le politiche di radicamento delle imprese già presenti sul territorio, e altri ambiti nei quali può essere declinato il concetto stesso di business friendliness nell’Area Metropolitana Torinese. L’obiettivo della survey è di qualificare il modello di business friendliness del territorio torinese, individuandone le sue specificità, e di capire se gli studi fin qui condotti dai ricercatori piemontesi mostrano un’evoluzione del modello di business friendliness nel corso del tempo, compatibile con il mutamento avvenuto nel sistema economico locale. Infatti, il legame tra concetto di business friendlines e contesto economico in cui tale concetto viene implementato con le politiche pubbliche è molto forte e stringente: in un sistema caratterizzato da industrie molto tradizionali, grandi imprese, scarso cambiamento nella tecnologia e nei mercati, i fattori che facilitano il business degli imprenditori sono completamente differenti dai fattori necessari in un contesto differente, quale quello caratterizzato da settori high-tech, piccole imprese, evoluzione rapida delle tecnologia e dei mercati. È pertanto probabile che gli studiosi piemontesi abbiano utilizzato un concetto di business friendliness che si è modificato nel corso del tempo a causa del modificarsi del sistema economico. La survey condotta sugli studi aventi per oggetto l’attrattività imprenditoriale dell’area torinese viene svolta con una metodologia di analisi di tipo matriciale, con la lettura dei testi realizzata con modalità multidimensionale. Infatti, le ricerche condotte dagli anni ’90 in poi vengono analizzate sotto più punti di vista: l’analisi dei grandi processi di mutazione del sistema economico locale, quali le caratteristiche del processo di internazionalizzazione del territorio, con particolare riferimento agli investimenti esteri in entrata; le caratteristiche del processo di innovazione, per individuare se questa variabile è stata considerata come elemento di attrattività dell’area; l’attenzione verso lo sviluppo sostenibile, che essendo un importante aspetto dello sviluppo economico attuale è probabile che riguardi le analisi più recenti e non quelle più datate. -- La sezione relativa alla survey sulla letteratura economica torinese è così strutturata. Nel primo capitolo si considerano le ricerche che consentono di analizzare il rapporto esistente tra l’evoluzione del sistema economico torinese, da una parte, e l’evoluzione delle politiche pubbliche di attrazione dell’imprenditoria, dall’altra. Il secondo capitolo affronta più in dettaglio le problematiche dell’attrattività, dividendo il fenomeno tra gli ambiti degli investimenti esteri in entrata, dell’internazionalizzazione commerciale tramite esportazioni, della nascita di nuove imprese, delle politiche di sviluppo locale legate all’attrazione di imprese esterne e alla business friendliness. Il terzo e ultimo capitolo sintetizzerà i principali risultati della survey.
  12. 12.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           12  1. L’EVOLUZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO TORINESE E LE POLITICHE DI ATTRAZIONE 1.1 Politiche di attrazione: alcuni riferimenti alla teoria 1.1.1 Globalizzazione e attrazione degli investimenti internazionali La questione dell’attrattività di un territorio emerge per certi versi parallelamente all’affermarsi dei processi di globalizzazione. Questi ultimi, come è noto, hanno l’effetto di mettere in discussione il rapporto delle attività economiche con lo spazio: la collocazione spaziale di un’impresa (come quella delle più diverse attività, ma anche istituzioni e persone) non è più un dato, ma diventa un problema cui possono essere offerte soluzioni differenti. L’efficace metafora utilizzata dall’economista francese Pierre Veltz (1996) sottolinea proprio questo aspetto: se le imprese e le persone non sono più “radicate” nei territori, ma semplicemente “ancorate” ad essi, il rapporto con lo spazio diventa una variabile sempre più importante per il loro benessere. L’impresa sceglierà dove gettare l’ancora e potrà anche decidere di cambiare posizione se le condizioni non saranno ritenute soddisfacenti. La globalizzazione crea le condizioni per la delocalizzazione delle attività produttive che su un territorio sono nate, ma allo stesso temo getta le basi perché i territori si attivino per attrarre risorse da altri contesti locali. L’aumento esponenziale delle possibilità insediative offerto dalla globalizzazione non si traduce quindi in una crescente indifferenza al luogo. Al contrario, il territorio conta, e conta sempre di più perché la collocazione all’interno di una certa società locale può costituire un importante elemento di vantaggio competitivo nei confronti delle imprese ancorate a contesti differenti. Proprio questa condizione costituisce il presupposto per la nascita e la proliferazione delle attività di attrazione degli investimenti esterni: i territori (siano essi stati nazionali o, come più spesso avviene, regioni o città e aree metropolitane) si affacciano sulla scena mondiale proponendosi come sede ideale per le attività considerate interessanti nell’ottica di uno sviluppo economico e sociale il più possibile coerente. 1.1.2 Competitività dei territori: a dangerouse obsession? Nell’ormai lontano 1994 il premio nobel per l’economia Paul Krugman si scagliò contro la “retorica della competitività” delle nazioni, secondo la quale le nazioni si comportano esattamente come grandi imprese che competono sul mercato globale (“like a big corporation competing in the global marketplace”, p. 29). Le argomentazioni volte a dimostrare la sostanziale infondatezza di questa prospettiva (“concerns about competitiveness are, as an empirical matter, almost completly unfounded”, p. 30) appaiono convincenti, e sono rilevanti dal punto di vista politico, perché suggeriscono di non valutare la performance di un Paese esclusivamente a partire dai suoi indicatori economici: del resto lo scopo di uno Stato, a differenza di quello di un’organizzazione produttiva, non è il profitto2 . Vi è tuttavia una prospettiva diversa all’interno della quale l’idea che le nazioni competano riacquista valore: gli Stati, ma più in generale i territori, si trovano a “competere” tra loro nella misura in cui cercano di aggiudicarsi delle risorse scarse. In altri termini, di competitività dei territori possiamo tornare a parlare quando sul mercato globale sono presenti investimenti,                                                                   2 Per una discussione argomentata del rapporto tra soggetti di diversa natura e rispettive sfere di influenza si veda ad esempio Pichierri, “Social cohesion and economic competitiveness: Tools for analyzing the European model”, in European Journal of Social Theory, July 5, 2012.
  13. 13.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           13  persone, imprese che cercano una collocazione nello spazio, e alle quali più sistemi locali sono interessati. È il caso dei grandi eventi, come quelli sportivi, ma anche dell’attrazione di investimenti internazionali di cui ci occupiamo in queste pagine. In questo senso i territori che aspirano ad aggiudicarsi l’insediamento di (certe3 ) imprese possono mettere in atto, come vedremo, delle politiche di marketing territoriale per promuovere la propria immagine internazionale, ma possono anche cercare di intervenire sul proprio contesto, sull’ambiente allo scopo di renderlo il più possibile favorevole alle attività imprenditoriali (business friendly). Su quali elementi si gioca allora questa nuova competizione? Quali sono i fattori in grado di rendere più “attraente” una collocazione geografica piuttosto di un’altra? 1.1.3 Competitività delle imprese, competitività dei territori Sullo sfondo di quanto detto a proposito della globalizzazione sta la consapevolezza che, mentre un tempo il vantaggio comparato del territorio era offerto da risorse naturali come un porto o un giacimento di materie prime, oggi gli aspetti rilevanti sono legati piuttosto ad elementi immateriali come la formazione, le conoscenze tacite, la disponibilità di interlocutori adeguati, il supporto alle innovazioni, eccetera. Tutto ciò che concorre a creare un contesto favorevole alle attività delle imprese diventa elemento determinante per la loro competitività. Il modo in cui le imprese si muovono nell’economia globale costringe quindi a rivedere alcuni assunti tradizionali a proposito di competitività, perché gli elementi in grado di offrire un vantaggio comparativo non sono più legati alla geografia nel senso in cui ciò avveniva in passato: “Now that companies can source capital, goods, information, and technology from around the world, often with the click of a mouse, much of the conventional wisdom about how companies and nations compete needs to be overhauled” (Porter 1998, pag. 77). Diventano centrali aspetti che in passato erano stati trascurati, come le dimensioni immateriali del contesto economico e sociale o le varie forme di esternalità positive, perché “le risorse decisive delle nuove forme di competitività sono sempre meno… risorse passive, date dalla geografia, e sono invece costruite dalla società stessa: infrastrutture materiali e sociali, formazione, fiducia, capacità di cooperazione” (Veltz 1998, pag. 148). In un contesto così ridisegnato, gli attori istituzionali tornano a giocare un ruolo centrale nella definizione, e soprattutto nella promozione, dei parametri in grado di supportare lo sviluppo delle imprese. Il territorio può (e oggi deve) operare delle scelte consapevoli per posizionarsi sull’arena mondiale: quali saranno i suoi punti di forza? Il basso costo del lavoro o la qualificazione professionale? Gli sgravi fiscali o le politiche di trasferimento tecnologico? Il supporto alle piccole imprese o il dialogo con le grandi? La disponibilità di aree industriali poco costose o disponibilità di infrastrutture logistiche e servizi? In un primo tempo la letteratura economica sembrava trascurare il ruolo giocato da questi elementi, più direttamente legati alla collocazione nello spazio, ma l’esperienza di distretti e cluster di vario genere ha reso sempre più evidente la necessità di rivedere le implicazioni del “paradosso” che ha visto contemporaneamente ridursi e crescere il peso che la collocazione nello spazio gioca nella competizione tra le imprese. “Untangling the paradox of location in a global economy reveals a number of key insights about how companies continually create competitive                                                                   3 La scelta delle imprese alle quali rivolgere l’attenzione, e quindi le politiche da attuare, è molto rilevante, perché in essa si concretizzano le posizioni strategiche di un territorio (e quindi della sua amministrazione) rispetto allo sviluppo futuro del sistema produttivo locale. Decidere di sostenere, ed eventualmente di attrarre, le imprese di settori tradizionali piuttosto che di settori emergenti fa una grossa differenza, perché presuppone diverse idee dell’evoluzione dell’economia e della socialità locale. Si tornerà su questo tema più avanti, affrontando il significato assunto dalle politiche di attrazione di investimenti e la loro trasformazione nel tempo.
  14. 14.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           14  advantage. What happens inside companies is important, but clusters reveal that the immediate business environment outside companies plays a vital role as well. This role of locations has been long overlooked, despite striking evidence that innovation and competitive success in so many fields are geographically concentrated”. (Porter 1998, pag. 78) La concentrazione geografica delle imprese di un certo settore, ramo, filiera è considerata indicatore del fatto che il territorio, inteso come contesto economico e sociale, è in grado di favorire lo sviluppo e il successo delle imprese che si dedicano a determinate attività. Diventa allora cruciale la questione di quali siano gli elementi che il contesto riesce a mettere a disposizione delle imprese interessate. Come accennato poco sopra, l’attenzione della letteratura si concentra quasi subito sugli aspetti “immateriali” del contesto economico, ma questo non deve far sottovalutare il peso che gli elementi più “materiali”, come le infrastrutture o anche i servizi idroelettrici, continuano a ricoprir. Questi ultimi tendono infatti ad essere considerati come una sorta di costante nel confronto, ad esempio, tra i paesi dell’Europa occidentale, ma tornano a manifestare la loro rilevanza quando la comparazione coinvolge paesi a più basso costo del lavoro, siano essi in estremo oriente, nell’Africa settentrionale o nell’America Latina, per fare alcuni degli esempi più diffusi. In alcuni di questi casi la disponibilità di strutture in grado di sostenere la produttività degli stabilimenti non solo a costi contenuti, ma anche entro determinati parametri qualitativi diventa una variabile di cui tenere conto. Una prospettiva teorica utile per sciogliere questo nodo (o, usando una diversa terminologia, per “aprire” la black box che connette la collocazione territoriale al successo delle imprese che lo popolano) è quella dei beni collettivi locali per la competitività (Crouch et al. 2001, Pichierri 2003, Pacetti 2008). In prima analisi, “possiamo provare a definire questi beni come i fattori, legati al territorio, in grado di rispondere alle esigenze delle imprese. Tutte le imprese, per essere competitive, ma anche semplicemente per restare sul mercato, hanno bisogno di svolgere funzioni come quella di trovare i dipendenti dotati delle competenze necessarie, di reperire informazioni sui mercati di riferimento, di acquisire gli ordini. Un sistema locale può allora sostenere la competitività delle imprese insediate entro i propri confini proprio offrendo loro gli strumenti per soddisfare questi bisogni” (Pacetti 2008). In generale, è bene notare che, mentre nelle imprese di medie e grandi dimensioni tutte le attività citate possono essere svolte all’interno di funzioni organizzative espressamente dedicate, nelle imprese minori spesso molte delle attività “strategiche” sono svolte direttamente dall’imprenditore. Siccome le piccole e medie imprese non possono disporre di tutte le risorse necessarie per svolgere le attività di programmazione, innovazione, ricerca, eccetera. necessarie per essere competitive, sono queste imprese che mostrano in modo più evidente la propria dipendenza dal sistema locale, e dalla capacità di quest’ultimo di produrre beni collettivi locali per la competitività. Ma questa evidenza non nega affatto che i beni collettivi locali per la competitività giochino un ruolo (per la verità sempre più importante) anche per la localizzazione delle imprese di grandi o grandissime dimensioni. La discussione sul futuro degli impianti italiani di Fiat Auto nel contesto della fusione con la Chrysler ne è solo un esempio. La definizione dei beni collettivi per la competitività (Pacetti 2008) non conduce direttamente ad individuare quali aspetti di un sistema economico locale possano essere considerati come fattori di competitività delle imprese, ma sembra che alcuni elementi non possano essere trascurati, a partire dalle politiche relative a formazione, trasferimento tecnologico e internazionalizzazione. Accanto a queste vanno citati altri fattori, di indubbia importanza, come il
  15. 15.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           15  credito e le infrastrutture, intese tanto in termini di servizi quanto in termini di spazi urbani o extra-urbani dedicati. I territori e le città diventano quindi tanto più competitivi quanto più sono in grado di offrire alle imprese beni collettivi capaci di renderle competitive sull’arena globale. Questa considerazione, ben lungi dal chiudere la riflessione, introduce alcuni elementi che meritano di essere esplorati: il rapporto tra attrazione e radicamento delle imprese e il ruolo delle politiche esplicitamente dedicate all’attrazione degli investimenti internazionali. 1.1.4 Competitività e attrattività: il nodo dei beni collettivi locali La definizione dei beni collettivi locali come fattore portante della competitività delle imprese collocate entro un certo contesto territoriale suggerisce di definire la competitività di un territorio o di una città a partire dalla sua capacità di produrre ed erogare questi beni. Tuttavia, il fatto che un sistema locale sia in grado di rendere competitive le proprie imprese non vuol dire necessariamente che esso sia altrettanto efficace nel tentativo di attrarre nuove imprese entro i propri confini. La competitività di un territorio e la sua attrattività non sono necessariamente la stessa cosa: come dicevamo poco sopra, possiamo definire la competitività del territorio attraverso la competitività delle imprese che ne fanno parte, e quindi a partire dalla presenza di beni collettivi locali per la competitività (Crouch, Le Galès, Trigilia, Voelzkow 2001, trad. it. 2004). In altri termini, il successo delle imprese, in particolare di quelle di piccole e medie dimensioni, è reso possibile dalla capacità del territorio di offrire loro beni e servizi di vario genere, volti in particolare a sostenere le loro capacità di innovazione, internazionalizzazione e formazione professionale (Pichierri 2003). L’attrattività dei territori, invece, può essere legata a risorse diverse, volte in primo luogo alla ricerca di vantaggi sul breve periodo, come la presenza di incentivi e agevolazioni fiscali, o il basso costo del lavoro e più in generale dei fattori di produzione. Molto spesso le politiche di promozione dei territori si basano in modo esplicito su elementi di questo tipo, che sono considerati più rilevanti nell’orientare le decisioni degli imprenditori, soprattutto nel confronto con le altre possibilità di insediamento disponibili. Questa distinzione tra attrattività e competitività è utile per comprendere le scelte dei diversi sistemi territoriali nel rapporto con la gestione degli investimenti esterni (ma anche di quelli “interni”). Esistono infatti esempi ormai classici di sistemi locali altamente competitivi, ma poco attrattivi, come i distretti industriali della tradizione italiana, tradizionalmente riconosciuti come esperienze di successo delle economie locali, e come contesti altamente competitivi anche a livello internazionale. La competitività del sistema di imprese è sostenuta da una serie di fattori tangibili e intangibili che costituiscono alcune delle declinazioni più chiare di beni collettivi locali per la competitività (Trigilia 1998, 2005). I distretti industriali non rappresentano però contesti locali particolarmente attrattivi nei confronti delle imprese che non appartengono al sistema. Al contrario, si tratta di sistemi “chiusi” nei confronti dell’esterno, che non favoriscono l’ingresso di nuovi attori, proprio perché non favoriscono l’accesso ai beni collettivi locali da parte di chi non appartiene al “club” delle imprese nate sul territorio. Sul fronte opposto, possono essere ricordati esempi di sistemi locali molto attrattivi ma poco competitivi, offerti in primo luogo da alcune zone investite, nel corso degli anni ‘80, da una precoce deindustrializzazione, come la Scozia. In questo caso, come per altri versi nel caso dell’Irlanda, le politiche di attrazione degli investimenti sono state basate sulla disponibilità di spazi, stabilimenti e personale a costi contenuti. Elementi di questo tipo sono stati in grado di rendere molto attrattivi i territori in questione, e hanno richiamato un flusso rilevante di
  16. 16.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           16  investimenti. Nei decenni successivi, però, le stesse aree sono state oggetto di un altrettanto rilevante flusso di disinvestimenti. I fattori che definiscono l’attrattività di un territorio non sono quindi necessariamente in grado di sostenere anche la competitività delle imprese che su quei territori decidono di stabilirsi. L’attrattività definisce per le imprese un vantaggio di breve termine, mentre la competitività si basa su fattori rivolti al medio e al lungo periodo, che in certi casi possono addirittura non essere percepiti come convenienti da imprese che sono rivolte, per definizione, a massimizzare la propria utilità entro orizzonti temporali il più possibile contenuti. In altri termini, attrazione e radicamento delle imprese si basano su elementi diversi: per attrarre imprese sono utili, e forse necessarie, politiche di marketing territoriale, predisposizioni di spazi e strutture adeguate, agevolazioni di carattere finanziario, semplificazioni amministrative; ma perché le imprese che si insediano su un certo territorio, o che vi nascono, possano davvero esservi radicate, esse devono trovare un terreno reso fertile dalla presenza di beni collettivi per la competitività, come personale competente e qualificato, strumenti per sostenere la ricerca, politiche per il trasferimento tecnologico, eccetera. Una delle sfide delle politiche economiche locali può risiedere proprio nella capacità di trasformare i beni collettivi per la competitività in elementi di attrazione per nuovi investimenti e per nuovi attori economici. 1.1.5 Politiche e agenzie Le politiche per l’attrazione di investimenti esterni hanno assunto un peso crescente a partire dalla seconda metà del secolo scorso. Nella fase di maggior successo, esse hanno originato il proliferare di organizzazioni esplicitamente dedicate che hanno assunto la forma, nella maggior parte dei casi, di agenzie pubbliche o semi-pubbliche. La motivazione alla base delle politiche di promozione internazionale dei territori, e quindi il loro scopo, si è evoluta nel tempo, passando da risposta al declino di certi settori industriali a strumento per indirizzare lo sviluppo dei sistemi economici locali in generale. In effetti, alcuni paesi hanno intrapreso politiche per l’attrazione di investimenti esteri già a partire dagli anni ’60 del Novecento, ma nel corso degli anni ’80 l’attrazione di investimenti stranieri ha assunto un peso decisamente rilevante, soprattutto come risposta al declino della grande industria manifatturiera: la maggior parte delle agenzie ancora oggi presenti in Europa, infatti, è nata proprio nel corso di questo decennio. Interpretati come risposta ai processi di deindustrializzazione, gli investimenti internazionali sono lo strumento più efficace per “riempire” i contenitori lasciati vuoti dal declino industriale, siano essi stabilimenti, aree industriali o più in generale spazi urbani o metropolitani. Lo scopo principale di queste politiche è arginare la disoccupazione che accompagna le metamorfosi dell’economia, anche senza intervenire sulla configurazione del sistema produttivo locale. Negli anni ’90, invece, le politiche di promozione dei territori si accompagnano a politiche di sviluppo intese in senso più generale, e non rispondono più esclusivamente alle problematiche del declino dell’industria tradizionale: l’attrazione di investimenti esteri diventa un elemento dell’aménagemant du territoire, e come tale risponde a esigenze più complesse. Spesso proprio sotto la spinta della globalizzazione, queste politiche hanno lo scopo esplicito di collocare città a regioni sull’“arena” della competizione internazionale, ridefinendone l’identità e le prospettive. In questo senso, l’attrazione di investimenti viene interpretata come possibilità per intraprendere percorsi di sviluppo nuovi, interrogandosi non solo sull’eredità del sistema locale, ma anche sulle sue prospettive: non è più sufficiente sostenere l’occupazione, ma diventa importante indirizzare lo sviluppo verso i settori più innovativi; non basta richiamare imprese in grado di creare posti di lavoro, ma è importante che questi posti di lavoro richiedano le competenze sulle quali il sistema
  17. 17.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           17  economico vuole investire; non basta incentivare l’insediamento di imprese internazionali, ma bisogna “scegliere” quelle capaci di portare il territorio lungo il percorso che il sistema locale ha scelto per restare o diventare competitivo. In questa seconda prospettiva la promozione internazionale del territorio ben si sposa con politiche di programmazione strategica di più ampio raggio, come avvenuto nel caso di Torino, che ha visto nascere le politiche di attrazione degli investimenti esteri insieme a quelle di pianificazione strategica dell’area metropolitana. La volontà di investire sulla promozione internazionale del territorio si concretizza in Piemonte con la costituzione, nel 1997, di Itp (Invest in Turin and Piedmont). In quel momento, Torino è la prima città in Italia a dotarsi di un’agenzia di questo genere, mentre in Europa la tradizione era ormai consolidata. La scelta di attribuire ad Itp la missione esplicita e tendenzialmente unica della promozione internazionale del territorio è significativa e non priva di effetti. Le attività dell’agenzia procedono tra successi riconosciuti e difficoltà dovute in primo luogo alle piccole dimensioni e all’assenza di un sistema nazionale di riferimento per le attività di marketing ed attrazione di investimenti fino al 2006. Sul territorio piemontese erano attivi più organismi che si occupavano a vario titolo dell’internazionalizzazione della regione, come il sistema camerale e le associazioni di imprese, ma anche le diverse agenzie di sviluppo locale, la finanziaria regionale, i parchi tecnologici e soprattutto Sviluppo Italia Piemonte, che almeno sulla carta presentava obiettivi e aree di intervento ampiamente sovrapponibili a quelle di Itp, che avvertiva come critica questa condizione. In effetti, la molteplicità di attori esponeva al rischio di dispersione delle risorse e di confusione anche nei confronti degli utenti dei servizi offerti. Tale rischio venne percepito con sempre maggiore intensità dagli attori politici locali che elaborarono un progetto di “razionalizzazione” del sistema della internazionalizzazione della regione. Da tale progetto ha origine, nel 2006, il Centro estero per l’internazionalizzazione del Piemonte (Ceip), nel quale confluiscono Itp, il Centro estero delle Camere di commercio, l’Ima (Istituto regionale di marketing agro-alimentare) e l’Atr (Agenzia regionale per la promozione del turismo in Piemonte). Dal 1° gennaio 2008 vengono assorbite dal Ceip anche Mktp (Agenzia di marketing territoriale originata da ITP) e il Consorzio piemontese di formazione per il commercio estero. Il problema che emerge dalla soluzione adottata dalla Regione Piemonte riguarda l’articolazione tra internazionalizzazione attiva, o in uscita (export e delocalizzazioni), e internazionalizzazione passiva, o in entrata (attrazione di imprese estere): le due dimensioni dell’internazionalizzazione possono prevedere dinamiche e competenze molto diverse tra loro, e non sempre compatibili le une con le altre. Va segnalato anche il fatto che Itp nasce e viene sostenuta principalmente con fondi comunitari, che vengono progressivamente a mancare, parallelamente alla riduzione dei flussi di investimento diretti verso l’Europa occidentale e alla crisi generalizzata delle attività di promozione internazionale dei territori.
  18. 18.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           18  1.2 L’evoluzione del sistema economico Gli studi sulla struttura economica del territorio torinese non sono numerosi, in quanto le analisi vengono generalmente svolte sull’intera area piemontese o, nei casi di approfondimenti territoriali, sull’area provinciale. Il ruolo economico della sola città, unita nell’area metropolitana torinese al suo circondario più prossimo, è invece poco definito nelle analisi di statistica economica anche nelle pubblicazioni degli enti territoriali, quali la Camera di commercio di Torino o la Regione Piemonte. Solo gli enti più legati all’amministrazione cittadina, come Torino Internazionale, sono talvolta coinvolti negli studi sull’attrazione del capitale estero. A conferma di ciò basti ricordare che la letteratura sugli investimenti diretti in entrata viene generalmente condotta con riferimento all’intero Piemonte o, talvolta, alla provincia di Torino, e quasi mai con dati relativi alla sola area metropolitana torinese. Anche se risulta difficile effettuare un confronto tra l’evoluzione della struttura economica e l’evoluzione degli investimenti esteri in entrata nella sola area torinese, il confronto effettuato a livello regionale o provinciale è comunque utile per avere un’indicazione di tendenza con cui stimare il processo in corso nell’area torinese. Essendo quest’ultima caratterizzata da una maggiore presenza di attività del terziario avanzato, è possibile che i dati aggregati a livello di provincia possano descrivere a grandi linee anche la realtà torinese, sapendo però che i dati provinciali sovrastimano l’attività industriale e sottostimano quella del terziario torinese. Tra gli studi che esaminano la struttura dell’economia piemontese possiamo citare quelli prodotti dall’Ires Piemonte, dalla Camera di commercio di Torino, da Unioncamere Piemonte, da Confindustria Piemonte, dal Ceris-Cnr, e da numerosi docenti dell’Università o del Politecnico. L’evoluzione nel corso del tempo è abbastanza netta: si nota un netto ciclo temporale dell’occupazione industriale, che aumenta dal dopoguerra agli anni ’70, raggiunge l’apice in questo decennio, confermando il ruolo del vertice occidentale del triangolo industriale post bellico, e inizia a calare negli anni successivi fino a rappresentare una componente di peso inferiore al terziario. Quest’ultimo, segue un ciclo simmetricamente opposto, con una crescita di importanza che continua fino ai giorni nostri. Nel periodo 1971-2001 (tabella 1) l’industria manifatturiera e il settore delle costruzioni nel loro insieme perdono un quarto dell’occupazione originaria, mentre il terziario aumenta del 55% l’occupazione di inizio periodo. Tabella 1 – Piemonte. Evoluzione dell’occupazione (indice 1971=100) 1971 1981 1991 2001 Attività agricole 100 227 149 131 Industria e costruzioni 100 98 83 75 Terziario 100 111 136 155 Totale 100 102 100 101 Fonte: Vitali et al. (2011) Se si considerano soltanto i settori manifatturieri (tabella 2) emerge una maggiore intensità nel processo di terziarizzazione dell’economia: l’intera industria manifatturiera si riduce di un terzo. Alcuni settori si ridimensionano con intensità maggiori della media, quali il tessile- abbigliamento (-60%) e i mezzi di trasporto (-55%), mentre solo il comparto alimentare riesce ad aumentare leggermente l’occupazione (+4%).
  19. 19.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           19  Tabella 2 – Piemonte. Dinamica occupazione manifatturiera (indice 1971=100) Addetti 1971 1981 1991 2001 Alimentari, bevande e tabacco 100 116 113 104 Tessile, abbigliamento, cuoio 100 82 60 42 Legno, carta, stampa e editoria 100 105 84 79 Chimica, fibre sintetiche, gomma e plastica 100 92 63 66 Minerali non metalliferi 100 89 70 63 Prodotti in metallo 100 114 87 88 Macchinari 100 102 92 99 Macchine elettriche 100 101 84 66 Mezzi di trasporto 100 93 74 45 Altre industrie manifatturiere 100 94 94 91 Totale industria manifatturiera 100 97 78 67 Fonte: Vitali et al. (2011) L’evoluzione in corso rende la struttura produttiva piemontese molto più simile a quella italiana (tabella 3). Infatti, mentre il terziario nel 1971 era meno presente della media nazionale, tale differenza si è notevolmente ridotta nel 2001. Al contrario, la forte specializzazione industriale del 1971 (+20% rispetto alla media nazionale) si dimezza al 2001 (+11%). Tabella 3 – Piemonte. Indici di specializzazione rispetto al totale nazionale 1971 1981 1991 2001 Attività agricole 41 81 69 60 Industria e costruzioni 120 116 114 111 Terziario 75 79 87 91 Fonte: Vitali et al. (2011) L’evoluzione qui indicata è tipica di tutti i territori di antica industrializzazione; alcuni paesi, come il Regno Unito, hanno anticipato di almeno un ventennio quanto si è registrato nel caso italiano. Anche le altre aree del Nord-Ovest italiano seguono tale evoluzione (CSS, 2007): dal confronto tra Piemonte e Lombardia, quest’ultima dimostra di aver anticipato l’evoluzione piemontese, rafforzando ulteriormente il ruolo del terziario. Se si aggiornano i dati al 2008, l’intensità del processo di trasformazione sembra addirittura aumentare (tabella 4): nel decennio 1998-2008 l’industria manifatturiera piemontese perde ben il 16% dell’occupazione. I comparti che hanno una perfomance peggiore della media sono il tessile (-36%), le macchine elettriche (-29%), i mezzi di trasporto (-20%).
  20. 20.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           20  Tabella 4 – Piemonte. Dinamica 1998-2008 addetti 1998 2008 var.% Alimentari, bevande e tabacco 39.389 40.550 2,9% Tessile, abbigliamento, cuoio 68.961 44.229 -35,9% Legno, carta, stampa e editoria 46.973 40.014 -14,8% Chimica, fibre sintetiche, gomma e plasti- ca 46.079 41.197 -10,6% Minerali non metalliferi 13.806 14.479 4,9% Prodotti in metallo 94.656 87.191 -7,9% Macchinari 76.736 64.688 -15,7% Macchine elettriche 51.051 36.080 -29,3% Mezzi di trasporto 125.631 99.844 -20,5% Altre industrie manifatturiere 23.786 21.653 -9,0% Totale industria manifatturiera 589.699 493.304 -16,3% Fonte: Vitali et al. (2011) Se dall’ambito regionale si passa a quello provinciale, emerge un quadro di maggiore cambiamento, in quanto la provincia torinese perde gran parte delle sue specificità storiche: rispetto alla media italiana, si riduce fortemente la sua specializzazione nel comparto automotive, che rimane elevata più per la presenza di un forte indotto, che per il numero di auto assemblate in loco. Anche il forte peso detenuto dalle imprese di grandi dimensioni si riduce, e converge con il dato medio nazionale, confermando le diverse dinamiche di sviluppo possedute nei decenni più recenti dalle grandi imprese (in termini di declino) e dalle medio-piccole imprese (in termini di crescita). L’evoluzione di lungo periodo del valore aggiunto indica un netto spostamento delle attività economiche verso il terziario (grafico 1). Grafico 1 – Variazione della composizione del valore aggiunto per ramo di attività conomica anni 1951-2001 (11) (% valore aggiunto complessivo espresso in lire correnti) Fonte: Camera di commercio e Unione Industriale (2004) Nel decennio 1998-2008 la provincia di Torino perde ben il 23% dell’occupazione, mentre a Biella il calo raggiunge addirittura il 34%. A Novara il calo è limitato al 15% e nel VCO al 13%, mentre nel caso di Asti si assiste ad un buon aumento dell’occupazione industriale (9%), seguito dalla dinamica positiva di Cuneo (+4%) e di Vercelli (+4%). E’ probabile che la dinamica provinciale sia fortemente determinata dalla specializzazione settoriale del territorio, essendo le dinamiche settoriali abbastanza eterogenee tra loro. Per esempio, Biella mostra la peggiore dinamica occupazionale in quanto legata al tessile, che come abbiamo visto è stato il settore che (11) Per l’anno 2001 le quote dei servizi vendibili e di quelli non vendibili, non fornite dall’Istituto Tagliacarne, sono state stimate in base alle percentuali rilevate nel 1999, in cui il peso dei servizi globalmente considerati non differiva molto da quello del 2011 (56,3% nel 1999 rispetto al 56,7% nel 2001).
  21. 21.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           21  ha subito il maggior ridimensionamento, mentre Torino subisce il calo dell’automotive. I casi di crescita sono probabilmente in parte legati all’andamento del comparto alimentare, molto presente tanto a Cuneo quanto ad Asti (Unioncamere Piemonte, 2008, 2009 e 2010). Tabella 5 – Dinamica 1998-2008 addetti per provincia 1998 2008 var.% Torino 349.692 269.833 -22.8% Alessandria 43.931 43.339 -1.3% Asti 16.058 17.447 8.7% Biella 34.526 22.840 -33.8% Cuneo 65.836 68.530 4.1% Novara 48.657 41.256 -15.2% Verbano-Cusio-Ossola 12.641 10.994 -13.0% Vercelli 16.360 17.057 4.3% Totale Piemonte 587.701 491.296 -16.4% Fonte: Vitali et al. (2011) Il processo di ristrutturazione in corso ha evidenti effetti anche sulle performance economiche delle imprese, che a seconda dei cicli congiunturali in Piemonte mostrano dinamiche a volte peggiori delle altre regioni italiane (Calabrese e D’Annunzio, 2006; Calabrese e Falavigna, 2008) a causa sopratutto della caratteristica di anticipare e vivere con maggiore intensità le fasi negative del ciclo congiunturale, dovuta al peso elevato delle produzioni legate ai beni di investimento e ai beni di consumo durevole, i primi a subire una contrazione di domanda nei periodi di crisi economica (Regione Piemonte, 2011). Le indagini sui singoli settori approfondiscono le tematiche esaminate a livello aggregato e mostrano le evoluzioni dei comparti più significativi del territorio provinciale come, ad esempio, la metalmeccanica (AMMA, 1994), l’automotive (Gruppo Dirigenti Fiat, 2007; Vitali, 2002; Richiardi e Vitali, 2001), il tessile (Camera di commercio e API) e l’alimentare. Per entrare nel dettaglio dell’area torinese, occorre modificare gli strumenti di analisi, che non possono utilizzare le statistiche dell’economia industriale, aggregate dall’Istat per province e regioni, ma devono scendere nel dettaglio dei singoli comuni o, quando possibile, dei sistemi locali del lavoro. Tra le analisi più interessanti ci sono quelle del Comitato Rota e di Torino Internazionale, che da alcuni anni riempiono il vuoto informativo relativo alle analisi sulla sola città di Torino e il suo circondario. Nel Secondo Piano Strategico della Città di Torino, Torino Internazionale affronta le problematiche dei cambiamenti urbani causati dall’evoluzione dell’economia, evidenziando il ruolo di contenitore di servizi avanzati che la città possiede rispetto al resto della provincia (Torino Internazionale, 2006). Per tale motivo, la scelta di attrarre capitali esteri per rinnovare il tessuto produttivo locale potrebbe essere legata alla necessità di aumentare il grado di internazionalizzazione dei centri di formazione, delle università e dei centri di ricerca locali. Questa prospettiva è quanto mai valida se si considera l’evoluzione in atto nel sistema industriale dell’area torinese: nel periodo 1981-1991 l’area metropolitana torinese riduce fortemente l’occupazione (Torino Internazionale, 1998), pur mantenendo alcune specializzazioni tipiche, quali automotive, macchinari, design industriale, e alcuni cluster minori (chimica, articoli scrittura, aerospazio, editoria). Il contributo citato evidenzia una netta relazione tra internazionalizzazione e specializzazione economica: tanto le esportazioni quanto gli investimenti in entrata sono legati alle specializzazioni locali. Nel primo caso, la competitività delle imprese
  22. 22.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           22  torinesi le facilita nella penetrazione dei mercati esteri; nel secondo caso, l’acquisto di imprese locali a parte di investitori esteri o la costruzione di nuovi impianti da parte di investitori esteri sono legati ai settori più importanti del contesto locale, in primis l’automotive e i macchinari. I rapporti del Comitato Rota confermano tali andamenti di medio-lungo periodo e aggiornano la fotografia del contesto torinese agli anni più recenti, ampliando il campo di analisi agli ambiti sociali e ambientali. In tale contesto, emerge chiaramente che l’abbandono delle forme industriali più tradizionali avviene grazie alla creazione di nuove attività economiche nel campo del terziario avanzato o nei settori legati allo sviluppo sostenibile. Quest’ultimo aspetto risulta quanto mai strategico per il futuro economico della città, in quanto “la cosiddetta green economy più che un settore risulta un insieme composito ed eterogeneo di attività produttive appartenenti sia all’ambito manifatturiero sia all’ambito terziario”(Rapporto su Torino, 2012) e pertanto la scelta ambientale rappresenta una metamorfosi positiva dell’attuale configurazione produttiva, che non necessita di una diversificazione radicale dell’apparato produttivo, con i notevoli costi di aggiustamento che comporta un cambio repentino di settore, bensì di una modifica soft dei processi produttivi e delle fasi di lavorazione all’interno delle attuali specializzazioni produttive (Regione Piemonte, 2005). Come già affermato, anche nel rapporto del Comitato Rota emerge il ruolo del capitale estero, che presenta forse un maggior legame con le caratteristiche del capitale umano torinese: l’attrattività del territorio dipende anche dalla qualificazione del capitale umano locale. A questo proposito, la tradizionale cultura del lavoro dell’area torinese potrebbe giocare a favore, ma viene più che compensata dalla scarsa qualificazione della popolazione giovanile, quella si cui occorre puntare in termini prospettici per favorire l’ingresso di attività estere. Le statistiche indicate nel dodicesimo Rapporto Rota (Rapporto su Torino, 2011) non sono positive: la città di Torino è agli ultimi posti tra le città europee per peso demografico dei giovani, ed è agli ultimi posti nella classifica delle città metropolitane italiane per quanto riguarda la qualificazione dei giovani (% di laureati sul totale). Senza una gioventù qualificata è molto difficile sviluppare la città nell’ottica dell’economia della conoscenza (Rapporto su Torino, 2010), cambiamento che viene spesso auspicato per riequilibrare l’attuale fase di declino industriale accelerato dalla crisi economica del 2008 (Rapporto su Torino, 2009; Regione Piemonte, 2012). 2. LA LETTERATURA ECONOMICA SU IDE, NTERNAZIONALIZZAZIONE, NUOVE IMPRESE, POLITICHE DI SVILUPPO LOCALE 2.1 Investimenti esteri in entrata nell’area torinese Gli studi condotti sugli investimenti esteri in entrata vengono generalmente svolti sull’intera area piemontese e solo in alcuni casi sull’area provinciale. Al contrario, l’analisi sul capoluogo e sul suo circondario più prossimo non viene quasi mai presa in considerazione nelle ricerche scientifiche, ma soltanto nei documenti di lavoro degli operatori del settore (prima ITP e ora CEIP) o nei lavori che esaminano alcuni case study specifici. Si tratta di una carenza informativa a cui la letteratura economica dovrebbe porre rimedio, in quanto si è ormai accertato che le caratteristiche strutturali dell’economia torinese sono profondamente diverse da quelle del resto della provincia o della regione, a causa del maggior peso dei servizi innovativi, dei centri di ricerca, della manodopera terziaria, dei modelli di consumo presenti in città. Per tale motivo, anche gli investimenti diretti in entrata nel torinese saranno differenti dalla media del Piemonte o della provincia di Torino. In ogni modo,
  23. 23.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           23  cercheremo di utilizzare i risultati ottenuti nelle indagini sul territorio regionale o provinciale per inferire alcune indicazioni di massima, che possono essere considerate valide per approssimare le caratteristiche dello specifico caso torinese. Stesse affermazioni, se consideriamo il macro caso nazionale, in quanto alcune determinanti dell’attrattività di un territorio prescindono dalle sue specificità locali e si riferiscono invece alle caratteristiche dell’intera nazione. Basti pensare al ruolo dell’impatto fiscale, della normativa sul mercato del lavoro, sul diritto d’impresa e così via. Alcuni studi svolti sul contesto nazionale sono pertanto importanti per interpretare il quadro generale al cui interno si potrà definire l’evoluzione del contesto locale torinese. Per esempio, molte ricerche sul fenomeno dell’internazionalizzazione produttiva passiva (rappresentata dagli investimenti esteri in entrata) mostrano che c’è sempre stato un certo atteggiamento riluttante nei confronti degli investimenti esteri in Italia, atteggiamento molto diffuso in gran parte dell’opinione pubblica, dei politici e dei sindacati, in quanto si reputa che l’impresa multinazionale abbia essenzialmente strategie del tipo “mordi e fuggi”, e che essa non favorisca lo sviluppo del territorio come invece potrebbe fare un’impresa puramente locale, fortemente radicata sul territorio, operante con strategie commerciali che si focalizzano sul mercato nazionale (Vitali, 1995). Ovviamente, tale atteggiamento è stato supportato da una parte dell’imprenditoria locale, al fine di evitare la maggiore concorrenza causata dall’ingresso delle multinazionali estere. Le ricerche e le proposte di politica economica che cercano di ostacolare questa errata impressione non sono numerose, tanto a livello locale che nazionale. Per esempio, Perrucci et al. (1993) affermano che il modello di sviluppo dell’economia italiana ha rafforzato nel corso del tempo la specializzazione nei settori tradizionali e che quindi per avere imprese high-tech sarebbe opportuno attrarre investimenti dall’estero. Poi però gli autori rilevano che nella teoria economica c’è ancora un dibattito aperto sul ruolo degli investimenti esteri in entrata, soprattutto quando questi sono in settori ritenuti “strategici” (come le telecomunicazioni per esempio): in alcuni casi il ruolo delle multinazionali è positivo, in quanto esse producono spillover sul territorio a favore delle altre imprese (e qui gli autori citano i lavori di Cantwell e Dunning, 1991), mentre in altri casi le multinazionali sfruttano semplicemente il vantaggio competitivo locale (e qui si cita Yamawaki 1991, sugli investimenti giapponesi in Europa) senza rilasciare alcun contributo tecnologico o innovativo sul territorio. Ad ogni modo, studiando i brevetti delle imprese, gli autori confermano che le multinazionali innovano in Italia più delle imprese locali, in quanto hanno investito soprattutto nei settori high-tech e in quelli a medio-alta tecnologia, e molto meno nei settori tradizionali. L’analisi del caso torinese o di quello italiano può essere svolta anche con il confronto su quanto accade alle politiche di attrazione in altri paesi europei, tra cui il caso dell’Irlanda è forse quello più emblematico per le performance raggiunte negli anni ’80 e ’90. Andreosso studia il caso dell’Irlanda, dove nel 1997 le multinazionali estere rappresentano addirittura la metà dell’occupazione e del valore aggiunto manifatturiero, e sostiene che gran parte degli investimenti in entrata sono in realtà legati agli incentivi fiscali a favore delle multinazionali estere e alla possibilità di esportare nel resto dell’Unione Europea. Nel contributo del 1997, l’autrice si pone dei dubbi sul futuro, in quanto l’accordo con l’UE prevede una progressiva riduzione dei benefici fiscali e la loro eliminazione nel 2010. Come si è visto successivamente, l’apporto delle multinazionali nell’industria manifatturiera non è venuto meno con l’armonizzazione degli incentivi fiscali in Irlanda. Una conferma indiretta, anche se solo aneddotica, sul ruolo delle multinazionali estere nei comparti high-tech viene dal volume Business International e R&P (1989), in cui si esaminano alcuni casi di multinazionali estere in Italia, e si nota che si tratta di imprese attive soprattutto nei
  24. 24.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           24  settori ad alta tecnologia. Del resto, ancora oggi in alcuni settori high-tech le multinazionali rappresentano una quota importante, se non maggioritaria, delle spese in ricerca. Gli autori citano i casi della chimica e del farmaceutico, ove il ruolo delle multinazionali è prevalente in termini di occupazione, valore aggiunto e spese in ricerca, come confermato anche recentemente (Vitali, 2012). Ci sono anche degli studi che entrano nel dettaglio regionale o provinciale, indicando come le specificità del territorio locale siano importanti per definire le caratteristiche degli investimenti esteri in entrata. Questi studi vengono effettuati in alcune regioni italiane: oltre al caso lombardo, è interessante lo studio condotto sul caso toscano, in quanto regione ad “economia diffusa” e lontana dal modello dello storico “triangolo industriale”. Per esempio, confrontando il dato della provincia di Firenze (Mutinelli, 2006) con la media nazionale o le caratteristiche di altri territori emerge nettamente la specializzazione nei comparti della farmaceutica e dei macchinari industriali che tale area ha assunto nei confronti delle multinazionali estere. Un caso di specializzazione ben lontano da quello piemontese o torinese, al cui interno si nota invece un prevalete dei settori che rappresentano i tipici punti di forza del sistema locale. I dati riferiti ai casi del Piemonte e della provincia di Torino si ottengono dagli studi condotti nel tempo dall’Ires, come indicato in Balcet (1994), Balcet, Lanzetti e Ferlaino (1999), D’Agostino (1990), Ferlaino e Lanzetti (1997). Dall’aggiornamento che R&P effettua ogni due anni sul censimento degli investimenti esteri italiani e, quindi, regionali, si può individuare la dinamica del fenomeno nel corso del tempo. Nel 1985, il 12% degli stabilimenti appartenenti ad imprese con partecipazione straniera in Italia è localizzato in Piemonte (regione seconda soltanto alla Lombardia che accentra ben il 40% del totale considerato), mentre per quanto riguarda il numero di addetti la quota è del 16% (il peso lombardo ammonta al 47%). Il confronto di lungo periodo tra il 1965 e il 1985 mostra una redistribuzione dei pesi che privilegia le regioni al di fuori del triangolo industriale. Tuttavia, il confronto Piemonte-Lombardia in termini di dinamica relativa risulta favorevole al primo, perché nel ventennio considerato il numero di stabilimenti interessati aumenta del 58% in Piemonte, contro il 23% in Lombardia. Nel corso degli anni ’90 si nota un profondo processo di disimpegno e di ristrutturazione di alcuni grandi investitori tradizionali, che abbandonano l’area piemontese, e l'ingresso di nuovi partner con operazioni di acquisizioni di piccole e medie imprese già operanti sul territorio. Si tratta di investimenti generalmente firm-specific, nel senso che la localizzazione in Piemonte dipende più dalle caratteristiche dell'impresa acquisita, che dal rapporto incentivi/ostacoli all'investimento dall'estero. Ciò comporta che le decisioni di investimento e di disinvestimento sono legate agli obiettivi strategici dell'azienda e non all'evoluzione del contesto locale in cui l'investimento è inserito. Nel corso degli anni ’90 cala leggermente il peso degli investitori stranieri nella regione, in quanto la quota nazionale degli investimenti esteri presenti in Piemonte raggiunge il 13% nel 1997 (tabella 6). Tabella 6 – Numero di addetti delle imprese estere e composizione - 1997 Piemonte 13,5 Lombardia 47,8 Veneto 4,4 Emilia-Romagna 6,8 Toscana 3,5 Italia % 100,0 Italia v.a. 560.438
  25. 25.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           25  Dalle analisi condotte (Ires, 1990 e 1999) sembra che gli obiettivi tradizionali – diversificazione produttiva, minori costi di produzione, vicinanza con il mercato specifico del business – si riducano tendenzialmente di importanza a vantaggio di nuove determinanti: acquisizione di know-how, rapporti con i fornitori, decentramento tecnologico, ricerca di esternalità positive nella R&S. Ed è proprio su queste ultime caratteristiche che punta la politica per l'industria straniera ad alta tecnologia, attuata da ITP (ora CEIP). Per ciò che concerne la tipologia settoriale e dimensionale degli investimenti esteri in Piemonte, gli studi citati sottolineano che sono prevalenti gli investimenti nei settori a media tecnologia, quali la filiera dell'auto, dell'elettromeccanica e degli alimentari, mentre è limitata la presenza di settori ad alta tecnologia (ICT e nuovi materiali) e, soprattutto, in quelli tradizionali (tessile). L’apertura del centro di sviluppo della Motorola ha modificato, ma solo per un certo periodo di tempo, tale evoluzione storica. Le dimensioni medie degli investimenti hanno seguito la distribuzione dimensionale dell'industria piemontese nel suo complesso pertanto sono risultate generalmente grandi (tabella 7). Mentre in Italia il 78% degli addetti delle imprese estere è occupato in imprese aventi più di 250 dipendenti, la quota piemontese è dell’82%, superiore anche a quella lombarda (80%). Tabella 7 – Addetti delle imprese estere per dimensione - 1997 (numero e %) < 250 addetti > 250 addetti Totale % Totale v.a. Piemonte 18,0 82,0 100,0 75.501 Lombardia 19,9 80,1 100,0 267.825 Veneto 34,6 65,4 100,0 24.727 Emilia-Romagna 33,2 66,8 100,0 38.279 Toscana 30,6 69,4 100,0 19.512 Italia 21,6 78,4 100,0 560.438 Se inquadriamo il processo di internazionalizzazione passiva dell'area torinese rispetto a quanto avvenuto in Piemonte, troviamo conferma della forte attrattività della provincia di Torino (tabella 8). La localizzazione degli investimenti è molto più elevata della concentrazione territoriale dell'industria piemontese, anche se dal punto di vista dinamico molte realtà estere stanno nascendo nelle province più decentrate della regione e stanno riequilibrando la distribuzione. Tabella 8 – Addetti delle imprese a partecipazione estera per provincia - 1997 (numero e %) Torino 70,2 Alessandria 5,5 Asti 5,1 Biella 1,9 Cuneo 7,9 Novara 5,9 Verbano-Cusio-Ossola 0,6 Vercelli 2,8 Totale Piemonte % 100,0 Totale Piemonte v.a. 75.501 La dinamica delle singole province è in realtà evidente se consideriamo l’intensità degli investimenti esteri rispetto al potenziale economico del territorio. Considerando il peso dell’occupazione di fonte estera rispetto all’occupazione totale di ciascuna provincia (tabella 9) si nota immediatamente che nella provincia di Asti le imprese a controllo estero siano molto importanti per l’economia locale, rappresentando ben il 34% dell’occupazione complessiva. Al contrario, a Biella contano solo per il 5% dell’occupazione totale.
  26. 26.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           26  Tabella 9 – Quota % addetti delle imprese a partecipazione estera su addetti totali per provincia - 1997 Torino 18,2 Alessandria 13,6 Asti 34,7 Biella 4,9 Cuneo 13,9 Novara 12,8 Verbano-Cusio-Ossola 5,9 Vercelli 17,2 Totale Piemonte 16,4 Se si scende nel dettaglio dei singoli investimenti esteri, si possono esaminare alcuni case study dai quali inferire il trend del fenomeno. Da una parte, abbiamo imprese che negli anni ’80 e ’90 continuano ad incrementare la presenza sul territorio, come la Scott che ha raddoppiato lo stabilimento di Romagnano (60 mld di investimenti) o la Union Carbide che ha costruito un nuovo impianto a Novi Ligure, dall'altra, si notano alcuni grandi investitori che stanno riducendo la loro presenza sul territorio, quali la SKF (con nuovi impianti in Malesia e negli USA), la Bull (che sposta la R&S nel Sud Italia), la Michelin, l'Aspera, la Tecnamotor, la Seleco che sono in grave crisi produttiva o in ristrutturazione per problemi attribuibili soprattutto a variabili settoriali e aziendali, e non tanto territoriali (riferiti cioè al contesto piemontese). Le entrate sono tutte rappresentate da acquisti di imprese piemontesi da parte di investitori esteri, anziché da investimenti greenfield. Le imprese acquisite sono generalmente imprese eccellenti o posizionate in settori a medio-alta tecnologia. Gli investimenti statunitensi rappresentano il 29% del totale delle imprese estere in Piemonte, con 66 imprese tra cui Lear, PPG Industries, United Technologies, MSX International (che ha acquisito la Satiz). Anche gli investitori tedeschi sono risultati molto attivi, con 37 imprese (16% del totale). Al terzo posto figurano le imprese francesi, con 36 imprese, tra cui Michelin e L’Oreal. La presenza della Svizzera viene individuata in 11 imprese, tra cui la Sauer che ha acquisito la Graziano Trasmissioni e la Rieter che ha comprato la Idea. Tra le 10 imprese svedesi si ricorda lo storico investimento effettuato dalla SKF, mentre la presenza dei giapponesi è più recente, e si esemplifica in 9 investimenti diretti, tra cui la Amada nella Prima Industrie (torni a controllo numerico), la Canon nella joint-venture con l'Olivetti (fotocopiatrici), la Sumitomo nella Cabind (cablaggi per auto). Alcune eccezioni di investimenti greenfield sono rappresentate, negli anni Ottanta, dalla Nestlè che ha investito 120 miliardi di lire in un nuovo stabilimento a Moretta in provincia di Cuneo, o dalla tedesca Stabilus in uno stabilimento (produzione di ammortizzatori) a Tortona. Più recentemente, l’ingresso della Motorola, con il centro di sviluppo di Torino, e della Colt, con il sito presso l’Envipark, rappresentano due casi di greenfield plant in settori ICT (con destino molto differente, come si vedrà in seguito). Una sintesi del processo di insediamento degli investitori esteri è rappresentata dall’elevato grado di concentrazione degli stessi, tanto da punto di vista settoriale (nei comparti dell’automotive), che da quello territoriale (nella provincia di Torino), che da quello dimensionale (nelle grandi imprese). Un’evidenza di ciò è data dall’elevata apertura internazionale del Piemonte (tabella 10) in termini di maggiori esportazioni rispetto alla media nazionale, sia come peso sul totale nazionale che come valore di esportazioni per occupato. Gli investimenti in entrata hanno anche un’importanza più elevata delle esportazioni.
  27. 27.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           27  Tabella 10 – Alcuni indicatori del processo di internazionalizzazione delle regioni – 1997 Piemonte Lombar- dia Veneto E. Romagna Toscana Italia Peso nazionale export 1998 12,3 29 13,8 1,8 8,1 100 Export per occupato (migliaia di Euro) 41,78 45,04 40,75 42,35 40,13 34,34 Export per abitante (migliaia di Euro) 6,25 6,97 6,71 6,46 4,96 3,77 Peso nazionale PIL 1997 8,6 20,2 9,4 8,8 6,5 100 Apertura mercati 1997 (1) 120,9 115,2 123,1 111,3 123,1 100 Peso nazionale IDE in entrata (2) 13,7 34,9 8,5 10,1 5 100 Peso nazionale IDE in uscita (3) 16,4 36 11,6 13,4 3,8 100 (1) Rapporto tra il grado di apertura sui mercati esteri delle regioni e quello dell'Italia. Il grado di apertura è calcolato come rapporto tra esportazioni e valore aggiunto al costo dei fattori dell'industria in senso stretto (esclusa l'edilizia). L'indice è una misura di orientamento verso l'estero delle regioni. (2) Quota % occupati sul totale delle imprese italiane a partecipazione estera presenti al 1.1.1998. (3) Quota % occupati sul totale delle imprese estere a partecipazione italiana al 1.1.1998, per regione di origine della casa madre. Fonte: Elaborazioni ICE su dati Istat, Istituto Tagliacarne, Cnel – R&P – Politecnico di Milano Gli studi effettuati ad inizio del nuovo millennio, indicano che nel 2001 le imprese a capitale estero occupano 75.500 addetti in Piemonte, distribuiti in 230 imprese e 300 stabilimenti che rappresentano circa il 13% dello stock italiano di investimenti esteri. Studi citati in precedenza sono stati recentemente aggiornati dal Comitato Rota (2011) utilizzando i dati CEIP (tabella 11) che confrontano il numero si imprese estere presenti nel comune di Torino, nell’area metropolitana e nella provincia torinese. Come si nota, le imprese localizzate nel comune di Torino rappresentano un terzo delle imprese totali provinciali, mentre quelle dell’area metropolitana ben il 90% del totale. Se si esaminano i dati relativi alla provenienza delle imprese, si nota come l’area ristretta torinese abbia una distribuzione dei paesi di origine delle imprese estere in parte differente da quella dell’intera provincia: a Torino sono relativamente più presenti le imprese statunitensi, inglesi e spagnole, mentre le imprese francesi, svedesi e olandesi hanno preferito i comuni limitrofi al capoluogo. Anche la distribuzione dell’occupazione estera per classi dimensionali (riferite all’occupazione o al fatturato) consente di evidenziare alcune specificità dell’area torinese, rispetto all’insieme della sua provincia: nel capoluogo sono presenti le imprese di dimensioni più ridotte. La dimensione media di impresa tende infatti ad aumentare passando dall’area del capoluogo, all’area metropolitana, al resto della provincia. Questi dati sono omogenei con quelli relativi alla specializzazione settoriale di ciascun territorio, con il capoluogo che attrae soprattutto i servizi e le attività commerciali, l’area metropolitana specializzata nella logistica/trasporti, ed il resto della provincia in cui sono più presenti le attività manifatturiere vere e proprie, nonché il comparto delle costruzioni. Informazioni utili per disegnare una nuova politica di attrazione degli investimenti esteri, in quanto confermano l’evoluzione terziaria del capoluogo e le relazioni tra caratteristiche dello spazio fisico, delle infrastrutture (sia materiali che immateriali) e del mercato locale, da una parte, e caratteristiche del capitale internazionale, dall’altra.
  28. 28.   ______________________________________________________________________________      ______________________________________________________________________________                           28  Tabella 11 – Imprese straniere a Torino, nell’area metropolitana e nella provincia (2010) Provincia AMT Torino Numero di imprese 357 316 120 Paese di provenienza (%) Francia 14,0 15,5 15,0 Germania 18,0 17,1 10,8 Giappone 8,0 5,1 5,8 Gran Bretagna 5,0 6,6 6,7 Paesi Bassi 3,0 3,8 2,5 Spagna 4,0 5,1 5,8 Stati Uniti 26,0 26,3 36,7 Svezia 4,0 4,1 3,3 Svizzera 4,0 3,8 1,7 Altri Paesi 14,0 12,7 11,7 Numero di addetti (%) Imprese fino a 49 addetti 52,8 56,0 65,0 Imprese fra i 50 ed i 249 addetti 28,9 26,9 20,0 Imprese fra i 250 ed i 499 addet- ti 6,7 6,3 3,3 Imprese con più di 500 addetti 9,0 7,9 5,8 n.a. 2,5 2,8 5,8 Settore (%) Industria manifatturiera 49,4 45,9 28,3 Costruzioni 1,1 0,6 0,8 Commercio all'ingrosso 22,8 24,7 27,5 Logistica e trasporti 3,1 3,5 2,5 Altri servizi professionali 23,6 25,3 40,8 Fatturato Imprese con ft < di 5 mln. 33,7 35,8 38,3 Imprese con ft < 5<10 mln. 11,0 11,4 8,3 Imprese con ft <10 <50 mln. 26,4 25,3 19,2 Imprese con ft >50 mln. 18,3 17,1 13,3 n.a. 10,7 10,4 20,8 Fonte: Nostre elaborazioni su dati Comitato Rota 2010 Un’altra fonte interessante per affrontare l’analisi del caso torinese è quella dell’Osservatorio Siemens-Ambrosetti (2007), che elabora un indice sintetico dell’internazionalizzazione delle province italiane, da cui si evince come la provincia di Torino abbia il peso più elevato di valore aggiunto creato dalle imprese estere rispetto al valore aggiunto totale (grafico 2). Ciò conferma l’importanza delle imprese estere per l’economia torinese, e la possibilità che esse possano rappresentare un motore dello sviluppo locale.

×