Catalogo giunti-os-2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Catalogo giunti-os-2012

on

  • 2,897 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,897
Views on SlideShare
2,897
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Catalogo giunti-os-2012 Catalogo giunti-os-2012 Presentation Transcript

  • Aut. C1/3215/2008 Giunti O.S. Organizzazioni Speciali è membro di ETPG European Test Publisher Group ITC International Test Commission TEST PSICOLOGICI MATERIALI DI INTERVENTO FORMAZIONE E CONSULENZA SAGGISTICA E RIVISTE CATALOGO 2012 Atene - Bucarest - Budapest - Firenze - Istanbul - Kiev - Milano - Mosca - Parigi - Roma - Shanghai - Sofia www.giuntios.it seguici su
  • CONTATTI Assistenza clienti 055 6236501 Per informazioni generali Per informazioni tecniche Per visionare i nostri strumenti (su appuntamento) Web www.giuntios.it Segui Giunti O.S. su E-mail Per informazioni: info@giuntios.it Per invio ordini: ordini@giuntios.it Fax 055 669446 Indirizzo postale Giunti O.S. Organizzazioni Speciali via Fra Paolo Sarpi 7/A 50136 Firenze Divisione clinica e riabilitazione Referenti Giunti O.S. sul territorio Valle d’Aosta – Piemonte – Liguria Francesca Bianchet • cell. 334 6492674 • e-mail: f.bianchet@giuntios.it Lombardia – Canton Ticino Patrick Cislaghi • cell. 345 9201287 • e-mail: p.cislaghi@giuntios.it Trentino-Alto Adige – Friuli Venezia Giulia – Veneto Andrea Mazzilli • cell. 335 1308329 • e-mail: a.mazzilli@giuntios.it Emilia-Romagna – Marche Valentina Pontremoli • cell. 335 7566921 • e-mail: v.pontremoli@giuntios.it Toscana – Umbria – Lazio (Roma esclusa) Evita Gobbo Carrer • cell. 348 0119942 • e-mail: e.gobbocarrer@giuntios.it Roma – Sardegna Daniele Mascolo • cell. 335 8000983 • e-mail: d.mascolo@giuntios.it Campania – Basilicata Ciro Raia • cell. 345 9075457 • e-mail: c.raia@giuntios.it Abruzzo – Puglia – Molise Assistenza clienti • tel. 055 6236501 • e-mail: info@giuntios.it Calabria – Sicilia Daniela Lazzaro • cell. 335 7885591 • e-mail: d.lazzaro@giuntios.it HDU – Human Development Unit 055 6236501 • web: hdu.giuntios.it • e-mail: hdunit@giuntios.it Divisione formazione 055 6236501 • e-mail: formazione@giuntios.it Progetto orientamento 055 6236501 • web: orientamento.giuntios.it • e-mail: orientamento@giuntios.it Test e strumenti NOVITÀ 2012 AMDP-8 Manuale per la metodologia e la documentazione della diagnosi in psichiatria Il sistema europeo per la valutazione e la documentazione della psicopatologia > vedi pag. 75 CAPS Clinician-Administered PTSD Scale Il “gold standard” diagnostico per il disturbo post-traumatico da stress > vedi pag. 92 PCL-R Hare Psychopathy Checklist – Revised: 2nd Edition Lo strumento più utilizzato e universalmente riconosciuto per la valutazione della psicopatia > vedi pag. 94 JSAT Jail Screening Assessment Tool Uno strumento di screening psicologico in ambito forense e penitenziario > vedi pag. 96 SIMS Structured Inventory of Malingered Symptomatology Per l’individuazione della simulazione di disturbi psichici > vedi pag. 95 SAMI Suicide Assessment Manual for Inmates Per la valutazione del rischio di suicidio in contesti penitenziari > vedi pag. 96
  • MANUALE Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Adattamento italiano a cura di Cosimo Urgesi e Franco Fabbro MANUALE Adattamento italiano a cura di Roberto Baiocco, Fiorenzo Laghi e Maria D’Alessio Finn Westh GADSGilliam Asperger’s Disorder Scale James E. Gilliam Adattamento italiano a cura di Serenella Grittani, Alessandra Cangini, Franco Nardocci e Raffaella Faggioli MANUALE MANUALE GAP-TGriglia di Analisi delle Prassie Transitive Paola Rampoldi e Maria Letizia Ferretti StrumentiICF L’ICF a scuolaL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali Francesco GrassoL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’ICF a scuola StrumentiICF con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF-CY Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Prefazione di Santo Di Nuovo NOVITÀ 2012 PPT Parents Preference Test Il primo test grafico per la valutazione della genitorialità > vedi pag. 100 GADS Gilliam Asperger’s Disorder Scale Per la valutazione precoce della sindrome di Asperger > vedi pag. 106 NEPSY-II Second edition La batteria più nota a livello internazionale per valutare lo sviluppo neuropsicologico in età evolutiva > vedi pag. 130 L’ICF a scuola L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI > vedi pag. 141 GAP-T Griglia di Analisi delle Prassie Transitive Per valutare e quantificare le competenze prassiche nelle prime fasi della loro acquisizione > vedi pag. 134 WISC-IV Wechsler Intelligence Scale for Children Quarta edizione Nuovo modello teorico, nuovi subtest, nuovi punteggi, nuove norme: il perfezionamento dell’eccellenza > vedi pag. 110 NOVITÀ 2012
  • 22 NOVITÀ 2012 ALQ Agentic Leadership Questionnaire Uno strumento innovativo per valutare lo stile di leadership > vedi pag. 174 LJI Leadership Judgement Indicator Un test di giudizio situazionale per lo sviluppo della leadership > vedi pag. 175 MCSQ Multiple Cognitive Styles Questionnaire Applicare gli stili cognitivi nei contesti lavorativi > vedi pag. 180 LJI Leadership Judgement Indicator Somministrazione, scoring, report di sviluppo > vedi pag. 175 MCSQ Multiple Cognitive Styles Questionnaire Somministrazione, scoring, rapporto interpretativo > vedi pag. 180 ALQ Agentic Leadership Questionnaire Somministrazione, scoring, rapporto interpretativo > vedi pag. 174 SDS Self-Directed Search Forma R Somministrazione, scoring, relazione di orientamento > vedi pag. 199 www.internet-test.it
  • NOVITÀ 2012 MANUALI GIUNTI O.S. Saulo Sirigatti e Cristina Stefanile Scale di validità, Harris-Lingoes, supplementari, di contenuto e PSY-5 MMPI-2: aggiornamento all’adattamento italiano žié 33 NOVITÀ 2012 Il metodo Drežancic nei bambini dai primi mesi di vita ai tre anni > vedi pag. 18 La riabilitazione delle gravi cerebrolesioni acquisite > vedi pag. 18 L’orientamento a scuola. Una proposta opertiva di life-design > vedi pag. 24 Dar forma alle storie. Guida al counseling narrativo > vedi pag. 24 MMPI-2: aggiornamento all’adattamento italiano > vedi pag. 55 Counseling and career counseling Metodi e pratiche in riabilitazione Collane e volumi
  • a member of Giunti O.S. International Group a member of Giunti O.S. International Group a Giunti O.S. division Organizzazioni Speciali a member of Giunti O.S. International Groupa member of Giunti O.S. International Group 44 Giunti O.S. Organizzazioni Speciali ha sviluppato una rete di consociate estere che, con lo stesso rigore scientifico e la stessa passione della sede italiana, pubblicano test psicodia- gnostici in molti Paesi europei. Gli strumenti per l’assessment psicologico restano prodotti della massima qualità per inno- vazione, contenuto scientifico e aderenza al contesto socioculturale locale, riservando parti- colare attenzione all’etica del testing e ai principi deontologici nazionali e internazionali. Firenze +39 055 6236501 Milano +39 02 575471 Roma +39 06 6797299 www.giuntios.it info@giuntios.it Budapest +36 (1) 2394122 www.oshungary.hu info@oshungary.hu Bucarest +40 (21) 2304599 www.testcentral.ro support@testcentral.ro Mosca +79 166 513669 dleon@mail.ru Parigi +33 (0) 148062575 www.eurotests.fr info@eurotests.com Istanbul +90 212 2330110 www.osdbe.com osdbe@dbe.com.tr Shanghai +86 (21) 62495482 www.pro-way.cn info@pro-way.cn Sofia +359 (02) 9635703 www.osbulgaria.com office@osbulgaria.com Kiev +380 (50) 3323377 www.osukraine.com info@osukraine.com Atene +30 (210) 6420001 www.ison.gr office@ison.gr
  • FFOORRMMAAZZIIOONNEE 6 RRIIVVIISSTTEE 12 VVOOLLUUMMII 14 AADD--DDAA 22..00 EE AADD--DDAA 22..00 OONNLLIINNEE 26 IINNTTEERRNNEETT--TTEESSTT 28 HHDDUU 30 TTEESSTT Guida alla consultazione 32 Guida rapida alla scelta dei test 33 Tecniche proiettive 39 Questionari di personalità 51 Intelligenza emotiva 69 Salute mentale 73 Psicologia giuridica 93 Abilità sociali e relazioni 97 Efficienza intellettiva 107 AD/HD e neuropsicologia del bambino 123 ICF e disabilità 135 Deterioramento mentale e funzionale 143 Linguaggio 153 Attitudini generali e specifiche 163 Talent assessment 173 Stress e benessere organizzativo 183 Orientamento e counseling 191 Test scolastici 201 LLIIBBRREERRIIEE 215 IINNDDIICCEE DDEEII MMAATTEERRIIAALLII 216 IINNDDIICCEE DDEEGGLLII AAUUTTOORRII 219 NNOORRMMEE PPEERR LL’’AACCQQUUIISSTTOO EE MMOODDUULLOO DDII AAUUTTOOCCEERRTTIIFFIICCAAZZIIOONNEE 221 CCOONNDDIIZZIIOONNII DDII VVEENNDDIITTAA EE MMOODDUULLOO DD’’OORRDDIINNEE 223 STRUMENTI PER L’ASSESSMENT PSICOLOGICO CATALOGO 2012 SOMMARIO
  • 66 La Divisione Formazione di Giunti O.S. coniuga l’esperienza del leader italiano nella psicologia applicata con il know how di uno dei principali gruppi editoriali e l’attenzione alle tecnologie web e mobile più avanzate. L’esperienza acquisita permette di “leggere” e comprendere le organizzazioni complesse – Speciali, appunto – per indi- viduare e realizzare interventi formativi con approcci e metodologie originali che osservano, tengono conto e integrano le principali dimensioni di ogni azienda: mission, valori, persone, processi e tecnologie. Progettare interventi personalizzati valorizzando l’unicità del cliente Realizzare esperienze coinvolgenti e innovative Correlare le attività formative allo specifico contesto lavorativo Generare nuove competenze osservabili sul lavoro Accelerare il raggiungimento degli obiettivi aziendali Rendere il posto di lavoro un luogo positivo dove vivere e crescere professionalmente Semplificare la gestione organizzativa Crescita delle competenze Sviluppo dell’empowerment Benessere organizzativo Gestione dei processi di cambiamento Miglioramento dei processi Creazione di sistemi di knowledge Sviluppo di comunità professionali Valutazione delle competenze Comunicazione interna ed esterna Orientamento professionale E-learning e M-learning Soluzioni editoriali Progetti finanziati Lavorare con le persone, per le persone Sviluppare metodi attivi e partecipativi Valorizzare le esperienze e le energie dei partecipanti Affrontare situazioni e problemi reali Generare soluzioni immediatamente spendibili nella pratica lavorativa PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUI PROGETTI E PER CONOSCERE NEL DETTAGLIO LE ATTIVITÀ E LE MODALITÀ DI PROGRAMMAZIONE La Divisione Formazione UNA FORMULA SEMPLICE I SERVIZI DI FORMAZIONE E CONSULENZA I NOSTRI “FONDAMENTALI” FORMAZIONE www.giuntios.it formazione@giuntios.it
  • CERTIFICATO N. 8140 77 La Divisione Formazione supporta le organizzazioni dell’health care nella progettazione e nella realizzazione di soluzioni e-learning con modalità di intervento che coniugano l’effi- cacia formativa con le esigenze organizzative e i vincoli di progetto. La Divisione offre solu- zioni a 360° con tutti i vantaggi derivanti dall’essere un interlocutore unico, in grado di gestire internamente ogni componente del servizio: dall’hosting alla redazione, dalla pro- duzione multimediale al tutoring, dall’accreditamento alla comunicazione dell’iniziativa. Alcuni interventi: CONSENSO INFORMATO Intervento di formazione e miglioramento progettato per il personale medico e infermieristico MISTER BONE “CRESCERE FORTI E SANI” Un programma di educazione alimentare per gli studenti delle scuole primarie e i loro genitori EVIDENZE SCIENTIFICHE IN RETE Metodi e tecniche per la ricerca di informazioni biomediche PERCORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA Cinque corsi e-learning di specializzazione in ambito pneumologico I progetti si rivolgono ai contesti sociosanitari e sono frutto dell’esperienza maturata colla- borando con le più importanti organizzazioni presenti in Italia. Le dinamiche dell’health care richiedono una competenza specifica che può essere garan- tita solo da chi, come Giunti O.S., lavora da anni insieme alle organizzazioni del settore. Alcuni interventi: COMUNICARE AL FRONT OFFICE Percorso di formazione per animatori–analisti IL CAPO COACH Progetto di sviluppo del ruolo di coordinatore infermieristico LA CURA DELL’ANZIANO TRA COMPASSIONE, INADEGUATEZZA E ACCANIMENTO Nuove prospettive nella valutazione dei bisogni e delle caratteristiche dell’anziano e nella comprensione delle dinamiche relazionali SEGRETERIE DI DIREZIONE Lo sviluppo dei ruoli di segreteria nei processi di integrazione e innovazione organizzativa Giunti O.S. è azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 per la formazione in aula e a distanza, per i servizi di orientamento, valutazione e selezione e ricerca del personale e l’espletamento di concorsi e grandi selezioni. Giunti O.S. è provider ECM per la formazione residenziale e a distanza. Giunti O.S. è agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana. FORMAZIONE SANITÀ
  • rigore FORMAZIONE PSICODIAGNOSTICA in aula rigore FORMAZIONE PSICODIAGNOSTICA in aula 88 La conoscenza diretta e pluridecennale degli strumenti psicodia- gnostici e dei loro ambiti di applicazione, l’assoluto rigore me- todologico dell’offerta formativa e l’esperienza dei docenti nell’assessment psicologico assicurano ai partecipanti agli eventi formativi Giunti O.S. l’approfondimento di numerose tematiche e l’acquisizione di conoscenze teoriche e abilità pratiche neces- sarie all’utilizzo dei test nell’attività clinica quotidiana. I corsi Giunti O.S. non solo hanno come oggetto tutti gli strumenti a catalogo, ma anche tematiche di particolare interesse per la singola azienda sanitaria e per la comunità scientifica nazionale. I materiali didattici, elaborati dai docenti con la collaborazione degli psicologi Giunti O.S., assicurano un supporto originale alle attività in aula, arricchite da momenti di dibattito e confronto sulle modalità di impiego degli strumenti nell’attività professionale quotidiana. Ogni corso è sviluppato in sessioni che applicano la metodologia didattica più adatta a illustrare scenari e ambiti di utilizzo dei test, approfondire casi clinici ed effettuare esercitazioni pratiche. Formatori con esperienza clinica, capaci di trasferire competenze metodologiche e operative, coinvolgono attivamente i partecipanti, attraverso lezioni magistrali, lavori in piccoli gruppi, presentazioni di casi clinici e role-play. PER CONOSCERE I CORSI IN PROGRAMMA E RESTARE AGGIORNATI SUI NUOVI EVENTI FORMATIVI FORMAZIONE PSICODIAGNOSTICA in aula www.giuntios.it
  • FORMAZIONE PSICODIAGNOSTICA in aula CERTIFICATO N. 8140 99 Il catalogo formazione Giunti O.S. propone un’offerta didattica differenziata per tipologia e modalità di fruizione. SEMINARI Eventi giornalieri con l’obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze generali su uno specifico argomento. CORSI DI FORMAZIONE Percorsi di più giorni per approfondire le tematiche più rilevanti in ambito psicologico, e acquisire competenze e abilità nell’uso degli strumenti psicodiagnostici. FOLLOW UP Giornate di verifica durante le quali sono presentati e discussi i casi clinici tratti dall’attività professionale dei partecipanti PROGETTO FORMAZIONE PSICODIAGNOSTICA: GIUNTI O.S. NELLE AZIENDE OSPEDALIERE I consulenti Giunti O.S. accompagnano il cliente nell’individuazione delle proprie esigenze formative, identificano le migliori alternative didattiche, progettano e coordinano interventi qualificati e qualificanti. • molteplicità, diversificazione e originalità dei temi presentati • rigore scientifico dei contenuti • metodologia didattica interattiva • comprovata professionalità dei docenti • elevata qualità dei materiali didattici d’aula L’esperienza formativa di Giunti O.S. si caratterizza per: Giunti O.S. Organizzazioni Speciali è inoltre: • provider accreditato ECM • agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana
  • FORMAZIONE TEST PSICOLOGICI onlineFORMAZIONE TEST PSICOLOGICI onlineFORMAZIONE TEST PSICOLOGICI online 1100 La piattaforma e-learning O.S. Campus 2.0 propone corsi interattivi che, grazie al supporto di un tutor online, favoriscono l’apprendimento e lo sviluppo professionale in qualsiasi momento e in qualsiasi sede. I corsi offrono un aggiornamento sulla teoria e la tecnica dei test rivolto a psicologi, psichiatri, neuropsichiatri e laureati in psicologia che desiderano acqui- sire competenze specifiche per l’uso degli strumenti psicodiagnostici. STRUTTURA DEI CORSI Realizzati per integrare i vantaggi dell’autoformazione con l’elevato grado di interattività dell’e-learning, i corsi di O.S. Campus 2.0 sono stati sviluppati per facilitare l’apprendimento attraverso un linguaggio chiaro e sintetico, una grafica ac- cattivante, animazioni, giochi interattivi, esercitazioni e brevi test di verifica. Ogni corso è corredato di una didateca, con letture, approfondimenti, glossario e bibliografia. LA CLASSE VIRTUALE Al momento dell’iscrizione, ciascun partecipante viene inserito in una classe. Benché ogni corso abbia una propria “scadenza”, gli allievi possono iniziare (e concludere) il corso in tempi diversi. Grazie agli strumenti di cui ciascun corsista dispone (e-mail, chat e forum), la classe è l’occasione per interagire con una community di persone che condividono gli stessi interessi formativi. LA TUTORSHIP Ogni classe, composta da 10/15 persone, è seguita da un tutor per tutto lo svolgimento del corso. Il tutor si rapporta con i sin- goli allievi (attraverso e-mail), interagisce con l’intera classe (attraverso e-mail collettive e forum) e guida le esercitazioni che pre- vedono lo scambio di informazioni organizzando, se necessario, momenti d’incontro “in sincrono” attraverso forum e chat. LE ESERCITAZIONI E LA VERIFICA Accanto a “lezioni”, letture, giochi interattivi e questionari a risposta multipla, i corsi includono esercitazioni dedicate a com- piti specifici. Al termine del corso, poi, è prevista la verifica delle competenze acquisite sulla base di una valutazione del tutor sull’attività complessiva svolta dall’allievo durante il corso. O.S. Campus 2.0 PER PRENDERE VISIONE DEI CONTENUTI E DELLE DEMO DI CIASCUN CORSO Requisiti del sistema Corso Durata Prezzo Adobe Flash Player 7 o ver. succ. Adobe Acrobat Reader 7 o ver. succ. Microsoft Internet Explorer 6, Firefox 2 o Safari 3 o ver. succ. Java Virtual Machine cookies e javascipt abilitati blocchi pop-up disabilitati requisiti hardware: compatibili con i software sopra indicati scheda audio diffusori acustici risoluzione monitor: 1024x768 o superiore (a migliaia di colori) 16PF-5 corso base MMPI-2 corso base MMPI-2 corso avanzato WAIS-R corso base WISC-III corso base € 250,00+iva € 250,00+iva € 250,00+iva € 250,00+iva € 250,00+iva Online 17 ore Letture 10 ore Esercitazioni 14 ore Online 16 ore Letture 2,5 ore Esercitazioni 10 ore Online 10 ore Letture 2 ore Esercitazioni 14 ore Online 25 ore Letture 3,5 ore Esercitazioni 7 ore Online 10 ore Letture 8 ore Esercitazioni 7 ore www.oscampus.it info@oscampus.it
  • FORMAZIONE ICF La proposta formativa Giunti O.S. si caratterizza per una forte utilizzo dell’ICF StrumentiICFStrumenti L’ICF a scuolaL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali - Firenze Francesco Grasso Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale secondo ICF/ICF-CY e Questionari ICF-CY L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’ICF a scuola StrumentiICF con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF-CY Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Prefazione di Santo Di Nuovo CERTIFICATO N. 8140 FORMAZIONE ICF La proposta formativa Giunti O.S. si caratterizza per una forte utilizzo dell’ICF L’ICF a scuolaL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali - Firenze Francesco Grasso Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale secondo ICF/ICF-CY e Questionari ICF-CY L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’ICF a scuola StrumentiICF con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF-CY Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Prefazione di Santo Di Nuovo CERTIFICATO N. 8140 FORMAZIONE ICF La proposta formativa Giunti O.S. si caratterizza per una forte utilizzo dell’ICF L’ICF a scuolaL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali - Firenze Francesco Grasso Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale secondo ICF/ICF-CY e Questionari ICF-CY L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’ICF a scuola StrumentiICF con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF-CY Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Prefazione di Santo Di Nuovo CERTIFICATO N. 8140 1111 L‘International Classification of Functioning Disabilty and Health (ICF) ha suscitato in Italia un notevole interesse e un au- tentico entusiasmo che, negli anni, si sono tradotti in un formidabile lavoro di informazione e di coordinamento. Per sostenere lo sviluppo dell’ICF nel nostro Paese, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali promuove la formazione degli operatori a una diversa cultura della disabilità, l’utilizzo della nuova classificazione dell’OMS e i vantaggi degli stru- menti a essa collegati. Nel rispetto delle finalità del progetto avviato dal Ministero e in collaborazione con la Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, Giunti O.S. ha messo a punto un’articolata proposta formativa che presenta una visione concettuale completa dell’ICF e un’adeguata metodologia per la sua applicazione. Tale offerta formativa si caratterizza per l’attenzione data ai core-set, una riduzione psicometrica dell’ICF che ne permette l’uso nella pratica e nella ricerca clinica. I core- set sono elenchi di categorie ICF basati su un consenso generale. Queste categorie, ri- levanti per specifiche patologie o contesti riabilitativi, sono individuate attraverso criteri economici ovvero nel numero minimo necessario a descrivere lo spettro pro- totipico dei problemi di funzionamento e di salute di pazienti con determinate con- dizionidi disabilità. I core-set, che possono ridurre a una quindicina il numero di codici da identificare e sono specifici per patologia/disabilità, sono uno strumento ideale anche per l’applicazione dell’ICF-CY (la versione ICF per bambini e adolescenti). I docenti sono operatori della Fondazione che, grazie al costante impegno nell’area sanitario- riabilitativa, arricchiscono i percorsi teorici con un approccio pratico e operativo La proposta formativa Giunti O.S. si caratterizza per una forte operatività, finalizzata all’immediato utilizzo dell’ICF. SEMINARIO ICF CORSO ICF-CY BASE CORSO ICF-CY AVANZATO CORSO ICF INTEGRATO BASE CORSO ICF INTEGRATO AVANZATO PROGETTO ICF Un progetto che integra la formazione pratico-teorica allo sviluppo di strumenti di applicazione dell’ICF. > vedi pag. 141 Giunti O.S. Organizzazioni Speciali è inoltre: • provider accreditato ECM • agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana PER MAGGIORI INFORMAZIONI www.giuntios.it
  • 1122 RIVISTE L’attualità della ricerca Le riviste Giunti O.S. sono periodici di interesse scientifico e applicativo che riflettono la volontà della casa editrice di va- lorizzare tanto il rigore dei contenuti che l’operatività di strumenti e metodologie. Pensate per studiosi e professionisti, le riviste si presentano quindi come veri e propri progetti culturali che coniugano la passione dei comitati redazionali con l’eccellenza dei comitati scientifici. Tutte le testate offrono al lettore contributi teorici e metodologici innovativi che rappresentano un concreto aggiorna- mento culturale e professionale sulla psicologia applicata, l’orientamento e l’educazione. Nel sito Giunti O.S. è possibile consultare i sommari degli ultimi numeri, scaricare gli abstract, leggere i contributi più significativi e informarsi sulle modalità di presentazione degli articoli. Le riviste Giunti O.S. sono distribuite solo in abbonamento. Bollettino di Psicologia Applicata Il Bollettino è, dal 1954, la rivista scientifica di chi studia, fa ricerca ed opera nei vari campi della psicologia applicata: clinica, lavoro ed organizzazione, educazione. Nella sezione Rassegne sono pubblicati contributi che fanno il punto sulle conoscenze scientifi- che attuali; in Ricerche risultati sperimentali; in Strumenti scale di veloce utilizzo, corredate del loro studio di validazione e standardizzazione. Inoltre: commenti e resoconti, presentazioni cri- tiche di test e approfondimenti di aspetti tecnico-pratici ad uso degli operatori, notizie su con- vegni italiani e internazionali, recensioni di novità editoriali. Editors: Alessandro Zennaro (Editor in Chief), Claudio Cortese, Laura D’Odorico, Marco Giannini Periodicità e struttura: quadrimestrale (3 numeri), 64 pagine per numero. Comitato di redazione: Alessandro Zennaro Abbonamento annuale per l’Italia (privati) (dal n. 263) € 38,00* Abbonamento annuale per l’estero (privati) (dal n. 263) € 55,00* Abbonamento annuale per l’Italia (istituzioni) (dal n. 263) € 75,00* Abbonamento annuale per l’estero (istituzioni) (dal n. 263) € 90,00* Abbonamento studenti (dal n. 263) € 19,00* Fascicoli singoli arretrati per l’Italia € 23,00* Fascicoli singoli arretrati per l’estero € 33,50* Come acquistare: • con versamento sul c.c.p. n. 16185506 intestato a: Giunti O.S. Organizzazioni Speciali - Via Sarpi 7/A - 50136 Firenze (causale: abbonamento BPA) • con carta di credito su www.giuntios.it GIPO – Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento Questa rivista, fondata nel 2000, vuole offrire a chi in Italia si occupa di orientamento uno spa- zio per la presentazione e discussione di quanto si sta realizzando in materia di ricerca e speri- mentazione, al fine di stimolare lo sviluppo di questo specifico settore, fino a oggi “all’ombra” di aree molto più consolidate (psicologia sociale, dello sviluppo, generale, ecc.). Essa accoglie contributi scientifici originali sotto forma di rassegne su tematiche specifiche rela- tive alla psicologia dell’orientamento, ricerche di carattere metodologico e sperimentale, speri- mentazioni e applicazioni (resoconti di esperienze ed interventi sul campo, di utilizzo di metodologie e strumenti). Periodicità e struttura: quadrimestrale (3 numeri), 64 pagine per numero. Comitato direttivo: Salvatore Soresi, Cristina Castelli, M.Luisa Pombeni, Guido Sarchielli. Abbonamento annuale per l’Italia (privati) (dal n. 12.1) € 38,00* Abbonamento annuale per l’estero (privati) (dal n. 12.1) € 55,00* Abbonamento annuale per l’Italia (istituzioni) (dal n. 12.1) € 75,00* Abbonamento annuale per l’estero (istituzioni) (dal n. 12.1) € 90,00* Abbonamento studenti (dal n. 12.1) € 19,00* Fascicoli singoli per l’Italia € 23,00* Fascicoli singoli per l’estero € 33,50* Come acquistare: • con versamento sul c.c.p. n. 16185506 intestato a: Giunti O.S. Organizzazioni Speciali - Via Sarpi 7/A - 50136 Firenze (causale: abbonamento GIPO) • con carta di credito su www.giuntios.it Nuovo Comitato Scientifico In lingua inglese In PsycINFO In PsycINFO Full Test in EBSCO *IVA assolta dall’Editore
  • 1133 La parola all’orientamento Organo ufficiale della SIO La parola all’orientamento è la rivista online nata dalla collaborazione tra SIO (Società Italiana di Orientamento) e Giunti O.S. Organizzazioni Speciali. Si tratta di un nuovo spazio dedicato al- l’orientamento, un punto di incontro per sviluppare la ricerca, individuare le buone pratiche, fa- vorire e diffondere le iniziative di rilievo in questo settore. In ogni numero sono presenti le seguenti sezioni: L’editoriale: ogni numero una rassegna firmata da autorevoli rappresentanti del mondo del- l’orientamento. Il punto su un tema di particolare attualità. In evidenza: eventi, notizie di particolare importanza. L’intervista a un personaggio, italiano o straniero, dell’orientamento. Programmi e strumenti: cosa “bolle in pentola” nel mondo dell’orientamento. La pagina delle Regioni: dedicata a cosa viene fatto a livello istituzionale. Orientamento e università: …e a cosa viene invece fatto nelle università. Completano la rivista le rubriche Calendario, Biblioteca ed Osservatorio eventi.Direttore: Laura Nota. Comitato di redazione: Maddalena Ascione, Cristina Cabras, Angela Costabile, Antonia Moretti, Rossana Moretti, Laura Nota, Daniela Pavoncello, Giorgio Sangiorgi, Salvatore Soresi. La rivista è consultabile gratuitamente all’indirizzo newslettersio.giuntios.it Psicologia e scuola La rivista offre strumenti di lavoro e di aggiornamento a chi opera nel mondo dell’educazione e della formazione. In ogni numero sono presenti: Teoria e ricerca: Le più recenti teorie, ricerche e metodologie di intervento psicopedagogico. Disabilità: Progettazione educativa rivolta agli allievi con varie tipologie di disabilità. DSA e Difficoltà di apprendimento: I più autevoli contributi su disturbi e difficoltà di apprendimento. Strumenti: Materiali e percorsi per affrontare, in modo incisivo ed efficace, i problemi di natura re- lazionale, didattica e organizzativa. Che fare con…: Un esperto risponde alle domande dei lettori su problemi psicopedagogici. Parliamone con...: Interviste e dialoghi con esperti sui temi emergenti della psicologia dell’educazione. Orizzonti: Presentazione e recensione di libri, siti internet, film, dvd. Esperienze: I migliori progetti realizzati con le classi, da cui trarre suggerimenti e piste di lavoro. Inserto di 8 pagine di laboratori e materiali specifici per il sostegno. Periodicità: bimestrale disponibile solo in abbonamento (64 pagine per fascicolo). Il numero di lu- glio-agosto è una monografia su un tema importante della psicologia dell’educazione. Comitato direttivo: Cesare Cornoldi, Lucio Cottini, Rossana De Beni, Paolo Meazzini, Salvatore So- resi. Comitato scientifico: Aldo Galeazzi (Padova), Richard Hallam (London), Aimée Leduc (Québec), Daniel K. O’Leary (New York), Susan O’Leary (New York), Luigi Pizzamiglio (Roma), Marc Richelle (Liège), Jean Rondal (Liège). Direzione editoriale: Luisa Lauretta. Fascicolo singolo € 6,00* Fascicolo arretrato € 12,00* Abbonamento annuo € 28,00* Abbonamento estero Zona 1 € 44,00* Abbonamento estero Zona 2 e 3 € 58,00* Sito: www.psicologiaescuola.it. Per abbonarsi: www.giuntiabbonamenti.it, periodici@giunti.it, tel. 199 195525 ITEMS La rivista online del testing psicologico Un nuovo modo di fare informazione sui test, una rivista gratuita e completamente online. Scaricabile da www.giuntios.it, è rivolta a tutti coloro che si occupano di testing e assessment psicologico e pubblica approfondimenti ed aggiornamenti d’interesse per il professionista. A struttura fissa, in ogni numero compaiono le seguenti rubriche: Editoriale: il punto su un tema d’importanza generale per il testing e la valutazione; Focus: un approfondimento teorico-metodologico da parte di un esperto; I test: gli autori presentano, spesso in anteprima, i nuovi test e strumenti per ogni area di ap- plicazione; Il caso: un professionista illustra un caso di applicazione di un test: problematiche, accorgi- menti, interpretazione dei risultati; Graffiti: commenti, recensioni di attualità psicologica; Scaffale: schede bibliografiche delle ultime novità in psicologia, italiane e non solo; Eventi: la lista più aggiornata dei principali convegni e manifestazioni nazionali e internazionali; Web: recensioni di siti web di interesse psicologico: contenuti, grafica, usabilità. Abbonamento gratuito, a seguito di registrazione su www.giuntios.it. *IVA assolta dall’Editore
  • 1144 VOLUMI COLLANA DI PSICOLOGIA APPLICATA Psicologia Applicata è la collana “storica” di Giunti O.S. formata da volumi che vogliono essere, sia per lo studioso che per il professionista, strumenti teorici e applicativi. I volumi, particolarmente curati dai maggiori esperti nei rispettivi campi e dagli autori dei test italiani e stranieri, hanno l‘obiettivo di offrire quanto vi è di più avanzato e rigoroso in tema di testing, assessment ed intervento psicologico. L’esame neuropsicologico dell’adulto. Applicazioni cliniche e forensi (a cura di Angelo Bianchi, 2008) Il volume vuole definire un corpo condiviso di strumenti neuropsicologici validati e standardizzati da usare per il lavoro clinico di base. Lo studio principale al quale si fa riferimento è naturalmente la raccolta di test e delle relative tarature curata ormai vent’anni fa da Spinnler e Tognoni che, inevitabilmente, necessitava di un completamento sia per quanto riguarda l’elenco degli strumenti sia per le caratteristiche del campione allora studiato, che di fatto ne limitava in qualche caso l’applicabilità. Dopo due decenni di lavoro clinico e di ricerca, si sono aggiunti alla raccolta originaria molti altri strumenti, spesso non di facile reperibilità per il clinico che non può conoscerli tutti e valutarne pregi e limiti. Gli elementi di novità rispetto ad altre opere simili sono nel fornire un elenco analitico, aggiornato e ragionato degli strumenti neuropsicologici disponibili con taratura italiana, nell’accento che viene posto sul- l’approccio medico-legale alla diagnosi neuropsicologica e nell’attenzione dedicata ad aspetti non sempre ben sviluppati, quali i di- sturbi neuropsicologici associati alle malattie psichiatriche, psicogeriatriche e internistiche. Si è aggiunta a tutto ciò anche una discussione aggiornata su alcuni problemi metodologici che hanno un riflesso immediato sulla pratica diagnostica. 304 pagine. 93926-G €€ 36,00* Fondamenti per l’interpretazione del MMPI-2 e del MMPI-A Seconda edizione (James N. Butcher e Carolyn L. Williams, 1996, 2007) Questo volume è l’indispensabile punto di riferimento per un proficuo utilizzo delle versioni adulti e adolescenti dell’attuale re- visione del MMPI. James N. Butcher e Carolyn L. Williams presentano i fondamenti alla base della revisione e dello sviluppo dei nuovi strumenti e descrivono in modo esauriente le procedure di somministrazione, scoring, codifica dei risultati, disegno del profilo e interpretazione. Questa seconda edizione è arricchita dai risultati delle ricerche svolte negli ultimi anni, che hanno per- messo di affinare le interpretazioni, anche in relazione a informazioni extratest, come per esempio le origini etniche e il conte- sto socioculturale dei soggetti esaminati. La ricerca ha permesso anche di precisare ulteriormente il contenuto del MMPI, portando alla definizione di nuove scale e sottoscale, qui illustrate per la prima volta. 528 pagine. 93846-Z €€ 50,00* L’Analisi Fattoriale Esplorativa in psicologia. Una guida pratica per la ricerca (Marco Giannini e Linda Pannocchia, 2006) Il volume offre un quadro complessivo dei concetti e delle tecniche del metodo di Analisi Fattoriale Esplorativa, uno strumento indispensabile nel lavoro dello psicologo. Tale metodo si è rapidamente trasformato grazie al computer in una semplice appli- cazione tecnologica con cui si costruiscono scale e questionari, purtroppo senza avere spesso ben chiaro che cosa siano i fat- tori, che senso abbia estrarli e ruotarli. Questo pratico manuale intende andare incontro alle esigenze sia degli studenti di psicologia che affrontano questo argomento per la prima volta, sia di chi ha più familiarità con i metodi psicometrici ma non utilizza questa tecnica frequentemente. La teoria presentata è sufficiente per permettere al lettore di comprendere cosa sia l’AFE e di imparare ad usarla, di capire le tecniche di estrazione, le rotazioni e decidere quanti fattori estrarre. 112 pagine. 83701-J €€ 19,00* Nei panni dei nostri clienti. Teoria e tecniche dell’Assessment Terapeutico (Stephen E. Finn, 2009) Presentazione di Saulo Sirigatti L’Assessment Terapeutico rappresenta una vera e propria innovazione nel modo di concepire e condurre la valutazione psicolo- gica. Finn sostiene e dimostra come il momento dell’assessment psicologico possa essere, di per sé, una potente occasione di intervento terapeutico con clienti individuali, coppie e famiglie, così come un aiuto nelle situazioni di impasse di psicoterapie in corso. Attraverso una serie di passaggi, dalla formulazione di domande iniziali fino alla discussione dei risultati, il cliente non solo è parte attiva nel processo di conoscenza del proprio funzionamento psichico, ma è anche coinvolto in un’esperienza di cam- biamento profondo e duraturo. In un numero di incontri limitato gli strumenti abituali dell’assessment usati in modo rigoroso, e al contempo flessibile e creativo, si integrano con molteplici tecniche che fanno riferimento a modelli teorici differenti (psico- dinamico, umanistico-esperienziale, narrativo, cognitivo, sistemico, ecc.). Nel testo l’Autore illustra i riferimenti teorici dell’As- sessment Terapeutico e chiarisce le tecniche che permettono al lettore di applicarlo nella propria pratica clinica. 248 pagine. 94023-H €€ 31,00* *IVA assolta dall’Editore
  • 1155 MMPI, MMPI-2 e MMPI-A in tribunale. Manuale pratico per consulenti tecnici, avvocati e giudici con casistica criminologica italiana (Kenneth S. Pope, James N. Butcher e Joyce Seelen; a cura di Daniele Berto, 2006) Il MMPI è attualmente uno dei test di personalità maggiormente utilizzati in Italia nelle valutazioni in ambito forense. Rivolto tanto a psichiatri, psicologi e criminologi, nel loro ruolo di consulenti tecnici del tribunale, quanto ad avvocati, giudici, magi- strati di sorveglianza e pubblici ministeri, questo volume colma una lacuna nella bibliografia italiana e fornisce indicazioni sulla validità del test, sulla stesura del report finale e sulla preparazione dell’esame del perito in aula, accessibili anche da parte di un pubblico non esperto in psicodiagnostica ma che si trovi in tribunale a dover utilizzare il test o a leggerne i risultati. Ampio spa- zio è infatti dedicato a giudici e avvocati con lo scopo di farli attivamente partecipi dei meccanismi sottesi al test e prepararli in modo adeguato all’esame del perito. Uno specifico capitolo riporta i profili al test di serial killer, omicidi, parricidi, pluriomi- cidi, tossicodipendenti, truffatori, pedofili, abusatori di minorenni, tratti dalla più recente casistica criminologica italiana. In ap- pendice sono raccolti utili protocolli su specifici problemi, nonché pratiche schede di confronto tra le varie versioni del test. 704 pagine, rilegato. 83700-D €€ 72,00* Manuale clinico del TAT. Sistemi diagnostici (Antonio Imbasciati e Alberto Ghilardi, 1994, 2006) Il Thematic Apperception Test (TAT) è fra i test proiettivi più usati nella pratica clinica, ma anche fra quelli che più hanno su- scitato interrogativi sulla validità e sul valore diagnostico. La natura apparentemente facile dell’interpretazione, l’assenza di si- glature precise ed unanimamente riconosciute espongono infatti il TAT al rischio di essere utilizzato in modo non corretto. Il presente lavoro, nel tentativo di far fronte a tali problemi, si basa sul sistema di siglatura “classico” di Bellak, integrato ed ar- ricchito da una teoria di riferimento - la psicologia psicoanalitica dell’Io - e da concetti operativi su cui basare l’interpretazione. Il tipo di intervento proposto si configura pertanto come una psicodiagnosi ad orientamento psicoanalitico, che può ottenere risultati tanto più completi quanto più lo psicologo che utilizza il test possiede una conoscenza teorico-esperienziale della teo- ria e della clinica psicoanalitica. 216 pagine. 49004-B €€ 31,50* WAIS-R e terza età. La natura dell’intelligenza nell’anziano: continuità e discontinuità (Arturo Orsini e Caterina Laicardi, 2003) Ragioni teoriche e cliniche inducono a valutare il QI per la terza e quarta età non più in riferimento ad un campione di giovani di massima efficienza, ma convertendo punti grezzi dei subtest della WAIS-R in punti ponderati secondo il gruppo d’età di ap- partenenza del soggetto e utilizzando un’unica tabella per tutti i gruppi di età anziana. È da questo presupposto che nasce lo studio psicometrico presentato in questo volume, i cui dati - raccolti su un campione di 1168 soggetti divisi in quattro gruppi d’età dai 65 agli 84 anni - confermano l’opportunità di misurare l’efficienza intellettiva dell’anziano con parametri normativi più appropriati di quanto fatto sino a adesso. Le norme sono riportate in appendice. 96 pagine. 77858-Y €€ 27,30* L’interpretazione psicologica della WAIS-R (Francesco Padovani, 1999) Questo volume fornisce a ricercatori, professionisti e studenti strumenti operativi e di studio sull’interpretazione clinica dei ri- sultati alla WAIS-R. L’Autore si sofferma esaurientemente sui problemi dell’interpretazione della misura del QI come proposta da Wechsler e pone particolare attenzione al confronto fra funzionalità cognitiva e differenze di genere ed età, presenza di ri- tardo mentale, danno cerebrale e disturbi psichiatrici. L’Interpretazione psicologica della WAIS-R vuole essere, quindi, sia un testo di studio sulla misurazione dell’intelligenza, che uno strumento di lavoro per lo psicologo. 220 pagine. 49009-Q €€ 37,80* VOLUMI *IVA assolta dall’Editore Il Bender Gestalt Test. Differenti metodi per l’attribuzione del punteggio (Adriana Lis, 1996) Il Bender Gestalt Test è uno strumento di rapida applicazione ma non di altrettanto facile interpretazione. Già nella versione ini- ziale, il test si proponeva il duplice scopo di rilevare lo sviluppo della funzione della gestalt visuomotoria e di studiare eventuali regressioni o deviazioni in tale sviluppo. Questo scopo, che si è mantenuto immutato negli anni, ha portato alla luce dei problemi nella oggettivazione del punteggio del test. Dall’analisi della letteratura esistente sembra manifestarsi quindi una duplice cor- rente relativa a questo pensiero: la prima – sostenuta anche dalla Bender – afferma che, dati i presupposti teorici del test, l’inter- pretazione deve essere globale e quindi maggiormente di tipo clinico; la seconda che l’utilizzazione e l’interpretazione del test richieda degli strumenti più obiettivi. Questo secondo modo di vedere ha portato alla ideazione di una numerosissima gamma di modalità di attribuzione obiettiva del punteggio, inizialmente soprattutto con adulti, ma poi via via in misura maggiore anche con soggetti in età evolutiva. Lo scopo del presente lavoro è quello di presentare alcuni di questi metodi per l’attribuzione del punteggio al test per procedere ad un loro confronto sulla popolazione italiana in età compresa fra i 4 e gli 11 anni. 440 pagine. 49005-C €€ 54,00*
  • 1166 Vademecum psicodiagnostico. Tabelle ausiliari per l’esame di Rorschach (Ewald Bohm, 1964, 1994) Questo volume non può e non vuole costituire un manuale del Metodo Rorschach, ma deve considerarsi in ogni modo un pre- supposto indispensabile per poter trarre delle conclusioni sui vari fenomeni. Ogni sindrome riportata in questo lavoro è tipica in senso ideale e ciò significa che sul singolo caso concreto soltanto eccezionalmente si possono riscontrare tutti i sintomi par- ziali di una sindrome. È quindi evidente che i dati contenuti nel Vademecum si riferiscono soltanto all’analisi statistica dei pro- tocolli Rorschach, eccettuato qualche suggerimento per l’analisi del contenuto. È compito dell’applicatore avere, in ogni caso, capacità critica ed esperienza per adattare tutti i singoli dati propositivi in questo volume a quella struttura sempre nuova della personalità umana che è oggetto della sua ricerca. 256 pagine. 49002-H €€ 32,55* Il reattivo dell’albero (Karl Koch, 1958, 1993) Uno sguardo alla ricca messe di studi sul simbolismo ha permesso di verificare che l’albero è un simbolo analogico che si in- contra con grande frequenza ed è certamente uno dei più suggestivi. Da qui è partita l’idea di far disegnare un albero per giungere ad una descrizione della personalità. Una prima fase alla quale segue quella della valutazione del disegno che si arti- cola in due tappe: l’osservazione dell’aspetto totale del disegno e l’analisi delle varie caratteristiche. Questa edizione italiana è una riduzione che da un lato conserva il carattere riassuntivo (sul tipo di manuale) dell’originale tedesco e dall’altro include tutta la necessaria documentazione statistica. Alle istruzioni per la somministrazione della prova si aggiungono tutte le possibili in- terpretazioni delle tipologie di alberi disegnati. 146 pagine. 49001-G €€ 33,60* Psicologi e organizzazioni: nuove proposte (Salvatore Zavaglia, Luca Vecchio e Edoardo Lozza, 2010) Questo volume si presenta come una raccolta esaustiva e accurata dei primi esiti di un progetto finalizzato a promuovere un “incontro virtuoso” fra psicologi e organizzazioni. L’opera illustra inizialmente un’iniziativa promossa dall’Ordine degli Psicologi della Lombardia (OPL) per sostenere e supportare gli psicologi al lavoro nelle e per le organizzazioni; descrive poi una ricerca sullo stato e sulle prospettive della domanda e dell’offerta di servizi psicologici per le organizzazioni; raccoglie infine cinque nuove proposte operative intraprese da giovani professionisti psicologi nell’ambito del benessere organizzativo, dei servizi alla persona, della sicurezza sul posto di lavoro, dell’innovazione nelle organizzazioni e anche del marketing e della comunicazione. 112 pagine. 94136-A €€ 15,50* La tecnica Rorschach. Un manuale introduttivo (Bruno Klopfer e Helen H. Davidson, 1971, 1994) Questo volume si presenta come un’opera dall’estrema chiarezza espositiva, concisa, dal linguaggio quasi basico che rende il testo agevole allo specialista e allo studioso che si avvicinano per la prima volta al Metodo Rorschach proposto con la siglatura americana. Si tratta di un manuale di introduzione al Rorschach, e quindi di pratica e rapida consultazione, che, dopo una breve introduzione storica della tecnica ed una disamina delle teorie e dei problemi del metodo, offre un’ampia esposizione dei vari procedimenti che comprendono la somministrazione della prova, la siglatura e l’interpretazione delle risposte. Il volume è corredato dall’esame di due casi siglati sul modulo individuale di siglatura e da diversi esempi di notazione che illustrano con chiarezza la giusta applicazione della tecnica, dimostrandone la validità come metodo psicodiagnostico per la conoscenza della personalità. 282 pagine. 49003-A €€ 44,10* VOLUMI FUORI COLLANA *IVA assolta dall’Editore
  • 1177 FRAGILITÀ: ESPERIENZE E PROGETTI In coedizione con Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus Questa collana affronta le tematiche delle persone “fragili”. Vuole essere pertanto un aiuto a operatori e parenti quotidia- namente in contatto con la disabilità per fornire loro strumenti e novità, realizzati dalla medicina riabilitativa, dalla psicolo- gia, dalla neurologia, dalla neuropsichiatria e nel campo socioeducativo e sociosanitario. Stato o vita vegetativa? Gestione integrata di un percorso tra conoscenza ed etica per operatori e famigliari (a cura di Anna Mazzucchi, 2008) Questo volume, dedicato agli stati vegetativi e agli stati di minima coscienza, ha la primaria finalità di rispondere ad alcuni quesiti che sempre più pressantemente si pongono gli operatori sanitario-assistenziali, i famigliari dei pazienti che si trovano in questo stato, ma anche la società civile. Lo stato vegetativo, infatti, rappresenta in fase acuta una delle sfide più impegnative della moderna medicina, sfida che coinvolge al contempo un numero elevato di specialisti, di operatori del nursing e della riabilitazione. In fase di cronicità, per la medicina, rappresenta la conseguenza sfavorevole e indesiderata di una sfida che la vede sperimentare i suoi limiti; per la società civile, rappresenta una fonte di dubbi etici che non trovano ancora risposte esaurienti; per la famiglia, rappresenta una situazione di sofferenza, di isolamento e di lutto mancato che tendono a perpetuarsi. Gli Autori di alcuni capitoli di questo testo sono persone che, a vario titolo e con diversa professionalità, sono impegnate in prima linea nella cura e nell’assistenza di individui in stato vegetativo e nella presa in carico delle loro famiglie. Risulta per loro rilevante creare un clima di condivisione, di positiva solidarietà, anche tra operatori sanitari e famiglie, tra famigliari che si fanno guida e famigliari che necessitano di essere guidati. 144 pagine. 93878-H €€ 16,50* Progettare per l’autonomia. Ausili e ambiente per la qualità della vita (a cura di Renzo Andrich, 2008) Organizzazione dell’ambiente, domestico e pubblico, disponibilità di ausili efficaci, importanza dell’informazione, formazione di operatori e utenti, questi i temi trattati nel presente volume che raccoglie contributi di architetti, ingegneri, fisioterapisti, psico- logi, medici neurologi e fisiatri, tutti di alto livello di competenza e di chiarezza. La loro lettura sarà di grande aiuto e aprirà pro- spettive forse inaspettate a tutti coloro che, a vario titolo, sono impegnati nell’impresa difficile, ma altamente gratificante, di prevenire ed eliminare l’isolamento e la perdita di autonomia che la disabilità comporta. Il testo, suddiviso in quattro parti, ana- lizza nella prima gli aspetti legati alla qualità dell’ambiente di vita per favorire la sicurezza, l’autonomia e la partecipazione della persona con disabilità ad ogni aspetto della vita sociale. La seconda parte si occupa dell’adattamento della persona all’ambiente attraverso opportuni ausili. La terza sezione, invece, colloca gli interventi ambientali e gli ausili tecnici nel quadro del progetto riabilitativo; l’ultima parte infine offre un panorama delle risorse attualmente disponibili per l’informazione, l’aggiornamento e la formazione di operatori ed utenti, nonché dei Centri specializzati per la consulenza e la valutazione degli ausili. 192 pagine. 93860-P €€ 19,00* I linguaggi per la disabilità. Strumenti per l’uso dell’intelligenza emotiva e sociale (a cura di Angelo Gianfranco Bedin, 2008) La logoterapia, la psicoterapia, l’arteterapia, la meloterapia, l’ippoterapia, l’uso del teatro, del cinema e della televisione sono oggi le forme concrete per dare corpo alla costruzione, o alla “restaurazione”, della persona umana, preservandola nella sua unicità e tute- landola nella sua sacralità. Questo volume vuole essere un contributo di opportunità per chi opera nell’area delle fragilità perché af- fronta il tema dei linguaggi per operare con persone con disabilità, e fornisce strumenti con angolazioni differenti, per utilizzare i linguaggi complessi del corpo, della musica e dell’arte, delle emozioni e della dimensione cognitiva. Entra nei territori delle disabilità complesse, ripercorrendo i contributi di insegnanti, educatori, riabilitatori, psicologi e medici, ma anche ingegneri, e fornisce proto- colli di lavoro ottenuti con le metodiche della stimolazione multisensoriale e dei linguaggi di comunicazione aumentativa e alterna- tiva. Il volume riunisce contributi di chi, da tempo, studia e opera per migliorare la qualità di vita del “disabile”, ponendo la disabilità come una difficoltà di funzionamento e di risposta biosociale alla quale fornire elementi per una inclusione sociale. 224 pagine. 93942-Y €€ 22,00* La riabilitazione del bambino fra passato e presente. Promesse, sfide, fallimenti e successi (a cura di Maria Chiara Stefanini, 2009) In genere, in ogni civiltà la cura e la salute del bambino sono al centro dell’interesse sociale, per l’ovvia ragione che il bambino rap- presenta il futuro, il sogno di un’umanità migliore nella continuità della specie: lo stesso Don Gnocchi si è preso cura, durante il tra- vagliato periodo postbellico, dell’infanzia abbandonata e sofferente. Il “piccolo di uomo”, infatti, nasce – come afferma la curatrice – “equipaggiato” con un cervello ancora molto immaturo, ma lo sviluppo del cervello e delle funzioni correlate procede, soprat- tutto nel primo anno di vita, con un ritmo rapido e tumultuoso, in modo che il bambino acquisisca progressivamente e costante- mente tutte le abilità e le competenze che ne faranno in seguito una persona adulta e compiuta. Questo volume contiene alcune riflessioni sugli interventi da attuare per recuperare le funzioni compromesse dal danno cerebrale nei bambini e influire così in senso positivo sullo sviluppo complessivo del soggetto, in qualche modo, “disabile”. Il libro, a tratti toccante e commovente, darà voce alle esperienze attive e scientifiche di una équipe straordinaria e specialistica di neuropsichiatri infantili che lavorano in diversi Cen- tri della Fondazione Don Gnocchi. 144 pagine. 93943-Z €€ 16,50* La riabilitazione oggi. Che cosa, come, dove, chi (a cura di Silvano Boccardi, 2010) Il volume, curato da uno dei padri fondatori della medicina riabilitativa in Italia, affronta la questione riabilitazione alla luce di una più nobile concezione della dignità e dei diritti della persona e partendo dalla constatazione che, alla riduzione continua dei pazienti che affluiscono agli ambulatori e agli ospedali con affezioni acute, ha recentemente fatto riscontro un numero sem- pre crescente di chi lamenta problemi dovuti a malattie croniche, ma anche ai postumi di eventi acuti, provocando difficoltà nella gestione della vita personale, familiare e sociale. Il progetto riabilitativo, con obiettivi plausibilmente raggiungibili, ma anche con tempi ben precisi necessari al loro conseguimento, dev’essere completato da un programma che prevede “cosa”, “da chi”, “in quale sede”, “con quali sinergie” verrà attuato. La riabilitazione, in definitiva, necessita di un approccio biopsico- sociale da mettere in pratica attraverso un’équipe riabilitativa, con competenze professionali diverse integrate in un’ottica in- terdisciplinare che prevede un fondamentale scambio di competenze tra i vari membri. 160 pagine. 94129-T €€ 18,00* VOLUMI *IVA assolta dall’Editore
  • 1188 VOLUMI METODI E PRATICHE IN RIABILITAZIONE Diretta da Angelo Gianfranco Bedin La collana propone percorsi e pratiche in riabilitazione con un approccio ecologico e globale alla persona e vuole essere un valido supporto per operatori sanitari e socioassistenziali che si pongono obiettivi di miglioramento clinico e ricercano sa- peri innovativi, tecniche e metodi usati da esperti nella loro prassi quotidiana. *IVA assolta dall’Editore La riabilitazione delle gravi cerebrolesioni acquisite. Percorsi sanitario-assistenziali, complessità gestionale, evidenza dei risultati (a cura di Anna Mazzucchi, 2011) Questo volume è il primo in Italia, ma anche all’estero, ad includere tutte le principali tematiche cliniche, terapeutiche, riabilita- tive e assistenziali che riguardano le gravi cerebrolesioni acquisite. Gli autori, medici di varie specialità, psicologi, infermieri, fisio- terapisti, logopedisti, terapisti occupazionali, tutti operanti all’interno dei Centri per Gravi Cerebrolesioni Acquisite della Fondazione Don Carlo Gnocchi, hanno contribuito ad approfondire in modo scientificamente aggiornato, ma anche sulla base dell’espe- rienza acquisita sul campo e nell’ambito di un’intensa collaborazione tra i Centri, una vasta serie di tematiche. Alcune di queste sono state approfondite e aggiornate sulla base delle più recenti evidenze scientifiche, ad esempio quelle riguardanti la riabilita- zione neuromotoria, ortopedica, cognitivo-comportamentale, logopedica e occupazionale. Altre rappresentano un contributo più originale di cui vi è scarsa letteratura a disposizione: organizzazione del lavoro, efficacia dei modelli organizzativi, comorbi- dità e criticità della fase post-acuta, aspetti nutrizionali, ricerca della stabilità clinica, diagnosi e riabilitazione dello stato di coscienza, gestione del dolore, dell’idrocefalo e della cranioplastica, dei disturbi sfinterici, neuroftalmologici ed endocrinologici, come pure degli esiti a lungo termine. Ampio spazio è dedicato alla gestione delle famiglie e delle varie problematiche che si presentano dopo la dimissione dalle strutture: l’organizzazione del rientro a domicilio, a scuola e al lavoro, la ripresa della guida. L’impegno profuso da tutti i professionisti che hanno collaborato alla stesura di questo volume ha una triplice valenza: la prima è quella di aver messo a disposizione dei tanti operatori della riabilitazione tutte le conoscenze scientifiche e cliniche ad oggi disponibili; la seconda è aver reso la maggior parte delle tematiche affrontate comprensibili anche a lettori non esperti, e quindi anche ai familiari di persone con cerebrolesione acquisita, quando siano desiderosi di informarsi in maniera corretta su temi troppo spesso affrontati superficialmente dagli organi di stampa; la terza, coerentemente con la mission della Fondazione Don Gnocchi, è quella di aver condotto approfondimenti scientifici, clinici e riabilitativi con particolare attenzione agli aspetti etici della professione. 392 pagine. 94297-Z €€ 42,00* Il metodo Drežancˇic´ nei bambini dai primi mesi di vita ai tre anni. Guida all’utilizzo delle prime stimolazioni, dei giochi fonici e dei primi vocaboli (Anna Basili, Consuelo Lanzara e Mirella Zanobini, 2011) Strumento di approfondimento e lavoro per tutte le figure che si occupano del “recupero” di bambini con difficoltà nello svi- luppo del linguaggio, questo volume rappresenta un valido ausilio anche per i genitori e gli educatori che vogliono accompa- gnare in modo più consapevole i propri bambini nella conquista della comunicazione verbale e nella formazione di un pensiero linguistico capace di organizzare percezioni e apprendimenti. Il Metodo creativo stimolativo riabilitativo della comunicazione orale e scritta con le strutture musicali di Zora Drežancˇic´, qui presen- tato, non considera il bambino un fruitore di giochi didattici o un piccolo essere in competizione coi propri simili, ma una per- sona nella fase più delicata della vita, in quanto sta organizzando le basi biologiche ed esperienziali del proprio sviluppo. Poiché grazie al primo programma del Metodo Drežancˇic´ è possibile stimolare i bambini in difficoltà fin dai primi giorni di vita, il libro e i materiali contenuti nel DVD forniscono a chi vuole aiutare i bambini in difficoltà mezzi validi ed efficaci per promuovere un livello ottimale di sviluppo linguistico, cognitivo e comunicativo. I bambini audiolesi, per cui questo metodo è stato creato, e tutti i bambini con le più svariate sindromi genetiche e cromosomiche e danni neurologici di varia natura possono beneficiare di que- sto intervento precoce, che non viene proposto nell’ottica di “fare il più possibile”, ma di fornire aiuti mirati e programmati allo scopo di favorire la percezione e l’elaborazione centrale degli stimoli ambientali più significativi per lo sviluppo. 128 pagine. Con DVD allegato contenente gli esercizi audio e video necessari al programma di intervento. 94293-V €€ 31,00* NNOOVVIITTÀÀ In preparazione Computer Therapy game. Quando il videogame aiuta a crescere… (Antonio Consorti) La CGT si approccia all’uso del computer in modo innovativo, non considerando lo strumento computer solo per le potenzia- lità d’apprendimento cognitivo, ma soprattutto come strumento di esperienza, dove per esperienza s’intende un forte coinvol- gimento emotivo basato sulla relazione dinamica tra operatore, soggetto disabile e ambiente virtuale. Stimolazione e riabilitazione cognitiva nella malattia di Alzheimer e patologie correlate (Elisabetta Farina) Il volume, dopo aver passato in rassegna le evidenze scientifiche a favore della stimolazione e riabilitazione cognitiva nella ma- lattia di Alzheimer, le altre demenze e la compromissione cognitiva, e averne fornito l’inquadramento clinico, ne presenta – operativamente – i percorsi riabilitativi.
  • 1199 VOLUMI SVILUPPI IN PSICOTERAPIA: trattamenti evidence-based Progettata con il sostegno della Society of Clinical Psychology (APA Division 12), questa collana propone un approccio evi- dence-based alla psicoterapia, con testi curati da esperti del settore e ricchi di risorse, come “vignette cliniche”, box di ap- profondimento e schede d’intervento, e vuole essere un riferimento autorevole e aggiornato non solo per il clinico professionista, ma anche per tutti coloro che operano per la salute mentale (medici, psicologi, operatori sociali) e si occu- pano di formazione in psicoterapia. L’edizione italiana è curata da Marco Giannini, ricercatore di Psicometria presso l’Uni- versità degli Studi di Firenze, psicoterapeuta e Direttore della Scuola di Psicoterapia comparata di Firenze. Disturbo d’ansia sociale (Martin M. Antony e Karen Rowa, 2010) Molte persone fanno esperienza, almeno una volta nel corso della vita, di disagio, ansia o timidezza eccessiva di fronte a situa- zioni e ambienti sconosciuti, nei quali si sentono sottoposte a un giudizio. Secondo studi condotti su larga scala, il disturbo d’an- sia sociale (DAS) è uno dei più diffusi disturbi psicologici e, se non diagnosticato e curato, può provocare danni significativi nella vita di una persona. Questo libro, pensato per i professionisti della salute mentale (psichiatri, psicologi, medici di base, ecc.), offre una descrizione teorica generale del DAS, evidenziando gli aspetti fondamentali da indagare per una corretta diagnosi, e descrive le componenti principali della terapia cognitivo-comportamentale, oggi uno dei trattamenti più efficaci per la cura di questo disturbo. 108 pagine 94112-A €€ 21,00* Disturbo ossessivo-compulsivo (Jonathan S. Abramowitz, 2010) Oggi in Italia, circa 800.000 persone soffrono di un disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), senza distinzione di età e sesso. Chi ne è colpito subisce un significativo decadimento nella qualità della vita dovuto a una serie di limitazioni nella sfera sociale e lavorativa. Basata su decenni di ricerca scientifica e di pratica clinica, la terapia cognitivo-comportamentale ha aiutato un gran numero di persone affette da DOC a superare sintomi invalidanti e a riconquistare uno stile di vita più soddisfacente. Questo volume è dedicato agli operatori sanitari e sociali con una conoscenza di base dell’intervento psicoterapeutico, con l’obiettivo di fornire uno sguardo d’insieme sulle diagnosi e l’assessment dell’OCD e di guidarli nella scelta di un trattamento modellato sui bisogni individuali del paziente. 104 pagine. 94111-Z €€ 21,00* Gambling. Gioco d’azzardo problematico e patologico (James P. Whelan, Timothy A. Steenbergh e Andrew W. Meyers, 2010) Negli ultimi trent’anni il moltiplicarsi di forme legali e accessibili di gioco d’azzardo – casinò, lotterie, videopocker, siti Internet – ha determinato nella popolazione adulta una crescente diffusione di problemi, anche gravi, legati al gioco, con una preoc- cupante ricaduta sulla salute, sui rapporti familiari e in generale sulla comunità. Questo volume si propone di fornire al clinico, ma anche allo studente interessato a questi argomenti, le conoscenze essenziali sul gioco d’azzardo problematico e patologico e sulle tematiche a esso correlate. Attraverso la definizione dei criteri diagnostici e suggerimenti sulle strategie di valutazione del gambling, gli Autori tracciano linee guida per l’intervento chiare e facili da se- guire, includendo anche una proposta di trattamento da loro elaborata. 124 pagine. 94135-Z €€ 22,50* Disturbi dell’alimentazione (Stephen W. Touyz, Janet Polivy e Phillipa Hay, 2010) Anoressia e bulimia sono i disturbi dell’alimentazione più noti, che colpiscono la popolazione, soprattutto giovanile, dei Paesi industrializzati, ma in realtà rappresentano soltanto la punta dell’iceberg di un’ampia casistica di comportamenti alimentari ri- conducibili a un rapporto conflittuale con il cibo. Essi rappresentano una sfida importante per medici e psicologi, perché inci- dono profondamente sulla salute fisica e mentale di un numero crescente di persone. Frutto della lunga esperienza degli Autori, aggiornata agli studi più attuali, Disturbi dell’alimentazione è una guida agile per la diagnosi e il trattamento terapeutico. Si rivolge agli operatori del settore sanitario e sociale, ma anche a tutti coloro che cer- cano da una fonte autorevole un orientamento su queste tematiche. 128 pagine. 94110-Y €€ 25,00* *IVA assolta dall’Editore
  • 2200 PSICOLOGIA PER IL LAVORO E LE ORGANIZZAZIONI Diretta da Vincenzo Majer Questa nuova collana diretta da Vincenzo Majer offre un punto di vista autorevole e approfondito su un’ampia gamma di temi legati alla psicologia del lavoro e delle organizzazioni, rivolgendosi a tutti coloro che per professione o interesse ac- cademico si occupano di risorse umane. I volumi offrono, nel loro insieme, un’ampia e articolata panoramica su argomenti attuali come il mobbing, lo stress lavorativo, la sicurezza sul lavoro, l’assessment, la formazione e le altre problematiche ine- renti all’uomo nelle organizzazioni. Il metodo dei casi. Modelli teorici e prassi operativa per l'assessment (Vincenzo Majer ed Emanuele Farinella, 2009) ll metodo dei casi è uno tra i più affascinanti ed efficaci strumenti ad uso dei professionisti che hanno fatto delle risorse umane la loro specializzazione. In un mondo del lavoro, come quello moderno, in cui sempre più spesso si richiede ai suoi componenti di sapersi relazionare efficacemente e gestire con altrettanta fluidità il lavoro in team e la complessità, il metodo dei casi si rivela un potente alleato e un prezioso supporto per chi è chiamato a scoprire e valutare le potenzialità delle persone che “abitano” le or- ganizzazioni. Nonostante questo primato, il metodo dei casi è purtroppo ancora relativamente poco conosciuto e ad oggi è dif- ficile reperire materiale informativo e formativo che prepari adeguatamente al suo utilizzo. Questo libro ambisce quindi a colmare questa lacuna editoriale e al contempo vuole offrire spunti teorici e operativi ad “apprendisti” ed esperti, accompagnando il let- tore alla scoperta delle simulazioni di gruppo seguendone l'applicazione passo per passo all'interno di un virtuale processo di va- lutazione che fa da cornice pragmatica e realistica a tutta l'opera. Vengono inoltre presentati modelli e strumenti operativi per l'osservazione dei comportamenti, schede per la loro rilevazione e per l'assegnazione dei relativi punteggi. È stato dato spazio anche alle modalità di elaborazione dei profili quantitativi e qualitativi dei soggetti in valutazione. 160 pagine. 93992-A €€ 18,60* Formazione e sviluppo nelle organizzazioni. Innovare e integrare il sistema della formazione continua (a cura di Carlo Odoardi, 2009) Il volume fornisce, nell'ambito della ricerca-azione, l'analisi teorica e applicativa di un processo innovativo all'interno di un'or- ganizzazione attraverso la creazione di un Laboratorio di innovazione per lo sviluppo della formazione continua nell'area delle risorse umane. Vengono presentati gli aspetti psicosociali legati ai processi di innovazione nelle organizzazioni. Segue una di- samina delle principali dimensioni (competenza, processo di formazione, gruppi di miglioramento della qualità, tecnologie per lo sviluppo dei sistemi informativi e formativi) concorrenti alla creazione di un sistema innovativo e integrato della formazione. Si descrivono, inoltre, le logiche, le strategie, la metodologia e gli strumenti che hanno caratterizzato le fasi operative durante l'introduzione di questo nuovo servizio di formazione. Sono riportati i risultati di un'indagine sulla percezione della formazione e sulla salute organizzativa utili per definire e promuovere piani di miglioramento nei rispettivi sistemi della formazione e del- l'organizzazione. Il libro è quindi un contributo che cerca di favorire, soprattutto negli studenti, conoscenza e consapevolezza su come le teorie, i modelli e i paradigmi della psicologia si traducano in sistemi operativi per lo sviluppo e la valorizzazione degli individui che vivono nelle organizzazioni. 272 pagine. 93994-C €€ 37,00* Career counseling e bilancio di competenze. Prospettive internazionali (a cura di Annamaria Di Fabio, 2009) Il volume nasce in un momento fecondo del panorama internazionale, in un contesto in cui la globalizzazione, se ha inciso e problematizzato le consuetudini tradizionali, ha tuttavia favorito scambi e confronti, velocizzando opportunità e creando pos- sibilità aggiuntive, prima impensabili. È in questo contesto di costruttiva circolarità internazionale che si colloca il volume, gra- zie ai tanti studiosi – italiani e stranieri – che hanno deciso di contribuirvi, impreziosendone la qualità. Il testo si propone, in breve, un duplice obiettivo. Da un lato, tracciare, a salvaguardia dei clienti dei vari servizi, le direttrici fondamentali delle finalità, della qualità e dell’efficacia degli interventi, tesaurizzando esperienze internazionali all’avanguardia, così da accelerare nelle buone prassi e da preservarsi da ostacoli e insidie facilmente mimetizzabili in contesti operativi non altrettanto consolidati, quali quelli italiani. Dall’altro, ampliare la visuale del lettore, suggerendo altre possibilità di utilizzo e applicazione degli interventi rispetto a quelle più tradizionalmente conosciute, ridisegnandone contorni e peculiarità. 200 pagine. Scritti di J. Guichard, A.J. Metz, P.A. Gore Jr, W.C. Leuwerke, D.L. Blustein, C. Catraio, C. Lemoine, J.-L. Bernaud, A. Di Fabio, V. Majer, L. Palazzeschi, M. Gritta Grainer, A. Turci, A. Grimaldi, S. Soresi e L. Nota. 200 pagine. 93991-Z €€ 25,50* Psicologia della pubblicità. Oltre la tentazione (G. Andrea Mancini, Vincenzo Russo e Massimo Bellotto, 2010) I mass-media, sempre più nel corso degli anni sono diventati parte integrante della nostra vita, proponendosi in molteplici forme nei diversi momenti della giornata. In particolare, in quasi ogni ambito del nostro agire quotidiano, la pubblicità è divenuta una presenza non solo costante ma anche controversa. Essa si rivolge ai consumatori intesi come individui e come soggetti sociali che pensano ed agiscono all’interno dei propri specifici contesti culturali. Ciò in quanto l’utilizzo di un prodotto o l’acquisto di un marchio forniscono modelli di riferimento volti a soddisfare le esigenze sociali, emotive e culturali prima ancora di quelle fun- zionali. In questo volume il fenomeno in oggetto appare in funzione del vertice di osservazione dal quale viene considerato, cioè secondo un approccio propriamente psicologico. Tale approccio, che spesso nella letteratura sulla pubblicità è stato adottato in modo frammentario o naif, intende qui sistematizzare e declinare in forma compiuta una serie di questioni inerenti alla teoria e alla pratica della comunicazione pubblicitaria. Il rapporto tra psicologia e pubblicità, infatti, non consiste solo nel delineare i più importanti concetti e le teorie sul comportamento, mostrandone le applicazioni utili ad implementare l’efficacia persuasiva della comunicazione commerciale, ma gli Autori del libro hanno ritenuto opportuno fondare la Psicologia della pubblicità su una più ampia riflessione teorico-pratica nell’ambito della psicologia del marketing e dei consumi. 208 pagine 93990-Y €€ 25,50* VOLUMI *IVA assolta dall’Editore
  • 2211 MANAGEMENT POCKETBOOKS Una collana di miniguide pratiche e innovative per favorire una rapida autoformazione al business, migliorare la perfor- mance lavorativa e valorizzare in modo efficace le proprie potenzialità. Un approccio nuovo e originale ai più importanti temi della formazione organizzativa, con una ricca serie di suggerimenti, strumenti, questionari, tecniche e riflessioni sugli aspetti più attuali della cultura d’impresa. Intelligenza emotiva (Margaret Chapman, 2009) Questo pocketbook introduce il concetto di intelligenza emotiva (IE). Definendo cos'è e spiegando perché è importante, for- nisce una cornice per capire l'IE e illustra le tecniche per cominciare a sviluppare le capacità ad essa correlate, dando anche in- dicazioni di massima sull'uso dell'IE come strategia manageriale per il cambiamento organizzativo. Destinato ai manager consapevoli che essere un leader efficace richiede uno sviluppo che parta dall'interno e ad operatori RU che desiderano una breve guida a questo concetto ormai entrato nell'uso comune, mette loro a disposizione pratici strumenti per cominciare a sviluppare la propria intelligenza emotiva. 108 pagine. 93986-U €€ 5,90* Leadership (Fiona Elsa Dent, 2009) Scritto per leader a tutti i livelli – strategico, operativo e di squadra –, il pocketbook illustra come comportarsi con il cambiamento nell'attuale contesto economico e nella vita delle organizzazioni, sottolineando quali dovrebbero essere le abilità e le compe- tenze chiave del leader. A questo fine, illustra esempi di persone di successo che, negli ambiti più svariati, hanno raggiunto ruoli di spicco attraverso una profonda crescita personale. Tutti hanno affrontato sfide, cambiamenti, alti e bassi, e hanno perseve- rato per sviluppare e creare ciascuno la propria forma speciale di leadership. Il libretto propone un approccio rapido e molto pratico, è ricco di esercizi e questionari, e fornisce un elenco di letture consigliate sulla leadership. 112 pagine. 93985-T €€ 5,90* Feedback a 360° (Tony Peacock, 2009) Avere un feedback a 360° è una delle esperienze più importanti per chi lavora in un'organizzazione, perché le valutazioni pro- vengono dalle persone che vi lavorano "intorno": il capo, i colleghi, i collaboratori, i clienti, i fornitori, tutti possono avere un ruolo costruttivo nel fornirgli un prezioso feedback. Se condotto come si deve, infatti, il feedback a 360° è un mezzo brillante per motivare le persone, raggiungere gli obiettivi aziendali, aiutare i collaboratori ad utilizzare al massimo i propri punti di forza e ad abbattere le proprie debolezze. Il pocketbook guida il lettore attraverso l'intero processo, introducendo alcuni concetti di base, proseguendo con la descrizione delle fasi di avviamento e di progettazione del feedback a 360°, presentando tutti gli at- tori in gioco e descrivendo le competenze che servono al conduttore. 128 pagine. 93984-S €€ 5,90* Talent Management (Andy Cross, 2009) Di quali talenti ho bisogno e come trovarli? Come posso tirar fuori il meglio dai miei collaboratori quando ce n'è più bisogno? Come amalgamare i talenti disponibili per ottenere le prestazioni migliori? Come si può attrarre i veri "talenti" e far così pro- sperare l'organizzazione? Cosa attrae le persone dotate e le trattiene più a lungo? Il pocketbook risponde a queste domande con la "ragnatela del talento": cinque ruoli distinti che insieme costituiscono la gestione ottimale dei talenti. Pensato per i manager che sanno istintivamente di dover selezionare collaboratori dotati, aspettarsi ottimi risultati e investire nello sviluppo delle persone perché diano il meglio di sé. 112 pagine. 93987-V €€ 5,90* Psicologia per la sicurezza sul lavoro. Rischio, benessere e ricerca del significato (Carlo Bisio, 2009) Questo volume costituisce una presenza del tutto originale nel panorama editoriale italiano. Esso affronta, infatti, un tema at- tuale e discusso come quello della sicurezza sul lavoro attraverso una prospettiva che nel nostro Paese (a differenza che in altri) è quasi completamente inedita: il punto di vista umano. Al centro della trattazione si trovano non tanto i principi normativi o tecnici preposti alla tutela della sicurezza sul lavoro, quanto la psicologia dei gruppi e delle persone che, attraverso il loro com- portamento, la loro competenza, le loro abitudini, il loro modo di comunicare, costruiscono – o disfano – la reale sicurezza sul lavoro e i risultati che ne conseguono. L'analisi è volta a dimostrare che i rischi psicosociali (come stress, burnout, mobbing e comportamenti a rischio, tutti puntualmente trattati in queste pagine) derivano in molti casi dal deterioramento di elementi organizzativi e sociali come il gruppo, la leadership, il clima e la comunicazione. Dopo avere enunciato alcune proposte con- crete di interventi migliorativi, l'Autore giunge a una conclusione fondamentale: il benessere sul lavoro non è semplicemente l'assenza di malattia o di infortuni, quanto una dimensione complessa che mette l'essere umano in grado di dare significato al proprio lavoro (e, dunque, alla propria vita) attraverso processi sociali e culturali come le relazioni interpersonali, l'espressione creativa della propria identità, l'apprendimento di nuove abilità, l'attribuzione di significato alle proprie azioni. 168 pagine. 93993-B €€ 19,50* Mobbing: virus organizzativo. Prevenire e contrastare il mobbing e i comportamenti negativi sul lavoro (Gabriele Giorgi e Vincenzo Majer, 2009) Questo volume si propone come il manuale più completo e articolato pubblicato in Italia, dedicato a un fenomeno di scottante attualità: il mobbing. Vengono presentati e commentati modelli teorici e prassi operative per riconoscere, prevenire e contra- stare il mobbing e i comportamenti negativi sul lavoro, alla luce di studi cross-culturali comparativi, di ricerche condotte in am- bito internazionale e di attività di intervento/diagnosi su numerose organizzazioni italiane. Il libro fornisce linee guida rigorose e scientifiche sull'argomento e parte dall'assunto che si deve tanto intervenire sul mobbizzato come potenziale vittima e non come “caso cronico”, quanto analizzare e contrastare i comportamenti negativi che hanno luogo all'interno delle strutture e dei processi organizzativi. La percezione soggettiva di essere mobbizzato, infatti, non sembra essere un fenomeno occasionale, limitato nello spazio e nel tempo, ma appare come il risultato di un malessere ampiamente diffuso, intrinseco all'attività lavo- rativa e con la forma di un pericoloso virus organizzativo. 208 pagine. 93995-D €€ 25,50* VOLUMI *IVA assolta dall’Editore
  • 2222 PERCORSI DI ORIENTAMENTO Diretta da Salvatore Soresi Una collana di volumi interamente dedicata all’orientamento scolastico-professionale. Orientamento e formazione. Progetti ed esperienze nella scuola e nell’università (a cura di Santo Di Nuovo, 2003) Scuola e università devono essere in grado di creare le condizioni perché gli studenti siano capaci di effettuare in autonomia scelte adeguate ed efficaci, e i loro docenti possano programmare il percorso educativo necessario a rendere queste condizioni ottimali per ciascuno. Strutturato in sezioni (orientamento all’università, nelle scuole superiori e nella scuola di base), questo volume è il resoconto documentato di esperienze condotte in ambito scolastico dall’équipe del Centro di Orientamento e For- mazione dell’Università degli Studi di Catania: esso offre linee guida, strumenti e dati utili per progettare azioni di orientamento formativo capaci di rispondere a questa sfida. 224 pagine. 77877-K €€ 32,55* In appendice sono riportati questionari e test che gli insegnanti possono utilizzare a fini orientativi. Dalla formazione al lavoro. Ipotesi e strumenti di orientamento professionale (a cura di Santo Di Nuovo, 2006) La formazione deve essere direttamente professionalizzante? Oppure deve offrire un bagaglio di conoscenze ed esperienze? E ancora: cosa pensano i giovani del lavoro? cIl volume centra l’attenzione sulle modalità di passaggio dalla formazione al lavoro e prefigura un orientamento che aiuti anche a ri-pensare e a ri-valutare le scelte già compiute, alla luce delle esperienze pro- gressivamente maturate. Vengono trattate le diverse forme di transizione dai percorsi formativi al lavoro, incluse quelle online, e le caratteristiche di una personalità aperta e flessibile oltre che “competente”, radicata nell’identità di genere e arricchita della capacità di progettare autonomamente il proprio futuro lavorativo. 224 pagine 83699-S €€ 31,00* In appendice sono riportati strumenti e materiali di orientamento liberamente utilizzabili. Orientamento alle scelte. Rassegne, ricerche, strumenti ed applicazioni (a cura di Salvatore Soresi, 2007) In questi ultimi anni, e in Italia in particolar modo, la produzione scientifica in materia di orientamento è notevolmente aumen- tata così come le occasioni di dibattito e di confronto a proposito delle diverse applicazioni e azioni, realizzate per aiutare le per- sone a progettare il proprio futuro. La prima parte raccoglie recenti rassegne e ricerche e richiama il supporto che modelli diversi, quello educativo, quello costruttivista e quello sociocognitivo, possono offrire; la seconda propone una serie di strumenti di recente oggetto di studio e applicazione nel nostro Paese; la terza raccoglie soprattutto “applicazioni”, programmi ed esperienze selezio- nati sulla base dei loro specifici contenuti e del rigore metodologico presente in sede di programmazione e verifica. 416 pagine. 83698-R €€ 41,00* Con risorse online (questionari, materiali didattici, documenti) scaricabili da www.giuntios.it. Sfide e nuovi orizzonti per l’orientamento. 2. Diversità, sviluppo professionale, lavoro e servizi territoriali (a cura di Salvatore Soresi e Laura Nota, 2011) L’orientamento, per poter effettivamente aiutare le persone a scegliere e a realizzare i propri progetti professionali, deve dimostrarsi in grado di personalizzare i propri interventi in modo che risultino effettivamente congruenti alle caratteristiche e necessità dei loro destinatari. A questo riguardo esistono differenze molto evidenti, come le differenze di genere, quelle causate da menomazioni, da difficoltà di apprendimento, o quelle dovute a povertà, a motivi linguistici, etnici, culturali, religiosi. Tali differenze oltre a ri- chiedere sensibilità osservative e valutative necessitano molto spesso di aiuti consistenti per ridimensionare difficoltà ad esse as- sociate e per smuovere ostacoli e barriere. Come si potrà costatare esaminando i contributi riportati in questo volume, l’orientamento può oggi avvalersi di modelli e strategie di intervento che possono aiutare a evidenziare le differenze interindivi- duali e a rispondere adeguatamente alle diverse esigenze e aspettative delle persone. 344 pagine. 94143-H €€ 38,00* Sfide e nuovi orizzonti per l’orientamento. 1. Metodologie e buone pratiche (a cura di Laura Nota e Salvatore Soresi, 2010) L’orientamento del XXI secolo necessita di radicali cambiamenti a proposito dei contenuti del dibattito teorico, della tipologia delle ri- cerche che sarà opportuno implementare e delle “buone pratiche” con le quali approcciare coloro che si rivolgeranno ai servizi e ai professionisti dell’orientamento. La prima parte del volume concentra l’attenzione su una serie di costrutti e dimensioni, quali la qua- lità della vita, l’adaptability, e l’intenzionalità, e sulla necessità di rivisitare i costrutti più tradizionali dell’orientamento. La seconda parte, considerando gli elevati tassi di incertezza e insicurezza che sembrano caratterizzare il futuro, si interroga a proposito di come, nono- stante tutto, sarebbe possibile supportare le persone nel loro compito di progettazione professionale. La terza parte considera da vi- cino le questioni del career decision-making; vengono approfonditi i processi decisionali associati alla scelta professionale e le difficoltà che le persone possono a questo riguardo sperimentare. 344 pagine. 94128-S €€ 38,00* VOLUMI Scelte e decisioni scolastico-professionali. Processi e procedure di analisi ed intervento (Laura Nota, Leon Mann, Salvatore Soresi e Isaac A. Friedman, 2002) Il volume si rivolge in particolare a chi opera con adolescenti: intervenire a vantaggio delle capacità decisionali è un’impresa impegnativa e delicata che non può frettolosamente risolversi con due o tre colloqui o con la semplice trasmissione di infor- mazioni sul mondo del lavoro e della formazione. 352 pagine. 49014-U €€ 37,80* In appendice sono riportati i materiali (lucidi da proiettare, prove di verifica, compiti per casa, ecc.) neces - sari allo svolgimento del training “Scelte e decisioni: no problem!”, sul potenziamento della capacità deci- sionale dei giovani (15 unità didattiche). *IVA assolta dall’Editore
  • 2233 Interessi e scelte. Come si evolvono e si rilevano le preferenze professionali (Salvatore Soresi e Laura Nota, 2000) Nel fare orientamento non si può dimenticare che numerosi fenomeni di abbandono scolastico od universitario sono da im- putarsi, più che a mancanza di capacità, a scarso interesse verso ciò che è oggetto di studio. Il volume, dopo aver passato in rassegna i vari strumenti di valutazione degli interessi e le teorie ad essi soggiacenti, si conclude con un esempio di curriculum per la pianificazione di un’attività di orientamento alla scelta. 352 pagine. 49010-C €€ 37,80* In appendice sono riportati i materiali (lucidi da proiettare, prove di verifica, compiti per casa, ecc.) neces- sari allo svolgimento del training sulla valutazione dei propri interessi professionali (15 unità didattiche). Far fronte alle difficoltà. Strategie di coping negli adolescenti (Erica Frydenberg, 2000) Insegnare ad assumere adeguate strategie per far fronte in modo funzionale alle difficoltà che possono insorgere a scuola, in famiglia, al lavoro o fra i coetanei è possibile, e il loro apprendimento sembra essere uno dei più potenti antidoti al rischio del disagio adolescenziale. Questo volume, accanto ad un’aggiornata rassegna delle ricerche condotte a livello internazionale, pro- pone una serie di esemplificazioni sul coping giovanile, e si focalizza sulle modalità con cui gli adolescenti gestiscono i loro di- versi problemi. Di particolare interesse per insegnanti e psicologi risulteranno le pagine dedicate allo sviluppo dell’apprendimento delle strategie di coping, alle modalità utilizzabili in sede di valutazione e trattamento, in vista della pre- venzione dell’abbandono scolastico e del malessere psicologico. 224 pagine. 49012-S €€ 30,45* Autoefficacia nelle scelte. La visione socio-cognitiva dell’orientamento (Laura Nota e Salvatore Soresi, 2000) L’autopercezione delle proprie abilità è una variabile che si è dimostrata più predittiva delle usuali misure utilizzate nel campo dell’orientamento e della consulenza lavorativa. Questo volume è dedicato all’autoefficacia, alla career self-efficacy e a quanti si trovano impegnati a favorirne lo sviluppo. Gli insegnanti e gli operatori dell’orientamento e della formazione professionale vi troveranno utili suggerimenti su come impostare la propria attività in modo che sia possibile rinforzare nei giovani senti- menti positivi di sé, fiducia nelle proprie capacità ed atteggiamenti positivi nei confronti dell’apprendimento e stimolare in loro comportamenti di ricerca attiva del lavoro. 352 pagine. 49011-Z €€ 36,00* In appendice sono riportati i materiali (lucidi da proiettare, prove di verifica, compiti per casa, ecc.) neces- sari allo svolgimento del training sul potenziamento del senso di autoefficacia (16 unità didattiche). Orientamenti per l’orientamento. Ricerche ed applicazioni dell’orientamento scolastico-professionale (a cura di Salvatore Soresi, 2000) Il volume vuole ridimensionare il gap tutt’oggi esistente tra dibattito scientifico e “pratiche” di orientamento. Le ricerche e le ap- plicazioni presentate si riferiscono a temi quali il decision-making adolescenziale, le procedure utilizzabili per approfondire la co- noscenza dei processi di scelta, le problematiche connesse alla ricerca attiva di un lavoro, ecc. Scritti di L. Arcuri, C. Ballerini, A. Battistelli, D. Bavestrello, A. Bruno, C. Castelli, G. Costa, C. Dazzi, P. De Vito Piscicelli, S. Di Nuovo, G.B. Flebus, C. Ghidelli, P. Gu- bitta, C. Kaneklin, L. Mann, C. Marchesini, M. Mistri, M. Monaci, L. Nota, N. Paggin, M. Pastore, L. Pedrabissi, S. Pizzini, K. Po- làcˇek, G. Sangiorgi, G. Sarchielli, C. Scarpellini, S. Soresi, T. Tegiacchi, R. Trentin, G. Vidotto. 320 pagine. 49013-T €€ 34,65* L’orientamento professionale. Processi, questioni e tecniche (Norman C. Gysbers, Mary J. Heppner e Joseph A. Johnston, 2001) Questo volume offre un valido aiuto ai consulenti d’orientamento per aggiornare le loro conoscenze e approfondire temi, que- stioni e tecniche di questo complesso tipo d’intervento. Il processo viene affrontato in tutto il suo svolgimento, evidenziandone il rilevante contributo per attuare scelte di vita autentiche di donne, uomini e membri di gruppi minoritari, con particolare at- tenzione al problema della diversità. Un testo destinato a chi vuol migliorare la propria competenza tecnica e pratica nel campo della psicologia dell’orientamento e la propria capacità di comprendere il comportamento dei clienti, grazie anche ad un re- pertorio ampio e selezionato di tecniche e strumenti di valutazione. 312 pagine. 49016-W €€ 37,80* Bilancio di competenze e orientamento formativo. Il contributo psicologico Seconda ristampa (Annamaria Di Fabio, 2002) Il bilancio di competenze si configura come un intervento di elezione nell’orientamento formativo, complesso e articolato, che, per le sue caratteristiche procedurali, consente di coniugare insieme l’approfondimento della dimensione valutativa soggettiva e oggettiva, di integrare la riflessione, articolandola sul piano personale, formativo e professionale, e di ricomporre la pluralità delle prospettive progettuali. Con le sue tre parti ben strutturate ed una ricchissima appendice di esercizi sul bilancio di com- petenze, l’opera risulta un valido strumento destinato a quanti vogliano affrontare la delicata questione del bilancio di compe- tenze. 336 pagine. 49017-X €€ 37,80* In appendice sono riportati esercizi sul presente, sul passato, sugli interessi, sui valori professionali e mate- riali per approfondimenti autovalutativi. VOLUMI *IVA assolta dall’Editore
  • 2244 COUNSELING E CAREER COUNSELING Diretta da Annamaria Di Fabio Comitato scientifico: Jean-Luc Bernaud, David Blustein, Jean Guichard, Mark Savickas e Raoul Van Esbroeck Questa nuova collana, articolata in due differente linee (volumi di approfondimento teorico-metodologici, workbook con esercizi e attività), vuole proporre un’attenta selezione dei più originali contributi sulla psicologia del counseling e dell’orientamento, pri- vilegiando in particolare le connessioni con il career counseling e le prassi caratterizzate da un approccio life-long, olistico, contestuale, preventivo e inclusivo. Partendo da questa prospettiva transdisciplinare, la collana offrirà concreti strumenti per lo sviluppo dei ta- lenti, per la valorizzazione del capitale umano e per la predisposizione di interventi preventivi nei più vari contesti di azione (scuola, università, centri per l’impiego, agenzie formative, organizzazioni). VOLUMI Manuale di psicologia dell’orientamento e career counseling nel XXI secolo (Annamaria Di Fabio, 2009) Le prospettive di lavoro sono nel mondo d’oggi tutt’altro che definitive, caratterizzate da frequenti cambiamenti che impon- gono ai lavoratori di sviluppare conoscenze e competenze in modo continuo, di andare “a scuola per tutta la vita”, usare tec- nologie sempre più sofisticate, accettare la flessibilità e non fissarsi sulla stabilità, essere disponibili al cambiamento e creare da sé le proprie opportunità. Questi nuovi concetti di vita lavorativa designano un tipo di carriera legata più alla persona che al- l’organizzazione. In tale mutato contesto occupazionale, la psicologia dell’orientamento e del career counseling richiedono un analogo sforzo di contestualizzazione e di adeguatezza. Questo manuale presenta, in modo esaustivo, il nuovo scenario di ri- ferimento degli interventi, introduce i più recenti sviluppi teorici del settore e ne espone gli aspetti pratici e operativi; con la duplice finalità di migliorare la professionalità degli operatori di orientamento e di career counseling e aumentare la soddisfa- zione dei destinatari. Il volume è articolato in tre parti: la prima passa in rassegna le principali teorie sviluppatesi negli ultimi cinquant’anni nell’ambito di riferimento; la seconda illustra le nuove prospettive dell’epoca postmoderna, risultanti dalla glo- balizzazione e confluenti nella nuova psicologia per il lavoro inclusiva e nel nuovo paradigma per la career construction nel XXI secolo, il life designing; la terza presenta il career counseling come modalità privilegiata di intervento in linea con le più recenti e attuali evoluzioni della psicologia vocazionale. Il testo è corredato di un ricco apparato di appendici, con approfondimenti pratici ed esempi concreti delle problematiche e delle criticità che emergono negli interventi. 208 pagine 94068-E €€ 27,50* L’orientamento a scuola. Una proposta operativa di life-design (Raoul Van Esbroeck, 2011) Nella società postmoderna, caratterizzata dal cambiamento e dalla non prevedibilità, è aumentato a dismisura il numero delle scelte con cui confrontarsi e di conseguenza anche il numero e la qualità delle competenze decisionali che i giovani devono apprendere a scuola, per compiere scelte scolastiche e professionali per il proprio progetto di vita, sia esso più tradizionale o più innovativo e imprenditoriale. Questo volume si concentra pertanto sull’importanza, durante il periodo scolastico, dell’em- powerment decisionale, attraverso la presentazione di interventi adeguati di orientamento e career counseling, che preparino efficacemente i giovani a riconoscere, costruire e realizzare il proprio Sé professionale quando, durante la successiva vita adulta, dovranno affrontare i vari snodi decisionali. Viene presentato, per la prima volta in lingua italiana, il modello di intervento di orientamento realizzato nel Belgio di lingua fiamminga, modello che ha il proprio focus in ambito scolastico, e in cui si inte- grano in rete istituzioni, livelli diversi di professionalità degli operatori e componente genitoriale, riuscendo così a collocarsi in una prospettiva life-long, olistica, contestuale e preventiva. Rivolto a dirigenti scolastici, insegnanti, psicologi, orientatori ma anche a formatori interessati a offrire il proprio contributo nella costruzione del progetto professionale dei giovani, questo wor- kbook è ricco di esercitazioni e materiali di lavoro per gli studenti e gli stessi genitori. 188 pagine. 94298-A €€ 29,00* Workbook con materiali fotocopiabili per il programma di orientamento Dar forma alle storie. Guida al counseling narrativo (a cura di Kobus Maree, 2011) Il libro, offerto in traduzione ai lettori italiani, consente di cogliere la complessità, l’evoluzione e il valore della prospettiva narra- tiva e degli interventi ispirati da tale cornice scientifica di riferimento. Lo scenario postmoderno e il nuovo paradigma per la psi- cologia dell’orientamento e del career counseling nel XXI secolo richiedono mutamenti e innovazione a livello di interventi applicativi e questo testo costituisce il manuale di riferimento a livello internazionale nell’ambito del life design counseling, che in- troduce una nuova prospettiva life-long, olistica, contestuale e preventiva. La sfida per i professionisti del XXI secolo è che l’approccio di intervento “enables rather than just fits”. Il volume si rivolge agli operatori dell’orientamento in ambito sia scolastico sia profes- sionale, ai career counselor, agli psicologi del lavoro e delle organizzazioni nei contesti professionali e aziendali, ai formatori. La sua lettura costituisce inoltre un valido supporto anche per gli insegnanti, gli studenti di percorsi specialistici e chiunque sia interes- sato ad approfondire le novità emergenti. L’approccio attraverso le storie, lo storied approach, costituisce la metafora guida per una prospettiva postmoderna per il career counseling a reale servizio dell’empowerment delle persone, perché narrino le loro storie e disegnino le loro vite in modo che si alimenti una nuova storia personale e sociale attraverso il life design counseling. 216 pagine 94211-F €€ 30,00* Workbook con schede fotocopiabili per il training *IVA assolta dall’Editore NNOOVVIITTÀÀ NNOOVVIITTÀÀ
  • Potenziare l’intelligenza emotiva in classe. Linee guida per il training. (Annamaria Di Fabio, 2010) L’intelligenza emotiva è uno tra i più interessanti costrutti emergenti nei contesti scolastici: a differenza di altre caratteristiche individuali, infatti, questa variabile può essere implementata mediante training specifici. Il volume propone una modalità di in- tervento per il potenziamento dell’intelligenza emotiva a scuola mediante un training supportato empiricamente che si ispira al modello di intelligenza emotiva di Mayer, Salovey e Caruso e chiama in causa non processi di autovalutazione ma abilità con- crete espresse in termini di performance. Tra i motivi di interesse per il costrutto di intelligenza emotiva in ambito scolastico ri- troviamo il suo possibile ruolo di facilitazione in relazione a diversi comportamenti, tra cui in primo luogo la stessa performance scolastica di successo, il supporto sociale percepito, l’empowerment, la resilienza, la facilitazione dei processi di apprendimento, le competenze trasversali dell’insegnante, la teacher self-efficacy, la resistenza al cambiamento, la prevenzione del burnout negli insegnanti e il raggiungimento di molti altri comportamenti adattivi. In ambito scolastico è possibile pertanto intervenire sul- l’intelligenza emotiva mediante appositi training ideati per il suo potenziamento. Il training presentato in questo volume si ri- vela non solo strumento utile per insegnanti, studenti e genitori, ma anche per formatori, counselor, psicologi dell’orientamento e per tutti coloro che sono interessati ai molteplici aspetti delle politiche educative. 152 pagine, f.to 20x28. 94087-Z €€ 27,00* Workbook con CD e schede fotocopiabili per il training Lungo il cammino. Fondamenti teorici ed esercizi pratici per l’inserimento professionale (Marie-Claude Mouillet e Claude Colin; ed. it. a cura di A. Di Fabio e A. Grimaldi, 2010) Questo testo si incentra sulle modalità di potenziamento individuale che possono consentire reali processi di empowerment nella costruzione della scelta professionale. Si propone di facilitare lo sviluppo professionale e personale dell’individuo, mobilitandone le risorse cognitive e affettive ai fini di una realizzazione, anticipazione ed efficacia dei processi evolutivi implicati. Il metodo pre- sentato in queste pagine costituisce un avanzamento delle modalità degli interventi franco-canadesi, ai quali si richiama per certe configurazioni delle situazioni psicologiche oggetto di approfondimento, ma dei quali offre una dimostrazione più evoluta e attuale. Il volume rappresenta, dunque, un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore suddiviso in unità opera- tive ben descritte, chiare, articolate ed esaustive, è in grado di facilitare il processo di orientamento nella sua ampiezza, dal- l’implementazione delle risorse personali necessarie a un career planning efficace, fino all’individuazione delle criticità e alla definizione di strategie per la realizzazione del progetto professionale. Arricchisce il volume una presentazione ragionata di An- namaria Di Fabio (Dipartimento di Psicologia – Università degli Studi di Firenze) e di Anna Grimaldi (Responsabile Area “Politi- che per l’Orientamento” – ISFOL) che ne hanno curato l’edizione italiana. 216 pagine, f.to 20x28 94086-Y €€ 35,00* Workbook con schede fotocopiabili per il training VOLUMI *IVA assolta dall’Editore GIUNTI O.S. INFORMA La newsletter gratuita dedicata alla psicologia Giunti O.S. Informa è la newsletter pensata per professionisti, studiosi e appassionati di psicologia. È un servizio quindicinale che guarda alla ricerca e all’innovazione e fornisce ai suoi abbo- nati notizie e aggiornamenti su eventi, corsi di formazione, promozioni e novità editoriali. Per iscriverti vai su www.giuntios.it. www.giuntios.it IL MONDO DI GIUNTI O.S. NELLA TUA CASELLA DI POSTA. OGNI 15 GIORNI
  • Assistente alla Diagnosi dei Disturbi dell’Apprendimento versione 2.0 e versione 2.0 online AD-DA 2.0 E AD-DA 2.0 ONLINE AD-DA è il primo strumento di supporto professionale alla diagnosi dei Disturbi Specifici dell'Ap- prendimento. Il sistema assiste il clinico in tutte le fasi della presa in carico di un bambino: la raccolta dei dati anamnestici utili all’indagine diagnostica, la valutazione funzionale del sogget- to e la restituzione dell’esito di tale valutazione tramite relazione scritta. AD-DA è uno strumento di grande utilità per tutti i professionisti: velocizza il lavoro del clinico esperto e supporta il processo diagnostico e decisionale del professionista meno familiare con i Disturbi Specifici dell’Apprendimento. I TEST DI AD-DA AD-DA offre un protocollo coerente alle linee guida approvate dalla Consensus Conference. La selezione di test presente nella piattaforma permette la raccolta strutturata dei punteggi di test per valutare: il livello cognitivo, il linguag- gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta- fonologiche), le funzioni cognitive di base e le abilità strumentali agli apprendimenti scolastici. AD-DA realizza lo scoring e la registrazione di: Prove di lettura MT-2 per la Scuola Primaria* Nuove Prove di lettura MT per la Scuola Media Inferiore* DDE-2 − Batteria per la valutazione della Dislessia e della Disortogra- fia Evolutiva − 2 (prove di dettato di parole e nonparole)* CPM − Coloured Progressive Matrices** SPM − Standard Progressive Matrices** Leiter-R − Leiter International Performance Scale of Intelligence – Revised*** WISC-III − Wechsler Intelligence Scale for Children – III*** WPPSI-III − Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence – III*** AD-DA è uno strumento di grande supporto professionale nella diagno- si dei Disturbi Specifici dell'Apprendi- mento grazie alla selezione dei test e alla metodologia proposte. Seguendo il percorso suggerito dal sistema, il clinico è facilitato nella raccolta dei dati e il suo tempo di lavoro, dedicato ad anamnesi e valu- tazione, è notevolmente ridotto. L'utilizzo di AD-DA è semplice e imme- diato grazie all'attenzione riservata, in fase di progettazione, a usabilità e intuitività. Grazie all'innovativo motore infe- renziale, il sistema propone al pro- fessionista ipotesi cliniche da appro- fondire in fase di valutazione. AD-DA limita drasticamente la proba- bilità di errore umano legato, ad esempio, ai calcoli dei punteggi e alle modalità di rilevazione dei dati. Le avanzate tecniche di protezione, le transazioni criptate e i certificati di sicurezza garantiscono tutela e sicu- rezza dei dati sensibili. Il sistema è flessibile: prevede aree per le osservazioni cliniche e qualita- tive, consente il caricamento di qualsiasi tipo di file e permette di registrare anche i punteggi dei test non presenti nella selezione propo- sta dalla piattaforma. AD-DA agevola il lavoro del clinico senza apportare alcun cambiamento alla somministrazione, che rimane conforme a quanto previsto dai manuali di riferimento dei vari strumenti. VANTAGGI Esistono due versioni di AD-DA: AD-DA 2.0 e AD-DA 2.0 online. La prima è uno strumento pensato per le organizzazioni sanitarie pubbliche e private, mentre la versione online è la soluzione ideale per i liberi professionisti e le piccole organizzazioni sociosanita- rie. Per saperne di più su AD-DA 2.0 visita www.cartellaclinicadsa.it; per saperne di più su AD-DA 2.0 online visita adda.giuntios.it. AD-DA 2.0 e AD-DA 2.0 online * somministrazione assistita e scoring ** scoring *** scoring degli indici AD-DA 0 E AD-DA 2.0 ONLINE2.AD-DA 0 E AD-DA 2.0 ONLINE0 E AD-DA 2.0 ONLINE oneivers stiAss 0 e versione 2.0 online.2one gnoaiDae alltenst strumento di grande utilità per tutti i professionisti: velocizzaunoèAD-DA restituzione dell’esitoto e la raccolta dei dati anamnestici prendimento. Il sistema assiste il clinico in è il primo strumento di supporto professionale alla diagnosi dei Disturbi Specifici dell'ApAD-DA 0 e versione 2.0 online ibrustiDiedisgno strumento di grande utilità per tutti i professionisti: velocizza di tale valutazione tramite relazione scritta.restituzione dell’esito all’indagineutiliraccolta dei dati anamnestici tutte le fasi della presa in caricoprendimento. Il sistema assiste il clinico in è il primo strumento di supporto professionale alla diagnosi dei Disturbi Specifici dell'Ap miendrppAdell’ strumento di grande utilità per tutti i professionisti: velocizza di tale valutazione tramite relazione scritta. funzionalevalutazionediagnostica, laall’indagine tutte le fasi della presa in carico è il primo strumento di supporto professionale alla diagnosi dei Disturbi Specifici dell'Ap tonem del clinicoil lavorostrumento di grande utilità per tutti i professionisti: velocizza -soggetdelfunzionale di un bambino: latutte le fasi della presa in carico -è il primo strumento di supporto professionale alla diagnosi dei Disturbi Specifici dell'Ap e AD-DA 2.0 online AD-DA 2.0 Disturbi Specifici dell’Apprendimento. esperto e supporta il processo diagnostico e decisionale del professionista meno familiare con i e AD-DA 2.0 online AD-DA 2.0 gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta strutturata dei punteggi di test per valutare: il livello cognitivo, il linguag La selezione di test presente nella piattaforma permette la raccolta Consensus Conference offre un protocolloAD-DA I TEST DI AD-DA Disturbi Specifici dell’Apprendimento. esperto e supporta il processo diagnostico e decisionale del professionista meno familiare con i gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta strutturata dei punteggi di test per valutare: il livello cognitivo, il linguag La selezione di test presente nella piattaforma permette la raccolta .Consensus Conference lineeallecoerenteoffre un protocollo I TEST DI AD-DA esperto e supporta il processo diagnostico e decisionale del professionista meno familiare con i -gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta -strutturata dei punteggi di test per valutare: il livello cognitivo, il linguag La selezione di test presente nella piattaforma permette la raccolta guida approvate dalla esperto e supporta il processo diagnostico e decisionale del professionista meno familiare con i wwwvisita er saper. Pier ole orce le pic soluzione ideale per i liber , menetaivpr ganizzazioni sanitarle or ima è uno strumenLa pr A 2.0-DAD ono due vEsist A 2.0-Dne di più su AD ;adsa.itellaclinictar.cww.c A 2.0-Dne di più su ADer saper -ganizzazioni sociosanitaole or essionistiofofessionistii prsoluzione ideale per i liber ersione online è lae la vtr, men ie pubbliche eganizzazioni sanitar o perto pensatima è uno strumen .A 2.0 online-DADeA 2.0 A:-Dersioni di ADono due v Coloured Progressive MatricesCPM − fia Evolutiva − 2 (prove di dettato di parole e nonparole) − Batteria per la valutazione della Dislessia e della DisortograDDE-2 Nuove Prove di lettura MT per la Scuola Media Inferiore Prove di lettura MT-2 per la Scuola Primaria AD-DA realizza lo scoring e la registrazione di: apprendimenti scolastici. fonologiche), le funzioni cognitive di base e le abilità strumentali agli gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta essionisti **Coloured Progressive Matrices fia Evolutiva − 2 (prove di dettato di parole e nonparole) − Batteria per la valutazione della Dislessia e della Disortogra Nuove Prove di lettura MT per la Scuola Media Inferiore *Prove di lettura MT-2 per la Scuola Primaria AD-DA realizza lo scoring e la registrazione di: apprendimenti scolastici. fonologiche), le funzioni cognitive di base e le abilità strumentali agli gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta *fia Evolutiva − 2 (prove di dettato di parole e nonparole) -− Batteria per la valutazione della Dislessia e della Disortogra *Nuove Prove di lettura MT per la Scuola Media Inferiore fonologiche), le funzioni cognitive di base e le abilità strumentali agli gio (linguaggio espressivo, linguaggio recettivo e competenze meta AD-DA è uno strumento di grande AGTTAGNAVVA online visita ne di più su ADper saper AD-DA è uno strumento di grande IGAG ..ittiosadda.giunonline visita A 2.0-Dne di più su AD − Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence – IIIWPPSI-III Wechsler Intelligence Scale for Children – IIIWISC-III − ***Revised − Leiter International Performance Scale of Intelligence –Leiter-R − Standard Progressive MatricesSPM all'innovativoGrazie − Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence – III Wechsler Intelligence Scale for Children – III − Leiter International Performance Scale of Intelligence – **− Standard Progressive Matrices Il sistema è flessibileinfe-motore * somministrazione assistita e scoring ***− Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence – III ***Wechsler Intelligence Scale for Children – III − Leiter International Performance Scale of Intelligence – : prevede areeIl sistema è flessibile *** scoring degli indici ** scoring * somministrazione assistita e scoring tazione, , dedicato ad anamnesi e valu-lavoro raccolta dei sistema, il clinico è facilitato nella Seguendo il percorso suggerito dal alla metodologia proposte. mento grazie alla selezione dei test e si dei Disturbi Specifici dell'Apprendi supporto professionale AD-DA è uno strumento di grande .è notevolmente ridottotazione, , dedicato ad anamnesi e valu- ditempoil suoedatiraccolta dei sistema, il clinico è facilitato nella Seguendo il percorso suggerito dal alla metodologia proposte. mento grazie alla selezione dei test e -si dei Disturbi Specifici dell'Apprendi -nella diagnosupporto professionale AD-DA è uno strumento di grande transazioni criptate e i certificati di Le avanzate tecniche di protezione, le modalità di rilevazione dei dati. esempio, ai calcoli dei punteggi e alle bilità di errore umano legato limita drasticamente la probaAD-DA fondire in fase di valutazione. fessionista ipotesi cliniche da appro , il sistema propone al pro-renziale motoreall'innovativoGrazie conforme a quanto previsto dai somministrazionealla senza apportare alcun cambiamento AD-DA agevola il lavoro del clinico sta dalla piattaforma. non presenti nella selezione propo- registrare anche i punteggi dei test tipoqualsiasi tive, consente il caricamento di per le osservazioni cliniche e qualita Il sistema è flessibile transazioni criptate e i certificati di Le avanzate tecniche di protezione, le modalità di rilevazione dei dati. esempio, ai calcoli dei punteggi e alle , adbilità di errore umano legato -limita drasticamente la proba fondire in fase di valutazione. -fessionista ipotesi cliniche da appro , il sistema propone al pro- infe-motore conforme a quanto previsto dai rimaneche,somministrazione senza apportare alcun cambiamento AD-DA agevola il lavoro del clinico sta dalla piattaforma. non presenti nella selezione propo- registrare anche i punteggi dei test permette didi file etipo tive, consente il caricamento di -per le osservazioni cliniche e qualita : prevede areeIl sistema è flessibile intuitività. difase grazie all'attenzione riservata, indiato L'utilizzo di AD-DA è intuitività. ea usabilitàprogettazione,di grazie all'attenzione riservata, in semplice e imme-L'utilizzo di AD-DA è .rezza dei dati sensibili tutela e sicu-sicurezza garantiscono transazioni criptate e i certificati di strumenti. manuali di riferimento dei vari conforme a quanto previsto dai tutela e sicu- transazioni criptate e i certificati di manuali di riferimento dei vari conforme a quanto previsto dai 2266
  • FOCUSONL'ANAMNESI pianifica la raccolta dei dati ana- grafici e delle informa- zioni sulla storia clinica, evolutiva e scolastica del bambino. In questa sezione il sistema è in grado di generare delle inferen- ze che, basandosi sulla letteratura neuropsicologica relativa ai fattori di rischio determinanti in alcuni quadri clinici, suggeriscono le aree funzio- nali in cui è opportuno approfondire l’indagine. La VALUTAZIONE è la parte del sistema dedicata alla registrazione dei ri- sultati delle prove sommi- nistrate e allo scoring di CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di lettura MT per la Scuola Media Inferiore, Prove di lettura MT-2 per la Scuola Primaria, SPM, WISC-III e WPPSI-III. La selezione dei test presente sulla piattaforma permette di organizzare, tramite somministrazione o registra- zione del punteggio finale, la valuta- zione del livello cognitivo, il linguag- gio, le funzioni cognitive di base e le abilità strumentali agli apprendimenti scolastici. La RESTITUZIONE è la parte del sistema che recupera automaticamen- te i dati anamnestici e gli esiti della valutazione te- stistica e li sistematizza in un unico do- cumento, di immediata e facile lettura. Questo documento, una volta integra- to dal clinico con la sintesi diagnostica e le indicazioni di intervento, sarà una relazione esaustiva sulla valutazione effettuata. AD-DA è suddiviso in tre sezioni: anamnesi, valutazione e restituzione AD-DA 2.0 E AD-DA 2.0 ONLINE AD-DA e le norme sui DSA La versione 2.0 di AD-DA nasce dalla collaborazione tra: La legge 170/2010 richiama l’attenzione politica e sociale sui DSA. Li definisce, li riconosce come limitazione e si sofferma sulle misure educative, didattiche e di supporto alla famiglia. Le nuove norme si presentano come un’ulteriore sfida per i clinici, il cui lavoro può essere supportato da AD-DA nel proces- so di diagnosi e certificazione. adda.giuntios.it PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 ONLINE www.cartellaclinicadsa.it PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 AD-DA 0 E AD-DA 2.0 ONLINE2.AD-DA 0 E AD-DA 2.0 ONLINE bambino. In questa sezione evolutiva e scolastica del zioni sulla storia clinica, grafici e delle informa la raccolta dei dati ana- ANAMNESIL' AD-DA è suddiviso in tre sezioni: anamnesi, valutazione e restituzione il sistemabambino. In questa sezione evolutiva e scolastica del zioni sulla storia clinica, -grafici e delle informa la raccolta dei dati ana- pianificaANAMNESI CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di AD-DA è suddiviso in tre sezioni: anamnesi, valutazione e restituzione CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di scoringnistrate e allo delle prove sommisultati registrazione dei ri-alla parte del sistema dedicata VALUTAZIONELa AD-DA è suddiviso in tre sezioni: anamnesi, valutazione e restituzione CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di discoring -delle prove sommi registrazione dei ri- parte del sistema dedicata è laVALUTAZIONE sistematizzalististica esiti della valutazione te- te i dati anamnestici e gli recupera automaticamen- parte del sistema che RESTITUZIONELa AD-DA è suddiviso in tre sezioni: anamnesi, valutazione e restituzione do-unicoinsistematizza esiti della valutazione te- te i dati anamnestici e gli recupera automaticamen- parte del sistema che è laRESTITUZIONE .l’indagine nali in cui è opportuno approfondire clinici, suggeriscono le aree funzio rischio determinanti in alcuni quadri neuropsicologica relativa ai fattori di che, basandosi sulla letteraturaze è in grado di generare delle bambino. In questa sezione nali in cui è opportuno approfondire -clinici, suggeriscono le aree funzio rischio determinanti in alcuni quadri neuropsicologica relativa ai fattori di che, basandosi sulla letteratura -inferenè in grado di generare delle il sistemabambino. In questa sezione gio zione del livello cognitivo, il linguag zione del punteggio finale, la valuta tramite somministrazione o registra piattaforma permette di organizzare, a selezione dei test presente sullaL Primaria, SPM, WISC-III e WPPSI-III. Prove di lettura MT-2 per la Scuola lettura MT per la Scuola Media Inferiore, CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di , le funzioni cognitive di basegio zione del livello cognitivo, il linguag zione del punteggio finale, la valuta tramite somministrazione o registra piattaforma permette di organizzare, a selezione dei test presente sulla Primaria, SPM, WISC-III e WPPSI-III. Prove di lettura MT-2 per la Scuola lettura MT per la Scuola Media Inferiore, CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di e le, le funzioni cognitive di base -zione del livello cognitivo, il linguag -zione del punteggio finale, la valuta -tramite somministrazione o registra piattaforma permette di organizzare, a selezione dei test presente sulla Primaria, SPM, WISC-III e WPPSI-III. Prove di lettura MT-2 per la Scuola lettura MT per la Scuola Media Inferiore, CPM, DDE-2, Leiter-R, Nuove Prove di .effettuata relazione esaustiva sulla valutazione e le indicazioni di intervento, sarà una laconclinicodalto documento, unaQuesto cumento, di immediata e facile lettura. sistematizzaliestistica relazione esaustiva sulla valutazione e le indicazioni di intervento, sarà una diagnosticasintesila -integravoltadocumento, una cumento, di immediata e facile lettura. do-unicouninsistematizza nasce dalla collaborazione tra: La versione 2.0 di AD-DA scolastici. abilità strumentali agli apprendimenti gio nasce dalla collaborazione tra: La versione 2.0 di AD-DA scolastici. abilità strumentali agli apprendimenti , le funzioni cognitive di basegio abilità strumentali agli apprendimenti e le, le funzioni cognitive di base www.cartellaclinicadsa PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 t PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 i.www.cartellaclinicadsa giuntios PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 ONLINE .adda t PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU AD-DA 2.0 ONLINE i.giuntios 2277
  • INTERNET-TEST L’assessment psicologico online L’utilizzo della piattaforma online si distingue per maggiori risparmi sul costo di sommini- strazione e scoring e un’assoluta facilità nell’acquisto dei crediti. PER MAGGIORI INFORMAZIONI www.internet-test.it www.giuntios.it Internet-Test è la piattaforma di testing online di Giunti O.S. Sono necessari all’utente solo username e password per accedere alla propria area riservata da qualsiasi computer. La somministrazione, lo scoring, la generazione dei report, l’archiviazione e la consultazione dei dati diventano operazioni che abbandonano i consueti vincoli offline per poter essere organizzate a distanza e in ogni momento. Ai tradizionali benefici in termini di velocità di elabora- zione, correttezza delle procedure, disponibilità di profili grafici e rapporti narrativi, comodità e razionalità nell’archiviazione dei dati, si aggiungono: l’opportunità di gestire somministrazioni sia a distan- za che in presenza lo svincolo dai supporti offline la possibilità di lavorare da qualsiasi computer, senza obbligo di licenze multiple l’eliminazione delle procedure di installazione il costante aggiornamento delle norme la disponibilità di un intero catalogo di test compute- rizzati e un’offerta periodicamente ampliata Una delle maggiori novità nelle funzionalità della piattaforma è rappresentata dalla possibilità di somministrare batterie di test (attraverso una sequenza preordinata), svolgere scoring e generare report aggregati per gestire le attività che prevedono numeri elevati di somministrazioni. Internet-Test permette inoltre di creare archivi personalizzati, garantendo sicurezza e riservatezza dei dati attraverso server protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assoluta- mente riservata, nel totale rispetto della privacy dell'interessato ai sensi della legge vigente. Internet-Test offre elevate garanzie di utilizzo dei test agli utenti qualificati, grazie al sistema di registrazione e riconoscimento dei titoli professio- nali. MODALITÀ DI ACQUISTO: Attraverso il portale Internet-Test è possibile acquistare in maniera sicura e veloce i crediti spendibili per le somministrazioni e lo scoring. Per modalità di acquisto diverse è necessario contattare il servizio clienti Giunti O.S. > > > > > > TNI TSET-TT-ENRET essa’LL’ golocisptnemsse enilnoocig poter essere organizzate a distanza e in ogni momento. dati diventano operazioni che abbandonano i consueti vincoli offline per scoring, la generazione dei report, l’archiviazione e la consultazione dei propria area riservata da qualsiasi computer. La somministrazione, lo Sono necessari all’utente solo username e password per accedere alla Internet-Test è la piattaforma di testing online di Giunti O.S. poter essere organizzate a distanza e in ogni momento. dati diventano operazioni che abbandonano i consueti vincoli offline per scoring, la generazione dei report, l’archiviazione e la consultazione dei propria area riservata da qualsiasi computer. La somministrazione, lo Sono necessari all’utente solo username e password per accedere alla Internet-Test è la piattaforma di testing online di Giunti O.S. poter essere organizzate a distanza e in ogni momento. dati diventano operazioni che abbandonano i consueti vincoli offline per scoring, la generazione dei report, l’archiviazione e la consultazione dei propria area riservata da qualsiasi computer. La somministrazione, lo Sono necessari all’utente solo username e password per accedere alla Internet-Test è la piattaforma di testing online di Giunti O.S. > > > la possibilità di lo za che in presenza l’opportunità di gestire nell’archiviazione dei dati, si aggiungono: profili grafici e rapporti narrativi, comodità e razionalità zione, correttezza delle procedure, disponibilità di Ai tradizionali benefici in termini di velocità di elabora lavorare da qualsiasi computerla possibilità di svincolo dai supporti offlinelo za che in presenza somministrazioni sial’opportunità di gestire nell’archiviazione dei dati, si aggiungono: profili grafici e rapporti narrativi, comodità e razionalità zione, correttezza delle procedure, disponibilità di Ai tradizionali benefici in termini di velocità di elabora , senzalavorare da qualsiasi computer -a distansomministrazioni sia nell’archiviazione dei dati, si aggiungono: profili grafici e rapporti narrativi, comodità e razionalità zione, correttezza delle procedure, disponibilità di -Ai tradizionali benefici in termini di velocità di elabora L’utilizzo della piattaforma online si distingue > > > > rizzati la disponibilità di un il l’eliminazione delle procedure di installazione obbligo di licenze multiple la possibilità di per maggiori risparmi sul costo di sommini L’utilizzo della piattaforma online si distingue e un’offerta periodicamente ampliatarizzati intero catalogo di test computela disponibilità di un costante aggiornamento delle normeil l’eliminazione delle procedure di installazione obbligo di licenze multiple lavorare da qualsiasi computerla possibilità di per maggiori risparmi sul costo di sommini L’utilizzo della piattaforma online si distingue e un’offerta periodicamente ampliata -intero catalogo di test compute costante aggiornamento delle norme l’eliminazione delle procedure di installazione , senzalavorare da qualsiasi computer Internet-Test permette inoltre di creare scoringsvolgere piattaforma è rappresentata dalla possibilità di Internet-Test permette inoltre di creare report aggregatie generarescoring piattaforma è rappresentata dalla possibilità di nell’acquisto dei crediti. strazione e scoring e un’assoluta facilità per maggiori risparmi sul costo di sommini , garantendo sicurezza e riservatezza dei dati attraversoarchivi personalizzatiInternet-Test permette inoltre di creare per gestire le attività che prevedono numeri elevati di somministrazioni.report aggregati somministrare batterie di testpiattaforma è rappresentata dalla possibilità di Una delle maggiori novità nelle funzionalità della nell’acquisto dei crediti. strazione e scoring e un’assoluta facilità per maggiori risparmi sul costo di sommini , garantendo sicurezza e riservatezza dei dati attraverso per gestire le attività che prevedono numeri elevati di somministrazioni. (attraverso una sequenza preordinata),somministrare batterie di test Una delle maggiori novità nelle funzionalità della strazione e scoring e un’assoluta facilità -per maggiori risparmi sul costo di sommini , garantendo sicurezza e riservatezza dei dati attraverso per gestire le attività che prevedono numeri elevati di somministrazioni. (attraverso una sequenza preordinata), Una delle maggiori novità nelle funzionalità della Per modalità di acquisto diverse è necessario contattare il servizio clienti Giunti O.S. veloce i crediti spendibili per le somministrazioni e lo scoring. MODALITÀ DI ACQUISTO: .nali garanzie di utilizzo dei test agli utenti qualificati, grazie al sistema di mente riservata, nel totale rispetto della server protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assol Per modalità di acquisto diverse è necessario contattare il servizio clienti Giunti O.S. veloce i crediti spendibili per le somministrazioni e lo scoring. MODALITÀ DI ACQUISTO: garanzie di utilizzo dei test agli utenti qualificati, grazie al sistema di mente riservata, nel totale rispetto della server protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assol Per modalità di acquisto diverse è necessario contattare il servizio clienti Giunti O.S. veloce i crediti spendibili per le somministrazioni e lo scoring. Attraverso il portale Internet-Test è possibile acquistare in maniera sicura eMODALITÀ DI ACQUISTO: garanzie di utilizzo dei test agli utenti qualificati, grazie al sistema di dell'interessato ai sensi della legge vigente. Internet-Test offre elevateprivacymente riservata, nel totale rispetto della server protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assol Per modalità di acquisto diverse è necessario contattare il servizio clienti Giunti O.S. Attraverso il portale Internet-Test è possibile acquistare in maniera sicura e registrazione e riconoscimento dei titoli professio dell'interessato ai sensi della legge vigente. Internet-Test offre elevate server protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assol Attraverso il portale Internet-Test è possibile acquistare in maniera sicura e -registrazione e riconoscimento dei titoli professio dell'interessato ai sensi della legge vigente. Internet-Test offre elevate -utaserver protetti. I dati anagrafici e i risultati del cliente cui sono somministrati i test sono infatti trattati in forma assol www.internet-test.it www.giuntios.it MAGGIORPE www.internet-test.it www.giuntios.it IMAZIONRINFOIRMAGGIO www.internet-test.it 2288
  • 22992299 AUTO TEST SOMMINISTR. REPORT ASSESSMENT DI PERSONALITÀ 16PF-5 € 4,20 BIR € 18,00 standard € 12,00 BFA - Big Five Adjectives € 3,60 interpretativo € 9,50 BFQ-2 - Big Five Questionnaire - 2 € 4,20 di personalità € 18,00 BFQ-CE - Big Five Questionnaire Children (autovalutazione 8-10 anni) € 2,40 di personalità € 7,50 BFQ-CET - Big Five Questionnaire - Children (eterovalutazione) € 2,40 di personalità € 7,50 BFQ-CM - Big Five Questionnaire - Children (autovalutazione 11-14 anni) € 2,40 di personalità € 7,50 GPP-I - Gordon Personal Profile-Inventory € 4,20 interpretativo € 18,00 MMPI-2 - Minnesota Multiphasic Personality Inventory - 2 nd González-Gómez € 11,00 INTELLIGENZA EMOTIVA EQ-i - Emotional Quotient Inventory € 4,20 interpretativo € 18,00 MSCEIT – Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test € 4,20 interpretativo € 18,00 ATTITUDINI GENERALI E SPECIFICHE ASK - Test di pensiero inferenziale € 2,40 grafico € 7,50 CLAVES € 2,40 grafico € 7,50 PSICOLOGIA CLINICA CASS-L - Conners’ Rating Scales-Revised Versione per adolescenti Forma estesa € 3,60 clinico € 5,50 CPRS-RL - Conners’ Rating Scales-Revised Versione per genitori Forma estesa € 3,60 clinico € 5,50 CTRS-RL - Conners’ Rating Scales-Revised Versione per insegnanti Forma estesa € 3,60 clinico € 5,50 WISC-III - Wechsler Intelligence Scale for Children-III nd grafico € 12,00 ORIENTAMENTO MagellanoJunior di orientamento € 19,00 MagellanoLavoro di orientamento € 19,00 MagellanoUniversità di orientamento € 19,00 QDP - Questionario di Decisionalità Professionale € 1,20 di orientamento € 7,50 SAIMP 15-19 - So affrontare i miei problemi? (15-19) € 1,20 di orientamento € 6,00 SDS - Self-Directed Search di orientamento € 14,00 TAM - Test Attitudinale Magellano € 3,60 di orientamento € 6,50 PSICOLOGIA DELLO SPORT BEBS - Basket Efficacy Beliefs Scales € 3,60 interpretativo € 9,00 SVILUPPO ORGANIZZATIVO ALQ - Agentic Leadership Questionnaire € 4,20 di leadership € 50,00 HPSCS-I - Health Professions Stress and Coping Scale Versione per infermieri € 3,60 interpretativo € 10,00 HPSCS-M - Health Professions Stress and Coping Scale Versione per medici € 3,60 interpretativo € 10,00 LBQ - Link Burnout Questionnaire € 2,40 di burnout € 6,00 LJI - Leadership Judgement Indicator € 4,20 di sviluppo € 50,00 MCSQ - Multiple Cognitive Styles Questionnaire € 3,60 interpretativo € 20,00 OPRA - Organizational and Psychosocial Risk Assessment individuale € 20,00 Org-EIQ - Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire € 3,60 interpretativo € 25,00 OSI - Occupational Stress Indicator € 4,20 sintetico € 12,00 OSI - Occupational Stress Indicator – Forma ridotta € 4,20 sintetico € 10,00 PASAT 2000 - Poppleton Allen Sales Aptitude Test 2000 € 4,20 interpretativo € 18,00 TOM - Test di Orientamento Motivazionale € 3,60 standard € 18,00 esteso € 25,00 WIS/SVP - Scala dei Valori Professionali € 2,40 valoriale € 20,00 WOMI - Work and Organizational Motivation Inventory € 3,60 interpretativo € 25,00 Tutti i prezzi del presente listino sono soggetti ad addebito IVA in ragione del 21% INTERNET-TEST LISTINO PREZZI NNOOVVIITTÀÀ NNOOVVIITTÀÀ NNOOVVIITTÀÀ NNOOVVIITTÀÀ
  • La Human Development Unit è la nostra Divisione dedicata alla consulenza per le risorse umane. Gli interventi della HDU valorizzano i punti di forza e riconoscono le aree di miglioramento per avviare processi di sviluppo armonici e integrati nelle organizzazioni. Le soluzioni consulenziali proposte hanno un approccio semplice, chiaro, accessibile, ancorato a modelli scientificamente fondati e a strumenti affidabili e precisi. La solidità metodologica degli interventi permette di ridurre i margini di errore e di conseguire risultati verificabili. PER MAGGIORI INFORMAZIONI hdu.giuntios.it hdunit@giuntios.it HDU: I PERCORSI DI SVILUPPO Oltre ai servizi elencati, la Human Development Unit propone 5 percorsi di sviluppo che partono ruolo di rilievo per le direzioni HR. HDU: I SERVIZI verificabili. La solidità metodologica degli interventi permette di ridurre i margini di errore e di conseguire risultati fondati e a strumenti affidabili e precisi. un approccio semplice, chiaro, accessibile,proposte hanno processi di sviluppo armonici e integrati nelle organizzazioniavviare Gli interventi della HDU valorizzano i punti di forza e riconoscono le aree di miglioramento per Human Development UnitLa La solidità metodologica degli interventi permette di ridurre i margini di errore e di conseguire risultati fondati e a strumenti affidabili e precisi. un approccio semplice, chiaro, accessibile, processi di sviluppo armonici e integrati nelle organizzazioni Gli interventi della HDU valorizzano i punti di forza e riconoscono le aree di miglioramento per ione dedicata alla consulenza per le risorse umane.è la nostra DivisHuman Development Unit La solidità metodologica degli interventi permette di ridurre i margini di errore e di conseguire risultati ancorato a modelli scientificamenteun approccio semplice, chiaro, accessibile, . Le soluzioni consulenzialiprocessi di sviluppo armonici e integrati nelle organizzazioni Gli interventi della HDU valorizzano i punti di forza e riconoscono le aree di miglioramento per ione dedicata alla consulenza per le risorse umane. La solidità metodologica degli interventi permette di ridurre i margini di errore e di conseguire risultati ancorato a modelli scientificamente . Le soluzioni consulenziali Gli interventi della HDU valorizzano i punti di forza e riconoscono le aree di miglioramento per ione dedicata alla consulenza per le risorse umane. }HDU: I SERVIZI ruolo di rilievo per le direzioni HR. Oltre ai servizi elencati, la Human Development Unit propone 5 percorsi di sviluppo che partono HDU: I PERCORSI DI SVILUPPO } ruolo di rilievo per le direzioni HR. Oltre ai servizi elencati, la Human Development Unit propone 5 percorsi di sviluppo che partono HDU: I PERCORSI DI SVILUPPO Oltre ai servizi elencati, la Human Development Unit propone 5 percorsi di sviluppo che partonoOltre ai servizi elencati, la Human Development Unit propone 5 percorsi di sviluppo che partono } ositnui@ghdunit iountgi.hdu MAZIONRINFOIRMAGGIORPE t.ios tis.io IMAZION
  • TEST E STRUMENTI
  • 3322 GUIDA ALLA CONSULTAZIONE autosomministrazione scoring MATERIALE 93258-M 1 Starter kit € 308,70* 93259-N 25 Questionari standard (a consumo) » 110,25 In questo catalogo sono presentati in dettaglio tutti i materiali della produzione di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali (strumenti psicodiagnostici, volumi, materiali didattici e riviste) con i relativi prezzi, riunendo descrizioni tecniche e informazioni per l’acqui- sto. In fondo al catalogo, sono riportate le modalità per accedere agli strumenti, l’acquisto dei quali è sottoposto a restrizioni, e i moduli d’ordine per questi e tutti gli altri materiali. > LE SCHEDE DI SINTESI A ogni strumento è dedicata una scheda descrittiva delle sue caratteristiche fondamentali. 1. È indicata la data della prima pubblicazione in Italia e dell’eventuale ultima edizione rivista 2. Quando si tratta di adattamento da test straniero è indicato il curatore dell’edizione italiana 3. Sono indicate l’età, il titolo di studio, il tipo di patologia, o quant’altro identifica il gruppo nor- mativo di riferimento del test 4. Sono indicati il tempo occorrente per la somministrazione e se si tratta di una prova individuale o collettiva 5. Per i questionari è specificato il numero di item; negli altri casi viene data una breve descrizio- ne della composizione del test 6. È data una sintetica descrizione del campione su cui sono state elaborate, per quel test, le norme di standardizzazione più aggiornate 7. La lettera indica la qualifica professionale richiesta per quello strumento (si vedano le Norme per l’acquisto degli strumenti, in fondo al catalogo) DATA DI PUBBLICAZIONE 1995 EDIZIONE ITALIANA Paolo Pancheri e Saulo Siri- gatti DESTINATARI Adulti con almeno licenza media SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 567 CAMPIONE ITALIANO 1375 soggetti (403 maschi + 972 femmine) (1995) QUALIFICA RICHIESTA C 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. > LE ICONE A. Segnala che per quello strumento sono realizzati alcuni dei corsi più richiesti della forma- zione Giunti O.S. B. Segnala che per quel test sono disponibili uno o più corsi online sulla piattaforma O.S. Campus 2.0 C. Segnala quali procedure di elaborazione computerizzata sono disponibili per quel test nel si- stema di testing online Internet-Test (v. pagg. 28-29) D. Segnala quali procedure di elaborazione computerizzata sono disponibili per quel test nel si- stema di testing offline PSY4 E. Segnala che per quel test è disponibile una forma di elaborazione nella cartella clinica AD- DA (v. pagg. 26-27) F. Segnala che alcuni materiali sono liberamente fotocopiabili, su autorizzazione dell’Editore > IL RIQUADRO DEI PREZZI I prezzi con l’asterisco sono comprensivi di IVA al 21%. (Per ulteriori informazioni sui costi di spedizione e sulle modalità di ordinazione, le Condizioni di ven- dita riportate in fondo al catalogo) > Prezzo con IVA già assolta dall’Editore > Prezzo soggetto ad addebito IVA 21% D. E. FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali F. rapporto narrativo C. B. best seller formazione A. corso di base
  • 3333 Le novità sono indicate in rosso Psicologia clinica adulti Abuso di sostanze EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto ....................... 66 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2 ................. 53 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 Adattamento sociale ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità........................................................... 136 BAC – Portfolio per la valutazione del Benessere e delle Abilità Cognitive nell’età adulta e avanzata.......................... 121 Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CBA – Cognitive Behavioural Assessment 2.0................................... 76 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3 .................................................88 EMAS – Endler Multidimensional Anxiety Scales .............................. 79 EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto .................... 66 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 JSAT – Jail Screening Assessment Tool ............................................ 96 PCL-R – Hare Psychopathy Checklist............................................... 94 POMS – Profile of Mood States........................................................ 86 PPI-R – Psychopatic Personality Inventory-Revised ........................... 67 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ....................................... 87 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Vineland Adaptive Behavior Scales................................................... 99 AD/HD Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 Afasia AAT – Aachener Aphasie Test........................................................... 154 BLED SantaLucia – Batteria sul Linguaggio dell’Emisfero Destro SantaLucia ................................................................................. 158 BOX. Una terapia semantico-lessicale per pazienti afasici................. 159 Esame del Linguaggio – II................................................................ 154 Test dei Gettoni............................................................................... 156 TROG-2 – Test for Reception of Grammar - Versione 2..................... 160 Aggressività ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 DMI – Defense Mechanisms Inventory – Forma per Adulti.................... 65 FRT – Family Relations Test.............................................................. 98 Indicatori della Condotta Aggressiva ............................................... 87 PFS – Picture-Frustration Study........................................................ 48 POMS – Profile of Mood States........................................................ 86 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ....................................... 87 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 Alimentari (disturbi) EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3.............................................. 88 PDSS – Postpartum Depression Screening Scale .............................. 80 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 Alzheimer/demenza ADAS – Alzheimer’s Disease Assessment Scale ................................. 147 MODA – Milan Overall Dementia Assessment ................................. 145 Ansia 16PF-5 ............................................................................................ 58 BAI – Beck Anxiety Inventory........................................................... 83 CBA-H – Cognitive Behavioural Assessment – Forma Hospital............ 77 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 EMAS – Endler Multidimensional Anxiety Scales .............................. 79 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2 ................... 53 PDSS – Postpartum Depression Screening Scale .............................. 80 RBANS – Repeatable Battery for the Assessment of Neurological Status .......................................................................... 150 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 TAT – Test di Appercezione Tematica............................................... 43 Astratto (ragionamento)/formazione dei concetti Bender Visual Motor Gestalt Test..................................................... 127 SPM – Standard Progressive Matrices .............................................. 115 Test di Weigl .................................................................................. 145 WCST – Wisconsin Card Sorting Test............................................... 149 Autismo ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Borderline AMDP-8 – Manuale per la metodologia e la documentazione della diagnosi in psichiatria....................................................... 75 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 Comportamento ADAS – Alzheimer’s Disease Assessment Scale ................................. 148 ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ................................ 127 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAPS – Clinician-Administered PTSD Scale..................................... 92 CBA – Cognitive Behavioural Assessment 2.0................................... 76 CBA-H – Cognitive Behavioural Assessment – Forma Hospital............ 77 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 DMI – Defense Mechanisms Inventory ............................................... 65 EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3.............................................. 88 EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto .................... 66 FRT – Family Relations Test.............................................................. 98 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 JSAT – Jail Screening Assessment Tool ............................................ 96 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2................. 53 ORT – Tecnica delle Relazioni Oggettuali......................................... 50 OSI – Occupational Stress Indicator................................................. 186 PCL-R – Hare Psychopathy Checklist............................................... 94 PFS – Picture-Frustration Study........................................................ 48 PPI-R – Psychopatic Personality Inventory-Revised ........................... 67 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 Psicodiagnostica di Rorschach ......................................................... 40 Reattivo dell’Albero ......................................................................... 50 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ....................................... 87 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 SIMS – Structured Inventory of Malingered Symptomatology....... 95 STAI – State-Trait Anxiety Inventory – Forma Y................................. 79 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2....................... 79 TAT – Test di Appercezione Tematica............................................... 43 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Vineland Adaptive Behavior Scales................................................... 99 Comunicazione AAT – Aachener Aphasie Test........................................................... 154 ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 BAC – Portfolio per la valutazione del Benessere e delle Abilità Cognitive nell’età adulta e avanzata.......................... 121 BLED SantaLucia – Batteria sul Linguaggio dell’Emisfero Destro SantaLucia ................................................................................. 158 BOX. Una terapia semantico-lessicale per pazienti afasici................. 159 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 FRT – Family Relations Test.............................................................. 98 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 Vineland Adaptive Behavior Scales................................................... 99 Depressione BDI-II – Beck Depression Inventory – II ............................................ 82 BHS – Beck Hopelessness Scale........................................................ 84 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST
  • 3344 CBA – Cognitive Behavioural Assessment 2.0................................... 76 EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto ................... 66 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2.................. 53 PDSS – Postpartum Depression Screening Scale .............................. 80 POMS – Profile of Mood States........................................................ 86 SAT – Senior Apperception Technique ............................................. 44 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 Deterioramento mentale AAT – Aachener Aphasie Test........................................................... 154 ADAS – Alzheimer’s Disease Assessment Scale ................................. 148 APM – Advanced Progressive Matrices............................................. 115 Apprendimento di memoria in cifre................................................. 144 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BIT – Behavioural Inattention Test ................................................... 151 BLED SantaLucia – Batteria sul Linguaggio dell’Emisfero Destro SantaLucia ................................................................................. 158 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ................................ 127 Discriminazione visiva ..................................................................... 144 Esame del Linguaggio – II................................................................ 154 Impersistenza motoria..................................................................... 144 MODA – Milan Overall Dementia Assessment ................................. 148 Orientamento destra-sinistra ........................................................... 144 Orientamento temporale ................................................................ 144 PROCAPE – Programma di Calcolo dei Punteggi Equivalenti............... 152 RBANS – Repeatable Battery for the Assessment of Neurological Status .......................................................................... 150 Riconoscimento di volti ignoti......................................................... 144 SPM – Standard Progressive Matrices .............................................. 115 Test dei Cubi di Kohs....................................................................... 120 Test di Weigl .................................................................................. 145 WAIS-R – Wechsler Adult Intelligence Scale – Revised ...................... 113 WCST – Wisconsin Card Sorting Test............................................... 149 Famiglia ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 FRT – Family Relations Test.............................................................. 98 PPT – Parents Preference Test ........................................................ 100 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 Scenotest ........................................................................................ 49 Frustrazione Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 Indicatori della Condotta Aggressiva ............................................... 87 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 PDSS – Postpartum Depression Screening Scale .............................. 80 PFS – Picture-Frustration Study........................................................ 48 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ....................................... 87 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders .......................................................................... 74 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2....................... 79 TAT – Test di Appercezione Tematica............................................... 43 Handicap ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BIT – Behavioural Inattention Test ................................................... 151 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 Discriminazione visiva ..................................................................... 142 Giudizio di orientamento linee ........................................................ 144 Impersistenza motoria..................................................................... 144 LAB – Limb Apraxia Battery ............................................................ 147 Orientamento destra-sinistra ........................................................... 144 Orientamento temporale ................................................................ 144 Riconoscimento di volti ignoti......................................................... 144 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 VATAm – Visual-Analogue Test for Anosognosia for motor impairment.. 146 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 Intelligenza/problemi cognitivi ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BAC – Portfolio per la valutazione del Benessere e delle Abilità Cognitive nell’età adulta e avanzata.......................... 121 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................. 115 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 Lab-I: Empowerment cognitivo ....................................................... 122 Lab-I: EM Lab-I Empowerment cognitivo ed emotivo-motivazionale.......................................................... 122 MODA – Milan Overall Dementia Assessment ................................. 148 Psicodiagnostica di Rorschach ......................................................... 40 SPM – Standard Progressive Matrices .............................................. 115 TAT – Test di Appercezione Tematica............................................... 43 Test dei Cubi di Kohs....................................................................... 120 WAIS-R – Wechsler Adult Intelligence Scale – Revised ...................... 113 Linguaggio AAT – Aachener Aphasie Test........................................................... 154 ADAS – Alzheimer’s Disease Assessment Scale ................................. 148 ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 BLED SantaLucia – Batteria sul Linguaggio dell’Emisfero Destro SantaLucia ................................................................................. 158 BOX. Una terapia semantico-lessicale per pazienti afasici................. 159 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 Esame del Linguaggio – II................................................................ 154 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 Vineland Adaptive Behavior Scales................................................... 99 WAIS-R – Wechsler Adult Intelligence Scale – Revised ...................... 113 Meccanismi di difesa DMI – Defense Mechanisms Inventory – Forma per Adulti.................. 65 PFS – Picture-Frustration Study........................................................ 48 SAT – Senior Apperception Technique ............................................. 44 Memoria ADAS – Alzheimer’s Disease Assessment Scale ................................. 148 AMDP-8 – Manuale per la metodologia e la documentazione della diagnosi in psichiatria....................................................... 75 Apprendimento di memoria in cifre................................................. 144 BAC – Portfolio per la valutazione del Benessere e delle Abilità Cognitive nell’età adulta e avanzata.......................... 121 Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ................................ 127 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................. 115 Lab-I: Empowerment cognitivo ....................................................... 122 Lab-I: EM Lab-I Empowerment cognitivo ed emotivo-motivazionale.......................................................... 122 MODA – Milan Overall Dementia Assessment ................................. 148 SPM – Standard Progressive Matrices .............................................. 115 WAIS-R – Wechsler Adult Intelligence Scale – Revised ...................... 113 Motricità AMDP-8 – Manuale per la metodologia e la documentazione della diagnosi in psichiatria....................................................... 75 Bender Visual Motor Gestalt Test..................................................... 127 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ................................ 127 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 Impersistenza motoria..................................................................... 144 LAB – Limb Apraxia Battery ............................................................ 147 MODA – Milan Overall Dementia Assessment ................................. 148 Orientamento destra-sinistra ........................................................... 144 VATAm – Visual-Analogue Test for Anosognosia for motor impairment .. 146 Vineland Adaptive Behavior Scales................................................... 99 WAIS-R – Wechsler Adult Intelligence Scale – Revised ...................... 113 Personalità generale 16PF-5 ............................................................................................ 58 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto .................... 66 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2................. 53 MSCEIT – Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test.............. 71 Psicodiagnostica di Rorschach ......................................................... 40 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders.................................................................. 74 TAT – Test di Appercezione Tematica............................................... 43 Qualità della vita ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BAC – Portfolio per la valutazione del Benessere e delle Abilità Cognitive nell’età adulta e avanzata.......................... 121 CBA-H – Cognitive Behavioural Assessment – Forma Hospital............ 77 Lab-I: Empowerment cognitivo ....................................................... 122 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST
  • 3355 Lab-I: EM Lab-I Empowerment cognitivo ed emotivo-motivazionale.......................................................... 122 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Rabbia MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – 2................. 53 POMS – Profile of Mood States........................................................ 86 SAT – Senior Apperception Technique ............................................. 44 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2....................... 79 Rapporti interpersonali ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 EPQ-R – Eysenck Personality Questionnaire – Riveduto .................... 66 PCL-R – Hare Psychopathy Checklist............................................... 94 PPI-R – Psychopatic Personality Inventory-Revised ........................... 67 PPT – Parents Preference Test ........................................................ 100 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 SESAMO – Sexrelation Evaluation Schedule Assessment Monitoring ................................................................................ 86 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 Sessualità DMI – Defense Mechanisms Inventory – Forma per Adulti ................ 65 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders ......................................................................... 74 SESAMO – Sexrelation Evaluation Schedule Assessment Monitoring ................................................................................ 86 SIS – Somatic Inkblot Series............................................................. 42 Stress CAPS – Clinician-Administered PTSD Scale..................................... 92 CBA – Cognitive Behavioural Assessment 2.0................................... 76 CBA-H – Cognitive Behavioural Assessment – Forma Hospital............ 77 CISS – Coping Inventory for Stressfull Situations ............................... 85 HPSCS – Health Professions Stress and Coping Scale............................. 184 JSAT – Jail Screening Assessment Tool ............................................ 96 LBQ – Link Burnout Questionnaire......................................................... 185 MCMI-III – Millon Clinical Multiaxial Inventory – III ............................ 56 MMPI-2 – Minnesota Multiphasic Personality Inventory - 2................... 53 OSI – Occupational Stress Indicator ................................................ 186 PFS – Picture-Frustration Study ....................................................... 48 POMS – Profile of Mood States ....................................................... 86 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ...................................... 87 STAI – State-Trait Anxiety Inventory – Forma Y ................................ 79 Suicidio BHS – Beck Hopelessness Scale........................................................ 84 PDSS – Postpartum Depression Screening Scale .............................. 80 SAMI – Suicide Assessment Manual for Inmates ............................ 96 Umore AMDP-8 – Manuale per la metodologia e la documentazione della diagnosi in psichiatria....................................................... 75 CBA-H – Cognitive Behavioural Assessment – Forma Hospital............ 77 POMS – Profile of Mood States ....................................................... 86 SCID-I/CV – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders ......................................................................... 74 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders ................................................................. 74 Bambini e adolescenti Abuso di sostanze MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent ................................................................................ 52 SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders ................................................................. 74 Adattamento sociale ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 BFQ-C – Big Five Questionnaire Children ........................................ 63 Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CLES – Coddington Life Events Scales............................................... 91 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3.............................................. 88 EMAS – Endler Multidimensional Anxiety Scales ............................. 79 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 Indicatori della Capacità di Adattamento Sociale in Età Evolutiva ................................................................................... 98 NEPSY-II.......................................................................................... 130 POMS – Profile of Mood States ....................................................... 86 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ...................................... 87 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 SRS – Social Responsiveness Scale.................................................... 103 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 AD/HD Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised .............. 116 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III.................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Weschler Preschool and Primary Scale of Intelligence............................................................................ 108 Alimentari (disturbi) EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3.............................................. 88 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 Ansia CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised........................................... 124 EMAS – Endler Multidimensional Anxiety Scales ............................. 79 MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent................................................................................. 52 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 STAI – State-Trait Anxiety Inventory – Forma Y ................................ 79 TAT – Test di Appercezione Tematica .............................................. 43 Astratto (ragionamento)/formazione dei concetti Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 Bender Visual Motor Gestalt Test .................................................... 127 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................ 115 GAP-T – Griglia di Analisi delle Prassie Transitive ........................... 134 KABC-II – Kaufman Assessment Battery for Children – Second Edition........................................................................... 114 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised .................. 116 NEPSY-II.......................................................................................... 130 PVCM – Prove di Valutazione della Comprensione Metalinguistica........................................................................... 207 Test di Weigl .................................................................................. 145 TNP – Test Neuropsicologico Prescolare .......................................... 128 VMI – Developmental Test of Visual-Motor Integration ................... 126 WCST – Wisconsin Card Sorting Test .............................................. 149 Autismo ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 SRS – Social Responsiveness Scale.................................................... 103 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Comportamento ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 BFQ-C – Big Five Questionnaire Children ........................................ 63 Blacky Pictures ............................................................................... 46 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ............................... 127 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAT – Test di Appercezione Tematica per Bambini .......................... 44 CLES – Coddington Life Events Scales............................................... 91 EDI-3 – Eating Disorder Inventory – 3.............................................. 88 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 FRT – Family Relations Test ............................................................. 98 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 Indicatori della Capacità di Adattamento Sociale in Età Evolutiva ................................................................................... 98 KIWI – Kit Iperattività: Valutazione e Intervento in classe ....................... 213 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST
  • 3366 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised................. 116 MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent .............................................................. 52 Movement ABC – Batteria per la Valutazione Motoria del Bambino .............................................................................. 133 ORT – Tecnica delle Relazioni Oggettuali ........................................ 50 PFS – Picture-Frustration Study ....................................................... 48 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 Psicodiagnostica di Rorschach ........................................................ 40 QSCL – Questionario sullo Sviluppo Comunicativo e Linguistico nel 2° Anno di Vita .................................................................... 157 Reattivo dell’Albero ......................................................................... 50 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ...................................... 87 Scenotest ....................................................................................... 49 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 SRS – Social Responsiveness Scale.................................................... 103 STAI – State-Trait Anxiety Inventory – Forma Y ................................ 79 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2 ...................... 79 TAT – Test di Appercezione Tematica .............................................. 43 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 TTAP – TEACCH Transition Assessment Profile ................................. 104 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 VMI – Developmental Test of Visual-Motor Integration.................... 126 Comunicazione ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 ADOS – Autism Diagnostic Observation Schedule ........................... 101 APL Medea – Abilità Pragmatiche nel Linguaggio Medea .................. 161 Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 FRT – Family Relations Test ............................................................. 98 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 Parliamone!!! Un percorso di potenziamento delle abilità pragmatiche............................................................................... 162 PCR – Prova di Comunicazione Referenziale ................................... 156 PinG – Parole in gioco .................................................................... 155 PVCL – Prove di Valutazione della Comprensione Linguistica ........... 208 PVCM – Prove di Valutazione della Comprensione Metalinguistica........................................................................... 207 QSCL – Questionario sullo Sviluppo Comunicativo e Linguistico nel 2° Anno di Vita .................................................................... 157 SCQ – Social Communication Questionnaire................................... 103 TPL – Test del Primo Linguaggio ..................................................... 156 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 VAUMeLF – Batteria per la Valutazione dell’Attenzione Uditiva e della Memoria di Lavoro Fonologica nell’Età Evolutiva ............ 131 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 Depressione MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent................................................................................. 52 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Dislessia/disortografia Batteria per la Valutazione della Scrittura e della Competenza Ortografica nella Scuola dell’Obbligo .................... 211 DDE-2 – Batteria per la Valutazione della Dislessia e della Disortografia Evolutiva – 2......................................................... 157 PRCR-2/2009 Prove di Prerequisito................................................... 205 Prevenzione e Trattamento delle Difficoltà di Lettura e Scrittura ...... 209 Prove MT ........................................................................................ 209 Famiglia ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CAT – Test di Appercezione Tematica per Bambini .......................... 44 FRT – Family Relations Test ............................................................. 98 PSI – Parenting Stress Index – Forma breve ..................................... 81 Scenotest ....................................................................................... 49 Test Patte-Noire ............................................................................. 47 Frustrazione Blacky Pictures ............................................................................... 46 Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 CAT – Test di Appercezione Tematica per Bambini .......................... 44 Indicatori della Condotta Aggressiva .............................................. 87 PFS – Picture-Frustration Study ....................................................... 48 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ...................................... 87 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2 ...................... 79 TAT – Test di Appercezione Tematica .............................................. 43 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Test Patte-Noire ............................................................................. 47 Handicap ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 KABC-II – Kaufman Assessment Battery for Children – Second Edition........................................................................... 114 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised................ 116 Movement ABC – Batteria per la Valutazione Motoria del Bambino .............................................................................. 133 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 Intelligenza ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................ 115 DDE-2 – Batteria per la Valutazione della Dislessia e della Disortografia Evolutiva – 2......................................................... 157 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 KABC-II – KAaufman Assessment Battery for Children – Second Edition........................................................................... 114 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised ........... 116 NEPSY-II.......................................................................................... 130 Psicodiagnostica di Rorschach ........................................................ 40 TAT – Test di Appercezione Tematica .............................................. 43 Test dei Cubi di Kohs ...................................................................... 120 VMI – Developmental Test of Visual-Motor Integration.................... 126 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III.................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence ....... 108 Linguaggio ADI-R – Autism Diagnostic Interview – Revised ................................ 102 APL Medea – Abilità Pragmatiche nel Linguaggio Medea .................. 161 Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 DDE-2 – Batteria per la Valutazione della Dislessia e della Disortografia Evolutiva – 2......................................................... 157 GADS – Gilliam Asperger’s Disorder Scale...................................... 106 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 NEPSY-II.......................................................................................... 130 Parliamone!!! Un percorso di potenziamento delle abilità pragmatiche............................................................................... 162 PCR – Prova di Comunicazione Referenziale ................................... 156 PinG – Parole in gioco .................................................................... 155 PRCR-2/2009 Prove di Prerequisito................................................... 205 Prevenzione e (il) Trattamento delle Difficoltà di Lettura e Scrittura (La) .......................................................... 209 PVCL – Prove di Valutazione della Comprensione Linguistica .......... 208 PVCM – Prove di Valutazione della Comprensione Metalinguistica........................................................................... 207 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 QSCL – Questionario sullo Sviluppo Comunicativo e Linguistico nel 2° Anno di Vita .................................................................... 157 TNP – Test Neuropsicologico Prescolare .......................................... 128 TPL – Test del Primo Linguaggio ..................................................... 156 TROG-2 – Test for Reception of Grammar – Version 2...................... 160 VAUMeLF – Batteria per la Valutazione dell’Attenzione Uditiva e della Memoria di Lavoro Fonologica nell’Età Evolutiva ....................................................................... 131 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III...................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence ....... 108 Meccanismi di difesa Blacky Pictures ............................................................................... 46 PFS – Picture-Frustration Study ....................................................... 48 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Test Patte-Noire ............................................................................. 47 Memoria Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 Brown ADD Scales – Brown Attention-Deficit Disorder Scales .......... 125 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ............................... 127 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST
  • 3377 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................ 115 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised................. 116 NEPSY-II.......................................................................................... 130 PROMEA – Prove di Memoria e Apprendimento per l’Età Evolutiva.................................................................................... 132 SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................... 90 VAUMeLF – Batteria per la Valutazione dell’Attenzione Uditiva e della Memoria di Lavoro Fonologica nell’Età Evolutiva ....................................................................... 131 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III...................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Weschler Preschool and Primary Scale of Intelligence............................................................................ 108 Motricità Bayley-III – Bayley Scales of Infant and Toddler Development – Third Edition ............................................................................. 119 Bender Visual Motor Gestalt Test .................................................... 127 BVRT – Benton Visual Retention Test – Revised ............................... 127 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 GAP-T – Griglia di Analisi delle Prassie Transitive ........................... 134 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 Movement ABC – Batteria per la Valutazione Motoria del Bambino .............................................................................. 133 NEPSY-II.......................................................................................... 130 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III...................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence ....... 108 Personalità generale BFQ-C – Big Five Questionnaire Children ........................................ 63 CAT – Test di Appercezione Tematica per Bambini .......................... 44 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent................................................................................. 52 Psicodiagnostica di Rorschach ........................................................ 40 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Rabbia MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent................................................................................. 52 SCL-90-R – Symptom Checklist-90-R............................................... 78 STAXI-2 – State-Trait Anger Expression Inventory – 2 ...................... 79 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Rapporti interpersonali ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità .................................................. 136 BFQ-C – Big Five Questionnaire Children ........................................ 63 Blacky Pictures ............................................................................... 46 Indicatori della Capacità di Adattamento Sociale in Età Evolutiva ........ 98 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 Ritardo mentale ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 CAPIRE – Checklist per l’Analisi e la Programmazione Informatizzata nel Ritardo Evolutivo ........................................... 140 CAS – Das-Naglieri Cognitive Assessment System............................ 118 CPM – Coloured Progressive Matrices ............................................ 115 CRS-R – Conner’s Rating Scales-Revised .......................................... 124 GAP-T – Griglia di Analisi delle Prassie Transitive ........................... 134 GMDS – Griffiths Mental Development Scales ................................ 117 KABC-II – KAUFMAN ASSESSMENT Battery for Children – Second Edition........................................................................... 114 Leiter-R – Leiter International Performance Scale – Revised ................. 116 NEPSY-II.......................................................................................... 130 Vineland Adaptive Behavior Scales .................................................. 99 WISC-III – Wechsler Intelligence Scale for Children – III.................... 112 WISC-IV – Wechsler Intelligence Scale for Children – IV ............... 110 WPPSI-III – Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence ....... 108 Sessualità Blacky Pictures ............................................................................... 46 SESAMO – Sexrelation Evaluation Schedule Assessment Monitoring .............................................................................. 86 SIS – Somatic Inkblot Series ............................................................ 42 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Stress CISS – Coping Inventory for Stressfull Situations ............................... 85 CLES – Coddington Life Events Scales............................................... 91 MMPI-A – Minnesota Multiphasic Personality Inventory – Adolescent................................................................................. 52 PFS – Picture-Frustration Study ....................................................... 48 Scala per la Misura della Fragilità Emotiva ...................................... 87 STAI – State-Trait Anxiety Inventory – Forma Y ................................ 79 Umore SAFA – Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti ............................................................................ 90 TEMAS – Tell-Me-A-Story ................................................................ 45 Psicologia del lavoro e dell’organizzazione Abilità cognitive generali (fattore g) APM – Advanced Progressive Matrices............................................. 115 ASK – Test di Pensiero Inferenziale e Creativo ................................. 169 BOMAT – Test delle Matrici di Bochum............................................ 172 SPM – Standard Progressive Matrices ............................................. 115 Assessment Center ACS – Assessment Center System .................................................... 181 Prove per i colloqui di gruppo ........................................................ 181 Attitudini (impiegati) ASK – Test di Pensiero Inferenziale e Creativo ................................. 169 CLAVES ........................................................................................... 172 CRT – Critical Reasoning Tests ........................................................ 170 DAT-5 – Differential Aptitude Tests – Livello 2 ................................... 164 GAT-2 – General Ability Tests – 2 ..................................................... 166 IST-2000 – Test di Struttura dell’Intelligenza ................................... 171 Org-EIQ – Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire ........ 72 Attitudini (manager) ASK – Test di Pensiero Inferenziale e Creativo ................................. 169 CRT – Critical Reasoning Tests ........................................................ 170 GMA – Graduate and Managerial Assessment – Forma A .................................................................................... 167 Org-EIQ – Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire ........ 78 Attitudini (operai) DAT-5 – Differential Aptitude Tests – Livello 1.................................... 164 IST-2000 – Test di Struttura dell’Intelligenza ................................... 171 Clima/analisi organizzativa M_DOQ10 – Majer_D’Amato Organizational Questionnaire 10 ....................................................................... 187 OCS – Organizational Checkup System.......................................... 188 Interessi/valori professionali ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 SDS – Self-Directed Search ............................................................. 199 WIS/SVP – Scala dei Valori Professionali .......................................... 176 Leadership ALQ – Agentic Leadership Questionnaire....................................... 174 LJI– Leadership Judgement Indicator.............................................. 175 Motivazionale (orientamento) TOM – Test di Orientamento Motivazionale ...................................... 179 WOMI – Work and Organizational Motivation Inventory................... 178 Orientamento e counseling professionale ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 GOFER. Un corso per imparare a decidere....................................... 196 MagellanoLavoro ........................................................................... 193 MSCEIT – Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test.............. 71 QDP – Questionario di Decisionalità Professionale ................................ 200 SDS – Self-Directed Search ............................................................. 199 WIS/SVP – Scala dei Valori Professionali .......................................... 176 Personalità 16PF-5 ............................................................................................ 58 BFA – Big Five Adjectives ................................................................ 62 BFQ-2 – Big Five Questionnaire – 2 ................................................ 60 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 GPP-I – Gordon Personal Profile-Inventory ...................................... 64 Org-EIQ – Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire ........ 72 PASAT 2000 – Poppleton Allen Sales Aptitude Test 2000 .................... 177 Professioni sanitarie e d’aiuto CUIDA – Questionario per la valutazione dei richiedenti l’adozione, gli assistenti, i tutori e i mediatori............................. 68 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST
  • 3388 GUIDA RAPIDA ALLA SCELTA DEI TEST HPSCS – Health Professions Stress and Coping Scale............................. 184 LBQ – Link Burnout Questionnaire......................................................... 185 Qualità della vita lavorativa ASTRID – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità ..................................................... 136 HPSCS – Health Professions Stress and Coping Scale............................. 184 LBQ – Link Burnout Questionnaire......................................................... 185 OCS – Organizational Checkup System.......................................... 188 OSI – Occupational Stress Indicator ................................................ 186 Sport BEBS – Basket Efficacy Beliefs Scales.................................................. 182 Sviluppo del personale/empowerment ASK – Test di Pensiero Inferenziale e Creativo ................................. 169 BEBS – Basket Efficacy Belief Scales ................................................. 182 BOMAT – Test delle Matrici di Bochum ........................................... 172 CLAVES ........................................................................................... 172 CRT – Critical Reasoning Tests ........................................................ 170 EQ-i – Emotional Quotient Inventory............................................... 70 Org-EIQ – Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire ........ 72 MCSQ – Multiple Cognitive Styles Questionnaire .......................... 180 MSCEIT – Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test.............. 71 WIS/SVP - Scala dei Valori Professionali ........................................... 176 WOMI – Work and Organizational Motivation Inventory................... 178 Stress/burnout CISS – Coping Inventory for Stressfull Situations ............................... 85 HPSCS – Health Professions Stress and Coping Scale............................. 184 LBQ – Link Burnout Questionnaire......................................................... 185 OCS – Organizational Checkup System.......................................... 188 OPRA – Organizational and Psychosocial Risk Assessment.................. 190 OSI – Occupational Stress Indicator ................................................ 186 Venditori Org-EIQ Organizational-Emotional Intelligence Questionnaire........... 72 PASAT 2000 – Poppleton Allen Sales Aptitude Test 2000.................... 177 Scuola Abilità di studio/strategie di apprendimento ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 MagellanoJunior ............................................................................. 193 MagellanoUniversità ....................................................................... 193 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 QPA – Questionario sui Processi di Apprendimento ........................ 204 Abilità numerica Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 Abilità prassico-motorie Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 TNP – Test Neuropsicologico Prescolare .......................................... 128 Abilità sociali Optimist e Clipper. Portfoli per l’orientamento nella scuola ........... 198 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 Atteggiamento verso la scuola Optimist e Clipper. Portfoli per l’orientamento nella scuola ................. 198 Questionario di Attribuzione .......................................................... 212 Autoefficacia ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 MagellanoJunior ............................................................................. 192 Optimist e Clipper .......................................................................... 198 Coping/problem-solving ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 MagellanoJunior ............................................................................. 192 MagellanoUniversità ....................................................................... 192 MSCEIT – Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test.............. 71 Optimist e Clipper........................................................................... 198 Decision-making ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 GOFER. Un corso per imparare a decidere....................................... 196 Optimist e Clipper........................................................................... 198 Interessi e valori professionali ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 MagellanoJunior ............................................................................. 192 MagellanoUniversità ....................................................................... 192 Optimist e Clipper .......................................................................... 198 QDP – Questionario di decisionalità Professionale............................ 200 Lettura 5-VM – Prove di Comprensione dei Linguaggi nella Lettura................................................................................ 208 MOT-R – Prove per l’Esame della Motivazione all’Apprendimento e alla Lettura ............................................... 205 MT Avanzate – 2 – Prove MT Avanzate di Lettura e Matematica per il biennio della Scuola Secondaria di II grado ......................... 210 Nuove Prove di Lettura MT per la Scuola Media Inferiore .................. 210 PRCR-2/2009 – Prove di Prerequisito .............................................. 205 Prevenzione e (il) Trattamento delle Difficoltà di Lettura e Scrittura (La) .......................................................................... 209 Prova di Metacomprensione ........................................................... 212 Prove di Lettura MT-2 per la Scuola Primaria .................................. 209 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 TOR – Test di Comprensione del Testo Orale – 3-8 anni .................. 206 Linguaggio 5-VM – Prove di Comprensione dei Linguaggi nella Lettura................... 208 PCB – Processi Cognitivi di Base ..................................................... 203 PVCL – Prove di Valutazione della Comprensione Linguistica .......... 208 PVCM – Prove di Valutazione della Comprensione Metalinguistica........................................................................... 207 TOR – Test di Comprensione del Testo Orale – 3-8 anni..................................................................................... 206 Metacomprensione KIWI – Kit Iperattività: Valutazione e Intervento in classe............................................................................................ 213 Prova di Metacomprensione ........................................................... 212 PVCM – Prove di Valutazione della Comprensione Metalinguistica........................................................................... 207 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 Matematica/abilità numeriche MagellanoJunior ............................................................................. 193 MAT-2 – Test di Matematica per la Scuola dell’Obbligo............................................................................... 214 MT Avanzate – 2 – Prove MT Avanzate di Lettura e Matematica per il biennio della Scuola Secondaria di II grado ......................... 210 TNP – Test Neuropsicologico Prescolare .......................................... 128 Memoria MnemoTest – Test di Valutazione delle Strategie di Memoria................................................................................ 203 PCB – Processi Cognitivi di Base ..................................................... 203 Motivazione ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 QPA – Questionario sui Processi di Apprendimento ........................ 204 Interessi e valori ASTRID-OR – Portfolio per l’Assessment, il Trattamento e l’Integrazione delle Disabilità – ORIENTAMENTO ........................... 138 Optimist e Clipper .......................................................................... 198 Prerequisiti PCB – Processi Cognitivi di Base ..................................................... 203 PRCR-2/2009 – Prove di Prerequisito .............................................. 205 TNP – Test Neuropsicologico Prescolare .......................................... 128 Qualità della vita di studente Optimist e Clipper ............................................................................... 198 Ragionamento MagellanoUniversità ....................................................................... 193 PCB – Processi Cognitivi di Base ..................................................... 203 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202 Scrittura Batteria per la Valutazione della Scrittura e della Competenza Ortografica nella Scuola dell’Obbligo .................... 211 PRCR-2/2009 – Prove di Prerequisito .............................................. 205 Prevenzione e (il) Trattamento delle Difficoltà di Lettura e Scrittura (La) .......................................................... 209 Prove di Valutazione Grammaticale dell’Italiano Scritto.................... 211 Q1 VATA – Batterie per la Valutazione delle Abilità Trasversali all’Apprendimento .................................................................... 202
  • TECNICHE PROIETTIVE
  • TECNICHEPROIETTIVE 4400 La prova consiste nel dare un’interpretazione a dieci macchie d’inchiostro. Rorschach ritiene che s’inneschi un processo di percezione distinto in tre momenti: sensazione, ricordo e associazio- ne. In altre parole, le sensazioni suscitate dalle macchie provocano il risveglio di vecchi insiemi di sensazioni sotto forma di immagini ricordo. Ciò che dà valore d’interpretazione alla percezione è l’imperfezione dell’equivalenza fra il complesso di sensazioni prodotte dalle tavole e le sensazioni stesse; di qui la possibilità di controllo e di scelta. Un altro aspetto del lavoro interpretativo è il caos della macchia, che provoca nel soggetto una disforia. Dando una propria interpretazione, il soggetto mette ordine nel caos, provocando un atto creatore. Trattandosi di un test proiettivo, infatti, il modo nel quale ogni singolo soggetto organizza o “struttura” le macchie d’inchiostro nel processo percettivo riflette gli aspetti fonda- mentali della sua dinamica psicologica. SIGLATURA L’interpretazione dei dati forniti inizia attribu- endo i punteggi in base a delle regole precise (psi- cogramma), tenendo conto della localizzazione delle componenti determinanti (forma, colore, sfu- mature), del contenuto e della frequenza delle risposte. L’esaminatore osserva, poi, anche il grado di corrispondenza tra la risposta e la forma della macchia, assegnando un punteggio di qualità della forma che può essere positivo (+), intermedio (I) o negativo (–). Sebbene l’attribuzione del pun- teggio sia fatta in base ad un preciso sistema di codifica, ciò non vale per l’interpretazione. La qua- lità delle risposte indica in una certa misura il livel- lo intellettuale del soggetto e l’attenzione dimo- strata nell’eseguire il compito; si assegna una note- vole importanza al grado di controllo degli impul- si e delle reazioni emotive. Mentre le risposte di movimento vengono considerate indici di imma- ginazione e di creatività, quelle di colore sono interpretate come indici di reazioni emotive agli stimoli esterni; la “forma”, infine, esprime il grado di abilità del soggetto a tener conto della realtà. L’interpretazione che viene data si rifà ad ipotesi, collegate tra loro, sulle forze interne e sui meccanismi di controllo che spingono il sog- getto a dare i vari tipi di risposta. L’esame psi- codiagnostico, nell’edizione qui presentata, può essere condotto sia secondo il modello Rorschach-Canivet, che secondo quello, ameri- cano, di Klopfer e Davidson. TAVOLE PARALLELE di Salvatore Parisi e Patrizia Pes (Edizioni Kappa) Queste Tavole Parallele, pubblicate nel 1989, propongono al soggetto una serie di stimoli per- cettivi ed emotivi analoghi a quelli determinati dalla somministrazione del Rorschach. Disponibili in tre versioni, sono indispensabili quando si deve ripetere la prova psicodiagnostica sul medesimo soggetto o in casi in cui non sia possibile sommi- nistrare il Rorschach. Tavole Parallele tout court Si tratta di una serie di dieci tavole (bianche e nere, nere e rosse, e colorate) concepite per ri- spondere al principio di un “parallelismo ideale”. Pur differendo da quelle originali nella loro appa- renza, viene garantito, tavola per tavola, lo stesso equilibrio rispetto alle varie categorie di siglatura. Tavole Achiaroscurali Riproduzione in grigio uniforme di tutte e dieci le Tavole Parallele, permettono di chiarire l’effettiva incidenza del chiaroscuro nella genesi dell’interpretazione. Tavole Nere Riproduzione in bianco e nero delle cinque Tavole Parallele colorate, risultano utili per ciò che riguarda l’indagine sulla presenza o meno della componente cromestesica. Hermann Rorschach PSICODIAGNOSTICA DI RORSCHACH La tecnica proiettiva per eccellenza
  • TECNICHEPROIETTIVE 4411 VOLUMI Manuale pratico del test di Rorschach (Margherita Loosli-Usteri, 1972) È il manuale di uno dei più affermati metodi di siglatu- ra del Rorschach. L’Autrice passa in dettaglio la tecnica interpretativa, che da lei ha preso il nome, riportando in appendice alcuni casi esemplificativi ed una rassegna delle interpretazioni. 248 pagine. Il metodo Rorschach (Dolores Passi Tognazzo, 1994. Giunti) Terza edizione rinnovata per gli aspetti psicometrici (vengono riportati i nuovi valori normativi delle variabi- li Rorschach, costituenti le norme attuali della popola- zione italiana). 364 pagine. Prontuario Rorschach per l’orientamento alla siglatura e all’interpretazione (Giovanna Berengo, 1994) Manuale che rielabora, in modo schematico, parte della vasta biblio- grafia esistente sul Rorschach, con- sentendo una rapida consultazione delle informazioni e un veloce repe- rimento dei dati necessari all’attri- buzione della siglatura e alla stesura dell’interpretazione. 112 pagine. PSICODIAGNOSTICA DI RORSCHACH La tecnica Rorschach. Un manuale introduttivo (Bruno Klopfer e Helen H. Davidson, 1971, 1994) Il manuale della siglatura americana, con esposizione dei vari procedimen- ti di somministrazione ed interpreta- zione. 282 pagine. Vademecum psicodiagnostico. Tabelle ausiliari per l’esame di Rorschach (Ewald Bohm, 1964, 1994) Vera e propria guida che riporta diverse sindromi, indispensabile per poter migliorare il contenuto della diagnosi. 256 pagine. DATA DI PUBBLICAZIONE 1956 DESTINATARI Soggetti di ogni età SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 10 tavole CAMPIONE ITALIANO Passi Tognazzo: 650 soggetti (4-16 anni) dell’Italia settentrionale (1981) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90088-V 1 Serie di 10 tavole (in esclusiva per l’Italia) € 85,00 90110-T 25 Cartelle esame psicodiagnostico Rorschach-Canivet con protocollo » 66,25 90283-V 25 Moduli individuali di siglatura Klopfer e Davidson » 73,75 Tavole Parallele 90121-Z 1 Serie di 10 Tavole Parallele » 119,00 90122-A 1 Serie di 5 Tavole Nere » 24,25 90123-B 1 Serie di 10 Tavole Achiaroscurali » 36,20 Volumi 45497-J “Manuale pratico del test di Rorschach” » 47,40* 49003-A “La tecnica Rorschach” » 44,10* 49002-H “Vademecum psicodiagnostico” » 32,50* 90155-V “Prontuario Rorschach per...” » 60,27* 34107-Q “Il metodo Rorschach” » 22,00* *IVA assolta dall’Editore best seller formazione PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € Costi ridotti di importazione
  • TECNICHEPROIETTIVE 4422 Le tre macchie dello Z-Test possono essere usate come una versione abbreviata e più semplice del test di Rorschach, e servire, in selezione, come prova preliminare o supplementare, di aiuto, spe- cialmente negli esami in cui sono richiesti dati rela- tivi alla formazione del carattere. Come per le tavole del Rorschach, viene interpreta- to soprattutto come il soggetto ha effettuato l’in- terpretazione della macchia, piuttosto che cono- scere che cosa è stato detto. Le informazioni otte- nute vengono elaborate in chiave di grado e tipo d’intelligenza del soggetto, presenza o meno di capacità organizzative e di comando, per valutare la capacità di adattamento e la salute mentale. STRUTTURA Similmente alle Tavole Rorschach, le 3 tavole dello Z-Test sono concepite in modo da indurre interpretazioni di forma, colore, chiaroscuro e movimento, riferite a tutta la figura o a dettagli. Le tavole furono anche trasformate in diapositi- ve, per permetterne la proiezione su schermo, ma tale forma non è più da tempo disponibile. Le macchie del SIS possono essere usate per valutare la profondità ed il significato di sintomi somatici, reazioni di conversione, allucinazioni somatiche e disfunzioni sessuali. Esse permetto- no di diagnosticare i disturbi affettivi negati dai soggetti, rivelare disturbi nella percezione somatica, come la catatonia o i problemi cogni- tivi delle prime fasi della schizofrenia. L’eccessiva quantità di risposte anatomiche può rivelare, inoltre, angoscia di morte correlata ad un inter- vento chirurgico grave o a stadi terminali di malattie. Questa serie può essere impiegata an- che per contribuire ad impostare un trattamen- to terapeutico che preveda esercizi di consape- volezza corporea. STRUTTURA Il SIS è costituito da una serie di 20 tavole, ognuna delle quali rappresenta uno stimolo visi- vo semi-ambiguo basato su una specifica struttu- ra anatomica e volto a suscitare le percezioni somatiche dei soggetti. Le tavole, stampate in nero, rosso e grigio su fondo bianco, evocano una struttura anatomica abbastanza ovvia da suscitare una verbalizzazione spontanea, ma non tanto da far sì che le risposte si limitino esclusiva- mente a citare le parti del corpo o i colori. Si chie- de al soggetto una sola risposta per tavola; la valutazione delle risposte avviene in analogia con il procedimento proposto da Rorschach. DATA DI PUBBLICAZIONE 1979, 1995 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 20’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 3 tavole CAMPIONE 200 militari (Svizzera) (1954) QUALIFICA RICHIESTA C DATA DI PUBBLICAZIONE 1989 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE Individuale COMPOSIZIONE 20 tavole QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90388-E 1 Serie di tavole (forma individuale) € 71,40 90390-C 100 Fogli di spoglio » 130,00 91656-M 25 Fogli di notazione e scoring » 61,25 90391-Z 1 Manuale di istruzioni » 28,80* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91156-J 1 Serie di 20 tavole € 180,00 91157-K 25 Cartelle » 48,75 91158-U 1 Manuale di istruzioni » 45,00* *IVA assolta dall’Editore Hans Zulliger Z–TEST Il Rorschach per la selezione del personale Wilfred A. Cassell SIS SOMATIC INKBLOT SERIES La valutazione della consapevolezza corporea, in un reattivo ispirato al Rorschach
  • TECNICHEPROIETTIVE 4433 La pubblicazione del Test di Appercezione Tematica (TAT) di Murray è considerata una del- le tappe fondamentali nella storia delle tecniche proiettive. Dopo il Rorschach, il TAT costituisce il reattivo proiettivo più utilizzato, oggetto di numerosissimi studi e ricerche. A differenza del Rorschach, questo è un test tematico, in cui il clinico è interessato soprattut- to al contenuto dei pensieri espressi e alle fanta- sticherie del soggetto. Questo strumento per- mette infatti all’esaminatore di conoscere con- temporaneamente emozioni, atteggiamenti e processi cognitivi del soggetto, fornendo un’a- nalisi globale dell’intera persona. STRUTTURA Il TAT consta di 20 immagini, ma, poiché la somministrazione completa del test ha la dura- ta di due sedute di un’ora ciascuna, è prassi co - mune utilizzare solo le prime 10. Il soggetto deve interpretare ciascuna imma- gine inventandoci sopra una storia e cercando, inoltre, di immaginare cosa è successo prima e cosa accadrà in seguito. Le risposte riflettono i costrutti mentali, le esperienze, i conflitti e i de- sideri di ognuno: essenzialmente la persona proietta se stessa nella situazione rappresentata, identificandosi con uno dei personaggi raffigu- rati. L’interpretazione avviene prestando partico - lare attenzione ai temi presenti nelle storie inventate dal soggetto, che possono indicare un atteggiamento di rinuncia o di ansietà nei con- fronti di figure autoritarie dominanti, o altre pre - occupazioni. Si osserva anche lo stile delle rispo- ste: l’uso dell’intera figura o di dettagli, l’inte- resse a creare una storia adeguata all’immagine rappresentata, ecc. VOLUMI Manuale clinico del TAT. Sistemi diagnostici (Antonio Imbasciati e Alberto Ghilardi, 1994, 2006) Questo lavoro si propone di siste- matizzare una traccia manualistica sul TAT, basandosi su un sistema di siglatura “classico” quale quello di Bellak, integrato ed arricchito da una teoria di riferimento - la teoria psicoanalitica dell’Io - e da concet- ti operativi su cui basarsi per l’interpretazione. 216 pagine. DATA DI PUBBLICAZIONE 1960 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 2 sedute di 1 ora ca. Individuale COMPOSIZIONE 31 tavole QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90096-M 1 Serie di tavole € 138,60 90097-N 1 Manuale di istruzioni » 28,35* Volumi 49004-B “Manuale clinico del TAT” » 33,00* *IVA assolta dall’Editore Strumenti correlati CAT p. 40 SAT p. 40 Henry A. Murray TAT TEST DI APPERCEZIONE TEMATICA Un proiettivo “classico”, capace di rilevare sentimenti complessi e conflitti di personalità
  • TECNICHEPROIETTIVE 4444 IL CAT è un metodo di indagine della perso- nalità attraverso lo studio delle differenze indivi- duali nella percezione di stimoli standardizzati, che in questo caso corrispondono a rappresenta- zioni di animali. Gli Autori hanno identificato un certo numero di situazioni basilari per il bambino, suscettibili di rilevare gli aspetti dinamici dei suoi problemi, così da metterne a nudo i fantasmi riguardo all’aggressività, al modo con cui il mon- do degli adulti lo accetta, ai timori di restare solo. Si analizzano la sua struttura affettiva, la dinami- ca delle sue reazioni di fronte ai problemi dello sviluppo ed il modo in cui li risolve. Il CAT-S è un supplemento elaborato per ri- levare temi particolari, somministrando anche soltanto una delle 10 immagini. Utile come ma- teriale per tecniche di gioco e libera manipola- zione, vi si può ricorrere qualora il bambino non sia in grado di raccontare delle storie. STRUTTURA Il CAT comprende 10 immagini che rappre- sentano degli animali in situazioni diverse. Lo scopo è di aiutare a comprendere i rapporti esi- stenti tra il bambino, i personaggi e gli aspetti più importanti della sua personalità. Somministrazione e correzione del protocol- lo sono simili a quelle del TAT. Più una tecnica di complemento al colloquio clinico che un test vero e proprio, il SAT è utiliz- zabile per comprendere i problemi degli anzia- ni, anche di quelli che, in buona salute, sfuggo- no a un campionamento in ambito clinico. Il test segue il modello d’interpretazione del TAT e comporta una classificazione delle storie in cate- gorie dalle quali trarre i dati che concorrono a delineare un profilo psicologico del soggetto: struttura dell’inconscio, concezione del mondo, conflitti significativi, natura dell’ansia, difese messe in atto, struttura del Super-Io, forza dell’Io. Dalle storie raccontate si può quindi deli- neare la struttura e la dinamica della persona- lità, si possono rilevare crisi acute e individuare l’intervento terapeutico opportuno. STRUTTURA Le 16 tavole, che non è necessario sommini- strare al completo, riproducono situazioni emo- tivamente significative per la terza età. Le situa- zioni presentate sono state scelte in modo da non disturbare troppo i soggetti e le ambienta- zioni risultano ugualmente accettabili in diffe- renti situazioni socioeconomiche e personali. DATA DI PUBBLICAZIONE 1957, 2009 DESTINATARI Bambini dai 3 ai 10 anni SOMMINISTRAZIONE 2 sedute di 1 ora Individuale COMPOSIZIONE 10 tavole CAMPIONE 80 bambini (USA) (1956) QUALIFICA RICHIESTA C DATA DI PUBBLICAZIONE 1997 EDIZIONE ITALIANA Liana Valente Torre DESTINATARI Anziani SOMMINISTRAZIONE 30’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 16 tavole CAMPIONE ITALIANO 100 soggetti di età superiore ai 65 anni (65 donne e 35 uomini) (1996) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90107-V 1 Serie di tavole CAT € 126,00 90108-E 1 Serie di tavole CAT-S » 141,75 94021-F 1 Manuale di istruzioni. II edizione » 36,70* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91807-J 1 Serie di tavole SAT € 110,00 91808-K 1 Manuale di istruzioni » 33,80* *IVA assolta dall’Editore Strumenti correlati TAT p. 39 SAT p. 40 Strumenti correlati TAT p. 39 CAT p. 40 Leopold Bellak e Sonya S. Bellak CAT TEST DI APPERCEZIONE TEMATICA PER BAMBINI L’adattamento del TAT all’età evolutiva Leopold Bellak e Sonya S. Bellak SAT SENIOR APPERCEPTION TECHNIQUE Il profilo psicologico dell’anziano
  • TECNICHEPROIETTIVE 4455 Il TEMAS è un test proiettivo/narrativo idea- to per essere utilizzato con bambini e adole- scenti di diversi gruppi etnici: è quindi uno stru- mento pensato fin dall’origine con validità mul- ticulturale. Presenta, infatti, due distinti set di tavole, uno per bambini “bianchi” (Non-mino- rity) e uno per bambini “di colore” (Minority), e – nell’edizione italiana – riferimenti normativi per gruppi etnici diversi. È dunque in grado di ridurre i bias culturali che, nella composita società di oggi, pregiudicano in misura crescen- te il lavoro degli psicologi che operano nel set- tore scolastico e clinico. L’accurato sistema di siglatura e il confronto con i dati normativi consentono una valutazione affidabile del funzionamento affettivo, cognitivo e di personalità del bambino, sia a fini diagnosti- ci sia nell’ambito di una terapia, permettendo di superare i limiti dei proiettivi tradizionali. CARATTERISTICHE CHIAVE Validità multiculturale. Due set di tavole (Minority e Non-minority). Dati normativi per tre distinti gruppi etni- ci: italiani, arabi e latinoamericani. Stimoli colorati e non ambigui. Sistema di siglatura semplice ed efficace. STRUTTURA Il TEMAS è costituito, nella Forma lunga, da due diverse serie parallele di 23 tavole illustrate e a colori. Ogni tavola raffigura una situazione di problem-solving molto verosimile, a partire dalla quale il bambino è chiamato a raccontare una storia incentrata sulla risoluzione più o meno adattiva del conflitto. Gli stimoli, meno ambigui rispetto ai test proiettivi tradizionali, danno al bambino l’opportunità di creare storie ben rappresentative delle proprie esperienze e promuovono la fluenza verbale e l’apertura di sé, consentendo di misurare: 9 Funzioni di personalità 18 Funzioni cognitive 7 Funzioni affettive. Il test permette, così, di formulare una dia- gnosi precisa, articolata e attendibile. Per favori- re l’identificazione del bambino con i personag- gi raffigurati nelle tavole, queste ultime sono differenziate per genere. La modalità di sommi- nistrazione più frequente prevede l’utilizzo di sole 9 tavole (Forma breve). Il set Minority e l’uso multiculturale Il set Non-minority può essere utilizzato con i bambini italiani e con tutti i bambini stranieri europei o “bianchi” (si farà riferimento alle norme italiane o – se è il caso – latinoamerica- ne). Il set Minority, identico nelle situazioni e nelle scene presentate al Non-minority, si diffe- renzia per il fatto che i personaggi rappresen- tati hanno tratti somatici non europei e può quindi essere usato con bambini mediorientali, nordafricani, africani o latinoamericani, con riferimento alle norme arabe oppure latino- americane. UTILIZZO Il TEMAS è utilizzabile in psicologia clinica dello sviluppo per raggiungere una migliore comprensione dei punti di forza e dei deficit di funzionamento cognitivo, affettivo, intraperso- nale e interpersonale di bambini e adolescenti, per definire il piano di trattamento e per valuta- re i progressi e i risultati della psicoterapia. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Francesca Fantini, Filippo Aschieri e Patrizia Bevilacqua DESTINATARI 5-18 anni SOMMINISTRAZIONE Forma breve: 45’ Forma lunga: 120’ Individuale COMPOSIZIONE 23 tavole per ogni set (Non-minority e Minority) CAMPIONE ITALIANO 297 bambini fra i 6 e i 10 anni (italiani, arabi e lati- noamericani) (2007-2009) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 94198-S 1 Starter kit € 330,00 94201-V 1 Set di tavole versione Non-minority » 120,00 94200-U 1 Set di tavole versione Minority » 120,00 94199-T 25 Protocolli di somministrazione » 26,25 94202-W 1 Manuale di istruzioni » 82,00* *IVA assolta dall’Editore Giuseppe Costantino TEMAS TELL-ME-A-STORY L’unico proiettivo standardizzato e con validità multiculturale manuale + tavole Non- minority + tavole Minori - ty + 25 protocolli
  • TECNICHEPROIETTIVE 4466 Il principale scopo delle Blacky Pictures è quel- lo di mettere in evidenza le dinamiche di perso- nalità del soggetto nel continuum che si estende dalla fase diagnostica a quella terapeutica. È uti- le nel fornire indicazioni prognostiche sulle mo- dalità ed i limiti della risposta alla terapia. Questa tecnica proiettiva si basa sulla teoria psicoanalitica ed il materiale verte su variabili psi- cologiche specificamente delimitate, come lo sviluppo psicosessuale, i meccanismi di difesa, la relazione oggettuale e così via. STRUTTURA Le Blacky Pictures sono 12 vignette che illu- strano le avventure del cane Blacky. Le situazioni stimolo sono più fortemente strutturate che nella maggior parte dei metodi proiettivi, ma i personaggi delle vignette sono dei cani, per facilitare la libera espressione per- sonale in situazioni in cui delle figure umane po- trebbero provocare un’inopportuna resistenza di tipo inibitorio. La prima tavola presenta i per- sonaggi, mentre quelle successive illustrano, ciascuna, o uno stadio dello sviluppo psicoses- suale o un tipo di relazione oggettuale nell’am- bito di tale sviluppo. Al bambino si chiede di raccontare una storia e, alla fine, per ogni vi- gnetta gli vengono poste delle domande che vanno ad indagare la dimensione psicoanalitica caratteristica di ciascuna figura. DATA DI PUBBLICAZIONE 1971, 1993 EDIZIONE ITALIANA Franco G. Ferradini, Caterina Barbarotto Moso, Chiara Nosengo e Carla M. Xella DESTINATARI Soprattutto bambini SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 12 tavole QUALIFICA RICHIESTA CMATERIALE 91312-N 1 Confezione con 12 tavole + 1 fascicolo inchiesta maschi + 1 femmine + 10 f. registrazione + 1 manuale € 273,00* 90501-Y 25 Fogli di registrazione » 56,25 45677-D 1 Manuale di istruzioni » 38,00* *IVA assolta dall’Editore Questo strumento può essere considerato un test proiettivo, grafico, con possibilità di verbaliz- zazione, la cui dinamica si fonda sul concetto di archetipo e sulla teoria di personalità psicologico- analitica di Jung. Dall’utilizzo grafico dei segni presentati al soggetto, altamente pregnanti, si analizza il livello di equilibrio raggiunto tra impul- so e percezione e il grado di adattamento al signi - ficato reale e oggettivo (il profilo stratigrafico); lo stile percettivo, cioè l’aderenza o la negligenza ri- spetto alla qualità posta di fronte al soggetto (il profilo qualitativo); la successione utilizzata dal soggetto nell’esecuzione dei disegni; il quadro di strutturazione; i modi di rappresentazione e di attribuzione di significato; la proiezione caratte- rologica della rappresentazione e del significato dei disegni (il profilo caratterologico). Il metodo grafico è, quindi, un metodo psi- codiagnostico che rileva, attraverso l’analisi del completamento di stimoli iniziali, sistematica- mente variati, le relazioni esistenti tra le funzioni percettive e quelle pulsionali. STRUTTURA Su un foglio di carta sono stampati 8 quadra- ti, all’interno dei quali, su di uno sfondo bianco, vi sono dei segni che hanno la potenzialità di favori- re impulsi motori legati all’oggettività degli stessi stimoli percettivi ed hanno una evidenza archeti- pica. Il compito, quindi, è la realizzazione grafica di qualsiasi contenuto mentale che utilizzi i segni grafici già presenti nei vari quadrati, secondo la successione che spontaneamente viene scelta dal soggetto, ed attribuendo un significato alle realiz- zazioni stesse. DATA DI PUBBLICAZIONE 1958, 1990 DESTINATARI Soggetti di ogni età SOMMINISTRAZIONE 30’ ca. Individuale e collettiva (con meno di 25 persone) COMPOSIZIONE 8 figure incomplete CAMPIONE ITALIANO 711 soggetti dagli 11 ai 16 anni (1989) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90105-T 100 Moduli € 150,00 90106-U 100 Fogli di notazione » 150,00 90098-X 1 Manuale di istruzioni » 29,75* *IVA assolta dall’Editore Ehrig Wartegg REATTIVO DI DISEGNO Il più usato dei test grafici Gerald S. Blum BLACKY PICTURES Un reattivo per lo studio dei rapporti interpersonali
  • TECNICHEPROIETTIVE 4477 La Düss ha ideato delle piccole favole o sto- rie nelle quali un protagonista si trova in una de- terminata situazione che rimanda ad uno dei di- versi stadi dello sviluppo psicosessuale (stadio orale, anale, edipico, ecc.). Il metodo delle sto- rie da completare risulta essere un mezzo di indagine rapido, sostitutivo dell’interrogatorio psicoanalitico diretto del bambino. L’analisi delle risposte date dal bambino esige dagli esa- minatori una conoscenza profonda del modello psicoanalitico, soprattutto per quanto riguarda la struttura della personalità e la comprensione delle situazioni simboliche rappresentanti deter- minati stati dell’evoluzione affettiva del bambi- no, ed anche una certa padronanza della tecni- ca dell’interrogatorio psicoanalitico. FINALITÀ Le favole ideate dalla Düss possono costitui- re un mezzo per individuare rapidamente even- tuali conflitti e il loro grado di gravità e possono servire come punto di partenza per un interven- to psicoterapico sul bambino. Come nelle Blacky Pictures, le situazioni sti- molo, riguardando degli animali, permettono una migliore proiezione da parte del bambino. Le tavole coprono un largo ventaglio delle ten- denze istintive, permettendo un’esplorazione completa della personalità. L’originalità del metodo consiste nella totale libertà lasciata al soggetto di dare un sesso ed un’età agli anima- li presentati nelle immagini e di scegliere quali tavole desideri descrivere; questa libertà offre il doppio vantaggio di non provocare l’inibizione, il rifiuto di una tavola o dell’intero test, e di per- mettere che la personalità del soggetto si mani- festi senza distorsioni. STRUTTURA Le 19 tavole che compongono lo strumento vanno somministrate in due tempi; dapprima si lascia il soggetto immaginare le avventure del porcellino Patte-Noire; poi gli si chiede di dividere le immagini amate da quelle non amate e di indi- care di quale personaggio egli desidererebbe as- sumere il ruolo. L’idea principale, basata sulla teo- ria psicoanalitica, è che le difese dell’Io abbiano la stessa importanza di quelle delle tendenze istinti- ve. La somministrazione in due tempi permette, quindi, di suscitare tendenze e difese, rivelando al- l’esaminatore le due facce di una stessa personali- tà e il dinamismo conflittuale che l’anima. DATA DI PUBBLICAZIONE 1957 DESTINATARI Bambini dai 3 anni, adolescenti SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale COMPOSIZIONE 10 tavole con favole QUALIFICA RICHIESTA C DATA DI PUBBLICAZIONE 1974, 1995 DESTINATARI Bambini e adolescenti SOMMINISTRAZIONE 2 sedute di 1 ora Individuale COMPOSIZIONE 19 tavole con disegni b/n QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90112-R 1 Manuale di istruzioni con favole € 52,50* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 90274-B 1 Serie di 19 tavole con guida all’uso del quadro d’analisi € 184,00 91753-A 50 Protocolli per il quadro d’analisi panoramica » 72,50 *IVA assolta dall’Editore Louisa Düss FAVOLE DELLA DÜSS Il metodo delle storie da completare Louis Corman TEST PATTE-NOIRE Il proiettivo più utilizzato coi bambini
  • Saul Rosenzweig PFS PICTURE-FRUSTRATION STUDY Lo studio della reazione alle frustrazioni TECNICHEPROIETTIVE 4488 Il test di frustrazione di Rosenzweig è una procedura proiettiva per individuare gli schemi di risposta allo stress quotidiano, che sono, com’è noto, molto importanti per l’adattamen- to sia normale che anormale. Presupposto di base del PFS è che il sogget- to proietta se stesso nella situazione stimolo e si identifica con la figura centrale di esso, cioè con il personaggio frustrato in ognuno degli item. Le risposte al PFS possono, quindi, essere prese come esempio del suo repertorio di schemi di reazione in situazioni frustranti. Queste ultime sono rappresentate nel test da ostacoli che de- ludono, deprivano o frustrano le persone rap- presentate, oppure da accuse, imputazioni o incriminazioni delle stesse. STRUTTURA Il materiale di cui è composto il test è una serie di 24 disegni tipo fumetto, ognuno rap- presentante due persone coinvolte in una situa- zione leggermente frustrante e facile da verifi- carsi. La figura di sinistra in ogni disegno appa- re nell’atto di pronunciare alcune parole che possono sia descrivere la frustrazione dell’altro individuo, sia frustrarlo direttamente. La perso- na di destra è sempre rappresentata con un fumetto vuoto sopra. Caratteristiche del viso ed altre espressioni di emozione sono deliberata- mente omesse nei disegni. Il soggetto viene invitato ad esaminare le situazioni una alla volta, scrivendo, nel fumetto bianco, la prima risposta appropriata che gli viene in mente. Le dimensioni Come base per la siglatura si presuppone che il soggetto, consciamente o meno, identifichi se stesso con l’individuo frustrato in ogni situazione presentata e proietti nelle risposte i propri atteg- giamenti. Per definire tali atteggiamenti i pun- teggi vengono dati per ogni risposta sotto forma di due dimensioni principali: la direzione dell’ag - gressività, che può essere rivolta all’esterno (extraggressività), verso il soggetto stesso (intrag- gressività), oppure evitata (aggressività repressa) per negare il tentativo di frustrazione; ed il tipo dell’aggressività, che può essere o la dominanza dell’ostacolo (qualora predomini la barriera che causa la frustrazione), la difesa dell’Io (se l’Io del soggetto predomina per autodifendersi) o, infi- ne, la persistenza del bisogno, nella quale si evi- denzia la soluzione del problema frustrante cer- cando di raggiungerne lo scopo malgrado la presenza dell’ostacolo. Le tre forme Questo reattivo esiste in tre versioni differen- ti: la forma per bambini, utilizzabile dai 4 ai 12 anni, che tende a fornire indicazioni su come questi reagiscono a situazioni frustranti scolasti- che, familiari e sociali; la forma per adolescenti, ove le vignette sono simili a quelle per gli adulti ad eccezione che l’individuo frustrato è ogni volta rappresentato da un adolescente; ed, infi- ne, la forma per adulti. DATA DI PUBBLICAZIONE 1964, 1967, 1992 EDIZIONE ITALIANA Franco Ferracuti e Luigi Abbate DESTINATARI Bambini dai 4 ai 12 anni, adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 15’-30’ ca. Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 24 vignette per ogni forma CAMPIONE (Svizzera) 800 bambini (1948), 813 adolescenti (1970) e 500 adulti (1948) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE Forma per bambini 90101-X 25 Quaderni per bambini € 68,75 90102-Y 25 Moduli di siglatura » 40,00 Forma per adolescenti 90482-M 25 Quaderni per adolescenti » 68,75 90483-N 25 Moduli di siglatura » 40,00 Forma per adulti 90126-P 25 Quaderni per adulti » 68,75 90127-Q 25 Moduli di siglatura » 40,00 91313-P 1 Manuale di istruzioni (unico per le tre forme) » 53,30* *IVA assolta dall’Editore
  • Gerdhild Von Staabs SCENOTEST Gli oggetti nello studio della personalità TECNICHEPROIETTIVE 4499 Lo Scenotest è un metodo d’indagine e di trattamento psicologico che contribuisce alla comprensione dell’atteggiamento interiore del soggetto verso il mondo degli uomini e delle cose, con particolare riferimento alla sua vita affettiva e agli elementi psichici profondi. Offre, inoltre, indicazioni sulla struttura globale della personalità del soggetto, sulla sua natura, le sue attitudini e modalità caratterologiche. Lasciati liberi di dar corso alla propria fanta- sia, bambini, adolescenti e adulti arrivano a costruire, utilizzando il materiale del test, delle scene in qualche modo collegate con le loro personali esperienze, con i loro problemi consci o inconsci o con situazioni conflittuali acute. Le informazioni che se ne ricavano riguardano il rapporto del soggetto con le persone che lo cir- condano, come vive le proprie esperienze, e for- nisce indicazioni che nell’anamnesi non vengo- no sempre rilevate nella loro giusta prospettiva. STRUTTURA Il materiale è riposto in una scatola suddivi- sa in scomparti che permettono una chiara visuale di tutto il contenuto senza per altro met - tere in particolare evidenza né suggerire l’uno o l’altro pezzo. La parte interna del coperchio, smontabile, costituisce la piattaforma unica su cui si svolge sempre il gioco. Il materiale com- prende pupazzi flessibili di diverse dimensioni (8 adulti e 8 bambini), figure di animali e di alberi, cubi ed altri elementi compatibili, oggetti di uso quotidiano. Tutti i pupazzi sono snodabili in modo che possano assumere posture e atteg- giamenti diversi, atti ad indicare azioni, stati d’animo ed emozioni differenti, e caratterizzati per poter rappresentare tutte le figure che po- polano il mondo del soggetto. Kit integrativo In seguito alle osservazioni di vari autori e al mutamento delle condizioni storiche, si è ritenuto opportuno integrare il materiale originario con 7 nuove figure e oggetti, in modo da attualizzare il test in linea con le idee originarie di Von Staabs. Il nuovo manuale Claudia Ermert è una psicoterapeuta familiare svizzera che ha a lungo utilizzato lo Scenotest. In questo manuale dimostra che, come setting com- portamentale a struttura variabile, esso può esse- re inquadrato in una visione moderna della psico- diagnostica standardizzata. Il suo riesame della procedura mostra come, pur inadatto ad alcune funzioni tipiche dei test tradizionali, lo Scenotest mantenga tutto la sua validità ed attendibilità per lo screening e per altre finalità. La Ermert presen- ta il metodo sotto il profilo di applicazioni diverse, permettendo così una valutazione differenziata della sua utilità; ne inquadra l’origine nello svilup- po della psicoterapia infantile e ne illustra detta- gliatamente le varie modalità di valutazione. UTILIZZI Il metodo può essere utilizzato nelle consul- tazioni psicoterapeutiche e nei colloqui, come pure nella terapia breve del profondo o nei trat- tamenti psicoanalitici. Aiuta la comprensione della struttura del carattere, la conoscenza dei particolari modi di comportamento e, nei bam- bini, delle caratteristiche specifiche di singoli li- velli di sviluppo. In psicopatologia è utilizzato per le nevrosi di tutte le età come strumento sia diagnostico che terapeutico, nelle malattie organo-neurologiche o psicotiche per rilevare gli eventuali fattori psicologici profondi e come coadiuvante nell’approccio psicoterapeutico. DATA DI PUBBLICAZIONE 1971, 2008 (manuale C. Ermert) DESTINATARI Soggetti di ogni età a partire dai 3 anni SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale e collettiva COMPOSIZIONE Set di oggetti di varie forme e materiali QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 93938-U 1 Kit Scenotest € 2255,00 93940-W 1 Kit integrativo » 256,00 93939-V 1 Manuale di istruzioni (C. Ermert) » 54,50* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Kit base + Kit integrativo + manuale Ermert + pro- totipo fotocopiabile del protocollo
  • TECNICHEPROIETTIVE 5500 STRUTTURA L’istruzione standard da dare ai soggetti è quella di disegnare un albero da frutto come me- glio si può su un foglio bianco. La valutazione del disegno segue due vie: quella dell’analisi delle diverse caratteristiche (le misure del disegno, la sua collocazione sul foglio, l’inclinazione dell’al- bero, i rapporti fra le parti, ecc.), con l’individua- zione dei diversi segni grafici e, solo successiva- mente, la via della visione globale. L’analisi grafi- ca e la visione integrale, insieme alla valutazione dei “sintomi”, favorita dalla statistica, portano al- l’interpretazione conclusiva. La prova dell’albero appartie- ne alla categoria dei reattivi proiettivi e ha lo scopo di otte- nere una descrizione della per- sonalità a partire dal disegno di un albero da parte del sog- getto in esame. Con il passare degli anni questa tecnica ha accumulato una grande quantità di materiali che ha fornito ele- menti di interpretazione più stabili ed obiettivi. È venuta, così, a costituirsi una prova di facile applicazione e ben accetta ai soggetti, visto che questi ultimi vi si preparano senza preconcetti, convinti che si voglia da loro un saggio delle loro capacità ed attitudini al disegno. DATA DI PUBBLICAZIONE 1958, 1993 DESTINATARI Soggettidiognietàdai3anni SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva CAMPIONE (SVIZZERO) 255 bambini asilo; 592 ragazzi 7-15 e 14-16 anni; 601 ragazze 7-15 e 14-16 anni; 411 minorati psichici 7-17 anni; 29 adulti frenastenici gravi; 72 indigeni dello Zimbawe; 598 + 66 operai, impiegati (1953) MATERIALE 49001-G “Il reattivo dell’albero” € 33,60* *IVA assolta dall’Editore Karl Koch IL REATTIVO DELL’ALBERO In un volume, il disegno dell’albero come ausilio psicodiagnostico sperienza di adattamento convalidata social- mente o, al contrario, non sia adeguatamente adattata, con manifestazioni inconsce. STRUTTURA Il test è composto da tre serie di 4 tavole fi- gurate e da una tavola bianca. Ciascuna delle serie presenta la situazione tipo delle relazioni oggettuali (la situazione di una persona, di due persone, di tre persone e la situazione di un gruppo), come matrici da cui sono stati costrui- ti nella storia passata dell’individuo tutti i modi di entrare in relazione, variando la quantità dei dettagli, la struttura dell’ambiente fisico (conte- nuto di realtà) e il clima emotivo, che evoca e in- tensifica diversi tipi e livelli di sentimenti (conte- sto di realtà). La Tecnica delle Relazioni Oggettuali è in lar- ga misura uno sviluppo del TAT, integrato a li- vello interpretativo con alcune caratteristiche del metodo Rorschach. L’assunto di base di que- sto strumento è che il modo con cui una perso- na percepisce il mondo intorno a sé è conforme al suo modo di instaurare relazioni umane in qualsiasi situazione si trovi. Il risultato o il pro- dotto di qualsiasi interazione con il suo ambien- te e, quindi, anche la costruzione di una storia per una tavola dell’ORT, rifletterà i processi dina - mici con i quali il soggetto esprime le forze con- sce e inconsce che operano nel suo rapporto con le relazioni oggettuali della situazione. L’ORT, perciò, fornisce al clinico una panorami- ca sulla tipologia di relazione oggettuale del soggetto, rilevando se e quanto questa sia un’e- DATA DI PUBBLICAZIONE 1990 DESTINATARI Dall’adolescenza in poi SOMMINISTRAZIONE 40’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 3 serie di 4 tavole + una bianca QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 90292-W 1 Serie di 13 tavole € 120,00 90293-X 1 Manuale di istruzioni » 37,30* *IVA assolta dall’Editore Herbert Phillipson ORT TECNICA DELLE RELAZIONI OGGETTUALI Un proiettivo per valutare il modo delle relazioni umane PREZZO RIBASSATO! € € € Costi ridotti di produzione
  • QUESTIONARI DI PERSONALITÀ
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5522 MATERIALE 93258-M 1 Starter kit € 369,00* 93259-N 25 Questionari standard (a consumo) » 122,50 93260-P 50 Fogli di profilo Scale di Base » 95,00 93261-Q 50 Fogli di profilo per le Scale di Contenuto e Supplementari » 95,00 93262-R 1 Serie di griglie per le Scale di Base » 134,00 93263-S 1 Serie di griglie per le Scale Supplementari » 91,00 93264-T 1 Serie di griglie per le Scale di Contenuto » 134,00 93265-U 1 Manuale d’istruzioni » 52,00* Materiali per lo scoring informatizzato 93363-B 1 Questionario (riutilizzabile) » 39,40* 93364-C 10 Fogli di risposta » 25,00 PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 93366-F 1 Software per 25 elaborazioni » 302,00 93367-G 1 Software per 50 elaborazioni » 546,00 93368-H 1 Software per 100 elaborazioni » 973,00 *IVA assolta dall’Editore Il MMPI-A mantiene la struttura del MMPI-2, ma con item riferiti allo sviluppo e alla psicopato- logia degli adolescenti. STRUTTURA Il questionario è composto da 478 item, con- ta sei scale di validità, più un indicatore di validi- tà denominato Non so, che indica il numero tota- le di risposte omesse; dieci scale cliniche di base; quindici di contenuto e sei supplementari. Scale di validità Continuano ad essere presenti le scale L, K, VRIN e TRIN; per quanto riguarda la scala F, questa è stata divisa nelle scale F1 e F2, presentando dicias- sette item nuovi formulati unicamente per questa versione, gli altri sono gli originali della scala F e di altre scale della versione originale del MMPI. Scale di base Le scale di base rimangono dieci: Hs, D, Hy, Pd, Mf, Pa, Pt, Sc, Ma e Si, che in molti casi sono identiche a quelle del MMPI. Scale supplementari Sono state mantenute le scale A, R e MAC-R e ne sono state sviluppate altre tre: ACK (Ammis - sione di Problemi con Alcol o Droga) per valutare la tendenza dei giovani ad ammette un loro proble- ma concernente l’uso di alcol o droga; PRO (Ten- denza all’Abuso di Alcol o Droga) per valutare la tendenza negli adolescenti a sviluppare problemi legati all’alcol o alla droga; IMM (Immaturità) per valutare quanto l’adolescente riferisca i compor- tamenti, gli atteggiamenti e le percezioni di sé e degli altri in modo immaturo (in termini di stile interpersonale, complessità cognitiva, autoconsa- pevolezza, giudizio e controllo degli impulsi). Scale di contenuto Quattro nuove scale sono state create speci- ficatamente: A-sch (Problemi Scolastici – Adolescen- ti), per rilevare difficoltà di apprendimento, atteg- giamenti negativi verso gli insegnanti e la scuola, noia, malumore e paura di andare a scuola; A-las (Basse Aspirazioni – Adolescenti), per misurare lo scarso interesse per il successo, le basse aspirazioni e la limitata partecipazione alle attività scolastiche; A-aln (Alienazione – Adolescenti) per quantificare la distanza emotiva dagli altri; A-con (Problemi di Condotta – Adolescenti), per individuare i molti e di- versi problemi di comportamento. Undici scale sono derivate dall’MMPI: A-anx (Ansia – Adolescen- ti), A-obs (Ossessività – Adolescenti), A-dep (De- pressione – Adolescenti), A-hea (Preoccupazione per la Salute – Adolescenti), A-biz (Bizzarro – Adolescen- ti), A-ang (Rabbia – Adolescenti), A-cyn (Cinismo – Adolescenti), A-lse (Bassa Autostima – Adolescenti), A-sod (Disagio Sociale – Adolescenti), A-fam (Pro- blemi Familiari – Adolescenti) e A-trt (Indicatori di Difficoltà di Trattamento – Adolescenti). DATA DI PUBBLICAZIONE 2001 EDIZIONE ITALIANA Saulo Sirigatti e Paolo Pancheri DESTINATARI 14-18 anni SOMMINISTRAZIONE 50’ circa Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 478 CAMPIONE ITALIANO 1281 soggetti (548 maschi e 733 femmine) (2000) QUALIFICA RICHIESTA C manuale + 15 questiona- ri standard + software per 15 elaborazioni + chiavetta USB PSY4 Strumenti correlati MMPI-2 p. 53 James N. Butcher, Carolyn L. Williams, John R. Graham, Robert Archer, Anke Tellegen, Yosef S. Ben-Porath e Beverly Kaemmer MMPI-A MINNESOTA MULTIPHASIC PERSONALITY INVENTORY – ADOLESCENT Il MMPI per gli adolescenti best seller formazione somministrazione scoring 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5533 Il MMPI-2 è un test ad ampio spettro per valu- tare le principali caratteristiche strutturali di per- sonalità e i disordini di tipo emotivo. Cin - quant’anni dopo l’ideazione e lo sviluppo del MMPI e quindici dopo la nuova versione, MMPI- 2, viene presentato un aggiornamento che ne rappresenta un’ulteriore evoluzione: sono stati aggiunti nuovi indicatori di validità, scale supple- mentari, le sottoscale di Harris-Lingoes e Si e le sottoscale delle componenti di contenuto, e un nuovo gruppo di scale, le PSY-5. STRUTTURA Questionario di 567 item a doppia alternativa di risposta (“vero” o “falso”), consta di otto scale di validità, dieci di base, sedici supplementari, quin- dici di contenuto, le cinque PSY-5 e 27 sottoscale relative alle componenti delle scale di contenuto, 28 sottoscale di Harris-Lingoes e 3 sottoscale Si. Scale di validità Servono ad accertare con quale accuratezza e sincerità il soggetto ha compilato il questiona- rio. La scala L misura la tendenza a fornire un’im - magine di sé socialmente accettabile; la F è un indice della validità del test; la K evidenzia l’at - teggiamento difensivo verso le indagini psicolo- giche; la Fb permette di valutare il mantenimen- to d’attenzione durante la somministrazione; la VRIN e la TRIN la tendenza a rispondere vero o falso alle domande per dare un’immagine non credibile di sé; Fp (Frequenza-Psicopatologia) for- nisce una misura delle risposte attinenti ad aspetti psicopatologici e infrequentemente forni- te dalla popolazione generale e da pazienti psi- chiatrici in regime di ricovero; S (Superlativa Presentazione di Sé) valuta l’approccio difensivo assunto nella compilazione del questionario. Scale di base e relative sottoscale Vanno a sondare le dimensioni più signifi- cative della personalità. La scala Hs (Ipocondria) riguarda problemi fisici caratteri- stici dei nevrotici ipocondriaci; la D (Depressione) varie forme sintomatiche di de - pressione; la Hy (Isteria) problemi somatici e paure, tipici di soggetti affetti da isteria di con- versione; la Pd (Deviazioni psicopatiche) riguar- da personalità psicopatiche, sociopatiche, ca- ratterizzate da carenza di controllo sulle rispo- ste emotive; la Mf (Mascolinità-femminilità) l’insieme degli interessi mascolini o femminili; la Pa (Paranoide) i sintomi paranoidi (ideazioni deliranti, fragilità psicologica e manie di gran- dezza); la Pt (Psicoastenia) le fobie e i compor- tamenti ossessivo-compulsivi; la Sc (Schizofre- nia) le esperienze insolite e le sensibilità parti- colari tipiche degli schizofrenici; la Ma (Mania) gli stati maniacali di moderata entità (idee di grandezza, alto livello di attività); la Si (Introversione sociale) le difficoltà sperimentate in situazioni sociali. La standardizzazione delle sottoscale di Harris-Lingoes e Si mette a disposi- zione del professionista ulteriori indici per com- prendere i correlati di particolari scale cliniche. Scale supplementari Approfondiscono la trattazione dei problemi clinici e dei vari disturbi. La scala A (Ansia) valuta il livello di stress, disagio o stato emotivo turbato; la R (Repressione) il livello di convenzionalità, sot- tomissione e tendenza ad evitare situazioni spia- cevoli; la Es (Forza dell’Io) la capacità di trarre pro- fitto dalla psicoterapia; la MAC-R (Scala MacAndrew dell’alcolismo corretta) la presenza di problemi di tossicodipendenza o alcolismo; la O- H (Ostilità ipercontrollata) la capacità di tollerare la frustrazione; la Do (Leadership) la tendenza ad assumere il controllo nelle relazioni interpersona- DATA DI PUBBLICAZIONE 1995 EDIZIONE ITALIANA Paolo Pancheri e Saulo Sirigatti DESTINATARI Adulti con almeno licenza media SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 567 CAMPIONE ITALIANO 1375 soggetti (403 maschi + 972 femmine) (1995) QUALIFICA RICHIESTA C Starke R. Hathaway, J. Charnley McKinley e il Comitato di Ristandardizzazione del MMPI della University of Minnesota Press MMPI-2 MINNESOTA MULTIPHASIC PERSONALITY INVENTORY – 2 Il questionario clinico più utilizzato al mondo NNOOVVIITTÀÀ nnuuoovvee ssccaallee
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5544 MATERIALE MMPI-2 93282-N 1 Starter kit € 547,00 Materiale standard (uso tradizionale “carta e matita”) 91737-H 25 Questionari standard (a consumo) » 122,50 91738-J 50 Fogli di profilo Scale di Base con K » 95,00 91739-K 50 Fogli di profilo Scale di Base con e senza K » 95,00 91740-L 50 Fogli di profilo per le Scale Supplementari » 95,00 91741-M 50 Fogli di profilo per le Scale di Contenuto » 95,00 91742-N 1 Serie di griglie per le Scale di Base » 134,00 91743-P 1 Serie di griglie per le Scale Supplementari » 91,40 91744-Q 1 Serie di griglie per le Scale di Contenuto » 134,00 91747-T 1 Manuale di istruzioni » 52,50* Materiale per lo scoring informatizzato (senza griglie manuali) 91745-R 1 Questionario (riutilizzabile) » 42,00* 91387-J 10 Fogli di risposta » 25,00 www.internet-test.it 1 rapporto González-Gómez » 11,00 PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 91749-U 1 Software per 25 elaborazioni » 320,00 91750-W 1 Software per 50 elaborazioni » 573,00 91751-Y 1 Software per 100 elaborazioni » 1.020,00 Volumi 83700-D “MMPI, MMPI-2 e MMPI-A in tribunale” » 72,00* 93846-Z “Fondamenti per l’interpretazione... (2a ed.)” » 50,00* 94206-A “MMPI-2: aggiornamento all’adattamento...” » 25,00* *IVA assolta dall’Editore li; la Re (Responsabilità sociale) il livello di respon- sabilità sociale percepito; la Mt (Disadattamento scolastico) discrimina tra studenti emotivamente adattati e non. Le scale Gm e Gf (Scale di ruoli ses- suali) forniscono indicazioni sulla percezione del ruolo sessuale. Le Pk e Ps (Scale di disturbo da stress post-traumatico) diagnosticano questo tipo di disturbi. La MDS (Scala di disagio coniugale) identifica contrasti nelle relazioni di coppia; la APS (Scala di tossicodipendenza potenziale) la potenzialità a sviluppare problemi e dipendenza da sostanze; la AAS (Scala di ammissione di tossi- codipendenza) concerne tale abuso; la Ho (Ostilità) identifica le persone che possono lavo- rare armoniosamente all’interno di un gruppo e stabilire rapporti positivi von gli altri. Scale di contenuto e relative componenti Permettono di descrivere diverse variabili di personalità. La scala Anx (Ansia) mette in luce sintomi generali di ansia, problemi somatici, diffi- coltà di sonno e concentrazione; la Frs (Paure) le fobie; la Obs (Ossessività) l’ossessività; la Dep (Depressione) pensieri significativamente depres- sivi; la Hea (Preoccupazioni per la salute) individua soggetti che dichiarano sintomi fisici su tutto il corpo; la Biz (Pensiero bizzarro) processi di pen- siero di tipo psicotico; la Ang (Rabbia) problemi di controllo della rabbia; la Cyn (Cinismo) convin- zioni misantropiche; la Asp (Comportamenti anti- autosomministrazione scoring rapporto narrativo manuale + vol. aggiorna- mento + 15 questionari standard + software per 15 elaborazioni + chiavet- ta USB PSY4 + corso base O.S. Campus 2.0 Nel kit: corso base online per 1 persona Strumenti correlati MMPI-A p. 52 corso di base corso avanzato MMPI-2 best seller formazione 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5555 VOLUMI MMPI, MMPI-2 e MMPI-A in tribunale. Manuale pratico per consulenti tecnici, avvoca- ti e giudici con casistica criminologica italiana (Kenneth S. Pope, James N. Butcher e Joyce Seelen; a cura di Daniele Berto, 2006) Rivolto tanto a psichiatri, psicologi e criminologi, quanto ad avvocati e magistrati, questo volume fornisce indicazioni sulla validità del test, sulla stesura del report finale e sulla pre- parazione dell’esame del perito in aula. Uno specifico capitolo riporta i profili al test di serial killer, omicidi, parricidi, pluriomici- di, tossicodipendenti, truffatori, pedofili, abusatori di minorenni, tratti dalla più recente casistica criminologi- ca italiana. 704 pagine Fondamenti per l’interpretazione del MMPI-2 e del MMPI-A. Seconda edizione (James N. Butcher e Carolyn L. Williams, 2007) È l’indispensabile punto di riferimen- to per l’utilizzo del MMPI-2 e del MMPI-A. Questa nuova edizione è arricchita dei risultati delle molte ricerche sviluppate negli ultimi anni, che hanno portato a un affinamento dell’interpretazione, grazie alla con- cezione di nuove scale. 528 pagine. MMPI-2: aggiornamento all’adattamento ita- liano. Scale di validità, Harris-Lingoes, supple- mentari, di contenuto e PSY-5 (Saulo Sirigatti e Cristina Stefanile, 2011) Questo contributo include le tara- ture italiane delle scale e sottoscale che compongono l’attuale versione interpretativa del questionario. Alle tre iniziali scale di validità si sono aggiunte quelle sulla frequenza di risposte psicopatologiche e della autopresentazione superlativa. Le nuove 27 sottosca- le, relative alle componenti delle scale di contenuto, possono fornire un aiuto nella interpretazione del pro- tocollo; il nuovo gruppo di scale supplementari, le PSY-5, consente invece rilevanti collegamenti teorici con attuali modelli di personalità e di psicopatologia. 116 pagine. sociali) soggetti che hanno avuto problemi di comportamento antisociale nel passato; la Tpa (Tipo A) soggetti del tipo A; la Lse (Bassa autosti- ma) persone con bassa opinione di sé; la Sod (Disagio sociale) il disagio a stare in gruppo; la Fam (Problemi familiari) la presenza di conflitti familiari; la Wrk (Difficoltà di lavoro) quella di con- trasti sul lavoro; la Trt (Indicatori negativi di trat- tamento) gli atteggiamenti negativi verso i tratta- menti di salute mentale. Sono adesso disponibili anche le 12 sottoscale delle componenti che evi- denziano aspetti tematici distinti e dotati di signi- ficato per la relativa scala di contenuto. Scale PSY-5 Consentono rilevanti collegamenti teorici con modelli di personalità e di psicopatologia attuali. La scala AGGR (Aggressività) prende in considera- zione l’aggressione strumentale e offensiva; la PSYC (Psicoticismo) valuta il distacco dalla realtà; la DISC (Alterazione dell’Autocontrollo) analizza la disinibizione comportamentale; la NEGE (Emo- ionalità Negativa/Nevroticismo) individua la predi- sposizione a provare affetti ed emozioni negative; la INTR (Introversione/Bassa Emozionalità Positiva) valuta la capacità di provare gioia o di coinvolger- si positivamente da un punto di vista affettivo. SOFTWARE Per il MMPI-2 è disponibile in PSY-4 un softwa- re di elaborazione automatizzata dei punteggi grezzi e di quelli trasformati, in grado di eviden- ziare gli item “critici”. Vengono prese in conside- razione tutte le scale, compresi gli aggiornamenti. Il rapporto narrativo González-Gómez Questo report, disponibile solo in Internet- Test, è generato a partire dall’inserimento dei punti T ottenuti al test (attraverso elaborazione manuale o con il software di scoring PSY4). Il pro- filo di personalità si articola in atteggiamento verso la realizzazione della prova (analisi delle scale di validità); profilo clinico vero e proprio, basato sull’elevazione delle singole scale di base, di contenuto e delle sottoscale di Harris- Lingoes, e sull’interpretazione per codici a due punte; informazione clinica addizionale, con la segnalazione delle elevazioni più significative; atteggiamento verso il trattamento. MMPI-2 NNOOVVIITTÀÀ
  • Theodore Millon MCMI-III MILLON CLINICAL MULTIAXIAL INVENTORY – III Una rivoluzione nell’assessment clinico della personalità QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5566 La teoria su cui il MCMI-III si basa è stata svi- luppata a partire da un approccio evoluzionista allo studio della psicologia e della psicopatolo- gia. Millon distingue infatti: stili di personalità: ciò che proviene prevalen- temente dall’interno dell’individuo; disturbi sintomatici: caratterizzati da un’inte- razione fra caratteristiche dell’individuo e situa- zioni ambientali/esterne; reazioni di aggiustamento: risposte patologi- che ad eventi ambientali/esterni di gravità. Stili, disturbi e reazioni possono essere collo- cati lungo un ipotetico continuum fra individuo e ambiente, caratterizzandosi progressivamente per il peso che quest’ultimo esercita nel deter- minare il comportamento di risposta dell’indivi- duo e per il diverso grado di transizione fra caratteristiche individuali e connotazioni ambientali in interazione fra loro. La patologia della personalità si connota quindi quale tratto coerente e stabile che persiste nel comporta- mento dell’individuo anche in contesti inappro- priati e attraverso modalità inappropriate in modo tale da determinare “loop” che intensifi- cano difficoltà già esistenti. A differenza quindi di molti test sviluppatisi in modo quasi indipendente dalle teorie della perso- nalità, il MCMI-III vi è ancorato: ogni scala del suo Asse II rappresenta una misura operazionalizzata di una sindrome concepita all’interno di una teo- ria della personalità e, sebbene le scale dell’Asse I non discendano espressamente dalla teoria, esse sono state ampiamente trasformate e perfeziona- te proprio in relazione agli sviluppi teorici. L’ancoraggio al DSM-IV La struttura del MCMI-III combacia con quel- la del DSM-IV. Le scale del MCMI-III sono raggruppate in categorie di personalità e in psicopatologie speci- fiche per riflettere la distinzione fatta dal DSM fra Asse II e Asse I. Oltre alla distinzione tra sintomi psichiatrici e disposizioni stabili della personalità, esse, all’interno di ciascun asse, sono ulterior- mente raggruppate secondo il livello di gravità della psicopatologia: si valuta, quindi, il modello caratterologico precedente alla malattia, indipen- dentemente dal suo grado di patologia. A livello di scala, ciascun asse è composto da dimensioni che riflettono le principali sindromi: le scale dell’Asse II comprendono quelle dimen- sioni della personalità che sono parte del DSM fin dalla sua terza revisione, mentre le scale dell’Asse I riflettono le sindromi che sono più rilevanti nel lavoro clinico. Soglie diagnostiche Un altro elemento che distingue il MCMI-III da altri test è l’uso di dati in prevalenza grezzi piutto- sto che di punteggi normalizzati, che hanno il difetto di presumere, implicitamente, che i tassi di prevalenza di tutti i disturbi siano uguali. Al con- trario, il MCMI-III rileva le percentuali di pazienti effettivamente trovati affetti da disturbi. Questi dati non solo forniscono una base per selezionare dei cut-off ottimali per le diagnosi differenziali, ma assicurano anche che la frequenza delle diagnosi e degli schemi di profilo ottenuti con il MCMI-III siano analoghi ai reali tassi di prevalenza clinica. CARATTERISTICHE CHIAVE Fondato sulla teoria evoluzionista della personalità. Formato multiassiale e connessione con il DSM-IV. Dati e punteggi di trasformazione basati interamente su campioni clinici. Richiedendo solo 25’ per la somministrazio- ne, è pensato per ottenere il massimo del- l’informazione con il minimo sforzo del paziente. DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 EDIZIONE ITALIANA Alessandro Zennaro, Stefano Ferracuti, Margherita Lang e Ezio Sanavio DESTINATARI Adulti dai 18 anni SOMMINISTRAZIONE 25’-30’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 175 CAMPIONE ITALIANO Per Asse I: 377 soggetti (184 maschi e 193 femmine); per Asse II: 343 soggetti (162 maschi e 181 femmine) (2005-2007). QUALIFICA RICHIESTA C autosomministrazione scoring
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5577 MATERIALE 93824-B 1 Starter kit € 442,00 93825-C 25 Fascicoli » 140,00* 93826-D 50 Fogli di risposta » 90,00 93828-F 1 Manuale di istruzioni » 50,00* 93827-E 1 Manuale con tabelle normative italiane » 40,00* PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 93829-G 1 Software per 25 elaborazioni » 302,00 93830-H 1 Software per 50 elaborazioni » 546,00 93831-J 1 Software per 100 elaborazioni » 983,00 *IVA assolta dall’Editore 2 manuali + 15 fascicoli + 15 fogli risposta + software per 15 elabora- zioni + chiavetta USB PSY4 senza di sindromi cliniche particolarmente inva- lidanti o gravi. Gli indici di modifica forniscono informazioni sulla validità del protocollo. Punteggi base rate Tutte le scale, ad eccezione degli indici di modifica, sono espresse in punteggi BR (base rate) la cui distribuzione riflette la prevalenza del distur- bo nella popolazione e che, quindi, rendono superfluo il confronto con il gruppo normativo. UTILIZZO Il MCMI-III può essere utilizzato come parte della routine con pazienti esterni o ospedalizza- ti e in psichiatria forense per: valutare l’interazione fra disturbi di Asse I e Asse II, basandosi sul sistema di classificazione del DSM-IV; identificare le caratteristiche più profonde e pervasive della personalità, sottostanti la sinto- matologia manifesta del paziente; ottenere una comprensione integrata delle relazioni che intercorrono fra caratteristiche di personalità e sindromi cliniche, per favorire l’in- dividuazione del trattamento. Il MCMI-III non è atto a valutare la persona- lità generale e non si può impiegare per scopi diversi dallo screening diagnostico o dalla valu- tazione clinica. STUDIO ITALIANO In linea con la più recente letteratura scien- tifica internazionale, lo studio italiano si è foca- lizzato sulla verifica dei principali indicatori psi- cometrici di validità: PPP (Positive Predictive Power), IPPP (Incremental Validity of Positive Test Diagnoses), NPP (Negative Test Power), INPP (Incremental Validity of Negative Test Diagnoses), Cohen’s Kappa (k) and Cohen’s Effect Size (d). Aspetti di validità concorrente sono stati esami- nati attraverso lo studio dell’associazione con altri strumenti diagnostici quali SCID-II, MMPI-2 e SWAP-200. I risultati emersi paiono conferma- re l’utilità dello strumento nell’assessment psi- copatologico di routine, sebbene i criteri soglia individuati per la popolazione americana non sempre risultino applicabili tout court alle esi- genze dei campioni clinici del nostro paese. STRUTTURA Il MCMI-III è un questionario a 175 item (a doppia alternativa di risposta “vero”/“falso”), composto da 24 scale e 4 indici di correzione. Le scale Le undici scale che vanno dalla 1 alla 8B per- mettono un inquadramento diagnostico rispet- to all’Asse II del DSM-IV. Le scale S, C e P misu- rano stili di personalità particolarmente rigidi e disadattivi. Le scale dalla A alla R sono invece pertinenti alla misurazione di alcune sindromi cliniche dell’Asse I, a complemento delle quali vi sono le tre scale SS, CC e PP che indicano la pre- SINDROMI CLINICHE A Ansia H Somatizzazione N Bipolare: Mania D Distimia B Dipendenza da Alcol T Dipendenza da Droghe R Disturbo Post- traumatico da Stress SINDROMI CLINICHE GRAVI SS Disturbo del Pensiero CCDepressione Maggiore PP Disturbo Delirante INDICI DI MODIFICA X Apertura Y Desiderabilità Z Autosvalutazione V Validità PATTERN DI PERSONALITÀ CLINICA 1 Schizoide 2A Evitante 2B Depressiva 3 Dipendente 4 Istrionica 5 Narcisistica 6A Antisociale 6B Sadica (Aggressiva) 7 Ossessivo-Compulsiva 8A Negativistica (Passivo-Aggressiva) 8B Masochistica (Autofrustrante) GRAVE PATOLOGIA DELLA PERSONALITÀ S Schizotipica C Borderline P Paranoide MCMI–III 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5588 MATERIALE 16PF-5 (185 item) 93248-B 1 Starter kit € 370,00 93249-C 25 Fascicoli » 250,00* 93250-D 100 Fogli di risposta » 220,00 93251-E 100 Fogli di profilo » 180,00 93252-F 1 Serie di griglie di correzione » 72,00 93254-H 1 Manuale d’istruzioni » 48,60* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 report BIR » 12,00 1 report standard » 18,00 *IVA assolta dall’Editore Questo esauriente inventario di personalità è basato sulla misura di 16 dimensioni, funzio- nalmente indipendenti e psicologicamente si- gnificative, isolate in più di trent’anni attraver- so studi fattoriali condotti su gruppi normali e clinici. I 16 fattori misurati non rappresentano sol- tanto una possibile struttura del test, ma si sono inseriti in una teoria generale della per- sonalità. Il test si è rivelato, nel corso degli anni, anche un ottimo predittore di performance in ambito aziendale, diventando quindi un utilissimo strumento, sia per selezionare nuovo persona- le, che per valutare il potenziale di dipendenti già all’interno dell’azienda ed orientarne le carriere. È inoltre utilizzato nell’orientamento e nel counseling rieducativo, così come, natural- mente, nei setting clinici. Da quando fu pubblicata la prima edizio- ne del 16PF, sono seguite quattro revisioni, fino ad arrivare oggi a questa quinta edizio- ne, nella quale il contenuto degli item è stato rivisto in modo da rendere più attuale il lin- guaggio ed eliminare le ambiguità; la loro comprensibilità è stata aumentata accorcian- doli. L’aggiornamento ha tenuto conto delle differenze etno-culturali e di genere in modo da evitare discriminazioni e distorsioni; sono state migliorate le proprietà psicometriche, aggiornati i punteggi di scale composite e proposte alcune altre scale, come Empatia e Autostima. Sono stati anche ridotti i tempi di sommini- strazione rendendo più facile la “grigliatura” manuale. STRUTTURA Cattell distinse fra tratti di superficie e tratti fondamentali, raggruppati tramite l’analisi fattoriale, che presumeva rivelassero un’unità più profonda di quella messa in luce dai tratti superficiali. In questo modo egli poté estendere la descrizione della persona- lità a strutture che chiamò “dell’impulso ergi- co”, quelle aventi basi organiche, e “del sen- timento”, quelle che considerò come tratti modellati dall’esperienza e che corrisponde- vano a ciò che altri Autori avevano definito “interessi”. Questionario di 185 item, il 16PF-5 presen - ta, per ogni item, tre modalità di risposta: “af- fermazione positiva”, “affermazione negativa” e “incertezza”; quest’ultima è sempre indicata con un punto interrogativo (?); fanno eccezio- ne gli item del fattore B, raggruppati tutti alla fine del test, che misurando la capacità di ra - gionamento, propongono tre risposte verosimi- li, una sola delle quali è quella esatta. manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + € 150 di crediti Internet- Test Raymond B. Cattell, A. Karen S. Cattell e Heather P. Cattell 16PF-5 L’evoluzione di una rivoluzione
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 5599 I 16 fattori primari Le 16 dimensioni individuate sono bipolari e relativamente indipendenti: A = Espansività B = Ragionamento C = Stabilità emozionale E = Dominanza F = Vivacità G = Coscienziosità H = Audacia sociale I = Sensibilità L = Vigilanza M = Astrattezza N = Prudenza O = Apprensività Q1 = Apertura al cambiamento Q2 = Fiducia in sé Q3 = Perfezionismo Q4 = Tensione Fattori globali ed indici dello stile di risposta Oltre a questi fattori di primo ordine, che costituiscono i tratti fondamentali della perso- nalità, il test può essere usato per misurare anche tratti più ampi, denominati fattori globa- li e valutabili raggruppando i tratti della perso- nalità di primo ordine; in specifico cinque sono le scale atte a questa rilevazione: Estroversione, Ansietà, Durezza, Indipendenza e Autocontrollo. Alle scale riferite ai sedici fattori primari si aggiungono tre indici dello stile di risposta al test: IM (Management dell’Immagine), scala di desiderabilità sociale che va a sostituire le sca- le CP e CN, e i cui item non fanno parte delle sedici scale dei fattori primari; INF (Infrequenza), che permette di individuare se il soggetto ha risposto a un numero relativamen- te ampio di item in modo differente rispetto alla maggior parte delle persone; ACQ (Acquie - scenza), misura della tendenza a rispondere “vero” ad un item senza tenere conto del suo contenuto. Il contenuto degli ultimi due indici è basato sulle analisi empiriche delle frequenze delle risposte fornite agli item dal campione normativo. Le norme italiane A differenza dell’edizione americana, la ver- sione italiana del 16PF-5 presenta norme speci- fiche per sesso per tutti i 16 fattori e i 3 indici, assieme a norme combinate che non tengono conto del genere (situazione preferibile in sele- zione del personale). SOFTWARE Il programma di elaborazione base fornisce punteggi relativi ai sedici fattori primari, ai cin- que fattori globali ai tre indici dello stile di rispo- sta, sia secondo le norme specifiche per sesso che secondo quelle combinate. Il rapporto narrativo di base (BIR) Il report computerizzato BIR (Basic Interpretative Report) del 16PF-5 comprende un profilo narrativo e grafico articolato in tre sezio- ni differenti. La prima fornisce informazioni sui 16 fattori primari attraverso una descrizione basata sui cinque fattori globali; la seconda comprende una valutazione su dimensioni aggiuntive ricavate da correlazioni dei fattori primari e globali con scale tratte da strumenti che misurano l’autostima, l’adattamento, le abilità sociali, l’empatia, il potenziale creativo e il potenziale di leadership; la terza riguarda l’as- sociazione fra caratteristiche di personalità emerse ed interessi professionali: sulla base delle sei tipologie professionali di Holland, il report descrive le aree occupazionali per le quali il profilo di personalità del soggetto mostra il più alto grado di similarità. Il report BIR è disponibile solo in Internet- Test. somministrazione scoring report BIR DATA DI PUBBLICAZIONE 2001 EDIZIONE ITALIANA Saulo Sirigatti e Cristina Stefanile DESTINATARI Adolescenti ed adulti SOMMINISTRAZIONE Dai 35 ai 50 minuti Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 185 CAMPIONE ITALIANO 766 soggetti (394 maschi e 372 femmine) fra i 16 e i 75 anni (1999-2000). QUALIFICA RICHIESTA B2 16PF-5 corso di base
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6600 Il BFQ-2 capitalizza l’esperienza decennale accumulata sul BFQ, concepito in accordo con le argomentazioni teoriche che hanno indotto a privilegiare la soluzione a cinque fattori rispetto ad altre. Questa nuova versione possiede caratte- ristiche psicometriche che lo qualificano positiva- mente rispetto alla precedente versione, di cui rappresenta un avanzamento. IL MODELLO DEI BIG FIVE Il modello dei Big Five individua cinque dimen- sioni fondamentali per la descrizione e la valuta- zione della personalità che si pongono ad un li- vello di generalità intermedio rispetto ai modelli a poche dimensioni estremamente generali (EPI di Eysenck) e ai modelli che prevedono un mag- gior numero di dimensioni di portata più specifi- ca, ma di minor generalizzabilità (16PF di Cattell). Su questo modello convergono, inoltre, due differenti tradizioni di ricerca, quella lessicogra- fica e quella fattorialista. La tradizione lessico- grafica ha fatto propria l’ipotesi secondo la quale le differenze individuali che sono più salienti e socialmente rilevanti vengono codifi- cate nel linguaggio quotidiano, e queste sono riconducibili a una lista di cinque dimensioni. Agli stessi fattori è parso possibile ricondurre le dimensioni della personalità individuate nel- l’ambito della tradizione fattorialista. I Big Five rappresentano dunque un asse di convergenza tra le teorie implicite della perso- nalità, basate sulle conoscenze/credenze della “gente comune” quali si sono sedimentate nel lessico della personalità, e teorie esplicite della personalità, basate sulle conoscenze accumula- te in sede di ricerca scientifica. NOVITÀ RISPETTO AL BFQ Miglioramento delle proprietà psicometri- che, che riguarda in particolare la semplicità della struttura fattoriale e la coerenza interna delle scale, soprattutto di quelle per la misura di Amicalità e Apertura Mentale, e delle relative sot- todimensioni. Maggiore puntualizzazione delle defini- zioni relative alle singole sottodimensioni, che vengono rese più aderenti agli aspetti cen- trali per le relative dimensioni. somministrazione scoring rapporto interpretativo Ridefinizione della scala Lie, che risulta articolata in due sottodimensioni, in accordo con i più recenti modelli proposti nella lettera- tura scientifica internazionale. Disponibilità di un campione di standardiz- zazione relativo al reclutamento e alla selezio- ne del personale secondo una modalità online. STRUTTURA Il BFQ-2 è costituito da 134 item ed individua 5 dimensioni fondamentali per la descrizione e la valutazione della personalità di ogni individuo. I Big Five E = Energia, che è inerente ad un orienta- mento fiducioso ed entusiasta nei confronti delle varie circostanze della vita, la maggior parte delle quali sono interpersonali; A = Amicalità, che include, ad un polo, carat- teristiche come l’altruismo, il prendersi cura, il dare supporto emotivo, e, al polo opposto, ca- ratteristiche come l’ostilità, l’indifferenza verso gli altri, l’egoismo; C = Coscienziosità, che fa riferimento a ca- ratteristiche come la precisione e l’accuratezza, l’affidabilità, la responsabilità, la volontà di avere successo e la perseveranza; S = Stabilità emotiva, che è una dimensione molto ampia comprendente una varietà di ca- ratteristiche collegate all’ansietà e alla presenza Strumenti correlati BFA p. 62 BFQ-C p. 63 Gian Vittorio Caprara, Claudio Barbaranelli, Laura Borgogni e Michele Vecchione BFQ-2 BIG FIVE QUESTIONNAIRE – 2 Lo standard si è evoluto somministrazione scoring
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6611 MATERIALE 93842-V 1 Starter kit € 370,00 93843-W 25 Fascicoli » 250,00* 93844-X 50 Fogli di risposta » 110,00 93845-Y 1 Manuale di istruzioni » 45,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 18,00 PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 94193-M 1 Software per 25 elaborazioni » 274,00 94194-N 1 Software per 50 elaborazioni » 486,00 94195-P 1 Software per 100 elaborazioni » 850,00 *IVA assolta dall’Editore di problemi di tipo emotivo, quali la depressio- ne, l’instabilità di umore, l’irritabilità, ecc.; M = Apertura mentale, che fa riferimento al- l’apertura verso nuove idee, verso i valori degli altri e verso i propri sentimenti. Le sottodimensioni Per ognuno dei Big Five sono state indivi- duate due sottodimensioni (12 item ognuna), ciascuna delle quali fa riferimento ad aspetti diversi della medesima dimensione: Di (Dinamismo) e Do (Dominanza) (E); Cp (Cooperatività) e Co (Cordialità) (A); Sc (Scrupolosità) e Pe (Perseveranza) (C); Ce (Controllo dell’emozione) e Ci (Controllo degli impulsi) (S); Ac (Apertura alla cultura) e Ae (Apertura all’esperienza) (M). Completa il BFQ-2 una scala L = Lie (14 item) suddivisa in: Lie egoistic (misura la tendenza ad attribuire a se stessi qualità positive associate allo status sociale e intellettuale) e Lie moralistic (misura la tendenza ad attribuire a se stessi qua- lità moralmente desiderabili). La risposta agli item del BFQ-2 viene data su una scala Likert a 5 punti (da “assolutamente falso per me” ad “assolutamente vero per me”). SOFTWARE È disponibile un programma di scoring onli- ne in grado di fornire una rappresentazione gra- fica dei punteggi e due report narrativi, con la possibilità di scegliere tra norme riferite a situa- zione neutra o competitiva. Rapporto narrativo Il rapporto narrativo standard rappresenta una guida di facile comprensione, che può esse- re utilizzata per ottenere una descrizione dei punteggi ottenuti nelle cinque dimensioni prin- cipali. Rispetto al precedente profilo narrativo, quello attuale fornisce una descrizione più detta- gliata di ciascun fattore della personalità, che si articola lungo le cinque fasce di punteggi. Il pro- filo consente inoltre di evidenziare le implicazio- ni che i punteggi individuali nei tratti di perso- nalità possono assumere rispetto a determinate professionalità organizzative, risultando quindi uno strumento particolarmente utile per la sele- zione e la valutazione del personale. UTILIZZO In ambito organizzativo, il BFQ-2 è lo stru- mento ideale per una valutazione completa e veloce della personalità, sia in ambito di recrui- ting che di assessment. Impiegando gli stessi descrittori utilizzati nel linguaggio quotidiano, l’esame della personalità perde quella connota- zione esoterica caratteristica di altri modelli, permettendo una rapida comprensione del pro- filo del candidato anche da non esperti in mate- ria psicologica, ma coinvolti a vario titolo nei processi di selezione e valutazione delle risorse umane. L’utilizzo di norme definite in setting competitivi (cioè di reale valutazione) conferisce particolare attendibilità ai risultati. In ambito clinico e di psicologia della salu- te, il BFQ-2 può essere utilizzato per di com- prendere la problematica del paziente, tracciare la sua storia e definire i tratti dominanti della sua personalità e di conseguenza restituire al paziente un’immagine definita di sé, o definire la strategia terapeutica più adeguata. manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + € 150 di crediti Internet- Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE Dai 20 ai 40 minuti Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 134 CAMPIONE ITALIANO 2435 soggetti (M = 1125; F = 1310) di diverse professioni e livelli di istruzione, fra i 14 e i 90 anni, in situazione non competitiva (2005-2207); 1447 soggetti (M = 710; F = 737) con diversi livelli di istruzione, in situazione competitiva (2005-2207) QUALIFICA RICHIESTA B2 BFQ-2 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6622 MATERIALE 93342-D 1 Starter kit € 277,00 93336-W 25 Questionari » 96,25 93338-Z 25 Fogli di profilo » 48,75 93339-A 1 Serie di griglie di correzione » 121,00 93341-C 1 Manuale di istruzioni » 44,30* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 rapporto interpretativo » 9,50 *IVA assolta dall’Editore manuale + 15 questio- nari + € 150 di crediti Internet-Test Il BFA è uno strumento che si inserisce nella tradizione del modello dei Big Five. Esso trova le basi nell’approccio psicolessicale (o lessicografi- co) allo studio della personalità. Accanto al BFQ, al BFQ-C e al BFO, una lista di aggettivi di facile e rapido utilizzo completa lo spettro di stru- menti di assessment della personalità basati sul modello dei Cinque Grandi Fattori. Può essere utilizzato come strumento di autovalutazione nei contesti organizzativi, nelle diverse fasi del processo organizzativo, ed in particolare nella fase di selezione e valutazione. Per la sua flessibilità, e poiché esso è compo- sto da item che non si riferiscono ad un conte- sto specifico, il BFA può essere utilizzato anche in contesti diversi da quelli organizzativi, come la consulenza clinica e l’orientamento. STRUTTURA Il BFA è costituito da 175 aggettivi seleziona- ti da un ampio pool di aggettivi identificati come i più utili per descrivere la personalità in uno studio psicolessicale italiano condotto pres- so l’Università di Roma “La Sapienza”. Gli aggettivi consentono di misurare le seguenti dimensioni principali e sottodimensioni: Dimensioni principali E = Energia A = Amicalità C = Coscienziosità S = Stabilità emotiva M = Apertura mentale Sottodimensioni Di = Dinamismo Do = Dominanza Cp = Cooperatività Co = Cordialità Sc = Scrupolosità Pe = Perseveranza Ce = Controllo dell’emozione Ci = Controllo degli impulsi Ac = Apertura alla cultura Ae = Apertura all’esperienza Le scale per la misura delle 5 dimensioni prin- cipali sono composte da 25 aggettivi ciascuna, mentre quelle per la misura delle 10 sottodimen- sioni da 10 aggettivi ciascuna. Le scale sono inte - grate da una scala di validità (Desiderabilità socia- le), tesa a misurare la tendenza a fornire un profi- lo socialmente desiderabile (20 item). La risposta agli aggettivi viene data su una scala tipo Likert a 7 posizioni (da 1 = “Per nulla” a 7 = “Moltissimo”). Caratteristiche psicometriche Il BFA è stato standardizzato su un campione composto da circa 2000 soggetti, esaminati in condizioni di somministrazione non-competiti- ve. Tale campione è integrato da un campione aggiuntivo, composto per adesso da circa 300 soggetti esaminati in situazioni competitive. somministrazione scoring rapporto interpretativo DATA DI PUBBLICAZIONE 2002 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE Dai 15 ai 30 minuti Individuale e collettiva NUMERO DI AGGETTIVI 175 CAMPIONE ITALIANO Circa 2000 soggetti in situazione non competitiva (2000/2001) Circa 300 soggetti in selezione (2001) QUALIFICA RICHIESTA B2 Strumenti correlati BFQ-2 p. 66 Claudio Barbaranelli, Gian Vittorio Caprara e Patrizia Steca BFA BIG FIVE ADJECTIVES La lista degli aggettivi secondo il modello dei Big Five
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6633 Applicazione dei Cinque Fattori nell’età dello sviluppo, rileva caratteristiche importanti per l’a- dattamento e il successo scolastico come creativi- tà, curiosità intellettuale, capacità di organizza- zione, rispetto delle regole, capacità relazionali, capacità di controllare ed esprimere le emozioni. STRUTTURA Il BFQ-C è disponibile in tre forme: autovalu- tazione 8-10 anni, autovalutazione 11-14 anni e eterovalutazione 8-14 anni col quale la perso- nalità del soggetto viene valutata da un osserva- tore. Il software genera un profilo grafico, segui- to da un breve rapporto descrittivo. Il CPS è destinato principalmente a individui “normali”, poiché la struttura dimensionale del questionario riflette le principali caratteristiche che si presumono alla base del comportamento di tutti i giorni. In ambito organizzativo è indica- to soprattutto per la selezione e la formazione del personale, e per la valutazione del potenziale. STRUTTURA Il CPS prevede 8 dimensioni di personalità: fidu - cia/difensività, ordine/assenza di compulsività, con- formismo sociale/atteggiamento ribelle, attività/man- canza di energia, stabilità emotiva/neuroticismo, estroversione/introversione, mascolinità/femminilità e empatia/egocentrismo. Ogni item è un’affermazio- ne alla quale può essere risposto usando una di due scale Likert a 7 punti: la prima riguarda la frequen- za del comportamento cui fa riferimento l’afferma- zione (7 = “sempre”, 1 = “mai”); la seconda con- cerne la stima del grado d’accordo con l’afferma- zione (7 = “sicuramente”, 1 = “sicuramente no”). Due scale di validità misurano la tendenza a dare ri- sposte casuali e socialmente desiderabili. somministrazione scoring profilo di personalità DATA DI PUBBLICAZIONE 1998 DESTINATARI 8-14 anni SOMMINISTRAZIONE Autovalutazione: 20’ per quella individuale 30-40’ca.perquellacollettiva Eterovalutazione: 20’ - Individuale NUMERO DI ITEM 65 CAMPIONE ITALIANO Autovalutazione: 428 bambini + 968 stud. media inf. (1995) Eterovalutazione: 995genitori,1696valut.(1995) QUALIFICA RICHIESTA B2 DATA DI PUBBLICAZIONE 1991 EDIZIONE ITALIANA Gian Vittorio Caprara, Claudio Barbaranelli, Marco Perugini e Andrew Comrey DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 50’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 160 CAMPIONE ITALIANO 268 soggetti (113 maschi + 155 femmine) con istruzione medio-superiore (1990) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 91260-E 20 Fascicoli € 80,00* 91261-T 25 Fogli di risposta » 32,50 91262-U 25 Fogli di profilo » 32,50 91263-V 1 Serie di griglie di correzione » 64,30 91264-W 1 Manuale di istruzioni » 19,30* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 90527-R 10 Questionari autovalutazione 8-10 anni € 27,00 90528-S 10 Questionari autovalutazione 11-14 anni » 18,00 90529-T 10 Questionari eterovalutazione 8-14 anni » 18,00 90530-Y 10 Fogli di profilo » 15,00 90531-M 10 Fogli conteggio autovalutazione 8-10 anni » 15,00 90532-N 1 Serie griglie per autoval. 11-14 anni e eteroval. » 66,00 90533-P 1 Manuale di istruzioni » 39,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione (BFQ-CE/CET/CM) » 2,40 1 profilo di personalità (BFQ-CE/CET/CM) » 7,50 *IVA assolta dall’Editore Strumenti correlati BFQ-2 p. 66 Claudio Barbaranelli, Gian Vittorio Caprara e Annarita Rabasca BFQ-C BIG FIVE QUESTIONNAIRE CHILDREN I Big Five per bambini Andrew Comrey CPS SCALE DI PERSONALITÀ DI COMREY Un questionario per le aziende
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6644 MATERIALE 93280-L 1 Starter kit € 307,00 91846-B 25 Questionari » 137,50 91847-C 1 Serie di griglie di correzione » 50,30 91848-D 1 Manuale di istruzioni » 46,50* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 18,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + 15 questio- nari + € 150 di crediti Internet-Test Fra il modello della descrizione della persona- lità di Cattell, basato su sedici fattori, e quello dei Cinque Fattori, l’approccio fattoriale di Gordon si situa quasi a metà strada, poiché lo strumento da egli sviluppato, il GPP-I, permette di assegnare punteggi in otto dimensioni della personalità. Un elemento di novità che distingue questo test, da altri questionari di personalità, è rappresentato dal ricorso alla scelta forzata nella risposta agli item. La struttura dello strumento che ne risulta ha permesso di non inserire una scala per il con- trollo della sincerità nelle risposte, perché essa riduce di molto il rischio della distorsione. Il GPP-I si rivela efficace, per le sue doti di brevità, resistenza alle distorsioni, accettabilità per i soggetti (che generalmente mostrano di gradire l’esposizione a una scelta forzata) e ca- pacità di rilevare gli specifici tratti necessari al successo nel lavoro, in vari campi dove la descri- zione non clinica della personalità è un utile metodo di valutazione delle persone: selezione del personale, orientamento professionale, counseling, formazione professionale. STRUTTURA Il GPP-I è costituito dall’unione di due stru- menti complementari: il Gordon Personal Profile (GPP), di cui era stato fatto un adattamento ita- liano nel 1979, e il Gordon Personality Inventory (GPI), e, nel suo complesso, da trentotto tetradi (cioè serie di quattro definizioni). Ciascuna tetra- de è composta da due item ad alta preferenza e da due a bassa ed ognuno in rappresentanza di una delle otto dimensioni di personalità misura- te. Il soggetto è invitato a rispondere segnando, per ogni tetrade, l’item che gli/le pare più atti- nente alla propria personalità e quello meno. Lo studio italiano è consistito nella ristandar- dizzazione del GPP assieme al GPI finalmente tra- dotto, e in un controllo della validità attraverso la correlazione con altri questionari, quali il 16PF-D e il BFQ. GPP e GPI Il GPP fornisce punteggi a quattro caratteri- stiche di personalità: Ascendenza - A (valuta il ruolo assunto nel gruppo, la modalità di presa di decisione rispetto all’influenza degli altri e la valutazione di sé nella relazione con gli altri); Responsabilità - R (riguarda la capacità di soste- nere il lavoro assegnato); Stabilità emotiva - E (discrimina fra persone emotivamente stabili ed ansiose o ipersensibili); Socievolezza - S (valuta il grado di socievolezza). Con il GPI vengono misurate altre quattro caratteristiche: Cautela - C (riguarda la modalità di presa di decisioni); Pensiero Originale - O (valuta la curiosità intellettuale); Relazioni perso- nali - P (si riferisce alla modalità di relazionarsi cogli altri); Vigore - V (valuta l’energia nel fare le cose). Oltre a queste otto caratteristiche di perso- nalità, importanti nel determinare l’adattamen- to e l’efficienza in molte situazioni sociali e lavo- rative, il test fornisce una misura della Stima di sé (maggiormente attendibile per i valori bassi), come somma dei punteggi A, R, E e S. SOFTWARE È disponibile un programma di elaborazione dei punteggi che fornisce un report interpretati- vo completo di profilo di personalità e di una sezione dedicata alla relazione individuo-conte- sto che offre spunti relativi al tipo di contesto organizzativo e ruolo professionale nel quale la persona potrebbe adattarsi al meglio. somministrazione scoring rapporto interpretativo DATA DI PUBBLICAZIONE 1999 EDIZIONE ITALIANA Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE 20-25’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 152 CAMPIONE ITALIANO 574 soggetti (304 maschi + 270 femmine) fra i 19 e i 68 anni (1997) QUALIFICA RICHIESTA B2 Leonard V. Gordon GPP-I GORDON PERSONAL PROFILE-INVENTORY L’“inventario” e il “profilo” di Gordon in un unico prodotto
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ Il DMI valuta i meccanismi di difesa per mezzo di dieci storie che descrivono situazioni conflittuali, ciascuna delle quali è correlata a quattro domande che sondano la reazione reale, la reazione impulsiva, il pensiero e la sensazione. STRUTTURA Il DMI è strutturato in modo che ogni domanda ha cinque possibili risposte, corrispondenti ad altrettanti stili difensivi: Aggressività (diretta o indiretta); Proiezione (attribuzione ad altri di comportamenti negativi nei propri confronti); Principalizzazione (falsificazione della realtà attra- verso stereotipi); Rivolgimento verso se stessi (comportamenti autopunitivi); Rovesciamento (tendenza a minimizzare la gravità di minacce esterne o interne). I conflitti esaminati riguardano: la situazione, l’autorità, l’indipendenza, la competizione e l’i- dentità psicosessuale. DATA DI PUBBLICAZIONE 1992 EDIZIONE ITALIANA Romano Fiumara, Giovanni Fioriti, Paolo Gentili DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE 30’-45’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 10 storie (40 item) CAMPIONE ITALIANO 196 soggetti (1991) QUALIFICA RICHIESTA C David Ihilevich e Goldine C. Gleser DMI DEFENSE MECHANISMS INVENTORY – Forma per adulti La valutazione dei meccanismi di difesa MATERIALE 91587-U 20 Fascicoli Adulti Maschi € 105,00* 91588-V 20 Fascicoli Adulti Femmine » 105,00* 91589-Z 50 Fogli di risposta » 76,00 91590-A 50 Fogli di profilo Adulti Maschi e Femmine » 76,00 91591-B 1 Serie di griglie di correzione » 56,70 91592-C 1 Manuale di istruzioni » 39,00* *IVA assolta dall’Editore *IVA assolta dall’Editore LA BATTERIA PIÙ NOTA PER VALUTARE LO SVILUPPO NEUROPSICOLOGICO INFANTILE NEPSY-II Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp adattamento italiano: Cosimo Urgesi, Fabio Campanella e Franco Fabbro Caratteristiche chiave > Somministrazione flessibile di singoli test, gruppi di test o intera batteria > Valutazione complessiva dei principali domini > Riconoscimento di difficoltà scolastiche, sociali e comportamentali > Integrazione dei punteggi scalari e percentili con punteggi supplementari e osservazioni comportamentali a pagina 130
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6666 Superando la teoria dei “tratti”, numerica- mente indefiniti, la personalità sarebbe definita da un nucleo di “dimensioni” intese come costrutti teorici stabili. Inizialmente fu ricono- sciuta l’esistenza di due dimensioni principali, chiaramente delineate, denominate Estroversione e Nevroticismo. Nel 1952 Eysenck ipotizzò l’esi- stenza di una terza, indipendente dalle prece- denti, che fu denominata Psicoticismo. L’impor- tanza ed il significato psicologico di questi tre principali fattori della personalità hanno avuto riscontri positivi in tutti gli ambiti in cui sono stati applicati: educativo, clinico, del lavoro. STRUTTURA Il test è in realtà l’insieme di tre strumenti: EPQ-Riveduto (EPQ-R), EPQ-R – Forma ridotta e IVE – Questionario Impulsività. EPQ-R L’EPQ-R dà una misura delle tre fondamen- tali dimensioni della personalità: il fattore Nevroticismo descrive l’emotività della persona (sul continuum che va dalla stabi- lità all’instabilità emotiva, il soggetto verrà con- siderato più o meno ansioso, depresso, preoc- cupato circa ciò che può andare storto, capace di adattamento, reattivo alle stimolazioni); il fattore Estroversione fornisce un indice della socievolezza e della vivacità della persona (sul continuum che va dall’estroversione all’in- troversione); con il fattore Psicoticismo si rilevano se e a quale livello sono presenti disturbi della condot- ta (esso si riferisce ad una sottostante predisposi- zione della personalità, che, se presente in misu- ra marcata, indica la disposizione a sviluppare anomalie psichiatriche. Descrive la persona in termini di empatia, sensibilità, socializzazione). Il questionario prevede anche una misura della dissimulazione (scala Lie o L). È poi possi- bile ricavare i punteggi di altre due scale: Dipendenza (valutata in rapporto alla dipenden- za da sostanze) e Criminalità (utile predittore di condotte delinquenziali o recidive). Esiste anche una forma ridotta (EPQ-R – Forma ridotta), da usare quando si ha poco tempo a disposizione. IVE – Questionario Impulsività L’IVE fornisce una misura dell’Impulsività, dell’Audacia e dell’Empatia. L’Impulsività rap- presenta uno dei fattori della personalità di maggiore interesse della psicologia; l’Audacia considerata un aspetto dell’Impulsività tendente all’Estroversione viene misurata considerando un certo numero di item di essa, così come accade per la rilevazione dell’Empatia. DATA DI PUBBLICAZIONE 2004 EDIZIONE ITALIANA Carla Dazzi, Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello DESTINATARI Adulti (dai 18 anni in poi) SOMMINISTRAZIONE EPQ-R: 15’-20’ ca. Forma ridotta: 10’ ca. IVE: 10’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM EPQ-R: 106 Forma ridotta: 48 IVE: 54 CAMPIONE ITALIANO EPQ-R: 706 soggetti (348 maschi e 358 femmine) Forma ridotta: 306 soggetti (128 maschi e 178 femmine) IVE: 275 soggetti (128 maschi e 147 femmine) Frai18ei75anni(2000-2003) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93866-V 1 Starter kit € 159,00* 93424-S 25 Questionari EPQ-R » 58,75 93425-T 25 Questionari EPQ-R – Forma ridotta » 40,00 93426-U 25 Questionari IVE » 40,00 93427-V 1 Serie di griglie di correzione » 39,70 93428-W 1 Manuale di istruzioni » 37,60* *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 questio- nari EPQ-R + 10 questio- nari EPQ-R ridotta + 20 questionari IVE + griglie Hans J. Eysenck e Sybil B.G. Eysenck EPQ-R EYSENCK PERSONALITY QUESTIONNAIRE – RIVEDUTO La nuova versione per adulti del test di Eysenck
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6677 Il PPI-R si focalizza sulla valutazione dei tratti di personalità del soggetto attraverso l’indagine di quei comportamenti e di quelle peculiarità cogni- tive, emotive e percettive che si intrecciano e costituiscono un corpus caratteristico nella psico- patia. Lo strumento permette di disporre di un profilo ad ampio spettro del soggetto capace di fornire al clinico delle preziose linee-guida per orientare le scelte diagnostiche ed è applicabile a svariati campioni, somministrabile per fini sia forensi sia clinici. CARATTERISTICHE CHIAVE Self-report di facile somministrazione. Centrato sulla personalità e i comporta- menti psicopatici e non solo sui comporta- menti criminali e antisociali. Applicabile a campioni comunità-college e carcerati-offender. STRUTTURA Il test è costituito da otto scale di contenuto: DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 EDIZIONE ITALIANA Sarah La Marca, Daniele Berto e Francesco Rovetto DESTINATARI Adulti 18-50 anni; soggetti carcerati (offender) SOMMINISTRAZIONE 35-50’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM 154 CAMPIONE ITALIANO 412 normali (maschi 112 e femmine 300); 71 carcerati QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93901-G 1 Starter kit € 166,00* 93902-H 15 Questionari » 41,25* 93903-J 25 Moduli di risposta autoscoring » 82,50 93904-K 25 Moduli di registrazione » 27,50 93905-L 1 Manuale di istruzioni » 39,90* *IVA assolta dall’Editore manuale + 15 questiona- ri + 25 moduli autosco- ring + 25 moduli regi- strazione Egocentrismo machiavellico (ME), che misura la propensione a manipolare gli altri per obiettivi personali e una visione cinica, severa e strumenta- le della natura umana. Anticonformismo ribelle (RN), che misura la ten- denza verso la non convenzionalità, atteggiamenti contro l’autorità e la resistenza alle norme sociali. Esternalizzazione della colpa (BE), che misura la percezione del soggetto verso il mondo ester- no, di quanto lo avverta ostile e quanto reputi le altre persone responsabili dei propri problemi. Mancanza di pianificazione (CN), che misura la propensione alla mancanza di pianificazione e la tendenza ad ignorare considerazioni prudenti, optando per soluzioni alternative. Influenza sociale (SOI), che misura la propen- sione ad essere affascinanti, attraenti e abili nel- l’influenzare gli altri. Mancanza di paura (F), che misura la man- canza di ansia anticipatoria riguardo danni fisici e l’aspirazione ad intraprendere attività rischiose. Immunità allo stress (STI), che misura la tenden- za a mantenere la calma di fronte a stimoli ansio- geni e la mancanza di tensione sotto pressione. Freddezza emotiva (C), che misura l’assenza di legami e di sentimenti profondi come senso di colpa, empatia, nonché l’incapacità di mantenere nel tempo relazioni con altre persone. Il test è anche corredato di tre scale di validità: Risposte virtuose, Risposte devianti, Risposte incoe- renti. UTILIZZO Il PPI-R permette di prendere decisioni impor- tanti relative alla valutazione della pericolosità sociale o alla dimissione in prova di un internato dall’Ospedale Psichiatrico Giudiziario su dati riscontrabili e confrontabili. Scott O. Lilienfeld e Michelle R. Widows PPI-R PSYCHOPATIC PERSONALITY INVENTORY – REVISED Un ausilio per l’analisi e la gestione della psicopatia
  • QUESTIONARIDIPERSONALITÀ 6688 Questo originale test è stato messo a punto con l’obiettivo di creare uno strumento valido e attendibile per valutare le capacità di fornire attenzione e cure adeguate ad un figlio biologico, adottato, in affido, accolto o a carico di un’istitu- zione, e più in generale valutare coloro che – a vario titolo – forniscono un’“assistenza”. CARATTERISTICHE CHIAVE Specificamente creato per le adozioni. Misura fattori di personalità rilevanti per dare assistenza. Ampio campione di riferimento. Rapporto interpretativo informatizzato. STRUTTURA Il CUIDA è composto da 189 item che misu- rano variabili affettive, cognitive e sociali, legate alla capacità di stabilire relazioni finalizzate all’as- sistenza di altre persone, ed è formato da quat- tordici scale primarie che vanno a comporre tre fattori di secondo ordine e un fattore aggiuntivo. Le scale primarie Altruismo (Al) Apertura (Ap) Assertività (As) Autostima (At) Capacità di risolvere i problemi (Rp) Empatia (Em) Stabilità emotiva (Ee) Indipendenza (In) Flessibilità (Fl) Riflessività (Rf) Socializzazione (Sc) Tolleranza alla frustrazione (Tf) Capacità di stabilire legami affettivi o di amore (Ag) Capacità di superare il dolore (Dl). I fattori di secondo ordine e aggiuntivo Assistenza responsabile (Cre): capacità di far fronte con impegno a situazioni che richiedono una risposta attenta alle necessità dell’altro. Assistenza affettiva (Caf): capacità di dare sostegno emotivo e di far fronte a situazioni in cui è indispensabile dare o ricevere affetto. Sensibilità verso gli altri (Sen): capacità di percepire le necessità degli altri. Aggressività (Agr): stato emotivo che si riferi- sce ad un insieme di tendenze, sentimenti o azioni distruttive verso se stessi o gli altri. Report informatizzato Il rapporto interpretativo informatizzato produce un profilo che offre una descrizione relativa a come si declinano i tratti salienti delle caratteristi- che di personalità rilevate dal test. Le risposte agli item critici permettono inoltre di disporre di ulte- riori informazioni per la formulazione di ipotesi e approfondimenti interpretativi. UTILIZZO L’uso elettivo del CUIDA è nei protocolli di valutazione dei richiedenti l’adozione o l’affido familiare, ma può essere utilizzato anche per una valutazione accurata di badanti o care-giver, relativamente alle capacità di assistere una perso- na in situazione di dipendenza. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Marco Giannini, Ilaria Rusignuolo, Francesca Berretti DESTINATARI Adulti con QI e livello culturale medi SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. Individuale o collettiva NUMERO DI ITEM 189 item CAMPIONE ITALIANO 1020 soggetti (658 donne e 362 uomini), tra i 18 e i 67 anni (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94113-B 1 Starter kit € 343,00 94114-C 15 Fascicoli » 84,00* 94115-D 30 Fogli di risposta » 54,00 94116-E 1 Manuale di istruzioni » 67,50* PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 94212-G 1 Software per 25 elaborazioni » 273,00 94213-J 1 Software per 50 elaborazioni » 486,00 94214-K 1 Software per 100 elaborazioni » 850,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 fascicoli + 15 f. risposta + software per 15 elaborazioni + chiavetta USB PSY4 F.A. Bermejo Cuadrillero, I. Estévez Hernández, M.I.García Medina, E. García-Rubio Collado, M. Lapastora Navarro, P. Letamendía Buceta, J.C. Parra Galindo, Á. Polo Ruiz, M.J. Sueiro Abad, F. Velázquez de Castro González CUIDA QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DEI RICHIEDENTI L’ADOZIONE, GLI ASSISTENTI, I TUTORI E I MEDIATORI L’unico test specificamente pensato per l’utilizzo nelle adozioni autosomministrazione scoring rapporto narrativo 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • INTELLIGENZA EMOTIVA
  • Reuven Bar-On EQ-i EMOTIONAL QUOTIENT INVENTORY Il primo strumento di valutazione dell’intelligenza emotiva e il più usato al mondo INTELLIGENZAEMOTIVA 7700 somministrazione scoring rapporto interpretativo L’EQ-i è uno strumento per la misurazione del Quoziente Emotivo, che permette di valutare quelle dimensioni psicologiche non strettamente legate all’intelligenza cognitiva, ma orientate al benessere psicologico e al successo nella vita. Nell’assessment psicologico l’EQ-i risulta di facile somministrazione e fornisce punteggi e profili utilissimi per comprendere la competenza emotiva dei soggetti coinvolti. CARATTERISTICHE CHIAVE 17 anni di ricerca alle spalle, che hanno coinvolto 85.000 persone di quattro diversi continenti e l’utilizzo di 30 differenti traduzioni. Focus internazionale e multiculturale. Obiettivi multidimensionali (una scala tota- le di QE, cinque scale principali di EQ-i, 15 sot- toscale EQ-i). Affidabilità e validità statistiche ottime, basate su ampio campione. Versatilità: può essere usato in ambito azien- dale, scolastico, clinico e di ricerca. Compilazione breve e facile da usare. STRUTTURA Scale principali L’EQ-i è composto da 133 item suddivisi in 15 sottoscale raggruppate in 5 scale principali, con scala di risposta graduata a 5 punti, da “Assolutamente vero per me” a “Per nulla vero per me”. I punteggi grezzi sono convertiti in punteggi standard calcolati su media “100” e deviazione standard 15 (simile a quella dei pun- teggi per il QI). Si ottiene anche un Quoziente Emotivo (QE) totale. Indici di Validità ed Item Critici Oltre a quattro Indici di Validità, è possibile defi- nire degli Item Critici per identificare condizioni depressive, stati psicotici e potenziale perdita del controllo. UTILIZZO In ambito organizzativo l’EQ-i può essere uti- lizzato in fase di selezione, per la valutazione del po- tenziale, per la pianificazione delle carriere. Inoltre, è utilizzabile in ambito formativo per migliorare il livello di esercizio del ruolo della leadership da parte dei manager, analizzare e incrementare il livello di efficienza relazionale e organizzativa, rafforzare il senso di appartenenza da parte delle risorse e infi- ne per valutare il clima aziendale. Si presta alla valu- tazione di gruppi di lavoro permettendo di poten- ziare l’efficacia del team. È un valido supporto anche per le attività di counseling e coaching. In ambito scolastico e di orientamento, l’EQ-i permette di identificare negli studenti problemi di coping e per combattere il drop-out scolastico. In psicologia della salute e clinica, è valido ausilio per la valutazione del successo e del fallimento nell’affrontare una condizione medica grave e il trattamento. DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Manuela Franco e Laura Tappatà DESTINATARI Dai 16 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 30 minuti circa Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 133 CAMPIONE ITALIANO Campione totale 1353 soggetti, di cui 670 maschi e 683 femmine, suddivisi equamente dai 16 anni in poi (2005-2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93969-B 1 Starter kit € 353,00 93970-C 25 Fascicoli » 200,00* 93971-D 50 Fogli di risposta » 85,00 93972-E 1 Manuale di istruzioni » 50,00* 93973-F 1 Manuale con tabelle normative italiane » 38,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 18,00 *IVA assolta dall’Editore 2 manuali + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + € 150 di crediti Internet-Test EQ Intrapersonale (RAeq) Considerazioni di Sé (SR) Autoconsapevolezza Emotiva (ES) Assertività (AS) Indipendenza (IN) Realizzazione di Sé (SA) EQ Interpersonale (EReq) Empatia (EM) Responsabilità Sociale (RE) Relazioni Interpersonali (IR) EQ Adattabilità (ADeq) Esame di Realtà (RT) Flessibilità (FL) Problem Solving (PS) EQ Gestione dello Stress (SMeq) Tolleranza dello Stress (ST) Controllo degli Impulsi (IC) EQ Umore Generale (GMeq) Ottimismo (OP) Felicità (HA)
  • INTELLIGENZAEMOTIVA 7711 Partendo dall’assunto che l’intelligenza emo- tiva sia un’abilità cognitiva, il MSCEIT si configura come una scala di abilità basata sulla performan- ce, in grado di fornire una valutazione su come le persone svolgono compiti e risolvono problemi emotivi. Secondo il modello proposto, l’intelli- genza emotiva è classificabile in quattro ambiti: percezione, valutazione ed espressione dell’e- mozione; produzione e/o utilizzo dell’emozione per facili- tare il pensiero; comprensione delle emozioni, delle loro relazio- ni causali e delle combinazioni di stati emotivi; regolazione e gestione delle emozioni per pro- muovere la crescita emotiva e intellettiva. Per ognuno di questi ambiti, i soggetti sono chiamati a rispondere a stimoli non solo di tipo ver- bale, ma anche a identificare espressioni facciali o ad associare stati emotivi a paesaggi e disegni astratti. CARATTERISTICHE CHIAVE 20 anni di ricerche, applicazioni e perfezio- namento del modello. intelligenza emotiva come abilità cognitiva misurabile, non influenzata da differenze culturali. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Antonella D’Amico e Antonietta Curci DESTINATARI Dai 17 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 30’–45’ NUMERO DI ITEM 141 CAMPIONE ITALIANO 1176 soggetti, di cui 568 maschi e 608 femmine, di età compresa tra 17 e 83 anni (2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94172-P 1 Starter kit € 308,00 94173-Q 10 Fascicoli » 130,00* 94174-R 50 Fogli di risposta » 87,50 94175-S 1 Manuale di istruzioni » 40,00* 94176-T 1 Manuale di validazione e taratura italiana » 32,00* www.internet-test.it 1 autosomminstrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 18,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + man. italiano + 5 fascicoli + 15 fogli di risposta + €€ 150 di cre- diti Internet-Test valutazione della performance del soggetto in tutti gli ambiti dell’intelligenza emotiva. applicabilità in un ampio spettro di contesti: aziendale, educativo, clinico, medico e di ricerca. report interpretativo informatizzato. STRUTTURA Il MSCEIT è composto da 141 item suddivisi in otto compiti di intelligenza emotiva, raggruppati a coppie in quattro rami, che a loro volta sono riu- niti in due aree, esperienziale e strategica. Le varie scale e sottoscale contribuiscono a determinare un punteggio totale di intelligenza emotiva, formato dalla combinazione dei pun- teggi di area, ramo e compito. A questi si aggiun- gono indici supplementari, per meglio compren- dere i risultati e lo stile di risposta dell’intervistato. Il report informatizzato Il rapporto interpretativo del MSCEIT fornisce un profilo narrativo dettagliato delle abilità di com- prendere e riconoscere le emozioni, percepirle, gestirle e elaborarle in modo strategico così da favo- rire i processi di pensiero e facilitare le strategie deci- sionali e di problem-solving. Infine, presenta delle linee guida di intervento orientate all’autoriflessione e all’autocomprensione dei processi emotivi. UTILIZZO Il MSCEIT può fornire informazioni utili in diversi settori – organizzativo, scolastico, clini- co, di ricerca – ed in contesti organizzativi e di orientamento. I risultati ottenuti devono essere infatti considerati come importanti punti di partenza per migliorare le abilità dei soggetti e orientarli verso scelte professionali e di vita adeguate alle caratteristiche di ognuno, ma anche, in ambito organizzativo, per rendere il processo di selezione e reclutamento del perso- nale più efficace o per valutare i livelli di funzio- namento e di benessere dei lavoratori. John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso MSCEIT MAYER-SALOVEY-CARUSO EMOTIONAL INTELLIGENCE TEST L’intelligenza emotiva come abilità somministrazione scoring rapporto interpretativo Area esperienziale Q Ramo 1: Percezione delle emozioni A: Volti E: Immagini Q Ramo 2: Facilitazione del pensiero B: Facilitazione F: Sensazioni Area strategica Q Ramo 3: Comprensione delle emozioni C: Cambiamenti G: Miscele Q Ramo 4: Gestione delle emozioni D: Gestione emotiva H: Relazioni emotive
  • INTELLIGENZAEMOTIVA 7722 MATERIALE 94012-W 1 Starter kit € 245,00 94014-Y 25 Fascicoli » 250,00* 94015-Z 50 Fogli di risposta » 87,50 94013-X 1 Manuale d’istruzioni » 32,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 rapporto interpretativo » 25,00 *IVA assolta dall’Editore care le emozioni sul lavoro e la sua capacità di autovalutazione in merito alle proprie risorse interiori, ai limiti e alle abilità: Consapevolezza di sé, Sicurezza di sé, Intrapersonal. Autogestione: misura la capacità individuale di dominare impulsi, umori e sentimenti affin- ché non influiscano sulla prestazione lavorativa e il grado di flessibilità e adattabilità di fronte a situazioni nuove: Autocontrollo emotivo, Tenacia, Adattabilità. Competenza sociale: valuta l’abilità nelle relazioni sociali e il grado di empatia che il sog- getto sa sviluppare all’interno dell’ambiente di lavoro: Empatia, Orientamento al cliente (interno ed esterno), Consapevolezza organizzativa. Relationship Management: misura la capa- cità di saper interagire fluidamente con gli altri, sviluppando abilità di cooperazione e di leader- ship: Lavoro di gruppo, Leadership e Catalizzatore del cambiamento. Il test è corredato anche da 4 costrutti di facilitatori/correlati dell’intelligenza emotiva: • Orientamento al risultato • Umore • Tolleranza allo stress • Life Balance e da una scala di controllo (Impressione positiva). UTILIZZO L’Org-EIQ può essere utilizzato dalle organiz- zazioni e dalle figure professionali che operano nell’ambito delle risorse umane e della psicolo- gia del lavoro, fornendo informazioni attendibili per finalità diverse: valutazione e selezione del personale, valutazione del potenziale, orien- tamento e career counseling, valutazione delle competenze, formazione e sviluppo del personale, attività di diagnosi organizzativa. Gli studi sull’intelligenza emotiva trovano oggi un ampio raggio di applicazione nel mondo del lavoro. L’intelligenza emotiva, infat- ti, si rivela essenziale per le organizzazioni nella ricerca della prestazione superiore e dell’eccel- lenza sul lavoro. L’Org-EIQ, attraverso una piattaforma teorica originale, valuta l’intelligenza emotiva in relazio- ne al setting lavorativo (contextual performance) e pone l’attenzione sulla vitalità del concetto di intelligenza organizzativa, nella convinzione che le organizzazioni forniranno prestazioni tanto superiori quanto maggiore sarà, a livello di aggregazione, la loro competenza emotiva. CARATTERISTICHE CHIAVE Intelligenza emotiva applicata al setting lavorativo. Centralità della teoria della contextual performance. Report interpretativo computerizzato. Test progettato e sviluppato in contesti organizzativi italiani. STRUTTURA Il questionario è composto da 99 item che con- vergono principalmente in 4 macro-fattori, ognuno dei quali si articola in 3 fattori: Consapevolezza e valutazione del Sé: valu- ta l’abilità dell’individuo nel discernere e classifi- manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + €€ 150 di crediti Internet-Test somministrazione scoring rapporto interpretativo DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Adulti con almeno scuola secondaria inferiore SOMMINISTRAZIONE 10’-30’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 99 CAMPIONE 1787 soggetti (1227 in situazione non competitiva e 560 in situazione competitiva) (2006-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 Gabriele Giorgi e Vincenzo Majer Org-EIQ ORGANIZATIONAL-EMOTIONAL INTELLIGENCE QUESTIONNAIRE Per l’individuazione delle competenze emotive ed organizzative che favoriscono la prestazione
  • SALUTE MENTALE
  • SALUTEMENTALE 7744 MATERIALE SCID-I 93283-P 1 Starter kit € 306,00* 90956-X 1 Protocollo di somministrazione » 54,60* 90957-Y 15 Protocolli di raccolta dati » 186,00 90958-H 1 Guida dell’esaminatore » 65,60* SCID-II 93779-C 1 Starter kit € 130,00* 93800-D 15 Interviste » 113,25 93801-E 25 Questionari » 75,00 93802-F 1 Guida dell’esaminatore » 55,00* *IVA assolta dall’Editore guida + 1 protocollo di somministrazione + 15 protocolli di raccolta dati guida + 5 interviste + 10 questionari modulo C per i disturbi psicotici; modulo D per i disturbi dell’umore; modulo E per il disturbo da uso di sostanze psicoattive e modulo F per l’ansia ed altri disturbi. L’intervista All’inizio dell’intervista il clinico ottiene una descrizione sommaria della malattia in atto e dei precedenti psicopatologici, prima di passare a domande sui sintomi specifici. Questa anamne- si iniziale, definita rassegna, permette di racco- gliere informazioni che non sono incluse nei cri- teri diagnostici specifici e di avere direttamente dalle parole del soggetto la descrizione dei sin- tomi. Quando l’intervista è terminata, il clinico riporta le diagnosi del DSM-IV su di un modulo apposito definito sommario diagnostico. Il materiale include un protocollo per la som- ministrazione dell’intervista, riutilizzabile, ed un protocollo per la raccolta dati, utilizzabile una sola volta in quanto relativo ad ogni singolo paziente. La guida dell’esaminatore raccoglie, nella parte finale, una serie di casi di studio e role play, che rappresentano utili opportunità di esercitazione all’uso dell’intervista, tanto per il clinico che per lo studente. SCID-II – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis II Personality Disorders La SCID-II è un’intervista semistrutturata per la valutazione diagnostica dei dieci disturbi di personalità dell’asse II del DSM-IV, dei disturbi passivo-aggressivo o depressivo (riportati nell’Appendice B del DSM-IV) e del disturbo di personalità non altrimenti specificato. Nella SCID-II la sequenza dei disturbi non segue l’ordine di classificazione del DSM-IV ma un criterio di “progressività” che, per agevolare DATA DI PUBBLICAZIONE SCID-I: 2000 SCID-II: 2003 EDIZIONE ITALIANA SCID-I: Fausto Mazzi, Piero Morosini, Giovanni De Girolamo, Marco Lussetti e Gian Paolo Guaraldi SCID-II: Fausto Mazzi, Piero Morosini, GiovanniDeGirolamo eGian Paolo Guaraldi DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE SCID-I: 45’-90’ SCID-II: 40-60’ (intervista), 20’ (questionario) Individuale QUALIFICA RICHIESTA B2 Michael B. First, Robert L. Spitzer, Miriam Gibbon e Janet B.W. Williams (SCID-I) Michael B. First, Miriam Gibbon, Robert L. Spitzer, Janet B.W. Williams e Lorna S. Benjamin (SCID-II) SCID-I e SCID-II INTERVISTE CLINICHE STRUTTURATE PER IL DSM-IV L’assessment secondo i criteri del DSM-IV best seller formazione SCID-I – Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I Disorders (CV) La SCID-I è designata all’uso in ambiti clinici per assicurare valutazioni standardizzate e di qualità. Può essere somministrata sia ai pazienti di psichiatria sia a quelli di medicina generale. Qualsiasi persona che abbia conseguito la licen- za media inferiore può comprenderne il linguag- gio. La SCID-I può essere utilizzata quindi anche come una checklist diagnostica, utilizzando le informazioni ottenute da altre fonti. È inoltre un ottimo strumento da usarsi a scopi di training per gli studenti di discipline di salute mentale, per aiutarli ad acquisire familiarità con i criteri del DSM-IV e allo stesso tempo per perfezionare il loro stile d’intervista clinica. Struttura La versione clinica è suddivisa in 6 moduli relativamente autonomi: modulo A per gli episo- di dell’umore; modulo B per i sintomi psicotici;
  • SALUTEMENTALE 7755 volume + 25 schede il rapporto con il soggetto, indaga per primo il disturbo evitante di personalità, per poi passare in rassegna tutti gli altri: disturbo dipendente di per- sonalità, disturbo ossessivo-compulsivo di persona- lità, disturbo passivo-aggressivo di personalità, disturbo depressivo di personalità, disturbo paranoi- de di personalità, disturbo schizotipico di persona- lità, disturbo schizoide di personalità, disturbo istrionico di personalità, disturbo narcisistico di per- sonalità, disturbo borderline di personalità, disturbo antisociale di personalità e disturbo di personalità non altrimenti specificato (NAS). La SCID-II con- sente di formulare una valutazione dei disturbi di asse II di tipo categoriale (presenza o assenza del disturbo) o dimensionale (annotando il numero dei criteri diagnostici per ciascun disturbo di per- sonalità codificato “3”, le cui caratteristiche siano cioè patologiche, persistenti e pervasive). SCID-I E SCID II Struttura Strutturata sul modello dell’intervista clinica (analogamente alla SCID-I), l’Intervista consiste di una breve rassegna e di una serie di domande a risposta aperta, volte ad individuare le caratte- ristiche di base della personalità. Tra le prerogative della SCID-II vi è la possi- bilità di disporre di un Questionario di persona- lità autosomministrabile a 119 domande, che consente all’esaminatore di accelerare i tempi dell’intervista. L’Intervista può essere dunque somministrata sia da sola, nei casi in cui l’inter- vistatore intenda concentrarsi su un numero limitato di disturbi, che congiuntamente al Questionario di personalità. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Fausto Mazzi, Patrizia Perkmann, Rolf-Dieter Stieglitz, Wolfgang Trabert, Ilaria Lega, Silvana Grandi, Giovanni Neri e Marco Rigatelli Prefazioni di Andreas Erfurth e Fabrizio Starace MATERIALE 94286-N 1 Kit AMDP € 55,00* 94288-Q 1 Volume AMDP » 26,95* 94287-P 25 Schede di raccolta dati » 27,50 *IVA assolta dall’Editore Arbeitsgemeinschaft für Methodik und Dokumentation in der Psychiatrie (AMDP) AMDP-8. MANUALE PER LA METODOLOGIA E LA DOCUMENTAZIONE DELLA DIAGNOSI IN PSICHIATRIA Il sistema europeo per la valutazione e la documentazione della psicopatologia venzioni, le definizioni e i commenti riguardan- ti il sistema AMDP, garantendone un utilizzo uniforme e affidabile. Ogni sintomo è descritto nelle sue caratteristiche pregnanti ed è correda- to da esempi e indicazioni per la valutazione dimensionale di gravità, per facilitare il processo di esame e aumentare l’attendibilità tra gli inter- vistatori. La valutazione è condotta attraverso la rilevazione di alcuni dati anamnestici e l’indagi- ne dei sintomi psichici o somatici, per un totale di 140, più 20 di riserva. UTILIZZO La compilazione è rapida e agevole, non vin- colata a rigidi schemi di intervista. Per aumen- tarne la praticità, i sintomi del referto psichico e somatico sono riuniti con le informazioni anam- nestiche di base nella scheda di raccolta dati. Il volume è presentato in un formato decisamen- te tascabile, per l’utilizzo in corsia (184 pagine, 11,5x18,5cm.). L’AMDP è una meto- dologia internazionale, nata e validata in Europa, che permette di individuare i segni clini- ci psicopatologici del paziente, a partire da una descrizione e una valutazione rigorose e affidabili dei sintomi presentati, secondo quanto riferito dal paziente stesso e osservato dal- l’intervistatore o da altre persone vicine. Frutto del lavoro di un team internazionale e forte di un’esperienza costante di aggiornamen- to, l’AMDP copre un ampio spettro di sintomi psicopatologici (100) e somatici (40), che com- pongono rispettivamente il “referto psichico” e il “referto somatico”. Il volume riassume le con- NNOOVVIITTÀÀ
  • SALUTEMENTALE 7766 Giorgio Bertolotti, Paolo Michielin, Ezio Sanavio, Giulio Vidotto e Anna Maria Zotti CBA COGNITIVE BEHAVIOURAL ASSESSMENT 2.0 – Scale primarie Una batteria a vasto spettro per la pratica clinico-terapeutica Si tratta di una batteria di più test a vasto spettro, che mira a molteplici scopi: fornire una precisa valutazione dei problemi che il soggetto lamenta; fornire indicazioni sugli approfondi- menti più appropriati per una loro comprensio- ne; raccogliere in modo uniforme un’anamnesi psicosociale del soggetto; dare un ampio venta- glio di misurazioni iniziali, rispetto alle quali va- lutare l’evoluzione del caso e l’esito di un even- tuale trattamento; fornire misurazioni di alcuni costrutti psicologici di primaria importanza quali l’ansia di stato, la depressione, le paure, le ossessioni, le compulsioni, i disturbi psicofisiolo- gici; dare una valutazione di alcune variabili di tratto costituenti indici prognostici riferiti al rischio del soggetto di sviluppare, in presenza di determinate pressioni ambientali, disturbi e disadattamento; suggerire ipotesi relative alle relazioni funzionali che possono intercorrere tra problemi e disturbi attuali ed eventuali manife- stazioni disadattive presenti nell’ambito familia- re e socioprofessionale del soggetto. Il CBA-2.0 è stato pensato come sussidio per lo psicologo nel corso delle diverse operazioni di valutazione iniziale del caso e come fonte di suggerimenti, ipotesi ed informazioni addizio- nali. STRUTTURA La batteria è composta da dieci schede, cia- scuna comprendente degli item omogenei per aspetto formale o per derivazione storica, che vanno a sondare uno specifico aspetto del sog- getto. Le schede 1 e 4, valutando la storia personale e i problemi attuali del soggetto, sono delle cartelle autobiografiche che integrano il colloquio psico- diagnostico e, parzialmente, lo sostituiscono. Si indagano la storia educativa e scolastica, le condi- zioni di convivenza attuali, le relazioni affettive significative ed eventuali problemi, lo stato di salu- te generale, le abitudini alimentari e del sonno, i disturbi o problemi psicologici lamentati e la moti- vazione ad un eventuale trattamento psicologico. Le schede 2 (STAI X-1) (20 item), 3 (STAI X-2) (20 item) e 10 (STAI X-3) (10 item) valutano l’ansia del soggetto riprendendo il test STAI-X. La scheda 5 (EPQ/R) (48 item), l’Eysenck Personality Questionnaire, valuta alcune dimen- sioni stabili della personalità quali l’introversio- ne-estroversione, la stabilità emozionale, il disa- dattamento e l’antisocialità, la simulazione e l’ingenuità sociale. La scheda 6 (QPF/R) (30 item) fornisce la valu- tazione dello stress e dei disturbi psicofisiologici. Si ottengono quindi le convinzioni e le eventuali apprensioni che il soggetto nutre circa lo stato di malessere che, eventualmente, sta attraversando. La scheda 7 (IP) (58 item) valuta le paure del soggetto, riprendendo la Fear Survey Schedule, che chiarisce le relazioni che intercorrono tra le situazioni-problema e le reazioni emozionali, cognitive e comportamentali. La scheda 8 (QD) (24 item) valuta gli even- tuali sintomi depressivi grazie al Questionario D. La scheda 9 (MOCQ/R) (21 item), infine, analizza le ossessioni e le compulsioni del sog- getto attraverso il Maudsley Obsessional- Compulsive Questionnaire. DATA DI PUBBLICAZIONE 1985 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale COMPOSIZIONE Batteriadi2schedebiografiche e 7 test CAMPIONE 2304 soggetti, dai 16 ai 60 anni, divisi per sesso e fasce d’età (1997) QUALIFICA RICHIESTA C Strumenti correlati CBA-H p. 83 MATERIALE 90611-V 25 Questionari € 188,75 90612-W 25 Fogli di notazione » 67,50 90613-X 1 Serie di griglie di correzione » 164,00 45821-N 1 Manuale di istruzioni - II edizione » 54,00* *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 7777 Strumenti correlati CBA p. 82 Anna Maria Zotti, Giorgio Bertolotti, Paolo Michielin, Ezio Sanavio e Giulio Vidotto CBA-H COGNITIVE BEHAVIOURAL ASSESSMENT forma Hospital Per la valutazione completa del paziente ospedalizzato Il CBA-H è uno strumento per valutare le pro- blematiche soggettive, emozionali e comporta- mentali indotte o connesse a sospetta o diagno- sticata malattia organica. Derivato dalla batteria CBA-2.0, è stato concepito e sviluppato specifi- camente per potenziare agilità di somministra- zione e completezza dei dati raccolti, caratteri- stiche fondamentali per l’impiego in contesti che esigono modalità particolari, dove domina l’urgenza e i pazienti sono in totale dipendenza. CARATTERISTICHE CHIAVE Progettato per l’uso con il paziente ospe- dalizzato. Taratura su un ampio campione italiano. Facile somministrazione. Report narrativo computerizzato. STRUTTURA Lo strumento si compone di 152 item dico- tomici, suddivisi in 4 schede: Scheda A (21 item): si articola in 3 scale e valuta la condizione del soggetto nel momento stesso in cui compila il questionario, indagando la presenza di ansia di stato, la paura per le situa- zioni collegate alla salute e la presenza di reazio- ni depressive situazionali. Scheda B (23 item): valuta attraverso 3 scale le condizioni del soggetto nei tre mesi antece- denti la somministrazione del questionario, relati- vamente al tono dell’umore, lo stato di benessere psicofisico e la percezione di vita stressante. L’aggregazione dei tre punteggi permette di rile- vare la presenza del costrutto Vital Exhaustion. Scheda C (61 item): si compone di 10 scale e analizza le variabili psicologiche di tratto in relazione a un più ampio arco di vita (introver- sione/estroversione, stabilità/instabilità emoziona- le, tratti d’ansia, stile interpersonale, ostilità e rigi- dità sociale, irritabilità e impazienza, ipercoinvol- gimento nel lavoro). Scheda D (47 item): attraverso 35 indici costruisce la biografia del soggetto raccoglien- do informazioni dettagliate su abitudini e com- portamenti della vita quotidiana esperiti dal soggetto (consumo di alcol, abitudini alimenta- ri e al fumo, relazioni affettive e sociali, attività e soddisfazione lavorativa, attività fisica e sedenta- rietà, lutti ed eventi stressanti). UTILIZZO Inizialmente adoperato nell’ambito della malattia infartuale acuta, il CBA-H si indirizza anche a pazienti con patologia organica acuta o cronica nelle prime giornate di ricovero ospedaliero, a pazienti ambulatoriali in prossimità di un evento sanitario rilevante e infine a soggetti sottoposti a programmi di prevenzione primaria (screening dello stress-lavoro correlato, del diabete, dell’iper- tensione, dell’obesità e screening oncologici). DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE Tempo 12’-20’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 152 CAMPIONE ITALIANO 4888 soggetti diversificati per quadro nosologico e caratteristiche socioculturali (1990-2000) QUALIFICA RICHIESTA C somministrazione scoring profilo grafico commentato MATERIALE 94064-A 1 Starter kit € 244,00 94065-B 25 Questionari » 55,00 94066-C 1 Manuale di istruzioni » 40,00* PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 94091-D 1 Software per 25 elaborazioni » 288,00 94092-E 1 Software per 50 elaborazioni » 520,00 94093-F 1 Software per 100 elaborazioni » 936,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + 15 questio- nari + software per 15 elaborazioni + chiavetta USB PSY4 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • SALUTEMENTALE 7788 manuale + man. italiano + 15 questionari + soft- ware per 15 elaborazio- ni + chiavetta USB PSY4 Leonard R. Derogatis SCL-90-R SYMPTOM CHECKLIST–90–R La versione validata e standardizzata del test più usato per configurare i sintomi psicologici La SCL-90-R valuta un ampio spettro di pro- blemi psicologici e di sintomi psicopatologici, misurando tanto i sintomi internalizzanti (depres- sione, somatizzazione, ansia) che quelli esterna- lizzanti (aggressività, ostilità, impulsività). RELAZIONE TRA LA SCL-90 E LA SCL-90-R La SCL-90 è esclusivamente un prototipo della SCL-90-R: l’analisi degli item della SCL-90 ha infat- ti mostrato che le dimensioni Ansia e Ossessività- Compulsività risultavano, da un punto di vista psi- cometrico, inadeguate; alcuni degli item sono stati pertanto sostituiti. Inoltre, alcune ambiguità nelle istruzioni del test e nella definizione del continuum di disagio hanno condotto ad una loro revisione. Per la SCL-90 non esistono norme, né studi di vali- dità e attendibilità: essa rappresenta pertanto una versione incompleta della SCL-90-R. CARATTERISTICHE CHIAVE Valuta la gravità dei sintomi di disagio psi- chico nell’ultima settimana. Misura sia i sintomi internalizzanti che quelli esternalizzanti. Distingue tra gruppi clinici e non. Taratura su un ampio campione italiano. Scoring e reporting computerizzato. STRUTTURA Concepita sotto forma di questionario a 90 item la SCL-90-R, valuta nove dimensioni sintoma- tologiche primarie: Somatizzazione (SOM): disagio legato alla percezione di disfunzioni nel proprio corpo. Ossessività-Compulsività (O-C): pensieri, impulsi e azioni sperimentati come persistenti e irresistibili. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Irene Sarno, Emanuele Preti, Antonio Prunas e Fabio Madeddu DESTINATARI Dai 13 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 15’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 90 CAMPIONE ITALIANO 3631 soggetti tra i 13 e i 70 anni (2008-2010) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94245-T 1 Starter kit € 260,00 94246-U 25 Questionari » 26,25 94249-X 1 Manuale di istruzioni » 25,35* 94248-W 1 Manuale taratura italiana » 25,35* PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 94253-B 1 Software per 25 elaborazioni » 273,50 94254-C 1 Software per 50 elaborazioni » 486,15 94256-E 1 Software per 100 elaborazioni » 850,00 *IVA assolta dall’Editore somministrazione scoring rapporto interpretativo Ipersensibilità interpersonale (I-S): sentimenti di inadeguatezza e inferiorità. Depressione (DEP): sono anche inclusi senti- menti di disperazione, pensieri suicidari, ecc. Ansia (ANX): comprende nervosismo, tensio- ne, tremori, attacchi di panico, ecc. Ostilità (HOS): pensieri, sentimenti, ecc. caratteristici di uno stato affettivo di rabbia. Ansia fobica (PHOB): persistente reazione di paura. Ideazione paranoide (PAR): pensiero proietti- vo, ostilità, sospettosità, grandiosità, riferimento a Sé, paura di perdita dell’autonomia e deliri. Psicoticismo (PSY): ritiro e isolamento e sin- tomi di primo rango della schizofrenia. Sette item addizionali (OTHER) valutano disturbi dell’appetito e del sonno. Gli indici globali Tre indici globali completano la valutazione: Global Severity Index (GSI): intensità del livel- lo di disagio psichico lamentato dal soggetto. Positive Symptom Total (PST): numero di sin- tomi riportati dal soggetto. Positive Symptom Distress Index (PSDI): indi- ce dello stile di risposta. UTILIZZO La SCL-90-R permette di evidenziare lo stato dei sintomi psicologici di pazienti psichiatrici, di medicina generale e soggetti non clinici. Nella pratica clinica, può essere utilizzata un’unica volta per la valutazione del livello di disagio generale del soggetto, o in modo ripetuto per ottenere profili più articolati e specifici, documentando i risultati formali, i trend di risposta, o per valutazione pre e post trattamento. 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • SALUTEMENTALE 7799 Lo STAXI-2 fornisce misure concise dell’espe- rienza, dell’espressione e del controllo della rabbia, da usarsi nella diagnosi di personalità e per preve- nire disturbi quali l’ipertensione, l’infarto e il cancro. Nel concetto di esperienza di rabbia sono compre- si lo stato di rabbia e il tratto di rabbia (disposizione a percepire varie situazioni come frustranti e rispon- dere ad esse con un aumento della rabbia di stato), mentre l’espressione della rabbia comprende la rabbia verso l’esterno (rabbia-out), la rabbia rivolta all’interno, per trattenerla o sopprimerla (rabbia-in), i tentativi di controllare la propria espressione della rabbia (controllo della rabbia-out) o di sopprimerla tenendosi calmi (controllo della rabbia-in). Le scale. Rabbia di stato: “Sentire rabbia”, “Sen- tire come esprimere rabbia verbalmente” e “fi- sicamente”; Rabbia di tratto: “Rabbia Tempera - mento” e “Rabbia Reazione”; Espressione della rabbia all’esterno e all’interno, Controllo della rab- bia all’esterno e all’interno; e un Indice di espressio- ne della rabbia che fornisce una misura riassuntiva. Lo STAI-Y è uno strumento di facile applica - zione ed interpretazione, finalizzato alla rileva- zione e misurazione dell’ansia, sia per finalità di tipo psicodiagnostico, sia per verificare l’efficacia e i benefici della psicoterapia. È quindi utile come misura generica dello stress, non ponendo diretti riferimenti a situazioni di lavoro. Struttura. Il questionario è formato da 40 item, raggruppati in due scale focalizzate su come i sog- getti si sentono generalmente, o su quello che invece provano in momenti particolari. Le due scale sono l’Ansia di stato, ove l’ansia è concepita come esperienza particolare, un sentimento di insicurezza, di impotenza di fronte ad un danno percepito che può condurre o alla preoccupazio- ne oppure alla fuga e all’evitamento; l’Ansia di tratto, che consiste nella tendenza a percepire si- tuazioni stressanti come pericolose e minacciose e a rispondere alle varie situazioni con diversa inten- sità. EDIZIONE ITALIANA (2004) Anna Laura Comunian DESTINATARI Dai 16 anni SOMMINISTRAZIONE 15’ ca. Ind./coll. NUMERO DI ITEM 57 CAMPIONE ITALIANO 1683soggettidivisiintrefasce d’età e sesso (2002) QUALIFICA RICHIESTA B2 EDIZIONE ITALIANA (1989) Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 20’ ca.Ind./coll. NUMERO DI ITEM 40 CAMPIONE ITALIANO 2790 soggetti (1988) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93715-E 25 Questionari autoscoring € 76,25 91161-P 1 Manuale di istruzioni » 30,00* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 93716-F 25 Questionari autoscoring € 100,00 93400-R 1 Manuale di istruzioni » 37,50* *IVA assolta dall’Editore Charles D. Spielberger STAXI-2 STATE-TRAIT ANGER EXPRESSION INVENTORY – 2 Charles D. Spielberger STAI STATE-TRAIT ANXIETY INVENTORY – Forma Y Norman S. Endler, Jean M. Edwards e Romeo Vitelli EMAS ENDLER MULTIDIMENSIONAL ANXIETY SCALES gue e situazioni di routine quotidiana. Questo approccio multidimensionale permette di valutare con maggiore precisione le risposte individuali di ansia e di comprendere un insieme di reazioni ansiose in situazioni diverse. L’EMAS-S misura l’ansia di stato (divisa in com- ponente emozionale e preoccupazione cognitiva del- l’ansia di stato). L’EMAS-T misura l’ansia di tratto. L’EMAS-P è una misura della percezione sog- gettiva del tipo e del grado di minaccia. L’EMAS è composto da tre scale self-report per valutare: la predisposizione individuale a provare ansia in quattro tipi di situazioni rilevanti rispetto ad un’ampia gamma di esperienze (EMAS-T); la ri - sposta di stato transitoria del momento (EMAS-S); la percezione individuale della minaccia legata alla situazione (EMAS-P). La tendenza ad un aumento del livello di ansia è valutata, quindi, rispetto a quattro contesti generali: situazioni di valutazione sociale, situazioni di pericolo fisico, situazioni ambi- EDIZIONE ITALIANA (1996) Anna Laura Comunian DESTINATARI Dall’adolescenza in poi SOMMINISTRAZIONE 25’ ca. Ind./coll. NUMERO DI ITEM 20 (EMAS-S), 60 (EMAS-T), 8 (EMAS-P) CAMPIONE ITALIANO 431 soggetti (1995) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 91799-A 20 Questionari EMAS-S € 37,00 91800-B 20 Questionari EMAS-T/P » 43,00 91801-C 20 Fogli di profilo adolescenti » 29,00 91802-D 20 Fogli di profilo universitari » 29,00 91803-E 20 Fogli di profilo adulti » 29,00 91843-Y 1 Griglia di correzione EMAS-T » 18,90 91805-G 1 Manuale di istruzioni » 30,30* *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 8800 manuale + 25 questio- nari Cheryl Tatano Beck, Robert K. Gable PDSS POSTPARTUM DEPRESSION SCREENING SCALE Il più diffuso e attendibile strumento per individuare precocemente i sintomi della depressione post-partum La depressione post-partum è un fenomeno universale che, secondo le ricerche, colpisce in tutto il mondo circa il 10-15% delle neomamme. La Postpartum Depression Screening Scale (PDSS) è il questionario self-report più diffuso e attendibile per individuare precocemente la pre- senza, la gravità e il tipo di sintomi della depres- sione post-partum. Oltre a individuare i soggetti a rischio che possono necessitare di un’ulteriore indagine diagnostica con successivo trattamento, lo strumento fornisce per ogni donna un esaurien- te profilo del complesso dei sintomi personalmen- te sperimentati, facilitando la pianificazione di un trattamento mirato. L’assenza di una diagnosi tempestiva può condurre a gravi conseguenze per madre e figlio, fino alle forme più eclatanti del sui- cidio o dell’infanticidio: per questo motivo l’adat- tamento italiano della PDSS rappresenta un tra- guardo fondamentale per il trattamento della depressione post-partum nel nostro Paese. CARATTERISTICHE CHIAVE Test self-report di agevole somministrazione Sette scale per indagare le diverse dimensioni del disturbo Forma breve per un rapido screening pre- liminare STRUTTURA La PDSS è composta da sette scale di conte- nuto volte ad analizzare i sintomi distintivi della depressione post-partum: Disturbi del sonno/Disturbi dell’alimentazione: valuta la percezione della donna di un radicale peggioramento delle proprie abitudini nel sonno e nell’alimentazione; Ansia/Insicurezza: misura l’ansia, l’insicurezza e la sensazione di essere sopraffatta dal nuovo ruolo di madre; Labilità emotiva: valuta la sensazione della donna circa l’instabilità delle proprie emozioni e la possibilità di controllarle; Confusione mentale: valuta la percezione della donna circa le proprie capacità decisionali e di regolazione dei propri processi cognitivi; Perdita del senso di sé: misura la percezione circa il cambiamento di aspetti della propria iden- tità personale dopo la nascita del bambino; Senso di colpa/Vergogna: misura il senso di colpa e/o la vergogna relativi alla percezione di non essere una brava madre e ai pensieri negativi sul bambino; Pensieri suicidari: valuta l’intenzione della donna di farsi del male o di togliersi la vita come unica via di scampo dalla depressione post-partum. Dal test, inoltre, è possibile ricavare un indice di Risposte incoerenti, che rileva l’affidabilità delle risposte date. I primi 7 item del questionario costituiscono la Forma breve della PDSS, una scala ridotta che indica il livello complessivo di sintomatologia depressiva della donna. UTILIZZO La PDSS è pensata per essere utilizzata regolarmente su tutte le neomamme per uno screening di routine da parte di ostetriche, pediatri, psichiatri e professionisti che lavorano con le famiglie. La Forma breve può essere utiliz- zata in contesti clinici ad alta affluenza di utenti. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Vincenzo Caretti, Fiorella Monti, Francesca Agostini e Nicoletta Ragonese DESTINATARI Donne fra le due settimane e i dodici mesi successivi al parto SOMMINISTRAZIONE Forma lunga: 10’ ca. Forma breve: 2’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM Forma lunga: 35 Forma breve: 7 CAMPIONE ITALIANO 465 donne di età compresa tra i 18 e i 47 anni, tra la terza e la dodicesima settimana successiva al parto (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94106-U 1 Starter kit € 108,00* 94107-V 25 Questionari autoscoring » 95,00 94108-W 1 Manuale di istruzioni » 33,60* *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 8811 Richard R. Abidin PSI PARENTING STRESS INDEX – Forma breve Per l’identificazione precoce di sistemi relazionali genitore-bambino stressanti DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 ADATTAMENTO ITALIANO Angela Guarino, Paola Di Blasio, Maria D’Alessio, Elena Camisasca, Grazia Serantoni DESTINATARI Genitori di bambini dal 1º mese di vita ai 12 anni SOMMINISTRAZIONE 10’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM PSI-SF: 36 CAMPIONE ITALIANO Campione normale: 1352 genitori (1215 madri e 137 padri) tra i 18 e i 54 anni con figli di età compresa tra 1 mese e 12 anni Campione clinico: 135 genitori con figlio affetto da malattia cronica o acuta (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 Valutazione diagnostica e di screening anche con genitori di bambini dal 1º mese di vita. STRUTTURA Il PSI indaga tre principali domini di fattori stressanti, riconducibili alle caratteristiche del bambino, a quelle del genitore e ad eventi situa- zionali-demografici. Nella Forma breve esso si compone di 36 item, articolati in tre sottoscale: Distress genitoriale (12 item), che definisce il livello di distress che un genitore sta speri- mentando nel suo ruolo genitoriale, derivante da fattori collegati a tale ruolo; Interazione genitore-bambino disfunzio- nale (12 item), focalizzata sul fatto che il genito- re percepisce il figlio come non rispondente alle proprie aspettative e inoltre le interazioni con il bambino non lo rinforzano come genitore; Bambino difficile (12 item), focalizzata su alcune caratteristiche fondamentali del bambino, che lo rendono facile o difficile da gestire e che spesso hanno origine nel suo temperamento. È infine possibile calcolare un punteggio di Risposta difensiva, che valuta il grado con cui il soggetto risponde al questionario con la ten- denza a dare una più favorevole immagine di sé, minimizzando le indicazioni relative a problemi o stress nella relazione genitore-bambino. UTILIZZO Il PSI-SF può essere utilizzato da una gamma ampia di professionisti, non solo psicologi ma medici, educatori, operatori dell’area sociale ecc. Per le sue caratteristiche di analiticità e bre- vità esso è indicato come strumento di suppor- to nella pratica pediatrica e in genere laddove ci si occupi di bambini “difficili” e di terapia familiare, per l’elaborazione di programmi di prevenzione mirati alla riduzione dello stress. Esso può inoltre essere utilmente adoperato per l’assessment del rischio di abuso infantile e in ambito forense per l’affidamento dei minori. MATERIALE 93923-D 1 Starter kit € 130,00* 93924-E 25 Moduli autoscoring PSI-SF » 98,75 93925-F 1 Manuale d’istruzioni » 76,50* *IVA assolta dall’Editore Manuale + 25 moduli Il Parenting Stress Index è pensato per l’iden- tificazione precoce di quelle caratteristiche che possono compromettere il normale sviluppo e funzionamento del bambino, individuando bambini con disturbi emotivi e comportamen- tali e genitori che rischiano di vivere in modo disfunzionale il proprio ruolo genitoriale. Lo strumento si basa sull’assunto che lo stress che un genitore sperimenta è frutto congiunto di determinate caratteristiche del bambino, del genitore stesso e di una serie di situazioni stret- tamente legate al ruolo di genitore. La validazione italiana del test interessa la sola Forma breve del test (PSI-SF), che deriva direttamente dalla Forma estesa, in quanto stru- mento estremamente agile e di più immediato valore pratico in ambito clinico, di facile som- ministrazione e interpretazione. CARATTERISTICHE CHIAVE Ampia taratura italiana (anche su campione clinico) con individuazione, rispetto alla versio- ne statunitense, di profili per fasce di età, che consentono valutazioni più raffinate e aderenti alle caratteristiche di bambini e genitori. Rapida somministrazione.
  • Aaron T. Beck, Robert A. Steer e Gregory K. Brown BDI-II BECK DEPRESSION INVENTORY – II Il test di Beck che è diventato standard per la misura della depressione SALUTEMENTALE 8822 CARATTERISTICHE CHIAVE Questionario self-report. In linea con i criteri del DSM-IV per la depressione: sono considerati i sintomi manife- stati nelle due settimane precedenti. Taratura italiana specifica sulla popola- zione normale e validazione su campione clinico. STRUTTURA Il BDI-II consiste di 21 gruppi di affermazioni da valutare su una scala a quattro punti. Le analisi statistiche effettuate nel corso del- l’adattamento italiano hanno evidenziato l’esi- stenza di due fattori: il fattore Somatico-Affettivo che raccoglie le manifestazioni somatiche-affettive della depres- sione (quali perdita di interessi, perdita di ener- gie, modificazioni nel sonno e nell’appetito, agi- tazione e pianto, ecc.); il fattore Cognitivo che riguarda le manife- stazioni cognitive della depressione (quali pes- simismo, senso di colpa, autocritica e autosti- ma, ecc.). Tali fattori forniscono un utile completamen- to all’interpretazione del punteggio totale. Modulo con taratura Il modulo autoscoring si compone di un modulo test (il primo foglio e l’unico visibile), sul quale il soggetto fornisce le proprie valuta- zioni agli item, e da un modulo di scoring (sot- tostante al precedente e riservato all’esaminato- re), in cui è riportata la tabella di trasformazione dei punteggi grezzi in percentili, secondo le norme italiane. Il BDI-II è uno strumento self-report per la valutazione della gravità della depressione in pazienti già diagnosticati e per la rilevazione del rischio della depressione nella popolazione nor- male. Esso si è dimostrato inoltre efficace nel discriminare pazienti affetti da depressione clini- ca rispetto a pazienti psichiatrici non depressi. Dopo 35 anni di esperienza clinica e di ricer- ca, il BDI ha subito una revisione sostanziale. In questa seconda edizione alcuni item sono stati modificati e altri riformulati; in particolare il BDI- II è stato sviluppato come un indicatore della presenza e dell’intensità dei sintomi depressivi in accordo con i criteri elencati dal DSM-IV e non come strumento per formulare una dia- gnosi clinica. DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 EDIZIONE ITALIANA Marta Ghisi, G. Battista Flebus, Antonella Montano, Ezio Sanavio e Claudio Sica DESTINATARI Dai 13 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 5-10’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM 21 CAMPIONE ITALIANO 723 studenti universitari + 354 persone appartenenti alla popolazione generale + campione clinico: 135 soggetti con disturbi depressivi come problema principale e 135 soggetti tratti dalla popolazione generale, selezionati in maniera randomizzata dal campione precedente (2005) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 93597-E 25 Moduli autoscoring (con tabelle normative italiane) € 105,00 93596-D 1 Manuale di istruzioni » 26,65* *IVA assolta dall’Editore Strumenti correlati BAI p. 83 BHS p. 84
  • SALUTEMENTALE 8833 DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 EDIZIONE ITALIANA Claudio Sica, Davide Coradeschi, Marta Ghisi e Ezio Sanavio DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE 10’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM 21 CAMPIONE ITALIANO 654 studenti universitari + 818 persone appartenenti alla popolazione generale + campione clinico: 64 soggetti con disturbo ossessivo-compulsivo o di ansia generalizzata; 56 con disturbo di depressione maggiore; 69 soggetti normali (2005) QUALIFICA RICHIESTA C Aaron T. Beck e Robert A. Steer BAI BECK ANXIETY INVENTORY Uno dei test sull’ansia più utilizzati MATERIALE 93595-C 25 Moduli autoscoring (con tabelle normative italiane) € 77,50 93594-B 1 Manuale di istruzioni » 26,65* *IVA assolta dall’Editore Il BAI è uno strumento self-report che per- mette di valutare la gravità della sintomatologia ansiosa negli adulti in modo molto rapido (10’ di somministrazione). Disturbi di ansia e distur- bi depressivi sono frequentemente associati e gli strumenti per misurare la gravità delle manife- stazioni ansiose e depressive sono altamente correlati tra loro. Il BAI è stato costruito inclu- dendo quei sintomi di ansia soltanto minima- mente sovrapposti a quelli di natura depressiva. I disturbi di ansia sono tra le manifestazioni psicopatologiche che meglio beneficiano degli interventi psicologici e psicoterapeutici. È indubbia quindi la necessità di una corretta valutazione dei sintomi di ansia, sia in sede di prevenzione primaria che di intervento e di fol- low-up. In particolar modo il BAI è in grado di discriminare efficacemente fra gruppi diagnosti- ci ansiosi e non ansiosi in differenti situazioni cli- niche, rivelandosi un ottimo strumento di scree- ning dell’ansia. La validità clinica dello strumento è stata saggiata su campioni di pazienti con diagnosi di disturbi di panico con agorafobia e senza ago- rafobia, di fobia sociale, di disturbo ossessivo- compulsivo e di ansia generalizzata. CARATTERISTICHE CHIAVE Questionario self-report. Taratura italiana specifica sulla popola- zione normale e validazione su campione clinico. STRUTTURA Il test consiste di 21 item, descrizioni di sin- tomi di ansia somatica, soggettiva o correlata a fobie, da valutare su una scala a quattro punti (da 0 a 3). Modulo con taratura Il modulo autoscoring si compone di un modulo test (il primo foglio e l’unico visibile), sul quale il soggetto fornisce le proprie valuta- zioni agli item, e da un modulo di scoring (sot- tostante al precedente e riservato all’esaminato- re), in cui è riportata la tabella di trasformazione dei punteggi grezzi in percentili, secondo le norme italiane. Strumenti correlati BDI-II p. 82 BHS p. 84
  • SALUTEMENTALE 8844 Aaron T. Beck e Robert A. Steer BHS BECK HOPELESSNESS SCALE La scala di Beck per la misura del rischio di suicidio DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Maurizio Pompili, Paolo Iliceto, David Lester, Marco Innamorati, Paolo Girardi e Roberto Tatarelli DESTINATARI Adulti dai 17 anni SOMMINISTRAZIONE 10’ circa Individuale NUMERO DI ITEM 20 CAMPIONE ITALIANO 1553 soggetti tipologici e 169 clinici (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA C La Beck Hopelessness Scale (BHS) è una scala che misura la gravità degli atteggiamenti nega- tivi nei confronti del futuro (pessimismo) perce- piti da adolescenti e adulti. Originariamente svi- luppata per misurare il pessimismo in pazienti considerati a rischio di suicidio, può essere uti- lizzata con adolescenti e adulti della popolazio- ne generale. CARATTERISTICHE CHIAVE Ha una particolare utilità come indicatore indiretto di rischio di suicidio in soggetti depressi o individui che hanno tentato il suici- dio. Facilità di somministrazione. Standardizzazione italiana su ampio campio- ne. STRUTTURA La scala è composta da 20 item, con rispo- sta “Vero/Falso”, che valutano la gravità delle aspettative negative sul futuro sia nel breve che nel lungo periodo. L’hopelessness è stata infatti frequentemente identificata come predittiva di ideazione suicidaria piuttosto che la sola depres- sione. Essa può essere autosomministrata o sommi- nistrata oralmente dall’esaminatore. Il tempo per l’autosomministrazione richiede da 5 a 10 minuti, mentre la somministrazione orale richie- de generalmente 10-15 minuti. UTILIZZO La BHS ha una particolare utilità come indi- catore indiretto di rischio di suicidio in soggetti depressi o individui che hanno tentato il suici- dio. Anche se la BHS è stata utilizzata con gli ado- lescenti a partire dai 13 anni d’età, fino a quan- do maggiori informazioni sulle caratteristiche psicometriche della scala non saranno disponi- bili per la popolazione adolescenziale, lo stru- mento è raccomandato per gli adulti maggiori di 17 anni. MATERIALE 93999-H 1 Starter kit € 84,50* 94000-J 25 Questionari autoscoring » 72,50 94001-K 1 Manuale di istruzioni » 25,40* *IVA assolta dall’Editore Manuale + 25 questionari Strumenti correlati BDI-II p. 82 BAI p. 83
  • SALUTEMENTALE 8855 Manuali + 10 que- stionari adolescenti + 10 giovani adulti + 10 adulti Norman S. Endler e James D.A. Parker CISS COPING INVENTORY FOR STRESSFUL SITUATIONS Il primo strumento multidimensionale per la misurazione degli stili di coping DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Saulo Sirigatti, Cristina Stefanile e Stefano Lera DESTINATARI Adolescenti: 16-18 anni Adulti: da 19 a 80 anni SOMMINISTRAZIONE 10 minuti circa Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 48 CAMPIONE ITALIANO Adolescenti: 309 soggetti (2008) Adulti: 2618 soggetti (2000-2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 Il Coping Inventory for Stressful Situations (CISS) è una scala di facile somministrazione per misurare aspetti multidimensionali del coping. Rispetto ad altri questionari simili, presenta numerosi vantaggi: a) le scale sono state deriva- te su basi sia empiriche sia teoriche e sono state utilizzate in molteplici situazioni di ricerca o di applicazione; b) essendo uno strumento multi- dimensionale di misurazione degli stili di coping, garantisce una maggior precisione nella previsione degli stili preferiti di coping; c) è stato sviluppato e standardizzato con adulti, studenti universitari e pazienti psichiatrici ed è prevista una versione speciale per adolescenti. CARATTERISTICHE CHIAVE Approccio multidimensionale. Ampie possibilità di impiego. Rapidità di somministrazione. Questionario autoscoring facile da usare. Taratura italiana su ampio campione. STRUTTURA Il CISS si articola in tre scale, ciascuna com- posta di 16 item: Manovra (T): descrive sforzi volti a risolvere il problema ristrutturandolo cognitivamente o tentando di alterare la situazione. L’accento è fondamentalmente sul compito o sulla pro- grammazione e sui tentativi di soluzione del problema. Emozione (E): descrive le reazioni emotive che sono orientate verso il Sé, con lo scopo è quello di ridurre lo stress. Evitamento (A): descrive attività e cambia- menti cognitivi volti a evitare la situazione stres- sante. Comprende due sottoscale: • Distrazione (D: 8 item): evitare la situazione stressante distraendosi con altre situazioni o compiti (orientamento verso il compito). • Diversivo sociale (SD: 5 item): evitare la situazione stressante tramite il diversivo sociale (orientamento verso la persona). Il campione italiano La forma per adulti del CISS è stata sommi- nistrata a 2618 soggetti provenienti da varie aree geografiche d’Italia. Il campione nel suo complesso è costituito da 1055 maschi e 1563 femmine, di età compresa tra 19 e 80 anni. In considerazione delle indicazioni fornite per la versione originale del questionario, nonché dalla letteratura, che sottolinea l’interesse a tenere conto di differenze sociodemografiche per studiare le risposte allo stress, la standardiz- zazione italiana è stata effettuata separatamente per maschi e femmine e per due fasce d’età: dai 19 ai 25 anni (“giovani adulti”) e oltre 25 anni (“adulti”). La forma italiana per adolescenti è stata som- ministrata a 309 studenti di scuola secondaria superiore dai 16 ai 18 anni (“adolescenti”). UTILIZZO Il CISS può essere adeguatamente impiegato con un’ampia varietà di soggetti, compresi ado- lescenti, adulti, studenti universitari e pazienti psichiatrici, ma non è adatto per persone che sono disorientate o gravemente menomate. Strumento estremamente versatile, viene usato non solo in ambito clinico, ma anche che in molti altri contesti, ad esempio quello organiz- zativo o scolastico, ogni volta che si verifichi la necessità di misurare la competenza della per- sona di far fronte allo stress. La possibilità di somministrazione sia indivi- duale che di gruppo e la sua facilità d’uso hanno contribuito alla sua diffusione. MATERIALE 94079-R 1 Starter kit € 137,00* 94025-K 25 Questionari autoscoring CISS-Adolescenti » 66,25 94026-L 25 Questionari autoscoring CISS-Giovani adulti » 66,25 94027-M 25 Questionari autoscoring CISS-Adulti » 66,25 94030-Q 1 Manuale di istruzioni » 33,60* 94029-P 1 Manuale standardizzazione e validazione italiana » 31,50* *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 8866 Douglas M. McNair, Maurice Lorr e Leo F. Droppleman POMS PROFILE OF MOOD STATES STRUTTURA Il test consiste di 58 aggettivi che definiscono 6 diversi fattori: Tensione - Ansia (fattore T), De - pressione - Avvilimento (fattore D), Aggressività - Rabbia (fattore A), Vigore - Attività (fattore V), Stanchezza - Indolenza (fattore S), Confusione - Sconcerto (fattore C). I soggetti devono scegliere l’intensità con la quale hanno risentito di quel particolare stato dell’umore nell’ultima settima- na, cosa che permette di valutare le reazioni tipi- che del soggetto su un lasso di tempo abbastan- za lungo, ma non troppo da impedire di eviden- ziare cambiamenti dovuti ad una terapia in atto. Il POMS è un metodo semplice e rapido per identificare e quantificare stati affettivi particola- ri. Esso misura sei fattori e altrettanti stati del- l’umore, dalla tensione ansiosa alla depressione e al senso di disorientamento. I sei fattori si di- mostrano particolarmente utili per valutare pa- zienti con disturbi nevrotici o da stress, e per prevederne le risposte a vari approcci terapeuti- ci. Con soggetti “normali”, invece, il POMS è una misura sensibile degli effetti di varie condi- zioni sperimentali. Il grado di istruzione sufficiente per rispon- dere al test è quello della scuola dell’obbligo. EDIZIONE ITALIANA (1991) Mario Farnè, Andreina Sebellico, Denis Gnugnoli e Anna Corallo DESTINATARI Adulti con scuola dell’obbligo SOMMINISTRAZIONE 5’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 58 CAMPIONE ITALIANO 420 soggetti (157 maschi e 263 femmine) (1990) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93668-F 25 Questionari autoscoring € 80,00 91243-Z 1 Manuale di istruzioni » 21,70* *IVA assolta dall’Editore Leonardo Boccadoro e Antonio Perillo SESAMO SEXRELATION EVALUATION SCHEDULE ASSESSMENT MONITORING software di somministrazione e scoring DATA DI PUBBLICAZIONE 1996 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 15-30’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM Forma estesa Uomini: 135 (single) e 171 (coppia) Donne: 135/173 Forma standard Uomini: 107/137 Donne: 113/145 CAMPIONE 648 soggetti fra i 15 e i 64 anni (1995) QUALIFICA RICHIESTA B2 Nel questionario, di cui sono previste una ver- sione femminile ed una maschile, le aree da indaga- re sono state divise in tre “sezioni”. La prima rag - gruppa le aree concernenti gli aspetti della sessua- lità remota, oltre agli aspetti sociocaratteriali e ad un’anamnesi di tipo sanitario. La seconda raccoglie le aree relative alla sessualità attuale e agli aspetti motivazionali ed è riservata alla situazione di single. La terza è indirizzata alla situazione di coppia. Le aree prese in considerazione da SESAMO sono: identità psicosessuale, dati socioambientali, ambiti del piacere, masturbazione remota ed attuale, esperienze sessuali pregresse, situazione affettivo-rela- zionale, rapporti sessuali, erotismo immaginativo, con- traccezione, atteggiamento relazionale e, per le cop- pie, interazione di coppia, comunicativa nella sfera ses- suale, ruoli nella coppia, sessualità extrarelazionale. Questionari Il questionario forma estesa è disponibile sol- tanto nel CD-Rom SESAMO_Win e prevede domande strutturate a risposta multipla e doman- de poste in forma aperta Il questionario forma clinica standard è l’adat- tamento a risposta multipla del questionario forma estesa (uso cartaceo). SESAMO_Win Il CD-Rom SESAMO_Win contiene il program- ma di elaborazione della forma estesa e offre un referto valutativo con punteggio grezzo e standard per area; quadro riepilogativo del nucleo familiare; indice di massa corporea del soggetto; rapporto narrativo con commenti esplicativi digitati dal sog- getto; indici subliminali; sintesi dei tratti critici; in- dicazioni per eventuali approfondimenti diagnosti- ci ed invii; commento finale del soggetto. MATERIALE SESAMO_Win (Forma Estesa) 93306-P 1 CR-Rom SESAMO_Win (20 elaborazioni + questionari sessuorelazionali femminile e maschile in PDF + manuale F. Estesa in PDF) € 810,00 93307-Q 1 Ricarica per 25 elaborazioni » 244,00 93308-R 1 Ricarica per 50 elaborazioni » 430,00 93309-S 1 Ricarica per 100 elaborazioni » 790,00 Forma Clinica Standard 91781-F 10 Questionari sessuorelazionali femminili € 38,50 91782-G 10 Questionari sessuorelazionali maschili » 38,50 91783-H 20 Fogli di notazione situazione di coppia » 24,00 91784-J 20 Fogli di notazione situazione di single » 24,00 91785-K 1 Serie di griglie (maschi e femmine) » 78,75 91780-E 1 Manuale di istruzioni » 62,80 *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 8877 DATA DI PUBBLICAZIONE 1991 DESTINATARI Dai 17 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 10’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 30 CAMPIONE 74 maschi e 82 femmine fra i 19 e i 76 anni (1990) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 91289-Y 25 Questionari € 53,75 91288-X 1 Manuale di istruzioni » 22,00* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91290-V 25 Questionari € 51,25 91285-L 1 Manuale di istruzioni » 20,00* *IVA assolta dall’Editore Gian Vittorio Caprara, Claudio Barbaranelli, Concetta Pastorelli e Marco Perugini INDICATORI DELLA CONDOTTA AGGRESSIVA Irritabilità e Ruminazione/Dissipazione DATA DI PUBBLICAZIONE 1991 DESTINATARI Dall’adolescenza in poi SOMMINISTRAZIONE 10’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 30 CAMPIONE 443 soggetti diversi per età, sesso e livello di scolarità (1990) QUALIFICA RICHIESTA B2 tivamente, mediano il comportamento aggressi- vo, risulta fondamentale, sia per la ricerca di base che per le diverse esigenze diagnostiche e pro- gnostiche in ambito educativo e clinico. STRUTTURA Le scale qui presentate (costituita ognuna di 10 item principali e 5 di controllo) misurano due diversi aspetti della fenomenologia aggressiva: la scala di Irritabilità mira a cogliere soprattutto le componenti impulsive di tale condotta, mentre quella di Ruminazione/Dissipazione valuta le com- ponenti connesse all’elaborazione cognitiva che fanno da sostegno alla condotta aggressiva. Benché la ricerca sull’aggressività si sia note- volmente sviluppata, una comprensione soddi- sfacente delle diverse manifestazioni aggressive e dei meccanismi che le regolano necessita di una base maggiormente sperimentale: da un lato, infatti, le ricerche di carattere psicodinami- co hanno spesso rinunciato ad ancorare le pro- prie intuizioni a proposizioni suscettibili di esse- re controllate oggettivamente, dall’altro gli indi- rizzi situazionisti hanno trascurato il ruolo delle caratteristiche di personalità. L’integrazione dei diversi contributi è quindi essenziale per una visione efficace del fenomeno “aggressività”. In quest’ottica, lo studio delle dif- ferenze individuali, che, emotivamente e cogni- Gian Vittorio Caprara, Marco Perugini, Claudio Barbaranelli e Concetta Pastorelli SCALA PER LA MISURA DELLA FRAGILITÀ EMOTIVA Per la misura dei sentimenti di inadeguatezza STRUTTURA Questa scala risulta dall’integrazione di due scale quella di Suscettibilità Emotiva, che misura la propensione dell’individuo a porsi in una posizio- ne di difesa, a sperimentare stati di disagio, di inadeguatezza e di vulnerabilità in situazioni, pre- sunte o reali, di pericolo, di offesa e di attacco; e quella di Persecutorietà, che osserva la tendenza dell’individuo a sperimentare sentimenti vissuti di persecuzione e tensione, legati all’anticipazione o alla paura di una punizione incombente. La Scala di Fragilità Emotiva consta di trenta item, dei quali 20 effettivi e 10 di controllo. È fondamentale disporre di indicatori obiet- tivi che consentano, da un lato, una migliore in- tegrazione nello studio delle differenze indivi- duali analizzando i processi di base emotivi e cognitivi che regolano la condotta e, dall’altro, un’azione più efficace di prevenzione e di con - trollo. In questa prospettiva si colloca la Scala di Fragilità Emotiva, il punto di arrivo di una ricerca nella quale lo studio della condotta aggressiva si è venuto ad intrecciare con quello delle dimen- sioni temperamentali ed emotive che hanno molta influenza nello sviluppo e nella regolazio- ne delle manifestazioni aggressive.
  • SALUTEMENTALE 8888 David M. Garner EDI-3 EATING DISORDER INVENTORY – 3 La versione avanzata del più utilizzato test sui disordini alimentari DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 EDIZIONE ITALIANA Marco Giannini, Linda Pannocchia, Riccardo Dalle Grave, Filippo Muratori e Valentina Viglione DESTINATARI Dai 13 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 20 minuti circa Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 91 CAMPIONE ITALIANO 839 soggetti, di cui 351 affetti da un disturbo dell’alimentazione (191 adulti e 160 adolescenti) e 488 non patologici (2006-2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 Strumento per l’autovalutazione di sintomi comunemente associati all’anoressia e alla buli- mia nervose, l’EDI-3 è stato notevolmente migliorato rispetto alla versione precedente, inserendo scale per la misura di costrutti più congruenti con i domini psicologici, considerati rilevanti nell’eziologia, nel mantenimento o nella variazione dei sintomi chiave dei soggetti con disturbo alimentare. CARATTERISTICHE CHIAVE Facile somministrazione e scoring. Distingue tra gruppi clinici e non clinici. Permette di creare profili clinicamente rile- vanti, utilizzabili per progettare il piano tera- peutico. Nuovo e migliorato sistema di scoring da 0 a 4 che migliora l’attendibilità di alcune scale e consente una gamma di punteggi più ampia. Checklist per la raccolta dei sintomi. STRUTTURA L’EDI-3 è composto dai 91 item dell’EDI-2, con risposta graduata da “Sempre” a “Mai”. Il test è articolato in 12 scale principali: 3 specifiche per i disturbi alimentari e 9 scale psicologiche generali, ma rilevanti per i disturbi alimentari: Il test fornisce inoltre 6 punteggi compositi, (uno specifico e 5 relativi costrutti integrativi): Rischio di disturbo alimentare (EDRC), Inadeguatezza (IC), Problemi interpersonali (IPC), Problemi affettivi (APC), Ipercontrollo (OC), Disadattamento psicologico generale (GPMC). Sono presenti anche 3 indicatori dello stile di risposta: Incoerenza (IN), Infrequenza (IF), Impressione negativa (NI). EDI-3 Sympton Checklist (EDI-3 SC) L’EDI-3 SC è una checklist di sintomi indi- pendente, strutturata e self-report. Fornisce dati riguardanti la frequenza dei sintomi (abbuffate, vomito autoindotto, esercizio fisico, uso di las- sativi, uso di pillole per dimagrire, uso di diure- tici), sul peso attuale e sulla storia del peso del paziente, fondamentali per stabilire se il pazien- te soddisfi o meno i criteri formali per la dia- gnosi di disturbo alimentare. UTILIZZO L’uso principale è per la valutazione clinica della sintomatologia associata ai disturbi ali- mentari. L’EDI-3, infatti, non è uno strumento messo a punto per fornire una diagnosi, ma per misurare, velocemente e con sicurezza, i tratti psicologici o i sintomi chiave rilevanti nello svi- luppo e nel mantenimento di tale disturbo. Scale di rischio di disturbo alimentare Q Impulso alla magrezza (DT) Q Bulimia (B) Q Insoddisfazione per il corpo (BD) Scale psicologiche Q Bassa autostima (LSE) Q Alienazione personale (PA) Q Insicurezza interpersona- le (II) Q Alienazione interpersona- le (IA) Q Deficit interocettivi (ID) Q Disregolazione emotiva (ED) Q Perfezionismo (P) Q Ascetismo (A) Q Paura della maturità (MF) 15 questionari + 25 moduli risposta/profilo autoscoring + 25 modu- li EDI-SC MATERIALE 93960-S 1 Starter kit € 186,00* 93962-U 1 Kit somministrazione + scoring » 137,00* 93961-T 1 Manuale di istruzioni » 76,70* *IVA assolta dall’Editore manuale + 1 kit sommi- nistrazione + scoring Strumento correlato EDI-3 RF p. 89
  • SALUTEMENTALE David M. Garner EDI-3 RF EATING DISORDER INVENTORY – 3 REFERRAL FORM Per lo screening dei disordini alimentari DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 EDIZIONE ITALIANA Marco Giannini e Cristiana Conti DESTINATARI Dai 13 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 5’-10’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 25 + domande comportamentali CAMPIONE ITALIANO 1070 soggetti non clinici (593 uomini e 477 donne), adulti e adolescenti (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 individuare quei soggetti che, potenzialmente, potrebbero avere un disturbo o una patologia alimentare. Gli indici di riferimento si basano su informazioni provenienti dalle domande dell’EDI-3 e sul valore del Body Mass Index (BMI) del soggetto e servono per individuare le perso- ne a rischio di disturbo alimentare. UTILIZZO Il questionario può essere utilizzato in situa- zioni individuali o di gruppo ed è stato messo a punto per essere somministrato da professio- nisti della salute mentale, counselor delle scuo- le, allenatori e da tutti coloro che hanno un interesse nel raccogliere informazioni per determinare se un soggetto debba essere indi- rizzato a uno specialista per la valutazione di un eventuale disturbo alimentare. MATERIALE 93966-Y 1 Starter kit € 108,00* 93968-A 25 Questionari autoscoring » 100,00 93967-Z 1 Manuale di istruzioni » 24,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 25 questio- nari L’EDI-3 RF è una forma breve dell’Eating Disorder Inventory – 3 da utilizzare per uno screening generale. Essa include le tre scale che compongono il punteggio composito EDRC: Impulso alla magrezza (DT), Bulimia (B) e Insoddisfazione per il corpo (BD). Oltre ai 25 item dell’EDI-3, questa breve forma self-report include domande riguar- danti sintomi comportamentali utilizzate per Strumento correlato EDI-3 p. 88 PCL-R Hare Psychopathy Checklist – Revised: 2nd Edition Robert D. Hare adattamento italiano: Vincenzo Caretti, Giorgio Stefano Manzi, Adriano Schimmenti e Laura Seragusa Caratteristiche chiave > Più fonti di informazione concorrenti all’attribuzione del punteggio > Analisi dei comportamenti psicopatici sulla base dell’intero arco di vita del soggetto > Risultati attendibili per diversi gruppi etnici, culturali e socioeconomici a pagina 95 LO STRUMENTO PIÙ CONOSCIUTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PSICOPATIA
  • SALUTEMENTALE 9900 Carlo Cianchetti e Giuseppina Sannio Fancello SAFA SCALE PSICHIATRICHE DI AUTOSOMMINISTRAZIONE PER FANCIULLI E ADOLESCENTI Una batteria italiana per una valutazione completa nella psichiatria dell’età evolutiva La batteria SAFA permette al soggetto di ri- spondere direttamente ad una serie di domande e fare quindi una valutazione del tutto personale dei disturbi sofferti, condizionata solo dalla stessa patologia. Le SAFA si presentano come uno stru- mento unitario, che consente una iniziale ma suf - ficientemente estesa valutazione dello stato psi- chico attraverso più scale organizzate secondo criteri omogenei. Questa batteria permette di esplorare un’ampia serie di sintomi e di stati psi- chici con economia di tempo per l’esaminatore; i sintomi sono infatti elencati in modo predefinito e uguale per tutti i soggetti e il fatto che le scale si presentino sotto forma di questionari autosom - ministrabile, anziché di interviste, permette di ot- tenere più facilmente da un soggetto in certe condizioni psichiche una risposta sincera. Tutte le scale e la batteria per intero sono state sottoposte a standardizzazione su popolazione normale e somministrate per confronto ad una popolazione di soggetti con diverse patologie. Sulla base dei punteggi ottenuti può essere costru- ito un profilo generale e/o possono essere costruiti profili nell’ambito delle singole scale, sulla base dei gruppi principali di sintomi che vengono esplorati. La somministrazione della batteria in tempi succes- sivi può fornire utili elementi di valutazione sull’an- damento degli interventi terapeutici. STRUTTURA La batteria è stata organizzata in modo da adattarsi alla modalità di comprensione e di valu- tazione di ogni fascia di età: ogni scala è infatti composta da una versione per soggetti dagli 8 ai 10 anni (identificata con la lettera “e”) e da una versione unica per soggetti dagli 11 ai 18 anni (identificata con le lettere “m-s”); fa eccezione la scala per l’ansia che presenta invece tre distinte versioni: 8-10 anni (“e”), 11-13 anni (“m”) e 14-18 anni (“s”). Le scale La batteria comprende in totale sei scale, che possono essere utilizzate anche singolarmente: Scala per la valutazione dell’ansia (SAFA-A): rileva l’ansia generalizzata; sociale; da separazio- ne e ansia relativa alla scuola. Scala per la valutazione della depressione (SAFA-D): misura l’umore depresso; l’anedonia, il disinteresse; l’umore irritabile; il senso di ina- deguatezza; la bassa autostima; l’insicurezza; il senso di colpa; la disperazione. Scala per la valutazione dei sintomi ossessi- vi-compulsivi (SAFA-O): rileva i pensieri ossessivi; le compulsioni/rituali; la rupofobia/contamina- zione; l’ordine/controllo e il dubbio/indecisione. Scala per i disturbi alimentari psicogeni (SAFA-P): valuta le condotte bulimiche; le con- dotte anoressiche; l’accettazione/valutazione del proprio corpo; la paura della maturità; il per- fezionismo; l’inadeguatezza. Scala per i sintomi somatici e ipocondria (SAFA-S): esplora sintomi relativi all’astenia; al- l’apparato respiratorio; al sonno; alla capacità di concentrazione/memoria. Scala per le fobie (SAFA-F): rileva e valuta 24 tipi diversi di paura. DATA DI PUBBLICAZIONE 2001 DESTINATARI Dagli 8 ai 18 anni SOMMINISTRAZIONE Tra i 30 e i 60 minuti Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM SAFA-A/e: 42 SAFA-A/m: 50 SAFA-A/s: 50 SAFA-D/e: 48 SAFA-D/m-s: 56 SAFA-O/e: 20 SAFA-O/m-s: 38 SAFA-P/e: 20 SAFA-P/m-s: 30 SAFA-S/e: 20 SAFA-S/m-s: 25 CAMPIONE ITALIANO 442 soggetti normali dagli 8 ai 10 anni; 265 dagli 11 ai 13 anni; 188 dai 14 ai 18 anni. Il numero dei patologici varia da scala a scala (1997-99) QUALIFICA RICHIESTA C FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali MATERIALE 92231-S 1 Kit SAFA (manuale + prototipi dei questionari fotocopiabili + prototipi dei fogli di profilo fotocopiabili + griglie di correzione) € 267,00* *IVA assolta dall’Editore
  • SALUTEMENTALE 9911 R. Dean Coddington CLES CODDINGTON LIFE EVENTS SCALES Un pratico strumento per la misurazione degli eventi stressanti nei bambini e negli adolescenti DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Carla Sogos, Stefania Di Biasi e Francesca Piperno DESTINATARI Bambini (età prescolare e scolare) e adolescenti SOMMINISTRAZIONE 10-15 minuti Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM CLES-PS: 25 CLES-C: 35 CLES-A: 50 CAMPIONE ITALIANO 1609 soggetti, tra bambini, adolescenti e genitori (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B2 STRUTTURA Esistono tre versioni delle CLES, specifiche per differenti fasce di età: CLES-PS: composta da 25 item che valutano le esperienze di vita di bambini in età prescola- re (dai 3 ai 6 anni); CLES-C: composta da 35 item che valutano le esperienze di vita di bambini in età compresa tra i 7 e i 12 anni; CLES-A: composta da 50 item che valutano le esperienze di vita di bambini/adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Life Change Unit Ciascun item consiste di un evento che il soggetto può avere sperimentato nell’anno appena trascorso. Inoltre le CLES sono state costruite in modo che possano essere aggiunti e valutati per il loro impatto item non presenti nel questionario. Gli eventi vissuti determinano differenti somme di punteggi. Le scale mettono in evi- denza, attraverso una presentazione visiva, le unità di cambiamento di vita (Life Change Unit – LCU) che il soggetto ha vissuto. Più alto è il punteggio LCU, più grande è il numero degli eventi significativi che sono accaduti. Il totale può essere calcolato rispetto a quattro periodi di 3 mesi ciascuno e i risultati vengono stabiliti tra- mite il calcolo del punteggio di 3, 6, 9 e 12 mesi. La maggior parte degli adolescenti e dei bambini è in grado di completare le scale CLES in meno di 15 minuti; la somministrazione non è consigliata per bambini troppo piccoli o con difficoltà di lettura. UTILIZZO Le CLES permettono di valutare come eventi specifici hanno inciso sulla sviluppo personolo- gico del bambino e sulla sua abilità adattive. Ottenere questo tipo d’informazione all’inizio del trattamento, aiuta il professionista a focaliz- zarsi sulle aree che richiedono ulteriore indagi- ne. Le CLES sono quindi un ottimo strumento di screening in differenti contesti: scuole, servizi ambulatoriali o di degenza, servizi di protezione dell’infanzia, riformatori e servizi privati. MATERIALE 94080-S 1 Starter kit € 115,00* 94031-R 25 Questionari autoscoring CLES-PS » 73,75 94032-S 25 Questionari autoscoring CLES-C » 73,75 94033-T 25 Questionari autoscoring CLES-A » 73,75 94034-U 1 Manuale di istruzioni » 33,60* *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 quest. CLES-PS + 10 quest. CLES-C + 10 quest. CLES-A Da tempo si ritiene che sperimentare eventi traumatici sia associato all’eziologia di malattie. I traumi psicologici sono più difficili da valutare rispetto ai traumi fisici, dato che i segni dei primi possono non essere manifesti. Essi vengo- no definiti come eventi che richiedono un rias- sestamento da parte dell’individuo e sono qua- lificati come Life Change Unit (LCU). Questi eventi possono essere sia positivi che negativi e possono differenziarsi tra i vari individui. Le Coddington Life Events Scales (CLES) sono uno strumento self-report che permette di valuta- re una gamma di cambiamenti di vita, sperimen- tati da bambini e adolescenti, che possono essere fonte di stress e richiedere un riadattamento. Con l’utilizzo delle CLES, il professionista è in grado di determinare quali eventi l’intervistato ha vissuto e in che maniera questi eventi possa- no contribuire sia a una malattia psicologica che a quella fisica. CARATTERISTICHE CHIAVE Quantifica l’impatto e la gravità dei cam- biamenti di vita. Protocolli specifici per bambini in età pre- scolare, scolare e adolescenti. Tempi brevi di somministrazione e codifica. Trasformazione dei punteggi naturali in pun- teggi Life Change Unit (LCU).
  • SALUTEMENTALE 9922 Frank W. Weathers e National Center for PTSD CAPS CLINICIAN-ADMINISTERED PTSD SCALE Il “gold standard” diagnostico per il disturbo post-traumatico da stress La Clinician-Administered PTSD Scale (CAPS) è un’intervista strutturata per valutare il disturbo post-traumatico da stress sviluppata dal National Center for PTSD, dello US Department of Veterans Affairs. Gli item corrispondono perfettamente ai cri- teri diagnostici del DSM-IV e le valutazioni sull’in- tensità del sintomo del PTSD sono basate su con- siderazioni di durata, di malessere soggettivo e di menomazione funzionale, che sono le dimensio- ni maggiormente accettate per la definizione di questo disturbo. La somministrazione prevede la possibilità di riferirsi a diversi periodi temporali di riferimento, includendo il mese peggiore dal trauma (misurazione lifetime) e il mese passato (misurazione mese passato). Le domande iniziali si focalizzano sulla caratteristica essenziale di ogni sintomo del PTSD e le domande successive aiuta- no a chiarire le risposte ambigue. Le risposte agli item finali dell’intervista possono anche essere usate per valutare la presenza di un grave Disturbo Acuto da Stress. CARATTERISTICHE CHIAVE Perfetta corrispondenza degli item ai crite- ri diagnostici del DSM-IV. Facilità d’uso. Misura del disturbo post-traumatico da stress sia attuale che lifetime. Ampio spettro di utilizzo: clinico, terapeuti- co e diagnostico. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Angelo Gianfranco Bedin, Cristina Castelli e Fabio Sbattella DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. COMPOSIZIONE Intervista a 30 item + checklist a 17 CAMPIONE ITALIANO 260 adulti 19-86 anni (96 uomini, 128 donne) (2010-2011) QUALIFICA RICHIESTA B2 NNOOVVIITTÀÀ STRUTTURA Il protocollo per l’intervista della CAPS è com- posto da 30 item. 17 valutano i sintomi principa- li (raggruppati in cluster di sintomi riguardanti Esperienze rivissute, Evitamento e ottundimento e Iperarousal); 5 i sintomi associati, come traumi correlati a colpa e dissociazione; 5 l’insorgenza, la durata, il malessere soggettivo e la compromissio- ne funzionale; 3 la validità globale della risposta, la gravità e il miglioramento del sintomo. In aggiunta la CAPS include un protocollo per la valutazione del PTSD Criterio diagnostico A nel DSM-IV. All’inizio dell’intervista il paziente compi- la una Checklist degli eventi stressanti di 17 item per meglio identificare gli eventi traumatici prin- cipali che hanno causato il disturbo post-trauma- tico da stress. Punteggi La CAPS fornisce differenti punteggi: punteg- gi continui sulla gravità per i sintomi individuali del PTSD, risultati ai cluster di sintomi (Rievocazione, Evitamento e ottundimento, Iperarousal) e una valutazione di sindrome com- pleta PTSD. Può quindi essere utilizzata in modi differenti: la conduzione dell’intervista con riferi- mento al mese precedente a quello della sommi- nistrazione permette la misurazione del disturbo post-traumatico da stress attuale, ma è possibile inoltre ottenere anche una misurazione del disturbo post-traumatico da stress lifetime sem- plicemente utilizzando un altro periodo tempora- le di riferimento. UTILIZZO Gli ambiti di applicazione sono quindi nume- rosi: clinico, diagnostico, trattamento terapeuti- co, giuridico, delle assicurazioni, della prevenzio- ne dei maltrattamenti, nelle adozioni, nell’ambi- to militare, nei soggetti che sono stati esposti a eventi traumatici naturali o procurati dall’uomo. manuale + guida + 10 protocolli intervista MATERIALE 94002-L 1 Starter kit € 117,00* 94004-N 10 Protocolli per l’intervista » 64,00 94003-M 1 Guida dell’intervistatore » 29,00* 94005-P 1 Manuale di istruzioni » 36,00* *IVA assolta dall’Editore In collaborazione con Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus
  • PSICOLOGIA GIURIDICA
  • PSICOLOGIAGIURIDICA 9944 manuale + libretto + 25 guide + 25 moduli Robert D. Hare PCL-R HARE PSYCHOPATHY CHECKLIST – REVISED: 2ND EDITION Lo strumento più utilizzato e universalmente riconosciuto per la valutazione della psicopatia Definita da tratti antisociali, interpersonali, di stile di vita e affettivi, la psicopatia è uno dei disturbi di personalità più distruttivi. La Hare Psychopathy Checklist – Revised: 2nd Edition (PCL-R) permette di aumentare enormemente la nostra comprensione della natura e della manifestazione della psicopatia in un ampio spettro di situazioni, quali lavoro, famiglia, scuola, salute, rapporto con la giustizia, ecc. Il processo di valutazione si articola in tre fasi: 1) somministrazione di un’intervista semistruttu- rata, per indagare la storia del soggetto da adolescente e da adulto, ricavare esempi rap- presentativi del suo stile di interazione e otte- nere informazioni da confrontare con la docu- mentazione in possesso del clinico; 2) procedura di file review, cioè revisione della documentazione personale per l’acquisizione delle informazioni collaterali all’intervista, per riscontrarne la credibilità nei contenuti e nello stile di interazione del soggetto, e ricavare i dati principali per attribuire un punteggio ad alcuni item; 3) l’attribuzione del punteggio agli item in base ai dati raccolti dall’intervista e dalla file review. Fondamentale per un corretto utilizzo del test sono la disponibilità di informazioni sufficiente- mente solide per attribuire il punteggio agli item e l’esame accurato di eventuali differenze cultu- rali o di altro tipo attraverso cui le caratteristiche misurate con la PCL-R potrebbero esprimersi. CARATTERISTICHE CHIAVE Più fonti di informazione concorrenti all’at- tribuzione del punteggio DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Vincenzo Caretti, Giorgio Stefano Manzi, Adriano Schimmenti e Laura Seragusa DESTINATARI Adulti Soggetti carcerati (offender) SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE 20 item CAMPIONE ITALIANO 139 soggetti (116 uomini e 23 donne), di cui 104 in strutture carcerarie e 35 in ospedale psichiatrico giudiziario (2009-11) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 94315-U 1 Starter kit € 295,00* 94319-Y 25 Guide all’intervista » 117,50 94321-A 25 Moduli autoscoring » 95,00 94316-V 1 Libretto istruzioni per l’attribuzione dei punteggi » 34,00* 94322-B 1 Manuale di istruzioni » 82,00* *IVA assolta dall’Editore NNOOVVIITTÀÀ Valutazione dei comportamenti psicopatici sulla base dell’intero arco di vita del soggetto. STRUTTURA La PCL-R è composta da 20 item ai quali deve essere attribuito un punteggio (0, 1, 2) dopo la file review e l’intervista. Gli item si suddividono in 4 componenti che convergono in 2 fattori: Fattore 1. Interpersonale/Affettivo: descrive i tratti interpersonali e affettivi riguardanti l’intera- zione sociale, indagando l’uso egoistico, insensi- bile e senza rimorso degli altri. Si articola nelle componenti Interpersonale (Componente 1) e Affettiva (Componente 2). Fattore 2. Devianza sociale: indaga lo stile di vita instabile e antisociale, principalmente riguar- do agli aspetti di impulsività, irresponsabilità, mancanza di scrupoli, e misura gli aspetti legati al comportamento criminale. Si articola nelle com- ponenti Stile di vita (Componente 3) e Antisociale (Componente 4). UTILIZZO La PCL-R fornisce una valutazione affidabile del costrutto di psicopatia in un’ampia gamma di contesti, per scopi clinici e di ricerca, ma la sua applicazione elettiva è nella valutazione della psicopatia in criminali e in pazienti psichiatrici forensi. Lo strumento si rivolge a psicologi e psichia- tri, ma si indirizza, almeno nelle linee teoriche principali e nei risultati, anche a tutti i professio- nisti operanti in ambito giudiziario, penitenziario e forense, che si trovano a valutare, confrontare e proporre perizie psichiatriche nell’ambito di pro- cedimenti penali.
  • PSICOLOGIAGIURIDICA 9955 Michelle R. Widows e Glenn P. Smith SIMS STRUCTURED INVENTORY OF MALINGERED SYMPTOMATOLOGY Per l’individuazione della simulazione di disturbi psichici DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Sarah La Marca, Davide Rigoni, Giuseppe Sartori e Corrado Lo Priore DESTINATARI 18-66 anni SOMMINISTRAZIONE 10-15’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 75 CAMPIONE ITALIANO 205 studenti universitari (2010) QUALIFICA RICHIESTA C ri, non tipicamente presenti nei pazienti psichia- trici; Danno neurologico (NI), che valuta il grado con cui il soggetto riporta sintomi neuro- logici illogici o decisamente atipici; Disturbi amnesici (AM), che valuta il grado con cui il soggetto riferisce disturbi di memoria inconsistenti con il pattern di danno o disfun- zione cerebrale riscontrati; Bassa intelligenza (LI), che valuta il grado con cui il soggetto inventa e/o esagera deficit intellettivi attraverso prestazioni deficitarie in item di semplice conoscenza generale; Disturbi affettivi (AF), che valuta il grado con cui il soggetto presenta sintomi atipici di depressione e ansia. Il test fornisce inoltre un punteggio totale per la probabile simulazione di disturbi psichici. UTILIZZO Il SIMS può essere efficacemente utilizzato in vari contesti: in ambito forense per individuare la simula- zione diretta a ottenere vantaggi, ad esempio un risarcimento di tipo economico o una ridu- zione della pena in un procedimento penale; in ambito clinico, per individuare tendenze alla esagerazione o alla fabbricazione di disturbi fittizi, dirette a ottenere vantaggi in termini di maggiori attenzione e cure, o alla pretestazione delle difficoltà personali o sistemiche a cause psichiatriche differenti e irrealistiche; in ambito neuropsicologico per individuare la simulazione tesa a rappresentare capacità intellettive inferiori a quelle effettive. Lo strumento inoltre può essere sommini- strato a pazienti ospedalizzati, pazienti dimessi, reclusi in ospedali psichiatrici giudiziari. MATERIALE 94222-T 1 Starter kit € 108,00* 94223-U 25 Questionari autoscoring » 94,50 94224-V 1 Manuale di istruzioni » 32,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 25 questio- nari Il SIMS è un questionario self-report multias- siale per l’identificazione della simulazione di disturbi psichici (malingering) in vari contesti, sia clinici che forensi. Oltre a servire come misura di screening, il SIMS può essere utilizzato come parte di una batteria di test al fine di ottenere dati convergenti di simulazione di una malattia o di fabbricazione di sintomatologia neuropsi- chiatrica. Il SIMS è stato sviluppato per essere somministrato a persone con più di 18 anni ed è stato validato con campioni di tipo clinico- forense, psichiatrico e non clinico. CARATTERISTICHE CHIAVE Brevità di somministrazione. Questionario autoscoring facile da usare. Molteplici possibilità di impiego. Valore insostituibile nelle valutazioni perita- li e in tutti i setting in cui sia discutibile la genui- na collaborazione del soggetto. STRUTTURA Il questionario è formato da 75 item, con risposta “Vero/Falso” e si articola in cinque scale, ciascuna di 15 item: Psicosi (P), che valuta il grado con cui il sog- getto riporta sintomi psicotici inusuali o bizzar- NNOOVVIITTÀÀ
  • PSICOLOGIAGIURIDICA 9966 MATERIALE 94294-W 1 Libretto JSAT intervista con modulo fotocopiabile € 54,00* 94295-X 1 Libretto SAMI con modulo intervista fotocopiabile » 50,00* 94353-L 1 Kit 1 JSAT + 1 SAMI » 94,00* *IVA assolta dall’Editore DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA JSAT: Silvio Ciappi SAMI: Krzysztof Szadejko e Silvio Ciappi DESTINATARI Detenuti e soggetti in restrizione di libertà, ospiti di comunità terapeutiche, adulti e minorenni SOMMINISTRAZIONE JSAT: 15’-20’ ca. Individuale SAMI: 20’-40’ ca. Individuale QUALIFICA RICHIESTA B1 Utilizzo Il JSAT offre un criterio standardizzato di inter- vista che ben si presta a essere applicato non solo nel settore penitenziario ma anche in quello forense più esteso: ad esempio, come strumento di intervista preliminare nelle consulenze psi- chiatrico-forensi (per valutare la imputabilità o la pericolosità sociale del soggetto) e per fare un’anamnesi dettagliata, anche in ambito mino- rile, da parte degli operatori del servizio sociale. SAMI – Suicide Assessment Manual for Inmates Scopo del SAMI è di fornire un quadro delle variabili rilevanti che dovrebbero essere valutate per ogni singolo ingresso in un centro di struttu- ra penitenziaria, giudiziaria o comunitaria, per determinare il rischio di suicidio individuale entro le 24 ore. Caratteristiche chiave Facilita la valutazione del rischio di suici- dio durante il colloquio. Rileva fattori di rischio del suicidio. Approccio multidimensionale centrato sulla personalità nell’interazione con i fattori ambientali. Struttura e utilizzo Il SAMI è una lista di controllo clinico dei fat- tori di rischio per i tentativi di suicidio nelle isti- tuzioni carcerarie, composta da 20 item, ognu- no dei quali valutato su una scala a 3 punti (0- 1-2). Per la registrazione dei risultati viene utiliz- zato un modulo di valutazione. Il libretto, di 58 pagine, riporta un campione fotocopiabile del modulo, immediatamente utilizzabile. Il SAMI è destinato sia all’ambito forense sia al contesto clinico. È di estrema utilità non solo in ambito penitenziario, ma anche in comunità residenziali, negli istituti e comunità per mino- renni e più generalmente in ambito forense. JSAT – Jail Screening Assessment Tool Il JSAT è uno strumento standardizzato di prima valutazione del soggetto in ambito peni- tenziario che può essere somministrato non solo per uno screening del detenuto al momento del- l’ingresso, ma anche per costruire un percorso trattamentale della persona durante tutta la car- cerazione, al fine della rilevazione periodica dei suoi bisogni e del suo stato mentale. Caratteristiche chiave Facilita la valutazione del rischio di distur- bo mentale durante il colloquio. Approccio multidimensionale: interazione personalità-fattori ambientali. Possibilità di re-test. Struttura L’intervista verte sui punti seguenti: informa- zioni sociodemografiche; situazione giuridica; comportamenti violenti; background sociale; uso di sostanze; trattamenti psichiatrici; rischio suicidario/autolesionismo; condizioni mentali; gestione del rischio. Le domande sono strutturate in modo tale da assicurare: il massimo dettaglio e la cooperazione; l’efficienza, così da valutare velocemente anche quei soggetti che non hanno bisogno di ulteriori approfondimenti diagnostici; la validità e l’affida- bilità (le domande da generali divengono sempre più specifiche); la gestione del rischio, con le indi- cazioni pratiche di gestione del caso (collocazione del soggetto, tipologia di trattamento individua- lizzato). Il libretto, di 80 pagine, riporta un cam- pione fotocopiabile del foglio di codifica, imme- diatamente utilizzabile. NNOOVVIITTÀÀ In collaborazione con il Mental Health, Law & Policy Institute (MHLPI), della Simon Fraser University, Canada FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Tonia L. Nicholls, Ronald Roesch, Maureen C. Olley, James R.P. Ogloff e James F. Hemphill (JSAT) Patricia A. Zapf (SAMI) JSAT e SAMI INTERVISTE STRUTTURATE IN PSICOLOGIA GIURIDICA Da uno dei centri di eccellenza internazionale
  • ABILITÀ SOCIALI E RELAZIONI
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 9988 Lo strumento ha lo scopo di monitorare lo sviluppo psicosociale del bambino. Il disporre di una versione per l’autovalutazione ed una per l’eterovalutazione (insegnanti, genitori, ecc.), permette di contestualizzare le informazioni e di avvalersi di più indicatori obiettivi. STRUTTURA Il reattivo è formato da 3 scale, per ognuna delle quali sono state sviluppate le due versioni: Instabilità Emotiva (13 item che misurano la ten- denza a sperimentare stati di disagio, inappro- priatezza, vulnerabilità); Aggressività (15 item che misurano la tendenza a compiere atti aggressivi di natura fisica e verbale); Comportamento Prosociale (13 item per valutare la propensione a manifestare comportamenti di aiuto, a promuovere iniziative rivolte ad altri e a condividere oggetti ed esperienze). DATA DI PUBBLICAZIONE 1992 DESTINATARI Bambini dai 7 agli 11 anni SOMMINISTRAZIONE 15’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 41 per ciascuna versione CAMPIONE 521 bambini dai 7 ai 10 anni e loro insegnanti (1991) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 91346-Y 50 Questionari autovalutazione CP € 82,50 91347-Z 50 Questionari eterovalutazione CP » 82,50 91348-A 50 Questionari autovalutazione IE » 82,50 91349-B 50 Questionari eterovalutazione IE » 82,50 91350-G 50 Questionari autovalutazione AFV » 82,50 91351-V 50 Questionari eterovalutazione AFV » 82,50 91352-W 50 Fogli di notazione autovalutazione » 82,50 91353-X 50 Fogli di notazione eterovalutazione » 82,50 91342-U 1 Manuale di istruzioni » 20,50* *IVA assolta dall’Editore Gian Vittorio Caprara, Concetta Pastorelli, Claudio Barbaranelli e Roberta Vallone INDICATORI DELLA CAPACITÀ DI ADATTAMENTO SOCIALE IN ETÀ EVOLUTIVA Un test italiano per valutare il livello di adattamento/disadattamento nei bambini L’FRT fornisce un quadro integrato dei senti- menti che il paziente e gli altri membri della fa- miglia richiedono e nutrono l’uno verso l’altro. È quindi uno strumento di notevole aiuto per chi, lavorando nel counseling familiare, vede i problemi del paziente come parte importante delle dinamiche familiari. STRUTTURA Il materiale del test consiste di 20 figure di cartone che rappresentano i componenti di una famiglia qualunque. Ciascuna figura ha per base una scatola con un’apertura nella parte superio- DATA DI PUBBLICAZIONE 1991 VERSIONE ITALIANA Annamaria S. De Rosa DESTINATARI Bambini, adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. per ciascuna versione - Individuale NUMERO DI ITEM Figli: 40 per la versione bambini 86 per la versione adolescenti Coppie: 78 item Famiglia d’origine: 96 item CAMPIONE 26 coppie con figlio psichiatrico e 34 coppie controllo (1990) 27 bambini con disturbi emotivi e 95 bambini controllo (1990) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 91411-A 1 Kit FRT € 600,00 91412-B 25 Moduli tabulazione risposte e registrazione risultati (Bambini) » 56,25 91413-C 25 Moduli tabulazione risposte (Adolescenti) » 56,25 91414-D 25 Moduli tabulazione risposte (Coppie) » 56,25 91415-E 25 Moduli tabulazione risposte (Individui adulti e Coppie) 56,25 91416-F 25 Moduli registrazione risultati (Adolescenti) » 56,25 91417-G 25 Moduli registrazione risultati (Coppie) » 56,25 91418-R 25 Moduli registrazione risultati (Individui adulti e Coppie) » 56,25 91419-J 1 Manuale integrato per le quattro versioni » 68,00* *IVA assolta dall’Editore Eva Bene e James Anthony FRT FAMILY RELATIONS TEST Uno degli strumenti più completi per lo studio delle relazioni familiari materiale per la prova + 10 copie per ogni modulo + manuale re, nella quale vanno inseriti gli item che meglio vi si adattano, stampati su singoli cartoncini. Il test è strutturato in: Versione per i figli: per l’indagine dell’intensità dei sentimenti del bambino verso i vari membri della sua famiglia e la sua valutazione dei loro sen- timenti reciproci verso di lui. È articolata in una forma per bambini (40 item) ed una per adole- scenti (86 item); Versione per le coppie: (78 item). Versione per individui adulti e coppie rispetto alla famiglia di origine: (96 item) facilita il ricor- do dei sentimenti per la famiglia d’origine e ottie- ne questi ricordi in una forma quantificabile.
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 9999 manuale + 15 questiona- ri + 15 protocolli per il conteggio, sul quale vanno registrate le in- formazioni subito dopo l’intervista, e dal ma- nuale, che contiene le linee guida per la sommi- nistrazione e l’attribuzione dei punteggi. Il comportamento adattivo è misurato se- condo quattro scale, a loro volta suddivise in undici subscale. Ogni subscala è a sua volta sud- divisa in cluster (da 2 a 8 item) elencati in ordi- ne evolutivo e ogni cluster è ordinato in base ad un item target. Agli item può essere attribuito un punteggio volto ad indicare se l’individuo pratica l’attività “abitualmente”, “qualche volta” o “mai”; sono contemplate anche le risposte “assenza di opportunità” o “non so”. La Forma completa indica pertanto i punti di forza e di debolezza del soggetto in specifiche aree del comportamento adattivo, permettendo allo psicologo o all’educatore di selezionare il programma più adatto al soggetto, esplicitare le attività da enfatizzare nel programma, monito- rarne i progressi durante la sua applicazione e valutarne l’esito finale. Le scale e le subscale Comunicazione Ricezione: ciò che il soggetto comprende; Espressione: ciò che il soggetto dice; Scrittura: ciò che il soggetto legge e scrive. Abilità quotidiane Personale: come il soggetto mangia, si veste e cura l’igiene personale; Domestico: quali lavori domestici il soggetto compie; Comunità: come il soggetto usa tempo, denaro, telefono e proprie capacità lavorative. Socializzazione Relazioni interpersonali: come il soggetto intera- gisce con gli altri; Gioco e tempo libero: come il soggetto gioca e impiega il tempo libero; Regole sociali: come il soggetto manifesta senso di responsabilità e sensibilità verso gli altri. Abilità motorie Grossolane: come il soggetto usa braccia e gam- be per il movimento e la coordinazione; Fini: come il soggetto usa mani e dita per mani- polare oggetti. Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano l’autonomia personale e la responsabilità sociale degli individui dalla nascita fino all’età adulta. Esse sono applicabili sia a normodotati sia a sog- getti con disabilità cognitiva e permettono la programmazione di interventi individuali educa- tivi o riabilitativi. Le scale non richiedono la diret- ta somministrazione delle prove al soggetto in esame, ma la compilazione dei materiali da parte dell’intervistatore e di una persona che conosca in modo approfondito il soggetto da valutare. L’edizione italiana riguarda la versione Inter- vista – Forma completa. STRUTTURA La Forma completa consta di 540 item, 261 dei quali tratti dalla Forma breve (non pubblica- ta in italiano), e si somministra tramite un’inter- vista semistrutturata da parte di un intervistato- re addestrato a un genitore o all’operatore che si occupi del soggetto. Il materiale utilizzato per condurre l’intervi- sta è composto dal questionario, dal protocollo DATA DI PUBBLICAZIONE 2003 EDIZIONE ITALIANA Giulia Balboni e Luigi Pedrabissi DESTINATARI Pazienti affetti da disabilità cognitiva dai 6 ai 60 anni SOMMINISTRAZIONE Dai 60 ai 90 minuti NUMERO DI ITEM 540 CAMPIONE ITALIANO 1127 soggetti con disabilità cognitiva dai 6 ai 60 anni, residentiinistitutioinfamiglia QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93318-C 1 Starter kit € 190,00* 93319-D 25 Questionari » 121,25 93320-E 25 Protocolli per il conteggio » 61,25 93321-F 1 Manuale di istruzioni » 60,00* *IVA assolta dall’Editore Sara S. Sparrow, David A. Balla e Domenic V. Cicchetti VINELAND ADAPTIVE BEHAVIOR SCALES INTERVISTA – FORMA COMPLETA Lo standard per la valutazione delle abilità sociali nella vita di ogni giorno best seller formazione
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110000 NNOOVVIITTÀÀ La famiglia è l’ambiente privilegiato in cui il bambino cresce e apprende tutti gli aspetti della vita, perciò il ruolo dei genitori e le loro moda- lità di accudimento dei figli (parenting) hanno un peso determinante nello sviluppo infantile e sui fattori che lo influenzano. Il Parents Preference Test, il primo test grafico a scelta multipla che utilizza le immagini per rappresentare scene di vita familiare, identifica e misura quattro variabili fondamentali per la defi- nizione del parenting: la focalizzazione dell’at- tenzione, la modalità esperienziale, la regolazio- ne del comportamento e il livello di energia. Tali dimensioni non sono organizzate secondo un gradiente positivo-negativo. Un genitore com- petente è in grado di potersi muovere in modo flessibile su entrambi i poli di ognuna di queste variabili a seconda del contesto, degli stati d’a- nimo e dei bisogni propri e del figlio. CARATTERISTICHE CHIAVE Primo test grafico che rappresenta situazio- ni tipiche di vita familiare. Modalità di somministrazione e di approccio al test che favoriscono il colloquio. Validazione su campione diversificato: famiglie tradizionali, monogenitoriali, in terapia psicologica e con figli con disturbo del linguag- gio/apprendimento STRUTTURA Il PPT consiste di una serie di tavole; in cia- scuna è rappresentata una scena per la quale il genitore (la somministrazione è al singolo geni- tore) deve fornire, scegliendo da quattro imma- gini proposte, quale comportamento egli o ella adotterebbe in quella situazione. Il test permette la valutazione della genitorialità su 4 dimensioni: Focalizzazione attentiva (8 item): descrive le modalità con le quali il genitore presta attenzio- ne al bambino e ai suoi bisogni durante l’intera- zione, se è prevalentemente concentrato sulle proprie attività o su quelle del figlio. Modalità esperienziale (8 item): indaga se il genitore si focalizza maggiormente sugli aspetti emotivi (orientamento emotivo) o razionali (orientamento razionale) della relazione. Regolazione del comportamento (8 item): DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 VERSIONE ITALIANA Roberto Baiocco, Fiorenzo Laghi e Maria D’Alessio DESTINATARI Genitori e futuri genitori con figli di età 1-11 anni SOMMINISTRAZIONE 30’-45’ NUMERO DI ITEM 24 item CAMPIONE ITALIANO 525 soggetti (376 donne e 145 uomini) di età 20-42 anni (2009-2011) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94237-K 1 Kit PPT € 263,00* 94238-L 25 Protocolli di registrazione » 57,50 94240-N 1 Manuale di istruzioni » 33,60* PSY4 93941-X 1 Chiavetta USB PSY41 » 29,00 94348-E 1 Software per 25 elaborazioni » 137,50 94349-F 1 Software per 50 elaborazioni » 247,50 94350-G 1 Software per 100 elaborazioni » 484,00 *IVA assolta dall’Editore materiale somministra- zione + 15 protocolli + manuale + software per 15 elaborazioni + chiavetta USB PSY4 misura la gestione del comportamento del figlio, se si basa sulle caratteristiche della situa- zione e del contesto o se è influenzata da norme di comportamento acquisite in precedenza. Energia. Questa dimensione determina un profilo attivo o passivo per le altre dimensioni, misurando quanto il genitore prenda l’iniziativa e sia ricettivo nell’interazione con il bambino. Il software Il software è indispensabile per effettuare lo scoring e restituisce un report con, oltre ai pun- teggi per le singole scale, un profilo complessivo, interpretativo dello stile di parenting del genitore. UTILIZZO Il PPT può essere somministrato a genitori naturali, a coppie affidatarie o in via di adozione e a tutti coloro che si prendono cura di un bambino, nell’ambito di interventi che mirano tanto alla pro- mozione del benessere della famiglia quanto al recupero degli aspetti disfunzionali e alla risoluzio- ne dei conflitti familiari. Finn Westh PPT PARENTS PREFERENCE TEST Il primo test grafico per la valutazione della genitorialità scoring rapporto interpretativo 1 Da acquistare una volta sola, al primo ordine in assoluto di un articolo PSY4, a prescin- dere dal test (l’acquisto di altri test o di “ricariche” di test già acquistati ed installati non richiede l’acquisto di una nuova chiavetta). La chiavetta USB PSY4 è anche contenuta nello starter kit del test, ove indicato.
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110011 MATERIALE 20248-D 1 Kit ADOS € 3293,00 93455-B 25 Protocolli/codifica Modulo 1 » 122,50 93456-C 25 Protocolli/codifica Modulo 2 » 122,50 93457-D 25 Protocolli/codifica Modulo 3 » 122,50 93458-E 25 Protocolli/codifica Modulo 4 » 122,50 93454-A 1 Manuale d’istruzioni » 68,50* *IVA assolta dall’Editore Modulo 3: per bambini con fluidità di lin- guaggio; Modulo 4: per adolescenti e adulti che parla- no fluentemente. L’unico gruppo di autistici cui l’ADOS non si rivolge è quello degli adolescenti e adulti non verbali. I Moduli 1 e 2 richiedono al bambino di muoversi per la stanza; il 3 e il 4, che implicano ambedue la conversazione, possono essere somministrati stando seduti a un tavolo. Le atti- vità stimolate da ogni modulo, nell’arco di tempo indicato, permettono al soggetto di manifestare quei comportamenti che sono rile- vanti ai fini di una diagnosi di autismo o PDD. I punteggi L’ADOS fornisce punteggi cut-off sia per le diagnosi di screening dello spettro PDD/autismo atipico/autismo, che dell’autismo inteso nel senso più stretto e tradizionale. Grazie a mate- riali standard e scalari, l’ADOS dà una misura dello spettro di disturbi riconducibili all’autismo, non dipendente dal linguaggio. Permette inoltre diagnosi sui criteri del DSM-IV e dell’ICD-10. L’EDIZIONE ITALIANA L’edizione italiana ha riguardato oltre la tra- duzione (approvata dagli Autori) del manuale e dei protocolli di codifica, l’allestimento degli oggetti che nell’edizione USA sono in lingua inglese o presentano bias linguistico-culturali. La traduzione dei protocolli di codifica è stata sottoposta a back-translation e a revisione da parte degli Autori della versione originale. Questo assessment semistrutturato può essere utilizzato per valutare quasi tutti i soggetti con sospetto di sindrome autistica, dai bambini che non parlano agli adulti senza disturbi nella verba- lizzazione. L’ADOS consiste di varie attività che permettono all’esaminatore di osservare i com- portamenti sociali e comunicativi ai fini della dia- gnosi di disturbo pervasivo dello sviluppo (PDD). STRUTTURA L’ADOS è articolata in 4 moduli, per la som- ministrazione di ciascuno dei quali si richiede 35-40 minuti. Un soggetto viene valutato attra- verso un determinato modulo soltanto, in funzio- ne del livello di comunicazione verbale e dell’età: Modulo 1: per bambini che non possiedono una fraseologia coerente; Modulo 2: per bambini in possesso di fraseo- logia, ma che non parlano fluentemente; DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 VERSIONE ITALIANA Raffaella Tancredi, Monica Saccani, Antonio M. Persico, Barbara Parrini, Roberta Igliozzi e Raffaella Faggioli DESTINATARI Soggetti con sospetto di autismo SOMMINISTRAZIONE 35’-40’ per modulo Individuale COMPOSIZIONE Quattro moduli CAMPIONE 233 soggetti (suddivisi per modulo e posizione nello spettro della sindrome di autismo) (USA: 1995-1997) QUALIFICA RICHIESTA B2 materiali completi per il test + manuale + 40 pro- tocolli di osservazione/ codifica: 10 per ogni modulo) Strumenti correlati ADI-R p. 102 SCQ p. 103 Catherine Lord, Michael Rutter, Pamela C. DiLavore e Susan Risi ADOS AUTISM DIAGNOSTIC OBSERVATION SCHEDULE Il golden standard per la diagnosi dell’autismo best seller formazione
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110022 Progettato per essere usato in combinazione con uno strumento parallelo di osservazione, l’Autism Diagnostic Observation Schedule (ADOS), l’ADI-R è un’intervista ad ampio raggio finalizza- ta ad ottenere una gamma completa di informa- zioni per la diagnosi di autismo e per valutare i disturbi dello spettro autistico (DSA). Si tratta di un modo altamente standardizzato e sistematico di utilizzare le descrizioni raccolte riguardo al comportamento di un soggetto nell’intero corso della sua vita, affinché sia possibile determinare se il suo percorso di sviluppo e le caratteristiche del suo comportamento soddisfano o meno i cri- teri della diagnosi di autismo o DSA. L’intervista è rivolta ai genitori o agli educato- ri di soggetti dalla prima infanzia all’età adulta, con un’età mentale al di sopra dei 2 anni. STRUTTURA L’ADI-R si focalizza sull’osservazione sistemati- ca e standardizzata di comportamenti che rara- mente vengono riscontrati in soggetti non clinici, e principalmente sulle tre aree del funzionamen- to che vengono indicate di importanza diagno- stica secondo i criteri dell’ICD-10 e del DSM-IV: Linguaggio e comunicazione Interazione sociale reciproca Comportamenti stereotipati e interessi ristretti. L’ADI-R è articolato in un Protocollo d’intervi- sta e cinque algoritmi, utilizzabili nelle varie età per la diagnosi o per l’intervento. L’intervista Si tratta di 93 item suddivisi in otto sezioni: 1. il Background per delineare lo sfondo fami- liare e terapeutico sul quale si muove il soggetto; 2. le Domande introduttive, per delineare un’immagine generale del suo comportamento; 3. un resoconto sul Primo sviluppo; 4. una serie di domande che riguardano l’età in cui sono state acquisite le capacità linguistiche fondamentali e l’eventuale perdita di esse. Seguono tre sezioni importanti per il rileva- mento dei DSA: 5. Funzionamento del linguaggio e della comunicazione; 6. Sviluppo sociale e gioco; 7. Interessi e comportamenti. DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 VERSIONE ITALIANA Raffaella Faggioli, Monica Saccani, Antonio M. Persico, Raffaella Tancredi, Barbara Parrini e Roberta Igliozzi DESTINATARI Genitori e caregiver di bambini e adulti con sospetto di autismo (età mentale > 2 anni) SOMMINISTRAZIONE 2 ore circa Individuale COMPOSIZIONE 93 item CAMPIONE Vari campioni clinici e di controllo per USA, Germania e UK (1994-2001) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93504-E 1 Kit ADI-R € 242,00 93505-F 10 Protocolli d’intervista » 140,00 93506-G 30 Algoritmi comportamento attuale 2.0-3.11 » 40,50 93507-N 30 Algoritmi comportamento attuale 4.0-9.11 » 40,50 93508-L 30 Algoritmi comportam. attuale 10.0 anni e oltre » 40,50 93509-M 30 Algoritmo diagnostico 2.0-3.11 » 40,50 93510-N 30 Algoritmo diagnostico 4.0 anni e oltre » 40,50 93511-P 1 Manuale » 57,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 5 protocolli + 15 algoritmi per 5 tipi 8. Comportamenti generali d’importanza cli- nica come aggressività, comportamenti autole- sivi ed eventuali tratti epilettici. Gli algoritmi Gli algoritmi ADI-R sono moduli sui quali vanno riportate e combinate sistematicamente le codifiche degli item fondamentali (fino a 42), per produrre dei risultati formali ed interpretabili. Un soggetto viene valutato attraverso un modulo soltanto, a seconda che ciò serva per la diagnosi o per l’intervento e in funzione della sua età. Se lo scopo della valutazione è quello di for- mulare una diagnosi formale che faccia riferi- mento all’intera anamnesi dello sviluppo del soggetto e consenta di arrivare ad una stima complessiva della gravità della patologia, si uti- lizzerà uno dei due algoritmi diagnostici (2.0-3.11 anni / 4.0 anni e oltre). Se invece l’o- biettivo è la pianificazione di una terapia o di un progetto educativo, occorrerà utilizzare uno dei tre algoritmi del comportamento attuale (3.11 anni in giù / 4.0-9.11 anni / 10.0 anni e oltre). Strumenti correlati ADOS p. 101 SCQ p. 103 Michael Rutter, Ann Le Couteur e Catherine Lord ADI-R AUTISM DIAGNOSTIC INTERVIEW – REVISED Un’intervista per la diagnosi differenziale dei disturbi dello spettro autistico best seller formazione
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110033 MATERIALE 93814-R 1 Starter kit € 130,00* 93815-S 25 Questionari autoscoring Versione arco di vita » 102,50 93816-T 25 Questionari autoscoring Versione ultimi tre mesi » 102,50 93817-U 1 Manuale di istruzioni » 37,50* *IVA assolta dall’Editore mento all’intera storia di sviluppo del soggetto. Fornisce un punteggio di cut-off che individua sia i soggetti con probabilità di DSA, sia chi necessita di valutazioni più approfondite con ADI-R e ADOS. Ultimi tre mesi È la versione da utilizzare per rilevare cambiamenti nel tempo di soggetti già diagnosticati come autistici. Fornisce risultati utili per la comprensione delle esperienze di vita gior- naliere e la valutazione dei progetti educativi. Il questionario va compilato da un genitore o da un caregiver e può essere utilizzato con qualsiasi soggetto di età superiore ai 4 anni, purché l’età mentale sia superiore a 2 anni. Il SCQ è un breve questionario che aiuta a valutare le capacità comunicative, sociali e rela- zionali di bambini che possono avere disturbi dello spettro autistico (DSA). CARATTERISTICHE CHIAVE Screening rapido dei DSA. Due forme: per lo screening e per la valuta- zione del trattamento. Correlazione con ADI-R e ADOS. STRUTTURA E UTILIZZO Sono previste due forme, ambedue di 40 item cui si risponde “sì” o “no”. Arco di vita. È la versione da utilizzare a scopo di screening e si compila facendo riferi- DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 VERSIONE ITALIANA Carlo Cianchetti e Giuseppina Sannio Fancello DESTINATARI Genitori/caregiver di bambini (dai 4 anni) e adulti SOMMINISTRAZIONE 10’ circa COMPOSIZIONE 40 item e 2 forme CAMPIONE 718 bambini normali; 178 soggetti clinici(2005-2006) QUALIFICA RICHIESTA B2 manuale + 10 questio- nari arco di vita + 10 questionari ultimi tre mesi Strumenti correlati ADOS p. 101 ADI-R p. 102 Michael Rutter, Anthony Bailey e Catherine Lord SCQ SOCIAL COMMUNICATION QUESTIONNAIRE Un modo rapido per lo screening dei disturbi dello spettro autistico e valutarne il trattamento La SRS è uno strumento semplice e pratico, utile sia per lo screening che per le applicazioni cliniche. CARATTERISTICHE CHIAVE Misura il grado di compromissione sociale. Distingue i disturbi dello spettro autistico da altre condizioni neuropsichiatriche. Utilizzabile anche per Asperger e disturbi non altrimenti specificati (PDD-NOS). STRUTTURA E UTILIZZO Composta da 65 item, la SRS valuta il compor- tamento sociale reciproco, la comunicazione e i comportamenti ripetitivi e stereotipati caratteristici dei disturbi dello spettro autistico, in soggetti tra i DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Alessandro Zuddas, Adriana Di Martino, Laura Delitala, Laura Anchisi, Gianluigi Melis DESTINATARI Bambini e adolescenti dai 4 ai 18 anni SOMMINISTRAZIONE 15-20’ NUMERO DI ITEM 65 CAMPIONE ITALIANO 4223 soggetti (2008-2010) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94149-P 1 Starter kit € 205,00 94151-R 25 Questionari autoscoring (genitori) » 98,75 94150-Q 25 Questionari autoscoring (insegnanti) » 98,75 94152-S 1 Manuale di istruzioni » 42,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 25 questio- nari genitori + 25 que- stionari insegnanti 4 e i 18 anni. Essa può essere compilata da un inse- gnante, un genitore o un’altra persona che abbia familiarità con il suo comportamento attuale e la sua storia di sviluppo. Un punteggio totale dà la misura della gravità del deficit sociale e permette confronti fra setting e valutatori differenti. Sono inoltre presentate cinque sottoscale utili nel realiz- zare e valutare programmi di trattamento: Consa- pevolezza sociale, Cognizione sociale, Comunicazione sociale, Motivazione sociale, Manierismi autistici. La SRS misura la compromissione su una scala quantitativa sufficientemente ampia, in modo da rilevare anche i livelli moderati di deficit. Questo la rende sensibile e affidabile nella valutazione dei PDD-NOS, dell’Asperger e degli alto-funzionanti. John N. Constantino SRS SOCIAL RESPONSIVENESS SCALE Per misurare il grado di compromissione sociale associata a disturbi dello spettro autistico
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110044 MATERIALE 94189-G 1 Kit TTAP € 1485,00 94190-J 25 Protocolli di registrazione » 57,50 94192-L 1 Manuale di istruzioni » 82,00* *IVA assolta dall’Editore e che diano sostegno significativo alle loro fami- glie: a) conoscenza dell’autismo; b) adattamen- to di ogni individuo al suo ambiente di vita quo- tidiana; c) diagnosi precoce e valutazione psi- coeducativa per conoscere le potenzialità di ogni singola persona; d) interventi psicoeduca- tivi strutturati ispirati a teorie e strategie di inter- vento cognitive comportamentali; e) collabora- zione costante e attiva con le famiglie. La valutazione con il TTAP fa appunto parte di questo programma di inserimento professio- nale, strutturato e molto attivo, che prevede anche training e monitoraggio del lavoro da parte dell’équipe e inserimenti lavorativi in diversi contesti a seconda del livello di autono- mia raggiunto da ogni soggetto. LA STRUTTURA Il TTAP è composto da due parti: una valu- tazione formale e una valutazione informale. Quando i bambini affetti da un disturbo dello spettro autistico si avvicinano all’adole- scenza, si trovano di fronte ad una sfida educa- tiva molto impegnativa: pianificare la loro vita adulta. È nell’interesse delle persone, della scuo- la e della collettività iniziare a sviluppare il per- corso di transizione all’inizio dell’adolescenza o addirittura prima. Il TTAP (seconda edizione dell’AAPEP e seconda fase di valutazione dopo il PEP-3) inda- ga appunto le abilità significative per il raggiun- gimento dell’autonomia e per impostare pro- grammi di intervento all’inserimento lavorativo e allo sviluppo di abilità nei contesti di vita quo- tidiana (casa, scuola, centri dedicati, strutture residenziali, ecc.). Esso fa parte del programma TEACCH (Treatment and Education of Autistic and Communication related handicapped CHildren), messo a punto da Eric Schopler negli anni ’70, che si ispira ad una filosofia di presa in carico globale e per tutto l’arco di vita della per- sona con autismo e della sua famiglia. CARATTERISTICHE CHIAVE Parte del programma TEACCH. Focus su sei aree funzionali principali. Valutazione in tre contesti ambientali. Sistema di scoring unico. LA FILOSOFIA TEACCH Il programma della Division TEACCH, con- cepita da Eric Schopler negli anni Settanata, si ispira ad una filosofia di presa in carico globale e per tutto l’arco di vita della persona con auti- smo e della sua famiglia. I principi ai quali si ispi- ra sono quelli di coniugare la pratica clinica e la ricerca scientifica in progetti finalizzati a dar vita a servizi realmente utili alle persone con autismo manuale + materiali di somministrazione + 25 protocolli Gary Mesibov, John B. Thomas, S.M. Chapman e Eric Schopler TTAP TEACCH TRANSITION ASSESSMENT PROFILE Per valutare soggetti con disturbi dello spettro dell’autismo e predisporne il piano di transizione alla vita adulta
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110055 DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Raffaella Faggioli, Tiziana Sordi e Marilena Zacchini DESTINATARI Soggetti con disturbi dello spettro dell’autismo dai 14 anni in poi, sia a basso che ad alto funzionamento SOMMINISTRAZIONE Oss. diretta: 1,5 ore ca. Oss. a casa: 1 ora ca. Oss. a scuola e al lavoro: 1 ora ca. COMPOSIZIONE 3 scale di osservazione QUALIFICA RICHIESTA B1 TTAP La valutazione formale La valutazione formale del TTAP registra le valutazioni funzionali in tre contesti ambientali diversi attraverso la combinazione di una valu- tazione diretta delle abilità (Scala dell’Osserva- zione diretta, da somministrare con il kit) e con interviste a genitori, insegnanti o operatori che valutano le performance in ambiti domestici (Scala dell’Osservazione a casa) e in un setting scolastico-lavorativo (Scala dell’Osservazione a scuola e al lavoro). La valutazione informale Il TTAP è dotato di un protocollo di valuta- zione informale che può essere utilizzato in qualsiasi situazione per raccogliere e monitorare le performance del soggetto in un contesto spe- cifico. Questo strumento permette di approfon- dire la valutazione ogni volta che si rende neces- sario e utile approntare un nuovo progetto per l’inserimento in un nuovo contesto scolastico, di lavoro o di vita. È così possibile continuare a valutare un soggetto per tutto l’arco di vita, garantendogli una programmazione educativa individualizzata e continua nel tempo. Le sei aree funzionali Ognuna delle tre scale di valutazione è a sua volta suddivisa in sei diverse aree funzionali: Attitudini lavorative: capacità pratiche necessarie per portare a termine vari tipi di lavo- ro (scegliere, contare e misurare, uso di utensili da cucina e di elettrodomestici, saper pulire e cucinare, saper assemblare e usare attrezzi). Comportamenti lavorativi: abilità comporta- mentali legate al mondo del lavoro (capacità di lavorare in modo indipendente, reagire appro- priatamente alle interruzioni e correzioni e tolle- rare di svolgere un lavoro organizzato in modo diverso). Funzionamento indipendente: abilità di cura della propria persona, lavarsi, vestirsi, andare in bagno e di autoprogrammazione (usare i mezzi di trasporto, consultare un orario, utilizzare il denaro, seguire le norme di sicurezza, saper gestire le proprie cose). Abilità di tempo libero: capacità di impiega- re il tempo libero in attività piacevoli (giochi interattivi da tavolo, giochi di carte, ginnastica, ascolto della musica, ecc.). Comunicazione funzionale: capacità minime necessarie ad un buon funzionamento in ambiente lavorativo e residenziale (saper comu- nicare i bisogni elementari, comprendere istru- zioni e gesti, rispondere in maniera appropriata a comandi e divieti). Comportamento interpersonale: abilità di saper lavorare senza distrarre gli altri, compor- tamento generale in gruppo e reazioni in pre- senza di altre persone. Il kit La Scala dell’Osservazione diretta consiste di vari item strutturati con materiali di uso quoti- diano nel lavoro, nel tempo libero, ecc., raccolti in una cassettiera pratica e funzionale. I materia- li sono stati scelti per valutare le capacità funzio- nali fondamentali che portano ad una vita adul- ta dignitosa e per essere facilmente maneggiati e utilizzati con un minimo di indicazioni verbali. UTILIZZO Il TTAP è utilizzato in ambito psicoeducati- vo, scolastico e di strutture residenziali per definire il piano educativo di transizione all’età adulta del soggetto autistico.
  • ABILITÀSOCIALIERELAZIONI 110066 NNOOVVIITTÀÀ La sindrome di Asperger è un disturbo neu- roevolutivo caratterizzato da compromissione grave e permanente nell’interazione sociale, nelle attività e negli interessi, che risultano ste- reotipati, ristretti e ripetitivi. Nonostante la sua descrizione sia contenuta nelle principali classifi- cazioni diagnostiche (DSM-IV-TR e ICD-10), la diagnosi è sporadica e talvolta usata indiscrimi- natamente per tutti quei casi di soggetti “atipi- ci” che non soddisfano i criteri per l’autismo. La GADS è uno strumento di screening per individuare la presenza della sindrome Asperger in bambini e adulti con problemi comporta- mentali; tramite il colloquio con i genitori e i principali caregiver della persona esaminata, è possibile effettuare una diagnosi a partire dai 3 anni di età, permettendo quindi una valutazio- ne tempestiva, fondamentale per stilare un pro- getto educativo individualizzato. CARATTERISTICHE CHIAVE Facilità e velocità di somministrazione. Valutazione di comportamenti specifici, osservabili e misurabili, distinti in aree precise. Valutazione precoce (a partire dai 3 anni). STRUTTURA La GADS è composta da 32 item suddivisi in 4 subscale. Interazione sociale: descrive i comporta- menti riguardanti l’interazione sociale, l’espres- sione delle intenzioni comunicative e i compor- tamenti cognitivi ed emozionali. Pattern ristretti di comportamento: descrive pattern di comportamento tipici della sindrome di Asperger. Pattern cognitivi: valuta il linguaggio, le abi- lità cognitive e di conversazione. Competenze pragmatiche: indaga l’abilità del soggetto di comprendere e utilizzare il lin- guaggio in un contesto sociale. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 VERSIONE ITALIANA Serenella Grittani, Alessandra Cangini, Franco Nardocci e Raffaella Faggioli DESTINATARI Genitori e caregiver di bambini e adulti con disturbi del comportamento SOMMINISTRAZIONE 5-10’ Individuale COMPOSIZIONE 32 item suddivisi CAMPIONE USA 371 soggetti con Disturbo di Asperger QUALIFICA RICHIESTA B2 Completano lo strumento un’Intervista ai genitori, che permette al clinico di raccogliere informazioni sugli eventuali ritardi del soggetto nei primi 36 mesi di vita e la sezione Domande chiave, in cui si riassumono le informazioni otte- nute durante la somministrazione, assicurando- si di aver raccolto tutti i dati necessari. UTILIZZO La GADS è principalmente un test di scree- ning, ma le sue caratteristiche la rendono un valido strumento con funzioni di monitoraggio clinico, adatto anche per delineare profili di competenza in ambiti cognitivi e neurocompor- tamentali ben precisi, facilitando la definizione di un progetto educativo individualizzato (PEI). James E. Gilliam GADS GILLIAM ASPERGER’S DISORDER SCALE Per la valutazione precoce della sindrome di Asperger MATERIALE 94290-S 1 Starter kit € 84,50 94291-T 25 Protocolli » 57,50 94292-U 1 Manuale di istruzioni » 36,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 25 proto- colli
  • EFFICIENZA INTELLETTIVA
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 110088 La WPPSI-III è uno strumento clinico di som- ministrazione individuale che valuta l’intelligen- za di bambini dai 2 anni e 6 mesi ai 7 anni e 3 mesi. Il range di età è stato suddiviso in due fasce per accordarsi con il continuo sviluppo cognitivo che si verifica durante questi anni cri- tici: dai 2.6 ai 3.11 anni e dai 4.0 ai 7.3 anni, con differenti batterie di subtest. La scala è una revisione della WPPSI-R, note- volmente migliorata nella qualità dei materiali al fine di risultare più coinvolgenti e piacevoli per i bambini. Come nelle precedenti versioni, la WPPSI-III fornisce sia: QI verbale (QIV); QI di performance (QIP); QI totale (QIT); e possono essere anche ricavati un: Quoziente di velocità di processamento (QVP) per bambini dai 4.0 ai 7.3; punteggio totale di Linguaggio generale (LG), che può essere determinato per i bambini di entrambe le fasce d’età. I SUBTEST La WPPSI-III è composta da 14 subtest: Disegno con i cubi (DC) (performance ambedue le fasce d’età): misura l’abilità di ana- lizzare e sintetizzare stimoli visivi, sulla base di una corretta percezione o organizzazione visiva, e la coordinazione visuomotoria. Informazione (IN) (verbale, età 2.6-7.3): valuta l’abilità del bambino su nozioni di cultu- ra generale; coinvolge l’intelligenza cristallizza- ta, la memoria a lungo termine e l’abilità a man- tenere e recuperare le conoscenze dalla scuola e dall’ambiente. Matrici logiche (ML) (performance, 4.0-7.3): misura la capacità di ragionamento logico. Vocabolario (VC) (verbale, 4.0-7.3): valuta la conoscenza di parole e la formazione di concetti verbali, inclusa la memoria a lungo termine. Concetti per immagini (CI) (performance, 4.0-7.3): misura l’abilità di ragionamento astrat- to e la capacità di organizzare categorie. Ricerca di simboli (RS) (velocità di processa- mento, 4.0-7.3): coinvolge la discriminazione visi- va, la memoria visiva a breve termine, la coordina- zione visuomotoria, la flessibilità cognitiva; richie- de anche capacità di attenzione-concentrazione. Ragionamento con parole (RP) (verbale, 4.0-7.3): misura la capacità di ragionamento verbale ed include l’abilità di ragionamento analogico e generale, con integrazione e sintesi di differenti tipi di informazioni. Cifrario (CR) (velocità di processamento, 4.0-7.3): valuta soprattutto l’attenzione-concen- trazione, ma è influenzato dalla rapidità motoria. Comprensione (CO) (verbale, 4.0-7.3): valu- ta la conoscenza e la comprensione delle motiva- zioni alla base di fatti comuni, di comportamenti abituali e regole sociali. Completamento di figure (CF): (performan- ce, 4.0-7.3): misura il riconoscimento visivo di DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 EDIZIONE ITALIANA Giuseppina Sannio Fancello e Carlo Cianchetti DESTINATARI Bambini dai 2.6 ai 7.3 anni SOMMINISTRAZIONE 30-35’ per bambini tra i 2.6 e i 3.11 anni 40-50’ per i bambini tra i 4.0 e i 7.3 COMPOSIZIONE 14 subtest CAMPIONE ITALIANO 987 soggetti d’età compresa tra i 2.6 e i 7.3, divisi in 18 fasce d’età (2006-2008) QUALIFICA RICHIESTA C Strumenti correlati WAIS-R p. 113 WISC-IV p. 110 MATERIALE 93930-L 1 Kit WPPSI-III € 1595,00 93452-Y 25 Protocolli di notazione 2.6-3.11 » 58,75 93451-W 25 Protocolli di notazione 4.0-7.3 » 92,50 93453-Z 25 Libretti di risposta per Ricerca di simboli e Cifrario » 58,75 93954-L 1 Manuale di somministrazione e scoring » 63,00* 93955-M 1 Manuale dell’adattamento italiano » 30,00* Volume 94907-K 1 “Fondamenti per l’assessment della WPPSI-III” » 31,00* *IVA assolta dall’Editore materiale test1 + 25 pro- tocolli 2.6-3.11 + 25 protocolli 4.0-7.3 + 25 libretti Ricerca simboli e Cifrario + manuale + man. italiano + volume 1. Comprensivo di Technical Manual in inglese. David Wechsler WPPSI-III WECHSLER PRESCHOOL AND PRIMARY SCALE OF INTELLIGENCE – III Completamente ristrutturata, per un assessment ancora migliore, dall’inizio alla fine best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 110099 dettagli essenziali di un oggetto attraverso una corretta percezione e organizzazione visiva e richiede capacità di attenzione-concentrazione. Somiglianze (SO) (verbale, 4.0-7.3): misura la base dei concetti, la loro corretta formazione, con la capacità di distinguerne le caratteristiche essen- ziali da quelle non essenziali, utilizzando un ragio- namento verbale. Vocabolario recettivo (VR) (verbale, 2.6-3.11) valuta la comprensione di termini e di istruzioni verbali, attraverso la memoria a lungo termine. Ricostruzione di oggetti (RO) (performan- ce, 2.6-3.11; supplementare per 4.0-7.3): valu- ta l’organizzazione visuomotoria, l’integrazione e sintesi della relazione parte-tutto, il ragiona- mento non verbale e l’apprendimento prova ed errore. Coinvolge inoltre l’abilità spaziale, la coordinazione visuomotoria, la flessibilità cogni- tiva e la persistenza. Denominazione di immagini (DI) (verbale 2.6-3.11; opzionale per 4.0-7.3): valuta la cono- scenza cristallizzata attraverso la memoria a lungo termine. I subtest si suddividono in principali (cioè obbligatori, da somministrare quando si vuole ricavare il QIV, QIP e il QIT), supplementari (che consentono di derivare il QVP per la fascia d’età dei più grandi e l’LG per i più piccoli) e opzionali (per i bambini più grandi). LA TARATURA ITALIANA La WPPSI-III è stata standardizzata su un campione di 987 soggetti d’età compresa tra i 2 anni e 6 mesi e i 7 anni e 3 mesi, frequen- tanti alcune scuole pubbliche e private (asili nidi, scuole dell’infanzia e scuole primarie), suddivisi in 18 fasce d’età. I bambini sono stati sottoposti al test individualmente in un ambiente riservato; a tutti i soggetti, psicolo- gi addestrati hanno somministrato tutti i sub- test previsti per le corrispondenti fasce d’età. UTILIZZO Come strumento psicoeducativo, la WPPSI-III può essere usata per ottenere una valutazione completa del funzionamento intellettivo generale; può essere anche usata come parte di una valutazione volta ad identificare soggetti con ritardi nello sviluppo cognitivo e con dif- ficoltà di apprendimento, e i risultati possono servire per pianificare degli obiettivi in program- mi di natura clinica o scolastica. VOLUME Fondamenti per l’assessment con la WPPSI-III (Elizabeth O. Lichtenberger e Alan S. Kaufman, 2010) Destinato ai professionisti che vogliono migliorare le proprie conoscenze e abilità nell’applicazio- ne della WPPSI-III, questo volume ne offre una panoramica esaustiva con indicazioni sulla somministra- zione, lo scoring e l’interpretazione. Chiare linee guida interpretative aiutano ad orientarsi fra i punteggi dei 14 subtest. Particolare enfasi è data alle applicazioni speciali, come l’assessment dei distur- bi del linguaggio, il ritardo mentale e individuazione dei talenti. Schede promemoria, schede richiamo e schede di riferimento rapido, insieme ad una verifica conclusiva al termine di ogni capitolo, rendono que- sto manuale un efficace strumento di formazione per l’utilizzatore della WPPSI-III. 240 pagine. Fascia d’età 2.6-3.11 Subtest principali Vocabolario recettivo Informazione Disegno con i cubi Ricostruzione di oggetti Denominazione di immagini Subtest supplementari QIV QIP QIT LG Fascia d’età 4.0-7.3 Subtest principali Subtest supplementari QIV QIP QIT Informazione Vocabolario Ragionamento con parole Disegno con i cubi Matrici logiche Concetti per immagini Cifrario QVP Ricerca di simboli Comprensione Completamento di figure Somiglianze Ricostruzione di oggetti Subtest opzionali LG Vocabolario recettivo Denominazione di immagini Principali Supplementari WPPSI-III
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111100 NNOOVVIITTÀÀ La WISC-IV è lo strumento clinico per eccel- lenza, somministrato individualmente, per valuta- re le capacità cognitive di bambini di età compre- sa tra i 6 anni e 0 mesi e i 16 anni e 11 mesi. La struttura della scala è stata aggiornata per riflette- re la teoria e la pratica della valutazione dei bam- bini, che implica un’attenzione crescente alla memoria di lavoro e alla velocità di elaborazione. Con la WISC-IV si possono calcolare 5 punteggi compositi: un quoziente intellettivo tota- le (QIT) per rappresentare le capacità cognitive complessive del bambino, e 4 punteggi aggiuntivi: l’Indice di Comprensione verbale (ICV), l’Indice di Ragionamento percettivo (IRP), l’Indice di Memoria di lavoro (IML), l’Indice di Velocità di elaborazione (IVE). WISC-III E WISC-IV A CONFRONTO Integrando l’attuale ricerca sullo sviluppo cognitivo, la valutazione intellettiva e le elabora- zioni cognitive implicate nel processo di revisione, la WISC-IV diventa uno strumento unico, distinto dalla WISC-III che lo ha preceduto. Di fatto essa rappresenta la più imponente revisione mai effet- tuata di una scala Wechsler, con profondi cambia- menti, anche di tipo strutturale. Queste le princi- pali modifiche: eliminazione dei subtest di Riordinamento di Storie figurate, Ricostruzione di Oggetti e Labirinti (per ridurre il rilievo attribuito al tempo); introduzione di 5 nuovi subtest: Ragionamento con Parole, Ragionamento con Matrici, Concetti per Immagini, Riordinamento di Lettere e Numeri e Cancellazione; sostituzione degli item obsoleti e miglioramen- to degli estremi superiori e inferiori (effetti “soffit- to” e “pavimento”); passaggio dei subtest Ragionamento aritmetico e Informazione allo status di supplementari; maggiore adeguatezza al livello evolutivo (istru- zioni modificate; item di dimostrazione, di esem- pio e/o di addestramento per ciascun subtest); aggiornamento delle norme; abbandono del QIV e del QIP e QIT; introduzione di diversi punteggi di processo per accrescere l’utilità clinica. IL MODELLO CHC La WISC-IV si è evoluta in relazione al cambia- mento dei modelli teorici, in particolare con l’av- vento della Cattell-Horn-Carroll Theory of Cognitive Abilities (CHC), che prevede la distinzione delle abilità cognitive in ampie e ristrette. Il passaggio dalla concezione dell’intelligenza come fattore g a quella di un insieme di abilità molteplici ha modificato l’importanza attribuita al QIT, aumentando il numero dei punteggi compo- siti da calcolare e accrescendone la specificità. Il clinico può impiegare i risultati di cluster di subtest della WISC-IV per una valutazione CHC che permette di misurare le seguenti abilità ampie: Elaborazione visiva (Gv), Intelligenza cri- stallizzata (Gc), Ragionamento fluido (Gf), Memoria a breve termine (Gsm) e Velocità di ela- borazione (Gs). I SUBTEST La WISC-IV è composta da 15 subtest: 10 prin- cipali e 5 supplementari. Disegno con i cubi (principale): offre una misu- ra dell’abilità di analizzare e sintetizzare stimoli visi- vi astratti cogliendone le relazioni spaziali. DATA DI PUBBLICAZIONE 2012 EDIZIONE ITALIANA Arturo Orsini, Lina Pezzuti, Laura Picone COMPOSIZIONE 15 subtest CAMPIONE ITALIANO 2200 soggetti 6:0-16:11 anni, suddivisi in 11 gruppi di età di un anno (2007-2011) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 93639-A 1 Kit WISC-IV € 1000,00 93642-D 25 Libretti di risposta 1 » 90,00 93641-C 25 Libretti di risposta 2 » 62,50 93640-B 25 Protocolli di notazione » 92,50 93645-G 1 Manuale di istruzioni » 63,00* 93643-E 1 Manuale dell’adattamento italiano » 49,00* *IVA assolta dall’Editore David Wechsler WISC-IV WECHSLER INTELLIGENCE SCALE FOR CHILDREN – QUARTA EDIZIONE Nuovo modello teorico, nuovi subtest, nuovi punteggi, nuove norme: il perfezionamento dell’eccellenza materiale test1 + 25 libretti 1 + 25 libretti 2 + 25 protocolli + ma - nuale + man. italiano + volume 1. Comprensivo di Technical Manual in inglese. Fondamenti per l’asses- sment con la WISC-IV (D.P. Flanagan e A.S. Kaufman, 2012) Incluso nel kit WISC-IV
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111111 Somiglianze (principale): dà una stima del ragionamento verbale e del livello di formazione dei concetti, coinvolgendo anche lo sviluppo del linguaggio, la conoscenza lessicale, la compren- sione uditiva, la memoria e la capacità di discrimi- nare tra caratteristiche essenziali e non essenziali. Memoria di cifre (principale; suddiviso in diretta e inversa): offre una misura della memoria uditiva a breve termine, della memoria di lavoro e delle capacità di attenzione e concentrazione. Concetti per immagini (principale): misura il ragionamento categoriale di tipo astratto, il ragio- namento induttivo e l’informazione generale. Cifrario (principale): dà una misura della velo- cità di elaborazione, della memoria a breve termi- ne, della capacità di apprendimento, della perce- zione visiva, della coordinazione visuo-motoria, del- l’abilità di scansione visiva, della flessibilità cogniti- va, della capacità di attenzione e della motivazione. Vocabolario (principale): misura la conoscenza lessicale e la formazione dei concetti verbali. Riordinamento di lettere e numeri (principa- le): valuta le abilità di manipolazione mentale, di attenzione, di memoria uditiva a breve termine e di rappresentazione visuo-spaziale. Ragionamento con matrici (principale): dà una stima dell’intelligenza fluida, in particolare del ragionamento induttivo e del ragionamento sequenziale generale. Comprensione (principale): valuta il ragiona- mento verbale, l’informazione generale, la capa- cità di concettualizzazione, la comprensione ver- bale e l’abilità di espressione verbale. Ricerca di simboli (principale): misura la velo- cità percettiva e di elaborazione, la memoria visi- va a breve termine, la coordinazione visuo-moto- ria, la flessibilità cognitiva, la discriminazione visi- va e la capacità di concentrazione. Completamento di figure (supplementare): misura la percezione e l’organizzazione visiva, la capacità di concentrazione e di identificazione visiva di dettagli essenziali degli oggetti e l’infor- mazione generale. Cancellazione (supplementare; suddiviso in casuale e strutturata): dà una stima della velocità percettiva, dell’attenzione selettiva di tipo visivo e della capacità di vigilanza. Informazione (supplementare): misura la capacità di acquisire, mantenere e recuperare informazioni di carattere generale, chiamando in causa l’intelligenza cristallizzata e la memoria a lungo termine. Ragionamento aritmetico (supplementare): offre una stima del ragionamento quantitativo e delle capacità di attenzione e concentrazione. Ragionamento con le parole (supplementa- re): valuta le abilità di ragionamento generale e induttivo, di astrazione verbale, di conoscenza les- sicale, di integrazione e sintesi di differenti tipi di informazione e di sviluppo di concetti alternativi. LA TARATURA ITALIANA Il campione è formato da 2200 soggetti dai 6 ai 16 anni, 11 mesi e 30 giorni, suddivisi in 11 gruppi di età di un anno ciascuno. Lo studio psicometrico comprende le tavole di conversione dei punti grezzi in punti ponderati; le tavole di conversione delle somme di punti pon- derati nel QI totale e nei 4 Indici; le intercorrela- zioni tra i subtest, tra subtest e scale, tra scale per ogni gruppo di età e per il campione totale; i coef- ficienti di attendibilità dei subtest, degli Indici e del QI per ogni gruppo di età e i valori medi sugli 11 gruppi di età; gli errori standard di misura di subtest, Indici, QI per ogni gruppo di età e i valo- ri medi calcolati sugli 11 gruppi di età; analisi fat- toriale dei 10 subtest fondamentali per 4 gruppi di età e per il totale; analisi fattoriale dei 15 sub- test per 4 gruppi di età e per il totale; analisi delle differenze significative e abnormi tra Indici e valo- ri percentuali ottenuti dal campione di standar- dizzazione; analisi delle differenze significative e abnormi tra subtest e valori percentuali ottenuti dal campione di standardizzazione. UTILIZZO Come strumento psicoeducativo, la WISC-IV può essere impiegata per ottenere una valutazione complessiva del funzionamento cognitivo generale. Può essere utilizzata anche come parte di una valutazione per identificare doti intellettuali, difficoltà di apprendimento e punti di forza e di debolezza nella sfera cognitiva. I risultati possono servire come guida nella pianificazione del trattamento e nelle decisioni di collocamento in strutture cliniche ed educative e fornire preziose informazioni cliniche per la valutazione neuropsicologica e a scopi di ricerca. WISC-IV
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111122 MATERIALE 93556-D 1 Kit WISC-III € 1226,00 93557-E 25 Protocolli Ricerca simboli » 57,50 93558-F 25 Protocolli Labirinti » 57,50 93559-G 25 Protocolli di notazione » 90,00 93560-H 1 Manuale di istruzioni » 60,15* www.internet-test.it 1 profilo grafico » 12,00 Volumi 82426-B “WISC-III. Contributo alla taratura italiana” » 36,75* *IVA assolta dall’Editore da ricostruire formando un insieme significativo. Comprensione: domande che richiedono la soluzione di problemi quotidiani. Ricerca di simboli (subtest opzionale): grup- pi accoppiati di simboli (target e di ricerca); il bambino deve indicare se un simbolo target appare o no nel gruppo di ricerca. Memoria di cifre (subtest supplementare): sequenze di numeri da ripetere nello stesso ordine e nell’ordine inverso. Labirinti (subtest supplementare): labirinti di difficoltà crescente. UTILIZZO La WISC-III è utile per diversi motivi: grazie alla vasta campionatura di abilità cognitive, si ottengono informazioni oggettive con alta vali- dità predittiva circa le difficoltà di apprendimen- to; grazie all’ampio range dei QI, è ideale per identificare bambini con elevate capacità intel- lettive; la possibilità dell’interpretazione qualita- tiva delle risposte ai subtest, la rende infine estremamente utile per la valutazione neuropsi- cologica. La WISC-III valuta l’abilità intellettiva di sog- getti dai 6 ai 16 anni e 11 mesi, richiedendo loro un ragionamento astratto, o focalizzandosi sulla memoria, o esaminando certe abilità per- cettive. Come nelle precedenti versioni, la performance del bambino è sintetizzata in tre punteggi: QI verbale (QIV), QI di performance (QIP) e QI totale (QIT). La WISC-III fornisce anche quattro Quozienti di Deviazione Fattoriale (QDF) opzionali, che sono Comprensione verbale (CV), Organizzazione percettiva (OP), Libertà dalla distraibilità (LD), Velocità di elaborazione (VE). I SUBTEST La WISC-III comprende 12 subtest, organiz- zati in verbali e di performance, che sono: Completamento di figure: figure colorate di scene e oggetti dove manca un particolare da identificare. Informazione: domande che saggiano la conoscenza su eventi e oggetti comuni. Cifrario: forme o numeri da associare a un simbolo secondo una chiave data. Somiglianze: coppie di parole per le quali vanno spiegate le somiglianze tra gli oggetti quotidiani o i concetti che rappresentano. Riordinamento di storie figurate: figurine colorate, presentate in disordine, da riordinare secondo la sequenza logica di una storia. Ragionamento aritmetico: problemi aritme- tici da risolvere mentalmente. Disegno con i cubi: modelli geometrici da riprodurre usando dei cubetti. Vocabolario: il bambino deve definire una serie di parole presentate oralmente. Ricostruzione di oggetti: oggetti ritagliati DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 EDIZIONE ITALIANA Arturo Orsini e Laura Picone DESTINATARI Soggetti dai 6 ai 16 anni SOMMINISTRAZIONE Subtest standard: 1 ora ca. Subtest supplementari + opzionale: 10’-15’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 13 subtest CAMPIONE ITALIANO 2200 soggetti dai 6 ai 16 anni, suddivisi per 11 fasce d’età (2002-2005) QUALIFICA RICHIESTA C materiale test + 25 proto- colli notazione + 25 pro- tocolli Ricerca simboli + 25 protocolli Labirinti + manuale + vol. tarat. it. Nel kit: corso online per 1 persona Strumenti correlati WAIS-R p. 113 WPPSI-III p. 108 profilo grafico David Wechsler WISC-III WECHSLER INTELLIGENCE SCALE FOR CHILDREN – III Uno dei più grandi successi della psicodiagnostica in Italia best seller formazione corso di base
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111133 MATERIALE 90624-S 1 Kit WAIS-R € 1194,00 90625-T 50 Schede di notazione » 145,00 90626-U 50 Moduli per l’analisi » 112,50 90627-V 1 Manuale di istruzioni » 48,65* Volumi 49009-Q “L’interpretazione psicologica della WAIS-R” » 37,80* 90628-E “WAIS-R. Contributo alla taratura italiana” » 34,75* 77858-Y “WAIS-R e terza età” » 27,30* 94010-U “WAIS-R e ritardo mentale” » 14,50* 94069-F “WAIS-R: una guida pratica” » 25,00* *IVA assolta dall’Editore La WAIS-R consta di 11 subtest, di cui 6 com- pongono la Scala Verbale (Informazione, Com- prensione, Ragionamento aritmetico, Analogie, Me- moria di cifre e Vocabolario) e 5 la Scala di Performance (Associazione simboli a numeri, Com- pletamento di figure, Disegno con i cubi, Riordina- mento di storie figurate e Ricostruzione di oggetti); insieme, gli 11 subtest costituiscono la Scala Totale. I due gruppi, verbale e di performance, posso - no essere somministrati insieme o da soli permet- tendo, ad esempio, di somministrare la prima a persone con deficit del linguaggio, oppure solo la seconda a soggetti che hanno handicap visuo- motori. È preferibile, comunque, somministrare entrambe le sezioni per fornire ai soggetti esami- nati un maggior numero di prove per dimostrare le loro capacità e per consentire agli esaminatori maggiori opportunità di valutazione delle abilità. Il QI, calcolato dai dati della Scala Verbale, di Performance o Totale, è ricavato dal confronto diretto dei risultati ottenuti al test dal soggetto con quelli ottenuti dai soggetti appartenenti alla stessa classe d’età; esso costituisce forse il più si- gnificativo elemento d’informazione circa le ca- pacità mentali del soggetto, in quanto è proprio il confronto con i coetanei che può essere assun- to come la relazione più significativa. VOLUMI WAIS-R. Contributo alla taratura italiana (Arturo Orsini e Caterina Laicardi, 1997) Il lavoro, riportando dati non pre- senti nel manuale USA (quali l’ana- lisi fattoriale, il calcolo dei quozien- ti di deviazione fattoriale, le analisi ipsative, la categorizzazione di Bannatyne, ecc.), è il manuale ita- liano della WAIS-R. 120 pagine. L’interpretazione psicologica della WAIS-R (Francesco Padovani, 1999) Il volume affronta i problemi dell’inter- pretazione della misura del QI secon- do Wechsler, ponendo particolare attenzione al confronto fra funzionalità cognitiva e differenze di genere ed età, ritardo mentale, danno cerebrale e disturbi psichiatrici. 220 pagine. WAIS-R e terza età. La natura dell’intelligen- za nell’anziano: continuità e discontinuità (Arturo Orsini e Caterina Laicardi, 2003) Lo studio psicometrico presentato in questo volume, i cui dati sono rac- colti su un campione di 1168 sog- getti divisi in quattro gruppi d’età dai 65 agli 84 anni, riporta punti ponde- rati specifici per la valutazione del- l’anziano con la WAIS-R. 96 pagine. WAIS-R e ritardo mentale (Arturo Orsini, Laura Cianci, Emanuela Rocci, Elisa Mastrantonio e Carlo Leone, 2009) Presenta dati di ricerca su 139 soggetti, suddivisi in tre sotto- gruppi secondo il QIT ottenuto. Questo manuale è quindi indi- spensabile per utilizzare la WAIS-R con soggetti con ritardo mentale. 60 pagine. WAIS-R: una guida pratica (Aristide Saggino, Michela Balsamo e Emanuela Rocci, 2009) Si tratta di un’introduzione rapida e di taglio eminentemente applicativo all’utilizzo e all’interpretazione della WAIS-R. Destinata a chi utilizza la WAIS-R, analizza dapprima la scala nel suo contesto storico e segue poi le istruzioni step by step per la som- ministrazione, lo scoring e l’interpretazione dello stru- mento. 136 pagine. materiale test + 25 sche- de notazione + 25 modu- li analisi + manuale + vol. tarat. it. + vol. interpret. psicol. + vol. ritardo men- tale + vol. terza età + vol. guida pratica + corso O.S. Campus 2.0 Nel kit: corso online per 1 persona DATA DI PUBBLICAZIONE 1997 EDIZIONE ITALIANA Caterina Laicardi e Arturo Orsini DESTINATARI Dai 16 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale COMPOSIZIONE 11 subtest CAMPIONE ITALIANO 1630 soggetti divisi in sei gruppi di età (16-64 anni) (1996) 1168anzianiinquattrogruppi d’età (65-84 anni) (2003) QUALIFICA RICHIESTA C Strumenti correlati WPPSI-III p. 108 WISC-IV p. 110 David Wechsler WAIS-R WECHSLER ADULT INTELLIGENCE SCALE – REVISED “Il test individuale meglio standardizzato che la psicologia abbia prodotto” best seller formazionecorso di base
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111144 La KABC-II è uno strumento a somministra- zione individuale per la misurazione dei proces- si e delle abilità cognitive di bambini e adole- scenti dai 3 ai 18 anni. Il test valuta un’ampia gamma di abilità che comprendono i processi sequenziali e simultanei, l’apprendimento, la pianificazione e le abilità cristallizzate. Nella KABC-II, la teoria neurologica di Luria viene affiancata a quella che sintetizza il pensiero di Cattel, Horn e Carroll (modello CHC). È quin- di offerta al clinico la possibilità di scegliere se applicare e interpretare il test secondo l’uno o l’altro modello, a seconda dell’importanza o meno assegnata alla dimensione culturale (fon- damentale per il modello CHC). CARATTERISTICHE CHIAVE Misura un’ampia gamma di processi cognitivi. Duplice fondamento teorico (modelli di Luria e CHC). Somministrazione per un ampio range di età. Facilità e flessibilità di somministrazione. Scala non verbale per bambini con disturbi dello spettro autistico o con deficit uditivi o lin- guistici. STRUTTURA I subtest della KABC-II sono raggruppati in cinque scale che corrispondono alle aree cogni- tive e alle varie capacità appartenenti al model- lo di Luria e al modello CHC. Simultanei/Gv: Triangoli, Riconoscimento di volti, Matrici analogiche (età 5-6), Conteggio di blocchi, Completamento di storie (età 6), Pensiero logico, Rover, Chiusura gestaltica. Sequenziali/Gsm: Sequenza di parole, Memoria di cifre, Movimenti della mano. Pianificazione/Gf: Matrici analogiche (età 7- 18), Completamento di storie (età 7-18). Apprendimento/Glr: Atlantide, Atlantide – prova differita, Rebus, Rebus – prova differita. Conoscenze/Gc (solo modello CHC): Indovinelli, Vocabolario figurato, Conoscenza verbale. Il test fornisce due scale globali a seconda del modello scelto: Indice dei processi menta- li (MPI) per il modello di Luria e Indice fluido- cristallizzato (FCI) per il modello CHC. I 18 subtest della KABC-II sono di due tipi: centrali, che forniscono tutti gli indici delle singole scale e delle scale globali, e supplementari, che per- mettono un’indagine più estesa dei costrutti misurati e consentono una miglior misurazione del funzionamento cognitivo e di identificare i deficit di elaborazione dell’informazione. All’interno di ciascun modello interpretativo e a seconda dell’età varia la definizione di subtest definibili centrali e/o supplementari. La Scala non verbale I subtest che possono essere somministrati uti- lizzando la comunicazione non verbale, compon- gono la Scala non verbale, utile per una valutazio- ne attendibile di bambini con deficit uditivi o lin- guistici o con una limitata padronanza della lingua italiana. UTILIZZO Come strumento completo di misura dei pro- cessi mentali e delle abilità cognitive generali, la KABC-II può contribuire alla valutazione psicologi- ca, clinica, pedagogica e neuropsicologica per tutti i livelli di età prescolari e scolari. Offre informa- zioni che possono facilitare diagnosi cliniche, pro- getti educativi e pianificazione di trattamenti. Grazie all’uso del modello di Luria, la KABC-II riduce sostan - zialmente le differenze culturali ed è quindi adatta per la valutazione di bambini di lingua madre diversa dall’italiano o con deficit linguistici. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Liana Valente Torre DESTINATARI Da 3 a 18,11 anni SOMMINISTRAZIONE Subtest centrali: 30-75’ ca. (modello CHC); 25-60’ circa (modello Luria) Intera batteria: 60-100’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 18 subtest CAMPIONE ITALIANO 524 bambini di varia età e scolarizzazione (2006-2010) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 94241-P 1 Kit KABC-II € 1200,00 94242-Q 25 Protocolli di notazione » 117,50 94244-S 1 Manuale di istruzioni » 87,00* 94243-R 1 Manuale dell’adattamento italiano » 38,00* *IVA assolta dall’Editore materiale test + 25 pro- tocolli notazione + ma- nuale + man. italiano Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman KABC-II KAUFMAN ASSESSMENT BATTERY FOR CHILDREN – SECOND EDITION Un test culture-fair per la valutazione delle abilità cognitive nei bambini
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111155 MATERIALE SPM - Standard Progressive Matrices 93284-Q 1 Starter kit € 241,00* 90219-C 5 Fascicoli » 126,75* 93958-Q 50 Moduli autoscoring » 145,00 93957-P 1 Manuale di istruzioni 2008 » 31,50* APM - Advanced Progressive Matrices Serie I e II 93272-C 1 Starter kit € 312,00* 90428-W 5 Fascicoli Serie I » 73,00* 90429-X 5 Fascicoli Serie II » 134,00* 93959-R 50 Moduli autoscoring » 137,50 90432-J 1 Manuale di istruzioni 2005 » 32,80* CPM - Coloured Progressive Matrices 93274-E 1 Starter kit € 303,00* 90170-F 5 Fascicoli » 192,50* 93950-G 50 Moduli autoscoring » 145,00 93952-J 1 Manuale di istruzioni 2008 con guida » 33,60* *IVA assolta dall’Editore Le Matrici Progressive sono state elaborate per poter esaminare la massima ampiezza delle abilità mentali e per poter essere somministrate a persone di qualsiasi età, indipendentemente dal livello culturale. Il compito è quello di scegliere tra 6 o 8 di- segni quello che completa il modello presenta- to. Le figure modello comprendono dei motivi grafici che si modificano da sinistra a destra se- condo una certa logica, e dall’alto verso il basso secondo un’altra; il soggetto deve comprende- re queste logiche e applicarle per giungere alla soluzione. I test richiedono dunque di analizza- re, costruire ed integrare fra loro una serie di concetti. Poiché i risultati dipendono, in misura minore di quanto non avvenga per altri reattivi, dal fattore educativo, le Matrici sono uno stru - mento d’elezione per la misura dell’efficienza in- tellettiva, in tutti i settori in cui essa è utile (cli- nico o valutazione del personale, soprattutto). SPM Standard Progressive Matrices Le SPM valutano l’abilità di comprensione di figure che non hanno un significato definito. Si compongono di 60 item divisi in 5 serie di 12 prove ciascuna, ordinate per grado crescente di difficoltà. L’ordine di presentazione delle prove permette al soggetto di esercitarsi ad un sistema di lavoro e di addestrarsi alla comprensione del metodo. APM Advanced Progressive Matrices Le APM sono nate dall’esigenza di affiancare alle SPM uno strumento mirato all’esame dell’ef- ficienza intellettiva di soggetti con capacità su- periori alla media. Si tratta quindi di una prova mediamente più complessa di quella rappresen- tata dalle SPM. Il tempo di somministrazione può essere libero per valutare la capacità di os- servazione e la chiarezza di pensiero, oppure limitato, permettendo la valutazione dell’effi- cienza intellettiva. Le APM consistono in due serie, la prima delle quali (12 item di pratica) non rientra nel punteggio finale ed ha lo scopo di introdurre il soggetto al metodo di lavoro. La seconda serie consta di 36 item che aumentano di difficoltà con una progressione sistematica. CPM Coloured Progressive Matrices Le CPM, pensate per essere utilizzate con i bambini, sono un valido strumento per esami- nare negli anziani il significato psicologico di un eventuale scadimento delle capacità di ragiona- mento produttivo e del ricordo di conoscenze. Le 3 serie, di 12 problemi ciascuna, che co- stituiscono le CPM, sono composte in modo da misurare i principali processi cognitivi che sono patrimonio comune ai bambini minori di 11 anni; esse offrono al soggetto tre possibilità di sviluppare un tema di ragionamento logico. La scala globale, comprendente, quindi, 36 proble- mi, serve a misurare lo sviluppo delle funzioni cognitive presenti prima del raggiungimento della maturità. SPM: manuale + 5 fascicoli + 25 moduli APM: manuale + 5 fascicoli Serie I + 5 fascicoli Serie II + 25 moduli CPM: manuale + 5 fascicoli + 25 moduli DATE DI PUBBLICAZIONE SPM: 1954, 2008 APM: 1969, 2007 CPM: 1984, 2008 EDIZIONE ITALIANA SPM: Giunti O.S. CPM: Carmen Belacchi, Teresa G. Scalisi, Eleonora Cannoni e Cesare Cornoldi APM: Annamaria Di Fabio e Silvia Clarotti DESTINATARI SPM,APM:adolescentieadulti CPM: bambini e anziani SOMMINISTRAZIONE SPM, APM: dai 20’ ai 45’ ca. CPM: 40’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM SPM: 60 APM: 36 (Serie Il) + 12 di pratica (Serie I) CPM: 36 CAMPIONE ITALIANO SPM: 845 soggetti non clinici (443 maschi e 402 femmine, 11-17 anni), 170 soggetti clinici (95 maschi e 75 femmine) (2004-2008) APM: 960 studenti 4°-5° anno superiori, 679 universitari, 127 adulti in selezione (2005) CPM: 4877 bambini 3-11.6 anni (divisi in fasce di 6 mesi) e 386 anziani (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA B2 John C. Raven MATRICI PROGRESSIVE DI RAVEN Una famiglia di test cognitivi che ha fatto scuola SPM e CPM
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111166 L’edizione italiana è una traduzione dell’originale, non corredata di adattamento: le norme di riferimento sono quelle USA. figura più grande, usando indizi visivi conte- stuali; Classification – C: classificazione di oggetti; Paper folding – PF: abilità di ripiegare men- talmente un oggetto; bi o tridimensionale; Figure rotation – FR: rotazione mentale di un oggetto. Attenzione e Memoria (AM) La batteria AM permette di individuare con precisione soggetti affetti da disturbi di iperatti- vità e da deficit di attenzione (ADHD), da distur- bi dell’apprendimento (LD) o da altri deficit di carattere neuropsicologico, attraverso uno screening rapido (25’) o una diagnosi completa delle capacità di attenzione e memoria (35’). Associated pairs – AP: abilità di ricordare as- sociazioni significative e non; Immediate recognition – IR: abilità di discri- minare tra oggetti presenti e assenti; Forward memory – FM: abilità di ricordare una sequenza di oggetti figurati; Attention sustained – AS: capacità di mante- nere a lungo l’attenzione su compiti “noiosi”; Reverse memory – RM: abilità di ricordare una sequenza di oggetti figurati nell’ordine inverso da quello indicato; Visual coding – VC: versione non verbale del classico compito del cifrario di simboli; Spatial memory – SM: memoria spaziale; Delayed pairs – DP: abilità di riconoscere gli og- getti attraverso la riproposizione del subtest AP; Delayed recognition – DR: abilità di riconoscere oggetti attraverso la riproposizione del subtest IR; Attention divided – AD: attenzione perseverativa, in situazioni in cui è chiesto di dividere l’attenzione. DATA DI PUBBLICAZIONE 1997 (USA) 2002 (traduzione italiana) DESTINATARI Dai2ai20anni SOMMINISTRAZIONE Batteria AM: 35’ Batteria VR: 40’ Individuale COMPOSIZIONE Due batterie di 10 subtest ciascuna CAMPIONE USA VR: 1719 soggetti normali e 692 clinici (dai 2 ai 20 anni) AM: 763 bambini (1996) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 91501-M 1 Kit Leiter-R (completo di manuale e dei moduli per 20 somministrazioni) € 2650,00 92247-K 20 Moduli di registrazione VR » 67,00 92248-L 20 Moduli di registrazione AM » 67,00 92249-M 20 Profili punteggi/moduli di registrazione » 92,00 92251-P 20 Scale di valutazione per l’insegnante » 34,00 92252-Q 20 Scale di valutazione per il genitore » 34,00 92253-R 20 Scale di autovalutazione » 34,00 93433-C 20 Libretti A per il subtest AS » 25,00 93434-D 20 Libretti B per il subtest AS » 25,00 93435-E 20 Libretti C per il subtest AS » 25,00 92250-N 1 Manuale di istruzioni (in due volumi) » 85,00* *IVA assolta dall’Editore Completamente non verbale, la Leiter-r è par- ticolarmente adatta per soggetti con ritardo cognitivo e con disturbi verbali, e meno soggetta ad influenze culturali, sociali od educative. STRUTTURA La Leiter-R consiste di due batterie costituite ciascuna da 10 subtest: Visualizzazione e Ragio- namento (VR) e Attenzione e Memoria (AM). Sono incluse inoltre quattro scale di livello (per l’esamina - tore, per il genitore, di autovalutazione e per l’inse- gnante), che permettono un’osservazione multidi- mensionale del comportamento. Le due batterie possono essere somministrate assieme o separata- mente e danno punteggi “di crescita” non stan- dardizzati con l’età, che misurano il miglioramen- to in soggetti con gravi deficit cognitivi. Visualizzazione e Ragionamento (VR) La batteria VR prevede due possibilità di valu- tare l’intelligenza globale: per mezzo di uno scree- ning del QI breve (25’ per la somministrazione), o attraverso la scala completa di misura del QI (40’). Figure Ground – FG: identificazione di figure mascherate all’interno di uno stimolo complesso; Design analogies – DA: analogie classiche; Form completion – FC: abilità di riconoscere un oggetto da un insieme di sue parti frammentate; Matching – M: discriminazione ed abbina- mento di stimoli visivi; Sequential order – SO: progressioni logiche di oggetti figurati; Repeated patterns – RP: combinazioni di og- getti figurati che vengono ripetuti; Picture context – PC: abilità di riconoscere un oggetto figurato che è stato rimosso da una Gale H. Roid e Lucy J. Miller LEITER-R LEITER INTERNATIONAL PERFORMANCE SCALE – REVISED Un test completamente non verbale per la misura del QI e della abilità cognitiva best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111177 Le Griffiths misurano aspetti dello sviluppo significativi per l’intelligenza o indicativi della cre- scita mentale in neonati e bambini dalla nascita agli otto anni, permettendo diagnosi certe e suf- ficientemente rapide per distinguere gruppi diversi di bambini, il normale dal disabile, il sordo dal soggetto con ritardo, l’emotivamente distur- bato o inibito da quello con disturbi mentali per- manenti. Le Griffiths sono quindi in grado di valu- tare lo sviluppo intellettivo di bambini con diffe- renti tipologie di handicap (handicap motori, defi- cit sociopersonali, difficoltà del linguaggio, handi- cap nella manipolazione di oggetti) grazie alla loro articolazione in test finalizzati ciascuno all’asses- sment in un’area specifica. STRUTTURA Le Griffiths sono costituite da due set di scale, ciascuna per una fascia d’età differente: 0-2 anni e 2-8 anni: Scale 0-2 anni Locomotoria: 54 item Personale-sociale: 58 item Udito e linguaggio: 56 item Coordinazione occhio-mano: 54 item Performance: 54 item Scale 2-8 anni Locomotoria: 38 item Personale-sociale: 38 item Linguaggio: 38 item Coordinazione occhio-mano: 38 item Performance: 38 item Ragionamento pratico: 38 item Ogni set consiste di un certo numero di componenti standardizzati e confezionati in una valigetta; i componenti sono diversi per ciascu- no dei due set. Le revisioni Nel 1996 è stata sviluppata un’importante revi- sione delle scale 0-2 anni (GMDS-R), che ha porta- to – oltre ad una completa ristandardizzazione – ad aggiungere 8 nuovi componenti e ad introdurre un protocollo di notazione revisionato. La revisione ha interessato nel 2006 anche le scale 2-8 anni, por- tando alla realizzazione delle GMDS-ER (Griffiths Mental Development Scales – Extended Revised): la struttura è rimasta inalterata, ma item e materiali sono stati adeguati alle attuali conoscenze sul comportamento e sullo sviluppo dei bambini. Scala 0-2 anni Scala 2-8 anni DATA DI PUBBLICAZIONE Scale 0-2 anni: 1954, 1960, 1996 Scale 2-8 anni: 1970, 1987, 2006 DESTINATARI Bambini da 0-8 anni SOMMINISTRAZIONE 1 ora ca. Individuale COMPOSIZIONE Scale 0-2 anni: 5 subtest Scale 2-8 anni: 6 subtest CAMPIONE UK Scale 0-2 anni: 665 soggetti (27/28 soggetti per ogni mese di età) (1996) Scale 2-8 anni: 1026 sog- getti (divisi in fasce di età di 1 anno) (2005-2006) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE GMDS 0-2 94098-L 1 Kit GMDS-R (0-2 anni) € 1411,00 93614-Z 20 Protocolli di notazione GMDS-R » 88,00 93622-F 1 Manuale GMDS-R + estratto “Le abilità dei bambini” da 0 a 2 anni » 97,00* GMDS 2-8 94099-M 1 Kit GMDS-ER (2-8 anni) » 2117,00 93623-G 20 Protocolli di notazione GMDS-ER » 88,00 93621-E 20 Moduli disegno GMDS-ER » 33,00 93624-H 1 Manuale di somministrazione GMDS-ER » 50,00* 93625-L 1 Analysis manual GMDS-ER (in inglese) » 77,20* 93626-M 1 Set revised items GMDS-ER (per completare il vecchio kit Griffiths 2-8) » 348,00 *IVA assolta dall’Editore materiale test + 10 proto- colli + manuale materiale test + 10 protocolli + 10 moduli + manuale L’edizione italiana è una traduzione del- l’originale, non cor- redata di adatta- mento: le norme di riferimento sono quelle britanniche. Ruth Griffiths GMDS GRIFFITHS MENTAL DEVELOPMENT SCALES Una scala di concezione europea per la misura del livello intellettivo best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111188 I subtest Nella batteria standard ogni scala è definita da tre subtest (per un totale di 12); nella batte- ria base da due (per un totale di 8): scala Pianificazione: Confronto di Numeri; Codici Pianificati; Connessioni Pianificate (non pre- sente nella base); scala Attenzione: Attenzione Espressiva; Individuazione di Numeri; Attenzione Recettiva (non presente nella base); scala Simultaneità: Matrici non Verbali; Relazioni Verbali-Spaziali; Memoria di Figure (non presente nella base); scala Successione: Serie di Parole; Ripetizione di Frasi; Linguaggio Rapido (5-7 anni) o Frasi Domande (8-17 anni) (non presenti nella base). In accordo con la Teoria PASS, i subtest Pianificazione richiedono di creare un piano di azione, applicarlo, verificare che l’azione intra- presa sia conforme con lo scopo originale e modificare il piano qualora necessario. I subtest Attenzione richiedono di focalizzare l’attività cogni- tiva su un compito, individuando uno stimolo par- ticolare ed inibendo le risposte a stimoli concor- renti irrilevanti allo scopo. I subtest Simultaneità richiedono la sintesi di elementi separati in un gruppo interrelato, utilizzando sia contenuti verbali che non verbali. I subtest Successione presentano compiti di conservazione o com- prensione di un’organizzazione seriale di eventi. Le norme italiane, raccolte per fasce d’età di un anno, si riferiscono a un campione di 809 bam- bini da 5 ai 13 anni. Per le tre classi di età supe- riore (14-17 anni), data la correlazione perfetta esistente per questa fascia d’età con il campione americano, ci si riferisce alle norme statunitensi. Il CAS è un sistema di assessment dedicato alla valutazione dei processi cognitivi in ragazzi dai 5 ai 17 anni di età, che permette di identifi- care disturbi AD/HD, danni da trauma cerebrale e ritardo mentale, e di individuare bambini superdotati. Correla positivamente con il succes- so scolastico, rivelandosi utile nell’identificazione delle difficoltà di apprendimento. L’approccio del CAS ai processi cognitivi si basa sulla Teoria PASS di A.R. Lurija, che conside- ra il funzionamento cognitivo come fondato sui quattro processi essenziali di Pianificazione, Attenzione, Simultaneità e Successione. STRUTTURA Il CAS è utilizzabile in due forme: una batte- ria standard (60’ di somministrazione) e una batteria base (40’, da utilizzarsi quando è opportuno ridurre i tempi di somministrazione, ad es. con bambini iperattivi), ed è organizzato secondo un sistema di valutazione a tre livelli: punteggio completo (per una visione globale); punteggio per ogni singola scala (per una valuta- zione a livello di processo cognitivo); punteggio per ogni singolo subtest (per identifi- care il grado di compromissione al livello più fine di funzione). In questo modo è possibile, con un proces- so a cascata dal livello superiore a quello infe- riore, identificare in modo accurato il deficit cognitivo. MATERIALE 93547-M 1 Kit CAS € 956,00 93548-N 25 Quaderni per le risposte Memoria di Figure (5-17 anni) » 122,50 93549-P 25 Quaderni per le risposte (5-7 anni) » 122,50 93550-Q 25 Quaderni per le risposte (8-17 anni) » 122,50 93551-R 25 Schede di registrazione » 92,50 93552-S 1 Manuale di istruzioni » 57,90* *IVA assolta dall’Editore libretto stimoli + griglie + 10 quaderni Memoria di Figure + 10 quaderni 5-7 + 10 quaderni 8-17 + 10 schede + manuale DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 EDIZIONE ITALIANA Stefano Taddei DESTINATARI Dai 5 ai 17 anni SOMMINISTRAZIONE Batteria standard: 60’ ca. Batteria base: 40’ ca. Individuale NUMERO ITEM Batteria standard: 5-7 anni: 160 item 8-17 anni: 176 item Batteria base: 5-7 anni: 116 item 8-17 anni: 118 item CAMPIONE ITALIANO 809 soggetti divisi in 6 fasce d’età (da 5 a 13 anni) (2002-2005) QUALIFICA RICHIESTA B2 Jack A. Naglieri e Jagannath P. Das CAS DAS-NAGLIERI COGNITIVE ASSESSMENT SYSTEM Una misura dell’intelligenza basata sul modello dei processi cognitivi PASS best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 111199 Le Bayley-III permettono di identificare i sog- getti (1-42 mesi di età) con ritardo nello sviluppo e forniscono indicazioni per pianificare l’intervento. CARATTERISTICHE CHIAVE Cinque scale principali: tre somministrate interagendo col bambino: cognitiva, linguaggio e motoria; due attraverso un questionario ai genito- ri: socioemozionale e comportamento adattativo. Questionario di osservazione del compor- tamento: permette di integrare e validare le osservazioni fatte dai genitori a casa con quelle svolte dall’esaminatore durante il test. Punteggi-età: permettono di registrare la crescita del bambino nel tempo. Testing multidisciplinare: ciascun esperto può valutare il bambino nella propria area di competenza. Flessibilità: si può somministrare una o più scale, o tutta la batteria. DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Rosa Ferri, Arturo Orsini ed Ernesto Stoppa DESTINATARI Bambini da 16 giorni a 42 mesi SOMMINISTRAZIONE 30’-90’ Individuale COMPOSIZIONE Cinque scale e un questionario di osservazione del comportamento CAMPIONE USA 1700 soggetti (50 maschi + 50 femmine per ognuna delle 17 classi di età) (2004) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 93582-L 1 Kit Bayley-III € 2220,00 93998-G 25 Moduli di registrazione » 162,50 93996-E 25 Quest. comport. socioemozionale e adattivo » 125,00 93997-F 25 Caregiver report » 150,00 94011-V 1 Manuale di istruzioni » 67,50* *IVA assolta dall’Editore STRUTTURA Scala cognitiva (Cog): valuta sviluppo senso- motorio, esplorazione e manipolazione, forma- zione di concetti, memoria. Scala del linguaggio (Lang) due subtest: Comunicazione recettiva (RC): valuta comporta- menti preverbali, sviluppo del vocabolario e comprensione verbale; Comunicazione espressi- va (EC): valuta comunicazione preverbale (bal- bettii, gestualità, ecc.), sviluppo del vocabolario (denominazione di oggetti e attributi) e morfo- sintattico. Scala motoria (Mot): due subtest: Fine-motri- cità (FM): valuta tracciamento visivo, raggiungi- mento, manipolazione di oggetti, presa e rispo- sta all’informazione tattile; Grosso-motricità (GM): valuta postura, movimento dinamico (locomozione e coordinazione), equilibrio e pia- nificazione grossomotoria. Scala socioemozionale: valuta la padronanza che il bambino ha della propria funzionalità emotiva, bisogni comunicativi, capacità di rela- zionarsi con gli altri, ecc. Scala del comportamento adattivo: valuta le abilità funzionali quotidiane del bambino, misu- rando cosa effettivamente fa, aldilà di quello che è in grado di fare: comunicazione, interesse per attività fuori casa, gioco, cura personale, ecc. Dall’assessment all’intervento Le Bayley-III individuano le competenze e i punti di forza e di debolezza del bambino pic- colo. Forniscono anche una misura valida e attendibile delle sue abilità, oltre a permettere il confronto con campioni clinici. I punteggi-età possono essere usati per registrare i progressi del bambino, cosa che risulta utile nella valuta- zione del programma di intervento permetten- do il monitoraggio dei risultati. materiale test + 25 moduli + 25 que- stionari + 25 report + manuali Nancy Bayley BAYLEY SCALES OF INFANT BAYLEY-III AND TODDLER DEVELOPMENT – THIRD EDITION Per l’assessment di tutti gli aspetti dello sviluppo del bambino piccolo best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA MATERIALE 90404-X 1 Kit Cubi di Kohs € 419,00 90405-Y 100 Fogli di notazione » 165,00 90406-Z 1 Manuale di istruzioni » 18,15* *IVA assolta dall’Editore creativi. In ambito clinico i cubi si sono rivelati un’ottima misura del deterioramento mentale, della percezione spaziale e dei disturbi intelletti- vi in seguito a lesioni cerebrali. Il materiale consiste in 16 cubi di legno, di 2.5 cm per lato, dipinti ciascuno come segue: una faccia rossa, una faccia blu, una faccia gialla, una faccia bianca, una faccia bianco-rossa e una fac- cia giallo-blu. Fanno parte del test anche 17 dise - gni che, disposti secondo un ordine di difficoltà crescente, devono essere riprodotti con i cubi. Il disegno con cubi, ossia la riproduzione di figure eseguita con cubetti colorati, implica la capacità di osservazione delle forme; il successo nella riproduzione e la velocità di esecuzione di- pendono dalla capacità di analizzare un tutto nelle varie parti che lo compongono. Lo stru- mento si presta molto bene all’esame dell’intel- ligenza ed è particolarmente indicato per sele- zionare individualmente soggetti ben dotati e manuale + 50 f. notazio- ne + scatola con cubi DATA DI PUBBLICAZIONE 1980 DESTINATARI Dai 5 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 17 figure CAMPIONE ITALIANO 407 adolescenti maschi (1979) QUALIFICA RICHIESTA B2 Samuel C. Kohs TEST DEI CUBI DI KOHS pleta il modello dato. Lo strumento dà impor- tanti informazioni anche per la valutazione del deterioramento mentale. Composto di 44 item figurali, rappresentanti sequenze di tessere di domino incomplete, è una prova a tempo, il cui compito consiste nell’indivi- duare, fra le alternative proposte, quella che logi- camente continua la serie presentata come item. Il D 70 ha per scopo il rilevare il rendimento intellettivo valutando l’abilità nell’osservazione di relazioni, traendone dei principi (fattore g). Caratteristica originale del test è quella di disporre di un materiale assolutamente omoge- neo e familiare, costituito da gruppi di domino con la consegna di trovare il domino che com- DATA DI PUBBLICAZIONE 1973 DESTINATARI Adolescenti e adulti con almeno la licenza media inferiore SOMMINISTRAZIONE 25’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 44 NORME DI RIFERIMENTO 1100 soggetti (Francia) (1970) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE IN ESAURIMENTO 90424-J 25 Fascicoli € 137,50* 90425-K 100 Fogli di risposta » 205,00 90426-L 1 Griglia di correzione » 20,50 90427-M 1 Manuale di istruzioni esaurito *IVA assolta dall’Editore F. Kourovsty e P. Rennes D 70 LA NUOVA COLLANA DI VOLUMI GIUNTI O.S. Metodi e pratiche in riabilitazione diretta da Angelo Gianfranco Bedin La collana propone percorsi e pratiche in riabilitazione con un approccio ecologico e glo- bale alla persona. I volumi sono un valido supporto per operatori sanitari e socioassisten- ziali che si pongono obiettivi di miglioramento clinico e ricercano saperi innovativi, tecni- che e metodi usati da esperti nella loro prassi quotidiana a pagina 18
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 112211 Semplicità e rapidità di utilizzo delle prove (software di scoring incluso nel kit). Prove con procedura adattiva che termina- no dove le capacità del soggetto vengono meno: più motivanti e veloci. STRUTTURA Il BAC si compone di tre strumenti. La batteria Accertamento della Memoria negli Adulti (AMA) destinata alla valutazione della memoria, nelle sue diverse sfaccettature: memoria di base per lo svolgimento di attività cognitive (memoria a breve termine, memoria di lavoro) con meccanismi chiave associati (ini- bizione) e memoria legata agli aspetti personali e alla quotidianità (memoria autobiografica, sensibilità alla memoria e frequenza dei falli- menti cognitivi). È articolata in 10 prove: Span di cifre in avanti, Span di all’indietro, Matrici, Listening Span Test (LST) (con stimoli audio), Span con categorizzazione, Puzzle immaginativo, Completamento di frasi (con stimoli audio), Questionario sui fallimenti cognitivi, Agenda auto- biografica, Sensibilità alla memoria. Due prove di Comprensione del Testo nell’Invecchiamento (COMP) per esaminare le abilità di comprensione del testo, aspetto cru- ciale per una buona qualità di vita dell’anziano; Questionario sul Ben-essere e l’Invecchiamento (BEN) (37 item), che permette di determinare il livello di benessere percepito, inteso come soddi- sfazione personale, senso di autonomia ed autoefficacia e soddisfazione nella dimensione degli affetti e delle relazioni, negli anziani. UTILIZZO Il portfolio BAC offre una valutazione multidi- mensionale delle potenzialità dell’individuo, cen- trata tanto su componenti cognitive che emotive. I risultati ottenuti nelle differenti prove, forniscono una guida per pianificare percorsi di potenzia- mento rivolti agli aspetti cognitivi indagati (memoria o comprensione) o al vissuto di soddi- sfazione nei confronti del proprio passato (memo- ria autobiografica) e del presente (benessere). Parte del più ampio Progetto Cornaro, che riguarderà anche il recupero e il potenziamento, il portfolio di Benessere e Abilità Cognitive (BAC) raccoglie una serie di prove che permettono la valutazione di aspetti cognitivi chiave e di aspet- ti legati alla sfera emozionale, nell’età adulta e avanzata. Per rispondere al progressivo invec- chiamento della popolazione e alla necessità di avere a disposizione strumenti che consentano di valutare le risorse cognitive di cui l’individuo può disporre, particolare attenzione è stata data alla fascia di età che va dai 65 in su. Le prove consentono di far emergere, in un’ottica multi- dimensionale, le potenzialità sulle quali l’anzia- no può fare affidamento per affrontare le richie- ste della vita quotidiana. CARATTERISTICHE CHIAVE Valutazione cognitiva multidimensionale lungo un ampio arco di vita. Particolare attenzione per l’età adulta avanzata. MATERIALE 93847-A 1 Portfolio BAC € 294,00* *IVA assolta dall’Editore manuali + materiali prove AMA + prototipi fotocopiabili dei que- stionari + CD di scoring ad uso illimitato DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Adulti e anziani SOMMINISTRAZIONE AMA: 120’ COMP: 40’ BEN: 20’ Individuale COMPOSIZIONE AMA: 10 prove COMP: 2 prove BEN: 37 item CAMPIONE AMA: 304 soggetti fra i 20 e gli 88 anni COMP: 198 soggetti dai 65 anni in poi BEN: 209 soggetti fra i 60 e i 97 anni (2006-2007) QUALIFICA RICHIESTA B1 FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali software di elaborazione Strumenti correlati Lab-I p. 124 Rossana De Beni ed Erika Borella con Barbara Carretti, Cinzia Marigo e Lucia A. Nava BAC BENESSERE E ABILITÀ COGNITIVE NELL’ETÀ ADULTA E AVANZATA Un approccio funzionale all’invecchiamento: per “viver a lungo e bene” best seller formazione
  • EFFICIENZAINTELLETTIVA 112222 DATA DI PUBBLICAZIONE Lab-I:Ec: 2008 Lab-I:Em: 2009 DESTINATARI Adulti e anziani COMPOSIZIONE Lab-I:Ec: training di 10 incontri + 5 sessioni per la memoria di lavoro Lab-I:Em: training di 6 incontri a cadenza settimanale di circa due ore ciascuno preceduti da un incontro preliminare di screening CAMPIONE Lab-I:Ec: 133 adulti-anziani (52-93 anni) volontari e non affetti da patologie (2007-2008) Lab-I:Em: 24 anziani (62-82 anni) volontari e non affetti da patologie e un gruppo di giovani per controllo (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93917-X 1 Portfolio Lab-I:Ec € 167,00* 94024-J 1 Portfolio Lab-I:Em “ 66,00* 94067-D 1 Kit Lab-I (Ec + Em) “ 211,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiale per conduttore (fotocopiabile) + materiale per il par- tecipante (fotocopiabile) + materiale per il training memoria di lavoro (fotocopiabile) manuale + materiale per condut- tore (fotocopiabile) + materiale per il partecipante (fotocopiabile) Parte del Progetto Cornaro sul buon invec- chiamento, che include anche il portfolio BAC, i Lab- I forniscono, a partire da una visione multidimensio- nale e multifattoriale dello sviluppo, strumenti di ri- attivazione e potenziamento degli aspetti cognitivi ed emotivo-motivazionali e di ben-essere nell’adul- to e nell’anziano, per migliorare il sistema di memo- ria e la percezione di sé, incrementare le strategie di coping e le competenze emotive, favorire una sod- disfacente qualità della vita. CARATTERISTICHE CHIAVE Per l’età adulta avanzata. Semplicità di utilizzo. Procedura adattiva a seconda del tipo di abilità da ri-attivare e/o potenziare. Mantenimento delle abilità ri-attivate. STRUTTURA I due portfoli raccolgono attività, strumenti, esercizi e compiti per casa che il conduttore pro- pone, in un percorso di training, ai partecipanti. Lab-I: Empowerment cognitivo 10 incontri, più uno individuale preliminare: 1°-6°: valutazione iniziale delle caratteristiche cognitive e motivazionali; 7°-9°: strategie di memoria per migliorare il processo di codifica, mantenimento e recupero dell’informazione; 10°: valutazione qualitativa e quantitativa degli effetti prodotti dall’intervento. Prove adattate del portfolio BAC permettono di valutare i seguenti ambiti cognitivi: memoria a breve termine memoria a lungo termine episodica memoria a lungo termine autobiografica attenzione o inibizione intelligenza cristallizzata metacognizione ben-essere. Viene proposto, inoltre, un intervento di ri- attivazione della memoria di lavoro e dell’at- tenzione. Lab-I: Empowerment Emotivo-Motivazionale 6 incontri, più uno individuale preliminare: 1°: formazione del gruppo; 2°: sul rapporto che ciascuno ha con la pro- pria memoria autobiografica; 3°: autoefficacia nella risoluzione dei problemi e gestione delle emozioni positive o negative; 4°: sulle emozioni; 5°: analisi del costrutto di “ben-essere”; 6°: verifica del potenziamento. Prove specifiche consentono di analizzare i seguenti costrutti psicologici: resilienza autoefficacia metacognizione teoria di attribuzione e teorie incrementali speranza appresa e pensiero positivo propensione al ricordo ottimismo. UTILIZZO Gli interventi possono essere svolti in grup- po o individualmente da psicologi e operatori con formazione in psicologia dell’invecchia- mento, che potranno personalizzare il materia- le in sede di training all’interno di laboratori specializzati per la cura dell’invecchiamento. FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Strumenti correlati BAC p. 123 Rossana De Beni, Erika Borella, Cinzia Marigo ed Elena Rubini con M. Fabris, A. Indiano, R. Rizzato e F. Zanardo (Lab-I:Ec) Rossana De Beni, Cinzia Marigo, Susanna Sommaggio, Ramona Chiarini ed Erika Borella (Lab-I:Em) Lab-I: EMPOWERMENT COGNITIVO ED EMOTIVO-MOTIVAZIONALE Potenziamento cognitivo e analisi del “ben-essere” in adulti e anziani
  • AD/HD E NEUROPSICOLOGIA DEL BAMBINO
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112244 STRUTTURA DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 ADATTAMENTO ITALIANO Maria Nobile, Barbara Alberti e Alessandro Zuddas DESTINATARI Bambini e adolescenti (3-17 anni) SOMMINISTRAZIONE Forme estese: 20’ Forme brevi: 5’ Preferibilmente individuale COMPOSIZIONE CPRS-R:L: 80 item CPRS-R:S: 28 item CTRS-R:L: 58 item CTRS-R:S: 28 item CASS:L: 87 item CASS:S: 27 item CAMPIONE ITALIANO Circa 2400 soggetti in fasce di 3 anni d’età dai 3 ai 14 anni; norme USA per la fascia 15-17 QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93616-B 1 Starter kit Forma estesa € 304,00* 93617-C 1 Starter kit Forma breve » 304,00* CPRS (genitori) 93598-F 25 Moduli autoscoring CPRS-R:L » 81,25 93604-P 25 Fogli di profilo CPRS-R:L » 52,50 93599-G 25 Moduli autoscoring CPRS-R:S » 81,25 CTRS (insegnanti) 93600-H 25 Moduli autoscoring CTRS-R:L » 81,25 93605-Q 25 Fogli di profilo CTRS-R:L » 52,50 93601-L 25 Moduli autoscoring CTRS-R:S » 81,25 CASS (adolescenti: 12-17 anni) 93602-M 25 Moduli autoscoring CASS:L » 81,25 93606-R 25 Fogli di profilo CASS:L » 52,50 93603-N 25 Moduli autoscoring CASS:S » 81,25 93607-S 50 Moduli di monitoraggio per il trattamento » 67,50 93608-T 1 Manuale d’istruzioni » 74,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione (CPRS-RL/CTRS-RL/CASS-L) » 3,60 1 profilo clinico (CPRS-RL/CTRS-RL/CASS-L) » 5,50 *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 moduli + 10 profili delle 3 forme L + 20 moduli monitoraggio manuale + 15 moduli delle 3 forme S + 30 moduli monitoraggio Con item mirati a rappresentare i comporta- menti “internalizzati” ed “esternalizzati”, le CRS-R vengono principalmente impiegate per la valutazione dell’AD/HD, ma possono avere un ambito di applicazione molto più ampio, poiché contengono anche sottoscale per la valutazione di problemi di condotta, cognitivi, familiari, emotivi, di autocontrollo e d’ansia. L’abilità di valutare anche questi aspetti è di fondamentale importanza, poiché l’AD/HD si presenta spesso in comorbidità con questi problemi, in partico- lare con i problemi d’ansia e di condotta. Le CRS-R trovano numerose applicazioni: nello screening, nel monitoraggio del tratta- mento, nella ricerca e quale strumento accesso- rio clinico-diagnostico diretto. Versioni per adolescenti (CASS) Scale self-report per adolescenti (12-17 anni): Problemi familiari Problemi emotivi Pr. di condotta Pr. cognitivi/Disattenzione Problemi di autocontrollo Iperattività Indice ADHD Sintomi del DSM-IV CARATTERISTICHE CHIAVE Forme estese (L) per la diagnosi clinica e forme brevi (S) per lo screening e il retest. Aderenza ai criteri del DSM-IV: particolar- mente rilevante per l’analisi differenziale. Indice ADHD: consente di distinguere i sog- getti affetti da AD/HD dai soggetti non clinici. Approccio valutativo multimodale: la valuta- zione mette insieme più fonti d’informazione: genitori, insegnanti e, nel caso degli adolescenti, i soggetti stessi. Versioni per genitori e insegnanti comparabi- li: le forme estese contengono le stesse sottoscale, con l’eccezione di Problemi psicosomatici, permet- tendo il confronto tra le due fonti di informazione. Mappatura dei punteggi di somministrazio- ni ripetute e visualizzazione dei progressi attra- verso i moduli di monitoraggio del trattamento. CPRS-R:L CTRS-R:L CPRS-R:S CTRS-R:S CASS:S CASS:L somministrazione scoring profilo grafico Forme L Oppositività Pr. cognitivi/Disattenzione Iperattività Ansia-timidezza Perfezionismo Problemi sociali Problemi psicosomatici Indice Globale Conners Indice ADHD Sintomi del DSM-IV Versioni per genitori (CPRS-R) e insegnanti (CTRS-R) Valutano i comportamenti dei soggetti (bambini e adole- scenti) come vengono riportati da genitori e insegnanti: C. Keith Conners CRS-R CONNERS’ RATING SCALES-REVISED Lo standard per l’assessment dell’AD/HD e dei disturbi di comportamento da 3 a 17 anni
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112255 STRUTTURA Le scale per bambini si suddividono in due gruppi, in base all’età: soggetti di 3-7 anni e soggetti di 8-12 anni. La scala per adolescenti si somministra tra i 12 e i 18 anni, quella per adul- ti a partire dai 18 anni. Gli item delle scale per adolescenti e adulti sono raggruppati in 5 cluster, che rappresenta- no gli aspetti fondamentali per la diagnosi dell’AD/HD; nella versione per bambini, invece, i cluster previsti sono 6: Organizzarsi, costruire una gerarchia delle prio- rità e attivarsi nel lavoro Focalizzare, sostenere e spostare l’attenzione su compiti diversi Regolare lo stato di attivazione, sostenere lo sforzo ed elaborare velocemente le informazioni Maneggiare la frustrazione e modulare le emo- zioni Sfruttare la memoria di lavoro e la capacità di rievocazione Monitorare e autoregolare l’azione (solo nella versione per bambini). La scheda diagnostica La Scheda diagnostica aiuta il clinico a con- durre, attraverso un’intervista semi-strutturata, una valutazione diagnostica esaustiva dell’AD/HD di tipo dimensionale: i livelli di gra- vità vanno da “poco grave rispetto all’esperien- za comune” a “deficit molto grave, molto peg- giore rispetto a quello che la maggior parte delle persone potrebbe avere”. I moduli I Moduli permettono di calcolare immediata- mente i punteggi dei cluster ed un punteggio totale, dando un’indicazione globale del distur- bo rispetto ad un ampio spettro di sintomi di AD/HD. Per i bambini dai 3 ai 7 anni il modulo è compilato in eterovalutazione da un genitore o dall’insegnante; per quelli dagli 8 ai 12 esiste anche una forma in autovalutazione. Le Brown ADD Scales sono utilizzate per valu- tare i sintomi AD/HD (Attention-Deficit/ Hyperactivity Disorder), indagando una gamma di problemi cognitivi molto più ampia rispetto ai criteri proposti dal DSM-IV. Utilizzabili per tutte le fasce d’età a partire dai 3 anni, esse possono essere utilizzate: come screening iniziale per rilevare la pre- senza di un disturbo di attenzione/iperattività; come strumento diagnostico più raffinato, se integrate con i risultati di altri strumenti di misu- razione (ad esempio: WAIS-R e WISC-III); come strumento utile nella valutazione del- l’efficacia di interventi medici o di altra natura. I risultati del test possono essere integrati con i dati provenienti dai colloqui clinici e da altre metodologie di valutazione, al fine di determinare se un’analisi dei pattern dei subtest del QI soddisfi i criteri diagnostici dell’AD/HD e di mettere a punto interventi adeguati. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 EDIZIONE ITALIANA Franco Del Corno, Margherita Lang e Henri M.A. Schadee DESTINATARI Dai 3 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 10-20’ Individuale NUMERO ITEM Modulo adolescenti e adulti: 40 Modulo 3-7 anni: 44 Moduli 8-12 anni: 50 CAMPIONE ITALIANO 3-7 anni: 340 genitori + 340 insegnanti; 8-12 anni: 313 genitori + 313 insegnanti + 313 bambini 8-12 anni; adolescenti: 366 soggetti 13-18 anni; adulti: 639 soggetti con oltre 18 anni (2004-2005) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93533-S 1 Starter kit bambini e adolescenti € 296,00 93534-T 1 Starter kit adulti » 175,00 93535-U 25 Moduli autoscoring 3-7 anni: genitori » 101,25 93536-V 25 Moduli autoscoring 3-7 anni: insegnanti » 101,25 93537-Z 25 Moduli autoscoring 8-12 anni: autovalutazione » 101,25 93538-A 25 Moduli autoscoring 8-12 anni: genitori » 101,25 93539-B 25 Moduli autoscoring 8-12 anni: insegnanti » 101,25 93540-C 25 Moduli autoscoring adolescenti » 101,25 93541-D 25 Moduli autoscoring adulti » 101,25 93542-E 10 Schede diagnostiche bambini (3-12 anni) » 102,00 93543-F 10 Schede diagnostiche adolescenti » 102,00 93544-G 10 Schede diagnostiche adulti » 102,00 93545-H 1 Manuale d’istruzioni (unico per tutte le forme) » 64,00* 93615-A 1 Manuale con tabelle normative italiane » 50,70* *IVA assolta dall’Editore 2 manuali + 5 x 2 moduli 3-7 anni + 5 moduli x 3 moduli 8-12 anni + 5 moduli adolescenti + 5 schede 3-12 anni + 5 schede adolescenti 2 manuali + 15 moduli adulti + 5 schede adulti Thomas E. Brown BROWN ADD SCALES BROWN ATTENTION-DEFICIT DISORDER SCALES Per la valutazione dei disturbi AD/HD in bambini, adolescenti e adulti
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112266 valida ed economica batteria di test visuomoto- ri finalizzata a indagini preventive per soggetti dalla scuola materna fino all’età adulta. STRUTTURA Il VMI è un test “carta e matita”, in cui si ri- chiede al soggetto di copiare una sequenza evolutiva di forme geometriche: la forma com- pleta di 27 item può essere somministrata sia a gruppi che individualmente in circa 10-15 mi- nuti; per i bambini dai 3 ai 7 anni è disponibile una forma breve di 18 item, ed è suggerita la somministrazione individuale. I test supplementari Nel test di Percezione Visiva delle forme ge- ometriche, assolutamente identiche agli stimoli del VMI, devono essere scelte, una per volta tra altre che differiscono sotto qualche aspetto. Il compito consiste nell’identificare in 3 minuti il maggior numero di forme, che corrisponde a 27. Nel test di Coordinazione Motoria il compi- to consiste semplicemente nel tracciare le forme stimolo con una matita senza uscire dai margini del percorso stampato; la somministrazione ri- chiede 5 minuti. I due test supplementari, che permettono di confrontare le abilità visive con quelle motorie di un bambino, vanno somministrati individual- mente dopo il VMI: è possibile fare un confron- to statistico tra i tre test in modo semplice e im- mediato usando un profilo grafico. Il VMI, partendo dall’ipotesi di una correla- zione significativa tra abilità dei bambini di copiare forme geometriche e loro rendimento scolastico, si fonda sulla teoria che lo sviluppo dell’intelligenza e dell’apprendimento abbia base sensomotoria: i più alti livelli di pensiero e di comportamento avrebbero richiesto, secon- do questi autori, l’integrazione tra gli input sen- soriali e le azioni motorie. Il test è stato creato per la valutazione del modo in cui gli individui integrano le loro abilità visive e motorie. Le prestazioni di un bambino, ad esempio, potrebbero essere scarse perché, pur avendo adeguate abilità di percezione visiva e coordinazione motoria, potrebbe non avere ancora imparato ad integrare o coordinare i due aspetti. Oppure potrebbe essere che le abilità visive e/o motorie siano deficitarie. Il test per- mette di aiutare, tramite indagini preventive, l’i- dentificazione dei soggetti che possono aver bisogno di assistenza particolare, per prevenire o rimediare difficoltà future tramite interventi didattico-pedagogici, medici o altro. In alcuni casi i risultati del VMI aiutano semplicemente ad identificare il bisogno di servizi di vario tipo per un bambino che sembra a rischio, scopo, que- st’ultimo, che rientra tra i principali obiettivi del test. Esso può essere inoltre utile nella ricerca in ambito pedagogico, nella ricerca neuropsicolo- gica e in altre forme di ricerca di base. L’edizione del test qui presentata è caratte- rizzata dall’introduzione di due test supplemen- tari: il VMI di Percezione Visiva e il VMI di Coor- dinazione Motoria. Il VMI e i suoi due test sup- plementari costituiscono, in questo modo, una DATA DI PUBBLICAZIONE 2000 EDIZIONE ITALIANA Cristina Preda DESTINATARI 3–18 anni SOMMINISTRAZIONE 10-15’ ca. Forma completa: Individuale e collettiva Forma breve: individuale NUMERO DI ITEM Forma completa: 27 Forma breve: 18 CAMPIONE ITALIANO 264 bambini della scuola primaria (1998) [+normeUSAsu2614bambini tra i 3 e i 18 anni (1996)] QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93865-U 1 Starter kit € 244,00* 92211-V 20 Libretti forma completa » 128,00 92212-W 20 Libretti forma breve » 116,00 92213-Y 20 Libretti Percezione Visiva » 54,00 92214-Z 20 Libretti Coordinazione Motoria » 54,00 92215-A 1 Manuale di istruzioni » 70,50* *IVA assolta dall’Editore 10 libretti per ogni forma (tot.: 40 libretti) + manuale Keith E. Beery e Norman A. Buktenica VMI DEVELOPMENTAL TEST OF VISUAL-MOTOR INTEGRATION Il “Beery-Buktenica” con i test supplementari Percezione Visiva e Coordinazione motoria
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112277 VOLUMI Il Bender Gestalt Test. Diffe- renti metodi per l’attribuzio- ne del punteggio (Adriana Lis, 1996) Testo di grande utilità, descrive con precisione alcuni metodi per l’attribuzione del punteggio rela- tivamente a soggetti normali fra 4 e 11 anni ai quali il test è stato somministrato individualmente. 440 pagine. ziale e del comportamento motorio, il test si è dimostrato più efficace di altri nel differenziare le difficoltà attenzionali caratteristiche di molti pazienti deteriorati da un punto di vista psichia- trico e neurologico. STRUTTURA Il BVRT fornisce 3 forme alternative quasi equivalenti del compito (le forme C, D ed E). Ogni forma consiste di 10 disegni, ed ogni dise- gno contiene una o più figure geometriche di crescente difficoltà, che il soggetto deve ripro- durre dopo un breve tempo di osservazione. Il manuale è la traduzione dell’originale di Benton. Riconoscendo la necessità di un test di ripro- duzione di disegni a memoria adatto per un uso clinico, A. Benton creò la prima versione del Visual Retention Test, nel 1945; l’esperienza cli- nica effettuata portò, nel 1955, ad una revisio- ne completa e successivamente alla terza (1963) e quarta edizione (1974). Tale processo di con- tinua revisione e miglioramento, intrapreso per aumentare il valore del test nella pratica e nella ricerca clinica, è confermato ancora una volta dalla presente edizione (la quinta: BVRT). Negli anni il test ha costituito uno strumento clinico e di ricerca con il quale valutare la percezione visi- va, la memoria visiva e le abilità visuocostrutti- ve. Creato come misura per identificare sottili difficoltà della memoria dell’orientamento spa- Questo test si propone di rilevare lo sviluppo della funzione della gestalt visuomotoria e stu- diarne eventuali deviazioni o regressioni per- mettendo di determinare le capacità di risposta del soggetto all’ambiente in rapporto all’età. Si presentano 9 figure rappresentanti delle gestalt differenti, che il soggetto deve riprodur- re come vede. La valutazione dipende dalla forma delle figure riprodotte, dal rapporto in cui si trovano le une con le altre, dalla collocazione nello spazio e dalla successione temporale. DATA DI PUBBLICAZIONE 1979 EDIZIONE ITALIANA Lidia Morante DESTINATARI Dai 4 anni in poi SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale NUMERO DI ITEM 9 figure CAMPIONE ITALIANO 1065 soggetti fra i 4 e gli 11 anni (1995) QUALIFICA RICHIESTA B1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1981, 2000 EDIZIONE ITALIANA Stefano Ferracuti e Eleonora Cannoni DESTINATARI Dagli 8 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 5’ per forma Individuale NUMERO DI ITEM 3 forme equivalenti di 10 tavole ciascuna CAMPIONE 180 soggetti (2000) [+ norme USAsucirca1400soggettifra bambinieadulti(1963,1978)] QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 90173-W 1 Serie di disegni € 100,70 90174-X 100 Fogli di notazione » 165,00 93247-A 1 Manuale di istruzioni » 56,70* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 90089-W 1 Serie di 9 cartoncini con manualetto € 63,00 Volumi 49005-C “Il Bender Gestalt Test ...” » 54,00* *IVA assolta dall’Editore Arthur L. Benton BVRT BENTON VISUAL RETENTION TEST – REVISED L’ultima edizione del classico di Benton Lauretta Bender BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST Per cogliere la maturazione della funzione visuomotoria della gestalt
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112288 si conformano a questo genere di restrizioni metodologiche, così che le strategie adottate dal bambino nella soluzione di ciascuna prova riflettono in modo accurato lo stato del sistema funzionale target. L’obiettivo primario del TNP resta l’analisi qualitativa delle funzioni indagate. La sommini- strazione del test, perciò, non è finalizzata alla sola determinazione dei livelli prestazionali del bambino, bensì alla decifrazione dei meccani- smi di funzionamento dei sistemi neuropsicolo- gici esaminati e della loro evoluzione nel tempo. Solo in tal modo all’esaminatore sarà possibile costruire una mappa funzionale su cui tracciare i percorsi riabilitativi del bambino. CARATTERISTICHE CHIAVE Primo test in Europa che valuta la produ- zione morfosintattica e le operazioni di cal- colo implicito in età prescolare. Primo test in Europa che utilizza un conte- sto pragmatico interattivo (con la manipolazio- ne dei giocattoli) per valutare produzione, com- prensione morfosintattica e calcolo implicito. Valutazione analitica delle componenti strutturali del sistema linguistico. Valutazione delle competenze protomate- matiche e delle funzioni prassiche e visuo- percettive. Rapida somministrazione: ideale per lo screening. Valutazione clinica anche nei bambini di età superiore a quella dei dati normativi. Unica versione per tutte le fasce d’età. Il TNP è uno strumento diagnostico di con- cezione originale che analizza le funzioni lingui- stiche e cognitive nei bambini di età compresa fra i 4 e i 6 anni e mezzo e consente un’artico- lata valutazione neuropsicologica dei bambini con patologie neurologiche o con problemati- che psicopatologiche sia in ambito ospedaliero che ambulatoriale. Oltre alle competenze linguistiche, il TNP indaga le abilità protomatematiche, prassiche e visuopercettive. Per il suo impianto analitico e la rigorosa selezione degli item, esso coniuga la maneggevolezza di un test di screening con il dettaglio semeiotico dei test diagnostici più arti- colati, ma utilizzabili con difficoltà per l’impe- gno attentivo richiesto al bambino e il lungo tempo di somministrazione. La premessa con- cettuale su cui si fonda il TNP è che i disturbi lin- guistici e cognitivi del bambino siano l’espres- sione clinica di un danno del sistema nervoso centrale, siano cioè dei disturbi neurocognitivi. Le prove sono state perciò costruite per consentire un’analisi strutturale dei sistemi neuropsicologi- ci, decifrarne i meccanismi funzionali e monito- rarne la traiettoria evolutiva nel tempo. Così, una prima caratteristica del TNP è costituita dalla specifica analiticità strutturale di ogni prova, il che consente all’esaminatore un’indagine articolata delle componenti di cia- scuna delle funzioni indagate. Una seconda (e cruciale) è costituita dalla selettività funzionale delle prove, che consente di sollecitare in modo mirato i meccanismi neurofunzionali del sistema neurocognitivo indagato. Tutte le prove del TNP DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Bambini tra i 4,0 e i 6,6 anni SOMMINISTRAZIONE 25’-30’ minuti Individuale COMPOSIZIONE 10 prove CAMPIONE ITALIANO 1174 soggetti (589 maschi e 585 femmine) per 4 fasce di età (4,0-4,6; 4,7-5,0; 5,1-5,6; 5,7-6,0; 6,1-6,6) + 61 di re-test (2004-2006) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93837-Q 1 Kit TNP € 567,00 93839-S 25 Protocolli di registrazione » 55,00 93838-R 1 Manuale di istruzioni » 35,70* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiale test + 25 protocolli Giuseppe Cossu e Emanuela Paris TNP TEST NEUROPSICOLOGICO PRESCOLARE Uno strumento unico in Europa per la valutazione neuropsicologica in età prescolare best seller formazione
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 112299 Soggetti con ritardo cognitivo La mancanza di correlazione tra CPM e le prove neuropsicologiche del TNP documenta la selettività delle prove utilizzate, la loro spe- cificità e indipendenza, poiché dimostra che il controllo delle competenze indagate non è influenzato dall’intelligenza generale. Questo significa che il TNP conserva appieno la sua validità anche nella valutazione di bambini che possono avere un ritardo intellettivo e che il suo uso non è limitato a bambini di intelligen- za nella norma. Il materiale La somministrazione delle varie prove ricor- re all’uso di giocattoli, cartoncini colorati, pan- nelli, ecc., il tutto raccolto in una valigetta. La variabilità delle situazioni proposte, la brevità delle prove e, soprattutto, l’uso di contesti prag- matici accattivanti (con l’utilizzo dei giocattoli) favoriscono il coinvolgimento del bambino e conservano la sua attenzione nella soluzione dei “giochi”. UTILIZZO Le caratteristiche di analiticità e brevità del TNP ne fanno dunque un ideale strumento per lo screening clinico. Per la natura delle funzioni indagate e per l’arco cronologico considerato, l’uso del TNP può essere esteso produttiva- mente alla valutazione neuropsicologica in ambito logopedico e psicomotorio, oltre che in ambito pedagogico per lo screening prescolare dei disturbi di apprendimento. Il test consente anche un monitoraggio lon- gitudinale del livello di sviluppo linguistico e neuropsicologico in bambini con disturbi neuro- cognitivi o con sospetto di ritardo cognitivo. Il TNP, infine, può essere utilizzato per moni- torare l’evoluzione neuropsicologica dei bambi- ni in riabilitazione, valutando l’efficacia degli interventi svolti. STRUTTURA Il TNP è composto di 10 prove, somministra- bili nel loro insieme, con un bambino collaboran- te e un esaminatore esperto, in circa mezz’ora. Le peculiari procedure di somministrazione delle varie prove consentono di catturare stabilmente l’attenzione del bambino. Le prove Il TNP è composto di 10 prove, per la valu- tazione delle seguenti funzioni: Funzioni verbali: – Comprensione lessicale – Produzione lessicale – Comprensione morfosintattica – Produzione morfosintattica – Ripetizione di non-parole. Funzioni prassiche: due prove di Copia da figura (una casa e un orologio). Funzioni visuopercettive: prova di Sintesi gno- sica con riconoscimento forzato di 12 figure parcellari. Funzioni protomatematiche: – Conta in ordine sparso, con valutazione del valore cardinale – Calcolo implicito. Taratura La scelta del periodo prescolare (età 4-6,6 anni), come target normativo, permette di individuare precocemente i deficit linguistici e neuropsicologici prima che essi producano effetti negativi non più reversibili nelle succes- sive età scolari. Con una diagnosi precoce dei disturbi neuropsicologici, il lavoro di riabilita- zione può produrre risultati positivi per la ele- vata modificabilità del sistema neurocognitivo conseguente alla plasticità cerebrale. Per tali ragioni, potendo disporre di uno strumento diagnostico affidabile, la prevenzione dei disturbi neurocognitivi, diviene un obiettivo concretamente raggiungibile attraverso l’azio- ne convergente dei pediatri di famiglia e della scuola. Il TNP offre una tale opportunità poiché dispone di un’ampia casistica normativa (oltre che di una sistematica verifica nella pratica cli- nica): complessivamente 1235 bambini, suddi- visi in 5 fasce di età. TNP
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 113300 NNOOVVIITTÀÀ 3. Memoria e Apprendimento: 7 test per valuta- re diversi aspetti della memoria e dell’apprendi- mento verbale e non-verbale, includendo prove di memoria immediata e di memoria differita. 4. Funzioni sensorimotorie: 4 test per valutare la rapidità e la precisione motoria, la pianificazione e l’esecuzione di sequenze complesse di movi- menti, la coordinazione bimanuale, la coordina- zione visuomotoria e l’imitazione di gesti. 5. Percezione sociale: 2 test per valutare l’identifi- cazione delle espressioni facciali e la capacità di decodificare e interpretare le intenzioni degli altri. 6. Elaborazione visuospaziale: 6 test per valutare la capacità di discriminazione di oggetti, di elabo- razione globale e locale di stimoli visivi e di rap- presentazione mentale di oggetti, il giudizio di orientamento di linee, l’orientamento destra-sini- stra, la comprensione delle relazioni reciproche tra oggetti nello spazio e le abilità costruttive. UTILIZZO È il clinico che sceglie il livello di somministra- zione! La NEPSY-II permette, infatti, di sommini- strare singole prove oppure gruppi di test o anche l’intera batteria, a seconda delle richieste di valutazione e delle ipotesi diagnostiche. Assessment generico: richiede 45’ per le età prescolari e circa un’ora per i bambini più gran- di, e fornisce una valutazione breve su 5 domini (è esclusa Percezione sociale). Assessment diagnostico e selettivo: varia a seconda dei test utilizzati e dei problemi accu- sati dai bambini, e fornisce una valutazione in profondità di aree rilevanti per certe categorie diagnostiche o delle aree desiderate dal clinico. Assessment completo: richiede 90’ per le età prescolari e sino a 2 o 3 ore per le i soggetti più grandi, fornendo una valutazione completa dello stato neuropsicologico. DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Cosimo Urgesi, Fabio Campanella, Franco Fabbro DESTINATARI Dai 3 ai 16 anni SOMMINISTRAZIONE 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3 ore per i soggetti in età scolare Individuale COMPOSIZIONE 33 test, 4 con condizioni differite CAMPIONE ITALIANO 800 bambini dai 3 ai 16 anni (405 bambine e 395 bambini) (2008-2011) QUALIFICA RICHIESTA C MATERIALE 94274-Z 1 Kit NEPSY-II € 1250,00 94275-A 25 Protocolli di registrazione 3-4 anni » 50,00 94278-D 25 Protocolli di registrazione 5-16 anni » 60,00 94279-E 25 Protocolli di somministrazione 3-4 anni » 75,00 94280-F 25 Protocolli di somministrazione 5-16 anni » 122,50 94284-L 1 Manuale di somministrazione » 76,00* 94285-M 1 Manuale taratura italiana » 76,00* *IVA assolta dall’Editore materiale test + 25x2 protocolli 3-4 anni + 25x2 protocolli 5-16 anni + manuale + man. italiano Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp NEPSY-II La batteria di più nota a livello internazionale per valutare lo sviluppo neuropsicologico in età evolutiva La NEPSY-II è l’unico strumento che permette al clinico di svolgere assessment neuropsicologici ad hoc in 6 domini differenti, per bambini e ragazzi dai 3 ai 16 anni, mettendo in grado di accertare abilità cognitive o i tipici disturbi gene- ralmente diagnosticabili per la prima volta duran- te l’infanzia, così da giungere a diagnosi accurate e a pianificare gli interventi necessari al recupero per la piena funzionalità a scuola e a casa. CARATTERISTICHE CHIAVE Flessibilità di somministrazione. Valutazione comprensiva dei principali domini di funzionamento cognitivo. Consente di mettere in luce difficoltà scola- stiche, sociali e comportamentali. Integrazione dei punteggi con osservazio- ni comportamentali. STRUTTURA 33 test per 6 differenti domini cognitivi: 1. Attenzione e Funzioni esecutive: 7 test per valu- tare l’abilità di inibire risposte automatiche apprese, di monitorare e autoregolare i propri comportamenti e le proprie risposte, l’attenzione selettiva e sostenuta, l’abilità di comprendere, generare, mantenere o cambiare un insieme di regole di risposta, le abilità di soluzione di pro- blemi non-verbali, l’abilità di pianificare e orga- nizzare risposte complesse. 2. Linguaggio: 7 test per valutare l’elaborazione fonologica, la denominazione, la comprensione a diversi livelli di complessità sintattica, il recupero e la produzione libera di parole dalla memoria semantica, la coordinazione oromotoria.
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 113311 La batteria AU È composta di 5 prove: una per la valutazione dell’attenzione soste- nuta (ACPT), che è un adattamento alla moda- lità uditivo-verbale del classico compito di conti- nuous performance e consiste di una lista di 100 parole fra cui un target da individuare presenta- to venti volte e diciannove distrattori ripetuti; due per l’attenzione selettiva (TS1, TS2), diverse per carico cognitivo, che consistono nel proporre per un tempo ridotto delle liste di parole in cui individuare dei target, ma con la presentazione simultanea sul canale uditivo non dominante di informazioni concorrenti. In entrambe le tre condizioni distraenti hanno peso crescente: una a bassa interferenza (melo- dia), una a media interferenza (brano di notizia- rio tratto da un telegiornale) e una ad alta inter- ferenza (racconto di una storia); due per lo shifting (SH1, SH2) che prevedono l’individuazione di un doppio target combinando stimoli sonori di vario tipo (parole, versi di anima- li e motivi musicali) a livelli diversi di complessità. La batteria MeLF Questa batteria è composta di 4 prove: ripetizione non parole (RipNP), che consiste nella ripetizione di 40 non parole diverse per lun- ghezza, complessità fonologica e wordlikeness; memoria di cifre (MC), rappresenta il classico compito di ripetizione di sequenze di cifre di numerosità crescente nel medesimo ordine in cui si sono udite; confronto di serie di non parole (CSNP), che consiste nel confrontare tra loro coppie di serie di non parole presentate in blocchi di numero- sità crescente; ricordo di non parole (RicNP), che propone un compito di ricordo immediato di non parole presentate in 5 liste successive a numerosità cre- scente. Supportato dalla dimostrazione della sua cru- cialità nelle fasi precoci dell’acquisizione delle competenze linguistiche (soprattutto di tipo les- sicale), l’interesse della neuropsicologia si è recentemente focalizzato sull’attenzione uditiva, il cui ruolo si integrerebbe con quello svolto dai processi di gestione dell’informazione verbale a breve termine (memoria di lavoro). All’interno di tale filone sono state costruite in Italia, sulla base di modelli anglosassoni: la Batteria per la Valutazione dell’Attenzione Uditiva (AU), con prove che analizzano separata- mente le diverse componenti processuali dell’at- tenzione uditiva individuate, privilegiando l’anali- si dell’attenzione sostenuta, dell’attenzione selet- tiva e del processo di shifting; la Batteria per la Valutazione della Memoria di Lavoro Fonologica (MeLF), che si propone di valutare specificatamente il funzionamento del loop fonologico, implicato nell’elaborazione di materiale verbale e comprendente due sotto- componenti: il magazzino fonologico e il pro- cesso di reiterazione articolatoria. STRUTTURA Le prove, raccolte in CD-Rom (uno per la AU e due per la MeLF), sono presentate con moda- lità uditivo-verbale, e sono generalmente prece- dute da un pre-test che serve ad abituare il sog- getto al tipo di compito proposto. DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 DESTINATARI Bambini dai 4 anni SOMMINISTRAZIONE ACPT: 11’ ca. TS1 e TS2: 4’ ca. ciascuna SH1 e SH2: 3’ ca. ciascuna MeLF: libero Individuale NUMERO DI ITEM ACPT: 100 X 4. TS1 E TS2: 46 X 3 SH1: 92 SH2: 128 Rip NP: 40 MC: 54 CSNP: 42 RicNP: 30 CAMPIONE ITALIANO AU: 190 bambini tra i 4 e gli 8 anni MeLF: 360 bambini tra i 5 e i 12 anni QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93546-L 1 Kit VAUMeLF € 274,00 *IVA assolta dall’Editore 3 CD per le prove + manuale + prototipi foto- copiabili dei protocolli di notazione FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Beatrice Bertelli e Giovanni Bilancia VAUMELF BATTERIE PER LA VALUTAZIONE DELL’ATTENZIONE UDITIVA E DELLA MEMORIA DI LAVORO FONOLOGICA NELL’ETÀ EVOLUTIVA Per un esame modalità-specifico dello sviluppo nella costruzione delle competenze verbali
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 113322 DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Bambini dai 5 agli 11 anni SOMMINISTRAZIONE Due ore circa, anche in due giornate distinte Individuale COMPOSIZIONE 11 prove CAMPIONE ITALIANO 709 bambini (356 maschi e 353 femmine) tra i 5 e gli 11 anni QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93707-W 1 Kit PROMEA € 359,00* 93705-U 25 Protocolli di registrazione e profilo » 88,75 93706-V 1 Manuale di istruzioni » 39,90* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiale per le prove + 25 protocolli Lo sviluppo delle competenze di memoria è stato oggetto di numerosi studi e, in pochi decenni, le conoscenze sull’argomento sono evolute notevolmente con la definizione di un insieme di fattori, interni ed esterni al bambino, in grado di influenzare lo sviluppo di tali capa- cità. Fra questi vi sono la velocità di processa- mento, l’uso di strategie di memoria per miglio- rare l’efficacia della codifica, della ritenzione e del recupero, la metamemoria e l’ampliarsi delle conoscenze con l’età. PROMEA è una batteria di test nata proprio dalla necessità di poter dispor- re di una valutazione della memoria nelle sue diverse componenti. È rivolta a bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni e pertanto le prove di cui è compo- sta sono realizzate con materiale visivo, spaziale e verbale adeguato alla fascia d’età considerata. È ricca inoltre di immagini colorate che si pro- pongono di motivare il bambino nell’esecuzio- ne dei compiti richiesti. CARATTERISTICHE CHIAVE Valuta le diverse componenti della memoria. Ampia fascia di età (5-11 anni). Standardizzazione su ampio campione. Facilità di somministrazione. STRUTTURA La batteria è composta da undici prove, di cui quattro per la memoria a breve termine e sette per la memoria a lungo termine, delle quali cinque per la componente esplicita/ dichiarativa e due per quella implicita. Prove di memoria a breve termine 1. Ripetizione di non parole (materiale verbale) 2. Span verbale (materiale verbale) 3. Span visivo (materiale figurativo su CD) 4. Span spaziale (materiale figurativo su CD). Prove di memoria a lungo termine (compo- nente esplicita/dichiarativa) 1. Apprendimento verbale (materiale verbale) 2. Apprendimento visivo (materiale figurativo) 3. Apprendimento spaziale (materiale figurativo) 4. Memoria logica (Raccontino) (materiale verbale) 5. Memoria semantica (CAT) (materiale verbale). Prove di memoria a lungo termine (compo- nente implicita) 1. Completamento di stem (materiale verbale) 2. Figure degradate (materiale figurativo). Il tempo necessario per la somministrazione, individuale, è di circa 2 ore, ma può essere sud- divisa in due momenti distinti per evitare l’affa- ticamento del bambino. Ciascuna prova può anche essere utilizzata singolarmente. UTILIZZO La batteria si propone di indagare in manie- ra più dettagliata le abilità mnesiche a breve e a lungo termine, utilizzando separatamente materiale verbale, visivo e spaziale. Vengono, inoltre, distinti gli aspetti espliciti e quelli impli- citi dell’apprendimento a lungo termine. In neuropsicologia dello sviluppo, PROMEA offre la possibilità pertanto non solo di delineare e descrivere, nella clinica, specifici profili evolutivi mnesici ma anche di impostare modalità tera- peutiche più mirate ed efficaci. Stefano Vicari PROMEA PROVE DI MEMORIA E APPRENDIMENTO PER L’ETÀ EVOLUTIVA Una batteria globale di valutazione della memoria per bambini dai 5 agli 11 anni
  • AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 113333 DATA DI PUBBLICAZIONE 2000 TRADUZIONE ITALIANA Eugenio Mercuri ed El. Mercuri Edita da: The Psychological Corporation UK DESTINATARI Dai 4 ai 12 anni SOMMINISTRAZIONE 20-30 minuti Individuale COMPOSIZIONE 8 prove di performance per 4 fasce d’età + 60 item d’osservazione CAMPIONE Test: 1234 bambini (età 1: 493; 2: 264; 3: 257; 4: 220) (USA, 1991) Checklist:osservazionesu300 bambini (150 maschi + 150 femmine, fra i 6 e i 10 anni d’età) (UK, 1992) QUALIFICA RICHIESTA B1 Sheila E. Henderson e David A. Sugden MOVEMENT ABC BATTERIA PER LA VALUTAZIONE MOTORIA DEL BAMBINO Lo strumento diagnostico più venduto per la valutazione delle difficoltà motorie STRUTTURA La Movement ABC è composta di due parti: un test di performance, costruito per essere sommini- strato individualmente e che richiede al bambino di eseguire una serie di compiti motori, semplici e divertenti, in modo standardizzato (varie prove di abilità manuale, giochi con la palla e abilità di equilibrio), ed una checklist di osservazione che deve essere completata da un adulto (genitore, insegnante, esaminatore), che sia familiare con l’attività motoria quotidiana del soggetto. Il kit contiene tutti i materiali e gli oggetti necessari per le prove. Il manuale include una parte dedicata a “L’approccio cognitivo-motorio all’intervento”. Il test di performance In totale la batteria prevede 32 prove organiz- zate in gruppi di otto tipologie di compiti, per cia- scuna fascia d’età. Le tipologie di compito sono: destrezza manuale, abilità con la palla, equilibrio statico ed equilibrio dinamico. Le fasce d’età sono: 1 (4-6 anni), 2 (7-8 anni), 3 (9-10 anni), 4 (11-12 anni). Le prove forniscono un punteggio grezzo, confrontabile con dati di riferimento ottenuti su un campione normale. Il punteggio globale, che si riferisce all’intero test, esprime il livello di abilità motoria del bambino. La checklist di osservazione La checklist consiste di 48 item relativi al comportamento del soggetto, divisi in quattro sezioni, (bambino stazionario/ambiente stabile, bambino in movimento/ambiente stabile, bambi- no stazionario/ambiente che cambia, bambino in movimento/ambiente che cambia), ciascuna delle quali considera la performance del sog- getto in situazioni progressivamente più com- plesse. Inoltre essa include una sezione di altri 12 item relativa a problemi comportamentali correlati con le difficoltà motorie, che permette di valutare quanto gli atteggiamenti del bam- bino (timidezza, passività, impulsività, soprav- valutazione della propria abilità, ecc.) influen- zino le sue performance motorie. La Movement ABC, prodotta nella versione italiana da Pearson Assessment, è stata ideata per identificare e quantificare difficoltà del movi- mento che potrebbero influenzare l’integrazione scolastica e sociale del bambino. Essa fornisce uno strumento utile sia per operazioni di scree- ning che nelle valutazioni individuali, ed offre la possibilità di valutare la presenza di difficoltà motorie nell’intera classe, identificando i bambi- ni “a rischio”. Inoltre, riesce a dimostrare non solo la presenza di alterazioni motorie in sogget- ti con sindromi neurologiche riconosciute, come paralisi cerebrali, ma riesce anche ad identificare bambini con segni neurologici minori, come la disprassia e l’impaccio motorio. MATERIALE 93266-V 1 Kit Movement ABC (scala + manuale + 50 liste di controllo + 10 moduli di registrazione per ogni fascia d’età) € 1127,00 93267-W 25 Moduli di registrazione fascia d’età 1 » 162,50 93268-Y 25 Moduli di registrazione fascia d’età 2 » 162,50 93269-Z 25 Moduli di registrazione fascia d’età 3 » 162,50 93270-A 25 Moduli di registrazione fascia d’età 4 » 162,50 93401-S 50 Liste di controllo con foglio istruzioni » 75,00 *IVA assolta dall’Editore L’edizione italiana è una traduzione dell’originale, non corredata di adattamento: le norme di riferimento sono quelle britanniche. PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € PREZZO RIBASSATO! € € € Costi ridotti di importazione
  • DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 DESTINATARI Bambini dai 5 agli 11 anni SOMMINISTRAZIONE Due ore circa, anche in due giornate distinte Individuale COMPOSIZIONE 11 prove CAMPIONE ITALIANO 709 bambini (356 maschi e 353 femmine) tra i 5 e gli 11 anni QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 94333-P 1 Kit GAP-T € 608,00 94334-Q 50 Griglie di registrazione » 25,00 94335-R 1 Manuale di istruzioni » 32,00* *IVA assolta dall’Editore materiale per il test + manuale + 50 gri- glie Nei primi anni di vita, i bambini dispongo- no di capacità strumentali e scientifiche straor- dinarie; questo strumento propone prove che valutano la competenza nell’uso di oggetti di impiego quotidiano in età precoce, per indivi- duare tempestivamente la presenza di diffi- coltà prassiche. Le prove, ideate pensando ad azioni della vita quotidiana del bambino, quali abbigliamento, alimentazione, attività di gioco, abilità costruttive, grafismo, abilità con la palla, non riguardano soltanto le funzioni motorie, ma anche quelle cognitive e visive, e l’integrazione fra queste. Esse coinvolgono la capacità imitativa, la coordinazione, la rappre- sentazione mentale delle azioni, la capacità di “pensare” ed “eseguire” sequenze più o meno articolate. CARATTERISTICHE CHIAVE Consente di delineare il profilo di funzio- namento del soggetto, evidenziando eventua- li difficoltà motorio-prassiche. Distinzione fra due livelli diversi di presta- zione (esecuzione autonoma e con facilitazione). Flessibilità e facilità di utilizzo, che copre un ampio periodo cronologico e permette l’in- dagine preventiva nella scuola dell’infanzia. STRUTTURA La GAP-T è composta da 45 prove, utilizza- bili in ambito scolastico e riabilitativo, ordinate secondo un criterio di regolarità e gradualità delle acquisizioni prassiche, e suddivise in 9 fasce d’età corrispondenti ad un intervallo di 6 mesi l’una, da 1 anno ai 5.6 anni, con un periodo particolarmente informativo tra i 2 e i 4 anni. Il test, oltre alla determinazione di un livello prestazionale del bambino, permette un’analisi qualitativa della funzione indagata, fornendo utili indizi sulla modalità di procedere nella riso- luzione del compito, sulle strategie adottate e sulla capacità di sfruttare una facilitazione data dall’operatore per ampliare la prestazione (si assegnano punteggi distinti per l’Esecuzione autonoma e per l’Esecuzione con facilitazione). In questo modo si hanno indicazioni utili per l’in- tervento riabilitativo. Il kit Il materiale della GAP-T si compone di tutti gli oggetti (salvo quelli di uso molto comune e di immediata reperibilità da parte dell’operatore), necessari all’esecuzione del test. Presentati in forma di gioco, i compiti dati al bambino preve- dono la manipolazione degli oggetti per la repli- ca di azioni semplici e quotidiane (mettersi gli occhiali, usare il cucchiaio in modo appropriato, allacciare/slacciare una fibbia, ecc.). UTILIZZO Nel campo della prevenzione, il test può esse- re utilizzato nella scuola dell’infanzia per rilevare il livello di sviluppo della competenza prassica raggiunto dal bambino, individuare precoce- mente un eventuale ritardo di sviluppo delle abi- lità prassiche e valutare l’evoluzione delle stesse. In ambito clinico il test è essenziale, sia a fine valutativo che riabilitativo, per la valutazione di bambini con un disturbo nell’area neuropsichiatri- ca (disturbi del linguaggio e dell’attenzione e ipe- rattività, sindromi genetiche, ritardo cognitivo, disturbi generalizzati dello sviluppo e della coordi- nazione motoria, ritardo psicomotorio, patologie neuromotorie di grado lieve-moderato). È molto utile nello screening clinico longitu- dinale di bambini appartenenti a popolazioni a rischio, come ad esempio, i prematuri. Paola Rampoldi e Maria Letizia Ferretti GAP-T GRIGLIA DI ANALISI DELLE PRASSIE TRANSITIVE Per valutare e quantificare le competenze prassiche nelle prime fasi della loro acquisizione AD/HDENEUROPSICOLOGIADELBAMBINO 113344 NNOOVVIITTÀÀ
  • ICF e DISABILITÀ
  • ICFEDISABILITÀ 113366 Struttura a “portfolio”: i 34 strumenti possono essere utilizzati in maniera indipendente gli uni dagli altri, permettendo di scegliere – di volta in volta – quelli più adatti ad un determinato contesto. Valutazione del trattamento: le prove sono state progettate per monitorare e ottimizzare decisioni e provvedimenti riguardanti l’abilita- zione/riabilitazione del soggetto. Testing multimodale grazie alla possibilità di avere valutazioni “incrociate” sul soggetto con auto ed eterovalutazioni delle aree indagate. Valutazione della qualità della vita dei care- giver perché un maggior senso di autoefficacia permette di aiutare meglio il soggetto disabile. STRUTTURA Gli strumenti sono raccolti in due volumi. Valutazione delle abilità funzionali nella vita quotidiana (risorse e punti di forza) e dei punti di debolezza (comportamenti disadattivi, deterioramento cognitivo e problematiche psico- patologiche) di adolescenti o adulti che beneficia- no dei trattamenti programmati dai servizi. Valutazione della qualità della vita, per una stima dei livelli di soddisfazione di persone con disabilità (auto ed eterovalutazione dei caregi- ver), dei loro operatori e familiari (autovaluta- zione). Valutazione delle abilità sociali sia tramite osservazione diretta (griglie di osservazione 2. 1. ASTRID raccoglie un insieme di strumenti messi a punto all’interno del Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca Handicap, Disabilità e Riabilita- zione dell’Università di Padova e sperimentati in attività di consulenza e supervisione in numerosi servizi di riabilitazione del Nord e Centro Italia. Gli ambiti essenziali alla conduzione di una vita sufficientemente autonoma e indipendente riguardano le capacità cognitive di base, le capa- cità di compiere movimenti e spostamenti, di cogliere segnali e messaggi e di fornirli, di man- tenere delle relazioni essenziali con le persone del proprio ambiente e di provvedere alla cura di sé, all’alimentazione, alla cura dell’ambiente di vita e di svolgere delle mansioni anche semplici richie- ste dall’ambiente scolastico o lavorativo. I settori indagati da ASTRID, dunque, riguardano princi- palmente il funzionamento sociale e personale, l’adattamento, l’autodeterminazione, la qualità della vita e l’integrazione comunitaria. CARATTERISTICHE CHIAVE Riferimento all’ICF (diagnosi funziona- le): fornisce referti personalizzati che consen- tono, tramite punteggi standardizzati e/o cri- teriali, la diagnosi del funzionamento del sog- getto, partendo da un’ottica che pone l’ac- cento sulle capacità del soggetto oltre che sulle sue disabilità. Finalizzato all’integrazione: fornisce agli operatori i mezzi per l’integrazione del disabile nel contesto scolastico, lavorativo e quotidiano. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Bambini, adolescenti e adulti disabili SOMMINISTRAZIONE Circa 15-20’ ogni questionario Da 40 a 90’ per ogni griglia di osservazione COMPOSIZIONE Volume 1: 13 strumenti Volume 2: 21 strumenti CAMPIONE Campioni vari di soggetti disabili e non (2004-2006) QUALIFICA RICHIESTA A2 FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Strumenti correlati ASTRID-OR p. 138 Salvatore Soresi e Laura Nota (a cura di) ASTRID PORTFOLIO PER L’ASSESSMENT, IL TRATTAMENTO E L’INTEGRAZIONE DELLE DISABILITÀ Trentaquattro strumenti per la diagnosi funzionale e il trattamento delle disabilità
  • ASTRID ICFEDISABILITÀ 113377 delle interazioni, griglie di analisi di roleplay e problem-solving relazionale), che indiretta (questionari di auto ed eterovalutazione dei caregiver) di disabili di tutte le età. Valutazione dell’integrazione scolastica tra- mite osservazione diretta (griglie di osserva- zione delle interazioni) e indiretta (rilevazioni sociometriche e questionario per l’analisi dell’in- tegrazione scolastica). Valutazione dell’autodeterminazione (capa- cità di decision-making autonomo) di disabili dagli 11 anni in poi. Tali strumenti facilitano la programmazione delle attività di abilitazione/riabilitazione, oltre a fornire indicazioni sulla qualità delle esperienze di inseri- mento ed integrazione delle persone disabili. I materiali Sia i questionari che le checklist, le interviste semi- strutturate e le griglie di osservazione, con relati- vi referti personalizzati, sono prototipi per i quali è data l’autorizzazione alla riproduzione tramite fotocopia. A ogni strumento sono allegati manua- le e criteri di correzione ed interpretazione. QQ Abilità funzionali VaLiAb: valutazione del livello di abilità inerenti alle attività della vita quotidiana di soggetti con disabilità intellettiva (questionario; adulti) QQ Punti di debolezza VaCoDis: valutazione dei comportamenti disadattivi (checklist; tutte le età) QDRM – Questionario per la Valutazione del Deterioramen- to nel Ritardo Mentale (questionario; adulti) FBF Schedule: valutazione delle problematiche psicopatolo- giche (questionario; adulti) QQ Qualità della vita La mia vita da studente: analisi della qualità della vita sco- lastica (questionario; 11-19 anni) QdV – Questionario sulla Qualità della Vita (autovaluta- zione; adulti) QdVarm-O/QdVarm-G: scale di eterovalutazione della qualità della vita (operatori e genitori) (questionari; adulti) Griglia per l’analisi delle condizioni oggettive di vita (checklist; adolescenti e adulti) La soddisfazione degli operatori: analisi dei livelli di sod- disfazione sperimentati da coloro che lavorano con per- sone disabili (autovalutazione; questionario) Lavorare con persone disabili: analisi dei livelli di autoeffi- cacia professionale degli operatori (autovalutazione; que- stionario) La mia vita da genitore: analisi della qualità della vita dei genitori (questionario) Quanta fiducia ho in me?: analisi delle credenze di effica- cia dei genitori (autovalutazione; questionario) MATERIALE 93627-N 1 Portfolio ASTRID (manuali + prototipi degli strumenti con autorizzazione a fotocopiare + cartoncini item e problem-solving + griglie di correzione) € 718,00* *IVA assolta dall’Editore QQ Abilità sociali (osservazione diretta) Griglie di osservazione diretta dei comportamenti ludici, in contesti prescolastici e in contesti protetti (3 griglie; bambi- ni, adolescenti e adulti) Roleplay assessment per tre tipi diversi di attività: esprimere un desiderio, un’opinione contraria e far fronte all’insistenza altrui (3 griglie; bambini, adolescenti e adulti) Problem-solving relazionali per bambini con e senza lievi dif- ficoltà cognitive e per adulti con lievi difficoltà cognitive (3 griglie) QQ Abilità sociali (osservazione indiretta) Come mi comporto con gli altri?: autovalutazione delle abi- lità sociali (questionario; 8-19 anni) VAS/VASarm: eterovalutazione delle abilità sociali, per bam- bini dai 3 anni e adolescenti (VAS) e per adulti con disabilità intellettiva (VASarm) (questionari) Checklist per l’analisi dei comportamenti assertivi (tutte le età) QQ Integrazione scolastica (osservazione diretta) Griglie di osservazione diretta dell’interazione fra soggetti disabili e non in contesti scolastici, dei comportamenti cen- trati e non centrati sul compito, dell’integrazione nel gruppo classe e dell’interazione insegnante-allievo (4 griglie; bambi- ni e adolescenti) QQ Integrazione scolastica (osservazione indiretta) Matrice sociometrica per l’analisi dell’integrazione scolastica (griglia; bambini e adolescenti) QAIS – Questionario per l’Analisi dell’Integrazione Scolastica per classi con e senza disabili (bambini e adolescenti) QQ Autodeterminazione SVA 11-19 anni/SVAarm – Scale di Valutazione dell’Autodeterminazione (questionari; adolescenti e adulti) Gli strumenti 1 2
  • ICFEDISABILITÀ 113388 ASTRID-OR è il complemento naturale di ASTRID e, come questo, raccoglie strumenti messi a punto dal Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca Handicap, Disabilità e Riabilitazione dell’Università di Padova e sperimentati in atti- vità di counseling e orientamento in numerosi servizi. Finalizzato all’inserimento professionale, che ha particolare rilevanza per l’apporto che il lavoro deve fornire all’innalzamento dei livelli di autonomia delle persone con menomazioni e all’incremento della soddisfazione di vita, ASTRID-OR prende in considerazione le rappre- sentazioni che i disabili hanno dei concetti del lavoro, il proprio senso di autoefficacia profes- sionale, le capacità di problem-solving e deci- sion-making, gli interessi e gli atteggiamenti verso il proprio futuro lavorativo. CARATTERISTICHE CHIAVE Finalizzato all’integrazione: fornisce agli operatori i mezzi per l’integrazione del disabile nel contesto lavorativo. Struttura a “portfolio”: i 43 strumenti pos- sono essere utilizzati in maniera indipendente gli uni dagli altri. Valutazione del trattamento: le prove sono state progettate per monitorare e ottimizzare decisioni e provvedimenti riguardanti l’abilita- zione/riabilitazione del soggetto. Testing multimodale grazie alla possibilità di avere valutazioni “incrociate” sul soggetto con auto ed eterovalutazioni delle aree indagate. STRUTTURA Gli strumenti, questionari e interviste semi- strutturate da proporre a familiari o altre figure significative, sono raccolti in due volumi: Valutazione dei concetti di lavoro, studio e tempo libero, per la verifica della consapevo- lezza di tali realtà come attività preliminare alle successive di orientamento. Valutazione della decisione/indecisione sco- lastico-professionale associata a scarsa cono- scenza su di sé e sulla realtà scolastico-profes- sionale, a scarsa competenza decisionale e a pensieri disfunzionali sul problema della scelta. Valutazione del senso di efficacia, sia in auto- valuazione (autoefficacia) sia attraverso interviste a familiari e educatori (eterovalutazione). 1. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Soggetti disabili dagli 11 anni all’età adulta SOMMINISTRAZIONE Circa 15-20’ ogni questionario Da 40 a 90’ per ogni griglia di osservazione COMPOSIZIONE Volume 1: 23 strumenti Volume 2: 20 strumenti CAMPIONE Campioni vari di soggetti disabili e non (2004-2006) QUALIFICA RICHIESTA A2 FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Strumenti correlati ASTRID p. 136 MATERIALE 93686-Z 1 Portfolio ASTRID-OR (manuali + prototipi degli strumenti con autorizzazione a fotocopiare + griglie di correzione) € 718,00* *IVA assolta dall’Editore Salvatore Soresi e Laura Nota (a cura di) ASTRID-OR PORTFOLIO PER L’ASSESSMENT, IL TRATTAMENTO E L’INTEGRAZIONE DELLE DISABILITÀ E ORIENTAMENTO La prima raccolta di strumenti per l’orientamento dei disabili
  • ICFEDISABILITÀ 113399 Valutazione delle capacità di valutazione delle situazioni problematiche (problem-sol- ving professionale) e delle credenze al riguardo, sia da parte del soggetto che dei care-giver. Valutazione degli stili decisionali, tramite que- stionari di autovalutazione, interviste e presen- tazione di dilemmi decisionali in situazione di simulazione. Valutazione degli interessi, delle credenze di efficacia professionale e delle probabilità di realizzazione, per mettere in relazione preferen- ze espresse e concrete possibilità di attuazione. Valutazione dei valori e delle motivazioni professionali, come approfondimento delle finalità e dei bisogni che la persona esprime. Valutazione delle abilità sociali inerenti al lavoro: analisi dei comportamenti sociali sul 2. posto di lavoro e del grado di competenza sociale espressa nelle interazioni lavorative. Analisi delle idee irrazionali sul proprio futu- ro professionale, per intervenire su quei pen- sieri “bloccanti” che non aiutano a riflettere in modo adeguato. Valutazione dello sviluppo professionale tra- mite la discussione di alcuni case study. I materiali Sia i questionari che le checklist, le interviste semistrutturate e le griglie di osservazione, con relativi referti personalizzati, sono prototipi per i quali è data l’autorizzazione alla riproduzione tramite fotocopia. A ogni strumento sono alle- gati manuale e criteri di correzione ed interpre- tazione. QQ Rappresentazione del lavoro, studio e tempo libero Il mio presente e il mio futuro (autovalutazione) e Il presente e il futuro di_____ (eterovalutazione): un’introduzione all’at- tività di orientamento (questionari; adolescenti e adulti) Griglia per l’analisi delle reazioni QQ Decisione/indecisione Idee e atteggiamenti sul futuro scolastico-professionale (questionari 11-14 e 15-19 anni) Interviste sui livelli di decisione (diretta ed indiretta) QQ Autoefficacia Quanta fiducia ho in me? (questionari 11-14 e 15-19 anni) Interviste sui livelli di credenze di efficacia (diretta ed indi- retta) QQ Problem-solving So affrontare i miei problemi? (questionari 11-14 e 15-19 anni) Interviste sui livelli di problem-solving (diretta ed indiretta) QQ Stili decisionali ADMQ/MDMQ – Adolescent/Melbourne Decision Making Questionnaire (questionari 11-14 e 15-19 anni) Interviste sui livelli decisionali (diretta ed indiretta) La valutazione degli stili decisionali (simulazioni: bambini- adolescenti, giovani-adulti, decisioni meno importanti) QQ Interessi e valori Il mio lavoro futuro (questionario; 11-14 anni) Le preferenze per il futuro (versione standard, semplificata e da completare con l’operatore: 15-19 anni) e Barriere e supporti (versione standard, semplificata e da completare con l’operatore:15-19 anni) (questionari) I miei valori professionali (questionario; 11-14 anni) I valori professionali (dai 15 anni) e Stili e motivazioni al lavoro (dai 15 anni) (questionari) Interviste sui valori professionali/Intervista sui livelli di motivazione (dirette ed indirette) QQ Abilità sociali I comportamenti sociali nel posto di lavoro/Le interazioni lavorative (griglie; adolescenti e adulti) La competenza sociale nel posto di lavoro (check-list per l’osservazione diretta; adolescenti e adulti) QQ Idee irrazionali Pensieri sul futuro (questionario; dai 17 anni) Interviste sulle idee irrazionali (diretta e indiretta; dai 17 anni) QQ Sviluppo professionale Protocollo con raccolta di casi clinici (presentazione e discussione) Gli strumenti 1 2 ASTRID-OR
  • ICFEDISABILITÀ 114400 Il software e il materiale Somministrazione, registrazione del com- portamento ai singoli item e diagnosi secondo l’ICD-10 avvengono per via informatizzata gra- zie ad uno specifico software. Il materiale di somministrazione è contenuto in una valigetta a trolley (fatta eccezione per que- gli strumenti ed oggetti di facile reperimento e di uso comune). L’esaminatore presenta il materiale in base alla metodologia proposta per ogni situa- zione, osserva il comportamento del soggetto, lo valuta in funzione del criterio proposto e registra al computer le risposte. I risultati ottenuti nelle diverse aree sono tradotti in un profilo diagnostico che evidenzia punti deboli e punti di forza. Il software offre l’opportunità di svolgere fino a due re-test a distanza di tempo dalla prima sommini- strazione e di generare un profilo che visualizza i risultati alle tre sessioni di prova, permettendo un confronto dei progressi del soggetto. Requisiti di sistema per l’utilizzo del software: sistema operativo: Windows 98/Me con almeno 64 Mb di Ram, Windows 2000/XP con almeno 128 Mb di Ram; processore: Pentium III 500 Mhz o Celeron 600; hard disk: 15 Mb disponibili per il programma. CAPIRE è una checklist di comportamenti e conoscenze organizzati in modo sequenziale per identificare i profili di apprendimento di soggetti evolutivamente ritardati. Non si tratta quindi di un test psicometrico, ma di un inventario sistematico, organizzato e finalizzato per specifici repertori (cognitivi, linguistici, sociali, ecc.), che riflette la gradualità logica e soprattutto empirica con cui gli item vengono generalmente appresi: in altre paro- le, è una scala di abilità che si situa lungo un con- tinuum evolutivo di apprendimenti che va dal sem- plice al complesso. Lo strumento raccoglie infor- mazioni sullo sviluppo della motricità, dell’autoac- cudimento, delle abilità cognitive, verbali, scolasti- che e delle abilità di socializzazione del soggetto, secondo la decima edizione dell’International Statistical Classification Diseases and Related Health Problems (ICD-10). CAPIRE si differenzia dai tradizionali test d’intel- ligenza per il livello analitico ed individuale dell’as- sessment, la specificità degli item e delle sequenze di sviluppo, la facilità di passaggio dal momento diagnostico a quello rieducativo ed il monitorag- gio continuo dell’apprendimento del soggetto. STRUTTURA CAPIRE è composto da 401 item (associati cia- scuno ad una determinata fascia d’età: 0-3 anni; 3-4,5 anni; 4,5-6 anni; 6-8 anni; 8-10 anni; 10-15 anni; oltre i 15 anni) che indagano le dieci aree principali dello sviluppo di un individuo: 1. Prerequisiti dell’apprendimento 2. Socializzazione 3. Comunicazione 4. Abilità motorie 5. Autoaccudimento e abilità di sopravvi- venza 6. Abilità cognitive 7. Abilità logico-deduttive 8. Abilità logico-matematiche 9. Abilità di lettura 10. Abilità di scrittura. Ad ogni item corrisponde una determinata attività la cui esecuzione deve essere verificata in termini di performance: questa viene ponderata in funzione dell’età del soggetto (in modo da valutare il ritardo effettivo sull’età cronologica). software di somministrazione e scoring DATA DI PUBBLICAZIONE 2004 DESTINATARI Tutte le età a partire dalla nascita SOMMINISTRAZIONE Tempo indeterminato Individuale COMPOSIZIONE 401 item suddivisi in 10 aree d’indagine CAMPIONE 49 soggetti normali e 140 con disabilità di diverse fasce d’età (1998-2002) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93394-K 1 Valigetta CAPIRE (completa di manuale, materiale e CD di elaborazione e diagnosi) € 2151,00 93395-L 1 Manuale di istruzioni » 60,80* *IVA assolta dall’Editore Lucio Moderato e Paolo Moderato CAPIRE CHECKLIST PER L’ANALISI E LA PROGRAMMAZIONE INFORMATIZZATA NEL RITARDO EVOLUTIVO Un approccio criteriale alla diagnosi dell’handicap secondo l’ICD-10 best seller formazione
  • ICFEDISABILITÀ 114411 “Il funzionamento è l’esperienza vissuta delle persone. È un’esperienza universale dell’uomo, dove corpo, persona e società sono interconnessi. Nel corso della loro vita, le persone possono avere esperienza di livelli di funzionamento diver- si, associati a disturbi congeniti, danno fisico, stati patologici acuti o cronici, o invecchiamento” (Stucki, G. e Cieza, A., 2008. The International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) in physical and rehabilitation medicine. Eur J Phys Rehabil Med, 44: 299-302). Con l’International Classification of Functioning Disabilty and Health (ICF) e la sua versione per bambini e adole- scenti (ICF-CY), l’OMS ha fornito una cornice oggi universalmente condivisa entro la quale descrivere le funzionalità e le disabilità. L’ICF sposta infatti l’attenzione dalla causa alle conseguenze, mettendo tutti i problemi di salute sullo stesso piano e facendo in modo che possano essere fra loro confrontati usando una metrica comune: lo spostamento del focus sul funzionamento e l’assunzione di un approccio ecologico, ne fanno uno strumento fondamentale per la riabilitazione e la (re)integrazione del soggetto nel proprio ambiente familiare, di lavoro, scolastico e di relazioni sociali. Fedele a una visione applicativa, Giunti O.S inaugura un catalogo di strumenti per l’ICF rivolti ad operatori di diversa estra- zione (psicologi, medici, terapisti, operatori sociali, insegnanti, ecc.). Obiettivo: facilitare l’operatività. NNOOVVIITTÀÀ STRUMENTI ICF Un progetto per l’applicazione dell’ICF e dell’ICF-CY L’ICF a scuola. L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI (Francesco Grasso, 2011) La legge 104/92, legge quadro sull’handicap e i successivi decreti d’attuazione, pone l’Italia all’avanguardia come poli- tica sociale sulla disabilità mettendo a disposizione del soggetto in “situazione di handicap” l’effettiva possibilità di integrarsi positivamente nel tessuto sociale. Oggigiorno, per i minori con disabilità, la scuola è la principale agenzia di socializzazione e inclusione sociale giocando spesso un ruolo ancora più importante della famiglia nucleare stessa. I recenti orientamenti delle politiche internazionali sull’inclusione della disabilità (Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità) sono stati immediatamente recepiti dalle Linee Guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 4 agosto 2009, che indicano il modello bio-psico-sociale della salute e disabilità proposto dall’International Classification of Functioning (ICF) come riferi- mento sia per la valutazione sia per la progettazione degli interventi di rete finalizzati all’inclusione nell’ambiente d’appartenenza ed alla realizzazione personale del soggetto con disabilità. Muovendo da questi presupposti il volu- me analizza le possibilità e le difficoltà insite nell’utilizzazione dell’ICF a scuola per le prassi dell’integrazione scola- stica, fornendo degli strumenti operativi. Il libro, inoltre, illustra nei dettagli la Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale secon- do ICF/ICF-CY, per gli adempimenti della legge 104/92, basata su un sistema a doppia codifica (descrittiva e attraverso codici ICF) delle caratte- ristiche funzionali del minore. La Scheda è stata progettata e sperimentata per rispondere a due esigenze particolarmente sentite nel mondo della scuola: a) l’interfacciabilità delle informazioni contenute nella Diagnosi Funzionale/Piano Dinamico Funzionale a tutti gli attori (portatori di cono- scenze appartenenti a domini professionali e culturali differenti) coinvolti, genitori inclusi; b) la condivisione e la trasmissibilità della DF/PDF, in modo che questi documenti possano sempre essere facilmente utilizzati per il progetto di integrazione/inclusione del minore (Piano Educativo Individualizzato/progetto di vita) anche da operatori differenti da coloro che li hanno stilati. La Scheda, contenuta nel CD-Rom allegato al volu- me, il manuale d’uso e il casebook contenuti nel testo costituiscono uno strumento unico nel panorama nazionale e internazionale e rappresen- tano così una risposta concreta all’introduzione su larga scala dell’ICF a scuola. 248 pagine.. 93989-X €€ 29,90* Con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF StrumentiICF L’ICF a scuolaL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali Francesco GrassoL’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’ICF a scuola StrumentiICF con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa della Diagnosi Funzionale e Questionari ICF-CY Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Prefazione di Santo Di Nuovo CFCumentiIumenti Francesco Grasso Presentazione di Angelo Gianfranco Bedin Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: L’ICF a scuola umentiICFFCIumenti Francesco Grasso Diagnosi Funzionale, PDF e PEI L’applicazione agli adempimenti della legge 104/1992: L’ICF a scuola umentiStrSt © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali StumentiStStSt con CD contenente Scheda riepilogativa ed esplicativa St © 2011, Giunti O.S. Organizzazioni Speciali In preparazione ICF Core Sets. Manuale per la pratica clinica (a cura dell’ICF Research Branch) Gli ICF Core Sets facilitano la descrizione del funzionamento nella pratica clinica fornendo elenchi di categorie estratte dalla totalità dell’ICF, per le diverse condizioni di salute e per i diversi contesti di cura. Questo manuale, oltre alla descrizione del processo di sviluppo degli ICF Core Sets e un’introduzione alla loro applicazione, fornisce tutti i Core Sets disponibili con la relativa documentazione. Mini-ICF-APP (Michael Linden e Stephanie Baron. Adattamento italiano di Matteo Balestrieri ed Elisa Maso) Questo strumento descrive le componenti “Attività e partecipazione” dell’ICF per quanto esse possano essere disabilità nel con- testo dei disturbi mentali. È adatto sia per valutare l’attuale livello di abilità dei pazienti che per misurare i cambiamenti, ad esempio quale strumento di misura pre e post in un processo di assessment dei progressi della terapia. *IVA assolta dall’Editore
  • NUOVO MODELLO TEORICO, NUOVI SUBTEST, NUOVI PUNTEGGI, NUOVE NORME. IL PERFEZIONAMENTO DELL’ECCELLENZA WISC-IV Wechsler Intelligence Scale for Children – Quarta edizione David Wechsler adattamento italiano: Arturo Orsini, Lina Pezzuti e Laura Picone La WISC-IV è lo strumento clinico per eccellenza, somministrato individualmente, per valutare le capacità cognitive di bambini di età compresa tra i 6 anni e 0 mesi e i 16 anni e 11 mesi. La struttura della scala è stata aggiornata per riflettere la teoria e la pratica della valuta- zione dei bambini, che implica un’attenzione crescente alla memoria di lavoro e alla velocità di elaborazione. La WISC-IV si è infatti evoluta in relazione al cambiamento dei modelli teorici, in particolare con l’avvento della Cattell-Horn-Carroll Theory of Cognitive Abilities (CHC), che prevede la distinzione delle abilità cognitive in ampie e ristrette. Caratteristiche chiave > Valutazione delle capacità cognitive per un ampio range di età di bambini > Composta da 15 subtest, di cui 5 nuovi > Calcolo di quattro punteggi compositi aggiuntivi > Misurazione del funzionamento cognitivo generale > Facilità e flessibilità di somministrazione > Taratura italiana su ampio campione a pagina 110
  • DETERIORAMENTO MENTALE E FUNZIONALE
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114444 nazione o accoppiamento tattile di oggetti. Questa prova trova un’ampia applicazione in caso di compromissione del “pensiero spaziale” in soggetti con deficit neurologici. Localizzazione digitale (60 item; t. libero) Il test valuta la capacità del soggetto di rico- noscere su comando le dita, dopo stimolazione tattile. Costruzione di modelli tridimensionali (15’) Il test, costituito di un set di 29 blocchetti, valuta l’aprassia costruzionale. Impersistenza motoria (8 azioni, 5’) Il test valuta l’incapacità di pazienti con emi- plegia destra di mantenere un movimento od una postura indicati su comando (ad esempio mante- nere gli occhi chiusi o protrudere la lingua). Orientamento temporale (2 item; t. libero) Nella pratica clinica qualsiasi valutazione del- le condizioni mentali di un paziente include una stima della precisione dell’orientamento tempo- rale; il test presenta una scheda di registrazione su cui vengono siglate le risposte del paziente a 5 domande relative al giorno della settimana, al giorno del mese, al mese, all’anno e all’ora. Orientamento destra-sinistra (20 item; 5’) Il test valuta l’abilità del soggetto nell’indi- care o toccare alcune parti del proprio corpo o di quello dell’esaminatore posto di fronte, su richiesta dell’esaminatore stesso. Ne esistono 2 forme parallele (A e B) e la loro versione per sog- getti inabilitati all’uso della mano destra (D) o sinistra (S). Apprendimento di memoria in cifre (5-10’) Questa prova è utilizzabile per la valutazione della memoria a breve termine in soggetti con pa- tologia organica cerebrale accertata o sospetta. Il soggetto deve ripetere 3 serie numeriche, lette dal- l’esaminatore. Esistono 2 forme: SD8 (composta da serie numeriche di 8 cifre) e SD9 (serie di 9 cifre). Riconoscimento di volti ignoti (t. libero) Il test, che valuta l’agnosia facciale, è dispo- nibile in 2 forme (forma lunga a 54 item e breve a 27) e consiste di 3 parti: in Riconoscimento di fotografie con la stessa prospettiva di fronte, Riconoscimento di fotografie prese di fronte con fotografie a tre-quarti, Riconoscimento di fotogra- fie di fronte in diverse condizioni di luce. Giudizio di orientamento di linee (t. libero) Questo test, in 35 item, misura le caratteristi- che e le anomalie della percezione in rapporto con le lesioni emisferiche destre e sinistre. Discriminazione visiva (16 item; t. libero) Rapido ed adatto alla valutazione delle capa- cità di discriminazione di figure visive comples- se, grazie alla sua sensibilità agli effetti delle patologie cerebrali il test è utile nello screening di soggetti per i quali vi sia un dubbio di pato- logia organica cerebrale. Percezione tattile di forme (10 item; 8’) Costruita originariamente per valutare il pro- cesso di informazione tattile non verbale in pa - zienti non in grado di effettuare test di denomi- DATA DI PUBBLICAZIONE 2000 EDIZIONE ITALIANA Stefano Ferracuti (a cura di) DESTINATARI Adulti CAMPIONE ITALIANO 180 adulti dai 18 ai 75 anni (1998) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE Orientamento temporale 92193-B 50 Schede di registrazione € 67,50 Orientamento destra-sinistra 92194-C 50 Schede di registrazione A/B » 65,00 92195-D 50 Schede di registrazione D/S » 65,00 Apprendimento di memoria in cifre 92196-E 50 Schede di registrazione SD8/SD9 » 65,00 92197-F 50 Schede multiple SD8/SD9 » 65,00 Riconoscimento di volti ignoti 91238-U 1 Serie di figure » 104,70 91239-V 50 Fogli di notazione » 65,00 Giudizio di orientamento di linee 91235-R 1 Set di 2 blocchi item H e V esaurito 91236-J 50 Fogli di notazione H/V » 65,00 Discriminazione visiva 92198-G 1 Set di figure stimolo » 104,70 92199-H 50 Schede di registrazione » 65,00 Percezione tattile di forme 92200-J 1 Set per le prove A e B esaurito 92201-K 50 Schede di registrazione » 65,00 Localizzazione digitale 92202-L 1 Set per la prova esaurito 92203-M 50 Schede di registrazione A/B » 65,00 Costruzione di modelli tridimensionali 92204-N 1 Set per la prova esaurito 92205-P 50 Schede di registrazione » 65,00 Impersistenza motoria 92206-Q 50 Schede di registrazione » 65,00 91576-T 1 Manuale di istruzioni generale » 56,00* *IVA assolta dall’Editore Arthur L. Benton, Abigail B. Sivan, Kerry Hamsher, Nils R. Varney e Otfried Spreen CONTRIBUTI PER UN ASSESSMENT NEUROPSICOLOGICO Da una scuola storica, una batteria neuropsicologica completa
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114455 La natura non verbale lo rende idoneo anche a chi è affetto da patologia della competenza comunicativa. La taratura fornisce dati normati- vi aggiornati per una popolazione ampia di sog- getti, da 15 a 85 anni. STRUTTURA Il Test di Weigl è composto da 12 pezzi di legno che differiscono per forma (4 cerchi, 4 quadrati e 4 triangoli), colore (3 rossi, 3 gialli, 3 blu e 3 verdi), seme (4 con cuori, 4 con quadri e 4 con fiori), dimensione e spessore. All’esaminato è richiesto di categorizzare gli sti- moli sulla base di caratteristiche percettive, di suddividere i pezzi, individuando, uno alla volta, i diversi criteri. Quando una categoria è stata reperita, l’esaminatore lo invita a trovare quella successiva, finché tutti i 5 criteri sono stati sco- perti. Nel caso in cui il soggetto non riesca, entro il tempo previsto, è l’esaminatore che opera sui pezzi di legno e invita l’esaminato a indicare il motivo della suddivisione. È fornito un protocollo di registrazione e un software che consente di trasformare il Punteggio Grezzo ottenuto dal soggetto in Punteggio Corretto e nel corrispettivo Punteggio Equivalente di Capitani e Laiacona, una modalità di analisi utilizzata in Italia che consente di confrontare le prove psicometriche e paragonarne la diversa compromissione. UTILIZZO Per utilizzare al meglio il test è indispensabi- le possedere una buona conoscenza della rela- zione tra il cervello e il comportamento e dei meccanismi patologici che la influenzano. Lo strumento è inseribile in vari protocolli per la valutazione cognitiva e l’individuazione del profilo neurocognitivo di pazienti affetti da diverse patologie neurologiche e psichiatriche. Il Test di Weigl valuta il processo di astrazio- ne e la flessibilità di pensiero per operare diver- se categorizzazioni e può essere impiegato con soggetti affetti da una varietà di disordini neu- rologici come ictus, traumi cranici, tumori cere- brali, encefaliti, malattie degenerative e anche disordini psichiatrici come la schizofrenia. A causa della difficoltà nel costruire il mate- riale necessario per la sua somministrazione, in passato è stato poco utilizzato, nonostante numerosi lavori avessero dimostrato la sua affi- dabilità nel valutare le abilità di ragionamento astratto e la capacità di costruire concetti. Il test di Weigl si è dimostrato uno strumento utile per la diagnosi di deterioramento cognitivo e di disfunzioni delle funzioni esecutive. Il test, che richiede breve tempo di sommini- strazione e ridotto carico attentivo, è adeguato anche per soggetti con deficit cognitivi severi. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 DESTINATARI 15-85 anni SOMMINISTRAZIONE 15-20’ ca. Individuale CAMPIONE 205 soggetti (100 maschi e 105 femmine) tra i 15 e gli 85 anni (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 94109-X 1 Kit Weigl € 273,00 *IVA assolta dall’Editore materiale test + manuale con protocollo di regi- strazione fotocopiabile + CD per scoring Maria Grazia Inzaghi Test di WEIGL Un noto test neuropsicologico, riproposto in forma standardizzata FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali scoring
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114466 UTILIZZO Il test è somministrabile a cerebrolesi adulti ed è particolarmente adatto per esaminare pazienti con disturbi del linguaggio (afasia, disartrie, disfonie). Inoltre, il VATAm permette di valutare la presenza di anosognosia per i distur- bi motori anche in pazienti con compromissio- ne motoria moderata o lieve, generalmente esclusi dalle precedenti valutazioni. Il VATAm valuta l’anosognosia per il disturbo motorio, cioè l’assenza o scarsa consapevolezza di avere una paresi o una plegia. Circa il 54% di persone affette da una lesione cerebrale dell’emisfero di destra ed il 40% di quelle affette da lesione all’emisfero sinistro ha un’anosognosia per il proprio disturbo motorio che può avere ripercussioni sulle attività quoti- diane o sui tempi di recupero. La presenza di anosognosia ad un mese dal danno cerebrale è infatti un fattore prognostico negativo per il recupero funzionale. Pazienti anosognosici pos- sono rifiutare ogni tipo di trattamento o pren- dere iniziative motorie non congrue alle loro reali abilità, aumentando considerevolmente il rischio di caduta. L’anosognosia è stata fino ad ora indagata con colloqui strutturati, che si sono rivelati poco utili con pazienti con difficoltà di comprensione e produzione verbale e con pazienti che presentano paresi o plegia non completa. Il VATAm è particolarmente adatto per esa- minare pazienti con deficit di linguaggio e per quelli con paresi non complete. CARATTERISTICHE CHIAVE Elevata attendibilità e veloce da sommini- strare. Somministrabile a tutti i cerebrolesi e soprattutto alla maggior parte dei pazienti con disturbo del linguaggio. Identifica differenti gradi di anosognosia per disturbi motori di diversa gravità. Valuta selettivamente l’anosognosia per arto superiore e arto inferiore. Dati normativi e relativi cut-off ne aumen- tano l’utilità clinica. I dati normativi sono stati derivati dal confronto tra l’autovalutazione dei pazienti e dei loro familiari. STRUTTURA Il VATAm è un questionario, la comprensione delle domande del quale (presentate anche per iscritto) viene facilitata da disegni. Il punteggio è espresso su una scala visuo-analogica a 4 punti, da 0 a 3, caratterizzata dalla presenza di due “smile” – faccette – agli estremi. DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 DESTINATARI Pazienti affetti da disturbo motorio, con assenza o scarsa consapevolezza della paresi o plegia SOMMINISTRAZIONE 15’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM 16 CAMPIONE ITALIANO 63 pazienti (30 celebrolesi sinistri e 33 celebrolesi destri) e 99 giudici (2007) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93872-B 1 Kit VATAm € 131,00 93877-G 25 Protocolli » 58,75 93873-C 1 Manuale di istruzioni » 15,00* 93936-S 1 Kit LAB/VATAm € 346,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + libretto sti- moli + 25 protocolli LAB: manuale + libro stimoli + DVD + 20 protocolli; VATAm: manuale + libretto sti- moli + 20 protocolli Nicoletta Beschin, Gianna Cocchini, Annette Cameron e Sergio Della Sala VATAm VISUAL-ANALOGUE TEST FOR ANOSOGNOSIA FOR MOTOR IMPAIRMENT Per valutare l’anosognosia del disturbo motorio
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114477 STRUTTURA La batteria è composta da quindici prove: 1. Produzione del gesto intransitivo su denominazione 2. Produzione del gesto intransitivo su descrizione verbale 3. Produzione del gesto intransitivo in modalità visiva 4. Imitazione del gesto intransitivo 5. Produzione del gesto transitivo 6. Imitazione del gesto transitivo 7. Produzione pantomima in modalità verbale 8. Produzione pantomima in modalità visiva 9. Produzione pantomima in modalità tattile 10. Imitazione della pantomima 11. Imitazione del gesto sconosciuto 12. Riconoscimento del gesto intransitivo 13. Riconoscimento della pantomima 14. Identificazione del gesto intransitivo 15. Identificazione della pantomima. Il kit Oltre al protocollo, comprende un DVD (per le prove 11, 12, 13) e un libretto stimoli con le tavole per i test 3, 14, 15. UTILIZZO La LAB consente di identificare cinque pat- tern clinici rappresentati dalle seguenti sindromi: • agnosia gestuale: disturbo di riconoscimento dei gesti familiari; • aprassia ideativa di tipo semantico: disturbo di comprensione dei gesti e compromessa capacità di produrre gesti familiari; • aprassia ideativa di tipo procedurale: distur- bo di produzione dei gesti familiari, ma nor- male il riconoscimento e la comprensione dei gesti familiari; • aprassia ideomotoria: disturbo di imitazione di gesti sconosciuti; • aprassia ideomotoria e ideativa: disturbo di produzione e imitazione di tutti i gesti. La batteria rappresenta pertanto un passag- gio obbligato per una corretta diagnosi dell’a- prassia degli arti, permettendo a clinici e ricerca- tori una fine analisi cognitiva basata su una preci- sa tassonomia dei disturbi prassici. L’aprassia degli arti è un disturbo di esecuzio- ne del gesto. Dal momento che il deficit prassico interferisce con le normali attività quotidiane, il suo studio riveste una grande rilevanza clinica. In accordo con i recenti modelli neuropsico- logici dell’elaborazione gestuale, la LAB consen- te di identificare specifici profili di prestazione che rivelano disturbi selettivi, limitati ad un solo livello di elaborazione, ad un solo compito e/o ad un solo tipo di gesto. CARATTERISTICHE CHIAVE Valuta i disturbi di elaborazione gestuale, sia in fase di ricezione (riconoscimento e iden- tificazione di gesti visti) che di produzione (su richiesta dell’esaminatore o su imitazione). Imitazione dei gesti familiari valutata anche mediante liste di gesti transitivi. Prova di produzione di gesti intransitivi a partire da stimoli visivi. Prove di imitazione con liste omogenee, solo gesti familiari e solo gesti sconosciuti. Consegna e criteri di correzione partico- larmente accurati per le pantomime. DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 DESTINATARI Pazienti adulti con aprassia degli arti SOMMINISTRAZIONE 1 ora circa Individuale COMPOSIZIONE 15 prove CAMPIONE 180 soggetti neurologica- mente sani (maschi: 79, femmine: 101), divisi in 3 fasce di età (2007) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93896-B 1 Kit LAB € 226,00 93898-D 25 Protocolli di somministrazione » 97,50 93897-C 1 Manuale di istruzioni » 24,15* 93936-S 1 Kit LAB/VATAm € 346,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + libro stimoli + DVD + 25 protocolli LAB: manuale + libro sti- moli + DVD + 20 proto- colli; VATAm: manuale + libretto stimoli + 20 pro- tocolli Con i disegni di C. Villa, illustratore di Tex Willer! Angela Bartolo, Silvia Drei, Roberto Cubelli e Sergio Della Sala LAB LIMB APRAXIA BATTERY Una innovativa batteria di test per la valutazione dell’aprassia degli arti
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114488 cognitiva che sono state considerate come par- ticolarmente sensibili al processo di deteriora- mento da demenza degenerativa primitiva. Le prove L’ADAS-cog è composto da 9 prove di valuta - zione clinica di varie caratteristiche funzionali del paziente: Compromissione del linguaggio parlato, Comprensione del linguaggio parlato, Ricordo delle istruzioni, Difficoltà nel reperimento dei vocaboli, Ordini, Denominazione degli oggetti e delle dita, Prassia costruttiva, Prassia ideativa, Orientamento. Il punteggio ADAS-cog include anche 2 prove di efficienza mnesica: Rievocazione di vocaboli e Rico- noscimento di vocaboli. L’ADAS-noncog è invece composta da 10 item ed il suo punteggio va da 0 a 50, massimo della anormalità nelle aree valutate da quest’ul- tima scala. L’ADAS dà una valutazione specifica della gra- vità dei disturbi del comportamento sia di tipo cognitivo che non cognitivo dei pazienti con malattia di Alzheimer o comunque con demenza. Uno dei punti di vantaggio dell’ADAS è costituito dal fatto che i suoi punteggi quantificano sia aspetti clinici ed impressionistici dei pazienti, così come vengono valutati dall’esaminatore, e sia ca- ratteristiche cognitive definite in modo obiettivo. STRUTTURA La scala è suddivisa in due parti, la subscala non cognitiva (ADAS-noncog) che serve a dare una descrizione degli aspetti clinici rilevanti del paziente e la subscala cognitiva (ADAS-cog) che valuta specifiche caratteristiche di efficienza DATA DI PUBBLICAZIONE 1996 EDIZIONE ITALIANA Mario Fioravanti DESTINATARI Pazienti affetti da Alzheimer SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale NUMERO DI ITEM Subscalanoncognitiva:10item Subscala cognitiva: 9 prove CAMPIONE ITALIANO 114soggettidai50agli89anni (1995) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93700-P 1 Kit ADAS € 247,00* 91757-E 20 Protocolli di registrazione » 57,00 93712-B 1 Manuale di istruzioni » 37,50* *IVA assolta dall’Editore materiale kit + 20 proto- colli + manuale mento reversal, test attenzionale, intelligenza ver- bale, raccontino, test di produzione di parole, test dei gettoni, prova di agnosia digitale, prova di aprassia costruttiva e Street’s Completion Test. Il punteggio totale del MODA emerge dalla somma dei singoli totali delle tre sezioni consi- derate e dalla conseguente correzione per varia- bili demografiche rilevanti: età e scolarità. Sulla base del punteggio totale ottenuto è quindi possibile affermare la normalità o il rischio di non normalità cognitiva del soggetto esamina- to, come pure fornire una misura del deteriora- mento cognitivo del paziente. Il MODA è stato concepito e modellato sul quadro cognitivo dei deficit neuropsicologici della malattia di Alzheimer, con lo scopo di com- pletare, in termini quantitativi, la descrizione neuropsicologica di un paziente che viene esa- minato per un sospetto di demenza. Lo strumen- to possiede, inoltre, i requisiti richiesti da una rating scale e da uno strumento di screening cognitivo facilmente utilizzabile nella quotidia- nità clinica, anche al letto del paziente. STRUTTURA Il MODA è composto da una serie di 14 prove che sono raccolte in 3 sezioni: orientamento tem - porale, spaziale, personale e familiare; scala di au- tonomia: deambulazione, capacità di vestirsi, capacità di avere cura della propria igiene persona- le, controllo degli sfinteri e capacità di alimentarsi autonomamente; test neuropsicologici: apprendi- DATA DI PUBBLICAZIONE 1994 DESTINATARI PazienticonsospettoAlzheimer SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale NUMERO DI ITEM 14 prove di 28 domande CAMPIONE ITALIANO 217 soggetti (114 femmine e 103 maschi) (1993) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 90702-R 1 Kit MODA € 210,00* 90355-N 20 Protocolli delle prove » 88,00 93714-D 1 Manuale di istruzioni » 37,50* *IVA assolta dall’Editore materiale kit + 20 proto- colli + manuale W.G. Rosen, R.C. Mohs e K.L. Davis ADAS ALZHEIMER’S DISEASE ASSESSMENT SCALE L’edizione italiana di una delle scale neurologiche “ufficiali” per valutare la demenza Miriam Brazzelli, Erminio Capitani, Sergio Della Sala, Hans Spinnler e Marta Zuffi MODA MILAN OVERALL DEMENTIA ASSESSMENT Uno strumento italiano per la diagnosi dell’Alzheimer
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 114499 Il WCST è stato originariamente sviluppato per valutare le abilità di ragionamento astratto e di cambiare strategie cognitive al mutare delle circostanze ambientali ma, al contrario di altri criteri di ragionamento astratto, non fornisce soltanto i punteggi oggettivi relativi al successo globale ma anche le fonti specifiche di difficoltà nel compito. Il WCST può quindi efficacemente essere im- piegato come strumento neuropsicologico. Il test, inoltre, oltre ad essere una valida misura di funzione esecutiva in una popolazione neurolo- gicamente compromessa, sembra essere parti- colarmente sensibile alle lesioni del lobo fronta- le. Aspetto caratteristico del WCST è anche la presentazione di regole definite per il calcolo dei punteggi e di regole chiare per l’applicazione, che spieghino le possibili ambiguità e le fonti di difficoltà nell’assegnazione del punteggio. Dal punto di vista normativo, sono forniti dati nor- mativi per la popolazione italiana fra i 6 e i 70 anni d’età, oltre a quelli relativi agli aggiorna- menti sulla validità e l’attendibilità. STRUTTURA Il WCST consiste di 4 carte-stimolo e 128 carte- risposta. Al soggetto è richiesto di abbinare le carte-risposta a quelle stimolo, secondo certi crite- ri che tengono conto di determinati parametri. Le 4 carte carte-stimolo, che mostrano un triangolo rosso, due stelle verdi, tre croci gialle e quattro cerchi blu, riflettono soltanto 3 parametri di stimolo: colore, forma e numero. Ogni mazzo di carte-risposta contiene 64 carte che presenta- no figure di varie forme (croci, cerchi, triangoli o stelle), colori (rosso, blu, giallo o verde) e nume- ri di figure (uno, due, tre o quattro). Ogni carta- risposta può essere abbinata ad una carta-stimo- lo soltanto per un parametro oppure per una combinazione dei tre parametri di stimolo. La somministrazione Generalmente la somministrazione segue un ordine preciso: l’esaminato deve trovare il crite- rio di abbinamento delle carte-risposta con cia- scuna delle carte-stimolo, criterio che cambia durante la prova, a partire dalle valutazioni date dall’esaminatore per ciascun abbinamento. Ogni risposta data può essere considerata come dipendente da 3 diversi parametri: corretta-non corretta, ambigua-non ambigua, perseverativa- non perseverativa. MCST – MODIFIED CARD SORTING TEST Questa variante semplificata del WCST, pro- posta da H.E. Nelson nel 1976, è stata adattata per l’analisi dei soggetti in età evolutiva dai 4 ai 13 anni. Versione più semplice e di più breve somministrazione, il MCST fa uso di due serie di 24 carte anziché due di 64, essendo state elimi- nate tutte le carte che condividevano più di un attributo con una carta-stimolo. Al soggetto è richiesto di abbinare le carte-risposta a quelle stimolo, secondo certi criteri che fanno riferi- mento a parametri specifici. Le carte sono le stesse della confezione WCST. DATA DI PUBBLICAZIONE WCST: 2000 MCST: 2003 EDIZIONE ITALIANA WCST: Maria C. Hardoy, Mauro G.Carta,MariaJ.HardoyePier Luigi Cabras MCST: Giuseppina Sannio Fancello e Carlo Cianchetti DESTINATARI WCST: da 6 a 70 anni MCST: dai 4 ai 13 anni SOMMINISTRAZIONE WCST: 20-30’ ca. MCST: 10-15’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM WCST: 4 carte-stimolo e2mazzidi64carte-risposta MCST: 4 carte-stimolo e 2 mazzi di 24 carte-risposta CAMPIONE ITALIANO WCST: 560 soggetti tra i 6 e i 70 anni (1998) MCST: 1.176 soggetti (586 maschie590femmine)(2002) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE WCST 92207-R 1 Confezione WCST (manuale + due serie di carte + 20 protocolli di registrazione) € 395,00 92208-S 20 Protocolli di registrazione » 78,00 92209-T 1 Manuale d’istruzioni » 53,50* MCST 93381-V 20 Protocolli di registrazione MCST » 39,00 93382-W 1 Manuale d’istruzioni » 32,90* *IVA assolta dall’Editore Robert K. Heaton, Gordon J. Chelune, Jack L. Talley, Gary G. Kay e Glenn Curtiss WCST WISCONSIN CARD SORTING TEST Uno degli strumenti più usati per la valutazione del danno cerebrale
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 115500 subtest fornisce altrettanti punteggi grezzi, la cui combinazione dà un punteggio indice spe- cifico del dominio cognitivo: La somma dei punteggi indice funzione cognitiva dà il punteggio totale. Il campione italiano I dati normativi per la popolazione italiana sono stati sviluppati utilizzando un campione rappresentativo di 356 soggetti sani equamente divisi per età, genere e scolarità (20-39, 40-49, 50-59, 60-69, 70-79 anni). UTILIZZO La versatilità della RBANS la rende ideale per essere utilizzata: come screening nelle patologie acute, quali ictus, traumi cranici, anossia e altri danni acuti al sistema nervoso centrale e per monitorare il recupero durante la riabilitazione; per l’assessment dei deficit cognitivi nelle malattie psichiatriche e per il monitoraggio nel corso di trattamenti riabilitativi; come batteria specifica per la valutazione della demenza; per monitorare la progressione delle malattie neurodegenerative. L’RBANS è una batteria neuropsicologica breve e completa, composta da due forme (“A” e “B”) di identica difficoltà, ognuna divisa in 12 subtest da somministrare individualmente per valutare 5 differenti domini cognitivi: l’atten- zione, il linguaggio, l’abilità visuospaziale e visuocostruttiva, la memoria immediata e la memoria differita. Essa permette una valuta- zione neuropsicologica in pazienti dai 20 agli 80 anni, colpiti da trauma cranico o ictus, o affetti da demenza o problemi psichiatrici. CARATTERISTICHE CHIAVE Valutazione neuropsicologica completa e di veloce somministrazione, massimizzando la cooperazione del paziente e riducendo gli effet- ti dell’affaticamento. Due forme alternative per valutazioni ripe- tute in tempi successivi con stimoli differenti ma equivalenti per difficoltà e con identici punteggi. 12 punteggi per ogni specifica abilità (sub- test), 5 punteggi funzione cognitiva e 1 pun- teggio totale. Libretto degli stimoli compatto per facile somministrazione anche al letto del paziente. STRUTTURA Ognuna delle due forme A e B è composta da 12 subtest da somministrare nell’ordine proposto dal protocollo: Apprendimento lista di parole, Memoria di prosa, Copia di figura, Orientamento di linee, Denominazione, Fluenza semantica, Memoria di cifre (Digit span), Associazione di simboli a nume- ri, Rievocazione lista di parole, Riconoscimento lista di parole, Rievocazione di prosa, Rievocazione di figura. La somministrazione completa dei 12 DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 EDIZIONE ITALIANA Marco Ponteri, Rosaria Pioli, Alessandro Padovani, Sara Tunesi e Giovanni De Girolamo DESTINATARI Adulti con danno neurologico o affetti da patologie cerebrali, demenza e ictus SOMMINISTRAZIONE 20’-25’ Individuale COMPOSIZIONE 12 subtest in due forme parallele CAMPIONE ITALIANO 356 soggetti sani, in 5 fasce d’età (2004-2006) QUALIFICA RICHIESTA B2 MATERIALE 93498-Y 1 Kit RBANS base € 237,00* 93704-T 1 Kit RBANS retest » 163,00* 93650-M 25 Protocolli di registrazione Forma A » 86,25 93649-L 25 Protocolli di registrazione Forma B » 86,25 93653-Q 1 Manuale di istruzioni » 67,20* *IVA assolta dall’Editore manuale + libretto stimo- li Forma A + 25 protocol- li A + griglia coding A libretto stimoli Forma B + 25 protocolli B + gri- glia coding B Subtest Funzioni cognitive Memoria immediata Abilità visuospaziale/ visuocostruttiva Linguaggio Apprendimento lista di parole + Memoria di prosa Copia di figura + Orientamento di linee Denominazione + Fluenza semantica Attenzione Memoria di cifre + Associazione di simboli a numeri Memoria differita Rievocazione lista di parole + Riconoscimento lista di parole + Rievocazione di prosa + Rievocazione di figure Christopher Randolph RBANS REPEATABLE BATTERY FOR THE ASSESSMENT OF NEUROPSYCHOLOGICAL STATUS Per una completa valutazione delle funzioni cognitive,dai 20 agli 80 anni best seller formazione
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 115511 I nove subtest comportamentali sono: 1. Descrizione di fotografie 2. Composizione di numeri telefonici 3. Lettura di un menù 4. Lettura di un articolo 5. Lettura e regolazione dell’ora 6. Selezione di monete 7. Copia di indirizzo e frase 8. Indicazione di percorsi 9. Selezione di carte da gioco. UTILIZZO Il BIT consente agli operatori che si occu- pano di diagnosi e riabilitazione di effettua- re una veloce e pratica valutazione dei disturbi visuo-spaziali, misurati in un’ampia sfera di compiti, in modo da permettere la costruzione di un profilo comportamentale sia dei deficit che dei punti di forza dei pazienti affetti da neglect. Il BIT è una batteria di test per la valutazione del neglect visuo-spaziale provocato dalla lesio- ne di alcune aree cerebrali in seguito a ictus, trauma cranico, tumore cerebrale o demenza. Il neglect è uno dei più importanti fattori progno- stici che influenzano negativamente il processo riabilitativo e il recupero funzionale dei pazienti e può manifestarsi in molte attività della vita quotidiana, dalla ricerca di oggetti all’utilizzo del telefono o dell’orologio, dalla lettura alla copia di figure geometriche. La sua natura mul- tidimensionale richiede un costante aggiorna- mento delle procedure valutative e l’impiego di strumenti altamente specifici per un’accurata diagnosi neuropsicologica. CARATTERISTICHE CHIAVE Valutazione su un’ampia casistica di atti- vità quotidiane. Semplicità e velocità di somministrazione. Facilità di calcolo del punteggio. STRUTTURA Il BIT è composto da 6 subtest convenzio- nali carta e matita e da 9 subtest comporta- mentali. Ogni prova è corredata da appositi materiali studiati per la valutazione delle aree indagate. I sei subtest convenzionali sono: 1. Barrage di linee 2. Cancellazione di lettere 3. Cancellazione di stelline 4. Copia di figure e forme geometriche 5. Bisezione di linee 6. Disegno rappresentativo. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 EDIZIONE ITALIANA Lucia Spinazzola, Chiara Pagliari e Nicoletta Beschin DESTINATARI Adulti con lesione cerebrale SOMMINISTRAZIONE Tempo libero COMPOSIZIONE 6 subtest convenzionali 9 subtest comportamentali CAMPIONE ITALIANO 80 soggetti adulti (50 soggetti di controllo e 30 soggetti con lesione cerebrale) (2007-2009) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 94179-W 1 Kit BIT € 450,00 94180-X 25 Protocolli di registrazione » 90,00 94188-F 1 Manuale di istruzioni » 15,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiale per la somministrazio- ne + 25 protocolli Barbara Wilson, Janet Cockburn e Peter Halligan BIT BEHAVIOURAL INATTENTION TEST Un kit completo per la valutazione del neglect visuo-spaziale
  • DETERIORAMENTOMENTALEEFUNZIONALE 115522 L’acalculia è un disturbo della capacità di calcolo, acquisito in seguito ad una lesione ce - rebrale e può assumere tre diverse forme: visuospaziale, caratterizzata dalla difficoltà nel- l’organizzazione spaziale dei rapporti fra i nu - meri; afasica, determinata dalla difficoltà nella lettura e scrittura dei numeri; anaritmetica, consistente nella difficoltà del calcolo in sé. È proprio quest’ultima forma che il test qui pre- sentato tende ad evidenziare. Esso è composto da una prova preliminare e da 4 prove di calcolo scritto con limite di tempo, che devono essere eseguite in un’unica seduta. DATA DI PUBBLICAZIONE 1985 DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 45’ ca. - Individuale COMPOSIZIONE 5 prove CAMPIONE ITALIANO 302 soggetti (1983) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 91047-Q 50 Questionari € 210,00 91048-Z 1 Manuale di istruzioni » 17,00* *IVA assolta dall’Editore Associazione per lo Sviluppo delle Ricerche Neuropsicologiche TEST PER L’ACALCULIA DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 Angelo Bianchi e Daniele Pagliuca PROCAPE PROGRAMMA DI CALCOLO DEI PUNTEGGI EQUIVALENTI Un importante contributo alla diffusione e valorizzazione del patrimonio testistico neuropsicologico Il PROCAPE è un programma di trasformazione dei punteggi grezzi in Punteggi Equivalenti. Sono trenta i test neuropsicologici presi in esame, quelli cioè che, a motivo delle loro indicazioni diagnosti- che e caratteristiche psicometriche (validità, affida- bilità, accuratezza, facilità d’uso, gradevolezza, ecc.), risultano essere i più largamente utilizzati nel- la pratica clinica e forense. Per ciascuno di questi test, sulla base delle indicazioni presenti nei lavori di taratura pubblicati nella letteratura scientifica, il PROCAPE consente di calcolare, a partire dalle varia- bili demografiche di base (sesso, età e scolarità), le esatte correzioni da apportare al punteggio grezzo ottenuto dal soggetto in esame, e successivamente di convertirlo nel corrispondente Punteggio Equiva- lente. Quest’ultimo viene infine classificato su una scala analogica a 4 livelli (Deficitario, Borderline, Medio-inferiore, Medio-superiore), al fine di miglio- rarne ulteriormente la comprensibilità da parte di professionisti di varie discipline (altri specialisti sani- tari, giudici, avvocati, assicuratori, ecc.). I risultati possono poi comodamente essere esportati ed utilizzati come parte del referto neu- ropsicologico personalizzato. MATERIALE 94260-K 1 Software PROCAPE licenza d’uso illimitata € 135,00 –30% VOLUME Acquistando con uno stesso ordine Procape e L’esame neuropsicologico dell'adulto, si ha diritto a uno sconto del 30% sul prezzo del volume: € 25,20* (anziché € 36,00*) I trenta test presi in considerazione nel PROCAPE sono i seguenti:  Apprendimento supraspan verbale-rievo- cazione immediata  Apprendimento supraspan verbale-rievo- cazione differita  Span di cifre  Span spaziale  Cancellazione di numeri (DCT)  Rivermead Behavioural Memory Test  Memoria di prosa - p. gerarchico (Babcock)  Memoria di prosa - p. non gerarchico (Babcock)  15 parole di Rey - rievocazione immedia- ta  15 parole di Rey - rievocazione differita  Fluidità verbale  Matrici colorate  Copia di disegni  Copia di disegni con elementi di pro- grammazione  Trail Making, A  Trail Making, B  16 parole non correlate - rievocazione immediata  16 parole non correlate - rievocazione dif- ferita  16 parole correlate - rievocazione imme- diata  16 parole correlate - rievocazione differita  Wisconsin Card Sorting Test - global score  Wisconsin Card Sorting Test - persever- azioni  Test di Weigl  Figura Complessa di Rey - copia  Figura Complessa di Rey - a memoria  Breve racconto - rievocazione immediata  Breve racconto - rievocazione differita  Stime cognitive - punteggio totale  Test di Stroop breve - errori  Test di Stroop breve - tempo  Riconoscimento di volti famosi - denomi- nazione  SPM - Standard Progessive Matrices  Modified Card Sorting Test - categorie  Modified Card Sorting Test - errori  FAB - Frontal Assessment Battery  Comprensione di espressioni idiomatiche  MMSE - Mini-Mental State Examination  MODA - Milan Overall Dementia Assessment Il programma non contiene i test. Volume correlato pag. 16 software per la trasformazione dei punteggi
  • LINGUAGGIO
  • LINGUAGGIO 115544 Paola Ciurli, Paola Marangolo e Anna Basso ESAME DEL LINGUAGGIO – II La prova permette di diagnosticare con preci- sione le capacità residue del linguaggio in pazien- ti afasici, affetti da disturbi conseguenti a lesioni del sistema nervoso centrale. Poco adatto per pa - zienti con afasia lieve o di media gravità e/o con alta scolarità, il test è utile in una struttura clinica o riabilitativa per pazienti con disturbi del linguag - gio relativamente gravi perché permette rapida- mente di fare una diagnosi clinica. STRUTTURA L’esame comprende prove che valutano, nella modalità orale e scritta, la produzione spontanea (a sua volta costituita di due parti: la descrizione di un evento e la descrizione di una figura complessa), la denominazione e la comprensione, e prove di tran- scodifica come la ripetizione, la lettura ad alta voce e la scrittura sotto dettato. tica, fonologia e sintattica). Vi sono poi 4 prove per la valutazione dei deficit di ripetizione (5 sot- toprove), del linguaggio scritto (3 sottoprove), della denominazione (4 sottoprove) e della com- prensione (2 sottoprove per la comprensione orale e 2 per la comprensione scritta); una ver- sione a 10 item, infine, del Test dei Gettoni. L’obiettivo dell’AAT è la diagnosi dei deficit afasici del linguaggio. Il test si compone di prove e sottoprove for- mate da un adeguato numero di item linguistica- mente omogenei, così da permettere di descrive- re in modo sufficientemente dettagliato il deficit delle diverse modalità e dei principali livelli di ela- borazione del linguaggio. Grazie ad un procedi- mento diagnostico di analisi discriminante, inol- tre, permette di distinguere in maniera probabili- stica tra soggetti afasici e non e, in caso di diagno- si di afasia, di determinare una probabile classifi - cazione dei deficit riscontrati secondo le principa- li sindromi afasiche. L’AAT, infine, mette in condi- zione di paragonare il grado di compromissione ottenuto alle diverse prove con delle tabelle di diagnostica psicometrica di casi singoli, ottenen- do così un giudizio statisticamente controllato della presenza di una compromissione dissociata. STRUTTURA L’AAT comprende un’analisi del linguaggio spontaneo e alcune prove per la valutazione del linguaggio orale e scritto. Il linguaggio sponta- neo viene valutato secondo 6 livelli di osservazio- ne (comportamento comunicativo, articolazione e prosodia, linguaggio automatico, struttura seman- DATA DI PUBBLICAZIONE 1991, 1996 EDIZIONE ITALIANA Claudio Luzzatti, Klaus Willmes e Ria De Bleser DESTINATARI Pazienti afasici SOMMINISTRAZIONE 90’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 6 livelli di osservazione per l’analisi del linguaggio spontaneo, 4 prove (16 sottoprove) per linguaggio orale e scritto, 1 versione a 10 item del Test dei Gettoni CAMPIONE ITALIANO 416 soggetti con lesione cerebrale sinistra e 88 di controllo (1994) QUALIFICA RICHIESTA B1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1996 DESTINATARI Pazienti afasici gravi SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE 8 prove linguistiche CAMPIONE 22 soggetti normali tra 45 e 80 anni (1995) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 91231-M 1 Valigetta con materiale d’esame + 20 protocolli + 1 manuale + 1 CD programma per l’analisi statistica dell’AAT € 582,00 91232-N 20 Protocolli » 70,00 91233-P 1 Manuale di istruzioni » 59,50* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 93701-Q 1 Kit Esame del Linguaggio - II € 699,00* 91767-Q 20 Protocolli » 226,00 93713-C 1 Manuale di istruzioni » 50,00* *IVA assolta dall’Editore materiale kit + 20 proto- colli + manuale Walter Huber, Klaus Poeck, Dorothea Weniger e Klaus Willmes AAT AACHENER APHASIE TEST Il più completo esame per la diagnosi dei disturbi afasici
  • LINGUAGGIO 115555 Arianna Bello, Maria Cristina Caselli, Paola Pettenati e Silvia Stefanini PinG – PAROLE IN GIOCO Uno strumento innovativo di comprensione e produzione lessicale per la prima infanzia PinG – Parole in Gioco è uno strumento inno- vativo di osservazione diretta del linguaggio spe- cifico, indirizzato a bambini con livello di sviluppo comunicativo e linguistico compreso tra i 19 e i 37 mesi di età circa, e particolarmente importan- te perché permette un’identificazione e valutazio- ne di bambini che presentano un ritardo o distur- bo di linguaggio specifico (DSL) e/o la descrizione del profilo linguistico di bambini con disordini di linguaggio associati a deficit sensoriali o cognitivi. Con il PinG è possibile riconoscere i processi di organizzazione del lessico, in comprensione e produzione, l’accuratezza con cui le parole sono pronunciate, l’adeguatezza delle risposte. CARATTERISTICHE CHIAVE Valuta le conoscenze lessicali sia recettive che espressive. Valuta ampiezza e composizione del primo vocabolario del bambino. Aiuta a comprendere il ruolo che il gesto riveste nella prima fase di acquisizione del voca- bolario, sia in caso di sviluppo tipico che atipico. Sperimentazione con bambini sordi come prova di comprensione e produzione lessicale da eseguire in lingua dei segni (LIS). Facilità di somministrazione, con un approc- cio flessibile al bambino. Utilizza materiale in grado di catturare e mantenere l’attenzione di bambini piccoli o con difficoltà. STRUTTURA Il materiale attraverso il quale sono elicitati gli stimoli delle prove è costituito da due serie di fotografie a colori: una valuta la capacità dei bambini di comprendere e produrre nomi (sub- test Comprensione nomi – CN e subtest Produzio- ne nomi – PN) e una la capacità di comprende- re e produrre predicati (subtest Comprensione predicati – CP e subtest Produzione predicati – PP). Ciascun subtest è composto di due pre-test e venti stimoli target in forma di fotografie. Questo materiale è particolarmente adatto nei bambini di età compresa tra i 19 e i 37 mesi di età circa, in quanto le fotografie, a differenza di un libro di immagini, possono essere manipola- te, attirando maggiormente l’interesse dei bam- bini; esse facilitano inoltre la denominazione di parole le cui rappresentazioni sottostanti non sono ancora stabilizzate. I subtest I subtest Comprensione nomi e Produzione nomi comprendono ciascuno 60 fotografie divise in venti triplette (più due triplette pre-test), raffi- guranti oggetti relativi alle seguenti categorie semantiche: di uso familiare, abbigliamento, mobili, stanze e oggetti della casa, animali, all’a- perto e posti dove andare, cibo e bevande, veico- li e giocattoli. I subtest Comprensione predicati e Produzio- ne predicati comprendono ciascuno 60 fotogra- fie divise in venti triplette (più due triplette pre- test) raffiguranti azioni, aggettivi e qualità, avverbi. I quattro subtest sono indipendenti e non è obbligatorio proporli insieme. UTILIZZO Lo strumento è indirizzato a neuropsichiatri infantili, psicologi e logopedisti per approfon- dire le competenze dei bambini in ambito cli- nico-diagnostico. Può inoltre essere impiegato in ambito di ricerca per indagare lo sviluppo e l’organizzazione del lessico. DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 DESTINATARI Bambini con livello di sviluppo comunicativo e linguistico compreso tra i 19 e i 37 mesi di età circa SOMMINISTRAZIONE 30’ circa COMPOSIZIONE 4 subtest (240 stimoli) CAMPIONE 388 bambini con sviluppo tipi- co di età compresa tra 19 e 37 mesi (bilanciamento in base al sesso) (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 94070-G 1 Kit PinG € 167,00 94071-H 25 Protocolli di registrazione » 55,00 94075-M 1 Manuale di istruzioni » 30,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiale per il test + 25 protocolli
  • LINGUAGGIO 115566 Associazione per lo Sviluppo delle Ricerche Neuropsicologiche TEST DEI GETTONI Luigia Camaioni, Anna P. Ercolani e Peter Lloyd PCR PROVA DI COMUNICAZIONE REFERENZIALE Giovanna Axia TPL TEST DEL PRIMO LINGUAGGIO significativa del livello culturale sul rendimento al test. Analoga influenza non è stata invece di- mostrata per il sesso e per l’età. Il test consiste di una serie di gettoni, di varia forma e colore, coi quali il soggetto deve esegui- re diversi compiti. Vengono in questo modo esa- minate la capacità di riconoscere forme, dimen- sioni e colori e l’abilità del soggetto ad eseguire compiti elementari. La valutazione si fonda sia su elementi quantitativi che qualitativi. Volto a rilevare le potenzialità residue di com - prensione del linguaggio orale, il Test dei Gettoni è uno strumento particolarmente utile per la valu- tazione di questa abilità in soggetti afasici. Può costituire un programma riabilitativo per cerebro- lesi, in quanto utilizza le loro abilità residue. Il test è stato somministrato ad una vasta po- polazione di controllo per valutare quali fossero le variabili che potevano influenzare l’esecuzio- ne; da quest’analisi si è dimostrata un’influenza Il PCR misura la capacità del bambino di pro- durre messaggi completamente informativi quando parla e la sua capacità di comprendere i messaggi che ascolta, siano essi adeguati o inade- guati. L’originalità di questo strumento consiste nel consentire la valutazione dell’abilità del bam- bino a mettere in relazione messaggio, significato e referente. La prova è stata validata e standardiz - zata anche per l’ambiente di lingua inglese (UK). La prova si compone di 30 item corrispondenti ad altrettante tavole in ciascuna delle quali sono rap- presentate figure (da un minimo di 4 a un mas- simo di 12) con lo stesso soggetto ma diversi dettagli a colori: 13 item valutano la capacità del soggetto, in quanto “parlante”, di produrre messaggi informativi; altri 13 valutano la sua capacità, in quanto “ascoltatore”, di rispondere a messaggi inadeguati risolvendone l’ambigui- tà; 3 item valutano la sua capacità come ascol- tatore di rispondere a messaggi adeguati. Pre- senta, inoltre, un item preliminare che serve a familiarizzare il soggetto con il compito. Il TPL è un metodo diretto di valutazione dello sviluppo linguistico il cui scopo è fornire una descrizione delle principali abilità linguisti- che che emergono nei primi anni di vita. Il test è costituito da 3 scale, ognuna artico- lata in una serie di prove di comprensione e una serie di prove di produzione linguistica, che ri- guardano i 3 aspetti più importanti del linguag- gio: pragmatica, semantica e prima sintassi. La Scala Comunicativa e Pragmatica esamina la capacità comunicativa di salutare all’inizio e alla fine di un’interazione e quella di comprendere e produrre richieste; la Scala di Vocabolario valuta l’attitudine a comprendere e produrre nomi sul- la base di semplici figure, rappresentanti oggetti della vita quotidiana; la Scala della Prima Sintas- si prevede una prova di comprensione di verbi di azione, e una prova di produzione. DATA DI PUBBLICAZIONE 1985 DESTINATARI Pazienti afasici SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale NUMERO DI ITEM 36 CAMPIONE 259 soggetti di controllo e 167 cerebrolesi destri (1984) QUALIFICA RICHIESTA B1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1995 DESTINATARI Bambini dalla 1ª alla 5ª cl. sc. primaria SOMMINISTRAZIONE 20’ ca. Individuale NUMERO DI ITEM 30 CAMPIONE 600 bambini suddivisi per fasce di età (1994) QUALIFICA RICHIESTA B1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1995 DESTINATARI 1-3 anni SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE 3 serie di prove CAMPIONE 279 bambini (1994) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 90519-Z 1 Kit Test dei Gettoni € 96,00 90520-W 25 Protocolli » 50,00 90521-K 1 Manuale di istruzioni » 17,15* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91710-J 1 Kit PCR € 301,00* 91713-G 10 Protocolli di risposta » 40,00 91714-H 1 Manuale di istruzioni » 38,40* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 92062-J 1 Kit TPL € 347,00* 92063-K 25 Protocolli di registrazione » 92,50 92064-L 1 Manuale di istruzioni » 46,50* *IVA assolta dall’Editore materiale kit + 10 proto- colli + manuale tavole + 10 protocolli + manuale materiale d’esame + 10 protocolli + manuale
  • LINGUAGGIO 115577 MATERIALE 93922-C 1 Portfolio QSCL (manuale + prototipi dei questionari e delle schede fotocopiabili) € 109,00* 91578-Z 1 Manuale di istruzioni » 22,00* *IVA assolta dall’Editore Giuseppe Sartori, Remo Job e Patrizio E. Tressoldi DDE-2 BATTERIA PER LA VALUTAZIONE DELLA DISLESSIA E DELLA DISORTOGRAFIA EVOLUTIVA – 2 Nuova edizione con norme aggiornate Luigia Camaioni, Maria Cristina Caselli, Emiddia Longobardi, Virginia Volterra e Stefania Luchenti QSCL QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEL 2° ANNO DI VITA Il frutto di una ricerca italiana sullo sviluppo comunicativo del bambino Questo test, in ambito diagnostico e clinico, può essere utilizzato come strumento di scree- ning per controlli a carattere epidemiologico, pediatrico e di monitoraggio su campioni a rischio (nel caso, ad esempio, di soggetti prema- turi, dismaturi, o con basso peso alla nascita). Il nuovo manuale è arricchito di un capitolo dedicato alle applicazioni del test con bambini con sviluppo atipico e al suo utilizzo con educa- tori di asilo nido. STRUTTURA Il questionario comprende 6 diversi contesti, sia di routine che di gioco, all’interno di ciascu- no dei quali è specificata una serie di comporta- menti, comunicativi e non, di tipo motorio, gestuale, vocale e linguistico che il bambino può esibire. Per ciascun comportamento si chie- de al genitore o all’educatore di indicare se il bambino lo produce e con quale frequenza. Questa batteria, giunta alla seconda edizio- ne, permette di valutare il livello di competenza acquisita sia nella lettura che nella scrittura e può servire al controllo dell’evoluzione di questi due sistemi, proponendosi come mezzo di comuni- cazione tra operatori e centri di riabilitazione per confrontare diagnosi e risultati dei trattamenti. STRUTTURA La batteria comprende 8 prove: 5 per l’ana- lisi del processo di lettura (denominazione di grafemi, lettura di parole e nonparole, com- prensione di frasi con omofone, correzione di parole omofone) e 3 per l’analisi del processo di scrittura (dettato di parole e nonparole, dettato di frasi con parole omofone). I dati normativi sono stati ricavati da un campione di circa 1550 alunni, dalla 2a classe della scuola primaria alla 3a classe della scuola secondaria di I grado, fre- quentanti scuole dell’Italia del Nord e del Sud di estrazione socioculturale mista. È possibile correlare i punteggi della batte- ria con i risultati ottenuti dal soggetto alle Prove MT, così da permettere un confronto diretto con la lettura di un brano, e con le CPM, per una valutazione dell’efficienza intel- lettiva del bambino. DATA DI PUBBLICAZIONE 1995, 2007 DESTINATARI Bambini dalla 2a cl. primaria alla 3a cl. sec. I grado SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE 8 prove CAMPIONE 1550 alunni (2ª cl. prim. – 3a cl. sec. I grado) dell’Italia del Nord e del Sud (2006-2007) QUALIFICA RICHIESTA B1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1992, 2008 DESTINATARI FormaI:bambinidi12/16mesi Forma II: bambini di 20 mesi SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE Osservazione su 6 situazioni diverse CAMPIONE 929 soggetti (1991) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93855-J 10 Fascicoli per le prove € 52,50* 93856-K 10 Protocolli di registrazione » 39,50 93857-L 1 Manuale di istruzioni » 42,60* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali
  • LINGUAGGIO 115588 M. Cristina Rinaldi, Paola Marangolo e Marco Lauriola BLED SANTALUCIA BATTERIA SUL LINGUAGGIO DELL’EMISFERO DESTRO SANTALUCIA Per valutare la pragmatica della comunicazione verbale in pazienti con lesione cerebrale destra discriminare, nell’elaborazione della prosodia linguistica, la posizione dell’accento enfatico all’interno di una frase: Prosodia. Le prove sono presentate con modalità udi- tivo-verbale e uditivo-visiva ed i materiali sono di conseguenza di tipo figurato, scritto, ed udi- tivo, raccolti in libretti ed in un CD-Rom. L’esaminatore ha a disposizione un protocollo di registrazione delle risposte in cui compaiono il testo delle prove e l’indicazione delle risposte corrette. La BLED SantaLucia è la prima batteria italia- na (sviluppata all’interno dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia) che valuta aspetti della capacità comunicativa al di là del livello prettamente lin- guistico, come la comprensione dell’umorismo o delle metafore ed il trarre inferenze. La conce- zione alla base è che vi sia una componente comune a questi diversi compiti, la pragmatica, che si riferisce all’uso del linguaggio nelle situa- zioni di vita quotidiana e non risulta general- mente inclusa nei consueti test sulle abilità lin- guistiche. Le ricerche in ambito neuropsicologi- co degli ultimi anni, sulla base di una compro- missione di tale abilità in persone con lesione cerebrale destra, hanno suggerito il coinvolgi- mento dell’emisfero destro nell’elaborazione degli aspetti che la caratterizzano. Lo strumento è stato ideato elettivamente per neuropsicologi in fase diagnostica e terapisti cognitivi in fase riabilitativa che, esclusa la pre- senza di deficit afasici, vogliano valutare l’even- tuale presenza di deficit di natura pragmatico- verbale in pazienti con lesioni cerebrali. STRUTTURA La batteria si compone di 6 subtest, ciascu- no composto a sua volta da 10 item, che inda- gano le seguenti capacità: cogliere il significato metaforico di espressio- ni comuni nella lingua italiana: Metafore figura- te e Metafore scritte; compiere inferenze traendo informazioni non esplicitamente enunciate tramite l’integrazione degli elementi forniti: Inferenze; interpretare correttamente le richieste con particolare attenzione a quelle formulate in forma indiretta: Richieste; elaborare ed apprezzare materiale umoristi- co: Umorismo; DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 DESTINATARI Adulti con lesione cerebrale SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale COMPOSIZIONE 6 prove di 10 item ciascuna CAMPIONE 89 soggetti (di cui e 39 di controllo 50 cerebrolesi destri) di età compresa tra i 29 e gli 86 anni (2004) QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93530-P 1 Kit BLED SantaLucia € 410,00* 93531-Q 25 Protocolli di registrazione delle risposte » 76,25 93532-R 1 Manuale di istruzioni » 32,50* *IVA assolta dall’Editore manuale + libretti sub- test + CD Prosodia + 25 protocolli Strumenti correlati APL Medea p. 159
  • LINGUAGGIO 115599 Evy G. Visch-Brink e Ingeborg M. Bajema BOX UNA TERAPIA SEMANTICO-LESSICALE PER PAZIENTI AFASICI Un programma d’intervento logopedico pratico e innovativo I disturbi semantico-lessicali sono molto fre- quenti in pazienti afasici e richiedono una tera- pia linguistica strutturata e specifica. Obiettivo del programma di terapia semantico-lessicale BOX è facilitare l’accesso al sistema semantico, obbligando il paziente a pensare continuamen- te a come distinguere parole che presentano una relazione semantica molto stretta tra loro. CARATTERISTICHE CHIAVE Varietà di temi per meglio avvicinarsi agli interessi individuali del paziente. Varietà negli esercizi per rafforzare l’effetto di generalizzazione. Contenuti basati sull’esperienza clinica e su esercizi usati per la diagnosi dei deficit semantici. STRUTTURA Il programma di riabilitazione BOX prevede una serie di materiali di base, tra i quali il logo- pedista dovrà scegliere a seconda delle caratte- ristiche comportamentali e neuropsicologiche del paziente, e contiene più di 1000 esercizi a livello di parola, frase e testo. Tutti gli esercizi sono creati in modo che il paziente debba fare una scelta tra alcune possibili alternative o debba prendere una decisione tra una risposta corretta e una sbagliata. Il programma è composto da otto tipologie di esercizio: Categorie semantiche Gradazioni semantiche Relazioni sintagmatiche e paradigmatiche Relazioni parte-tutto Aggettivi ed esclamazioni Frasi anomale Definizioni semantiche Contesto semantico. Nella maggioranza dei casi ogni tipo di eser- cizio prevede tre livelli di difficoltà e la possibi- lità di passare da esercizi a livello di parola a esercizi a livello di frase e viceversa. eBOX Come supplemento alla terapia individuale, che utilizza la versione cartacea del programma, è possibile disporre di una versione digitale, denominata eBOX. Tale programma può anche essere usato in assenza della versione cartacea e il paziente potrà fare gli esercizi con o senza il supporto del logopedista. Per l’uso del softwa- re è necessario disporre di privilegi di Ammi- nistratore. UTILIZZO Il programma è un utile strumento in logo- pedia, quando occorre trattare pazienti afasici che presentano un deficit semantico con gra- vità di livello variabile, in quanto propone una terapia semantico-specifica che porta ad un miglioramento delle attività semantiche e a un conseguente effetto facilitatorio nel recupero delle parole e in generale nella comunicazione verbale. La relativa integrità delle vie grafemiche di entrata è un prerequisito necessario per l’esito positivo dell’uso del BOX. In caso di deficit lievi alle vie grafemiche di entrata, è necessario che il logopedista legga ad alta voce le parole per assi- curarsi che la forma grafemica delle stesse venga correttamente riconosciuta. DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Evy G. Visch-Brink, Eelco R. Bloembergen, Ingeborg M. Bajema ed Eleonora Rossi DESTINATARI Pazienti afasici COMPOSIZIONE 1000 item articolati in 8 tipologie QUALIFICA RICHIESTA B1 MATERIALE 93906-M 1 Kit BOX € 375,00* 93988-W 1 Registrazione eBox successiva al primo acquisto per installazioni su più PC » 75,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + 8 libretti esercizi + CD eBOX esercizi informatizzati
  • LINGUAGGIO 116600 Dorothy V.M. Bishop TROG-2 TEST FOR RECEPTION OF GRAMMAR – VERSION 2 Un test logopedico per la misura dei contrasti grammaticali DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 EDIZIONE ITALIANA Silvana Suraniti, Raffaele Ferri e Vincenzo Neri DESTINATARI Dai 4 anni in poi SOMMINISTRAZIONE 10’-20’ Individuale COMPOSIZIONE 80 item a risposta multipla a 4 scelte CAMPIONE 1276 soggetti (51% femmi- ne e 49% maschi), dai 4 agli 87 anni (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA B1 Il TROG-2 è un test sul linguaggio recettivo per valutare la comprensione dei contrasti grammaticali, indicati da suffissi, parole funzio- nali e dall’ordine delle parole. Il test si avvale di un vocabolario limitato e semplice di sostantivi, verbi e aggettivi. La comprensione è valutata utilizzando uno schema a scelta multipla, in cui alla figura che rappresenta la proposizione-tar- get si contrappongono tre antitesi che raffigura- no una proposizione alterata da un elemento grammaticale o lessicale. CARATTERISTICHE CHIAVE Ampio range d’età: dai 4 anni all’età adulta. Linguaggio espressivo non richiesto. Vocabolario semplice e limitato: le frasi possono essere ripetute anche in alcune circo- stanze. Somministrazione facile e rapida, per mas- simizzare la cooperazione del soggetto e ridurre gli effetti dell’affaticamento. STRUTTURA Per ciascun contrasto grammaticale c’è un blocco di 4 item, che si ritiene superato con suc- cesso se tutti e 4 gli item sono completati cor- rettamente. L’impiego di blocchi di item fa sì che il TROG-2 possa essere usato in una diagno- si qualitativa per identificare le costruzioni pro- blematiche per il soggetto. I blocchi sono dispo- sti con difficoltà crescente e la prova è interrot- ta quando si falliscono 5 blocchi consecutivi. UTILIZZO Data la sua notevole versatilità, il test può essere usato da psicologi, logopedisti e insegnanti di soggetti non udenti, ed è applicabile con buoni risultati in ambito scolastico. Il TROG-2 permette al valutatore non solo di confrontare la compren- sione grammaticale di una persona rispetto ad un’altra della stessa età, ma anche di identificare aree specifiche di difficoltà. Il test è quindi utile con gruppi clinici, inclusi soggetti con disturbi specifici del linguaggio, deficit dell’udito, handi- cap fisici che compromettono la produzione del- l’eloquio, difficoltà di apprendimento, afasia acquisita. MATERIALE 93979-M 1 Kit TROG € 305,00* 93981-P 50 Moduli di registrazione “ 32,50 93982-Q 1 Manuale di istruzioni “ 29,00* 93983-R 1 Manuale dell’adattamento italiano “ 32,00* *IVA assolta dall’Editore Costruzioni incluse nel TROG-2 Blocco Costruzione Esempio di item A Due elementi La pecora sta correndo B Negativo L’uomo non è seduto C In e su invertibili La tazza è nella scatola D Tre elementi La ragazza spinge la scatola E SVO (sogg./verbo/ogg.) invertibili Il gatto sta guardando il ragazzo F Quattro elementi Il cavallo vede la tazza e il libro G Proposizione relativa soggetto L’uomo che sta mangiando guarda il gatto H Non solo X ma anche Y La matita non è solo lunga ma anche rossa I Sopra e sotto invertibili Il fiore è sopra l’anatra J Comparativo/assoluto L’anatra è più grande della palla K Passivo invertibile La mucca è inseguita dalla ragazza L Anafora assente L’uomo sta guardando il cavallo e sta correndo M Genere e numero del pronome Essi lo stanno portando N Congiunzione pronominale L’uomo vede che il ragazzo lo sta indicando O Né questo/ né quello La ragazza non sta né indicando né correndo P X ma non Y La tazza, ma non la forchetta, è rossa Q Proposizione principale post-posta L’elefante che spinge il ragazzo è grande R Singolare/plurale Le mucche sono sotto l’albero S Proposizione relativa oggetto La ragazza insegue il cane che sta saltando T Frase racchiusa al centro La pecora, che la ragazza guarda, sta correndo manuali + libro stimoli + 50 moduli registrazione
  • Questa batteria è uno strumento di valutazio- ne delle abilità pragmatiche nel linguaggio messo a punto presso il Servizio di Psicologia Cognitiva e Neuropsicologia dell’IRCCS “Eugenio Medea”, As- ociazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (LC). Le competenze linguistiche di tipo pragmatico si riferiscono alla capacità di comunicare effica- cemente, tenendo cioè conto del contesto, della situazione comunicativa e delle conoscen- ze dell’interlocutore. La batteria APL Medea è stata ideata sia per indagare come le abilità pragmatiche del linguaggio si sviluppino e pro- grediscano nelle diverse fasce d’età, sia per disporre di prove standardizzate per la valuta- zione clinica di tali abilità in età evolutiva. Il campione normativo è composto da 515 bam- bini italiani, di cui 255 maschi e 260 femmine, di età compresa tra i 5 e i 14 anni, equamente distri- buiti per classe frequentata, età, sesso, di prove- nienza geografica, area (urbana o rurale), tipo di scuola frequentata (privata o pubblica). CARATTERISTICHE CHIAVE • Presenta al bambino prove varie e divertenti, facilitando l’esame. • Ampio campione di standardizzazione. • Dati su popolazioni cliniche. • Facilità e rapidità di somministrazione. LINGUAGGIO 116611 Maria Luisa Lorusso APL MEDEA ABILITÀ PRAGMATICHE NEL LINGUAGGIO MEDEA Uno strumento di valutazione delle abilità pragmatiche nel linguaggio STRUTTURA La batteria è costituita da cinque prove: Metafore (M), suddivisa in Metafore verbali (MV) e Metafore figurate (MF): indaga la capacità di comprendere il linguaggio metaforico. Comprensione del significato implicito (CSI): valuta la capacità di trarre inferenze su contenuti non esplicitati. Fumetti (F): valuta la capacità di comprendere e rispettare la struttura dialogica in una comuni- cazione. Situazioni (S): valuta la capacità di compren- dere e far proprio il significato assunto da partico- lari espressioni nell’interazione sociale. Il gioco dei colori (GC): valuta la capacità di usare il linguaggio in modo referenziale e utilizza- re competenze legate alla “Teoria della Mente”. Non vi sono limiti temporali, al bambino viene fornito tutto il tempo necessario. La durata media della somministrazione dell’intera batteria è di circa 30 minuti. Il kit Il materiale predisposto per il test compren- de e il libretto con le tavole per le prove Metafore figurate e Fumetti, il protocollo per la somministrazione delle altre prove e la registra- zione, un tabellone colorato, dado e pedine per Il gioco dei colori. UTILIZZO L’APL Medea fornisce una valutazione quanti- tativa delle competenze pragmatiche nella com- prensione e nell’uso del linguaggio verbale, trala- sciando quindi gli aspetti della comunicazione non verbale e proponendosi come complemento alla valutazione delle abilità linguistiche più che sociali e comunicative in senso lato. La presenza di difficoltà nelle abilità pragmati- che del linguaggio, associate o meno a difficoltà di tipo semantico, è infatti oggetto di notevole interesse nell’ambito della psicologia e della neu- ropsichiatria infantile del nuovo millennio, e l’ap- partenenza di tali profili a disturbi di tipo linguisti- co o piuttosto allo “spettro autistico” è questione molto controversa. Lo strumento trova pertanto immediata applicazione nella pratica diagnostica e nello screening logopedico. MATERIALE 94047-H 1 Kit APL Medea € 199,00* 94048-J 25 Protocolli “ 57,50 94053-P 1 Manuale di istruzioni “ 30,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + materiali prove Metafore, Fumetti e Il gioco dei colori + 25 protocolli Strumenti correlati BLED p.158 Parliamone!!! p.162 DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Bambini tra i 5 e i 14 anni SOMMINISTRAZIONE 30 minuti circa Individuale COMPOSIZIONE 5 prove CAMPIONE 515 soggetti (255 maschi e 260 femmine) 5-14 anni (2008) QUALIFICA RICHIESTA B1
  • LINGUAGGIO 116622 Ingrid Santoro, Tiziana Mazzotta e Maria Luisa Lorusso PARLIAMONE!!! UN PERCORSO DI POTENZIAMENTO DELLE ABILITÀ PRAGMATICHE Un programma d’intervento sul linguaggio DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Bambini tra i 5 e i 14 anni con disturbi del linguaggio e/o della comunicazione DURATA Variabile, secondo necessità ATTIVITÀ Individuale o di gruppo COMPOSIZIONE 17 schede + gioco finale QUALIFICA RICHIESTA B1 Il programma Parliamone!!! è stato pensato per favorire lo sviluppo e l’espressione delle com- petenze necessarie a realizzare una corretta comunicazione, attraverso una serie di stimolanti attività ludiche. Il testo si rivolge direttamente al bambino, proponendosi come mezzo attraverso il quale affiancarlo in una riflessione su alcuni aspet- ti del linguaggio che potrebbero essere per lui poco immediati o non facilmente comprensibili. Il programma è proponibile per un percorso individuale con operatore, ma ha un’imposta- zione che sollecita la discussione e il confronto tra proposte diverse rendendolo adatto anche all’utilizzo con gruppi. CARATTERISTICHE CHIAVE Esercizi vari e divertenti. Utilizzabile per percorsi individuali o di gruppo. È personalizzabile, perché l’operatore può ampliare e arricchire le attività proposte. STRUTTURA Il percorso riprende la struttura della batte- ria APL Medea: per ognuno degli ambiti inda- gati, viene fornita sia una breve e semplice introduzione e spiegazione che una serie di atti- vità da svolgere insieme all’operatore per sti- molare e consolidare la padronanza della com- petenza specifica. 1) Una breve Guida all’uso, all’interno della quale viene presentato lo strumento e vengo- no date indicazioni sulle modalità di utilizzo. 2) Introduzione. Si entra subito nel vivo dell’at- tività pratica, coinvolgendo operatore e bambino/i nell’attività del conoscersi per poi “fare insieme”. 3) Che cosa è la pragmatica. Introduzione all’ar- gomento generale. 4) Che cosa è la metafora. Stimolazione della capacità di comprendere il linguaggio metaforico. 5) Le inferenze. Stimolazione della capacità di trarre inferenze su contenuti non esplicitati. 6) I dialoghi/la conversazione. Osservazione e comprensione della struttura dialogica durante una conversazione. MATERIALE 94058-U 1 Kit Parliamone!!! € 142,00 *IVA assolta dall’Editore 7) Situazioni. Osservazione e comprensione del significato assunto da particolari espres- sioni verbali e linguistiche nell’interazione sociale. 8) La Teoria della Mente. Osservazione e utilizzo delle competenze ad essa legate. 9) Proposta di un gioco finale (del tipo “gioco dell’oca”): Pragmatichiamo! Riepilogo di tutte le competenze acquisite durante il percorso. Variabile in base agli obiettivi e agli interessi specifici, il programma costituisce un percorso completo che può essere ampliato a piacimen- to rispettando i principi generali, o proposto solo in parte soffermandosi su un argomento o su un altro in base alla necessità. UTILIZZO In ambito rieducativo (ad esempio con bambini con disturbi del linguaggio o della comunicazione), il percorso integra e completa lo strumento di valutazione APL Medea, sugge- rendo alcuni esercizi per migliorare le compe- tenze risultate carenti. In ambito scolastico, il programma è pensa- bile anche come progetto educativo per introdur- re e poi approfondire aspetti del linguaggio che entreranno a far parte degli argomenti curricolari come metafore, inferenze, discorso indiretto. guida + schede fotocopia- bili per il training + mate- riale per Pragmatichiamo! FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Strumenti correlati APL Medea p. 149
  • ATTITUDINI GENERALI E SPECIFICHE
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116644 MATERIALE LIVELLO 1 93275-F 1 Starter kit DAT-5/1 € 552,00* Ragionamento Meccanico 92172-D 25 Fascicoli » 197,50* 92173-E 100 Fogli risposta » 190,00 92174-F 1 Griglia di correzione » 28,90 Velocità e Precisione 92175-G 25 Fascicoli » 131,25* 92176-H 100 Fogli risposta » 190,00 92177-J 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Astratto 92178-K 25 Fascicoli » 131,25* 92179-L 100 Fogli risposta » 190,00 92180-M 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Numerico 92181-M 25 Fascicoli » 131,25* 92182-M 100 Fogli risposta » 190,00 92183-Q 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Verbale 92184-R 25 Fascicoli » 131,25* 92185-S 100 Fogli risposta » 190,00 92186-T 1 Griglia di correzione » 28,90 Rapporti Spaziali 92187-U 25 Fascicoli » 197,50* 92188-V 100 Fogli risposta » 190,00 92189-W 1 Griglia di correzione » 28,90 Uso del Linguaggio 92190-Y 25 Fascicoli » 131,25* 92191-Z 100 Fogli risposta » 190,00 92192-A 1 Griglia di correzione » 28,90 *IVA assolta dall’Editore LIVELLO 2 93276-G 1 Starter kit DAT-5/2 € 552,00* Ragionamento Meccanico 91852-H 25 Fascicoli » 197,50* 91853-J 100 Fogli di risposta » 190,00 91854-K 1 Griglia di correzione » 28,90 Velocità e Precisione 91855-L 25 Fascicoli » 131,25* 91856-M 100 Fogli di risposta » 190,00 91857-N 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Astratto 91858-P 25 Fascicoli » 131,25* 91859-Q 100 Fogli di risposta » 190,00 91860-R 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Numerico 91861-S 25 Fascicoli » 131,25* 91862-T 100 Fogli di risposta » 190,00 91863-U 1 Griglia di correzione » 28,90 Ragionamento Verbale 91864-V 25 Fascicoli » 131,25* 91865-W 100 Fogli di risposta » 190,00 91866-Y 1 Griglia di correzione » 28,90 Rapporti Spaziali 91868-A 25 Fascicoli » 197,50* 91869-B 100 Fogli di risposta » 190,00 91870-C 1 Griglia di correzione » 28,90 Uso del Linguaggio 91875-H 25 Fascicoli » 131,25* 91876-J 100 Fogli di risposta » 190,00 91877-K 1 Griglia di correzione » 28,90 I DAT-5 sono una batteria di test a punteggi multipli che permette di descrivere e quantifica- re le differenti attitudini di un soggetto, con- frontate con quelle della popolazione di riferi- mento. Soggetti, infatti, con uno stesso livello di abilità mentale generale, possono differenziarsi notevolmente rispetto alle attitudini specifiche. I DAT-5 sono costruiti in modo da poter essere applicati indipendentemente e in fasi successi- ve, in funzione di specifici profili professionali. Tutti sono test di efficienza, ad eccezione del test Velocità e Precisione che serve come stru- mento di misurazione diretta della velocità di esecuzione. L’edizione qui presentata è l’ultima e più aggiornata della celebre batteria messa a punto a partire dal 1954 e periodicamente rin- novata. Gli item sono stati tutti riscritti o ridise- gnati, in modo da soddisfare l’esigenza di avere a disposizione materiale nuovo. La batteria può essere utilizzata per la forma- zione, l’orientamento e il counseling, al fine di comprendere gli eventuali punti deboli del sog- getto ed aiutarlo nella scelta dell’iter scolastico- professionale più adatto; è di grande aiuto anche nella selezione e nell’assessment perché è uno strumento altamente flessibile alle esigenze valu- tative dell’azienda e consente di valutare quelle che la stessa riconosce essere i punti chiave della job analysis. Lo strumento permette di ottenere un profilo esaustivo, una visione globale delle at- titudini del soggetto derivata dalla valutazione integrata dei risultati ai diversi test della batteria. 91871-D 1 Manuale DAT-5 livelli 1/2 € 41,00* per ogni batteria: manuale + per ogni test: 5 fascicoli + 10 fogli di risposta + 1 griglia George K. Bennett, Harold G. Seashore e Alexander G. Wesman DAT-5 DIFFERENTIAL APTITUDE TESTS – 5a edizione La più nota fra le batterie attitudinali, composta da 7 test specifici
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116655 STRUTTURA I DAT-5 sono articolati in Livello 1 per sog- getti con scolarità pari ai primi due anni della scuola secondaria di II grado, e Livello 2 per sog- getti con scolarizzazione medio-alta. Ragionamento Meccanico Misura la comprensione dei princìpi fondamen- tali della fisica; è utile per la selezione e l’orienta- mento verso occupazioni connesse alla fabbrica- zione e riparazione (ad es. ingegneria, elettro- tecnica, uso di macchinari, ecc.). Velocità e Precisione Valuta la velocità di risposta in un’attività di per- cezione semplice; da utilizzarsi nella selezione per molte professioni d’ufficio per i quali è ri- chiesta attenzione, rapidità e precisione. Ragionamento Astratto È una misura non verbale della capacità di ragionamento (fattore g), richiedendo abilità a percepire relazioni fra figure astratte e a giunge- re ad una generalizzazione, senza ricorrere al linguaggio: per la valutazione e l’orientamento verso qualsiasi professione. Ragionamento Numerico Misura l’abilità a svolgere compiti che prevedono il ragionamento matematico; è utilizzabile per la selezione e l’orientamento in professioni tecnico- scientifiche, amministrative, di contabilità, ecc. Ragionamento Verbale Misura la capacità di comprendere concetti legati alla parola valutando la capacità del sog- getto nell’astrarre, generalizzare e pensare costruttivamente; da utilizzarsi per professioni dell’area commerciale, giuridica, educativa, giornalistica, scientifica. Rapporti Spaziali Misura l’abilità nel visualizzare un oggetto tridi- mensionale a partire dalla rotazione di un modello bidimensionale; utile in professioni e studi di tipo tecnico, dalla progettazione al desi- gn, all’architettura, alla moda, ecc. Uso del Linguaggio Misura l’abilità nel rilevare errori di grammatica, punteggiatura e sintassi e la capacità di esprimer- si nella lingua italiana. DATA DI PUBBLICAZIONE Liv. 1: 1999 Liv. 2: 1998 EDIZIONE ITALIANA O.S. Organizzazioni Speciali DESTINATARI Liv. 1: Soggetti a media scolarizzazione (biennio scuola sec. II grado) Liv. 2: Soggetti a medio- alta scolarizzazione (ultimi 2 anni scuola sec. II grado) SOMMINISTRAZIONE Verbale/Astratto/Meccanico Rapporti Spaziali: 25’ Ragionamento Numerico: 30’ Uso del Linguaggio: 15’ Velocità e Precisione: 3’+3’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM RagionamentoVerbale/ Numerico/Astratto/Uso lin- guaggio: 40 Rapporti Spaziali: 50 RagionamentoMeccanico:60 Velocità e Precisione: 100 + 100 di prova CAMPIONE ITALIANO Livello 1: Per ciascun test ca. 800 soggetti di ambo i sessi del biennio di scuole sec. II grado della Toscana (1998-99) Livello 2: Per ciascun test ca. 750 soggetti di ambo i sessi delle ultime 2 classi di scuole sec. II grado di Roma, Sicilia e Toscana (1997-98) QUALIFICA RICHIESTA A2 DAT-5
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116666 MATERIALE 93674-M 1 Starter kit € 399,00* 93676-P 10 Fascicoli Verbale » 126,00* 93681-U 25 Moduli risposta autoscoring Verbale » 90,00 93677-Q 10 Fascicoli Astratto » 126,00* 93682-V 25 Moduli risposta autoscoring Astratto » 90,00 93678-R 10 Fascicoli Numerico » 126,00* 93683-W 25 Moduli autoscoring Numerico » 90,00 93679-S 10 Fascicoli Spaziale » 126,00* 93684-X 25 Moduli risposta autoscoring Spaziale » 90,00 93680-T 10 Fascicoli Meccanico » 126,00* 93685-Y 25 Moduli risposta autoscoring Meccanico » 90,00 93675-N 1 Manuale di istruzioni » 44,10* *IVA assolta dall’Editore Questa nuova versione dei GAT, oltre alla revi- sione dei quattro test originali – Verbale, Astratto, Numerico e Spaziale –, di cui conserva un certo numero di item, ne aggiunge un quinto, il Meccanico. Essa permette di evidenziare, per fini di orientamento o selezione, i soggetti in grado di ragionare in maniera logica, e di comprendere e adattarsi a nuove situazioni o esigenze di lavoro. STRUTTURA La batteria è articolata in 5 test: Verbale È costituito da una serie di analogie verbali che coinvolgono tutti i processi mentali di ragiona- mento induttivo e classificazione. Numerico Può essere utilizzato anche con persone che possiedono conoscenze matematiche limitate, poiché sono impiegate solo le quattro funzioni matematiche di base con numeri interi positivi. Astratto Comprende alcune serie di problemi figurali da risolvere, che richiedono al soggetto di percepi- re relazioni fra figure astratte e giungere ad una generalizzazione, senza l’uso del linguaggio. Spaziale Ideata in particolar modo per operatori del set- tore metalmeccanico, edile oppure industriale, misura l’abilità di manipolazione mentale di sti- moli complessi. Meccanico Verifica la capacità di comprensione dei principi basilari della meccanica e della loro applicazio- ne in dispositivi quali leve, ruote dentate e strut- ture semplici: ideata per operatori del settore tecnico e metalmeccanico. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 EDIZIONE ITALIANA Silvia Clarotti e Annamaria Di Fabio DESTINATARI Adulti con diploma di matu- rità SOMMINISTRAZIONE Verbale: 15’ Astratto, Numerico, Spaziale e Meccanico: 20’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM Verbale/Astratto/Numerico e Meccanico: 36 Spaziale: 80 CAMPIONE ITALIANO 2040 (Verbale), 2180 (Astratto), 2032 (Numerico), 1934 (Spaziale), 2031 (Meccanico) studenti degli ultimi due anni di vari tipi di scuola secondaria di II grado in Toscana e adulti in situazione di selezione/ valutazione (2006-2007). QUALIFICA RICHIESTA A2 manuale + per ogni test: 4 fascicoli + 8 moduli autoscoring Pauline Smith, Chris Whetton e Louise Caspall GAT-2 GENERAL ABILITY TESTS – 2 La nuova edizione della batteria attitudinale GAT
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116677 MATERIALE 93279-K 1 Starter kit € 428,00* 91549-U 10 Fascicoli Verbale Forma A » 220,00* 91546-R 10 Fascicoli Numerico Forma A » 159,50* 91552-E 10 Fascicoli Astratto Forma A » 220,00* 91551-R 25 Fogli di risposta Verbale Forma A » 53,75 91548-K 25 Fogli di risposta Numerico Forma A » 53,75 91554-G 25 Fogli di risposta Astratto Forma A » 52,50 91639-B 1 Serie di griglie Forma A » 52,50 91640-C 1 Manuale di istruzioni (taratura 2005) » 41,30* *IVA assolta dall’Editore Numerico Valuta le capacità di ragionare in un contesto numerico; è quindi utile per la selezione di lau- reati per le aree finanziarie ed economiche. Permettere di distinguere tra soggetti che hanno delle carenze dovute ad una lacuna set- toriale e quelli che, invece, sembrano possedere un’ampia cultura matematica ma hanno proble- mi ad applicarla in situazioni complesse. Verte sul calcolo di profitti e perdite, sugli investimen- ti, sui costi di produzione, sulle vendite, sulla contabilità e sul cambio di valuta. Astratto Valuta le capacità del soggetto di percepire nuovi modelli, di escogitare nuovi metodi, di operare concretamente a diversi livelli mentali di analisi. È l’unica prova della batteria a non far riferimento alla cultura, per evidenziare gli stadi di ragionamento che conducono ad una solu- zione tramite intuizione piuttosto che attraverso la comprensione razionale di un principio di base. Il GMA è stato concepito per selezionare per- sonale laureato, per identificarne il potenziale in vista di un eventuale avanzamento di carriera, per corsi di aggiornamento o di formazione, per valutare i manager e le loro potenzialità. STRUTTURA Il GMA è una batteria articolata in 3 test, cia- scuno caratterizzato da una forma di presenta- zione degli item del tutto nuova rispetto a test analoghi di batterie tradizionali; per ogni dimen- sione valutata, infatti, il problema che si chiede di risolvere è presentato sotto forma complessa. Verbale È costituito da una serie di brani di carattere non tecnico che i soggetti devono analizzare per valu- tare quattro affermazioni relative al contenuto: tali valutazioni implicano la semplice logica, dal momento che i soggetti devono precisare se sono vere, false oppure se non ci sono abbastanza infor- mazioni per prendere una decisione al riguardo. manuale + per ogni test: 5 fascicoli + 10 fogli di risposta + 1 serie di griglie DATA DI PUBBLICAZIONE 1996 EDIZIONE ITALIANA O.S. Organizzazioni Speciali DESTINATARI Manager e laureati SOMMINISTRAZIONE 30’ per ciascun fattore Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM Numerico: 33 Verbale: 60 Astratto: 115 CAMPIONE ITALIANO Numerico: 1445 laureati in selezione Verbale: 1692 laureati in selezione Astratto: 1690 laureati in selezione (1995-2005) QUALIFICA RICHIESTA A2 Psychometric Research Unit, The Hatfield Polytechnic GMA GRADUATE AND MANAGERIAL ASSESSMENT – Forma A Per la valutazione di abilità elevate e potenzialità manageriali
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116688 STRUTTURA Il subtest Clerical si basa sulla velocità e preci- sione nello svolgimento di un compito impiega- tizio di routine: comprende 2 prove che esami- nano l’attitudine a controllare nomi e l’abilità a classificare materiali in modo rapido e corretto. Il subtest Numerico raggruppa 3 generi diversi di prestazione a base di conteggi. Il subtest Verbale, infine, misura la conoscenza della lingua (4 prove che esaminano l’attitudine a capire concetti espressi verbalmente, le loro reciproche relazioni e la conoscenza di aspetti fondamentali della lin- gua italiana concernenti ortografia e sintassi). Strumento indispensabile per individuare e misurare in modo utile e funzionale le capacità creative di bambini, adolescenti e adulti, il test di Torrance è adatto anche a valutare gli effetti differenziali di diversi programmi sperimentali e metodi didattici. STRUTTURA Le 7 attività della Forma Verbale riguardano: fare domande su quanto è rappresentato da un Il GCT è utilizzato nella selezione e nell’orien- tamento di personale impiegatizio che abbia completato la scuola dell’obbligo. È suddiviso in 3 subtest, ciascuno dei quali raggruppa delle prove, diverse come contenuto ma che misura- no la stessa caratteristica da prospettive diffe- renti. Per ciascuno di essi è previsto un punteg- gio con relativa scala di valutazione. Questo consente di esprimere un giudizio analitico e una valutazione globale effettuata in base alla somma dei risultati ottenuti nei 3 subtest. disegno, formulare ipotesi sulle cause dell’even- to raffigurato, produrre idee relative al come mi- gliorare un giocattolo, pensare usi insoliti per oggetti di uso comune, immaginare diversi pos- sibili sviluppi di un evento improbabile. La Forma Figurale comprende 3 attività: costruzio- ne di un disegno, completamento di figure, ela- borazione grafica di 30 coppie di rette parallele. Le risposte al test sono valutate secondo para- metri di fluidità, flessibilità, originalità ed elabo- razione. DATA DI PUBBLICAZIONE 1964 EDIZIONE ITALIANA Fulvio Cocci DESTINATARI Impiegati di medio livello, dai 19 anni SOMMINISTRAZIONE 60’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 9 prove per un totale di 263 item CAMPIONE ITALIANO 158 diplomati (1964) e 138 soggetti con licenza media inferiore (1975) QUALIFICA RICHIESTA A2 DATA DI PUBBLICAZIONE 1989 EDIZIONE ITALIANA Giovanni Sprini e Stefano Tomasello DESTINATARI Dai 5 anni d’età in poi SOMMINISTRAZIONE F. verbale: 45’ ca. - Individuale F. figurale: 30’ ca. - Collettiva COMPOSIZIONE F. verbale: 7 attività F. figurale: 3 attività CAMPIONE ITALIANO 485 soggetti dai 7 ai 14 anni (1984) QUALIFICA RICHIESTA B1 Peter Saville, J. Hare, L. Finlayson e S. Bleinkhorn GCT GENERAL CLERICAL TEST Una batteria studiata per la selezione di mansioni da ufficio E. Paul Torrance TEST DI PENSIERO CREATIVO – Forma A Per la valutazione delle potenzialità creative MATERIALE 90484-P 50 Questionari € 152,50 90485-Q 1 Serie di griglie di correzione » 33,60 90486-R 1 Manuale di istruzioni con supplemento esaurito *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91181-C 25 Quaderni Forma figurale A € 83,75 91182-D 25 Quaderni Forma verbale A » 100,00 91183-E 25 Schede valutazione Forma figurale A » 33,75 91184-F 25 Schede valutazione Forma verbale A » 33,75 91223-M 1 Confezione con materiale per la forma verbale » 68,00 91185-G 1 Guida di valutazione » 30,00 91186-H 1 Manuale tecnico » 30,00 *IVA assolta dall’Editore
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 116699 MATERIALE 93974-G 1 Starter kit € 347,00 93975-H 15 Fascicoli Pensiero Inferenziale » 78,75* 93976-J 25 Fogli di risposta PI per scoring online » 36,25 93977-K 25 Questionari Pensiero Creativo (a consumo) » 125,00 93978-L 1 Manuale d’istruzioni » 31,50* www.internet-test.it 1 autosomministrazione (P. Inferenziale) » 2,40 1 profilo grafico (P. Inferenziale) » 7,50 *IVA assolta dall’Editore L’ASK è stato sviluppato per la valutazione delle componenti fondamentali dell’intelligenza genera- le: il pensiero inferenziale, che si riferisce alla capa- cità di interpretare in maniera appropriata informa- zioni di diversi livelli di complessità, e il pensiero creativo, che si configura con l’abilità di riconosce- re relazioni e connessioni tra elementi che appar- tengono ad ambiti differenti, così come di inventa- re idee, trovare soluzioni a problemi aperti e stabi- lire associazioni nuove tra fatti, parole e concetti. CARATTERISTICHE CHIAVE Taratura specifica per l’uso in selezione. Strutturazione a moduli. Foglio di informazioni per la restituzione dei risultati al test. STRUTTURA L’ASK si compone di due moduli, che posso- no essere utilizzati insieme o indipendentemente. Pensiero Inferenziale 81 item a risposta multipla chiusa, articolati in tre prove: Informazioni da Valutare (21 item): presen- tazione di tabelle e diagrammi cui si associano una serie di conclusioni di cui si richiede di valu- tare la correttezza; Deduzioni (33 item): insieme di problemi logici, costituiti da una premessa cui segue una serie di possibili conclusioni, di cui occorre sta- bilire la veridicità; Distinguere Fatti da Opinioni (27 item): di ognuna delle affermazioni date, occorre decide- re se è un fatto o un’opinione. Scoring tramite Internet-Test. Pensiero Creativo 10 esercizi a risposta aperta, articolati in quattro prove: Inventare Frasi, in cui vengono presentate quattro lettere iniziali dalle quali costruire frasi di senso compiuto; Produrre Ipotesi, in grado di spiegare le motivazioni alla base delle affermazioni date; Definire la Struttura Condizionale, cioè individuare i fattori in grado di esercitare un’in- fluenza su una data affermazione; Creare Categorie che abbiano senso, a par- tire da parole date. Scoring manuale. UTILIZZO L’ASK si propone come uno strumento di valutazione attitudinale ideale per tutte le occupazioni che richiedono come requisiti i trat- ti del pensiero inferenziale e/o creativo. Il test può essere impiegato in ambito edu- cativo, in sede di orientamento alla carriera, nelle diagnosi cliniche, nella selezione del per- sonale e nell’inquadramento professionale. manuale + 10 fascicoli PI + 15 f. risposta PI + 15 questionari PC + €€ 150 di crediti Internet-Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2008 ADATTAMENTO ITALIANO Palmira Faraci e Silvia Clarotti DESTINATARI Soggetti con un livello di istruzione minimo di scuola secondaria di II grado SOMMINISTRAZIONE Pensiero Inferenziale: 30’ circa Pensiero Creativo: 40’ circa Individuale e collettiva COMPOSIZIONE Pensiero Inferenziale: 80 item Pensiero Creativo: 10 esercizi CAMPIONE ITALIANO 537 adulti tra i 17 e i 47 anni; 236 studenti scuola secondaria di II grado e 301 laureati (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 scoring profilo grafico ASPETTATIVA DI VITA Una possibile struttura condizionale per il fatto: "Aspettativa media di vita della popolazione” potrebbe essere questa: Abitudini alimentari Condizioni di lavoro Progressi nella medicina Cure mediche Premessa: Tutti i gatti sono neri. Alcuni animali neri sono veloci. Quindi: Conclusioni suggerite: Tutti gli animali neri sono gatti: Risposta corretta: FALSO, questa conclusione non si può dedurre dalla premessa, infatti si afferma solamente che tutti i gatti sono neri e non che tutti gli animali neri sono gatti. Pensiero Inferenziale Guerre Heinz Schuler e Benedikt Hell ASK TEST DI PENSIERO INFERENZIALE E CREATIVO Due test complementari per una valutazione più potente delle abilità
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 117700 MATERIALE 93776-E 1 Starter kit € 227,00* 90084-A 10 Fascicoli Verbale con 10 schede di informazione » 138,50* 90085-B 10 Fascicoli Numerico » 126,00* 90087-E 25 Fogli di risposta autoscoring Verbale » 88,75 90093-L 25 Fogli di risposta autoscoring Numerico » 88,75 45068-Z 1 Manuale di istruzioni » 39,00* *IVA assolta dall’Editore I Critical Reasoning Tests (CRT) sono stati ideati come ausilio per selezionare persone dotate delle capacità cognitive necessarie ad esplicare funzioni manageriali di medio o alto livello nell’ambito di una svariata tipologia di imprese ed organizzazioni. Questi test accerta- no il possesso delle capacità cognitive fonda- mentali indispensabili per la riuscita in un qual- siasi ruolo manageriale e si prestano ad essere usati sia con persone che abbiano appena ter- minato gli studi sia con persone attualmente occupate in posizioni non manageriali. Il livello di capacità di base (disposizione alla stesura di documenti e all’esprimersi attraverso rappresentazioni numeriche) necessario per sot- toporsi ai test non va al di là del minimo richie- sto per un posto manageriale di primo livello. Le informazioni usate nei test rispecchiano situa- zioni in cui un manager viene comunemente a trovarsi. La standardizzazione italiana è stata effettua- ta, come per la versione originale, su due cam- pioni: uno composto da soggetti adulti in situa- zione di selezione e l’altro da studenti frequen- tanti il quarto e quinto anno della scuola secon- daria di II grado in vari istituti della Toscana. STRUTTURA Si tratta di due strumenti di valutazione, il Verbale e il Numerico, che condividono il mede- simo contesto ambientale per gli item, cioè le attività di un’azienda fittizia. I due test sono stati ideati per essere usati in coppia, ma possono essere impiegati anche separatamente. Verbale Si compone di tre sezioni, atte ad accertare se e in che modo si è in grado di far fronte a situazio- ni diverse che richiedono l’elaborazione di dati informativi. Si tratta di: desumere informazioni da un documento; valutare l’impatto delle nuove informazioni sulle convinzioni correnti; stabilire, in base alle affermazioni date da una persona, quali ne siano i presupposti impliciti. Numerico Valuta se si è in grado di interpretare informa- zioni numeriche presentate in una varietà di prospetti grafico-numerici verosimili; ciò implica la capacità di estrapolare i dati pertinenti dal- l’insieme delle fonti di informazione disponibili e di combinarli in modo da pervenire alle con- clusioni richieste. Entrambi i test presentano item che richie- dono di riconoscere che i dati forniti sono insuf- ficienti per formulare una risposta definitiva, proprio come accade in molte situazioni azien- dali. manuale + 5 fascicoli ver- bale + 5 schede + 5 fasci- coli numerico + 10 fogli di risposta verbale + 10 fogli di risposta numerico DATA DI PUBBLICAZIONE 2003 EDIZIONE ITALIANA O.S. Organizzazioni Speciali DESTINATARI Adulti con diploma di matu- rità SOMMINISTRAZIONE Verbale: 35’ circa Numerico: 35’ circa Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM Verbale: 56 Numerico: 30 CAMPIONE ITALIANO Verbale: 327 adulti in situa- zione di selezione + 258 studenti della 4a e 5a cl. sec. II grado (2002-03) Numerico: 325 adulti in situazione di selezione + 306 studenti della 4a e 5a cl. sec. II grado (2002-2003) QUALIFICA RICHIESTA A2 Pauline Smith e Chris Whetton CRT CRITICAL REASONING TESTS La valutazione del ragionamento critico
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 117711 MATERIALE IST-2000 93300-H 1 Starter kit € 197,00* 93290-W 25 Moduli di base: Prove attitudinali Forma A » 152,50* 93292-Z 25 Moduli di base: Prova di memoria Forma A » 118,75* 93294-B 25 Moduli complementari Forma A » 118,75* 93291-Y 25 Moduli di base: Prove attitudinali Forma B » 152,50* 93293-A 25 Moduli di base: Prova di memoria Forma B » 118,75* 93295-C 25 Moduli complementari Forma B » 117,50* 93296-D 50 Moduli di risposta Forme A e B » 142,50 93297-E 50 Fogli di profilo Forme A e B » 70,00 93298-F 1 Serie di griglie di correzione Forma A » 35,80 93299-G 1 Serie di griglie di correzione Forma B » 35,80 93289-V 1 Manuale di istruzioni » 37,00* *IVA assolta dall’Editore L’IST-2000 è un test per l’esame dell’intelli- genza, sia da un punto di vista strutturale che di livello. Le varie prove permettono di rilevare abili- tà specifiche ed indipendenti come quelle verba- le, numerica e figurativa, per poi confluire in un solo fattore che rappresenta il livello generale del- l’abilità intellettiva di un soggetto. Quale nuova versione del TSI, si presenta notevolmente rinno- vato nei contenuti e più rispondente ai progressi scientifici nel campo delle abilità cognitive. Può dare utili indicazioni sulle difficoltà di apprendi- mento scolastico in generale o in rapporto a con- tenuti verbali, numerici e figurativi. Permette inol- tre un confronto fra il livello di intelligenza fluida e quello dell’intelligenza cristallizzata. STRUTTURA L’IST-2000 si articola in due moduli: il Modu- lo di base, composto da nove Prove attitudinali e da una Prova di memoria, e il Modulo comple- mentare, composto da una Prova di conoscenze generali. La somma dei dati del Modulo di base raggruppati per area (verbale, numerica e figu- rativa) fornisce il punteggio relativo al fattore Ragionamento generale. La Prova di conoscenze generali permette di ricavare una misura del grado in cui un soggetto ha assimilato informa- zioni culturali generali. Il test è strutturato in due forme parallele, A e B, con gli stessi item ma in posizione diversa. Modulo di base Completamento di frasi – CF: evidenzia la ricchezza di informazioni sui fatti, sulle situazio- ni quotidiane e sulla capacità di cogliere e valu- tare dati concreti. Analogie – AN: rileva il grado in cui ci si ren- de conto dell’associazione naturale o logica delle situazioni o dei concetti astratti e si riesce ad esprimerli. Somiglianze essenziali – SE: rileva la capacità di astrazione, cioè la capacità di ragionare per giungere a concetti sovraordinati. Operazioni numeriche – ON: misura la capa- cità di capire il modo in cui è impostato un pro- blema e il possesso dei simboli matematici. Serie numeriche – SN: misura la capacità di analizzare sequenze numeriche stabilite da spe- cifiche regole per poter poi produrre delle suc- cessioni logiche. Segni aritmetici – SA: mette in evidenza la capacità di prospettare e tentare soluzioni ade- guate al problema e di verificare poi se queste effettivamente conducono al risultato già noto. Ricostruzione di figure – RF: mette in risalto la capacità di organizzare dati iconici in struttu- re significative. Riconoscimento di cubi – RC: evidenzia la ca- pacità di rappresentazione tridimensionale. Individuazione di figure – IF: rileva la capacità di identificare sequenze logiche di tipo algoritmico. Prova di memoria: valuta la memoria im- mediata di contenuti verbali e figurativi, e la capacità di concentrazione e perseveranza nello sforzo mentale. Modulo complementare Prova di conoscenze generali: presenta 53 quesiti raggruppabili per tipo di contenuto in tre aree: verbale, numerica e figurativa. manuale + 5 moduli base prova attitud. Forma A + 5 moduli base prova di memoria Forma A + 5 moduli complementari Forma A + 10 moduli risposta + 10 f. profilo + 1 serie di griglie Forma A DATA DI PUBBLICAZIONE 2001 EDIZIONE ITALIANA Klement Polácˇek DESTINATARI Adolescenti e adulti con almeno la licenza media SOMMINISTRAZIONE 160’ (intera batteria) Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 261 item (intera batteria) CAMPIONE ITALIANO 3030 studenti della scuola sec. di II grado; 602 studen- ti della 3a cl. sec. di I grado (2000) QUALIFICA RICHIESTA B2 Rudolf Amthauer, Burkhard Brocke, Detlev Liepmann e André Beauducel IST-2000 TEST DI STRUTTURA DELL’INTELLIGENZA La nuova versione del TSI
  • ATTITUDINIGENERALIESPECIFICHE 117722 lettere e nei restanti 21 parole di 7. Imme- diatamente sotto le parole, ma presentati in modo casuale, si trovano gli insiemi di simboli derivati dall’utilizzo di una chiave sconosciuta che cambia continuamente nel passare da un esercizio all’altro. La prova è a tempo limitato (30 minuti). Il CLAVES è un test di valutazione di abilità intellettive superiori. Attraverso un compito di ragionamento deduttivo, il soggetto può trova- re la soluzione in una o più fasi, in funzione delle proprie abilità intellettive e di quanto riesca a focalizzare il problema. Tale capacità è nota come intelligenza fluida, e ad essa, secondo la letteratura esistente, contribuiscono attenzione, concentrazione e memoria di lavoro. Pertanto l’insieme di attitudini richiesto è piuttosto com- plesso, poiché il soggetto ha bisogno di chia- mare in causa varie attitudini primarie o anche di mettere in esercizio attitudini più generali. Il CLAVES si compone di 35 esercizi: nei primi 14 sono state utilizzate parole di senso compiuto di 5 DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 EDIZIONE ITALIANA Silvia Clarotti, Annamaria Di Fabio e Marco Mariani DESTINATARI Adolescenti e adulti SOMMINISTRAZIONE 30’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 35 CAMPIONE ITALIANO 949 soggetti di cui 297 uomini e 651 donne (studentieadultiinsituazione di selezione) (2005) QUALIFICA RICHIESTA A2 MATERIALE 93522-D 1 Starter kit € 290,00 93523-E 10 Fascicoli » 63,00* 93524-F 25 Moduli risposta autoscoring » 95,00 93525-G 25 Fogli di risposta per scoring online » 46,25 93526-H 1 Manuale di istruzioni » 38,50* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 2,40 1 profilo grafico » 7,50 *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 fascicoli + 15 f. risposta scoring on- line + € 150 di crediti Internet-Test somministrazione scoring profilo grafico Il BOMAT è un test a matrici non verbale (sul modello dei test di Raven), molto efficace per valutare la capacità di prestazione cognitiva e personale con ruoli manageriali o in possesso di una formazione accademica. Uno dei vantaggi più rilevanti consiste nel- l’ampia flessibilità di variazione del grado di diffi- coltà dei singoli item. Grazie al limitato tempo di somministrazione, la forma breve si integra bene in procedure di assessment center. STRUTTURA Il BOMAT – Forma breve è composto da due parti: una sezione di 10 item di esempio e il test vero e proprio di 29 item. Questi sono costituiti da una matrice di quindici caselle disposte su tre righe, ognuna di cinque colonne. In ogni matrice si trova solo una casella vuota. La casella mancan- te può essere identificata sulla base di varie com- ponenti (forma, colore, modello, quantità, dispo- sizione spaziale) mediante regole logiche. La fina- lità è quella di capire la logica interna della matri- ce e scegliere, fra le sei alternative di risposta pre- sentate, quella che completa la matrice in modo sensato: la soluzione esatta viene presentata sotto la matrice insieme a cinque distrattori. DATA DI PUBBLICAZIONE 2003 EDIZIONE ITALIANA O.S. Organizzazioni Speciali DESTINATARI Studenti universitari, laureati, manager SOMMINISTRAZIONE Circa 60’ Individuale o collettiva NUMERO DI ITEM 29 CAMPIONE ITALIANO 415 studenti universitari e adulti laureati in selezione QUALIFICA RICHIESTA A2 MATERIALE 93777-A 3 Fascicoli € 189,00* 93778-B 25 Fogli di risposta autoscoring con modulo istruzioni generali » 91,25 46077-A 1 Manuale di istruzioni » 32,50* *IVA assolta dall’Editore Nicolas Seisdedos Cubero CLAVES Per valutare capacità di ragionamento deduttivo e flessibilità cognitiva Rüdiger Hossiep, Daniela Turck e Michele Hasella BOMAT TEST DELLE MATRICI DI BOCHUM – Forma breve – A Un test a matrici completamente non verbale per la valutazione del personale di livello medio-alto
  • TALENT ASSESSMENT
  • TALENTASSESSMENT 117744 NNOOVVIITTÀÀ MATERIALE 94016-A 1 Starter kit € 245,00 94018-C 25 Fascicoli » 250,00* 94019-D 50 Fogli di risposta » 87,50 94017-B 1 Manuale di istruzioni » 32,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 50,00 *IVA assolta dall’Editore menti di Manutenzione (GAm), cioè basati sul mantenimento dello status quo, e di Sviluppo (GAs), ovvero orientati all’innovazione. Gestione dei collaboratori (GC): comprende i modi di agire diretti alla supervisione, alla moti- vazione e al coaching dei collaboratori. Anche in questa dimensione si distinguono comporta- menti di Manutenzione (GCm), cioè rivolti a coordinare il lavoro corrente del team, e di Sviluppo (GCs), ossia più legati alla crescita e al raggiungimento di obiettivi. Gestione di sé (GS): dominio chiave nella rile- vazione dell’agentic leader, concerne i compor- tamenti relativi alla gestione delle proprie capa- cità e del proprio modo di essere leader, in rela- zione a come la persona gestisce lo stress, a cosa ritiene stimolante, al rispetto dei principi etici e alla tensione al continuo miglioramento. In essa l’ALQ distingue quattro sottodimensioni: Autoregolazione (GSa), Passione (GSp), Etica (GSe), Self-enhancement (GSs). L’ALQ presenta anche una scala di Desiderabilità sociale (DeS) per misurare la ten- denza della persona a fornire risposte falsate in positivo o in negativo. UTILIZZO L’ALQ può essere impiegato: nei processi di selezione nei programmi di valutazione nei contesti organizzativi in cui è opportu- no integrare le informazioni sulla personalità di un leader a una valutazione dei suoi comporta- menti. L’Agentic Leadership Questionnaire (ALQ) pro- pone un profilo articolato, relativo allo stile per- sonale di leadership e ai suoi elementi distintivi. Il forte tratto di novità rispetto alla letteratura classica è rappresentato dal costrutto di human agency, che fa riferimento all’“agenticità” del- l’uomo, alla sua capacità di “far accadere le cose”, di influenzare attivamente l’ambiente che lo circonda e di contribuire a causare ciò che avviene: da qui il profilo dell’agentic leader. L’ALQ è uno strumento valido, attendibile e aggiornato per rilevare precocemente nelle organizzazioni le caratteristiche del leader, tema che si sta rivelando di crescente e cruciale importanza sia per la gestione delle persone che per il cambiamento organizzativo. CARATTERISTICHE CHIAVE Self-report di facile somministrazione. Tre scale per la misura dello stile persona- le di leadership. Esteso rapporto interpretativo compute- rizzato. STRUTTURA Coerentemente con la più recente letteratu- ra internazionale sulla leadership, il questionario indaga tre domini dell’attività gestionale: Gestione delle attività (GA): riguarda i com- portamenti del leader relativi alla gestione delle attività, delle risorse materiali e del tempo. In questa dimensione l’ALQ distingue comporta- manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + €150 di crediti Internet-Test somministrazione scoring rapporto narrativo DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Manager e altre figure con ruoli di gestione e coordinamento SOMMINISTRAZIONE 15’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 75 CAMPIONE ITALIANO 1250 soggetti variamente distribuiti per ruolo gerarchi- co, tasso di scolarità e appartenenza aziendale (2007-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 Laura Borgogni, Laura Petitta, Silvia Dello Russo, Andrea Mastrorilli ALQ AGENTIC LEADERSHIP QUESTIONNAIRE Uno strumento innovativo per valutare lo stile di leadership
  • TALENTASSESSMENT 117755 NNOOVVIITTÀÀ Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard, Colin Cooper LJI LEADERSHIP JUDGEMENT INDICATOR Un test di giudizio situazionale per lo sviluppo della leadership MATERIALE 94305-J 1 Starter kit € 350,00 94306-K 25 Fascicoli » 250,00* 94307-L 50 Fogli di risposta » 87,50 94308-M 1 Manuale di istruzioni » 76,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 50,00 *IVA assolta dall’Editore za quando il gruppo fa fronte a situazioni che richiedono ampiezza di vedute. Due tipologie: guidata e del giocatore di squadra. Leadership delegativa (Prendi tu la decisione sulla base delle tue idee): è utile quando si lavora con un gruppo esperto, soprattutto nei casi in cui i collaboratori su certi aspetti tecnici possiedono una preparazione maggiore rispetto al leader. Due tipologie: informata e totalmente delegativa. Il report di sviluppo Il report è rivolto al soggetto e pensato per la progettazione di percorsi di sviluppo. Fornisce infatti, oltre ad una descrizione del modello di leadership di riferimento, l’evidenza dell’accura- tezza con cui egli risponde a tale modello e indi- cazioni operative su come colmare il gap sull’u- tilizzo dei diversi stili di leadership. UTILIZZO L’LJI è stato costruito per essere principalmen- te usato in contesti di sviluppo con l’obiettivo di potenziare l’efficacia della leadership decisionale. Lo strumento può essere utilizzato anche nelle situazioni di selezione, in cui si richiede il giudizio sulla leadership. Gli item non sono legati ad alcuna forma di autovalutazione; lo strumento può quindi essere rivolto: 1) a chi ancora non esercita un ruolo da leader, per ottenere un quadro della preparazione e della disposizione alla leadership; 2) a chi già occupa una posizione di leadership a livello for- male e informale: a) per la selezione dei leader; b) nell’ambito della formazione e dello sviluppo, per l’analisi dei bisogni di individui e gruppi che occu- pano posizioni di leadership. L’LJI è un test di giudizio situazionale: il sog- getto deve valutare quale, fra quelli presentati, è il comportamento più adatto relativamente ad una determinata situazione organizzativa. Si ottiene, così, una face validity più elevata che nei questionari self-report. L’LJI consente di individuare con accuratezza le strategie di leadership più efficaci messe in atto dal soggetto nelle diverse situazioni, così come la sua capacità di individuare il modo più adeguato di relazionarsi con i collaboratori. Il test esamina il grado in cui il leader mostra di saper equilibra- re le preferenze di stile personale in base alle richieste del compito, legate a vari contesti deci- sionali, per poi giungere a una scelta efficace. CARATTERISTICHE CHIAVE Test di giudizio situazionale. Chiede di riconoscere e valutare le strate- gie di leadership efficaci nei diversi contesti. Report di sviluppo computerizzato. STRUTTURA Il test è composto da 16 scenari: per ognu- no sono descritte quattro diverse linee d’azione corrispondenti a 4 diversi stili di leadership. I quattro stili principali e i sottostili Leadership direttiva (Prendo la decisione sulla base delle mie idee): è lo stile più efficace quando si ha a che fare con un gruppo di recen- te costituzione. Si presenta sotto due tipologie: senza assistenza e con assistenza. Leadership consultiva (Prendo la decisione sulla base delle nostre idee): è lo stile adeguato per trar- re informazioni e idee da un gruppo in sviluppo. Due tipologie: individuale e di gruppo. Leadership consensuale (Noi prendiamo la decisione sulla base delle nostre idee): è lo stile più appropriato a suscitare un senso di appartenen- manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + € 150 di crediti Internet- Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2011 EDIZIONE ITALIANA Palmira Faraci DESTINATARI Manager senior e junior NUMERO DI ITEM 64 (4x16 scenari) SOMMINISTRAZIONE 40’ ca. Individuale e collettiva CAMPIONE ITALIANO 254 manager di vari livelli gerarchici (2008-2010) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring report di sviluppo
  • TALENTASSESSMENT 117766 MATERIALE 93286-S 1 Starter kit € 284,00 90898-W 25 Questionari » 137,50 90834-M 25 Fogli di profilo » 40,00 90889-K 25 Fogli di conteggio » 40,00 90900-C 1 Serie di griglie di correzione » 28,50 90901-Z 1 Manuale di istruzioni » 38,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 2,40 1 profilo valoriale » 20,00 *IVA assolta dall’Editore STRUTTURA La WIS/SVP è formata da 63 item e richiede un tempo di somministrazione di circa 30 minuti. I valori misurati sono 21: Utilizzo delle Proprie Abilità (ABIL), Raggiungimento dei Risultati (ACHV), Avanzamento (ADVA), Estetica (AEST), Altruismo (ALTR), Autorità (AUTH), Autonomia (AUTO), Creatività (CREA), Guadagni Economici (ECON), Stile di Vita (LIFE), Sviluppo Personale (PERS), Attività Fisica (PHYA), Prestigio (PRES), Rischio (RISK), Interazione Sociale (SOCI), Relazioni Sociali (SOCR), Varietà (VARI), Condizioni Ambientali (WORK), Identità Culturale (CULT), Capacità Fisica (PHIP), Sicurezza Econo- mica (SECU). In base ai punteggi ottenuti dal soggetto, la scala misura anche 5 orientamenti fondamenta- li (materialistico, al sé, agli altri, all’indipendenza, alla sfida), nonché individua la tipologia alla quale il soggetto si avvicina maggiormente tra 6 tipi diversi (creativo, tranquillo, rampante, duro, autonomo, sociale). SOFTWARE Il software fornisce l’elaborazione grafica e il report interpretativo del profilo del soggetto secondo i suoi valori, il suo orientamento predo- minante e i tipi cui egli più si avvicina; è com- pletato con un’analisi sull’integazione individuo- contesto e dei suggerimenti per il colloquio. I valori professionali, insieme al coinvolgimen- to e alla soddisfazione, sono componenti essenzia- li del complesso costrutto “importanza del lavoro” che si declina attraverso i cambiamenti di ruolo nel ciclo di vita di ogni individuo e nelle diverse inte- razioni sociali ad esso connesse. Così intesi, i valo- ri corrispondono a un sistema di bisogni, desideri e scopi, strutturato gerarchicamente secondo un ordine di priorità o di importanza relativa. La conoscenza e l’analisi delle aspettative esi- stenti verso il lavoro (e verso la vita), dei significa- ti che ad esso vengono attribuiti, dei valori sotte- si ai comportamenti, degli obiettivi esistenziali e dei percorsi di carriera progettati da ogni essere umano sono estremamente importanti, sia per l’assessment degli adulti e degli adolescenti che per il counseling individuale, l’empowerment, il bilancio di carriera, l’orientamento, la selezione. LA SCALA La WIS/SVP è un test che misura i valori intrin - seci ed estrinseci del lavoro, generalmente non considerati dalle altre scale di misura. Tale scala può essere utilizzata con studenti delle scuole medie superiori prossimi al diploma, con studenti univer- sitari e laureandi, con adulti occupati nei diversi ambiti del lavoro o comunque in età lavorativa. Rappresenta la realizzazione italiana del Work Importance Study, progetto di ricerca inter - nazionale che ha coinvolto 11 nazioni, mirato all’identificazione di “cosa” le persone ricercano nel ruolo professionale e nella vita e alla valuta- zione dell’importanza del ruolo lavorativo nel contesto degli altri ruoli della vita (tempo libero, famiglia, studio, gruppi sociali). manuale + 15 questio- nari + € 150 di crediti Internet-Test somministrazione scoring profilo valoriale DATA DI PUBBLICAZIONE 1999 DESTINATARI Studenti di scuola media superiore, universitari e adulti in età lavorativa SOMMINISTRAZIONE 30’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 63 CAMPIONE ITALIANO 1523 soggetti dei quali 433 studenti, 435 universitari e 655 adulti, stratificati per sesso e area geoculturale (1995) QUALIFICA RICHIESTA A2 Giancarlo Trentini, Massimo Bellotto e Maria Cristina Bolla WIS/SVP SCALA DEI VALORI PROFESSIONALI La realizzazione italiana del Work Importance Study di Super
  • Steven Poppleton e Peter Jones PASAT 2000 POPPLETON ALLEN SALES APTITUDE TEST 2000 Per la selezione e l’assessment dei venditori TALENTASSESSMENT 117777 MATERIALE 93517-V 1 Starter kit € 280,00 93518-Z 10 Fascicoli » 100,00* 93519-A 25 Moduli risposta/profilo autoscoring » 152,50 93520-B 25 Fogli di risposta per scoring online » 45,00 93521-C 1 Manuale di istruzioni » 39,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 rapporto interpretativo » 18,00 *IVA assolta dall’Editore affronta gli eventi, le difficoltà e i cambiamenti che si incontrano sul lavoro; Controllo (M): è la tendenza ad esercitare un influsso sugli altri, in parte attraverso il control- lo delle proprie emozioni. Tutti i fattori sono riconducibili ad un unico fat- tore generale chiamato: Atteggiamento positivo (O). Esso dà una valutazione dell’orientamento generale del candidato a coprire ruoli commerciali. Esiste infine una scala di Desiderabilità sociale (K). Si risponde agli item su una scala Likert a 5 posizioni. Il campione normativo italiano Il PASAT 2000 è stato validato e standardiz- zato su un campione di 453 soggetti ricoprenti posizioni commerciali, provenienti da tutt’Italia. Il 52,7% era attivo nel settore farmaceutico, il 28,5% in quello editoriale, il 6,6% in quello immobiliare, il 4,8% in quello dei servizi e il 7,4% in quello del commercio al dettaglio. SOFTWARE Il programma di elaborazione del PASAT 2000 è disponibile in Internet-Test (online). Esso gene- ra un rapporto narrativo di 10 pagine che, oltre al profilo grafico, fornisce un’indicazione sull’orien- tamento generale del soggetto al ruolo commercia- le e una valutazione dettagliata basata su ognuno dei fattori di base e di secondo livello. Il PASAT 2000 è pensato per migliorare la selezione e in generale l’assessment di vendito- ri o comunque candidati a posizioni commer- ciali, attraverso la misura di quelle caratteristi- che di personalità che hanno rilevanza diretta per il successo in tali ruoli. Può essere utilizzato qualunque sia l’esperienza del candidato in lavori con mansioni commerciali. STRUTTURA Il PASAT 2000 è composto di 8 fattori di base: Adattamento motivazionale (A): ha a che fare con i comportamenti orientati all’obiettivo e con la spinta a ricercare le sfide; Adattamento emotivo (B): è la capacità di far fronte efficacemente a situazioni che costitui- scono una sfida a livello emotivo e, più in parti- colare, la capacità di recupero nelle avversità; Adattamento sociale (C): è la tendenza a sta- bilire e a mantenere relazioni efficaci con gli altri; Adattabilità (D): è la capacità di accogliere il cambiamento, adattarvisi e, in generale, reagire in modo positivo ad esso; Coscienziosità (E): è fare le cose coscienzio- samente, pianificare, prestare attenzione ai det- tagli e seguire le regole; Stabilità emotiva (F): è la capacità di control- lare le proprie emozioni; Controllo sociale (G): ha a che fare con il desi- derio e la capacità di controllare ed influenzare gli altri; Fiducia in se stessi (H): è mostrare di posse- dere fiducia nelle proprie capacità in una gran- de varietà di situazioni. Dalla combinazione di questi derivano 2 fat- tori di secondo livello: Adattamento alla vita lavorativa (L): dà un’informazione sul modo in cui il soggetto manuale + 5 fascicoli + 15 f. risposta scoring online + € 150 di crediti Internet-Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2006 EDIZIONE ITALIANA Annamaria Di Fabio e Silvia Clarotti DESTINATARI Candidati a posizioni commerciali SOMMINISTRAZIONE 40’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 153 CAMPIONE ITALIANO 453 soggetti ricoprenti posizioni commerciali (52,7% nel settore farmaceutico; 28,5% in quello editoriale; 6,6% in quello immobiliare; il 4,8% in quello dei servizi; 7,4% in quello del commercio al dettaglio), provenienti da tutta Italia (2005) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring rapporto interpretativo
  • TALENTASSESSMENT 117788 Gabriele Giorgi e Vincenzo Majer WOMI WORK AND ORGANIZATIONAL MOTIVATION INVENTORY Per la valutazione della motivazione nei contesti organizzativi MATERIALE 94035-V 1 Starter kit € 245,00 94036-W 25 Fascicoli “ 250,00* 94037-X 50 Fogli di risposta “ 87,50 94038-Y 1 Manuale di istruzioni “ 32,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 rapporto interpretativo » 25,00 *IVA assolta dall’Editore STRUTTURA Il questionario è composto di 110 item che con- vergono nella definizione di 4 macro-fattori, a loro volta articolati in fattori. Reward: si riferisce alla motivazione alla ricompensa. Per le persone motivate alla remu- nerazione, la retribuzione e gli incentivi portano in sé un grande potenziale motivazionale. Fattori: Carriera, Status, Remunerazione e Feedback. Competenza: indica la volontà di lavorare seguendo l’obiettivo costante di migliorarsi e accre- scere le proprie competenze in modo da arrivare ad avere la piena padronanza delle proprie attività. Fattori: Clima psicologico, Etica, Libertà, Auto- realizzazione/Crescita, Cliente (interno ed esterno). Successo: indica la spinta a svolgere il proprio lavoro con l’obiettivo di arrivare a ottenere posi- zioni di comando e guida organizzativa. Fattori: Management, Activity, Achievement e Dominanza. Stabilità: la motivazione alla stabilità è l’esi- genza di garantirsi la tutela dell’integrità fisica e una dimensione sociale stabile e sicura. Fattori: Interesse, Sicurezza, Comodità, Ambiente, Equilibrio casa/lavoro. Lo strumento consente anche di calcolare un Indice di motivazione intrinseca e un Indice di motivazione estrinseca. UTILIZZO Lo WOMI è strumento particolarmente utile per diverse attività di valutazione e sviluppo delle risorse umane, grazie al quale può essere misurata la motivazione individuale, di gruppo e organizzativa: valutazione e selezione del per- sonale, valutazione del potenziale, orienta- mento, career counseling, coaching, forma- zione e sviluppo del personale. Il costrutto di motivazione è l’insieme dei processi psicologici che provocano la nascita, la direzione e la persistenza di azioni volontarie dirette verso un obiettivo. Vi si distinguono due componenti fondamentali: intrinseca ed estrin- seca. La prima è riconducibile alla spinta a svol- gere un compito per il piacere di farlo, per la sfida in seno all’obiettivo, mentre la seconda indica una spinta all’azione dettata esclusiva- mente da ragioni economiche. Lo WOMI valuta la motivazione tenendo conto delle variabili di natura intrinseca ed estrinseca e fornisce un qua- dro di ampio respiro in merito alle dinamiche motivazionali che regolano il comportamento lavorativo delle persone, sia del singolo, che delle intere organizzazioni. CARATTERISTICHE CHIAVE Utile nelle attività di valutazione, orienta- mento e sviluppo delle risorse umane. Report narrativo computerizzato. Progettato e sviluppato in contesti organiz- zativi italiani. manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + €€ 150 di crediti Internet- Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Adulti con un livello di istruzione minimo di scuola secondaria inferiore SOMMINISTRAZIONE 10’-25’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 110 CAMPIONE 1192 soggetti, provenienti da molteplici realtà organizzative pubbliche e private di tutta Italia (2008-2009) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring rapporto narrativo
  • TALENTASSESSMENT 117799 MATERIALE 93436-F 1 Starter kit € 245,00 94089-B 25 Fascicoli » 250,00* 94090-C 50 Fogli di risposta » 87,50 93408-A 1 Manuale di istruzioni » 32,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 report standard » 18,00 1 report esteso » 25,00 *IVA assolta dall’Editore do si può sperimentare cose sempre nuove e lavorare su più attività contemporaneamente, invece che su attività ripetitive; OL = Orientamento alla Leadership, che misura l’inclinazione a dare il meglio di sé quan- do si possono assumere posizioni influenti e gui- dare gli altri; OR = Orientamento alla Relazione, che misura l’inclinazione a dare il meglio di sé quan- do si può lavorare in gruppo e si può ricevere sostegno dai colleghi. A queste quattro scale se ne aggiunge una di Desiderabilità Sociale (DS). SOFTWARE Il programma di elaborazione del TOM per- mette di generare un rapporto narrativo stan- dard che consiste in un profilo generale del sog- getto, relativamente alle dimensioni misurate dal test, e un quadro dei suoi punti di forza e delle aree da sviluppare; e uno esteso che inclu- de anche le strategie motivazionali da mettere in atto con il soggetto e le indicazioni per il col- loquio in situazione di assessment. Il TOM può essere impiegato: nei processi di selezione, per identificare il profilo motivazionale del candidato nei programmi di sviluppo, per impostare percorsi di crescita coerenti al profilo della per- sona e al contesto organizzativo di riferimento nei processi di valutazione del potenziale. È fondamentale comprendere ciò che spin- ge una persona a mettere in atto un’azione, a raggiungere una meta, a mantenere un impe- gno nel tempo, e questa analisi accurata può risultare utile per impostare un programma di gestione e di sviluppo delle risorse. Il TOM si propone appunto di misurare i motivi o le incli- nazioni che orientano il comportamento orga- nizzativo o le preferenze in ambito lavorativo in quattro diversi orientamenti: all’obiettivo, all’in- novazione, alla leadership e alla relazione. Concepito sotto forma di un questionario self-report con 70 affermazioni valutate su una scala Likert a sette posizioni, questo test può esse- re facilmente compilato in pochi minuti e util- mente impiegato in selezione per valutare il pro- filo motivazionale del candidato, nei programmi di sviluppo per favorire l’inserimento o lo sposta- mento del personale in più appropriati percorsi futuri di crescita professionale o per comprende- re e quindi anticipare potenziali conflitti o disar- monie, o nella valutazione del potenziale. STRUTTURA Il TOM è composto da quattro scale fonda- mentali: OO = Orientamento all’Obiettivo, che valu- ta l’inclinazione a dare il meglio di sé quando ci si può misurare con compiti di difficoltà sempre maggiore e si riceve un feedback sulla presta- zione resa; OI = Orientamento all’Innovazione, che valuta l’inclinazione a dare il meglio di sé quan- somministrazione scoring report standard report esteso manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + 150 € di crediti Internet- Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2004 DESTINATARI Diplomati e laureati SOMMINISTRAZIONE 10’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 70 CAMPIONE ITALIANO 1385 soggetti in situazione non competitiva (729 maschi e 656 femmine) e 8932 soggetti in selezione (4912 maschi e 4020 femmine) (2002-2011) QUALIFICA RICHIESTA A2 Laura Borgogni, Laura Petitta e Claudio Barbaranelli TOM TEST DI ORIENTAMENTO MOTIVAZIONALE Motivazione all’obiettivo, all’innovazione, alla leadership e alla relazione NNOOVVIITTÀÀ nnuuoovvee nnoorrmmee
  • Gabriele Giorgi e Vincenzo Majer MCSQ MULTIPLE COGNITIVE STYLES QUESTIONNAIRE Applicare gli stili cognitivi nei contesti lavorativi TALENTASSESSMENT 118800 MATERIALE 94137-B 1 Starter kit € 245,00 94138-C 25 Fascicoli “ 250,00* 94139-D 50 Fogli di risposta “ 87,50 94140-E 1 Manuale di istruzioni “ 32,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 rapporto interpretativo » 20,00 *IVA assolta dall’Editore Area fatti: valuta la capacità del soggetto di ponderare, in un contesto di azione, le diverse variabili e le modalità di tali analisi. Si articola nei fattori Razionale, Analitico, Critico e Matematico. Area forme: indaga il modo di elaborare e memorizzare informazioni secondo gerarchie e priorità. Si articola nei fattori Trouble shoting, Prioritario Area relazioni: misura l’inclinazione a consi- derare i bisogni altrui, in particolare quando l’impatto relazionale è essenziale per prendere decisioni ed elaborare strategie. Si articola nei fattori Altruistico, Emotivo, Collaborativo e Fisico. Area globale: valuta il grado di tolleranza alla complessità, che richiede la percezione profon- da del mutevole panorama organizzativo. Si declina nei fattori Complesso e Sintetico. Area futuro: si riferisce a un approccio basato sull’innovazione, sulla variabilità e sulla non rigi- dità di pensiero. Si articola nei fattori Differences, Innovativo, Options e Oligarchico. Il report interpretativo Il report interpretativo computerizzato oltre a un profilo degli stili cognitivi prevalenti e meno utilizzati del soggetto, fornisce degli spunti operativi per la progettazione di inter- venti di potenziamento e di team-building. UTILIZZO L’MCSQ trova soprattutto ampia applicabi- lità nella programmazione delle attività di for- mazione delle quali facilita la customizzazione, nella costruzione rapida e consapevole di grup- pi di lavoro con obiettivi specifici, nel career counseling e nella valutazione del potenziale. Con “stile cognitivo” si intende la modalità con cui gli individui utilizzano i processi cogniti- vi ed elaborano le informazioni, determinando una diversa efficienza nei vari contesti. Si tratta di caratteristiche cognitive globali che influen- zano i comportamenti della persona verso gli altri e verso le situazioni, la percezione degli sti- moli, l’apprendimento e i processi comunicativi. L’MCSQ misura gli stili cognitivi applicati al contesto lavorativo, dove essi rivestono un’im- portanza fondamentale per la progettazione degli interventi formativi e per la composizione dei gruppi di lavoro. CARATTERISTICHE CHIAVE Valutazione dell’approccio multitasking al lavoro. Valutazione completa delle caratteristiche personali di apprendimento. Ideale per il team-building. STRUTTURA L’MCSQ si compone di 108 item articolati in sei macro-fattori entro i quali si individuano gli stili cognitivi presi in esame. Area sensoriale: esamina la modalità legata ai canali sensoriali in cui ogni individuo tende ad apprendere, processare, memorizzare ed espri- mere informazioni. Si articola nei fattori Visivo e Uditivo. manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + €€ 150 di crediti Internet- Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2012 DESTINATARI Adulti SOMMINISTRAZIONE 10’-25’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 108 CAMPIONE 1169 soggetti provenienti da tutta Italia (635 in situazione non competitiva e 534 in situazione competitiva) (2008-2010) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring rapporto interpretativo NNOOVVIITTÀÀ ffeebbbbrraaiioo
  • TALENTASSESSMENT 118811 PROVE PER I COLLOQUI DI GRUPPO Quattro classiche prove differenziate per ambientazione: occorre classificare in ordine di importanza gli oggetti da trar- re in salvo. Di facile conduzione, sono pensate per gruppi da un minimo di quattro ad un massimo di dodici. Le compe- tenze individuali e di gruppo analizzabili sono: approccio del gruppo verso l’obiettivo, decision-making attraverso il con- senso e in sinergia, gestione dei processi e delle dinamiche interpersonali, giochi di ruolo, lavoro di squadra, leadership, problem-solving. Ogni kit contiene 1 guida per il coordinatore e 10 libretti per le esercitazioni (a consumo). Naufragio (Paul M. Nemiroff e William A. Pasmore, 2002) Siete ospiti su uno yacht nel sud del Pacifico, quando allar- manti grida “Al fuoco! Al fuoco!” vi fanno saltare fuori dalla cabina: le fiamme hanno già carbonizzato parte della nave… Avventura in Amazzonia (Lorraine L. Ukens, 2002) Volontari in una spedizione in Sud America, vi trovate in un villaggio sulle rive del Rio Negro. Decidete di fare visita ad un amico in uno sperduto campo-base della foresta amazzonica. Noleggiato un aereo, sorvolate la foresta: tutt’a un tratto… Terremoto: sopravvivere! (Arlette C. Ballew e Marian K. Prokop, 2002) Siete soli in casa, quando all’improvviso una scossa di terre- moto sconquassa l’abitazione dalle fondamenta. Non c’è più acqua, gas e luce; non sapete se e quando arriveranno i soc- corsi. Il vostro equipaggiamento è davvero minimo, ma que- sto è il vostro obiettivo: sopravvivere! Spedizione artica (Lorraine L. Ukens, 2002) In visita da un amico in Canada, impazienti di esplorare il ter- ritorio circostante, desiderate immortalare quei paesaggi mozzafiato. A bordo di un fuoristrada, dopo due ore di viag- gio, improvvisa scoppia una tempesta di neve. La batteria è andata, il bianco domina ovunque. Che fare? Robert Edenborough e Andrew Harley ACS ASSESSMENT CENTER SYSTEM Discussione di gruppo: ai partecipanti viene chiesto di lavorare insieme per formulare delle indicazioni su come migliorare le prestazioni dell’azienda immaginaria (tempo: 45’). Interview simulation: il partecipante deve assumere un ruolo all’interno della situazione fit- tizia ed interagire con un role player (tempo: 45’) In-basket: il candidato viene calato in un determinato ruolo aziendale, gli vengono dati 19 documenti tra loro in relazione e gli viene chiesto di occuparsene nel modo che ritiene opportuno (tempo: 90’) (non nel set intermedio). In-basket interview: si basa su un elenco di domande già preparato al fine di indagare cia- scuna competenza esaminata (tempo: 30’) (non nel set intermedio). Esercizio di analisi: si chiede di svolgere un’a- nalisi partendo dalle informazioni a disposizione e di formulare delle proposte. (tempo: 60’). L’ACS è un insieme di tre set di prove indivi- duali e di gruppo che, attraverso la simulazione di situazioni e casi collegati ad aspetti chiave di dif- ferenti ruoli professionali, permette una misura accurata ed attendibile delle competenze: pianifi- cazione, organizzazione, problem-solving, decision- making, lavoro di gruppo, iniziativa, leadership, capacità di comunicazione, efficacia interpersonale. STRUTTURA L’ACS è disponibile in tre diversi set: un livello intermedio (3 serie di prove): da utilizzarsi per la selezione di neolaureati; e due livelli avanzati (1 e 2) (5 serie di prove) da utilizzarsi per lo sviluppo di carriera. Ogni set è costituito da più serie di prove: DATA DI PUBBLICAZIONE 2002 DESTINATARI Laureati e manager in valutazione SOMMINISTRAZIONE Intermedio: 2h 30’ (totale delle prove) Avanzato 1 e 2: 4h 30’ (totale delle prove) Individuale e di gruppo COMPOSIZIONE Intermedio: modello delle competenze + 3 serie di prove Avanzato 1 e 2: modello delle competenze + 5 serie di prove QUALIFICA RICHIESTA A2 MATERIALE 92244-G 1 Set livello intermedio (con materiale fotocopiabile) € 495,00* 92245-H 1 Set livello avanzato 1 (con materiale fotocopiabile) » 715,00* 92246-J 1 Set livello avanzato 2 (con materiale fotocopiabile) » 715,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali MATERIALE 92259-Y 1 Kit Naufragio € 165,00* 92260-Z 1 Kit Avventura in Amazzonia » 165,00* 92261-A 1 Kit Terremoto: sopravvivere! » 165,00* 92262-B 1 Kit Spedizione artica » 165,00* *IVA assolta dall’Editore
  • TALENTASSESSMENT 118822 MATERIALE 94043-D 1 Starter kit € 230,00 94044-E 10 Fascicoli » 62,00* 94045-F 25 Fogli di risposta » 42,50 94046-G 1 Manuale di istruzioni » 30,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 3,60 1 rapporto interpretativo » 9,00 *IVA assolta dall’Editore scala indaga l’efficacia percepita del giocatore in relazione a sette aree: Difesa dall’avversario, Autoregolazione, Attacco, Flessibilità e adattamento, Gestione dell’errore e dell’ansia, Gestione delle emo- zioni negative e Senso del gruppo. La parte speci- fica valuta l’efficacia percepita dei giocatori in merito alla gestione di aspetti tecnico-tattici di attacco e di difesa specifici del proprio ruolo. Scala di efficacia collettiva percepita: si compone di 27 item che misurano la percezio- ne che i singoli giocatori nutrono rispetto alle capacità della squadra di appartenenza in rela- zione a tre aree: Strategia comune, Coesione, Gestione delle difficoltà. UTILIZZO Le BEBS possono essere utilizzate al fine di individuare le specifiche situazioni che possono costituire, a livello individuale e di squadra, un ostacolo per una buona performance (distrai- bilità, stress, burnout, relazioni inadeguate con il gruppo, scarsa capacità di autoregolazione, ecc.). La rilevazione di aree di forza e di debolezza costituisce un importante punto di partenza per la pianificazione e la realizzazione di programmi di intervento finalizzati a potenziare le convin- zioni dei giocatori e la loro effettiva efficacia. Al termine di tali programmi, le BEBS costituiscono un indispensabile strumento di valutazione dei miglioramenti ottenuti. Anche in assenza di interventi specifici, inoltre, le BEBS sono un utile strumento per monitorare nel tempo le convinzioni dei giocatori in merito alle proprie capacità e a quelle della squadra. Le BEBS sono il primo strumento sviluppato in Italia per la misurazione dell’efficacia percepi- ta personale e collettiva nel gioco del basket. Avere talento nello sport, infatti, è certamente un’attitudine innata, ma il successo agonistico dipende in larga misura anche dalle convinzioni che i giocatori nutrono rispetto alle proprie capacità e a quelle della squadra. Il test, sviluppato su una solida base teorica incentrata sulla social-cognitive theory di A. Bandura e su una profonda conoscenza del basket, rappresenta uno strumento innovativo ed efficace da utilizzare in percorsi di miglioramento della performance del singolo e del gruppo. CARATTERISTICHE CHIAVE Facilità di somministrazione. Individuare punti di forza e di debolezza del singolo e della squadra. Permette di elaborare strategie di interven- to mirate per il singolo e per la squadra Fornisce un’ampia rassegna delle tecniche di potenziamento. STRUTTURA Il questionario è composto da due scale: Scala di autoefficacia percepita: si articola in una parte generale (48 item), comune a tutti i giocatori, e in una parte specifica (8-10 item), elaborata appositamente per i diversi ruoli all’in- terno della squadra (ala grande, ala piccola, guar- dia, pivot e playmaker). La parte generale della manuale + 10 fascicoli + 15 fogli di risposta + €€ 150 di crediti Internet-Test somministrazione scoring rapporto interpretativo DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Giocatori di basket SOMMINISTRAZIONE Scala di autoefficacia perce- pita: 20’-25’ ca. Scala di efficacia collettiva percepita: 10’-15’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM Scala di autoefficacia perce- pita: 48 item per la parte generale + 8-10 item per la parte specifica per ruolo Scala di efficacia collettiva percepita: 27 item CAMPIONE ITALIANO 632 giocatori professionisti di età compresa tra 14 e 43 anni (2006-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 Patrizia Steca, Jessica Militello e Alessandro Gamba BEBS BASKET EFFICACY BELIEFS SCALES Il primo strumento per la misurazione dell’efficacia percepita nella pallacanestro
  • STRESS E BENESSERE ORGANIZZATIVO
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118844 L’HPSCS è un questionario self-report che pro- pone una serie di situazioni lavorative potenzial- mente stressanti, rispetto alle quali misura sia il livello di stress percepito, sia quattro possibili meccanismi di coping utilizzati per fronteggiarlo. CARATTERISTICHE CHIAVE Cinque scale per la valutazione dello stress percepito. Versioni per medici e infermieri. Scale di valutazione delle strategie di coping per ciascuna area stressante. Report narrativo computerizzato. STRESS PERCEPITO Versione per medici Emergenza clinica e peggioramento della condizione del paziente. Confronto con la morte del paziente o con diagnosi molto negative. Relazioni problematiche con i pazienti. Attacco personale (da parte di colleghi, supe- riori o familiari dei pazienti) e imprevisti orga- nizzativi. Svalutazione personale (le proprie richieste non trovano sostegno). Versione per infermieri Emergenza clinica per peggioramento della condizione clinica o effettiva morte del paziente. Relazioni problematiche con pazienti e familiari. Attacco personale da parte di colleghi, superio- ri o familiari dei pazienti. Svalutazione personale (le proprie richieste, suggerimenti e necessità di formazione non ven- gono ascoltati). Imprevisti organizzativi che compromettono l’espletamento del proprio lavoro o interferisco- no con la propria vita privata. STRATEGIE DI COPING Centrato sulla soluzione del problema: si cer- cano le soluzioni più adeguate e si fa ampio ricorso a risorse ed esperienze personali. Centrato sulla richiesta di supporto sociale: si ricerca il consiglio e l’aiuto di altre persone. Centrato sul disagio emotivo: si reagisce a livello emotivo e si è incapaci a gestire e con- trollare adeguatamente le proprie emozioni. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Medici e infermieri ospedalieri SOMMINISTRAZIONE 20’-25’ Individuale o di gruppo COMPOSIZIONE Versione medici: 115 item Versione infermieri: 95 item CAMPIONE 944 soggetti (271 medici + 673 infermieri) appartenenti a reparti ospedalieri differenziati (2006) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring rapporto interpretativo MATERIALE 93817-V 1 Starter kit € 328,00 93655-S 10 Fascicoli Medici » 58,00* 93657-U 25 Moduli risposta/profilo autoscoring Medici » 75,00 93659-W 25 Fogli di risposta scoring online Medici » 37,50 93654-R 10 Fascicoli Infermieri » 58,00* 93656-T 25 Moduli risposta/profilo autoscoring Infermieri » 75,00 93658-V 25 Fogli di risposta scoring online Infermieri » 37,50 93660-X 1 Manuale di istruzioni » 41,90* www.internet-test.it 1 autosomministrazione (HPSCS-M/I) » 3,60 1 rapporto interpretativo (HPSCS-M/I) » 10,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + 5 fascicoli e 10 questionari online (per ogni versione) + € 150 di crediti Internet-Test Centrato sull’evitamento del problema: si tenta di evitare la situazione problematica a livello cognitivo o comportamentale. UTILIZZO In psicologia clinica e della salute, l’HPSCS per- mette la valutazione, individuale o di un intero reparto, delle situazioni in cui l’efficienza lavorati- va è minacciata e si profila il rischio di burnout, consentendo di pianificare strategie preventive e d’intervento focalizzate. Nel training, l’HPSCS è utile per l’addestramento alla relazione con il paziente, per rilevare le espe- rienze percepite come maggiormente stressanti e le strategie che l’operatore adotta per farvi fronte. Chiara A. Ripamonti, Patrizia Steca e Antonio Prunas HPSCS HEALTH PROFESSIONS STRESS AND COPING SCALE Per la valutazione dello stress percepito e l’utilizzo del coping in ambito sanitario
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118855 MATERIALE 93661-Y 1 Starter kit € 220,00 93637-Y 25 Moduli autoscoring » 76,25 93638-Z 25 Questionari per scoring online » 36,25 93636-X 1 Manuale di istruzioni » 37,50* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 2,40 1 profilo di burnout » 6,00 *IVA assolta dall’Editore Esaurimento psicofisico: è la sensazione di sentirsi stanchi e sotto pressione, l’esaurimento delle risorse fisiche e psichiche. Deterioramento della relazione: quando la relazione di aiuto con l’utente diviene alienata fino al cinismo. Inefficacia professionale: quando i problemi professionali diventano situazioni incomprensi- bili. Disillusione: quello che sembrava una passio- ne è diventato una routine priva di significato. Caratteristiche psicometriche L’LBQ è fornito di norme specifiche per l’ap- plicazione con 8 differenti professioni: infermie- ri, medici, educatori e operatori socioassisten- ziali, volontari, insegnanti, personale ospedalie- ro amministrativo e tecnico. Software Il report di Internet-Test è corredato di un analisi interpretativa del profilo di burnout del soggetto. UTILIZZO L’LBQ permette la valutazione individuale, di unità operative o di organizzazioni più com- plesse delle situazioni di malessere in cui l’effi- cacia lavorativa è minacciata e si profila il rischio di burnout. I punteggi delle quattro scale consentono di pianificare strategie pre- ventive e d’intervento focalizzate. Il questiona- rio, per la sua brevità, può inoltre trovare applicazione nella valutazione dell’efficacia degli interventi o nel monitoraggio periodico di organizzazioni lavorative. manuale + 10 questio- nari online + € 150 di crediti Internet-Test DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Medici, infermieri, insegnanti, forze dell’ordine, educatori, volontari, personale ospedaliero e dei servizi sociali SOMMINISTRAZIONE 15’ Individuale o di gruppo COMPOSIZIONE 24 item CAMPIONE ITALIANO 1763 soggetti (298 medici, 611 infermieri, 697 educatori, 189 insegnanti, 152 volontari, 331 operatori forze dell’ordine, 182 operatori servizi sociali) (2005-2006) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring profilo di burnout Il Link Burnout Questionnaire è un questiona- rio self-report che propone dei nuovi indicatori di burnout per chi lavora nelle professioni di aiuto. Attraverso quattro scale viene fornito un profilo individuale dello stato di malessere in grado di orientare risorse e interventi preventivi e di sostegno al personale. CARATTERISTICHE CHIAVE Quattro scale per la valutazione del burnout Norme specifiche per figure professionali differenti Rapidità di somministrazione Ampio studio di validazione STRUTTURA L’LBQ si compone di quattro scale, ognuna con tre item con polarità positiva e tre con pola- rità negativa: Massimo Santinello LBQ LINK BURNOUT QUESTIONNAIRE Per la valutazione del burnout nelle professioni di aiuto
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118866 MATERIALE 93322-G 1 Starter kit € 367,00* 93311-U 50 Questionari » 405,00 93312-V 50 Questionari biografici » 157,50 93313-W 50 Fogli di profilo individuale » 90,00 93314-Y 10 Fogli di profilo di gruppo » 18,00 93315-Z 10 Fogli di conteggio » 136,50 93316-A 1 Serie di griglie di correzione » 94,50 93317-B 1 Manuale di istruzioni » 46,20* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 4,20 1 profilo sintetico – Forma ridotta » 10,00 1 profilo sintetico – Forma completa » 12,00 *IVA assolta dall’Editore vocare l’esperienza di stress, le strategie di coping e gli effetti dello stress a livello individuale e organiz- zativo. Esso risulta articolato nelle seguenti sezioni: Che cosa pensa, come si sente nei confronti del Suo lavoro (22 item) per la misura della sod - disfazione lavorativa (5 sottoscale: Soddisfazione per la carriera, per il lavoro stesso, per l’imposta- zione e la struttura organizzative, per i processi or - ganizzativi, per le relazioni interpersonali); Come giudica il Suo attuale stato di salute per la misura della salute psicologica (18 item) e di quella fisica (cioè, dei sintomi fisici dello stress) (12 item); Come si comporta di solito (14 item) per la misura di una serie di comportamenti orientati allo stress (personalità di Tipo A) (3 sottoscale: Atteggiamento verso la vita, Stile di comporta- mento e Ambizione); Come interpreta gli eventi che accadono in- torno a Lei (12 item). Questo è il terzo ed ulti- mo aspetto delle caratteristiche individuali da valutare (3 sottoscale che misurano differenti aspetti del controllo: Forze organizzative, Processi di gestione, Influenze individuali); Fonti di pressione nel Suo lavoro (61 item). Questa sezione prende in considerazione un’ampia gamma di possibili cause di stress oc- cupazionale, legati sia al lavoro sia alla vita fami- liare con predominanza del tema occupazionale (6 sottoscale: Fattori intrinseci al lavoro, Ruolo manageriale, Relazione con altre persone, Carriera e riuscita, Clima e struttura organizzativa, Interfaccia casa-lavoro); Il Suo modo di affrontare lo stress (28 item) (6 sottoscale: Supporto sociale, Orientamento al compito, Logica, Relazione casa-lavoro, Tempo, Coinvolgimento). L’OSI è stato sviluppato su solide basi teori- che e mette in pratica la conoscenza acquisita in oltre venticinque anni di ricerca nelle aziende. Anche se nella sua attuazione è stata data piena considerazione alle complessità teoriche dello stress, delle sue origini e dei suoi effetti, il pro- getto è stato quello di proporre un modello operativo di stress da raffinare nel tempo. Sono stati richiesti commenti a vari psicologi con esperienza in ricerche sullo stress; una seconda versione preliminare è stata saggiata presso un campione di quadri intermedi, selezionati casualmente da una gamma di aziende. Questo ha permesso di sviluppare uno strumento che usa tutte le tecniche standard, ma che non si perde in discussioni accademiche. Lo strumento prevede l’autosomministrazione collettiva ma non esclude l’elaborazione indivi- duale dei dati dei singoli partecipanti. Le risposte possono essere analizzate complessivamente o in dettaglio per far fronte alle diverse esigenze del- l’azienda. L’informazione raccolta in questo modo può essere trasferita in un piano d’azione pratico, volto al cambiamento e al miglioramento. L’orientamento pratico e il disegno comples- sivo fanno dell’OSI uno strumento applicabile ad una grande varietà di situazioni e tale da essere accessibile agli utenti a tutti i livelli. Per questa sua caratteristica anche il sistema di sco- ring è semplice ed è possibile eseguirlo in modo completamente pratico. STRUTTURA L’OSI risulta articolato in sette parti: un que - stionario biografico (il cui utilizzo è facoltativo) e sei sezioni raggruppate in un questionario, cia - scuna divisa in una serie di sottoscale che misu- rano differenti dimensioni dello stress. Le informazioni che si ricavano dal questionario biografico, che si differenzia dal test vero e pro - prio in quanto non impiega griglie di correzio- ne, forniscono idee sulla natura dello stress, ma basate su una prima impressione. Il questionario Il questionario vero e proprio viene utilizzato per registrare le risposte di gruppi di persone all’in- terno di quattro aree ben definite: le fonti di stress, le caratteristiche dell’individuo che possono pro - manuale + 15 questiona- ri + 15 questionari bio- grafici + 15 profili indivi- duali + 3 profili di grup- po + 3 fogli di conteggio + 1 serie di griglie DATA DI PUBBLICAZIONE 2002 EDIZIONE ITALIANA Saulo Sirigatti e Cristina Stefanile DESTINATARI Manager e quadri soprattutto SOMMINISTRAZIONE Tempo libero (40-45 minuti) Collettiva e individuale NUMERO DI ITEM 167 item CAMPIONE ITALIANO 534donnee319uominiinvari contesti lavorativi (1996-2001) QUALIFICA RICHIESTA B2 Cary L. Cooper, Stephen J. Sloan e Stephen Williams OSI OCCUPATIONAL STRESS INDICATOR Un package integrato ed autonomo per l’analisi e il trattamento dello stress occupazionale somministrazione scoring profilo sintetico
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118877 MATERIALE 93437-G 1 Kit M_DOQ10 € 685,00* 93438-H 50 Fascicoli » 192,50* 93439-J 100 Fogli di risposta » 210,00 93440-K 1 Manuale di istruzioni » 41,80* *IVA assolta dall’Editore Job involvement: coinvolgimento nel lavoro e nel- l’organizzazione (analizza le percezioni e i vissuti relativi all’investimento emozionale sul lavoro); Reward: equità, sensibilità sociale e sentimento di imparzialità (indaga le percezioni sulle politiche retributive e di carriera, e i vissuti relativi ai senti- menti di giustizia all’interno dell’azienda); Leadership: relazioni e comunicazioni con i superiori (analizza le percezioni relative allo stile di comando dei superiori); Innovatività: vitalità organizzativa e propensio- ne/incentivazione dell’innovazione (indaga le per- cezioni in merito al dinamismo dell’azienda); Dinamismo/Sviluppo: apertura al progresso sociale e personale ed ai bisogni sociali e persona- li (indaga le percezioni circa quanto l’azienda fa per favorire il progresso personale e lo sviluppo organizzativo). Il campione Lo strumento è stato testato su un campione di 3400 soggetti appartenenti a molteplici settori organizzativi (aziende di servizi, aziende metal- meccaniche, aziende sanitarie, enti pubblici, aziende del settore energetico, aziende di teleco- municazioni, scuole). Il M_DOQ10 è pertanto fon- dato su un campione “generale”, ma fa anche riferimento a norme per il settore “pubblico” e “privato” e per variabili socioanagrafiche. IL SOFTWARE Il M_DOQ10 può essere elaborato solo attra- verso lo specifico software (non esistono griglie di correzione). Il software permette l’acquisizione delle risposte via tastiera o tramite lettura ottica (il foglio di risposta vi è predisposto); lo scoring e il report non sono individuali ma a livello del grup- po cui si è somministrato il test. L’elaborazione consiste in una serie di analisi a livello di gruppo nella sua totalità (profilo dell’organizzazione) e di variabili socioanagrafiche (profilo per sesso, per età, per tipologia di contratto, ecc.). È anche pos- sibile elaborare profili per ruolo professionale e reparto, personalizzati sulle necessità dell’indagine e sulle caratteristiche della propria azienda, in modo da approfondire l’analisi su segmenti speci- fici dell’organizzazione. Il software, infine, permet- te di scaricare un file dati in formato standard per svolgere analisi ulteriori in Excel o programmi di elaborazione statistica. Il clima organizzativo è una variabile critica non solo per la qualità della vita lavorativa, con la sua dimostrata influenza su motivazione, impegno e efficienza lavorativa, ma anche per le relazioni interpersonali e la fiducia verso l’orga- nizzazione. Il M_DOQ10 permette una diagnosi certa del clima in azienda e può rappresentare per i responsabili delle risorse umane un sup- porto di fondamentale importanza. Il test è stato costruito in modo da rispetta- re la legislazione italiana in materia di privacy (si compila in anonimato e i dati vengono utilizza- ti in modo aggregato) e da essere accolto con favore per la sua face validity. STRUTTURA I fattori Il questionario si compone di 70 item, valuta- ti per mezzo di una scala Likert a 5 modalità di risposta da 1 (Falso) a 5 (Vero), che confluiscono in 10 fattori di primo ordine. Essi sono misure per- cettive dei vari elementi della vita organizzativa, descrivono le attività, le pratiche e le procedure organizzative (cognitive appraisal): Comunicazione: disponibilità e chiarezza nella diffusione delle informazioni (valuta le percezioni relative alla diffusione dell’informazione); Autonomia: organizzazione del lavoro (valuta le percezioni relative alla sensazione di autonomia); Team: coesione di gruppo (indaga il clima all’interno del gruppo); Coerenza/Fairness: immagine dell’organizza- zione e declinazione operativa degli orientamenti strategici (valuta le percezioni relative alla coe- renza fra efficacia del funzionamento aziendale e declinazione operativa degli obiettivi); Job description: chiarezza dei ruoli e dei com- piti (misura la consapevolezza dei propri ambiti di discrezionalità e responsabilità, dei rapporti gerarchici, ecc.); software di elaborazione manuale + 25 fascicoli + 50 fogli di risposta + software ad uso illimitato GRIGLIE MANUALI NON DISPONIBILI DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 DESTINATARI Tutte le organizzazioni SOMMINISTRAZIONE 15’-20’ Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 70 CAMPIONE ITALIANO 3400 lavoratori da 12 organizzazioni diverse del Nord e del Centro Italia (2002-04) QUALIFICA RICHIESTA A2 Alessia D’Amato e Vincenzo Majer M_DOQ10 MAJER_D’AMATO ORGANIZATIONAL QUESTIONNAIRE 10 Un questionario multifattoriale per la diagnosi delle organizzazioni
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118888 Michael P. Leiter e Christina Maslach OCS ORGANIZATIONAL CHECKUP SYSTEM Come prevenire il burnout e costruire l’engagement • la resistenza individuale, che va dall’esauri- mento all’energia; • la reazione agli altri e al lavoro, che va dalla disaffezione lavorativa al coinvolgimento; • la reazione individuale verso il proprio lavo- ro, che va da un sentimento di inefficacia a uno di efficacia professionale. Le sei aree della vita lavorativa La struttura e il funzionamento dell’ambien- te di lavoro influenzano la relazione delle perso- ne nei confronti del proprio lavoro, in sei aree: carico di lavoro controllo riconoscimento integrazione sociale equità valori. Nel polo del continuum caratterizzato dal burnout, le sei aree assumono la forma seguente: sovraccarico di lavoro mancanza di controllo riconoscimenti insufficienti Nel polo del continuum caratterizzato dal- l’engagement, esse diventano le indicazioni da seguire per il cambiamento: carico sostenibile esperienza di scelta e di controllo riconoscimento e ricompense I tre processi di management Migliorare il grado di sintonia nelle sei aree della vita lavorativa richiede un cambiamento nei 3 processi fondamentali di management: leadership coesione di gruppo sviluppo di competenze IL CHECKUP ORGANIZZATIVO OCS è un programma di intervento formati- vo che fornisce gli strumenti per un checkup organizzativo, finalizzato a valutare lo stato di un’organizzazione sulla base del benessere del suo personale. È un metodo per rilevare in quali reparti le persone hanno un buon livello di impegno e stanno lavorando bene, in quali sono in burnout e stanno lavorando male e gli Un’organizzazione alla ricerca di prestazioni di alto livello, creatività e innovazione non può rag- giungere questi obiettivi con il proprio personale in burnout. Piuttosto, quest’organizzazione ha bisogno di persone energiche, coinvolte nel pro- prio lavoro ed efficaci nell’attuarlo: in altre parole, di persone che sentano di avere con l’organizza- zione un engagement elevato. OCS è un programma che, fornendo gli stru- menti necessari per misurare il livello di burnout, permette di identificarne le principali cause e di sviluppare percorsi per allontanarsi da esso muo- vendosi in direzione dell’engagement, consen- tendo così di rendere l’ambiente di lavoro un luogo migliore per il personale e l’organizzazione nel suo insieme. COSTRUTTO SCIENTIFICO Rispetto ad altri strumenti di misura del bur- nout, l’OCS rappresenta un fondamentale passo avanti per tre ragioni: A) il concetto di burnout viene esteso a tutte le forme di organizzazione; B) non si limita alla fase diagnostica, ma questa è il punto d’avvio per giungere, attraverso spe- cifiche azioni d’intervento, a costruire nell’orga- nizzazione le condizioni per l’impegno; C) rivol- ge la propria attenzione non più all’individuo, ma all’organizzazione nel suo complesso. Il pro- gramma è, in definitiva, uno strumento di pro- mozione del coinvolgimento personale nell’orga- nizzazione e dello sviluppo di valori umani, al fine di prevenire il burnout. Il continuum burnout-engagement L’OCS rileva le tre dimensioni del job bur- nout attraverso la versione più avanzata del costrutto proposta a livello internazionale da Christina Maslach. Questo approccio estende il job burnout a tutti i contesti organizzativi e lo pone come estremo di un continuum che collo- ca il job engagement al polo opposto: crollo dell’integrazione sociale assenza di equità conflitto di valori. senso di integrazione sociale equità, rispetto e giustizia lavoro significativo. JOB BURNOUT esaurimento disaffezione lavorativa inefficacia professionale JOB ENGAGEMENT energia coinvolgimento efficacia professionale
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 118899 DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 EDIZIONE ITALIANA Questionario(adattamento): Laura Borgogni, Dario Galati, Laura Petitta e Centro Formazione Schweitzer Manuali (traduzione): Francesca Armandi e Laura Borgogni DESTINATARI Tutte le organizzazioni QUESTIONARIO Composizione: 68 item Campione:Oltre2700soggetti perleorganizzazionisanitariee circa 1000 per quelle di tipo produttivo (2003-2004) QUALIFICA RICHIESTA A2 Il software Il questionario di Checkup organizzativo può essere elaborato solo attraverso lo specifico software (non esistono griglie di correzione). Il software permette l’acquisizione delle risposte via tastiera (per l’attivazione delle funzioni di let- tura ottica, rivolgersi a O.S.); lo scoring e il report non sono individuali ma a livello del gruppo cui si è somministrato il test. L’elaborazione consiste in una serie di analisi a livello di gruppo nella sua totalità (profilo del- l’organizzazione) e di variabili sociodemografi- che (profilo per sesso, per età, per tipologia di contratto, ecc.). È anche possibile elaborare profili per ruolo professionale e reparto, perso- nalizzati sulle caratteristiche della propria orga- nizzazione, in modo da approfondire l’analisi su segmenti specifici di essa. Il software, infine, permette di scaricare un file dati in formato standard per svolgere analisi ulteriori in Excel o programmi di elaborazione statistica. Il manuale e il workbook Il programma di formazione è stato specifi- camente pensato per aiutare il capo progetto e il suo gruppo di lavoro ad attuare un checkup organizzativo. Nella guida e nel workbook sono forniti esempi di schede e materiali che possono essere utilizzati e adattati ai bisogni e ai vincoli specifici dell’organizzazione in cui si lavora, e sono descritti i vari passi da seguire nell’attua- zione del checkup organizzativo: preparazione, progettazione, creazione del gruppo che colla- borerà alla realizzazione del processo di checkup, messa a punto dell’indagine, dissemi- nazione, interpretazione dei risultati, attuazione del cambiamento. aspetti organizzativi cui bisogna dedicare mag- gior attenzione. Il progetto Il programma è pensato per essere utilizza- to all’interno dell’organizzazione, con il perso- nale dell’organizzazione stessa: un capo pro- getto e un gruppo di progetto che lavora con questi per implementare il processo di checkup. L’obiettivo è quello di attuare un processo di autovalutazione interno e conti- nuo con il conseguente cambiamento. Il pro- gramma può essere utilizzato in tutti i tipi di organizzazione e con qualsiasi tipologia di dipendenti. Il kit di materiali comprende: guida per il capo progetto workbook per il gruppo di progetto questionario Checkup organizzativo con foglio di risposta manuale tecnico del questionario CD-Rom contenente: – il software di elaborazione – la documentazione e le schede di lavoro, adat- tabili alle esigenze della singola organizzazione – un set di presentazioni in PowerPoint. Il questionario Lo strumento per condurre il checkup orga- nizzativo è un questionario di 68 item sommini- strabile in forma anonima. Esso è stato standar- dizzato su un campione italiano e consente all’or- ganizzazione di misurare, per tutto il personale: le tre dimensioni dell’impegno e del bur- nout (16 item derivati dal MBI); le sei aree della vita lavorativa (29 item); la percezione del personale nei confronti dei cambiamenti organizzativi (10 item); i tre processi di management (13 item). software di elaborazione GRIGLIE MANUALI NON DISPONIBILI FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali OCS Giunti O.S. offre ai propri clienti un supporto nella realizzazione del checkup organizzativo durante l’intero processo di lavoro: progettazione delle attività, formazione del team inter- no, elaborazione dei dati, stesura dei report, identificazione e realizzazione del piano di cam- biamento. Ogni intervento viene costruito ad hoc, coerentemente alle caratteristiche dell’a- zienda e ai risultati evidenziati dalla fase diagnostica. Per ulteriori informazioni e per un’ipotesi di preventivo: hdunit@giuntios.it.
  • STRESSEBENESSEREORGANIZZATIVO 119900 MATERIALE 94039-Z 1 Kit base OPRA € 341,00 94040-A 25 Fascicoli » 87,50* 94041-B 50 F. risposta + 2 servizio scoring/rep. base aggr. » 262,50 94088-A 100 F. risposta + 4 servizio scoring/rep. base aggr. » 495,00 94042-C 1 Manuale di istruzioni » 36,30* www.internet-test.it 1 Profilo individuale » 20,00 *IVA assolta dall’Editore rispondenti. Il servizio è prepagato con l’acqui- sto del kit o dei fogli di risposta e non è cumu- labile per acquisti futuri di fogli risposta. Il report è restituito al cliente entro 5 giorni lavorativi dalla data di ricevimento dei fogli di risposta. Report standard: è indicato per l’individua- zione delle categorie professionali maggiormente a rischio: oltre a fornire l’analisi aggregata dei punteggi, il report mette in luce le differenze tra sottogruppi. Report avanzato: fornisce un’analisi aggre- gata dei punteggi ottenuti al test in relazione alle variabili aziendali concordate con il cliente sulla base di esigenze specifiche. Attraverso ana- lisi ad hoc, viene fornito un report che descrive nel dettaglio il comportamento proprio delle variabili organizzative esaminate. Scoring e report: la modalità individuale Su Internet-Test è possibile invece svolgere lo scoring individuale. Il profilo presenta l’elaborazio- ne delle parti B e C (non della parte A – Risk Index, il cui calcolo si basa sulla media di più questionari). Servizi aggiuntivi Giunti O.S. è in grado, su richiesta del cliente, di fornire servizi aggiuntivi, relativi alla realizzazio- ne del processo di valutazione e alla gestione del rischio: supporto alla progettazione, infor- mazione interna, somministrazione del questio- nario, feedback, sviluppo dei piani di intervento e change management. Per individuare la tipologia di report più appropriata alle effettive esigenze e per conoscere le modalità di restituzione e i costi dei report standard e avanzato, con- tattare lo 055 6236501 o info@giuntios.it. L’OPRA è un questionario multifattoriale svi- luppato per valutare efficacemente la presenza di fattori di rischio psicosociale e di condizioni di stress lavoro-correlato. CARATTERISTICHE CHIAVE Sviluppato in linea con le richieste del D.Lgs. 81/08. Attendibilità dell’indice di rischio per la rile- vazione delle condizioni potenzialmente dannose. Rapidità di somministrazione. Solida base teorico-scientifica internazionale. STRUTTURA Parte A – Risk Index: 5 indicatori indagano il malessere derivato da scarsa identificazione con il gruppo o l’organizzazione di appartenenza, da bassa soddisfazione lavorativa, da scarsa fiducia nell’organizzazione e dalla considerazione di voler lasciare il proprio posto di lavoro. I punteg- gi concorrono a creare un indice di rischio. Parte B – Inventario delle fonti di rischio: 65 item distribuiti su nove fattori deputati alla valuta- zione delle fonti di pressione sul lavoro che posso- no determinare condizioni di malessere o disagio lavorativo, necessaria a impostare eventuali azioni correttive e ridurre il rischio che ne deriva. Parte C – Salute psicofisica: scala bidimen- sionale (16 item) che indaga la presenza e la fre- quenza di disturbi in ambito fisico e psicologico; fornisce una stima degli effetti conseguenti a condizioni stressanti di impiego. Scheda socioprofessionale Al questionario si aggiunge una dettagliata scheda socioprofessionale che permette di con- frontare tra loro le diverse categorie professiona- li, allo scopo di identificare le condizioni di mag- giore rischio e/o di manifesto disagio lavorativo. SERVIZIO DI DIAGNOSI ORGANIZZATIVA Scoring e report: la modalità aggregata Scoring e reporting in forma aggregata sono realizzati da Giunti O.S. Sono possibili tre tipi di report: Report di base: è un’analisi d’insieme, in forma grafica e numerica, dei punteggi ottenuti, utile per tutti quei contesti a bassa complessità in cui è necessario salvaguardare l’anonimato dei manuale + 25 fascicoli + 50 fogli risposta + 1 ser- vizio scoring con report di base (modalità ag- gregata) DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Tutte le organizzazioni del settore pubblico e privato SOMMINISTRAZIONE 20’-25’ ca. Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM 86 CAMPIONE 2392 soggetti, distribuiti in 16 strutture organizzative, settore pubblico e privato, di varia natura e dimensione operanti sul tutto il territorio italiano (2006-2008) QUALIFICA RICHIESTA A2 Mario Magnani, Gaetano Andrea Mancini e Vincenzo Majer OPRA ORGANIZATIONAL AND PSYCHOSOCIAL RISK ASSESSMENT Questionario per l’adempimento degli obblighi D.Lgs. 81/08 Per l’acquisto di quantitativi di fogli di risposta superiori a 100, per informazioni sulle modalità e sui costi di personalizzazione dell’analisi (report standard e avanzato) e sulle modalità e i costi dei servizi aggiuntivi, si prega di contattare il servizio clienti Giunti O.S.: 055 6236501 o info@giuntios.it. profilo individuale
  • ORIENTAMENTO E COUNSELING
  • PROGETTO ORIENTAMENTO Giunti O.S., da sempre protagonista nella cultura dell’orientamento, ha intrapreso un insieme di iniziative volte alla sua diffusione. Oltre alla pubblicazione di test, strumenti e volumi, è nato il progetto orientamento, un programma più ampio, in costante aggiornamento, dedicato alla formazione degli operatori, al counseling a distanza, al testing online. L’obiettivo è anticipare i nuovi costrutti, definirli con il coinvolgimento dei maggiori esperti in materia e concretizzarli in strumenti e servizi rivolti a professionisti (psicologi e operatori dell’orientamento) e istituzioni (enti, scuole, agenzie per l’impiego e l’orientamento professionale). Giunti O.S., grazie ad un know-how riconosciuto, realizza progetti che sanno coniugare strumenti e metodologie di orientamento nel contesto di riferimento. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL NUOVO PORTALE ORIENTAMENTO E SULLE FUNZIONALITÀ PIÙ AVANZATE DI SOMMINISTRAZIONE ONLINE PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO ORIENTAMENTO, I SERVIZI PERSONALIZZATI E LE CONDIZIONI ECONOMICHE RISERVATE AD ENTI E ISTITUTI orientamento@giuntios.it http://orientamento.giuntios.it L’orientamento è un processo associato alla crescita della persona in contesti sociali, formativi e lavorativi. Comprende una serie di attività che aiutano la persona, in ogni momento della propria vita, a identificare interessi, competenze, attitudini, opportunità e risorse per prendere decisioni in modo responsabile. L’orientamento facilita così la progettazione e la realizzazione dei percorsi individuali nell’istruzione, nella formazione, nel lavoro e in tutte quelle situazioni in cui capacità e attitudini sono messe in atto. Il life designing è il nuovo paradigma di riferimento nella psicologia dell’orientamento. Questo approccio vede la persona, e non l’organizzazione, artefice dello proprio sviluppo professionale nel corso della vita. Il paradigma scientifico del life designing si rispecchia anche nella definizione di life-long guidance, orientamento per tutta la vita, presente in atti e documenti comunitari. Il life designing, che concepisce l’orientamento come un processo continuo, si avvale di strumenti e metodologie diverse. E il career counseling è una tra le più idonee. CERTIFICATO N. 8140
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119933 Tale profilo presenta la valutazione e la rela- tiva interpretazione dei risultati ottenuti dallo studente a ciascuna prova (sia graficamente che attraverso un commento descrittivo), così come una sintesi delle singole analisi che permette di consigliare il soggetto nella scelta universitaria. Le prove La batteria è articolata in cinque test. 1. La prima prova, di 145 item, mette in luce gli interessi professionali dello studente, riferen- doli ai vari percorsi universitari, intesi come accesso al mondo del lavoro. 2. I 35 item della seconda prova rilevano gli inte- ressi culturali dello studente, non necessaria- mente coincidenti con quelli professionali, ma importanti se rapportati alla flessibilità e mo- bilità che il mondo del lavoro richiede. 3. I 105 quesiti della terza prova (a tempo) va- lutano da un lato il fattore g (intelligenza ge- nerale), inteso come capacità di pensare e ra- gionare a prescindere dalle caratteristiche del materiale che si deve affrontare, e dall’altro alcune abilità specifiche fondamentali: capa- cità di ragionamento verbale, numerico, astrat- to, spaziale, meccanico, comprensione di brani e fluidità cognitiva. 4. La quarta prova riporta 85 affermazioni ri- guardanti le modalità con cui lo studente affronta lo studio, le sue strategie di appren- dimento e, in definitiva, la reale motivazione ad impegnarsi in un percorso universitario. 5. L’ultima prova, articolata in 35 item, rileva il modo in cui lo studente è in grado di affrontare e risolvere i problemi, la perce- zione delle proprie capacità nel superare gli ostacoli e di tenere sotto controllo emozio- ni e comportamenti in situazioni difficili (problem-solving). MAGELLANO LAVORO MagellanoLavoro, pensato per l’utilizzo nelle scuole secondarie di II grado, è rivolto a quegli studenti che hanno intenzione, al termi- ne degli studi, di inserirsi immediatamente nel mondo del lavoro. La valutazione alle prove di carattere psicologico viene messa in relazione con il profitto scolastico. Magellano è un programma di orientamen- to che comprende la batteria di test MagellanoPLUS per l’orientamento alla scelta del curriculum d’istruzione superiore (Università e ITS: oltre 120.000 studenti orientati in Italia!), la batteria MagellanoLavoro per l’orientamento alla scelta dell’ambito professionale e la batteria MagellanoJunior per l’orientamento alla scelta della scuola secondaria di II grado. Le tre batte- rie sono completamente informatizzate: auto- somministrazione, scoring e generazione della relazione di orientamento avvengono online attraverso la piattaforma www-internet-test.it e il portale http://orientamentogiuntios.it. MAGELLANOPLUS per l’Università e l’ITS Esteso anche ai vari ITS (i nuovissimi percorsi d’Istruzione Tecnica Superiore), oltre che a com- prendere tutta l’offerta formativa dell’università italiana, questa nuova versione del test di orien- tamento più utilizzato in Italia offre allo studente l’opportunità di approfondire la conoscenza di sé con un giudizio finale che è un consiglio di orien- tamento che non inficia la sua libertà di scelta e né ne compromette il senso di efficacia. All’orientatore e all’insegnante offre la possibilità di programmare un piano di orientamento ai vari percorsi d’istruzione superiore (Università e ITS), esteso alla classe o all’intera scuola, integrando l’uso della batteria con colloqui individuali, incontri con operatori dell’università e del mondo del lavoro, e conferenze informative. Il profilo di orientamento Lo studente, dopo aver indicato la sua scel- ta da un elenco di 52 possibili percorsi di istru- zione superiore, risponde alle domande dei test. Le risposte fornite sono analizzate attra- verso procedure computerizzate che permet- tono, in maniera sicura e veloce, l’elaborazione e la costruzione di un profilo di orientamento individuale di ben 10 pagine. www.internet-test.it e http://orientamento.giuntios.it MagellanoPLUS € 19,00 MagellanoLavoro » 19,00 MagellanoJunior » 19,00 Salvatore Soresi (a cura di) MAGELLANO ORIENTAMENTO ALLE SCELTE SCOLASTICO-PROFESSIONALI Le batterie di orientamento più utilizzate, adesso totalmente online Portale orientamento autosomministrazione scoring relazione di orientamento NNOOVVIITTÀÀ MMAAGGEELLLLAANNOOPPLLUUSS
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119944 Il profilo di orientamento al lavoro Il soggetto è inizialmente chiamato ad espri- mere una scelta fra 24 ambiti professionali diversi. Quindi, è invitato a descriversi scegliendo sei ag- gettivi da una lista di 44. Queste informazioni vengono confrontate coi risultati ai test. Il con- fronto genera un consiglio di orientamento che giunge al termine di un referto di 11 pagine, dove – per ogni prova sostenuta – sono presentati i ri- sultati relativi alle dimensioni psicologiche misura- te. Il referto si conclude con uno schema che ri- porta, per ogni ambito professionale, le caratteri- stiche in termini di interessi, valori e aspetti “per- sonologici” (gli aggettivi descrittivi) che una per- sona dovrebbe possedere per svolgere con suc- cesso e soddisfazione un’attività in quell’ambito. Struttura MagellanoLavoro è articolato in quattro test che valutano: 1. gli interessi professionali (97 item): agroam- bientale, artistico, economico-amministrati- vo, economico-commerciale, educativo, giu- ridico-sociale, linguistico-turistico, socioas- sistenziale, sociosanitario, tecnico-meccanico, tecnico-scientifico, umanistico-letterario; 2. la credenza di efficacia del soggetto nell’im- parare a svolgere delle attività a prescindere dall’interesse (97 item); 3. gli stili professionali e la motivazione al la- voro (36 item): motivazione al lavoro, re- sponsabilità e accuratezza, abilità relazionali nel lavoro, disponibilità al cambiamento lavo- rativo, fiducia nei confronti della propria rea- lizzazione professionale, atteggiamento posi- tivo verso le attività che si stanno svolgendo; 4. i valori professionali (33 item): utilizzo delle proprie competenze, fornire aiuti e supporto alle persone, lavorare in gruppo, creatività e varietà professionale, sicurezza economica, prestigio, attenzione per l’ambiente. MAGELLANO JUNIOR MagellanoJunior è finalizzato alla scelta della scuola secondaria di II grado ed è quindi rivolto agli studenti della 3a classe della scuola seconda- ria di I grado. Particolare enfasi è data alla riusci- ta scolastica che, come noto, assume un peso rilevante nell’ambito dell’orientamento favoren- do preferenze e scelte o l’esclusione di possibi- lità. Alla valutazione del possesso di queste com- petenze si affianca quello di dimensioni “trasver- sali” (abilità di studio, interessi, capacità di pro- blem-solving). Il profilo di orientamento alla scuola secondaria di II grado Allo studente viene richiesto di riflettere in termini di presa di decisione, dichiarando se ha già deciso cosa fare dopo la scuola secondaria di I grado (andare a lavorare il prima possibile, con- tinuare a studiare per un paio di anni, per 3-5 anni, per più di 5 anni) oppure no. Segue quindi l’invito a scegliere – da una lista di 25 – il setto- re professionale all’interno del quale gli piace- rebbe inserirsi. Queste informazioni sono con- frontate con i risultati alle varie prove, al fine di generare un profilo di orientamento di 15 pagi- ne. Questo, oltre a dare conto – in forma grafi- ca e descrittiva – delle singole competenze e dimensioni psicologiche misurate, si conclude con una sintesi dei punti di forza dello studente, un consiglio di orientamento complessivo ed uno schema che riporta, per ogni settore pro- fessionale, le competenze (abilità matematiche, di studio, interessi, ecc.) richieste da professioni attinenti a quel settore. Le prove Otto prove valutano: 1. Le credenze di efficacia in matematica (9 item) che lo studente nutre nei confronti della possibilità di affrontare compiti di mate- matica proposti nel corso dei primi periodi della scuola superiore; 2. le abilità matematiche (12 item); 3. le abilità di comprensione di testi (20 item) relativamente a due tipologie di brani, quelli umanistici (10 item) e quelli scientifici (10 item); 4. le abilità di studio (42 item): motivazione scolastica, controllo dell’ansia e della preoc- cupazione, utilizzo di strategie nello studio, persistenza e perseveranza nello studio, capa- DATA DI PUBBLICAZIONE MagellanoPLUS: 1995, 1997, 2001 MagellanoLavoro: 2001 MagellanoJunior: 2004 DESTINATARI MagellanoPLUS e MagellanoLavoro: Scuola sec. di II grado MagellanoJunior:3a cl.sec.di Igrado SOMMINISTRAZIONE MagellanoPLUS: 2 ore ca. MagellanoLavoro e MagellanoJunior: 1,5 ore ca. Individuale e collettiva COMPOSIZIONE MagellanoPLUS: 5 test (405 item) MagellanoLavoro: 4 test (263 item) MagellanoJunior: 8 test (256 item) CAMPIONE MagellanoPLUS: 89.578 studenti della scuola sec. di II grado, distribuiti per sesso, area geografica etipodiscuola,conprevalenza degli ultimi due anni (4° anno maschi: 8.934; 4° anno femmine: 15.136; 5° anno maschi: 26.250; 5° anno femmine: 38.329) (2000-2002) MagellanoLavoro: 1.000 studenti della scuola sec. di II grado, egualmente distribuiti per sesso e provenienza geografica (2000-2001) MagellanoJunior: 807 studenti della 3a cl.sec. diIgrado (427 maschi e 380 femmine) (2003) Il test è aggiornato al nuovo ordinamento della scuola superiore (riforma Gelmini). MAGELLANO
  • MAGELLANO cità di selezionare ciò che è importante stu- diare, pianificazione dell’attività di studio e concentrazione, strategie di autovalutazione; 5. gli interessi professionali (86 item): lingui- stico-turistico, tecnico-meccanico, socio-assi- stenziale, estetico, agricolo, educativo, sani- tario, militare, economico-amministrativo, scientifico-naturale, alberghiero-gastronomi- co, storico-letterario, artistico, giuridico; 6. le credenze di efficacia che lo studente nutre nelle proprie capacità di studiare quan- to necessario per svolgere specifiche attività professionali (33 item): socio-educative, tec- nico-meccaniche, giuridiche, artistico-artigia- nali, economiche, scientifiche, alberghiere; 7. le propensioni professionali, in termini di valutazione da parte del soggetto di quanto realisticamente in futuro egli potrà svolgere una determinata attività professionale (22 item): tecnico-meccaniche, educative, alber- ghiere, economico-commerciali, linguistico- turistiche, artistico-artigianali; 8. le strategie di problem-solving (32 item): parlare delle proprie difficoltà con qualcuno, frequentare persone con difficoltà simili, rinunciare alla ricerca di soluzioni, darsi la colpa, sperare che le cose si risolvano da sole, isolarsi, pensare a modalità risolutive, pensa- re positivamente e rilassarsi per affrontare meglio il problema. Percorsi di orientamento La collana, diretta da Salvatore Soresi, raccoglie metodologie, esperienze e strumenti appli- cativi nel campo dell’orientamento. I volumi sono manuali in cui l’approfondimento teori- co è accompagnato dal materiale d’uso, nel segno dell’operatività e dell’innovazione nel- l’orientamento scolastico e professionale. Counseling e career counseling Questa collana, diretta da Annamaria Di Fabio, produce un’attenta selezione dei più originali contributi sulla psicologia del counseling e dell’orientamento. I volumi privilegiano le connessioni con il career counseling e le prassi caratterizzate da un approccio life-long, olistico, contestuale preventivo e inclusivo. VOLUMI GIUNTI O.S. L’ORIENTAMENTO DA SFOGLIARE alle pagine 24-25 alle pagine 22-23
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119966 Leon Mann, Ros Harmoni e Colin Power GOFER UN CORSO PER IMPARARE A DECIDERE Un curricolo di orientamento alle scelte da farsi in classe Sempre più si sostiene la necessità di introdur- re nell’attività didattica corsi centrati sul problem- solving e sulle abilità di decision-making per aiu- tare gli adolescenti a gestire le loro difficoltà, con- sapevoli dell’importanza anche sociale dell’orien- tamento e della necessità di stimolare insegnanti e professionisti ad abbandonare ottiche mera- mente informative e psicodiagnostiche in favore di visioni più squisitamente educative e formative. GOFER è per l’appunto un “corso per impa- rare a decidere”, articolato in due curricoli (Prin- cipi di base e Approfondimenti), che si rivolge agli studenti delle scuole secondarie di I grado, chia- mati a scegliere il proprio percorso scolastico successivo, e delle scuole secondarie di II grado, che in momenti diversi si trovano di fronte al problema della scelta di un corso di formazione professionalizzante, uno post-diploma o univer- sitario. Il corso si basa sull’ipotesi che la crescita personale dei giovani può trarre giovamento dal potenziamento delle abilità di decision-making. Il suo scopo principale è quindi fare in modo che gli adolescenti diventino capaci di pensare a diverse opzioni risolutive e di favorire in essi una certa esperienza “simulando” casi di vita reale. GOFER è il frutto del lavoro di un gruppo di psicologi ed insegnanti della Flinders University di Adelaide (Australia) e dell’opera di adatta- mento e contestualizzazione alla realtà italiana del gruppo di lavoro del Laboratorio di Ricerca ed Intervento sull’Orientamento alle Scelte (LaRIOS) dell’Università di Padova, che l’ha spe- rimentato con successo in varie scuole d’Italia. STRUTTURA Il corso si articola in due curricoli, presentati in forma di portfolio, ciascuno dei quali com- prende un manuale per l’insegnante, uno per gli studenti e un eserciziario: GOFER-1. Principi di base: affronta gli aspet- ti base della presa di decisione e prende in esame il concetto di decisione, le fasi necessarie per realizzare un efficace decision-making, la definizione del concetto di sé e l’importanza che questo assume per chi deve prendere una deci- sione, le modalità per individuare più opzioni risolutive. Fornisce inoltre degli esempi di deci- sion-making inefficace e mostra gli ostacoli che un adolescente può incontrare nel fare le pro- prie scelte; GOFER-2. Approfondimenti: riprende più det- tagliatamente i temi trattati in GOFER-1 e presen- ta un ventaglio di problemi rilevanti per gli adole- scenti, esaminando le conseguenze negative di decisioni compiute senza un’adeguata riflessione e di abitudini di scelta inadeguate. Analizza inoltre le applicazioni dei principi del decision-making in varie aree e in circostanze diverse, con particolare attenzione al decision-making di gruppo. Il corso I materiali sono stati pensati per insegnare in modo divertente e accattivante: nel raccon- to delle vicissitudini di Gofer, una ragazzina alle prese con le problematiche tipiche della sua età, lo studente può riflettere su se stesso e confrontarsi con il resto della classe. Gofer, rappresentata a mo’ di vignetta, è il personag- gio guida che accompagna lo studente nel percorso didattico, presentando esercitazioni, problemi decisionali da affrontare, conseguen- ze di decisioni errate, casi esemplari, ecc. Il tutto con tono umoristico, disegni, tabelle e schede da compilare. Il ragazzo si trova così coinvolto in esercitazioni che consistono nel confrontarsi con i propri compagni, intervista- re i genitori, ragionare sulle scelte fatte e su quelle ancora da fare. MATERIALE 93429-Y 1 Portfolio GOFER-1 (manuale per l’insegnante + manuale per gli studenti + eserciziario per gli studenti liberamente fotocopiabili) € 295,00* 93430-Z 1 Portfolio GOFER-2 (manuale per l’insegnante + manuale per gli studenti + eserciziario per gli studenti liberamente fotocopiabili) » 400,00* *IVA assolta dall’Editore DATA DI PUBBLICAZIONE 2004 DESTINATARI Studenti dai 12 ai 18/19 anni COMPOSIZIONE Due curricoli didattici, con materiali per l’insegnante e per gli studenti DURATA GOFER-1: ca 35 ore di attività didattica GOFER-2: ca 40 ore di attività didattica FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119977 Il corso, progettato per essere svolto con la classe, può essere gestito da insegnanti di varie materie, nonché da persone impegnate nei ser- vizi territoriali e in quelli di counseling ed orien- tamento. È opportuno che le tematiche di GOFER-1 siano introdotte nel corso di un anno scolastico e consolidarne le conoscenze negli anni successivi, così da consentire allo studente di utilizzare le informazioni assimilate per pren- dere decisioni al momento opportuno. Gli argo- menti trattati in GOFER-2 possono essere approfonditi in modo diverso a seconda del- l’età, della classe frequentata e dei bisogni dello studente. GOFER-1 è preliminare all’utilizzo di GOFER-2. Materiali fotocopiabili Manuale ed eserciziario per gli studenti sono libe- ramente fotocopiabili in tutte le loro parti in fun- zione delle necessità didattiche (così come sche- de e materiale didattico contenuti nel manuale per l’insegnante: questo riporta, commentate, tutte le pagine di esercitazione del manuale e dell’eserciziario per gli studenti, in modo da per- mettere all’insegnante di seguire passo passo il percorso didattico dei propri studenti). Come funziona GOFER Il docente imposta l’at- tività didattica ba- sandosi sul Manuale per l’insegnante, che riporta, commentata, la scheda di lavoro che gli allievi trovano sul Manuale per gli stu- denti. Questi svolgono anche le esercitazioni previste nell’Eserciziario, che il docente ritrova poi corredate di una traccia per la valutazio- ne sul Manuale per l’in- segnante. GOFER
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119988 I due portfoli Optimist (10 questionari) e Clipper (8 questionari) riuniscono una serie di strumenti di analisi che possono essere utilizzati nell’ambito delle attività di orientamento indi- rizzate a giovani dagli 11 ai 14 anni (Optimist) o dai 15 ai 19 anni (Clipper), che si accingono a scegliere un percorso formativo o a ricercare una collocazione lavorativa dopo aver assolto al- l’obbligo scolastico. I QUESTIONARI Il mio futuro scolastico-professionale rappre - senta un’introduzione alle attività di orienta- mento e può essere considerato una prima ana- lisi della situazione dei soggetti che richiedono questo tipo di intervento. I miei valori professionali (presente solo in Optimist) suggerisce di considerare le “soddisfa- zioni” che il soggetto si aspetta dalla sua futura occupazione professionale. Il mio lavoro futuro si propone di evidenziare le preferenze professionali considerando, accan - to al grado di attrazione che le diverse occupa - zioni lavorative possono suscitare, anche i livelli di fiducia con la quale i soggetti si apprestano ad apprendere quanto necessario per svolgerle. Idee ed atteggiamenti sul futuro scolastico- professionale si propone di approfondire il feno- meno dell’indecisione, consentendo la stima del grado di incertezza che caratterizza i soggetti che richiedono un aiuto per le loro scelte. Quanta fiducia ho in me? è uno strumento di autovalutazione che si propone di stimolare la riflessione sul senso di autoefficacia, che da più parti viene ormai considerato un buon pre- dittore del successo scolastico-professionale. Il Decision Making Questionnaire si propone di approfondire la conoscenza degli stili decisionali ai quali i soggetti più frequentemente ricorrono (in Optimist la versione ADMQ, in Clipper la MDMQ). So affrontare i miei problemi? (SAIMP) è un questionario di autovalutazione degli atteggiamen- ti con i quali i soggetti si pongono di fronte ai pro- blemi che sono chiamati ad affrontare e risolvere. Come mi comporto con gli altri? è una scala di autovalutazione delle abilità sociali che i sog- getti possono manifestare nel corso delle intera- zioni con gli altri; VAS – Scheda di Valutazione delle Abilità So- ciali (presente solo in Optimist) permette di rac - cogliere informazioni sulle abilità sociali dei sog- getti dal punto di vista degli insegnanti. La mia vita da studente si propone di facili- tare la riflessione sui livelli di soddisfazione che gli studenti stanno sperimentando nel corso delle loro esperienze. I materiali Ogni test di ciascun portfolio è corredato, oltre che dello specifico manuale di riferimento, di questionario, griglie di correzione e modulo per la relazione personalizzata. I questionari per la somministrazione e i moduli per la relazione personalizzata sono prototipi per i quali l’Editore dà l’autorizzazione alla riproduzione tramite fotocopia. DATA DI PUBBLICAZIONE Optimist: 2001 Clipper: 2003 DESTINATARI Optimist: dagli 11 ai 14 anni Clipper: dai 15 ai 19 anni SOMMINISTRAZIONE Circa 15/20’ ogni test Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM (Optimist/Clipper) Il mio futuro scolastico- professionale: varie schede Imieivaloriprofessionali:34 Il mio lavoro futuro: 3 x 121/139 Ideeedatteggiamenti:17/16 Quanta fiducia ho in me?: 28/20 ADMQ/MDMQ: 22 So affrontare i miei proble- mi?: 23/23 Come mi comporto con gli altri?: 18/2x24 VAS: 22 Lamiavitadastudente:36/26 CAMPIONE (Optimist/Clipper) I miei valori professionali: 674 studenti Il mio lavoro futuro: 1.010/1.377studenti Idee ed atteggiamenti: 1.399/3.109 studenti Quanta fiducia ho in me?: 1.152/3.170 studenti ADMQ/MDMQ: 1.410/2.418 studenti So affrontare i miei pro- blemi?: 877/1.173 studenti Come mi comporto con gli altri?: 965/1.730 studenti VAS: 580 studenti La mia vita da studente: 1.603/3.426 studenti (Optimist: 1999-2000; Clipper: 2000-2002) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 92232-T 1 Portfolio Optimist (manuali + prototipi dei questionari e delle relazioni di orientamento con autorizzazione a fotocopiare + griglie di correzione) € 270,00* 92234-V 1 Portfolio Clipper (manuali + prototipi dei questionari e delle relazioni di orientamento con autorizzazione a fotocopiare + griglie di correzione) » 284,00* www.internet-test.it SAIMP 15-19: 1 autosomministrazione (SAIMP 15-19) » 1,20 1 relazione di orientamento (SAIMP 15-19) » 6,00 *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali SAIMP 15-19: scoring somministrazione Salvatore Soresi e Laura Nota (a cura di) OPTIMIST e CLIPPER PORTFOLI PER L’ORIENTAMENTO NELLA SCUOLA Due raccolte di strumenti per l’orientamento alle scelte scolastico-professionali
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 119999 DATA DI PUBBLICAZIONE 2003 EDIZIONE ITALIANA Klement Polácˇek DESTINATARI Adolescenti dalla 3a cl. sec. I grado in poi e adulti SOMMINISTRAZIONE 40-50 minuti Individuale e collettiva STRUTTURA Otto sezioni (domande a risposta libera e questionari a scelta multipla) CAMPIONE ITALIANO 4457 studenti (893 della 3a cl. sec. I grado e 3564 della scuola sec. II grado: 2001-2002) QUALIFICA RICHIESTA A1 La Self-Directed Search (SDS) è uno strumento di orientamento professionale autosommi- nistrabile, che può essere anche direttamente cor- retto e interpretato dal soggetto in orientamento. STRUTTURA Dopo aver rilevato e interpretato le aspira- zioni professionali della persona, le sue attività preferite, le competenze che ritiene di possede- re e le valutazioni riguardo alle abilità possedu- te, il test permette di ricavare un codice che in- dirizzerà verso il gruppo di professioni più adat- te al tipo di persona emerso. L’esagono di Holland Il raggruppamento delle professioni si basa sul siste- ma di codifica a 6 lettere (R, I, A, S, E, C) di Holland e classifica attività di 6 tipologie diverse in base alle caratteristiche psicologiche rilevate nelle persone: attività realistiche – R: professioni tecniche, commerciali ed alcune di servizio; attività investigative – I: professioni scienti- fiche e alcune tecniche; attività artistiche – A: professioni che hanno a che fare con l’arte, la musica e la letteratura; attività sociali – S: professioni relative all’in- segnamento e ai servizi sociali; attività che richiedono intraprendenza – E: professioni manageriali e commerciali; attività convenzionali – C: professioni di ufficio. Un codice di 3 lettere definisce le singole pro- fessioni da un punto di vista psicologico, cioè in- dica (in ordine decrescente d’importanza) le tre caratteristiche psicologiche necessarie alla perso- na per poter svolgere tale attività (ad esempio, una professione codificata con AIC significa che essa richiede innanzitutto una “vocazione” alle attività artistiche, quindi a quelle investigative, in - fine a quelle convenzionali). Un ulteriore codice indica, invece, il livello di istruzione formale ri- chiesto dall’occupazione per il suo svolgimento. Le sezioni del test Il test è articolato in 8 sezioni: Sogni ad occhi aperti, Attività, Competenze, Professioni, Autova- lutazione, Come riassumere le risposte, Cosa signi - fica il tuo codice e Alcuni passi successivi. Esse per- mettono al soggetto di identificare il gruppo di professioni da prendere in esame per facilitare la decisione relativa all’attività lavorativa. Si tratta, quindi, di una vera e propria guida, che fornisce un quadro completo della persona rilevando competenze, preferenze e autovalutazioni. Il Trovalavoro Un secondo libretto, il Trovalavoro, contiene una lista di circa 1200 professioni codificate secon- do il sistema di Holland e selezionate dalla Classifi - cazione delle professioni (ISTAT 2001), secondo i parametri ISCO 88 (COM). È così possibile, con il Trovalavoro, individuare il gruppo di professioni codificato con il codice “psicologico” che il sog- getto ha ottenuto al test; quindi, all’interno del gruppo, per ogni professione individuare il relativo codice ISTAT e il livello di istruzione formale richie- sto (da 1 a 4). Il libretto Tu e la tua carriera, infine, aiuta nella scelta professionale, offrendo spunti su come attuare una buona decisione; esso fornisce, infatti, un supporto per utilizzare in modo corretto i codici e i punteggi ottenuti. La versione online La versione online, disponibile tanto in www.internet-test.it (con possibilità anche di inserimento delle risposte dal cartaceo) che su http://orientamento.giuntios.it, permette l’autosomministrazione del test e la generazione di una relazione di orientamento che, partendo dall’indicazione del proprio “sogno” professio- nale, porta la persona in orientamento a pren- dere in considerazione il grado di aderenza fra professioni indicate come preferite e il proprio profilo secondo il modello di Holland. La scelta delle professioni si basa su una riduzione online del Trovalavoro, di più agevole consultazione. La versione online dell’SDS è basata sulle norme italiane per la scuola secondaria di II grado. MATERIALE 93323-H 1 Starter kit € 159,00* 93324-J 25 Libretti del test » 100,00 93325-K 25 Libretti Trovalavoro » 100,00* 93326-L 25 Libretti Tu e la tua carriera » 51,25 93327-M 1 Manuale d’istruzioni » 46,60* www.internet-test.it e http://orientamento.giuntios.it autosomministrazione + relazione di orientamento » 14,00 *IVA assolta dall’Editore manuale + 10 libretti test + 10 TrovaLavoro + 10 Tu e la tua carriera John L. Holland SDS SELF-DIRECTED SEARCH – FORMA R Il test di Holland in italiano somministrazione scoring relazione di orientamento NNOOVVIITTÀÀ vveerrssiioonnee oonnlliinnee Portale orientamento
  • ORIENTAMENTOECOUNSELING 220000 Il QDP permette di identificare le cause di dif- ficoltà decisionale nella scelta del futuro scolasti- co-professionale, sperimentate dagli adolescenti in uscita dalla scuola secondaria di II grado. Il questionario propone situazioni che fanno riferi- mento alla mancanza di informazioni sul sé e sulle opportunità formative e professionali, alla capacità di saperle elaborare efficacemente e alla fiducia circa le proprie capacità di scegliere effi- cacemente, permettendo di differenziare gli stu- denti che sperimentano uno stato di indecisione temporanea da quelli particolarmente a rischio di procrastinazione. CARATTERISTICHE CHIAVE Individuazione della tipologia di difficoltà decisionale sperimentata dagli adolescenti Individuazione della discrepanza fra per- cezione soggettiva di decisionalità e punteg- gi ottenuti Relazione di orientamento informatizzata Suggerimenti al counselor per la conduzio- ne di percorsi di intervento personalizzati STRUTTURA Il QDP si compone di tre scale che fanno rife- rimento a tre aree di difficoltà decisionale: Padronanza progettuale: si riferisce al livel- lo di sicurezza o chiarezza che deriva da una informazione che riguarda tanto il sé (attitudini, interessi, capacità) quanto le occupazioni e i percorsi formativi; Valutazione: individua eventuali difficoltà nel saper valutare le alternative durante l’elabora- zione delle informazioni; Confidence: si riferisce alla fiducia nelle pro- prie capacità di scelta. UTILIZZO Il QDP può essere utilizzato nell’ambito di attività di orientamento con finalità diverse: differenziare gli utenti in relazione alla loro tipologia e livello di indecisione – nelle fasi iniziali di assessment, gli studen- ti/utenti possono compilare il questionario insie- me con altre batterie per l’orientamento; impostare e personalizzare gli interventi rea- lizzabili al fine di ridurre la percezione di inde- cisione – nel career counseling, gli studenti/utenti che ottengono punteggi eccessivamente alti o bassi soprattutto nella dimensione Confidence e quindi a rischio di procrastinazione possono approfondi- re gli antecedenti personali; – nei contesti educativi, possono essere program- mati training per lo sviluppo delle capacità di decision-making (ricerca, selezione e valuta- zione dell’informazione); verificare l’efficacia delle iniziative di orien- tamento, perché permette di stimare se l’in- tervento abbia portato ad un effettivo innalza- mento dei livelli di decisionalità. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Studenti scuola secondaria di II grado (classi 4a e 5a) SOMMINISTRAZIONE 20’ circa Individuale o di gruppo COMPOSIZIONE 26 item CAMPIONE ITALIANO 2229 soggetti (maschi: 786, femmine: 1443; classe 4a: 1146, classe 5a: 1083) (2006) QUALIFICA RICHIESTA A2 somministrazione scoring relazione di orientamento manuale + 10 questio- nari online + € 150 di crediti Internet-Test MATERIALE 93810-M 1 Starter kit € 204,00 93812-P 25 Questionari autoscoring » 65,00 93699-N 25 Questionari per scoring online » 31,25 93811-N 1 Manuale di istruzioni 34,00* www.internet-test.it 1 autosomministrazione » 1,20 1 relazione di orientamento » 7,50 *IVA assolta dall’Editore Maria Santa Ferretti e Maria Assunta Zanetti QDP QUESTIONARIO DI DECISIONALITÀ PROFESSIONALE Per la valutazione del livello di decisionalità nella scelta del percorso scolastico-professionale
  • TEST SCOLASTICI
  • TESTSCOLASTICI 220022 Le batterie Q1 VATA costituiscono la nuova edi- zione delle prove Q1 che tanto successo hanno riscontrato presso gli insegnanti in questi ultimi anni. Si tratta di una serie di strumenti di valuta- zione che possono essere facilmente somministra- ti e proficuamente utilizzati dagli insegnanti e dalle scuole che sentano l’esigenza di adattare contenu- ti e metodi dell’intervento educativo ai bisogni del singolo studente per un insegnamento individua- lizzato capace di favorirne il massimo sviluppo. STRUTTURA Poiché la corretta valutazione dello studente in situazione di partenza è di massima importanza, il programma Q1 VATA prevede una serie di stru- menti oggettivi volti ad esplorare abilità di base e di tipo trasversale. Sono disponibili due batterie: Q1 VATA 8-11 anni per la valutazione in ingresso a partire dal terzo anno della scuola pri- maria Q1 VATA 11-14 anni per la valutazione in ingresso a partire dal primo anno della scuola secondaria di primo grado. Ogni batteria comprende una serie di prove (7 nella 8-11 anni, 10 nella 11-14 anni) più una griglia di osservazione, corredate tutte, oltre che dello specifico manuale di riferimento, di sche- de per la somministrazione fotocopiabili e gri- glie di correzione. Le prove Questi i test che compongono le Q1 VATA: Comprensione della lettura di un brano. Metacomprensione (presente solo nella 11-14 anni): valuta le strategie più idonee all’esecuzio- ne di compiti di lettura e la sensibilità al testo (capacità di individuare anomalie, di esprimere un giudizio sulla complessità di brani o sulla loro appartenenza a specifici generi letterari). Comprensione da ascolto di brani trasmessi da un CD preregistrato. Scrittura: valuta impaginazione, decifrabilità, aderenza alle consegne, ricchezza e coerenza dei contenuti, organizzazione del testo, fluidità e proprietà del lessico, morfosintassi, ortografia e punteggiatura. Abilità di studio: valuta la prestazione cognitiva (comprensione e memorizzazione dei contenuti di un testo) e la capacità metacognitiva (consapevo- lezza delle strategie di studio e controllo esecutivo). Ragionamento: comprende classificazione di parole e figure, sequenze di figure, analogie con parole e immagini, problemi logici, sequenze di numeri e parole, deduzioni. Abilità numerica: valuta la capacità di risolvere esercizi numerici e la velocità nel fare le somme. Abilità prassiche: valuta abilità di orienta- mento spaziale, destrezza, precisione, rapidità. Abilità motorie: consiste nell’eseguire compiti di manualità fine, di orientamento propriocettivo e di equilibrio statico-dinamico. Ritmo (presente solo nella 11-14 anni): valuta la percezione musicale. Griglia di osservazione: è un inventario per valutare gli atteggiamenti metacognitivi, motiva- zionali e socioaffettivi dello studente, con lo scopo di servire da guida all’insegnante. DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 DESTINATARI 8-11 anni: 2° ciclo scuola primaria 11-14 anni: scuola seconda- ria I grado SOMMINISTRAZIONE (8-11 ANNI/11-14 ANNI) Comprensione della lettura: 1 h ca. Metacomprensione: tempo libero Comprensione da ascolto: tempo libero Scrittura: 30’ ca. Abilità di studio: 30’/1 h ca. Ragionamento: 1 h ca. Abilità numerica: 10’ + 5’ ca. Abilità prassiche: 1 h 15’ ca. + 7’ ca./1 h ca. Abilità motorie: 1 h + 1 h 30’ ca./1 h ca. Ritmo: 20’-30’ ca. Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 8-11 anni: 7 prove e 1 gri- glia di osservazione 11-14 anni: 10 prove e 1 griglia di osservazione CAMPIONE 8-11 anni: 21-790 alunni (1994) 11-14 anni: 20-695 alunni (1993, 1995) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93495-U 1 Portfolio Q1 VATA 8-11 anni (manuali + prototipi dei questionari con autorizzazione a fotocopiare + griglie di correzione + CD preregistrato) € 376,00* 93514-S 1 Portfolio Q1 VATA 11-14 anni (manuali + prototipi dei questionari con autorizzazione a fotocopiare + griglie di correzione + CD preregistrato) » 376,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Rossana De Beni con Claudia Zamperlin, Gianna Friso, Adriana Molin, Silvana Poli e Chiara Vocetti (Gruppo MT) Q1 VATA BATTERIE PER LA VALUTAZIONE DELLE ABILITÀ TRASVERSALI ALL’APPRENDIMENTO La nuova edizione aggiornata delle batterie Q1
  • TESTSCOLASTICI 220033 Lo MnemoTest è uno strumento di valutazio- ne della memoria strategica che si fonda sulla ormai consolidata teoria che esistano due distin- te componenti del sistema mnestico che si influenzano reciprocamente, una più diretta- mente concernente le strategie utilizzate nell’af- frontare il compito (mnemotecniche) ed una riguardante il sistema di conoscenze sul tipo di strategia che si sta usando e la consapevolezza della sua efficacia per la risoluzione del compito (metamemoria). STRUTTURA Il test si compone di 12 prove, ciascuna costi- tuita di due schede (scheda “Stimolo” e scheda “Domande”), che presentano una serie di com- piti scolastici e di vita quotidiana molto comuni, come ricordare un numero di targa o di telefo- no, degli indirizzi, una serie di oggetti presenta- ti in successione, alcune informazioni evidenzia- te in un brano, ecc. È possibile rilevare la presta- zione mnestica vera e propria dell’allievo, che è espressa da un punteggio di performance, e la sua competenza cognitiva, rilevabile da una domanda “aperta” ed espressa da un punteggio di metamemoria. Dalla somma dei due punteg- gi si ottiene un indice di strategicità mnestica che rappresenta un indicatore complessivo del- l’atteggiamento strategico dell’allievo. Ogni intervento psicologico ed educativo deve necessariamente fondarsi su una solida base informativa. È dunque importante che l’o- peratore – insegnante o psicologo – “scatti una fotografia” della realtà riguardante il singolo alunno ed il gruppo classe. I dati così ricavati consentiranno d’individuare, per ogni alunno, le aree nelle quali non presenta problemi e quelle, invece, problematiche. Tale operazione di analisi diventa fondamentale all’inizio della scuola pri- maria, costituendo la base di partenza per lo svi- luppo del curricolo o di programmi parzialmen- te alternativi. Il PCB è uno strumento criteriale (non normalizzato), che è stato creato proprio allo scopo di fornire informazioni di questo tipo. STRUTTURA Le 32 prove di cui il PCB è costituito sono finalizzate all’accertamento del livello di padronanza nelle abilità percettive, logico- concettuali, mnestiche, linguistiche e pre-curri- culari, che costituiscono i presupposti fonda- mentali per gli apprendimenti curricolari richiesti nella scuola primaria. Gran parte delle prove consiste nella risposta a stimoli visivi presentati nelle rispettive schede; vi sono, però, dei compiti che consistono in riposte fornite a materiale diverso da quello visivo e per i quali si seguiranno le indicazio- ni fornite di volta, in volta, nel manuale. DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 DESTINATARI Bambini all’ingresso della scuola primaria (4-6 anni) SOMMINISTRAZIONE 40’ ca. Individuale COMPOSIZIONE 32 prove QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93493-S 1 Kit PCB (manuale e prototipi fotocopiabili delle prove) € 188,00* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 93494-T 1 Kit MnemoTest (manuale + prototipi fotocopiabili di schede e moduli di registrazione) € 232,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 DESTINATARI Dalla 2a cl. primaria alla 3a cl. secondaria I grado SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 12 prove CAMPIONE 1356 alunni di scuola primaria e sec. I grado tra i 7 e i 13 anni (2004) QUALIFICA RICHIESTA A1 Paolo Meazzini PCB PROCESSI COGNITIVI DI BASE Un test criteriale per l’analisi delle abilità di ingresso alla scuola primaria Lucio Cottini e Paolo Meazzini MNEMOTEST TEST DI VALUTAZIONE DELLE STRATEGIE DI MEMORIA Per indagare la prestazione mnestica e l’abilità metamnemonica nei bambini
  • TESTSCOLASTICI 220044 In questi ultimi decenni si è assistito ad un impressionante sviluppo nel settore dell’appren- dimento scolastico. In particolare, nell’ambito della psicologia cognitiva sono stati definiti tre fondamentali approcci all’apprendimento: profondo, superficiale e strategico. In sostanza, un ragazzo può essere profondamente motiva- to ad apprendere i contenuti di varie discipline per se stesse, può farlo per ragioni del tutto esterne, per soddisfare le richieste dei terzi o può apprendere semplicemente per ottenere buoni risultati e riconoscimenti sociali. L’elaborazione del QPA è stata impostata su que- ste considerazioni teoriche. STRUTTURA Pensato per sostituire l’ormai classico QES – Questionario sull’Efficienza nello Studio, per anni l’unico strumento disponibile in Italia per la rile- vazione del metodo di apprendimento e degli atteggiamenti di studenti della scuola seconda- ria di I e II grado, il QPA si pone come nuovissi- mo test per il contesto culturale italiano, per l’assessment di processi, strategie e motivazioni allo studio attraverso cinque scale: Motivazione intrinseca all’apprendimento (MI): ottiene punteggi alti chi è coinvolto nel- l’apprendimento delle materie, svolge regolar- mente i propri doveri scolastici e progredisce armonicamente in tutte le discipline; Metacognizione e apprendimento autoregolato (MA): ottiene punteggi alti chi è consapevole dei propri processi cognitivi e di conseguenza gesti- sce efficacemente il proprio apprendimento; Strategie di apprendimento (SA): rileva i modi che lo studente adotta per elaborare i contenu- ti e le informazioni delle varie materie e il risul- tato che con esse raggiunge; Consolidamento dell’apprendimento (CA): rende lo studente consapevole della misura e della frequenza con le quali riprende i contenu- ti appena appresi per completarli, integrarli e fissarli nella memoria a lungo termine; Apprendimento superficiale (AS): a chi adotta questo approccio sfugge il quadro generale dei contenuti, che fraziona in piccole parti per poter- le memorizzare con la semplice ripetizione. Le forme Il materiale del QPA è articolato in tre kit, cia- scuno indirizzato ad un determinato livello sco- lastico (5a classe della scuola primaria, scuola secondaria di I e II grado e università), e nel complesso risulta composto dalle seguenti quat- tro forme: QPA-A per alunni della 5a classe della scuola primaria e della 1a e 2a classe della scuola secon- daria di I grado; QPA-B per studenti della 3a classe della scuo- la secondaria di I grado e della 1a della scuola secondaria di II grado; QPA-C per studenti dalla 2a alla 5a classe della scuola secondaria di II grado; QPA-D per studenti universitari. DATA DI PUBBLICAZIONE 2005 DESTINATARI Dalla 5a cl. primaria all’università SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva NUMERO DI ITEM QPA-A: 40 QPA-B: 80 QPA-C: 100 QPA-D: 90 CAMPIONE 3757 studenti delle varie classi (1795 maschi e 1962 femmine) (QPA-A: 405; QPA-B: 649: QPA-C: 2408; QPA-D: 295) (2003-2004) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93489-N 1 Kit QPA 5a cl. primaria (manuale, griglia di correzione e prototipo fotocopiabile del QPA-A) € 255,00* 93490-P 1 Kit QPA scuola sec. I grado (manuale e prototipi fotocopiabili dei materiali di QPA-A e QPA-B) » 263,00* 93491-Q 1 Kit QPA scuola sec. II grado e università (manuale e prototipi fotocopiabili dei materiali di QPA-B, QPA-C, QPA-D) » 293,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Klement Polácˇek QPA QUESTIONARIO SUI PROCESSI DI APPRENDIMENTO Un test in quattro forme per la diagnosi differenziata delle modalità di apprendimento
  • TESTSCOLASTICI 220055 Le MOT-R, strumento standardizzato per la valutazione della componente motivazionale presente nei disturbi di apprendimento, aiutano l’insegnante a riconoscere, al di là dell’effettivo apprendimento manifestato, le risonanze emo- tive che la vita scolastica ha sul bambino. Possono essere utilizzate come base per fornire all’alunno una chiarificazione del suo problema scolastico ed aiutarlo a ridurre il disagio emoti- vo e la difficoltà nella prestazione. Le PRCR-2/2009 valutano le difficoltà di let- tura e scrittura nei bambini della scuola dell’in- fanzia e dei primi due anni della scuola primaria, senza escludere l’utilizzo fino alla quinta classe per casi di particolare problematicità. Questa edizione, completamente rivista e rinnovata, presenta una prova criteriale inedita (Span di sil- labe) e l’aggiornamento delle fasce di prestazio- ne, cosa che permette una rapida e semplice classificazione delle competenze del bambino. È possibile, in questo modo, passare direttamente dal momento diagnostico a quello del tratta- mento specifico delle singole difficoltà rilevate. La batteria di prove-criterio esamina il livello di possesso dei prerequisiti dei processi parziali implicati nell’attività di decodifica della lettura e scrittura, permettendo all’insegnante di avere un quadro complessivo del livello raggiunto dall’a- lunno e di determinare le aree in cui è più debo- le. Le prove, riprodotte su schede interamente fotocopiabili, sono corredate di una guida all’uso che illustra in modo chiaro e dettagliato le istru- zioni per la somministrazione e lo scoring. STRUTTURA La batteria è costituita da 20 prove, oltre a una scheda di informazioni sul bambino, una scheda riassuntiva e un grafico dei punteggi. Le prove, raggruppate in 6 aree, sono finalizzate all’esame delle capacità di analisi visiva (AV), del lavoro seria- le da sinistra a destra (SD), della discriminazione udi- tiva e del ritmo (DUR), della memoria uditiva sequen- ziale e fusione uditiva (MUSFU), dell’integrazione visivo-uditiva (IVU) e della globalità visiva (GV). STRUTTURA Il test consiste di una serie di 14 tavole che il bambino deve scegliere in base ad una o più figure alternative, e di domande verbali per le quali è prevista la scelta multipla. Le prove ana- lizzano aspetti quali l’autovalutazione del bam- bino relativamente all’attività scolastica e alla lettura, le attribuzioni relative al successo-insuc- cesso, il controllo di se stesso, i suoi obiettivi di apprendimento, il suo rapporto con genitori ed insegnanti, la sua disponibilità ad impegnarsi nel cambiamento. DATA DI PUBBLICAZIONE 1994 DESTINATARI Dalla 2ª alla 5ª cl. primaria SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 14 tavole CAMPIONE 569 soggetti (1993) QUALIFICA RICHIESTA A1 DATA DI PUBBLICAZIONE 1985, 1992, 1999, 2009 DESTINATARI Scuola dell’infanzia e primaria SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 20 prove CAMPIONE 332 bambini della scuola dell’infanzia di varie regioni italiane; 943 bambini della scuola primaria di varie regioni italiane (1988-2009) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 94054-Q 1 Portfolio PRCR-2/2009 € 91,00* *IVA assolta dall’Editore MATERIALE 91454-M 10 Protocolli delle tavole € 44,00 91455-N 1 Manuale di istruzioni con guide per la correzione esaurito Cesare Cornoldi, Lucia Fattori Cornoldi, Elisabetta Ramanzini e Gruppo MT MOT-R PROVE PER L’ESAME DELLA MOTIVAZIONE ALL’APPRENDIMENTO E ALLA LETTURA Uno strumento per la valutazione della componente motivazionale dei disturbi di apprendimento Cesare Cornoldi, Lidio Miato, Adriana Molin e Silvana Poli PRCR-2/2009 PROVE DI PREREQUISITO PER LA DIAGNOSI DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA E SCRITTURA La versione aggiornata delle prove criteriali del Gruppo MT in edizione portfolio FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali manuale + guida all’uso + proto- tipi fotocopiabili delle schede
  • TESTSCOLASTICI 220066 Il TOR è un test che valuta la capacità di com- prendere testi narrativi in bambini dell’età com- presa tra i 3 e gli 8 anni. È adatto anche alla valutazione della capacità di comprendere testi nei bambini e ragazzi che presentano uno svi- luppo linguistico e/o cognitivo atipico. CARATTERISTICHE CHIAVE Unico strumento italiano per la valutazio- ne della comprensione del testo orale in età prescolare e scolare. Tre forme del test per tre fasce di età. Adatto sia alle popolazioni con sviluppo tipico che a quelle con sviluppo atipico. Valutazione non influenzata da abilità espressive. Ampio studio di validazione. Indicazioni di training. STRUTTURA Il TOR è costituito da tre forme, ognuna adat- ta, per lunghezza e difficoltà, a una fascia di età: Forma A (età 3-4;5 anni): “La volpe”, “La bambina 1” Forma B (età 4;6-5;11 anni): “La bambina 2”, “Il mostro1” Forma C (età 6-8 anni): “Il mostro 2”, “Il pasticcere”. Ciascuna Forma comprende due brani o sto- rie, per ognuno dei quali sono poste 10 doman- de di comprensione (5 di tipo testuale, 5 di tipo inferenziale) a risposta multipla, con 4 alternati- ve, su tavole figurate. Le alternative sono pre- sentate dall’operatore/insegnante; per rispon- dere il bambino indica semplicemente con il dito la risposta. Per evitare un’eccessiva influen- za della memoria, le domande non sono poste tutte alla fine del brano; la storia è suddivisa in tre brevi blocchi logici, a cui corrisponde una serie di domande. Infine, un’undicesima domanda (che comun- que non fornisce nessun punteggio ai fini della valutazione criteriale) invita il bambino a discu- tere un possibile titolo da assegnare alla storia. UTILIZZO Il TOR consente di valutare le capacità del bambino di comprendere testi e di individuare eventuali difficoltà in quest’area cognitivo-lin- guistica. Sulla base della prestazione del TOR è possibile anche pianificare training specifici per il miglioramento di tale capacità (il manuale contiene indicazioni su possibili training). La valutazione della comprensione non è influenzata da capacità espressive e pertanto il test può essere utilizzato anche con bambini che presentano difficoltà nella produzione lin- guistica. Inoltre, il test, qualora somministrato a bambini che frequentano la scuola primaria, consente di riconoscere eventuali difficoltà di comprensione a prescindere dalle abilità di decodifica della lingua scritta. Il TOR può trovare applicazione in ambiti educativi, clinici, e di ricerca. DATA DI PUBBLICAZIONE 2007 DESTINATARI Bambini dai 3 agli 8 anni SOMMINISTRAZIONE 20’ Individuale COMPOSIZIONE Due storie per ciascuna delle tre forme; 10 item per ogni storia CAMPIONE ITALIANO 1700 bambini 3-8 anni (maschi: 834, femmine: 866) QUALIFICA RICHIESTA A2 MATERIALE 93708-X 1 Kit TOR € 209,00* 93711-A 1 Manuale d’istruzioni » 41,00* *IVA assolta dall’Editore manuale + libretto storie e moduli di codifica foto- copiabili + tavole figurate FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Maria Chiara Levorato e Maja Roch TOR TEST DI COMPRENSIONE DEL TESTO ORALE – 3-8 ANNI Per la valutazione della comprensione del testo orale in età prescolare e scolare
  • TESTSCOLASTICI 220077 Strumento indispensabile per insegnanti e operatori che si occupano dell’apprendimento linguistico in bambini dagli 8 agli 11 anni, le PVCM forniscono nuove conoscenze nell’ambi- to dello sviluppo metalinguistico. In particola- re, rispondono a esigenze di carattere valutati- vo delle abilità di comprensione e consentono di determinare in modo accurato le capacità di decodificare un messaggio ambiguo. Lo stru- mento indaga infatti la competenza del bam- bino nel superare la decodifica letterale a favo- re di quella metaforica (distinguere ciò che è detto da ciò che si intende dire), che nella fascia di età esaminata appare in via di acquisi- zione e consolidamento. CARATTERISTICHE CHIAVE 4 prove per effettuare un’analisi completa della comprensione metalinguistica. Stimoli accattivanti. Agile e veloce somministrazione. Facile individuazione della prestazione. STRUTTURA Il test si compone di 4 prove organizzate in base al tipo di stimolo presentato, che può esse- re verbale (20 tavole) o di tipo misto, figurale e verbale (25 tavole): prova Fumetti (13 tavole) DATA DI PUBBLICAZIONE 2009 DESTINATARI Bambini da 8 a 11 anni SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale CAMPIONE 412 della scuola primaria e secondaria di I grado della Lombardia (2007-2009) NUMERO ITEM 45 QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 94081-T 1 Kit PVCM € 417,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Daniela Rustioni Metz Lancaster e Francesca Nisoli PVCM PROVE DI VALUTAZIONE DELLA COMPRENSIONE METALINGUISTICA Per accertare le abilità di decodifica metaforica nei bambini dagli 8 agli 11 anni libro stimoli + manuale + schede di registrazio- ne fotocopiabili prova Proverbi (10 tavole) prova Modi di dire (10 tavole) prova Pubblicità (12 tavole). Ciascuna prova rappresenta un modo e un significato comunicativo differente dal parlato nor- male: il linguaggio diretto e sintetico dei fumetti, quello metaforico di proverbi e modi di dire, quel- lo per paradossi della pubblicità. Il bambino, seguendo le istruzioni dell’operatore, deve decifra- re il significato vero del messaggio proposto attra- verso le necessarie operazioni di lettura e analisi. UTILIZZO Le PVCM permettono di ottenere il livello di comprensione metalinguistica del bambino, identificare il tipo di strategia utilizzata nella riso- luzione del compito, fornire dati normativi sull’e- voluzione processuale delle abilità, fare una valu- tazione diagnostica attendibile ed estrarre dai risultati le necessarie indicazioni operative.
  • TESTSCOLASTICI 220088 STRUTTURA Il test si compone di 78 tavole figurate di quattro disegni ciascuna, cui corrispondono 78 frasi. Ciò che si deve richiedere al soggetto in esame è di indicare, in seguito alla necessaria operazione di analisi e scelta, la figura che rap- presenta la “frase bersaglio” proposta verbal- mente dall’esaminatore. Le tavole sono raggruppate in 6 protocolli in rapporto alla fascia di età di riferimento, crono- logica e/o mentale, dei soggetti. Queste prove costituiscono uno strumento indispensabile per insegnanti ed operatori che si occupano dell’apprendimento linguistico in bambini dai 3 agli 8 anni: lo strumento fornisce nuove conoscenze nell’ambito dello sviluppo del linguaggio verbale, consentendo di deter- minare in modo accurato le capacità di com- prensione di strutture linguistiche semplici e complesse. Gli obiettivi sono quelli di ottenere un livello di comprensione verbale del soggetto in esame, di identificare il tipo di strategia utiliz- zata nella risoluzione del compito, di fornire dati normativi sull’evoluzione processuale del lin- guaggio, di ottenere una valutazione diagnosti- ca attendibile e di estrarre dai risultati le neces- sarie indicazioni operative. DATA DI PUBBLICAZIONE 1985, 1994, 2007 DESTINATARI Bambini dai 3,5 agli 8 anni SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale NUMERO DI ITEM 78 CAMPIONE 2622 soggetti (1993) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93853-G 1 Kit PVCL € 417,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali tavole + manuale + sche- de registrazione fotoco- piabili Daniela Rustioni Metz Lancaster e Associazione “La Nostra Famiglia” PVCL PROVE DI VALUTAZIONE DELLA COMPRENSIONE LINGUISTICA Per comprendere le strutture linguistiche nei bambini della scuola dell’infanzia e della primaria STRUTTURA Le 5-VM sono composte da 5 serie di prove iniziali e 5 finali per ogni classe, riguardanti cia- scuna un tipo di linguaggio: parafrasico, infe- renziale, logico, critico-valutativo ed estetico- poetico. Ciascuna prova costituisce uno stru- mento concettualmente distinto e provvisto di validità e di consistenza affidabili dal punto di vista statistico. Le prove diagnostiche di capacità 5-VM co - stituiscono uno strumento calibrato per pro - grammi di ricerca volti a stabilire un confronto tra strategie cognitive ed altre aree dello svilup- po linguistico; la sensibilità discriminativa ne permette anche l’utilizzo per interventi su alun- ni con difficoltà di apprendimento. DATA DI PUBBLICAZIONE 1996 DESTINATARI Dalla 3ª cl. primaria alla 5ª cl. sec. II grado SOMMINISTRAZIONE Tempo libero - Collettiva COMPOSIZIONE 10 prove CAMPIONE 571-1205 soggetti (1999) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 91733-W 1 Confezione 5-VM (3a cl. primaria-3a cl. sec. I grado) (manuale + materiale d’esame fotocopiabile) € 199,50* 92222-H 1 Confezione 5-VM/AV (1a-5a cl. sec. II grado) (manuale + materiale d’esame fotocopiabile) » 136,50* *IVA assolta dall’Editore Filippo Boschi, Luigi Aprile e Ida Scibetta 5-VM PROVE DI COMPRENSIONE DEI LINGUAGGI NELLA LETTURA
  • TESTSCOLASTICI 220099 di abilità medio-alti. Il materiale è presentato sotto forma di due portfoli che raccolgono i pro- totipi fotocopiabili delle prove. Ogni portfolio è contenuto in un elegante astuccio trasparente. Dall’analisi dei prerequisiti generali nell’ap- prendimento di lettura e scrittura (Progetto MT) è emersa l’importanza di un intervento diretto sull’alunno per correggerne i punti deboli con addestramenti specifici. Da qui questa batteria di prove per una valutazione approfondita della lettura, articolata in 12 fasce (intermedia e fina- le per la 1a classe della scuola primaria; d’in- gresso, intermedia e finale per 2a e 3a; d’ingres- so e finale per 4a e 5a) e 2 prove specifiche (com- prensione e correttezza-rapidità), per un totale di 29 prove, alle quali si aggiunge, dalla 2a alla 5a classe della scuola primaria, una coppia (8 prove) di brani di comprensione con maggiore capacità discriminativa dei punteggi per i livelli DATA DI PUBBLICAZIONE 1998, 2011 DESTINATARI Scuola primaria SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 32 prove CAMPIONE Comprensione: 320-858 soggetti Correttezza e rapidità: 292-864 soggetti (1981-1990-2010) Brani:600soggettica.(1997) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93420-N 1 Portfolio 1a e 2a cl. primaria (guida all’uso + prototipi fotocopiabili delle prove + manuale) € 248,00* 93421-P 1 Portfolio 3a, 4a e 5a cl. primaria (guida all’uso + prototipi fotocopiabili delle prove + manuale) » 355,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Cesare Cornoldi e Giovanni Colpo PROVE DI LETTURA MT-2 PER LA SCUOLA PRIMARIA Nel protocollo di valutazione della dislessia Il Progetto MT, relativo all’analisi dei prerequi- siti specifici nell’apprendimento di lettura e scrit- tura, articolato in una serie di programmi fra loro complementari (si veda anche le serie delle Prove MT), offre una gamma differenziata di strumenti per la diagnosi ed il trattamento delle difficoltà di lettura e scrittura. Esso, inoltre, offre all’insegnan- te uno strumento efficace per promuovere un corretto apprendimento della lettura e un costan- te miglioramento delle abilità lessicali. Si tratta di 6 serie di schede, ognuna riguar- dante una specifica abilità costruttiva della gene- rale abilità di lettura: AV (144 schede per l’anali- si visiva, volte a promuovere la maturazione del- l’alunno e il suo apprendimento dei grafemi); SD (64 schede per il lavoro seriale visivo da sinistra a destra); DUR (72 schede per l’abilità di discrimi- nazione uditiva e di ritmo); MUSFU (104 schede per il controllo processuale e di memoria, con particolare riferimento alla memoria uditiva sequenziale e alla fusione uditiva dei fonemi); IVU (128 schede per l’integrazione visivo-uditiva); GV (88 schede di globalità visiva per promuovere la capacità d’identificare le parole come unità). DATA DI PUBBLICAZIONE 1994 DESTINATARI Dai 5 ai 9 anni SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 600 schede QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93496-V 1 Kit DUR/MUSFU/IVU (guida all’uso + prototipi fotocopiabili delle schede + audiocassetta) € 329,00* 93497-W 1 Kit AV/SD/GV (guida all’uso + prototipi fotocopiabili delle schede) » 319,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Cesare Cornoldi e Gruppo MT LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA E SCRITTURA Il Progetto MT NNOOVVIITTÀÀ mmaannuuaallee 22001111
  • TESTSCOLASTICI 221100 Le Nuove Prove di Lettura MT sono test stan- dardizzati per ogni fascia di età scolare a parti- re dalla 1a fino alla 3a classe della scuola secon- daria di I grado, utilizzabili per valutare la cor- rettezza, la rapidità e la comprensione della let- tura. STRUTTURA Lo strumento è costituito da prove iniziali e prove finali per tutte le classi. Per ogni fascia di scolarità la prova individuale (leggere un brano in maniera scorrevole e cercando di fare il minor numero di errori) permette di raccogliere infor- mazioni sulla correttezza e la rapidità di lettura dell’alunno, mentre la prova collettiva (rispon- dere a domande che prevedono l’elencazione di possibili risposte relative a brani più o meno complessi) permette di valutare il grado di com - prensione della lettura. DATA DI PUBBLICAZIONE 1995 DESTINATARI Scuola secondaria di I grado SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale o collettiva COMPOSIZIONE Prove iniziale e finale per ogni fascia CAMPIONE ITALIANO 1ª cl. sec. I grado: 3704 soggetti 2ª cl. sec. I grado: 2870 soggetti 3ª cl. sec. I grado: 3541 soggetti (1994) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 93563-N 1 Portfolio MT scuola secondaria di I grado (guida all’uso + prototipi fotocopiabili delle prove + manuale) € 235,00* *IVA assolta dall’Editore FOTOCOPIABILE fotocopie consentite per alcuni materiali Cesare Cornoldi e Giovanni Colpo NUOVE PROVE DI LETTURA MT PER LA SCUOLA MEDIA INFERIORE L’evoluzione, per la scuola secondaria di I grado, delle prove MT 1a e la 2a classe. Ogni forma prevede: una Prova di comprensione del testo (due brani focalizzati rispettivamente sull’abilità di trarre inferenze semantiche e sull’abilità di cogliere il significato specifico di una frase); una Prova di correttezza e rapidità nella lettura (per valutare l’apprendimen- to della lettura e i meccanismi cognitivi sotto- stanti); una Prova di matematica (volta a un accer- tamento generale di abilità matematiche come, ad esempio, la soluzione di problemi di algebra e di calcolo) e una Prova di calcolo (che indaga l’ac- curatezza e la velocità nel calcolo mentale e la padronanza dei fatti aritmetici). Completa la bat- teria una serie di Prove di approfondimento, per un’analisi più sistematica su un caso in difficoltà. Le MT Avanzate – 2 rappresentano il primo e unico strumento standardizzato in Italia per valu- tare i livelli di apprendimento della lettura e della matematica nella scuola secondaria di II grado. I test, di facile e rapida somministrazione, offrono informazioni fondamentali sulle conoscenze e sulle abilità del soggetto, sull’attività didattica svolta e sul lavoro di recupero da programmare. STRUTTURA Le MT Avanzate – 2 sono costituite da due forme (analoghe, ma di diversa difficoltà) per la DATA DI PUBBLICAZIONE 2010 DESTINATARI Biennio sc. sec. II gr. SOMMINISTRAZIONE Tempo libero Individuale e collettiva COMPOSIZIONE 1a cl. sc. II gr.: 5 prove 2a cl. sc. II gr.: 5 prove CAMPIONE Correttezza e rapidità/ calcolo: 798 studenti biennio (2005-2008) Comprensione del testo/ matematica: 2110 studenti biennio (2005-2008) Approfondimento A: 519 studenti (1990) Approfondimento B: 573 studenti (1990) QUALIFICA RICHIESTA A1 MATERIALE 94084-W 1 Set insegnante € 72,00* 94100-N 1 Kit classe 1a Lettura » 210,00 94101-C 1 Kit classe 2a Lettura » 226,00 94102-Q 1 Kit classe 1a Matematica » 100,00 94103-R 1 Kit classe 2a Matematica » 100,00 Ogni kit classe è per 30 studenti *IVA assolta dall’Editore Cesare Cornoldi, Alvaro Pra Baldi e Gianna Friso con Antonella Giacomin, David Giofrè e Sara Zaccaria MT AVANZATE – 2 PROVE MT AVANZATE DI LETTURA E MATEMATICA 2 PER IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Lo strumento più completo per la valutazione dell’apprendimento nella scuola secondaria di II grado manuale + guide all’uso + campione delle prove