Castegnato primaria secondaria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Castegnato primaria secondaria

on

  • 180 views

 

Statistics

Views

Total Views
180
Views on SlideShare
180
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Castegnato primaria secondaria Castegnato primaria secondaria Presentation Transcript

    • CASTEGNATO 14 GENNAIO 2010 MARIAGRAZIA GOZIO AID BRESCIA brescia@dislessia.it DSADSA EE SCUOLASCUOLA
    • DI COSA PARLIAMO? • STRUMENTI SCOLASTICI PER L’INDIVIDUAZIONE DI DIFFICOLTÀ NEGLI ALUNNI • DSA E NORMATIVA • LA COSTRUZIONE DEL PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO
    • ALCUNI STRUMENTI PER L’INDIVIDUAZIONE DI DIFFICOLTÀ
    • • Rilevazione oggettiva delle difficoltà negli apprendimenti presenti negli alunni • Impostazione di un percorso di potenziamento delle abilità scolastiche • Compilazione di parte del modulo di richiesta valutazione per sospetto DSA (allegato al Protocollo d’intesa provinciale sui DSA) FUNZIONALITÀ PROVE
    • PROGETTI AID • “La scuola fa bene a tutti” rivolto a bambini dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia (abilità calcolo e linguistiche), prima e seconda classe scuola primaria (prove e attività lettura e scrittura) • “Progetto A.P.Ri.Co” rivolto a bambini primo anno scuola primaria (prove e attività lettura e scrittura)
    • CMF – VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE METAFONOLOGICHE (Marotta-Trasciani-Vicari CMF-Valutazione delle competenze metafonologiche” Erickson) Proponibile a bambini dai 5 agli 11 anni. Vengono utilizzate prove di discriminazione di suoni, di segmentazione, fusione, classificazione e manipolazione.
    • PRCR-2 – PROVE DI PREREQUISITO PER LA DIAGNOSI DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA E SCRITTURA Cornoldi – Miato – Molin – Poli O. S. Firenze •Per bambini di scuola dell’infanzia, primi due anni della scuola primaria e per casi di difficoltà di apprendimento fino alla classe quinta •Indagano “il livello di possesso dei prerequisiti specifici e di esecuzione dei processi parziali implicati nell’attività di decodifica di lettura e scrittura”. •Si raggruppano in 6 aree: analisi visiva (AV), lavoro seriale da sinistra a destra (SD), discriminazione uditiva e ritmo (DUR), memoria uditiva sequenziale e fusione uditiva (MUSFU), integrazione visivo-uditiva (IVU), globalità visiva (GV).
    • • La batteria consente una valutazione a) della comprensione b) delle abilità strumentali di lettura • Brani differenziati per fasce d’età • Per aspetto strumentale: punteggio di correttezza e punteggio di rapidità (tempo di lettura di una sillaba) PROVE DI LETTURA MT Cornoldi – Colpo, O. S. Firenze
    • • Per calcolare il punteggio nella rapidità, viene effettuato il seguente calcolo (da confrontare poi con le tabelle normative riportate nel manuale allegato): tempo in secondi/sillabe lette • Consigliabile anche il calcolo contrario: sillabe/tempo in secondi (da confrontare con i parametri di Tressoldi, calcolati su un tempo di lettura di 2 min., reperibili anche sul sito www.airipa.it) PROVE DI LETTURA MT
    • prova iniziale classe seconda novembre 0,36 sill/sec Parametri MT velocità: 275 Richiesta intervento immediato Risultato CEO 56 errori (21 fonologici, 20 fonetici, 8 ortografici) Prestazione considerata insufficiente
    • CLASSI PRIMARIA Brano Media s/s (Tressoldi, 2004) criticità indicative s/s Criticità indicative errori a partire da 2^ Alì 2.24 1.1 / 1.3 6 Uomo 2.41 1.3 / 1.5 5 Topi 2.60 1.4 / 1.6 6 3^ Tra il dire 3.39 1.7 / 2 5 L’idea 2.98 1.4 / 1.7 7 La botte 3.35 1.6 / 1.9 7 4^ L’indovina 3.65 1.9/2.2 6 Un occhio 3.87 1.9 / 2.3 5 5^ Proverbi 3.94 1.9 / 2.3 7 Case 3.60 1.7 / 2.1 8
    • CLASSI SECONDARI A BRANO MEDIA S/S ( Tressoldi, 2004) INDICI CRITICI Sillabe al secondo Valori critici errori a partire da 1^ Sogni 4 1.9 / 2.4 8 Campi 4.05 1.9 / 2.3 7 2^ Immigrati 4.75 2.4/ 2.9 7 Anello 4.65 2.3 / 2.8 8 3^ Città 5.08 3.1 /3.5 5 Disastro 4.90 3 / 3.4 6
    • 13
    • VELOCITA’ DI LETTURA NELLA TERZA CLASSE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO • NORMA 5 – 6 SILLABE AL SEC. • D. MEDIO LIEVE 3 SILLABE AL SEC. • D. SEVERA 1 – 1.5 SILLABE AL SEC. • D. MOLTO SEVERA 0.9 SILLABE AL SEC.   PER LA COMPRENSIONE E LO STUDIO SONO NECESSARIE ALMENO 3 SILLABE AL SEC.
    • BATTERIA PER LA VALUTAZIONE DELLA SCRITTURA E DELLA COMPETENZA ORTOGRAFICA nella scuola dell’obbligo (Tressoldi – Cornoldi) PERMETTE: • di analizzare gli errori ortografici possibili • di comprendere quali sono le abilità necessarie per superare gli errori • di predisporre interventi adeguati Utilizza prove di dettato, di scrittura spontanea e di velocità di scrittura
    • TEST CEO (Bozzo – Presenti – Siri – Usai – Zanobini, Erickson, 2000) • prova collettiva per alunni della scuola primaria • utilizza dettati di brani • propone una valutazione degli errori che prevede 16 categorie
    • Dicembre seconda el. Totale errori 2 dettati: 127 (78 fonologici, 21 fonetici, 28 ortografici) Prestazione considerata deficitaria MT velocità e correttezza: 0,52 sill/sec 17 errori (om suoni e sillabe, scambi vocali e consonanti, fusione parole, pausa oltre 5 sec.) Lette 127 sillabe
    • DDO Diagnosi dei disturbi ortografici in età evolutiva (AA.VV., Erickson, 2008) • Valuta le capacità di scrittura lessicale e sublessicale • Scuola primaria e secondaria I grado • Dettato di 160 stimoli (parole regolari corrispondenza 1fon-1graf; parole regolari con suoni a conversione sillabica; parole a trascrizione ambigua; non parole corrispondenza 1fon-1graf) • Somministrazione individuale
    • TEST AC-MT 6-11 Cornoldi – Lucangeli - Bellina • per scuola primaria • indaga: operazioni scritte, giudizio di numerosità, trasformazione in cifre, ordinamento crescente/decrescente di numerosità, calcolo a mente • formato da due parti: una a somministrazione collettiva ed una individuale
    • TEST AC-MT 11-14 Cornoldi - Cazzola, Erickson • Per scuola secondaria di primo grado • Indaga: accuratezza calcolo, comprensione e produzione numeri, ragionamento logico- aritmetico, automatizzazione di fatti e procedure numerici, accuratezza e velocità del calcolo mentale e scritto, problem solving
    • DSADSA EE NORMATIVANORMATIVA
    • NORMATIVA SPECIFICA PER I DSANORMATIVA SPECIFICA PER I DSA • NOTA MIUR PROT. 4099/A4 DEL 5/10/04 (Iniziative relative alla dislessia) • NOTA USRL PROT.13987 DEL 3/11/04 (Dislessia e DSA: strumenti compensativi e misure dispensative) • NOTA MIUR PROT. 26/A4 DEL 5/01/05 (Iniziative relative alla dislessia) • NOTA MIUR PROT. 4798 DEL 27/07/05 • NOTA MPI 4674 DEL 10.05.2007 “Disturbi di apprendimento – • PROTOCOLLO DI INTESA per l’individuazione precoce e l’inte
    • • OM N. 30 DEL 10/03/08 (Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore nelle scuole statali e non statali. Anno scolastico 2007/2008) • CM N. 32 DEL 14/03/08 (Scrutini ed esami di Stato a conclusione del primo ciclo d’istruzione - Anno scolastico 2007-2008) • NOTA MIUR n. 5744 del 28/05/09 (Esami di Stato per gli studenti affetti da disturbi specifici di apprendimento) • DPR N. 122 DEL 22/06/09 (Regolamento recante il coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni) art 10: - Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) -
    • Ricordiamo però che gli strumenti (informatici e non): • non risolvono tutti i problemi • vanno integrati con proposte didattiche coerenti con gli obiettivi formativi • non vanno utilizzati occasionalmente
    • LA COSTRUZIONE DEL PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO
    • Condivisione docenti/student e/famiglia Condivisione docenti Continuità interventi Assunzione di responsabilità Sviluppa riflessione Migliora il processo comunicativo
    • TRACCIA MODELLO • Dati alunno • DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo, …) • CARATTERISTICHE DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO: aspetti deficitari (es:lentezza, caduta nei processi di automatizzazione, difficoltà a memorizzare sequenze, difficoltà nei compiti di integrazione) e aspetti integri sui quali far leva. PERCORSO DIDATTICOPERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CONPERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSADSA
    • • CONSAPEVOLEZZA DA PARTE DELL’ALUNNO DEL PROPRIO MODO DI APPRENDERE • INDIVIDUAZIONE DI EVENTUALI MODIFICHE ALL’INTERNO DEGLI OBIETTIVI DISCIPLINARI • STRATEGIE METODOLOGICHE E DIDATTICHE (nell’individuare le strategie metodologiche e didattiche il consiglio di classe e/o il team terrà conto di: tempi di elaborazione, tempi di produzione, quantità dei compiti assegnati, comprensione consegne – scritte e orali -, uso e scelta di mediatori didattici che facilitano l’apprendimento)
    • • MISURE DISPENSATIVE (nell’ambito delle discipline l’alunno viene dispensato da …) • STRUMENTI COMPENSATIVI (l’alunno usufruirà dei seguenti strumenti compensativi nelle aree disciplinari/attività …) • CRITERI E MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE (Si concordano: l’organizzazione di interrogazioni programmate, la compensazione con prove orali di compiti scritti non ritenuti adeguati, l’uso di mediatori didattici durante le interrogazioni, valutazioni più attente ai contenuti che non alla forma, …) • PATTO CON LA FAMIGLIA
    • La vita è come un biscotto, ma se piove si scioglie. Noi non vogliamo che la dislessia ci sciolga. (un gruppo di ragazzi dislessici)
    • “Una didattica che prenda avvio non solo dalla diversità di modi, tempi e interessi di ciascuno, e dunque impegnata a rispettare l’esistenza di ogni individuo (Essere), ma una didattica interessata anche a promuovere in ognuno una crescita cognitiva, esperienziale, scientifica, tecnica, linguistica e umana personale (Avere). Essere e Avere, all’interno di questo paradigma didattico, si configurano dunque come possibilità educativo- esistenziali per fare emergere e promuovere molteplici capacità intellettive.” (P. Di Fidio, 2005)
    • GRAZIE PER L’ATTENZIONE E BUON LAVORO!
    • SCRITTURA SUBLESSICALE Procedura che: • scompone la parola in unità più piccole • associa i fonemi ai corrispondenti grafemi mediante l’applicazione delle regole di conversione della propria lingua Utilizza le regole di conversione fonema-grafema
    • SCRITTURA LESSICALE Procedura che: • utilizza informazioni sulla forma ortografica di parole apprese in precedenza • permette l’elaborazione della parola come un tutto senza ricodifica fonologica. Ricorre all’accesso a informazioni che riguardano le parole immagazzinate in memoria
    • CM N. 4674 del 10/05/2007 • In sede di esame di Stato non è possibile dispensare dalle prove scritte di lingua straniera; … compensare le oggettive difficoltà dello studente mediante assegnazione di tempi adeguati … e procedere in valutazioni più attente ai contenuti che alla forma. • Le prove scritte di lingua non italiana, ivi comprese anche quelle di latino e di greco, determinano obiettive difficoltà nei soggetti con DSA e vanno attentamente considerate e valutate per la loro particolare fattispecie con riferimento alle condizioni dei soggetti coinvolti. • In tutti i casi in cui le prove scritte interessino lingue diverse da quella materna e non si possono dispensare gli studenti dalla loro effettuazione, gli insegnanti vorranno riservare maggiore considerazione per le corrispondenti prove orali come misura compensativa dovuta.
    • Protocollo di intesa per l’individuazione precoce e l’intervento sui disturbi specifici di apprendimento – Brescia – ottobre 2007 • “I DSA … richiedono interventi didattici e valutazioni specialistiche, al fine di consentire una formazione adeguata dell’alunno e lo sviluppo delle sue potenzialità” • Fine della scuola è l’apprendimento per tutti. • Vengono definiti i compiti della Scuola, dell’Azienda Ospedaliera/ASL. • Sono allegati moduli da utilizzare per richiedere una valutazione ai servizi sanitari, acquisire il consenso della famiglia e redigere la diagnosi.
    • Dal Protocollo: compiti della Scuola • Stesura di una programmazione specifica • Valutazione degli apprendimenti che tenga conto della difficoltà specifica di apprendimento • Documentazione scolastica che testimoni il percorso individualizzato dello studente • Attenzione specifica alla valutazione e alle modalità di svolgimento degli esami … È importante valutare globalmente le competenze e le prestazioni dell’alunno e non enfatizzare gli elementi di criticità.
    • Dal Protocollo: compiti della Scuola Scuola primaria Nelle prime fasi dell’apprendimento è determinante: • prevedere interventi specifici di abilitazione e di potenziamento, • stimolare strategie immediate di compenso. Dall’ultimo biennio è invece più opportuno: • incrementare le strategie di compenso, • introdurre gli strumenti compensativi, • attuare eventuali misure dispensative necessarie.
    • Dal Protocollo: compiti della Scuola Scuola secondaria di primo grado • Evitare esercizi ripetitivi per il recupero degli errori. • Favorire l’uso autonomo delle strategie di compenso. • Permettere l’uso di strumenti compensativi. • Attuare eventuali misure dispensative necessarie.
    • DPR N. 122 DEL 22/06/09 (Regolamento recante il coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni) art 10: - Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) - ART. 10 – Valutazione di alunni con difficoltà specifica siART. 10 – Valutazione di alunni con difficoltà specifica si apprendimento (DSA) –apprendimento (DSA) – • Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA) adeguatamente certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, DEVONO tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dell’attività didattica e delle prove di esame, sono adottati, nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, gli strumenti metodologico-didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei.
    • • Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove. ART. 1 comma 3 – Oggetto del regolamento –ART. 1 comma 3 – Oggetto del regolamento – finalità e caratteri della valutazionefinalità e caratteri della valutazione • La valutazione ha per oggetto il processo di apprendimento
    • MIURAOODGOS prot. n. 5744 del 28/05/2009 Anno scolastico 2008/2009 – Esami di Stato per gli studenti affetti da disturbi specifici di apprendimento – DSA. • “In sede di scrutinio finale, appare doveroso che i Consigli di classe valutino con particolare attenzione le situazioni concernenti gli allievi con DSA, verificando che in corso d’anno siano state applicate le indicazioni inserite nelle note emanate da questo Ministero (nota 5.10.2004 prot. 4099/A/4 – nota 5.01.05 prot. 26/A - nota 1.03.2005 prot. 1787 – CM 10.05.2007, prot. 4674) e siano stati predisposti percorsi personalizzati con le indicazioni di compenso e dispensa, e considerando in ogni caso se le carenze presenti in questi allievi siano o meno da imputarsi al disturbo di apprendimento.”
    • UFFICIO SCOLASTICO PER L’EMILIA ROMAGNA ALLEGATO NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07 “Disturbi specifici di apprendimento (dislessia, disgrafia, discalculia) in allievi non certificati in base alla Legge 104/92. Suggerimenti operativi” SUGGERIMENTI DI POSSIBILI STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI
    • Difficoltà Lentezza ed errori nella lettura cui può conseguire difficoltà nella comprensione del testo Interventi di compenso/dispensa •Evitare un uso del corsivo precoce e rigido •Limitare od evitare la lettura ad alta voce •Incentivare a casa e in classe l’utilizzo di computer con sintesi vocale, di cassette con testi registrati, di dizionari digitalizzati •Sintetizzare i concetti con l’uso di mappe concettuali, eventualmente anche favorendo l’uso di software specifici dotati di sintesi vocale in grado di leggere anche le lingue straniere ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • •Leggere le consegne degli esercizi e/o fornire durante le verifiche prove su supporto digitalizzato •Nelle verifiche ridurre il numero o semplificare gli esercizi, senza modificare gli obiettivi •Privilegiare le verifiche orali consentendo l’uso di mappe durante l’interrogazione •Favorire l’utilizzo di altri linguaggi e tecniche (ad esempio il linguaggio iconico) come veicoli che possono sostenere la comprensione dei testi ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà nei processi di automatizzazione della letto- scrittura che rende difficile o impossibile eseguire contemporaneamente due procedimenti (ascoltare e scrivere, ascoltare e seguire un testo) Interventi di compenso/dispensa •Limitare ed ove necessario evitare di far prendere appunti, ricopiare testi o espressioni matematiche, ecc •In caso di necessità di integrazione dei libri di testo, fornire appunti su supporto digitalizzato o cartaceo stampato (preferibilmente arial 12-14), consentire l’uso del registratore ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • •Limitare ed ove necessario evitare la scrittura sotto dettatura •Modificare opportunamente le “prove di ascolto” delle lingue straniere ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà nel ricordare le categorizzazioni, i nomi dei tempi verbali, delle strutture grammaticali italiane e straniere, dei complementi Interventi di compenso/dispensa •Favorire l’uso di schemi •Privilegiare l’utilizzo corretto delle forme grammaticali sulle acquisizioni teoriche delle stesse •Utilizzare per le verifiche domande a risposta multipla ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà Discalculia, difficoltà nel memorizzare tabelline, formule, sequenze e procedure, forme grammaticali e nel recuperare rapidamente nella memoria nozioni già acquisite e comprese cui consegue diffcioltà e lentezza nell’esposizione durante le interrogazioni Interventi di compenso/dispensa •Incentivare l’utilizzo di mappe e schemi durante l’interrogazione, anche eventualmente su supporto digitalizzato, come previsto anche nel colloquio per l’esame di Stato, per facilitare il recupero delle informazioni e migliorare l’espressione verbale che tende ad essere scarna ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Interventi di compenso/dispensa •Limitare ed ove necessario evitare lo studio mnemonico, tenere presente che vi è una notevole difficoltà nel ricordare nomi, termini tecnici e definizioni •Consentire nella misura necessaria l’uso di calcolatrice, tavole, tabelle e formulari delle varie discipline scientifiche durante le verifiche, mappe nelle interrogazioni. •Utilizzare prove a risposta multipla ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà nell’espressione della lingua scritta. Disortografia e disgrafia. Interventi di compenso/dispensa •Favorire l’uso di schemi testuali •Favorire l’utilizzo di programmi di video-scrittura con correttore ortografico per l’italiano e le lingue straniere •Favorire l’utilizzo di altri linguaggi e tecniche (ad esempio il linguaggio iconico) come veicoli che possono sostenere la comprensione dei testi ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà Facile stancabilità e lunghezza dei tempi di recupero Interventi di compenso/dispensa •Fissare interrogazioni e compiti programmati evitando di spostare le date •Evitare la sovrapposizione di compiti e interrogazioni delle varie materie evitando possibilmente di richiedere prestazioni nelle ultime ore •Elasticità nella richiesta di esecuzione dei compiti a casa per i quali è necessario istituire un produttivo rapporto scuola- tutor-famiglia ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • •Controllo nella gestione del diario •Motivare l’autostima valorizzando i successi sugli insuccessi •Favorire situazioni di apprendimento cooperativo anche con diversi ruoli ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07
    • Difficoltà nella lingua straniera Interventi di compenso/dispensa •Privilegiare la forma orale, utilizzare prove a scelta multipla ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 13925 DEL 4.9.07