Facciamo sul SEO
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Facciamo sul SEO

on

  • 1,674 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,674
Views on SlideShare
1,534
Embed Views
140

Actions

Likes
1
Downloads
42
Comments
0

3 Embeds 140

http://www.studiopleiadi.it 72
http://www.siti-economici.com 67
http://tenovaginitis.rssing.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Facciamo sul SEO Facciamo sul SEO Presentation Transcript

    • Adesso facciamo sul SEO! Cos’è, a cosa serve, come si fa Search Engine Optimization Studio Pleiadi webmeeting - 17 giugno 2010 © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Lo scenario © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Un po’ di vocabolario KEYWORDS Le Keywords sono le parole che gli utenti utilizzano sui motori di ricerca per ottenere informazioni sull'argomento al quale sono interessati. SEO Con il termine SEO (Search Engine Optimization) si intendono tutte quelle attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca. SERP Ogni qualvolta un utente effettua una ricerca con un motore, ottiene come risposta una pagina con un elenco ordinato di risultati, Search Engine Results Page. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Un po’ di vocabolario SEM Il Search Engine Marketing identifica tutte quelle attività di promozione che vengono effettuate tramite motori di ricerca con l’obiettivo di generare traffico verso il proprio sito. INDICIZZAZIONE E POSIZIONAMENTO Il posizionamento riguarda in insieme di strategie utilizzate per migliorare la posizione di un sito web nei motori di ricerca. L'indicizzazione riguarda invece la segnalazione di un sito ai motori di ricerca per essere inserito nei rispettivi database. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Un po’ di vocabolario PAGE RANK È il voto che Google attribuisce a un sito, determinandone la popolarità e, quindi, il posizionamento nelle pagine dei risultati. In realtà, il Page Rank è solo uno dei fattori che determinano il posizionamento del sito su Google. Questo parametro determina la “link popularity” ed è collegato alla quantità di link in entrata in una certa pagina web, ma secondo le più recenti direttive di Google, avere un PR alto, cioè avere un gran numero di link in entrata, è condizione necessaria ma non sufficiente, per avere un posizionamento elevato. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Un po’ di vocabolario TRUST RANK È un algoritmo creato per migliorare la qualità dei risultati della ricerca e per combattere il fenomeno dello spam da parte di siti e motori utilizzati per alzare in maniera artificiosa la link popularity e, quindi, il Page Rank di un sito. Per determinare il Trust Rank, Google ha dovuto costruire, utilizzando schiere di valutatori del web, una lista di siti “trust” ovvero di siti di fiducia, con contenuti seri ed attendibili i cui link verso l’esterno sono frutto di una scelta operata sulla base di criteri qualitativi o di pertinenza di contenuto: siti governativi, universitari, dei grandi operatori dell’informazione online, di directory acclamate come Dmoz o altre. (Fonte: Wikipedia) © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • I motori di ricerca in Italia Per il 93% degli italiani che accedono ad Internet, i motori di ricerca sono lo strumento più efficace per trovare informazioni su quanto di interesse: prodotti/servizi, persone, località, informazioni generali. Per il 67%, i motori sono lo strumento principe per reperire informazioni essenziali in vista dell’acquisto di un prodotto o di un servizio. Lo 89% degli italiani sul Web utilizza quotidianamente uno o più motori di ricerca. • Il 71% li usa più volte quotidianamente. • Il 18% ne usufruisce almeno una volta al giorno. • Nessuno degli intervistati ha detto di non utilizzare i motori. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • I motori di ricerca in Italia Spesso usiamo un motore di ricerca anche se conosciamo già il nome dell’azienda o del servizio che cerchiamo: è molto più semplice scrivere il nome che ricordarsi www + nome + estensione ( .it, .com, …?). Cresce ancora la percentuale di italiani che hanno in Google il motore di ricerca preferito: ora sono il 91%. Il 68% di quanti lo preferiscono dice che è quello che offre i risultati di ricerca migliori. Se non trovano subito le informazioni che cercano, gli italiani arrivano a consultare un massimo di tre pagine di risultati prima di cambiare ricerca o motore. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • I motori di ricerca in Italia I motori di ricerca sono usati spesso per approfondire quanto • Letto in un giornale o rivista (61%). • Visto in TV (52%). • Sentito dire, sentito consigliare (48%). • Sentito alla radio (36%). • Visto per strada (32%). • Ricevuto sul cellulare, come SMS o MMS (10%). © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • I motori di ricerca e gli acquisti L’87% degli italiani online ricorre ai motori di ricerca per trovare informazioni su prodotti/servizi che sta valutando di acquistare, indipendentemente dal valore e da dove avverrà la transazione. Le informazioni trovate attraverso i motori si rivelano poi realmente decisive: l’88% di questi è stato influenzato una o più volte in maniera decisiva su cosa acquistare proprio dalle informazioni trovate attraverso i motori. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • I motori di ricerca e gli acquisti Tra i contenuti trovati nei motori, quelli che influenzano maggiormente le decisioni e gli acquisti sono le schede di prodotto nei siti dei produttori; tuttavia, analizzando i dati su singoli settori verticali, emerge come in alcuni casi i contenuti generati dagli utenti siano ritenuti più influenti delle informazioni che si trovano sui siti dei produttori. È il caso, ad esempio, del settore automobilistico. (Fonte: SEMS Survey 2009, www.sems.it e www.otoresearch.it) © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Cosa cliccano gli utenti Fonte: Investigating customer click through behaviour with integrated sponsored and nonsponsored results 2009 Bernard J. Jansen, College of Information Science and Technology, Pennsylvania, USA Amanda Spink, Faculty of Information Technology, Brisbane, Australia © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Keywords Le statistiche dicono che sui motori di ricerca vengono utilizzate: . Keywords di una parola: 52,8% . Keywords di due parole: 17,2% . Keywords di tre o più parole: 30,0% . Utenti che eseguono una ricerca singola: 88,4% . Utenti che eseguono due o più ricerche sullo stesso argomento: 11,6% . Utenti che non trovano alcun risultato utile alla ricerca: 25-30% Keywords © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Click Distribuzione dei click nella pagina dei risultati generali Link sponsorizzati 15-20% Risultati naturali 80-85% © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Click Distribuzione dei click nella pagina dei risultati naturali 42,13% Pag. 2 10,18% 11,90% 8,50% 6,06% 4,92% 4,05% 3,41% 3,01% 2,85% 2,99% © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Buone pratiche © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Alè, tutti ai primi posti su Google & Co! Regole astruse, algoritmi, strategie avanzate eccetera? No! In realtà, come vedremo, la prima regola fondamentale per ottimizzare il nostro sito nei motori di ricerca è di ottimizzare il nostro sito per gli utenti. Gli algoritmi principali che i motori utilizzano per capire se il nostro sito su un determinato argomento (keyword) è rilevante e quindi lo posiziona ai primi posti nelle ricerche sono regole di buon senso che utilizziamo nella nostre attività lavorative quotidianamente. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Come pensa Google? Google & Co ci considerano “rilevanti” per quell’argomento (ovvero per quelle keyword) seguendo due linee guida principali: 1. La nostra attività i nostri prodotti, i nostri servizi sono pertinenti con la ricerca dell’utente. 2. Siamo considerati, nel nostro settore specifico, un punto di riferimento, siamo segnalati da altri siti, siamo consigliati da altri utenti. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Essere semplici, chiari e diretti Per soddisfare la condizione di cui al punto 1, quello che dovremo fare è organizzare, descrivere con semplicità e chiarezza nel nostro sito chi siamo, cosa facciamo, cosa vendiamo, … aiutando l’utente (e i motori di ricerca) nella navigazione e nella scelta delle cose che offriamo attraverso tutta una serie di moduli. Sono linee guida che utilizziamo normalmente quando ci confrontiamo con i nostri clienti, quando dobbiamo realizzare una brochure o un catalogo cartaceo. Stranamente, però, quando dobbiamo realizzare il nostro sito internet diventiamo tutti registi, creativi, grafici, … perché dobbiamo “emozionare” i nostri prospect, e invece, spesso, li allontaniamo creando dei “mostri” inusabili e assurdi per i nostri utenti e ovviamente per i motori di ricerca. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Voglio usare Flasssh! Adobe Flash è un splendida tecnologia, ma usiamola in modo mirato per costruire tools interattivi o animazioni che aiutino veramente l’utente nella navigazione del sito. Evitiamo di farci prendere la mano e creare una sorta di sito-trailer con tutti gli elementi (voci di menù, immagini, testi) che vagano impazziti per lo schermo: non aiutiamo l’utente e neppure i motori di ricerca. Tra l’altro, i testi nei filmati Flash possono essere indicizzati dai motori, ma l’output è spesso disastroso. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Voglio usare Flasssh! Sempre proposito di Flash, questo è l’adattamento di una vignetta di Oatmeal, un noto portale umoristico americano. Ciao, benvenuti nel mio negozio! Prima di farvi entrare, bloccherò l'ingresso per intrattenervi ballando Animazione e cantando canzoni a proposito delle offerte di oggi! roboante! Parole a caso come qualità, innovazione, rispetto per l’ambiente… INTRO IN FLASH QUESTO TIZIO © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Organizzare i contenuti Così come archiviamo i documenti della nostra Azienda, creando cartelle e sottocartelle nel nostro PC, organizzandoli con nomi chiari e univoci in modo da poterli ritrovare quando ne abbiamo bisogno, così dobbiamo organizzare i contenuti (le pagine) del nostro sito. Le url (l’indirizzo del nostro sito e le relative pagine) dovrebbero essere quanto più possibile brevi e dotate di una struttura semantica del tipo: www.nomesito.it/categoriaprodotto/prodottoXYZ Invece di un indirizzo del genere, poco chiari agli utenti e ai motori di ricerca: www.nomesito.it/prodotto.asp?prod=12244&id=fewifwf&cat=4rq34 © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Organizzare i contenuti OK! EEEH?? © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Nomi chiari e descrizioni pertinenti Così come un documento dentro le nostre cartelle avrà un nome univoco (nome del file) che identifica il contenuto del documento stesso, così a tutte le nostre pagine del sito dovremo dare un nome univoco che ne identifica il contenuto (tecnicamente si chiama tag Title). Se apro il documento, probabilmente avrà un titolo pertinente al nome del file, un abstract che mi permette di capire subito l’argomento, e una descrizione (testo e immagini) che ne approfondisce i vari aspetti. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Nomi chiari e descrizioni pertinenti Lo stesso principio dobbiamo applicarlo a tutte le pagine del nostro sito: . un titolo (tecnicamente tag H1) . un abstract (tecnicamente tag Description) . una descrizione che sia pertinente e contenga la stessa keyword presente sia nel tag Title sia nel Tag H1. Così come nel mio documento non inserirò contenuti di altro genere o riferiti ad altro, stessa cosa dovrò fare nella mie pagine web (tecnicamente il codice delle pagine dovrà essere il più pulito possibile: CSS, JS, … devono essere posti su file esterni). © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Creiamo relazioni Perché un cliente sceglie il nostro prodotto o servizio? Probabilmente ha visto qualche nostra referenza o realizzazione o ha avuto modo di provare già i nostri prodotti, ci conosce come azienda seria e di qualità o ancora è stato consigliato da qualcun altro che è rimasto soddisfatto da noi. In qualche modo, la scelta dipende da quante relazioni positive abbiamo creato nel tempo con i nostri clienti o prospect. Google & Co fanno la stessa cosa: spulciano nella rete alla ricerca di relazioni di qualità (link che altri siti fanno al nostro) che la nostra azienda ha con altri siti. Maggiore è il numero e la qualità dei link che riceviamo, più in alto ci posizioneremo nella SERP di Google, arrivando ai primi posti per l’argomento o il prodotto (keyword) che gli utenti stanno cercando. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Iniziamo con le cose più semplici Partiamo dall’inserimento dei link nelle directory principali. Esistono numerosi siti chiamati directory che all'interno presentano link per ogni categoria. La più famosa è quella di Yahoo Directory, e un'altra molto nota è DMOZ (molto importante per Google) dove però i tempi di attesa sono molto lunghi. Poi ne esistono numerose altre, che possiamo cercare direttamente in rete. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Article marketing e comunicati stampa A differenza dell'inserimento dei link in directory, l'article marketing è diretto ai siti aggregatori di notizie. Quando postiamo un nuovo articolo sul nostro blog o una nuova notizia sul nostro sito possiamo, previa registrazione su questi siti, inserire una breve descrizione del nuovo articolo e o della nuova notizia che abbiamo pubblicato. La funzione principale dell'Article Marketing non è quella della ricezione di un link in ingresso, infatti alcuni presentano l'attributo no follow (i link non funzionano), ma di creare traffico e visibilità e per far vedere che il vostro sito o blog è aggiornato. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Link di qualità Un link può essere definito di qualità se: . proviene da un sito “a tema” . proviene da un sito considerato “autorevole” . è contestualizzato al testo in cui si trova posizionato e l’argomento è inerente ai temi trattati nel nostro sito. Per capirci: un link posizionato all’interno di una discussione è più utile che un link in fondo ad una pagina vicino ad altri “n” link, magari che portano a siti completamente scollegati. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Individuare siti in tema con il nostro Il primo passo è proprio quello di individuare siti in tema con gli argomenti trattati nel nostro sito, e possibilmente siti considerati “autorevoli” nel settore: ciò comporterà che tali siti abbiano dei buoni link in ingresso, e un alto Page Rank. Ad esempio possono essere portali di settore, portali di news o testate dedicate, possiamo entrare in relazioni con essi creando articoli o inviando documentazione utile del settore. In cambio potremo creare il link al nostro sito o, molto meglio, alla pagina dedicata all’argomento che abbiamo trattato. Acquistare un po’ di spazi pubblicitari in questi siti aiuta a cementare le relazioni… © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Partecipare a Forum e Blog La partecipazione attiva a forum, blog di settore aumenta il nostro trust in rete. Ovviamente non iscriviamoci ai forum inserendo un post commerciale con il link al nostro sito, o facendo finta di partecipare a delle discussioni per poi inserire a sorpresa il vostro link. Piuttosto dobbiamo essere seri e dare in nostro contributo alle varie discussioni: il passa parola e i link tanto desiderati arriveranno in maniera naturale. Se proprio vogliamo inserire subito un link, mettiamolo alla fine, nella firma del nostro profilo… © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Social network Condividiamo sui social network che usiamo (se riteniamo che siano interessanti per quella community), le nostre news e le informazioni in maniera onesta e chiara, evitando lo spam come l'invio su Facebook di 10 mail al giorno. Alcuni Social come Twitter hanno il no-follow (i link non funzionano) altri no. Anche qui, l'obiettivo principale è la partecipazione e il passa parola naturale. © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Coming up next Nel prossimo webmeeting, costruiremo insieme un progetto concreto di SEO. . Definizione degli obbiettivi . La scelta delle parole chiave . Come strutturare il sito . SEO vs SEM . I tools di analisi e statistica © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Grazie per l’attenzione. Aspettiamo le vostre opinioni! www.studiopleiadi.it Enrico Franchini © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.
    • Studio Pleiadi www.studiopleiadi.com www.yixingdesign.com Italy Via Cairoli, 35 - 47521 Cesena (FC) tel. +39 0547 613886 fax +39 0547 612899 China Continuity, Unit 402+403 The 2nd mansion 425 Yanping Rd, 200042 Shanghai tel. +86 21 52 288 151 fax +86 21 52 288 161 © Copyright Studio Pleiadi® 2010. All rights reserved.