0
15 Giugno 2010Lo scenario competitivo delle carte dipagamento e l’evoluzione del mercatoArea Pianificazione Strategica, Re...
Indice  Executive Summary                                                          3  Il mercato delle carte in Italia n...
Executive Summary   In Italia l’utilizzo di strumenti di pagamento alternativi al contante rimane piuttosto    limitato r...
Il mercato delle carte in Italia nell’ambito di        un confronto internazionale                                        ...
In Italia il numero di carte di credito ha superato quello delle   carte di debito…   Numero carte in circolazione, Miglia...
…tuttavia il numero delle carte e il transato pro-capite sono inferiorialla media europea         Numero carte pro-capite1...
… soprattutto per le carte collegate ad una linea di creditoCarte Charge                                            Carte ...
In Italia la crescita delle transazioni è stata trainata dalle carte di debito                           Numero transazion...
In notevole crescita in Italia la diffusione delle carte prepagate                                                        ...
Le carte revolving mostrano una maggiore tenuta rispetto alrallentamento del credito al consumo in generaleMigliaia di Eur...
La densità di POS e ATM è in linea con gli altri paesi europei ma convolumi transati inferiori                            ...
I trend e le previsioni di mercato                                     pag. 12
L’evoluzione del transato risulta fortemente legata all’andamentodei consumi delle famiglie                               ...
La prevista evoluzione del mercato dell’issuing                                                                           ...
La prevista evoluzione delle carte di debito                                             Transato carte debito su POS     ...
La prevista evoluzione delle carte di credito (Charge e Revolving)                                                        ...
La prevista evoluzione dei volumi di acquiring                                                                        Data...
Il revenue pool delle carte di pagamento in Italia è pari a circa 4Mld di euro con un ulteriore potenziale di 1,4 Mld     ...
CartaSì è leader di mercato in Italia sia nell’issuing che nell’acquiring                 Market share Issuer - 2008      ...
Le quote di mercato nella distribuzione delle carte      Quote di mercato totale Carte di credito                 Composiz...
Evoluzione contesto normativo: la PSD e le conseguenze per lebanche La Direttiva sui Servizi di Pagamento (Payment Service...
Lo sviluppo delle carte di credito in Italia è limitato dallecaratteristiche culturali che privilegiano il debito e le pre...
La prevedibile evoluzione del mercato della monetica                                                                      ...
Allegato: le tipologie di carte                                  pag. 24
LE TIPOLOGIE DI CARTECARTE PRE-PAGATE Strumento di pagamento che consente al titolare di acquistare un bene/ usufruire di ...
Contatti                                                       Area Pianificazione Strategica, Research & IR              ...
Cartedipagamentogiugno2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Cartedipagamentogiugno2010

658

Published on

si parla di ridurre l'utilizzo del contante per acquisti a 250-300 euro

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
658
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Cartedipagamentogiugno2010"

  1. 1. 15 Giugno 2010Lo scenario competitivo delle carte dipagamento e l’evoluzione del mercatoArea Pianificazione Strategica, Research & IR
  2. 2. Indice  Executive Summary 3  Il mercato delle carte in Italia nell’ambito di un confronto internazionale 4  I trend e le previsioni di mercato 12  Allegato: le tipologie di carte 15 pag. 2
  3. 3. Executive Summary In Italia l’utilizzo di strumenti di pagamento alternativi al contante rimane piuttosto limitato rispetto ad altri Paesi europei nonostante il significativo incremento negli ultimi anni nella diffusione del numero di carte di pagamento L’utilizzo delle carte è stato trainato negli ultimi anni dalla crescita delle transazioni sulle carte di debito mentre sulle carte di credito l’Italia ha un gap con i Paesi Europei ancora più significativo in particolare per quelle carte legate ad una linea di credito (revolving) Caratteristica peculiare del mercato Italiano è stata l’importante crescita delle carte prepagate (Cagr 06-08 del 35,6%), strumento apprezzato soprattutto da coloro che non hanno flussi di reddito stabile. Negli ultimi anni inoltre anche le carte revolving hanno mostrato un nuovo apprezzamento da parte dei propri utilizzatori La penetrazione dei POS e degli ATM in Italia sembra aver raggiunto la maturità essendo in linea con la media europea mentre il transato per POS è significativamente inferiore alla media indicando ancora opportunità di sviluppo in Italia nell’utilizzo delle carte Il principale issuer e acquirer italiano è Cartasì con quote di mercato particolarmente significative anche se le banche di maggiori dimensioni che esternalizzavano tali attività presso Cartasì hanno iniziato un processo di insourcing della monetica. Si sono inoltre affacciati sul mercato delle carte di credito alcuni operatori specializzati, soprattutto esteri, che stanno acquisendo importanti fette di mercato, mentre sulle carte di debito/prepagate Poste Italiane è il principale operatore Il business delle carte presenta un significativo potenziale di crescita anche se, nonostante la previsione di una maggiore maturità finanziaria della popolazione, non si ipotizza un radicale cambiamento delle attitudini degli italiani nei confronti delle plastic cards. Inoltre alcuni elementi esogeni quali la PSD e in generale l’aumento della concorrenza potranno portare da una parte all’incremento dei volumi transati e dall’altra ad una riduzione dei costi per la clientela Sarà quindi fondamentale per chi vorrà competere su tale mercato l’innovazione di prodotto (nuova tecnologia contactless) e nuove strategie di CRM e comunicazione pag. 3
  4. 4. Il mercato delle carte in Italia nell’ambito di un confronto internazionale pag. 4
  5. 5. In Italia il numero di carte di credito ha superato quello delle carte di debito… Numero carte in circolazione, Migliaia, Per cento CAGR CAGR CAGR 2004/2009 2004/2007 2007/2009 100% = 52.772 60.332 65.202 68.976 79.597 79.729 8,6% 9,3% 4,9% Debito 48,8% 50,0% 48,8% 49,3% 8,8% 10,2% 4,5% 52,1% 52,0% Charge 29,9% 32,9% 30,8% 5,8% 3,7% 6,0% 35,1% 28,3% 28,2%Credito Revolving 19,6% 19,8% 20,2% 18,4% 19,9% 13,2% 17,7% 4,5% 16,1% 2004 2005 2006 2007 2008 2009E Fonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko , Datamonitor pag. 5
  6. 6. …tuttavia il numero delle carte e il transato pro-capite sono inferiorialla media europea Numero carte pro-capite1 Transato pro-capite2 Credito (debito e credito) (debito e credito) Debito 2008 2008, euro UK 49% 51% 2,9 UK 47% 53% 8.600 Olanda 3 18% 82% 2,3 Olanda 15% 85% 6.695 Portogallo 42% 59% 2,2 Portogallo 43% 57% 3.119 Belgio 21% 79% 2,1 Belgio 24% 76% 6.170 Spagna 59% 41% 2,0 Spagna 64% 36% 3.015 Svezia 33% 67% 1,8 Svezia 17% 83% 6.708 Germania3 22% 78% 1,8 Germania 36% 64% 3.075 Grecia 47% 53% 1,6 Grecia 92% 8% 1.191 Italia 51% 49% 1,5 Italia 45% 55% 2.875 Francia 63% 37% 1,1 Francia 68% 32% 7.3271. Su popolazione maggiore di 14 anni, Eurostat2. Solo transato su POS (sono esclusi i prelievi cash)3. 4.878 medio La bassa diffusione delle carte di credito in Olanda è essenzialmente conseguenza dell’alto livello delle interchange fee che si collocano ai più alti livelli europei, mentre in Germania è conseguenza dell’elevata diffusione delle EC cards (carte di debito evolute). Fonte: DATAMONITOR , Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 6
  7. 7. … soprattutto per le carte collegate ad una linea di creditoCarte Charge Carte Revolving TOTALE CARTE DI CREDITOTransato pro-capite1 Transato pro-capite1 Transato pro-capite12008, euro 2008, euro 2008, euro Francia 4.887 Francia 69 Francia 4.956 Spagna 1.063 Spagna 875 Spagna 1.938 Italia 1.102 Italia 194 Italia 1.296 UK 965 UK 3.035 UK 4.000 Belgio 783 Belgio 694 Belgio 1.478Germania 608 Germania 511 Germania 1.119Portogallo 593 Portogallo 747 Portogallo 1.340 Svezia 473 Svezia 639 Svezia 1.112 Olanda 206 Olanda 826 Olanda 1.032 Grecia 108 Grecia 985 Grecia 1.093 1.071 medio 857 medio 1.929 medio 1. Su popolazione maggiore di 14 anni, Eurostat Fonte: DATAMONITOR 2009 , Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 7
  8. 8. In Italia la crescita delle transazioni è stata trainata dalle carte di debito Numero transazioni su POS (Mln) Numero transazioni su POS (Mln) Carte di Credito Carte di Debito Cagr 04-09 Cagr 04-09 9,5% 4,8% Cagr 07-09 Cagr 07-09 Cagr 04-07 1,6% Cagr 04-07 0,0% 10,7% 5,1% 873 866 825 733 771 608 504 523 504 434 464 466 2004 2005 2006 2007 2008 2009E 2004 2005 2006 2007 2008 2009ETicket medio 97 101 104 104 108 109 68 87 93 93 93 94(Euro) Cagr 04-09 Cagr 04-09 2,5% 6,6% Fonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 8
  9. 9. In notevole crescita in Italia la diffusione delle carte prepagate CAGR 06-08 Numero Carte in circolazione (Mgl) Numero operazioni (Mgl) I driver della crescita delle carte prepagate: 35,6% 46,3%  Le carte prepagate non devono 8.208 72.557 essere legate ad un rapporto di c/c 5.805 49.571  Non devono essere legate ad 4.461 33.887 un flusso di reddito stabile  Rappresentano gli strumenti preferiti per i pagamenti online  Hanno la sicurezza legata ad 2006 2007 2008 2006 2007 2008 importi limitati Poste Italiane detiene Ticket medio 67 68 63 4,6 milioni di carte (Euro) (QdM di oltre il 50%) Transato medio per 505 582 558 carta (Euro)Fonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 9
  10. 10. Le carte revolving mostrano una maggiore tenuta rispetto alrallentamento del credito al consumo in generaleMigliaia di Euro, Per cento Volumi transati con carte Revolving100% = 5.079 7.652 8.668 9.264 9.928 10.620  L’incremento delle carte revolving risulta in decelerazione; tuttavia tale rallentamento Cagr 04-09 risulta più contenuto rispetto 15,9% all’andamento medio del comparto del credito al consumo (-11,2% nel 2009) Cagr 07-09 4,7%  Ciò è anche conseguenza dell’adozione da Cagr 04-07 parte degli emittenti di politiche di 22,2% distribuzione più mirate (in passato le carte venivano vendute in bundle) e più selettive, supportate da adeguati strumenti di marketing 42,7% 50,5% 43,4% 47,3%  Le carte revolving sono apprezzate dal 48,1% cliente che le utilizza in quanto sono:  discrete Revolving 53,4% 57,3% 49,5%  Immediate 52,7% 56,6% 51,9% Option 46,6%  con plafond limitato elementi che sembrano essere percepiti dal 2004 2005 2006 2007 2008 2009E cliente come più importanti rispetto al fattore prezzoFonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 10
  11. 11. La densità di POS e ATM è in linea con gli altri paesi europei ma convolumi transati inferiori POS ATM Nro/1000 abitanti1 Transato medio per POS Nro/1000 abitanti1 Transato medio per ATM 2008, euro mgl 2008, euro mgl Spagna 40 61 Spagna 1,60 1.799 Grecia 39 24 Grecia 0,81 6.092 Turchia 31 Turchia 0,42 Italia 26 103 Italia 1,07 2.619 Svezia 26 249 Svezia 0,37 8.491 Francia 25 259 Francia 1,01 1.655 Olanda 23 276 Olanda 0,64 7.170Portogallo 23 125 Portogallo 1,49 1.980 Belgio 14 422 Belgio 0,89 5.126Germania 8 320 Germania 0,80 7.697 25 medio 204 medio 0,91 medio 4.736 medio 1. Su popolazione maggiore di 14 anni, Eurostat Fonte: DATAMONITOR 2009 per i Paesi EU, Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko per l’Italia pag. 11
  12. 12. I trend e le previsioni di mercato pag. 12
  13. 13. L’evoluzione del transato risulta fortemente legata all’andamentodei consumi delle famiglie In Italia l’utilizzo degli strumenti di pagamento alternativi al contante resta assai contenuto nel confronto internazionale: 64 operazioni medie per abitante contro una media europea Mld di Euro di circa 160 operazioni Cagr 09-13 1200  La crescita dei consumi privati indicata Cagr 06-09 2,8% 1,3% è coerente con una crescita del PIL 1000 reale nel 2010 dello 0,7% (Cagr 10-13 dell’1,3%) e dei consumi reali del 0,9% 800 nel periodo 09-13 69,7% 68,2%  L’evoluzione del transato sulle carte è 600 71,2% Cagr 09-13 fortemente legata alla crescita dei Cagr 06-09 4,0% 400 3,1% consumi privati  Si prevede di proseguire nel percorso di 200 31,8% crescita del transato carte a discapito 28,8% 30,3% del contante e di altri strumenti di 0 pagamento tradizionali 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013  Tuttavia nei prossimi anni potrannno Consumi privati delle famiglie italiane (a prezzi correnti) assumere rilevanza altri strumenti di pagamento (es mobile banking) Transato su carteFonte: elaborazioni MPS pag. 13
  14. 14. La prevista evoluzione del mercato dell’issuing CAGR 05-09 CAGR 09-13 Al 2013 tali stime prevedono: N.ro carte pro-capite = 1,7 Transato carte debito su POS Transato carte debito su ATM Transato procapite1 = 3.388€ Mld euro (prelievo contante, Mld euro) 3,9% 3,1% 4,4% 2,0% 146 122 131 130 130 Transato carte 71 77 81 81 94 + Mld euro 4,0% 3,1% 321 277 274 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E 251 269 + Transato carte a saldo Transato carte revolving Mld euro Mld euro 06 07 08 09 13E 4,9% 10,7% 3,2% 64 + 48 52 56 53 7,0% 8,7 9,3 9,9 10,6 15,9 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E 1. Escluso prelievo cash con carta di debitoFonte: elaborazioni MPS pag. 14
  15. 15. La prevista evoluzione delle carte di debito Transato carte debito su POS CAGR 05-09 Mld euro CAGR 09-13 3,9% 4,4% 94 77 81 81 71 06 07 08 09 13E x Numero carte di debito (Mln) Numero operazioni per carta all’anno Ticket medio delle transazioni (Euro) 0,6% 2,9% 0,4% 5,0% 0,4% -1,0% 93 93 93 94 96 34 35 39 39 44 23 24 23 22 22 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13EFonte: elaborazioni MPS pag. 15
  16. 16. La prevista evoluzione delle carte di credito (Charge e Revolving) Transato carte credito (Charge+Revolving; CAGR 05-09 Mld euro) CAGR 09-13 6,0% 3,8% 80 57 62 66 64 06 07 08 09 13E x Numero carte di credito (Mln) Numero operazioni per carta all’anno Ticket medio delle transazioni (Euro) 0,4% 3,2% 2,2% 3,9% 8,9%1 -8,3%1 109 114 123 122 124 31 35 41 40 46 17 16 13 13 14 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E1. Tali andamenti riflettono la distribuzione massiva di carte di credito mai attivate/utilizzate dalla clientelaFonte: elaborazioni MPS pag. 16
  17. 17. La prevista evoluzione dei volumi di acquiring Data la maturità dell’Italia dal punto di vista della densità di POS e ATM, la crescita dei volumi di transato è trainata dall’incremento nell’utilizzo di tali infrastrutture in particolare dall’incremento nell’utilizzo delle carte di credito su POS Volumi transati su POS Volumi transati su ATM (Mld euro) (Mld euro) 5,0% 3,1% 4,4% 160 1,8% 161 134 135 143 143 142 126 132 116 06 07 08 09 13E 06 07 08 09 13E % credito 39% 41% 91% 91% % debito 61% 59% 9% 9%Fonte: elaborazioni MPS pag. 17
  18. 18. Il revenue pool delle carte di pagamento in Italia è pari a circa 4Mld di euro con un ulteriore potenziale di 1,4 Mld Ricavi delle carte di pagamento Potenziale Revenue Pool addizionale 2009, mln di euro mln di euro 740 4.140 3.400 1.400 375 TOTALE Potenziale Issuing Acquiring 2013 SISTEMA 1 complessivo Attraverso la chiusura del GAP portando il transato medio pro-capite dagli attuali 2.875 euro ai 4.877 medi dei principali Paesi EU, i ricavi addizionali a livello di sistema sono stimabili in ca. 1,4 Mld di euro, al 2013 si prevedono ricavi addizionali pari a 0,37 Mld di Euro 1. Include l’issuing (debito, credito, sia charge che revolving) e l’acquiring. E’ escluso il card processingFonte: elaborazioni MPS pag. 18
  19. 19. CartaSì è leader di mercato in Italia sia nell’issuing che nell’acquiring Market share Issuer - 2008  Il mercato dell’issuing vede, a fine 2008, come principale operatore CartaSì con il 43,4% di marketCartaSì 43,4% share (45,3% se consideriamo anche Key Client). Da sottolineare, però, che circa la metà delle carte emesse 1,9% da CartaSì sono distribuite dalle Banche che stannoKey Client 45,3% progressivamente internalizzando l’issuing.  Con riferimento al mercato dell’acquiring, CartaSì risulta il primo operatore nazionale con quasi il 40% e Key Client (ICBPI) con oltre il 20%. Market share Acquirer - 2008  Recentemente ICBPI (Istituto Centrale Banche Popolari Italiane) ha acquisito il 100% di CartaSì rilevando leCartaSì 39,7% partecipazioni di ISP (42,3%) BMPS (24,4%), UCI (9,2%). In seguito a tale operazione la società integrando le quote di mercato di CartaSì e Key Client, diventa di fattoKey Client 21,7% l’unico operatore a fornire servizi di issuing e di 61,4% acquiring alle banche che per scelta strategica o struttura della società non intendono integrare tali funzioni al proprio interno. Fonte: AGCM pag. 19
  20. 20. Le quote di mercato nella distribuzione delle carte Quote di mercato totale Carte di credito Composizione % totale Carte di debito e e di debito (Giugno 2009) di credito (Giugno 2009) Credito Debito Banche Poste Banche 42% 58% 53% 8% Poste 4% 96% 12% Operatori Operatori specializzati 100% specializzati Banche e oper. di piccole dimens. 61% 39% 27% Banche e operatori di piccole dimensioni In Italia i maggiori Gruppi Bancari stanno evolvendo verso assetti organizzativi che prevedono l’internalizzazione delle attività di emissione (“issuing”) delle carte e di convenzionamento (“acquiring”) degli esercenti. Le Banche di dimensioni medio/piccole, che non raggiungono un volume di business tali da rendere conveniente l’emissione in proprio delle carte (e il convenzionamento degli esercenti) o per scelte strategiche, ricorrono a società terze per erogare i citati servizi. Tale evoluzione riguarda essenzialmente l’attività di issuing. Dal lato della distribuzione delle carte di credito gli operatori specializzati hanno acquisito quote significative mentre sul lato carte di debito è rilevante il ruolo assunto da Poste ItalianeFonte: DATAMONITOR 2009 pag. 20
  21. 21. Evoluzione contesto normativo: la PSD e le conseguenze per lebanche La Direttiva sui Servizi di Pagamento (Payment Services Con le seguenti principali ripercussioni Directive - PSD) entrata in vigore in Italia il 1 marzo 2010 si sul business delle carte: propone di: • L’allargamento dell’operatività domestica al 1. Migliorare la competizione tra i prestatori di servizi di mercato europeo permetterà alle Banche di pagamento eliminando le differenze normative tra i diversi incrementare il business dei servizi di Stati pagamento in termini di volumi 2. Armonizzare i requisiti di accesso al mercato, realizzando • Si incentiva l’uso della moneta elettronica a parità di condizioni per gli operatori bancari o meno discapito del contante in particolare si incentiva l’utilizzo delle carte per i 3. Stabilire chiari e semplici obblighi di informazione a carico dei micropagamenti: prestatori dei servizi di pagamento a beneficio della clientela al fine di incrementare la trasparenza • E’ presumibile un aumento della concorrenza di mercato in seguito Con tale direttiva si incentiva l’uso di strumenti di pagamento all’’ingresso nel mercato dei Payment non cartacei e si accresce la tutela del consumatore in caso di Institutions i quali, anche se non possono operazioni di pagamento non autorizzate o eseguite in modo fare raccolta, possono emettere carte di inesatto e attraverso i maggiori obblighi informativi. pagamento; Una delle principali novità è l’apertura al mercato dei sistemi di • Si tutela maggiormente il cliente attraverso pagamento a nuove imprese, diverse dalle classiche istituzioni un incremento degli obblighi di informativa finanziarie (es. compagnie telefoniche, supermercati, stazioni di ai clienti e attraverso la riduzione dei tempi rifornimento, ecc.) i cosiddetti Istituti di Pagamento. di gestione dei fondi pag. 21
  22. 22. Lo sviluppo delle carte di credito in Italia è limitato dallecaratteristiche culturali che privilegiano il debito e le prepagate 100%: 12,8 Mln di Non titolari di carte di credito (popolazione 18-74 anni)  Secondo Assofin-Crif-Eurisko il bacino più prossimo all’ingresso nel mercato è solo del 2% dei non titolari di carta di credito e quello che ha necessità di una spinta commerciale avendo caratteristiche “affini” al prodotto è Non titolari né del 27% dei non titolari per complessivamente ca. 3,8 Mln Titolari solo di di carta di di persone che potranno acquistare una carta di credito. carta di debito 4,8 Mln debito né credito Mentre i potenziali clienti delle carte di debito/prepagate sono ca. 4,8 Mln (38%) 7,9 Mln  Molti decisori non percepiscono la differenza tra carte di debito e carte di credito privilegiando le prime in seguito al minor costo.  I driver per l’accesso al mercato delle carte di credito 2% Persone in target con carta di credito risultano nell’ordine: 27% Persone affini1 alla carta ma con necessità di spinta commerciale  il pricing (quota annua) 38% Persone in target per carte di debito/prepagate  il rapporto qualità/prezzo 33% Persone che hanno già carte di debito e  la possibilità di pagamento rateale del debito (driver non né affini né interessate alla carta di in crescita rispetto agli anni precedenti) credito1. Affinità intesa come possesso delle caratteristiche oggettive tipicamente connesse all’utilizzo della carta. Fonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 22
  23. 23. La prevedibile evoluzione del mercato della monetica Impatto atteso sulI previsti trend di mercato business delle carte per il settore bancario  Si ipotizzano volumi di transato sulle carte in crescita in Italia, come conseguenza sia di una ripresa dei consumi privati che del proseguimento del processo di smaterializzazione del denaro avvicinandosi progressivamente ai tassi di utilizzo delle carte dei maggiori paesi UE Si prevede quindi un progressivo se pur lento processo di chiusura del ritardo italiano derivante sia dal ritardo “culturale” della popolazione all’utilizzo di strumenti elettronici sia da una carente cultura di innovazione di prodotto e di strategie di marketing da parte degli operatori in particolare nell’ambito delle revolving  Il business della monetica ha mostrato negli ultimi anni per gli operatori del settore ricavi piuttosto stabili anche in periodi di crisi (le revolving mostrano addirittura comportamenti anticiclici) e un modo efficace per l’acquisizione della clientela pertanto ci si aspetta da parte delle banche e delle società specializzate una sempre maggiore concorrenza basata sull’innovazione e sulle strategie di marketing  L’evoluzione normativa se da un lato comporterà una maggiore spinta ai volumi di transato sulle carte come conseguenza della dichiarata “war on cash” dall’altro implicherà la progressiva entrata sul mercato di nuovi competitor, oltre alle banche e alle società specializzate, con una conseguente forte pressione sui ricavi e una presumibile pressione sull’innovazione di prodotto  E’ prevedibile lo sviluppo delle nuove tecnologie relative ai pagamenti contactless che iniziano ad essere testati dalle maggiori banche italiane attraverso lo sviluppo delle carte con chip contactless per i micropagamenti con un incremento delle transazioni di piccolo importo  Lo sviluppo della tecnologia contactless avrà presumibilmente maggior impatto sul mobile payment poiché il telefono cellulare pare lo strumento più adatto delle applicazioni in mobilità (es. Poste Mobile, nuova applicazione di Apple su iPhone) con prevedibili impatti positivi sul business degli operatori che investiranno in tale ambito e un incremento significativo del transato sul nuovo canale mobile.che potrà sostituire parte del transato sulle carte Fonte: Osservatorio sulle carte di credito sett. 2009 – Assofin-Crif-Eurisko pag. 23
  24. 24. Allegato: le tipologie di carte pag. 24
  25. 25. LE TIPOLOGIE DI CARTECARTE PRE-PAGATE Strumento di pagamento che consente al titolare di acquistare un bene/ usufruire di un servizio con pagamento contestuale alla spesa. L’importo presente sulla carta deve Pago prima essere caricato dal titolare stesso prima della transazione.CARTE DI DEBITO Strumento di pagamento che consente al titolare di acquistare un bene/ usufruire di un servizio con pagamento contestuale alla spesa. Strumento di pagamento/servizio: Pago ora l’utilizzo della carta e il conseguente buon fine dell’operazione è subordinato alla presenza dei fondi nella disponibilità del titolare nel momento della transazione.CARTE DI CREDITO Strumento di pagamento che consente al titolare di acquistare un bene/ usufruire di un servizio posticipando il pagamento ad un momento successivo. Vero strumento di Pago dopo credito: l’utilizzo della carta non è vincolato alla disponibilità dell’importo da parte del titolare al momento della transazione. Tipologie di rimborso:  SALDO (o CHARGE): rimborso in un’unica soluzione che avviene, di norma, il mese successivo alla spesa (ESIGENZA DI PAGAMENTO);  REVOLVING: rimborso a rate, ogni mese il titolare rimborsa il debito, la rata può essere modificata in ogni momento secondo le esigenze del titolare (ESIGENZA DI FINANZIAMENTO);  OPTIONAL REVOLVING: rimborso in un’unica soluzione oppure a rate. Il titolare decide la modalità di rimborso più consona alle sue esigenze. Di fatto il prodotto contempla le modalità di rimborso del prodotto a saldo e del prodotto revolving. Il titolare può cambiare il profilo di rimborso ogni qual volta ne abbia necessità. (ESIGENZA DI PAGAMENTO E/O FINANZIAMENTO) pag. 25
  26. 26. Contatti Area Pianificazione Strategica, Research & IR Alessandro Santoni Research Investor Relations Pianificazione Strategica e Business Development Stefano Cianferotti Elisabetta Pozzi Marco Torre Macroeconomia e Congiuntura Rating e Debito Pianificazione Strategica Antonio Cillis – Laura Governi – Catia Polli Lucia Lorenzoni – Nicola Zambli Simone Maggi – Paola Fabretti Maria Francesca Mormando Mercati Creditizi Distretti e Territori Business Development Marcello Lucci – Antonella Rigacci Pietro Ripa – Giuseppe Alfano Giovanni Papiro – Guido Poli Raffaella Stirpe – Claudia Ticci Cesare Limone – Lorenzo Burelli Autori Pubblicazione Laura Governi Maria Francesca Mormando Email: laura.governi@banca.mps.it Email:mariafrancesca.mormando@banca.mps.it Tel:+39 0577-298289 Tel:+39 0577-298421Disclaimer This analysis has been prepared solely for information purposes. This document does not constitute an offer or invitation for the sale or purchase of securities or any assets, business or undertaking described herein and shall not form the basis of any contract. The information set out above should not be relied upon for any purpose. Banca Monte dei Paschi has not independently verified any of the information and does not make any representation or warranty, express or implied, as to the accuracy or completeness of the information contained herein and it (including any of its respective directors, partners, employees or advisers or any other person) shall not have, to the extent permitted by law, any liability for the information contained herein or any omissions therefrom or for any reliance that any party may seek to place upon such information. Banca Monte dei Paschi undertakes no obligation to provide the recipient with access to any additional information or to update or correct the information. This information may not be excerpted from, summarized, distributed, reproduced or used without the consent of Banca Monte dei Paschi. Neither the receipt of this information by any person, nor any information contained herein constitutes, or shall be relied upon as constituting, the giving of investment advice by Banca Monte dei Paschi to any such person. Under no circumstances should Banca Monte dei Paschi and their shareholders and subsidiaries or any of their employees be directly contacted in connection with this information pag. 26
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×