Lca Slides
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lca Slides

on

  • 3,674 views

Life cycle assessment

Life cycle assessment

Statistics

Views

Total Views
3,674
Views on SlideShare
3,662
Embed Views
12

Actions

Likes
0
Downloads
66
Comments
0

1 Embed 12

http://www.slideshare.net 12

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Lca Slides Lca Slides Presentation Transcript

    • Il Life-Cycle Assessment Analisi di uno strumento per l’environmental sustainability Filippo Baggio 817872 Marco Battistella 820174 Elisa Bertocco 817864 Valentina Buonomo 820164 Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Indice della presentazione • I parte: – breve definizione dello strumento e sua evoluzione storica; – caso di applicazione nel settore delle tecnologie per l’energia rinnovabile. • II parte: – finalità applicative del LCA; – alcuni aspetti critici, contributi circa le strategie di superamento dei limiti. • III parte: – l’integrazione dello strumento all’interno dei sistemi informativi aziendali. • IV parte: – utilizzo delle informazioni derivanti da uno studio LCA come strumento di comunicazione di marketing. • Conclusioni Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Applicazione del LCA alle fonti energetiche rinnovabili ALTRI 3 INDICATORI “ENERGY INTENSITY”: LOAD FACTOR (COEFF. DI CARICO): rapporto tra l’energia consumata per rapporto tra l’elettricità generata e la produzione, realizzazione e l’energia massima producibile in un anno. dismissione dell’impianto e l’energia CO2-EQ INTENSITY: prodotta durante l’intero ciclo di vita rapporto tra anidride carbonica emessa durante tutte la fasi e la quantità di energia elettrica prodotta durante il suo ciclo di vita; Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Performance ambientali di un parco eolico Tabella 1: performance ambientali di • L’intensità di energia varia tra 0,014-1 KWh used/kWhel; diverse fonti energetiche convenzionali • l’intensità di CO2 varia tra 7,9-123,7 gCO2eq/kWhel; e rinnovabili • il coefficiente di carico è tra 7,6-50,4%. IMPIANTI RISCALDAMENTO ATMOSFERICO ENERGETICI (gCO2eq/kWhel) Carbone 900-1200 Diesel e oli pesanti 780-1200 Gas naturale 400-500 Fotovoltaico 50-100 Nucleare 15-50 Idroelettrico 15-40 Lo studio ha interessato diverse fonti energetiche rinnovabili in Italia: una serie di fattori geografici Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009 hanno potuto influenzare i risultati ottenuti.
    • La fasi dell’inventory analysis Installato in Sicilia, area localizzata tra 850-937 m sul livello del mare, in una superficie di 4,5 kmq, include 11 turbine con una capacità nominale di 660 kW ognuna, la torre è alta 55 m, il diametro del rotore è 55 m. Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Impact Assessment Analisi energetica Analisi ambientale • L’energia complessiva richiesta per l’intero ciclo • Il principale impatto è dovuto alla produzione di di vita del parco eolico (Global Energy CO2 (3,432 kg); Requirement, GER) è 45,4 TJ; • l’impianto produce circa 2500 kg di oli e lubrificanti – Per il 92% dovuta alla fase di costruzione e (per la manutenzione) e notevoli quantità di rifiuti istallazione; il 6;4% al funzionamento ed alla manutenzione e l’1,7% alla dismissione; minerali dovuti all’erosione del suolo; • la costruzione è la fase che necessita di più • altri impatti ambientali sono dovuti: energia, soprattutto per la produzione delle – all’uso del suolo (ogni istallazione occupa circa turbine (61%) e i lavori di costruzione (32,5%); i 300m quadrati, ma le zone adiacenti possono essere adibite ad allevamento ed agricoltura); trasporti invece hanno un’incidenza minima (6,5%); – ai rumori (il livello di rumore in prossimità della torre è di circa 60-65dB, a 100m scende a 55 dB); • il più alto contributo è dovuto all’impiego di – all’alterazione del paesaggio (le pale modificano il materie prime, mentre il lavoro per i processi di paesaggio, ma è difficile da quantificare questo costruzione e installazione hanno un ruolo impatto); secondario. – agli impatti sugli uccelli e sulla natura (l’impianto non interferisce sulle migrazioni di specie protette); – all’elettromagnetismo (trascurabile per assenza di un parametro obiettivo). Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Results Interpretation Payback indexes Alcune considerazioni • L’intensità di energia varia tra 0,004-0,007 • In media il fotovoltaico produce più CO2 kWhprim/kWhel dell’energia eolica, – da questo studio risulta che il fotovoltaico è • L’intensità di CO2 è tra 8,8-18,5 g/kWh una fonte di energia rinnovabile meno “clean” • Payback time: rispetto all’eolico; – anche nelle peggiori condizioni, dopo un anno • I dati mostrano che i maggiori impatti l’energia consumata e le emissioni di gas ambientali ed energetici in termini di GER serra sono bilanciate. sono dovuti soprattutto all’utilizzo di – considerando una vita utile dell’impianto acciaio e ferro per realizzazione di parti eolico di circa 20 anni, per i rimanenti 19 anni componenti; l’impianto produrrà energia pulita. – una soluzione potrebbe essere quella di – il payback time del fotovoltaico è di circa 3 trovare dei materiali surrogati che causino un anni, mentre per i moduli in film sottile scende minore impatto ambientale. addirittura ad un anno. Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Finalità del LCA Norme di legge e std di Gestione rifiuti solidi urbani riferimento Trattamento acque reflue Comparazione prodotti e processi Produzione energia elettrica alternativi Eco-Design nella progettazione S v ora mi bb ca ilu m pu liti gli a p p en lic Po o e to FINALITA’ ica e e g on M a bie at azi am rk nta str ic et le nif ing Pia Comunicazione interna ed esterna Trasferimento attività vs imprese Politica integrata dei prodotti che contengono gli impatti (marchi ecologici, dichiarazioni Progetti di “simbiosi industriale” ambientali di prodotto) Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Integrazione nel sistema di gestione ambientale Tab. 4. LCA nel sistema di gestione ambientale Nell’attività di … … è funzionale: Analisi ambientale alla creazione di un sistema informativo di supporto al controllo delle emissioni, dei consumi di risorse e degli effetti ambientali anche al di fuori dei confini aziendali Politiche, obiettivi e programmi per definire percorsi di miglioramento Progettazione nella scelta di materiali e processi, nell’ottimizzazione delle procedure Gestione del processo all’individuazione dei punti critici all’interno del proprio ciclo produttivo o nel ciclo di vita dei prodotti Audit ambientale alla comparazione di prodotti o processi alternativi, in fase di selezione dei propri fornitori, di scelte di integrazione verticale, o per rispondere a richieste di compatibilità da parte dei clienti Fonte: ANIE Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • LCA ed Eco-Design • Applicazione delle strategie di industrial ecology • Il LCA integra gli scopi dell’Eco-Design – Supporta la valutazione e il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali dei prodotti • Principi di sostenibilità ed economicità secondo il Life Cycle Thinking: – Minimizzazione consumo di materiali ed energia – Riduzione tossicità e nocività – Utilizzo risorse riciclabili o con certificazione ecologica – Ottimizzazione durabilità, multifunzionalità o modularità dei prodotti – Semplicità di smontaggio, recupero componenti Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Economic Limiti dello strumento TBL Env iron a l men Soci tal Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Alcune strategie di superamento Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Integrazione del LCA nel sistema informativo Limite principale LCA come strumento di supporto alle decisioni: difficoltà di raccogliere grandi quantità di dati attendibili Integrazione del LCA in un Soluzione sistema informativo ambientale (EIS). Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Integrazione del LCA nel sistema informativo (2) • Necessità di ottenere analisi e controlli in Grandi aziende = grandi quantità di tempi rapidi dati da trattare. • Informatizzazione dei sistemi di gestione ambientale indispensabile Analisi LCA: fase di inventario finanziariamente più dispendiosa utile utilizzare un software di raccolta dati on-line relazionato a un sistema ERP Software LCA come modulo di un EIS (Caso Samsung SDI Ltd ) Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Il modulo LCA nel sistema di gestione ambientale • L’EIS è strutturato in modo da comprendere diversi moduli: • L’EIS è costruito come modulo dell’ERP – può utilizzare le informazioni di tutti i processi aziendali provenienti dall’ERP Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Funzionamento del sistema EIS 1. modulo LCA interroga database ERP per elaborare distinta base prodotto e svolgere l’inventario; 2. collegamento tra LCA e sistema EMS per ottenimento dati su emissioni ed impatti ambientali; 3. collegamento tra LCA e sistema ESS per valutazione carichi energetici; 4. collegamento tra LCA e modulo GP per inventariare componenti da fornitori; 5. modulo LCA elabora il risultato dell’analisi che viene trasmesso I manager LCA potranno eseguire in qualunque al modulo di eco-design, al momento il software LCA in modalità client modulo GP e al modulo e-VOC. e avviare la fase di interpretazione dei risultati calcolati con informazioni costantemente aggiornate. Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Considerazioni sul caso • Vantaggi dell’introduzione di un sistema informativo ambientale integrato: – facilità di condivisione delle informazioni sugli impatti ambientali a tutti i livelli organizzativi e in tutte le funzioni – contribuire a creare una visione degli impatti estesa a tutta la supply chain – aumentare l’efficienza nella gestione delle variabili ambientali (ad es. riduzione ore uomo per gli studi di LCA) – facilitare il rispetto delle disposizioni normative – aumentare la capacità di comunicazione con gli stakeholder Disponibilità di dati in tempo reale LCA iterativo Miglioramento continuo dei processi Miglioramento risposte a istanze ecologiche Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • La comunicazione ambientale di prodotto “le etichette ecologiche sono un set di strumenti volontari che mirano a sviluppare la domanda di prodotti e servizi con bassi impatti ambientali fornendo informazioni sul ciclo di vita al fine di indirizzare la richiesta dei consumatori” ISO 14020 • Richiesta certificazione di terze parti • Occorre effettuare LCA • Oggettiva, confrontabile, credibile Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Possono essere comunicate in ambito pubblicitario? Limiti delle etichette performance Possono comunicare la superiorità di un brand? Come sono percepite dai consumatori? • resistenze di tipo “politico” ambientali Effetti sulla propensione all’acquisto? • resistenze di tipo LCA-based Verso il brand e la società? economico/competitive relative al Come affrontare il problema di overload informativo? valore percepito in quanto strumento di mktg Indagine empirica Credibilità e Complessità del messaggio = variabili che influenzano la propensione all’acquisto del prodotto e verso la società stessa Si è ipotizzata una relazione causale tra i due aspetti e il comportamento del consumatore Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Indagine empirica attraverso l’uso di un messaggio pubblicitario fittizio Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Risultati dell’indagine empirica • L’influenza dei diversi annunci su complessità e • L’influenza dei diversi annunci su complessità e credibilità non è equivalente. credibilità non è equivalente. • L’assenza di informazioni di performance ambientale • Le informazioni in forma testuale sono meno complesse può portare ad una valutazione negativa da interpretare rispetto ad immagini e tabelle specialmente in settori maturi o in situazioni • La credibilità della rappresentazione grafica è la più competitive dove i benefici funzionali del prodotto siano già familiari bassa, mentre per le altre due modalità è simile • Citare environmental LCA performance influenza in • Le informazioni sul processo di LCA eseguito risultano maniera positiva, ma non migliora la credibilità più complesse di quelle che descrivono il processo di dell’annuncio certificazione • Solo con delle elaborate informazioni accompagnate da dati quantitativi e specifici riguardanti gli impatti • Presentare informazioni legate al processo di LCA o di ambientali si crea un impatto significativo e positivo certificazione aiutano a rendere più credibile l’annuncio sui consumatori • All’aumentare della complessità diminuisce l’appeal • Non è stato riscontrato nessun significativo effetto dell’annuncio, mentre la credibilità percepita delle derivante dall’inclusione di rivelazioni riguardanti migliori prospettive economiche e per la salute dei informazioni ha un effetto positivo ai fini della consumatori finali comunicazione. Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Considerazioni sul ruolo comunicativo delle info LCA Nel contesto B2C la complessità percepita, sebbene impatti in maniera negativa sull’appeal dell’annuncio, genera una risposta positiva del consumatore, cosa non evidente nel B2B. Questo probabilmente perché i consumatori finali tendono a trattare l’annuncio attraverso l’impatto persuasivo e quindi vi è una positiva associazione derivante dalla sola presenza di messaggi addizionali. Gli attori del B2B hanno maggiore esperienza nei confronti di attributi ambientali dei prodotti e non vengono facilmente persuasi dal solo livello di complessità percepita e la credibilità si guadagna con l’inclusione di dati quantitativi derivanti da LCA. In un ambito di business più sensibile a tematiche ambientali sono più efficaci pubblicità includenti messaggi ambientali e non solo aspetti funzionali del prodotto. In entrambi i casi la credibilità guadagnata attraverso più elaborate informazioni compensa l’effetto di complessità. L’inclusione di informazioni basate su uno studio LCA non sembra influenzare negativamente un messaggio pubblicitario, anzi favorisce la propensione dei consumatori nei confronti di un brand e di un prodotto. Diffondere queste informazioni può diventare un modo per differenziarsi e competere sul mercato poiché aiutano un’azienda a comunicare la sua superiorità nelle performance ambientali e quindi la superiorità del suo brand. Diffondere queste informazioni risulta infine utile per supportare un modello di consumo sostenibile. Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Conclusioni Se viene percepito nell’organizzazione come un’opportunità di miglioramento piuttosto che mero strumento di misurazione: • può supportare le imprese a concretizzare il loro sistema valoriale al fine di perseguire i propri obiettivi di corporate social responsibility; • è utile a diffondere lungo l’intera supply chain la cultura ambientale attraverso il coinvolgimento dei fornitori; • essendo aumentata la sensibilità degli stakeholder nei confronti di tematiche ambientali, diffondere informazioni che mettano in luce gli impegni profusi e i risultati ottenuti, anche all’interno dei bilanci sociali, può risultare un fattore di vantaggio competitivo . Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009
    • Fine Programmazione e Controllo - avanzato 2008-2009