IGDD n. 179_Enrico Bassi_Fablab Torino_autoprogettazione e digital fabrication

790
-1

Published on

Enrico Bassi: product designer e sviluppatore, ha seguito progetti singoli così come la coordinazione di gruppi di lavoro. Orientato agli aspetti tecnici e tecnologici della produzione industriale e della digital fabrication. Segue la formazione e utilizza regolarmente diverse macchine a controllo numerico, da quelle autocostuite al controllo numerico industriale classico.

Enrico Bassi, coordinatore di FabLab Torino, presenterà Digital Fabrication: scenari alternativi alla produzione industriale possibili grazie alle nuove stampanti 3D e alle potenzialità di Arduino.

Una selezione dei case studies più interessanti come strumento alla portata di tutti, sul piano economico ma anche concettuale, per la gestione di progetti di design interattivi.

Una tappa intermedia tra l’astratto della progettazione e il momento della realizzazione del prodotto finale.

Uno strumento versatile per la costruzione di prototipi vivi, con cui testare le dinamiche dell’interazione tra l’utente finale e l’oggetto stesso prima di arrivare al prototipo finale.

Published in: Design
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
790
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

IGDD n. 179_Enrico Bassi_Fablab Torino_autoprogettazione e digital fabrication

  1. 1. LA FABBRICA DEL DESIGN DIGITALE UN NUOVO MODO DI FARE DESIGN
  2. 2. FINO AD OGGI
  3. 3. PRODUZIONE INDUTRIALE La produzione industriale è linsieme delle attivitàrelative alla trasformazione di materie prime, energie ed informazioni, in beni di consumo: ossia, la combinazione di fattori di produzione (input) per realizzare dei prodotti (output). Ogni trasformazione per essere compiuta richiedeuna tecnologia, vale a dire una macchina in grado di implementare il tutto. La produzione di un prodotto complesso richiede un insieme correlato e finalizzato di processi (tecnologie, macchinari, ecc…) che costituisce un sistema di produzione. (Wikipedia.it)
  4. 4. Grafico di break-even pointPraticamente tutte le valutazioni di investimento sono valutate in questo modo
  5. 5. Produzione di massa e standardizzataLa replica “analogica” di uno stampo è il sistema più comune di produzione industriale
  6. 6. Produzione centralizzataLa delocalizzazione, il trasporto globale, etc. dipendono della riduzione dei costi fissi
  7. 7. Protezione brevettualeConsente il monopolio temporaneo di un mercato
  8. 8. Spinta al consumoIndotta per assorbire un volume di produzione
  9. 9. COSA STA CAMBIANDO
  10. 10. COS’E’ UN FABLAB
  11. 11. Macchine digitaliDi diverse tipologie, producono un pezzo senza un costo di attrezzaggio
  12. 12. OPEN SOURCE 3D PRINTER www.reprap.orgCapostipite delle stampanti 3D opensource
  13. 13. OPEN SOURCE 3D PRINTER www.ultimaker.com Esempio di stampante 3D opensource
  14. 14. HIGH QUALITY 3D PRINTER www.formlabs.comStampante in via di sviluppo a fotopolimero
  15. 15. Droog design – DO HIT Joe Velluto – SAVINGSPACEVASE Unico industriale Sperimentazioni industriali di mass customization
  16. 16. www.n-e-r-v-o-u-s.com/cellCycleEsempio di progettazione parametrica
  17. 17. A B C www.droog.comBox-o-rama, design for download
  18. 18. A B Cwww.fredomofcreation.com Gruppo di designer “digital”
  19. 19. PERSONALIZZAZIONEEsempio di produzione in real-time Dutch design week 2012
  20. 20. A B Cwww.kickstarter.com sito di crowdfunding
  21. 21. A B Cwww.indiegogo.comsito di crowdfunding
  22. 22. A B C www.eppela.itsito di crowdfunding italiano
  23. 23. A B C www.fattelo.itEsempio di “build it or buy it”
  24. 24. A B Cwww.kickstarter.com/projects/cloudlight/light-1.com Esempio di progetto di design interattivo su KS
  25. 25. A B C www.imaterialize.comPrototipazione, preserie e produzione online
  26. 26. A B C www.shapeways.comPrototipazione, preserie e produzione online
  27. 27. A B C www.ponoko.comSito per la stampa dei progetti...
  28. 28. A B Cwww.ponoko.com/make-and-sell/sell-eps … e per la vendita
  29. 29. A B C www.100kgarage.comMette in contatto i designers con i fabbers
  30. 30. A B C www.techshop.wsLaboratori di produzione
  31. 31. A B C www.alibaba.comSecondo alcuni il modo migliore per “autoprodursi”
  32. 32. Libertà 0 Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo. Libertà 1 Libertà di studiare il programma e modificarlo Libertà 2 Libertà di ridistribuire copie del programma in modo da aiutare il prossimo Libertà 3Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio www.creativecommons.it Un sistema alternativo alla protezione intellettuale
  33. 33. A B C www.thingiverse.comSito per la condivisione gratuita dei progetti
  34. 34. www.arduino.ccIl cervello di quasi tutti i prototipi e sperimentazioni di design interattivo
  35. 35. A B C www.makezine.comRivista di riferimento del movimento makers
  36. 36. A B Cwww.instructables.com Learn how to make it
  37. 37. DIY HI-TECH
  38. 38. RIPARAZIONEEsempio di riparazioneChitarra classica headless
  39. 39. COSÈ UN FABLAB
  40. 40. ...è un posto in cui chiunque puòfarsi praticamente qualsiasi cosa Neil Gershenfeld
  41. 41. ...è un posto dove è facile accedere a tecnologie non ancora disponibili per tutti e acompetenze che non siposseggono, peressere aiutati acostruire quello che si vuole.
  42. 42. A differenza di altrerealtà, in un fablabci sono macchine acontrollo numerico che convertono files in oggetti. Questi files sono spesso condivisi tra utenti, sia localmente cheinternazionalmente
  43. 43. Unito ad altri grandi innovazioni sociali, come lopen source SW e HW, o come il Creative Common, la digitalfabrication è una rivoluzioneculturale più che tecnologica
  44. 44. UN PO DI PROGETTI
  45. 45. AUTOPROGETTAZIONE 2.0è una call of ideas organizzata con Domus perlevento The future in the Making, durante il Fuorisalone 2012 a Milano
  46. 46. Uno dei progetti è stato esposto a Helsinki,durante il World Design Capital 2012.Il pezzo esposto è stato ottimizzato, tagliato e assemblato dal Fablab Aalto di Helsinki, partendo dal file del progetto, condiviso online
  47. 47. Le macchine possono essere usate anche perprototipare progetti da fare con tecnologie industriali
  48. 48. Altri progetti possonoessere legati allarte
  49. 49. E naturalmentei progetti degli utenti

×