Polizzi generosa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Polizzi generosa

on

  • 1,052 views

Presentazione storico-artistica su Polizzi Generosa

Presentazione storico-artistica su Polizzi Generosa

Statistics

Views

Total Views
1,052
Views on SlideShare
679
Embed Views
373

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 373

http://www.parrocchiapolizzigenerosa.it 373

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Polizzi generosa Polizzi generosa Presentation Transcript

  • A cura di Lorenzo SAUSA
  • Le origini di Polizzi Generosa sono da ricondurre al IV-III secolo a.c. In base ai rinvenimenti di una necropoli ellenistica in contrada “San Pietro”.
  • Diverse sono le ipotesi dell'origine del suo nome: per Diodoro Siculo, Polizzi è la piccola Atene siciliana, la polis per antonomasia. Altri studiosi fanno risalire il paese all'antica Palica, dagli dei Palici, figli della ninfa Thalia alla quale è dedicata una fonte, Naftolia, che ancora oggi e presente ai piedi del paese. Fonte Naftolia
  • Il polizzano Giovan Battista Caruso, fa derivare il nome di Polizzi da polis Isidis, cioè città di Iside, anche a seguito del ritrovamento della statua di Iside avvenuta intorno al 1650. La statua fu esposta come piedistallo del fonte battesimale dentro la Chiesa Madre fino al 1764, ma venne distrutta nel 1771 da un Vescovo.
  • È certo che l’attuale nucleo abitativo risale al periodo dei Bizantini che conferirono alla città il nome di Basileapolis, “ovvero città del Re”. Furono proprio loro a fortificare il centro abitato con un castello. Nel corso dell’882, i Saraceni inflissero una dura sconfitta ai Bizantini, costringendoli a ritirarsi attorno alla Chiesa di San Pancrazio e fuori le mura in contrada San Pietro. Chiesa di San Pancrazio
  • Gli Arabi, che chiamarono Polizzi Bulis, costruirono in paese una Moschea, oggi Chiesa di Sant’Antonio Abate
  • Polizzi Generosa Arte Cultura Tradizioni Feste Religiose Natura E’ certo che l’attuale centro abitativo risale al periodo dei Bizantini che conferirono alla città il nome di Basileapolis, ovvero , “Città del Re”; furono proprio loro a fortificare il centro abitato con un castello, nel timore di una conquista da parte degli Arabi. Nel corso dell’882 i Saraceni inflissero una dura sconfitta ai Bizantini, costringendoli a ritirarsi attorno alla Chiesa di San Pancrazio, e nel borgo di San Peri. Dal 1071, in seguito alla conquista delle Madonie da parte dei Normanni, Polizzi fu abitata dai nuovi conquistatori . Chiesa di San Pancrazio I Normanni diedero a Polizzi un notevole impulso e sviluppo, grazie all’opera di Adelasia, nipote di Re Ruggero il Normanno, che ricevette l’intero territorio polizzano nel 1082. Con lei Polizzi si estese fino a diventare uno dei più importanti centri e riuscì a far convivere pacificamente al suo interno le diverse etnie presenti: Bizantini, Arabi, Latini, ed Ebrei.
  • Nel 1234 l’Imperatore Federico II onorò la città del titolo di Generosa, titolo poi confermato da Pignatelli, vicerè di Carlo V, nel 1527
  • Polizzi Generosa, città regia, nel settembre del 1282. prese parte ai Vespri Siciliani, dando il proprio apporto in termini di truppe e viveri, per riconoscenza viene invitata a partecipare al Parlamento Siciliano. Polizzi forte dei propri statuti, si guadagnò alcuni privilegi che segnarono il suo sviluppo di città demaniale
  • Nel corso del Rinascimento, Polizzi raggiunse il periodo di maggior splendore, con la realizzazione di notevoli costruzioni artistiche e monumentali. Il 14 ottobre 1535 l’Imperatore Carlo V, accolto dai polizzani con grande calore, lasciò in ricordo un prezioso e sontuoso baldacchino, oggi conservato nella Chiesa Madre
  • Polizzi dominava il territorio di due fiumi sin dalle epoche più remote, “fiume grande” o Imera settentrionale e lo xireni oggi Salso o Imera meridionale. Pertanto Polizzi veniva a costituire il nodo principale di un sistema viario “la via del grano”, da dove passavano Re, viceré con la loro corte, mercanti con le loro mercanzie, ecc… dalla costa verso l’entroterra della Sicilia
  • A Polizzi, fino all’Unità d’Italia quando furono soppressi gli ordini religiosi, erano presenti ben 32 Chiese, 19 Ordini Religiosi, maschili e femminili, oltre a 9 istituzioni sanitarie
  • Polizzi Generosa, arroccata su un monte a 917 metri s.l.m., oggi si presenta al visitatore come uno scrigno ricco di tesori, e intende promuovere e valorizzare queste risorse al fine di raggiungere un’ entusiasmante fruizione dei beni culturali, artistici e ambientali. La visita di questa incantevole cittadina saprà conquistarvi con la bellezza dei suoi luoghi
  • Della Chiesa Madre titolata a Maria SS. Assunta, si ignora l’anno di fondazione. Gli studiosi ritengono che la costruzione debba risalire all’epoca normanna, con ampliamenti successivi realizzati grazie alla generosità della contessa Adelasia.
  • Caratteristico il portale di San Cristoforo sul lato meridionale della Chiesa Madre. Elegante esempio di scultura del Trecento
  • All’interno della Chiesa Madre sono presenti numerose opere d’arte, ne citiamo alcune: Il Trittico fiammingo di Rogier VAN DER WEYDEN, la Madonna con il Bambino (G. MANCINO), l’Arca marmorea di San Gandolfo ( Domenico GAGINI), il trittico della Visitazione (Joseph DE MATTA), ecc…
  • Chiesa S. Gandolfo La Povera, antistante la Chiesa Madre, edificata nel 1622. La struttura esternamente presenta un prospetto a capanna, un campanile angolare e un portale incorniciato da elementi decorativi. Tra le opere custodite al suo interno: Il Patrocinio di San Gandolfo di Giuseppe SALERNO L’Immacolata Concezione di Donato CRETI Scene di vita di San Gandolfo di Joseph DE MATTA
  • Chiesa di San Girolamo eretta tra il 1681 ed il 1730, su progetto di Frà Angelo Italia. La struttura si presenta a pianta centrale ottagonale con cappelle radiali. Nel prospetto principale spicca un portale barocco, nel quale sono stati intagliati volti di putti, papi e santi. Sulla parte alta è raffigurata una conchiglia con San Girolamo San Girolamo
  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie o Badia Nuova, sede di un monastero benedettino edificata nel 1499, dalla famiglia Signorino. All’interno una grande custodia lignea a forma piramidale, realizzata dal polizzano Pietro Bencivinni nel 1697
  • Chiesa di Santa Margherita o Badia Vecchia, realizzata nel XV secolo, è stata rifatta nel 1660 e fu modificata nel Settecento e agli inizi dell’Ottocento. Ad una unica navata, presenta un coro sostenuto da due colonne in stile gotico e delimitato da una elegantissima grata in ferro battuto Chiesa di Santa Margherita o Badia Vecchia, realizzata nel XV secolo, è stata rifatta nel 1660 e fu modificata nel Settecento e agli inizi dell’Ottocento. Ad una unica navata, presenta un coro sostenuto da due colonne in stile gotico e delimitato da una elegantissima grata in ferro battuto
  • Chiesa di San Nicolò De Franchis, eretta nel 1167, per volere di Pietro di Tolosa, insieme all’annesso ospedale al servizio dei poveri. Qui, il 3 aprile 1260 (sabato santo) morì San Gandolfo, protettore di Polizzi Chiesa di San Nicolò De Franchis, eretta nel 1167, per volere di Pietro di Tolosa, insieme all’annesso ospedale al servizio dei poveri. Qui, il 3 aprile 1260 (sabato santo) morì San Gandolfo, protettore di Polizzi
  • Chiesa del Carmine, eretta nei primi anni del 1500, presenta un portale in pietra squadrata chiuso da un timpano, alla sua destra si innalza un campanile con archi a tutto sesto e pinnacoli a punta di diamante. L’interno si presenta ad una navata
  • Cappella del SS. Crocifisso Crocifisso ligneo attribuito a Francesca Gallusca, allievo di Frate Umile da Petralia
  • La Commenda, opera di Ruggero D’Aquila, appartenente all’Ordine Sovrano Militare di Malta, risalente al 1177, aveva il compito di proteggere i pellegrini e dare assistenza agli ammalati. La Commenda di Polizzi era la più ricca del territorio siciliano. Oggi rimangono solo dei pittoreschi ruderi
  • Chiesa di Sant’Orsola Edificata nel 1386, e successivamente ampliata nel 1500. Presenta due ingressi, che si differenziano per i portali di stile ed epoca differenti, quello principale di tipo rinascimentale, quello secondario di stile gotico. L’interno si presenta ad una navata, con altari laterali. All’interno sono custoditi: Tela dell’Immacolata Concezione Statua lignea di Sant’Orsola Statua della Madonna del Rosario con San Domenico
  • Chiesa Santa Maria Gesù al Piano Eretta nel 1300, la facciata principale è ritmata dal portale e da paraste entrambi in pietra squadrata, che sorreggono un cornicione. Presenta anche un portale laterale, in stile romanico con un arco a tutto sesto e con cantonali in pietra. Fu sede del Senato cittadino, istituito da Carlo V (1535), ancora oggi è presente su un lato della chiesa, una mano in pietra che sosteneva lo stendardo.
  • Chiesa Maria SS. dell’Udienza Risalente al XII secolo Costruita per volere della Contessa Adelasia, al fine di segnare il confine della Capitanea bizantina. Inizialmente intitolata a S. Giorgio. Fu capo di capitanee e di quartiere e centro spirituale dei fedeli di rito bizantino. La Chiesa si presenta ad una navata, con un pregiatissimo pavimento in ceramica. Oggi sede della Confraternita Maria SS. Dell’Udienza, fondata nel 1837. Sono presenti all’interno: Affresco della Madonna dell’Udienza Un antico presepe Statua di san Vito Tela della Madonna dell’Udienza
  • Chiesa Santa Maria della Porta o degli Schiavi Eretta intorno al XVI secolo, era intitolata a San Giovannino Il prospetto principale è caratterizzato da un portale con arco a tutto sesto, e da un campanile con piedritti in pietra L’interno si presenta ad aula rettangolare ed è coperto da capriate il legno. Sono presenti all’interno: Tela del ritorno della Sacra Famiglia Tela di San Giovanni e San Luca Statua della Sacra Famiglia
  • Chiesa di San Pancrazio Si ignora l’anno di fondazione, fu capo di capitanee e di quartiere già alla fine del XII secolo. La struttura si presenta a una navata All’interno sono presenti: Tela di San Pancrazio e la Vergine del Seicento (Giuseppe SALERNO) Crocifisso ligneo (autore ignoto) La Chiesa ospita dal 1598 l’omonima Confraternita
  • Palazzo Comunale ex Convento dei Gesuiti Eretto tra il 1681 ed il 1730,con l’adiacente Chiesa di San Girolamo Fu l’unica sede in tutto il territorio dell’Ordine dei Gesuiti Tale edificio, oggi ospita: la biblioteca comunale, la mostra del giocattolo antico, il museo archeologico e gli uffici comunali Palazzo Comunale ex Convento dei Gesuiti Eretto tra il 1681 ed il 1730,con l’adiacente Chiesa di San Girolamo Fu l’unica sede in tutto il territorio dell’Ordine dei Gesuiti Tale edificio, oggi ospita: la biblioteca comunale, la mostra del giocattolo antico, il museo archeologico e gli uffici comunali
  • Chiesa Santa Caterina o Batiula Si ignora l’anno di fondazione, dal 1584, in locali attigui alla chiesa erano presenti le Terziarie che, si occupavano delle orfanelle. Dal 1897 la chiesa ospita la Confraternita di Santa Maria del Castello. La facciata esterna presenta un portone di forma rettangolare, nella parte alta spicca un campanile, mentre l’interno si presenta ad una navata. Chiesa Santa Caterina o Batiula Si ignora l’anno di fondazione, dal 1584, in locali attigui alla chiesa erano presenti le Terziarie che, si occupavano delle orfanelle. Dal 1897 la chiesa ospita la Confraternita di Santa Maria del Castello. La facciata esterna presenta un portone di forma rettangolare, nella parte alta spicca un campanile, mentre l’interno si presenta ad una navata.
  • Palazzo Carpinello Fu sede della Regia Secrezia, la quale gestiva il potere finanziario delle città demaniali. Spiccano nella facciata due antiche meridiane.
  • Chiesa dei Cappuccini o dell’Annunziata Si ignora l’anno di fondazione, di certo, i frati Cappuccini, dopo aver abitato nel corso del Cinquecento, in due sedi fuori dal centro abitato si trasferiscono nella chiesa intorno al 1640. Qui continuarono a svolgere le loro opere caritative fino al 1866, anno delle soppressioni delle corporazioni religiose Oggi della chiesa rimangono solo i muri perimetrali e una parte del tetto
  • ARCHI Caratteristico acquedotto costruito tra il 1476 e il 1480 per portare l’acqua dalla Madonna dell’Alto a Polizzi Generosa
  • Chiesa di San Francesco oggi Auditorium Comunale Fondata intorno al 1300, anche se tale data non può essere stabilita con certezza. Nel XV secolo, grazie alla generosità della regina Bianca di Navarra, la chiesa si ingrandì e divenne il più importante centro spirituale di Polizzi. Oggi l’edificio è utilizzato come Auditorium comunale, e sala per convegni e mostre
  • Festa SS. Crocifisso 1 – 4 Maggio Il SS. Crocifisso viene festeggiato dal 1 al 4 maggio, ma già 8 giorni prima i fedeli dedicano un viaggio devozionale, recitando trentatre “credo”, tra questi, vi è anche chi, decide di fare “u viaggiu o Signuri” a piedi scalzi, per sciogliere un voto o per chiedere una grazia
  • 1 ° Maggio Benedizione delle campagne
  • 3 Maggio Processione solenne Il SS. Crocifisso viene portato a spalla dai “nudi”, partecipano tutte le Confraternite e tutte le Deputazioni di Polizzi
  • Sosta a Piazza SS. Trinità
  • Festa di San Gandolfo 3ª domenica di Settembre
  • Nel pomeriggio di domenica viene portato in processione il busto argenteo di San Gandolfo contenente le spoglie del Santo