Your SlideShare is downloading. ×

Manuale rwx62

3,453

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,453
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
59
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ®POLYGYR JokerR W X 6 2 ...M a n u a le d’im p iego Landis & Staefa Division
  • 2. Sommario 1 Sommario .......................................................................................................... 1-4 1.1Breve descrizione........................................................................................ 1-4 1.2Applicazione principale............................................................................... 1-4 1.2.1 Variabili controllate ................................................................................... 1-4 1.2.2 Applicazioni .............................................................................................. 1-4 1.3Modelli .......................................................................................................... 1-5 1.3.1 Documentazione ...................................................................................... 1-5 1.3.2 Ricambi.................................................................................................... 1-5 1.3.3 Unità personalizzate................................................................................. 1-5 1.4Combinazioni ............................................................................................... 1-5 2 Note Importanti ................................................................................................. 2-6 2.1Uso corretto ................................................................................................. 2-6 2.2Sicurezza...................................................................................................... 2-6 2.2.1 Simboli di sicurezza ................................................................................. 2-6 2.2.2 Prerequisiti di funzionamento ................................................................... 2-6 2.2.3 Sicurezza attiva e passiva........................................................................ 2-7 2.2.4 Note generali sulla sicurezza.................................................................... 2-7 2.3Imballo, magazzino e trasporto.................................................................. 2-8 2.4Manutenzione e servizio.............................................................................. 2-8 2.5Disposizioni ambientali............................................................................... 2-8 2.6Abbreviazioni ............................................................................................... 2-9 3 Esecuzione ...................................................................................................... 3-10 3.1Custodia ..................................................................................................... 3-10 3.2Pulsanti e display ...................................................................................... 3-10 3.2.1 Custodia trasparente.............................................................................. 3-10 3.2.2 LCD........................................................................................................ 3-10 3.2.3 Pulsanti di comando............................................................................... 3-10 4 Montaggio........................................................................................................ 4-11 5 Istruzioni operative ......................................................................................... 5-13 5.1Elementi di funzionamento ....................................................................... 5-13 5.2Stato funzionamento impianto ................................................................. 5-14 5.3Correzione del setpoint............................................................................. 5-15 5.4Impostazione compensazione.................................................................. 5-15 5.5Allarmi e guasti.......................................................................................... 5-16 5.5.1 Deviazione allarme................................................................................. 5-16 5.5.2 Termostato protezione antigelo, PROT .............................................. 5-16 5.5.3 Sonda protezione antigelo, S PROT .................................................. 5-16 5.5.4 Sonda principale difettosa ...................................................................... 5-16 5.5.5 Sonde ausiliare difettose ........................................................................ 5-17 5.5.6 Potenziometro (esterno) difettoso .......................................................... 5-17 6 Messa in servizio ............................................................................................ 6-18 6.1.1 Comandi................................................................................................. 6-18 6.1.2 Nuova configurazione RWX62............................................................... 6-18 6.1.3 Impostazione configurazione e parametri .............................................. 6-19Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 1-1
  • 3. 7 Configurazione ................................................................................................7-20 7.1Struttura interna .........................................................................................7-20 7.2Modalità operativa .....................................................................................7-21 8 Configurazione regolatore..............................................................................8-22 8.1.1 Impostazione ingressi .............................................................................8-22 8.1.2 Impostazione uscite ................................................................................8-26 9 Progettazione...................................................................................................9-28 10 Parametrizzazione.........................................................................................10-35 11 Descrizione funzioni......................................................................................11-38 11.1 Selezione funzione di controllo [FUNCT] .........................................11-38 11.2 Selezione unità di misura [TEMP] .....................................................11-38 11.3 SEQREG, regolatore in sequenza .....................................................11-39 11.3.1 Modalità di funzionamento....................................................................11-40 11.3.1.1 Setpoint notturno E1 (NIGHT)....................................................11-40 11.3.1.2 Spegnimento impianto "OFF" con E2 [STNDBY].......................11-40 11.3.2 Ingressi universali B... ...........................................................................11-40 11.3.2.1 Taratura valori misurati [CORSCA] ............................................11-42 11.3.3 Funzione di controllo [SEQREG] .........................................................11-42 11.3.3.1 Struttura regolatore ....................................................................11-42 11.3.3.2 Impostazione uscite ...................................................................11-43 11.3.3.3 Visione generale segnali d’uscita ...............................................11-44 11.3.3.4 Sequenza 1................................................................................11-45 11.3.3.5 Uscita analogica (Y…) ...............................................................11-45 11.3.3.6 Uscita digitale (Q...)....................................................................11-47 11.3.3.7 Una (sola) uscita digitale (0Y + 1Q) ...........................................11-48 11.3.3.8 Una uscita analogica e una digitale (1Y + 1Q) ...........................11-48 11.3.3.9 Uscite a gradini “Lineare” (n Q con LIN).....................................11-49 11.3.3.10 Uscite a gradini “Binario” (n Q con BIN) .....................................11-50 11.3.3.11 Uscite a gradini “Variabile” (nQ con VAR)..................................11-51 11.3.4 Parametri di controllo (“XP”, “Tn”).........................................................11-53 11.3.5 Setpoint ................................................................................................11-55 11.3.5.1 Impostazione setpoint ................................................................11-55 11.3.5.2 Potenziometro esterno [TELSEL] ..............................................11-56 11.3.5.3 Compensazione [MULFUN, COMP] ..........................................11-58 11.3.6 Protezione antigelo ...............................................................................11-66 11.3.6.1 Termostato antigelo [ PROT]...................................................11-66 11.3.6.2 Sonda protezione antigelo, limite PI [S PROT] ........................11-67 11.3.7 Regolatori ausiliari ................................................................................11-70 11.3.7.1 Limite [LIM] ................................................................................11-70 11.3.7.2 Regolazione temperatura in cascata [LIM + CASC] ..................11-72 11.3.7.3 Limite PI di minima, con azione sulla sequenza 1 [LIMSPE]......11-74 11.3.7.4 Limite PI di massima, con azione sulla sequenza 3 [LIMMAX] ..11-77 11.3.8 Funzioni ausiliarie .................................................................................11-78 11.3.8.1 Regolazione di massima priorità sulla sequenza 3 [MAXPRI]....11-78 11.3.8.2 Azione inversa sulla seq.1..........................................................11-79 11.3.8.3 Multifunzione con Q: MULFUN [RELEAS] per 1Y + 1Q.............11-83 11.3.8.4 Blocco sequenze con MULFUN [LOCK]....................................11-84 11.3.8.5 Impostazione allarme sulla sonda di regolazione [DEVALM] .....11-86 11.4 Regolatore digitale [DIGREG] ..............................................................11-87 11.4.1 Modalità operativa ................................................................................11-87 12 Schema di collegamento ..............................................................................12-89 13 Dati tecnici .....................................................................................................13-90CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa1-2 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 4. 14 Dimensioni..................................................................................................... 14-93 15 Appendice...................................................................................................... 15-93 15.1 Stampa parametrizzazione .................................................................. 15-93 15.2 Visualizzazione a display ................................................................... 15-103 15.2.1 Regolatore in sequenza ..................................................................... 15-103 15.2.2 Regolatore digitale [DIGREG]............................................................ 15-113 15.3 Abbreviazioni ...................................................................................... 15-117Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 1-3
  • 5. 1 Sommario1.1 Breve descrizione Regolatore elettronico universale autonomo con tre loop di controllo liberamente configurabili come regolatori con uscite in sequenza a caratteristica P, PI, PID o come regolatori digitali a caratteristica P. Ingressi universali per segnali analogici o digitali. Segnali d’uscita analogici o digitali. Alimentazione 24 V AC. Immissione e impostazione diretta di tutti i dati nell’unità; non sono richiesti accessori di parame- trizzazione.1.2 Applicazione principale Il regolatore universale è adatto per impianti di ventilazione, aria condizionata e anche im- pianti di riscaldamento.1.2.1 Variabili controllate Possono essere regolate le seguenti variabili: – Temperatura -35...130 °C – Umidità relativa 0...100 % – Umidità assoluta 0...20 g/kg – Entalpia 0...100 kJ/kg – Pressione 0...40 bar – Pressione differenziale per liquidi 0…10 bar – Pressione differenziale per gas 0...500 Pa o 0...3.00 kPa – Velocità dell’aria 0...850 m3 /s o m3 /h o l/h – Qualità dell’aria 0...2000 ppm CO2 (0...200 display)1.2.2 Applicazioni • Regolatore: – 1...3 regolatori in sequenza con funzioni ausiliarie e segnali d’uscita analogiche e di- gitali o – 1...3 regolatori digitali con uscite digitali • Funzioni ausiliarie: – Commutazione stagionale segnale d’uscita – Compensazione – Commutazione stagionale in funzione della temperatura esterna – Regolazione in cascata (temperatura ambiente/mandata) – Limite di minima e massima – Protezione antigelo – Messaggio d’eccessivo scostamento della grandezza regolata – Massima priorità per raffreddamento/deumidificazione – Inversione del segnale per recupero energeticoCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa1-4 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 6. 1.3 Modelli Ingressi Uscite Modello Analog/Digitale Digitale Analog Digitale 3 2 3 0 RWX62.5030 5 2 3 2 RWX62.7032 5 2 3 4 RWX62.7034 5 2 3 6 RWX62.70361.3.1 Documentazione Foglio tecnico in italiano CM2N3351it Guida all’installazione e alla parametrizzazione in italiano completo di carte operative (set di 20 schede ciascuna) ARG62.120it1.3.2 Ricambi Porta scheda operativa PUP1.2 Cornice per montaggio a fronte quadro ARG62.101.3.3 Unità personalizzate La Landis & Staefa fornisce unità specifiche personalizzate per grandi ordini; queste unità differiscono da quelle standard come segue: • Applicazioni preconfigurate • Pre-impostazioni e parametri all’interno di campi specifici • Unità con logo specifici del cliente Per le unità personalizzate contattate il responsabile d’area di vendita di zona.1.4 Combinazioni Le seguenti sonde, servocomandi e trasduttori Landis & Staefa possono essere collegati ai regolatori universali RWX62... Unità Foglio Tecnico n. • Sonde di temperatura LS Ni 1000 Ω 17... a 19... • Sonde attive 0...10 V DC 17... a 19... • Sonde antigelo QAF63... e QAF64... 1821 / 1283 • Unità ambiente QAA25 1721 • Potenziometri FZA21.11 + FZA61.11 198... • Servocomandi per serrande 0...10 V DC 46... • Servocomandi per valvole 0...10 V DC 45... • Controllori 46... • Segnali per convertitori SEM 61.4 (per variatori statici) 51... • Convertitori di segnali 34... Sono possibile combinazioni con altre marche purché siano compatibili con le specifiche dei segnali del RWX62..Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 1-5
  • 7. 2 Note Importanti ⇒ Leggere questo capitolo prima di passare al successivo! ⇒ Questo capitolo contiene importanti informazioni riguardo alla sicurezza delle per- sone e dell’impianto.2.1 Uso correttoCampo d’impiego Utilizzare il POLYGYR RWX62... per controllare e regolare impianti di ventilazione, aria condizionata ed impianti di riscaldamento.Combinazioni Il regolatore è progettato per essere utilizzato con tutte le apparecchiature Landis & Staefa o compatibili. Per la configurazione generale rispettare le norme del fornitore del componente di terze parti. Assicurarsi che tali unità rispondano ai requisiti tecnici e di sicurezza previste..2.2 Sicurezza2.2.1 Simboli di sicurezza Il simbolo a sinistra indica note speciali di sicurezza da rispettare. Ignorare questa nota può portare a gravi danni alle cose e alle persone. ⇒ Osservare attentamente tutte le note speciali (della freccia)!Dove sono simboli Questo capitolo e quelli associati, contengono note speciali e avvertimenti sulla sicurezza.d’avvertimento? Le note e gli avvertimenti sono utilizzati in varie posizioni e non proprio dove c’è pericolo immediato derivante dal POLYGYR RWX62.… Il simbolo d’avvertimento indica anche casi in cui l’uso improprio o impostazioni errati pos- sono causare danni. Per favore osservate tutti gli ulteriori simboli di sicurezza presenti sulle unità e sui compo- nenti dell’impianto. Il corrispondente testo sulla sicurezza si trova nella rispettiva descrizio- ne del prodotto o direttamente sui componenti.2.2.2 Prerequisiti di funzionamento Solo tecnici preparati ed addestrati sono in grado di parametrizzare l’ RWX62… e solo personale preparato è in grado di utilizzare al meglio il regolatore.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa2-6 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 8. 2.2.3 Sicurezza attiva e passivaSicurezza La sicurezza attiva e passiva è una caratteristica intrinseca del prodotto che dipendeattiva e passiva esclusivamente dall’uso.Sistema attivo e passivo La sicurezza attiva dell’ RWX62... è ottenuta come segue: – Sicurezza attivata dal software (autodiagnosi, test, avviso d’allarme, disattivazione negli errori, salvataggio dati in mancanza d’alimentazione, ecc..) – Sicurezza garantita attraverso il designSistema di sicurezza La sicurezza passiva dell’ RWX62... è ottenuta come segue:passiva – Separazione dei livelli di configurazione "AUTO MODE" (gli operatori con minor familia- rità possono accedere solo a parametri poco critici come setpoint, ecc..) – Training e corsi al personale addetto alla parametrizzazione da parte della Landis & Staefa (training per un corretto impiego e per la sicurezza)2.2.4 Note generali sulla sicurezza Il POLYGYR RWX62... è un prodotto ad alta tecnologia, costruito a regola d’arte e d’alta sicurezza.Impiego Requisiti previsti per RWX62... sono: trasporto e magazzinaggio adeguato, montaggio, in- stallazione e parametrizzazione corretti. Le seguenti note di sicurezza non si riferiscono solo al regolatore RWX62... ma anche al rispettivo ambiente (es. quadro elettrico) ed agli impianti tecnologici. Osservare tutte le note relative alla sicurezza per evitare danni alle persone ed alle appa- recchiature. ⇒ Non rimuovere, manomettere o disattivare apparecchiatura o funzioni di sicurezza. ⇒ Utilizzare componenti di sistema solo se sicuri dal punto di vista tecnico. Correggere tutti gli errori che possono influenzare la sicurezza. ⇒ Conformarsi alle norme di sicurezza previste per la sovralimentazione ed evitare tutte le operazioni che possono manomettere le esistenti misure di sicurezza. ⇒ Non rimuovere, per esempio, coperchi, custodie o altri accessori di protezione. Non com- pare impianti o componenti d’impianto se l’equipaggiamento protettivo installato è ineffi- cace o danneggiato nella sua funzione prevista. ⇒ Non compiere azioni che possono danneggiare la sicurezza della bassa tensione (24 V AC). ⇒ Sezionare la tensione prima di operare sul regolatore. Non operare in presenza di tensio- ne. ⇒ Utilizzare solo fusibili prescritti e sezionare la tensione dell’impianto prima di sostituirli. ⇒ Evitare interferenze elettromagnetiche e altri tipi di disturbi di segnali perché possono cau- sare malfunzionamenti e ridurre la sicurezza. ⇒ Montare e installare componenti d’impianto solo in accordo con le rispettive istruzioni. ⇒ Proteggere tutti i componenti elettronici, i circuiti a bordo macchina non protetti, i connetto- ri e gli altri componenti elettrici connessi ai circuiti interni da cariche statiche. ⇒ Riguardo alle cariche statiche, osservare tutte le misure di sicurezza come la messa a ter- ra, i collegamenti equipotenziali, basi elettroconduttive ecc.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 2-7
  • 9. 2.3 Imballo, magazzino e trasporto L’imballo richiesto per il magazzino e il trasporto dipende da: – Possibilità di protezione meccanica – Possibilità d’influenza climatiche.Utilizzo dell’imballo Utilizzare l’imballo originale per una protezione meccanica o per condizioni climatiche (EC standard).Protezioni meccaniche Evitare pressioni esterne e meccaniche sull’imballaggio (es. oggetti affilati o spigolo- si).Accatastare le unità imballate solo quelle dove limballo è idoneo a proteggere il conte- nuto da pressioni esterne.Trasporti difficoltosi Per il trasporto in condizioni difficili (es. su veicoli scoperti, soggetti ad urti fuori norma, quelli dove il trasporto avviene via mare o in aree subtropicali) utilizzare imballaggi addi- zionali e diversi come previsto per questi tipi di condizioni.Magazzino Immagazzinare l’unità in modo da evitare condizioni ambientali che possono danneggiar- la. Evitare variazioni di temperatura brusche soprattutto per formazione di condensa. ⇒ Osservare le istruzioni di magazzinaggio e trasporto nel capitolo 13 "Dati tecnici“ e nel fo- glio tecnico CM2N3351it. In caso di dubbio contattare il vostro agente Landis & Staefa. ⇒ Chi causa danni per incuria, cattivo impiego, errato magazzinaggio o imballo e trasporto improprio n’è responsabile.2.4 Manutenzione e servizioPulizia frontale Quando s’installa il regolatore RWX62... a fronte quadro, il frontale rimane lunica parte accessibile dallesterno. Se necessario, pulire il frontale con un panno umido (non bagna- to) soffice e pulito. Per rimuovere le macchie usare sapone o soluzioni neutre. ⇒ Non usare sostanze abrasive o corrosive per la plastica. ⇒ Evitare soluzioni acide o alcaline, spray, colpi e urti al regolatore!Guasti Quando è necessario, chiamare il servizio assistenza di zona per diagnosi o riparazioni. Soltanto il personale autorizzato può fare diagnosi, correzione parametrizzazioni (es. test, cambi di fusibili). ⇒ Manipolazioni non autorizzate deresposabilizza il costruttore. Chi causa danni è respon- sabile per i danni causati e per le sue conseguenze.2.5 Disposizioni ambientaliProtezione ambientale Il POLYGYR RWX62... non causa nessuna emissione conosciuta all’ambiente.Disposizioni Per favore attenersi alle direttive ambientali per lo smaltimento dei componenti elettronici: – Separare i componenti in modo opportuno, custodie, basette e circuiti elettronici per ri- porli negli appositi contenitori per il riciclaggio dei componenti elettronici predisposti da ogni comune. – Attenersi scrupolosamente alle direttive dei propri comuni di residenza. – Non riporre i componenti nei normali contenitori casalinghi.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa2-8 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 10. 2.6 Abbreviazioni In fondo al “Manuale d’Impiego” è disponibile un elenco delle abbreviazioni normalmente utilizzate. Per una maggiore leggibilità le abbreviazioni sono in ordine alfabetico. Negli schemi ed illustrazioni, sono usate le seguenti abbreviazioni e sigle: AC Corrente alternata XDZ Zona morta B... Ingresso universale XP Bea Proporzionale DC Corrente continua d. c. del campo DT Tempo morto Y Variabile controllata E Ingresso digitale Y... Segnale d’uscita I Integrale (regolatore) K Gradi Kelvin ϕ Umidità Min Minuti Ω Ohm OFF OFF ON ON Notte (comando) P Proporzionale (regolatore) Giorno (funzionamento normale) Q Carico Protezione antigelo Q... Uscita relè Stanby s Secondi n ON (attivo) t Temperatura (°C) T Tempo V Volt w Setpoint x Valore istantaneoSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 2-9
  • 11. 3 Esecuzione3.1 Custodia Il regolatore universale POLYGYR RWX62... è un’unità compatta secondo le norme DIN 43 880 Gr 1, ed è integrato in una custodia plastica chiusa ed elegante.Morsetti Morsetti estraibili. I morsetti d’alimentazione G, G0 sono di colore arancione, per essere facilmente identifi- cabili.3.2 Pulsanti e display Pulsanti di comando dell’ RWX62... sul pannello frontale. 0.3 Value inputs B1..5: to cont.Bnr B1: Temperatura ambiente B1 Y1 B2: Temperatura mandata B1 Y2 °C Y3 B3: Temperatura antigelo B1 Q1 SEL Q2 Q3 INF0 B4: T emperatura esterna B1 Q4 °C Q5 Q6 B5: (inattivo) SEL 33 (Alarms and errors see back page) 51 Z1 0E ñ ñ ñ Custodia trasparente LCD Pulsanti di comando3.2.1 Custodia trasparente La custodia trasparente contiene le schede specifiche dell’applicazione (sonde e segnali d’uscita), fornite col regolatore. Da compilare le relative schede.3.2.2 LCD Il display LCD visualizza: – I valori attuali di funzionamento (massimo 3 digit) – I codici funzionali e i simboli3.2.3 Pulsanti di comando I pulsanti di comando hanno le seguenti funzioni:INFO Utilizzare il pulsante INFO per selezionare le pagine funzioni. Utilizzare il pulsante con la freccia a sinistra (< ) per selezionare il quadro precedente e la freccia a destra (> ) per il successivo. Utilizzare il pulsante con freccia destra (> ) per riconoscere un display lampeggiante e pro- cedere simultaneamente al quadro successivo.SEL Utilizzare il pulsante SEL per attivare selezioni o confermare di valori impostati. Display lampeggiante significa che i dati possono essere modificati.+/− Utilizzare i pulsanti + / − per incrementare o diminuire i valori lampeggianti.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa3-10 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 12. Y1 Il seguente quadro test appare sul display LCD per circa 5 secondi dopo l’alimentazioneY2 °F TELE °C 24 V AC. Il quadro contiene tutti i segmenti disponibili. Dopo viene visualizzata la versioneY3 %Q1 SEL K software corrente. Dopo altri 5 secondi il display si porta automaticamente sul quadro cor-Q2 rente successivo.Q3 CO2 PA2 PA1 °FQ4 °CQ5 CO1 SI SEL % Per apparecchi non ancora configurati il display si porta nella modalità CONF2/MODE,Q6 K per inizializzare la configurazione specifica dell’impianto. 3351Z12 Per apparecchi già configurati: vedi capitolo 5 (AUTO MODE).Nota bene Tutte le abbreviazioni utilizzate sul LCD sono in fondo al “Manuale d’impiego”.4 Montaggio Per il montaggio a quadro, seguire le seguenti istruzioni: • Montaggio in un quadro standard a norme DIN 43 880 • Montaggio su guida ad incastro (EN 50 022-35x7.5) • Montaggio su pannello piano con due viti di fissaggio • Montaggio a fronte quadro con la cornice ARG62.10Note di montaggio Per il montaggio su guida DIN, non sono richiesti accessori (A). Per il montaggio a parete occorrono due viti autofilettanti da 3.7mm (B). Per il montaggio a fronte quadro occorre la cornice ARG62.10 (C). I collegamenti elettrici alle morsettiere estraibili, si possono effettuare prima o dopo il montaggio a fronte quadro.Montaggio suguida DlN (A) 1 3 3351J04 2Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 4-11
  • 13. Montaggio supannello piano (B) 3351J05Montaggio afronte quadro (C) 180 ±1 49.5 ±1 3351J06CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa4-12 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 14. 5 Istruzioni operative5.1 Elementi di funzionamento 0.3 Value inputs B1..5: to cont.Bnr B1: Temperatura ambiente B1 Y1 B2: Temperatura mandata B1 Y2 °C Y3 B3: Temperatura antigelo B1 Q1 SEL Q2 Q3 INF0 B4: T emperatura esterna B1 Q4 °C Q5 Q6 B5: (inattivo) SEL 33 (Alarms and errors see back page) 51 Z1 0E ñ ñ ñ Custodia trasparente LCD PulsantiCustodia trasparente La custodia trasparente contiene le schede specifiche dell’applicazione (sonde e segnali d’uscita), fornite col regolatore. Da compilare le relative schede. I pulsanti di comando hanno le seguenti funzioni:INFO Utilizzare il pulsante INFO per selezionare le pagine funzioni. Il pulsante con la freccia a sinistra (< ) per selezionare il quadro precedente e la freccia a destra (> ) per il successivo. Il pulsante con freccia destra (> ) per riconoscere un display lampeggiante e procedere si- multaneamente al quadro successivo.SEL Utilizzare il pulsante SEL per attivare selezioni o confermare i valori impostati. Display lampeggiante significa che i dati possono essere modificati.+/− Utilizzare i pulsanti + / − per incrementare o diminuire i valori lampeggianti.LCDY1 Dopo l’alimentazione 24 V AC, appare sul display LCD il seguente quadro per circa 5 se-Y2 °FY3 TELE °C condi. Il quadro contiene tutti i segmenti disponibili. Dopo viene visualizzata la versione % SELQ1 K software corrente e dopo altri 5 secondi il display si porta automaticamente sul quadroQ2Q3 CO2 PA2 PA1 °F corrente successivo.Q4 °CQ5 CO1 SI SEL %Q6 K Per apparecchi non ancora configurati il display si porta nella modalità CONF2/MODE, per inizializzare la configurazione specifica dell’impianto. 3351Z12Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 5-13
  • 15. Descrizione LCD 3 Y1 1 Y2 °C 4 Y3 SEL Q1 2 Q2 Q3 5 Q4 Q5 Q6 °C 6 3351Z15 • Indicazione di tutte le uscite analogiche Y es. Y1 5 segnale d’uscita 5 V DC ‚ Indicazione di tutte le uscite digitali Q es. Q1 contatto Q1 chiuso Q2 contatto Q2 aperto ƒ Indicazione della variabile principale regolata „ Indicazione del setpoint … Indicazione funzionamento Giorno, Notte, Standby (OFF) † Indicazione dei valori ausiliari del regolatore o del diagramma a barre.5.2 Stato funzionamento impianto Y1 Y1 Y1 Y2 °C Y2 °C Y2 °C Y3 Y3 Y3 Q1 SEL Q1 SEL Q1 SEL Q2 Info Q2 Info Q2 Info °C °C 3351Z16 Si possono visualizzare tutte le informazioni col pulsante INFO.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa5-14 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 16. 5.3 Correzione del setpoint (Vedi "Descrizione delle funzioni di Setpoint ") Auto mode Y1 Y2 °C Y3 Q1 SEL Q2 Press SEL button Press INTO button Y1 Day setpoint display Y1 Night setpoint display Y2 Y2 Y3 Y3 SEL SEL Q1 K INFO Q1 K Q2 Q2 1) °C Only if °C SEL SEL night setpoint available Change by pressing Change by pressing 3351Z17E the SEL button and the SEL button and the buttons the buttons5.4 Impostazione compensazione (Vedi "Descrizione funzioni setpoint ") Auto mode Y1 Y2 °C Y3 Q1 SEL Q2 Press SEL button Press INTO button Y1 Day setpoint Y1 Night setpoint Y2 correction display Y2 correction display Y3 Y3 Q1 INFO Q1 Q2 Q2 SEL 1) Only if SEL night setpoint K available K Change by pressing Change by pressing 3351Z18E the SEL button and the SEL button and the buttons the buttonsSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 5-15
  • 17. 5.5 Allarmi e guasti5.5.1 Deviazione allarme Significa: °C eccessivo scostamento tra la grandezza regolata e il setpoint. SELQ6 3351Z195.5.2 Termostato protezione antigelo, PROTY1 Significa: °C SEL Allarme antigelo dal termostato di protezione La regolazione principale viene disattivata e il segnale Y del riscaldamento portato al valore massimo. Durante questo funzionamento viene visualizzato PROT.3351Z205.5.3 Sonda protezione antigelo, S PROTY1 Significa: °C SEL • Allarme antigelo dalla sonda di protezioneQ1 La regolazione principale viene disattivata, il segnale Y del riscaldamento portato al valore massimo, si spegne il ventilatore e attivato l’allarme col contatto Q1 °C • Riconoscimento allarme: premere il pulsante SEL3351Z235.5.4 Sonda principale difettosa Significa: Il valore della variabile controllata principale è fuori campo oppure è difettosa. La regolazione viene disattivata, rimane attiva solo la protezione antigelo S PROT 3351Z24CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa5-16 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 18. 5.5.5 Sonde ausiliare difettose Significa: Il valore della rispettiva variabile è fuori campo oppure è difettosa. Le funzioni LIM, LIMSPE, LIMMAX, MAXPRI, MULFUN collegate ai rispettivi valori misurati sono inattive. 3351Z255.5.6 Potenziometro (esterno) difettosoY1 Significa:Y2 °C Il potenziometro è fuori campo oppure è difettoso.Y3 TELE SEL La regolazione si porta al setpoint minimo impostato con MINSEL. La protezione antigelo rimane sempre attiva.3351Z26Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 5-17
  • 19. 6 Messa in servizio 0.3 Value inputs B1..5: to cont.Bnr B1: Temperatura ambiente B1 Y1 B2: Temperatura mandata B1 Y2 °C Y3 B3: Temperatura antigelo B1 Q1 SEL Q2 Q3 INF0 B4: T emperatura esterna B1 Q4 °C Q5 Q6 B5: (inattivo) SEL 33 (Alarms and errors see back page) 51 Z1 0E ñ ñ ñ Custodia trasparente LCD Pulsanti6.1.1 Comandi Impostare la configurazione e i parametri richiesti mediante i cinque pulsanti di comando. • Utilizzare il pulsante INFO (< ) per selezionare il quadro precedente o il pulsante INFO (>) per quello seguente. • Per modificare i dati visualizzati: – Premere il pulsante SEL: il dato sul display lampeggia (funzioni o parametri). – Modificare il dato lampeggiante con i pulsanti + o – , fino al valore desiderato. – Confermare premendo il pulsante SEL oppure col pulsante destro INFO (>). Utilizzare il pulsante INFO si conferma il dato e si passa contemporaneamente al quadro successivo. • Se il dato visualizzato è corretto: confermare col pulsante SEL e col pulsante INFO di destra (>) procedere al quadro successivo.6.1.2 Nuova configurazione RWX62 Sia la procedura di configurazione che quella di parametrizzazione sono chiaramente de- finite. I codici sono facilmente riconoscibili e guidano attraverso le modalità d’impostazione. Osservare quanto segue: • La variabile principale di controllo è visualizzata sulla riga superiore del display (corri- sponde al numero del regolatore) ed è definita con B... ; le funzioni ausiliare della rego- lazione sono visualizzate sulla riga inferiore e sono definite +B. 1 CO2 SEL 2 3351Z27 • Regolatore principale B1 ‚ Funzioni ausiliarie di controllo B2CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa6-18 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 20. • Le uscite si assegnano alle funzioni Y e Q col pulsante SEL. Le uscite assegnate Y... e Q... vengono confermate e appaiono in alto a sinistra del display. • Si può passare automaticamente ad un quadro successivo premendo il pulsante INFO di destra (>). • Vengono visualizzati solo i dati delle funzioni codificate (ed ignorate tutte quelle non co- dificate). • La variabile temperatura (°C/K o °F) è visualizzata alla destra del display. • La rispettiva modalità di funzionamento è indicata per tutto il ciclo sul display con le si- gle: CO2, CO1, PA2, PA1 o SI. • La commutazione delle funzioni di controllo avviene in modo automatico dopo aver completato le rispettive modalità CO2, CO1, PA2 e PA1. • Il ritorno alla modalità di configurazione è possibile solo attraverso le procedure de- scritte nella sezione "Variazione dei parametri e delle configurazioni ".6.1.3 Impostazione configurazione e parametriNota Bene • Soltanto i programmatori possono modificare le funzioni PA..., CO..., o SI di un regola- tore configurato. • Tutte le funzioni di controllo e di protezione antigelo sono inattive nelle modalità SI, CO1 e CO2. • Ogni modifica nella modalità CO1 e CO2 resetta tutti i valori successivi portandoli a quelli di fabbrica. Tutti i parametri seguenti devono essere immessi nuovamente. (Ad eccezione dell’unità di misura della temperatura °C/K per °F o viceversa.) • Ciascuna modifica in CO... e PA... diviene attiva solo uscendo dalla modalità in corso. Dopo avere alimentato a 24 V AC, l’unità configurata parte in modalità di regolazione e vi- sualizza il quadro del primo regolatore B1 o un quadro indicante un errore in corso sul di- splay LCD. Per entrare nella modalità di controllo PA..., CO... o SI, premere contemporaneamente i pulsanti + e – finché non appare sul display la modalità desiderata. La tabella visualizza la relativa durata in secondi. Premere i pulsanti + / − per Modalità 5 secondi PA1 modalità di parametrizzazione 1 10 secondi PA2 modalità di parametrizzazione 2 15 secondi SI modalità di simulazione 20 secondi CO1 modalità di configurazione 1 25 secondi CO2 modalità di configurazione 2 Quando sul display appare la modalità desiderata, rilasciare i pulsanti. Dopo aver effettuato tutte le modifiche si può tornare alla modalità di controllo automatico AUTO MODE o premendo il pulsante INFO più volte o premendo simultaneamente i pul- santi + e – per due secondi.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 6-19
  • 21. 7 Configurazione7.1 Struttura interna Il POLYGYR Joker ha un alto grado di flessibilità dovuto alla libera impostazione degli in- gressi e delle uscite, ed ai tre loop di controllo interni universali. I loop di regolazione eseguono funzioni basi ed ausiliarie. Si possono effettuare test di funzionamento modificando i parametri di configurazione. Il POLYGYR Joker può essere utilizzato sia come regolatore di sequenza sia digitale. Se codificato come regolatore di sequenza nella configurazione [SEQREG], sono disponibili fino a tre loop di regolazione indipendenti in modalità P, PI, o PID ciascuno con possibilità di quattro sequenze in uscita. Se il POLYGYR Joker è codificato come regolatore digitale [DIGREG] rimangono disponibili tre loop di regolazione indipendenti. I cinque segnali d’ingresso universali (Ni1000, 0...10V DC e 24 V AC), possono essere li- beramente assegnati ai loop di regolazione in funzione dell’applicazione. A seconda del modello del regolatore, sono disponibili per un massimo di tre uscite analo- giche 0…10 V DC e un massimo di sei uscite digitali (on/off) che possono essere libera- mente assegnate alle singole sequenze. Per dare una migliore comprensione del POLYGYR Joker, lo schema seguente ne illustra la struttura interna. Ad esempio: struttura interna di un RWX62.7036 1/2XNI°C / VOLT°C / AC24V Volt% / VOLT G-G0 B1 B2 B3 B4 B5 E1 E2 DIGREG DIGREG DIGREG SEQREG SEQREG SEQREG Y1 Y2 Y3 Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 3351Z28 DC0..10V AC24..230V 4(3)ACM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa7-20 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 22. 7.2 Modalità operativaNota Bene La modalità di controllo auto, durante la configurazione e la parametrizzazione, è inattiva. Il POLYGYR Joker prevede le seguenti modalità d’impostazione e di funzionamento. Per indicare in ogni momento la modalità corrente appare sul display l’abbreviazione del ri- spettivo funzionamento. Alla fornitura il regolatore universale è impostato sul punto di partenza del livello d’impostazione base: modalità di configurazione 2.Modalità: [CO2] Inizio configurazione, dove si assegnano i segnali dingresso e duscita ai rispettiviconfigurazione 2 loop di controllo. Viene definito quale modello di regolatore è necessario per quel tipo d’impianto.Modalità: [CO1] Definizione dei dati di configurazione, come unità di misura °C/K o °F, modalitàconfigurazione 1 P/PI o PID, funzione in cascata attiva/inattiva, ecc.Modalità: [PA2] Impostazione di tutti i parametri di messa, come valori di banda P, tempo azioneparametrizzazione 2 integrale, taratura sonde, limiti ecc.Modalità: [PA1] Impostazione di tutti i setpoint sia di regolazione sia per le funzioni ausiliarie.parametrizzazione 1Modalità: simulazione [SI] Nella modalità di simulazione si possono impostare tutti i segnali d’uscita analogici (0…10V DC) che digitali (on/off). Tutti i valori impostati appaiono sul display LCD. Questo permette di verificare tutti i punti d’inserzione e di funzionamento.Nota Bene Nella modalità di simulazione, la regolazione è inattiva! In questa modalità (SIMUL) si atti- vano le uscite dei loop di controllo. Gli organi collegati come servocomandi, motori (es. pompe), ventilatori ecc., venendo ali- mentati iniziano a funzionare. Scollegare i carichi elettrici non ancora pronti per il funzio- namento. Solo gli addetti possono rimuovere i collegamenti elettrici. I ritardi all’accensione (T1 e T2) sono inefficaci. Nuova configurazione Scelta parametri e configurazione Impostazione CO2 CO2 di fabbrica CO1 Controllo CO1 disattivato PA2 SI 25s 20s PA1 PA2 15s SI PA1 10s 5s 3351Z14i AUTO Controllo AUTO attivato Premere simultaneamenteSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 7-21
  • 23. 8 Configurazione regolatore Con l’aiuto di un esempio sarà mostrato come sia facilmente configurabile un impianto tramite il regolatore universale POLYGYR Joker. Saranno spiegati i passi iniziali per la modalità in configurazione in 2. Tuttavia non viene spiegato ogni passo, ma s’intende dare un’idea della filosofia di configurazione che sta dietro al POLYGYR Joker. L’impostazione è basata su una facile serie di domande-risposte. Basato sulle risposte date nei singoli quadri, il regolatore chiederà solo di fornire le rispettive informazioni. Sulla base di questo concetto, come pure su test di plausibilità integrati, impostazioni errate so- no molto improbabili. Raggruppare tutte le informazioni necessarie sull’impianto da controllare, poi disegnare lo schema. 3351S27 B5 B3 Y1 Q2 Y2 B4 Q3 Q4 Q1 B2 Q1 B1 Alimentare il regolatore POLYGYR Joker e rispondete alle domande.8.1.1 Impostazione ingressiDisplay Domande [FUNCT] Funzione del regolatore e della grandezza control- lata B1 ? 3351S01E CO2 ý Regolatore in sequenza o ¨ Regolatore digitale SEL Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 B1 Y 3351Z61 Tipo di segnale d’ingresso ? Load RWX62...Load/Manipulated variable diagram ý 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ Volt CO2 SEL °C 3351Z62 I passaggi successivi si riferiscono alle funzioni ausiliarie del regolatore principale B1.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa8-22 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 24. Display Domanda [TELSEL] C’è un potenziometro esterno ? ¨ Si 3351S12E CO2 Tipo di segnale d’ingresso ? SEL ¨ Ohm ¨ Volt B... B1 ý No; Procedere al quadro successivo col pulsante RWX62...optional auxiliary input 3351Zc1 INFO ">" [LIM] S’intende utilizzare una sonda con funzione di limite di minima e massima (es. limite temperatura di mandata…) ? 3351S14E CO2 SEL ý Si; Procedere al quadro successivo col pulsante B... B1 INFO ">" RWX62...optional auxiliary input 3351Zc2 Tipo di segnale d’ingresso ? ý 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ Volt ¨ No [ALTDIR] S’intende utilizzare un segnale d’ingresso per inver- tire la sequenza d’uscita 1 (da riscaldamento a raf- 3351S26 3351S23 freddamento) ? CO2 (es. commutazione serrande per recupero energe- B... Y1 Bc Y1 SEL tico) RWX62.. RWX62.. Seq.1 Seq.1 ¨ Si 3351Zc3 Tipo di segnale d’ingresso ? ¨ 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ Volt ¨ DIG ý No; procedere alla funzione successiva col pul- sante INFO ">" [ PROT] S’intende utilizzare un termostato protezione anti- gelo? 3351S18E CO2 ¨ Si SEL B... B1 ý No; Procedere al quadro successivo col pulsante RWX62...optional auxiliary input 3351Zc4 INFO ">" [LIMSPE] S’intende utilizzare una sonda con funzione limite an- ticondensa (per caldaie) o anti-brinamento per recu- peratore d’energia sulla sequenza d’uscita 1 ? 3351S58E CO2 SEL ý Si; Procedere al quadro successivo col pulsante B... B... B1 INFO ">" RWX62...optional auxiliary input 3351Zc5 Tipo di segnale d’ingresso ? ý 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ VoltSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 8-23
  • 25. ¨ NoCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa8-24 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 26. Display: Domanda: [LIMMAX] S’intende utilizzare una sonda con funzione ad es. di deumidificazione (limite di massima) sulla sequenza 3351S16E 3? CO2 SEL ¨ Si B... B1 Tipo di segnale d’ingresso ? RWX62...optional auxiliary input 3351Zc6 ¨ 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ Volt ý No; Procedere al quadro successivo col pulsante INFO ">" [MAXPRI] Si dispone di un segnale esterno (proveniente da un altro regolatore) per agire sulla sequenza di raf- 3351S17E ϕ freddamento 3 ? CO2 SEL (Es. segnale di deumidificazione) B... B1 ¨ Si RWX62...optional auxiliary input 3351Zc7 ý No; procedere alla funzione successiva col pul- sante INFO ">" [S PROT] S’intende utilizzare una sonda per la protezione an- tigelo sulla batteria di riscaldamento ? 3351S19E CO2 ý Si; Procedere al quadro successivo col pulsante K1 SEL B... 14 12 B1 INFO ">" Q1 RWX62...optional auxiliary input 3351Zc8 Tipo di segnale d’ingresso ? ¨ 1 x Ni ý Volt °C ¨ No [MULFUN] Dipende dalla grandezza misurata CO2 S’intende utilizzare una sonda per compensazione SEL estiva/invernale e/o per controllo energetico per l’inversione della sequenza 1 in funzione del ∆T tra la sonda di regolazione e la sonda “MULFUN” ? 3351S21 3351Zc9 B... Y1 ý Si; Procedere al quadro successivo col pulsante RWX62.. INFO ">" Seq.1 Tipo di segnale d’ingresso ? Dipende dalla differenza ý 1 x Ni ¨ 2 x Ni ¨ Volt °C ¨ Volt % ¨ Volt tra le due grandezze controllate 3351S24 3351S25 B... Y1 B1 B... Y1 B... RWX62.. RWX62.. Seq.1 Seq.1Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 8-25
  • 27. 8.1.2 Impostazione uscite Dopo avere definito tutti gli ingressi (e le funzioni ausiliarie associate) si devono assegnare i rispettivi segnali d’uscita del primo regolatore di sequenza B1. ⇒ Se la funzione S PROT è stata selezionata, l’uscita Q1 è associata di default.Display: Domanda: Y1 Sequenza 1 (serrande, riscaldamento o umidifica- zione)Q1 Segnale d’uscita modulante 0..10V DC? Y ¨ No; ý Si = 1 CO1 SEL Uscite digitali ? 3351Z29 Q ý No; ¨ Si (1...n) Procedere al quadro successivo col pulsante INFO ">"Y1 Sequenza 2 (riscaldamento o umidificazione)Y2 Segnale d’uscita 0...10 V DC? Q1 Q2 Y ¨ No; ý Si = 1 CO2 SEL Uscite digitali ? Q ¨ No; ý Si = (1...n) 3351Z30 Procedere al quadro successivo col pulsante INFO ">"Y1 Sequenza 3 (raffreddamento o deumidificazione)Y2 Segnale d’uscita 0...10 V DC?Q1Q2 Y ý No; ¨ Si = 1Q3 CO2Q4 SEL Uscite digitali ? Q ¨ No; ý Si = 2 (1...n) 3351Z31 Procedere al quadro successivo col pulsante INFO ">"Y1 Sequenza 4 (raffreddamento o deumidificazione)Y2 Segnale d’uscita 0...10 V DC?Q1Q2 Y ý No; ¨ Si = 1Q3 CO2Q4 SEL Uscite digitali ? Q ý No; ¨ Si = (1...n) 3351Z32 Se dopo la configurazione del primo loop rimangono ingressi e uscite liberi, si possono configurare ulteriori loop di controllo (max. 3). Per fare questo ripartire dal punto 8.1.1.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa8-26 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 28. Display: Domanda: [DEVALM] (Nota bene! Solo se sono disponibili uscite digitali). Si richiede un allarme per presenza di eccessivo CO2 scostamento tra la grandezza regolata (sonda ba- SEL se) e il valore impostato (setpoint) ? DEVALM ý No (INACT); ¨ Si (ACTIV) 3351Zc8 Se non sono più disponibili ingressi ed uscite, ma non sono stati assegnati tutti i parametri di controllo, occorre aggiungere un altro regolatore POLYGYR Joker. In questo caso si raccomanda di separare le variabili di controllo per regolatore, ad es. uno per il controllo delle temperature e uno per il controllo dell’umidità. Dopo avere immesso tutte le informazioni di cui sopra, viene completata la modalità in configurazione 2: (ingressi e relative uscite per loop di controllo). Da ora in avanti sono ri- chiesti tutti i dati inerenti alla configurazione impostata. Tutte le ulteriori modalità di confi- gurazione e parametrizzazione sono simili a quella descritta in questa sezione.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 8-27
  • 29. 9 Progettazione Per progettare i loop di controllo HVAC, si deve definire quanto segue: • Tipo di regolatore (regolatore in sequenza o digitale) • Variabili controllate (es. temperatura ambiente o umidità, ecc.) • Tipo di setpoint (es. costante o compensato, valore diurno o notturno, ecc.) • Tipo di segnale in uscita (es. valvola di riscaldamento o inseritore a gradini, ecc.) • Funzioni ausiliarie (es. potenziometro esterno, limiti, variabili di compensazione, ecc.) Si raccomanda di compilare prima la tabella di configurazione (vedi appendice) e di com- pletare tutti i valori specifici d’impianto. Esempio di compilazione tabella di configurazione Esempio: Con il carattere Corsivo si indicano i valori d’ingresso nella tabella corrispondente Vedi pagina seguenteCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa9-28 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 30. Stampa parametrizzazione POLYGYR Joker RWX62... Regolatore in sequenza Informazioni impianto Oggetto: Esempio Impianto: controllo temp. ripresa /mandata, con 3 serrande e batteria di riscaldamento Data: 01. 01. 0001 Modello regolatore: RWX62.7036 Schema impianto Y1 B3 B1 3351S57 B4 Q2 Y2 B2 Q1 Q1 = Relè protezione antigeloSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 9-29
  • 31. 1. Tabella di configurazione 1.1 Impostazioni ingressi (v. cap. 11, Ingressi universali B..) Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B 1 SEQREG B SEQREG B SEQREG B TELSEL B TELSEL B TELSEL B 2 LIM B LIM B LIM B ALTDIR B ALTDIR B ALTDIR B PROT B PROT B PROT B LIMSPE B LIMSPE B LIMSPE B LIMMAX B LIMMAX B LIMMAX B MAXPRI B MAXPRI B MAXPRI B 3 S PROT B 4 MULFUN MULFUN MULFUN 1.2 Descrizione ingressi (v. cap. 11, Ingressi universali B..) Ingresso Descrizione TYPE MINSCA..MAXSCA B1 Temperatura ambiente 1 x Ni B2 Temperatura aria mandata 1 x Ni B3 Sonda antigelo VOLT °C 0...15 °C B4 Temperatura aria esterna 1 x Ni B5 1.3 Impostazioni segnali d’uscita (v. cap. 11) Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B... SEQREG B... SEQREG Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT 3351Z56 Q1 S PROT Q1 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Y.. Y2 Y1 Q1 Q2 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 Q... DEVALM 1.4 Descrizione uscite analogiche Uscite Descrizione Y1 Serrande Y2 Batteria riscaldamento Y3CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa9-30 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 32. 1.5 Descrizione uscite digitali Uscita Descrizione Q1 Relè protezione antigelo ventilatore Q2 Pompa riscaldamento Q3 Q4 Q5 Q6 1.6 Impostazioni funzioniNota Bene: Un “ý” nella tabella significa: il valore della colonna è “selezione valida”. Nessuno “ ” nella tabella associata significa: valore di default valido. Display Default Sele- Loop di Loop di Loop di ziona- controllo 1 controllo 2 controllo 3 bile TEMP °C / K °F E1 NIGHT INACTIV ACTIV E2 STNDBY INACTIV ACTIV ý SEQREG PI P CASC (se LIM) INACTIV ACTIV ý COMP (se MULFUN) CONST COMP ý COMP CONST COMP DIRECT (seq. 1) REVERS DIRECT OFF OFF ∆B - B ý Inversione azione X (Seq. 1) ABS LOCK (per seq. 1+2) FREE LOCK LOCK (per seq. 3+4) FREE LOCK Display Default Selezionabile Q1 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q1 LIN BIN VAR Q2 RELEAS Y2 + Q2 INACTIV ACTIV ý Q2 LIN BIN VAR Q3 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q3 LIN BIN VAR Q4 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q4 LIN BIN VAR Q5 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q5 LIN BIN VAR Q6 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q6 LIN BIN VAR Display Default Selezionabile S PROT MANUAL AUTO MANU3Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 9-31
  • 33. 2. Tabelle parametrizzazioni 2.1 Setpoint CONST Display Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 MAXSEL 25 MINSEL 10 XDZ SEL 20 XDZ SEL 2.2 Setpoints COMPEspletazione SEL 3351D26 SEL1 SEL3 SEL2 MULFUN COMP2 COMP4 COMP1 COMP3Loop di controllo 1 SEL1 SEL2 SEL3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR CORLoop di controllo 2 SEL1 SEL2 SEL3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR CORCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa9-32 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 34. Loop di controllo 3 SEL1 SEL2 SEL3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR COR 2.3 Impostazioni parametri di controllo Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B...SEQREG B...SEQREG Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT DT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Regolatore P XP Regolatore PI XP XP FACT TN PID 2.4 Parametri di controllo cascata Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B... SEQREG B... SEQREG CASC XP PI 10 K CASC TN 16 MIN CASC PID 0 B... LIM B... LIM B... LIM Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT DT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 PI controller XP PI 40 K XP FACT 1.0 TN 2 MINSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 9-33
  • 35. 2.5 Parametri funzioni ausiliarie Loop di Loop di Loop di Funzione Parametro controllo 1 controllo 2 controllo 3 B1 SEQREG B...SEQREG B...SEQREG B LIM XPPI TN MAXLIM MINLIM RELLIM B LIMSPE XPPI TN SEL B LIMMAX XPPI TN SEL B S PROT XPPI 40 K TN 2 MIN S ALM 5 °C S PROT 12 °C DEVALM SEL ABS SEL 2K ∆B...-B... SEL 2.6 Taratura sonde Parametro B1 B2 B3 B4 B5 CORSCA 0K 0K 0K 0K 2.7 Segnale d’uscita Y Parametro Y1 Y2 Y3 MAXPOS 114 % 114 % MINPOS -14 % -14 % YQ ON (1Y + 1Q) 5% YQ OFF (1Y + 1Q) 0% MQ ON (RELEAS) 2 °C MQ OFF (RELEAS) 4 °C 2.8 Uscite Q Parametro Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 T1 0 0 T2 0 0 VQ ON (VAR) VQ OFF (VAR) 2.9 Funzione LOCK Parametro Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 SEQ 1+2 LOCK SEQ 3+4 LOCKCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa9-34 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 36. 10 ParametrizzazioneDocumentazione La seguente documentazione comprende tutte le informazioni necessarie per la parame-di riferimento trizzazione: • Guida all’installazione fornita col regolatore • Tabella di configurazione con le specifiche parametrizzazioni • Schema dei collegamenti elettrici regolatore e quadro elettricoParametrizzazione Prima della parametrizzazione fare le seguenti prove: a) se si trovano errori o incongruen- ze, correggerli; b) fare le prove anche se la configurazione è stata copiata o il regolatore è stato preconfigurato. Osservare le note nella sezione 6.1.3. “Impostazione parametri e configurazioni”. • Le configurazioni nel regolatore si accordano con l’impianto collegato? • Tutti i parametri sono impostati correttamente? • Tutte le apparecchiature in campo, come sonde, servocomandi ecc., sono collegate e pronte al funzionamento? • Tutte le valvole sono installate correttamente e il comando manuale è disinserito? • Tutti gli elementi dell’impianto sono pronti al funzionamento secondo il loro impiego? • Tutti i dispositivi di sicurezza sono correttamente installati e funzionano indipendente- mente dal regolatore? • Temporizzatori o contatti a tempo sono correttamente impostati? • L’alimentazione richiesta dall’impianto è disponibile? Dopo aver fatto tutte le prove e le possibili correzioni, scegliere le funzioni configurate nella modalità di simulazione immettendo valori d’uscita simulati (per il regolatore in se- quenza) o valori istantanei simulati (per il regolatore digitale). Sul display LCD comparirà il diagramma a barre per la visualizzazione del funzionamento e i valori per le funzioni d’uscita. Le uscite dal regolatore, nella modalità in simulazione, sono attive secondo la posizione impostata manualmente. Le unità collegate come servocomandi , motori (es. pompe), re- sistenze elettriche ecc. sono alimentate e cominciano a funzionare. Disabilitare gli impianti non ancora pronti al funzionamento. Per farlo rimuovere il relativo fusibile o disconnettere i collegamenti elettrici. Comunque solo gli addetti possono rimuovere i collegamenti elettri- ci. Inoltre, si ricorda che i tempi di ritardo (T1 e T2) sono inattivi nella modalità di simula- zione. Se la modalità di controllo “AUTO MODE” viene attivata accidentalmente premendo il pul- sante INFO “>”, tornare alla modalità di simulazione premendo il pulsante INFO “<”. Si può procedere avanti e indietro nella modalità di simulazione mediante i pulsanti INFO senza attivare le uscite. Queste vengono attivate solo mediante il pulsante SEL.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 10-35
  • 37. Modalità simulazione Quando il regolatore è in modalità di simulazione, si può procedere seguendo le istruzioni della tabella seguente.1. Regolatore Azione (premere pulsante) Effetto/Display in sequenza SIMUL MODE 1) INFO > La barra in alto mostra le funzioni della sequenza 1 e 2 del regolatore configurato. Nella zona neutra la barra lampeggia. (Vengono visualiz- zate solo le sequenze configurate) Le uscite non sono operative. 2) SEL Le uscite sono operative secondo i valori visualizzati. Il display del valore lampeggia in % (0); (Attivazione uscite) (sopra: Seq.1; sotto Seq.2). 3) + o − Uscite operative. Lampeggia l’uscita simulata del display (Commutazione uscite) Lampeggia la barra del display risultante Uscite risultanti a display : es. Y1 5 = uscita 5 volt su Y1 / n = contatto-on, es. B Q1n) 4) SEL Uscite non operative (display come 1). (Disattivazione delle uscite) 5) INFO > La barra seguente mostra la funzione di controllo configu- rata delle sequenze 3 e 4. Nella zona neutra la barra lampeggia – continuare come per le Seq.1 e 2; (come da pos. 2 a 4) 6) INFO > Continuare come sopra2. Regolatore digitale Azione (premere pulsante) Effetto/Display SIMUL MODE 1) INFO > Display: – – – (linee invece di valore attuale simulato) Uscite: OFF 2) SEL Le uscite sono attivate secondo il valore impostato. Display: Valore iniziale del campo di controllo (simulazione (Attivazione uscite) valore istantaneo) 3) + o − Lampeggia il valore attuale simulato sul display. Le uscite sono attivate secondo il valore impostato. (Commutazione del valore Display: uscite risultanti di controllo) (n = ON; es. Q1n) 4) SEL Uscite non operative (display come 1) (Disattivazione uscite) 5) INFO > Continuare come sopraModalità di Si passa dalla modalità di simulazione alla modalità di funzionamento premendo il pul-funzionamento sante INFO >. Sul display appare LCD appare: AUTO MODE. L’impianto inizia a funzionareConclusione Lunità viene fornita da schede di codifiche ingressi e uscite e per ogni regolatore sono sufficienti solo poche schede operative. Compilate le schede, con i dati dell’impianto, ri- porle nell’apposito contenitore trasparente del regolatore.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa10-36 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 38. Memorizzazione parame- Per trasferire la configurazione e i parametri di un RWX62… ad altri regolatori può esseretri e configurazioni utile un PC con il relativo interfaccia POLYCOPY. Installare le apparecchiature come segue: Rimuovere il morsetto di alimentazione 24 V AC dal RWX62... e collegarlo all’interfaccia. Mediante un cavetto fornito, collegare la tensione d’uscita 24 V CA tra interfaccia e rego- latore RWX62.… Collegare il bus di collegamento tra RWX62... e interfaccia e tra questo e il PC. Tutti e tre i cavi richiesti sono a corredo dell’interfaccia POLYCOPY. Dopo aver stabilito tutti i collegamenti si può copiare l’intera configurazione mediante il “Polycopy”. Impiegare il POLYCOPY per salvaguardare la modalità di configurazione e prevenire ma- nipolazioni con la tastiera.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 10-37
  • 39. 11 Descrizione funzioni11.1 Selezione funzione di controllo [FUNCT] L’RWX62... può essere utilizzato come regolare in sequenza (SEQREG) oppure come regolatore digitale (DIGREG), con tre loop di controllo indipendenti. ⇒ SEQREG o DIGREG non possono essere configurati contemporaneamente nello stes- so RWX62.Configurazione tipo Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 FUNCT ... SEQREG Con SEL, selezionare SEQREG o DIGREG B2 SEQREG ... INACT Attivazione 2^ loop di controllo con SEL B3 SEQREG ... INACT Attivazione 3^ loop di controllo con SEL11.2 Selezione unità di misura [TEMP] L’unità di misura della temperatura nell’RWX62... può essere commutata da °C/K a °F e viceversa. La variazione dell’unità di misura, in modalità CONF1, non resetta i parametri di fabbrica.Configurazione tipo Display Descrizione CONF1 ... MODE TEMP °C / K Con SEL selezionare °C / K o °FCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-38 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 40. 11.3 SEQREG, regolatore in sequenza L’RWX62... permette di configurare tre loop di regolazione indipendenti con funzioni ausi- liarie. Il loop di controllo assume il nome della rispettiva sonda principale di regolazione, pertanto il primo loop di controllo sarà sempre B1.Priorità I loop di controllo hanno le seguenti priorità (1= priorità più alta)Modalità operativa: 1. "OFF" da E2 [STNDBY] 2. Funzionamento notte da E1 (NIGHT) 3. Funzionamento giorno o normaleFunzioni: 1. Tempi di ritardo [T1 e T2] 2. Protezione antigelo ( PROT o S PROT) 3. Attivazione Q.. da MULFUN [RELEAS] 4. Selezione massima priorità su seq.3 [MAXPRI] 5. Funzioni ausiliarie su seq.1 e seq.2 [LIMSPE e LIMMAX] 6. Limiti [LIM] 7. Blocco sequenze da MULFUN [LOCK] 8. Regolazione in sequenza [SEQREG]Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-39
  • 41. 11.3.1 Modalità di funzionamento11.3.1.1 Setpoint notturno E1 (NIGHT) Se si attiva la modalità operativa “night” con il contatto d’ingresso E1 0/24 V AC, questa può essere attivata indistintamente per ciascun loop di regolazione con il rispettivo set- point. Il display visualizza per il funzionamento diurno, e per il funzionamento not- turno per tutti i loop di controllo selezionati.Configurazione tipo Display Descrizione CONF1 ... MODE B1 NIGHT ...INACT INACT = Durante il funzionamento notturno , si imposta il solo setpoint predefinito per il loop di controllo Con SEL selezionare INACT o ACTIV11.3.1.2 Spegnimento impianto "OFF" con E2 [STNDBY] Si può disattivare la modalità di regolazione mediante l’ingresso digitale E2 0/24V AC. In questo caso tutte le uscite sono portate a 0, rimane attiva la sola funzione di protezione antigelo S PROT. L’azione di STANBY E2 può essere attivata per ciascun loop di con- trollo. Il display visualizzerà per il corrispondente loop di controllo attivato.Configurazione tipo Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 STNDBY ... INACT INACT= nessun "OFF" da E2 su questo loop di controllo Con SEL selezionare INACT o ACTIV11.3.2 Ingressi universali B... Gli ingressi vengono assegnati durante la configurazione. Ogni funzione può essere sele- zionata solo una volta per loop di controllo. La sequenza delle funzioni è predefinita. Possono essere selezionate le seguenti funzioni: SEQREG Regolazione in sequenza della grandezza controllata TELSEL Potenziometro esterno LIM Limite generale ALTDIR Inversione dell’azione di comando per seq.1 (possibilità di combinazione con MULFUN) PROT Termostato antigelo LIMSPE Limite anticondensa su seq.1 LIMMAX Limite per deumidificazione su seq.3 MAXPRI Massima priorità su seq.3 S PROT Sonda protezione antigelo (solo per il loop di controllo B1)CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-40 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 42. MULFUN Multi funzione (configurazione sul loop di controllo 1 ed attivabile per tutti e tre i loop di controllo): - Compensazione setpoint (estiva / invernale) - Commutazione relè in funzione della sonda collegata (es. accensio- ne/spegnimento pompa per temp. esterna “funzione ECO”) - Inversione sequenza 1 (possibilità di combinazione con ALTDIR) - Blocco seq.1+2 o seq.3+4 per un valore impostabile Ciascun ingresso può essere un segnale attivo, passivo o digitale, e può essere impostato il campo di misura. Possono essere selezionati i seguenti tipi d’ingresso: 1 x Ni = Sonda passiva LS Ni 1000 Ω a 0 oC, 2 x Ni = 2 sonde passive LS Ni 1000 Ω a 0 oC, collegate in parallelo per una misura di media (non disponibile per TELSEL e S PROT) VOLT oC = Sonda attiva 0...10 V DC di temperatura per tutte le sonde di temperatura attive Scale impostabili: 0...10 V DC 0...50 °C (default) 0...130 °C −35...+35 °C per S PROT, la scala predefinita è 0...10 V DC 0...15 °C VOLT % = Sonda attiva 0...10 V DC di umidità % (non disponibile per S PROT) per tutte le sonde attive in % La scala predefinita è 0...10 V DC 0...100 % VOLT = Sonde attive con segnale 0...10 V DC (non disponibile per S PROT) per tutti gli altri segnali attivi La scala è una di 0...10 V DC −50...+50 (default) o: 0...10 V DC 0...MAXSCA MAXSCA 0.10...850 DIG = Segnale digitale 0/24 V AC disponibile solo per ALTDIR OHM = Segnale passivo 0...1000 Ω disponibile solo per TELSEL La scala si accorda alla sonda della variabile controllata. Se questa è una sonda passiva (Ni1000), possono essere selezionati i seguenti campi: scala: 0...1000 Ω 0...50 °C (default) 0...130 °C −35...+35 °CSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-41
  • 43. 11.3.2.1 Taratura valori misurati [CORSCA] I valori misurati delle sonde B… possono essere ritarate con il parametro CORSCA. I valori misurati della S PROT (sonda antigelo) possono essere corretti solo su valori ne- gativi.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default CORSCA B1....B5 −10... +10 K / % 0K 0 CORSCA S PROT −10... 0 K 0KConfigurazione tipo Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 TYPE … 1x Ni Con SEL selezionare il tipo d’ingresso: 1x Ni, 2x Ni, VOLT°C, VOLT %, VOLT, DIG, OHM B1 SEQREG... +B2 INACT INACT= nessuna funzione ausiliaria richiesta Con SEL selezionare la funzione: TELSEL, LIM, ALTDIR, PROT, LIMSPE, LIMMAX, MAXPRI, S PROT, MULFUN CONF1 ... MODE B1 MAXSCA... 50 °C Selezione del campo della scala richiesta B1 MINSCA ... 0 °C PARA2 ... MODE B1 SEQREG...CORSCA 0K Taratura delle sonde d’ingresso11.3.3 Funzione di controllo [SEQREG]11.3.3.1 Struttura regolatore Ciascun loop di controllo può attivare un massimo di quattro sequenze (seq.1...4) combi- nate come segue: • Una sequenza: seq.1 o seq.3 • Due sequenze: seq.1+2 o seq.1+3 o seq.3+4 • Tre sequenze: seq.1+2+3 o seq.1+3+4 • Quattro sequenze: seq.1+2+3+4 Manipulated Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 3351D01E variable SEL Load "Heating" XDZ "Cooling" Il setpoint SEL "riscaldamento" è posizionato all’inizio della curva 1 e 2. L’azione della se- quenza d’uscita 1 è inversa (riscaldamento o umidificazione) e può essere invertita come azione diretta (raffreddamento). Il setpoint SEL "raffreddamento" è posizionato all’inizio della curva 3 e 4. L’azione delle sequenze d’uscita sono dirette per raffreddamento (o deumidificazione).CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-42 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 44. Si possono impostare le uscite analogiche (Y1...3) e/o 1...6 uscite digitali (Q1...6) per cia- scuna sequenza d’uscita (seq.1…4).11.3.3.2 Impostazione uscite L’impostazione delle sequenze d’uscita è in CO2 MODE. La sequenza configurata lampeggia. CO2 SEL 3351Z33 Premere una volta il pulsante "SEL“ per impostare l’uscita analogica Y. Premere "+“ e "−", per impostare la Y. CO2 3351Z34 Y1 L’uscita analogica impostata lampeggia sul display (es. Y1). CO2 3351Z35 Premendo di nuovo il pulsante "SEL“ si impostano le uscite digitali Q. Y1 Premere "+“ e "− " per impostare le Q.. CO2 3351Z36 Y1 Le uscite digitali impostate lampeggiano sul display (es. Q1 + Q2). Q1 Q2 CO2 3351Z37 Applicando questo metodo, impostare le altre sequenze. Tutte le uscite impostate sono visualizzate sul display.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-43
  • 45. 11.3.3.3 Visione generale segnali d’uscita 0% 100% Last 0% 100% Q YP YP MAXPOS Y 2.Q1Y + 0Q 0Y + nQ LIN 1.Q MINPOS Y 2.Q 1Y + nQ LIN 1.Q Q0Y + 1Q 1.Q Y 0Y + nQ BIN 2.Q Q On 1.Q 3351D05 Q Off1Y + 1Q Y 1.Q 1Y + nQ BIN 2.Q 1.Q 2.Q 0Y +nQ VAR 1.Q 2.Q 1.Q 1Y + nQ VAR 3351D06CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-44 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 46. 11.3.3.4 Sequenza 1 L’azione di uscita della sequenza 1 può essere commutata. Y1 Y1 Y2 Y2 Y3 Y3 Q1 Q1 CO1 SEL CO1 SEL 3351Z54 3351Z55 REVERS DIRECTEsempio d’applicazione 3351S34 3351S35 Y1 Y1 Y1 Y1 Display Descrizione CONF1 ... MODE B1 _ ... REVERS Con SEL selezionare il senso d’azione11.3.3.5 Uscita analogica (Y…)Forzatura segnali Per garantire una perfetta chiusura o apertura di una valvola o di una serranda, il segnale d’uscita può essere aumentato del 14 %. Il punto d’intersezione delle sequenze rimane tra 0 % e 100 %: Y Y Output MINPOS ...MAXPOS 11.4 V 114 % 10 V 100 % Seq 2 Seq 1 Seq 3 Seq 4 0 V 0% -1.4 V -14 % XP XP XDZ XP XP 3351D08 SEL w Seq 1+2 w Seq 3+4 QSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-45
  • 47. MINPOS, MAXPOS I segnali d’uscita possono essere limitati con i parametri MINPOS e MAXPOS. (Esempio: limite minima aria esterna)Esempio: Parametro Y1 Y2 Y3 MAXPOS 114 % 114 % 80 % MINPOS 20 % - 14 % - 14 % Azione di controllo: Y 114 % 100 % 80 % Y2 Y1 Y3 20 % 0% -14 % 3351D09 XP XP XDZ XP SEL Q Le funzioni S PROT e STNDBY forzano tutti i segnali d’uscita, solo la funzione MAXPRI rimane sempre attiva.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default B1 MAXPOS 0 ...114 % 114 % MINPOS −14...100 % < MAXPOS −14 % ∆ - MAXPOS 1 %Configurazione base Display Descrizione PARA2 ... MODE B1 MAXPOS 114 % Con SEL selezionare il campo del segnale d’uscita MINPOS −14 %CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-46 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 48. 11.3.3.6 Uscita digitale (Q...)Tempo di ritardo Per ciascuna uscita digitale si possono selezionare due tempi di ritardo: T1 è il ritardo all’inserzione on T2 è il tempo minimo di pausa off (tra due accensioni) Il tempo di ritardo deve essere impostato per contatto Q.. di collegamento. Durante i tem- pi di ritardo, l’uscita del regolatore prevista non si ferma. Tempi di ritardo eccessivi posso- no considerevolmente rallentare e danneggiare il loop di funzionamento !Azione di controllo: Q ON 3351D10Uscita calcolata dal regolatore OFF ONUscita effettiva Q OFF T1 T1 T1 T2 T2 TImpiego Il tempo di ritardo T1 può essere utilizzato per prevenire frequenti inserzioni nei carichi collegati. Inoltre, questo garantisce che tutte le uscite connesse non si inseriscano simul- taneamente (tempi diversi per ciascuna T1). Un tempo di pausa tra due inserzioni T2 aiuta a prevenire l’immediata riattivazione dopo lo spegnimento dell’organo controllato (es. chiller).Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default T1, T2 0, 4, 8, 15, 30, s 0s 0, 1, 2, 4, 8, 16, 32 min.Configurazione base Display Descrizione PARA2 ... MODE T1 (Q...) ... 0 SEC Con SEL selezionare il ritardo all’accensione T2 (Q...) ... 0 SEC Con SEL selezionare il tempo minimo di pausaSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-47
  • 49. 11.3.3.7 Una (sola) uscita digitale (0Y + 1Q)Differenziale contatto Il differenziale dei contatti si imposta con la banda P. Y+Q Q ON 3351D11 Seq. 2 Seq. 1 Seq. 3 Seq. 4 Q OFF Q XP XP XDZ XP XP SEL w Seq. 1+2 w Seq. 3+411.3.3.8 Una uscita analogica e una digitale (1Y + 1Q)Impostazione Impostare il punto d’inserzione e disinserzione del contatto digitale in funzione del segnale analogico. Y1 Y2 I due valori lampeggiano sul display. Y3 % SEL Q1 Q2 PA1 SEL % 3351Z39Funzionamento Il funzionamento dei contatti digitali si definiscono attraverso l’impostazione dei valori sulla curva analogica. Y Y 3351D12 Q ON Q OFF Q OFF Q ON Q Q 0% 100% 0% 100% XP XP YQ .. ON > YQ ..OFF YQ .. ON < YQ ..OFFValori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default YQ... ON MINPOS...MAXPOS 5% YQ... OFF MINPOS...MAXPOS ∆ - ON ≥ 0.5 % 0%Configurazione base Display Note PARA1 ... MODE B1 YQ1 ON 5 % Con SEL selezionare il punto d’intervento ”on” di Q sulla curva YCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-48 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 50. B1 YQ1 OFF 0 % Con SEL selezionare il punto di disinserzione ”off” di Q sulla curva Y11.3.3.9 Uscite a gradini “Lineare” (n Q con LIN)Contatti a gradini Le uscite dei contatti digitali codificate come lineari, sono distribuite equamente sulla cur- va. Attenzione: con l’inserzione a gradini lineare, i tempi di ritardo T1 e T2 devono essere omogenei, altrimenti le uscite non sono simultanee né lineari. La connessione dei carichi avviene come segue: 3351D14 Y+Q Y 1.Q 2.Q 3.Q 4.Q 5.Q 6.Q Q 0% 100% XP Y+Q 6.Q Y 5.Q 4.Q 3.Q 2.Q 1.Q Q 0% 100% XPIntervallo contatti Esempio con 2Q 0Y + 2Q 1Y + 2Q 3351D13 x x x x x x ON ¼x Q2 OFF ON Q1 OFF MAXPOS Y1 MINPOS Q Q 0% 100% 0% 100% XP XP Intervallo x = 100 % carico (numero di Q +1)Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-49
  • 51. Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default Inserzione a gradini lineare [LIN] 0Y + 2...6Q 0Y + 0Q 1Y + 2...6QConfigurazione base Display Note CONF ... MODE B1 _ ...LIN Selezionare i contatti a gradini di tipo lineare [LIN]11.3.3.10 Uscite a gradini “Binario” (n Q con BIN)Contatti a gradini Le uscite a gradini digitali codificate come binarie, hanno la seguente configurazione: 0Y+2 Q 1.Q = 1/3 2.Q = 2/3 3 contatti a gradini 0Y+3 Q 1.Q = 1/7 2.Q = 2/7 3.Q = 4/7 7 contatti a gradini 0Y+4 Q 1.Q = 1/15 2.Q = 2/15 3.Q = 4/15 4.Q = 8/15 15 contatti a gradini Inoltre può essere configurata una uscita lineare. 1Y+2 Q Y = 1/4 1.Q = 1/4 2.Q = 2/4 4 contatti a gradini 1Y+3 Q Y = 1/8 1.Q = 1/8 2.Q = 2/8 3.Q = 4/8 8 contatti a gradini 1Y+4 Q Y = 1/16 1.Q = 1/16 2.Q = 2/16 3.Q = 4/16 4.Q = 8/16 16 contatti a gradini La connessione dei carichi avviene come segue: Y+Q 3351D15 Y 1/ 1.Q 16 2.Q 2 /16 3.Q 4/ 16 4.Q 8/ 16 Q 0% 100% XP Y+Q 2 /16 4/ 16 2/ 16 2 /16 8 /16 Y 4 / 16 2 /16 1/ 16 Q 0% 100% XPCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-50 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 52. Intervallo contatti Esempio con 2Q Y+Q Y+Q 0Y + 2Q 1Y + 2Q x x x x x x x x 3351D16 ON ¼x Q2 OFF ON Q1 OFF MAXPOS Y1 MINPOS Q Q 0% 100% 0% 100% XP XP Intervallo x = 100 % carico (numero dei contatti + 1) Attenzione: con l’inserzione a gradini di tipo binaria, i tempi di ritardo T1 e T2 devono es- sere impostati a 0 secondi, altrimenti non è garantita la omogenea inserzione dei contatti.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default Inserzioni a gradini [BIN] 0Y + 2...4Q 0Y + 0Q 1Y + 2...4QConfigurazione base Display Note CONF ... MODE B1 _ ...LIN Con SEL selezionare i contatti a gradini “binario” [BIN]11.3.3.11 Uscite a gradini “Variabile” (nQ con VAR)Contatti a gradini Le uscite dei contatti digitali codificate come “variabili” devono essere configurate indivi- dualmente sulla curva. I punti d’inserzione e disinserzione sono liberamente configurabili. Le uscite digitali possono essere sovrapposte.Intervallo gradini Esempio 1Y + 2Q Y+Q MAXPOS Y MINPOS ON 2.Q VQ2ON < VQ2OFF OFF ON 1.Q VQ1ON > VQ1OFF OFF Q 0% 20% 40% 60% 80% 20% 100% 3351D17 XPSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-51
  • 53. Valori impostabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default Inserzione a gradini variabile 0Y + 2...6Q 0Y + 0Q [VAR] 1Y + 2...6Q VQ... ON 0...100 % 5% VQ... OFF 0...100 % ∆ - ON ≥ 0.5 % 0% Configurazione base Display Note CONF ... MODE B1 _ ...LIN Con SEL selezionare l’inserzione a gradini [VAR] PARA1 ... MODE B1 VQ1 ON 5 % Con SEL selezionare i punti d’inserzione “on” Q sulla curva di funzionamento VQ1 OFF 0 % CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa 11-52 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 54. 11.3.4 Parametri di controllo (“XP”, “Tn”) Banda - P Può essere impostato un valore di P (XP P) per ciascuna sequenza configurata.Regolatore - PI Nei regolatori PI si imposta la banda P (XP PI) sulla sequenza 1 (se non è configurata la sequenza 1, si imposta sulla sequenza 3). Per le altre sequenze configurate, la banda proporzionale s’imposta con il fattore di molti- plica XP FACT. Q 100% Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 If seq.1 is configured: XDZ 0% SEL P-band xp= XP P XP P XP P XP P P-controller setting XP P XP P XP P XP P 33 P-band xp= XP PI XP FACT XP PI XP PI XP FACT XP PI XP FACT 51 PI controller D2 setting XP FACT XP PI XP FACT XP FACT 8E Q 100% Seq.1 Seq.2 If seq.1 is not configured: 0% SEL P-band xp= XP P XP P P-controller setting XP P XP P PI controller P-band xp= XP PI XP PI XP FACT 3351D29E setting XP FACT Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999 Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-53
  • 55. Tempo integrale [TN] Il tempo integrale nei regolatori PI è sempre in funzione al valore di P impostato.Derivata - D La componente D si seleziona solo con regolatori PI. Il tempo d’azione derivativa è defi- nita come TV= TN/8 Azione di controllo Q 3351D36 P D=5 P D=4 P D=3 P D=2 P D=1 I P D=.. P T TV = TN 8 TNDead time [DT] Tra la sequenza 1 e la sequenza 3 (DT).(tempo morto) Il tempo morto impostato serve ad evitare l’immediata apertura della valvola del freddo appena si è chiusa la valvola del caldo. Il tempo integrale, in questo DT, viene azzerato (per ricominciare PI) .Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default XP P Banda P regolatore 0.5...100 K / % * 0.5 °C 0.5 % XP PI Banda PI regolatore 2.5, 5.0, 10, 20, 40, 80, 10 K 10 % 160, 320 K / % * XP FACT fattore di moltiplica P 0.25, 0.50, 1.00, 2.00, 1.00 per regolatori PI 4.00 TN Tempo integrale 15, 30 s 16 min. per regolatori PI 1, 2, 4, 8, 16, 32 min. PI-D D per regolatori PI 0, 1, 2, 3, 4, 5 0 DT Tempo morto 0 1, 2, 4, 8, 16, 32 min. 0 min. * % relativi a MAXSCA - MINSCAConfigurazione base Display Descrizione PARA2 ... MODE B1 _// ... DT 0 MIN Tempo morto tra seq.1 e seq.3 B1 _// ... XP P 0.5 K Valore P regolatore P B1 _// ... XP PI 10 K Valore P regolatore PI B1 _// ... XP FACT 1.00 Fattore di moltiplica P per regolatore PI B1 _// ... TN 16 MIN Tempo integrale per regolatore PI B1 _// ... PID 0 Componente D per regolatore PI (D)CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-54 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 56. 11.3.5 Setpoint11.3.5.1 Impostazione setpointSetpoint, SEL, XDZ Si possono selezionare setpoint diversi per seq.1+2 e seq.3+4: 3351D37 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 XDZ SEL Setpoint seq.1+2 = SEL; setpoint seq.3+4 = SEL + XDZ Solo se è configurata la sequenza 1 o le sequenze 1+2: Seq.2 Seq.1 3351D38 SEL Setpoint = SEL Solo se è configurata la sequenza 3 o le sequenze 3+4: Seq.3 Seq.4 3351D39 SEL Setpoint = SELLimiti sul setpoint Il campo del setpoint può essere limitato con l’impostazione di MINSEL e MAXSEL.MINSEL, MAXSELSetpoint NIGHT Con l’attivazione della funzione night (E1) viene richiesto il valore del setpoint in regime notturno.Display Il regime di funzionamento viene visualizzato sul display con i simboli e . In AUTO MODE viene visualizzato: Y1 ← Valore istantaneo °C ← Setpoint attuale SEL 3351Z50Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-55
  • 57. Con il pulsante SEL si possono modificare i valori di setpoint “giorno” e “notte” tra i limiti MINSEL e MAXSEL.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default MAXSEL 0...100 % d. c. ≥ MINSEL 35 °C 100 % d. (Campo d’impostazione) c. MINSEL 0...100 % d. c. ≤ MAXSEL 0 °C 0 % d. c. (Campo d’impostazione) SEL (Campo d’impostazione) MINSEL...(MAXSEL−XDZ) 20 °C 50 % d. c. XDZ (Campo d’impostazione) 0... (MAXSEL−SEL) 0K 0 % d. c.Configurazione base Display Descrizione PARA2 ... MODE B1 MAXSEL...35 °C Campo d’impostazione AUTO MODE MINSEL... 0 °C PARA1 ... MODE B1 XDZ 0 K Se sono configurate seq. 1 e seq. 3 SEL 20 °C Se NIGHT ACTIV, viene visualizzata subito la funzione “giorno” o “notte” B1 _ ... SEL 20 °C Se sono configurate seq.1 o seq.3 Se NIGHT ACTIV viene visualizzata subito la funzione “giorno” o “notte”11.3.5.2 Potenziometro esterno [TELSEL]Setpoint Si può impostare il setpoint con un potenziometro esterno. In questo caso rimane possibile il setpoint differente per la seq.1+2 e seq.3+4. 3351D40 XDZ TELSEL Setpoint seq.1+2 = TELSEL; setpoint seq.3+4 = TELSEL + XDZ Il setpoint corrisponde al potenziometro esterno TELSEL solo quando è configurata la seq.1 o la seq.3. Per i potenziometri esterni TELSEL si possono selezionare o potenziometri passivi 0...1000 Ω o attivi con segnale 0...10 V DC.Input Il campo d’impiego di TELSEL deve essere specificato con i parametri MINSCA eTYPE, MINSCA, MAXSCA MAXSCA.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-56 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 58. Limiti setpoint Con il potenziometro esterno TELSEL rimangono attivi i limiti del campo del setpoint sulMINSEL, MAXSEL regolatore MINSEL e MAXSEL. . Esempio: SEL 3351D41 MAXSCA 50°C Seq.3+4 MAXSEL 30°C XDZ MINSEL 15°C Seq.1+2 TELSEL MINSCA 0°C 0 1000 Ω 0 10 VDCSetpoint NIGHT In modalità NIGHT, premendo il pulsante SEL si può modificare il relativo setpoint. Questo rimane impostato tra i valori di MINSEL e MAXSEL.Display Sul display si visualizza le rispettiva modalità di funzionamento con i simboli e . In AUTO MODE si visualizza: Y1 ← Valore istantaneo °C TELE ← Setpoint corrente SEL Con il pulsante SEL si può modificare il setpoint per il regime “notte”. 3351Z51Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default MAXSEL (campo di regolazione 0...100 % ≥ 35 °C 100 % d. c. TELSEL ) MINSEL MINSEL (campo di regolazione 0...100 % ≤ 0 °C 0 % d. c. TELSEL ) MAXSEL MINSCA...MAXSCA 0...50 °C / 0...130 0...50 °C Campo d’ingresso °C −35...+35 °C XDZ 0...100 % d. c. OK. 0 % d. c.Configurazione base Display Descrizione CONF1 ... MODE B2 MAXSCA ...50 °C Selezione del campo d’ingresso se l’ingresso B…SEQREG è passivo MINSCA ...0 °C PARA2 ... MODE B1 MAXSEL ...35 °C campo di regolazione TELSEL e MINSEL ...0 °C setpoint “notte” B1 XDZ ...0.0 K Zona neutraSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-57
  • 59. 11.3.5.3 Compensazione [MULFUN, COMP]Setpoint Day Si può impostare la compensazione estiva e/o invernale, attraverso la sonda collegata alla funzione MULFUN, nel seguente modo: Compensazione estiva e invernale ⇒ SEL3 ≠ SEL2 SEL XDZ=0; MAXCOR=0 3351D42 SEL XDZ≠0; MAXCOR=0 XDZ SEL3 SEL3 3351D44 XDZ w Seq3+4 SEL1 SEL1 w Seq1+2 SEL2 SEL2 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 Si possono selezionare differenti setpoint per seq.1+2 e seq.3+4. Compensazione estiva o invernale ⇒ SEL3 = SEL2 3351D43 SEL XDZ=0; MAXCOR=0 SEL XDZ≠0; MAXCOR=0 XDZ SEL2 SEL2 (=SEL3) (=SEL3) w Seq.3+4 3351D45 XDZ w Seq.1+2 SEL1 SEL1 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP1 COMP2 Se si imposta SEL3 = SEL2, i valori per COMP3 e COMP4 non verranno richiesti.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-58 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 60. Correzione curva com- In PARA2 MODE è possibile correggere il setpoint calcolato con il valore COR (per unpensazione MAXCOR valore massimo impostato dal campo MAXCOR).Azione di controllo Compensazione estiva e invernale ⇒ SEL3 ≠ SEL2MAXCOR: SEL XDZ = 0; MAXCOR ≠0 SEL XDZ ≠ 0; MAXCOR ≠ 0 3351D54 3351D55 Seq.3+4 Seq.3+4 SEL3 SEL3 Seq.1+2 MAXCOR Seq.1+2 MAXCOR XDZ SEL1 SEL1 MAXCOR MAXCOR SEL2 SEL2 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 Compensazione estiva o invernale ⇒ SEL3 = SEL2 ≠ 0; MAXCOR ≠ 0 3351D57 SEL XDZ XDZ = 0; MAXCOR ≠ 0 3351D56 SEL MAXCOR MAXCOR XDZ SEL2 SEL2 MAXCOR +4 MAXCOR q.3 Se +2 q.1 Se SEL1 SEL1 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP1 COMP2Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-59
  • 61. Correzione Scostamento del setpoint in AUTO MODE.compensazione COR La curva di compensazione può essere corretta (in AUTO MODE) con il parametro COR tra il campo −MAXCOR... +MAXCOR.Azione di controllo Compensazione estiva e invernale ⇒ SEL3 ≠ SEL2COR: SEL XDZ = 0; COR ≠ 0 SEL XDZ ≠ 0; COR ≠ 0 3351D46 3351D47 Seq.3+4 SEL3 SEL3 COR Seq.1+2 COR SEL1 SEL1 COR SEL2 SEL2 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 Compensazione estiva o invernale ⇒ SEL3 = SEL2 SEL XDZ ≠ 0; COR ≠ 0 3351D49 XDZ = 0; COR ≠ 0 3351D48 SEL Seq.3+4 SEL2 SEL2 Seq.1+2 COR COR SEL1 SEL1 COR MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP1 COMP2Setpoint Night In regime di funzionamento NIGHT sono disponibili i seguenti setpoint: Setpoint costante per regime notturno. 3351Z03 Setpoint compensato, per regime notturno, in funzione del regime diurno. Sul display viene visualizzato il regime di funzionamento con i simboli e . 3351Z04CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-60 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 62. Compensazione setpoint La correzione della compensazione notturna si può impostare col parametro COR tranight COMP 0…MAXCOR. Compensazione estiva e invernale ⇒ SEL3 ≠ SEL2 XDZ ≠ 0; COR ≠ 0 3351D51 SEL COR ≠ 0 3351D50 SEL XDZ = 0; Seq.3+4 COR XDZ SEL3 SEL3 Seq.3+4 COR COR Seq.1+2 SEL1 SEL1 COR Seq.1+2 SEL2 SEL2 MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 Compensazione estiva o invernale ⇒ SEL3 = SEL2 ≠0 SEL XDZ ≠ 0; COR ≠ 0 3351D53 SEL XDZ = 0; COR 3351D52 Seq.3+4 Seq.3+4 COR XDZ SEL2 SEL2 COR . Seq.1+2 Seq.1+2 L .. SE COR SEL1 SEL1 COR MULFUN MULFUN COMP1 COMP2 COMP1 COMP2Display Visualizzazione del setpoint in AUTO MODE: Y1 ← Valore istantaneo °C SEL ← Setpoint corrente 3351Z53 Con il pulsante SEL si può correggere la compensazione in regime notturno e diurno con il parametro COR (tra i limiti impostati di MAXCOR).Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-61
  • 63. Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temp. Default SEL 1 Setpoint 0...100 % d. c. 20 °C 50 % d. c. SEL 2 0...100 % d. c. 23 °C 60 % d. c. SEL 3 0...100 % d. c. = SEL2 = SEL2 COMP 1 Variabile controllata 0...100 % d. c. < COMP 2 20 °C 50 % d. c. COMP 2 COMP1 <0...100 % d. c. < 30 °C 60 % d. c. COMP 3 COMP 3 31 °C 61 % d. c. COMP2 <0...100 % d. c. < COMP 4 COMP 4 32 °C 62 % d. c. COMP 3 ≤ 0...100 d. c. MAXCOR limiti per COR, 0...100 % d. c. 0K 0 % d. c. - COR e -COR -COR e COR scostamento − MAXCOR... + MAXCOR 0K 0 % d. c. compensazione diurna -COR scostamento compen- 0...MAXCOR 0K 0 % d. c. sazione notturnaConfigurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG ... +B... INACT Con SEL si configura MULFUN CONF1 ... MODE B1 MULFUN...CONST Impostare con SEL i valori di compensazione COMP Se attivo il regime NIGHT si visualizza la mo- dalità di funzionamento diurno/notturno PARA2 ... MODE B1 SEL1 ... +B... MULFUN 20 °C Setpoint SEL 1 B1 SEL2 ... +B... MULFUN 23 °C Setpoint SEL 2 B1 SEL3 ... +B... MULFUN 23 °C Setpoint SEL 3 B1 SEL1 20 °C ...+B... COMP 1 20 °C Valore compensato COMP 1 B1 SEL2 23 °C ...+B... COMP 2 30 °C Valore compensato COMP 2 B1 SEL2 23 °C ...+B... COMP 3 31 °C Il comando per il valore COMP 3 appare solo se SEL 3 ≠ SEL 2 B1 SEL3 25 °C ...+B... COMP 4 32 °C Il comando per il valore COMP 4 appare solo se SEL 3 ≠ SEL 2 B1 MAXCOR ... 0 K Limiti per COR, COR, COR PARA1 ... MODE B1 _ / / ... COR 0 K Visualizzazione valori di correzione se NIGHT ACTIV, per regime di funzionamento “giorno” e “notte”CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-62 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 64. Esempi d’applicazioniImpianto di condiziona- Loop di controllo 1mento, con compensazio- B1 SEQREG B1 SEQREGne estiva Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 3351S60 Y1 B2 MULFUN Y2 Y3 DT Scostamento setpoint come dal diagramma seguente: S PROT SEL3=SEL2 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 SEL XDZ=0; MAXCOR=0 3351D34 Y2 Y1 Y3 Seq.3+4 26°C Seq.3+4 20°C Seq.1+2 20°C 30°C MULFUN 18°C Ulteriore richiesta: sequenza di riscaldamento bloccata per temperatura esterna > 18 °C Tabelle di configurazione: Con la funzione LOCK si possono bloccare le sequenze 1 e 2 , per es. a 18 °C. Display Default Seleziona- Loop di Loop di Loop di re controllo 1 controllo 2 controllo 3 COMP (se MULFUN) CONST COMP x o o LOCK (per seq.1+2) FREE LOCK x o o LOCK (per seq.3+4) FREE LOCK o o o SEL1 SEL2 SEL3 20°C 26°C COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D30 20°C 30°C XDZ 0 MAXCOR 0 COR 0 COR 0 Parametro Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 Seq.1+2 LOCK 18 °C Seq.1+2 LOCKSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-63
  • 65. Compensazione tempe- Schema baseratura di mandata B2 MULFUN B1 SEQREG Loop di controllo 1 B1 SEQREG Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 Q1 DT Y1 S PROT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Y1 Q1 3351S59 Inoltre: accensione "ON" della pompa per temperatura esterna < 5 °C Blocco pompa per temperatura esterna > 16 °C Scostamento setpoint come nello schema seguente: w 3351D33 60°C 45% 42°C 55% 20°C t = = -10°C 20°C Tabelle configurazione: Display Default Selezionare Loop di Loop di Loop di controllo 1 controllo 2 controllo 3 COMP (se MULFUN) CONST COMP x o o LOCK (per seq.1+2) FREE LOCK x o o LOCK (per seq.3+4) FREE LOCK o o o Display Default Selezionare Y1+Q... Y2+Q... Y3+Q... RELEAS INACT ACTIV x o oCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-64 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 66. SEL1 SEL2 SEL3 60°C 42°C 20°C COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D31 -10°C 5°C 5°C 20°C XDZ 0 MAXCOR 0 COR 0 COR 0 Parametro Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 YQ ON (1Y + 1Q) 5% YQ OFF (1Y +1Q) 0% MQ ON (RELEAS) 5 °C MQ OFF (RELEAS) 6 °C Parametro Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 Seq.1+2 LOCK 16 °C Seq.1+2 LOCKSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-65
  • 67. 11.3.6 Protezione antigelo11.3.6.1 Termostato antigelo [ PROT]Modalità operativa AC 24 V Frost monitor B1 SEQREG Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 +B MULFUN PROT +B Seq2 Q = ON < 5°C 3351Z40E RWX62.. Se interviene il termostato antigelo, (Off sul relativo morsetto d’ingresso), si attiva le se- guenti funzioni: • I segnali Y delle seq.1+2 di riscaldamento si portano al 100 % • Le seq.3+4 si portano a 0 % • Tutti i segnali delle funzioni dei limiti diventano inattivi • Il display LCD visualizza allarme “frost alarm” La funzione protezione antigelo controlla sia il lato aria sia lato acqua. Come sicurezza totale, si raccomanda di collegare le pompe sulla curva di riscaldamento, che con la son- da esterna (funzione “MULFUN”) sotto i 5 °C, si attiva la funzione “RELEAS” per il funzio- namento della pompa (funzione “eco”). Terminato l’allarme protezione antigelo (segnale on = 24 V AC al morsetto), il regolatore ritorna al funzionamento normale.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-66 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 68. Impiego T T T Y Q AC 24 V B SEQREG E2 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 PROT +B MULFUN +B Seq2 Q = ON < 5°C 3351S36 RWX62.. Nel funzionamento “Standby“, rimangono attive tutte le protezioni antigelo. Se si disabilita- no i regolatori, si disabilita anche tutte le funzioni di protezione antigelo. Anche con protezione antigelo attiva ma riscaldamento spento (es. mancanza d’acqua di riscaldamento), la funzione antigelo non protegge l’impianto!.Configurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG ...+B2 INACT Con SEL selezionare PROT11.3.6.2 Sonda protezione antigelo, limite PI [S PROT] La sonda per protezione antigelo fornisce 2 controlli: modulazione valvola di riscalda- mento e, come limite, lo spegnimento con ”Q1” del ventilatore.Modalità operativa T T B... 14 12 B1 Q1 3351S38D RWX62.. Il contatto Q1 è predefinito per lo spegnimento ventilatore e l’allarmeSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-67
  • 69. La funzione sonda protezione antigelo lavora in due fasi: 1. fase: modulazione valvola di riscaldamento PI Quando il valore istantaneo, della sonda antigelo, scende sotto il suo setpoint, questo for- za la regolazione per mantenere il controllo PI. Contemporaneamente le altre funzioni li- miti rimangono temporaneamente inattive. (le serrande si chiudono completamente). • In modalità di controllo: – Il setpoint antigelo è fisso a 7 K sopra il limite d’allarme – L’antigelo agisce su tutte le sequenze da 1...4 • In modalità standby: – Il setpoint antigelo è regolabile ma sempre 7 K sopra il limite d’allarme – L’antigelo agisce sulle sequenze 1+2 (seq 3+4 sono già a 0%). Tutte le altre funzioni limiti sono inattivi. 2. Fase: contatto spegnimento ventilatore Questa fase si attiva quando la temperatura di protezione antigelo scende sotto il limite impostato (nonostante la precedente fase 1). Questo comando comporta: • Il ventilatore si spegne con il contatto d’allarme Q1 • Le uscite delle sequenze di riscaldamento 1+2 si portano al 100 % e le altre funzioni li- miti rimangono inattivi • Le seq. 3+4 si portano a 0% • Il display LCD visualizza allarme antigelo Dopo che la temperatura supera il setpoint di 3 K, il regolatore torna al funzionamento normale con i seguenti metodi di riconoscimento allarme: • AUTO: riconoscimento automatico per aumento della temperatura • MANUAL: riconoscimento manuale (premendo un pulsante qualsiasi sul regolatore) • MANU3: riconoscimento manuale (premendo un pulsante qualsiasi sul regolatore) dopo 3 allarmi consecutivi in 30 minuti Se il setpoint d’allarme è impostato troppo basso c’è pericolo di gelo. Se il setpoint è impostato al di sopra dei 12 °C (valore di fabbrica) con una sonda attiva 0…15 °C, la valvola di riscaldamento potrebbe non chiudersi mai completamente.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-68 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 70. Impiego T T T Y Q 14 12 ALM=Q1 OFF PROT B SEQREG E2 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 +B MULFUN +B S SEL S PROT Seq2 Q = ON < 2°C 3351S37 RWX62.. La funzione di protezione antigelo può essere inserita sia per lato acqua sia lato aria. Si raccomanda d’impostare la pompa di riscaldamento sotto il controllo temperatura esterna inferiore a 2 °C (obbligatorio per la protezione antigelo sul lato acqua). In ogni modo la funzione [RELEAS] si attiva solo con la sonda esterna “MULFUN”. Questa funzione è attiva solo per l’uscita 1Y (valvola riscaldamento) con 1Q (pompa riscalda- mento). Durante il funzionamento standby la funzione protezione antigelo rimane attiva. Se il re- golatore non è alimentato o la sonda è interrotta, si disabilitano tutte le funzioni di prote- zione antigelo e il contatto Q1 si posiziona in allarme. Se la funzione di protezione antigelo è attiva, ma la temperatura dell’acqua è insufficiente (es. caldaia in blocco), la funzione protezione antigelo non può garantisce la sicurezza dell’impianto dai danni del gelo.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default TYPE tipo di sonda Ni: 0...130 °C Volt °C 0...15 °C XP PI banda proporzio- 2.5, 5.0, 10, 20, 40, 80, 160, 320 K 40 K nale TN tempo integrale 15, 30 s 2 min 1, 2, 4, 8, 16, 32 min S ALM valore allarme 1xNi: 0...123 °C 5 °C VOLT °C: 0...8 °C S PROT setpoint 1x Ni: 7...130 °C ≥ 7 K+ S ALM 12 °C Standby VOLT °C: 7...15 °C ≥ 7 K+ S ALMConfigurazione base Display DescrizioneSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-69
  • 71. CONF2 ... MODE B1 SEQREG ...+B2 INACT Con SEL selezionare S PROT B2 TYPE... 1xNi °C Con SEL selezionare tipo di sonda CONF1 ... MODE S PROT...MANUAL Con SEL selezionare modalità riconoscimento allarme MANUAL, AUTO o AUTO3 PARA2 ... MODE B1 S PROT ... XPPI 40 K Con SEL selezionare la banda P B1 S PROT ... TN 2.0 MIN Con SEL selezionare tempo integrale PARA1 ... MODE B1 SEQREG ...+B2 S ALM 5 °C Con SEL selezionare setpoint allarme B1 SEQREG ...+B2 S PROT 12 °C Con SEL selezionare setpoint per modalità stan- dby11.3.7 Regolatori ausiliari11.3.7.1 Limite [LIM]Modalità operativa Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 B SEQREG +B..LIM MAXLIM MINLIM 3351S39 RELLIM RWX62.. La funzione limite (in modalità PI) consente quanto segue: • Limite massimo e minimo (es. mandata aria o umidità). Quando il valore scende o su- pera il setpoint limite, questo (lim) forza la funzione di regolazione standard. • Limite massima differenza di temperatura tra ambiente/mandata [RELLIM] (es. tra B1 e aria di mandata B…LIM). Quando la temperatura scende sotto il limite, questo (in modalità PI) ha la priorità sulla regolazione. La temperatura mandata non può scendere sotto la differenza di temperatura ambien- te/mandata. La funzione limite di massima differenza di temperatura è particolarmente adatta per il controllo d’impianti aria primaria.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-70 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 72. Impiego B1 SEQREG 1,5 m B2 LIM RWX62.. 3351S40Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default B2 LIM XP PI; 2.5, 5.0, 10, 20, 40, 80, 40 K 40 % banda proporzionale P del limite 160, 320 K / % * B2 LIM TN; 15, 30 s 2 min tempo integrale del limite 1, 2, 4, 8, 16, 32 min B2 MAXLIM; 0...100 % d. c. 35 °C 35 % Limite massimo B2 MINLIM; limite di minima 0...100 % d. c. 15 °C 15 % B2 RELLIM; max. differenza di −100...0 K −100 K temperatura tra B1 e B...LIM * % riferito a MAXSCA - MINSCAConfigurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Con SEL selezionare LIM CONF1 ... MODE B1 SEQREG PI Con SEL selezionare modalità P o PI B1 CASC ... INACT Funzione cascata "INACT“ ⇒ solo con funzione LIM PARA2 ... MODE B2 LIM ... XP PI 40 K Con SEL, impostare la banda P del limite B2 LIM ... TN 2 MIN Con SEL, impostare il tempo integrale del limite PARA1 ... MODE B2 MAXLIM 35 °C Con SEL, impostare il limite di max. e di minima MINLIM 15 °C B2 RELLIM −100 K Con SEL selezionare la differenza di temperatura tra B1 SEQREG e B2 LIMSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-71
  • 73. 11.3.7.2 Regolazione temperatura in cascata [LIM + CASC]Modalità operativa B1 Room temperature controller SEQREG PI SEL Supply air temperature controller Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Virtual SEL Y... B.. MAXLIM Virtual T MINLIM LIM SEL Q... 3351D19E RWX62.. Oltre alla funzione limite si può selezionare la funzione controllo in cascata PI/PI della temperatura ambiente/mandata. In questo caso il regolatore temperatura ambiente PI genera il setpoint per il regolatore temperatura mandata PI compreso tra i limiti max. e minima (MAXLIM e MINLIM).Importante: • Per il controllo in cascata, i rispettivi ingressi B SEQREG e LIM devono essere configu- rati per temperatura [ °C / °F] • É possibile solo funzione cascata PI-PI • Quando si seleziona il controllo in cascata s’imposta anche il limite di massima e mini- ma.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default B1 CASC XP PI; 2.5, 5, 10, 20, 40, 80, 10 K banda proporzionale B1 160, 320 K B1 CASC TN; 15, 30 s 16 min tempo integrale 1, 2, 4, 8, 16, 32 min B1 CASC PID; 0, 1, 2, 3, 4, 5 0 parte derivativa D B2 _ / XP PI; 2.5, 5, 10, 20, 40, 80, 40 K banda proporzionale P limite mandata 160, 320 K seq. 1 B2 _ / XP FACT; fattore di moltipli- 0.25, 0.5, 1.0, 2.0, 1.0 ca Xp per la sequenza aggiuntiva 4.0 B2 _ / TN MIN; 15, 30 s 2 min tempo integrale mandata B2 1, 2, 4, 8, 16, 32 min B2 MAXLIM; 0...100 % d. c. 35 °C limite max. B2 MINLIM; 0...100 % d. c. 15 °C limite di minima B2 RELLIM; max. differenza di tempe- −100...0 K −100 K ratura tra B1 e B... LIMConfigurazione base Display DescrizioneCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-72 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 74. CONF2 ... MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Con SEL selezionare LIM CONF1 ... MODE B1 SEQREG PI Modalità di controllo: PI B1 CASC... INACT Con SEL, attivare la funzione cascata CASC ACTIV ⇒ funzione LIM con controllo in ca- scata PARA2 ... MODE B1 CASC... XP PI 10 K Con SEL, impostare la banda proporzionale P B1 CASC... TN 16 MIN Con SEL, impostare il tempo integrale B1 CASC PID 0 Con SEL, impostare la derivata D B2 _ / ...XP PI 40 K Con SEL, impostare la banda proporzionale P regola- zione limite mandata su seq. 1 B2 _ / ...XP FACT 1.0 Con SEL, impostare il fattore di moltiplica per le se- quenze aggiuntive B2 _ / ...TN 2 MIN Con SEL, impostare il tempo integrale per la regola- zione di mandata PARA1 ... MODE B2 MAXLIM 35 °C Con SEL, impostare il limite di minima e max. MINLIM 15 °C B2 RELLIM −100 K Con SEL impostare la differenza max. tra B1 SEQREG e B2 LIMSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-73
  • 75. 11.3.7.3 Limite PI di minima, con azione sulla sequenza 1 [LIMSPE]Modalità operativa T T 3351S28 B2 Q1 Y1 Y2 B1 SEQREG LIMPSE RWX62.. Quando il valore misurato scende sotto il setpoint limite, questo forza la funzione di con- trollo standard sulla seq. 1 per mantenere il valore limite.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default LIMSPE XP PI; banda P 2.5, 5, 10, 20, 40, 80, 40 K 40 % 160, 320 K / % * LIMSPE TN; tempo integrale 15, 30 s 2 min 1, 2, 4, 8, 16, 32 min LIMSPE; setpoint 0...100 % d. c. 0.0 °C 0% * % relativo a MAXSCA - MINSCAConfigurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Con SEL selezionare LIMSPE PARA2 ... MODE B2 LIMSPE... XP PI 40 K Con SEL selezionare il valore P del limite B2 LIMSPE... TN 2.0 MIN Con SEL selezionare tempo integrale PARA1 ... MODE B2 _ / LIMSPE 0 °C Con SEL selezionare il setpoint limiteCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-74 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 76. ImpiegoProtezione La funzione LIMSPE permette di effettuare la protezione antibrinamento per ricuperatorianti-brinamento di calore come scambiatori di calore a rotazione, diretti o sistemi circolazione glicolata.Esempio 1 Protezione antibrinamento per scambiatori a rotazione T T T 3351S46 B3 LIMPSE B1 SEQREG RWX62.. B2 LIM Y1 Y2 Minimum selection [SEQREG] [LIMSPE] Y2 Y1 Y1" w w Seq. controllerEsempio 2 Protezione antibrinamento per sistemi di circolazione glicolata B1 SEQREG 1,5 m B2 LIM RWX62.. 3351S40Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-75
  • 77. Esempio 3 Controllo della temperatura dell’acqua di ritorno contro la corrosione (anticondensa) 3351S29 Q1 B2 Y1 B1 B3 SEQREG MULFUN LIMPSE RWX62..CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-76 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 78. 11.3.7.4 Limite PI di massima, con azione sulla sequenza 3 [LIMMAX]Modalità operativa +B LIMMAX B SEQREG Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 SEL 3351D20 RWX62.. Quando viene superato il setpoint limite, questo forza la seq 3 di controllo per mantenere il suo setpoint di limite.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default LIMMAX XP PI; banda P 2.5, 5, 10, 20, 40, 80, 40K 40 % 160, 320 K / % * LIMMAX TN; tempo integrale 15, 30 s 2 min 1, 2, 4, 8, 16, 32 min LIMMAX; setpoint 0... 100 % d. c. 35 °C 60 % d. c. * % relativo a MAXSCA - MINSCAConfigurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Con SEL selezionare LIMMAX PARA2 ... MODE B2 LIMMAX... XP PI 40K Con SEL selezionare la banda P limitate B2 LIMMAX... TN 2.0 MIN Con SEL selezionare il tempo integrale PARA1 ... MODE B2 _ / ... LIMMAX 60 % Con SEL selezionare il setpoint limiteSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-77
  • 79. Esempio d’applicazione Limite. PI max. umidità ambiente per controllo raffreddamento (= deumidificazione) sulla sequenza 3. ϕ T T 3351S47 Y1 Y3/Q.. Y2 B2 B3 B1 SEQREG LIM LIMMAX RWX62.. Lulteriore raffreddamento della temperatura aria mandata ambiente per deumidificazione viene compensato dal regolatore incrementando il riscaldamento sulla sequenza tempe- ratura.11.3.8 Funzioni ausiliarie11.3.8.1 Regolazione di massima priorità sulla sequenza 3 [MAXPRI]Modalità operativa B SEQREG +B...MAXPRI Sq.2 Sq.1 Sq.3 Sq.4 max 3351D21 RWX62.. Y.. Il segnale codificato al morsetto d’ingresso come MAXPRI (solo 0…10 V DC) comanda direttamente la sequenza 3 di raffreddamento (normalmente per comando di deumidifica- zione esterna). Pertanto la seq. 3 è comandata dal segnale più alto tra il valore esterno e quello generato dal regolatore standard. • Il segnale d’ingresso su MAXPRI può essere solo 0...10 V DC • Una limite come segnale d’uscita B... MAXPOS può agire solo sul regolatore interno della sequenza 3 e non all’ingresso MAXPRI.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-78 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 80. Configurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Con SEL selezionare MAXPRIEsempio d’applicazione T ϕ T ϕ 3351S48 Y1 Y2 Y3 B3 B2 B1 Y2 Y1/Q1 B2 B1 LIM LIM MAXPRI SEQREG SEQREG RWX62.. RWX62.. Controllo temperatura Controllo umidità La richiesta per deumidificazione dal regolatore esterno, collegato all’ingresso MAXPRI, e la richiesta interna per raffreddamento, agiscono entrambi sulla seq. 3. Pertanto lulteriore raffreddamento della temperatura aria mandata ambiente viene compensata dal regolato- re incrementando il riscaldamento sulla sequenza 1.11.3.8.2 Azione inversa sulla seq.1 (Max. Economia Changeover), (MEC); [MULFUN + ALTDIR] Il senso d’azione sulla sequenza 1 può essere invertita. L’inversione è in funzione della configurazione della sequenza come REVERS ( _ / /) o DIRECT ( / _ / / ) durante la configurazione. Sono possibili le seguenti configurazioni di changeover: 1. Changeover da un segnale digitale esterno a 24 V AC [DIG] Questo segnale deve essere configurato come ingresso ALTDIR con DIG. 3351Z43Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-79
  • 81. 2. Changeover come valore assoluto [ABS] Sarà impiegato il seguente valore: Se è configurato solo MULFUN: Ingresso MULFUN Se sono configurati MULFUN e ALTDIR: Ingresso ALTDIR Se è configurato solo ALTDIR: Ingresso ALTDIR Per fare questo, deve essere selezionato ABS al seguente quadro. Y1 CO1 3351Z47 Se è stato configurato solo ALTDIR, il valore per ABS è impostato automaticamente e pertanto questo quadro non appare. Il valore di changeover è indicato in PARA1 MODE. Y1 °C ← Valore d’ingresso SEL 3351Z48 Reverse mode 1K or 1% B Hysteresis Normal mode 3351D25E ALT MULFUN or ALTDIR 25°C 3. Changeover nel caso di confronto tra due valori misurati (∆ B… -B...) Questa funzione di changeover è possibile solo se le sonde B sono state configurate co- me sonde di temperatura (1xNi; 2xNi o VOLT °C). Sono possibili i seguenti confronti valori misurati: Se è stato configurato solo MULFUN: ∆B... MULFUN – B... SEQREG Se sono configurati MULFUN e ALTDIR: ∆B... MULFUN – B... ALTDIR Per fare questo, deve essere selezionato ∆B… - B… nel corrispondente quadro. Y1 CO1 3351Z52CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-80 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 82. Il valore di changeover è indicato in PARA 1 MODE. Y1 ← Valore d’ingresso K SEL 3351Z49 Reverse mode 1K Hysteresis Normal mode 3351D24E ALT ∆B.-r. 4K Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default B1 X _ / /...ALT a ABS 0...100 % d. c. 25 °C 52 % d. c. a ∆B.-B. 0...100 K 2K Contatto differenziale presente 1K 1 % d. c. Configurazione base Display Descrizione CONF2 ...MODE B1 SEQREG... +B2 INACT Selezione di MULFUN o ALTDIR o MULFUN e ALTDIR CONF1 ... MODE B1 X _ / /... OFF Selezione di changeover ABS o ∆B.-B. PARA1 ... MODE B1 X _ / /... ALT 2 K Differenza setpoint per changeoverEsempi d’applicazione Esempio 1 Changeover per temperatura aria esterna di 25 °C. Y1 Y1 °C MULFUN 3351S49 PA1 B2 Y1 CO1 RWX62.. Seq.1 3351Z41 B2 MULFUN: Sonda temperatura aria esterna Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999 Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-81
  • 83. Esempio 2 Changeover sull’entalpia esterna di 30 kJ/kg Y1 Y1 3351S50 ALTDIR PA1 B2 Y1 CO1 RWX62.. Seq.1 3351Z42 B2 ALTDIR: Sonda d’entalpia esterna 0...10 V DC 0...100 kJ/kgEsempio 3 Changeover da contatto temperatura esterno 3351S51 ALTDIR CO2 B2 Y1 RWX62.. Seq.1 3351Z43 B2 ALTDIR: Contatto per temperatura esterna 0/24 V ACEsempio 4 Changeover da differenza di temperatura tra aria esterna - ambiente = 2 K SEQREG Y1 Y1 K 3351S52 MULFUN PA1 B2 Y1 B1 CO1 RWX62.. Seq.1 3351Z44 B1 SEQREG: Sonda temperatura ambiente B2 MULFUN: Sonda di temperatura esternaEsempio 5 Changeover da differenza di temperatura tra aria esterna - ripresa = 2 K ALTDIR SEQREG Y1 Y1 K 3351S53 MULFUN PA1 B3 Y1 B2 B1 CO1 RWX62.. Seq.1 3351Z45 B1 SEQREG: Sonda temperatura ambiente B2 ALTDIR: Sonda temperatura aria ripresa B3 MULFUN: Sonda temperatura aria esternaCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-82 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 84. Esempio 6 Changeover dal trasduttore d’entalpia = 2 kJ/kg Y1 Y1 3351S54 ALTDIR PA1 B2 Y1 CO1 RWX62.. Seq.1 3351Z46 B2 ALTDIR: Trasduttore d’entalpia AQF61.1; Differenza d’entalpia 0...10 V DC −50...+50 kJ/kg11.3.8.3 Multifunzione con Q: MULFUN [RELEAS] per 1Y + 1QModalità operativa 3351S20 B2 Q... Y... RWX62.. B2 = MULFUN: Temperatura esterna Se la temperatura rilevata all’ingresso MULFUN scende sotto al rispettivo setpoint specifi- cato, è attivata la Y... – con relativa Q …. Questa funzione è attiva anche durante il funzionamento standby. La funzione MULFUN dovrebbe essere in ogni modo già attiva e può essere configurata solo per segnale d’uscita 1Y + 1Q.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default RELEAS MQ ON 0...100 % d. c. MULFUN 2 °C 50 % d. c. RELEAS MQ OFF 0...100 % d. c. MULFUN 4 °C 52 % d. c.Configurazione base Display Descrizione CONF1 ... MODE B1 RELEAS...INACT Con SEL, attivare la funzione RELEAS PARA1 ... MODE B1 MQ 1 ON 2 °C Con SEL selezionare il punto del d’inserzione on e off MQ1 OFF 4 °CSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-83
  • 85. Esempio d’applicazioneS PROT e RELEAS T T T Y Q 14 12 ALM=Q1 OFF PROT B SEQREG E2 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 +B MULFUN +B S SEL S PROT Seq2 Q = ON < 2°C 3351S37 RWX62.. Come funzione protettiva aggiuntiva, la pompa del circuito di riscaldamento Q è automati- camente inserita “on” per temperature aria esterna inferiore a 2 °C.11.3.8.4 Blocco sequenze con MULFUN [LOCK]Modalità operativa La funzione [Lock] permette di bloccare le sequenze (riscaldamento e/o raffreddamento) in funzione della sonda su MULFUN (es. temperatura esterna). 3351D23E Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 CO1 LOCK active active PA1 2K 2K Lock Lock LOCK 24 °C T LOCK 18 °C T Le sequenze di raffreddamento possono essere fermate per temperatura aria esterna basse e le sequenze di riscaldamento per temperatura aria esterna alte. Questo, fra l’altro, assicura che il riscaldamento non sia attivo in estate e il raffreddamento non sia at- tivo in inverno.CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-84 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 86. La funzione LOCK può essere attivata per le sequenze 1+2 e/o sequenze 3+4. Il contatto differenziale è fisso a 2 Kelvin o 4 % del campo (d.c.). Questa funzione è attiva per il comando notturno. ⇒ Bloccando con LOCK l’uscita è a 0%. MINPOS e MAXPOS non sono considerati. Se seq. 1 è bloccato con LOCK, l’uscita per DIRECT è MAXPOS e per REVERS è MINPOS. Il comando per l’azione inversa per la sequenza 1 rimane attivo.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default B1 _ LOCK...; impostare lock 0..100 % d. c. MULFUN 18 °C 50 % per le seq. 1+2 B1 _ LOCK...; impostare lock 0..100 % d. c. MULFUN 18 °C 50 % per le seq. 3+4Configurazione base Display Descrizione CONF1 ... MODE B1 _ ... FREE Con SEL, impostare la funzione LOCK per le sequenze 1+2,3+4 PARA1 ... MODE B1 _ ... LOCK 18 °C Valore di setpoint per bloccare le seq. di riscalda- mento 1+2 B1 _/ /... LOCK 18 °C Valore di setpoint per bloccare le seq. di raffredda- mento 3+4Esempio d’applicazione Vedi: Esempi d’applicazione per setpoint compensati, sezione 11.3.5.3.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-85
  • 87. 11.3.8.5 Impostazione allarme sulla sonda di regolazione [DEVALM]Modalità operativa 3351S55 Q... B SEQREG Q DEVALM ON 1K 1K OFF SEL X DEVALM DEVALM Per valori di “deviazioni” fuori dal limite di tolleranza impostato, viene chiuso il primo con- tatto dallarme Q… (disponibile terminata la CO2) normalmente aperto (es. per attivare una sirena dallarme). Allo stesso tempo lallarme deviazione è visualizzato sul display. Dopo il ritorno “devalm” al valore normale, lallarme viene automaticamente disattivato. L’allarme devalm può essere configurato solo se è disponibile e libero almeno uno dei contatti Q. I successivi contatti liberi Q possono essere impiegati a questo scopo. Si può impostare un ritardo allarme per mezzo di T1 (ritardo contatto–on). Il contatto “devalm” è comune a tutti i loop configurati. La funzione dellallarme può essere disattivata, per i loop non interessati, immettendo un valore di “devalm” a fondo scala.Valori regolabili Descrizione Campo Impostazione di fabbrica Temperatura Default DEVALM 0...100 % d. c. 4K 4 % d. c. Deviazione allarme ∆ OFF fisso a 1 K / % d. c.Configurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE DEVALM ... INACT Con SEL, attivare DEVALM PARA1 ... MODE B1 _ / ... DEVALM 4K Con SEL impostare il campo di devalmCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-86 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 88. 11.4 Regolatore digitale [DIGREG]11.4.1 Modalità operativa L’ RWX62... permette di configurare tre loop di controllo indipendenti con funzioni ausilia- rie. I nomi dei loop di controllo identificano il nome della sonda della variabile principale con- trollata. Così il primo loop di controllo è sempre B1. Il regolatore ha 1...6 uscite digitali (Q1...Q6) con inserzione contatto-on e contatto-off re- golabile, che può essere distribuito nel campo della variabile d’ingresso per ciascuna uscita digitale Q.Esempio Regolatore digitale con quattro uscite digitali. Q1 Q4 Q2 Q3 3351D22E ON OFF Controlled variable DQ1OFF DQ4OFF DQ2OFF DQ3OFF DQ1ON DQ4ON DQ2ON DQ3ON Per ciascuna uscita digitale Q si può impostare il tempo di ritardo all’inserzione T1 e il tempo minimo di pausa T2.Ingressi universali B Per ciascun ingresso si può elaborare uno dei due segnali attivi o passivi. Si possono se- lezionare i seguenti tipi di segnale: 1xNi; 2xNi; VOLT °C; VOLT %; VOLT. (Per la descrizione dei dettagli fare riferimento alla sequenza del regolatore, sezione "In- gressi universali B"). I valori misurati per gli ingressi B (1xNi e 2xNi) possono essere corretti con il parametro CORSCA. Correzione valori aggiustabili −10...+10K / % del campo (d. c.).Ingresso digitale E2 Modalità di controllo "OFF" con E2 [STNDBY] Si può disattivare la modalità di controllo con l’ingresso E2 0/24 V AC. Allo stesso tempo tutte le uscite Q sono disattivate. In questo caso è considerato il ritardo del contatto on e off. Per tutti i 3 loop di controllo può essere attivata lazione di controllo E2. In modalità di controllo, se l’impianto è stato disattivato con E2, il display visualizza il simbolo al corri- spondente loop di controllo.Uscite digitali Q Punto d’inserzione: si può definire il punto di contatto on e off per ciascuna uscita Q. Per esempio: B1: DQ2 ON 22 °C B1: DQ2 OFF 20 °CSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 11-87
  • 89. Tempi di ritardo Per ciascuna uscita digitale si possono impostare due tempi di ritardo. T1 è il ritardo contatto all’inserzione T2 è il ritardo alla reinserzione.Modalità operativa: ON 3351D10Uscita calcolatadal regolatore OFF Output Q ONUscita Q effettiva OFF T1 T1 T1 T2 T2Valori regolabili: Descrizione Campo Impostazioni di fabbrica Temperatura Default T1, T2 0, 4, 8, 15, 30 s 0s 1, 2, 4, 8, 16, 32 min CORSCA B1...B5 −10...+10K / % d. c. 0K 0 DQ...ON; punto d’inserzione 0...100 % d. c. ≠ altri Q.. DQ...OFF; punto di disinserzione 0...100 % d. c. ≠ altri Q..Configurazione base Display Descrizione CONF2 ... MODE B1 FUNCT... DIGREG Con SEL selezionare DIGREG B1 Type ... 1x Ni Con SEL selezionare tipo d’ingresso 1x Ni, 2x Ni, VOLT°C, VOLT %, VOLT B1 DIGREG ...1Q Definire il numero delle uscite digitali Q (1...6) B2 DIGREG ... INACT Con SEL, attivare il 2^ loop di controllo CONF1 ... MODE TEMP °C / K Con SEL selezionare lunità °C / K o °F B1 STNDBY ... INACT Con SEL selezionare INACT o ACTIV INACT = vedi pagina 11-38 per n. OFF PARA2 ... MODE T1... (Q...) ... 0 SEC Con SEL selezionare tempo di ritardo alla inserzione T2... (Q...) ... 0 SEC Con SEL selezionare il tempo di pausa PARA1 ... MODE B1 DQ1 ON 20 °C Con SEL selezionare il punto d’inserzione “on” B1 DQ1 OFF 19.5 °C Con SEL selezionare il punto di disinserzione “off”CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa11-88 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 90. 12 Schema di collegamentoSchema interno RWX62.7032 RWX62.7034 RWX62.7036 RWX62.5030 G G0 M M M Tool E1 E2 B1 B2 B3 B4 B5 RWX62... Y1 Y2 Y3 Q11 Q14 Q12 Q21 Q24 Q31 Q34 Q32 Q41 Q44 Q51 Q54 Q61 Q64 RWX62.5030 RWX62.7032 RWX62.7034 3351A01D RWX62.7036 G-G0: alimentazione 24 V AC M: neutro di misura (G0) per segnali B: Ingresso universale E: Ingresso digitale Y: Uscita analogica Q: Uscita digitale, ammesse tensioni diverse Tool: Collegamento per POLYCOPY Le linee di demarcazione impostata, visualizza i collegamenti per ciascun tipo di regolato- re.Schema di collegamento B1 Sonda Ni 1000 B1 B2 B3 B4 B2 Sonda 0...10 V DC B3 Sonda combinata H1 G G (temperatura e umidità) K1 B M B M B M B4 Termostato Y1..Y3 Servocomandi M1 Ventilastore H1 Orologio (Day/Night) 24 V AC G M E1 E2 B1 M B2 B3 M B4 B5 H2 Allarme Q1 K1 Contatto (comando per standby) GO Y1 Y2 Y3 Q11 Q14 Q12 Q1 Super protezione antigelo N1 (uscita relè) N1 Regolatore RWX62... G Y.. G Y.. G Y.. M1 H2 33 GO GO GO 51 A0 Y1 Y2 Y3 2EInstallazione elettrica La tensione di alimentazione deve essere conforme alla richiesta di bassa tensione (SELV) secondo EN 60 730. Utilizzare un trasformatore di sicurezza con doppio isolamento secondo EN 60 742, di- mensionato per funzionamento continuo al 100 %.. Quando s’impiegano più trasformatori in uno stesso impianto, occorre collegare i terminali G0 tra loro. Le unità POLYGYR RWX62... sono progettate per comandi di sicurezza bas- sa tensione max 24 V AC 10 A e sono isolati da cortocircuito. Tensioni d’alimentazione superiori a 24 V AC possono danneggiare o distruggere il rego- latore o qualsiasi altra apparecchiatura collegata. Inoltre tensioni superiori a 42 V AC ri- schiano l’incolumità delle persone. Tensioni max. 250 V AC possono essere collegate solo sui contatti digitali a potenziale li- bero Q.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 12-89
  • 91. 13 Dati tecniciDati generali Tensione Tensione d’alimentazione 24 V AC ±20 % Q1...Q6 24...230 V AC) Bassa tensione SELV EN 60 730 Frequenza 50 Hz / 60 HzPotenza assorbita RWX62.5030 4 VA RWX62.7032 5 VA RWX62.7034 6 VA RWX62.7036 7 VAVelocità elaboratore Velocità rinnovamento uscite 1sDisplay (LCD) Valore istantaneo e setpoint 3-digit Risoluzione valori <100 0.1 Risoluzione valori >100 1 Risoluzione campi <10 0.01 Uscite analogiche (-1...11 V) 2-digit, risoluzione 1 Volt / 10 % Uscite contatti digitali OFF/ONCondizioni Trasporto IEC 721-3-2 ambiente Condizioni climatiche Classe 2K3 Temperatura −25...+70°C Umidità < 95 % ur Condizioni meccaniche Classe 2M2 D’impiego IEC 721-3-3 Condizioni climatiche Classe 3K5 Temperatura 0...50°C Umidità < 95 % urGrado di smaltimento Normale EN 60 730Grado di protezione Custodia IP 20 - EN 60 529 Frontale IP 40 - EN 60 529Prodotto standard Regolatore per impieghi civili e similari EN 60 730 Conforme ai requisiti di energia UL 916Assicurazione qualità Produzione e servizio ISO 9001 conforme In accordo con direttive European Union Compatibilità Elettromagnetica EMC 89/336 EEC Linea guida bassa tensione 73/23/EECStandard Emissioni EN 50 081-1 Immunità EN 50 82-1 Immunità Settore Industriale * EN 50 82-2 Sicurezza EN 60 730 *L RWX62... può essere impiegato in ambienti come definiti in “EN 50 082-2 ambiente indu- striale “, purché risponda ai seguenti requisiti: 1. Integrato in una custodia metallica completamente sigillata. 2. Tutte le connessioni devono essere fatte con linee schermate (ammessi cavi multipli con schermatura comune). 3. Collegamento di tutte le linee schermate all’interno di canaline. 4. Le messa terra delle schermature dei cavi devono essere solo sul lato del RWX62…CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa13-90 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 92. Morsettiera Morsetti estraibili per cavi di min. Φ 0.5 mm max. 2x1.5 mm2 o 1x 2.5 mm2Tool di collegamento Connettore plug per POLYCOPY 4-pinPeso senza imballo RWX62.5030 0.38 kg RWX62.7032 0.40 kg RWX62.7034 0.44 kg RWX62.7036 0.46 kgDimensioni Fare riferimento a "Dimensioni" per ulteriori dettagliIngressi universali B1...5Sonde di temperatura Campo −35...130 °C(LS Ni 1000 / 0 °C) Inferiore e superiore −50...150 °C Risoluzione < 0.05 K a 0 °C RWX62... precisione −0.5K ...+0.5 K Tensione di misura max. 5.0 V DC Corrente di misura 2.6....3.4 mA Max. lunghezza cavo ammessa per Φ ≥ 0.6 mm max. 300 m (resistenza totale linea 4.5 Ω corrisponde a 1 K d’errore ca.)Sonde di temperatura Campo −35...130 °CLS Ni 1000 (2 x LS Inferiore e superiore −50...150 °CNi1000 / 0 °C Risoluzione < 0.1 K / 0 °Cin parallelo) RWX62... precisione −1K...+1 K Tensione di misura max. 5.0 V DC Corrente di misura 3.1....3.9 mA Max. lunghezza cavo ammessa per Φ ≥ 0.6 mm max. 300 m (resistenza totale linea 2.25 Ω corrisponde a 1 K d’errore ca.)Tensione Campo 0...10 V DC(per variabili di misura in Inferiore e superiore -1.4...11.4 V DC°C, % o senza unità di Risoluzione 1.0 mVmisura) RWX62... precisione −0.1...+0.1 V a 0 V −0.25...+0.25 V a 10 V Max. corrente assorbita 0.11 mA Resistenza interna Ri ≥ 100 kΩ Max. lunghezza cavo ammessa per Φ ≥ 0.6 mm max. 300 m; vedi anche informazioni per collegamenti unità esternaPotenziometri esterni Campo 0...1000 Ω B2...5 Campo superiore 1200 Ω Risoluzione 0.15 Ω RWX62... precisione −2.5 Ω...+2.5 Ω a 1000 Ω −5 Ω...5 Ω a 0 Ω Tensione di misura max. 5 V DC Corrente di misura 2.9....4.4 mA Max. lunghezza cavo ammessa per Φ ≥ 0.6 mm max. 300 m (10 Ω linea totale corrisponde a 1 K d’errore ca.)Ingressi digitali per ten- Tensione 24 V ACsione Corrente assorbita ≤ 8 mA log. 0 ≤ 5 V AC eff. log. 1 ≥ 15 V AC eff.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 13-91
  • 93. Ingressi digitali Tensione per inserzione 24 V ACE1, E2 Corrente assorbita ≤ 8 mA Max. lunghezza cavo ammessa per Φ ≥ 0.6mm max. 300 mUscite analogiche Y1...Y3 Campo 0...10 V DC Inferiore e superiore -1.4...11.4 V DC Risoluzione 15 mV Tensione di funzionamento max. ± 1 mAUscite digitali Q1...Q6 Contatti relè Q1..Q6 Tensione AC 24...230 V AC, 4 A res., 3 A ind. Tensione DC max. 50 V DC, max. 40 W, max. 5 A Min. portata contatti per tensione di funzionamento AC 230 V / 5 mA per bassa tensione DC 24 V / 10 mA Max. portata corrente (di spunto) 10 A (1 s) Durata dei contatti relè Tensione alternata a 0.1 A res. 2 . 107 cicli a 0.5 A res. 2 . 106 cicli a 3 A res. 2 . 105 cicli Fattore di potenza per carichi ind. (cos. ϕ = 0.8) 0.85 Tensione diretta 2 . 105 cicli Fusibile esterno sul lato d’ingresso max. 10 A Contatto di scambio Q1 e Q3 Contatto ON/OFF Q2, Q4...Q6 Resistenza d’isolamento Tra uscite relè e sic. alta-bassa tensione (SELV) 3750 V AC, - EN 60 730 - 1 Tra uscite relè adiacenti 3750 V AC, - EN 60 730 - 1CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa13-92 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 94. 14 Dimensioni 27,5 3,7 7,5 = °F 73,5 108 45 % 57 90 K °F % K = 45 44 = = EN 50 022-35 x 7,5 68 156 52 3351M01 175 72,515 Appendice15.1 Stampa parametrizzazione Le otto pagine seguenti contengono schede di parametrizzazione sia per i regolatori di sequenza che digitali. Corrispondono al documento d’esempio nel capitolo "Progettazio- ne" e sono proposte per l’utilizzo autonomo del Manuale d’Impiego. Si possono anche fo- tocopiare e utilizzare per altri impieghi.Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-93
  • 95. Landis & Staefa Division Scheda parametrizzazione POLYGYR Joker RWX62... Regolatore in sequenza Informazione impianto Oggetto: Impianto: Data: Modello do regolatore: Schema impianto:CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-94 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 96. 1. Tabelle di configurazione 1.1 Disposizione ingressi (vedi capitolo 11, Ingressi universali B..) Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B 1 SEQREG B SEQREG B SEQREG B TELSEL B TELSEL B TELSEL B LIM B LIM B LIM B ALTDIR B ALTDIR B ALTDIR B PROT B PROT B PROT B LIMSPE B LIMSPE B LIMSPE B LIMMAX B LIMMAX B LIMMAX B MAXPRI B MAXPRI B MAXPRI B S PROT B MULFUN MULFUN MULFUN 1.2 Descrizione ingressi (vedi capitolo 11, Ingressi universale B..) Ingresso Descrizione TYPE MINSCA..MAXSCA B1 B2 B3 B4 B5 1.3 Posizioni delle uscite in sequenza (vedi capitolo 11) Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B... SEQREG B... SEQREG Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT 3351Z56 Q1 S PROT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Y.. Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 Q... DEVALM 1.4 Descrizione uscite analogiche Uscite Descrizione Y1 Y2 Y3Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-95
  • 97. 1.5 Descrizione uscite digitali Uscite Descrizione Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 1.6 Impostazioni funzioniNote: Un visto “ü ” nella relativa casella significa: il valore della colonna è “selezionato”. Nessun visto nella relativa casella significa: è valido il valore di fabbrica. Display Default Sele- Loop di Loop di Loop di ziona- controllo 1 controllo 2 controllo 3 bile TEMP °C / K °F E1 NIGHT INACTIV ACTIV E2 STNDBY INACTIV ACTIV SEQREG PI P CASC (se LIM) INACTIV ACTIV COMP (se MULFUN) CONST COMP COMP CONST COMP DIRECT (seq. 1) REVERS DIRECT OFF OFF ∆B - B Per inversione azione (seq. 1) ABS LOCK (per seq. 1+2) FREE LOCK LOCK (per seq. 3+4) FREE LOCK Display Default Selezionabile Q1 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q1 LIN BIN VAR Q2 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q2 LIN BIN VAR Q3 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q3 LIN BIN VAR Q4 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q4 LIN BIN VAR Q5 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q5 LIN BIN VAR Q6 RELEAS Y... + Q... INACTIV ACTIV Q6 LIN BIN VAR Display Default Selezionabile S PROT MANUAL AUTO MANU3CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-96 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 98. 2. Tabelle di parametrizzazione 2.1 Setpoint CONST Display Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 MAXSEL MINSEL XDZ SEL XDZ SEL 2.2 Setpoint COMPSpiegazione SEL 3351D26 SEL1 SEL3 SEL2 MULFUN COMP2 COMP4 COMP1 COMP3Loop di controllo 1 SEL1 SEL2 SEL3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR CORLoop di controllo 2 SEL1 SEL2 SEL3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR CORSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-97
  • 99. SEL1 SEL2 SEL3Loop di controllo 3 COMP1 COMP2 COMP3 COMP4 3351D27 XDZ MAXCOR COR COR 2.3 Impostazioni parametri sequenze Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B...SEQREG B...SEQREG Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT DT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Regolatore P XP Regolatore PI XP XP FACT TN PID 2.4 Impostazioni parametri regolazione in cascata Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 B1 SEQREG B...SEQREG B...SEQREG CASC XP PI CASC TN CASC PID B LIM B LIM B LIM Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. Seq. 2 1 3 4 2 1 3 4 2 1 3 4 DT DT DT DT Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Seq.2 Seq.1 Seq.3 Seq.4 Regolatore PI XP XP FACT TNCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-98 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 100. 2.5 Impostazioni parametri per funzioni ausiliari Funzione Parametro Loop di Loop di Loop di controllo 1 controllo 2 controllo 3 B1 SEQREG B SEQREG B SEQREG B LIM XPPI TN MAXLIM MINLIM RELLIM B LIMSPE XPPI TN SEL B LIMMAX XPPI TN SEL B S PROT XPPI TN S ALM S PROT DEVALM SEL ABS SEL ∆B...-B... 2.6 Taratura segnali d’ingresso sonde Parametro B1 B2 B3 B4 B5 CORSCA 2.7 Segnale d’uscita Y Parametro Y1 Y2 Y3 MAXPOS MINPOS YQ ON (1Y + 1Q) YQ OFF (1Y + 1Q) MQ ON (RELEAS) MQ OFF (RELEAS) 2.8 Uscite Q Parametro Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 T1 T2 VQ ON (VAR) VQ OFF (VAR) 2.9 Funzione LOCK Parametro Loop di controllo 1 Loop di controllo 2 Loop di controllo 3 SEQ 1+2 LOCK SEQ 3+4 LOCKSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-99
  • 101. CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-100 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 102. Landis & Staefa Division Scheda di parametrizzazione POLYGYR Joker RWX62... Regolatore Digitale Informazione impianto Oggetto Impianto Data Modello regolatore Schema impiantoSiemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-101
  • 103. 1. Tabelle di configurazione 1.1 Descrizione ingressi Ingresso Descrizione Tipo MINSCA..MAXSCA B1 B2 B3 1.2 Impostazione uscite Q per loop di controllo Uscite Loop di controllo Loop di controllo Loop di controllo 1 2 3 B1 DIGREG B2 DIGREG B3 DIGREG Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 1.3 Descrizione delle uscite Q Uscite Descrizione Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 1.4 Impostazioni funzioni Nota: un visto “ü ” nella relativa casella significa: il valore della colonna è “selezionabile”. Nessun visto nella relativa casella significa: è valido il valore di fabbrica. Display Default Selezionare Loop di Loop di Loop di controllo 1 controllo 2 controllo 3 TEMP °C /K °F E2 STNDBY INACTIV ACTIV 2. Tabelle di parametrizzazione 2.1 Taratura segnali d’ingresso Parametro B1 B2 B3 CORSCA 2.2 Uscite Q Parametro Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 T1 T2 DQ ON DQ OFFCM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-102 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 104. 15.2 Visualizzazione a display Sotto viene riportata un elenco di schermate come appaiono sul display del regolatore. Ciascuna contiene una breve descrizione dettagliata delle configurazioni selezionabili o impostabili nella rispettiva schermata. In aggiunta ogni schermata porta il capitolo di riferi- mento per ulteriori approfondimenti.15.2.1 Regolatore in sequenza Codifica nomi ACTIV = attivo INACT = inattivoVersione software Versione software 3351Z59Modalità configurazione Livello operativoCO2 Vedi: livello configurazione, capitolo 7.2 CO2 3351Z60 Selezione funzione di controllo Vedi: selezionare la funzione di controllo, cap. 11.1 CO2 Selezione: SEL SEQREG (default) DIGREG 3351Z61 Si deve selezionare SEQREG Selezione tipo d’ingresso B... Vedi: ingressi universali B, cap. 11.3.2 CO2 Selezione: SEL °C 1 x Ni °C (default) 2 x Ni °C (default) 3351Z62 VOLT °C VOLT % VOLT DIG OHM (Default per TELSEL)Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-103
  • 105. Selezione funzione ausiliaria B... Vedi: Ingressi universali B, capitoli 11.3.2 CO2 Selezione: SEL INACT (default) TELSEL 3351Z63 LIM ALTDIR PROT LIMSPE LIMMAX MAXPRI S PROT (solo per loop di controllo B1) MULFUN (solo per loop di controllo B1) Impostazione sequenza d’uscita Vedi: Impostazioni sequenze d’uscita cap. 11.3.3.2 CO2 Selezionare sequenza: SEL 0Y + 0Q (default) 0...1Y + 0...6Q 3351Z64 Attivazione secondo loop di controllo Vedi: Selezione funzioni di controllo, cap. 11.1 CO2 Selezionare: SEL ACTIV INACT (default) 3351Z65 Attivazione “devalm” (contatto per scostamento allarme) Vedi: Setpoint devalm, cap. 11.3.8.5 CO2 SEL Selezionare: ACTIV 3351Z66 INACT (default)Modalità configurazione 1 Visualizzazione livello operativoCO1 Vedi: Configurazione, cap. 7 CO1 3351Z67CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-104 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 106. Selezione unità di misura temperatura Vedi: Selezione unità di misura, cap. 11.2 SEL Selezionare: CO1 °C K °C K (default) °F 3351Z68 Selezione scala di misura ingresso B... °C SEL Vedi: Ingressi universali B, cap. 11.3.2 Selezionare: CO1 SEL °C −35...+35 °C 0...50 °C 3351Z69 0...130 °C −50...+50 °C 0...(0.10...850) Attivazione setpoint night Vedi: Comando night con E1, cap. 11.3.1.1 Selezionare: CO1 SEL ACTIV INACT (default) 3351Z70 Attivazione funzione standby Vedi: Comando regolazione con E2, cap. 11.3.1.2 Selezionare: CO1 SEL ACTIV INACT (default) 3351Z71 Selezione modalità controllo P o PI(D) Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 Selezionare: CO1 SEL P PI (default) 3351Z72 Attivazione funzione regolatore in cascata Vedi: Regolatore temperatura in cascata, cap. 11.3.7.2 CO1 SEL Selezionare: ACTIV 3351Z73 INACT (default)Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-105
  • 107. Selezione setpoint costante o compensato Vedi: Setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 Selezionare: CO1 SEL CONST (default) COMP 3351Z74 Y1 Selezione senso d’azione seq. 1 Vedi: Sequenza 1, cap. 11.3.3.4 Selezionare: CO1 SEL REVERS (default) DIRECT 3351Z75 Y1 Impostazione funzione MEC (Maximum Economy Changeover) Vedi: Senso d’azione di comando seq. 1, cap. CO1 SEL 11.3.8.2 Selezionare: 3351Z76 OFF (default) ∆B...−B... ABS Y1 Impostazione funzione LOCK Y2 °F Vedi: Sequenze Locking con MULFUN, cap. 11.3.8.4 CO1 SEL Selezionare: LOCK 3351Z77 FREE (default) Y1 Impostare funzione RELEAS Vedi: Impostazione contatti Q con MULFUN, Q1 cap. 11.3.8.3 CO1 SEL Selezionare: ACTIV 3351Z78 INACT (default) Selezione presenza antigelo Vedi: Protezione antigelo con sonda limite PI cap. 11.3.6.2 CO1 SEL Selezionare: MANUAL (default) 3351Z79 AUTO MANU 3CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-106 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 108. Selezione contatti digitali Q… Vedi: Impostazione sequenze uscite, cap. 11.3.3.2 Q1 Q2 Selezionare: CO1 SEL LIN (default) BIN 3351Z80 VARModalità parametrizza- Visualizzazione livello operativozione 2 Vedi: Configurazione, cap. 7.2PA2 PA2 3351Z81 Taratura segnali d’ingresso B... Vedi: Taratura valori di misura, cap. 11.3.2.1 PA2 SEL K 3351Z82 Tempo di ritardo all’inserzione Q… Vedi: Uscite digitali, cap. 11.3.3.6 Q1 PA2 SEL 3351Z83 Tempo minimo per riaccensione per Q… Vedi: Uscite digitali, cap. 11.3.3.6 Q1 PA2 SEL 3351Z84 Y1 Campo setpoint impostabile °C Vedi: Impostazioni setpoint, cap. 11.3.5.1 SEL e potenziometro esterno, cap. 11.3.5.2 PA2 SEL °C 3351Z85Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-107
  • 109. Setpoint compensato Vedi: Setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 PA2 SEL °C 3351Z86 Setpoint compensato °C Vedi: Setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 PA2 SEL °C 3351Z87 Setpoint tra zona neutra Vedi: Potenziometro esterno, cap. 11.3.5.2 e setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 PA2 SEL K 3351Z88 Y1 Campo correzione setpoint compensato Vedi: Setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 PA2 SEL K 3351Z89 Y1 Zona neutra tra le sequenze 1 e 3 Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 Q1 PA2 SEL 3351Z90 Y1 Banda P regolatore Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 Q1 PA2 SEL K 3351Z91CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-108 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 110. Y1 Banda P per regolatore PI(D) Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 Q1 PA2 SEL K 3351Z92 Y1 Banda P per regolatore PI(D) in cascata Y2 Y3 Vedi: Regolatore temperatura in cascata, Q1 PA2 cap. 11.3.7.2 SEL K 3351Zd0 Y1 Fattore di moltiplica P per regolatore PI(D) Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 e regola- Q1 zione temperatura in cascata, cap. 11.3.7.2 PA2 SEL 3351Z93 Y1 Tempo integrale per regolatore PI(D) Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo ,cap. 11.3.4 Q1 PA2 SEL 3351Z94 Y1 Tempo integrale per regolatore PI(D) in cascata Y2 Y3 Vedi: Regolatore in cascata, cap. 11.3.7.2 Q1 PA2 SEL 3351Zd1 Y1 Componente D regolatore PI Y2 Y3 Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 Q1 PA2 SEL 3351Z95Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-109
  • 111. Y1 Componente D regolatore PI(D) in cascata Y2 Y3 Vedi: Regolatore in cascata, cap. 11.3.7.2 Q1 PA2 SEL 3351Zd2 Banda P per regolatore ausiliario PI Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 PA2 LIM: Vedi “limiti”, cap. 11.3.7.1 o temp. SEL Regolatore in cascata, cap. 11.3.7.2 K LIMSPE: Vedi cap. 11.3.7.3 3351Z96 LIMMAX: Vedi cap. 11.3.7.4 S PROT: Vedi cap. 11.3.6.2 Tempo integrale per regolatore ausiliario PI Vedi: Parametri di controllo, cap. 11.3.4 PA2 LIM: Vedi “limite”, cap. 11.3.7.1 SEL o regolatore in cascata, cap. 11.3.7.2 LIMSPE: Vedi cap. 11.3.7.3 3351Z97 LIMMAX: Vedi cap. 11.3.7.4 S PROT: Vedi cap. 11.3.6.2 Y1 Limitazioni segnali d’uscita Y... SEL % Vedi: Uscite analogiche, cap. 11.3.3.5 PA2 SEL % 3351Z98Modalità parametrizza- Visualizzazione livello operativozione 1 PA1 Vedi configurazione, cap. 7.2 PA1 3351Z99 Y1 Setpoint: Vedi setpoint compensato, cap. 11.3.5.1 Y2 Q1 PA1 °F SEL °C % 3351Za0CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-110 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 112. Y1 Setpoint (setpoint e zona neutra) Y2 SEL Vedi: Impostazioni setpoint, cap. 11.3.5.1 K PA1 SEL °C 3351Za1 Y1 Variazione setpoint compensato Vedi: Setpoint compensato, cap. 11.3.5.3 PA1 SEL K 3351Za2 Y1 Scostamento setpoint Y2 Y3 Vedi: Setpoint/istantaneo, valore di scostamento Q1 allarme, Q2 PA1 cap. 11.3.8.5 SEL K 3351Za3 Y1 Valore inserzione contatto per funzione MEC Y2 Y3 Vedi: Azione inversa di funzionamento seq. 1, Q1 cap. 11.3.8.2 PA1 SEL K 3351Za4 Valori limite per funzione LIM °C SEL Vedi: Limiti, cap. 11.3.7.1 e controllo in cascata, cap. 11.3.7.2 PA1 SEL °C 3351Za7 Valori limiti della funzione RELLIM Vedi: Limiti, cap. 11.3.7.1 e regolatore in cascata, cap. 11.3.7.2 PA1 SEL K 3351Za8Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-111
  • 113. Y1 Valori limiti della funzione LIMSPE Y2 Y3 Vedi: Azione limite PI su seq. 1, cap. 11.3.7.3 Q1 PA1 SEL °C 3351Za9 Y1 Valori limiti della funzione LIMMAX Y2 Y3 Vedi: Azione limite PI su seq. 3, cap. 11.3.7.4 Q1 PA1 SEL °C 3351Zb0 Y1 Valore allarme da sonda protezione antigelo Vedi: Sonda antigelo per protezione PI, Q1 cap. 11.3.6.2 PA1 SEL °C 3351Za5 Y1 Valore limite per sonda protezione antigelo in fun- zione standby Q1 Vedi: Sonda protezione antigelo PI, PA1 cap. 11.3.6.2 SEL °C 3351Za6 Y1 Punto inserzione contatto Q... con 1Y+1Q SEL % Vedi: Un’uscita analogica e una digitale, Q1 cap. 11.3.3.8 PA1 SEL % 3351Zb1 Y1 Punto inserzione Q... con funzione RELEAS °C Vedi: Attivazione contatti Q… con MULFUN, SEL Q1 cap. 11.3.8.3 PA1 SEL °C 3351Zb2CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-112 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 114. Punto inserzione Q... con VAR % Vedi: Contatti ad azione variabili, cap. 11.3.3.11 SEL Q1 Q2 PA1 SEL % 3351Zb3 Y1 Valori di Locking sulle uscite con LOCK Y2 Vedi: Sequenze Lock con MULFUN, Q1 cap. 11.3.8.4 PA1 SEL °C 3351Zb4Modalità simulazione Visualizzazione livello operativoSI Vedi: Configurazione, cap. 7.2 e parametrizzazione, cap. 10 3351Zb5Modalità Automatico Visualizzazione livello operativo Vedi: Configurazione, cap. 7.2 e istruzioni operative per operatori, cap. 5 3351Zb615.2.2 Regolatore digitale [DIGREG] Codifica di base ACTIV = attivo INACT = inattivoVersione software Visualizzazione versione software 3351Z59Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-113
  • 115. Modalità configurazione 2 Visualizzazione livello operativoCO2 Vedi: Configurazione, cap. 7.2 CO2 CONF 2 MODE CO2 3351Z60 Selezione funzione di controllo Vedi: Selezione funzioni di controllo, cap. 11.1 CO2 Selezionare: SEL SEQREG (default) DIGREG 3351Z61 Si deve selezionare DIGREG Selezionare tipo dingresso B... Vedi: Ingressi universali B, cap. 11.3.2 CO2 Selezionare: SEL °C 1 x Ni °C (default) 2 x Ni °C (default) 3351Z62 VOLT°C VOLT % VOLT Impostazione sequenze uscite Vedi: Regolatore digitale, cap. 11.4 Q1 CO2 Selezionare: SEL 1...6Q 3351Zb7 Attivazione secondo loop di controllo Vedi: Regolatore digitale, cap. 11.4 CO2 Selezionare: SEL ACTIV INACT (default) 3351Zb8Modalità configurazione 1 Visualizzazione livello operativoCO1 Vedi: Configurazione, cap. 7.2 CONF1 MODE CO1 CO1 3351Z67 CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa 15-114 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 116. Selezionare l’unità di temperatura Vedi: Selezionare l’unità, cap. 11.2 SEL Selezionare: CO1 °C K °C K (default) °F 3351Z68 Selezionare il campo d’impiego per l’ingresso B... °C SEL Vedi: Ingressi universali B, cap. 11.3.2 Selezionare: CO1 SEL °C −35...+35 °C 0...50 °C 3351Z69 0...130 °C −50...+50 °C 0...(0.10...850) Attivazione funzione standby Vedi: Attivazione controllo con E2, cap. 11.3.1.2 Selezionare: CO1 SEL ACTIV INACT (default) 3351Z71Modalità parametrizza- Visualizzazione livello operativozione 2 Vedi: Configurazione, cap. 7.2PA2 PA2 PARA 2 MODE PA2 3351Z81 Taratura valore d’ingresso B... Vedi: Regolatore digitale, cap. 11.4 PA2 SEL K 3351Zb9 Tempo di ritardo all’inserzione per Q… Vedi: Uscite digitali, cap. 11.3.3.6 Q1 PA2 SEL 3351Z83Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-115
  • 117. Tempo di riaccensione per Q… Vedi: Uscite digitali, cap. 11.3.3.6 Q1 PA2 SEL 3351Z84Modalità parametrizza- Visualizzazione livello di funzionamentozione 1 Vedi: Configurazione, cap. 7.2PA1 PA1 PARA 1 MODE PA1 3351Z99 Punti d’inserzione Q... °C Vedi: Regolatore digitale, cap. 11.4 SEL Q1 PA1 SEL °C 3351Zc0Modalità simulazione Visualizzazione livello di funzionamentoSI Vedi: Configurazione, cap. 7.2 e parametrizzazione, cap. 10 SIMUL MODE SI 3351Zb5Modalità automatico Visualizzazione livello di funzionamento Vedi: Configurazione, cap. 7.2 e istruzioni di funzionamento per operatori, cap. 5 AUTO MODE 3351Zb6CM2Z3351it / 12.1999 POLYGYR Landis & Staefa15-116 Manuale d’impiego Siemens Building Technologies
  • 118. 15.3 AbbreviazioniABS Valore Assoluto per l’inversione MULFUN variabile multifunzione senso d’azione seq.1 NIGHT Setpoint nightALT Differenza di setpoint per l’inversione OFF Inattiva funzione inversione senso senso d’azione su seq.1 d’azione su seq.1ACTIV Attivo OHM Input 0...1000Ω per TELSELALM Allarme PROT Termostato antigeloALTDIR Sonda per inversione senso d’azione P Proporzionale su seq. 1 PA... Modalità parametrizzazione...AUTO Riconoscimento allarme S PROT PARA / MODE Inizio parametrizzazione... automatica PI Proporzionale / integraleAUTO / MODE Funzionamento automatico Q... Contatto digitale (relè)B... TYPE Tipo d’ingresso (es. sonda) ... Q Valori d’inserzione contattiBIN Binario (inseritore a gradini) RELEAS Contatto Q con MULFUNB... (1...5) Variabile principale di regolazione+B... (2...5) Variabile per funzioni ausiliarieCASC Cascata RELLIM Differenza con il limiteCO... Configurazione... REVERS Azione inversa su seq.1COMP CompensazioneCOMP1...COMP4 Compensazioni con MULFUN SEC SecondiCONF / MODE Inizio configurazione SEL SetpointCONST Costante (setpoint) SEL1...3 Setpoint comp. con MULFUNCOR Correzione (setpoint compensato) SEQREG Regolatore in sequenzaCORSCA Correzione sonda B..(ritaratura) SI Simulazione SIMUL / MODE Inizio simulazioneDEVALM Deviazione allarme (scostamento) S ALM Valore protezione antigelo +B LIMSPE E RG B SQ E S q2 S q1 S q3 S q4 e. e. e. e. SEL 3DD 58 311 RWX62..DIG Ingresso digitale 0/24 V AC S PROT Sonda protezione antigeloDIGREG Regolatore digitale PROT Termostato antigeloDQ Contatto Q in DIGREG STNDBY Funzionamento in StandbyDIRECT Senso d’azione diretta (seq.1) SW Versione softwareDT Tempo morto T1 Tempo ritardo all’inserzione per QFREE Funzione LOCK inattivo T2 Tempo di pausa per QFUNCT Funzione regolatore SEQREG, TELSEL Potenziometro esterno DIGREG TELE SEL Visualizzazione setpoint esterno suINACT Inattivo LCDLIM Limite TEMP Temperatura (°C / K o °F)LIMMAX Limite PI max. deumidificazione su TN Tempo integrale seq. 3 VAR Codifica uscite Q variabiliLIMSPE Limite PI anticondensa su seq.1 VOLT Segnale ingresso 0...10 V DCLIN Lineare (inseritore a gradini) VOLT°C Segnale ingresso 0...10 V DC = °CLOCK Locking sequenze con MULFUN VOLT % Segnale ingresso 0...10 V DC =MANUAL Riconoscimento allarme S PROT 0...100% manuale VQ Contatti Q con VARMANU 3 Riconoscimento allarme S PROT XDZ Zona neutra tra seq. 1 e seq.3 solo dopo 3 allarmi in 30 minuti XP P Banda proporzionale P reg. PMAXCOR Max correzione XP PI Banda proporzionale P reg. PI (setpoint compensato) XPFACT Fattore di moltiplica XP PI per altreMAXLIM Max. limite seq.MAXPOS Max. segnale d’uscita (Y) Y Uscita analogicaMAXPRI Max. segnale di priorità per seq. 3 ...Y + ...Q Impostazioni uscite per seq.MAXSCA Max. scala d’ingresso B... YQ Contatti Q tra le uscite YMAXSEL Limite max. setpointMIN Minuti 1xNi °C Ingresso sonda 1x LS Ni 1000 ΩMINLIM Limite minimo 2xNi °C Ingresso sonde 2x LS Ni 1000 ΩMINPOS Min. segnale d’uscita Y Collegamento di due sonde inMINSCA Min. scala d’ingresso B... paralleloMINSEL Setpoint minimo ∆B...−B... Differenza tra i due segnaliMQ Contatti Q con MULFUN per inversione senso d’azione seq.1Siemens Building Technologies POLYGYR CM2Z3351it / 12.1999Landis & Staefa Manuale d’impiego 15-117
  • 119. Siemens Building Technologies AGLandis & Staefa DivisionGubelstrasse 22CH-6301 ZugTel. +41 41 - 724 24 24Fax. +41 41 - 724 35 22 http://www.landisstaefa.it© 1999 Siemens Building Technologies Ltd. CM2Z3351it / 12.1999

×