Your SlideShare is downloading. ×
0
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Università non convenzionale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Università non convenzionale

1,134

Published on

Perchè il marketing sta capovolgendo il suo modo di essere …

Perchè il marketing sta capovolgendo il suo modo di essere
Il marketing deve diventare un piacere, non più un disturbo, altrimenti tale effetto negativo si ripercuote sulla marca

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,134
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
48
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Nun te reggae chiù x3
  • La cura Battiato x3
  • Bigmouth strikes again x 4
  • Siamo solo noi V. Rossi x 2
  • Hey you x 5
  • Grande grande x 3
  • Bigmouth x 5
  • Transcript

    • 1. Il Marketing non-convenzionale
    • 2. Iniziamo in modo convenzionale
    • 3. Grazie a e a voi che partecipate Beppe Melis Ninjamarketing Claudio Vaccaro
    • 4. Il marketing convenzionale Parla del Consumatore … del PIL…
    • 5. Il marketing non-convenzionale … parla di Persone … di BIL
    • 6. Perché?
    • 7.  
    • 8. Chi conosce meglio il prodotto: chi lo produce o chi lo usa?
    • 9. Il concetto è semplice: La pubblicità disturba La gente preferisce divertirsi
    • 10. Finiti quei tempi
    • 11. Mi spiego?
    • 12.  
    • 13.  
    • 14.  
    • 15.  
    • 16.  
    • 17. 1 - Il marketing virale L’ideavirus: un prodotto straordinario di cui le persone non vedono l’ora di parlare - Progetta il viral dna - Identifica le persone - Lo inserisce nelle sue reti (seeding) - Ne agevola la diffusione la condivisione e le conversazioni Realizzare prodotti servizi o comunicazioni commerciali che tendano a diffondersi spontaneamente
    • 18.  
    • 19. Un altro esempio
    • 20. “ I mercati sono conversazioni” 2 Non ci sono target da colpire ma persone con cui risuonare Non sanno più cosa inventarsi, vero? “ I mercati son fatti da persone non di segmenti” “ Le conversazioni si svolgono a voce”
    • 21. Net Promoter ™ Scoring “ Quanto sei disposto a parlarne con qualcuno? Totalmente soddisfatti 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Promotori Detrattori Soddisfatti passivi Totalmente insoddisfatti
    • 22. Ma ci fa più piacere parlar male che parlare bene! Attansiòn… 1 > parla a 11 > che parlano a 5 = 67!!!
    • 23. Il passaparola negativo Quando è utile Piaceri Mode e tendenze Prodotti trasgressivi Arte Prodotti edonistici Possiamo inserire dell’edonistico nel nostro lavoro?
    • 24. Quando è dannoso Medicinali Alimentari Consulenze Assicurazioni e finanza Educazione e infanzia Prodotti utili e importanti Il Passaparola negativo
    • 25.  
    • 26. La tribù Immaginario Simpatizzanti Istituzionale Aderenti (associazioni) Occasionale Partecipanti (raduni) Visibile Invisibile Vissuto Praticanti
    • 27. Nasce il Web 2.0
    • 28. 1000 idee da chi i biscotti se li ciuppa (in 30 giorni) Un bel patrimonio, no? (Gratis)
    • 29. 40.000 idee dagli appassionati della vecchia 500
    • 30. 400 membri in 40 ore. Gratis ;-) 738 membri in 7 giorni Oggi più di 1700
    • 31. Tutto capovolto: decide chi consuma non chi produce Ma è solo una stupida moda…
    • 32. Perché è cambiato l’utente internet… 66.8% degli utenti internet utilizza normalmente i Social Media 18% del tempo speso su Internet è sui Social Media Fonte: NielsenOnline Dec08
    • 33. Conversando tra loro e condividendo contenuti sui social, gli utenti si formano e si scambiano opinioni online: sono più consapevoli … e quindi è cambiato il TUO cliente…
    • 34. … e cambiando le abitudini di acquisto… 70 % dei consumatori utilizza le opinioni online come primo fattore di scelta per un acquisto Fonte: NielsenOnline TRAVELLER 2.0
    • 35. … non bastano più le solite cose! TO DO LIST : Sito web spettacolare SEO mirabolante Keyword adv speciale Mailing devastante … e sui social network ?????
    • 36. Presenza e contenuto Crea blog, gruppi, profili social Con personalità, coerenza, sincerità : socializza il tuo brand Aggiorna spesso e bene Non usare un approccio commerciale, sii personale Condividi informazioni utili Link, consigli di viaggio, contenuti multimediali: dona! Emoziona i tuoi clienti/utenti Valorizza le esperienze dell'ospitalità, dando spazio ai tuoi clienti: video/foto di ricordi emozionali ed eventi. Costruisci una narrazione e crea legame con la tua struttura: spingi i tuoi clienti a condividere i loro ricordi e parlare di te Aggrega tutto sul tuo sito 1 2 3 4 5
    • 37. Presenza e contenuto: il tuo blog <ul><li>Un ottimo blog turistico contiene: </li></ul><ul><li>Articoli su eventi interessanti del territorio, promozioni/eventi del tuo hotel, consigli e itinerari di viaggio, mini-guide su locali, ristoranti, posti da vedere…. </li></ul><ul><li>I riferimenti ai tuoi Profili Social e gli ultimi contenuti pubblicati (Facebook, Flickr, Twitter, YouTube…) </li></ul><ul><li>Foto, video, link interessanti per esplorare il territorio in cui operi </li></ul><ul><li>Prenotazione hotel o struttura </li></ul><ul><li>Tuoi riferimenti (struttura/posizione…) </li></ul>Domanda da porsi sempre: C’E’ UN MOTIVO VALIDO PER VISITARE E LEGGERE IL MIO BLOG?
    • 38. Migliorare è istintivo, è naturale. “ Ma da dove cominciare?” ho chiesto ad un grande psicologo. Da ciò in cui siamo già bravi! Ai difetti pensiamo dopo. Bella!!! Questa risposta mi ha entusiasmato! Concordo in pieno. Perché pensare a migliorare i pregi e non i difetti? Perché non aver difetti non è possibile, ed avere dei piccoli pregi è banale. Ecco perché. Le persone che si distinguono hanno grandi pregi, e grandi difetti, e sono molto più apprezzate di quelle che ne mostrano solo di piccoli. Lo stesso vale per i prodotti. Se li vogliamo distinguibili, straordinari, cioè ben posizionati, ecco che devono possedere pregi ineguagliabili. Pazienza per i difetti, possibilmente che non siano difetti di produzione, ma non è detto. Questi spariranno di fronte alla preponderanza del pregio. Poi vuoi mettere: è molto piu interessante ragionare su ciò su cui siamo già bravi, che ci piace molto più che non ciò su cui bravi non siamo. E’ più appassionante, interessante, divertente. L’errore, il difetto è poi soggettivo. Quante cose sbagliate sono adorabili? Quante cose brutte, in fondo, ci piacciono? Le persone che amiamo, i prodotti che amiamo, tutto ciò che è straordinario, ha sempre grandi difetti. Straordinaria pazienza... Prima i pregi poi i difetti 4- La marca Dalla consapevolezza all’affinità Non puoi piacere a tutti Scegli e alimenta le tue affinità
    • 39. <ul><li>É meglio essere i primi (originali) </li></ul><ul><li>che i migliori </li></ul><ul><li>Se non sei il primo in una categoria creane una nuova </li></ul><ul><li>Essere i primi nella mente dei consumatori non nel mercato </li></ul><ul><li>Se punti ad una posizione da n°2 </li></ul><ul><li>la tua strategia </li></ul><ul><li>sarà definita dal leader </li></ul><ul><li>ma chi si ricorda dei n° 2? </li></ul>Le regole del Posizionamento
    • 40. Il valore del cliente nel passaparola Il Processo d’acquisto
    • 41. Un esempio?
    • 42. Si nota con sorpresa
    • 43. Si nota con sorpresa
    • 44. <ul><li>Caffè MeF </li></ul>Ed anche questo è più apprezzato di una pubblicità (ed anche più economico …)
    • 45.  
    • 46. Un brand è una promessa di qualità costante nel tempo l’insieme dei discorsi che si tengono su di un brand … Ma oggi…
    • 47. <ul><li>Obiettivo del Non-Convenzionale </li></ul><ul><li>è il passaparola </li></ul><ul><li>che da word of mouth </li></ul><ul><li>è diventato word of mouse </li></ul>
    • 48. Con la tecnologia con cui abbiamo sempre più confidenza La generazione Y i nati con il computer internet natives vs internet migrants
    • 49. <ul><li>E già c’è la generazione M </li></ul><ul><li>costantemente collegata via mobile </li></ul>
    • 50. E’ come se nascesse un’economia… SOCIALE
    • 51.  
    • 52. Il Media hunter Cool hunter della comunicazione Sempre connesso con socialmedia di ogni dove Non ragiona per formati ma CREA formati Conosce le grandi concessionarie ma soprattutto scopre nuovi media Ha molto coraggio e sa trovare i giusti partner Ha un forte intuito e sa cogliere al volo le occasioni
    • 53.  
    • 54.  
    • 55. La coda lunga dai mercati di massa a una massa di micromercati L’ambiente della nostra microimpresa
    • 56. L’intrattenimento è spesso virtuale e “user generated” Ciascuno può avere un pubblico Fioriscono generi stili, media differenti rivolti a nicchie dense di conversazioni
    • 57.  
    • 58. Il Moderno con la Tradizione L’Innovazione con l’Autenticità L’Ordine con il Chaos La Globalizzazione con la Localizzazione L’Unificazione con la Frammentazione Il Progresso con il Regresso Sovrapposizione e integrazione paradossale delle opposizioni nella postmodernità (Cova, 2006)
    • 59. Moderazione e misura <ul><li>Walk … don’t run! </li></ul><ul><li>A little better, never perfect </li></ul><ul><li>Followers, not clients </li></ul><ul><li>NO los compres </li></ul><ul><li>si NO los necessitas </li></ul>L’uomo della velocità, l’homo currens , guadagna sicuramente alcune facoltà, ma ne perde altre, prima fra tutte l’attenzione per l’altro […], quella passione, quella cura o quella tenerezza che vengono da non avere solo scopi, ma anche sentimenti, dal non avere solo concorrenti, ma anche amici, legami, interdizioni o impicci Cassano (2001, pag. 154) Martì Guixé www.guixe.com
    • 60. Riscoprire le radici
    • 61. 10 dal fare comunicazione a essere comunicazione Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza Coerenza
    • 62. Amnesty International
    • 63. Seri… Ma non tristi
    • 64. Per il casinò di Venezia
    • 65. Senza parole
    • 66. Guerra condotta con mezzi non-convenzionali, irregolari con poche risorse contro un nemico preponderante Nel Mktg: organizzazione di attività di forte impatto, sorprendenti Si utilizzano strumenti diversi da quelli tradizionali (prevedibili, scontati, costosi) appunto, non-convenzionali Guerrilla marketing
    • 67. Insomma: il marketing nato dalle multinazionali…
    • 68. … ed è ormai arrivato anche ai nostri lidi C’è chi lo chiama Marketing Mediterraneo Fatto più di relazione che di prodotto Una sciocchezza, naturalmente
    • 69. <ul><li>Domande? </li></ul>Domande?
    • 70. Vorrei salutarvi in un modo molto convenzionale
    • 71. Grazie Fatevi sentire quando volete Sito - www.marketingeformazione.it Blog - www.ilriccio.eu Tel - 0783 212037 Mail - [email_address] Skype – andrea.riccio1

    ×