Il modello DIR<br />Dott. Antonio Narzisi<br />
Il modello DIR e l’approccio FLOOR-TIME<br />d.i.r.d=Developmental, cioè basato sullo sviluppo;i  = individualdifference, ...
A CHI è INDIRIZZATO IL D.I.R. ?<br />Ai bambini con problemi di sviluppo:<br /><ul><li>Disturbi dello spettro autistico
Problemi della relazione e della comunicazione
Problemi gravi del linguaggio
Problemi gravi di regolazione
Sindrome di down
Sindrome  X fragile
Sindrome feto-alcolica
Paralisi cerebrali infantile</li></li></ul><li>I tre insight nucleari<br />1_Il linguaggio e l’intelligenza, così come le ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dir

575 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
575
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dir

  1. 1. Il modello DIR<br />Dott. Antonio Narzisi<br />
  2. 2. Il modello DIR e l’approccio FLOOR-TIME<br />d.i.r.d=Developmental, cioè basato sullo sviluppo;i = individualdifference, cioè basato sulle differenze individuali; r = relationship-based, cioè basato sulle relazioni<br />
  3. 3. A CHI è INDIRIZZATO IL D.I.R. ?<br />Ai bambini con problemi di sviluppo:<br /><ul><li>Disturbi dello spettro autistico
  4. 4. Problemi della relazione e della comunicazione
  5. 5. Problemi gravi del linguaggio
  6. 6. Problemi gravi di regolazione
  7. 7. Sindrome di down
  8. 8. Sindrome X fragile
  9. 9. Sindrome feto-alcolica
  10. 10. Paralisi cerebrali infantile</li></li></ul><li>I tre insight nucleari<br />1_Il linguaggio e l’intelligenza, così come le abilità emozionali e sociali vengono tutte apprese attraverso relazioni interattive che coinvolgono gli scambi affettivi.<br /><ul><li>Affinchè una interazione possa essere considerata nutriente dovrà avere alcune di queste caratteristiche:
  11. 11. a) calore e sicurezza; b) regolazione che permette al bambino di non sentirsi sopraffatto; c) senso della relazione e coinvolgimento; d) segnali e gesti emozionali reciproci; e) problemsolving; f) utilizzo delle idee in modo significativo e funzionale; g) pensare e ragionare.</li></li></ul><li>I tre insight nucleari<br />2_esiste una grande variabilità nella processazione motoria e sensoriale sottostante le capacità di regolazione.<br />3_una nuova mappatura delle capacità di sviluppo funzionale ed emozionale. <br />
  12. 12. Floortime<br />E’ una specifica componente del modello DIR non costituisce quindi l’intero modello.<br />Il FLOOR-TIME è focalizzato sulla creazione di interazioni emozionalmente significative che facilitano l’apprendimento e l’emergere delle sei capacità di sviluppo funzionale.<br />
  13. 13. Regolazione e attenzione condivisa<br />Coinvolgimento ricco di calore e di fiducia<br />Comunicazione intenzionale a due vie fatta di circoli comunicativi che si aprono e si chiudono reciprocamente e con l’utilizzo di molti gesti affettivi e micro-affettivi<br />problem-solving interattivo<br />Utilizzo funzionale delle idee (es. dire “..ho fame…succo per favore…”<br />Costruire ponti tra le idee (es. bambino dice “..voglio uscire..” e voi dite “….perchè?...”.<br />
  14. 14. Il compito del terapista è quello di seguire l’iniziativa del bambino e di giocare con qualsiasi cosa possa catturare il suo interesse, ma di fare ciò in un modo che incoraggi il bambino a interagire con voi.<br />(es. macchinine-gare; )<br />Il ruolo del terapista è quello di essere un aiuto costruttivo e, se necessario, provocatorio per fare tutto ciò che è necessario per trasformare la sua attività in un interazione a due persone. <br />
  15. 15. I 4 obiettivi <br />1) Incoraggiare l’attenzione e l’intimità<br />è importante aiutare il bambino a sintonizzarsi e a<br />godere della vostra presenza<br />2) Comunicazione a due vie<br />Insegnare al bambino ad aprire e chiudere circoli<br />comunicativi<br />3) Incoraggiare l’espressione<br />Attraverso le parole o il gioco del far finta<br />4) Il pensiero logico<br />Aiutare il b. a giungere ad una comprensione del mondo<br />basata sulla logica<br />
  16. 16. Consigli pratici<br /><ul><li>Trovare il piacere reciproco
  17. 17. Adattarsi all’umore del bambino
  18. 18. Mantenere l’attenzione del b. attraverso i suoi sensi (es.suoni che ama di più; tatto-tessuti; vista-colori brillanti)
  19. 19. Sfarfallare insieme facendo finta di volare</li>

×