Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Quali competenze l'insegnante trasmette
ai bambini per promuovere la sicurezza
domestica
Antonella Ermacora
«Il rischio esiste, fa parte della vita fin dalla
nascita. La nostra specie è esposta ai pericoli
e la nostra sopravvivenz...
Come trasmettere la cultura della sicurezza
domestica attraverso i percorsi curricolari nella
scuola dell’infanzia?
Questo...
il gruppo dice….
…
Il pensiero di J.Piaget (1896-1980)
Il bambino fin dalla nascita, è fondamentalmente un “esploratore”, un
soggetto attivo ...
Il bambino alla nascita non è in grado di riconoscere il mondo esterno da
quello interno, l’”io” bambino è al centro della...
Stadio pre-concettuale (2-4 anni)
Con l’apparire del linguaggio, la vita affettiva del bambino ed il suo
pensiero, si modi...
Aumenta la partecipazione e la socializzazione nella vita di ogni giorno,
in maniera creativa, autonoma, adeguata alle div...
“Fin verso ai sei anni, i bambini sanno poco discutere fra loro e si
limitano a lasciar cozzare le loro affermazioni contr...
Le caratteristiche di questi due stadi
a) l’egocentrismo
b) la concentrazione (una cosa alla volta)
c) l’irreversibilità
d...
Teoria delle intelligenze Multiple (Howard
Gardner (1943-1990)
Ci sono tante intelligenze diverse che ognuno di noi possie...
Le intelligenze multiple
Intelligenza cinestetica: abilità di controllare e coordinare dei
movimenti del corpo e nella man...
Le intelligenze multiple
Intelligenza ecologica o naturalistica: capacità di riconoscere e di
rapportarsi agli elementi na...
L’intelligenza emotiva (Goleman 1995)
Negli ultimi anni, nella scuola dell’infanzia, il tema dell’intelligenza emotiva
ha ...
L’intelligenza emotiva
L’attenzione degli adulti al benessere psicofisico del bambino ha
permesso di integrare la socializ...
Il ruolo del gioco
Il gioco diventa simbolico, di immaginazione ed imitazione.
“La sua funzione consiste....nel soddisfare...
La scuola DELL’INFANZIA
La scuola materna rappresenta per il bambino una finestra sul mondo
che gli offre l’opportunità di...
Il ruolo dell’insegnate …
Grazie alle sue competenze l’insegnate è uno dei più validi alleati
della cultura della sicurezz...
Incidenti domestici il ruolo dell’insegnante
Essi avvengono in tutti gli ambienti, da quello in cui si mangia a quello
in ...
Come trattare argomento sicurezza
Ogni argomento viene affrontato su tre livelli interdipendenti:
sapere (informazioni nec...
Il bambino riconosce comportamenti pericolosi connessi all’ambiente
scolastico.
Il bambino sperimenta elementari norme di ...
Competenze bambino
SAPERE
Le azioni quotidiane a rischio (correre in sezione, salire sui tavoli, non
toccare le prese, ec....
La didattica
La didattica deve favorire l’immersione del bambino
nell’esperienza della realtà, nella vita con gli altri, f...
La didattica
trattare un argomento per volta (linearità dei temi!)
ripetere le attività
dedicare tempo alle attività in ba...
La comunicazione
Attenzione ai messaggi, non diventiamo ossessivi o proibitivi.
Dobbiamo trovare un buon equilibrio tra ri...
Cosa può agevolare la trasmissione …
Utilizzo di personaggi mediatori (es. burattini, marionette, pupazzi).
Lettura e comm...
I materiali da utilizzare a scuola
Antonella Ermacora
ACQUISIRE
VOCABOLARIO
CATEGORIZZARE
1 2 3 4
CONOSCERE
E APPLICARE
LE REGOLE
GENERALIZZARE
APPLICARE
LE REGOLE AD
APPLICARE...
Affy Fiutapericolo
Affy Fiutapericolo, un cagnolino di grande aiuto
Una mascotte vicina al mondo dei bambini.
Usa il fiuto per scovare gli og...
La fiaba
I giochi
Il quaderno delle maestre
La guida dei genitori
La fiaba, tre simpatici personaggi
LUIGI
AFFY
CARLOTTA
La fiaba, otto episodi
Affy e la colazione
Correre a scuolaCorrere a scuola
La stanza di tutti
La festa delle feste
Le pul...
I racconti introducono i rischi e i pericoli
del quotidiano
Tagli e ferite Soffocamento Cadute
Intossicazioni
Tagli e feri...
I giochi e le attività
Per ogni fase del percorso educativo e per ogni
argomento sono previsti diversi giochi e attività d...
Schede giochi
Tutte i giochi e le attività sono presentati a schede:
Età
Tipologia di gioco (motorio, linguistico, cogniti...
regole
generalizzazioni
situazioni complesse
La matrice logica dei giochi
vocabolario
regole
I giochi passepartout
Acquisire vocabolario
Imparare le regole
Tre mazzi di tessere
Gli oggetti pericolosi
I comportamenti...
Esempi di tessere (i comportamenti
pericolosi)
I giochi passepartout
Imparare a muoversi in
ambienti complessi
Gli ambienti della casa
La cucina
La camera da letto
Il ba...
Il quaderno delle maestre
Contiene:
Un quadro riassuntivo del
fenomeno
Indicazioni metodologiche per
affrontare il tema de...
Il quaderno dei genitori
Contiene:
Un quadro riassuntivo del
fenomeno
Indicazioni e consigli per creare
ambienti sicuri in...
Il Blog, uno spazio di condivisione
Presenta:
I materiali raccolti nella Valigia di Affy
Risorse disponibili su webRisorse...
E adesso ...
Buon lavoro e “divertimento” a
tutti!tutti!
Affy approfondimento
Affy approfondimento
Affy approfondimento
Affy approfondimento
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Affy approfondimento

564 views

Published on

Published in: Internet
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Affy approfondimento

  1. 1. Quali competenze l'insegnante trasmette ai bambini per promuovere la sicurezza domestica Antonella Ermacora
  2. 2. «Il rischio esiste, fa parte della vita fin dalla nascita. La nostra specie è esposta ai pericoli e la nostra sopravvivenza dipende anche dalla capacità di imparare a proteggerci daldalla capacità di imparare a proteggerci dal pericolo. L’intento della società non dev’essere eliminare il rischio...»
  3. 3. Come trasmettere la cultura della sicurezza domestica attraverso i percorsi curricolari nella scuola dell’infanzia? Questo progetto offre agli insegnanti la possibilità di occuparsi di sicurezza domestica, utilizzando conoscenze, metodi e strumenti didattici per modificare le abitudini ed incidere sui comportamenti riferiti alla sicurezza a casa e a scuola.alla sicurezza a casa e a scuola. La cultura della sicurezza trasmessa a scuola, formerà dei piccoli cittadini attenti alle loro scelte. La salute individuale e della comunità comincia da piccoli!
  4. 4. il gruppo dice…. …
  5. 5. Il pensiero di J.Piaget (1896-1980) Il bambino fin dalla nascita, è fondamentalmente un “esploratore”, un soggetto attivo di ricerca che si rapporta con l’ambiente. Piaget ha suddiviso lo sviluppo cognitivo del bambino in cinque livelli (periodi o fasi), caratterizzando ogni periodo sulla base dell'apprendimento(periodi o fasi), caratterizzando ogni periodo sulla base dell'apprendimento di modalità specifiche, ben definite. Stadio senso-motorio (0-2 anni) Stadio pre-concettuale (2-4 anni) Stadio pensiero intuitivo (4-7 anni) Stadio operazioni concrete (7-11 anni) Stadio operazioni formali (da 11 a 14 anni)
  6. 6. Il bambino alla nascita non è in grado di riconoscere il mondo esterno da quello interno, l’”io” bambino è al centro della realtà. Per il bambino la percezione esterna è composta da immagini e suoni che appaiono e scompaiono senza una ragione obiettiva. Stadio senso-motorio (0-2 anni) Tra i tre mesi e i due anni il bambino comincia ad afferrare ciò che vede, ad esplorare il luogo in cui l’oggetto è sparito anche se lontano dal proprio campo visivo, diventa consapevole della mani e pian piano del proprio corpo, impara a camminare, ad imitare, comincia ad acquisire il concetto di causalità … progressivamente diventa indipendente dall’io.
  7. 7. Stadio pre-concettuale (2-4 anni) Con l’apparire del linguaggio, la vita affettiva del bambino ed il suo pensiero, si modificano profondamente. Egli è ora capace di raccontare le azioni passate. Tra i due e i sei anni, il linguaggio non ha come obiettivo primario la comunicazione, in quanto è ancora egocentrico. Non vi è nessun tentativo da parte del bambino di assumere il ruolo di ascoltatore. Si tratta di conversazioni rudimentali, legate all’ azioneascoltatore. Si tratta di conversazioni rudimentali, legate all’ azione concreta in se stessa. Attraverso l’uso del linguaggio il bambino può ora comunicare la sua vita interiore. Compaiono i primi “perchè”. Il suo ragionamento non è né deduttivo (dal generale al particolare), né induttivo (dal particolare al generale), ma transduttivo o analogico (dal particolare al particolare). Ad es. se un insetto gli fa paura perché l'ha molestato, è facile che molti altri insetti che non l'hanno molestato gli facciano ugualmente paura.
  8. 8. Aumenta la partecipazione e la socializzazione nella vita di ogni giorno, in maniera creativa, autonoma, adeguata alle diverse circostanze. Entrando nella scuola materna, il bambino sperimenta l'esistenza di altre autorità diverse dai genitori. Questo lo obbliga a rivedere le conoscenze acquisite nelle fasi precedenti, mediante dei processi cognitivi di generalizzazione: ovvero, le conoscenze possedute, relative ad Stadio pensiero intuitivo (4-7 anni) generalizzazione: ovvero, le conoscenze possedute, relative ad un'esperienza specifica, vengono trasferite a quelle esperienze che, in qualche modo, possono essere classificate nella stessa categoria. Tuttavia la sua capacità di riprodurre mentalmente un avvenimento avviene nell'unica direzione in cui l'avvenimento si è verificato. Non è capace di reversibilità. Molto importante in questa fase è lo studio psicologico dei disegni infantili.
  9. 9. “Fin verso ai sei anni, i bambini sanno poco discutere fra loro e si limitano a lasciar cozzare le loro affermazioni contrastanti: quando cercano di darsi reciprocamente delle spiegazioni, solo con grande fatica riescono a vedere le cose dal punto di vista di colui che nonfatica riescono a vedere le cose dal punto di vista di colui che non conosce ciò di cui si tratta, e parlano come per se stessi; soprattutto succede che, lavorando nella stessa stanza o alla stessa tavola, ognuno parli per conto proprio, credendo di ascoltare e capire tutti gli altri; è una sorta di “monologo collettivo”, che consiste nell’incitarsi reciprocamente all’azione”.
  10. 10. Le caratteristiche di questi due stadi a) l’egocentrismo b) la concentrazione (una cosa alla volta) c) l’irreversibilità d) il ragionamento primitivo
  11. 11. Teoria delle intelligenze Multiple (Howard Gardner (1943-1990) Ci sono tante intelligenze diverse che ognuno di noi possiede in percentuali e combinazioni differenti, a seconda delle proprie attitudini e avversioni. Intelligenza spaziale: abilità di percepire e rappresentare con precisione forme e oggetti, persino in loro assenza. Tra le sueprecisione forme e oggetti, persino in loro assenza. Tra le sue componenti essenziali ci sono il senso di orientamento, la memoria fotografica e la capacità di trasformare un'immagine bidimensionale in un'immagine tridimensionale. Intelligenza musicale: abilità che si rivela nella composizione e nell'analisi di brani musicali, oltre che nella capacità di riconoscere con precisione altezza dei suoni, timbri e ritmi. Sono legati all'intelligenza musicale il senso del ritmo e la capacità di cantare e di suonare.
  12. 12. Le intelligenze multiple Intelligenza cinestetica: abilità di controllare e coordinare dei movimenti del corpo e nella manipolazione degli oggetti per fini funzionali o espressivi. Intelligenza interpersonale: abilità nell'interpretare le emozioni, leIntelligenza interpersonale: abilità nell'interpretare le emozioni, le motivazioni e gli stati d'animo delle persone (anche quelli non manifesti). Permette di comprendere gli altri, di mettersi nei loro panni e di capire come andare d'accordo con loro. Intelligenza intrapersonale: strettamente connessa all'intelligenza interpersonale, è l'abilità di percepire i propri sentimenti e i propri desideri.
  13. 13. Le intelligenze multiple Intelligenza ecologica o naturalistica: capacità di riconoscere e di rapportarsi agli elementi naturali. Vediamo infine le due intelligenze "classiche", quelle individuate dal quoziente intellettivo. Intelligenza linguistica: abilità che si esprime nell'uso del linguaggio e delle parole, nella padronanza dei termini linguistici e nella capacità di usare quelli appropriati alle varie situazioni. Si esprime soprattutto attraverso la capacità di riassumere e di comprendere i messaggi scritti eo verbali. Intelligenza analitica: abilità implicata nel confronto e nella valutazione di oggetti concreti o astratti, nell'individuare relazioni e principi.
  14. 14. L’intelligenza emotiva (Goleman 1995) Negli ultimi anni, nella scuola dell’infanzia, il tema dell’intelligenza emotiva ha assunto un ruolo importante, rendendo centrale la dimensione affettiva del bambino. L’intelligenza emotiva è la capacità di riconoscere ed esprimere attraverso il linguaggio i sentimenti, che scorrono fluidi, veloci, spesso messi da parte olinguaggio i sentimenti, che scorrono fluidi, veloci, spesso messi da parte o sottovalutati. É la capacità di dialogare con le emozioni per controllarle senza reprimerle e senza far finta che non esistano, per affrontare le esperienze della vita. Attraverso gli strumenti della fiaba, del gioco, della canzone è possibile sviluppare tali competenze fin da piccoli!
  15. 15. L’intelligenza emotiva L’attenzione degli adulti al benessere psicofisico del bambino ha permesso di integrare la socializzazione prevista nel mondo della scuola a quella emotiva sempre più convinti del concetto che intelletto ed emozioni sono aspetti estremamente connessi. Inoltre, la passione e la competenza degli insegnanti della scuola dell’infanzia hanno permesso di progettare in varie forme un lavoro sulle emozioni, anche nel campo della cultura della sicurezza, consapevoli che questo possa offrire grandi benefici sia al bambino che al gruppo e in più permetta anche di accorgersi di alcune problematiche del comportamento che insorgono nel bambino quando le emozioni non vengono riconosciute e gestite in maniera adeguata.
  16. 16. Il ruolo del gioco Il gioco diventa simbolico, di immaginazione ed imitazione. “La sua funzione consiste....nel soddisfare l’io con una trasformazione del reale in funzione dei desideri: il bambino che gioca con la bambola riproduce la propria vita, ma correggendola a suo piacimento, rivive tutti iriproduce la propria vita, ma correggendola a suo piacimento, rivive tutti i suoi piaceri e i suoi conflitti...” Il gioco a quest’ètà è caratterizzato dall’animismo (dar “vita” sia ad oggetti animati che inanimati) e dal pensiero magico (che risponde ai desideri dei bambini)
  17. 17. La scuola DELL’INFANZIA La scuola materna rappresenta per il bambino una finestra sul mondo che gli offre l’opportunità di operare una sorta di passaggio dalla fase di accudimento totalizzante legato alla famiglia d’origine, verso forme di interazione sempre più complesse e rapporti sempre più differenziati edi interazione sempre più complesse e rapporti sempre più differenziati e ricchi di sfumature, che saranno un’occasione di apprendimento emotivo, sociale e relazionale. La scuola dell’infanzia mira a valorizzare i diversi patrimoni espressivi e comunicativi personali di ciascun bambino … chiave per parlare di sicurezza a scuola con i bambini!
  18. 18. Il ruolo dell’insegnate … Grazie alle sue competenze l’insegnate è uno dei più validi alleati della cultura della sicurezza domestica. Per affrontare l’argomento è necessaria una formazione di base che consenta alle insegnanti di individuare nella propria scuola i pericoliconsenta alle insegnanti di individuare nella propria scuola i pericoli presenti al fine di ridurne la pericolosità e trovare esempi concreti da proporre ai bambini. Inoltre è importante dotarle l’insegnate di strumenti e metodi che possono essere la base per sviluppare possibili percorsi con i bambini.
  19. 19. Incidenti domestici il ruolo dell’insegnante Essi avvengono in tutti gli ambienti, da quello in cui si mangia a quello in cui si dorme, dal giardino alla cantina, dagli ingressi alle scale e coinvolgono soprattutto persone anziane, donne e bambini. Quali possono essere le cause di questi incidenti? Quali sono i pericoli che si possono evitare? Cosa può fare l’insegnante?
  20. 20. Come trattare argomento sicurezza Ogni argomento viene affrontato su tre livelli interdipendenti: sapere (informazioni necessarie per capire); saper fare (competenze operative che si devono attivare); saper essere (atteggiamenti positivi richiesti).
  21. 21. Il bambino riconosce comportamenti pericolosi connessi all’ambiente scolastico. Il bambino sperimenta elementari norme di sicurezza all’interno dell’ambiente scolastico (salone, sezione, giardino, mensa). Obiettivi generali dell’ambiente scolastico (salone, sezione, giardino, mensa). Il bambino affronta situazioni di pericolo o simulate con attenzione e controllo emotivo, individua possibili risoluzioni.
  22. 22. Competenze bambino SAPERE Le azioni quotidiane a rischio (correre in sezione, salire sui tavoli, non toccare le prese, ec.). Riconoscere le persone a cui fare riferimento in caso di pericolo. Utilizzare correttamente i giochi. SAPER FARESAPER FARE Distinguere situazioni pericolose e situazioni normali. Osservare! Sperimentare le prime norme di sicurezza attraverso drammatizzazioni, giochi didattici, racconti finalizzati, ec. Rispettare le elementari norme di sicurezza attraverso la relazione con gli oggetti, l’ambiente e le persone. SAPER ESSERE Assumere comportamenti adeguati nell’ambito scolastico, nei confronti di persone e cose, trovare nuove soluzioni.
  23. 23. La didattica La didattica deve favorire l’immersione del bambino nell’esperienza della realtà, nella vita con gli altri, facendolo parlare ed esprimere nel vivo delle situazioni e degli stati d’animo che si possono presentare quando si tratta l’argomento sicurezza. Importante: partire dall’esperienza dei bambini, gli argomenti devono essere trattati tenendo conto delle pre-conoscenze e esperienze personali dei bambini coinvolgere emotivamente i bambini mettendo in evidenza l’aspetto di prevenzione e l’approccio nei confronti di situazioni pericolose o stati di allerta simulati o reali
  24. 24. La didattica trattare un argomento per volta (linearità dei temi!) ripetere le attività dedicare tempo alle attività in base alle esigenze dei bambinidedicare tempo alle attività in base alle esigenze dei bambini spiegare sempre i perché! ascoltare i bambini ricordiamoci che i bambini imparano per imitazione, quindi diamo il buon esempio!
  25. 25. La comunicazione Attenzione ai messaggi, non diventiamo ossessivi o proibitivi. Dobbiamo trovare un buon equilibrio tra rimprovero e rinforzo positivo: “guarda bene”“guarda bene” “fai attenzione” “ aspetta” ec…
  26. 26. Cosa può agevolare la trasmissione … Utilizzo di personaggi mediatori (es. burattini, marionette, pupazzi). Lettura e commento di immagini appositamente predisposte. Drammatizzazioni con simulazione di situazioni e atteggiamenti corretti e non.corretti e non. Racconti, poesie, filastrocche e canzoni. Osservazione di tutto l’ambiente scuola. Uscite esplorative in giardino Commento a fatti accaduti a casa, o a scuola Utilizzo di tecniche multimediali Indagini da svolgere in casa propria, dei nonni ec. (per i più grandi)
  27. 27. I materiali da utilizzare a scuola Antonella Ermacora
  28. 28. ACQUISIRE VOCABOLARIO CATEGORIZZARE 1 2 3 4 CONOSCERE E APPLICARE LE REGOLE GENERALIZZARE APPLICARE LE REGOLE AD APPLICARE LE REGOLE IN CONTESTI COMPLESSI Gli obbiettivi educativi CATEGORIZZARE Riconoscere e nominare oggetti, situazioni, ambienti della casa, parti del corpo. SVILUPPARE RISPOSTE ADEGUATE Riconoscere gli oggetti e le situazioni pericolose / Reagire velocemente LE REGOLE AD ALTRI CONTESTI E SITUAZIONI Comportarsi in modo giusto in ambiti diversi COMPLESSI Muoversi in ambienti che presentano più situazioni di rischio
  29. 29. Affy Fiutapericolo
  30. 30. Affy Fiutapericolo, un cagnolino di grande aiuto Una mascotte vicina al mondo dei bambini. Usa il fiuto per scovare gli oggetti e le situazioni pericolose. Costituisce un modello da seguire riguardo i comportamenti sicuri. Stimola i piccoli a sviluppare il senso del pericolo e della responsabilità.
  31. 31. La fiaba I giochi Il quaderno delle maestre La guida dei genitori
  32. 32. La fiaba, tre simpatici personaggi LUIGI AFFY CARLOTTA
  33. 33. La fiaba, otto episodi Affy e la colazione Correre a scuolaCorrere a scuola La stanza di tutti La festa delle feste Le pulizie In giardino Cosa bolle in pentola Puliti per la nanna
  34. 34. I racconti introducono i rischi e i pericoli del quotidiano Tagli e ferite Soffocamento Cadute Intossicazioni Tagli e ferite SoffocamentoUstioni Folgorazioni Annegamento Cadute
  35. 35. I giochi e le attività Per ogni fase del percorso educativo e per ogni argomento sono previsti diversi giochi e attività da realizzare in aula o all’aperto. La valigia dei giochi contiene i materiali necessari alloLa valigia dei giochi contiene i materiali necessari allo sviluppo di almeno un gioco per ogni fase (differenziati per età). Nella guida dell’insegnante sono indicati e descritti altri giochi possibili.
  36. 36. Schede giochi Tutte i giochi e le attività sono presentati a schede: Età Tipologia di gioco (motorio, linguistico, cognitivo, teatrale, ec.) Titolo Descrizione sinteticaDescrizione sintetica Obiettivi Temi sviluppati Tempo necessario Materiali occorenti Svolgimenti Possibili approfondimenti …
  37. 37. regole generalizzazioni situazioni complesse La matrice logica dei giochi vocabolario regole
  38. 38. I giochi passepartout Acquisire vocabolario Imparare le regole Tre mazzi di tessere Gli oggetti pericolosi I comportamenti rischiosi Gli oggetti e i comportamenti innocui
  39. 39. Esempi di tessere (i comportamenti pericolosi)
  40. 40. I giochi passepartout Imparare a muoversi in ambienti complessi Gli ambienti della casa La cucina La camera da letto Il bagno Il salotto Le scale Il giardino
  41. 41. Il quaderno delle maestre Contiene: Un quadro riassuntivo del fenomeno Indicazioni metodologiche per affrontare il tema della sicurezza domestica con i bambinidomestica con i bambini Descrizione dei giochi presenti nella valigia di Affy Descrizione di altri giochi (collegati al programma didattico delle scuole materne) Indicazioni sulle modalità di coinvolgimento delle famiglie.
  42. 42. Il quaderno dei genitori Contiene: Un quadro riassuntivo del fenomeno Indicazioni e consigli per creare ambienti sicuri in casa Piccole attività per ilPiccole attività per il rafforzamento dei comportamenti acquisiti.
  43. 43. Il Blog, uno spazio di condivisione Presenta: I materiali raccolti nella Valigia di Affy Risorse disponibili su webRisorse disponibili su web Spazio per interventi e note dei professionisti, maestre e operatori socio-sanitari http://www.eclectica.it/affyfiutapericolo/
  44. 44. E adesso ... Buon lavoro e “divertimento” a tutti!tutti!

×