SlideShare a Scribd company logo
PRESENTAZIONE
L´arte dell´intarsio
Realizzazione di due
formelle con la
tecnica ”a traforo”

Relatore: Jenni Maria Tervala
Nata a: Lappeenranta, Finlandia
Residente a: Pirkkala, Finlandia
INTRODUZIONE

La tarsia
La storia
Le tecniche
La realizzazione
LA STORIA

Le origini
Il nome ”tarsia” deriva dall`arabo
”tarsi”, che significa decorazione
preziosa, incrostazione.Fu dato ai
primi lavori ”alla certosina” in cui
i motivi traevano ispirazione dagli
intarsi marmorei mussulmani.
LA STORIA
EGITTO: Intarsi in avorio e
legno appaiono fin dal
tempo della prima dinastia
in cofanetti decorati con
motivi geometrici.

ASIA MINORE: Piú diffuso l
´uso di madre perla e
pietre dure, ma si trovano
anche oggetti di uso
comune in legno intarsiato.
LA STORIA
GRECIA: Preferivano l´avorio
nelle decorazioni intarsiate,
ma usavano anche legno di
ebano e di cedro con oro,
argento, pietre dure, bronzo e
gemme preziose

IMPERO ROMANO: In questo
periodo la tarsia si diffondeva in
tutta l´Italia. I legni usati erano:
faggio, agrifoglio, cedro, abete,
ginepro, quercia, limetta e zygia.
Altri materiali: avorio, tartaruga,
oro ed argento

Dopo la caduta dell´Impero
romano quasi tutte le
testimonianze della
tecnica scompaiono fino
al XV secolo
XV SECOLO
Nel XV secolo la tarsia rientrava nel
uso comune come tecnica
decorativa con uno sviluppo
molto veloce dall´inizio del
secolo al Rinascimento.

I motivi rappresentati erano
semplici figure geometrici;
nastri e rosoni.
IL RINASCIMENTO
Nel Rinascimento la tecnica di
intarsio raggiungeva il suo
massimo splendore.
La prospettiva era la nuova
base per tutti gli intarsi dell
´epoca

I piú grandi intarsiatori del
Rinascimento erano:
Giuliano e Benedetto da
Maiano, Lorenzo e
Cristoforo da Lendinara e
Fra Giovanni da Verona
XVII SECOLO
In questo secolo l´arte dell
´intarsio ricompare
proponendo motivi arabescati
ed il taglio delle
impiallacciature si fa piú
delicato.

Nascono la tecnica a traforo ed il
grande artista André Charles
Boulle.
XVIII SECOLO
L´intarsio nel XVIII secolo compare nel mobile
con legni pregiati e particolarmente raffinati
come il palissandro, il legno di rosa, il
violetto, il noce d´India ecc.

Gli artisti piú noti del XVIII
secolo: Giuseppe
Maggiolini e Pietro
Piffetti
LE TECNICHE DI INTARSIO
Tarsia certosina
Tarsia a toppo
Tarsia a buio
Tarsia pittorica
Tarsia a traforo
TARSIA CERTOSINA

É la tecnica piú antica.

Consiste nell´intagliare piccoli tasselli
in legno, avorio o altri materiali ed
incastrarli in un´asse di legno
massello.

I motivi rappresentati sono stelle e
cerchi
TARSIA A TOPPO

Il metodo viene studiato nell´epoca gotica per
velocizzare e semplificare simili lavori. I motivi
rappresentati sono geometrici: fregi a spine, a
nodi, a girandola, a nastri.
Costituita da listelli poliedrici di
vari legni riuniti e costretti
insieme da un collante a
formare un parallelepipedo.
Una volta essiccato la colla,
affettato in listre.
TARSIA A BUIO

Nel legno di fondo si scavano delle
tracce a seconda dei fregi che si
vogliono creare, per inserirvi
tessere di legno di vari colori.
Quando sono al loro posto, vanno
piallate al filo del piano di fondo,
saldate con un collante sparso
sopra e poi lucidate.
TARSIA PITTORICA
La tarsia pittorica era la tecnica
piú usata nel Rinascimento.
Dal cartone o progetto,
seguendo le linee di
contorno del disegno, si
ricavano tanti modellini
o sagome che, riportate
poi sulle lamine lignee,
diverse per il colore,
forniscono le varie parti
sagomate della
tarsia.Queste infine
vengono assicurate con
un collante sparso
sopra.
TARSIA A TRAFORO
Storia
Preparazione
dei materiali
Tecnica
Tecniche
accessorie

Essenze legnose
Strumenti da
taglio
Coloritura
Finitura
TARSIA A TRAFORO
In Italia, all´inizio del ´600, si
approfondisce una nuova tecnica
denominata ”tarsia a foro e
contraforo” che si diffonde in tutta
l´Europa.

Con questa tecnica é possibile
realizzare due o piú disegni
perfettamente identici nelle forme
e nelle dimensioni, ma con le
essenze differenti.
LA TECNICA ”BOULLE”
Nel 1642 nasce in Francia André
Charles Boulle che pur non avendo
inventato la tecnica a traforo, l´ha
perfezionato ai livelli massimi.

Introduce nuovi materiali come il
metallo, il corallo, bois de rose di
Brasile, palissandro dell´India e
amaranto della Guyana.
PREPARAZIONE DEI MATERIALI

Preparazione delle listre tramite
la sega a nastro.

Listra pronta per incollare il
disegno.
LE ESSENZE LEGNOSE

Abete

Castagno

Mogano

Acero

Ciliegio

Noce

Bosso

Ebano

Palissandro

Quercia annegata

Rovere

Ulivo
STRUMENTI DA TAGLIO
TARSIA A TRAFORO
Una volta realizzato il disegno, si
prepara il pachetto di due o piú
listre in essenze che si desidera.
Si incolla il disegno sopra il
pacchetto.

Seguendo il disegno si tagliano le
varie tessere preoccupandosi che
la lama del seghetto sia sempre
perpendicolare al piano.
TARSIA A TRAFORO

Le tessere vanno assemblate su di un
supporto di compensato coperto da
carta, poi fissati con dei chiodini.

Si procede nell´incollaggio che viene
eseguita a pennello e con le dita in
modo che la colla entra nelle
fessure.

La colla utilizzata é la colla di bue.
TARSIA A TRAFORO
Per evitare eventuali movimenti, la
formella ricoperta da carta e un
pezzo di polistirolo, va messa
sotto pressa tra due regoli ed il
tutto si stringe con i morsetti
La formella va staccato dal
supporto e poi levigato
TARSIA A TRAFORO
Per incassare la formella, si
prepara un piano di legno
massello…

…su cui si disegna la parte esterna
della formella
TARSIA A TRAFORO
Rispettando il segno, si prepara lo
scasso tramite scalpelli e
sgorbie

Successivamente la formella va
incollata
LE TECNICHE ACCESSORIE
Per creare le ombreggiature, la
tessera o una parte di essa, va
annerita nella sabbia rovente.
LA COLORITURA
L´arte di tingere il legno era conosciuta fin dall
´antichitá.Le tessere vennero colorite
effettuando la bollitura delle essenze con
liquidi colorati con esrtatti naturali.
Fra le tinte di origine vegetale si usano
ancora oggi i coloranti detti ”mordenti”
come per esempio il campeggio.

Ci sono due modi per effettuare
la coloritura: a pennello o ad
immersione
LA MORDENZATURA
Un altro modo di tingere il legno é
il metodo di mordenzatura.
Come mordente si usa il
bicromato di potassio che da al
legno un colore piú scuro e
caldo.
Questo metodo é molto usato nel restauro
per rendere uniformi le parti aggiunti.

La tarsia prima e dopo la
mordenzatura.
LA FINITURA
I metodi piú comunemente usati per
la finitura delle tarsie: la
lucicidatura a cera e a
gommalacca.

La cera vergine

La cera grezzo

Gomma lacca in
scaglie

La lucidatura a cera lascia un lucido
vellutato alla supeficie, mentre la
gommalacca fa risaltare le venature e il
colore del legno.
L´ORIGINALE E LA COPIA

La formella originale si trova sull´intradosso dell´arco d´ingresso sulla parete ovest della Sacrestia delle
Messe del Duomo di Firenze.

More Related Content

More from Cer Firenze

Restauro di un paracamino in legno
Restauro di un paracamino in legnoRestauro di un paracamino in legno
Restauro di un paracamino in legno
Cer Firenze
 
Tesi: restauro di un Prezioso tabernacolo di "Antonio Scaletti"
Tesi: restauro di un Prezioso  tabernacolo di "Antonio Scaletti"Tesi: restauro di un Prezioso  tabernacolo di "Antonio Scaletti"
Tesi: restauro di un Prezioso tabernacolo di "Antonio Scaletti"
Cer Firenze
 
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
Cer Firenze
 
Restauro modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
Restauro  modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di VeneziaRestauro  modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
Restauro modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
Cer Firenze
 
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a CaianoImportante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
Cer Firenze
 
Sara bernardi della rosa olivo
Sara bernardi della rosa olivoSara bernardi della rosa olivo
Sara bernardi della rosa olivo
Cer Firenze
 
Bertorello laura ppt
Bertorello laura pptBertorello laura ppt
Bertorello laura ppt
Cer Firenze
 

More from Cer Firenze (7)

Restauro di un paracamino in legno
Restauro di un paracamino in legnoRestauro di un paracamino in legno
Restauro di un paracamino in legno
 
Tesi: restauro di un Prezioso tabernacolo di "Antonio Scaletti"
Tesi: restauro di un Prezioso  tabernacolo di "Antonio Scaletti"Tesi: restauro di un Prezioso  tabernacolo di "Antonio Scaletti"
Tesi: restauro di un Prezioso tabernacolo di "Antonio Scaletti"
 
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
Restauro coppia di importanti tavoli intarsiati attribuiti al Van Der Vinne
 
Restauro modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
Restauro  modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di VeneziaRestauro  modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
Restauro modellino in legno del cortile interno del Palazzo Ducale di Venezia
 
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a CaianoImportante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
Importante Inginocchiatoio proveniente dalla Villa Medicea di Poggio a Caiano
 
Sara bernardi della rosa olivo
Sara bernardi della rosa olivoSara bernardi della rosa olivo
Sara bernardi della rosa olivo
 
Bertorello laura ppt
Bertorello laura pptBertorello laura ppt
Bertorello laura ppt
 

Presentazione tarsia

  • 1. PRESENTAZIONE L´arte dell´intarsio Realizzazione di due formelle con la tecnica ”a traforo” Relatore: Jenni Maria Tervala Nata a: Lappeenranta, Finlandia Residente a: Pirkkala, Finlandia
  • 2. INTRODUZIONE La tarsia La storia Le tecniche La realizzazione
  • 3. LA STORIA Le origini Il nome ”tarsia” deriva dall`arabo ”tarsi”, che significa decorazione preziosa, incrostazione.Fu dato ai primi lavori ”alla certosina” in cui i motivi traevano ispirazione dagli intarsi marmorei mussulmani.
  • 4. LA STORIA EGITTO: Intarsi in avorio e legno appaiono fin dal tempo della prima dinastia in cofanetti decorati con motivi geometrici. ASIA MINORE: Piú diffuso l ´uso di madre perla e pietre dure, ma si trovano anche oggetti di uso comune in legno intarsiato.
  • 5. LA STORIA GRECIA: Preferivano l´avorio nelle decorazioni intarsiate, ma usavano anche legno di ebano e di cedro con oro, argento, pietre dure, bronzo e gemme preziose IMPERO ROMANO: In questo periodo la tarsia si diffondeva in tutta l´Italia. I legni usati erano: faggio, agrifoglio, cedro, abete, ginepro, quercia, limetta e zygia. Altri materiali: avorio, tartaruga, oro ed argento Dopo la caduta dell´Impero romano quasi tutte le testimonianze della tecnica scompaiono fino al XV secolo
  • 6. XV SECOLO Nel XV secolo la tarsia rientrava nel uso comune come tecnica decorativa con uno sviluppo molto veloce dall´inizio del secolo al Rinascimento. I motivi rappresentati erano semplici figure geometrici; nastri e rosoni.
  • 7. IL RINASCIMENTO Nel Rinascimento la tecnica di intarsio raggiungeva il suo massimo splendore. La prospettiva era la nuova base per tutti gli intarsi dell ´epoca I piú grandi intarsiatori del Rinascimento erano: Giuliano e Benedetto da Maiano, Lorenzo e Cristoforo da Lendinara e Fra Giovanni da Verona
  • 8. XVII SECOLO In questo secolo l´arte dell ´intarsio ricompare proponendo motivi arabescati ed il taglio delle impiallacciature si fa piú delicato. Nascono la tecnica a traforo ed il grande artista André Charles Boulle.
  • 9. XVIII SECOLO L´intarsio nel XVIII secolo compare nel mobile con legni pregiati e particolarmente raffinati come il palissandro, il legno di rosa, il violetto, il noce d´India ecc. Gli artisti piú noti del XVIII secolo: Giuseppe Maggiolini e Pietro Piffetti
  • 10. LE TECNICHE DI INTARSIO Tarsia certosina Tarsia a toppo Tarsia a buio Tarsia pittorica Tarsia a traforo
  • 11. TARSIA CERTOSINA É la tecnica piú antica. Consiste nell´intagliare piccoli tasselli in legno, avorio o altri materiali ed incastrarli in un´asse di legno massello. I motivi rappresentati sono stelle e cerchi
  • 12. TARSIA A TOPPO Il metodo viene studiato nell´epoca gotica per velocizzare e semplificare simili lavori. I motivi rappresentati sono geometrici: fregi a spine, a nodi, a girandola, a nastri. Costituita da listelli poliedrici di vari legni riuniti e costretti insieme da un collante a formare un parallelepipedo. Una volta essiccato la colla, affettato in listre.
  • 13. TARSIA A BUIO Nel legno di fondo si scavano delle tracce a seconda dei fregi che si vogliono creare, per inserirvi tessere di legno di vari colori. Quando sono al loro posto, vanno piallate al filo del piano di fondo, saldate con un collante sparso sopra e poi lucidate.
  • 14. TARSIA PITTORICA La tarsia pittorica era la tecnica piú usata nel Rinascimento. Dal cartone o progetto, seguendo le linee di contorno del disegno, si ricavano tanti modellini o sagome che, riportate poi sulle lamine lignee, diverse per il colore, forniscono le varie parti sagomate della tarsia.Queste infine vengono assicurate con un collante sparso sopra.
  • 15. TARSIA A TRAFORO Storia Preparazione dei materiali Tecnica Tecniche accessorie Essenze legnose Strumenti da taglio Coloritura Finitura
  • 16. TARSIA A TRAFORO In Italia, all´inizio del ´600, si approfondisce una nuova tecnica denominata ”tarsia a foro e contraforo” che si diffonde in tutta l´Europa. Con questa tecnica é possibile realizzare due o piú disegni perfettamente identici nelle forme e nelle dimensioni, ma con le essenze differenti.
  • 17. LA TECNICA ”BOULLE” Nel 1642 nasce in Francia André Charles Boulle che pur non avendo inventato la tecnica a traforo, l´ha perfezionato ai livelli massimi. Introduce nuovi materiali come il metallo, il corallo, bois de rose di Brasile, palissandro dell´India e amaranto della Guyana.
  • 18. PREPARAZIONE DEI MATERIALI Preparazione delle listre tramite la sega a nastro. Listra pronta per incollare il disegno.
  • 21. TARSIA A TRAFORO Una volta realizzato il disegno, si prepara il pachetto di due o piú listre in essenze che si desidera. Si incolla il disegno sopra il pacchetto. Seguendo il disegno si tagliano le varie tessere preoccupandosi che la lama del seghetto sia sempre perpendicolare al piano.
  • 22. TARSIA A TRAFORO Le tessere vanno assemblate su di un supporto di compensato coperto da carta, poi fissati con dei chiodini. Si procede nell´incollaggio che viene eseguita a pennello e con le dita in modo che la colla entra nelle fessure. La colla utilizzata é la colla di bue.
  • 23. TARSIA A TRAFORO Per evitare eventuali movimenti, la formella ricoperta da carta e un pezzo di polistirolo, va messa sotto pressa tra due regoli ed il tutto si stringe con i morsetti La formella va staccato dal supporto e poi levigato
  • 24. TARSIA A TRAFORO Per incassare la formella, si prepara un piano di legno massello… …su cui si disegna la parte esterna della formella
  • 25. TARSIA A TRAFORO Rispettando il segno, si prepara lo scasso tramite scalpelli e sgorbie Successivamente la formella va incollata
  • 26. LE TECNICHE ACCESSORIE Per creare le ombreggiature, la tessera o una parte di essa, va annerita nella sabbia rovente.
  • 27. LA COLORITURA L´arte di tingere il legno era conosciuta fin dall ´antichitá.Le tessere vennero colorite effettuando la bollitura delle essenze con liquidi colorati con esrtatti naturali. Fra le tinte di origine vegetale si usano ancora oggi i coloranti detti ”mordenti” come per esempio il campeggio. Ci sono due modi per effettuare la coloritura: a pennello o ad immersione
  • 28. LA MORDENZATURA Un altro modo di tingere il legno é il metodo di mordenzatura. Come mordente si usa il bicromato di potassio che da al legno un colore piú scuro e caldo. Questo metodo é molto usato nel restauro per rendere uniformi le parti aggiunti. La tarsia prima e dopo la mordenzatura.
  • 29. LA FINITURA I metodi piú comunemente usati per la finitura delle tarsie: la lucicidatura a cera e a gommalacca. La cera vergine La cera grezzo Gomma lacca in scaglie La lucidatura a cera lascia un lucido vellutato alla supeficie, mentre la gommalacca fa risaltare le venature e il colore del legno.
  • 30. L´ORIGINALE E LA COPIA La formella originale si trova sull´intradosso dell´arco d´ingresso sulla parete ovest della Sacrestia delle Messe del Duomo di Firenze.