Slides Morti Lavoro

1,901 views

Published on

Morti sul lavoro nel Salento. Progetto "Lavorare in Sicurezza" PAZ www.pazlab.net

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,901
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
72
Actions
Shares
0
Downloads
57
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slides Morti Lavoro

  1. 1. Salento: Il lavoro che uccide Storie di infortuni e di incidenti mortali sul lavoro accaduti nella provincia di Lecce nel 2007 POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  2. 2. 16 febbraio 2007 Muore schiacciato dalla gru Un operaio di 34 anni, Gianfranco De Matteis, dipendente della Leadri s.r.l., ha perso la vita schiacciato da una gru che si è ribaltata in un cantiere dove si stava realizzando il raddoppio della tangenziale Ovest. (fonte filleacgil.it) 20 febbraio 2007 Un infarto lo uccide sul posto di lavoro Un operaio di 62 anni, Guido Antonio Pascali, esperto scalpellino di Castrì di Lecce, è morto di infarto mentre stava ripulendo le giunture dei basoli nel centro storico. (fonte filleacgil.it) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  3. 3. 8 aprile 2007 Muore in un cantiere abusivo Vito Stasi, operaio edile di 56 anni di Taurisano, ha perso la vita cadendo da un’impalcatura da quattro metri di altezza, mentre era impegnato in lavori abusivi in un’abitazione. E’ deceduto in ospedale a causa delle gravi lesioni procurate su tutto il corpo dalle macerie di una pensilina che egli stesso stava demolendo con il martello pneumatico e che lo hanno travolto. Dagli accertamenti svolti dai Carabinieri è emerso che il cantiere dove Stasi stava lavorando insieme ad altri due colleghi fosse abusivo e quindi privo di ogni autorizzazione. Questo si aggiungerebbe il fatto che i tre operai stavano, già da un paio di settimane, in nero, ma non è ben chiaro se per conto proprio o per conto di qualche ditta e chi abbia commissionato quei lavori. Da un primissimo riscontro emerge che sarebbe stato uno dei due colleghi di Stasi ad incaricarsi del lavoro, chiamando poi gli altri due. Questi li chiamano “lavori in economia”: sono quelli che si svolgono nei ritagli di tempo, il terreno fertilissimo per gli infortuni sul lavoro, perché nessuna norma sulla sicurezza viene assolutamente osservata. (fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  4. 4. 21 aprile 2007 Ferito alle gambe dalla motozzappa Cosimo Guerrieri, 63 anni, agricoltore di Avetrana, è rimasto coinvolto in un bruttissimo incidente sul lavoro mentre effettuava delle operazioni di aratura in un appezzamento di terreno di sua proprietà tra Avetrana e Salice. Mentre usava la motozappa, in un’operazione ripetuta più volte, qualcosa non ha funzionato: probabile che, nell’inserire le marce, sia stata ingranata la retromarcia e quindi l’uomo si sia visto precipitare improvvisamente addosso il macchinario che procedeva a ritroso. Le lame lo hanno ferito alle gambe con violenza. Si è salvato avvertendo dell’accaduto la moglie con il cellulare. L’uomo ha riportato gravi ferite e lesioni alle gambe.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) 21 aprile 2007 Precipita da una scala alta quattro metri: è grave Luigi Rizzo, 52 anni, bracciante agricolo di Surano, è caduto da una scala alta quattro metri, mentre stava riparando la copertura parasole del bar che si trova all’interno dei campetti comunali. Rizzo, in evidenti condizioni di insicurezza, ha perso l’equilibrio ed è caduto a terra rovinosamente, procurandosi diverse e gravi lesioni. Sottoposto d’urgenza ad un intervento chirurgico, è ricoverato in prognosi riservata.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  5. 5. 22 aprile 2007 Si trancia la mano il primo giorno di lavoro Il supermercato apre con la nuova gestione e subito un infortunio sul lavoro. E’ accaduto a Casarano, presso il “Mixy discount”, dove un dipendente del reparto macelleria, Antonio Mancino, 21 anni, ha perso la mano destra finita inavvertitamente nel tritacarne. L’incidente è accaduto ieri mattina, poco prima delle nove, quando il negozio era affollato di gente. Il ragazzo è stato soccorso dai colleghi, trasportato in ospedale, dove il referto è stato impietoso: amputazione della mano destra fino al polso. Nei giorni scorso la gestione del supermercato aveva distribuito migliaia di volantini per pubblicizzare la riapertura, con una promozione che prevedeva anche mezzo chilo di carne macinata ogni 15 euro di spesa nel reparto macelleria. L’incentivo pare abbia riscosso grande successo, vista la presenza di clienti già dalle prime ore. E, forse proprio per fare più in fretta, forse per una distrazione, Antonio avrebbe pressato troppo la carne nel tubo della macchina, ferendo gravemente la mano. Gli inquirenti stanno indagando se l’azienda fosse dotata di un piano sicurezza, se i dipendenti fossero stati formati; se il tritacarne fosse a norma e se fosse dotato dei dispositivi di emergenza.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  6. 6. 1 agosto 2007 Morto sul cantiere il giorno del compleanno Andrea Sindaco, operaio di Otranto e' morto schiacciato sotto il peso di un pesante braccio meccanico della pompa di calcestruzzo. L'uomo stava spargendo calcestruzzo sul piazzale utilizzando una pompa il cui braccio si e' improvvisamente rotto, cadendogli sulla testa. Un compagno di lavoro che gli era accanto è salvo per miracolo. (fonte Gazzetta del mezzogiorno) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  7. 7. 1 agosto 2007 Schiacciato dal rimorchio, muore imprenditore agricolo Incidente mortale sul lavoro nelle campagne fra Leverano e Copertino, presso la tenuta della masseria Pinto-Savina. A perdere la vita uno dei due proprietari, Francesco Pinto, 42 anni, originario di Copertino. Pinto stava lavorando nei campi a bordo di un trattore che improvvisamente si è rovesciato su un fianco. 3 agosto 2007 Betoniera killer, imprenditore edile muore folgorato Un muratore, Adriano Carluccio, di 43 anni, è morto folgorato mentre lavava la betoniera, in un cantiere sulla via per Torre Chianca. Una leggerezza che è stata fatale. Se ci fosse stato un contatore di cantiere con la messa a terra, la tragedia forse non si sarebbe verificata. L’operaio ha cercato di staccare il cavo, ma ha rischiato pure lui la folgorazione. Per l’intonacatore-imprenditore non c’è stato scampo: è rimasto attaccato alla molazza. (fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  8. 8. 7 agosto 2007 Imbianchino a sedici anni: cade sul cantiere Stava lavorando su una scala di ferro quando, all’improvviso, ha perso l’equilibrio ed è precipitato al suolo. L’incidente si è verificato intorno alle 10.30 in un cantiere edile di Cutrofiano dove sono in corso lavori di pitturazione di una palazzina. L’impresa artigiana che esegue i lavori è composta dal sedicenne, da un altro operaio e dal titolare della ditta individuale. Dagli esami e dalle radiografie è emerso che il minorenne si è fratturato tibia e perone.E prime indagini dei Carabinieri hanno accertato che il giovane non aveva regolare contratto, ma lavorava in nero.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  9. 9. 17 settembre 2007 Operaio di 22 anni cade dall'impalcatura: è grave Ha rischiato di lasciarci la pelle un giovanissimo operaio, Fabio Mighali, 22 anni, di Aradeo: il giovane lavorava in un cantiere edile, stava su un’impalcatura, ha perso l’equilibrio ed è piombato a terra da diversi metri di altezza battendo forte la testa. I colleghi lo hanno soccorso subito, hanno avvisato il 118. Viene ricoverato d’urgenza al “Vito Fazzi” di Lecce, reparto neurochirurgia.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  10. 10. 18 ottobre 2007 Monta le luminarie: cade e muore La vittima è un operaio 56enne di Scorrano, Giorgio Fiorentino, che lascia la moglie e tre figli. E’ caduto ed ha sbattuto la testa mentre stava montando le luminarie per la festa patronale ad Alliste, per conto della ditta “Luminarie Fabrizio” di San Donaci. Non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente, né gli altri dipendenti della ditta presenti vicino al luogo dell’incidente, sembrano essere stati finora concordi sulle possibili cause da cui è scaturita la tragedia. Anche per questo la Magistratura ha aperto un’inchiesta.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  11. 11. 22 dicembre 2007 Filanto: un operaio muore cadendo dal tetto Un operaio di 33 anni di Casarano, Luca Muscella, è morto sul lavoro nelle prime ore del pomeriggio di sabato 22 dicembre, in un capannone del calzaturificio Filanto. La fabbrica era chiusa, ma Luca, operaio da 15 anni presso la Filanto, era sul tetto del capannone, insieme ad un collega, per installare delle telecamere di sorveglianza. La caduta da un’altezza di sette metri, e la morte immediata. Luca Muscella lascia la moglie e due bambini, di quattro e otto anni. La dinamica pare abbastanza chiara: i due operai stavano percorrendo un ballatoio composto da travi di cemento armato e lastre di plexiglas. Queste ultime sono cedute sotto il peso di Muscella che era più pesante del suo collega, passato indenne poco prima. Gli ispettori dello Spesal avrebbero già evidenziato macroscopiche violazioni delle norme antinfortunistiche. “I due lavoratori che operavano ad un’altezza elevata non avevano imbracature di sicurezza ed anche il ballatoio su cui camminavano era privo di parapetto o altre protezioni”. (fonte Corriere del Mezzogiorno) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  12. 12. 27 dicembre 2007 Operaio rischia di perdere un dito Un incidente sul lavoro si è verificato a Surbo: Oronzo Di Maggio, 24 anni, si è tagliato in profondità un dito mentre stava montando una cinghia tra due pulegge in una calcara a Surbo. Trasportato all’ospedale di Lecce, il giovane operaio è stato sottoposto ad un intervento chirurgico con il quale i medici sono riusciti ad evitargli la perdita del dito.(fonte Nuovo Quotidiano di Puglia) POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza
  13. 13. LAVORARE IN SICUREZZA: UN AFFARE DI TUTTI... ANCHE TUO!! POR PUGLIA 2000/2006 Lavorare in sicurezza – informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro – percorsi di sicurezza

×