Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Riordino Istruzione Tecnica

1,176 views

Published on

Sintesi della L 133 del 6/8/09; riordino dei TECNICI art. 64 comma 4, DL 25/06/08 n 112

Published in: Education, Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Riordino Istruzione Tecnica

  1. 1. RIORDINO DEI TECNICI ART. 64 COMMA 4, DL 25/06/08 N 112 L. 133 del 6/8/08
  2. 2. Articolo 1 (oggetto) <ul><li>comma2: Istituti Tecnici fanno parte dell’Istruzione secondaria superiore: riorganizzati e potenziati dalla prima e dalla seconda dal 2010/11 secondo il regolamento e le terze e le quarte con i piani previgenti MA orario complessivo di 32 settimana </li></ul>CL x IREP 09/10
  3. 3. Articolo 2 (identità) <ul><li>comma1 solida base culturale (scientifico e tecnologico) indicazioni Unione Europea – studio, approfondimento, applicazione linguaggi e metodi generali e specifici – far acquisire agli studenti saperi e competenze per un rapido inserimento nel mondo del lavoro, accesso Università, istruzione e formazione superiore tecnica </li></ul><ul><li>comma2 durata quinquennale, pecup all. A, profili uscita e orari all. B, C </li></ul><ul><li>comma3 collaborano con strutture formative accreditate dalle Regioni, anche allo scopo di favorire i passaggi tra i sistemi </li></ul><ul><li>comma4 sostenere lo sviluppo delle professioni tecniche con specializzazioni richieste dal mondo del lavoro (PMI) </li></ul>CL x IREP 09/10
  4. 4. Articolo 3 (settore economico) <ul><li>SETTORE ECONOMICO </li></ul><ul><li>Allegato B due indirizzi: </li></ul><ul><li>A) amministrativo, finanza e marketing (B1) </li></ul><ul><li>B) turismo (B2) </li></ul>CL x IREP 09/10
  5. 5. Articolo 4 (settore tecnologico) <ul><li>SETTORE TECNOLOGICO </li></ul><ul><li>C1 Allegato C nove indirizzi: </li></ul><ul><li>A) meccanica, meccatronica ed energia (C1) </li></ul><ul><li>B) trasporti e logistica (C2) </li></ul><ul><li>C) elettronica e elettrotecnica (C3) </li></ul><ul><li>D) informatica e telecomunicazione (C4) </li></ul><ul><li>F) chimica, materiali e biotecnologie (C5) </li></ul><ul><li>G) sistema moda (C6) </li></ul><ul><li>H) agraria e agroindustria (C7) </li></ul><ul><li>I) costruzioni, ambiente e territorio (C8) </li></ul><ul><li>C2 percorsi prevedono ore di laboratorio primo biennio 264, secondo biennio 561, ultimo anno 330 </li></ul><ul><li>C3 ufficio tecnico sostenere e migliorare laboratori e innovazione tecnologica </li></ul>CL x IREP 09/10
  6. 6. Articolo 5 p.1 (organizzazione) <ul><li>Riordinamento dei percorsi: </li></ul><ul><li>A) risultati di apprendimento per competenze, abilità e conoscenze secondo (23/4/08) EQF (mobilità europea) </li></ul><ul><li>B) orario complessivo 1056 annue=32 settimanali </li></ul><ul><li>D) area istruzione generale (ag) comune a tutti e area indirizzo (ai) </li></ul>CL x IREP 09/10
  7. 7. Articolo 5 p.2 (struttura) <ul><li>Struttura dei percorsi: </li></ul><ul><li>A) primo biennio (ag=660; ai=396): assolvimento obbligo scolastico (L. 139 22/8/07), acquisizione competenze indirizzo funzione orientativa per favorire scelte; </li></ul><ul><li>B & C) secondo biennio e ultimo anno (ag=495; ai=561), </li></ul><ul><li>D) secondo biennio e ultimo anno approfondimento area di indirizzo per raggiungere adeguata competenza professionale idonea anche per IFS e esercizio professioni tecniche </li></ul><ul><li>E) metodologie sviluppo competenze basate su didattica in laboratorio, analisi problemi, lavoro per progetti; orientati a gestione di processi per uso di modelli e linguaggi specifici, organizzati con collegamento organico al mondo del lavoro: stage, tirocini, alternanza sono strumenti didattici </li></ul>CL x IREP 09/10
  8. 8. Articolo 5 p.3 (finalità) <ul><li>Finalità dei percorsi: </li></ul><ul><li>A) fermo restando il 20% autonomia (DM 47, 13/6/06) spazi di flessibilità:possibili articolazioni delle aree di indirizzo per corrispondere alle esigenze del territorio, fabbisogni formativi del mondo del lavoro: secondo biennio=30%, ultimo anno=35% </li></ul><ul><li>B) dipartimenti = articolazioni funzionali del collegio per sostegno alla didattica e progettazione formativa </li></ul><ul><li>C) Comitato tecnico scientifico (CTS) = docenti e esperti mondo del lavoro con funzioni consultive, proposta per organizzazione ai e spazi autonomia e flessibilità </li></ul><ul><li>D) contratti d’opera con esperti per arricchimento offerta formativa e competenze non presenti nell’istituto: esperti individuati su criteri del CTS </li></ul>CL x IREP 09/10
  9. 9. Articolo 6 (valutazione e titoli) <ul><li>comma1 regolamento valutazione (DL 226, art. 13 del 17/10/05; L. 137 art. 1 del 1/9/08 ) </li></ul><ul><li>comma2 percorsi concludono con ESAME DI STATO </li></ul><ul><li>comma3 valutazione periodica e finale accertano la capacità di utilizzare competenze e saperi anche in contesti applicativi; le commissioni d’esame possono avvalersi di esperti </li></ul><ul><li>comma4 diploma di PERITO indicante indirizzo seguito, competenze acquisite eventuali opzioni scelte, titolo necessario per l’università e IFS </li></ul>CL x IREP 09/10
  10. 10. Articolo 7 (monitoraggio) <ul><li>comma1 costante monitoraggio ai fini della innovazione permanente: comitato nazionale per istruzione tecnica </li></ul><ul><li>comma3 indirizzi e profili aggiornati periodicamente con decreto </li></ul><ul><li>comma4 risultati oggetto di valutazione periodica dell’INVALSI </li></ul><ul><li>comma5 ogni 3 anni un rapporto in Parlamento </li></ul>CL x IREP 09/10
  11. 11. Articolo 8 (passaggio) <ul><li>comma1 a partire dall’AS 2010/11 </li></ul><ul><li>comma2 con decreto non regolamentare sono definiti: </li></ul><ul><ul><li>A) indicazioni nazionali per competenze, abilità e conoscenze </li></ul></ul><ul><ul><li>B) ambiti criteri e modalità per ai: elenco nazionale </li></ul></ul><ul><ul><li>C) criteri per raccordare il passaggio e per accompagnare le seconde del 2010/11 </li></ul></ul><ul><ul><li>D) rideterminazione quadri orario comprensiva ITC per le terze e quarte con 32 ore </li></ul></ul>CL x IREP 09/10
  12. 12. Articolo 8 (passaggio) <ul><li>comma3 successivi decreti saranno definiti: </li></ul><ul><ul><li>A) classi di concorso </li></ul></ul><ul><ul><li>B) insegnamento lingua inglese e una disciplina in lingua in quinta </li></ul></ul><ul><ul><li>C) indicatori per valutazione e autovalutazione in riferimento al quadro europeo </li></ul></ul><ul><ul><li>D) misure nazionali per aggiornamento per DS, Docenti, ATA, Studenti, Famiglie </li></ul></ul>CL x IREP 09/10
  13. 13. ARTICOLO 9 (disposizioni finali) <ul><li>comma1 art 2 comma 2 DL.vo 165 del 30/3/01 non possono essere disapplicate o in deroga da norme contrattuali </li></ul><ul><li>comma2 attuazione del regolamento nei limiti delle risorse finanziarie previste e senza maggiori oneri </li></ul>CL x IREP 09/10
  14. 14. Articolo 10 (abrogazioni) <ul><li>Le disposizioni art. 191 commi 2 e 3 del 297/94 </li></ul>CL x IREP 09/10

×