Il convegno è aperto a enti gestori di aree pro-tette (direttori, funzionari, esperti naturalisti),            SEDE DEL CO...
Il WWF Italia, che segue la gestione di 114 Oasi naturali,                                              IL PROGRAMMAha pro...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Volantino convegno 14_dicembre_2012

229 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
229
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Volantino convegno 14_dicembre_2012

  1. 1. Il convegno è aperto a enti gestori di aree pro-tette (direttori, funzionari, esperti naturalisti), SEDE DEL CONVEGNOMinisteri e Regioni (funzionari degli uffici biodi-versità e aree protette delle regioni), istituti di ROMAricerca ed Università (ricercatori, esperti di con- Venerdi 14 Dicembre 2012servazione della natura), associazioni scientifi-che, associazioni di categoria (con particolare ore 9.00 - 18.00 Convegnoriferimento alle associazioni di agricoltori, im-prenditori turistici…). Teatro Centrale Carlsberg Via Celsa 6 IL MONITORAGGIOIn occasione del Convegno ai partecipanti sarà DELLA BIODIVERSITA’distribuito il dossier WWF coi risultati del mo- NELLA RETE NATURA 2000nitoraggio della biodiversità nelle Oasi WWF INFORMAZIONI LOGISTICHEItalia. La sede del workshop si raggiunge: • Metropolitana Linea B - Colosseo oppure Linea A - Piazza di Spagna o Barberini Con il Patrocinio di • Autobus tutte le linee per piazza Venezia • Autobus tutte le linee per Largo Argentina Venerdi 14 Dicembre 2012 Ore 9.00-18.00 E’ GRADITA LA CONFERMA A: conservazione@wwf.it E’ GRADITA LA CONFERMA A: ROMA conservazione@wwf.it Teatro Centrale Carlsberg Per ulteriori informazioni Via Celsa 6 In copertina: www.wwf.it Macaone - Archivio WWF/F.Cianchi
  2. 2. Il WWF Italia, che segue la gestione di 114 Oasi naturali, IL PROGRAMMAha promosso il Convegno “Il monitoraggio della biodiver- 9.00 Presentazione e salutisità nella Rete Natura 2000” per favorire un confronto • Corrado Clini - Ministro dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare (invitato)sulla conservazione nei Siti d’Importanza Comunitaria • Cesare Patrone - Capo del Corpo Forestale dello Stato(SIC).Il Convegno prende spunto dalla valutazione dello stato • Rappresentante della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonomedi conservazione di specie ed habitat prioritari nelle aree • Fulco Pratesi - Presidente Onorario WWF ItaliaSIC o ZPS (Zone di Protezione Speciale) gestite dal • Stefano Leoni - Presidente WWF ItaliaWWF (Oasi WWF Italia) che si intende presentare al • Vanessa Ranieri - Presidente WWF LazioConvegno stesso.La direttiva “Habitat” 92/43/CEE richiede obbligatoria- Modera Adriano Paolella Direttore Generale WWF Italiamente che gli Stati membri garantiscano la sorveglianza 10.30 Il monitoraggio nelle Oasi del WWF Italia Andrea Agapito Ludovici e Fabrizio Bulgarinidello stato di conservazione (art.11) e che ogni sei anni (WWF Italia)elaborino una relazione sullattuazione delle disposizioni 11.50 La rete BirdLife Claudio Celada (LIPU)adottate nellambito della direttiva “Habitat” (art.17). 11.20 Il monitoraggio nel modello inglese di RSPB (RSPB)L’attuale complessità del sistema Oasi, le difficoltà nelpredisporre i monitoraggi come previsto dalla direttiva 11.30 L’esperienza della rete Eurosite Clive Hurford (Countryside Council for Wales)Habitat, ha portato il WWF Italia ad avviare una valuta- 12.00 Le linee guida per il monitoraggio del Ministero dell’Ambiente Piero Genovesi, Stefaniazione aggiornata dello stato della conservazione nel- Ercole, Pierangela Angelini, Anna Alonzi (ISPRA)le “proprie aree” appartenenti a Rete Natura 2000 e clas- 12.30 Le Riserve gestite dal Corpo Forestale dello Stato Alessandro Bottacci (Corpo Forestalesificate come SIC o ZPS. dello Stato)Si tratta di un primo “monitoraggio” per la quale è statopredisposto un metodo di valutazione “speditivo” e basa- 13.00 La Rete Natura 2000 in Italia. Criticità e sviluppi Anna Giordano (WWF Italia)to sulla “conoscenza” diretta delle aree da parte dei ge-stori e degli esperti delle oasi (expert based). A questa PAUSA PRANZOiniziativa ha aderito anche il Corpo Forestale dello Statoche intende avviare la raccolta dati nelle aree SIC che 14.45 L’esperienza di monitoraggio della Regione Lombardia Antonio Tagliaferri (Regionegestisce direttamente. Delle 114 Oasi WWF, 74 sono Lombardia)anche SIC o ZPS, mentre il Corpo Forestale dello Stato 15.15 L’esperienza di monitoraggio della Regione Basilicata (Regione Basilicata)sovraintende a 130 Riserve naturali dello Stato di cui 110 15.45 Studi e monitoraggi nelle Oasi della LIPU Claudio Celada (LIPU)sono comprese nella Rete natura 2000.Nel Convegno verranno illustrati i risultati di questo primo PAUSA“monitoraggio” e soprattutto verranno evidenziate le criti-cità ed emergenze su cui concentrare l’attenzione di con- 16.30 Programma Clima - Osservatorio Oasi (Società WWF Oasi)servazione. 17.00 Dai chirotteri ai contaminanti negli uccelli: esempi di progetti di monitoraggio a reteInoltre, s’intende promuovere un confronto con le at-tuali linee guida preparate dal Ministero nelle oasi del WWF in Abruzzo Augusto De Sanctis (Istituto Abruzzese Aree Protette WWF)dell’Ambiente con il contributo di ISPRA, favorendo an- 17.30 Conclusioniche uno sguardo più ampio su esperienze di altri soggetti Eugenio Duprè - Ministero dell’Ambienteeuropei che seguono la gestione di reti di aree protette. Adriano Paolella - Direttore Generale WWF Italia

×