Il piave giugno 2012

2,471 views
2,394 views

Published on

La Casa del Pane (pag. 6)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,471
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il piave giugno 2012

  1. 1. ROVERBASSO via Roma, 211 INDUSTRIA BOTTI, TINI E BARILI (BARRIQUES) CIMETTA via XXX Ottobre, 58 Viale Italia, 200 - 31015 CONEGLIANO SACILE via M. Sfriso, 33 Tel. 0438 366411 - www.garbellotto.com ANNO XXXIX n.6 - Fondato nel 1974 dal Comm. Redo Cescon - Direttore ALESSANDRO BIZ Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB TV Giugno 2012 € 1,20 POLITICA ALLO SBANDO TERREMOTO ITALIANO O si cambia o crolla tutto, a Roma non capiscono piu nulla! La gente della di Alessandro Biz C ari lettori l’Italia è colpita da un terremoto mia Lega che la percorre in tutta lunghezza. In Emi- lia, In Veneto, ad Arezzo, al sud è un continuo movimento sismico. Ma c’è un altro terremoto che ci coinvolge. di Marco Vanzin* È quello politico, che rischia di far crollare i palazzi della dove siedono dei cialtroni che la gente comune non sopporta più. C ome molti altri leghisti come me sto viven- do con grande passione i fatti di via Bellerio a Milano. I sogni di una vita di battaglie sembra- Pochi giorni fa ho avuto l’occasione di cono- scere l’illustre collega giornalista Mario Gior- no infrangersi nel tradimento morale consumatoil tuo q uo tid ia no o n line dano, attuale direttore di Tgcom24, canale 51 da poche persone all’interno di un movimento che, all news di Mediaset. Il grillo parlante, così lo soprattutto nella nostra Marca, e in particolar modo chiamavano all’inizio della sua fortunata car- nella pedemontana trevigiana, vive tutt’ora un picco riera, era a Limena vicino Padova per presenta- di adesione che non si registra altrove. Mi sono deci- re il nuovo libro “Spudorati”, che parla indovi- so a scrivere questa lettera aperta perchè ho bisogno nate di chi? Beh, domanda troppo facile… Con di reagire a questa situazione assurda dove persone un titolo così non può che riferirsi a loro, quelli assolutamente per bene, dai saldi principi morali e della Casta. Serata interessante moderata dal che dedicano il loro tempo alla comunità, vengono bravissimo Gianluca Versace. Volete qualche quotidianamente lapidate da insulti ed irrisioni per- chè legate al movimento della Lega Nord. segue a pag. 3 a pag. 3 CORRI A LEGGERE VIAGGIO IN SICILIA SPECIALE LIFE Mille Miglia 2012 VENT’ANNI DOPO LE STRAGI Il coraggio di lottarewww.ilpiave.it di Valentina Calzavara pag. 2 A Rio il “Progetto Villaggio Treviso” di Gianluca Versace A Capaci ho capito: per salvare i nostri di Vesna Maria Brocca pag. 6 Enrico Bondi, tecnico... fallimentare la mafia perde imprenditori... C di Mauro Biolcati pag. 6 aro direttore e gentili lettori del “Piave”, la a pag. 10 Sicilia è cambiata. La Sicilia è vicina. Deve Come risparmiare in tempi di crisi esserlo. Ma, per comprenderlo appieno, mi oc- di Oreste Steccanella pag. 7 Politica. Ben vengano le primarie correva… il senso di una rivelazione. Ho avuto la fortuna, il privilegio e l’onore di C’è nuova vita con Easy. compiere una sorta di incredibile “pellegrinag- di Adriano Gionco pag. 8 gio laico, per la memoria e la legalità”, a distan- Intervista alla giovane scrittrice za di vent’anni dalla maledetta estate delle gran- di stragi di mafia (e di qualcos’Altro). 23 maggio Valentina Vainieri ‘92, Capaci: svincolo sulla Palermo Punta Raisi. di Alessandro Biz pag. 16 19 luglio ‘92, via D’Amelio. 57 giorni dopo San Benedetto Il lungo sonno degli intellettuali... Giovanni Falcone, toccò a Paolo Borsellino af- Easy: frontare il suo Golgota. Sempre assieme ai loro di Valentino Venturelli pag. 18 angeli custodi: i poliziotti delle scorte. dalla plastica che rinasce, Alessandro Del Piero.... a pag. 4 la bottiglia eco-compatibile. di Lodovico Pradella pag. 20 LA STATUA A DI MARIO DEL MONACO A TREVISO IL PIAVE MORMORA torniamo alla L’omaggio alla cultura e il sovranità monetaria Finalmente da più parti chiasso della non cultura si vuole spezzare le catene L o scorso 8 ottobre a Trevi- so in piazza Borsa è stata inaugurata la statua di Mario diversi giornali scrissero “È morto Otello”. Oggi, grazie al teatro che porta il suo nome e Del Monaco. Il grande tenore alla posa della statua, i giovani acclamato in tutto il mondo era trevigiani sanno chi è Mario rimasto per anni quasi dimenti- Del Monaco. Il monumento è cato. La maggior parte dei gio- stato finanziato dall’imprendi- vani e giovanissimi trevigiani tore Diotisalvi Perin, da sem- fino a poco più di un anno fa pre sensibile nel valorizzare dichiarava di non conoscere la storia e la cultura del nostro chi fosse Mario Del Monaco. territorio. Per la statua è stata Eppure è bastato rivedere le organizzata una commissione sue interpretazioni nei più im- la quale dopo aver pubbliciz- portanti palcoscenici del mon- zato un bando ha scelto, fra sei do, trasmesse il 27 aprile 2011 partecipanti, tutti scultori del durante la cerimonia di intito- territorio, il bozzetto della pro- lazione del teatro comunale dei fessoressa Elena Ortica. Fra Treviso, per rendersi conto di i membri della commissione come sia stato forse il più gran- c’erano Odino Marcon che si de tenore eroico e drammatico al mondo. Alla sua scomparsa a pag. 3
  2. 2. 2 eventi • giugno 2012 Mille Miglia 2012, tradizione e innovazione “Grande emozione per la Freccia Rossa che torna dopo vent’anni a riscoprire il Veneto, a Verona si aggiungono anche Padova e Vicenza”L uci di riflettori e polvere di sterrati. Odore di asfal-to e odore di motori. Riparte rapidamente curve e rettilinei, salite e discese, ghiaia e asfal- to, da Viterbo a Radicofani, daanche quest’anno la magica Siena a Firenze, spettacolareMille Miglia, come sempre come sempre, e poi su sui pas-sintesi perfetta ed equilibrata si della Futa e Raticosa dove cidi passato e futuro, di storia si gioca la gara accompagnatie avanguardia, di leggende da una pioggia scrosciante econsolidate e miti ancora da fastidiosa. Nessuno si ferma,scrivere. Era il 1927 quando nonostante i caschi appannati4 pionieri con il pallino dei e le giacche zuppe d’acqua simotori si riunirono a tavolino prosegue verso la patria deie diedero vita al sogno, nacque motori, l’Emilia Romagna.così in un giorno di dicembre Bologna, Reggio, Parma, Cre-la prima Freccia Rossa della ma.storia, 1650 chilometri a solca- Passione e tifo si fanno senti-re l’Italia all’insegna dell’av- re.ventura, tra grandi emozioni E poi su per il gran finale bre-“da traguardo” e drammatici sciano, la Leonessa attende im-incidenti, adrenalina e sangue paziente l’arrivo. Era nell’aria,freddo. Tanti i nomi illustri sul gradino più alto del podioche si mangiarono sulle quat- trionfa il duo argentino compo-tro ruote il percorso, da Tazio sto da Claudio Scalise e DanielNuvolari a Stirling Moss, il cui Claramunt a bordo di un’Alfarecord resta ad oggi imbattuto, Romeo del ‘33 col numero 68.era il 1955 quando la sua Mer- La coppa della vittoria volacedes 300 SLR col numero così dall’altra parte del pianeta.722 trionfò nella specialità con Meritato secondo posto ancheun tempo di 10 ore e 8 minuti, per l’equipaggio 61 capeggiatoun’impresa da 160 km orari di dalla coppia in gara e nella vitamedia. composta dall’imprenditoreCredetemi se vi dico che oggi Giulio Canè e signora. Il bron-come allora si respira ancora gli equipaggi. La sveglia suo- gli onori di casa Fiat, il primo E’ quasi mezzogiorno e il bel “Il gran finale: la Mille Miglia zo va infine a un’Aston Martinquel profumo straordinario di na presto, si riparte alla volta ministro olandese, ma la Mille tempo è con noi, può tirare punta verso la Leonessa” Le Mans del ‘33 guidata daadrenalina e velocità, di agoni- della capitale, Roma. A segui- Miglia nonostante i vips e le un sospiro di sollievo chi è a Suona prestissimo la sveglia il Moceri-Cavalieri.smo e divertimento tra vecchi re la gara in diretta ci sono le celebrities, non perde quella bordo di vetture spider, che per 19 maggio, si riparte alle 6 per La coppa portata al cielo, sor-caschi in pelle e foulard di seta troupes della Rai e di Mediaset patina così squisitamente lo- quest’anno sembra aver scam- scampare al traffico caotico risi, applausi e champagne, sa-colorata. ma c’è di fatto il mondo intero, cale in cui nei paesi ti passano pato la neve. Il tracciato punta della capitale. Roma è ormai lutiamo la Mille Miglia, comeè così che il 17 marzo 2012 i corrispondenti del New York al volo le bottiglie d’acqua, la quindi alla Toscana tra morbi- un ricordo a impegnare gli sempre straordinaria, con unle 382 auto in gara debuttano de colline e campi di grano. A equipaggi sono ora gli 800 chi- arrivederci al prossimo anno.in piazza della Loggia a Bre- dominare le prime prove è la lometri che li separano dal tra- Valentina Calzavarascia, livree lucide ma pronte a coppia Cané-Galliani a bordo guardo, Brescia. Si macinano Inviata Mille Miglia 2012inghiottire la polvere di questi di una BMW 328 Mille Mi-1600 chilometri che attraver- glia Roadster del ‘39 ma a darseranno 348 tra paesini e città loro filo da torcere è il teamtoccando alcuni tra gli scorci argentino Scalise-Claramunte i paesaggi più belli d’Italia. al comando di un’Alfa RomeoAlle 18.45 rombano finalmente 6C 1500 Gs. E’ già calato ili motori, si parte alla “scoper- buio quando le vetture in garata” del Veneto, l’edizione Mil- accarezzano Castel Sant’An-le Miglia 2012 riscopre infatti gelo, i primi ad arrivare sonoalcune tappe storiche. Dopo i cavallini rampanti del Ferrarivent’anni la Freccia Rossa tor- Tribute che omaggiano con lana a salutare Padova e Vicenza loro presenza le 382 signorepassando per i piccoli borghi Times, di Top Gear, di Reuters gente applaude esortando“a in gara. Scrosciano gli applau-di Montebello e Montecchio. e di Al Jazeera, segnale che i dare gas” e i bambini svento- si nella capitale dove la corsaLa notte veneta si popola di tempi cambiano e che la Mille lano bandierine rosse. Saliamo più bella del mondo assume iemozione. Dopo aver sfiorato Miglia vi si adegua diventando tra telecamere e flash la ripi- contorni fascinosi della Dol-l’Arena di Verona è quasi l’una evento internazionale a tutti gli da schiena del monte Titano ce Vita. La notte romana, si-di notte quando tocchiamo Fer- effetti. Partecipano quest’anno e giungiamo così alle porte di lenziosa e stellata cullerà perrara, città che veglierà per una anche lo sceicco del Quatar, San Marino, l’unico stato este- qualche ora il meritato riposomanciata d’ore sul sonno de- John Elkan e signora a fare ro toccato dalla Mille Miglia. della carovana. IL PIAVE offre la possibilità ai giovani che lo desiderano di poter intraprendere l’attività giornalistica, ed entrare nel mondo della comunicazione. Se sei interessato chiamaci in redazione al numero 0438 1791484 oppure 349 4081615 Direttore Direzione Redazione Editore Abbonanamenti Responsabile Via Monticano, 12/D Ass. Culturale Il Piave Italia € 12,00 - Europa € 45,00 Alessandro Biz Roberto Momo Alessandro Biz 31015 Conegliano / TV Mondo € 65,00 Fabio Celant Mattia Perencin Via Friuli 7 Fondato nel 1974 31020 San Vendemiano / TV IBAN: IT12 U089 0461 6300 1900 0003 895dal Comm. Redo Cescon (1929 - 2007) Giovanni Cescon Valentino Venturelli Recapiti BIC: ICRAITRRP40 (per bonifici esteri) Tel. 0438 1791484 - 349 4081615 Stampa I dati forniti dai sottoscrittori degli abbona- SupervisioneReg. Tribunale Treviso n.412 Alessio Conforti Fabiano Zucco Fax 0438 6945889 Centro Stampa Editoriale menti vengono utilizzati esclusivamente per giornalistica l’invio della pubblicazione e non vengonoIscritto all’USPI Gianluca Versace Giorgio Da Gai e-mail: redazione.ilpiave@libero.it Grisignano di Zocco / VI ceduti a terzi per alcun motivo.
  3. 3. giugno 2012 • primo piano 3 TERREMOTO ITALIANO Segue dalla prima parlava delle pensioni d’oro, come quella di Giuliano Amato, ca è allo sbando. Mentre la Lega è impegnata a cercare la strada dello Stato. La moneta dovreb- be essere emessa direttamente centro di malaffare, passerebbe in secondo piano e il Capo del- mocratico, in quanto principale forza del centro sinistra. Ma dato(...) numero? In Italia ci sono 31.000 euro al mese, lordi però! smarrita le uniche proposte sen- dallo Stato, ri- che i sondaggi 72.000 auto blu mentre Nel frattempo la disoccupazione sate vengono da Silvio Berlu- appropriandosi ad oggi dannoin tutta la Gran Bretagna sono giovanile ha sfondato il tetto del sconi il quale ha tirato fuori dal della sovranità la loro coali-195. Gli stipendi dei dipendenti 35% e sempre più imprenditori cilindro il presidenzialismo e la monetaria. Urge zione in testa,di Palazzo Chigi sono aumenta- si tolgono la vita. proposta di stampare moneta poi modificare si oppongonoti del 15,2% in un anno. Anche A questo punto ci chiediamo: (salvo poi liquidarla come bat- la costituzione a qualsiasi ri-gli enti locali sono capaci degli dove andremo a finire? La spe- tuta). in senso presi- forma incurantisprechi più assurdi. La provin- ranza che il governo Monti Se qualcuno per forza di cose denziale e dare di condannarecia di Palermo ha pagato 43 ore potesse combinare qualcosa di vuole additarci come berlusco- la possibilità a morte il Pa-di straordinari agli spalatori di buono è svanita nel nulla della niani, si sbaglia. Il nostro gior- al popolo di ese. Allora mineve a luglio! Se non fosse che sua azione di governo. Oltre a nale da tempo cerca di spiegare eleggere il capo sa proprio chesiamo al collasso economico ci mettere tasse su tasse ai cittadi- come sia necessario stampare dello Stato. È il Montecitoriosarebbe pure da ridere. Questo ni, da quella testa da professore moneta in questo periodo di man- momento giusto terremoto olibro segue il successo del pre- non è venuta fuori neanche mez- canza di soldi oltre che di avere perché la politica no rischierà dicedente, “Sanguisughe”, che za idea. Zero assoluto. La politi- un ordinamento presidenziale è bloccata e per- crollare. Chi ché fra un anno si oppone ad c’è la scadenza una richiesta diLA STATUA A DI MARIO DEL MONACO A TREVISO del mandato di cambiamento Napolitano. Se non si cambia lo Stato risponderebbe diretta- pacifico rende inevitabile una L’omaggio alla cultura e il ora non si cambia più. Con un mente agli elettori, così come rivoluzione violenta. Presidente eletto direttamente i sindaci. Ad essere favorevole dal popolo il ruolo dei partiti, dovrebbe essere il Partito De- Alessandro Biz chiasso della non cultura La gente della mia Lega Segue dalla prima Segue dalla prima è chiaro, lo pagheranno solo coloro che hanno aca-(...) è battuto per anni per dare tastato gli immobili, si pensi ora a dov’è più diffu- il giusto riconoscimento altenore, e Donella Del Monaco, so l’abusivismo edilizio... La questione evergreennipote del grande Mario. L’im- Mi sto riferendo a tutti quei semplici sostenitori dei 60.000 forestali al sud contro i 4.000 del nord...magine riprodotta dalla statua che armati di altrettanto semplici parole si sono in I costi della sanità: come mai al sud gli stessi ser-raffigura la fotografia scelta per questi anni esposti a diffondere il più possibile il vizi arrivano a costare fino a sette volte i medesimiil concorso, che noi riportiamo in sentimento della questione settentrionale. del nord? Gli asili infantili, provate ad informar-prima pagina del giornale. Oltre La storia dell’asino, l’ultimo degli animali per vi quanto si paga di retta dall’Abruzzo in giù... Ilalla commissione, l’opera è stata intelligenza, che va a scalciare il leone ferito si lavoro nero... Le mafie... La Lega ha sicuramenterealizzata in collaborazione con adatta perfettamen- sbandato, forse nonl’Amministrazione comunale di te all’abitudine tutta doveva stare al go-Treviso, in particolare con il sin- italiana di denigrare verno in cambio didaco Gobbo e l’allora assessore e sfottere chi vive travagliate briciolealla cultura Zanini. un momento di di federalismo spaz-Alla luce di una così importan- difficoltà solo per zate via dai referen-te iniziativa mi chiedo perchèripetutamente i quotidiani lo- assaporare un pro- dum, vedi la Devo-cali continuino a dare spazio a prio istante di gloria lution del 2006, o daigruppuscoli di contestatori che fittizzia. governi antagonisti,disprezzano il monumento, cri- Così, come l’asino come l’affossamen-ticano dove è stato posizionato, un privato imprenditore, possa ta l’Amministrazione comunale si avvicina al leone to del principio deisi lamentano perfino dei fiori che essere oggetto di tante sterili di- e che un certo modo di intendere per assestargli la sua costi standard perci sono su basamento. Chi sono scussioni? L’impressione è che il giornalismo, da parte di chi deprecabile ed infa- le regioni da partequeste persone? È possibile che certi gruppi di contestatori politi- pensa solo a vendere copie, si me pedata, l’opinio- del governo Monti.una iniziativa culturale, realiz- cizzati vogliano pontificare sulla presti a fare da megafono a chi ne di molti profitta- Forse qualcuno sizata nel rispetto della massima cultura come se fosse solo cosa apre bocca esclusivamente per tori si scaglia contro è troppo morbida-correttezza e senza spesa di soldi loro, disprezzando a priori qual- creare polemica. chi in buona fede si mente accomodatopubblici in quanto finanziata da siasi iniziativa che veda coinvol- Alessandro Biz è sempre prodigato per favorire il proprio territo- sulle poltrone romane. Forse bisogna rifondare la rio, il proprio popolo, la propria gente. dirigenza oppure, a seconda delle anime, va con- La Lega oggi è indiscutibilmente in difficoltà ma fermata allontanando, pecore nere, capre, caproni, l’aver imboccato una strada sbagliata non significa fantasmi e spiriti vari. Ognuno s’inventi pure la ri- non avere una meta. Le idee sono più forti degli cetta che preferisce, rimangano però fissi solo due uomini, lo testimonia la storia con le sue guerre ed semplici paletti: i suoi morti illustri ed ignoti tutti. 1. Gli elettori ed i sostenitori della Lega sono per- Oggi la spaccatura tra il nord ed il sud dell’Italia sone assolutamente per bene ed io li ringrazio per è più profonda e palpabile che mai e c’è bisogno quanto fino ad ora hanno fatto e per quanto faranno della Lega, quella vera, quella che si oppone al in futuro. sacco del nord. Questo non è fanatismo, basta fare 2. Della Lega c’è un grande bisogno perchè la que- qualche semplice esempio: si provi a sovrapporre stione settentrionale è ora più che mai un argomen- la cartina dell’Italia con le temperature medie in- to di assoluta attualità. vernali con quella della densità della popolazione: Marco Vanzin si ottiene la cartina di chi sta pagando da solo le *Segretario Lega Nord accise sui combustibili da riscaldamento... L’IMU, Valdobbiadene, Segusino e Vidor
  4. 4. 4 la pagina di versace • giugno 2012 VIAGGIO IN SICILIA VENT’ANNI DOPO LE STRAGI A Capaci ho capito: la mafia perdeSegue dalla prima dinario (e amico): il segretario generale del Coisp (Coordina-(...) Sentivo di doverlo fare, mento dei sindacati di polizia) di dover partire, di dover Franco Maccari.andare lì dove la nostra storia In aereo (compagnia low cost),nazionale e di popolo italiano è dal Catullo di Villafranca Vero-cambiata. Per sempre. nese, giù giù fino al “Falcone eEra un impulso, un richiamo Borsellino” di Punta Raisi, po-persino irrazionale, una pul- chi chilometri da Palermo.sione ed un conato, insomma Dal profondo Nordest al profon-era per chi scrive una esigenza dissimo Sud, perché ci si salvavitale che si originava nel pro- solo uniti.fondo della mia coscienza. Nel Cielo plumbeo, giornate uggio-luogo più riposto e inaccessibile se: incredibilmente, uno pensadell’anima. di andare in Sicilia e di essereQuesto mio voler e dover par- baciato da un raggiante sole pe-tire, pellegrino per giornalismo renne.ma soprattutto per dovere di Gabbiani reali sulla spiaggia ditestimonianza e volontà di espe- Isola delle Femmine, alle spallerienza diretta e non mediata “nel di Capaci, cavalloni impetuosi aluogo dove si fece la Storia”, schiaffeggiare la costa sabbio-principiava – io lo so – dall’inti- sa, nubi che premono come unama convinzione che la mia stes- quinta di teatro di un damascosa vita mutava, in un personale e troppo pesante, l’azzurrità si-radicale rivolgimento, proprio in cula come renitente difronte alquei lontani giorni insanguinati, ricordo dell’orrore. La pioggialividi, demoniaci, spietati. Gior- di gocce grosse che ci accoglie,ni cannibali, di uomini vampiri ci accompagna lungo le stazio-per gli altri uomini, di uomini ni di questo Calvario. E poi, alupi feroci per il loro sventura- lenire lo sgomento che è im-to prossimo. Giorni senza pietà, possibile non provare, andandosenza carità, senza perdono né “lì”, la speronella e la madrepo- tutto … - e che ho mandato in sto pietrificato dallo scoppio dei all’Albero Falcone in via Notar- sellino, ma anche dei tantissimiremissione dei peccati. Giorni ra arancione, i profumi di fiori onda su Canale Italia, mi hanno 500 chili di tritolo: 100.287, c’è bartolo, dallo svincolo di Capaci appartenenti alle Forze dell’Or-di morte, nemici della vita. Di e di piante selvagge, i sapori confermato in una verità: non ci scritto. (e dall’Albero della Memoria” dine che con il loro silenziosotenebra e di nero, ostili alla luce forti e veri di questa terra che ti servono né ci piacciono le sfilate Si avvicina un papà con il pro- nel giardino sotto l’autostrada), sacrificio, hanno scritto paginee ai colori. accarezza come un paradiso co- e le parate, non ci giova esporci prio bimbo in braccio: ecco la alle lapidi di Piazza della Vitto- importanti della storia della ri-Quindi, sì, “vai” mi ripeteva una stretto troppe volte ad arretrare, in bella vista per il gusto narci- “rivelazione” di cui avevo bi- ria alla caserma “Lungaro” sede nascita civile del nostro Paese.voce interiore. Devi andare, per sospinto via in malo modo da un sistico di poter dire “io c’ero” . sogno. del Reparto Scorte. Così il COI- A loro è dedicato il ‘Memoryvoltare pagina, per andare avanti inferno prepotente. Bisogna crederci. E avere tatto Poiché nella storia umana niente SP ha celebrato il ricordo dei Day’ e nel loro nome teniamoma non nell’oblio, nella dimen- Un minuto di silenzio, mentre e molto rispetto, avendo accesso è per sempre, tutto deve ancora Servitori (occhio, mai servi!) sempre acceso il sacro fuoco delticanza, nella smemorataggine rintoccano le ore 17,58. L’ora a quel mondo. Perché forse noi succedere. E quel bambino lo dello Stato caduti nell’adempi- Ricordo”.che ci ottundono, ci stordiscono fatale, quella della Strage di non potremo mai capire quelle farà accadere, perché suo padre mento del Dovere. Per sconfig- Ma sono io che debbo, infine,un po’ tutti oggidì. Siamo, lo so, Capaci. Lì e in quel momento gere la violenza mafiosa e difen-gli eterni contemporanei di noi si è concluso il lungo “Percor- dere fino all’estremo sacrificiostessi. Emiplegia della me- la Legalità, la Giustizia e lamoria equivale a anoressia Sicurezza dei cittadini.del futuro: provate a riflet- Maccari (e Fausto Fanelliterci. e tutti gli altri) ha ricorda-La provocazione di un tem- to il sacrificio di Giovannipo molto rischioso – questo Falcone, Paolo Borsellino,tempo – interroga dramma- Francesca Morvillo, degliticamente la nostra attitudi- Agenti della scorta Antonione spirituale ed umana. Se Montinaro, Rocco Di Cillo,rimaniamo incerti su quello Vito Schifani, Agostino Ca-che dobbiamo rimpiange- talano, Vincenzo Li Muli,re e su ciò che possiamo Walter Eddie Cosina e Clau-sperare, credo sia finita. dio Traina ed Emanuela Loi,Disse Caponnetto dopo via la prima donna a far parteD’Amelio “E’ finito tutto”. di una scorta ed a cadere inForse si sbagliava. servizio.La nostra memoria è fatta E poi il prefetto Carlo Alber-di cenere e di vento. Lungo la so della Memoria” organizzato to Dalla Chiesa, Ninni Cassarà,frana dei giorni e dei sentimenti, dal COISP, con un corteo che ha Boris Giuliano, Rocco Chinnici,accadono tante cose che atten- attraversato i luoghi di Palermo gli avrà raccontato la verità. E e ancora Calogero Zucchetto, ringraziare per aver fatto parte creature, ma solo rispettare: è ildono la nostra vigilanza e la bagnati dal sangue dei Servitori la verità rende liberi. E la veri- Roberto Antiochia, Mario Tra- di questa esperienza vissuta a mondo abitato dal dolore senzanostra attenzione. E l’attenzione dello Stato impegnati nella lotta tà sconfigge la schiavitù delle passo, Salvatore Bartolotta, Ste- Palermo. E che serberò sempre requie di chi “ha vissuto” in pri-è l’altra faccia dell’amore. Gli alla mafia. mafie. fano Li Sacchi. nel cuore gelosamente. ma persona quei giorni e quellaanniversari non possono restare Dicevo, i piovaschi “fuori sta- Dopotutto, gli uomini che cerca- Vite spezzate. Vite interrotte, Per me, come credo per tutti, violenza brutale. E ne porta isolo una convenzione o materia gione” non hanno fermato i no – se noi continuiamo a cerca- dal cui sangue versato è nato un è stata un’esperienza davvero segni, le stigmate. Mi viene inper ciniche “autorità istituziona- tantissimi poliziotti del COISP re quel che essi cercavano – non sentimento di ribellione civile profonda e toccante. mente Tina Montinaro.li” che se ne fregano delle vitti- giunti da tutta Italia, con i rap- muoiono mai. che ha cambiato non solo Paler- Ho compreso che per intrapren- Ricordo Luther King: “Non home. Le ricorrenze sono un’alge- presentanti della FERVICRE- Gianluca Versace mo, ma l’Italia intera. dere questo viaggio della me- paura dei violenti, ma del silen-bra in cui si racconta e si calcola DO (Mirko Schio in testa) e Giornalista televisivo Filo conduttore di queste in- moria (ponte verso il domani), zio degli onesti”.la vita di ciascuno. Anche di chi di tantissime Associazioni, ma e scrittore tensissime giornate, una frase: dentro di noi ci deve essere una Nell’atmosfera rarefatta delnon c’è più. Essendosi sacrifica- soprattutto moltissimi cittadini www.gianlucaversace.it “Muore solo chi dimentica. I convinzione di fondo. Questa: giardino di Capaci, mi avvicinoto per la nostra libertà. arrivati a Palermo da ogni parte loro ideali rivivono con noi ogni si tratta di farsi carico del no- con circospezione e stupefazio-Sono partito, allora, grazie del Paese. giorno”. stro comune dovere, singolare ne, infine, a quella mostruosaall’intuizione lungimirante e in- Mozzecane, in questo senso, ha Così, l’intero Memory Day si e corale, di protagonismo. Sì, ed inconcepibile “scultura deltelligente dell’amministrazione simbolicamente rappresentato è dipanato tra la deposizione di ho avuto molto chiaro che su dolore e dell’orrore” che è ciòdi Mozzecane, nel Veronese: il l’unione dell’intera Nazione ita- corone di fiori sulle lapidi ed un queste cose è vietato delegare: che resta della Croma blindatasindaco Thomas Piccinini, il liana. Che da Nord a Sud si tro- sentimento di emozione e com- e che, insomma, deve partire del “Quarto Savona 15” (la siglavicesindaco Mauro Martelli, va a essere unita nei valori della mozione pura, pulita, autentica, da “dentro di noi” il desiderio della scorta di Falcone).seguiti da numerosi concittadi- Legalità, della Giustizia, della che ha unito l’intero “Percorso di esserci. Attivamente. Senza E’ posta sotto una teca in cristal-ni (compresa la rappresentante Solidarietà, del senso del Do- del Ricordo”. Per, come ha sot- compromessi, né sconti a chic- lo. Luciano Tirindelli (che queldelle “Donne padane” veronese, vere, dello Spirito di Sacrificio, tolineato il presidente dell’asso- chessia. giorno doveva essere al postouna simpatica e agguerrita mes- dell’Amore per il proprio Paese ciazione FERVICREDO, Mirko I poliziotti che ho incontrato e di Montinaro, ma si cambiò disinese trapiantata in Veneto...). e nel rispetto del sacro valore Schio, “ricordare con orgoglio intervistato nello speciale che turno con l’amico fraterno) laSono andato, soprattutto perché della vita. il sacrificio di magistrati come ho girato - … da solo! Sapete, scopre dell’enorme tricolore.me l’ha chiesto un uomo straor- Siamo andati da via D’Amelio Giovanni Falcone e Paolo Bor- ora bisogna saper fare un po’ Leggo il contachilometri, rima-
  5. 5. giugno 2012 • cultura 5 Borgo Malanotte protagonista di importanti iniziative Presentato il libro “Dal vapore ai motori a scoppio”, sui A Villa Dirce le opere di Renzo Pasqualotti trattori protagonisti dello sviluppo della nostra agricoltura R enato Pasqualotti, pittore coneglianese, pro- D omenica 10 giugno in occasione della pone una serie di opere legate all’ambiente XXII edizione di “Cose dei tempi anti- presso Villa Dirce di Tezze di Piave dal 9 giugno al chi in Borgo Malanotte” è stato presentato un 10 settembre in occasione delle festività di Borgo libro-opuscolo realizzato da Diotisalvi Perin Malonotte. intitolato “Dal vapore ai motori a scoppio e L’autore intepreta il paesaggio sottolineando il mo- diesel”. Il libro presenta alcuni trattori d’epo- mento, l’impressione che può dare, ad un attento ca di Perin, esposti durante la manifestazio- spettatore un ciuffo di forsizia che deborda da un ne, perfettamente funzionanti e di cui è stato muro qualsiasi o un canneto lungo il fiume. possibile ascoltare il rombo dei motori, grazie Queste tecniche miste su cartone sottolineano un anche alla collaborazione dei fratelli Mez- percorso: dalle foglie dello yucca del Palazzo Da zalira, esperti nella manutenzione di queste Collo, sede del suo atelier, al gelsomino che fiori- verde. straordinarie macchine. Alla presentazione sce sul balcone di casa e lungo il fiume dove l’ama- La mostra presso Villa Dirce rimarrà aperta dal 9 era presente anche il vicesindaco e assessore all’agricoltura di Vazzola, dott. Giovanni Bo- to sharpei era protagonista di lunghe passeggiate. giugno al 10 settembre dal mercoledì alla dome- notto e il presidente del Gruppo Borgo Mala- Sono anch’esse “vedute”, quasi zoom di un am- nica dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 20, per info notte, Lucio Pizzinato. Perin, che è presidente biente veneto che continua a rasserenare l’animo 0438 488210, 339 42622838, 3470776699 a cura del Museo del Piave Vincenzo Colognese di dello spettatore con la sua luce e le tonalità del suo di Mara Campaner. Caorera di Vas (www.museodelpiave.it) è in- tenzionato a realizzare il Museo della Storia e della Cultura Veneta a Ponte della Priula. I trattori protagonisti sono un Fordson del perio- LA RUBRICA DELL’ARTE di Mara Campaner Urban allo spazio Z-Lab e do della Grande Guerra, tre Landini: modello Velite del 1943, un Bufalo del 1944 e un L55 del 1955. Inoltre il Fiat Borghetto cingolato del 1939, il cui motore è in grado di funziona- Le Maschere di Vittorio Veneto re con tutti i tipi di carburante. Fu progettato dall’ing. Fortunato Borghetto di Valdobbiade- ne, fondatore poi dell’Acme motori. Alessandro BizLA CORRISPONDENZA DEL DR. ROSPONI D al 30 giugno al 27 luglio lo studio d’artista z-lab e il locale le Maschere diventeranno i contenitori della mostra fotografica Urban, nella quale 10 artisti esporran- Emanuele, “l’argentino no i lavori con tematica principale la città. Oggi,la città, la modernità e la fotografia sono intima- mente legate. I partecipanti potranno presentare foto beluga&vino” di città occidentali o orientali, persone che vi abitano, monumenti famosi o poco conosciuti, sobborghi, in- dustrie….In questa esposizione l’artista documenterà fotograficamente, profondendo il massimo delle proprieS ono Emanuele, “l’argentino beluga&vino”, fratello diMarcellino “tutto sgnappa, tor- che ha intrappolato il suo gran capo! Ahimè,... col rovescio elettorale italiano non li rivedrò ed altre ‘’sporzelarie”) e si esi- bisce addirittura ad addentare il “toro allo spiedo”, tossico, per i capacità, l’esistenza di tutti i viventi, allo scopo di per- venire alla più autentica ed esauriente rappresentazione della specie umana che si possa assemblare in questochiato e vino” bovaro in Bosco mai più questi gaudenti profes- cattivi grassi colanti, sia al cuore modo. Le città sono testimonianze stratificate della sto-Cansiglio, e cugino di Sergino sori italiani in queste mie terre, che alle budella (potrebbe svi- ria, sono edificate sui resti di altri agglomerati urbani,“tutto cicche, panza e birra” sa- anche perché il loro popolo vor- luppare il cancro). Bel tomo, non incorporando i confini visibili di un’altra epoca. Sonolariato in quel di Carole in una rà giustizia. Tuttavia, “come se vi pare? Ma anche giù a Roma immagini delle nostre imprese consapevoli e della nostrafattoria di galline ovaiole. Io niente fudesse”, i politici della non v’è di meglio. C’è infatti il evoluzione culturale, ma ognuna racchiude in sé i segniebbi in confronto a loro la for- mia ex Patria (- io ho sposato capo del partito degli operai e dituna d’andare in Argentina e una bionda locale, ma d’origine altri sfìgati che per stare “’figo” della propria ineludibile scomparsa. La mostra urban ri-colà mi sono sistemato (bene), francese ed ho tre figli alti e belli! mangia solo al Pantheon (di marrà aperta dal lunedì al sabato dalle 16.30 alle 19.30cacciando migliaia di lepri e ed ho orgogliosamente solo pas- Roma centro) invece che in trat- chiuso il giovedì. Il locale le Maschere rimarrà apertoche poi mando in Italia già cotte saporto argentino!-) continuano toria fuori delle mura, lasciando tutti i giorni dalle 7.30 del mattino a notte fonda chiuso ilper la gioia dei cacciatori veneti cento € al colpo, e che sommati giovedi. Vernissage il 30 giugno alle 18.30sempre a carniere vuoto! ma che fanno duemila al mese e solo pertuttavia spacciano le mie lepri il 1/2 dì. Alla faccia dei “suoi”per loro abbondante frutto di pensionati che dovrebbe difen- L’ANGOLOcaccia!-sic!- Qui a “Mar del Pla- dere e degli operai che dovrebbeta”, allevo inoltre le viti prosecco tutelare! Nello stesso “ristoro” DELLA POESIA(e che mai e poi mai mi sognerei del nostro “maiale” ipocrita ci Il cataclisma L’ombra e la musica La farfalla del sognodi chiamarle bestialmente “gle- va inoltre un ladrone ancorara” come vorrebbe invece un “in carica”, ma candidato allaboss italiano) e ne esporto poi il “galera”, che ineffabile ordinavino in centinaia di cartoni nella “spaghettini con caviale BelugaFrancia socialista. Il “Prosecco” del Caspio”, al modico costo È un colore che insiste Melodie risvegliano Nel buio della mia notteè infatti più proletario dell’elita- di centottanta € a portata e per E abbatte la sua forza prigionieri ricordi. buio nel cielorio “Champagne”, oggi bandito giunta anche scarsa! O Italiani, Sulla durezza dell’ombra: Passato, viso e i suoni si mischiano; buio nel cuoreufficialmente dalle tavole dei ecco perché la gran parte di voi è carta, paglia, rami la vita una piccola luce.politici d’Europa per paura del- oggi alla fame vera! In Argentina gridano per la ferita all’aria, inizia nel tempo… Si accende la speranzala rivoluzione contro di loro e ci fate pena ma è da voi, e solo per la pietà più rapida che mai non muore.le loro banche. Qui, a “Mar del da voi, che deve schizzare “lo del cataclisma Fragranze e colori, E verso quella lucePlata”, i miei giorni sarebbero scatto di reni”, ma che sia -mi o il peso incerto s’affacciano strani e confusi; al centro del mio cuorepiù sereni se da tre anni a que- raccomando!-solo in nome della della nostra debolezza, l’incanto del momento tu voli festosasta parte non venissi “tontonato” giustizia e mai della vendetta! E rovina inestinguibile del vento(=disturbato) e sempre nel mese ad ingozzarsi come l’oche desti- non condannate poi sommaria- si ferma… mia piccola Holli, che anticipa la morte farfalla del sognodi marzo, da una “squola” d’Ita- nate poi al macello. Ad esempio, mente quei paesani che per unlia che pretende d’insegnarmi il “boss” che ci spedisce (come piatto di porchetta e 1/2 litro di in una corsa avversa. Le note riprendono; che vieni dai fioriquanto zucchero è necessario già sappiamo “a gratis”) i pro- birra hanno riconfermato la sin- tutto sembra così reale. del mio paradiso.per raddoppiare il vino in canti- fessori suoi leccaceli, non pago dachessa uscente, pur senza ma- Nell’esilio, la bufera Ad occhi socchiusi Tu sei la mia farfalla del sogno;na! Ma è un loro puro pretesto, di 5 auto blu di scorta, si ciba, rito e figli a carico. Essa non sa È sempre presente e viva. il ricordo di vecchie sensazioni… vivi con me,dacché quella “squola” scende avendo tutti gli esami del san- nulla della vita, eppure pontifica Licio Gelli con me palpiti.in Argentina per farsi una va- gue sballati!, in prevalenza se sulla famiglia (che non ha mai Sfiorando il viso, A me offri spiegatecanza “a sbafo” e a spese di mio non esclusivamente d’un “ven- fatto) e sui figli che non ha mai lentamente ella svanisce; le tue ali colorate.fratello e mio cugino che le tasse taglio di verdurine gratinato su avuto, neanche da un militare di Il profumo… meno intenso Nei colori e nei disegniancora le pagano! Insomma arri- specchio di crema d’ortiche” (€ passaggio! (infatti non è bella, resta nell’aria fosca. so leggere la nostra vitavano da me,- l’italiano riuscito-, 50 a singola porzioncina!, e ne ed è anche grossa di fianchi e di da eterni innamorati.soprattutto dei professori (ma consuma almeno 4-5 a pasto af- culo!) Questa è l’Italia che non Il cuore, Tu batti le ali,hanno davvero fatto poi l’uni- finchè la pancia sua non bronto- invidio davvero!versità buona e giusta?) “in gita li!). Ma poi per raccogliere i voti Da Emanuele l’”argentino sfregiato nel profondo, Holli mia,premio” perché solerti galoppini dei più ‘’coglioni’”- scusate la Beluga&vino”, adombra l’emozione sul ritmo del battitod’un boss, ma ora punito “a mor- licenza, ma ci vuole!- indìce il “ raccolse per Voi. ma solo per sopportare, del mio cuore innamorato,te” dall’urna di maggio per via gran festival del salame” (carne per Voi, il vostro sperare… e non morire! tuo in eterno.dell’ “affaire diamanti e affini” zeppa di sospette “afla-tossine” dr. felix F. Rosponi Aldo Santucci Gianni Cescon

×